Università degli studi di Roma LA SAPIENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli studi di Roma LA SAPIENZA"

Transcript

1 Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Corso di ingegneria informatica e automatica Automazione I Realizzazione di una macchinina in grado di evitare le collisioni Di Alessandro Giuseppi All attenzione del Docente: Dr.Vincenzo Suraci

2 Sommario Obiettivo... 3 Descrizione... 3 Unità di elaborazione: Arduino... 4 Motori e parte meccanica... 4 Driver motori... 5 Sensore di prossimità... 5 Alimentazione... 6 Schema elettrico... 7 Due soluzioni... 8 Progettazione schema di controllo Arduino... 9 Codice Arduino Foto e video del funzionamento Soluzione a più sensori Conclusioni Software utilizzato Autore

3 Obiettivo Il progetto coprirà tutte le fasi relative alla realizzazione e programmazione di una macchinina basata su Arduino in grado di evitare gli ostacoli grazie ad un sensore di prossimità. Durante l analisi saranno valutate alcune delle possibili soluzioni implementative illustrandone vantaggi e svantaggi. Nella prima parte sarà trattato l aspetto hardware, per poi spostare l attenzione sull aspetto software nella seconda parte. Descrizione Consideriamo la seguente schematizzazione del progetto: Arduino Sensore di prossimità Driver Motori motori Analizzeremo ora nel dettaglio i singoli blocchi, per poi analizzare la loro interconnessione. 3

4 Unità di elaborazione: Arduino Vista la grande diffusione e la natura open source del progetto, si è deciso di utilizzare per il controllo del dispositivo una scheda Arduino. In particolare, siccome le dimensioni non sono un problema rilevante si è deciso di optare per un Arduino UNO. Il codice proposto, una volta ricompilato è totalmente compatibile con le altre schede Arduino. Motori e parte meccanica La macchinina si muoverà come un cingolato per evitare l impiego di un motore addizionale o di un sistema di ingranaggi dedicato. Si è scelto di impiegare 4 motori DC, ciascuno relativo ad una ruota, e a due a due in parallelo. Come scheletro di supporto si è deciso di acquistare un semplice kit di montaggio per modellini. Composto da due armature in plastica trasparente e quattro ruote. 4

5 Driver motori Si è optato per l impiego di un driver per rendere più snello e leggibile il codice per l Arduino. Il driver scelto è il Keyes L298,basato sul chip l298n. Sensore di prossimità Per rilevare la presenza di un ostacolo è necessario impiegare un sensore di prossimità. Ne esistono di varie tipologie, tuttavia per il fattore costo, nonché per il più che adeguato grado di affidabilità e precisione si è deciso di utilizzare un sensore basato sugli infrasuoni. Il modello scelto è l HC-SR04 5

6 La seguente figura ne riassume il funzionamento: Inviando un impulso di durata 10μs sul canale TRIG il sensore ci restituisce sul pin ECHO un impulso avente come durata il tempo di volo totale dell onda ultrasonica. Alimentazione Per alimentare Arduino e sensore sarà impiegata una batteria da 9V, mentre per i motori e relativo driver si utilizzeranno sei pile da 1,5V in serie ed una batteria da 9v in parallelo. 6

7 Schema elettrico Alleghiamo di seguito lo schema dei collegamenti elettrici HC-SR04 Il driver L298 permette di controllare i quattro motori tramite le sole 4 porte di input nella figura. Le porte 1 e 2 controllano il polo negativo e il polo positivo dei motori del gruppo A. Parallelamente le porte 3 e 4 controllano i poli negativo e positivo del gruppo motori B. Il sensore è stato connesso ai pin 06 e 07 e la batteria dei motori, grazie all apposito pin, è stata collegata al driver. 7

8 Due soluzioni Analizzeremo due casi: un modello dotato solo di un sensore di prossimità ed un modello che ne monta tre. Nel caso di un solo sensore di prossimità, come finora trattato, lo si pone sulla parte anteriore della macchinina. Quando un ostacolo viene rilevato (ovvero, quando la distanza dall ostacolo è inferiore ai 20cm) la macchinina girerà a sinistra finché non troverà la strada nuovamente libera per poi riprendere ad andare avanti. Questa soluzione permette alla nostra macchinina di trovare l uscita in qualsiasi labirinto semplicemente connesso, ovvero i cui muri sono tutti collegati, poiché si basa sull algoritmo della mano sinistra. Questa soluzione sarà anche implementata sul nostro modello e sarà allegato un video a prova del funzionamento. Per completezza progetteremo anche il diagramma degli stati SFC del caso in cui la macchinina abbia tre sensori di prossimità, posti sulla parte anteriore e ai suoi lati. Trovando un ostacolo sul suo percorso la macchinina controllerà se la strada alla sua destra è libera, in caso positivo si comporta come nel caso precedente, mentre nel caso negativo passerebbe al controllo della strada a sinistra. Nel caso in cui la macchinina si trovi in un vicolo cieco ferma i motori e accende un led per segnalare la fine della corsa. 8

9 Progettazione schema di controllo Arduino Alleghiamo il diagramma SFC relativo alla prima soluzione. 9

10 Codice Arduino Il diagramma precedente può essere tradotto nel seguente codice, sviluppato in Arduino IDE int r_motor_n = 2; //PWM control Right Motor - int r_motor_p = 3; //PWM control Right Motor + int l_motor_p = 4; //PWM control Left Motor + int l_motor_n = 5; //PWM control Left Motor - int trig=6; int echo=7; int duration=0; int distance=0; void setup() { pinmode(r_motor_n, OUTPUT); //Initializing pins pinmode(r_motor_p, OUTPUT); pinmode(l_motor_p, OUTPUT); pinmode(l_motor_n, OUTPUT); pinmode(trig,output); pinmode(echo,input); //startup digitalwrite(r_motor_n, LOW); digitalwrite(r_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_n, LOW); Serial.begin(9600); Serial.println("Welcome,our car is working!"); void loop() { if (Freepath()){Serial.println("all clear"); Foward(); else Turn(); static boolean Freepath(){ digitalwrite(trig, HIGH); delaymicroseconds(1000); digitalwrite(trig, LOW); duration = pulsein(echo, HIGH); distance = (duration/2) / 29.1; if (distance<=20) return false; return true; 10

11 static void Stop(){ digitalwrite(r_motor_n, LOW); digitalwrite(r_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_n, LOW); static void Left(){ digitalwrite(r_motor_n, HIGH); digitalwrite(r_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_n, LOW); static void Right(){ digitalwrite(r_motor_n, LOW); digitalwrite(r_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_n, HIGH); static void Foward(){ digitalwrite(r_motor_n, HIGH); digitalwrite(r_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_p, LOW); digitalwrite(l_motor_n, HIGH); static void Back(){ digitalwrite(r_motor_n, LOW); digitalwrite(r_motor_p, HIGH); digitalwrite(l_motor_p, HIGH); digitalwrite(l_motor_n, LOW); static void Turn(){ Left(); Serial.println("turning left"); delay(500); 11

12 Video del funzionamento (Video disponibile anche a: ) 12

13 Soluzione a più sensori Di seguito il diagramma SFC della soluzione precedentemente descritta. 13

14 Conclusioni Il progetto ha coperto tutte le fasi della progettazione di una macchinina in grado di poter evitare gli ostacoli incontrati sul suo percorso, analizzando ove possibile diverse soluzioni ai problemi incontrati valutandone i pro e i contro. Lo studio dell obstacle avoidance ha ricadute pratiche in numerosissimi campi, dalla guida automatizzata alla sicurezza in impianti di costruzione. Negli ultimi anni sono stati fatti grandi passi avanti nel settore, utilizzando soluzioni anche molto diverse dalla proposta, tuttavia l approccio utilizzato è in linea di massima valido per la risoluzione di una buona parte dei problemi più comuni, e con l aggiunta di sensori supplementari, quali ad esempio telecamere e tachimetri si può ottenere un comportamento soddisfacente anche in problemi di scala maggiore, come ad esempio la gestione automatizzata di un magazzino come realizzato dalla KIVA Systems. Software utilizzato Microsoft Office Open office Draw Arduino Ide Autore Alessandro Giuseppi Università degli studi di Roma La Sapienza 3 anno Ingegneria Informatica ed Automatica, indirizzo Automatica 14

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Corso di ingegneria informatica e automatica Percorso di eccellenza Realizzazione e controllo di una macchina Bluetooth tramite Arduino e Android Di Alessandro

Dettagli

Automobile Bluetooth

Automobile Bluetooth Automobile Bluetooth Ivancich Stefano 17 Maggio 2015 SOMMARIO Di seguito s illustra un progetto di un automobile comandata da uno smartphone tramite la connessione Bluetooth. E stata presa una automobilina

Dettagli

ITC FOSSATI- DA PASSANO. Progetto sonar. A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo

ITC FOSSATI- DA PASSANO. Progetto sonar. A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo Progetto sonar A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo A.S. 2013/2014 Classe 4 Q Pag. 1 Relazione Componenti hardware : Arduino1, basetta

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Relazione Release Alpha 2.0

Relazione Release Alpha 2.0 I.I.S. A. Badoni Relazione Release Alpha 2.0 I.I.S. S. Ten. Vasc. A. Badoni sede di via Rivolta, 10 23900 Lecco LC Italia T: 0341 365369 Mail: lcis00900x@istruzione.it Web: www.isbadoni.it Relazione Introduzione

Dettagli

CORSO ARDUINO. Giulio Fieramosca Stefano Panichi. Corsi GOLEM 2014

CORSO ARDUINO. Giulio Fieramosca Stefano Panichi. Corsi GOLEM 2014 CORSO ARDUINO Giulio Fieramosca Stefano Panichi Corsi GOLEM 2014 Cosa c'è dietro Arduino? Pensiamo sia essenziale giocare con la tecnologia, esplorando le diverse possibilità di hardware e software spesso

Dettagli

Relazione auto a trazione elettrica comandata con ARDUINO

Relazione auto a trazione elettrica comandata con ARDUINO Relazione auto a trazione elettrica comandata con ARDUINO Powered by: Ventrella Niccolò Sciaruto Mattia Giannarelli Nicola Valenti Giorgia Loiacono Lucadomenico 1 INDICE Introduzione..3 Materiale utilizzato.4/5

Dettagli

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Percorsi Abilitanti Speciali A.A. 2013/2014 classe abilitazione C320 LABORATORIO MECCANICO TECNOLOGICO Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Pag. 2 SOMMARIO Presentazione delle caratteristiche

Dettagli

Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 3^ parte Com è fatto Arduino Programmazione da USB Nota: Firmware: Insieme

Dettagli

6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Esperienzan 5 Lo scopo è quello di far accendere due LED in base ad una soglia di temperatura

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 2 e 4 pag vuota Finalità-Obiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni pag. 7 Schema elettrico pag. 9 Circuito stampato pag 10 Elenco componenti

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. IOT Robots. S. Golovchenko (UNIBO) INGEGNERIA DEI SISTEMI SOFTWARE 2013 1 / 24

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. IOT Robots. S. Golovchenko (UNIBO) INGEGNERIA DEI SISTEMI SOFTWARE 2013 1 / 24 Alma Mater Studiorum Università di Bologna IOT Robots 2013 S. Golovchenko (UNIBO) INGEGNERIA DEI SISTEMI SOFTWARE 2013 1 / 24 ISS Robots Controllori, Attuatori, Sensori MICROCOMPUTER Raspberry Pi MICROCONTROLLER

Dettagli

9^ parte : Come pilotare motori dc utilizzando il motor shield. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

9^ parte : Come pilotare motori dc utilizzando il motor shield. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 9^ parte : Come pilotare motori dc utilizzando il motor shield Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) I motorini dc sono molto comuni nei vecchi giocatoli, possiamo recuperarli per

Dettagli

8^ parte : Motor shield FE e motore passo-passo bipolare. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

8^ parte : Motor shield FE e motore passo-passo bipolare. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 8^ parte : Motor shield FE e motore passo-passo bipolare Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 1 modo di gestione di un motore passo-passo bipolare // set pin numbers: const int a1

Dettagli

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Candidato: Ardilio Angelica Classe: 5 B - I.T.I.S. Elettronica ed Elettrotecnica. T.P.S.E.E. Tecnologia & Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici ARDUINO.

Dettagli

8^ parte : Pilotare Motori passo-passo bipolari usando l integrato L298N. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.

8^ parte : Pilotare Motori passo-passo bipolari usando l integrato L298N. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M. 8^ parte : Pilotare Motori passo-passo bipolari usando l integrato L298N Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Come pilotare un motore passo passo usando l integrato L298N Nelle nostre

Dettagli

Introduzione a Arduino

Introduzione a Arduino Introduzione a Arduino Gianpaolo Gonnelli gianpaolo.gonnelli@gmail.com Arduino 1 Contenu7 l Cosa è? l Da cosa è composto? l Alcuni componen7 u7li l Programmare Arduino l Esperimen7 l Comunicare col PC

Dettagli

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014 Tonco Daniel Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni 1 2 Indice: Obiettivo Premessa Prime operazioni (foto allegate) Spiegazione montaggio

Dettagli

8^ parte : Pilotare Motori passo-passo bipolari usando l integrato L298N. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.

8^ parte : Pilotare Motori passo-passo bipolari usando l integrato L298N. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M. 8^ parte : Pilotare Motori passo-passo bipolari usando l integrato L298N Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Come pilotare un motore passo passo usando l integrato L298N Nelle nostre

Dettagli

Per scrivere una procedura che non deve restituire nessun valore e deve solo contenere le informazioni per le modalità delle porte e controlli

Per scrivere una procedura che non deve restituire nessun valore e deve solo contenere le informazioni per le modalità delle porte e controlli CODICE Le fonti in cui si possono trovare tutorial o esempi di progetti utilizzati con Arduino si trovano nel sito ufficiale di Arduino, oppure nei forum di domotica e robotica. Il codice utilizzato per

Dettagli

Studio dello standard 802.11 mediante il simulatore di reti ns-3

Studio dello standard 802.11 mediante il simulatore di reti ns-3 Studio dello standard 802.11 mediante il simulatore di reti ns-3 Camilla Nichetti Università degli studi di Trieste Relatore: Prof. Babich Fulvio Correlatore: Prof. Comisso Massimiliano 17 Marzo 2014 Sommario

Dettagli

Corso di Robotica Autonoma Esperienza 1

Corso di Robotica Autonoma Esperienza 1 Università degli studi di Padova Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Robotica Autonoma Esperienza 1 Nicola Chessa 1014413 Nicola Dalla Benetta 1020097 Davide Zanin 1035601 A.A.

Dettagli

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni. Laboratorio Base HackLab Terni Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.org Cos'è? è una piattaforma di prototipazione elettronica open-source basata su microcontrollore

Dettagli

CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE

CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE SCHEDA DI LABORATORIO N 3 CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE Si vuole realizzare un contasecondi con display a 7 segmenti utilizzando la scheda Arduino. Materiale occorrente: N 1 Bread

Dettagli

Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino

Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino Elenco materiale: - Arduino Uno R3 - LEGO Technic set 42006-3 Motori M di Lego (9V) - 2 integrati L293NE (ponte H) - 1838T (ricevitore infrarossi) - THDZ

Dettagli

ARDUINO. Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it

ARDUINO. Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it ARDUINO Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it Cos'è ARDUINO? Il progetto nasce ad Ivrea, nel 2005. Obiettivo: realizzare un sistema di prototipizzazione economico. Al Maggio del 2011

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI Alberto ZANONI Centro Vito Volterra Università Tor Vergata Via Columbia 2, 00133 Roma, Italy zanoni@volterra.uniroma2.it Rudimenti di programmazione Programming

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso?

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? IZ1MHN e IW1ALX Agenda Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? 1 Introduzione ad Arduino Cos è Arduino Un po di storia

Dettagli

TERMOMETRO LCD BASATO SUL TRASDUTTORE DI TEMPERATURA ANALOGICO LM 35

TERMOMETRO LCD BASATO SUL TRASDUTTORE DI TEMPERATURA ANALOGICO LM 35 ESERCITAZIONE CON ARDUINO N 5 TERMOMETRO LCD BASATO SUL TRASDUTTORE DI TEMPERATURA ANALOGICO LM 35 Con il presente circuito, si vuole realizzare un termostato ambientale per un caseificio, che utilizza

Dettagli

12 - timer da cucina display a 4 cifre

12 - timer da cucina display a 4 cifre 12 - timer da cucina display a 4 cifre Il display led da 4 cifre utilizzato in questo esercizio e il modello HS410561K-32. Questo modello, e caratterizzato da 4 anodi (uno per ogni cifra) e dai 8 catodi,

Dettagli

void setup() // funzione di configurazione dei Input/Output { pinmode(pin, OUTPUT); // setta il 'pin' come uscita (output) } 1

void setup() // funzione di configurazione dei Input/Output { pinmode(pin, OUTPUT); // setta il 'pin' come uscita (output) } 1 Primi passi con la programmazione in linguaggio C con la scheda Arduino Traduzione del libro: Arduino programming notebook di Brian W. Evans con modifiche e aggiunte di G. Carpignano e C. Busso Prefazione

Dettagli

ARDUINO. Misurare e controllare. Riccardo Barberi. Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy

ARDUINO. Misurare e controllare. Riccardo Barberi. Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy ARDUINO Misurare e controllare Riccardo Barberi Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy Misurare In ambito scientifico le misure di grandezze fisiche permettono di studiare i fenomeni, verificare

Dettagli

Classe 5I2 AS. 2013/14 Niccolò Bulla Giorgia Novelli

Classe 5I2 AS. 2013/14 Niccolò Bulla Giorgia Novelli Obiettivo: Implementare un sistema che consenta la trasmissione, puramente ottica, di un messaggio in codice Morse tramite una stazione di trasmissione (sorgente) e una di ricezione. Lo scopo finale è

Dettagli

PROGETTO ROBOT BIPEDE

PROGETTO ROBOT BIPEDE Esame di stato 2012/2013 PROGETTO ROBOT BIPEDE Dalla Pellegrina Ivan Indice Introduzione Progetto Ricerca I vantaggi della costruzione di un Robot Lista materiali (breve descrizione componenti) Principio

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Ma andiamo un pò più in profondità... ci sono altre opzioni che forniscono più flessibilità :)

Ma andiamo un pò più in profondità... ci sono altre opzioni che forniscono più flessibilità :) PWM ed oltre ovvero prendiamo confidenza con il PWM di Arduino Duemilanove La modulazione di larghezza di impulso (Pulse Width Modulation ) può essere usata da Arduino in diversi modi. In questo tutorial

Dettagli

D sistema d allarme con sensori magnetici

D sistema d allarme con sensori magnetici D sistema d allarme con sensori magnetici Il sistema di allarme proposto in questa nota prevede l utilizzo di sensori reed per rilevare l apertura di porte e/o finestre. Il programma prevede due sensori,

Dettagli

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 6 Corso di Tecniche di programmazione Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Piattaforma Arduino/microcontrollori Atmel. Ing. Cozzolino Francesco. www.ingegnercozzolino.altervista.org

Piattaforma Arduino/microcontrollori Atmel. Ing. Cozzolino Francesco. www.ingegnercozzolino.altervista.org Ing. Cozzolino Francesco www.ingegnercozzolino.altervista.org 1 Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma elettronica di piccole dimensioni con un microcontrollore ATMEL montato sopra e una circuiteria

Dettagli

STUDIO PER UN SIMULATORE DI CONTROLLORE PER MOTORI

STUDIO PER UN SIMULATORE DI CONTROLLORE PER MOTORI STUDIO PER UN SIMULATORE DI CONTROLLORE PER MOTORI La presente nota descrive un progetto di studio sviluppato per fissare alcune idee in merito alle funzionalità richieste ed alla loro realizzazione. Il

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate valide

Dettagli

Esercitazione Monitoraggio temperatura via WEB mediante Arduino YUN

Esercitazione Monitoraggio temperatura via WEB mediante Arduino YUN Percorsi Abilitanti Speciali A.A. 2013/2014 classe abilitazione C320 LABORATORIO MECCANICO TECNOLOGICO Esercitazione Monitoraggio temperatura via WEB mediante Arduino YUN Pag. 2 SOMMARIO Presentazione

Dettagli

Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua

Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua ARSLAB - Autonomous and Robotic Systems Laboratory Dipartimento di Matematica e Informatica - Università di Catania, Italy santoro@dmi.unict.it Programmazione

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

La piattaforma hardware e software Arduino: parte I. Corso di autoapprendimento

La piattaforma hardware e software Arduino: parte I. Corso di autoapprendimento La piattaforma hardware e software Arduino: parte I (tempo di apprendimento previsto circa 2-3 ore) Introduzione Corso di autoapprendimento Prof. Angelo Monfroglio Questa è la prima parte di un corso di

Dettagli

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino)

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Un microcontrollore normalmente esegue le istruzioni nella sequenza definita in fase di programmazione (fig. 1). Comunque, il

Dettagli

Arduino: manuale di programmazione wiring

Arduino: manuale di programmazione wiring Arduino: manuale di programmazione wiring Introduzione Che cosa e, come si progetta e come si scrive un programma Struttura di un programma Ortografia, grammatica e sintassi Le parole chiave Le istruzioni

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 5ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Servomotori

Dettagli

Self-Balancing of a two-wheeled robot

Self-Balancing of a two-wheeled robot SISTEMI DI CONTROLLO MULTIVARIABILE Self-Balancing of a two-wheeled robot Ch.mo Prof. Francesco Amato Mario Boccaccino (M58/8) Antonio Russo (M58/2) Fabrizio Schiano (M58/5) INDICE 1 1. Introduzione...

Dettagli

11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Un servomotore è un dispositivo capace di eseguire dei movimenti meccanici in funzione del

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 5ª) gennaio 05 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.istitutoprimolevi.gov.it Servomotori

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

LABORATORI PER STUDENTI

LABORATORI PER STUDENTI LABORATORI PER STUDENTI SCUOLE PRIMARIE Classi Titolo e descrizione a cura di 1ª e 2ª Un ape robotica per scoprire il mondo I bambini incontrano BeeBot, l'ape robotica, che li accompagna nel mondo delle

Dettagli

Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved

Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved Indice: Schema generale Input/output Installazione 1 Collegamento delle linee led 2 Collegamento delle

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 1 ª) gennaio 2015 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.istitutoprimolevi.gov.it

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Manuale istruzioni elettroniche CNC

Manuale istruzioni elettroniche CNC Manuale istruzioni elettroniche CNC Scheda 3 assi GP010-3 A Scheda 4 assi GP010-4 A Interfaccia parallela GPIP-4X Kit 3 assi GP10 3 AM-18 Kit 4 assi GP10 4 AM-18 Kit 3 assi GP10 3 AM-31 Kit 4 assi GP10

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni La volta scorsa Abbiamo avuto un primo assaggio! Abbiamo visto come usare l editor per scrivere un programma Java. Abbiamo analizzato riga per

Dettagli

MST_K12_INV. Regolatore di velocita per motori in CC con comando esterno della inversione della rotazione. Manuale d uso e d installazione

MST_K12_INV. Regolatore di velocita per motori in CC con comando esterno della inversione della rotazione. Manuale d uso e d installazione MST_K12_INV Regolatore di velocita per motori in CC con comando esterno della inversione della rotazione Manuale d uso e d installazione INTRODUZIONE Il circuito MST_K12_INV e un semplice regolatore di

Dettagli

sulla PROGRAMMAZIONE del MICROCONTROLLORE

sulla PROGRAMMAZIONE del MICROCONTROLLORE Appunti sulla PROGRAMMAZIONE del MICROCONTROLLORE ARDUINO Testi di riferimento Massimo Banzi, Getting starter width Arduino Brian W. Evans, Arduino Programming Notebook, 1 Indice Struttura del programma

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore "A. Cuomo - G. Milone" Nocera Inferiore (Sa) Via degli Olivetani, 14-80014 - Nocera Inferiore (Sa) Tel 0815174019 Fax

Istituto Istruzione Superiore A. Cuomo - G. Milone Nocera Inferiore (Sa) Via degli Olivetani, 14-80014 - Nocera Inferiore (Sa) Tel 0815174019 Fax Istituto Istruzione Superiore "A. Cuomo - G. Milone" Nocera Inferiore (Sa) Via degli Olivetani, 14-80014 - Nocera Inferiore (Sa) Tel 0815174019 Fax 0815176106 Mail sais06800t@istruzione.it P.E.C. sais06800t@pec.istruzione.it

Dettagli

Avviso per il prodotto

Avviso per il prodotto Inizia qui Copyright 2013 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows è un marchio registrato negli Stati Uniti di Microsoft Corporation. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

// Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro.

// Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro. // Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro. // Librerie necessarie per il progetto #include #include

Dettagli

Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE)

Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE) NOTE GENERALI: Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE) 1. Ogni progetto deve essere PERSONALE,

Dettagli

La Domotica Alunno: Fumasoni Luca Istituto tecnico industriale E.Mattei Indirizzo informatica ABACUS Anno: 2010-2011

La Domotica Alunno: Fumasoni Luca Istituto tecnico industriale E.Mattei Indirizzo informatica ABACUS Anno: 2010-2011 La Domotica Alunno: Fumasoni Luca Istituto tecnico industriale E.Mattei Indirizzo informatica ABACUS Anno: 2010-2011 Questo progetto si propone di mostrare la gestione di una casa attraverso una domotica

Dettagli

SCHEDA DRIVER 4 ASSI MICROSTEP 3 A (cod. 4ASSITB6560)

SCHEDA DRIVER 4 ASSI MICROSTEP 3 A (cod. 4ASSITB6560) MANUALE UTENTE 4ASSITB6560 SCHEDA DRIVER 4 ASSI MICROSTEP 3 A (cod. 4ASSITB6560) 1 4ASSITB6560 MANUALE UTENTE 1. Descrizione Scheda basata sul chip TB6560AHQ della Toshiba, in grado di gestire fino a 4

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il primo

Dettagli

Corso Base Arduino ed Elettronica

Corso Base Arduino ed Elettronica Corso Base Arduino ed Elettronica Secondo incontro Saldatura e Relatore: Roberto Beligni rbeligni@altratecnoloiga.com L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo di Arduino (Chiamato IDE) facilita la

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Installazione e configurazione dell'ide. IZ1MHN e IW1ALX. L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie

Installazione e configurazione dell'ide. IZ1MHN e IW1ALX. L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie IZ1MHN e IW1ALX Installazione e configurazione dell'ide L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie Occhio: purtroppo questa lezione ha un po di teoria! 1 L IDE o ADE Cos è un IDE Installazione

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CORSO DI ROBOTICA MOBILE Guida introduttiva all utilizzo del simulatore Simbad Studente:

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "Ciao"; protected int n; public General() { n = 1; public

Dettagli

User s manual. User s manual. Manuale Utente

User s manual. User s manual. Manuale Utente User s manual User s manual Manuale Utente Connessione ed accensione. Fatta eccezione per il cavo di alimentazione il MyDac non è fornito di nessun cavo di interconnessione. Per ottenere il meglio dalla

Dettagli

A.S. 2010-2011. 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS.

A.S. 2010-2011. 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS. I.T.I.S. M.BARTOLO - PACHINO Progetto Introduzione alla robotica A.S. 2010-2011 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS. 2. Conoscenza dell unità programmabile - programmazione dei vari elementi

Dettagli

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18.

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18 Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. COSA CI SERVE?... 3 3. UN PO DI TEORIA... 4 4. DALLA TEORIA ALLA PRATICA... 5 5. IMPLEMENTAZIONE...

Dettagli

IZ1MHN e IW1ALX. Prima di iniziare. Domande sulla lezione scorsa? Come è andato il compito a casa?

IZ1MHN e IW1ALX. Prima di iniziare. Domande sulla lezione scorsa? Come è andato il compito a casa? IZ1MHN e IW1ALX Prima di iniziare Domande sulla lezione scorsa? Come è andato il compito a casa? 1 Semplici input Pulsanti Debounce Keypad Leggere un valore analogico Leggere più di 6 valori Leggere più

Dettagli

Controllo remoto di SPEEDY

Controllo remoto di SPEEDY UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Controllo

Dettagli

SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car)

SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car) Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Corso: Elettronica e Telecomunicazioni ANNO SCOLASTICO 2010 2011 SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car) Galli Andrea Indice

Dettagli

ACCESSORI Generatore d Impulsi V3.2 Smart PG Bollettino Tecnico

ACCESSORI Generatore d Impulsi V3.2 Smart PG Bollettino Tecnico 03.16 Caratteristiche: 200 impulsi per rotazione del tamburo di misura Per uso con misuratori di gas modello TG05 a TG50, BG4 a BG100 Uni-direzionale Non utilizzabile in aeree ex-proof Applicazione: Componenti:

Dettagli

L architettura di sviluppo per PLC presente in Laboratorio

L architettura di sviluppo per PLC presente in Laboratorio L architettura di sviluppo per PLC presente in Laboratorio Introduzione Le postazioni presenti in laboratorio sono configurate per consentire lo sviluppo e la validazione di software per PLC. Ogni postazione

Dettagli

QUADRO DI CONTROLLO AMBIENTALE

QUADRO DI CONTROLLO AMBIENTALE MAKER FAIRE ROME - OTTOBRE 2014 QUADRO DI CONTROLLO AMBIENTALE Realizzato dagli studenti dell I.T.I. - L.S. "Francesco Giordani" di Caserta Classe 2 a Q Trasporti e Logistica Costruzione del mezzo: aereo,

Dettagli

SOMMARIO. 1. Corso Base - USO E PROGRAMMAZIONE C5G - Primo giorno...1.1

SOMMARIO. 1. Corso Base - USO E PROGRAMMAZIONE C5G - Primo giorno...1.1 SOMMARIO 1. Corso Base - USO E PROGRAMMAZIONE C5G - Primo giorno...............1.1 Presentazione dell Unità di Controllo............................................. 1.2 Prescrizioni di sicurezza per l

Dettagli

LED DISPLAY TUTORIAL

LED DISPLAY TUTORIAL 1 di 12 14/05/2015 09:26 home area personale schemi tutorial robotica pic micro recensioni forum chat irc faq contatti store miciotta62 - ultimo accesso il 05/05/2015, 09:26 non hai nuovi messaggi cerca

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria Tesina di Metodi formali nell ingegneria del software Autori: Piacentini Vanda - Rocco Germano Anno accademico 2006/2007 MODELLAZIONE DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Yamaha Steinberg USB Driver Guida all'installazione

Yamaha Steinberg USB Driver Guida all'installazione Yamaha Steinberg USB Driver Guida all'installazione Sommario Supplementari... 1 Cos'è Yamaha Steinberg USB Driver?... 1 Installazione di Yamaha Steinberg USB Driver... 2 Pannello di controllo del driver...

Dettagli

Fisiologia del nostro robot

Fisiologia del nostro robot arduino e robotica in laboratorio hands on: Fisiologia del nostro robot Daniele Grosso (1) 1. Dipartimento di Fisica (Università di Genova) Scuola Estiva Genova AIF-DIFI Piano Lauree Scientifiche, modulo

Dettagli

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Gli elaboratori utilizzano memoria per Dati da elaborare Istruzioni eseguite dall elaboratore software differenti risoluzione problemi differenti Algoritmo

Dettagli

Avvertenza prima dell installazione

Avvertenza prima dell installazione Avvertenza prima dell installazione Spegnere immediatamente la videocamera di rete se questa presenta fumo o un odore insolito. Non collocare la telecamera di rete vicino a sorgenti di calore come televisori

Dettagli

Progetto di Domotica

Progetto di Domotica Progetto di Domotica Titolo dell esercitazione: Progetto di Domotica Descrizione sommaria dell esperienza: Realizzazione di un circuito che permette il controllo di vari sensori all interno di un edificio.

Dettagli

Arduino: domotica open source

Arduino: domotica open source Arduino: domotica open source Emanuele Palazzetti Feedback: http://tinyurl.com/arduinold2011 1 Physical Computing Costruire dei sistemi fisici interattivi tramite l'uso di software e di hardware in grado

Dettagli