PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale"

Transcript

1 PROVINCIA DI PRATO Atti della Giunta Provinciale DELIBERAZIONE N. 225 DEL OGGETTO: AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ambiente - Approvazione schema di protocollo per la riduzione della produzione dei rifiuti. L'anno Duemilanove (2009) e questo giorno diciasette (17) del mese di novembre alle ore 16,35 nella sede della Provincia di Prato, convocata dal Presidente, si è riunita la seduta della GIUNTA PROVINCIALE nelle persone dei Signori: Componenti Carica Presenti Assenti GESTRI Lamberto Nazzareno Presidente X GIORGI Ambra Vice Presidente ARRIGHINI Stefano Assessore X BELTRAME Alessio Assessore X FERRARA Loredana Assessore X MELIGHETTI Gabriella Assessore X MENCHETTI Ivano Assessore X NAPOLITA Antonio Assessore X NE Edoardo Assessore X X ASSTE il Segretario Generale della Provincia di Prato Dott.ssa CANESSA Rosella. PREEDE la seduta di Giunta la Vice Presidente Dott.ssa GIORGI Ambra. LA VICE PREDENTE CONSTATATO il numero legale degli intervenuti, dichiara aperta la seduta invitando la Giunta a trattare l'allegata proposta di deliberazione di seguito riportata e relativa all'oggetto di cui sopra.

2 DELIBERAZIONE N. 225 DEL OGGETTO: Approvazione schema di protocollo per la riduzione della produzione dei rifiuti LA GIUNTA UDITA la relazione dell Assessore Stefano Arrighini; VISTA e valutata l allegata proposta trasmessa dal Direttore dell Area Pianificazione e Gestione del Territorio ed avente ad oggetto: Approvazione schema di protocollo per la riduzione della produzione dei rifiuti; VISTO il parere favorevole espresso su di essa, ai sensi dell art.49 del D.Lgs. n.267/2000 dal Direttore dell Area proponente in ordine alla regolarità tecnica; ACCERTATA la propria competenza ai sensi dell art.48 del D.Lgs.n. 267/2000 ( T.U.degli enti locali ); DATO ATTO che il presente provvedimento non è soggetto per sua natura, al parere di regolarità contabile; RITENUTO di dover provvedere in merito a quanto proposto; A voti UNANIMI e palesi ; DELIBERA 1) di approvare lo schema di protocollo denominato Protocollo di intesa per la promozione della riduzione dei rifiuti nel settore del commercio alimentare all interno del progetto ecoacquisti, allegato al presente atto e di cui costituisce parte integrante e sostanziale; 2) di individuare, ai sensi dell'art. 5 della legge n 241/1990, il responsabile del procedimento nella persona del Responsabile del Servizio Ambiente e Tutela del Territorio, Dott. Nicola Stramandinoli; 3) di trasmettere copia della presente deliberazione, per i provvedimenti connessi e conseguenti, alle sotto indicate Aree: Area Servizi Istituzionali; Area Pianificazione e Gestione del Territorio; 4) di precisare che avverso il presente provvedimento può essere presentato alternativamente ricorso al TAR o al Presidente della Repubblica rispettivamente entro 60 o 120 giorni dalla data di scadenza del termine di pubblicazione; 5 di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell art.134, comma 4 del D. Lgs. n.267/2000, a seguito di separata e palese votazione UNANIME.

3 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL Oggetto: Approvazione schema di protocollo per la riduzione della produzione dei rifiuti. IL DIRETTORE A ciò autorizzato dall'art. 107 del D.Lgs. n. 267/2000, dall'art.7 del vigente Regolamento provinciale sull'ordinamento degli uffici e dei servizi e dal Decreto Presidenziale n del 30/09/2004 con il quale gli è stato conferito l'incarico di Direttore dell'area Pianificazione e Gestione del Territorio; vista la relazione previsionale e programmatica, allegata al bilancio di previsione 2009, approvato con deliberazione C.P. n. 16 dell e in particolare il progetto n. 1 Tutela de Suolo il quale contiene i seguenti indirizzi: In materia di gestione dei rifiuti, anche nel 2009, l obiettivo prioritario sarà il miglioramento dell eco-efficienza attraverso azioni con le quali realizzare concretamente politiche virtuose per la diminuzione della produzione di rifiuti. L azione provinciale si svilupperà su due segmenti: la raccolta differenziata e la riduzione della produzione dei rifiuti. Tali azioni saranno sostenute da finanziamenti regionali e da risorse provinciali. Nel 2009 troveranno conclusione tutti gli investimenti, le cui azioni sono state avviate nel corso del 2008, finalizzati nel loro insieme ad incrementare la percentuale di raccolta differenziata e la riduzione di produzione di rifiuti; considerato che l art. 180 del D.Lgs. n 152/2006 Norme in materia ambientale, in tema di riduzione dei rifiuti, prevede e promuove azioni di informazione e di sensibilizzazione dei consumatori, l'uso di sistemi di qualità, nonché la sottoscrizione di accordi e contratti di programma o protocolli d'intesa, anche sperimentali finalizzati alla prevenzione ed alla riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti; considerato che il vigente Piano Provinciale per la gestione dei rifiuti urbani, approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 90 del , pone tra gli obiettivi primari la riduzione alla fonte della produzione dei rifiuti, prevedendo una serie di interventi e misure idonee a limitare e contenere i tassi fisiologici della crescita dei rifiuti; tenuto conto che la Provincia di Prato, in collaborazione con A.S.M. S.p.A., per il raggiungimento degli obiettivi prima descritti, ha elaborato uno schema di protocollo denominato Protocollo di intesa per la promozione della riduzione dei rifiuti nel settore del commercio alimentare al interno del progetto eco acquisti, allegato alla presente proposta e di cui fa parte integrante e sostanziale; dato atto che i contenuti del protocollo sono stati condivisi con i Comuni della Provincia di Prato e con i rappresentanti della Grande distribuzione commerciale nel corso di apposite riunioni cui hanno anche partecipato i consulenti di ASM S.p.A. e lo stesso Assessorato alla Tutela Ambientale della Provincia di Prato; considerato che gli obiettivi del predetto protocollo si possono così sintetizzare: creare condizioni e comportamenti diffusi che permettano di limitare, fin dalla fase del conferimento, la quantità di rifiuti da avviare al ciclo di smaltimento; incentivare e promuovere la prevenzione alla fonte della quantità e della pericolosità nella fabbricazione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio; creare opportunità di mercato per incoraggiare l'utilizzazione dei materiali ottenuti dagli imballaggi riciclati e recuperati, nonché ridurre il flusso dei rifiuti di imballaggio destinati allo smaltimento finale; adottare una serie di azioni atte a ridurre la quantità di rifiuti prodotti, nell ambito dell attività commerciale delle Aziende; sensibilizzare la cittadinanza e gli Enti Locali in relazione ai temi legati alla riduzione della produzione dei rifiuti;

4 dato atto che i contenuti e le finalità del Protocollo di cui trattasi sono conformi agli indirizzi programmatici contenuti nella relazione previsionale prima richiamata; PROPONE 1 di approvare lo schema di protocollo denominato Protocollo di intesa per la promozione della riduzione dei rifiuti nel settore del commercio alimentare all interno del progetto ecoacquisti, allegato alla presente proposta e di cui costituisce parte integrante e sostanziale; 2 di individuare, ai sensi dell'art. 5 della legge n 241/1990, il responsabile del procedimento nella persona del Responsabile del Servizio Ambiente e Tutela del Territorio, Dott. Nicola Stramandinoli Stante l urgenza del provvedimento, PROPONE altresì Che la presente proposta di deliberazione sia dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. 267/2000. Sulla presente proposta, il sottoscritto Direttore, visto l art.49, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000, esprime PARERE FAVOREVOLE In ordine alla regolarità tecnica Il Direttore dell'area Pianificazione e Gestione del Territorio Ing. Aldo Ianniello

5 Allegato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO ALIMENTARE ALL INTER DEL PROGETTO ECOACQUISTI Tra La Provincia di Prato, con sede in Via Ricasoli, Prato, rappresentata da e - Il comune di Prato - Il comune di Cantagallo - Il comune di Carmignano - Il comune di Montemurlo - Il comune di Poggio a Caiano - Il comune di Vaiano - Il comune di Vernio - L azienda ASM SpA - Aziende della distribuzione alimentare al dettaglio Premesse Il Piano Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile del 1993 in attuazione dell Agenda 21 Locale, elaborato dal C.I.P.E. (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), si pone come obiettivo quello di determinare condizioni e comportamenti che permettano di limitare fin dalla fase del conferimento la quantità di rifiuti da avviare al ciclo di smaltimento. La Provincia di Prato nel vigente Piano Provinciale per la gestione dei rifiuti urbani si pone tra gli obietti primari la riduzione alla fonte della produzione dei rifiuti, prevedendo una serie di interventi e misure idonee a limitare e contenere i tassi fisiologici della crescita dei rifiuti; L art. 180 Parte IV-Capo 1 del D.Lvo n 152 del 03/04/2006 Norme in materie ambientali - Prevenzione della produzione dei rifiuti prevede: la promozione di strumenti economici, ecobilanci, sistemi di certificazione ambientale, analisi del ciclo di vita dei prodotti, azioni di informazione e di sensibilizzazione dei consumatori, l'uso di sistemi di qualità, nonché lo sviluppo del sistema di marchio ecologico ai fini della corretta valutazione dell'impatto di uno specifico prodotto sull'ambiente durante l'intero ciclo di vita del prodotto medesimo, la

6 previsione di clausole di gare d'appalto che valorizzino le capacità e le competenze tecniche in materia di prevenzione della produzione di rifiuti, la promozione di accordi e contratti di programma o protocolli d'intesa anche sperimentali finalizzati, con effetti migliorativi, alla prevenzione ed alla riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti, l'attuazione del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, e degli altri decreti di recepimento della direttiva 96/61/CE in materia di prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento. L art. 219 del medesimo D.Lgs. 152/2006 detta i criteri informatori dell attività di gestione dei rifiuti di imballaggio: incentivazione e promozione della prevenzione alla fonte della quantità e della pericolosità nella fabbricazione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio, soprattutto attraverso iniziative, anche di natura economica in conformità ai principi del diritto comunitario, volte a promuovere lo sviluppo di tecnologie pulite ed a ridurre a monte la produzione e l'utilizzazione degli imballaggi, nonché a favorire la produzione di imballaggi riutilizzabili ed il loro concreto riutilizzo, incentivazione del riciclaggio e del recupero di materia prima, sviluppo della raccolta differenziata di rifiuti di imballaggio e promozione di opportunità di mercato per incoraggiare l'utilizzazione dei materiali ottenuti da imballaggi riciclati e recuperati, riduzione del flusso dei rifiuti di imballaggio destinati allo smaltimento finale attraverso le altre forme di recupero, applicazione di misure di prevenzione consistenti in programmi nazionali o azioni analoghe da adottarsi previa consultazione degli operatori economici interessati. Al fine di assicurare la responsabilizzazione degli operatori economici conformemente al principio chi inquina paga nonché la cooperazione degli stessi secondo i principi della responsabilità condivisa, l'attività di gestione dei rifiuti di imballaggio si ispira, inoltre, ai seguenti principi: individuazione degli obblighi di ciascun operatore economico, garantendo che il costo della raccolta differenziata, della valorizzazione e dell'eliminazione dei rifiuti di imballaggio sia sostenuto dai produttori e dagli utilizzatori in proporzione alle quantità di imballaggi immessi sul mercato nazionale e che la pubblica amministrazione organizzi la raccolta differenziata, promozione di forme di cooperazione tra i soggetti pubblici e privati, informazione agli utenti degli imballaggi ed in particolare ai consumatori secondo le disposizioni del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 195, di attuazione della direttiva 2003/4/CE sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale, incentivazione della restituzione degli imballaggi usati e del conferimento dei rifiuti di imballaggio in raccolta differenziata da parte del consumatore. Le informazioni di cui alla lettera c) del comma 2 dello stesso art. 219 riguardano in particolare: a) i sistemi di restituzione, di raccolta e di recupero disponibili; b) il ruolo degli utenti di imballaggi e dei consumatori nel processo di riutilizzazione, di recupero e di riciclaggio degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio; c) il significato dei marchi apposti sugli imballaggi quali si presentano sul mercato; d) gli elementi significativi dei programmi di gestione per gli imballaggi ed i rifiuti di imballaggio, di cui all'articolo 225, comma 1, e gli elementi significativi delle specifiche previsioni contenute nei piani regionali ai sensi dell'articolo 225, comma 6. [ ] Il predetto decreto dovrà altresì prescrivere l'obbligo di indicare, ai fini della identificazione e classificazione dell'imballaggio da parte dell'industria interessata, la natura dei materiali di imballaggio utilizzati, sulla base della decisione 97/129/CE della Commissione.

7 Definizioni Al fine del presente protocollo d intesa, si specifica che: Per parti si intendono la Provincia di Prato, i Comuni di Prato, Montemurlo, Carmignano, Vaiano, Poggio a Caiano, Vernio, Cantagallo, la Società ASM e le Aziende della distribuzione alimentare al dettaglio aderenti alla campagna Ecoacquisti Per campagna Ecoacquisti s intende il progetto di studio ed adozione di una serie di azioni atte a ridurre la quantità di rifiuti prodotti, nell ambito dell attività commerciale delle Aziende e la sensibilizzazione della cittadinanza e degli enti locali in relazione a questi temi. Per protocollo d intesa s intende lo strumento che consente di addivenire ad un accordo tra almeno un Ente pubblico ed almeno un soggetto economico per il raggiungimento di obiettivi delle politiche pubbliche legati al miglioramento della protezione dell ambiente. Per marchio ambientale s intende un marchio di riconoscimento con cui si dichiarano specifiche caratteristiche ambientali ed ecologiche delle parti coinvolte. Tutto ciò premesso, si conviene quanto segue Articolo 1 (Obiettivi del protocollo d intesa) Il presente protocollo d intesa si pone l obiettivo di promuovere la riduzione dei rifiuti nel commercio del settore alimentare. A tal fine, le parti ritengono opportuno sostenere tutte le azioni necessarie per adottare gli accorgimenti che permettano ai consumatori di fare una spesa attenta, evitando imballaggi o acquisti superflui ed agli operatori commerciali, che maggiormente si impegnano su tale ambito, ottenere vantaggi d immagine: - promuovendo la consapevolezza ecologica dei consumatori nella scelta dei prodotti; - diffondendo la sensibilità per l ambiente nel commercio e incoraggiando i commercianti ad intraprendere iniziative al riguardo; - potenziando l offerta di prodotti ecologici nel commercio; - incentivando i produttori a prendere in considerazione i criteri ecologici nell offerta dei prodotti, anticipando eventuali tendenze di mercato. Articolo 2 (Impegni delle Parti) La Provincia di Prato: - studierà e metterà a disposizione degli esercizi commerciali che aderiranno all iniziativa, un marchio ambientale per tutti i punti vendita che rispondano a precisi requisiti ambientali ed ecologici, di cui all allegato A al presente

8 Protocollo (MODALITA DI ADEONE AL PROTOCOLLO D INTESA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO ALIMENTARE ALL INTER DEL PROGETTO ECOACQUISTI) nella gestione delle merci e nell offerta di articoli a bassa produzione di rifiuti che permetta alle aziende aderenti di distinguersi per l impegno verso l ambiente; - organizzerà una serie di eventi per promuovere l iniziativa; - avvierà un serie di campagne informative rivolte ai cittadini per promuovere la Campagna Ecoacquisti ed il relativo marchio ambientale. I Comuni e ASM SpA si impegnano a promuovere sul proprio territorio azioni volte alla incentivazione della riduzione dei rifiuti (es. ecoscambi, punteggi premianti nel conferimento differenziato); La Provincia si impegna a promuovere e a diffondere azioni volte alla riduzione dei rifiuti presso tutti i comuni della Provincia di Prato (es. ecoscambi, punteggi premianti nel conferimento differenziato); I punti vendita aderenti nell ambito del proprio campo di attività e della propria natura commerciale si impegnano ad aderire ad una serie di azioni, di cui all allegato A, che ha come obiettivi: - sensibilizzare i fornitori affinché riducano quantità e volume di imballaggi e utilizzino imballaggi secondari riutilizzabili; - diffondere materiale informativo, volto alla sensibilizzazione della Campagna Ecoacquisti ; - incentivare sistemi di riutilizzo di imballaggi all interno del proprio sistema aziendale attraverso l individuazione di iniziative volte a contenere gli imballi delle merci direttamente disponibili al consumatore; - attivare raccolte differenziate capillari presso i propri punti vendita in accordo con i gestori della raccolta; - incentivare l introduzione di sistemi alternativi di confezionamento e/o distribuzione delle merci Articolo 3 (Soggetti responsabili) Ciascuna delle Parti nomina un responsabile per valutare l attuazione del presente protocollo d intesa ed i risultati delle azioni attivate tramite l istituzione di una commissione provinciale per la Campagna Ecoacquisti, da costituire nel seguente modo: - per la Provincia di Prato: - per il Comune di Prato - per il Comune di Montemurlo - per il Comune di Carmignano - per il Comune di Vaiano - per il Comune di Poggio a Caiano. - per il comune di Vernio - per il comune di Cantagallo.. - per la società ASM SpA

9 - per le Aziende della distribuzione alimentare al dettaglio: delegato di volta in volta designato Il funzionamento di detta Commissione con comporta oneri per nessuna delle Parti. Articolo 4 (Semplificazione relativa alla gestione degli imballaggi e al recupero dei rifiuti di imballaggio) La Provincia si impegna a promuovere gli intenti del presente protocollo e diffondere le informazioni connesse alle associazioni di categoria anche al fine di coinvolgere i produttori locali. Il suddetto protocollo d intesa potrà eventualmente concretizzarsi mediante un accordo di programma in ottemperanza a quanto previsto dagli art. 179 e 180 Parte IV- Capo 1 del D.Lvo n 152 del 03/04/2006 norme in materie ambientali. Articolo 5 (Pubblicità del protocollo d intesa) I firmatari s impegnano a favorire tutte le azioni utili ad assicurare la diffusione delle informazioni sull iniziativa assunta. Le Parti s impegnano a diffondere i risultati, anche parziali, attraverso i propri siti internet, bollettini ed altri canali informativi. Articolo 6 (Adesione di ulteriori soggetti) Al presente protocollo d intesa possono aderire altri soggetti pubblici e privati interessati e disponibili a sottoscrivere gli impegni previsti, come da modello di adesione ( allegato b). Il testo dell accordo ed ogni altro documento relativo alla sua gestione sono accessibili a chiunque ne faccia richiesta. Articolo 7 (Verifica dell attività svolta e degli obiettivi conseguiti) Le Parti s impegnano a verificare congiuntamente l attività svolta e gli obiettivi conseguiti, per la prima volta entro un anno dalla stipula e successivamente con cadenza annuale, salvo concordare una diversa cadenza in funzione dello sviluppo dell attività. A seguito di tali verifiche, l obiettivo finale e le azioni da intraprendere, ed eventuali variazioni della lista delle azioni di cui all allegato A, potranno essere riviste. Ogni verifica sarà oggetto di relazione sottoscritta dalle Parti.

10 Articolo 8 (Durata del Protocollo d intesa) Il presente protocollo d intesa è valido per 24 mesi dalla stipula. Entro tale data le Parti potranno proporre modifiche consensuali all accordo, in particolare se ciò risulta opportuno per meglio conseguire gli obiettivi dello stesso. Alla scadenza potrà essere rinnovato per espressa volontà delle Parti Prato, Provincia di Prato Comune di Prato Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Carmignano Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Vaiano Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Montemurlo Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Poggio a Caiano Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Cantagallo Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Vernio Il Funzionario delegato o Assessore ASM S.p.A. Il Presidente ME AZIENDA. Il Funzionario delegato. ME AZIENDA. Il Funzionario delegato. ME AZIENDA. Il Funzionario delegato.

11 Allegato A) MODALITA DI ADEONE AL PROTOCOLLO D INTESA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO ALIMENTARE ALL INTER DEL PROGETTO ECOACQUISTI 1. MARCHIO AMBIENTALE Per ricevere il marchio ambientale I punti vendita, che vogliono aderire alla campagna e ricevere il marchio ambientale, saranno tenuti ad attuare tutte le azioni obbligatorie e almeno 8 fra le altre azioni facoltative sotto riportate. 2. AZIONI Per aderire alla campagna Ecoacquisti, le aziende della distribuzione al dettaglio devono: 1. Adempiere a tutte le seguenti azioni obbligatorie: o Promozione dell iniziativa sulla bacheca del punto vendita tramite esposizione dei manifesti della campagna. o Esposizione di tutto il materiale della campagna informativa durante il periodo di durata della stessa; o Promozione del progetto Ecoacquisti su depliant e volantini promozionali del punto vendita stesso (o su pubblicazioni interne od esterne di altro tipo); 2. Adempiere o impegnarsi di realizzare almeno 8 fra le seguenti azioni facoltative: o Vendere prodotti con imballaggio a rendere (es. latte, acque minerali, succhi di frutta ); o Vendere ricariche di prodotto concentrato (es. detersivo per bucato, ammorbidente ); o Avere prodotti con imballaggi più leggeri (sacchetti in plastica morbidi invece che contenitori rigidi, es. detergenti per il bucato, detergenti per la persona ); o Vendere ricariche senza dosatore (es. lavavetri, prodotti vari per l igiene personale ); o Vendere prodotti con imballaggi ridotti (es. confezioni di riso con un solo imballaggio, confezioni di tonno singole, dentifricio con un solo imballaggio ); o Avere confezioni formato famiglia (es. vino da tavola lt 5, biscotti da 700 gr o più, surgelati 1 kg o più, ); o Vendere prodotti biodegradabili (es. pannolini, Assorbenti igienici, mater-bi, cartucce );

12 o Vendere prodotti realizzati su carta riciclata (es. carta da lettere, buste, carta igienica, fazzoletti ); o Avere tutte (o in % rispetto a quelle preconfezionate) le tipologie di prodotto da vendere sfuso al banco (es. affettati e carni, formaggi e latticini, ecc..); o Usare meno imballaggio possibile e preferire la carta riciclabile nelle confezioni al banco (es.: con strati che possono essere separati e riciclati separatamente, come carte e plastica); o Vendere alcuni prodotti attraverso i dispenser (es.: per prodotti detergenti, per alimenti, per acqua minerale e bevande, ecc ); o Avere uno spazio con prodotti da produzione regionale o nostrana; o Avere sulle casse almeno un alternativa (o due) alle borse in plastica (es. borsa in stoffa, sacchetti in carta o in Mater-Bi; o Gestione Amministrativa (es. uso di carta riciclata per stampanti, uso di block-notes in carta riciclata, uso di carta riciclata per i propri manifesti/volantini informativ). o Gestione vendita funzionale agli obiettivi del protocollo (disposizione merci) o Stipulare accordi per integrare nei programmi di fidelizzazione i punti raccolti nelle strutture deputate alla RD (Stazioni ecologiche)

13 Allegato b) Le aziende della distribuzione al dettaglio, che vogliono aderire alla campagna, dovranno presentare alla Provincia di Prato, entro 60 giorni dalla data di sottoscrizione del protocollo, il modulo di adesione utilizzando l apposito modello predisposto dalla Provincia. MODULO DI ADEONE AL PROTOCOLLO D INTESA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO ALIMENTARE ALL INTER DEL PROGETTO ECOACQUISTI Azienda Indirizzo Telefono Fax E mail Referente Indirizzo Telefono Cellulare Fax E mail Il sottofirmato Sig.... quale referente/responsabile del progetto Ecoacquisti per nome e conto dell Azienda..., preso atto di quanto illustrato nell Allegato A,

14 -20. D I C H I A R A di adempiere a tutte le azioni obbligatorie previste dal progetto Ecoacquisti e di adempiere o impegnarsi a realizzare almeno 8 fra le azioni facoltative sotto elencate. AZIONI OBBLIGATORIE o Esposizione di tutto il materiale della campagna informativa durante il periodo di durata della stessa; o Promozione del progetto Ecoacquisti su depliant e volantini promozionali del punto vendita stesso (o su pubblicazioni interne od esterne di altro tipo); o Promozione dell iniziativa sulla bacheca del punto vendita tramite esposizione dei manifesti della campagna.

15 AZIONI FACOLTATIVE Si ricorda, che per poter rientrare tra i supermercati aderenti all iniziativa è indispensabile che l azienda dichiari di adempiere o si impegni di realizzare almeno 8 fra le azioni facoltative elencate nella tabella seguente: TABELLA DI AUTOCERTIFICAZIONE DELLE AZIONI FACOLTATIVE (N.B. Indicare quali azione si adempie o si intende realizzare) Azione Autocertificazione 1 Vendere prodotti con imballaggio a rendere (es. latte, acque minerali, succhi di frutta ) 2 Vendere ricariche di prodotto concentrato (es. detersivo per bucato, ammorbidente ) 3 Avere prodotti con imballaggi più leggeri (sacchetti in plastica morbidi invece che contenitori rigidi, es. detergenti per il bucato, detergenti per la persona ) 4 Vendere ricariche senza dosatore (es. lavavetri, prodotti vari per l igiene personale ) 5 Vendere prodotti con imballaggi ridotti (es. confezioni di riso con un solo imballaggio, confezioni di tonno singole, dentifricio con un solo imballaggio ) 6 Avere confezioni formato famiglia (es. vino da tavola lt 5, biscotti da 700 gr o più, surgelati 1 kg o più, ) 7 Vendere prodotti biodegradabili (es. pannolini, Assorbenti igienici, mater-bi, cartucce ) 8 Vendere prodotti realizzati su carta riciclata (es. carta da lettere, buste, carta igienica, fazzoletti )

16 9 Avere tutte (o in % rispetto a quelle preconfezionate) le tipologie di prodotto da vendere sfuso al banco (es. affettati e carni, formaggi e latticini, ecc..) Usare meno imballaggio possibile e preferire la carta 10 riciclabile nelle confezioni al banco (es.: con strati che possono essere separati e riciclati separatamente, come carte e plastica) 11 Vendere alcuni prodotti attraverso i dispenser (es.: per prodotti detergenti, per alimenti, per bevande, ecc ) 12 Avere uno spazio con prodotti da produzione regionale o nostrana 13 Avere sulle casse almeno un alternativa (o due) alle borse in plastica (es.: borsa in stoffa, sacchetti in carta o in Mater-Bi) 14 Gestione Amministrativa (es. uso di carta riciclata per stampanti, uso di block-notes in carta riciclata, uso di carta riciclata per i propri manifesti/volantini informativi ) 15 Incentivi agli acquirenti (es. ricevere determinati incentivi (premi, punti, ) per ogni Kg di imballaggio evitato in seguito all acquisto di prodotti sfusi o di ricariche) 16 Logistica: Approvvigionamento di prodotti in cassette riutilizzabili al posto del vuoto a perdere nel reparto ortofrutta e/o in macelleria. 17 Logistica: Utilizzo di cassette CPR riutilizzabili per consegne ortofrutta, utilizzo di cassette riutilizzabili per le consegne della carne 18 Gestione rifiuti: Conferimento di rifiuti cat. 3 presso azienda SAPI, conferimento cartoni e materiali di imballaggio presso struttura convenzionata) 19 Gestione rifiuti Recupero pile

17 20 Gestione rifiuti Recupero olio di frittura 21 Gestione rifiuti Recupero RAEE 22 Recupero e riciclo materiali: Gestione separata di scarti di carne/pesce e/o scarti di origine animale destinati alla produzione di energia alternativa o per uso zootecnico) 23 Recupero e riciclo materiali: Donazione di merce non più commercializzabile non scaduta e non avariata ad Onlus

18 LA VICE PREDENTE f.to Ambra Giorgi IL SEGRETARIO GENERALE f.to Rosella Canessa CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Copia della presente deliberazione è stata pubblicata in data odierna all Albo Pretorio della Provincia di Prato per quindici (15) giorni consecutivi ai sensi dell art. 124, comma 1, del D.Lgs , n Prato, Il Responsabile del procedimento f.to Claudia Fresi Copia di atto amministrativo riprodotta tramite sistema informatico automatizzato. Fonte: Provincia di Prato Ufficio Segreteria Generale riproduzione Responsabile della immissione e della riproduzione: Manuela Maggi ESECUTIVITA La presente Deliberazione è dichiarata immediatamente eseguibile, ai sensi dell art.134, comma 4, D.Lgs , n.267. Prato, Il Responsabile del procedimento f.to Claudia Fresi

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 336 del 12 GIUGNO 2015 Struttura proponente: Servizio Provveditorato ed Economato Oggetto: Fornitura, articolata in lotti, di dispositivi dedicati ai Reni

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali DATAMATIC S.p.A DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI Allegato 5 - Informativa Clienti e Fornitori Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02.

tm \, ~. 'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,...  COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02. tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - r:..,... i f,p.:

Dettagli

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 22 approvata il 23 marzo 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

RIFIUTI?! MENO 100 KG DI RIFIUTI ALL'ANNO PER ABITANTE. Campagna europea per la riduzione dei rifiuti

RIFIUTI?! MENO 100 KG DI RIFIUTI ALL'ANNO PER ABITANTE. Campagna europea per la riduzione dei rifiuti Commissione Nazionale Italiana UNESCO CNI Unesco Tel 066873713/23 int 208 email: federica.rolle@esteri.it - www.unescodess.it Coordinamento Agende 21 Locali Italiane segreteria Tel 059 209434/350 email:

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 113 del 08/07/2011 - OGGETTO: mostra «FOTOGRAFIA E RISORGIMENTO. TESORI DEI GRANDI MUSEI ITALIANI». Spese per fornitura di immagini digitali. Assunzione impegno di spesa. I L F U N Z I O N

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli