PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale"

Transcript

1 PROVINCIA DI PRATO Atti della Giunta Provinciale DELIBERAZIONE N. 225 DEL OGGETTO: AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ambiente - Approvazione schema di protocollo per la riduzione della produzione dei rifiuti. L'anno Duemilanove (2009) e questo giorno diciasette (17) del mese di novembre alle ore 16,35 nella sede della Provincia di Prato, convocata dal Presidente, si è riunita la seduta della GIUNTA PROVINCIALE nelle persone dei Signori: Componenti Carica Presenti Assenti GESTRI Lamberto Nazzareno Presidente X GIORGI Ambra Vice Presidente ARRIGHINI Stefano Assessore X BELTRAME Alessio Assessore X FERRARA Loredana Assessore X MELIGHETTI Gabriella Assessore X MENCHETTI Ivano Assessore X NAPOLITA Antonio Assessore X NE Edoardo Assessore X X ASSTE il Segretario Generale della Provincia di Prato Dott.ssa CANESSA Rosella. PREEDE la seduta di Giunta la Vice Presidente Dott.ssa GIORGI Ambra. LA VICE PREDENTE CONSTATATO il numero legale degli intervenuti, dichiara aperta la seduta invitando la Giunta a trattare l'allegata proposta di deliberazione di seguito riportata e relativa all'oggetto di cui sopra.

2 DELIBERAZIONE N. 225 DEL OGGETTO: Approvazione schema di protocollo per la riduzione della produzione dei rifiuti LA GIUNTA UDITA la relazione dell Assessore Stefano Arrighini; VISTA e valutata l allegata proposta trasmessa dal Direttore dell Area Pianificazione e Gestione del Territorio ed avente ad oggetto: Approvazione schema di protocollo per la riduzione della produzione dei rifiuti; VISTO il parere favorevole espresso su di essa, ai sensi dell art.49 del D.Lgs. n.267/2000 dal Direttore dell Area proponente in ordine alla regolarità tecnica; ACCERTATA la propria competenza ai sensi dell art.48 del D.Lgs.n. 267/2000 ( T.U.degli enti locali ); DATO ATTO che il presente provvedimento non è soggetto per sua natura, al parere di regolarità contabile; RITENUTO di dover provvedere in merito a quanto proposto; A voti UNANIMI e palesi ; DELIBERA 1) di approvare lo schema di protocollo denominato Protocollo di intesa per la promozione della riduzione dei rifiuti nel settore del commercio alimentare all interno del progetto ecoacquisti, allegato al presente atto e di cui costituisce parte integrante e sostanziale; 2) di individuare, ai sensi dell'art. 5 della legge n 241/1990, il responsabile del procedimento nella persona del Responsabile del Servizio Ambiente e Tutela del Territorio, Dott. Nicola Stramandinoli; 3) di trasmettere copia della presente deliberazione, per i provvedimenti connessi e conseguenti, alle sotto indicate Aree: Area Servizi Istituzionali; Area Pianificazione e Gestione del Territorio; 4) di precisare che avverso il presente provvedimento può essere presentato alternativamente ricorso al TAR o al Presidente della Repubblica rispettivamente entro 60 o 120 giorni dalla data di scadenza del termine di pubblicazione; 5 di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell art.134, comma 4 del D. Lgs. n.267/2000, a seguito di separata e palese votazione UNANIME.

3 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL Oggetto: Approvazione schema di protocollo per la riduzione della produzione dei rifiuti. IL DIRETTORE A ciò autorizzato dall'art. 107 del D.Lgs. n. 267/2000, dall'art.7 del vigente Regolamento provinciale sull'ordinamento degli uffici e dei servizi e dal Decreto Presidenziale n del 30/09/2004 con il quale gli è stato conferito l'incarico di Direttore dell'area Pianificazione e Gestione del Territorio; vista la relazione previsionale e programmatica, allegata al bilancio di previsione 2009, approvato con deliberazione C.P. n. 16 dell e in particolare il progetto n. 1 Tutela de Suolo il quale contiene i seguenti indirizzi: In materia di gestione dei rifiuti, anche nel 2009, l obiettivo prioritario sarà il miglioramento dell eco-efficienza attraverso azioni con le quali realizzare concretamente politiche virtuose per la diminuzione della produzione di rifiuti. L azione provinciale si svilupperà su due segmenti: la raccolta differenziata e la riduzione della produzione dei rifiuti. Tali azioni saranno sostenute da finanziamenti regionali e da risorse provinciali. Nel 2009 troveranno conclusione tutti gli investimenti, le cui azioni sono state avviate nel corso del 2008, finalizzati nel loro insieme ad incrementare la percentuale di raccolta differenziata e la riduzione di produzione di rifiuti; considerato che l art. 180 del D.Lgs. n 152/2006 Norme in materia ambientale, in tema di riduzione dei rifiuti, prevede e promuove azioni di informazione e di sensibilizzazione dei consumatori, l'uso di sistemi di qualità, nonché la sottoscrizione di accordi e contratti di programma o protocolli d'intesa, anche sperimentali finalizzati alla prevenzione ed alla riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti; considerato che il vigente Piano Provinciale per la gestione dei rifiuti urbani, approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 90 del , pone tra gli obiettivi primari la riduzione alla fonte della produzione dei rifiuti, prevedendo una serie di interventi e misure idonee a limitare e contenere i tassi fisiologici della crescita dei rifiuti; tenuto conto che la Provincia di Prato, in collaborazione con A.S.M. S.p.A., per il raggiungimento degli obiettivi prima descritti, ha elaborato uno schema di protocollo denominato Protocollo di intesa per la promozione della riduzione dei rifiuti nel settore del commercio alimentare al interno del progetto eco acquisti, allegato alla presente proposta e di cui fa parte integrante e sostanziale; dato atto che i contenuti del protocollo sono stati condivisi con i Comuni della Provincia di Prato e con i rappresentanti della Grande distribuzione commerciale nel corso di apposite riunioni cui hanno anche partecipato i consulenti di ASM S.p.A. e lo stesso Assessorato alla Tutela Ambientale della Provincia di Prato; considerato che gli obiettivi del predetto protocollo si possono così sintetizzare: creare condizioni e comportamenti diffusi che permettano di limitare, fin dalla fase del conferimento, la quantità di rifiuti da avviare al ciclo di smaltimento; incentivare e promuovere la prevenzione alla fonte della quantità e della pericolosità nella fabbricazione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio; creare opportunità di mercato per incoraggiare l'utilizzazione dei materiali ottenuti dagli imballaggi riciclati e recuperati, nonché ridurre il flusso dei rifiuti di imballaggio destinati allo smaltimento finale; adottare una serie di azioni atte a ridurre la quantità di rifiuti prodotti, nell ambito dell attività commerciale delle Aziende; sensibilizzare la cittadinanza e gli Enti Locali in relazione ai temi legati alla riduzione della produzione dei rifiuti;

4 dato atto che i contenuti e le finalità del Protocollo di cui trattasi sono conformi agli indirizzi programmatici contenuti nella relazione previsionale prima richiamata; PROPONE 1 di approvare lo schema di protocollo denominato Protocollo di intesa per la promozione della riduzione dei rifiuti nel settore del commercio alimentare all interno del progetto ecoacquisti, allegato alla presente proposta e di cui costituisce parte integrante e sostanziale; 2 di individuare, ai sensi dell'art. 5 della legge n 241/1990, il responsabile del procedimento nella persona del Responsabile del Servizio Ambiente e Tutela del Territorio, Dott. Nicola Stramandinoli Stante l urgenza del provvedimento, PROPONE altresì Che la presente proposta di deliberazione sia dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. 267/2000. Sulla presente proposta, il sottoscritto Direttore, visto l art.49, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000, esprime PARERE FAVOREVOLE In ordine alla regolarità tecnica Il Direttore dell'area Pianificazione e Gestione del Territorio Ing. Aldo Ianniello

5 Allegato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO ALIMENTARE ALL INTER DEL PROGETTO ECOACQUISTI Tra La Provincia di Prato, con sede in Via Ricasoli, Prato, rappresentata da e - Il comune di Prato - Il comune di Cantagallo - Il comune di Carmignano - Il comune di Montemurlo - Il comune di Poggio a Caiano - Il comune di Vaiano - Il comune di Vernio - L azienda ASM SpA - Aziende della distribuzione alimentare al dettaglio Premesse Il Piano Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile del 1993 in attuazione dell Agenda 21 Locale, elaborato dal C.I.P.E. (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), si pone come obiettivo quello di determinare condizioni e comportamenti che permettano di limitare fin dalla fase del conferimento la quantità di rifiuti da avviare al ciclo di smaltimento. La Provincia di Prato nel vigente Piano Provinciale per la gestione dei rifiuti urbani si pone tra gli obietti primari la riduzione alla fonte della produzione dei rifiuti, prevedendo una serie di interventi e misure idonee a limitare e contenere i tassi fisiologici della crescita dei rifiuti; L art. 180 Parte IV-Capo 1 del D.Lvo n 152 del 03/04/2006 Norme in materie ambientali - Prevenzione della produzione dei rifiuti prevede: la promozione di strumenti economici, ecobilanci, sistemi di certificazione ambientale, analisi del ciclo di vita dei prodotti, azioni di informazione e di sensibilizzazione dei consumatori, l'uso di sistemi di qualità, nonché lo sviluppo del sistema di marchio ecologico ai fini della corretta valutazione dell'impatto di uno specifico prodotto sull'ambiente durante l'intero ciclo di vita del prodotto medesimo, la

6 previsione di clausole di gare d'appalto che valorizzino le capacità e le competenze tecniche in materia di prevenzione della produzione di rifiuti, la promozione di accordi e contratti di programma o protocolli d'intesa anche sperimentali finalizzati, con effetti migliorativi, alla prevenzione ed alla riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti, l'attuazione del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, e degli altri decreti di recepimento della direttiva 96/61/CE in materia di prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento. L art. 219 del medesimo D.Lgs. 152/2006 detta i criteri informatori dell attività di gestione dei rifiuti di imballaggio: incentivazione e promozione della prevenzione alla fonte della quantità e della pericolosità nella fabbricazione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio, soprattutto attraverso iniziative, anche di natura economica in conformità ai principi del diritto comunitario, volte a promuovere lo sviluppo di tecnologie pulite ed a ridurre a monte la produzione e l'utilizzazione degli imballaggi, nonché a favorire la produzione di imballaggi riutilizzabili ed il loro concreto riutilizzo, incentivazione del riciclaggio e del recupero di materia prima, sviluppo della raccolta differenziata di rifiuti di imballaggio e promozione di opportunità di mercato per incoraggiare l'utilizzazione dei materiali ottenuti da imballaggi riciclati e recuperati, riduzione del flusso dei rifiuti di imballaggio destinati allo smaltimento finale attraverso le altre forme di recupero, applicazione di misure di prevenzione consistenti in programmi nazionali o azioni analoghe da adottarsi previa consultazione degli operatori economici interessati. Al fine di assicurare la responsabilizzazione degli operatori economici conformemente al principio chi inquina paga nonché la cooperazione degli stessi secondo i principi della responsabilità condivisa, l'attività di gestione dei rifiuti di imballaggio si ispira, inoltre, ai seguenti principi: individuazione degli obblighi di ciascun operatore economico, garantendo che il costo della raccolta differenziata, della valorizzazione e dell'eliminazione dei rifiuti di imballaggio sia sostenuto dai produttori e dagli utilizzatori in proporzione alle quantità di imballaggi immessi sul mercato nazionale e che la pubblica amministrazione organizzi la raccolta differenziata, promozione di forme di cooperazione tra i soggetti pubblici e privati, informazione agli utenti degli imballaggi ed in particolare ai consumatori secondo le disposizioni del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 195, di attuazione della direttiva 2003/4/CE sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale, incentivazione della restituzione degli imballaggi usati e del conferimento dei rifiuti di imballaggio in raccolta differenziata da parte del consumatore. Le informazioni di cui alla lettera c) del comma 2 dello stesso art. 219 riguardano in particolare: a) i sistemi di restituzione, di raccolta e di recupero disponibili; b) il ruolo degli utenti di imballaggi e dei consumatori nel processo di riutilizzazione, di recupero e di riciclaggio degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio; c) il significato dei marchi apposti sugli imballaggi quali si presentano sul mercato; d) gli elementi significativi dei programmi di gestione per gli imballaggi ed i rifiuti di imballaggio, di cui all'articolo 225, comma 1, e gli elementi significativi delle specifiche previsioni contenute nei piani regionali ai sensi dell'articolo 225, comma 6. [ ] Il predetto decreto dovrà altresì prescrivere l'obbligo di indicare, ai fini della identificazione e classificazione dell'imballaggio da parte dell'industria interessata, la natura dei materiali di imballaggio utilizzati, sulla base della decisione 97/129/CE della Commissione.

7 Definizioni Al fine del presente protocollo d intesa, si specifica che: Per parti si intendono la Provincia di Prato, i Comuni di Prato, Montemurlo, Carmignano, Vaiano, Poggio a Caiano, Vernio, Cantagallo, la Società ASM e le Aziende della distribuzione alimentare al dettaglio aderenti alla campagna Ecoacquisti Per campagna Ecoacquisti s intende il progetto di studio ed adozione di una serie di azioni atte a ridurre la quantità di rifiuti prodotti, nell ambito dell attività commerciale delle Aziende e la sensibilizzazione della cittadinanza e degli enti locali in relazione a questi temi. Per protocollo d intesa s intende lo strumento che consente di addivenire ad un accordo tra almeno un Ente pubblico ed almeno un soggetto economico per il raggiungimento di obiettivi delle politiche pubbliche legati al miglioramento della protezione dell ambiente. Per marchio ambientale s intende un marchio di riconoscimento con cui si dichiarano specifiche caratteristiche ambientali ed ecologiche delle parti coinvolte. Tutto ciò premesso, si conviene quanto segue Articolo 1 (Obiettivi del protocollo d intesa) Il presente protocollo d intesa si pone l obiettivo di promuovere la riduzione dei rifiuti nel commercio del settore alimentare. A tal fine, le parti ritengono opportuno sostenere tutte le azioni necessarie per adottare gli accorgimenti che permettano ai consumatori di fare una spesa attenta, evitando imballaggi o acquisti superflui ed agli operatori commerciali, che maggiormente si impegnano su tale ambito, ottenere vantaggi d immagine: - promuovendo la consapevolezza ecologica dei consumatori nella scelta dei prodotti; - diffondendo la sensibilità per l ambiente nel commercio e incoraggiando i commercianti ad intraprendere iniziative al riguardo; - potenziando l offerta di prodotti ecologici nel commercio; - incentivando i produttori a prendere in considerazione i criteri ecologici nell offerta dei prodotti, anticipando eventuali tendenze di mercato. Articolo 2 (Impegni delle Parti) La Provincia di Prato: - studierà e metterà a disposizione degli esercizi commerciali che aderiranno all iniziativa, un marchio ambientale per tutti i punti vendita che rispondano a precisi requisiti ambientali ed ecologici, di cui all allegato A al presente

8 Protocollo (MODALITA DI ADEONE AL PROTOCOLLO D INTESA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO ALIMENTARE ALL INTER DEL PROGETTO ECOACQUISTI) nella gestione delle merci e nell offerta di articoli a bassa produzione di rifiuti che permetta alle aziende aderenti di distinguersi per l impegno verso l ambiente; - organizzerà una serie di eventi per promuovere l iniziativa; - avvierà un serie di campagne informative rivolte ai cittadini per promuovere la Campagna Ecoacquisti ed il relativo marchio ambientale. I Comuni e ASM SpA si impegnano a promuovere sul proprio territorio azioni volte alla incentivazione della riduzione dei rifiuti (es. ecoscambi, punteggi premianti nel conferimento differenziato); La Provincia si impegna a promuovere e a diffondere azioni volte alla riduzione dei rifiuti presso tutti i comuni della Provincia di Prato (es. ecoscambi, punteggi premianti nel conferimento differenziato); I punti vendita aderenti nell ambito del proprio campo di attività e della propria natura commerciale si impegnano ad aderire ad una serie di azioni, di cui all allegato A, che ha come obiettivi: - sensibilizzare i fornitori affinché riducano quantità e volume di imballaggi e utilizzino imballaggi secondari riutilizzabili; - diffondere materiale informativo, volto alla sensibilizzazione della Campagna Ecoacquisti ; - incentivare sistemi di riutilizzo di imballaggi all interno del proprio sistema aziendale attraverso l individuazione di iniziative volte a contenere gli imballi delle merci direttamente disponibili al consumatore; - attivare raccolte differenziate capillari presso i propri punti vendita in accordo con i gestori della raccolta; - incentivare l introduzione di sistemi alternativi di confezionamento e/o distribuzione delle merci Articolo 3 (Soggetti responsabili) Ciascuna delle Parti nomina un responsabile per valutare l attuazione del presente protocollo d intesa ed i risultati delle azioni attivate tramite l istituzione di una commissione provinciale per la Campagna Ecoacquisti, da costituire nel seguente modo: - per la Provincia di Prato: - per il Comune di Prato - per il Comune di Montemurlo - per il Comune di Carmignano - per il Comune di Vaiano - per il Comune di Poggio a Caiano. - per il comune di Vernio - per il comune di Cantagallo.. - per la società ASM SpA

9 - per le Aziende della distribuzione alimentare al dettaglio: delegato di volta in volta designato Il funzionamento di detta Commissione con comporta oneri per nessuna delle Parti. Articolo 4 (Semplificazione relativa alla gestione degli imballaggi e al recupero dei rifiuti di imballaggio) La Provincia si impegna a promuovere gli intenti del presente protocollo e diffondere le informazioni connesse alle associazioni di categoria anche al fine di coinvolgere i produttori locali. Il suddetto protocollo d intesa potrà eventualmente concretizzarsi mediante un accordo di programma in ottemperanza a quanto previsto dagli art. 179 e 180 Parte IV- Capo 1 del D.Lvo n 152 del 03/04/2006 norme in materie ambientali. Articolo 5 (Pubblicità del protocollo d intesa) I firmatari s impegnano a favorire tutte le azioni utili ad assicurare la diffusione delle informazioni sull iniziativa assunta. Le Parti s impegnano a diffondere i risultati, anche parziali, attraverso i propri siti internet, bollettini ed altri canali informativi. Articolo 6 (Adesione di ulteriori soggetti) Al presente protocollo d intesa possono aderire altri soggetti pubblici e privati interessati e disponibili a sottoscrivere gli impegni previsti, come da modello di adesione ( allegato b). Il testo dell accordo ed ogni altro documento relativo alla sua gestione sono accessibili a chiunque ne faccia richiesta. Articolo 7 (Verifica dell attività svolta e degli obiettivi conseguiti) Le Parti s impegnano a verificare congiuntamente l attività svolta e gli obiettivi conseguiti, per la prima volta entro un anno dalla stipula e successivamente con cadenza annuale, salvo concordare una diversa cadenza in funzione dello sviluppo dell attività. A seguito di tali verifiche, l obiettivo finale e le azioni da intraprendere, ed eventuali variazioni della lista delle azioni di cui all allegato A, potranno essere riviste. Ogni verifica sarà oggetto di relazione sottoscritta dalle Parti.

10 Articolo 8 (Durata del Protocollo d intesa) Il presente protocollo d intesa è valido per 24 mesi dalla stipula. Entro tale data le Parti potranno proporre modifiche consensuali all accordo, in particolare se ciò risulta opportuno per meglio conseguire gli obiettivi dello stesso. Alla scadenza potrà essere rinnovato per espressa volontà delle Parti Prato, Provincia di Prato Comune di Prato Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Carmignano Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Vaiano Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Montemurlo Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Poggio a Caiano Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Cantagallo Il Funzionario delegato o Assessore Comune di Vernio Il Funzionario delegato o Assessore ASM S.p.A. Il Presidente ME AZIENDA. Il Funzionario delegato. ME AZIENDA. Il Funzionario delegato. ME AZIENDA. Il Funzionario delegato.

11 Allegato A) MODALITA DI ADEONE AL PROTOCOLLO D INTESA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO ALIMENTARE ALL INTER DEL PROGETTO ECOACQUISTI 1. MARCHIO AMBIENTALE Per ricevere il marchio ambientale I punti vendita, che vogliono aderire alla campagna e ricevere il marchio ambientale, saranno tenuti ad attuare tutte le azioni obbligatorie e almeno 8 fra le altre azioni facoltative sotto riportate. 2. AZIONI Per aderire alla campagna Ecoacquisti, le aziende della distribuzione al dettaglio devono: 1. Adempiere a tutte le seguenti azioni obbligatorie: o Promozione dell iniziativa sulla bacheca del punto vendita tramite esposizione dei manifesti della campagna. o Esposizione di tutto il materiale della campagna informativa durante il periodo di durata della stessa; o Promozione del progetto Ecoacquisti su depliant e volantini promozionali del punto vendita stesso (o su pubblicazioni interne od esterne di altro tipo); 2. Adempiere o impegnarsi di realizzare almeno 8 fra le seguenti azioni facoltative: o Vendere prodotti con imballaggio a rendere (es. latte, acque minerali, succhi di frutta ); o Vendere ricariche di prodotto concentrato (es. detersivo per bucato, ammorbidente ); o Avere prodotti con imballaggi più leggeri (sacchetti in plastica morbidi invece che contenitori rigidi, es. detergenti per il bucato, detergenti per la persona ); o Vendere ricariche senza dosatore (es. lavavetri, prodotti vari per l igiene personale ); o Vendere prodotti con imballaggi ridotti (es. confezioni di riso con un solo imballaggio, confezioni di tonno singole, dentifricio con un solo imballaggio ); o Avere confezioni formato famiglia (es. vino da tavola lt 5, biscotti da 700 gr o più, surgelati 1 kg o più, ); o Vendere prodotti biodegradabili (es. pannolini, Assorbenti igienici, mater-bi, cartucce );

12 o Vendere prodotti realizzati su carta riciclata (es. carta da lettere, buste, carta igienica, fazzoletti ); o Avere tutte (o in % rispetto a quelle preconfezionate) le tipologie di prodotto da vendere sfuso al banco (es. affettati e carni, formaggi e latticini, ecc..); o Usare meno imballaggio possibile e preferire la carta riciclabile nelle confezioni al banco (es.: con strati che possono essere separati e riciclati separatamente, come carte e plastica); o Vendere alcuni prodotti attraverso i dispenser (es.: per prodotti detergenti, per alimenti, per acqua minerale e bevande, ecc ); o Avere uno spazio con prodotti da produzione regionale o nostrana; o Avere sulle casse almeno un alternativa (o due) alle borse in plastica (es. borsa in stoffa, sacchetti in carta o in Mater-Bi; o Gestione Amministrativa (es. uso di carta riciclata per stampanti, uso di block-notes in carta riciclata, uso di carta riciclata per i propri manifesti/volantini informativ). o Gestione vendita funzionale agli obiettivi del protocollo (disposizione merci) o Stipulare accordi per integrare nei programmi di fidelizzazione i punti raccolti nelle strutture deputate alla RD (Stazioni ecologiche)

13 Allegato b) Le aziende della distribuzione al dettaglio, che vogliono aderire alla campagna, dovranno presentare alla Provincia di Prato, entro 60 giorni dalla data di sottoscrizione del protocollo, il modulo di adesione utilizzando l apposito modello predisposto dalla Provincia. MODULO DI ADEONE AL PROTOCOLLO D INTESA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO ALIMENTARE ALL INTER DEL PROGETTO ECOACQUISTI Azienda Indirizzo Telefono Fax E mail Referente Indirizzo Telefono Cellulare Fax E mail Il sottofirmato Sig.... quale referente/responsabile del progetto Ecoacquisti per nome e conto dell Azienda..., preso atto di quanto illustrato nell Allegato A,

14 -20. D I C H I A R A di adempiere a tutte le azioni obbligatorie previste dal progetto Ecoacquisti e di adempiere o impegnarsi a realizzare almeno 8 fra le azioni facoltative sotto elencate. AZIONI OBBLIGATORIE o Esposizione di tutto il materiale della campagna informativa durante il periodo di durata della stessa; o Promozione del progetto Ecoacquisti su depliant e volantini promozionali del punto vendita stesso (o su pubblicazioni interne od esterne di altro tipo); o Promozione dell iniziativa sulla bacheca del punto vendita tramite esposizione dei manifesti della campagna.

15 AZIONI FACOLTATIVE Si ricorda, che per poter rientrare tra i supermercati aderenti all iniziativa è indispensabile che l azienda dichiari di adempiere o si impegni di realizzare almeno 8 fra le azioni facoltative elencate nella tabella seguente: TABELLA DI AUTOCERTIFICAZIONE DELLE AZIONI FACOLTATIVE (N.B. Indicare quali azione si adempie o si intende realizzare) Azione Autocertificazione 1 Vendere prodotti con imballaggio a rendere (es. latte, acque minerali, succhi di frutta ) 2 Vendere ricariche di prodotto concentrato (es. detersivo per bucato, ammorbidente ) 3 Avere prodotti con imballaggi più leggeri (sacchetti in plastica morbidi invece che contenitori rigidi, es. detergenti per il bucato, detergenti per la persona ) 4 Vendere ricariche senza dosatore (es. lavavetri, prodotti vari per l igiene personale ) 5 Vendere prodotti con imballaggi ridotti (es. confezioni di riso con un solo imballaggio, confezioni di tonno singole, dentifricio con un solo imballaggio ) 6 Avere confezioni formato famiglia (es. vino da tavola lt 5, biscotti da 700 gr o più, surgelati 1 kg o più, ) 7 Vendere prodotti biodegradabili (es. pannolini, Assorbenti igienici, mater-bi, cartucce ) 8 Vendere prodotti realizzati su carta riciclata (es. carta da lettere, buste, carta igienica, fazzoletti )

16 9 Avere tutte (o in % rispetto a quelle preconfezionate) le tipologie di prodotto da vendere sfuso al banco (es. affettati e carni, formaggi e latticini, ecc..) Usare meno imballaggio possibile e preferire la carta 10 riciclabile nelle confezioni al banco (es.: con strati che possono essere separati e riciclati separatamente, come carte e plastica) 11 Vendere alcuni prodotti attraverso i dispenser (es.: per prodotti detergenti, per alimenti, per bevande, ecc ) 12 Avere uno spazio con prodotti da produzione regionale o nostrana 13 Avere sulle casse almeno un alternativa (o due) alle borse in plastica (es.: borsa in stoffa, sacchetti in carta o in Mater-Bi) 14 Gestione Amministrativa (es. uso di carta riciclata per stampanti, uso di block-notes in carta riciclata, uso di carta riciclata per i propri manifesti/volantini informativi ) 15 Incentivi agli acquirenti (es. ricevere determinati incentivi (premi, punti, ) per ogni Kg di imballaggio evitato in seguito all acquisto di prodotti sfusi o di ricariche) 16 Logistica: Approvvigionamento di prodotti in cassette riutilizzabili al posto del vuoto a perdere nel reparto ortofrutta e/o in macelleria. 17 Logistica: Utilizzo di cassette CPR riutilizzabili per consegne ortofrutta, utilizzo di cassette riutilizzabili per le consegne della carne 18 Gestione rifiuti: Conferimento di rifiuti cat. 3 presso azienda SAPI, conferimento cartoni e materiali di imballaggio presso struttura convenzionata) 19 Gestione rifiuti Recupero pile

17 20 Gestione rifiuti Recupero olio di frittura 21 Gestione rifiuti Recupero RAEE 22 Recupero e riciclo materiali: Gestione separata di scarti di carne/pesce e/o scarti di origine animale destinati alla produzione di energia alternativa o per uso zootecnico) 23 Recupero e riciclo materiali: Donazione di merce non più commercializzabile non scaduta e non avariata ad Onlus

18 LA VICE PREDENTE f.to Ambra Giorgi IL SEGRETARIO GENERALE f.to Rosella Canessa CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Copia della presente deliberazione è stata pubblicata in data odierna all Albo Pretorio della Provincia di Prato per quindici (15) giorni consecutivi ai sensi dell art. 124, comma 1, del D.Lgs , n Prato, Il Responsabile del procedimento f.to Claudia Fresi Copia di atto amministrativo riprodotta tramite sistema informatico automatizzato. Fonte: Provincia di Prato Ufficio Segreteria Generale riproduzione Responsabile della immissione e della riproduzione: Manuela Maggi ESECUTIVITA La presente Deliberazione è dichiarata immediatamente eseguibile, ai sensi dell art.134, comma 4, D.Lgs , n.267. Prato, Il Responsabile del procedimento f.to Claudia Fresi

PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale

PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale PROVINCIA DI PRATO Atti della Giunta Provinciale DELIBERAZIONE N. 222 DEL 17.11.2009 OGGETTO: AREA GESTIONE E SVILUPPO RISORSE INTERNE Programma n. 3 Sistema Informativo e Informatico - Piano esecutivo

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Gestione integrata dei rifiuti nel Comune di Trento Introduzione nuove modalità di raccolta: sistema

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale

PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale PROVINCIA DI PRATO Atti della Giunta Provinciale DELIBERAZIONE N. 227 DEL 25.11.2009 OGGETTO: AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE, ORIENTAMENTO E LAVORO - Protocollo di Intesa fra Provincia di Prato e Comune di

Dettagli

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A COMUNE DI OPERA SERVIZIO AMBIENTE ED ECOLOGIA Campagna informativa

Dettagli

Giugno 2013 June 2013

Giugno 2013 June 2013 Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Protocollo di monitoraggio del progetto e delle azioni e identificazione delle performance obiettivo Project s and Action s Monitoring Protocol and identification

Dettagli

Oggetto: APPROVAZIONE CONTRATTO DI SERVIZIO TRA LA SOCIETA' CANAVESANA SERVIZI ED IL COMUNE DI STRAMBINELLO PER I SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE

Oggetto: APPROVAZIONE CONTRATTO DI SERVIZIO TRA LA SOCIETA' CANAVESANA SERVIZI ED IL COMUNE DI STRAMBINELLO PER I SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE COPIA COMUNE DI STRAMBINELLO Provincia di Torino Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 14 DEL 27/03/2015 Oggetto: APPROVAZIONE CONTRATTO DI SERVIZIO TRA LA SOCIETA' CANAVESANA

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Ecoacquisti Trentino Promotore/i: Provincia autonoma di Trento Soggetti partner: Ente Ente

Dettagli

copia n 041 del 21.02.2013

copia n 041 del 21.02.2013 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 041 del 21.02.2013 OGGETTO : RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO SUL TERRITORIO COMUNALE. PROPOSTA DI PROTOCOLLO D

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

COMUNE DI NUVOLENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI NUVOLENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE COMUNE DI NUVOLENTO ORIGINALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 13.04.2010 OGGETTO: Esame richiesta adeguamento aree contratto di affitto presentata dalla ditta Euro Mas s.r.l.

Dettagli

C I T T A D I F E R M O

C I T T A D I F E R M O C I T T A D I F E R M O ATTO DI GIUNTA DEL 31-05-2012, n. 225 COPIA Oggetto: RETE "COMUNE-PROVINCIA-REGIONE PER LA SAGGIA ECOLOGIA" E SOTTOSCRIZIONE ALLA CHARTA DEONTOLOGICA DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA COPIA Deliberazione n 70 in data 30/06/2010 COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: L anno duemiladieci, addì trenta del mese di giugno nella Residenza

Dettagli

copia n 227 del 05.07.2013

copia n 227 del 05.07.2013 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 227 del 05.07.2013 OGGETTO : ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REVOCA DELIBERAZIONE N.280 DEL 13.09.2012 - FORNITURA LIBRI DI

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 66 del 16/05/2013 OGGETTO: SERVIZIO INTEGRATO PER LA STAMPA, SPEDIZIONE E RENDICONTAZIONE DELLA TARES ANNO 2013 -

Dettagli

copia n 127 del 29/03/2012 OGGETTO : MISURE DI RIVITALIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO. ATTO DI INDIRIZZO.

copia n 127 del 29/03/2012 OGGETTO : MISURE DI RIVITALIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO. ATTO DI INDIRIZZO. CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 127 del 29/03/2012 OGGETTO : MISURE DI RIVITALIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO. ATTO DI INDIRIZZO. L anno duemiladodici

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 36 DEL 22/03/2013 OGGETTO: CONCESSIONE UTILIZZO SALA COMUNALE E PATROCINIO

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 60 del 01.04.2015 OGGETTO: ADESIONE AL PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI SPORTELLI PER L INFORMAZIONE

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata. LIFE10 ENV/IT/307 NO.

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata. LIFE10 ENV/IT/307 NO. Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste SOMMARIO SOMMARIO... 2 1 PREMESSA... 3 2 MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEL PIANO D

Dettagli

VIA UMBERTO I, 30 C.F. e P. IVA 01277110837 N. 44 Del 19/06/2009 OGGETTO: Dipendente comunale. Collocamento a riposo per inabilità assoluta e permanente allo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 174 del 19.11.2013 Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI COMUNI DELLE PROVINCE DI NAPOLI

Dettagli

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15 COMUNE DI CEPRANO Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 32 Del 01-04-15 COPIA Oggetto: BILANCIO PARTECIPATIVO ANNO 2015. DETERMINAZIONI L'anno duemilaquindici il giorno uno

Dettagli

Verbale di Deliberazione N. 58/2011 della Giunta comunale

Verbale di Deliberazione N. 58/2011 della Giunta comunale COMUNE DI CAMPODENNO PROVINCIA DI TRENTO Verbale di Deliberazione N. 58/2011 della Giunta comunale OGGETTO: Approvazione schema tipo di delega alla Comunità della Val di Non per la sottoscrizione della

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 45 OGGETTO: Servizio di raccolta verde con cassonetti stradali - approvazione progetto anno 2009. L anno duemilanove

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 62 DATA 20/10/2015 OGGETTO: Nomina del Responsabile del Procedimento di Conservazione

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 168 / Prot. Data 17/04/2014 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N 136 del Reg. Data 17/04/2014 Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno N. 22 del 27/01/2015 Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2015-2016 -2017 E DEL PIANO ANNUALE 2015. APPROVAZIONE STUDIO DI FATTIBILITA L anno

Dettagli

copia n 359 del 6.12.2012 OGGETTO : REALIZZAZIONE RETE FOGNARIA ATTO DI INDIRIZZO RESPONSABILE LAVORI PUBBLICI.

copia n 359 del 6.12.2012 OGGETTO : REALIZZAZIONE RETE FOGNARIA ATTO DI INDIRIZZO RESPONSABILE LAVORI PUBBLICI. CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 359 del 6.12.2012 OGGETTO : REALIZZAZIONE RETE FOGNARIA ATTO DI INDIRIZZO RESPONSABILE LAVORI PUBBLICI. L anno duemiladodici

Dettagli

C O M U N E D I M I R A

C O M U N E D I M I R A C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia N 28 Registro Delibere ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Approvazione dello schema tipo di convenzione per la fruibilità telematica dei

Dettagli

DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PIANO PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE

DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PIANO PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera n. 127 Del 28/12/2010 OGGETTO: PIANO PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO N. 93 del 22/10/2014 Copia Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: ART. 32, D.L. 24 APRILE, N. 66 E DEL DECRETO DEL MEF DEL 17 LUGLI 2014. ANTICIPAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO Deliberazione N. 113 Codice Ente 10021 C O P I A OGGETTO: VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE APPROVAZIONE OBIETTIVI DI ACCESSIBILITÀ DEL SITO WEB PER

Dettagli

COMUNE DI MATTIE Provincia di Torino

COMUNE DI MATTIE Provincia di Torino COPIA COMUNE DI MATTIE Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 OGGETTO : Rinnovo incarico di consulenza assicurativa (attività di Brokeraggio) alla Società G.P.A. ASSIPAROS

Dettagli

COMUNE DI FLORESTA. OGGETTO: Carta di qualificazione del conducente per conduzione scuolabus - Determinazioni.

COMUNE DI FLORESTA. OGGETTO: Carta di qualificazione del conducente per conduzione scuolabus - Determinazioni. COPIA COMUNE DI FLORESTA Provincia Messina DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 73 del Reg. Data 17.09.2015 OGGETTO: Carta di qualificazione del conducente per conduzione scuolabus - Determinazioni.

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 1 DEL 19/01/2015 OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICO LEGALE PER RECUPERO CREDITI

Dettagli

COMUNE DI CARINARO AREA TECNICA

COMUNE DI CARINARO AREA TECNICA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2013-30 Data 25-03-2013 OGGETTO: PROPOSTA DI CLASSIFICAZIONE DI INDUSTRIA INSALUBRE I ^ CLASSE - LETTERA B PUNTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ATTIVAZIONE SERVIZIO "MUNICIPIUM".ATTO DI INDIRIZZO.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ATTIVAZIONE SERVIZIO MUNICIPIUM.ATTO DI INDIRIZZO. COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REG. DEL. N 91 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ATTIVAZIONE SERVIZIO "MUNICIPIUM".ATTO DI INDIRIZZO. L Anno duemilatredici addì quattordici

Dettagli

COMUNE DI CAMPOTOSTO

COMUNE DI CAMPOTOSTO COMUNE DI CAMPOTOSTO Provincia di L Aquila C.A.P. 67013 C. F. 00085160661 c.c.p. 12153672 Tel. 0862 900142 900320 fax ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:Approvazione indirizzi al fine di un accordo finalizzato al controllo delle dichiarazioni sostitutive di L anno duemilaundici, addì quindici del

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 94 DEL 31/07/2015 OGGETTO: ATTIVITA' LEGALE NELLA PROCEDURA DI RECUPERO

Dettagli

COMUNE DI TRINITA P R O V I N C I A D I C U N E O

COMUNE DI TRINITA P R O V I N C I A D I C U N E O COMUNE DI TRINITA P R O V I N C I A D I C U N E O V E R B A LE DI DELIBERAZI ONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO N. 4 del 29/04/2015 «REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 157 del 26.07.2012 Oggetto: Convenzione con la Università di Napoli Federico II per lo svolgimento di attività di tirocinio

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 48 OGGETTO: FONDO REGIONALE PER I DIVERSAMENTE ABILI - CONTRIBUTI FINALIZZATI ALL'ATTIVAZIONE DI TIROCINI

Dettagli

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE. La presente deliberazione è stata affissa all'albo comunale in data odierna e vi rimarrà per quindici

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE. La presente deliberazione è stata affissa all'albo comunale in data odierna e vi rimarrà per quindici Letto, confermato e sottoscritto Il Sindaco f.to dr.ssa Elisabetta Pian Il Segretario Comunale f.to dr.ssa Ivana Bianchi Copia conforme all originale ad uso amministrativo. Addì, 15 febbraio 2013 dr. Francesca

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI PIERANICA Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 34 Adunanza del 28/11/2011 Codice Ente 10776 9 Pieranica Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: EROGAZIONE BORSE DI STUDIO A.S.

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 208. della Giunta della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 208. della Giunta della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 208 della Giunta della Comunità della Val di Non OGGETTO: Proroga sino al 31.05.2014 dell affidamento in appalto del servizio di raccolta,

Dettagli

Verbale di Deliberazione N. 211/2000 della Giunta comunale

Verbale di Deliberazione N. 211/2000 della Giunta comunale COMUNE DI CAMPODENNO PROVINCIA DI TRENTO Verbale di Deliberazione N. 211/2000 della Giunta comunale OGGETTO: Convenzione per la prestazione di servizi di telefonia vocale fissa, di base e aggiuntivi per

Dettagli

Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 170

Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 170 REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Deliberazione della Provinciale Registro Delibere di N. 170 OGGETTO: L.R.8/03 e L.R.10/88, art.37. Finanziamenti alle Associazioni Sportive e Ricreative ed ai

Dettagli

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE Prot n.200/s del 27.05.2014 D.Legvo COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 102 Del 22.05.2014 OGGETTO Approvazione convenzione affidamento

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 423 del 18-11-2008 Oggetto: Apertura conto corrente presso Poste Italiane s.p.a. per il versamento

Dettagli

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE ANNO 2013 N. 105 del Registro Delibere OGGETTO: Affidamento del servizio della distribuzione

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese Provincia di Varese DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A N. 26 Reg. Deliberazioni OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE CON COOPERATIVA PER IL SERVIZIO DI RECUPERO DEI TELEFONI CELLULARI USATI. L'anno

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12 DEL 27/01/2011 OGGETTO: TRASFERIMENTO PRESSO NUOVA SEDE DEL C.I.P. (CENTRO PER L'IMPIEGO) DI ZOLA

Dettagli

COMUNE DI SILIGO. Provincia di Sassari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 24 del 13 maggio 2014

COMUNE DI SILIGO. Provincia di Sassari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 24 del 13 maggio 2014 COMUNE DI SILIGO Provincia di Sassari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 24 del 13 maggio 2014 COPIA Oggetto: SERVIZIO ASSOCIATO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. REVISIONE

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 25 - VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 25 Del 04.03.2009 OGGETTO: DIRETTIVE PER L INSERIMENTO DI ATTI E DOCUMENTI NEL SITO WEB ISTITUZIONALE DI QUESTO

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 129 DEL 17.07.2012 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO 'SPORTELLO ON LINE AL CITTADINO'. L anno duemiladodici

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46 del Reg.

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione n 77 in data 12/09/2014 COMUNE DI SANTA FIORA PROVINCIA DI GROSSETO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA SEDE COMUNALE. ATTO DI INDIRIZZO.

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 76 In data: 23/04/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE CONTRATTUALE TRA COMUNE DI MORBEGNO E FERSERVIZI

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

COMUNE DI PIEVE D'ALPAGO PROVINCIA DI BELLUNO

COMUNE DI PIEVE D'ALPAGO PROVINCIA DI BELLUNO COPIA N. 17 del R.D. COMUNE DI PIEVE D'ALPAGO PROVINCIA DI BELLUNO Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: L anno duemiladieci approvazione della Convenzione per i servizi di hosting-housing,

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 213 della Deliberazione DEL 26/09/2013 OGGETTO: Atto di indirizzo per l'acquisto di autoveicoli per i

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza COPIA Deliberazione n. 222 COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: APPROVAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. L

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 60

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 60 REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Deliberazione della Provinciale Registro Delibere di N. 60 OGGETTO: Piano Triennale Sperimentale della Disabilità 2011-2013. "Patto tra le parti per la realizzazione

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 181 OGGETTO: Affidamento del servizio

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO ORIGINALE VERBALE N. 56 DEL 24.03.2010 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEI NUOVI ORARI DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 27 DELLA GIUNTA MUNICIPALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 27 DELLA GIUNTA MUNICIPALE copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 27 DELLA GIUNTA MUNICIPALE PROT. N. 2015-0016138 / PTRCA00077 CONCESSIONE A TELECOM ITALIA SPA DEL SITO PUBBLICO N. 8 TRALICCIO COMUNALE MULTIGESTORE IN VIA MARONE P.ED.

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna Deliberazione n. 75 COPIA Cat._4_ Cl. _4_ Fasc. _1_ Prot. n._0010628_ del _29/04/2009 /Cg VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/06/2015 OGGETTO: ATTIVITA' LEGALE NELLA PROCEDURA DI RECUPERO

Dettagli

COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI

COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI il presente verbale viene letto e sottoscritto come segue: IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE f.to Avv. Simone Petrangeli f.to dott.ssa Rosa Iovinella COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

copia n 198 del 20.05.2015 OGGETTO : CORSO DI GIORNALISMO PROVVEDIMENTI.

copia n 198 del 20.05.2015 OGGETTO : CORSO DI GIORNALISMO PROVVEDIMENTI. CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 198 del 20.05.2015 OGGETTO : CORSO DI GIORNALISMO PROVVEDIMENTI. L anno duemilaquindici il giorno VENTI del mese di

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE di CIVITA D ANTINO (L AQUILA) VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 18 del Reg. del 22/02/2012 OGGETTO: Affidamento incarico di brokeraggio per l'analisi e la gestione dei rischi

Dettagli

copia n 092 del 04.03.2015

copia n 092 del 04.03.2015 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 092 del 04.03.2015 OGGETTO : ART.10 D.L. N.90/2014 CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA LEGGE N.114/2014 ABROGAZIONE DIRITTI

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 10 del 11-05-2009 COPIA OGGETTO:PROTOCOLLO D'INTESA PER LO SVILUPPO TERRITORIALE DEL SUD SALENTO ATTRAVERSO LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma

COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma COPIA COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 24 del 10-03-2015 OGGETTO: D. Lgs. 15 novembre 1993, n. 507- Determinazione delle tariffe per l'applicazione

Dettagli

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ Codice n. 10965 Data: 27/05/2009 GC N. 206 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADESIONE ALLA PROPOSTA DI SALA

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2012 DELIBERAZIONE N.41 del 30/06/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE COPIA C O M U N E D I M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 21 Reg. Deliberazioni N. 1034.1034/2014 di Prot. G. OGGETTO: Affidamento del compito di Mobility

Dettagli

COMUNE DI NUVOLENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI NUVOLENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE COMUNE DI NUVOLENTO ORIGINALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 66 DEL 25.05.2010 L anno DUEMILADIECI addì venticinque del mese di maggio alle ore 18.00 nella Sala delle adunanze.

Dettagli

N. 117 Del 28/07/2015

N. 117 Del 28/07/2015 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 117 Del 28/07/2015 OGGETTO: Approvazione bilancio partecipativo anno 2015 - STANZIAMENTO

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 06/07/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 06/07/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 06/07/2011 ================================================================= OGGETTO: QUESTIONARI DI CUSTOMER SATISFACTION

Dettagli

L anno duemilaquindici addì ventisette del mese di maggio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 11:00

L anno duemilaquindici addì ventisette del mese di maggio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 11:00 PAG. 1 1 OGGETTO: Adesione al Polo di Conservazione Marche DigiP. Approvazione convenzione tra la Regione Marche ed il Comune di Macerata per i servizi di conservazione dei documenti informatici. L anno

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 101- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 101 Del 09.09.2009 OGGETTO: BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE DI COMPETENZA DEGLI

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 30/2014 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 22/04/2014 - delibera n.30 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di Firenze

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 3 del 22-01-15 ORIGINALE Oggetto: APPROVAZIONE PIANO PER LA PREVENZIONE DELLA CORRU= ZIONE 2015/2017 E RELATIVI ALLEGATI. L'anno duemilaquindici il giorno ventidue

Dettagli

COMUNE DI CANCELLARA

COMUNE DI CANCELLARA COMUNE DI CANCELLARA Via Salvatore Basile n. 1 C.A.P. 85010 PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE REG. N. 7 DEL 05/03/2014 COPIA ALBO OGGETTO: APPROVAZIONE "PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 55/2015 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 27/08/2015 - delibera n.55 OGGETTO: ALIENAZIONE AUTOCARRO COMUNALE. L'anno

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese Provincia di Varese DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A N. 2 Reg. Deliberazioni OGGETTO: BANDO REGIONE LOMBARDIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE DI INTERVENTI

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA

PROVINCIA DI PISTOIA PROVINCIA DI PISTOIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Seduta del lo APRILE 2010 Atto n. 37 OGGETTO: APPROVAZIONE DEI TARGET PRIORITARI DI CUI ALL'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RICOLLOCAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CAMIGLIANO

COMUNE DI CAMIGLIANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 06 del 26/01/2010 avente ad oggetto: APPROVAZIONE SCHEMA DI PARTECIPAZIONE Avviso d'interesse destinato ai soggetti del privato sociale funzionale alla

Dettagli

VIA UMBERTO I, 30 C.F. e P. IVA 01277110837 N. 08 Del 19/02/2009 OGGETTO: Acquisto materiale di cancelleria per gli uffici comunali. Imputazione della spesa. Assegnazione risorse all Economo Comunale.

Dettagli

DELLA GIUNTA COMUNALE

DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.75 25.05.2013 OGGETTO: ANTICIPAZIONE DI LIQUIDITA' AI SENSI DELL'ARTICOLO 1, COMMA 13 DEL D.L. 08.04.2013,

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 42 Del 23-04-2012 C O P I A Oggetto: Incarico per la redazione del piano di continuità operativa e del piano di

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 DEL 28/02/2014 OGGETTO: EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONNETTIVITA E SICUREZZA

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011 ================================================================= OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE

Dettagli