Linee guida in materia di trasparenza e obblighi di pubblicità di Mariangela Di Giandomenico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida in materia di trasparenza e obblighi di pubblicità di Mariangela Di Giandomenico"

Transcript

1 Linee guida in materia di trasparenza e obblighi di pubblicità di Mariangela Di Giandomenico 1. Il principio generale di trasparenza nella Legge anticorruzione e nel Decreto trasparenza 2. L ambito soggettivo di applicazione 3. Gli obblighi di pubblicità: i contenuti generali e le limitazioni 3.1. I contenuti generali 3.2. Le limitazioni 4. Il diritto di accesso civico 5. La programmazione. Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità (PTTI) 6. I singoli obblighi di pubblicazione previsti dal Decreto 6.1. Gli obblighi di pubblicazione concernenti l organizzazione e l attività delle pp.aa Gli obblighi di pubblicazione concernenti i componenti degli organi di indirizzo politico e concernenti i titolari di incarichi dirigenziali e di collaborazione o consulenza Gli obblighi di pubblicazione concernenti la dotazione organica e il costo del personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e dei dati relativi al personale non a tempo indeterminato Gli obblighi di pubblicazione dei dati degli incarichi conferiti ai dipendenti pubblici, relativi alla valutazione della performance e sulla contrattazione collettiva Obblighi di pubblicazione dei dati relativi agli enti pubblici vigilati, e agli enti di diritto privato in controllo pubblico, nonché alle partecipazioni in società di diritto privato Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi Bandi di concorso Obblighi di pubblicazione degli atti di concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e attribuzione di vantaggi economici Pubblicità dei rendiconti dei gruppi consiliari regionali e provinciali 6.2. Gli obblighi di pubblicazione concernenti l uso delle risorse pubbliche, le prestazioni offerte e i servizi erogati 6.3. Gli obblighi di pubblicazione in settori speciali 7. La vigilanza e le sanzioni 8. Conclusioni 1

2 1. Il principio generale di trasparenza nella Legge anticorruzione e nel Decreto trasparenza La legge 190/2012 (di seguito la Legge ) affida alla trasparenza dell attività amministrativa un ruolo decisivo per la lotta alla corruzione e all illegalità nella pubblica amministrazione. La trasparenza costituisce livello essenziale delle prestazioni che devono essere garantite su tutto il territorio nazionale, ai sensi dell art. 117, comma 2 lett. m Cost. 1 ed è assicurata mediante la pubblicazione sui siti web istituzionali delle pubbliche amministrazioni, delle informazioni relative ai procedimenti amministrativi, secondo criteri di facile accessibilità, completezza e semplicità di consultazione (art. 1, comma 15 della Legge). La Legge individua anche i procedimenti amministrativi ritenuti più a rischio corruzione e per i quali i livelli essenziali suddetti devono essere principalmente assicurati. Si tratta dei procedimenti di: a) autorizzazione e concessione ; b) scelta del contraente per l affidamento di lavori, forniture e servizi ; c) concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati ; d) concorsi e prove selettive per l assunzione di personale e progressioni di carriera (art. 1, comma 16). La Legge ha quindi delegato il Governo ad adottare un decreto legislativo di riordino degli obblighi di pubblicità e trasparenza a carico delle p.a. 1 La circostanza che la trasparenza così intesa costituisca un livello essenziale delle prestazioni è un principio acquisito e derivante dalla legge 150 del La materia, che si vuole attrarre alla competenza legislativa esclusiva dello Stato, presenta profili di evidente competenza residuale delle regioni o ancor più degli enti locali, toccando l organizzazione e lo svolgimento delle funzioni proprie dei medesimi enti. E noto che ai sensi dell art. 117 comma 6 Cost., gli enti locali hanno potestà regolamentare in ordine alla disciplina dell organizzazione e dello svolgimento delle funzioni loro attribuite. 2

3 In attuazione della delega, il Governo ha adottato il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 (di seguito il Decreto) recante il riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Il Decreto non solo riorganizza e semplifica le norme già esistenti in tema di obblighi di informazione, pubblicità e trasparenza, ma integra, secondo i criteri di delega previsti dalla Legge, anche il quadro normativo vigente, introducendo uno specifico sistema sanzionatorio in caso di omesso, ritardato o inesatto adempimento degli obblighi di pubblicazione e prevedendo anche un nuovo istituto: il diritto di accesso civico. Le norme del Decreto costituiscono esercizio della funzione di coordinamento informativo statistico e informatico dei dati dell amministrazione statale, regionale e locale di cui all art. 117, comma 2 lett. r) 2 e individuano, come dispone la Legge, il livello essenziale delle prestazioni erogate dalle amministrazioni ai fini di trasparenza, prevenzione e contrasto della corruzione e della cattiva amministrazione, ai sensi dell art. 117, comma 2 lett. m) Cost. 2 La definizione del contenuto e dell ambito di estensione del predetto coordinamento statale, con riferimento ai sistemi informativi degli enti territoriali, si presenta tuttavia problematico, potendo incidere sulle competenze dei medesimi enti, parimenti costituzionalmente garantite, in materia di organizzazione e ordinamento dei propri uffici e servizi. Al riguardo, la Corte costituzionale (sentenza , n. 271) ha anzitutto sancito che il predetto coordinamento statale non preclude alle Regioni la possibilità di organizzare, nelle materie di propria competenza, un proprio sistema informativo in cui far confluire i diversi dati conoscitivi che sono nella disponibilità delle istituzioni regionali e locali o di altri soggetti interessati, purché siano rispettate le norme statali in materia di tutela dei dati personali. La Corte rileva la strumentalità del patrimonio informativo all esercizio delle competenze proprie dell ente, costituendo l informazione in sé il necessario supporto conoscitivo delle stesse. In ragione del nesso esistente tra gestione delle informazioni ed esercizio delle competenze, la Corte Costituzionale ha dunque ridotto la portata del contenuto del coordinamento di cui al cit. art. 117, comma 2, lett. r), attribuendogli una natura meramente tecnica. Stabilire tuttavia se un determinato intervento normativo sia riconducibile alla nozione di coordinamento tecnico non è operazione agevole. La Corte (sentenza n. 36/04) rileva l esistenza di un coordinamento tecnico quando l intervento normativo è diretto ad assicurare una comunanza di linguaggi, di procedure e a definire standard omogenei che permettano la comunicazione tra sistemi informatici dell Amministrazione. A riguardo la Corte costituzionale (sentenza n. 31 del 2005) tenta infatti un contemperamento rinviando a strumenti di raccordo previsti nell ordinamento, come gli accordi e le intese in sede di Conferenza Unificata Stato - Regioni - autonomie locali. 3

4 Si deve notare da subito che questa normativa è di immediata applicazione agli enti locali, salvo quanto stabilito con l intesa in sede di Conferenza unificata (di cui si dirà infra). Ciò costituisce una importante novità, in quanto gli enti locali, in precedenza, se pur soggetti al principio di trasparenza come affermato dall art. 11 della l. n. 150 del 2009, non erano tenuti ad adottare le misure e gli strumenti nel dettaglio previsti dalla medesima norma (piano della trasparenza, sezione del sito trasparenza, valutazione e merito ). Mentre oggi, per effetto della Legge e del Decreto, sono chiamati ad adottare tutti gli strumenti e le misure ivi previste, con rilevanti conseguenze sul piano organizzativo e dell attività degli enti locali medesimi. Il Decreto declina il principio di trasparenza in termini di accessibilità totale 3 delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività delle pubbliche amministrazioni. Se il principio della trasparenza (o meglio il criterio della trasparenza) è sin dalla legge n. 241/90 uno dei principi guida dell azione amministrativa, in quanto espressione del canone costituzionale del buon andamento della pubblica amministrazione, appare invero costituire una novità l accento posto sulla strumentalità del principio ai fini della prevenzione della corruzione e l ampiezza del contenuto degli obblighi che dallo stesso principio sono stati fatti discendere. La trasparenza, così intesa, è difatti diretta a: i) favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche 4 ; ii) attuare il principio democratico e i principi costituzionali di eguaglianza, di imparzialità, buon andamento, responsabilità, efficacia ed efficienza nell'utilizzo di risorse pubbliche, integrità e lealtà nel servizio alla nazione ; 3 Questo concetto di accessibilità totale era già stato introdotto dall art. 11 del d.lgs n. 150/09 con riferimento all organizzazione della p.a. 4 Sembrerebbe dunque, entro certi limiti, essere superata la previsione dell art. 24 della l. n. 241/90 secondo cui non sono ammesse istanze di accesso preordinate ad un controllo generalizzato dell operato delle pubbliche amministrazioni (comma 3). 4

5 garantire libertà individuali e collettive, nonché [de]i diritti civili, politici e sociali. Inoltre, integra il diritto ad una buona amministrazione e concorre alla realizzazione di una amministrazione aperta, al servizio del cittadino (art. 1 del Decreto). Un concetto ampio e rinnovato dunque di trasparenza, che si lega con il principio democratico 5, agevolando sistemi di accountability e limitando o prevenendo così lo svolgersi di fenomeni illeciti 6. In quest ottica, l affermazione del diritto alla conoscibilità delle informazioni e dei dati oggetto di pubblicazione obbligatoria, sancito dal Decreto all art. 3 7, come si vedrà più ampiamente infra, è un aspetto importante della materia, perché rende effettivo, come si legge nella relazione allo schema di Decreto, il principio di totale accessibilità delle informazioni. Tuttavia, il fine ultimo perseguito dal Legislatore è quello di garantire non solo la conoscibilità, ma soprattutto la comprensione delle informazioni che vengono rese pubbliche, perché solo attraverso la comprensione si può attuare un controllo efficace. Se l accessibilità totale ha lo scopo di consentire il controllo democratico sull azione dei pubblici poteri, per verificarne la rispondenza alla legge e alle regole della buona amministrazione, allora l obiettivo della Legge non è solo (o meglio, non deve essere solo) quello di rendere pubbliche le informazioni relative all attività amministrativa, ma di rendere le stesse anche comprensibili. Di qui l importanza della previsione, contenuta nella Legge e poi specificata nel Decreto, 5 Si è affermato che anche l amministrazione (oltre che la politica) possa essere uno spazio pubblico nel quale realizzare forme di partecipazione, di controllo e, in generale, di democrazia (così G. Arena, Il punto sulla trasparenza amministrativa, 1999). Un concetto di trasparenza riferito peraltro non solo ai documenti, ma anche alle informazioni, e che per alcuni versi riprende la norma del TU Enti locali (d.lgs n. 267/00) sul diritto di accesso e di informazione (art. 10), secondo cui tutti gli atti dell amministrazione comunale e provinciale sono pubblici ed è garantito il diritto dei cittadini di accedere alle informazioni di cui è in possesso l amministrazione. 6 In questi termini si esprime anche il Rapporto della Commissione che è stata istituita dal Ministro Patroni Griffi per elaborare proposte in tema di prevenzione della corruzione e di trasparenza 7 La disposizione si ispira al Freedom of Information Act statunitense ed anche del Regno Unito. 5

6 che le informazioni siano facilmente accessibili, complete, integre, comprensibili. Trasparenza intesa dunque come diritto alla comprensione 8, che consente il controllo democratico dell esercizio del pubblico potere 9, attraverso cui assicurare la prevenzione dei fenomeni corruttivi o comunque di cattiva amministrazione 10. Se una notazione critica si può rivolgere al Legislatore, è quella di aver voluto operare con una normazione di dettaglio, con l elencazione dei singoli atti e documenti da rendere pubblici, con inevitabile rischio di generare incertezze in ordine alle singole fattispecie. Una clausola generale di pubblicità 11 di tutti gli atti e documenti della p.a., con la previsione di esclusioni generali e specifiche, avrebbe probabilmente reso più semplice il lavoro di chi ai suddetti obblighi di pubblicità è soggetto, ma anche dei privati cittadini in favore dei quali questi obblighi operano. 2. L ambito soggettivo di applicazione La Legge e il Decreto estendono ad una platea piuttosto ampia di soggetti il principio generale di trasparenza, nei termini esposti, nonché i connessi obblighi di pubblicità indicati dal Decreto medesimo. Gli obblighi di pubblicità e di trasparenza, come stabiliti dal Decreto, si applicano difatti: 8 Il diritto a comprendere si traduce in diritto a conoscere la verità senza il quale la società di corromperebbe (così A. Giuliani, Osservazioni sul diritto all informazione, in Studi in memoria di D. Pettiti, Milano, 1973) 9 Sul concetto di trasparenza come strumento di controllo democratico v. F. Merloni (a cura di) La trasparenza amministrativa, Milano Si nota che nella Circolare n. 1 del 25 gennaio 2013 del Dipartimento della Funzione Pubblica, relativa alla Legge si individua in maniera ampia il campo di azione della legge, affermandosi che il concetto di corruzione debba essere inteso in seno lato, come comprensivo delle varie situazioni in cui si ravvisi un malfunzionamento dell amministrazione. 11 Su questa linea si pone il citato art. 10 del T.U. enti locali 6

7 - alle pubbliche amministrazioni di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. 165/01 e dunque anche alle Regioni, Province, comuni, e loro associazioni; - alle società partecipate dalle suddette pubbliche amministrazioni e alle società da esse controllate, ai sensi dell art cod. civ. 12, limitatamente all attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o dell Unione europea (v. art. 11, commi 1 e 2 del Decreto e art. 1, comma 34 della Legge); - agli enti pubblici non economici. Per quanto attiene alle Regioni e agli enti locali, e agli enti pubblici e privati soggetti a loro controllo, la Legge ha previsto che attraverso apposite intese in Conferenza unificata venissero definiti gli adempimenti e i termini per dare sollecita attuazione alla Legge (art. 1, comma 60) da parte degli stessi; nonché gli adempimenti attuativi dei decreti legislativi previsti dalla Legge medesima (art. 1, comma 61), tra cui quello sulla trasparenza. L intesa prevista dalla Legge è stata sancita dalla Conferenza Unificata nella seduta del 24 luglio L intesa raggiunta ribadisce anzitutto - sul piano della trasparenza - l immediata applicazione alle Regioni e agli enti locali, nonché agli enti pubblici e soggetti privati sottoposti al controllo pubblico, degli obblighi previsti dal Decreto. Si afferma che le prescrizioni di trasparenza sono immediatamente precettive 13, e la relativa applicazione non deve attendere l adozione del decreto interministeriale previsto dall art. 1, comma 31 della Legge (punto 7). 12 Ai sensi dell art cod. civ., si considerano in controllo pubblico le società in cui: a) la pubblica amministrazione dispone la maggioranza dei voti esercitabili in assemblea; o b) la pubblica amministrazione dispone dei voti sufficienti per esercitare una influenza dominante nell assemblea (l influenza si presume quando nell assemblea può essere esercitato almeno un quinto dei voti ovvero un decimo se si tratta di società quotate); o c) la pubblica amministrazione ha una influenza dominante in virtù di particolari vincoli contrattuali. 13 Si fanno salve solo quelle riferite alla Sanità 7

8 L intesa sancisce altresì che il responsabile della trasparenza (in ordine ai soggetti preposti alla vigilanza e attuazione delle misure di trasparenza si dirà infra) possa coincidere con il responsabile della prevenzione della corruzione o essere un soggetto diverso, ferma restando la necessità di coordinamento tra le due figure e tra le attività di programmazione in materia di prevenzione della corruzione e della trasparenza (punto 2). Il responsabile della trasparenza deve essere unico (salvo per le Regioni in cui i responsabili della trasparenza devono essere due, uno per l organizzazione consiliare, l altro per l organizzazione della Giunta). Si prevede anche la possibilità di nominare da parte degli enti dei referenti per la trasparenza, quali punti di raccolta delle informazioni e segnalazioni da riportare al responsabile della trasparenza (punto 2 dell Intesa). Per quanto attiene al documento di programmazione triennale, Piano triennale della Trasparenza e dell integrità ( di seguito PTTI), di cui si dirà infra - se ne stabilisce l adozione anche per gli enti locali entro il 31 gennaio Nello stesso termine dovrà essere trasmesso al Dipartimento della funzione pubblica (mediante indicazione del link alla pubblicazione sul sito), con contestuale pubblicazione sul sito istituzionale e con evidenza del nominativo del responsabile della trasparenza (punto 4 dell Intesa). Questi termini valevano se il Piano nazionale anticorruzione (PNA) fosse stato approvato entro il 30 settembre, ciò che è accaduto, dato che il Piano è stato approvato dalla Commissione per la valutazione, l'integrità e la trasparenza delle pubbliche amministrazioni (CIVIT), quale Autorità nazionale anticorruzione, l 11 settembre 2013, con delibera n. 72 del Dunque, come si è anticipato, gli obblighi di pubblicità e trasparenza dettati dal Decreto sono immediatamente efficaci anche per gli enti locali. 8

9 3. Gli obblighi di pubblicità: i contenuti generali e le limitazioni 3.1. I contenuti generali Il Decreto stabilisce che tutti i documenti, le informazioni e i dati oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente sono pubblici. Al riguardo, va osservato che la circostanza che il Decreto abbia fatto riferimento agli obblighi di pubblicazione stabiliti dalla normativa vigente, dovrebbe far rientrare anche il citato art. 10 della TU enti locali tra il novero delle disposizioni normative che impongono la pubblicazione obbligatoria. Con la conseguenza che, per gli enti locali, il diritto di chiunque a conoscere tutti gli atti dell amministrazione provinciale e comunale dovrebbe essere garantito nelle forme previste dal Decreto. Il che avrebbe conseguenze significative per le amministrazioni locali medesime La suddetta pubblicità dei documenti, dati e informazioni comporta, difatti, in base al Decreto, il diritto di chiunque a conoscerli, a fruirne gratuitamente ed a riutilizzarli ai sensi dell art. 7 (art. 3, comma 1), oltre che la possibilità di esercitare l accesso civico, di cui si dirà infra. In base all art. 10 del TU cit,., invece, l accesso è regolato dall amministrazione locale, in base a disposizioni interne. Il modello scelto dal Decreto si ispira invece alla disciplina Statunitense dei Freedom of information acts, che garantisce l accessibilità a chiunque lo richieda, senza dover dimostrare quindi la sussistenza di un interesse qualificato o rilevante, fatte salve le eccezioni previste dalla legge. Inoltre, per pubblicazione si intende, secondo il Decreto, la pubblicazione in conformità alle specifiche e alle regole tecniche di cui all allegato A, nei siti istituzionali delle pubbliche amministrazioni (art. 2, comma 2). Siffatta pubblicazione comporta il diritto di chiunque di accedere ai siti direttamente ed immediatamente, senza autenticazione ed identificazione (art. 2, comma 2). 9

10 La trasparenza dunque si attua attraverso strumenti informatici e telematici e attraverso la rete internet, senza alcun filtro o limitazione all accesso. Questo è un altro elemento di novità introdotto dalla Legge, in linea con previsioni normative già esistenti (si pensi, tra tutte, al Codice dell Amministrazione digitale, di cui al d.lgs. n. 82 del 2005). Delle informazioni diffuse attraverso i siti istituzionali deve essere poi garantita la qualità (art. 6). Punto fondamentale, cui si è fatto cenno, per assicurare le finalità della Legge. Garantire la qualità delle informazioni vuol dire assicurarne l integrità, il costante aggiornamento, la completezza, la tempestività, la semplicità di consultazione, la comprensibilità, l omogeneità e la conformità ai documenti originali, l indicazione della loro provenienza. Ne consegue un obbligo per le pp.aa. di procedere ad un costante e tempestivo aggiornamento dei dati resi pubblici. Un dato non aggiornato o non fedele all originale a nostro avviso equivale ad omessa pubblicazione e comporta le sanzioni previste dal Decreto. Di questi dati, documenti e informazioni deve essere garantita anche la riutilizzabilità (art. 7 del Decreto) 14. La pubblicazione deve essere tempestiva e deve avere una durata di cinque anni e comunque segue la durata di efficacia dell atto (fatti salvi termini diversi stabiliti dalla legge) (art. 8 del Decreto). Le informazioni devono essere pubblicate sui siti in una apposita sezione denominata Amministrazione trasparente 15 e, scaduti i termini di pubblicazioni 14 Il riuso dell'informazione pubblica consiste nell utilizzazione della stessa per scopi diversi da quelli per le quali è stata creata. Più precisamente, per riutilizzo si intende l uso di documenti in possesso di enti pubblici da parte di persone fisiche o giuridiche a fini commerciali o non commerciali diversi dallo scopo iniziale per i quali i documenti sono stati prodotti. 15 Che sostituisce la precedente sezione trasparenza, valutazione e merito, prevista dall art. 11, comma 8 del d.lgs. n. 150 del

11 sono conservati e resi disponibili nella sezione del sito di archivio 16 (art. 9 del Decreto). Dunque la semplice pubblicazione di quanto stabilito dal Decreto sul sito internet istituzionale non è sufficiente per assolvere agli obblighi di pubblicazione di cui al Decreto, ma è necessario che tutto confluisca in una apposita sezione del sito denominata Amministrazione trasparente. Bisogna dunque tenere distinti gli obblighi di pubblicazioni previsti dal Decreto, da quelli previsti da altre disposizioni normative, che comunque permangono. Questione: La pubblicazione sull albo pretorio esonera dalla pubblicazione sul sito web nella sezione Amministrazione trasparente? No. La CIVIT ha chiarito il rapporto tra affissione di atti nell albo pretorio on line e il loro obbligo i pubblicazione sul sito, come stabilito dalla Legge, ritenendo opportuno tenere distinto l obbligo di affissione nell albo pretorio da quello di pubblicazione sul sito web, esprimendo l avviso pertanto, che l affissione degli atti nell albo pretorio on line non esonera l amministrazione dall obbligo di pubblicazione anche sul sito (Delibera n. 33/2012 del 18 dicembre 2012) Le limitazioni Affermato il principio generale che tutti i dati, documenti ed informazioni che la legge prevede siano pubblici, debbano essere oggetto di pubblicazione 16 Il Garante della privacy critica queste previsioni nel parere reso sullo schema del Decreto in quanto, per i dati personali, si determinerebbe una permanenza sul web sine die in violazione al diritto all oblio 11

12 obbligatoria nelle forme richiamate, assumono particolare rilievo i limiti alla trasparenza, dettati dall art. 4 del Decreto. La norma stabilisce dunque il contemperamento tra il principio di trasparenza e la disciplina in materia di protezione dei dati personali, di cui al d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 (Codice della privacy). Gli obblighi di pubblicazione dei dati personali, diversi dai dati sensibili e dai dati giudiziari, come definiti dal Codice della privacy 17, comportano la possibilità di diffondere i dati medesimi attraverso i siti istituzionali. I dati devono essere trattati nel rispetto dei principi sul trattamento dei dati personali stabiliti dal Codice della privacy (art. 4, comma 1). Le amministrazioni possono pubblicare anche dati, informazioni e documenti che non hanno l obbligo di pubblicare in base al Decreto o per previsione di legge o regolamento tuttavia, in tal caso, devono essere rispettati i limiti previsti dal Codice della privacy ricorrendo a forme di anonimizzazione dei dati personali laddove presenti (art. 4, comma 3). Questa specifica previsione è stata introdotta a seguito del parere che il Garante della privacy aveva espresso sullo schema di Decreto, il quale aveva segnalato, la necessità (e non la facoltà) di anonimizzazione dei dati personali laddove non vi sia una fonte di legge o di regolamento ad autorizzare la pubblicazione dei dati personali. Il Garante della privacy, nello stesso parere espresso sullo schema di Decreto, ha sottolineato la necessità del rispetto dei principi, di derivazione comunitaria, di pertinenza e non eccedenza dei dati personali e quello di 17 Ai sensi dell art. 4, comma 1 lett. d) i dati sensibili", sono i dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale; lett. e) i "dati giudiziari", sono i dati personali idonei a rivelare provvedimenti di cui all'articolo 3, comma 1, lettere da a) a o) e da r) a u), del d.p.r. 14 novembre 2002, n. 313, in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualità di imputato o di indagato ai sensi degli articoli 60 e 61 del codice di procedura penale 12

13 indispensabilità del trattamento dei dati sensibili e giudiziari anche in costanza di norme di legge e di regolamento che impongano la pubblicazione di atti e documenti. Ciò si è tradotto nella previsione del Decreto per la quale anche laddove le norme di legge e regolamento stabiliscano la pubblicazione di atti e documenti, le pubbliche amministrazioni provvedono a rendere non intellegibili sia i dati personali non pertinenti, sia i dati sensibili o giudiziari non indispensabili rispetto alle specifiche finalità di trasparenza della pubblicazione (art. 4, comma 4). La Circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione pubblica n. 2/2013 del 19 luglio 2013 ha di conseguenza richiamato le amministrazioni e gli altri soggetti obbligati al rispetto delle norme del Decreto ad adottare tutte le cautele necessarie per evitare una indebita diffusione di dati personali, che comporta un trattamento illegittimo, consultando gli orientamenti del Garante della privacy per ogni caso di dubbio. Dunque, ogniqualvolta si debba procedere ad una pubblicazione di atti e documenti in base al Decreto o ad altre disposizioni di legge e regolamento, all amministrazione si impone di valutare in via preventiva i riflessi che ne discendono sul piano della tutela della privacy. Il Garante richiama, portandolo ad esempio, il caso della pubblicazione obbligatoria da parte degli enti locali delle proprie deliberazioni, che imporrebbe all amministrazione comunale, afferma il Garante, di valutare con estrema attenzione le stesse tecniche di redazione delle deliberazioni e dei loro allegati. Ciò, soprattutto quando vengano in considerazione informazioni sensibili (si pensi ad esempio agli atti adottati nel quadro dell'attività di assistenza e beneficenza, che comportano spesso la valutazione di circostanze e requisiti personali che attengono a situazioni di particolare disagio). In proposito, può risultare utile menzionare tali dati solo negli atti a disposizione negli uffici (richiamati quale presupposto della deliberazione e consultabili solo da interessati e controinteressati), come pure menzionare delicate situazioni di 13

14 disagio personale solo sulla base di espressioni di carattere più generale o, se del caso, di codici numerici. Si è inteso riportare per intero questo passaggio del parere che appare particolarmente rilevante per gli enti locali soggetti alla normativa sulla trasparenza, imponendo significativi adempimenti per gli stessi. In ogni caso, la pubblicazione di dati personali non può riguardare dati idonei a rivelare lo stato di salute delle persone o la vita sessuale degli individui e restano altresì fermi i limiti alla diffusione e all accesso delle informazioni di cui ai commi 1 e 6 dall art. 24 della l. n. 241/90 (art. 4, comma 5). Il riferimento a queste ultime disposizioni della legge n. 241/90 appare però porre alcuni dubbi interpretativi e di coordinamento, se si considera che il comma 1 dell art. 24 esclude il diritto di accesso nei confronti dell attività della p.a. diretta all emanazione, ad esempio, di atti di pianificazione generale, mentre il Decreto, all art. 39, prevede al contrario misure di trasparenza anche in relazione alla predetta attività di pianificazione. Una particolare disciplina viene dettata inoltre per i dati relativi ai titolari di organi di indirizzo politico di indirizzo politico e di uffici o incarichi di diretta collaborazione, nonché a dirigenti titolari degli organi amministrativi (art. 4, comma 2). La pubblicazione di questi dati, prevista dal Decreto, ha la specifica finalità di attuare il principio della trasparenza pubblica. Ne consegue che la trasparenza viene individuata come una finalità di rilevante interesse pubblico che, ai sensi delle norme del Codice della privacy, legittima il trattamento dei dati sensibili e giudiziari. E il Garante della privacy ha sostenuto, nel parere al Decreto, che, sul piano applicativo, le amministrazioni debbano valutare la necessità di individuare, con regolamento, i tipi di dati sensibili e giudiziari e le tipologie di operazioni eseguibili per il trattamento dei suddetti dati. 14

15 4. Il diritto di accesso civico Il Decreto introduce un nuovo istituto, l accesso civico (art. 5). Il diritto di accesso civico è il diritto di chiunque di richiedere documenti, informazioni o dati, per i quali la normativa vigente stabilisce un obbligo di pubblicazione da parte delle pubbliche amministrazioni, laddove la pubblicazione medesima sia stata omessa (comma 1). L accesso civico non richiede una motivazione e tutti possono avanzare la richiesta, non essendo prevista (a differenza di quanto stabilisce la normativa della Legge n. 241/90 sull accesso ai documenti amministrativi) la verifica di una situazione legittimante in capo all istante (un interesse diretto, concreto ed attuale, come per l accesso ai documenti amministrativi, ex art. 24 l. n. 241/90). La norma prevede difatti che la richiesta di accesso civico non è sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente, non deve essere motivata, è gratuita (comma 2). La richiesta è rivolta al responsabile della trasparenza dell amministrazione obbligata alla pubblicazione, il quale si pronuncia sulla stessa. L amministrazione è tenuta a rispondere entro trenta giorni, procedendo alla pubblicazione sul sito di quanto richiesto e alla relativa trasmissione contestuale al richiedente, con l indicazione del link a quanto richiesto (comma 3). In caso di ritardo o mancata risposta scattano i poteri sostitutivi dei soggetti preposti nell amministrazione, ai sensi dell art. 2, comma 9 bis l. n. 241/90. In questo caso, dunque, interviene il titolare del potere sostitutivo che provvede sulla richiesta (comma 4). La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione pubblica, nella Circolare n. 2/2013 avente ad oggetto il d.lgs. n. 33/2013, ha 15

16 sottolineato l importanza dell accesso civico in rapporto alle finalità di prevenzione della corruzione e di controllo democratico sull attività amministrativa, fungendo in sostanza da deterrente. Tuttavia, si è altresì evidenziato che l accesso civico non sostituisce il diritto di accesso di cui all art. 22 della L. n. 241/1990. In sostanza, nell ordinamento convivono due differenti regimi di accesso, aventi contenuto e modalità di attuazione differenti: i) il regime dell accesso civico, che riguarda i documenti, informazioni e dati che, ai sensi del Decreto e delle altre disposizioni vigenti, le amministrazioni devono pubblicare che non richiede legittimazione; ii) il regime dell accesso di cui alla L. n. 241/90, che si esercita con la visione o estrazione di copia di documenti amministrativi, che richiede la sussistenza di un interesse diretto, concreto e attuale che si rapporti ad un interesse giuridicamente rilevante del richiedente, e che dunque comporta una indagine sulla legittimazione del richiedente all accesso medesimo. Il funzionario amministrativo, pertanto, investito di una istanza di accesso, dovrà preventivamente verificare se quanto richiesto doveva essere oggetto di pubblicazione in base alla normativa vigente e, in caso positivo, rimettere al responsabile della trasparenza l istanza, il quale provvederà ad esibire i dati e pubblicarli sul sito, senza alcuna verifica in ordine alla legittimazione o all interesse del richiedente; e, nel caso in cui non vi sia il suddetto obbligo di pubblicazione, verificare la legittimazione del richiedente e consentire l accesso secondo gli ordinari criteri stabiliti dalla l. n. 241/90. Non appare in realtà chiaro quanto l accesso civico eroda lo spazio del diritto di accesso, come disciplinato dalla legge 241/90. Si dovrà distinguere dunque tra quanto è oggetto di pubblicazione per legge, per cui vale la disciplina 16

17 dell accesso civico e i restanti atti e documenti, per cui si dovrà applicare la disciplina della l. n. 241/90. La tutela del diritto di accesso civico è affidata al giudice amministrativo (comma 5). In realtà, il diritto di accesso civico è un diritto soggettivo, più che come un interesse legittimo e pertanto da taluni sono stati espressi dubbi in ordine alla configurabilità di una giurisdizione amministrativa al riguardo 18. Il legislatore tuttavia ha voluto attrarre anche alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo la materia, al pari di quella del diritto di accesso di cui alla L. n. 241/1990. Dunque, i privati potranno ricorrere al tribunale amministrativo regionale competente in caso di mancata pubblicazione degli atti richiesti o in assenza di risposta. La richiesta di accesso civico comporta da parte del responsabile della trasparenza, l obbligo di segnalazione, di cui all art. 43, comma 5 del Decreto, all ufficio disciplina, ai fini dell eventuale attivazione di un procedimento disciplinare, e al vertice politico dell amministrazione, nonché all Organismo interno di vigilanza (OIV) ai fini dell attivazione delle altre forme di responsabilità (comma 6). Questione. Il responsabile della trasparenza nella p.a. è, di regola, come meglio si dirà infra, il dirigente nominato come responsabile per la prevenzione della corruzione, il quale, di norma è il dirigente che è posto nell organigramma dell ente al massimo livello gestionale (v. art. 1, comma 7 della Legge). 18 V. in particolare, G. Cumin, Il nuovo diritto civico di accesso, con particolare riguardo alla giurisdizione del G.A., in Lexitalia n. 4/

18 Ne discende che, in caso di inerzia, è difficile rintracciare nell ente pubblico un dirigente che possa intervenire in via sostitutiva e che abbia una qualifica superiore al soggetto sostituito. La CIVIT, per risolvere il problema, ha suggerito che il Responsabile della trasparenza deleghi ad altro dipendente le funzioni relative all accesso civico, in modo che il potere sostitutivo possa rimanere in capo al Responsabile stesso (delibera n. 50/2013 del 4 luglio 2013, di cui infra). Inoltre, Secondo la Circolare della Funzione pubblica n. 2/2013, è necessario per le amministrazioni provvedere alla nomina di un soggetto che si sostituisca al responsabile inadempiente. Nel caso di mancata individuazione espressa, il potere sostitutivo - si legge nella circolare - si considera attribuito al dirigente generale o, in mancanza, al dirigente preposto all ufficio o, in mancanza, al più elevato livello presente nell amministrazione. 5. La programmazione. Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità (PTTI) Nell affermazione del principio generale di trasparenza assume particolare rilevanza il profilo della programmazione. Il Decreto - che ha in parte modificato la disciplina contenuta all art. 11 del d.lgs. n. 150 del prevede che ogni amministrazione, sentite le associazioni rappresentate nel Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti, adotta un Programma triennale per la trasparenza e l'integrità (PTTI), da aggiornare annualmente (entro il 31 gennaio) (comma 1). Quanto al contenuto dell atto di programmazione, il Decreto prevede che in esso siano indicate le iniziative previste per garantire: un adeguato livello di 18

19 trasparenza, anche sulla base delle linee guida elaborate dalla CIVIT (di cui si dirà infra); la legalità e lo sviluppo della cultura dell'integrità (art. 10, comma 1 del Decreto). In particolare, il PTTI specifica le modalità, i tempi di attuazione, le risorse dedicate e gli strumenti di verifica dell'efficacia delle iniziative svolte ed indica le misure organizzative dirette ad assicurare da parte dei dirigenti la regolarità e tempestività del flusso delle informazioni da pubblicare (comma 2). Dato che la trasparenza è stata intesa come strumento necessario per la lotta alla corruzione, la Legge e il Decreto stabiliscono una connessione molto stretta tra PTTI e PNA. Il PTTI difatti costituisce di norma una sezione del Piano di prevenzione della corruzione e le misure del programma triennale sono collegate, sotto l indirizzo del responsabile, con le misure e gli interventi previsti dal Piano di prevenzione della corruzione (art. 10, comma 2). Il PTTI è altresì strettamente connesso con il Piano della performance e con gli analoghi strumenti previsti negli enti locali, in quanto la promozione della trasparenza viene a costituire un area strategica di ogni amministrazione, da tradursi nella definizione di obiettivi organizzativi e individuali (art. 10, comma 3). La CIVIT, con Delibera n. 50/2013 del 4 luglio 2013 ha definito le richiamate Linee guida per l aggiornamento del PTTI Secondo le Linee guida, il PTTI, può essere costituito anche da un documento distinto dal PNA, purchè con lo stesso coordinato. E il coordinamento viene assicurato dal Responsabile della trasparenza. La CIVIT sottolinea che all interno del PTTI devono essere previste specifiche misure di monitoraggio e di vigilanza sull attuazione degli obblighi di trasparenza, la cui definizione è però rimessa all autonomia organizzativa delle singole amministrazioni. Dunque le amministrazioni potranno graduare e definire le proprie misure di controllo in base alla propria specifica organizzazione. 19

20 Il possibile indice/contenuto del PTTI è riportato nelle Linee guida, ma non è vincolante, anche se costituisce una traccia uniforme e valida per l elaborazione del PTTI. In linea generale, come indica la CIVIT, il PTTI: i) riporta l organizzazione dell amministrazione e le funzioni cui è preposta; ii) indica le eventuali innovazioni (se vi sono) rispetto ai programmi precedenti (se adottati); iii) indica il procedimento di elaborazione e adozione del PTTI, con l illustrazione: degli obiettivi stabiliti in materia di trasparenza, dei collegamenti con il Piano della performance o con analoghi strumenti di settore, degli uffici e i dirigenti coinvolti nell elaborazione del PTTI, delle modalità di coinvolgimento dei stakeholder e i risultati del coinvolgimento, dei termini e le modalità di adozione del PTTI da parte degli organi di vertice 19 ; iv) illustra le iniziative di comunicazione della trasparenza; v) indica il processo di attuazione del programma: individuando i dirigenti responsabili della trasmissione dei dati da pubblicare e i dirigenti responsabili della pubblicazione e dell aggiornamento dei dati; nonché eventuali referenti per la trasparenza e specificando le modalità di coordinamento con il Responsabile della trasparenza; indicando: le misure organizzative volte ad assicurare la regolarità e la tempestività dei flussi informativi; le misure di monitoraggio e di vigilanza sull attuazione degli obblighi di trasparenza a supporto dell attività di controllo dell adempimento da parte del responsabile della trasparenza; gli strumenti e le tecniche di rilevazione dell effettivo utilizzo dei dati da parte degli utenti della 19 Per i comuni, il soggetto preposto all approvazione del PTTI dovrebbe essere il Consiglio comunale, in ragione delle funzioni allo stesso attribuite dal d.lgs. n. 267/2000, T.U. enti locali 20

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015 Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Bologna ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Massa Carrara ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte

Dettagli

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T.

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Verona ai

Dettagli

1. Il concetto di trasparenzae le finalità della Legge

1. Il concetto di trasparenzae le finalità della Legge Note in tema di obblighi di trasparenza e pubblicità nella Legge anticorruzionee nel Decreto attuativo Mariangela Di Giandomenico 1. Il concetto di trasparenzae le finalità della Legge La legge 190/2012

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dei Consigli territoriali

Dettagli

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Consigli territoriali dell Ordine degli ingegneri ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Capo I Definizioni e principi generali Articolo 1 (Definizioni)

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

Il presente regolamento è emanato ai sensi dell art. 2 comma 2 bis del D.L. 31 agosto 2013 n. 101, convertito nella L. 30 ottobre 2013 n. 125.

Il presente regolamento è emanato ai sensi dell art. 2 comma 2 bis del D.L. 31 agosto 2013 n. 101, convertito nella L. 30 ottobre 2013 n. 125. Regolamento recante obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte dell Ordine degli avvocati presso l ex Tribunale di Sanremo Il presente regolamento è emanato ai sensi dell

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016

LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016 LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016 Introduzione: organizzazione e funzioni dell Amministrazione Il principio di trasparenza va

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. Comune di Arnesano

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. Comune di Arnesano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Comune di Arnesano Approvato con deliberazione di GC n. 09 del 30/01/2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PREMESSE

Dettagli

Comune di San Pellegrino Terme. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016

Comune di San Pellegrino Terme. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016 Comune di San Pellegrino Terme PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 3,03 del 31 gennaio 2014 SOMMARIO INTRODUZIONE - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza pag.3 pag.4 Misure

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA La direttiva 91/383/CEE è pubblicata nella G.U.C.E. 29 luglio 1991, n. 206. La direttiva 92/29/CEE è pubblicata nella G.U.C.E. 30 aprile 1992, n. 113. La direttiva 94/33/CE è pubblicata nella G.U.C.E.

Dettagli

COMUNE DI REALMONTE PROVINCIA DI AGRIGENTO

COMUNE DI REALMONTE PROVINCIA DI AGRIGENTO COMUNE DI REALMONTE PROVINCIA DI AGRIGENTO PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015 2017 A cura del Responsabile per la Trasparenza Dott. Chiara Salvatore Approvato dalla Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 (Sezione del Piano triennale di prevenzione della corruzione) Introduzione L amministrazione trasparente

Dettagli

L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi riscontrati e soluzioni adottate

L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi riscontrati e soluzioni adottate Tavola rotonda: Trasparenza e tracciabilità Normativa e tecnologia insieme nella lotta alla corruzione L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA (ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE) ANNI 2014 2015 2016 PARTE I Introduzione 1.1 Organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Approvato con Deliberazione Consiglio Direttivo n. 18 16 del 29.04.16 1. INTRODUZIONE Al fine di ottenere il massimo coinvolgimento degli stakeholder,

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (P.T.T.I)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (P.T.T.I) COMUNE DI LUSTRA (Provincia di Salerno) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (P.T.T.I) 2015 2017 Predisposto dal responsabile della trasparenza Adottato in data 05.02.2015 con deliberazione

Dettagli

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE ALLEGATO N. 2 AL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI ALLUMIERE Marzo 2015 1 1)

Dettagli

Linee guida agli enti controllati e partecipati dal Comune di Torino in merito agli obblighi di trasparenza (D. Lgs. 33/2013)

Linee guida agli enti controllati e partecipati dal Comune di Torino in merito agli obblighi di trasparenza (D. Lgs. 33/2013) Linee guida agli enti controllati e partecipati dal Comune di Torino in merito agli obblighi di trasparenza (D. Lgs. 33/2013) Quadro normativo Il D.L. 90/2014, convertito in L. 114/2014 (art. 24 bis) ha

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

FONDAZIONE LA CASA ONLUS PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ 2016-2018

FONDAZIONE LA CASA ONLUS PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ 2016-2018 FONDAZIONE LA CASA ONLUS PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ 2016-2018 Approvato dal Consiglio Direttivo in data 17 dicembre 2015 INDICE

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2014-2016 1 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre

Dettagli

#DECRETOTRASPARENZA. cosa cambia per le PA. Avv. Prof. Ernesto Belisario. www.ernestobelisario.eu

#DECRETOTRASPARENZA. cosa cambia per le PA. Avv. Prof. Ernesto Belisario. www.ernestobelisario.eu #DECRETOTRASPARENZA cosa cambia per le PA Avv. Prof. Ernesto Belisario www.ernestobelisario.eu SOMMARIO IL DECRETO LEGISLATIVO 33/2013 (introduzione e obblighi) LE CRITICITA DA AFFRONTARE COME CAMBIANO

Dettagli

C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016. Più la scrittura è trasparente e più la poesia è visibile.

C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016. Più la scrittura è trasparente e più la poesia è visibile. C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 1. Introduzione 1.1. L amministrazione trasparente La nozione di trasparenza, già introdotta nell ordinamento dall

Dettagli

CONSORZIO SIR UMBRIA *** PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE N.

CONSORZIO SIR UMBRIA *** PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE N. CONSORZIO SIR UMBRIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 *** ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE N. 5 DEL 30/01/2014 1. Introduzione 1. Le fonti di diritto La P.A. è chiamata

Dettagli

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE sottosezione del singolo obbligo Contenuti dell'obbligo Aggiornamento Disposizioni generali Attestazioni OIV o struttura analoga Art. 14, c. 4, lett. g), 150/2009 Attestazioni OIV o struttura analoga Attestazione

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 14/05/2015 con delibera n 4 del Verbale n. 7. AFOL Metropolitana Agenzia Metropolitana

Dettagli

COMUNE DI VALDENGO BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

COMUNE DI VALDENGO BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ COMUNE DI VALDENGO BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Sommario Premessa... 3 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione... 4 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Comune di Prata di Pordenone Approvato con delibera di Giunta n 9 del 21 gennaio 2014 Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2014-2016 Sottotitoli del catalogo Redatto in conformità

Dettagli

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 Il principio di Trasparenza deve essere inteso come accessibilità totale, anche attraverso lo strumento

Dettagli

Trasparenza e integrità

Trasparenza e integrità Trasparenza e integrità In base al D.Lgs.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni e alle

Dettagli

ILLUSTRAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33

ILLUSTRAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 ILLUSTRAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (RIORDINO DELLA DISCIPLINA RIGUARDANTE GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI).

Dettagli

E-privacy 2014 - spring edition

E-privacy 2014 - spring edition Quale equilibrio fra trasparenza, apertura e privacy nello scenario del d.lgs. 33/2013? E-privacy 2014 - spring edition Firenze, 5 aprile 2014 - L evoluzione verso l open government 2 Lo sviluppo della

Dettagli

Capo I Definizioni e principi generali. Articolo 1. Definizioni. Articolo 2. Oggetto del regolamento

Capo I Definizioni e principi generali. Articolo 1. Definizioni. Articolo 2. Oggetto del regolamento Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazione da parte della Commissione di garanzia dell attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, ai

Dettagli

COMUNE DI VIZZINI PROVINCIA DI CATANIA PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E L INTEGRITA' 2015-2017. ( D.Lgs. 14 marzo 2013, n.

COMUNE DI VIZZINI PROVINCIA DI CATANIA PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E L INTEGRITA' 2015-2017. ( D.Lgs. 14 marzo 2013, n. COMUNE DI VIZZINI PROVINCIA DI CATANIA PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E L INTEGRITA' 2015-2017 ( D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 74 del 07/11/2014 PREMESSA

Dettagli

Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale

Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI CONTENUTI ANCHE IN ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI,

Dettagli

AZIENDA PUBBLICI SERVIZI AOSTA società per azioni. Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità.

AZIENDA PUBBLICI SERVIZI AOSTA società per azioni. Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità. AZIENDA PUBBLICI SERVIZI AOSTA società per azioni Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità. Predisposto dal Responsabile della Trasparenza. Adottato dal Consiglio di Amministrazione Aps spa.

Dettagli

Provincia di Bergamo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

Provincia di Bergamo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa......2 1. Responsabilità, elaborazione, adozione e aggiornamento del Programma... 4 2. I dati da pubblicare sul sito istituzionale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017 Integralmente elaborato e redatto (unitamente agli allegati) dal Responsabile per la Trasparenza di Æqua Roma, come da normativa. Approvato

Dettagli

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento

Dettagli

Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018

Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018 Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018 1. Introduzione Il presente programma è adottato nel rispetto della vigente normativa in materia di trasparenza (D. Lgs.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017. Comune di Civita Castellana TESTO IN CONSULTAZIONE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017. Comune di Civita Castellana TESTO IN CONSULTAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Civita Castellana TESTO IN CONSULTAZIONE 1. Introduzione 1.1. Legge 6 novembre 2012, n. 190. In attuazione della delega disposta

Dettagli

Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 Dicembre 2014 1 Sommario Introduzione... 3 L applicazione del d.lgs. alle Fondazioni universitarie... 3 L adozione di un Programma triennale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015-2016 - 2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015-2016 - 2017 COMUNE DI BERGEGGI PROVINCIA DI SAVONA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015-2016 - 2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA La trasparenza è lo strumento

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n.41/2014 INDICE PREMESSA... 3 1. LE PRINCIPALI

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO. (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO. (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA' E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI LANCIANO Approvato

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

Le 3 anime dei siti web delle Amministrazioni e Aziende pubbliche

Le 3 anime dei siti web delle Amministrazioni e Aziende pubbliche Le 3 anime dei siti web delle Amministrazioni e Aziende pubbliche 1. Comunicazione istituzionale (Responsabile della Comunicazione) 2. Assolvimento degli obblighi di legge (Responsabile Prevenzione Corruzione,

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29.12.2009 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO I domini www.comune.mozzecane.vr.it

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017 Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017 1. Introduzione Il decreto legislativo n.150/2009 stabilisce che le Pubbliche Amministrazioni devono assicurare l'accessibilità totale,

Dettagli

Comune di Montemurlo (Provincia di Prato)

Comune di Montemurlo (Provincia di Prato) Comune di Montemurlo (Provincia di Prato) REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI MONTEMURLO Approvato

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

Testo corredato da note esplicative

Testo corredato da note esplicative DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013, n. 33 Recante Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni Normativa

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

Allegato alla G.C. n. 6 del 31.01.2014 COMUNE DI NARBOLIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016

Allegato alla G.C. n. 6 del 31.01.2014 COMUNE DI NARBOLIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 1 Comune di Narbolia Allegato alla G.C. n. 6 del 31.01.2014 COMUNE DI NARBOLIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 2 Comune di Narbolia PREMESSA La nozione di trasparenza, gia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2014-2016 Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Articolo 8. Articolo 9. Articolo 10 Premessa

Dettagli

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Bozza Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Art.1 (Delega al Governo in materia di riforma del lavoro

Dettagli

COMI. Direzione Affari Generali e Supporto Organi

COMI. Direzione Affari Generali e Supporto Organi COMI Direzione Affari Generali e Supporto Organi Regolamento per la trasparenza e pubblicità della situazione personale, reddituale e patrimoniale dei titolari di cariche elettive del Comune di Venezia,

Dettagli

Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi. Anna Armone

Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi. Anna Armone Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi Anna Armone Le case della trasparenza Art. 1 l. 241/1990 L attività amministrativa

Dettagli

ALLEGATO AL PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL'INTEGRITA' 2015-2017

ALLEGATO AL PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL'INTEGRITA' 2015-2017 2 livello Disposizioni generali Attestazioni OIV o struttura analoga U Art. 14, c. 4, lett. g), 150/2009 Attestazioni OIV o struttura analoga Attestazione dell'oiv o di altra struttura analoga nell'assolvimento

Dettagli

Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.

Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 (1). Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. (1) Pubblicato nella

Dettagli

Gli obblighi di pubblicazione sui siti istituzionali delle PP.AA. dopo il Decreto Legislativo n. 33/2013. Ferrara, 31/05/2013

Gli obblighi di pubblicazione sui siti istituzionali delle PP.AA. dopo il Decreto Legislativo n. 33/2013. Ferrara, 31/05/2013 Gli obblighi di pubblicazione sui siti istituzionali delle PP.AA. dopo il Decreto Legislativo n. 33/2013 Ferrara, 31/05/2013 Il fatto di trovarci al buio non significa che la stanza sia vuota, ma solo

Dettagli

A.N.AC. Autorità Nazionale AntiCorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche

A.N.AC. Autorità Nazionale AntiCorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche A.N.AC. Autorità Nazionale AntiCorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche FAQ IN MATERIA DI TRASPARENZA SULL APPLICAZIONE DEL D.LGS. N. 33/2013 1 Indice: 1. Quesiti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Località Pedra Niedda TEL. 0782/610820 FAX 0782/610275 nuic863008@istruzione.it www.icsbaunei.nu.it 08040 BAUNEI

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' ANNI 2015-2017 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Le principali novità... 3 3. Procedimento di elaborazione, adozione del

Dettagli

COMUNE DI BAGNACAVALLO (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLAMENTO

COMUNE DI BAGNACAVALLO (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLAMENTO COMUNE DI BAGNACAVALLO (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con atto del

Dettagli

COMUNE DI TREPPO CARNICO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016

COMUNE DI TREPPO CARNICO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 23 del 30/01/2014 COMUNE DI TREPPO CARNICO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Il Comune nell'elaborazione e nell'attuazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.)

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) Triennio: 2015-2017 Responsabile: Dott. Pasquali Francesco Nomina del responsabile

Dettagli

Area Amministrativa Emissione titoli di spesa Basso Emissione lasciapassare incasso denaro

Area Amministrativa Emissione titoli di spesa Basso Emissione lasciapassare incasso denaro CT SERVIZI SRL CON SOCIO UNICO IL COMUNE DI CAVALLINO TREPORTI Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014 2015 2016 Art. 1 Oggetto e finalità Ai sensi della Legge 190/2012 Disposizioni per la

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017. (ai sensi dell art.10 del D.Lgs. 33/2013)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017. (ai sensi dell art.10 del D.Lgs. 33/2013) Allegato 1) COMUNE DI PAVIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017 (ai sensi dell art.10 del D.Lgs. 33/2013) PREMESSA Il tema della trasparenza quale principio fondamentale

Dettagli

Disciplinare per la gestione dell Albo pretorio on line

Disciplinare per la gestione dell Albo pretorio on line Disciplinare per la gestione dell Albo pretorio on line Parte I Principi generali e definizioni Articolo 1 Oggetto e finalità del Disciplinare Parte II Albo pretorio on line: struttura e modalità organizzative

Dettagli

PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015 2017 (adottato con determina n. 3/2015)

PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015 2017 (adottato con determina n. 3/2015) PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 015 017 (adottato con determina n. 3/015) 1. PREMESSA Nel d.lgs. n. 150/009 Attuazione della legge 4 marzo 009 n.15 in materia di OTTIMIZZAZIONE

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario IX Legislatura Progr.Num. 133/2013 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza Questo giorno mercoledì 25 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunito nella residenza

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

Riordino della disciplina sugli. diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n.

Riordino della disciplina sugli. diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. Riordino della disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 Capo I: Principi Generali

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ALLEGATO a) AL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2015-2017 - Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n._12_ del 29/01/2015 AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE SOTTOSEZIONE 1 livello sottosezione

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 Comune di Ronchis Provincia di Udine PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Il Decreto Legislativo n. 33/2013 ha confermato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità Indice pag. 2 Premessa pag. 3 Organizzazione e funzioni della Asl pag. 5 Procedimento di elaborazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY

PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY (AGGIORNATO AL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI N. 243 DEL 15/05/2014) Aggiornamento: 20 giugno 2014 Sommario PREMESSA...3 PUBBLICAZIONI

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1. PREMESSA Nell azione di prevenzione della corruzione un ruolo certamente importante deve riconoscersi alla trasparenza: la legge 6 novembre 2012, n.190 Disposizioni

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015/2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015/2017 COMUNE DI CADONEGHE PROVINCIA DI PADOVA Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015/2017 (IN GIALLO SONO EVIDENZIATI GLI ELEMENTI DI AGGIORNAMENTO) Allegato sub B) al Piano Triennale di Prevenzione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016. Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016. Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014 1 Indice 1. Definizioni e normativa di riferimento... 3 Definizioni

Dettagli

DIREZIONE GENERALE Area Organizzazione e controllo Ufficio anticorruzione e trasparenza

DIREZIONE GENERALE Area Organizzazione e controllo Ufficio anticorruzione e trasparenza Prot. n. 94260 I/1 Lecce, 23/12/2015 Ai centri di gestione autonoma Ai centri di responsabilità LORO SEDI Oggetto: Linee Guida per l inserimento degli incarichi consulenti e collaboratori ex art. 15 d.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA (P.T.T.I.) Anni 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA (P.T.T.I.) Anni 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA (P.T.T.I.) Anni 2014-2016 (approvato con deliberazione Commissario Straordinario nell esercizio dei poteri spettanti al Consiglio

Dettagli

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n.

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) PREMESSA Con il presente programma triennale per la trasparenza

Dettagli