1.3e: La Codifica Digitale dei Video

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.3e: La Codifica Digitale dei Video"

Transcript

1 1.3e: La Codifica Digitale dei Video

2 2 7 dic 2011 Bibliografia Curtin, 10.5 (vecchie edizioni) Curtin, 9.5 (nuova edizione) CR pag Questi lucidi

3 3 7 dic 2011 Codifica dei Video Un filmato è rappresentato come sequenza di immagini fisse (fotogrammi o frames), ciascuno dei quali corrisponde a un'immagine statica, accompagnata da un sonoro. Noi sappiamo come digitalizzare tanto le immagini che corrispondono ai fotogrammi, quanto il sonoro.

4 4 7 dic 2011 Le dimensioni dei file video Ovviamente il numero di bit impiegati nell'operazione aumenta in funzione di almeno cinque fattori: la lunghezza del filmato, la sua risoluzione grafica (cioè la dimensione della griglia che usiamo per digitalizzare i singoli fotogrammi), L ampiezza della 'palette' di colori utilizzata (cioè il numero dei colori), il numero di fotogrammi (o frame) per secondo la qualità del sonoro (ovvero la frequenza di campionatura e la dimensione della quantizzazione).

5 5 7 dic 2011 Le dimensioni dei file video Una bassa risoluzione grafica rende il filmato quadrettato e indistinto una 'palette' troppo ristretta rende poco realistici i colori visualizzati un numero troppo basso di frame per secondo produce un filmato 'a scatti' e poco fluido una frequenza di campionatura audio troppo bassa pregiudica la qualità del sonoro.

6 6 7 dic 2011 Le dimensioni dei file video Un secondo di filmato di dimensione 640x480 con 30 frames a colori e con profondità di colore di 3 bytes (RGB e 16 Milioni di colori) occupa complessivamente 640 x 480 x 30 x 3 = bytes

7 7 7 dic 2011 L acquisizione delle immagini video Nel caso di un televisore analogico con formato PAL, delle 625 righe solo 576 righe rappresentano l informazione video, mentre altri contengono i segnali di test, informazioni sul televideo e sul sincronismo video. Per questo quando si effettua l acquisizione di immagini da un televisore si usa rappresentare il video in orizzontale in xxx*576, dove xxx è un valore che è al massimo 768 (un valore maggiore non porterebbe alcun miglioramento), anche se non è praticamente vantaggioso usare più di 720 punti orizzontali.

8 8 7 dic 2011 L acquisizione delle immagini video Un DVD ha una risoluzione di 720*576 Un normale videoregistratore VHS è in grado di contenere al massimo pixel per ogni riga, quindi è inutile acquisire video da un VHS a una risoluzione superiore 352 x 576 perché si ottiene solo un file più pesante senza alcun miglioramento qualitativo. Un 8mm è simile alla soluzione VHS, quindi va acquisito a 352 x 576.

9 7 dic 2011 L acquisizione delle immagini video Quindi maggiore è il valore in pixel che scelgo di utilizzare maggiore saranno i dettagli Se uso una risoluzione inferiore all originale avrò meno dettagli e dal punto visivo avrò una riga più sfocata. 9 Però se uso più pixel rispetto all originale ho semplicemente sprecato bit. es. VHS sono max 352*576, e uso la risoluzione 720*576

10 7 dic 2011 Bit-rate Il bit-rate è misurato in bits/s (bit per secondo) e indica il numero complessivo di bit impiegati per descrivere l'immagine, determinando essenzialmente la qualità. Ogni frame ha un numero di pixel, e maggiore è la risoluzione scelta, maggiore sarà il numero di pixel necessari. 11 Quindi se vogliamo comunque stare nel bit-rate prescelto ed aumentiamo la risoluzione, avremo meno bit per pixel, questo comporterà perdita di qualità e di definizione,

11 Bit-rate Non esiste il "miglior" bit-rate per un film compresso. Esiste il bit-rate necessario alle diverse esigenze di ognuno e a seconda delle caratteristiche del film. Come visto, se utilizziamo una risoluzione bassa, possiamo impostare valori di bit-rate più elevati Possiamo utilizzare due tipologie di bit-rate: Il parametro VBR (Variable Bit Rate) è il più utilizzato ed è indicato con un valore minimo a un valore massimo. Il parametro CBR (Constant Bit Rate) invece ha un valore del bit-rate fisso e forza il frame ad utilizzare solo quel valore

12 Bit-rate Mpeg-2 è in grado di elaborare e migliorare le scene con un bit-rate da 3 a 7 MB/s, superando gli 8 MB/s non si ha nessun benificio, anzi... Sequenze video con scene in rapido movimento sono molto più impegnative da codificare e richiedono un numero di bitrate più elevato, perchè i fotogrammi adiacenti non sono identici. Al contrario, le scene statiche presentano minime differenze tra fotogrammi adiacenti, e quindi si può utilizzare un basso bit-rate.

13 14 7 dic 2011 Bit-rate Molti software usano il bit-rate max di 7 MB/s, in quanto effettivamente è il limite di crescita sulla qualità, sino a 8 MB/s si ha un leggerissimo miglioramento. Le Risoluzioni più usate per la compressione nel formato MPEG sono: 352 x 288 VCD max bit-rate 2MB/s 352 x 576 VCD max bit-rate 4MB/s 480 x 576 SVCD max bit-rate 4MB/s 704 x 576 DVD max bit-rate 8MB/s 720 x 576 DVD max bit-rate 8MB/s

14 15 7 dic 2011 L acquisizione delle immagini video Videocamera Analogica + Scheda di acquisizione video (spesso costosa) Videocamera digitale + interfaccia USB veloce (2.0) o FireWire La scheda di acquisizione video ha anche in se la capacità per l acquisizione dell audio. In caso contrario va utilizzata la scheda audio del computer

15 1.3f: Tecniche ed effetti grafici

16 17 7 dic 2011 Bibliografia Curtin, 10.3 (vecchie edizioni) Curtin, 9.3 (nuova edizione)

17 18 7 dic 2011 Grafica Vettoriale Tridimensionale La Grafica Vettoriale può essere Bidimensionale o Tridimensionale. I programmi di grafica tridimensionale utilizzano il processo di modellazione, basato sulla visualizzazione wire-frame, dove ogni forma è costituita da una struttura di poligoni. Per dare alla struttura l aspetto di un solido si ricorre al processo dell ombreggiatura, che può consistere nell aggiunta di un solo colore piatto e uniforme in una tecnica sofisticata per creare gradienti di colore, una superficie ed effetti di ombre e luci.

18 L Animazione Cartone animato: azione e movimento era inizialmente dato dalla proiezione di una successione di 30 immagini fisse (disegnate a mano) al secondo Animazione al computer: stesso principio.

19 Processo in-betweening (o tweening) Per realizzare un animazione computerizzata è possibile utilizzare una tecnica (e i programmi relativi) detta in-betweening (o tweening). Si crea il primo e l ultimo fotogramma di un azione (detti i fotogrammi chiave) Si lascia al computer il compito di elaborare i fotogrammi intermedi segnando le giunture.

20 Processo in-betweening (o tweening) I calcoli sono basati sulla cinematica (la fisica che studia il moto) La cinematica diretta calcola i fotogrammi intermedi uno alla volta da quello iniziale a quello finale La cinematica inversa calcola i fotogrammi intermedi uno alla volta, da quello finale a quello iniziale

21 Ombreggiatura Creata la struttura wire-frame è necessario aggiungere una superficie che dia all immagine corpo e solidità. Questa operazione è effettuata da un tipo di programma che è detto ombreggiatore. Un ombreggiatore crea le superfici tramite il colore Simula materiali diversi, ad esempio il metallo, il legno, il vetro

22 Texture, ray-tracing e Radiosity Ad una superficie è possibile applicare un immagine bitmap, per renderla più realistica (questo processo è noto come texture-mapping) Una particolare ombreggiatura è il ray-tracing, che consiste nel disporre una o più sorgenti luminose che illuminino l oggetto Radiosity è un processo di ombreggiatura più sofisticato: la luminosità riflessa da un oggetto è calcolata in base alle sorgenti di luce e alle riflessioni che provengono da tutte le altre superfici presenti nell ambiente

23 Anti-aliasing I Pixel che costituiscono il contorno di un oggetto possono far assumere all oggetto un contorno frastagliato o a scalini. Per risolvere questo problema si ricorre al procedimento detto di anti-aliasing (anti-frastagliamento) che arrotonda i contorni dell immagine, alterando l ombreggiatura e il colore dei pixel contigui, in modo da rendere meno netto il contrasto.

24 Morphing La tecnica del Morphing consiste nel trasformare un immagine in una seconda fissando alcuni punti comuni delle due fotografie. Ad esempio, dalla fotografia di una ragazza e da quella di una donna anziana è possibile creare una animazione che porti dalla prima alla seconda. Per rendere questo tipo di animazione più realistica, si fissano alcuni punti in entrambe le immagini, in modo da mettere in risalto i cambiamenti delle altre parti rispetto a questi punti fissi. Ad esempio si fissano gli occhi, il naso, le labbra e il mento.

25 1.3g: La Compressione dei Dati

26 27 7 dic 2011 Bibliografia Curtin, 5.6 (vecchie edizioni) Curtin, 4.5 (nuova edizione) Questi lucidi

27 Compressione dei dati Cosa significa comprimere i dati? Eliminare l'informazione ridondante, in modo da poter rappresentare lo stesso documento con un minor numero di byte. Esigenza di memorizzazione aumenta sempre Aumentano di dimensione i programmi Aumentano di numero i programmi Aumentano di dimensione i dati Prima o poi ci sarà bisogno di avere altro spazio su disco

28 La Compressione Metodi applicabili: Eliminazione dei files inutili (ad esempio i temporanei) Compressione di files/cartelle/dischi Inoltre un disco pieno rallenta le operazioni di memorizzazione e di accesso ( Sistemi Operativi, il SO in sostanza fatica a trovare spazio libero su disco)

29 La Compressione Un file o più file insieme possono essere compressi La rappresentazione interna di questi file viene cambiata in modo da occupare meno spazio: si può immaginare che i dati vengano abbreviati (tipo sig. per signore) Con i file di tipo testo si può arrivare a risparmiare fino al 50% dello spazio originale Un file compresso non è leggibile né modificabile

30 La Compressione Quando serve un file compresso può essere decompresso in modo da tornare ad essere utilizzabile Comprimere dei file può servire per per fare spazio a file più utili o per trasferirli più velocemente (su dischetto, via rete, ) Un programma di compressione file molto usato per Windows è WinZip (i file compressi hanno estensione.zip) o WinRar (fornisce prestazioni migliori del precedente)

31 Tipologie di Compressione Compressione di un singolo file File di testo si comprime anche del 50% File di immagini bitmap si comprime anche del 90% Compressione di più files o di un intera cartella Vantaggio: tutti i files verranno inseriti in un unico file archivio Possibile decomprimere ed estrarre anche singoli files Compressione del disco: Tutto il disco viene compresso e i nuovi files verranno memorizzati già in versione compressa. In fase di lettura o di esecuzione il file verrà decompresso dal sistema Rallentate le operazioni di lettura/scrittura su HD.

32 Compressione dei testi Un esempio di compressione: Nl mzz dl cmmn d nstr vt m rtrv pr n slv scr ch l drtt v r smrrt. h qnt dr ql r cs dr st slv slvgg spr frt ch nl pnsr rnv l pr! Tnt' mr ch pc p mrt m pr trttr dl bn ch' v trv, dr dll'ltr cs ch' v'h scrt... Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura ché la diritta via era smarrita. Ah quanto a dir qual era è cosa dura esta selva selvaggia e aspra e forte che nel pensier rinova la paura! Tant'è amara che poco è più morte ma per trattar del ben ch'io vi trovai, dirò dell'altre cose ch'io v'ho scorte... Questo esempio mostra che in italiano le vocali sono quasi ridondanti, cioè in molti casi è possibile per un parlante della lingua ricostruirle quando sono state omesse

33 Compressione dei testi Alcuni tipi di informazione ridondante possono essere interamente ricostruiti (decompressi) anche da un computer. Si dice in tal caso che la compressione e' senza perdite ("lossless"): i dati prima della compressione sono identici a quelli che sono stati compressi e poi decompressi.

34 Compressione dei testi Per un testo, un esempio è forse quello degli spazi tra le parole, che possono essere facilmente tolti e facilmente riaggiunti nei punti appropriati. Nelmezzodelcammindinostravita miritrovaiperunaselvaoscura chéladirittaviaerasmarrita. Ahquantoadirqualeraècosadura estaselvaselvaggiaeaspraeforte chenelpensierrinovalapaura! Tant'èamarachepocoèpiùmorte mapertrattardelbench'iovitrovai, diròdell'altrecosech'iov'hoscorte...

35 Compressione dei testi si noti che l'uso generalizzato dello spazio tra le parole è una invenzione relativamente moderna. Molte lingue antiche non usavano spazi o mezzi equivalenti per dividere le parole - una interessante corrispondenza col fatto che, dal punto di vista acustico, le parole del parlato naturale non sono affatto separate da pause di silenzio

36 Compressione dei testi Il modo più intuitivo per diminuire la lunghezza di un file di testo (una serie di stringhe alfanumeriche, dove si dice "stringa" una qualsiasi successione di caratteri, p.es. "cane", "Abc4fgh6", "wallawalla") è di farlo diventare un file binario, sfruttando al meglio l' insieme dei valori (0-255) che possono essere espressi da ciascun byte

37 Compressione dei testi Esempio: supponiamo di voler codificare la parola CAPIVI e che il numero di sillabe possibili siano 12 (l'italiano ovviamente ne ha di più). Si assegni un numero binario lungo 4 bit a ciascuna sillaba, per mezzo di una tabella come la seguente: VA = 0000 PA = 0001 CA = 0010 VE = 0011 PE = 0100 CE = 0101 VI = 0110 PI = 0111 CI = 1000 VO = 1001 PO = 1010 CO = 1011 CAPIVI con la codifica ASCII richiede 48 bit (6 caratteri x 8 bit a carattere) CAPIVI con questa tecnica di compressione richiede solo 12 bit (con una compressione del 75%)

38 Compressione delle immagini Mentre nei testi si usa solo compressione "lossless" (in cui cioè, decomprimendo, si ottiene un testo identico a quello da cui si era partiti), per le figure si usa anche la compressione "lossy" (con perdita), in cui la figura compressa e poi decompressa è una approssimazione più o meno buona della figura originaria. Il modo più semplice di codificare una figura è quello a bitmap (BMP): per ogni punto della figura si definisce il colore di quel punto usando un numero. Più sono i colori possibili per la figura, più bit si dovranno usare per descriverla.

39 Compressione delle immagini Tipicamente, una figura occupa molto più spazio di un testo. Si consideri la descrizione: "Un cerchio rosso di raggio 1,5 cm sovrapposto al centro ad un esagono regolare blu di lato 3cm" (la frase è lunga 99 caratteri per cui occuperà 99 byte) Questa descrizione può essere usata per creare la seguente figura:

40 Compressione delle immagini In formato bitmap non compresso questa figura occupa byte: 151 volte più della sua descrizione! Possiamo tuttavia applicare a questa figura un algoritmo di compressione, che la salva nel formato Jpeg, di qualità media. Salvata, la figura occupa byte, un terzo della precedente. Decompressa, la immagine appare così (si noti la perdita di qualità rispetto al formato BMP):

41 Compressione delle immagini Possiamo anche comprimere la figura originale con un Jpeg di qualità cattiva (peggiore la qualità, migliore il rapporto di compressione), ottenendo un file di soli 2123 byte. Decompresso, appare cosi:

42 Compressione delle immagini Si noti che il modo migliore di `comprimere' la figura in bitmap sarebbe stato `trasformarla' nella sua descrizione di 99 byte. Ma questo non è un metodo sufficientemente generale: mentre funziona con figure geometriche, non funzionerebbe con immagini molto difficili da descrivere con esattezza, come:

43 Compressione delle immagini Con il metodo RGB, un immagine 1024x768 pixel con colori a 24 bit occupa bytes Con particolari accorgimenti si possono utilizzare un numero minore di colori e ridurre lo spazio occupato dall immagine.esistono formati compressi (tra i più diffusi vi sono i formati JPEG e GIF) che consentono attraverso particolari tecniche numeriche di memorizzare immagini fotografiche di ottima qualità in uno spazio molto minore Il formato JPEG in realtà non memorizza fedelmente l immagine ma sfrutta l ulteriore caratteristica che l occhio umano è in grado di vedere solo una piccola parte dei circa 17 milioni di colori possibili

44 Compressione Video Per comprimere un filmato si utilizza un codec (Compressore / Decompressore), cioè un software che riduce notevolmente le dimensioni del file. Mpeg-1 per il formato VCD Mpeg-2 per il formato DVD Mpeg-4 per il formato DivX. Codec significa Codificatore-Decodificatore e indica al software di registrazione come effettuare la compressione e al programma di visualizzazione come va decompresso il filmato per una giusta visualizzazione.

45 Compressione Video Esistono formati compressi (tipo MPEG, QuickTime) che riducono notevolmente lo spazio necessario sfruttando la caratteristica che tra un fotogramma ed un altro ci potrebbero essere relativamente poche differenze I dati duplicati o superflui vengono eliminati o salvati in formato ridotto 2 tipi di compressione video: lossless e lossy

46 Compressione Lossless Lossless (senza perdita di informazione), detta anche compressione reversibile decomprime nel momento stesso della sua visualizzazione La qualità del filmato rispecchia l originale digitalizzato. Compressione limitata. I files possono raggiungere anche il 35% della dimensione originale (ancora troppo grossi). Utilizzato solo se i dettagli rivestono importanza (es: immagini satellitari o raggi X)

47 Compressione Lossy Qualità inferiore a quella del filmato originale digitalizzato, in quanto alcuni dati, anche se di rilievo secondario, vengono persi all atto della compressione. La qualità complessiva dell immagine non è granché pregiudicata. I dettagli non sono di elevata precisione. Permette di ottenere elevati livelli di compressione (anche 200:1). Usata per le immagini televisive satellitari e le videoconferenze, dove la qualità del dettaglio non è importante.

48 Tecnica Intraframe La Tecnica Intraframe, detta anche compressione spaziale, elimina i dati duplicati interni ad un singolo fotogramma Ad esempio, se in un immagine compaiono vaste zone dello stesso colore, viene memorizzato il valore cromatico di un solo pixel assieme alle coordinate degli altri pixel dello stesso colore.

49 Tecnica Interframe La Tecnica Interframe, detta anche compressione temporale, elimina i dati che si ripetono in fotogrammi successivi In una scena di un ape che vola, se lo sfondo rimane immutato, basterà memorizzare il primo fotogramma per intero e poi archiviare solo i dati dei successivi che differiscono dal precedente

50 Formato MPEG Un filmato compresso con formato MPEG memorizza un fotogramma non compresso ogni mezzo secondo (fotogramma chiave), mentre gli altri vengono compressi. I fotogrammi intermedi contengono solo le parti dell immagine diverse rispetto al fotogramma precedente. MPEG comprime ogni fotogramma suddividendolo in riquadri di 16x16 pixels (o di 8x8) e rimuove riquadri che sono quasi identici in fotogrammi consecutivi Quando catturate, ridimensionate o comprimente un video adottate una risoluzione, ovvero un numero di pixels verticali ed orizzontali che siano un multiplo di 16.

51 Video e memoria Di norma i filmati che vengono visualizzati sullo schermo del computer presentano una profondità di 256 colori una risoluzione di 320x240 oppure di 360x240 (SIF, Standard Image Format) Un televisore compone le immagini tracciando linee su schermo, al contrario del monitor che illumina pixel. Un televisore che trasmette con standard PAL ha 625 righe orizzontali. una velocità di 25 fotogrammi al secondo

52 1.3g: La Compressione dei Dati

53 54 7 dic 2011 Bibliografia Curtin, 5.6 (vecchie edizioni) Curtin, 4.5 (nuova edizione) Questi lucidi

54 Compressione dei dati Cosa significa comprimere i dati? Eliminare l'informazione ridondante, in modo da poter rappresentare lo stesso documento con un minor numero di byte. Esigenza di memorizzazione aumenta sempre Aumentano di dimensione i programmi Aumentano di numero i programmi Aumentano di dimensione i dati Prima o poi ci sarà bisogno di avere altro spazio su disco

55 La Compressione Metodi applicabili: Eliminazione dei files inutili (ad esempio i temporanei) Compressione di files/cartelle/dischi Inoltre un disco pieno rallenta le operazioni di memorizzazione e di accesso ( Sistemi Operativi, il SO in sostanza fatica a trovare spazio libero su disco)

56 La Compressione Un file o più file insieme possono essere compressi La rappresentazione interna di questi file viene cambiata in modo da occupare meno spazio: si può immaginare che i dati vengano abbreviati (tipo sig. per signore) Con i file di tipo testo si può arrivare a risparmiare fino al 50% dello spazio originale Un file compresso non è leggibile né modificabile

57 La Compressione Quando serve, un file compresso può essere decompresso in modo da tornare ad essere utilizzabile Comprimere dei file può servire per fare spazio a file più utili o per trasferirli più velocemente (su dischetto, via rete, ) Un programma di compressione file molto usato per Windows è WinZip (i file compressi hanno estensione.zip) o WinRar (fornisce prestazioni migliori del precedente)

58 Tipologie di Compressione Compressione di un singolo file File di testo si comprime anche del 50% File di immagini bitmap si comprime anche del 90% Compressione di più files o di un intera cartella Vantaggio: tutti i files verranno inseriti in un unico file archivio Possibile decomprimere ed estrarre anche singoli files Compressione del disco: Tutto il disco viene compresso e i nuovi files verranno memorizzati già in versione compressa. In fase di lettura o di esecuzione il file verrà decompresso dal sistema Rallentate le operazioni di lettura/scrittura su HD.

59 Compressione dei testi Un esempio di compressione: Nl mzz dl cmmn d nstr vt m rtrv pr n slv scr ch l drtt v r smrrt. h qnt dr ql r cs dr st slv slvgg spr frt ch nl pnsr rnv l pr! Tnt' mr ch pc p mrt m pr trttr dl bn ch' v trv, dr dll'ltr cs ch' v'h scrt... Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura ché la diritta via era smarrita. Ah quanto a dir qual era è cosa dura esta selva selvaggia e aspra e forte che nel pensier rinova la paura! Tant'è amara che poco è più morte ma per trattar del ben ch'io vi trovai, dirò dell'altre cose ch'io v'ho scorte... Questo esempio mostra che in italiano le vocali sono quasi ridondanti, cioè in molti casi è possibile per un parlante della lingua ricostruirle quando sono state omesse

60 Compressione dei testi Alcuni tipi di informazione ridondante possono essere interamente ricostruiti (decompressi) anche da un computer. Si dice in tal caso che la compressione e' senza perdite ("lossless"): i dati prima della compressione sono identici a quelli che sono stati compressi e poi decompressi.

61 Compressione dei testi Per un testo, un esempio è forse quello degli spazi tra le parole, che possono essere facilmente tolti e facilmente riaggiunti nei punti appropriati. Nelmezzodelcammindinostravita miritrovaiperunaselvaoscura chéladirittaviaerasmarrita. Ahquantoadirqualeraècosadura estaselvaselvaggiaeaspraeforte chenelpensierrinovalapaura! Tant'èamarachepocoèpiùmorte mapertrattardelbench'iovitrovai, diròdell'altrecosech'iov'hoscorte...

62 Compressione dei testi si noti che l'uso generalizzato dello spazio tra le parole è una invenzione relativamente moderna. Molte lingue antiche non usavano spazi o mezzi equivalenti per dividere le parole - una interessante corrispondenza col fatto che, dal punto di vista acustico, le parole del parlato naturale non sono affatto separate da pause di silenzio

63 Compressione dei testi Il modo più intuitivo per diminuire la lunghezza di un file di testo (una serie di stringhe alfanumeriche, dove si dice "stringa" una qualsiasi successione di caratteri, p.es. "cane", "Abc4fgh6", "wallawalla") è di farlo diventare un file binario, sfruttando al meglio l' insieme dei valori (0-255) che possono essere espressi da ciascun byte

64 Compressione dei testi Esempio: supponiamo di voler codificare la parola CAPIVI e che il numero di sillabe possibili siano 12 (l'italiano ovviamente ne ha di più). Si assegni un numero binario lungo 4 bit a ciascuna sillaba, per mezzo di una tabella come la seguente: VA = 0000 PA = 0001 CA = 0010 VE = 0011 PE = 0100 CE = 0101 VI = 0110 PI = 0111 CI = 1000 VO = 1001 PO = 1010 CO = 1011 CAPIVI con la codifica ASCII richiede 48 bit (6 caratteri x 8 bit a carattere) CAPIVI con questa tecnica di compressione richiede solo 12 bit (con una compressione del 75%)

65 Compressione delle immagini Mentre nei testi si usa solo compressione "lossless" (in cui cioè, decomprimendo, si ottiene un testo identico a quello da cui si era partiti), per le figure si usa anche la compressione "lossy" (con perdita), in cui la figura compressa e poi decompressa è una approssimazione più o meno buona della figura originaria. Il modo più semplice di codificare una figura è quello a bitmap (BMP): per ogni punto della figura si definisce il colore di quel punto usando un numero. Più sono i colori possibili per la figura, più bit si dovranno usare per descriverla.

66 Compressione delle immagini Tipicamente, una figura occupa molto più spazio di un testo. Si consideri la descrizione: "Un cerchio rosso di raggio 1,5 cm sovrapposto al centro ad un esagono regolare blu di lato 3cm" (la frase è lunga 99 caratteri per cui occuperà 99 byte) Questa descrizione può essere usata per creare la seguente figura:

67 Compressione delle immagini In formato bitmap non compresso questa figura occupa byte: 151 volte più della sua descrizione! Possiamo tuttavia applicare a questa figura un algoritmo di compressione, che la salva nel formato Jpeg, di qualità media. Salvata, la figura occupa byte, un terzo della precedente. Decompressa, la immagine appare così (si noti la perdita di qualità rispetto al formato BMP):

68 Compressione delle immagini Possiamo anche comprimere la figura originale con un Jpeg di qualità cattiva (peggiore la qualità, migliore il rapporto di compressione), ottenendo un file di soli 2123 byte. Decompresso, appare cosi:

69 Compressione delle immagini Si noti che il modo migliore di `comprimere' la figura in bitmap sarebbe stato `trasformarla' nella sua descrizione di 99 byte. Ma questo non è un metodo sufficientemente generale: mentre funziona con figure geometriche, non funzionerebbe con immagini molto difficili da descrivere con esattezza, come:

70 Compressione delle immagini Con il metodo RGB, un immagine 1024x768 pixel con colori a 24 bit occupa bytes Con particolari accorgimenti si possono utilizzare un numero minore di colori e ridurre lo spazio occupato dall immagine.esistono formati compressi (tra i più diffusi vi sono i formati JPEG e GIF) che consentono attraverso particolari tecniche numeriche di memorizzare immagini fotografiche di ottima qualità in uno spazio molto minore Il formato JPEG in realtà non memorizza fedelmente l immagine ma sfrutta l ulteriore caratteristica che l occhio umano è in grado di vedere solo una piccola parte dei circa 17 milioni di colori possibili

71 Compressione Video Per comprimere un filmato si utilizza un codec (Compressore / Decompressore), cioè un software che riduce notevolmente le dimensioni del file. Mpeg-1 per il formato VCD Mpeg-2 per il formato DVD Mpeg-4 per il formato DivX. Codec significa Codificatore-Decodificatore e indica al software di registrazione come effettuare la compressione e al programma di visualizzazione come va decompresso il filmato per una giusta visualizzazione.

72 Compressione Video Esistono formati compressi (tipo MPEG, QuickTime) che riducono notevolmente lo spazio necessario sfruttando la caratteristica che tra un fotogramma ed un altro ci potrebbero essere relativamente poche differenze I dati duplicati o superflui vengono eliminati o salvati in formato ridotto 2 tipi di compressione video: lossless e lossy

73 Compressione Lossless Lossless (senza perdita di informazione), detta anche compressione reversibile decomprime nel momento stesso della sua visualizzazione La qualità del filmato rispecchia l originale digitalizzato. Compressione limitata. I files possono raggiungere anche il 35% della dimensione originale (ancora troppo grossi). Utilizzato solo se i dettagli rivestono importanza (es: immagini satellitari o raggi X)

74 Compressione Lossy Qualità inferiore a quella del filmato originale digitalizzato, in quanto alcuni dati, anche se di rilievo secondario, vengono persi all atto della compressione. La qualità complessiva dell immagine non è granché pregiudicata. I dettagli non sono di elevata precisione. Permette di ottenere elevati livelli di compressione (anche 200:1). Usata per le immagini televisive satellitari e le videoconferenze, dove la qualità del dettaglio non è importante.

75 Tecnica Intraframe La Tecnica Intraframe, detta anche compressione spaziale, elimina i dati duplicati interni ad un singolo fotogramma Ad esempio, se in un immagine compaiono vaste zone dello stesso colore, viene memorizzato il valore cromatico di un solo pixel assieme alle coordinate degli altri pixel dello stesso colore.

76 Tecnica Interframe La Tecnica Interframe, detta anche compressione temporale, elimina i dati che si ripetono in fotogrammi successivi In una scena di un ape che vola, se lo sfondo rimane immutato, basterà memorizzare il primo fotogramma per intero e poi archiviare solo i dati dei successivi che differiscono dal precedente

77 Formato MPEG Un filmato compresso con formato MPEG memorizza un fotogramma non compresso ogni mezzo secondo (fotogramma chiave), mentre gli altri vengono compressi. I fotogrammi intermedi contengono solo le parti dell immagine diverse rispetto al fotogramma precedente. MPEG comprime ogni fotogramma suddividendolo in riquadri di 16x16 pixels (o di 8x8) e rimuove riquadri che sono quasi identici in fotogrammi consecutivi Quando catturate, ridimensionate o comprimente un video adottate una risoluzione, ovvero un numero di pixels verticali ed orizzontali che siano un multiplo di 16.

78 Video e memoria Di norma i filmati che vengono visualizzati sullo schermo del computer presentano una profondità di 256 colori una risoluzione di 320x240 oppure di 360x240 (SIF, Standard Image Format) Un televisore compone le immagini tracciando linee su schermo, al contrario del monitor che illumina pixel. Un televisore che trasmette con standard PAL ha 625 righe orizzontali. una velocità di 25 fotogrammi al secondo

Compressione dei dati. La Compressione. La Compressione. La Compressione. Bibliografia. 1.3g: La Compressione dei Dati

Compressione dei dati. La Compressione. La Compressione. La Compressione. Bibliografia. 1.3g: La Compressione dei Dati Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Curtin, 5.6 (vecchie edizioni) Curtin, 4.5 (nuova edizione) Questi

Dettagli

1.3d: La Codifica Digitale dei Video

1.3d: La Codifica Digitale dei Video Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno 1.3d: La Codifica Digitale dei Video Informatica Generale (Corso di

Dettagli

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3f: La Compressione dei Dati. La Compressione. La Compressione. La Compressione. Tipologie di Compressione

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3f: La Compressione dei Dati. La Compressione. La Compressione. La Compressione. Tipologie di Compressione Modulo 1: Le I.C.T. : dei Dati Prof. Alberto Postiglione Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno # 2 Compressione dei dati

Dettagli

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3d: La Codifica Digitale dei Video

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3d: La Codifica Digitale dei Video Modulo 1: Le I.C.T. : La Codifica Digitale dei Video Prof. Alberto Postiglione Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

Dettagli

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3f: La Compressione dei Dati

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3f: La Compressione dei Dati Modulo 1: Le I.C.T. : La Compressione dei Dati Prof. Alberto Postiglione Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno Compressione

Dettagli

4.3: La Codifica dei Suoni e dei Video

4.3: La Codifica dei Suoni e dei Video Rappresentazione dei Dati Multimediali Prof. Alberto Postiglione Università degli Studi di Salerno Dipartimento di Scienze Aziendali - Management & Innovation Systems 4.3: La Codifica dei Suoni e dei Video

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Il concetto di FILE FILE: sequenza di byte conosciuta nel computer

Dettagli

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini Modulo 1: Le I.C.T. : La Codifica Digitale delle Immagini Prof. Alberto Postiglione Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

Dettagli

CODIFICA IMMAGINI IN BIANCO E NERO

CODIFICA IMMAGINI IN BIANCO E NERO Rappresentazione delle immagini Anche le immagini possono essere codificate mediante una sequenza di 0 e 1., questa operazione si chiama digitalizzazione. La prima cosa da fare è dividere l immagine in

Dettagli

Nozioni di grafica sul calcolatore. concetti di base

Nozioni di grafica sul calcolatore. concetti di base Nozioni di grafica sul calcolatore concetti di base La riproduzione di immagini fotografiche su computer avviene suddividendo l'immagine stessa in una matrice di punti colorati: pixels I formati basati

Dettagli

Segnale analogico. Analogico vs digitale. Segnale digitale. Trasformazione da analogico a digitale

Segnale analogico. Analogico vs digitale. Segnale digitale. Trasformazione da analogico a digitale LEZIONI 2 e 3 Rappresentazione dell informazione 53 Analogico vs digitale LEZIONI 2 e 3 Rappresentazione dell informazione 54 Segnale analogico Il computer può lavorare soltanto con grandezze di tipo digitale

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo L1 1 Compressione dei file 1 Prerequisiti Concetto intuitivo di applicazione per computer Uso pratico elementare di un sistema operativo 2 1 Introduzione Operando con un computer,

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI 1 RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Le informazioni gestite dai sistemi di elaborazione devono essere codificate per poter essere memorizzate, elaborate, scambiate,

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Rappresentazione binaria Tutta l informazione interna ad un computer è codificata con sequenze di due soli simboli : 0 e 1 L unità elementare di informazione si chiama bit

Dettagli

La codifica dell informazione. Rappresentazione binaria. Rappresentazione posizionale in base 10

La codifica dell informazione. Rappresentazione binaria. Rappresentazione posizionale in base 10 La codifica dell informazione Rappresentazione binaria Tutta l informazione interna ad un computer è codificata con sequenze di due soli simboli : 0 e 1 L unità elementare di informazione si chiama bit

Dettagli

Concetti Introduttivi. Rappresentazione delle informazioni

Concetti Introduttivi. Rappresentazione delle informazioni Concetti Introduttivi Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Per rappresentare i dati di ingresso o di uscita e la sequenza di operazioni che costituiscono un algoritmo,

Dettagli

Il sistema binario: bit e Byte Codifica del testo Il Byte come U.d.M. dell'informazione Multipli del Byte

Il sistema binario: bit e Byte Codifica del testo Il Byte come U.d.M. dell'informazione Multipli del Byte Rappresentazione digitale delle informazioni Il sistema binario: bit e Byte Codifica del testo Il Byte come U.d.M. dell'informazione Multipli del Byte Ordini di grandezza Codifica delle immagini Codifica

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Rappresentazione delle informazioni Pagina 1 Calcolatori digitali tutte le informazioni vengono rappresentate in forma numerica binaria (0,1): Numeri Caratteri Immagini Video Suoni Pagina 2 La codifica

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Immagini in movimento 2 Immagini in movimento Memorizzazione mediante sequenze di fotogrammi.

Dettagli

Compressione dei dati. Appunti di Sistemi A cura del prof. Ing. Mario Catalano

Compressione dei dati. Appunti di Sistemi A cura del prof. Ing. Mario Catalano Compressione dei dati Appunti di Sistemi A cura del prof. Ing. Mario Catalano Compressione di dati Cosa significa comprimere i dati? Eliminare l'informazione ridondante, in modo da poter rappresentare

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Matematica

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Matematica Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Matematica Corso di Elementi di Informatica Lezione 4 21 marzo 2017 Dott. A.A. 2016/2017 pgarau.unica@gmail.com 1 nel campo dell'informatica

Dettagli

La codifica del testo

La codifica del testo La codifica delle informazioni Informatica e sistemi di elaborazione delle informazioni La codifica delle informazioni Informatica e sistemi di elaborazione delle informazioni I slide Informatica e sistemi

Dettagli

Rappresentazione di immagini a colori. Rappresentazione dei colori. Rappresentazione dei colori LA RAPPRESENTAZIONE DELL INFORMAZIONE - II

Rappresentazione di immagini a colori. Rappresentazione dei colori. Rappresentazione dei colori LA RAPPRESENTAZIONE DELL INFORMAZIONE - II Rappresentazione di immagini a colori LA RAPPRESENTAZIONE DELL INFORMAZIONE - II Per rappresentare immagini utilizzando i colori, a ogni elemento della griglia si dovranno dedicare più bit. Se dedichiamo

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Non sempre il contorno della figura coincide con le linee della griglia. Quella che si ottiene nella codifica è un'approssimazione della figura originaria Se riconvertiamo la stringa 0000000011110001100000100000

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Università degli Studi di Messina Policlinico G. Martino - Sistemi di Elaborazione delle Informazioni A.A. 26/27 Università degli Studi di Messina Policlinico G. Martino - Sistemi di Elaborazione delle

Dettagli

I.4 Rappresentazione dell informazione - Altre codifiche

I.4 Rappresentazione dell informazione - Altre codifiche I.4 Rappresentazione dell informazione - Altre codifiche Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Ottobre 20, 2015 Argomenti 1 2 3 4 L immagine viene suddivisa

Dettagli

Le fasi classiche. Informatica di Base -- R.Gaeta 1

Le fasi classiche. Informatica di Base -- R.Gaeta 1 Le fasi classiche Pre-produzione: story-board, sceneggiatura, ricerca del cast e delle location, etc. Produzione: creazione del set, lavoro con gli attori, riprese, etc. Post-Produzione: effetti speciali

Dettagli

Codifica dell Informazione

Codifica dell Informazione Francesco Folino CODIFICA DI DATI E ISTRUZIONI Algoritmi Istruzioni che operano su dati Per scrivere un programma è necessario rappresentare dati e istruzioni in un formato tale che l esecutore automatico

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Dott. Francesco Rossi a.a. 2016/2017 1 Rappresentazione dell informazione

Dettagli

Tecnologie Multimediali a.a. 2016/2017. Docente: DOTT.SSA VALERIA FIONDA

Tecnologie Multimediali a.a. 2016/2017. Docente: DOTT.SSA VALERIA FIONDA Tecnologie Multimediali a.a. 2016/2017 Docente: DOTT.SSA VALERIA FIONDA Rappresentazione digitale delle immagini Sistema binario Il computer "capisce" solo 2 stati: passacorrente (1) non passa corrente

Dettagli

Rappresentazione binaria. Laboratorio di Informatica. Calcolatori digitali. N: numeri naturali. La codifica binaria. I primi 16 numeri binari

Rappresentazione binaria. Laboratorio di Informatica. Calcolatori digitali. N: numeri naturali. La codifica binaria. I primi 16 numeri binari Rappresentazione binaria Rappresentazioni diverse per: Rappresentazione delle informazioni Numeri naturali Numeri interi relativi Numeri reali Pagina 1 Pagina 4 Calcolatori digitali tutte le informazioni

Dettagli

Le immagini digitali. Grafica. Due approcci alla modellazione grafica

Le immagini digitali. Grafica. Due approcci alla modellazione grafica Le immagini digitali 1 Grafica Due approcci alla modellazione grafica Grafica bit-map Immagine è rappresentata come un insieme di punti (pixel) esattamente come sul monitor Non sempre i pixel logici dell

Dettagli

Codifica dell Informazione

Codifica dell Informazione Introduzione all Informatica Fabrizio Angiulli Codifica dell Informazione CODIFICA DI DATI E ISTRUZIONI Algoritmi Istruzioni che operano su dati Per scrivere un programma è necessario rappresentare dati

Dettagli

Le immagini digitali

Le immagini digitali Le immagini digitali Formati e caratteristiche di digitalizzazione Processo complessivo 1. Documento originale (eventuale restauro del supporto) Argomento della lezione 2. Scansione 3. Oggetto digitale

Dettagli

o Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

o Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore Codifica dell informazione o Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni o Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall

Dettagli

La codifica. dell informazione. Tipi di informazione

La codifica. dell informazione. Tipi di informazione Tipi di informazione 11111111111111111111111 111111111111111111111111111 111111111111111111111111111 111111111111111111111111111 1111111111111111111111111 11111111111111111111111111 11111111111111111111111

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori ma si stanno diffondendo sempre di più applicazioni che utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione:

Dettagli

Rappresentazione dei numeri: il sistema di numerazione decimale

Rappresentazione dei numeri: il sistema di numerazione decimale Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Matematica Corso di Elementi di Informatica Lezione 3 14 marzo 2017 Dott. A.A. 2016/2017 pgarau.unica@gmail.com 1 Codifica dei numeri

Dettagli

Formati multimediali e metadati: Video

Formati multimediali e metadati: Video Formati multimediali e metadati: Video Marco Tagliasacchi Formati multimediali e metadati: video Sommario 2 Rappresentazione di dati video Compressione di dati video Formati video Rappresentazione di dati

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base due sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c 0 (le c i sono cifre

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI. Grandezze digitali. Grandezze analogiche

Rappresentazione delle informazioni LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI. Grandezze digitali. Grandezze analogiche Rappresentazione delle informazioni LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Nella memoria del computer è possibile memorizzare esclusivamente sequenze di bit e il processore può processare soltanto dati

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni 6 CFU

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni 6 CFU Università degli Studi di Palermo Dipartimento dell Innovazione Industriale e Digitale Sistemi di Elaborazione delle Informazioni 6 CFU Anno Accademico 2016/2017 Docente: ing. Salvatore Sorce Rappresentazione

Dettagli

Abilità Informatiche. capitoli 1-2. Prof. Fabio Calefato a.a Giurisprudenza

Abilità Informatiche. capitoli 1-2. Prof. Fabio Calefato a.a Giurisprudenza Abilità Informatiche capitoli 1-2 Prof. Fabio Calefato a.a. 2015-16 Giurisprudenza Informatica Definizione Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione Inform(azione) (auto)matica

Dettagli

Modulo informatica di base 1 Linea 2

Modulo informatica di base 1 Linea 2 Modulo informatica di 1 Linea 2 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2010/11 1 c 2010 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni 6 CFU

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni 6 CFU Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni 6 CFU Anno Accademico 2015/2016 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Informazione binaria: suoni, immagini, sequenze video

Informazione binaria: suoni, immagini, sequenze video Informazione binaria: suoni, immagini, sequenze video Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin Tipologie di codici Per la rappresentazione di:

Dettagli

Compressione di dati: testi, immagini, suoni e video. B. Cipolla

Compressione di dati: testi, immagini, suoni e video. B. Cipolla V1.3: Novembre 2008 1 Compressione di dati: testi, immagini, suoni e video B. Cipolla V1.3: Novembre 2008 2 Compressione: motivazioni Ridurre le dimensioni di oggetti digitali per Risparmiare spazio occupato

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori ma si stanno diffondendo sempre di più applicazioni che utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione:

Dettagli

La codifica del suono. Informatica di Base D -- Rossano Gaeta 102

La codifica del suono. Informatica di Base D -- Rossano Gaeta 102 La codifica del suono 102 La codifica dei suoni: la voce Se volessimo codificare la voce umana dovremmo: Campionare il segnale vocale ogni 125 milionesimi di secondo (producendo 8000 campioni al secondo)

Dettagli

Informatica di Base 1 Linea 1

Informatica di Base 1 Linea 1 Informatica di Base 1 Linea 1 Jianyi Lin Dipp. di Matematica e Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano, Italia jianyi.lin@unimi.it a.a. 2011/12 1 c 2011 J.Lin, M. Monga. Creative Commons

Dettagli

1.2d: La codifica Digitale dei caratteri

1.2d: La codifica Digitale dei caratteri 1.2d: La codifica Digitale dei caratteri 2 12 ott 2011 Bibliografia Curtin, 3.6 (vecchie edizioni) Curtin, 2.5 (nuova edizione) CR pag. 9-14 Questi lucidi 3 12 ott 2011 La codifica dei caratteri Un testo

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Codifica testo immagini Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, negativi.) Cosa vedremo ancora: Codifica dei

Dettagli

Informazione multimediale

Informazione multimediale Informazione multimediale Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dai computer ma sempre piu applicazioni utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione: diagrammi,

Dettagli

Compressione di dati: testi, immagini, suoni e video. B. Cipolla

Compressione di dati: testi, immagini, suoni e video. B. Cipolla V1.4: Novembre 2009 1 Compressione di dati: testi, immagini, suoni e video B. Cipolla V1.4: Novembre 2009 2 Compressione: motivazioni Ridurre le dimensioni di oggetti digitali per Risparmiare spazio occupato

Dettagli

La codifica dei suoni

La codifica dei suoni La codifica dei suoni Le fasi fondamentali per la digitalizzazione: campionamento quantizzazione di un campione codifica La codifica dei suoni Si effettuano dei campionamenti sull'onda sonora (cioè si

Dettagli

La codifica. dell informazione

La codifica. dell informazione 00010010101001110101010100010110101000011100010111 11110000011111111010101001001001010100111010101010 00101101010000111000101111111000001111111101010100 01110110101001110101010100010110101010011100010111

Dettagli

Le immagini. Parametri importanti sono:

Le immagini. Parametri importanti sono: Informatica Gerboni Roberta L immagine del video è rappresentata tramite una griglia o matrice di pixel (PIcture ELement) per ognuno dei quali è memorizzata: l intensità luminosa il colore. Parametri importanti

Dettagli

Aosta Formati di file immagine. Quick tutorial per scegliere il formato giusto per ogni output. Diapositiva 1 di 13

Aosta Formati di file immagine. Quick tutorial per scegliere il formato giusto per ogni output. Diapositiva 1 di 13 Aosta 2008 Quick tutorial per scegliere il formato giusto per ogni output Diapositiva 1 di 13 Mini glossario per le immagini http://www.zmphoto.it Dpi: ( Dots Per Inch, punti per pollice ) Unità di misura

Dettagli

Abbiamo visto nella lezione precedente che le immagini possono essere compresse in vari modi, per ridurne l'occupazione di memoria (su disco o rete)

Abbiamo visto nella lezione precedente che le immagini possono essere compresse in vari modi, per ridurne l'occupazione di memoria (su disco o rete) Algoritmi di compressione per le immagini Abbiamo visto nella lezione precedente che le immagini possono essere compresse in vari modi, per ridurne l'occupazione di memoria (su disco o rete) compressione

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Rappresentazione delle immagini 2 Rappresentazione delle immagini Le forme e i colori presenti

Dettagli

1 PERCHÉ LA AG-HPX301E È UNA CAMERA RIVOLUZIONARIA?

1 PERCHÉ LA AG-HPX301E È UNA CAMERA RIVOLUZIONARIA? 1 PERCHÉ LA AG-HPX301E È UNA CAMERA RIVOLUZIONARIA? Per diversi motivi, a cominciare dal fatto che introduce in un prodotto dal costo inferiore ai 10.000 Euro un codec di registrazione fino ad oggi utilizzato

Dettagli

Esistono delle trasformazioni standard fra i diversi formati che abbiamo discusso

Esistono delle trasformazioni standard fra i diversi formati che abbiamo discusso Trasformazioni fra formati Esistono delle trasformazioni standard fra i diversi formati che abbiamo discusso Il formato più ricco di informazioni (e più fedele) è il direct color Può essere ridotto a indicizzato

Dettagli

Multimediale Digitale

Multimediale Digitale Multimediale Digitale Una introduzione V1.2: Settembre 2003, commenti e suggerimenti a Bruno.cipolla@istruzione.it Copyright BC 2003 1 Multimediale Digitale Una introduzione Copyright BC 2003 2 Video al

Dettagli

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3b: Grafica Bitmap e Vettoriale FONT Bitmap e Scalabili

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3b: Grafica Bitmap e Vettoriale FONT Bitmap e Scalabili Modulo 1: Le I.C.T. : Grafica Bitmap e Vettoriale FONT Bitmap e Scalabili Prof. Alberto Postiglione Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli

Dettagli

Rappresentazione delle Immagini. Corso di Informatica. Rappresentazione delle Immagini. Rappresentazione delle Immagini

Rappresentazione delle Immagini. Corso di Informatica. Rappresentazione delle Immagini. Rappresentazione delle Immagini Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Rappresentazione delle Immagini Corso di Informatica Gianluca Torta Dipartimento di Informatica Tel: 011 670 6782 Mail: torta@di.unito.it

Dettagli

Codifica dei caratteri ASCII ESTESO. Codifica delle immagini. Codifica immagini bitmap

Codifica dei caratteri ASCII ESTESO. Codifica delle immagini. Codifica immagini bitmap Codifica dei caratteri I caratteri di un testo vengono codificati tramite sequenze di bit, utilizzando un codice di traduzione. Quello più usato è il codice ASCII (American Standard Code for Information

Dettagli

Rappresentazione digitale delle informazioni

Rappresentazione digitale delle informazioni Rappresentazione digitale delle informazioni Informazione oggi Informatica: disciplina che studia l elaborazione automatica di informazioni. Elaboratore: sistema per l elaborazione automatica delle informazioni.

Dettagli

CODIFICA DI CARATTERI

CODIFICA DI CARATTERI CODIFICA DI CARATTERI Associando un simbolo dell alfabeto ad ogni numero possiamo codificare tutte le lettere Codifica ASCII (American Standard Code for Information Interchange): Caratteri speciali, punteggiatura,

Dettagli

La rappresentazione delle informazioni

La rappresentazione delle informazioni La rappresentazione delle informazioni In queste pagine cercheremo di capire come sia possibile rappresentare mediante numeri e memorizzare in un file testi, immagini, video, suoni... Il computer per lavorare

Dettagli

Informatica. Mario Pavone - Dept. Mathematics & Computer Science - University of Catania. Trasferimento. Ambiente esterno.

Informatica. Mario Pavone - Dept. Mathematics & Computer Science - University of Catania. Trasferimento. Ambiente esterno. Trasferimento Ambiente esterno Controllo Informatica Mario Pavone - Dept. Mathematics & Computer Science - University of Catania mpavone@dmi.unict.it Cos è l Informatica La scienza della rappresentazione

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali i formati grafici immagini raster e vettoriali La rappresentazione delle immagini in formato elettronico può essere attuata in due modi: raster (detta

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Per distinguere 16777216 colori sono necessari 24 bit per la codifica di ciascun pixel: la codifica di un'immagine formata da 640X480 pixel richiederà 7.372.800 bit (921.600 byte) Esistono delle tecniche

Dettagli

1.2d: La codifica Digitale dei caratteri

1.2d: La codifica Digitale dei caratteri 1.2d: La codifica Digitale dei caratteri 2 Bibliografia Curtin, 3.6 (vecchie edizioni) Curtin, 2.5 (nuova edizione) CR pag. 9-14 Questi lucidi 3 La codifica dei caratteri Un testo è rappresentato attraverso

Dettagli

Formati e compressioni

Formati e compressioni Sistemi Multimediali Marco Gribaudo marcog@di.unito.it, gribaudo@elet.polimi.it Formati e compressioni Anche se in memoria le immagini vengono quasi sempre memorizzate come una sequenza di colori RGB,

Dettagli

1.2 Concetti base dell Informatica: Informazione

1.2 Concetti base dell Informatica: Informazione 1.2 Concetti base dell Informatica: Informazione Insegnamento di Informatica Elisabetta Ronchieri Corso di Laurea di Economia, Universitá di Ferrara I semestre, anno 2014-2015 Elisabetta Ronchieri (Universitá)

Dettagli

Rappresentazione dell'informazione

Rappresentazione dell'informazione Rappresentazione dell'informazione Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Università di Bologna http://www.moreno.marzolla.name/ 2 Logica binaria 3 I moderni calcolatori

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara. Docente: Dott. Andrea Silvestri. - Immagini -

Università degli Studi di Ferrara. Docente: Dott. Andrea Silvestri. - Immagini - Università degli Studi di Ferrara Corso di Laurea in Tecnologie per i Beni Culturali 1 A.A.2009/2010 Corso di Informatica 2 Docente: Dott. Andrea Silvestri - Immagini - 2 Sommario Immagine digitale metodi

Dettagli

Introduzione alla progettazione grafica

Introduzione alla progettazione grafica Introduzione alla progettazione grafica Marco Franceschini 2 Introduzione Progettazione tecnica Progettazione artistica Il progettista grafico 3 Elementi del progetto grafico Supporto (tipologie, formati,...)

Dettagli

Numeri interi. Laboratorio di Calcolo Paola Gallo

Numeri interi. Laboratorio di Calcolo Paola Gallo Numeri interi Alfabeto binario anche il segno può essere rappresentato da 0 o 1 è indispensabile indicare il numero k di bit utilizzati Modulo Modulo e segno 1 bit di segno (0 positivo, 1 negativo) k 1

Dettagli

UD8. New York, New York

UD8. New York, New York CORSO DI INFORMATICA UD8. New York, New York Bruno Ronsivalle Cos è un media? Cosa si intende per comunicazione multimediale? Quali sono le caratteristiche di un messaggio testuale? Cosa sono le immagini

Dettagli

Rappresentazione binaria

Rappresentazione binaria Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2007/08 Rappresentazione binaria Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari Università

Dettagli

INFORMATICA GENERALE

INFORMATICA GENERALE INFORMATICA GENERALE a.a. 2006/2007 COGNOMI A-L Silvano Antonelli -Ricevimento : durante il corso: Martedì ore 15.30 presso Dipartimento di Informatica, Largo Pontecorvo 2 Stanza 394 negli altri periodi:

Dettagli

Calcolatore e unità di misura

Calcolatore e unità di misura Calcolatore e unità di misura Ing. Maria Grazia Celentano Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento 1 L INFORMAZIONE INFORMAZIONE Dato che riduce l'incertezza tra due o più

Dettagli

Laboratorio di Informatica. delle informazioni. Pagina 1

Laboratorio di Informatica. delle informazioni. Pagina 1 Rappresentazione delle informazioni Pagina 1 Cl Calcolatori lt idiitli digitali tutte le informazioni vengono rappresentate in forma numerica binaria {0,1}: Numeri Caratteri Immagini Video Suoni Pagina

Dettagli

Formati multimediali e metadati: Immagini

Formati multimediali e metadati: Immagini Formati multimediali e metadati: Immagini Marco Tagliasacchi Formati multimediali e metadati: immagini Sommario 2 Immagini digitali Compressione di immagini Formati Metadati Software Collezioni di immagini

Dettagli

Suono digitale. Ø Un secondo di musica stereo richiede 44'100 campioni di 16 bit (2 byte) ciascuno per due canali, quindi 176'400 byte.

Suono digitale. Ø Un secondo di musica stereo richiede 44'100 campioni di 16 bit (2 byte) ciascuno per due canali, quindi 176'400 byte. Suono digitale Ø Formato standard per i CD audio frequenza di campionamento di 44'100 Hz quantizzazione su 65'536 livelli (un campione viene codificato su 16 bit) Ø Un secondo di musica stereo richiede

Dettagli

L informazione e la sua codifica. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

L informazione e la sua codifica. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 L informazione e la sua codifica Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Informazione e dati L'informazione permette in una situazione in cui si hanno almeno due occorrenze possibili di superare un'incertezza

Dettagli

Video digitali appunti a cura del prof. Mario Catalano

Video digitali appunti a cura del prof. Mario Catalano Video digitali appunti a cura del prof. Mario Catalano Definizione e concetti base Un video è una comunicazione basata su immagini in movimento o meglio su immagini che danno l illusione di un movimento

Dettagli

La rappresentazione cartografica è una forma di descrizione del territorio fondata sulla restituzione delle relazioni spaziali di elementi geografici

La rappresentazione cartografica è una forma di descrizione del territorio fondata sulla restituzione delle relazioni spaziali di elementi geografici Cartografia digitale e modelli di dati spaziali modelli vettoriali e modelli raster La descrizione cartografica La rappresentazione cartografica è una forma di descrizione del territorio fondata sulla

Dettagli

Codifica Immagini Fisse

Codifica Immagini Fisse Codifica Immagini Fisse Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2008/2009 Contenuti Caratteristiche delle immagini Codifica JPEG Perché comprimere Si supponga di voler trasmettere 30 fotografie in bianco

Dettagli

RGB, YUV2, YV12, COSA SONO? Vediamolo nel dettaglio, cercando di capire quale sia conveniente utilizzare e perché.

RGB, YUV2, YV12, COSA SONO? Vediamolo nel dettaglio, cercando di capire quale sia conveniente utilizzare e perché. RGB, Y2, Y12, COSA SONO? ediamolo nel dettaglio, cercando di capire quale sia conveniente utilizzare e perché. Beh, in breve ed in maniera esemplificata all estremo, possiamo senza dubbio affermare che

Dettagli

Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni)

Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni) Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni) Corso di laurea in Scienze dell'educazione Lezione 9 Elaborazione di immagini (parte 1) Mario Alviano Sommario Grafica vettoriale e bitmap Risoluzione

Dettagli

Abbiamo visto come la codifica di testi sia (relativamente semplice) Con le immagini la questione è più complessa

Abbiamo visto come la codifica di testi sia (relativamente semplice) Con le immagini la questione è più complessa Codifica delle immagini Abbiamo visto come la codifica di testi sia (relativamente semplice) Un testo è una sequenza di simboli Ogni simbolo è codificato con un numero Ed ecco che il testo è trasformato

Dettagli

Analogico vs digitale

Analogico vs digitale Analogico vs digitale Informazione classificatoria e più che classificatoria Informazione classificatoria: è questo, ma avrebbe potuto essere quest altro altro. Informazione più che classificatoria: riconoscere

Dettagli

Rappresentazione dei numeri. Esercizio. Rappresentazione dei numeri. Informazione multimediale

Rappresentazione dei numeri. Esercizio. Rappresentazione dei numeri. Informazione multimediale Esercizio Rappresentazione dei numeri Un testo di 4 caratteri occupa 16 bit, quanti caratteri ha l alfabeto? Ogni carattere occupa 16/4 = 4 bit con 4 bit posso codificare 2 4 = 16 caratteri Il codide ASCII

Dettagli

Introduzione alla codifica entropica

Introduzione alla codifica entropica Compressione senza perdite Il problema Introduzione alla codifica entropica Abbiamo un alfabeto di simboli A (nota: non è detto che gli elementi di A siano numeri) Sappiamo che il simbolo a A si presenta

Dettagli

Le immagini digitali

Le immagini digitali Le immagini digitali immagini raster immagini vettoriali Immagini raster Dette pittoriche o pixel oriented dividono l immagine in una griglia uniforme. Ciascuna cella della griglia ha uguale dimensione.

Dettagli

Informazione Analogica Versus Informazione Digitale

Informazione Analogica Versus Informazione Digitale Informazione Analogica Versus Informazione Digitale Concetti Chiave Informazione Analogica vs. Informazione Digitale Conversione da Analogico a Digitale: Campionamento e Quantizzazione Bits e Bytes Sistema

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Lezione 5: Formati di immagine: JPEG. D. Cecchin, F. Bui FORMATO GRAFICO JPEG

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Lezione 5: Formati di immagine: JPEG. D. Cecchin, F. Bui FORMATO GRAFICO JPEG UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Lezione 5: Formati di immagine: JPEG D. Cecchin, F. Bui FORMATO GRAFICO JPEG ACRONIMO DI: JOINT PHOTOGRAPHIC EXPERT GROUP SVILUPPATO NEL: 1986 da un

Dettagli