SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PRESTAZIONI E CORRISPETTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PRESTAZIONI E CORRISPETTIVI"

Transcript

1 SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PRESTAZIONI E CORRISPETTIVI Scoppito, 30 Maggio

2 2

3 1 - DEFINIZIONI ALLACCIAMENTO D'UTENZA ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA BASSA PRESSIONE CLIENTE FINALE CODICE DI RETE DELIBERAZIONE 40/04 DISA TTIV AZIONE DELLA FORNITURA SU RICHIESTA DEL CLIENTE FINALE DISPERSIONE DISTRIBUTORE GRUPPO DI MISURA IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE LOCALE IMPIANTO INTERNO Complesso di tubazioni con dispositivi ed elementi accessori che costituiscono le installazioni necessarie a fornire il gas al CLIENTE FINALE; l'impianto ALLACCIAMENTO D'UTENZA ha inizio dall'organo di presa (compreso) e si estende, normalmente attraverso una colonna montante, fino al GRUPPO DI MISURA (escluso) e comprende l'eventuale gruppo di riduzione; in assenza del GRUPPO DI MISURA, l'impianto di ALLACCIAMENTO D'UTENZA si estende fino all'organo di intercettazione terminale incluso della derivazione stessa; Avvio dell'alimentazione del PUNTO DI RICONSEGNA, a seguito o di un nuovo contratto di fornitura, o di modifica delle condizioni contrattuali, o di subentro ad una fornitura preesistente disattivata, attraverso interventi limitati al gruppo di misura; Pressione relativa del gas definita, per il gas naturale dal decreto 16 aprile 2008 e per i gas di petrolio liquefatti dalla norma UNI EN 9860: Non superiore a 0,04 bar (7 a specie) nel caso in cui il gas distribuito sia gas naturale o gas manifatturato; Non superiore a 0,07 bar (7 a specie) nel caso in cui il gas distribuito sia gas di petrolio liquefatto; Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio; Codice contenente regole e modalità per la gestione ed il funzionamento della rete emesso dal DISTRIBUTORE; Deliberazione dell'autorità 13 marzo 2004 n. 40/04; Sospensione dell'alimentazione del PUNTO DI RICONSEGNA a seguito della disdetta del contratto da parte del Cliente Finale con sigillatura o rimozione del GRUPPO DI MISURA; Fuoriuscita incontrollata di gas dall'impianto di distribuzione; Società che svolge le attività di trasporto di gas attraverso reti di gasdotti locali per la consegna ai CLIENTI FINALI e che è la sola autorizzata ad effettuare qualsiasi operazione sulle reti di gasdotti locali, sugli ALLACCIAMENTI D'UTENZA e sui GRUPPI DI MISURA; Parte dell'impianto di alimentazione del CLIENTE FINALE che serve per l'intercettazione, per la misura del gas e per il collegamento all'impianto interno del CLIENTE FINALE;è comprensivo di un eventuale correttore dei volumi misurati; Rappresenta l'insieme dei gasdotti che congiungono i PUNTI DI CONSEGNA con i PUNTI DI RICONSEGNA (GRUPPO DI MISURA), per mezzo dei quali viene svolta la distribuzione di gas naturale ai Clienti Finali; Insieme delle tubazioni e dei loro accessori non di proprietà del DISTRIBUTORE, dal punto di riconsegna del gas all'apparecchio utilizzatore (escluso), dall'installazione ed dai collegamenti del medesimo, dalle predisposizioni edili e/o meccaniche per la ventilazione del locale dove deve essere installato l'apparecchio, dalle predisposizioni edili e/o meccaniche per lo scarico all'esterno dei prodotti della combustione; 3

4 MEDIA PRESSIONE PUNTO DI CONSEGNA PUNTO DI RICONSEGNA RIATTIVAZIONE FORNITURA IN SEGUITO A SOSPENSIONE PER MOROSITÀ' RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA SERVIZIO DI VETTORIAMENTO UTENTE VERIFICA DEL GRUPPO DI MISURA VERIFICA DELLA PRESSIONE DI FORNITURA VERIFICA DI ASSENZA DI DISPERSIONI Pressione relativa del gas definita, per il gas naturale dal decreto 16 aprile 2008 e per i gas di petrolio liquefatti dalla norma UNI EN 9860: Superiore a 0,04 bar e non superiore a 5 bar (4 a, 5 a e 6 a specie) nel caso in cui il gas distribuito sia gas nauturale o gas manifatturato; Superiore a 0,07 bar e non superiore a 5 bar (4 a, 5 a e 6 a specie) nel caso in cui il gas distribuito sia gas di petrolio liquefatto; per il gas naturale, è il punto coincidente con il punto di riconsegna della rete di trasporto, dove viene reso disponibile all'impresa distributrice il gas naturale; per i gas diversi dal naturale, è il punto di alimentazione dell'impianto di distribuzione; Punto di confine tra l'impianto di distribuzione e l'impianto del CLIENTE FINALE, dove l'impresa di distribuzione riconsegna il gas naturale per la fornitura al CLIENTE FINALE; Ripristino dell'alimentazione del PUNTO DI RICONSEGNA che pone fine, alla sospensione della fornitura effettuata dal DISTRIBUTORE nel rispetto delle procedure di preavviso previste dalla normativa vigente e dai provvedimenti dell'autorità; Richiesta di attivazione della fornitura di gas inviata al DISTRIBUTORE da un UTENTE per conto del Cliente Finale; E il servizio di trasporto del gas sulla RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE eseguito a titolo oneroso dal DISTIBUTORE per conto dell'utente; È l'utilizzatore del servizio di distribuzione cha ha titolo ad immettere e prelevare gas naturale, per uso proprio o per cessione ad altri; Accertamento del corretto funzionamento del contatore del gas con riferimento a quanto previsto dalla normativa tecnica vigente emanata dall'uni ed hai valori di tolleranza previsti dalla normativa metrologica vigente; Accertamento del livello di pressione nel PUNTO DI RICONSEGNA con riferimento a quanto previsto dalla normativa tecnica vigente. Operazione di verifica ai sensi dell'art. 11 della delibera AEEG n. 168/04, come modificato dalla delibera n. 158/05. si evidenzia che tale verifica non ha valenza di collaudo; 4

5 2 - OGGETTO E APPLICABILITÀ' 2.1 Oggetto II presente documento riporta gli importi previsti per le attività tecniche di tipo standard che possono essere svolte al punto di riconsegna da SCOPPITO SERVIZI SRL e stabilisce i prezzi unitari per ogni servizio elencato. 2.2 Applicabilità L'applicazione del presente listino avverrà in maniera imparziale su tutto il territorio servito da Scoppito Servizi Srl. I prezzi di cui al presente elenco, per ALLACCIAMENTI RETE GAS, sono da intendersi ENTRO i 5 metri oppure oltre. I lavori non specificati nel presente listino sono preventivati a parte. La determinazione dell'appartenenza o meno di un lavoro alle attività tecniche di "tipo standard" è di esclusiva competenza del personale di Scoppito Servizi SRL a ciò incaricato. Per il settore merceologico GAS il presente listino non sarà applicato in presenza di puntuale definizione di listino alternativo in sede di acquisizione del servizio di distribuzione regolato da apposita convenzione stipulata con l Amministrazione Comunale. 5

6 3 - DISPOSIZIONI GENERALI 3.1 Esecuzione delle operazioni Le attività sono svolte da Scoppito Servizi SRL o da suoi incaricati in ogni caso identificabili tramite divisa aziendale e/o tesserino di riconoscimento. Il personale opererà secondo la vigente legislazione, le normative tecniche vigenti nonché le procedure tecniche e di sicurezza Aziendali. In nessun caso potrà essere richiesto di derogare da quanto sopra sia nella redazione del preventivo del lavoro sia in fase di realizzazione dello stesso. In nessun caso, le attività di cui al presente Elenco, verranno eseguite in locali o luoghi ove non sussistano le necessarie condizioni di sicurezza, igiene e salubrità. 3.2 Inclusioni/esclusioni dai prezzi dell'elenco I prezzi del "tipo standard" riportati nel presente Elenco comprendono, oltre quanto esplicitamente indicato nei vari paragrafi, la manodopera ed i materiali necessari a rendere l'opera finita a regola d'arte dal punto di vista strettamente idraulico-impiantistico. Nel caso di lavori posti all'interno della proprietà richiedente, la prestazione (sia analitica che forfetaria) si considera soddisfatta alle seguenti condizioni: Le servitù sono inamovibili e per esse non è riconosciuta alcuna indennità; In caso di demolizioni di pavimentazioni, anche per interventi successivi, gli oneri di ripristino sono a carico del richiedente o del Cliente Finale, ad esclusione delle superfici bitumate. I prezzi riportati nel presente Elenco non comprendono: richiesta/acquisizione di permessi e/o autorizzazioni, da parte di Privati o di Enti Pubblici, necessari per l'esecuzione dei lavori nonché gli eventuali oneri comunali ove richiesti dalle Amministrazioni locali; lavori edili di qualsiasi genere, salvo ove diversamente specificato; quanto non esplicitamente indicato nei vari paragrafi e/o nella descrizione dell'attività offerta. 3.3 IVA Salvo diversa indicazione i prezzi del "tipo standard" si intendono finali per il Cliente e non sono comprensivi di IVA. 3.4 Aggiornamento prezzi L'aggiornamento del listino è subordinato all'approvazione da parte del CDA di Scoppito Servizi Srl, fatto salvo per gli adeguamenti imposti da nuove leggi o norme cogenti emanate dagli organismi competenti. 6

7 4 LAVORI SEMPLICI E COMPLESSI 4.1 Allacciamenti rete gas Descrizione attività Importo per singola attività Esecuzione, modifica e/o potenziamento di allacciamenti mediante esecuzione di lavori semplici o complessi ENTRO 5 METRI: 500,00 (Esecuzione di derivazione d utenza in acciaio e in polietilene) Quota variabile (Fornitura e posa in opera di misuratore + riduttore) o Contatore calibro G4 150,00 o Contatore calibro G6 200,00 o Contatore calibro G10 400,00 o Contatore calibro G16 400,00 o Contatore calibro G25 650,00 Per l installazione di più misuratori o la realizzazione di derivazione d utenza aerea, si calcola un compenso aggiuntivo per ogni singola utenza al quale va sommato successivamente l importo del calibro del misuratore desiderato: Compenso per realizzazione di derivazione d utenza aerea 300,00 Il contributo di allacciamento è definito in modo FORFETTARIO ENTRO 5 METRI qualora si verifichino le seguenti condizioni Lunghezza dell allacciamento uguale o inferiore a 5 metri; Calibro misuratore sino a G25; Allacci gas analitici computo analitico superiore a 5 metri Compenso aggiuntivo per eccedenza interrata /m 45,00 Compenso aggiuntivo per pavimentazione speciali /m 35,00 Contatore calibro G ,00 Contatore calibro G ,00 Contatore calibro G100 o superiori a preventivo Contatore turbina/roton G160-G250 a preventivo Gruppi speciali di riduzione maggiore 100Mc a preventivo E definito in modo ANALITICO qualora si verifichi una delle seguenti condizioni Lunghezza d allacciamento superiore a 5,00 m; Calibro misuratore oltre G25; In ogni caso di fornitura gas richiesta superiore a 0,05 bar; In ogni caso di presenza di accessori o apparecchiature speciali. 7

8 4.1.3 Spostamento di un misuratore con distacco vecchia presa e nuovo allaccio (con scavo) o Nuovo allaccio entro 5 metri 500,00 o Distacco vecchia presa su condotta stradale 350,00 o Distacco vecchia presa su colonna montante 200,00 o Compenso aggiuntivo per eccedenza interrata oltre i 5 metri 45,00 a metro lineare Maggiorazione quota di ripristino stradale su richiesta di Enti Gestori strade (Provincia-Anas- Demanio, etc..) Il prezzo indicato comprende tutte le attività necessarie per lo spostamento di un misuratore dopo richiesta del cliente finale. In presenza di contatore aperto a servizio del CLIENTE FINALE nella prestazione è compresa l attività di attivazione della fornitura, con effettuazione della verifica di assenza di dispersione sull IMPIANTO INTERNO ai sensi della normativa vigente, anche in soluzione differita rispetto allo spostamento. La prestazione non comprende il ripristino della pavimentazione sulla proprietà privata. Qualora lo spostamento sia richiesto espressamente dal Distributore, non verrà addebitato nessun importo per l esecuzione della prestazione fatto salvo il caso in cui la richiesta sia motivata da esigenze legate alla sicurezza Sostituzione contatore per incuria/manomissione o per variazione di portata richiesta dall Utente o Contatore calibro G4 + riduttore di pressione 150,00 o Contatore calibro G6 + riduttore di pressione 200,00 o Contatore calibro G10 + riduttore di pressione 400,00 o Contatore calibro G16 + riduttore di pressione 400,00 o Contatore calibro G25 + riduttore di pressione 650,00 o Riduttore di pressione fino a 10 mc/h 85,00 o Riduttore di pressione oltre 10 mc/h e fino a ,00 o Riduttore di pressione per portate oltre 25 mc/h e fino a ,00 o Riduttore di pressione per portate oltre 50 e fino a ,00 o Contatore calibro G4 80,00 o Contatore calibro G6 120,00 o Contatore calibro G10 285,00 o Contatore calibro G16 285,00 o Contatore calibro G25 455,00 I prezzi comprendono la rimozione e l installazione del nuovo contatore e gli adattamenti idrauliciimpiantistici dell attacco eventualmente necessari. Il prezzo si applicherà anche in presenza di sottrazione (furto/sparizione) dell apparecchiatura dalla naturale ubicazione. L applicazione del prezzo per variazione di portata verrà determinata considerando il calibro del nuovo contatore da installare Verifica pressione di fornitura su Punto di riconsegna su richiesta del Cliente Finale 8

9 o Verifica in bassa pressione (BP) /cad 40,00 o Verifica in media pressione (MP) /cad 80,00 Il prezzo comprende l inserimento di apparecchio di registrazione, l effettuazione della verifica dell assenza di dispersioni sull impianto interno, il successivo ritiro dell apparecchio di registrazione e la determinazione della conformità o meno della pressione del gas al Punto di Riconsegna secondo quanto disposto dalle vigenti norme UNI. Nel caso non sussistano le condizioni per il mantenimento dell erogazione del gas in sicurezza (es. mancanza di tratti IMPIANTO INTERNO, verifica assenza di dispersioni negativa, ubicazione del PUNTO DI RICONSEGNA non a norma, ecc.) la stessa verrà sospesa ai sensi della norma vigente. Detti importi non verranno addebitati qualora la verifica conduca all accertamento di valori dipressione di fornitura non compresi nel campo di variazione fissato dalla normativa tecnica vigente Soppressione attacco aereo o Soppressione attacco aereo /cad 150,00 Il prezzo indicato comprende, per esigenze del CLIENTE FINALE, tutte le attività necessarie per la soppressione del PUNTO DI RICONSEGNA di qualsiasi DN/calibro su ALLACCIAMENTO D UTENZA esistente senza determinarne il non utilizzo. 9

10 5 Prestazioni Accessorie Gas 5.1 Intervento non eseguito per cause non imputabili al Distributore o Intervento /cad 35,00 Il prezzo indicato si applica qualora, nel caso di uscita presso il Cliente Finale, il Distributore non sia in grado di effettuare i lavori/prestazioni di cui ai punti 5.2, 5.6, 5.9, 5.10, 5.12, 5.17, 5.18, 5.19, per cause imputabili al Cliente finale o all Utente della rete. Gli esiti che daranno luogo all addebito sono i seguenti: Cliente finale sconosciuto Indirizzo errato Mancanza del tratto di collegamento tra impianto privato e gruppo di misura/impianto non a norma Prova di tenuta con esito negativo Prestazione non eseguita su richiesta cliente finale/impedita dal cliente finale L importo viene applicato in sostituzione del prezzo pieno e salvo diverse disposizioni dell Autorità per l energia elettrica ed il gas. Il distributore non applicherà l addebito, come previsto dalla normativa, all Utente nei casi di mancata presenza del cliente finale all appuntamento concordato ai fini dell esecuzione delle prestazioni soggette a livelli specifici e generali di qualità commerciale, nonché nel caso l intervento non venga eseguito per impossibilità di individuazione univoca dell impianto di utenza da attivare. 5.2 Accertamenti degli impianti di utenza gas o Portata termica fino a 34,8 KW /cad 40,00 o Portata termica fino a 34,8 KW e fino a 116 Kw /cad 50,00 o Portata termica fino a 116 KW /cad 60,00 I prezzi si intendono applicabili, ai sensi del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza, per ogni impiato di utenza soggetto all accertamento e comprende le aattivitò effettuate dal Distributore ai sensi del regolamento di cui alla Delibera dell AEEG del 18 Marzo 2004, n.40/04 e sue integrazioni e modifiche. L Accertamento è effettuato per ogni impianto di utenza sulla base della portata termica complessiva e verrà addebitato automaticamente in aggiunta al prezzo di attivazione/installo contatore quando previsto 5.3 Accertamento impedito o Accertamento impedito /cad 15,00 I prezzi si intendono applicabili, ai sensi del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza, per ogni accertamento impedito a causa della mancata ricezione della documentazione richiesta dal distributore nei tempi previsiti dal medesimo regolamento. 5.4 Sospensione della fornitura di gas a seguito di adempimenti ai sensi delibera AEEG n.40/04 10

11 o Sospensione per 40/04 /cad 30,00 Il prezzo comprende l attività di sospensione della fornitura del gas effettuata dal Distributore ai sensi del regolamento della sicurezza degli impianti di utenza gas, di cui alla delibera dell AEEG del 18 Marzo 2004, n.40/04 e sue integrazioni e modifiche e la trasmissione dell esito all Utente. 5.5 Attivazione di fornitura o Attivazione fornitura /cad 30,00 Il prezzo indicato comprende la verifica dell ammissibilità della richiesta, la fissazione dell appuntamneot, l attivazione del SERVIZIO DI VETTORIAMENTO su un CLIENTE FINALE nuovo, con relativa lettura effettuata dal DISTRIBUTORE o da un suo incaricato, l effettuazione della verifica di assenza di dispersione sull impianto interno e la comunicazione della lettura all UTENTE. Nel caso non sussistano le condizioni per il mantenimento dell erogazione del gas in sicurezza (es.: mancanza IMPINATO INTERNO, verificadi assenza di dispersione negativa, ubicazione del PUNTO DI RICONSEGNA non a norma, ecc.) la stessa non verrà attivata ai sensi della normativa vigente. L Utente della rete richiede l intervento al Distributore, fornisce le informazioni necessarie ed assicura la presenza del Cliente Finale. 5.6 Subentro su contatore aperto con richiesta di esecuzione lettura o Subentro /cad 30,00 Il prezzo indicato comprende l attivazione del SERVIZIO DI VETTORIAMENTO su un CLIENTE FINALE subentrante ad un precedente in presenza di Gruppo di Misura aperto, con relativa lettura effettuata dal DISTRIBUTORE o da un suo incaricato dietro richiesta dell Utente. Nel caso non sussistano le condizioni per il mantenimento dell erogazione del gas in sicurezza (es.: mancanza IMPIANTO INTERNO, ubicazione del PUNTO DI RICONSEGNA non a norma, ecc.) la stessa verrà sospesa ai sensi della normativa vigente. Durante tale operazione non viene compiuta la verifica di assenza di dispersioni. 5.7 Riattivazione della fornitura di gas sospesa per disdetta del Cliente Finale o Riattivazione fornitura /cad 30,00 Il prezzo indicato comprende l attivazione del SERVIZIO DI VETTORIAMENTO su un CLIENTE FINALE subentrante ad un precedente in presenza di Gruppo di Misura sigillato, con relativa lettura effettuata dal DISTRIBUTORE o da un suo incaricato dietro richiesta dell UTENTE. Nel Caso non sussitano le condizioni per il mantenimento dell erogazione del gas in sicurezza (es.: mancanza IMPINATO INTERNO, ubicaizone del PUNTO DI RICONSEGNA non a norma, ecc.) la stessa verrà sospesa ai sensi della normativa vigente. 5.8 Riattivazione della fornitura di gas sospesa in pronto intervento o ai sensi delibera AEEG 40/04 o Riattivazione fornitura /cad 30,00 11

12 Il prezzo indicato comprende la verifica dell ammissibilità della richiesta, la fissazione dell appuntamento, l attività di riattivazione della fornitura del gas effettuata ai sensi del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza gas di cui alla delibera dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas del 18 Marzo 2004 n. 40/04 e sue integrazioni e modifiche, o della sospensione a seguito di dispersione riscontrata in occasione di pronto intervento su impianto del Cliente Finale. 5.9 Riattivazione della fornitura in seguito a chiusura per morosità del Cliente Finale o Riattivazione fornitura /cad 30,00 Il prezzo indicato comprende la verifica dell ammissibilità della richiesta, la fissazione dell appuntamento, l effettuazione della verifica di assenza di dispersioni sull IMPIANTO INTERNO, l attivazione del SERVIZIO DI VETTORIAMENTO entro 2 giorni lavorativi, la rilevazione della lettura di apertura e la comunicazione della lettura all UTENTE. Nel caso non sussistano le condizioni per l erogazione del gas in sicurezza (es.: mancanza IMPIANTO INTERNO, verifica di assenza di dispersioni negativa, ubicazione del PUNTO DI RICONSEGNA non a norma, ecc.) la stessa rimarrà sospesa ai sensi della normativa vigente Installo contatore in seguito a chiusura per morosità o violazione sigilli del Cliente finale o Installo contatore /cad. 100,00 Il prezzo indicato comprende la verifica dell ammissibilità della richiesta, la fissazione dell appuntamento, l effettuazione della verifica di assenza di dispersioni sull IMPINATO INTERNO, l attivazione del SERVIZIO DI VETTORIAMENTO, la rilevazione della lettura di apertura e la comunicazione della lettura all UTENTE. Nel caso non sussistano le condizioni per l erogazione del gas in sicurezza (es.: mancanza IMPIANTO INTERNO, verifica di assenza di dispersioni negativa, ubicazione del PUNTO DI RICONSEGNA non a norma, ecc.) la stessa rimarrà sospesa ai sensi della normativa vigente Riattivazione della fornitura in seguito al taglio della conduttura di allaccio per morosità del Cliente Finale o Intervento allacciamento interrato /cad. 100,00 o Intervento allacciamento aereo /cad. 100,00 Il prezzo comprende la verifica dell ammissibilità della richiesta, la fissazione dell appuntamento, l effettuazione della verifica di assenza di dispersioni sull IMPIANTO INTERNO. Il ripristino dell allacciamrnto, la riattivazione della fornitura gas, con relativa lettura e la comunicazione della lettura all UTENTE. Nel caso non sussistono le condizioni per il mantenimento dell erogazione del gas in sicurezza (es.: ubicazione del PUNTO DI RICONSEGNA non a norma, ecc.) la stessa verrà sospesa ai sensi dell normativa vigente. Il prezzo indicato si applica per singolo intervento. I prezzi non sono comprensivi dei ripristini stradali necessari ed imposti dagli Enti Proprietari delle strade. 12

13 5.12 Disattivazione della fornitura su richiesta del Cliente Finale con o senza rimozione del contatore o Disattivazione fornitura /cad. 30,00 Il prezzo indicato comprende la verifica dell ammissibilità della richiesta, la fissazione dell appuntamento, la cessazione dle SERVIZIO DI VETTORIAMENTO tramite chiusura del rubinetto di intercettazione posto a monte del CONTATORE, la rimozione/sigillatura del contatore nonché l eventuale chiusura del rubinetto esterno se possibile. L intervento comprende altresì la rivelazione della lettura di chiusura e la sua comunicazione all UTENTE. Durante l esecuzione di tale intervento il DISTRIBUTORE si riserva la facoltà di procedere in assenza di esplicita richiesta, a proprio giudizio e senza ulteriori oneri per l UTENTE e/o il CLIENTE FINALE, alla rimozione contestuale del CONTATORE. L UTENTE della rete richiede l intervento al Distributore, fornisce le informazioni necessarie ed assicura la presenza del Cliente Finale Sospensione della fornitura/rimozione contatore per morosità del Cliente Finale o Disattivazione fornitura per morosità /cad. 30,00 II prezzo comprende la verifica dell'ammissibilità della richiesta, la sospensione dell'alimentazione gas del punto di riconsegna con chiusura del rubinetto a monte del contatore o della valvola di derivazione della singola utenza immediatamente accessibile dall'operatore senza utilizzo di mezzi speciali, la comunicazione all'utente dell'esito dell'intervento stesso, la rilevazione della lettura di chiusura (se possibile eseguirla), la comunicazione della lettura all'utente. Il prezzo indicato si applica per singolo intervento. Si ritiene compreso nell'importo l'eventuale chiusura del flusso del gas con intercettazione a monte del rubinetto del contatore accessibile per l'operatore. Durante l'esecuzione di tale intervento il distributore si riserva la facoltà di procedere, anche in assenza di esplicita richiesta, alla rimozione contestuale del contatore Disattivazione della fornitura con taglio della conduttura di allaccio per morosità del cliente finale o Intervento allacciamento interrato /cad. 900,00 o Intervento allacciamento aereo /cad. 500,00 II prezzo comprende la verifica dell'ammissibilità della richiesta, la disattivazione della fornitura del gas con un intervento di interruzione dell'alimentazione del Punto di Riconsegna, la rilevazione della lettura (se possibile eseguirla) e la comunicazione della lettura all'utente. Il prezzo indicato si applica per singolo intervento e comprende I' eventuale utilizzo di mezzi speciali (escavatori, autoscale, ecc.). I prezzi non sono comprensivi dei ripristini stradali necessari ed imposti dagli Enti proprietari delle strade Disattivazione fornitura per ordine della Pubblica Autorità 13

14 o Disattivazione fornitura /cad. 30,00 II prezzo indicato si applica per singolo intervento. Il prezzo comprende la comunicazione all'utente dell'esito dell'intervento stesso, la rilevazione della lettura di chiusura, la comunicazione della lettura all'utente e l'interruzione del SERVIZIO DI VETTORIAMENTO. I prezzi non comprendono l'impiego di mezzi o attrezzature speciali (cestelli, o altre attrezzature per lavori in quota, ecc.) Intervento di lettura del contatore o per lettura singola spot /cad. 30,00 o per lotto fino a 100 letture /cad. 15,00 o per lotto da 101 a 200 letture /cad. 10,00 o per lotto da 201 a 400 letture /cad. 8,00 o Quota fissa per lotto oltre 400 letture /cad. 6,00 II prezzo si applica per ogni lettura singola eseguita dal Distributore e richiesta dall'utente. Durante tale operazione non viene compiuta la verifica di assenza di dispersioni Verifica metrologica presso laboratorio del Gruppo di Misura su richiesta del Cliente Finale effettuata su misuratore con anno di fabbricazione antecedente di almeno 25 anni dall anna di richiesta o per contatore calibro G4 e G6 /cad. 5,00 II prezzo comprende la rimozione del vecchio e l'installazione del nuovo CONTATORE che resterà installato definitivamente sul PUNTO DI RICONSEGNA gli adattamenti idraulico-impiantistici dell'attacco eventualmente necessari, l'invio ed esecuzione della prova presso un laboratorio certificato, convenzionato con Scoppito Servizi SRL. L'importo non verrà addebitato qualora la verifica conduca all'accertamento di errori di misura superiori ai valori ammissibili dalla normativa tecnica vigente Verifica metrologica presso laboratorio del Gruppo di Misura su richiesta del Cliente Finale effettuata su misuratore con anno di fabbricazione entro 25 anni dall anno di richiesta o per contatore calibro G4 e G6 /cad. 40,00 II prezzo comprende la rimozione del vecchio e l'installazione del nuovo CONTATORE che resterà installato definitivamente sul PUNTO DI RICONSEGNA gli adattamenti idraulico-impiantistici dell'attacco eventualmente necessari, l'invio ed esecuzione della prova presso un laboratorio certificato, convenzionato con Scoppito Servizi SRL. L'importo non verrà addebitato qualora la verifica conduca all'accertamento di errori di misura superiori ai valori ammissibili dalla normativa tecnica vigente Verifica metrologica del Gruppo di Misura su richiesta del Cliente Finale effettuata presso laboratorio 14

15 o per contatore calibro G10 e G16 /cad. 250,00 o per contatore calibro G25 /cad. 250,00 o per contatore calibro G40 /cad. 250,00 o per contatore calibro G65 /cad. 250,00 o per contatore calibro G100 o superiore costi sostenuti e documentati 15

16 II prezzo comprende la rimozione del vecchio CONTATORE, l'installazione del nuovo CONTATORE, gli adattamenti idraulico-impiantistici dell'attacco eventualmente necessari, l'invio per l'esecuzione della prova presso un laboratorio certificato, convenzionato con Scoppito Servizi SRL. L'importo non verrà addebitato qualora la verifica conduca all'accertamento di errori di misura superiori ai valori ammissibili dalla normativa tecnica vigente Verifica generica su contatore o Verifica generica su contatore /cad. 50,00 Il prezzo comprende la verifica dell ammissibilità della richiesta, la fissazione dell appuntamneto, e si intende applicabile per ogni richiesta di verifca generica sul contatore, quali: ripiomba tura contatore, verifica sull impinato privato, se richiesto dall Utente. Il prezzo è comprensivo della lettura del contatore. Durante tale operazione non viene compiuta la verifica di assenza di dispersioni. 16

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO INDICE CAPO I CONDIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Sede Secondaria: Via Lorenteggio, 257-20152 Milano Reg. Imp.: 05410741002 di Roma C.F.: 05410741002 - Partita IVA: 05410741002

Sede Secondaria: Via Lorenteggio, 257-20152 Milano Reg. Imp.: 05410741002 di Roma C.F.: 05410741002 - Partita IVA: 05410741002 CONDIZIONI DI CONTRATTO INFOSTRADA PER LE AZIENDE 1. OGGETTO DEL CONTRATTO 1.1 WIND Telecomunicazioni S.p.A. con sede legale in Roma, Via Cesare Giulio Viola 48, sede operativa in Milano, via Lorenteggio

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA Guida alla lettura dei costi

ENERGIA ELETTRICA Guida alla lettura dei costi Spedizione Abbonamento Postale 45% art. 2 comma 20/b legge 662/96 filiale di Roma ANNO XV - Lire 3.000 - Supplemento al n. 10 di Impresa Artigiana del 01 febbraio 2001 I QUADERNI DI ENERGIA ELETTRICA Guida

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Condizioni generali di abbonamento al servizio telefonico di base

Condizioni generali di abbonamento al servizio telefonico di base Condizioni generali di abbonamento al servizio telefonico di base Articolo 1 - Oggetto 1. Le presenti condizioni generali disciplinano la fornitura del servizio di telefonia ai Clienti (di seguito il "Servizio")

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A.

CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A. CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A. Indice INTRODUZIONE 1- PRINCIPI FONDAMENTALI... 1 2- IMPEGNI... 3 3- I SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS... 3 4- STANDARD DI QUALITÀ... 5 5- RAPPORTO CONTRATTUALE

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia Allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell Assemblea Consortile dell 8 maggio 2009 REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

Dettagli

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 (Fonte Ministero Dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Linee guida, relative alla definizione delle modalità con cui gli operatori

Dettagli

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti Soluzione 3 Dimensioni Nuova Sala Termica Cortina 30 ottobre 2013 agg. 12 Novembre 2013 agg. 18 Novembre 2013 Comune di Cortina d'ampezzo Provincia di Belluno 1,50 0,80 Pompa di Calore Aermec ANLI 021H

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0002-2010 Data 20/12/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Flavio Paglierini Via Via Cesare

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015 TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Carta dei Servizi. Principi fondamentali

Carta dei Servizi. Principi fondamentali Carta dei Servizi Principi fondamentali Premessa Tiscali Italia S.p.a. (di seguito Tiscali), nell'ambito di un programma improntato alla trasparenza nei rapporti con la propria clientela, e alla qualità

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Condizioni Generali di Abbonamento al Servizio Telefonico di Base

Condizioni Generali di Abbonamento al Servizio Telefonico di Base Condizioni Generali di Abbonamento al Servizio Telefonico di Base Articolo 1 - Oggetto Le presenti Condizioni Generali (di seguito Contratto ) definiscono modalità e termini secondo cui Telecom Italia

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO ACQUEDOTTO CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO CITTÀ DI AOSTA REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO Via Parigi 196 11100 Aosta Tel. 0165.300.600 - Fax: 0165.554.961 www.comune.aosta.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas)

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Direzione Consumatori e Utenti Seminario online - organizzazioni PMI 5 marzo 2014

Dettagli

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento INDICE PREMESSA 4 1 INTERVENTI SU IMPIANTI INCENTIVATI IN CONTO ENERGIA 6 1.1 SPOSTAMENTO DELL IMPIANTO 7 1.2

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli