OCI della Cultura. LIVIO RAPARELLI QUINDICESIMA Edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OCI della Cultura. LIVIO RAPARELLI QUINDICESIMA Edizione"

Transcript

1 Comune di Ozzano dell Emilia V ANNO XV OCI della Cultura LUGLIO /AGOSTO Mensile d informazione degli eventi culturali di Ozzano dell Emilia e dintorni. A cura dell' Assessorato e della CONCORSO PER Numero speciale Consulta per la Cultura POESIE E RACCONTI BREVI LIVIO RAPARELLI QUINDICESIMA Edizione Quest'anno il concorso è giunto alla 15 edizione; la grande partecipazione, sia di autori che di votanti, ha imposto l'introduzione di alcune novità nella formulazione della classifica dei vincitori. Dopo la prima selezione a cura della giuria tecnica, composta da Insegnanti ed Esperti, si è aperta, sul sito del Comune, un'apposita pagina web nella quale sono state pubblicate le prime 5 opere di ciascuna categoria e sezione, per il giudizio della giuria popolare. Vista la grande risposta della cittadinanza, si è deciso di scindere le due classifiche premiando i vincitori secondo il giudizio della giuria tecnica, oltre ad un unico componimento votato dalla giuria popolare, quello con più voti ricevuti! Nei giorni di pubblicazione dei testi (siamo al 3 anno dall'introduzione del voto online), sono arrivate circa 800 mail, un numero in crescendo negli anni; purtroppo però abbiamo notato anche voti a mò di catena di Sant'Antonio. Ricordiamo che il voto, anche se online, deve premiare il componimento più meritevole, non quello dell'autore con più amici ; è questo l'auspicio per l'edizione del prossimo anno. Anche questa edizione comunque si è svolta con successo e soddisfazione per tutti. Rivolgiamo un ringraziamento particolare al Dirigente scolastico, alle Insegnanti ed alla Bibliotecaria dell'istituto comprensivo per avere sempre creduto nel nostro concorso e per la collaborazione, all'amministrazione comunale ed al Sindaco Loretta Masotti sempre presente e partecipe alle premiazioni, alla scuola di musica di Ozzano che ha allietato la serata di premiazione dei ragazzi con le note dei suoi allievi, a Pina Randi per la professionalità e bravura nella lettura dei testi vincitori, alle scrittrici Antonella Colombi e Silvana Sandri per la partecipazione e, infine, alla giuria per il grande impegno e per l'arduo compito di selezione dei testi. Un doveroso ringraziamento anche a tutti i partecipanti, per avere avuto voglia di mettersi in gioco. E' sempre un grande piacere vedere come il nostro concorso riesca ad essere un momento di vita sociale coinvolgente quanto altre iniziative di carattere culturale e non. Come ogni anno, dedichiamo al concorso questo numero speciale di Voci della Cultura che raccoglie tutti i testi vincitori. Buona lettura e.. arrivederci alla prossima edizione. Elisa Zuffi - Biblioteca Comunale 8 marzo

2 I TESTI VINCITORI DELLA 15 EDIZIONE DEL CONCORSO " LIVIO RAPARELLI" CATEGORIA POESIA SEZIONE SCUOLA ELEMENTARE 1 classificata GIURIA TECNICA MIO FRATELLO Tu sei libero come un uccellino che svolazza nel cielo blu. Tu sei triste come la lacrima che scende dai lucenti occhi. Tu sei furbo come una volpe che si nasconde dai cacciatori. Tu sei affascinante come il sole che sorge ogni mattina. Tu sei un libro da aprire dove si celano dei sentimenti. Tu sei tenero e indifeso come una pecorella smarrita. Tu sei un mistero. Tu sei mio fratello. ARIANNA STAGNI (4 elementare) 2 classificata GIURIA TECNICA QUESTA E' ARTE! Questa è arte! Questi sono i colori che usano i pittori: giallo, azzurro, bianco, rosso... tutti mischiati a più non posso. Questo è Botero che mi piace davvero. La sua signorina con cappellino sembra mia zia con il canarino. Questa è arte! Paesaggi strani: un naso sull'albero, per aria una pera sembrano angeli e uomini di cera. Questa è arte! 2

3 Con prati e girasoli esplodono tutti i colori. Questa è arte! Linee e punti fanno venire fuori case e monti. Questa è arte! E non si trova su Marte!!! PAOLA SCARMOZZINO (3 elementare) 3 classificata GIURIA TECNICA IL VENTO Ciao ciao vento, tu sei un portento, tu sei freddo e trasparente, e vai in mezzo alla gente, tu voli nel cielo e sembri un velo. BEATRICE BENINI (2 elementare) 1 classificata GIURIA POPOLARE NINNA NANNA Ninna nanna, se penso a quante volte tu mi facevi addormentare, quasi non posso credere che ora non sappia più una delle tue fantastiche parole. Sai, ninna nanna, che dovevo godere di te fin quando ero piccola, perché da un giorno all'altro non ti avrei più sentita! Ninna nanna cara! GIULIA CARRA (4 elementare) 3

4 MENZIONE SPECIALE 20 ANNO DALLA SCOMPARSA DI LIVIO RAPARELLI AUTUNNO Gli alberi nudi di felicità ma vestiti di solitudine, continuano la loro vita triste,ricordando i tre fastidiosi sospiri del vento, che toglievano agli alberi le loro piccole amiche di avventura, cullandole dolcemente ai loro piedi, facendole diventare parte del terreno. Un sospiro del vento amico trasportava le foglioline in una nuova vita e gli alberi in una nuova speranza. ELENA ZINI (4 elementare) SEZIONE SCUOLA MEDIA 1 classificato GIURIA TECNICA E POPOLARE IL MARE La mattina di buon ora è bello camminare sulle spiagge rocciose di conchiglie, ricci e alghe odorose, mentre il sole veloce e forte distende le sue braccia calde sul mare. E piatto e luccicante: sembra quasi un diamante. E calmo e tranquillo e senza tempo. Ma quando arriva il giorno il mare si trasforma: sulle spiagge una caotica accozzaglia di bambini che schiamazzando giocano, di papà che nuotano, di mamme che leggono e si abbronzano di insetti che ronzano. Ci serve il silenzio per pensare. Allora andiamo al largo e godiamoci la quiete che solo il mare sa dare in mezzo alla vastità del suo luccicare. GIOELE BEGHELLI (1 media) 4

5 2 classificata GIURIA TECNICA ISABELLA Non parlo Non cammino Vedo le pagine di un libro, quanto mi piacerebbe sfogliarlo. Vedo i colori dell arcobaleno, quanto mi piacerebbe stenderli su tela. Vedo i bambini giocare, quanto mi piacerebbe correre con loro. Vedo soltanto il mondo che mi circonda ma non posso farne parte. Sento il cinguettio degli uccelli, quanto mi piacerebbe volare assieme a loro. Sento il fruscio delle foglie, quanto mi piacerebbe toccarle con le mani. Sento l odore della ciambella, quanto mi piacerebbe gustarne il sapore. Sento soltanto le voci delle persone ma non posso rispondere. Qui, seduta sulla mia seggiola a rotelle, posso soltanto aspettare la corsa della mia vita. ALESSIA FATTORI (3 media) 3 classificato GIURIA TECNICA L'AMICO PERDUTO Ogni sera cerco il tuo ricordo difficile d'afferrare, piango dentro il mio dolore che vorrei urlare, un dolore che mi logora lentamente fino a raggiungere la mia mente. Il mio pensiero è sospeso nel ricordo di ciò che è accaduto, perchè rifiuto di averti perduto. Mi sono ritrovato solo come un gabbiano in volo, vorrei accettare la tua assenza per colmare il vuoto che hai lasciato nella mia essenza. GIACOMO ESPOSITO (3 media) 5

6 SEZIONE ADULTI 1 classificata GIURIA TECNICA E POPOLARE MADRE Ingoiando la sconfitta ti giri e torni indietro mentre inquieta piangi lacrime di rabbia. L amore fatica a trovare spazio dove il dolore segna il passo. Poi l ira si placa e apri il cuore al ritrovato sorriso di madre sfinita. ENRICA LABANTI 2 classificata GIURIA TECNICA FIGLIO Oggi credo di non averti mai capito Non so dove finisce il dolore per dar spazio alla consapevole follia Non sento più i tuoi battiti pulsare sul mio petto Non vedo il tuo sguardo triste cercare conforto Vorrei leggere fra le righe confuse del tuo essere Vorrei provare le emozioni che tu non senti più Vorrei affondare nel mare delle tue paure per allungarti la mano per accompagnarti da lontano dove ora non credi sia possibile andare dove la mente imprigionata ti nega a un passo dai tuoi sogni a un soffio dalla felicità. SILVIA SANMARCHI 6

7 3 classificato GIURIA TECNICA VASI SANGUIGNI Una mattina in cui la rugiada imperlava le ragnatele e l'orizzonte dapprima inviolato cominciava a mostrare strisce simili alle venature dei marmi la parte più chiara di me si dilettava a cercare lontane galassie di misericordia con un telescopio di desiderio. E negli occhi disegnati la forma del perdono si mescolava a quella fine come sabbia della follia. Molte volte mi sono sentito smarrito, come una nube, come un messaggio in bottiglia, ma quando ho deciso di togliere il tappo e provare a nuotare nel sale del mare, nello zucchero del sangue, ho scoperto nel tuo corpo una forma vibrante di pace. STEFANO FORTINI 7

8 CATEGORIA PROSA SEZIONE SCUOLA ELEMENTARE 1 classificato GIURIA TECNICA LA CASA DELLA MIA NONNA Da quando ero piccolo vado a casa della mia nonna quando sono malato e non posso andare a scuola così quando sento l'odore delle medicine la penso sempre. In realtà vado spesso dalla mia nonna a mangiare e guardare la televisione, a volte anche con i miei genitori ed è molto bello perchè pranziamo tutti insieme. In quei casi mi diverto di più perchè c'è una gran confusione e tutti ridono e scherzano. Qualche volta si litiga,ma mai proprio sul serio e ci si prende un pò in giro a vicenda; la nonna è buffa perchè tratta tutti come dei bambini piccoli e continua a riempire i piatti e dare ordini... ma nessuno osa contraddirla perchè lei minaccia di prendere tutti a scapaccioni e potrebbe anche farlo. Quando arriva l'ora di tornare ognuno a casa sua mi riempie di nascosto le tasche di cioccolatini e, a volte, mi lascia anche i soldini per le figurine. Quando sono malato però è tutta un'altra cosa. Vado nello studio e posso guardare la televisione stando seduto sulla poltrona di pelle del nonno che non c'è più perchè è morto prima che io nascessi. La nonna mi concede di mettere i piedi sullo sgabello apposito e di scegliere i programmi che preferisco, posso addirittura mangiare lì... cosa inaudita e di solito vietatissima. Lo studio della nonna è una camera misteriosa e affascinante, ricorda un poco una chiesa perchè i mobili sono scuri e ci sono tante immagini della Madonnina e di Gesù appese ai muri. Si sente sempre un odore di cera appena stesa e anche l'odore sottile dei fiori freschi o secchi che la nonna tiene vicino alle fotografie. Sono fotografie di parenti e amici, ma non tutti sono ancora vivi. Sul pianoforte dove studiava la mia mamma da piccola ci sono orologi e lampade d'epoca e piccole statue e altri oggetti di una volta che fanno pensare ad un negozio misterioso e io, a volte, immagino un piccolo omino con gli occhiali di ferro e uno scialle sulle spalle che sta lì a vendere tutti quegli oggetti, anche se non vorrei che succedesse. La fotografia che mi impressiona di più è quella del fratellino di mia nonna che è morto settantasei anni fà di pertosse. E' una piccola foto in bianco e nero che mi stringe il cuore perchè si vede un bimbo di pochi mesi con un'espressione struggente... infatti l'hanno ritratto mentre stava per morire. La nonna mi ha raccontato che si faceva così perchè le foto erano rare, costose e si facevano nelle occasioni speciali come i matrimoni e i battesimi. Quando ci penso provo tristezza perchè non ho mai visto questa persona e quindi mi chiedo come sarebbe stata da grande...se avesse avuto dei figli sarebbero i cugini della mamma e forse io giocherei con i loro bambini. Sotto la lampada a forma di fiore ci sono le foto del fratello della mamma, sono tante e tutte di età diverse. Ce n'è una piccola piccola, dove lo zio è in divisa da marinaio perchè andava all'accademia navale a Livorno. La cornice è un minuscolo ramo di rose intrecciate e,a fianco,un rosario di madre perla mi ricorda di dire una preghierina perchè lo zio è morto da tanti anni in un incidente stradale. Il 8

9 suo orologio segna da allora il momento esatto della sua morte e sta lì inutile e triste in attesa di una carica che non arriverà mai. Nello studio della nonna i ricordi degli altri mi avvolgono come una ragnatela e nella pigrizia dei raffreddori invernali immagino storie di vita che non ho mai vissuto: il nonno e la nonna brindano con me il giorno del loro matrimonio da una foto marroncina sopra la scrivania, la mamma fa la prima comunione poco dietro e, a fianco, un bimbo biondo e ciccio mi saluta dallo scivolo... sono io a un anno! Ogni tanto la nonna arriva per controllare la febbre o darmi una medicina, allora io, per non prendere lo sciroppo, faccio finta di dormire. Lei si avvicina e mi aggiusta una coperta sulle gambe, mi toglie il piattino della mela pericolosamente in bilico e io sento il suo odore: un profumo leggero di biscotti e di rose, un profumo timido di baci e carezze sfiorati, un profumo sereno di promesse mantenute. LEONARDO BOSI (5 elementare) 1 classificato GIURIA POPOLARE DAL DENTISTA Non ho mai trascurato l'igiene dentale. Un giorno avevo male ad un dente, e così andai dal dentista. Nella sala d'aspetto c'erano due poltrone color nero di un tessuto che non era pelle ma cotone, c'erano tantissimi giornali, dentifrici e spazzolini. Quando chiamarono il ragazzino prima di me mi iniziarono a tremare i denti e le ginocchia e mi venne anche mal di pancia. Sentivo il dentista con tono impetuoso: Si deve stringere quella vite e quel bullone, poi cambiare la molla. Sembrava un macchinista che aggiustava una macchina. Poco dopo chiamarono me ed entrai. C'erano dentiere, strani cacciaviti, trapani, specchietti, spazzolini e arnesi vari. Mi sdraiai su una soffice poltrona color verde acqua e tutto intorno a me odorava di pulito e dentifricio alla menta. Tra me e me dissi: Sì, dai non è il paradiso ma neanche l'inferno. Mi mise le mani in bocca e così guardai meglio il dentista, o meglio i suoi occhi, dato che era l'unica cosa che si poteva vedere perchè portava una strana cuffia e una mascherina verde. Finalmente il dentista si tolse la maschera e potei vederlo in faccia. Si rivolse alla mamma con una voce sottile, non era la voce che avevo sentito dalla sala d'aspetto, e disse: In bocca va tutto bene a parte una piccolissima carie nella parte destra in basso, inpoche parole il molare destro. Lo vidi trafficare nei suoi arnesi e dopo un po' mi disse di aprire la bocca ma io mi confusi e invece di aprirla la chiusi con energia morsicando il dito del dentista. Aveva un sapore strano, non riesco a descriverlo precisamente, sapeva di metallo e forse plastica, comunque non era una cosa squisita. Mi trapanò la carie ma non sentii niente. Appena finito ci portò nel suo studio e diede il conto a mia mamma che impallidì e con mano tremante lo prese e pagò il dentista. Usciti dallo studio del dentista ho dovuto consolare la mamma...e pensare che ero io quella a cui era stato trapanato il dente! AURORA BERGAMINI (5 elementare) 9

10 2 classificata GIURIA TECNICA LA MIA PASSIONE PER... La mia passione per gli astri risale all'agosto di due anni fa. Mi piaceva starmene seduta su uno scoglio vicino alla riva del mare a sentire lo sciabordio delle onde che si infrangevano contro la ruvida parete della scogliera e guardare il cielo con il naso all'insù. Oppure inerpicarmi per sentieri sconnessi, pieni di rovi e piante selvatiche, graffiandomi e sbucciandomi in tutti i punti i piedi scalzi. L'amore per le stelle, però, mi portava a sopportare pure quello e, alla fine, un pò malinconica, arrivavo sulla cima del promontorio che cadeva a strapiombo sul mare. Mi sedevo per terra e qualche volta allungavo la mano come per afferrare una stella ma, come al solito, non riuscivo a prenderne neanche un pezzetto. Un giorno ero scesa in spiaggia prima del solito, le ombre della sera non erano ancora calate ma in cielo brillava già una stellina: era molto piccola, la luce che emanava era molto fioca. Io me ne restavo a guardarla con occhi lucidi, mi sembrava che quella stella fosse fatta apposta per me. La guardai e le dissi con un filo di voce: Vorresti diventare la mia stella?. Seguì un momento di silenzio. Anche i gabbiani che stavano stridendo qualche minuto prima sopra la mia testa tacquero. Non c'era stato nessun cenno di approvazione, ma io capii che aveva risposto di si. Non mi aveva parlato con le parole ma in un linguaggio segreto che potevamo capire solo io e lei. Da quel giorno siamo diventate amiche inseparabili. Un'amicizia un pò strana lo so, l'amicizia però non ha confini. MATILDE NICOLOSI (4 elementare) 3 classificato GIURIA TECNICA UN'INCREDIBILE AVVENTURA Questo racconto è ambientato nella parte occidentale della Siria a nord di Damasco, paese spaccato in due dalla guerra civile e dalle continue carneficine. Qui in questa nazione, vivevano Manuel e Naria, due fratelli di quindici e tredici anni. Manuel era un ragazzo sveglio, pensava a tutta la famiglia portando ogni giorno da mangiare in casa, a volte facendo lavori disonesti, come aiutare i ribelli, oppure lavorando nei campi e trasportando carichi pesanti. I genitori, però, guidati dalla preoccupazione che non ci fosse futuro nel loro paese, un giorno decisero di mandarli via di casa. I bambini opposero resistenza, non volevano lasciarli per nessun motivo, ma se ne andarono costretti dai genitori che, subito dopo, vennero uccisi nel bel mezzo di una carneficina. Racimolarono un po di provviste e si ripararono in una locanda per la notte. Per ristorarsi e per dormire occorrono soldi, quello che i due ragazzi non avevano. Manuel era uno di poche parole e illustrò sbrigativo il piano alla sorella: Naria, stammi a sentire, adesso quando andiamo al bancone della locanda per pagare devi far finta di guardare nella sacca e poi scappare. E infatti quando dovettero pagare il locandiere, come già concordato nel piano, Manuel e Naria iniziarono a correre a perdifiato battendo sul tempo il locandiere. Purtroppo nei giorni seguenti, i due ragazzi per salvarsi la vita dovettero arrangiarsi a fare i ladri. Il loro piano era quello di approdare sulle vicine coste turche per incominciare una nuova vita. I problemi però non erano ancora finiti; dopo alcuni giorni di cammino, giunti al confine tra la Siria e la Turchia, videro quattro uomini armati e, anche se non sapevano che cos era la dogana, 10

11 capirono che quella non era un dogana vera dove bisognava pagare il dazio, ma in cui bisognava passare con la forza. Intanto dall altra parte del confine Samir, un ambasciatore turco dell Unicef, era pronto ad andare in Siria, come aveva già fatto per altre missioni. Appena vide i due ragazzi, sussurrò per non farsi sentire dai soldati: Cosa ci fate qui al confine, tutti soli? Gli raccontarono la loro storia, i genitori, i furti, la fatica del viaggio. Non abbiamo più nessuno a casa concluse Manuel, mentre Naria stava piangendo. Aiutaci. Aiutaci, ti prego ripeté Naria. Samir, vedendoli così disperati, si mosse a compassione e li portò con sé in Turchia dove furono adottati da una famiglia del posto. La Turchia fece il possibile per aiutare i due fratelli e molti altri bambini siriani e, alleandosi con altre nazioni, pose fine alla guerra civile in Siria. ENRICO SIMONETTI (5 elementare) SEZIONE SCUOLA MEDIA 1 classificata GIURIA TECNICA ALL'OMBRA DEL MELO Stavo raggomitolato all'ombra di un melo, il melo sotto il quale mi ero sempre rifugiato per giocare da solo, estraniandomi completamente dal mondo. Davanti a me si estendeva la valle con il suo elegante vestito punteggiato di primule. La vista di quelle delicate creature che venivano piegate al suolo dalla brezza primaverile mi toccava il cuore. Dalle mie narici saliva il forte profumo dei pini e delle lavande che mi circondavano e in quei pochi istanti in cui contemplavo quel luogo mi sentivo veramente felice, come se fosse quella casa mia. Il rumore di passi felpati che si avvicinavano mi riportò velocemente alla realtà e poco dopo mi accorsi che accanto a me si era seduta mia sorella. Anton mi disse, fissandomi negli occhi, quei suoi grandi occhi verde smeraldo, talmente verdi che mi ricordavano la valle. Mamma e papà hanno deciso di lasciare la Macedonia e andare a sposarsi in Francia per stabilirsi lì. Partiamo domani l'altro. Adesso i suoi occhi brillavano e una lacrima le scese lungo la guancia. Poi si alzò e imboccò un vialetto, scomparendo dalla mia vista. Ripensai alle sue parole. Ero confuso. Perché mi avevano lasciato all'oscuro di tutto? In quel Paese avrei scovato un posto tranquillo e incantevole come questo? Avrei trovato un amico? Mi piaceva spesso rimanere da solo, immerso nelle mie fantasie e nei miei pensieri. Quando giocavo col mio cuginetto di quattro anni, nel giro di poco tempo mi annoiavo e tornavo a rifugiarmi sotto il mio melo, dove nessuno sarebbe venuto a disturbarmi. Adesso invece ero costretto ad abbandonare quel paradiso per andare in un Paese di cui non conoscevo niente e nessuno. Sentii una lacrima attraversarmi la guancia e provai una fitta al cuore; così singhiozzando mi allontanai. In casa non fu facile affrontare la situazione; cercavo di nascondere la mia tristezza agli occhi dei miei genitori. Non avevo voglia di parlare con loro di come avrei affrontato la situazione, avevo solamente voglia di piangere in solitudine. E infatti appena mi chiesero se approvavo la loro idea, annuii silenziosamente. 11

12 Quando attraversai la piccola cucina vidi mia sorella distesa lungo il tavolo, il viso rigato di lacrime. Anche a lei dispiaceva lasciare questo posto, dove era nata e cresciuta e dove custodiva tutti i suoi ricordi. Parigi. E' questa il luogo dove i miei genitori si sarebbero sposati. Non è come me l'aspettavo; anzi, è completamente diversa, molto raffinata. Girando per la città, ho scoperto diversi punti molto tranquilli dove rifugiarmi, nessuno però si può comparare al mio melo, a quell'albero sulla cima della collina che mi permetteva di ammirare l'intera valle. Continuo ad essere un ragazzo solitario. Nella nuova scuola mi sento molto diverso rispetto agli altri ragazzi e fatico a comunicare con loro e con gli insegnanti. Nulla è cambiato, finché un giorno, una mia compagna di classe, Marie, mi si avvicina e gentilmente comincia a chiedermi come mi trovo nella nuova città. In un primo istante rimango perplesso e non rispondo alle sue domande; ma poiché insiste decido di accontentarla. Comincio a raccontarle lentamente della mia città nativa e dell'incantevole spettacolo che la valle, con le sue primule, mi offriva. La mia voce fa lunghe pause prima di formulare nuove frasi, ma la ragazza rimane incantata dalle mie parole, le orecchie tese e gli occhi che fissa immobili i miei. Sento il cuore battere sempre più forte man mano che procedo con il racconto e il mio sguardo vaga, disperso nel vuoto. Però Marie continua a sorridermi, un sorriso ampio e rassicurante, come se mi incitasse a proseguire. Non era mai accaduto che qualcuno mi rivolgesse tanta attenzione. Nei giorni successivi torno a casa insieme con Marie, ma per la maggior parte del tragitto resto in silenzio ad ascoltare con avidità i suoi racconti vivaci. Descrive con passione alcuni luoghi di quella città, e i suoi negozi, i parchi, la scuola, gli insegnanti. Un giorno all'improvviso, mentre stiamo tornando a casa, mi afferra il braccio e mi trascina in un intricato e sconosciuto vialetto; la guardo senza capire, ma lei insiste ad andare avanti, così taccio. Il vialetto porta a una vasta radura. Allo spettacolo che segue rimango senza fiato: il cuore mi martella nel petto, assieme a mille emozioni. Ho pensato che ti sarebbe piaciuto, e così dicendo mi indica, con un ampio gesto del braccio, il paesaggio che si apre davanti ai miei occhi. Accarezzate dal vento primaverile, ecco le primule; le sfioro, ne colgo qualcuna e poi mi getto in quella delicata distesa che mi ricorda tanto la mia valle, con il viso inondato di lacrime di gioia. Finalmente dopo tanto tempo mi sento veramente felice, chiudo gli occhi e per un istante rivedo il mio Paese, ma la vera felicità sta nell'aver trovato un'amica. CHIARA MAZZANTI (2 media) 1 classificato GIURIA POPOLARE IL REPERTO Un giorno di luglio decisi di andare a fare un giro in bicicletta verso Osteria Grande. Mentre pedalavo, mi fermai un attimo a osservare gli scavi archeologici vicino casa mia e, spinto dalla curiosità, mi avvicinai. Non c'era nessuno in giro. Andai vicino alla recinzione per osservare meglio, ma mi sembrava non ci fosse niente di speciale se non zolle di terra, foglie secche e cocci di ceramica. Poi, mentre tornavo indietro, notai che nel sito a fianco, abbandonato da tempo, c'era qualcosa che luccicava, proprio in mezzo alla terra, facendo uno strano gioco di luci e di colori. Scesi dalla bici e incuriosito mi inoltrai nel campo per vedere cosa fosse il misterioso oggetto. Lo 12

13 presi tra le mani e, dopo averlo un po' spolverato, dedussi che era di metallo. Era spezzato a metà e molto graffiato, ma non c'era ruggine. Anche se mi sembrava strano, forse era un reperto sfuggito agli archeologi. Decisi di portarmelo a casa e me lo misi in tasca. Andai in camera mia e presi un libro sui romani, perché il sito abbandonato era un luogo un tempo occupato da una cittadina romana, provando a confrontare il misterioso oggetto con delle immagini di ciondoli o collane in metallo. A un certo punto notai che il pezzo ritrovato era abbastanza simile ad un medaglione che il grande imperatore Augusto dava ai suoi fidati generali. Nella mia mente già immaginavo la scena della consegna della medaglia, dove i generali avevano l'onore di ricevere un premio così prezioso dall'imperatore in persona. Ero emozionatissimo. Avevo trovato un reperto importante e di elevato valore. Non stavo più nella pelle, saltavo per la stanza come un pazzo. Decisi che il giorno dopo sarei andato dagli archeologi per dare loro il pezzo, attribuendomi così il merito della scoperta di quest'ultimo. Il giorno dopo presi di nuovo la bici e andai allo scavo per consegnare il pezzo. Arrivato là gli archeologi lo guardarono un attimo e anche se le loro facce non erano molto convinte, mi dissero che avrebbero fatto delle analisi approfondite per vedere se era veramente un reperto. Lasciai loro la mia mail per avere notizie del mio medaglione. Controllavo ogni ora la mail per sapere i risultati e, finalmente, dopo due giorni arrivò il tanto atteso verdetto. Ero così sicuro del risultato che stavo per dirlo ai miei genitori, quando però lessi la mail: Gentile sig. Diego, ci dispiace molto ma dalle analisi abbiamo dedotto che il pezzo ritrovato da lei e scambiato per un reperto è in realtà un semplice pezzo di latta appartenente ad un'autodegli anni 90', finito lì per caso. Grazie comunque, gli Archeologi del campo di Claterna Le forze mi abbandonarono e quasi caddi per terra; non volevo crederci. Dopo tutte le fantasticherie che mi ero fatto non mi aspettavo una delusione così grande. Pazienza, diventerò famoso un'altra volta. DIEGO CISBANI (3 media) 2 classificata GIURIA TECNICA L'INCREDIBILE STORIA DI MEREDITH DUSSENDORF Erano appena le sei della mattina, all improvviso la suoneria country del mio cellulare suonò e mi fece sobbalzare dal letto. Era la voce del mio caporedattore che mi ordinava di prendere il prossimo aereo in partenza per Cracovia per intervistare una signora anziana tedesca per un articolo del quotidiano di Boston. Arrivai a destinazione per l ora di cena e la mattina seguente verso le otto ero già in partenza; in meno di un ora fui alla sua residenza. Un enorme e imponente villa mi apparve davanti, convincendomi che sarebbe stata una di quelle noiose e monotone interviste. Mi si presentò davanti una donna dall aria semplice, umile che non aveva niente a che fare con l immagine che pensavo di incontrare. Quando entrai, l ambiente mi parve molto classico e tipico di una signora 13

14 sola. Salve Meredith, sono qui per l intervista riguardo la sua carriera da soldato nel campo di concentramento di Birkenau esitai a dire e lei mi rispose con voce malinconica Si, ho chiamato personalmente il suo caporedattore per far conoscere la mia storia. Ero giovane, ma la mia vita non fu semplice poiché pur essendo la figlia di un importante uomo d affari del Fuhrer, fui costretta ad assistere ad uno degli eventi più terribili che mai riuscirò a dimenticare: lo sterminio degli ebrei. Al campo mi occupavo della sezione femminile e del reparto dei bambini, la prima volta che vidi quei poveri fanciulli salire su quel carro, rabbrividii e mi si riempirono gli occhi di lacrime. La loro vita era finita ancor prima di cominciare. Ma io non potevo soffrire per tutte quelle innocenti persone, non ne avevo il diritto, io dovevo essere un loro nemico e non una spalla su cui piangere e consolarsi. Una mattina d inverno, mi fu ordinato di preparare le donne appena arrivate e anticipare loro che cosa avrebbero dovuto fare, a chi avrebbero dovuto prestare attenzione e illustrare il regolamento che prevedeva il campo. Non avevo marito, ma ne vedevo molti abbandonare le proprie mogli, non avevo bambini, ma ne vedevo troppi morire, non avevo una famiglia, ma ne vedevo tante disfarsi. Poi, un giorno accadde un fatto che avrebbe cambiato la mia vita. Una mattina, quando ero di turno all alba, andai a visitare le baracche delle donne. Entrai e feci un giro all interno e ad un tratto scorsi da sotto una brandina una signora sulla trentina che portava fra le braccia un bambino che doveva essere nato da poco, lo cullava dolcemente e io, spinta da un desiderio di maternità e di pietà, le dissi che mi sarei occupata del fanciullo. Lo presi fra le mie braccia e all improvviso fu come se tutto quello che ci circondava sparisse, lasciando spazio alla serenità, alla gioia e all amore. Eravamo solo io e lui, due anime apparentemente lontane, ma vicine con il cuore e il destino. Diversi anni più tardi, terminata la guerra, venni a sapere, tramite la lettura di un giornale, che un importante imprenditore ebreo, era alla ricerca del figlio di circa vent anni, proprio l età che all epoca aveva Erik, il bambino che avevo salvato. Sentivo nel mio cuore, che quel ragazzo poteva essere Erik, a cui avevo già confessato di non essere la vera madre. Perciò scrissi a quel giornale e dopo poco tempo, bussò alla mia porta un uomo. Il suo sguardo, di un blu profondo era uguale a quello del mio ragazzo. Si conobbero e dal primo attimo insieme, erano in perfetta sintonia e si vedeva chiaramente il legame parentale che li univa. Oramai vivevamo tutti insieme e nel maggio del 1965, il padre di Erik mi chiese di sposarlo. Io, accettai perché intesi che era giusto sia per il ragazzo che per me, mantenendo la promessa che avevo fatto alla madre. Era una storia straordinaria e commovente che mi lasciò a bocca aperta, non avevo mai sentito nulle di simile, nulla di così incredibile ALESSIA FATTORI (3 media) 3 classificata GIURIA TECNICA LA MIA STORIA Cara Savannah, volevo scusarmi se, alla festa di Julia, ti sono sembrato troppo introverso e distante, ma il fatto è che sono ancora scosso dalle mie recenti avventure, che fino ad ora non sono riuscito a comunicare a nessuno ma con te è diverso... sono pronto a raccontarti ogni singolo dettaglio della mia storia. La mia nonna paterna è di origini spagnole e, molti anni fa, andò in Angola per una vacanza; lì incontrò mio nonno del quale si innamorò e, con lui, decise di stabilirsi più a nord, in Marocco dove, a Rabat, nacque mio padre ed in seguito io. Ho otto fratelli maggiori che mi sostengono e mi vogliono bene. 14

15 Ma un giorno mio padre tornò a casa e ci disse che aveva purtroppo perduto il lavoro e che, in quel periodo di crisi, sarebbe stato difficile trovarne uno nuovo. Mi sentii a pezzi. Non lo fece intendere ma gli si leggeva la paura negli occhi e si capiva che, dovevamo trovare una soluzione che ci avrebbe cambiato la vita per sempre. Nei giorni successivi sentivo i miei genitori discutere sul da farsi e vedevo mia madre sempre più spaventata e di notte tante volte la sentivo versare lacrime silenziose, affranta, senza alcuna prospettiva di vita. Noi, nelle nostre stanze, stavamo svegli a pregare per loro, ma una sera mio padre ci comunicò la sua decisione di lasciarci e di partire per la Spagna e la mattina successiva dovemmo salutarlo e affidarlo alla sorte dei mari. Presto, circa tre settimane dopo, arrivò il nostro turno di preparare i bagagli per raggiungerlo a Siviglia dove aveva trovato lavoro come tassista abusivo.. Non volevo cominciare una vita diversa in un altro luogo del quale non conoscevo né la lingua né gli abitanti, io amavo la mia terra tuttavia capivo che era per il bene della mia famiglia ed il giorno dopo partimmo in un barcone pieno di clandestini come noi che cercavano fortuna in terre lontane. Il viaggio fu molto lungo, circa dieci giorni con poche risorse e con i venti forti che sballottavano l'imbarcazione di qua e di là; non so come riuscimmo a sopravvivere eppure approdammo a Siviglia sani e salvi solo un po' storditi dal viaggio. Giorno dopo giorno riuscivo sempre meno a vivere in quel luogo così diverso dalla mia terra nativa. Non smettevo di pensare agli amici ma soprattutto ai miei nonni che in Marocco mi facevano compagnia tutti i giorni mentre i miei genitori erano a lavoro. Ci svegliavamo tutti insieme all'alba, correvamo verso il campo a raccogliere datteri, fichi ma anche squisite banane. Poi tornavamo a casa e, mentre io andavo a sfamare gli animali nel recinto, lei preparava gli ingredienti per un'altra favolosa invenzione culinaria, ogni giorno diversa. Pranzavamo tutti insieme nel giardino e, quando il sole allentava la sua morsa di calore, la nonna ci mandava fuori a giocare a mosca cieca o a ruba bandiera con il nonno, mentre lei e la mamma pulivano la cucina. La sera diventava così buio che non si vedeva un palmo dal naso e, non avendo la luce elettrica, dovevamo stare intorno al fuoco. In quei momenti ci raccontavamo storie di tempi passati o immaginavamo avventure future, ognuna incantevole a modo suo, poi andavamo a dormire consapevoli che il giorno seguente sarebbe stato un giorno migliore. Ma ora che ho sedici anni e che ho passato buona parte della mia vita qui, ancora non riesco a sentirmi a mio agio in Spagna. Probabilmente perché sono cresciuto creando legami profondi con la famiglia e gli amici, senza badare al fatto di essere povero ma imparando a godere delle gioie della vita, sereno e tranquillo. Qui a Siviglia, trovo ragazzi che implorano i propri familiari di comprar loro video games, computer nuovi o ancor più, cellulari alla moda, da cambiare ogni anno perché ne producono sempre più di sofisticati e prestanti, che costano almeno un quarto, se non di più, dello stipendio dei genitori. Io questo comportamento non lo capisco e credo proprio che non lo accetterò mai. Mi mancano la mia famiglia, i miei affetti. Ho nostalgia della mia vera casa. Eccoti svelata la tristezza che, ogni tanto, prende il sopravvento sulla mia solita vivacità e allegria. E' difficile cancellare le proprie radici ma so che un giorno, grazie al tuo aiuto, troverò il coraggio di andare avanti. Con affetto... José GIULIA SANGIORGI (2 media) 15

16 SEZIONE ADULTI 1 classificata GIURIA TECNICA TUTTO CAMBIA RIMANENDO SE STESSO Lara si osservava tutte le mattine allo specchio, stava lì, fissandosi per lunghi minuti, con il viso stanco, i capelli color fango, aridi e scompigliati, le occhiaie e le labbra secche, poi gettava lo sguardo su ciò che la circondava, i pupazzi e i giochi della sua infanzia, le foto della sua perfetta famiglia dove solo lei stonava e in ogni secondo di quella sua osservazione si ripeteva quanto fosse inutile. Ogni sua giornata scorreva con lo stesso ritmo circolare, come quelle canzoni che per interminabili minuti insistono sulla stessa melodia, la sua vita era così, il perpetuo suono della medesima nota. Seconda di tre figli, e seconda di due sorelle, il gradino inferiore del podio familiare toccava sempre lei, non eccellente a scuola, non una campionessa nello sport, con quella mediocre bellezza insipida e trasparente in casa veniva dopo ogni altro membro. Fuori dalle mura domestiche nulla di diverso, qualche amica, compagne di classe più che altro e poi il nulla, la scuola, la pallavolo, una vita media che l avrebbe portata ad un esistenza monotona, chiusa in un appartamento pieno di gatti con la televisione accesa senza essere guardata, stecche di cioccolato fondente nel frigorifero e una bottiglia di vino rosso di seconda scelta sempre aperta. Lara si era già disegnata il suo futuro, viveva sopravvivendo a questa sua dura convinzione. Sino al 25 giugno. L estate che iniziava, il caldo torrido, la scuola finita e forse i pantaloncini corti che aveva indossato negli ultimi giorni le avevano permesso di far notare quel suo fisico snello e già colorato dal sole che le era valso un messaggio il giorno prima; un suo compagno di classe le aveva scritto, grande novità dopo quattro anni di superiori, circa millequattrocento sessanta giorni in cui nessun esemplare umano di sesso opposto al suo l aveva degnata di un ciao, una parola, neanche i compiti a lei chiedevano, nemmeno gli auguri sui social, ma la sera precedente l sms fu chiaro ed esplicito. Era il giorno. Si era preparata per bene si dalle 14, si sarebbe dovuta trovare due ore dopo nella piazza del suo paese, era agitata, nervosa, le sudavano le mani e per la prima volta aveva scelto con cura cosa indossare. Aveva deciso di tentare con una bella gonna a fiori, corta, inusuale per lei, un po di trucco, che non amava, si era profumata e aveva sconvolto sua madre che per la prima volta da quando Lara aveva memoria aveva alzato lo sguardo dai fornelli o dai lunghi ricci biodi di sua sorella per dirle quanto fosse bella e quanto così curata sembrasse un altra persona. Mandando giù il sottile complimento decise di uscire un po prima e si ritrovò a girare per le vie più recondite del paese per poi alle 16 spaccate essere in piazza, dove forse per il caldo, forse per l aria di vacanze che aleggiava non si trovava che qualche anziano in canottiera seduto su una panchina a fissare il cielo. Il centro spopolato e del suo spasimante neanche l ombra. Attese le senza scrivergli, concedendogli l elegante ritardo, poi sfilò il cellulare dalla tasca e compose un messaggio, alle finalmente la risposta. Lara dopo vent anni ogni mattino si sveglia, va davanti allo specchio guarda i suoi capelli secchi e ormai ingrigiti, le rughe sotto gli occhi, il doppio mento, sente dalla cucina Massimiliano Ossini su raiuno e avverte Gigia, la sua gatta che si truscia avvolgendosi ai suoi piedi, e tutti i giorni ripensa al messaggio del 25 giugno: Scusami non so neanche chi tu sia, un mio amico ha fatto il coglione. Ciao. ILARIA GRASSETTI 16

17 1 classificato GIURIA POPOLARE FACCE DA CUP (DIETRO LO SPORTELLO) Lo riconosci da lontano. Arriva di gran fretta. Scusi un informazione Devo fare una prenotazione!. In realtà, mentre sta parlando, è ancora a dieci metri dallo sportello. Neanche Superman ha un udito cosi potente. Senza contare il fatto che ci sono già delle persone in attesa. Cosi, quando finalmente si avvicina, gli dici: Buongiorno anche a lei. Posso esserle utile? Ha bisogno? Ha preso il numero? Il numero non l'ho preso perché tanto non c'è nessuno. E poi cos'è? Samo in banca? O alle poste? Ti verrebbe da fargli notare che le persone sedute nella sala non sono la rappresentazione del presepe vivente del prossimo Natale. Ma non puoi. E nemmeno puoi chiedergli: Faccia da Cup, mi stai dicendo che c'è differenza fra una fila fatta in banca o in posta rispetto ad una fatta al Cup? Così ti limiti a sorridere: Signore deve prendere il numero e, quando arriva il suo turno facciamo tutto. Lui ti guarda indispettito, sbuffa e inizia a frullare per la sala impaziente. La fila scorre ed..eccolo. Non vedi già l'ora di liberarti di questo rompipalle. Perché sai che quello che hai davanti è un rompipalle, nonché una tipica faccia da Cup. Infatti, nel momento esatto in cui si presenta, gli suona il telefono. Ed è li che realizzi che è finita. Tutta la sala dovrà ascoltare la sua conversazione. Perché la faccia da Cup non risponde: Scusa, sono impegnato, ti richiamo. No, attacca a parlare. Parlare e parlare. Comunque, esprimendoti a gesti, riesci farti dare le ricette che custodisce gelosamente tra le mani e pensi: Dai, non va male. Mentre è al telefono, inserisco i dati e poi gli chiedo conferma. Ma non è così semplice Una volta terminato il lavoro, spieghi: il primo posto disponibile per la visita è al 24 ottobre alle 18. E' un martedì e finalmente, alla domanda le va bene?, intuisce che forse è il caso di interrompere la conversazione telefonica. Anche perché ormai tutta la sala sa che lui e Gigi non si sentivano da tanto e che dovrebbero rivedersi. Tutti si stanno anche chiedendo: Perché Gigi dovrebbe rivedere un simile rompipalle? E per quale cazzo di motivo Gigi ha telefonato proprio in quel momento? Loro non sanno che è un evento inevitabile. Perché, per ogni Signor Faccia da Cup, esiste un Gigi pronto a telefonare nell'esatto istante in cui lui si presenta allo sportello. E la natura, è il destino. Dategli il nome che vi pare, ma è cosi. Comunque oggi il nostro amico è comprensivo e riaggancia. Poi ti guarda con aria strafottente e - se non esclama: A fag in temp a murì! - alza le spalle e annuisce. Tu a quel punto verifichi se ha capito e ripeti. Le va bene allora martedì 24 ottobre alle 18?. Ma non c'è un posto prima? Non perdere la pazienza, pensi, é una classica faccia da Cup. Ne hai affrontati tante, puoi affrontare anche questa. Respiri: Purtroppo, come ho detto, questo è il primo posto disponibile. Eh, se questo è il primo posto disponibile allora prendiamo questo. Mentre spingi F5 per confermare la prenotazione, arriva l'imprevisto. Ti si avvicina allo sportello una signora: Scusi, sto cercando Paolo Rossi. E ricoverato al quarto piano. Sa dove posso trovarlo?. Di nuovo non puoi risponderle come vorresti: Signora bella, se è ricoverato al quarto piano mi dispiace, ma qui non lo trova di sicuro. Provi ad andare al quarto piano. Cosi adotti la vecchia tattica che viene tramandata da sportellista a sportellista: Signora, non lo so. Chieda in portineria. Errore gravissimo. Perché la seconda faccia da Cup a quel punto esclama risentita: Eh, se non lo sa lei che lavora qui! Certo, io conosco il nome e l'ubicazione di tutti i pazienti e le loro storie. So perché sono ricoverati e perché lei è venuta a trovare il signor Rossi proprio oggi. Io sono del Cup. Io so tutto. Le ripeti di rivolgersi alla portineria e lei se ne va borbottando, mentre ancora stai parlando. La tua rabbia monta. Ma non hai tempo per litigare. Devi concentrarti sulla faccia da Cup numero uno per liberartene. Hai appena dato il comando per stampare la conferma che ecco il dubbio. Scusi che giorno è il 24 ottobre?. Ti si gela il sangue, ma cerchi di mantenere la calma: E' un martedì. 17

18 Ma a che ora sarebbe? E' alle 18. Opsssss. Cosa? domandi giustamente allarmato dal quell opssss. Non posso. Il martedì ho il calcetto. Faccia un giovedì alle 16. Immediatamente ti si affaccia alla mente la risposta, quella che non puoi dare: Certo, fisso un giovedì alle 16. La faccio venire a prendere da un nostro mezzo, poi la accompagno in ambulatorio io personalmente, tra le mie braccia. E quando ha finito la visita le faccio trovare un rinfresco. Io posso fare tutto. Sono del Cup, io!. Così ti limiti a richiamare la prenotazione appena effettuata e ti accorgi che veramente esiste un posto alle 16 del giovedì. Pensi di avere avuto fortuna e fissi per il 26 ottobre alle 16. Quand'ecco che senti di nuovo uscire dalla sua bocca: Opssss. Cooosaaa? Il 26 ottobre è il compleanno di Gigi non posso. Faccia il martedì. Non vado al calcetto. Te l'aspettavi, in fondo. Così rifai tutto da capo, mentre auguri a Gigi ogni cattiveria. Gigi ti ha condizionato sin dal principio. Finalmente concludi quella che doveva essere una semplice prenotazione e..se ne va. Ora la sala è piena e ti affretti a chiamare un altro numero. Appena identifichi la persona nella sala, senti squillare un telefono. Antonio che piacere sentirti! Da quanto tempo?? Eh si si... No, no non disturbi, sono qui al Cup. L'ennesima faccia da Cup della tua giornata si sta presentando allo sportello. DAVIDE SARTI 2 classificata GIURIA TECNICA LA BANCA DEL TEMPO In quella casa, di quel quartiere popolare, di quella città padana, c'era un gran movimento di gente in attesa. Tutti correvano, non come erano soliti fare precipitandosi giù per le scale verso la cantina al primo urlo di sirena, ma da una stanza all'altra, allorquando Ina smarrita si affacciò da un pertugio. Gli astanti esultarono accogliendola con corale ovazione:"finalmente!" Ana, primogenita, l'aspettava da nove anni ed ora si avvicinava curiosa e timorosa per osservarla e toccarla; papà Melburno, la strinse al petto, progettando di darle al più presto martellino, tavoletta e chiodi, mentre mamma Mara sorrideva compiaciuta alla vista di quella testolina piena di riccioli neri, pensando a come avrebbe potuto raccoglierli con i nastri ricamati da lei stessa. La piccola manifestò subito la sua innata propensione a giocare col tempo e già si affannava a rincorrerlo, sgambettando e poppando con frettolosa avidità. A poco più di un anno correva con i suoi scarponcini alti alle caviglie, necessari per correggere un piedino storto, traballando ed agitando le braccia per mantenere l'equilibrio, salvo poi cadere a volo d'angelo seduta per terra; subito si rialzava corrucciata con il fiocco dei capelli scomposto, ma in cuor suo sorrideva, sognando di indossare scarpette da ballerina. Era tanto vivace da essere soprannominata Mercuria o Argento vivo e con la sua iperattività voleva depistare un animaletto, il tarlo del tempo, che ogni dì la provocava. Ina crebbe nel rigore post bellico del secondo 900, ma con quella carica emotiva insita nella ricostruzione. Nelle strade del quartiere circolavano poche automobili, qualche motorino, tante biciclette e carretti. Di frequente dalla nebbia mattutina compariva un grande carro "fumante", trainato da cavalli, guidato dal"ruscàrol"(netturbino) il quale provvedeva alla raccolta delle immondizie (il 18

19 rusco), oltre a ripulire, con scopa di saggina e paletta, le strade dal pattume e dagli escrementi degli operosi cavalli. Di tanto in tanto il suono di una trombetta stonata annunciava l'arrivo trionfante, su di un ciclo/carro, del "sulfanèr" che raccattava ferro, roba vecchia dalle cantine e vendeva scope, battipanni, piumini. Ogni dì bimbi festosi accoglievano il carrettino del "giazàrol": schiamazzando lo accerchiavano per raccogliere e succhiare schegge di ghiaccio, poi ne prendevano un pezzo più grande, necessario per la conservazione dei cibi, da portare a casa avvolto in un canovaccio per non "bruciarsi". Curiosamente disinvolta la bimbetta dagli scarponcini alti si muoveva nel quartiere ed ogni passo era una scoperta, una conquista; non sapeva né leggere né scrivere, ma imparò precocemente a fare i conti. In assenza di frigorifero, quotidianamente Ina "giocava"a far la spesa: entrava ed usciva dal fornaio, lattaio, fruttivendolo, macellaio, munita di lista e di soldini necessari per pagare, attenta a riportare a casa le provviste ed il resto del denaro corrispondente al conto, senza sbagliare. La tappa alla bottega del "cavallaio" si presentava un po' problematica: dall'alto di un bancone di marmo, protetto da un vetro, un uomo gigante fischiava, intento ad affilare un grande coltello ed a tagliare tranci di carne su un ceppo di legno, la nostra piccola non riusciva a porgergli il biglietto, ma era fiduciosa che, al suo turno, gentili signore l'avrebbero aiutata. Bambini vociferanti correvano nei grandi cortili delle "case di risanamento" per nascondersi tra lenzuola e panni stesi o negli anfratti e porte delle abitazioni circostanti ed Ina non mancava mai all'appuntamento con i coetanei. Altre volte scarabocchiava fogli con matite colorate "Giotto" accanto al papà che, nel tempo libero, dipingeva grandi cartelloni pubblicitari e scolpiva legno, oppure lo aiutava a modellare statue o bassorilievi, raccogliendo secchielli di fango dal greto dei fiumi, all'epoca balneabili e ben attrezzati con lidi e balere per gite domenicali. Nel chiosco sotto casa, la "cinna"a sette anni si divertiva a confezionare gelati in cambio di ottimi frappé, granite, ghiaccioli (cof), caramelle di tamarindo e liquerizia (more) ed ovviamente cialde o tavolette di gelato in quantità. A dieci anni Mercuria, dopo ore trascorse sui banchi scolastici con buoni risultati, si scatenava a scorrazzare con gli amici su e giù per i vagoni fermi nella vicina stazione ferroviaria. Poi si adoperava a vendere latte travasandolo con mestoli ed imbuti dai grandi bidoni in alluminio alle bottiglie in vetro portate dai clienti. Ormai grandicella, anziché bere troppo latte, Ina pensò di accettare un compenso in denaro, così, senza pesare sul misurato bilancio familiare, avrebbe potuto spenderlo, per entrare al mitico cinema Vittoria e sgranocchiare a volontà brustolini (semi di zucca), burdigoni (caramelle nere di liquerizia raffiguranti animaletti) ecc.ecc, durante la visione del film. Il locale era dotato di una sala invernale scarsamente riscaldata, mentre in estate la pellicola veniva proiettata su un grande schermo in un cortile adiacente, circondato da case i cui abitanti, appoggiati alle balaustre delle terrazze, si vedevano lo spettacolo gratis in cambio del disagio sonoro e delle repliche. Seguì il periodo dei bambolini di celluloide, presi nudi da una vicina fabbrica e portati a casa dove Ina impegnava tutta la famiglia a cucire sottanine col punto a filza e ad attaccar bretelle, poi li riportava vestiti all'opificio e ritirava il lauto compenso di 2 lire al pezzo. Crescendo, la fanciulla si industrializzò, imparando ad usare la macchina da cucire, confezionava coppette di reggiseni a 10 lire al pezzo; il tutto sempre in subordine alla scuola. Accaddero poi tragici eventi che cambiarono il corso della vita della ragazzina: la morte del papà la costrinse ad interrompere gli studi per lavorare a tempo pieno. Lei non si spaventò, era già "abituata", si trattava di invertire l'ordine dei fattori, ma il risultato cambiò assai! Passarono gli anni Ina si sposò, nacquero figli, mentre il tarlo del tempo continuava ad insinuarsi ogni dì tra il lavoro fuori casa e quello domestico. Dopo parecchie stagioni, un autunno, la nostra donna decise di frequentare una scuola privata serale (dalle ore 20 alle 24), per recuperare quattro anni scolastici. Per nove mesi, finito l'orario di lavoro, studiò in ogni momento "libero" rubando tempo al sonno ed alle soste, finché a luglio, superato l'esame di stato con 50/sessantesimi, conseguì il diploma magistrale. L'entusiasmo esplose, Ina mise le ali ai piedi, trasformò le corse in voli pindarici, non privi di turbolenze, tempeste ed uragani e proseguì il suo 19

20 viaggio di educazione permanente, anche dopo la laurea, spinta dall'innata curiosità, ma anche dalla consapevolezza socratica acquisita (sapere di non Sapere). Quando il pubblico presente si ridusse ad un'esigua platea, Ina si accorse che la sfida col tempo sarebbe stata impari: lui era più veloce. Per anni si era affannata a correre, arrivando puntualmente in ritardo! Il vecchio tarlo, seppur grasso per aver rosicchiato tante energie, si accingeva a vincere la competizione finale cantandole ogni dì un ritornello <Correre, correr, corre, cor... correrai dietro la bara gridando: "Aspettami sto arrivando"!>. Allora capì che era arrivato il momento di nascondere calendari, agende, orologi ed ascoltarne il tic tac, senza contare, né scandire ore e giorni; doveva continuare a giocare, ma fermando la moviola al presente. Portò la mano raggrinzita e storta sulla punta del proprio naso e facendola vibrare sussurrò al tarlo obeso: "Non avere fretta, arriverò quando sarà il mio momento, non riuscirai più a mangiarmi il presente." Ti metterò a dieta Qui ed Ora! Aprì la cassapanca dei ricordi, liberò dallo scrigno dell'eternità l'eco della voce degli assenti, che neppure l'ultimo respiro aveva ridotto al silenzio e volse lo sguardo al tempo perduto, come scrisse Proust, per crogiolarsi in ricordi materializzati, in odori e colori di un'infanzia serena, di un'adolescenza non consumata e di una gioventù passata troppo in fretta. Si era appena fermata per abbandonarsi ad un tempo dilatato, scandito da armonie Musicali, in cui la Lettura potesse essere la sua attività primaria, illuminata dalla luce del sole e non soffocata nel buio della notte; in cui la Scrittura fosse lasciata al fluire di parole misurate da ritmi biologici, senza imporsi di allinearle frettolosamente mozzandone spesso la coda; si stava cullando nell'illusione di risvegliare tra i giovani, con i suoi racconti, valori assopiti o non conosciuti come solidarietà, fiducia, determinazione, nella speranza di restituire loro il desiderio della scoperta e conquista, usurpato e soffocato da eccessive ed inadeguate offerte di protezione, quando... Leonardo, in procinto di uscire, si alza dalla sedia, saluta la nonna e le chiede: "Stai bene? E' un periodo che sei spesso in casa inchiodata al pc! A proposito, ora vado all'allenamento di rugby, rientrerò verso le 18, avrei bisogno del computer, pensi sarà disponibile o dovrò fermarmi in mediateca?". "Veramente ho qualche problema al metatarso, risponde la nonna, stavo solo cercando alcune informazioni sulla Banca del Tempo, tu ne sai qualcosa?" Poi, mentre l'accompagna alla porta, Ina butta l'occhio allo scarpone n. 44 del nipote e ripensando ai suoi scarponcini n. 20, immagina quanta strada lui potrà fare camminando più lentamente; infine si solleva sulla punta dei piedi, si allunga per abbracciarlo e sorride sbirciando l'immagine riflessa nello specchio dell'ingresso. CARLA ZAPPATA 3 classificato GIURIA TECNICA MADRI E FIGLIE Marta fissa il tabellone sospirando. Dopo aver ruotato rapidamente su sé stesse, le lettere si fermano indicando il nuovo orario di arrivo del treno. Valentina, invece, sembra essere completamente estraniata, come il suo solito. Non ha alzato lo sguardo, neppure quando il ritardo è stato ripetuto dall'altoparlante. Rimane ipnoticamente concentrata sull'iphone, con le dita che scorrono con meccanica rapidità sullo schermo. Almeno il rumore della stazione copre la musica che esce dalle cuffiette, pensa spazientita Marta. Vorrebbe riprendere la figlia per come se ne sta stravaccata sulla panca, ma si trattiene. 20

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca

Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca C era una volta un extraterrestre, di nome Celestino, che viveva nel pianeta Oltresol, in un paese chiamato Regard. La sua vita scorreva lenta e tranquilla

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli