Lezione T10 Implementazione FS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione T10 Implementazione FS"

Transcript

1 Lezione T10 Implementazione FS Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia 1

2 Quote of the day (Meditate, gente, meditate...) Theory and practice sometimes clash. And when that happens, theory loses. Every single time. Linus Torvalds (1969-) Programmatore Autore di Linux e di GIT 2

3 PREPARAZIONE DI UN DISPOSITIVO 3

4 Formattazione a basso livello (Preparazione della superficie magnetica) La formattazione a basso livello è una procedura mediante la quale il dispositivo è preparato al primo uso (solitamente, la creazione di un file system). Operazione oggi svolta in fabbrica, una volta tramite programmi opportuni. La superficie del dispositivo è marcata in settori. Il settore è la più piccola porzione indirizzabile dalla testina del dispositivo (in un disco rigido, è 4 grande 512 byte).

5 Formato di un settore (Preparazione della superficie magnetica) Preambolo: marcatura indicante l'inizio di un settore (usata dalla testina per sincronizzarsi). Error Correcting Code (ECC): Codice per la correzione automatica degli errori. Intersector gap: separazione fra settori. 5

6 Partizionamento (Old school) Il disco rigido può essere suddiviso staticamente in più zone distinte, note con il nome di partizioni. L'operazione di suddivisione prende il nome di partizionamento. Ciascuna delle partizioni può ospitare: un file system. un'area di swap (swap partition). spazio non utilizzato (raw partition). 6

7 Disco rigido Partizioni di un disco (Uno schema rigido) / /home swap 7

8 Pro 1/2 (Perché è consigliato partizionare il disco?) Possibilità di installare più SO sullo stesso disco. Aumentato livello di protezione: una struttura di file system rovinata non ha effetti sui file system in altre partizioni. Aumento dell'efficienza delle operazioni di recupero: è possibile controllare due file system in parallelo. 8

9 Pro 2/2 (Perché è consigliato partizionare il disco?) Limitazione dello spazio a disposizione: ad esempio, si può impedire che i file di log riempiano il file system di root, confinandoli in una partizione separata sufficientemente grande. Memoria virtuale: implementazione di un'area di swap. 9

10 Contro (Perché le partizioni sono un concetto obsoleto?) Una volta create, le partizioni non possono essere modificate facilmente. Le partizioni sono in chiaro, sempre. 10

11 Gestione per volumi logici (Risolve i problemi del partizionamento statico) L'idea alla base dei volumi logici è quella di avere partizioni non rigide. Modificabili (espansione, riduzione). Estendibili su più dischi. Criptabili. 11

12 Volume fisico (Il disco fisico) Un volume fisico è una partizione di un disco rigido usabile per i volumi. Il contenuto del volume fisico è organizzato come una sequenza di blocchi fisici (physical extent). 12

13 Volumi fisici (Uno schema flessibile) Partizione statica Partizione statica Partizione statica Tre volumi fisici su tre partizioni di dischi diversi. Ogni rettangolo è un blocco fisico utilizzabile per un volume logico. 13

14 Gruppo di volumi (Tutti i volumi logici correlati fra loro sono raggruppati insieme) Un gruppo di volumi è la totalità dei blocchi fisici offerti da un certo numero di volumi fisici. Tali blocchi possono essere usati per costruire ed estendere i volumi logici. 14

15 Gruppi di volumi (Uno schema flessibile) Partizione statica Partizione statica Partizione statica Gruppo di volumi PE 1 PE 2 PE 3 PE 4 PE 5 PE

16 Volume logico (L'evoluzione delle partizioni) Un volume logico è un insieme di blocchi logici (logical extent) pescati dal gruppo cui esso appartiene. Per il resto, è usato esattamente come una partizione. 16

17 Volumi logici (Uno schema flessibile) Partizione statica Partizione statica Partizione statica Gruppo di volumi PE 1 PE 2 PE 3 PE 4 PE 5 PE 6... Volume logico LE 1 LE 2 LE 3 Volume logico LE 1 LE 2 LE 3 17

18 Superblocco (Cosa contiene?) Il superblocco è il primo blocco di un file system, contenente informazioni sullo stesso. Tipo, dimensione, stato (file system pulito o da controllare), locazione delle altre strutture. Ogni file system definisce il proprio tipo di superblocco. In EXT4 si usa la struttura dati struct ext4_super_block, definita in: $LINUX/fs/ext4/ext4.h 18

19 Formattazione ad alto livello (Creazione di un file system sulla partizione) La formattazione ad alto livello è una procedura mediante la quale un file system è inizializzato su una partizione o un volume logico. Scrive il superblocco. Crea diverse copia del superblocco (opzionale). Prepara uno spazio per i FCB. Prepara uno spazio per l'elenco dei blocchi liberi. Prepara una sequenza di blocchi liberi. 19

20 Partizione Layout del file system EXT3 (Più semplice rispetto ad EXT4) Boot sector Block Group 0... Block Group n Settori non utilizzati Super blocco Descrittore di gruppi Bitmap dei blocchi (1 blocco) Bitmap degli inode (1 blocco) Tabella degli inode Blocchi di dati Quali FCB sono presenti nel gruppo Blocchi liberi e occupati FCB liberi ed occupati FCB Blocchi del file system (liberi o usati) 20

21 ALLOCAZIONE DEI BLOCCHI 21

22 Lo scenario (A cosa sono soggetti kernel e disco) Solitamente, diversi processi vogliono scrivere sul disco contemporaneamente. Il SO si trova nella situazione di dover allocare blocchi di file system a diversi processi, per le operazioni di scrittura. Come allocare tali blocchi, in modo tale da usare lo spazio libero in maniera efficace? garantire un accesso veloce ai file (record logicamente vicini dovrebbero corrispondere a blocchi su disco fisicamente vicini)? 22

23 Frammentazione interna (Blocco troppo grande può non essere usato tutto) Se il blocco è di dimensione grande, un processo che scrive file piccoli rischia di allocare un blocco e di usarne una minima parte, con enorme spreco di spazio. Si ha frammentazione interna. 23

24 Frammentazione interna (Blocco troppo grande può non essere usato tutto) Se il blocco è di dimensione piccola, un processo che scrive file grandi rischia di richiedere tantissimi blocchi, potenzialmente sparpagliati sul disco. In seguito a creazioni e cancellazioni di file, i blocchi liberi risultano disposti a gruviera. Si ha frammentazione esterna. 24

25 Strategie di assegnazione dei blocchi (Obiettivo: ridurre frammentazione interna ed esterna) Esistono tre distinte strategie di assegnazione dei blocchi. Assegnazione contigua. Assegnazione concatenata. Assegnazione indicizzata. 25

26 Assegnazione contigua: definizione (Un file un insieme di blocchi contigui su disco) Nell'assegnazione contigua un file occupa un insieme di blocchi contigui sul disco. L'ordinamento dei blocchi fisici è dato dagli indirizzi associati ai blocchi fisici. Primo blocco del file indirizzo più basso. Secondo blocco del file indirizzo successivo. Per un file lungo n blocchi, memorizzato a partire dal blocco b, verranno occupati i blocchi b, b+1, b+2,..., b+n-1 sul disco. Usato in: IBM VM/CMS. 26

27 Partizione count Assegnazione contigua: schema (Un diagramma vale più di 1000 parole) f tr mail File Blocco iniziale Lunghezza count 0 2 tr 14 3 mail 19 6 list 28 4 f list 27

28 Assegnazione contigua: pro (Perché conviene adottarla) La lettura sequenziale di un file avviene in modo ottimale. La testina del disco si sposta al più una volta, per posizionarsi all'inizio del file. Grazie alla contiguità dei blocchi. Se un file è grande può essere memorizzato su più tracce contigue. Gli spostamenti richiesti dalla testina sono minimi. Uno per ogni traccia occupata dal file. Spostamento minimo (tracce contigue). 28

29 Assegnazione contigua: contro 1/3 (Perché non conviene adottarla) In caso di creazioni e cancellazioni frequenti di file, il disco tenderà ad alternare sequenze di blocchi occupati a sequenze di blocchi liberi. Alla lunga, si presenta il problema della frammentazione esterna. Un file sufficientemente grande non può essere memorizzato. La somma dei blocchi liberi costituisce spazio sufficiente, ma non esiste alcun singolo insieme contiguo di blocchi sufficientemente grande. Rimedio semplice: deframmentazione del disco. 29

30 Assegnazione contigua: contro 2/3 (Perché non conviene adottarla) In generale, è necessario stimare la dimensione del file che si vuole creare, altrimenti non si è in grado di trovare un insieme di blocchi contigui adatto. Tuttavia, è molto difficile prevedere la futura dimensione di un file. Se si sbaglia la stima della dimensione, un file rischia di essere limitato ad una dimensione errata. Rimedi: Il kernel deve segnalare un messaggio di errore oppure provare a copiare il file in un insieme contiguo più grande. 30

31 Assegnazione contigua: contro 3/3 (Perché non conviene adottarla) In alcuni casi, stimare la dimensione del file è semplicemente impossibile. Un esempio classico è rappresentato da un file cresce lentemente nel tempo. Configurazione. Registro di sistema. Log. In tal caso, si deve prenotare in anticipo un blocco contiguo enorme. 31

32 Estensioni (extent) (Un tentativo disperato di limitare i problemi) Per risolvere i problemi della frammentazione esterna e della variabilità dei file, alcuni file system utilizzano le estensioni (extent). Inizialmente, ad un file è assegnata una porzione di spazio contigua. Quando la porzione è riempita, si assegna un'altra porzione contigua (detta estensione). Il file system registra l'inizio e la lunghezza dell'estensione. 32

33 Estensioni: problemi (Ostacoli sulla via) La scelta della dimensione di un'estensione è critica. Dimensione troppo piccola: a forza di creare e cancellare file si presenta il problema della frammentazione esterna. Dimensione troppo grande: l'estensione rischia di non essere usata interamente; si presenta il problema della frammentazione interna. 33

34 Assegnazione concatenata: definizione (Un file una lista concatenata di blocchi su disco) Nell'assegnazione concatenata un file è composto da una lista concatenata di blocchi. L'elemento della directory contiene un puntatore al primo blocco del file. Il blocco i-mo contiene un puntatore al blocco (i+1)-mo. L'ultimo blocco contiene un puntatore ad un nodo fittizio (solitamente, il blocco -1 ). Usato in: FAT (MS-DOS, Windows). 34

35 Assegnazione concatenata: schema (Un diagramma vale più di 1000 parole) Partizione count File Blocco iniziale Blocco finale jeep

36 Assegnazione concatenata: pro (Perché conviene adottarla) Un blocco libero può essere localizzato ovunque nel disco. Il problema della frammentazione esterna è risolto. La deframmentazione non è più necessaria dal punto di vista funzionale (lo è ancora dal punto di vista prestazionale). Non è più richiesta una stima della dimensione del file. Un file può crescere indefinitamente. 36

37 Assegnazione concatenata: contro 1/2 (Perché non conviene adottarla) Solo l'accesso sequenziale è efficiente. Accesso diretto ad un blocco scansione della lista dal blocco iniziale fino a quello considerato. Se i blocchi del file sono sparpagliati su disco, neanche l'accesso sequenziale è efficiente. Blocchi sparpagliati la testina del disco si muove all'impazzata per ogni blocco letto, accumulando ritardi di diversi ms. 37

38 Assegnazione concatenata: contro 2/2 (Perché non conviene adottarla) L'affidabilità peggiora rispetto all'assegnazione sequenziale. Che cosa succede se un puntatore non è più corretto (Errore del device driver, errore fisico nel dispositivo)? Si perde il resto del file! Parte dello spazio libero del disco va sprecata in puntatori. dimensione blocco 512 byte dimensione puntatore 4 byte lo 0.78% del disco è sprecato in puntatori. 38

39 Cluster (Una soluzione allo spreco di spazio) Per risolvere il problema dello spreco di spazio, alcuni file system utilizzano i cluster. Un cluster è un gruppo contiguo di blocchi. Il file system alloca cluster, non blocchi singoli. In tal modo, il numero di puntatori richiesto per collegare il file diminuisce in ragione della dimensione del cluster. Problema: rischio di frammentazione interna. 39

40 File Allocation Table (Usata in file system estremamente popolari) Variante dell'assegnazione concatenata usata nei SO MS-DOS, OS/2. All'inizio di ciascuna partizione viene riservato uno spazio per contenere una tabella di allocazione dei file (File Allocation Table, FAT). Ciascun blocco del disco è rappresentato da un numero intero univoco, detto indice. La FAT è acceduta attraverso gli indici e contiene indici. 40

41 FAT e assegnazione concatenata (Usata in file system estremamente popolari) L'indice contenuto in un elemento della FAT punta al prossimo blocco del file corrispettivo. L'elemento corrispettivo all'ultimo blocco del file contiene un valore opportuno. Ciascun elemento di una directory contiene l'indice del primo blocco nella FAT. Implementazione in Linux: $LINUX/fs/fat/fatent.c 41

42 FAT: schema (Un diagramma vale più di 1000 parole) Elemento della directory test Nome Metadati Blocco iniziale File Allocation Table fine file Numero blocchi disco 42

43 FAT: contro (Ostacoli, ostacoli, ostacoli) Un accesso in lettura ad un file provoca un accesso alla FAT per ogni blocco considerato. Un accesso in scrittura ad un file provoca: accesso alla FAT per ogni blocco scritto, qualora già allocato. la scansione della FAT alla ricerca di un blocco lilbero, qualora il blocco non sia già allocato. Eccessivo movimento delle testine (la FAT è memorizzata all'inizio del disco). 43

44 FAT cache (Come ridurre lo spostamento della testina del disco) La FAT è mantenuta in memoria centrale. In alcuni kernel (Linux) si implementa una cache degli elementi della FAT più popolari. La cache è implementata come una lista collegata di struct fat_cache, ciascuna delle quali mappa un certo numero di cluster nel file al cluster corrispettivo nel disco. File $LINUX/fs/fat/cache.c. 44

45 Assegnazione indicizzata: definizione (Un file un elenco di puntatori in uno o più blocchi indice) Nell'assegnazione indicizzata ad un file è assegnato un blocco indice. Il blocco indice contiene una sequenza di indirizzi di blocchi sul disco appartenenti al file. L'elemento della directory contiene un puntatore al blocco indice. Non appena creato un file, il blocco indice è pieno di puntatori nulli. Il puntatore i-mo contiene l'indirizzo del blocco i-mo del file. Usato in: file system UNIX (variante combinata). 45

46 Assegnazione concatenata: schema (Un diagramma vale più di 1000 parole) Partizione count File Blocco indice jeep

47 Assegnazione concatenata: pro (Perché conviene adottarla) La frammentazione esterna non si verifica più. Un blocco del file può essere memorizzato in qualunque posizione del disco. La frammentazione interna è sensibilmente ridotta. La dimensione di un blocco è contenuta. L'accesso al blocco avviene in tempo costante. Si accede al vettore i-mo del blocco indice. 47

48 Assegnazione concatenata: contro (Perché non conviene adottarla) La lista dei blocchi del file è inserita all'interno di un solo blocco di disco. La dimensione massima del file è limitata. Necessità di usare più blocchi indice. La dimensione del blocco indice è critica. Dimensione troppo piccola: si rischia di non avere un numero sufficiente di indici per rappresentare un file grande. Dimensione troppo grande: si rischia la frammentazione interna sul blocco indice. 48

49 Blocchi indice multipli (Come implementarli?) Esistono tre schemi principali di implementazione di un indice su più blocchi. Schema concatenato. Indice a più livelli. Schema combinato. 49

50 Schema concatenato (Più blocchi indice concatenati in lista) Il blocco indice ha una piccola intestazione nella quale sono riportati: il nome del file. i primi 100 blocchi del disco. L'ultimo elemento del blocco indice è: NULL (nel caso di file piccolo). un puntatore ad un altro blocco indice (nel caso di file grande). 50

51 Indice a più livelli (Simile alla paginazione a due livelli; le idee giuste son sempre quelle) Si usa un blocco indice di primo livello. Gli elementi del blocco indice di primo livello puntano a blocchi indice di secondo livello. Gli elementi del blocco indice di secondo livello puntano ai blocchi dei file. Per accedere ad un blocco, il sistema operativo: usa l'indice di primo livello per individuare il blocco indice di secondo livello. usa l'indice di secondo livello per individuare il blocco di dati. 51

52 Dimensione massima di un file (Usando un indice a due livelli) Si consideri un disco con le seguenti caratteristiche. Dimensione di un blocco: 4096 byte Dimensione di un puntatore: 4 byte Puntatori per blocco = 4096 / 4 = 1024 Con due livelli di indici si possono memorizzare = blocchi di dati. La dimensione massima di un file è pari a: * 4096 = 4GB. 52

53 Schema concatenato (Unione dei due schemi precedenti; fondamento dei file system UNIX) A ciascun file è assegnato un blocco descrittore, noto con il nome di inode. L'inode è il FCB del file. Nell'inode sono contenuti 15 puntatori a blocchi. Puntatori 1-12: puntatori diretti (blocchi diretti). Puntatore 13: puntatore a puntatore di blocchi (blocco indiretto singolo). Puntatore 14: puntatore a puntatore a puntatore di blocchi (blocco indiretto doppio). Puntatore 15: puntatore a puntatore a puntatore a puntatore di blocchi (blocco indiretto triplo). 53

54 Schema concatenato: diagramma (Espansione ad albero dei blocchi) Modo (permessi) Proprietario Timestamp Dimensione Blocchi diretti Indiretto singolo Indiretto doppio Indiretto triplo dati dati dati... dati dati dati dati dati dati dati 54

55 Schema concatenato: pro (Funziona molto bene) Per file piccoli, l'accesso è O(1) tramite i blocchi diretti. Per file più grandi, l'accesso è O(log(n)) nel numero di blocchi del file. La dimensione massima di un file è notevolmente più grande rispetto ai due schemi precedenti. 55

56 Puntatori nell'inode EXT3 (EXT4 usa un albero binario di extent) Nel file system EXT3 l'inode è definito nella struttura struct ext3_inode. File $LINUX/fs/ext3/ext3.h. Simile alla definizione per EXT4. Il campo i_block contiene l'array di puntatori. La funzione ext3_block_to_path() riceve il numero di un blocco e ritorna il percorso di memorizzazione nell'array di puntatori. File $LINUX/fs/ext3/inode.c. 56

57 Schema concatenato: pro (Funziona molto bene) Per file piccoli, l'accesso è O(1) tramite i blocchi diretti. Per file più grandi, l'accesso è O(log(n)) nel numero di blocchi del file. La dimensione massima di un file è notevolmente più grande rispetto ai due schemi precedenti. 57

58 GESTIONE DELLO SPAZIO LIBERO 58

59 Il problema (Contro cosa si deve combattere) Lo spazio di memorizzazione secondario, seppur presente in misura molto maggiore rispetto alla memoria centrale, è comunque limitato. Come tenere traccia dei blocchi liberi? Gestione (efficiente) di un elenco (grande) di blocchi di liberi. 59

60 Elenco dei blocchi liberi (Come implementarlo?) I seguenti meccanismi possono essere utilizzati per rappresentare un elenco di blocchi liberi. Vettore di bit. Lista concatenata. Raggruppamento. Conteggio. 60

61 Vettore di bit (Semplice ed efficiente) Ciascun blocco del disco viene rappresentato tramite un bit. 0: il blocco è allocato. 1: il blocco è libero. L'insieme di tutti i blocchi del disco è un gigantesco vettore di bit. Come si identifica efficientemente il primo blocco libero? Come si identifica in maniera efficiente il primo bit non nullo nel vettore? 61

62 Alcune definizioni (Utili per le operazioni sul vettore di bit) Costante BIT_PER_PAROLA: dimensione di una parola (solitamente, 32 o 64 bit). Parametro i: indice del bit i-mo. Vettore[n]: vettore di n parole di lunghezza BIT_PER_PAROLA. Bit: il valore effettivo del bit i-mo. 62

63 Operazioni sul vettore di bit (Dovrebbero essere note) L'individuazione del bit i-mo nel vettore richiede le seguenti operazioni. offset_parola = i / BIT_PER_PAROLA; offset_bit = i % BIT_PER_PAROLA; parola_con_bit = *(vector + offset_parola); bit_i = parola_con_bit & (2 offset_bit ); 63

64 vettore[2] Diagramma di esempio (Illustra il calcolo) Parola contenente il bit Si vuole ottenere il valore del bit 70 i= parola da 32 bit 4 8 offset_parola=70/32=2 offset_bit=70 % 32 = 6 parola_con_bit= bit_i= & = Offset (byte) 64

65 Individuazione efficiente (Del primo bit libero) I processori moderni hanno istruzioni per individuare in un colpo di clock il primo bit imposto ad 1 in una parola di 16, 32, 64 bit. ISA x86_64: istruzioni bsf, bsr. Si scandisce il vettore di bit una parola alla volta. Se la parola vale 0, si avanza alla parola successiva. Altrimenti, si usa l'istruzione macchina per individuare il primo bit imposto ad 1. 65

66 Bitmap in EXT3 (Block bitmap, inode bitmap) Nell'area dei metadati di ciascun gruppo EXT3 alloca un intero blocco per la bitmap dei blocchi. 0: blocco libero, 1: blocco occupato. Il blocco della bitmap è puntato da un campo della struttura dati ext3_group_desc, definita nel file $LINUX/fs/ext3/ext3.h. Campo bg_block_bitmap, per la precisione. Vi è una bitmap analoga per gli inode, bg_inode_bitmap. 66

67 Gestione della bitmap (Operazioni di set/get sui bit) La gestione della bitmap è affidata ad alcune funzioni in $LINUX/fs/ext3/ext3.h. ext3_set_bit(): imposta ad 1 un bit. ext3_clear_bit(): imposta a 0 un bit. ext3_test_bit(): ritorna il valore di un bit. ext3_find_next_zero_bit(): trova l'indice del prossimo bit impostato a zero. Tali funzioni sono usate dagli allocatori di blocchi (balloc.c) e inode (ialloc.c). 67

68 Lista concatenata (Più semplice ancora, ma meno efficiente) I blocchi liberi sono tutti collegati fra loro, tramite puntatori posti all'interno di ciascun blocco. Il puntatore al primo blocco libero: viene memorizzato in una locazione speciale, fissa del disco. viene mantenuto in memoria centrale per motivi di efficienza. 68

69 Lista concatenata (Più semplice ancora, ma meno efficiente) I blocchi liberi sono tutti collegati fra loro, tramite puntatori posti all'interno di ciascun blocco. Il puntatore al primo blocco libero: viene memorizzato in una locazione speciale, fissa del disco. viene mantenuto in memoria centrale per motivi di efficienza. 69

70 Lista concatenata: schema (Un diagramma vale più di 1000 parole) Partizione Puntatore al primo blocco libero

71 Lista concatenata: pro e contro (Più contro che pro, a dire il vero) Pro. Soluzione più semplice rispetto al vettore di bit. Contro. Implementazione molto meno efficiente rispetto al vettore di bit. La scansione della lista è O(n) nel numero di blocchi liberi. 71

72 Raggruppamento (Un tentativo disperato di migliorare l'efficienza) Il raggruppamento è una modifica dell'approccio basato su liste. Il primo blocco libero contiene una lista di n blocchi I primi n-1 blocchi sono effettivamente liberi. L'n-esimo blocco contiene un'altra lista di blocchi liberi. Il recupero di un gran numero di blocchi liberi può essere effettuato in maniera più efficiente. Si navigano i blocchi contenenti le liste. 72

73 Conteggio (Può essere implementato anche tramite albero binario) Solitamente, le allocazioni ed i rilasci avvengono per insieme di blocchi contigui, e non per singoli blocchi. L'uso dei puntatori per blocco comporta uno spreco di spazio. Il conteggio è un approccio alternativo alla memorizzazione di n blocchi liberi. Si mantiene una tabella contenente coppie del tipo <indirizzo blocco, conteggio>. conteggio=numero di blocchi contigui liberi. 73

74 CONSIDERAZIONI: EFFICIENZA 74

75 Cosa si intende per efficienza? ( Do more with less ) Il termine efficienza indica in generale la capacità di svolgere compiti con il minimo sforzo. Computazione, tempo di esecuzione, spazio occupato, etc. Nel contesto dei file system, per efficienza si intende: uso compatto dello spazio presente sul disco. rappresentazione di file molto grandi con il minimo dispendio in termini di metadati. 75

76 Piazzamento degli inode su disco (Tutti insieme, preferibilmente all'inizio) Gli inode sono impacchettati tutti insieme all'inizio del disco, vicini al superblocco. In tal modo, una lettura sequenziale da disco porta in memoria un numero consistente di inode. La lettura ricorsive delle directory è veloce. 76

77 Uso di cluster con dimensione diversa (Tecnica adottata da BSD UNIX) Si usano cluster di dimensione diversa in funzione della dimensione del file. File piccoli cluster piccoli. File di dimensione crescente cluster di dimensione crescente. Cluster di chiusura del file dimensione piccola. 77

78 Metadati dei file 1/2 (In particolare, i timestamp di accesso al file) I timestamp di accesso al file sono critici per alcune applicazioni. Il programma GNU Make li usa per capire quando è il caso di ricompilare un sorgente. Ad ogni accesso, questi due metadati cambiano e vanno aggiornati nel modo seguente: lettura blocco FCB da disco. modifica metadati. scrittura blocco FCB. 78

79 Metadati dei file 2/2 (In particolare, i timestamp di accesso al file) Se un file è acceduto frequentemente, si ha una palese inefficienza di uso del disco. Una lettura ed una scrittura aggiuntive. Soluzione: si mantiene una copia del FCB in memoria centrale e si aggiorna il FCB su disco periodicamente. 79

80 Dimensione dei puntatori (16, 32, 48 o 64 bit) La dimensione massima di un file è determinata dalla dimensione del puntatore. 16 bit Dimensione massima 64KB. 32 bit Dimensione massima 4GB. Per superare tale limitazione, alcuni SO hanno introdotto puntatori più grandi. Implicano un maggior numero di strutture di controllo. Un trade-off abbastanza comune è quello di usare dimensioni dei puntatori a 48 bit. 80

81 Strutture statiche o dinamiche (Solaris docet) SunOS (il papà di Solaris 2) aveva tutte le principali strutture dati allocate staticamente (tabella dei file aperti, tabella dei processi). Con il miglioramento delle periferiche e con l'uso più intenso da parte degli utenti, i limiti delle strutture dati sono stati raggiunti. Solaris 2 è stato riscritto in termini di allocazione dinamica delle strutture dati. Massima efficienza di memoria a scapito delle prestazioni. 81

82 CONSIDERAZIONI: PRESTAZIONI 82

83 Cosa si intende per prestazione? ( Be as fast as possible ) Il termine prestazione indica in generale la capacità di svolgere compiti al massimo della propria capacità. Massima velocità, massimo ritmo, etc. Nel contesto dei file system, per prestazione si intende: aumento della velocità delle operazioni di I/O. applicazione del concetto di gerarchia di memoria. 83

84 Scritture sincrone e asincrone (Asincrono è più veloce, ma rischioso) Scritture sincrone. Avvengono nell'ordine in cui il gestore del file system le riceve. La scrittura avviene il più presto possibile, senza alcun buffering intermedio. Scritture asincrone. I dati sono memorizzati in un buffer intermedio. Si ritorna subito al processo chiamante. Il SO decide quando svuotare i buffer su disco. L'aggiornamento dei metadati può essere sincrono. 84

85 Pro e contro delle scritture asincrone (Asincrono è più veloce, ma rischioso) Pro. Il SO sceglie il momento della scrittura più adatto per ridurre i movimenti della testina del disco. La chiamata di sistema write() diventa velocissima (ritorna subito al processo chiamante). Contro. Se la macchina va in crash, si perdono i dati (il SO fornisce meccanismi per forzare scritture sincrone transazioni delle basi di dati). Se i metadati sono già stati aggiornati, si verifica una grave inconsistenza nel file. 85

86 Assegnazione ritardata (Usata da EXT4) Scenario: meccanismo di scrittura asincrona, con diversi buffer in attesa di essere riversati sul disco. Con l'assegnazione ritardata dei blocchi, la selezione di un blocco libero viene posticipata fino all'ultimo momento utile. Il SO decide di scrivere i blocchi su disco. L'utente comanda un flush dei buffer. I metadati del file affetto dalla scrittura possono essere mantenuti aggiornati in maniera sincrona. 86

87 Assegnazione ritardata: pro e contro (Performante, ma rischiosa) Pro. La probabilità di scrivere file contigui è decisamente più alta. Aumento di prestazioni su file grandi. Contro. Se la macchina va in crash prima della scrittura, la perdita di dati può essere catastrofica. 87

88 Lettura anticipata (Linux et alia) La lettura anticipata (read ahead) è il prelievo di un certo numero di blocchi contigui a quello appena letto. In uno scenario di lettura sequenziale, l'applicazione tenderà a leggere, nell'immediato futuro, proprio tali blocchi! Netto miglioramento delle prestazioni in lettura. 88

89 Caching delle principali strutture dati (Gerarchia di memoria) Per migliorare le prestazioni del file system è necessario avvicinare le strutture dati più popolari ai dispositivi di memoria più veloci. Gerarchia di memoria. Disco memoria centrale cache CPU registri. Tutte le strutture dati sono su disco. Le più popolari hanno una copia in RAM, aggiornata di frequente. 89

90 CONSIDERAZIONI: SICUREZZA 90

91 Cosa si intende per sicurezza? ( Don't harm others; keep things consistent ) Il termine sicurezza indica due capacità: mantenere un sistema in uno stato consistente. impedire agli utenti un uso malizioso del sistema. In questa presentazione ci si riferisce al primo contesto: controllo di consistenza del file system. journaling. 91

92 Controllo di consistenza (AKA File system check ) Ciascun file system ha un applicativo per il controllo ed il mantenimento della consistenza dei metadati e dei blocchi. In Linux: suite di programmi fsck.nome_fs. fsck.ext4, fsck.vfat, Avvio (GNU/Linux): automatico, al boot, a file system montato in sola lettura, per il controllo della struttura in caso di problemi (segnalati dalla presenza di un file). manuale, da linea di comando (a file system smontato), con possibilità di riparazione. 92

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Implementazione del File System

Sistemi Operativi. Implementazione del File System Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 12 Sistemi operativi 19 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 12.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Organizzazione e realizzazione dei

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua 12. Implementazione di un File System 1 Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Implementazione delle directory Prestazioni ed efficienza 2 Utente 12.1.1 Struttura

Dettagli

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Il file system File system Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Collezione di file Struttura di cartelle (directory) 1! Interfaccia Implementazione

Dettagli

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem!

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem! Struttura del File-System Implementazione del File System Struttura dei File Unità logica di memorizzazione Collezione di informazioni correlate File control block (inode) struttura dati per le informazioni

Dettagli

Lezione T11 Virtual File System

Lezione T11 Virtual File System Lezione T11 Virtual File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Realizzazione del File System

Realizzazione del File System Realizzazione del File System Realizzazione del file system Struttura del file system Realizzazione del file system Realizzazione delle directory Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi File System (parte 2)

Sistemi Operativi File System (parte 2) Sistemi Operativi File System (parte 2) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Realizzazione del file system 1 I file system (FS) sono memorizzati

Dettagli

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System Il File System Parte V Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata in unità virtuali denominate file (archivio) File System:

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 14 Sistemi operativi 9 giugno 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 14.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Ottimizzazione degli accessi alla

Dettagli

Parte V Il File System

Parte V Il File System Parte V Il File System Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 V - 1 Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2009-2010 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Realizzazione del file system Realizzazione delle directory Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Software È un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti elettronici (=

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

Struttura del Micro Filesystem (µfs)

Struttura del Micro Filesystem (µfs) Struttura del Micro Filesystem (µfs) Il Micro Filesystem deve essere organizzato all'interno di un unico file regolare Linux (dev_ufs) ed può basato sul filesystem FAT-32 con la gestione dei permessi in

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome.

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome. IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Le applicazioni su un calcolatore hanno bisogno di memorizzare e rintracciare informazioni. Un processo può utilizzare il suo spazio degli indirizzi per

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system:

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Un insieme di funzionalità per astrarre i dati grezzi presenti in memoria di massa e interpretare questi ultimi in termini di files e cartelle

Dettagli

Analisi dei file system con journaling

Analisi dei file system con journaling Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Sistemi Operativi Analisi dei file system con journaling Anno Accademico 2012/2013 Candidato: Antonio Perna matr. N46000586

Dettagli

File system II. Sistemi Operativi Lez. 20

File system II. Sistemi Operativi Lez. 20 File system II Sistemi Operativi Lez. 20 Gestione spazi su disco Esiste un trade-off,tra spreco dello spazio e velocità di trasferimento in base alla dimensione del blocco fisico Gestione spazio su disco

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Funzioni dei Sistemi Operativi!2 Le funzioni principali del SO Gestire le risorse dell elaboratore

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

Memoria. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Tipica Gerarchia di Memoria. Gestione della Memoria. Modelli di gestione della memoria

Memoria. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Tipica Gerarchia di Memoria. Gestione della Memoria. Modelli di gestione della memoria Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Gestione della Memoria Memoria La memoria è un ampio vettore di parole, ciascuna con il suo indirizzo La CPU preleva le istruzioni dalla memoria (basandosi sul PC) Una

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera CPU Memoria principale Il Sistema Operativo Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera Corso di Laurea in Edilizia Facoltà di Architettura A.A. 2009/2010 ALU Unità di controllo Registri A indirizzi

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale Gestione della memoria centrale Un programma per essere eseguito deve risiedere in memoria principale e lo stesso vale per i dati su cui esso opera In un sistema multitasking molti processi vengono eseguiti

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche di I/O 2. Gestione dei buffer 3. Schedulazione del disco 4. I/O in UNIX e Windows

Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche di I/O 2. Gestione dei buffer 3. Schedulazione del disco 4. I/O in UNIX e Windows Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

PARTE 4 La Macchina Software

PARTE 4 La Macchina Software PARTE 4 La Macchina Software 94 Macchina Hardware e Macchina Software applicativi sistema operativo macchina hardware Agli albori dell'informatica, si programmava in binario, cioe` in linguaggio macchina,

Dettagli

Il supporto al Sistema Operativo

Il supporto al Sistema Operativo Il supporto al Sistema Operativo Obiettivi e funzioni del S.O. Il Sistema Operativo è il software che controlla l esecuzione dei programmi e amministra le risorse del sistema. Ha due obiettivi principali:

Dettagli

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta. C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Concetti fondamentali

Concetti fondamentali D I S C H I R I G I D I In questo documento vengono illustrati alcuni concetti fondamentali sul partizionamento di dischi rigidi. In alcune sezioni sono inclusi suggerimenti per l utilizzo di prodotti

Dettagli

Il contesto! Gestione della Memoria! Reg. di Base e reg. Limite! Associazione tra dati/istruzioni e memoria!

Il contesto! Gestione della Memoria! Reg. di Base e reg. Limite! Associazione tra dati/istruzioni e memoria! Il contesto Gestione della Memoria Per essere eseguiti, i programmi devono essere trasferiti (dal disco) in memoria e tradotti in processi. Obiettivi: accesso rapido e protezione. Accesso rapido La CPU

Dettagli

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui Filesystem Il file system è organizzato in blocchi logici contigui dimensione fissa di 1024, 2048 o 4096 byte indipendente dalla dimensione del blocco fisico (generalmente 512 byte) Un blocco speciale,

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

Lezione T14 Gestione memoria kernel

Lezione T14 Gestione memoria kernel Lezione T14 Gestione memoria kernel Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Fondamenti dei Sistemi Operativi Il File System Necessità di organizzazione dei dati: i file Concetto di file e contenuto Strutture dei file Attributi comuni dei file Tipi di file Operazioni sui

Dettagli

Gestione della memoria secondaria. Marco Cesati. Schema della lezione. File system annotati. Il disco magnetico. Prestazioni dei dischi

Gestione della memoria secondaria. Marco Cesati. Schema della lezione. File system annotati. Il disco magnetico. Prestazioni dei dischi Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 13 La gestione della Sistemi operativi 1 I file system annotati 2 Tecnologia e prestazioni del magnetico 3 Algoritmi di schedulazione del 26 maggio 2015 4 I

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Sistemi Operativi. Utilizzo dei sistemi operativi ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Sistemi Operativi. Utilizzo dei sistemi operativi ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 Sistemi Operativi Utilizzo dei sistemi operativi ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 1 Software di sistema e applicativo Di sistema: controlla e regola il comportamento del sistema stesso il più importante

Dettagli

Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4)

Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4) Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4) Gli extended file systems sono i file system di default di Linux Ext3, Ext4 sono le versioni migliorate di Ext2 (dimensioni file, prestazioni...) e ne

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

boot loader partizioni boot sector

boot loader partizioni boot sector IL SISTEMA OPERATIVO Il sistema operativo (S.O.) è un software che fa da interfaccia tra l uomo e l hardware, mettendo a disposizione un ambiente per eseguire i programmi applicativi. Grazie al S.O. un

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella Complessità del Software Software applicativo Software di sistema Sistema Operativo Hardware 2 La struttura del

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO. Lezione 1

IL SISTEMA OPERATIVO. Lezione 1 IL SISTEMA OPERATIVO Lezione 1 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Il Modello di Von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

Esercitazione E6 Esercizi d esame

Esercitazione E6 Esercizi d esame Esercitazione E6 Esercizi d esame Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 E6-1 Memoria virtuale Si consideri un sistema a memoria virtuale con indirizzi a 32 bit, indirizzi fisici a 20

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output)

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Parte 3 Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Gestione Input/Output UTENTE SW APPLICAZIONI Sistema Operativo SCSI Keyboard Mouse Interfaccia utente Gestione file system Gestione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 11 Martedì 12-11-2013 1 Tecniche di allocazione mediante free list Generalmente,

Dettagli