GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE"

Transcript

1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE E MEMORIA VIRTUALE 7.1

2 Gestione della memoria Segmentazione Segmentazione con paginazione Memoria Virtuale Paginazione su richiesta Sostituzione delle pagine Trashing Esempi: Windows NT e Solaris 7.2

3 Segmentazione La segmentazione è uno schema di gestione della memoria che corrisponde alla vista della memoria che in genere ha l utente. Un programma è una collezione di segmenti. Un segmento è una unità logica di memoria come: programma principale, procedura e/o funzione, metodo, oggetto, variabili locali, variabili globali, stack, tabella dei simboli, array. 7.3

4 Vista utente di un programma 7.4

5 Vista logica della segmentazione spazio del processo utente spazio della memoria fisica 7.5

6 Architettura di segmentazione Un indirizzo logico consiste di una coppia di valori : <numero-segmento, offset> Tabella dei segmenti assegna indirizzi fisici bidimensionali. Ogni elemento della tabella ha: base indirizzo di partenza del segmento in memoria. limite lunghezza del segmento. Segment-table base register (STBR) punta alla locazione di memoria dove si trova la tabella. Segment-table length register (STLR) indica il numero dei segmenti appartenenti ad un programma; numero di segmento s è legale se s < STLR. 7.6

7 Hardware di segmentazione 7.7

8 Architettura di segmentazione Rilocazione dinamica tramite la tabella dei segmenti Condivisione Segmenti condivisi stesso numero di segmento Allocazione first fit / best fit frammentazione esterna 7.8

9 Architettura di segmentazione Protezione Con ogni entry nella tabella dei segmenti associata: bit di validazione = 0 segmento illegale privilegi read/write/execute Bit di protezione associati ai segmenti; condivisione di codice a livello di segmento. Poiché i segmenti variano in lunghezza, l allocazione di memoria è un problema di allocazione dinamica. 7.9

10 Esempio di segmentazione 7.10

11 Condivisione di segmenti 7.11

12 Segmentazione con Paginazione Il S.O. MULTICS ha risolto i problemi di frammentazione esterna e dei tempi lunghi di ricerca tramite la paginazione dei segmenti. Un segmento viene realizzato tramite un insieme di pagine. Soluzione differisce dalla segmentazione pura poiché una entry nella tabella dei segmenti non contiene l indirizzo base di un segmento, ma l indirizzo base della tabella delle pagine di quel segmento. 7.12

13 Schema di traduzione degli indirizzi in MULTICS 7.13

14 Segmentazione con Paginazione Intel 386 L Intel 386 per la gestione della memoria usa segmentazione con paginazione usando uno schema di paginazione a due livelli. 7.14

15 Memoria virtuale Memoria Virtuale separazione della memoria logica dalla memoria fisica. Solo una parte del programma sta in memoria per l esecuzione. Lo spazio degli indirizzi logici è quindi più grande dello spazio degli indirizzi fisici. Lo spazio degli indirizzi può essere diviso tra più processi. Permette una più efficiente creazione dei processi. La memoria virtuale può essere implementata tramite: Paginazione su richiesta Segmentazione su richiesta 7.15

16 Memoria Virtuale maggiore della Memoria Fisica 7.16

17 Paginazione su richiesta Si porta una pagina in memoria solo quando serve. minore I/O minore memoria necessaria risposta più veloce Maggior numero di utenti Quando serve una pagina riferimento ad essa riferimento non valido abort non in memoria trasferire in memoria 7.17

18 Trasferimento di memoria paginata su disco contiguo 7.18

19 Bit Valido/Non valido Ad ogni entry della tabella è associato un bit di validità (1 in memoria, 0 non in memoria ma su disco) Inizialmente il bit di validità è uguale a 0 per ogni entry. Esempio di tabella delle pagine: Frame # Bit valido- nonvalido Durante la traduzione Tabella degli delle pagine indirizzi, se il bit è 0 page fault

20 Tabella delle pagine con alcune pagine non in memoria 7.20

21 Page Fault Se si tenta di accedere una pagine non in memoria page fault. Il S.O. controlla in una tabella interna del processo: se il riferimento non è valido abort. Se il riferimento è valido occorre caricare la pagina. Si trova un frame libero. Si carica la pagina nel frame. Si aggiorna le tabelle, bit di validazione = 1. Viene riavviata l esecuzione: la pagina diventa quella più recente. 7.21

22 Passi della gestione di un Page Fault 7.22

23 Cosa accade quando non c è un frame libero? Sostituzione delle pagine si trova una pagina in memoria che non è usata e si porta sul disco (swap out). algoritmo prestazioni si vuole un algoritmo che dia il numero minimo di page fault. Alcune pagine possono essere portate in memoria varie volte. 7.23

24 Prestazioni della paginazione su richiesta Probabilità di page fault: 0 p 1.0 se p = 0 se p = 1 nessun page fault ogni accesso provoca un page fault. Tempo di accesso effettivo (TAE) TAE = (1 p) x ma + p (tempo di page fault) 7.24

25 Esempio di paginazione su richiesta Tempo di accesso in memoria = 100 nanosecondi Il 50% del tempo la pagina che è stata rimpiazzata è stata modificata e quindi ha bisogno di essere portata sul disco. Tempo di page fault = 25 msec = µsec TAE = (1 p) x p x ( ) = ( ) x p (in msec) 7.25

26 Sostituzione delle pagine Quando occorre caricare una pagina e non c è un frame libero si può usare la sostituzione delle pagine. Il meccanismo di gestione dei page fault deve essere modificato per gestire questa possibilità. Uso di un modify (dirty) bit per ridurre il costo del trasferimento delle pagine solo le pagine modificate vengono scritte sul disco. La sostituzione delle pagine completa la separazione tra memoria logica e memoria fisica: un grande memoria virtuale si può realizzare su una piccola memoria fisica. 7.26

27 Necessità di sostituzione delle pagine 7.27

28 Sostituzione delle pagine Operazioni per la sostituzione: 1. Trova la locazione della pagina richiesta sul disco. 2. Trova un frame libero a. Se esiste usalo; b. Se non c è un frame libero seleziona un frame vittima secondo un algoritmo di sostituzione; c. Scrivi la pagina vittima sul disco e aggiorna le tabelle; 3. Leggi la pagina richiesta nel frame liberato e aggiorna le tabelle 4. Riavvia il processo. 7.28

29 Sostituzione di una pagina 7.29

30 Algoritmi di sostituzione delle pagine Criterio di scelta: L algoritmo con la minima frequenza di page fault. Si valuta gli algoritmi eseguendoli su una particolare sequenza (stringa) di riferimenti alla memoria e calcolando il numero di page fault che si verificano. Negli esempi la stringa usata è: 1, 2, 3, 4, 1, 2, 5, 1, 2, 3, 4,

31 Numero di page fault in funzione del numero di frame 7.31

32 Algoritmo First-In-First-Out (FIFO) Si sostituisce la pagina più vecchia. Stringa: 1, 2, 3, 4, 1, 2, 5, 1, 2, 3, 4, 5 3 frame (3 pagine possono essere in memoria per processo) page fault frame page fault Anomalia di Belady più frame più page fault 7.32

33 Sostituzione FIFO 7.33

34 Anomalia di Belady 7.34

35 Algoritmo Ottimale Sostituisce la pagina che non verrà usata per il periodo di tempo più lungo. Esempio: 4 frame stringa: 1, 2, 3, 4, 1, 2, 5, 1, 2, 3, 4, page fault 4 5 Come predire il futuro (uso delle pagine)? Usato come paragone per valutare altri algoritmi. 7.35

36 Algoritmo Ottimale 7.36

37 Algoritmo Least Recently Used (LRU) Sostituisce la pagina che non è stata usata per il periodo di tempo più lungo. Stringa: 1, 2, 3, 4, 1, 2, 5, 1, 2, 3, 4, Implementazione con contatore Implementazione con stack 7.37

38 Sostituzione LRU 7.38

39 Sostituzione LRU Implementazione con contatore Ogni entry di pagina ha un contatore; ogni volta che la pagina viene referenziata si copia il clock nel contatore. Quando occorre sostituire una pagina, occorre cercare la pagina con il valore del clock più piccolo. Implementazione con stack Si mantiene uno stack con i numeri delle pagina con la pagina più recente sta in cima e la LRU in fondo: La pagina referenziata si mette in cima: spostare il numero di pagina in prima posizione richiede la modifica di sei puntatori Non bisogna fare la ricerca. 7.39

40 Implementazione LRU con lo stack 7.40

41 Algoritmi di approssimazione ad LRU L algoritmo LRU richiede l uso di un supporto hardware. Se non esiste si usano algoritmi approssimati: Bit di riferimento Ad ogni pagina è associato un bit, inizialmente = 0 Quando la pagina è usata viene messo ad 1. Si sostituisce una pagina con bit a 0 (se esiste). L ordine di uso non si conosce. Seconda chance Si usa il bit di riferimento. Clock (o coda circolare). Se una pagina (in senso orario) ha il bit = 1, allora: bit <-- 0. Lascia la pagina in memoria. Sostituisce la prossima pagina (in senso orario) con bit=

42 Algoritmo Seconda Chance (clock) 7.42

43 Algoritmi con conteggio Usano un contatore del numero dei riferimenti che sono tati fatti su ogni pagina. Algoritmo LFU: sostituisce le pagine con il contatore minimo. Algoritmo MFU: sostituisce le pagine con il contatore massimo. (basato sull idea che con la pagina con il contatore minimo è stata inserita da poco e non è stata usata) 7.43

44 Thrashing Se un processo non ha abbastanza pagine in memoria il tasso di page fault è molto alto. Questo crea: bassa utilizzazione della CPU. Il S.O. può credere che occorre aumentare il grado di multiprogrammazione. Un nuovo processo viene inserito in memoria. Thrashing un processo è occupato principalmente nella attività di paginazione. 7.44

45 Thrashing Quando la paginazione funziona? Modello di località (set di pagine usate insieme) Un processo di sposta da una località all altra Le località si possono sovrapporre. Perché si verifica il thrashing? Σ spazi di località > spazio di memoria locale 7.45

46 Località in sequenze di riferimenti a memoria 7.46

47 Esempi di gestione di memoria virtuale Windows NT Usa la paginazione su richiesta paging con clustering. Il clustering mantiene le pagine vicine all pagina che ha creato il page fault. Solaris 2 Mantiene una lista di pagine libere da assegnare ai processi che hanno avuto un page fault. 7.47

48 Windows NT Ai processi viene assegnato un working set minimo e un working set massimo. Working set minimo è delle pagine che il processo avrà in memoria (garantito) Gli potranno essere assegnate altre pagine fino al working set massimo. Quando l ammontare di memoria libera nel sistema è minore di una data soglia viene eseguito un algoritmo di automatic working set trimming per aumentare la dimensione della memoria libera. Il working set trimming rimuove dai processi le pagine in eccesso rispetto al loro working set minimo. 7.48

49 Solaris 2 Lotsfree: parametro di soglia per iniziare la paginazione. Paginazione è eseguita dal processo pageout. Pageout scandisce le pagine usando un algoritmo basato sulla coda circolare modificato. Scanrate è la velocità con cui le pagine sono scandite. Varia tradue valori: slowscan e fastscan. Pageout è invocato più o meno frequentemente in dipendenza della memoria libera disponibile. 7.49

50 Scanner delle pagine di Solaris 7.50

51 Domande Discutere le differenze principali tra paginazione e segmentazione. Quali sono i benefici di usare la segmentazione paginata? Spiegare le operazioni da eseguire per la gestione di un page fault. Discutere le differenze tra gli algoritmi di sostituzione FIFO e LRU. Spiegare il funzionamento dell algoritmo LRU con implementazione a stack. Analizzare una situazione in cui si verifica trashing di pagine. 7.51

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE E MEMORIA VIRTUALE 7.1 Gestione della memoria Segmentazione Segmentazione con paginazione Memoria Virtuale Paginazione su richiesta Sostituzione delle pagine Trashing Esempi:

Dettagli

Gestione della memoria. Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione

Gestione della memoria. Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione Gestione della memoria Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione Modello di paginazione Il numero di pagina serve come indice per la tabella delle pagine. Questa contiene l indirizzo di base

Dettagli

Sistemi Operativi. 5 Gestione della memoria

Sistemi Operativi. 5 Gestione della memoria Gestione della memoria Compiti del gestore della memoria: Tenere traccia di quali parti della memoria sono libere e quali occupate. Allocare memoria ai processi che ne hanno bisogno. Deallocare la memoria

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. La memoria virtuale. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. La memoria virtuale. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) La memoria virtuale Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario La memoria virtuale

Dettagli

Memoria. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Memoria virtuale. Gestione della memoria. Paginazione su richiesta. Paginazione su richiesta

Memoria. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Memoria virtuale. Gestione della memoria. Paginazione su richiesta. Paginazione su richiesta Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Memoria Virtuale Memoria Abbiamo visto varie tecniche per gestire la memoria Permettono la presenza contemporanea di più processi in memoria La memoria virtuale è una

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

9. Memoria Virtuale. 9. Memoria Virtuale. 9. Memoria Virtuale

9. Memoria Virtuale. 9. Memoria Virtuale. 9. Memoria Virtuale 1 (es. 1) Consideriamo un processo con m frame inizialmente vuoti. La stringa di riferimento è lunga p e contiene riferimenti a n pagine diverse. Per un qualsiasi algoritmo di rimpiazzamento: a) qual è

Dettagli

La memoria virtuale 9.2. Sistemi Operativi a.a. A.A. 2009-10 2013-2014

La memoria virtuale 9.2. Sistemi Operativi a.a. A.A. 2009-10 2013-2014 La Memoria Virtuale La memoria virtuale Background Paginazione su richiesta Copy on Write Sostituzione delle pagine Allocazione dei frame Thrashing File mappati in memoria Allocazione di memoria del kernel

Dettagli

Memoria virtuale. Riassumendo Meccanismo di traduzione indirizzi con tabella TLB Ogni processo ha la sua PMT Politiche della memoria virtuale E

Memoria virtuale. Riassumendo Meccanismo di traduzione indirizzi con tabella TLB Ogni processo ha la sua PMT Politiche della memoria virtuale E Spazio di indirizzamento virtuale Riprendiamo lo spazio di indirizzamento virtuale del programma di inversione stringa LO SPAZIO DI INDIRIZZAMENTO VIRTUALE DI UN PROCESSO É Spazio di indirizzamento virtuale

Dettagli

9. Memoria Virtuale. 9.1 Memoria Virtuale: introduzione

9. Memoria Virtuale. 9.1 Memoria Virtuale: introduzione 1 9. Memoria Virtuale Concetti di base Demand Paging (Paginazione su richiesta) Prestazioni del Demand Paging Rimpiazzamento delle pagine Algoritmi di rimpiazzamento Allocazione dello spazio in Memoria

Dettagli

Memoria Virtuale. Lezione 29 Sistemi Operativi

Memoria Virtuale. Lezione 29 Sistemi Operativi Memoria Virtuale Lezione 29 Sistemi Operativi I Principi Abbiamo sinora assunto che durante l esecuzione di un programma, lo stesso debba risiedere completamente in MC Intorno alla metà degli anni 70 viene

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 10 LEZIONE MEMORIA VIRTUALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Opertivi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 10 LEZIONE MEMORIA VIRTUALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Opertivi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 10 LEZIONE MEMORIA VIRTUALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione Introduzione

Dettagli

AXO. Operativi. Architettura dei Calcolatori e Sistemi. memoria virtuale

AXO. Operativi. Architettura dei Calcolatori e Sistemi. memoria virtuale AXO Architettura dei Calcolatori e Sistemi Operativi memoria virtuale concetto di memoria virtuale Separare il concetto di: spazio di indirizzamento di un programma eseguibile e dimensione effettiva della

Dettagli

La Gestione della Memoria

La Gestione della Memoria La Gestione della Memoria Gestione della Memoria Centrale A livello hardware: ogni sistema di elaborazione è equipaggiato con un unico spazio di memoria. Compiti del Sistema Operativo: allocare memoria

Dettagli

memoria virtuale protezione

memoria virtuale protezione Memoria Virtuale Le memorie cache forniscono un accesso veloce ai blocchi di memoria usati più di recente La memoria virtuale fornisce un accesso veloce ai dati sulle memorie di massa usati più di recente.

Dettagli

HEX Bin HEX Bin HEX Bin HEX Bin 0 0000 4 0100 8 1000 C 1100 1 0001 5 0101 9 1001 D 1101 2 0010 6 0110 A 1010 E 1110 3 0011 7 0111 B 1011 F 1111

HEX Bin HEX Bin HEX Bin HEX Bin 0 0000 4 0100 8 1000 C 1100 1 0001 5 0101 9 1001 D 1101 2 0010 6 0110 A 1010 E 1110 3 0011 7 0111 B 1011 F 1111 Struttura interna del Sistema Operativo CAP. 7. La gestione della memoria virtuale Il concetto di memoria virtuale Il concetto di memoria virtuale nasce dalla necessità di separare il concetto di spazio

Dettagli

Il contesto! Gestione della Memoria! Reg. di Base e reg. Limite! Associazione tra dati/istruzioni e memoria!

Il contesto! Gestione della Memoria! Reg. di Base e reg. Limite! Associazione tra dati/istruzioni e memoria! Il contesto Gestione della Memoria Per essere eseguiti, i programmi devono essere trasferiti (dal disco) in memoria e tradotti in processi. Obiettivi: accesso rapido e protezione. Accesso rapido La CPU

Dettagli

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini La memoria Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Nelle lezioni precedenti { Memoria La gerarchia di memorie Registri Istruzioni, operandi L Cache Blocchi L2 Cache Blocchi Memoria Pagine

Dettagli

La gestione della memoria

La gestione della memoria La gestione della memoria Nella gestione della memoria il sistema operativo deve perseguire l'obiettivo di allocare il maggior numero di processi in memoria centrale per aumentare la probabilità che ci

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 11 Martedì 12-11-2013 1 Tecniche di allocazione mediante free list Generalmente,

Dettagli

Memoria virtuale. Strutture hardware e di controllo

Memoria virtuale. Strutture hardware e di controllo Memoria virtuale Strutture hardware e di controllo Le caratteristiche chiave delle tecniche di segmentazione e paginazione sono: Tutti i riferimenti di memoria all'interno di un processo sono indirizzi

Dettagli

La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale

La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale 1) Introduzione- Gerarchia della memoria Da un punto di vista funzionale, ogni dispositivo di memorizzazione elettronica di informazioni presenta

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Gestione della memoria centrale 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Gestione della memoria: 1. Binding degli indirizzi. Partizionamento

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Gestione della memoria Gestione della memoria: 1. Binding degli indirizzi 2. Partizionamento

Dettagli

Sistemi Operativi Gestione della Memoria (parte 2)

Sistemi Operativi Gestione della Memoria (parte 2) Sistemi Operativi Gestione della Memoria Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Memoria Virtuale 1 Una singola partizione o anche l intera

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

GENERAZIONE PROCESSO FIGLIO (padre attende terminazione del figlio)

GENERAZIONE PROCESSO FIGLIO (padre attende terminazione del figlio) GENERAZIONE PROCESSO FIGLIO (padre attende terminazione del figlio) #include void main (int argc, char *argv[]) { pid = fork(); /* genera nuovo processo */ if (pid < 0) { /* errore */ fprintf(stderr,

Dettagli

Capitolo 9: Memoria centrale

Capitolo 9: Memoria centrale Capitolo 9: Memoria centrale Concetti generali. Swapping Allocazione contigua di memoria. Paginazione. Segmentazione. Segmentazione con paginazione. 9.1 Concetti generali Per essere eseguito un programma

Dettagli

Memoria. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Tipica Gerarchia di Memoria. Gestione della Memoria. Modelli di gestione della memoria

Memoria. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Tipica Gerarchia di Memoria. Gestione della Memoria. Modelli di gestione della memoria Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Gestione della Memoria Memoria La memoria è un ampio vettore di parole, ciascuna con il suo indirizzo La CPU preleva le istruzioni dalla memoria (basandosi sul PC) Una

Dettagli

Memoria virtuale. Ivan Scagnetto. Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008

Memoria virtuale. Ivan Scagnetto. Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 007-008 Copyright c 000 0 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Il supporto al Sistema Operativo

Il supporto al Sistema Operativo Il supporto al Sistema Operativo Obiettivi e funzioni del S.O. Il Sistema Operativo è il software che controlla l esecuzione dei programmi e amministra le risorse del sistema. Ha due obiettivi principali:

Dettagli

Gestione della Memoria

Gestione della Memoria Gestione della Memoria Idealmente la memoria dovrebbe essere grande veloce non volatile Gerarchia di memorie Disco: capiente, lento, non volatile ed economico Memoria principale: volatile, mediamente grande,

Dettagli

Memoria Virtuale. Lezione 10-11 Sistemi Operativi

Memoria Virtuale. Lezione 10-11 Sistemi Operativi Memoria Virtuale Lezione 10-11 Sistemi Operativi Problemi implementativi Dal punto di vista del SO la realizzazione di un sistema di VM richiede la soluzione di una serie di problemi: Individuazione di

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale Gestione della memoria centrale Principi di base La gestione della memoria si occupa di allocare la memoria fisica ai processi che ne fanno richiesta. Nessun processo può diventare attivo prima di avere

Dettagli

Memoria Virtuale. è la tecnica chge permette l esecuzione di processi che non sono completamente caricati in memoria principale

Memoria Virtuale. è la tecnica chge permette l esecuzione di processi che non sono completamente caricati in memoria principale Memoria Virtuale Memoria Virtuale Definizione è la tecnica chge permette l esecuzione di processi che non sono completamente caricati in memoria principale Considerazioni permette di eseguire in concorrenza

Dettagli

Modello della memoria in Unix. Unix: Gestione della Memoria. Gestione della memoria in UNIX - fondamenti. Gestione della memoria in UNIX - storia

Modello della memoria in Unix. Unix: Gestione della Memoria. Gestione della memoria in UNIX - fondamenti. Gestione della memoria in UNIX - storia Modello della memoria in Unix I processi Unix lavorano su uno spazio di indirizzamento virtuale Es. 0,..., 2 32 1 su indirizzi a 32bit Ogni processo ha uno spazio indirizzi separato per i segmenti text,

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

Esercitazione E2 Memoria virtuale

Esercitazione E2 Memoria virtuale Esercitazione E2 Memoria virtuale Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 E2-1 Memoria virtuale 1 Si consideri un sistema a memoria virtuale con indirizzi virtuali a 32 bit, indirizzi fisici

Dettagli

SCHEDULING DEI PROCESSI

SCHEDULING DEI PROCESSI SCHEDULING DEI PROCESSI FIFO o FCFS (First-In-First-Out) Primo arrivato primo servito. Si utilizza nei processi non-preemptive. RR (Round-Robin) I processi sono attivati in modalità FIFO ma viene loro

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Memoria virtuale e ottimizzazione

Memoria virtuale e ottimizzazione SISTEMI OPERATIVI 08.b Memoria virtuale e ottimizzazione Memoria virtuale e ottimizzazione Supporto fornito dall hardware MV con Paginazione (page table) MV con Segmentazione MV con Segmentazione e Paginazione

Dettagli

Sistemi operativi e distribuiti

Sistemi operativi e distribuiti Sistemi operativi e distribuiti La memoria virtuale Memoria Virtuale Separazione della memoria logica da quella fisica Un programma potrebbe risiedere in memoria solo parzialmente Lo spazio di indirizzamento

Dettagli

ESERCIZIO 1 (b) Dove è memorizzato il numero del primo blocco del file? Insieme agli altri attributi del file, nella cartella che contiene il file.

ESERCIZIO 1 (b) Dove è memorizzato il numero del primo blocco del file? Insieme agli altri attributi del file, nella cartella che contiene il file. ESERCIZIO 1 Si consideri un hard disk formattato la cui memoria è suddivisa in 16 blocchi (numerati da 0 a 15). Si supponga che sull hard disk sia memorizzato un unico file, contenuto, nell ordine, nei

Dettagli

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio 1. Una macchina ha uno spazio degli indirizzi a 32 bit e una pagina di 8 KB. La tabella delle pagine è completamente nell hardware, con una parola a 32 bit per voce. Quando parte un processo, la tabella

Dettagli

Gestione della memoria

Gestione della memoria Prof. Diomede Mazzone Gestione della memoria Memoria Virtuale Cosa accade usualmente Alcuni processi possono rimanere in stato di ready per molto tempo, occupando memoria! Le pagine fisiche di memoria

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli

MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1

MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Memory management 49

Memory management 49 Memory management 49 Gestione della memoria I processi Unix lavorano su uno spazio di indirizzamento virtuale (Es. 0,..., 2 32 1 su indirizzi i i a 32 bit); Ogni processo ha uno spazio indirizzi separato

Dettagli

Gestione della memoria principale

Gestione della memoria principale Gestione della memoria principale Gestione della memoria principale Background Swapping Allocazione contigua della memoria Segmentazione Paginazione Struttura della tabella delle pagine Esempi Le architetture

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Protezione. Protezione. Protezione. Obiettivi della protezione

Protezione. Protezione. Protezione. Obiettivi della protezione Protezione Protezione La protezione riguarda i meccanismi per il controllo dell accesso alle risorse in un sistema di calcolo da parte degli utenti e dei processi. Meccanismi di imposizione fissati in

Dettagli

esercizi memoria virtuale 2004-2008 maurizio pizzonia - sistemi operativi

esercizi memoria virtuale 2004-2008 maurizio pizzonia - sistemi operativi esercizi memoria virtuale 1 tabella delle pagine (8.1) data la tabella delle pagine (pagina di 1024 bytes) di un processo tradurre i seguenti riferimenti in indirzzi fisici: 1052, 5499, 2221 2 dove mettiamo

Dettagli

Desiderata: memoria capiente e veloce. Connessioni tra livelli di memoria. Memoria cache, struttura. Tecniche impiegate. Ad ogni accesso alla memoria

Desiderata: memoria capiente e veloce. Connessioni tra livelli di memoria. Memoria cache, struttura. Tecniche impiegate. Ad ogni accesso alla memoria Connessioni tra livelli di memoria Tape Registers Cache Main memory Magnetic disk Optical disk (Architettura degli Elaboratori) Gerarchie di memorie / 58 Metodo: Desiderata: memoria capiente e veloce i

Dettagli

Secondo biennio Articolazione Informatica TPSIT Prova Quarta

Secondo biennio Articolazione Informatica TPSIT Prova Quarta Sistema operativo: gestione memoria centrale La Memoria Virtuale consente di superare i limiti della Memoria Centrale : A. no B. a volte C. si, ma non sempre e' adeguata D. si, attraverso tecniche di gestione

Dettagli

Capitolo 11 La memoria cache

Capitolo 11 La memoria cache Capitolo 11 La memoria cache Gerarchie di Memoria Dati sperimentali mostrano che i riferimenti alla memoria godono della proprietà di località spaziale e temporale. Località spaziale: tendenza a generare

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale Gestione della memoria centrale Un programma per essere eseguito deve risiedere in memoria principale e lo stesso vale per i dati su cui esso opera In un sistema multitasking molti processi vengono eseguiti

Dettagli

Il memory manager. Gestione della memoria centrale

Il memory manager. Gestione della memoria centrale Il memory manager Gestione della memoria centrale La memoria La memoria RAM è un vettore molto grande di WORD cioè celle elementari a 16bit, 32bit, 64bit (2Byte, 4Byte, 8Byte) o altre misure a seconda

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Memoria Virtuale. è la tecnica chge permette l esecuzione di processi che non sono completamente caricati in memoria principale

Memoria Virtuale. è la tecnica chge permette l esecuzione di processi che non sono completamente caricati in memoria principale Memoria Virtuale 1 Memoria Virtuale Definizione è la tecnica chge permette l esecuzione di processi che non sono completamente caricati in memoria principale Considerazioni permette di eseguire in concorrenza

Dettagli

Struttura dei dischi

Struttura dei dischi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Gestione della Memoria Principale

Gestione della Memoria Principale Fondamenti Gestione della Memoria Principale La memoria di un elaboratore e organizzata nella seguente gerarchia Typical access time Typical capacity Fondamenti Binding, Loading, Linking Spazio indirizzi

Dettagli

Ambienti Operativi: Memoria

Ambienti Operativi: Memoria DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 Ambienti Operativi: Memoria Amos Brocco, Ricercatore, ISIN / DTI 2 Motivazione Perché studiare come la memoria viene gestita in un sistema operativo

Dettagli

Esercitazione E1 Scheduling, deadlock, monitor

Esercitazione E1 Scheduling, deadlock, monitor Esercitazione E1 Scheduling, deadlock, monitor Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 E1-1 Scheduling I cinque processi A,B,C,D,E richieste di CPU si presentano nell ordine. Le loro richieste

Dettagli

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1 Protezione Scopi della Protezione Dominio di Protezione Matrice d Accesso Implementazione della Matrice d Accesso Revoca dei Diritti d Accesso Sistemi Basati su Abilitazioni Protezione basata sul linguaggio

Dettagli

I processi Unix. Entry della tabella dei processi

I processi Unix. Entry della tabella dei processi I processi Unix Ciascun processo Unix può evolvere in stato utente o in stato kernel. Il passaggio dall uno all altro stato avviene mediante SVC. Poiché il processo può andare in attesa di un evento nell

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Sistemi Operativi. Processi GESTIONE DEI PROCESSI. Concetto di Processo. Scheduling di Processi. Operazioni su Processi. Processi Cooperanti

Sistemi Operativi. Processi GESTIONE DEI PROCESSI. Concetto di Processo. Scheduling di Processi. Operazioni su Processi. Processi Cooperanti GESTIONE DEI PROCESSI 4.1 Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in diversi S.O. 4.2 Concetto di

Dettagli

LA GESTIONE DELLA MEMORIA

LA GESTIONE DELLA MEMORIA LA GESTIONE DELLA MEMORIA Ambiente Monoprogrammato (monoprogrammazione) In ambiente monoprogrammato é possibile far girare un solo programma per volta. Tutte le risorse sono dedicate all unico programma

Dettagli

Ambienti Operativi: Memoria

Ambienti Operativi: Memoria DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 Ambienti Operativi: Memoria Amos Brocco, Ricercatore, ISIN / DTI 2 Motivazione Perché studiare come la memoria viene gestita in un sistema operativo

Dettagli

Varie tipologie di memoria

Varie tipologie di memoria Varie tipologie di memoria velocita` capacita` registri CPU memoria cache memoria secondaria (Hard Disk) Gestione della memoria Una parte della viene riservata per il SO I programmi per poter essere eseguiti

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

40. Le transizioni fra stati Lo schema di transizione fra stati può essere rappresentato graficamente nel modo seguente :

40. Le transizioni fra stati Lo schema di transizione fra stati può essere rappresentato graficamente nel modo seguente : 32. Il Sistema Operativo : definizione e struttura Il SO è un insieme di programmi le cui funzioni principali sono costituire un interfaccia tra la macchina e l utente e gestire in modo ottimale le risorse

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Università Ca' Foscari Venezia - Corso di Laurea in Informatica Sistemi Operativi. Problemi di riepilogo sulla prima parte del corso

Università Ca' Foscari Venezia - Corso di Laurea in Informatica Sistemi Operativi. Problemi di riepilogo sulla prima parte del corso Università Ca' Foscari Venezia - Corso di Laurea in Informatica Sistemi Operativi Problemi di riepilogo sulla prima parte del corso Prof. Augusto Celentano, anno accademico 2009-2010 Questa raccolta è

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 3 Martedì 15-10-2013 1 Struttura ed organizzazione software dei sistemi

Dettagli

Memoria virtuale. Introduzione Paginazione Fault

Memoria virtuale. Introduzione Paginazione Fault Memoria virtuale Introduzione Paginazione Fault Introduzione La memoria di un calcolatore sottende un modello lineare La memoria è un insieme ordinato di celle contigue Dimensione delle celle La dimensione

Dettagli

Memoria Centrale. Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. 1

Memoria Centrale. Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. 1 Memoria Centrale La memoria centrale è un componente essenziale di un moderno elaboratore, e consiste in un vettore di parole di memoria (o byte), ognuna delle quali ha un proprio indirizzo. Il processore

Dettagli

Gerarchie di memoria Divide et impera. Gerarchie di memoria La congettura 90/10. Gerarchie di memoria Schema concettuale

Gerarchie di memoria Divide et impera. Gerarchie di memoria La congettura 90/10. Gerarchie di memoria Schema concettuale Memorie Caratteristiche principali Tecnologie di memoria Locazione: processore, interna (principale), esterna (secondaria) Capacità: dimensione parola, numero di parole Unità di trasferimento: parola,

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale didattico,

Dettagli

Descrivere le caratteristiche di un sistema operativo di tipo batch multiprogrammato

Descrivere le caratteristiche di un sistema operativo di tipo batch multiprogrammato Introduzione ai sistemi operativi Descrivere le caratteristiche di un sistema operativo di tipo batch multiprogrammato Descrivere in modo chiaro la funzionalita del cambio di contesto e le azioni che vengono

Dettagli

Sistemi Operativi a.a. 2004-2005. Esercizi - 2

Sistemi Operativi a.a. 2004-2005. Esercizi - 2 Sistemi Operativi a.a. 004-005 Esercizi - Renzo Davoli Alberto Montresor. I diritti di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento parziale o totale (compresi microfilm e copie fotostatiche)

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 14 Sistemi operativi 9 giugno 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 14.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Ottimizzazione degli accessi alla

Dettagli