REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento 10 Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento 10 Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato"

Transcript

1 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento 10 Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE (ASSUNTO IL 06/06/2013 PROT. N 1257) DIPARTIMENTO N CODICE N. SETTORE N SERVIZIO N Registro dei Decreti dei Dirigenti della Regione Calabria N 8625 del 10/06/2013 OGGETTO: Rettifica ed integrazione del D.D.G. n del 26/10/2009 Misure di contrasto alla crisi economica. Avviso pubblico Manifestazione di interesse per l individuazione di lavoratori ultracinquantenni per la concessione di contributi per la prosecuzione volontaria della contribuzione. (Delibera Giunta regionale n.510 del 28 luglio 2008). Piano di Reinserimento occupazionale Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n del

2 IL DIRIGENTE GENERALE PREMESSO che con Delibera n. 510 del 28 luglio 2008 la giunta regionale della Calabria (in seguito solo la Giunta) ha approvato il Piano di reinserimento occupazionale, ai sensi dell art. 2 della L.R. n. 15 del 13 giugno 2008; che con Delibera n. 350 del 9 giugno 2009, la Giunta, in continuità con gli obiettivi stabiliti nel Piano 2008, ha approvato il Piano di reinserimento occupazionale annualità 2009, che ha individuato, in particolare, tra le diverse categorie di beneficiari delle iniziative da porre in atto, soggetti ultracinquantenni in attesa di pensionamento; che la Giunta, con la suddetta delibera, ha, altresì, demandato al Settore competente del Dipartimento 10 la predisposizione di ogni atto amministrativo necessario e conseguente alla realizzazione delle indicate misure anticrisi; che, in esecuzione di detta disposizione, il Dirigente Generale del Dipartimento n. 10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione professionale, Cooperazione e Volontariato, con Decreto n del 26 ottobre 2009 ha approvato l Avviso pubblico (di seguito solo Avviso): Manifestazione di interesse per l individuazione di lavoratori ultracinquantenni per la concessione di contributi per la prosecuzione volontaria della contribuzione (Delibera di Giunta regionale n. 510 del 28 luglio 2008), pubblicato sul BUR Calabria n. 45 del 6/11/2009 parte III -; che destinataria dell Avviso è una particolare categoria di lavoratori (disoccupati, calabresi ultracinquantenni) espulsi dai processi produttivi, privi o privati di ammortizzatori sociali (anche in deroga) e misure di protezione sociale, ai quali mancano meno di cinque anni di contribuzione per il conseguimento del diritto alla pensione; che l obiettivo originario dell intervento è riconoscere ai lavoratori individuati un indennità da utilizzare per la prosecuzione volontaria della contribuzione, che consenta loro di perfezionare i requisiti di pensionamento; CONSIDERATO che, nelle more dell espletamento delle attività di attuazione dell Avviso, sono intervenute sostanziali modifiche nel sistema pensionistico italiano, introdotte con la L. n. 214/2011 (cosiddetta Riforma Monti), nonché dalla L. n. 14/2012 (cosiddetto decreto milleproroghe ); che detta riforma rende, di fatto, inattuabile l Avviso, come originariamente prospettato, in quanto, nello stabilire tra le altre cose l abolizione della pensione di anzianità (cui aspirava la gran parte dei partecipanti) e del sistema delle quote, ha previsto incrementi per il raggiungimento del diritto alla pensione, sia contributivi per la pensione anticipata, sia anagrafici per la vecchiaia, a causa dei quali molti dei lavoratori che, a suo tempo, hanno aderito all Avviso ritenendo sussistenti i presupposti per raggiungere il diritto alla pensione, in forza del versamento di contributi volontari, non sono più nelle condizioni previste per il completamento di tutti gli attuali requisiti di pensionamento, pur avvalendosi di massimo cinque anni di contribuzione volontaria, previsti dall Avviso; che, in conseguenza degli effetti della riforma pensionistica, fortemente incidenti sui lavoratori ultracinquantenni partecipanti all Avviso, è necessario, per non vanificare i propositi

3 dell intervento regionale, prevedere che il beneficio economico, destinato al pagamento dei contributi volontari, per un massimo di cinque anni, laddove, per effetto dei più rigorosi attuali requisiti, non sia sufficiente a consentire il raggiungimento del diritto a pensione, obiettivo primario dell Avviso, sia comunque erogato ai partecipanti utilmente collocati in graduatoria, con la finalità complementare di incrementare e consolidare il loro conto assicurativo, comunque utile ai fini pensionistici; RITENUTO opportuno, per rendere efficace la predetta finalità complementare dell Avviso, non limitare le agevolazioni ivi previste a coloro ai quali occorrono meno di cinque anni di contribuzione per il raggiungimento dei requisiti pensionistici, in quanto ciò determinerebbe una drastica riduzione dei lavoratori agevolabili, peraltro già collocati utilmente nella graduatoria non definitiva (approvata con decreto del Dirigente di Settore n in data 20/10/2010); VALUTATE le possibili soluzioni, atte a favorire non solo il raggiungimento del pensionamento, ma ove ciò non possibile, idonee a costituire comunque una concreta utilità per i lavoratori partecipanti, tenuto conto dei nuovi requisiti contributivi ed anagrafici previsti per il diritto a pensione, la Regione ritiene di concedere il beneficio economico per i versamenti volontari non solo ai partecipanti all Avviso cui mancano meno di cinque anni di contribuzione per il raggiungimento del diritto a pensione, che rimane condizione indispensabile di ammissione ex art. 2 dell Avviso, ma, fatto salvo tale presupposto, anche ai partecipanti che non hanno ancora raggiunto il requisito anagrafico stabilito dall attuale sistema pensionistico (dipendenti settore privato: 66 anni e tre mesi per gli uomini, 62 anni e tre mesi per le donne, in progressivo aumento annuale, con equiparazione uomini/donne nel 2018), nel caso in cui siano già in possesso del solo requisito contributivo previsto per il pensionamento ordinario (20 anni di contributi contributi settimanali); REPUTATO opportuno, anche in presenza della suddetta finalità complementare dell Avviso, mantenere inalterato il limite massimo di contributo erogabile, pari all importo occorrente per i versamenti volontari fino ad un massimo di 5 anni di contribuzione, da erogare per quote, secondo l ordine della graduatoria e fino a concorrenza delle somme disponibili; RITENUTO altresì, che, per effetto dei rinnovati parametri di anzianità contributiva ed anagrafica stabiliti dalla L. 214/2011, sia indispensabile adattare il criterio di cui all art. 4 dell Avviso, prevedendo cioè l assegnazione del punteggio in base agli anni contributivi ed anagrafici ad oggi occorrenti per il raggiungimento del requisito della pensione; infatti una valutazione cristallizzata alla data di partecipazione all Avviso, ovvero alla data della relativa dichiarazione resa dai partecipanti, date entrambe antecedenti la riforma, sarebbe ora inutilizzabile per la finalità cui è destinata; RILEVATO che alcuni partecipanti all Avviso hanno già autonomamente ed a proprie spese provveduto a versare i contributi volontari loro mancanti per il conseguimento del diritto a pensione, la Regione ritiene opportuno rimborsare ai predetti lavoratori, qualora collocati utilmente nella graduatoria

4 definitiva, l importo dei contributi volontari già versati (a far data dalla domanda di partecipazione all Avviso), proseguendone gli esborsi ove ancora occorrenti, fermo restando, in ogni caso, il limite massimo di 5 anni di contributi erogabili, previsto dall Avviso. RITENUTO necessario, per assicurare la corretta valutazione delle domande di partecipazione, anche in ordine alla sussistenza dei requisiti di ammissibilità delle stesse, avvalersi del contributo tecnicospecialistico dell INPS, Istituto Nazionale Previdenza Sociale, quale Ente legislativamente competente in materia pensionistica; DATO ATTO che, con Decreto n del 20 ottobre 2010 (pubblicato sul BUR Calabria n. 43 del 29/10/2010 parte III -), il Dirigente del Settore 1 del Dipartimento n. 10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione professionale, Cooperazione e Volontariato -, nel prendere atto che gli uffici preposti avevano provveduto ad esaminare le richieste di partecipazione all Avviso, risultanti complessivamente n. 504, di cui n.463 ammissibili, n. 8 non ammissibili, per mancanza del requisito dell età e n. 33 escluse perché presentate fuori termine, ha approvato la graduatoria provvisoria dei destinatari sulla base dei punteggi conseguiti, sino alla concorrenza delle risorse disponibili pari ad ,00; CONSIDERATO altresì, che la graduatoria di cui sopra è stata stilata sulla scorta delle dichiarazioni rese dai partecipanti, ferma restando la facoltà per la Regione, come previsto nell Avviso e ribadito nel decreto di approvazione della graduatoria, di verificare quanto dichiarato dal lavoratore; RITENUTO in relazione ai previsti controlli sulle autocertificazioni rese dai partecipanti, nonché per gli effetti determinati dalla nuova legislazione pensionistica circa il possesso dei requisiti per il diritto a pensione, di dover modificare la graduatoria, provvedendo con ulteriore, separato provvedimento; VALUTATO opportuno, per le motivazioni descritte, che la Regione integri e modifichi parzialmente l Avviso, ridefinendone le disposizioni in modo da renderle più aderenti al rinnovato quadro normativo e maggiormente rispondenti alla finalità di agevolare il maggior numero possibile di lavoratori; CONSIDERATA la necessità di rettificare il decreto dirigenziale n del 26 ottobre 2009 anche nella parte in cui si prevede che la Regione trasferirà direttamente le somme alla Sede Regionale INPS, poiché non si è stipulata la prevista convenzione con l Istituto previdenziale, stabilendo, in sostituzione, che le somme spettanti saranno erogate direttamente ai beneficiari, previa stipula con ciascuno di essi di apposita convenzione, secondo lo schema predisposto dall Amministrazione, che sarà pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento Lavoro (http://www.regione.calabria.it/formazionelavoro), disciplinante le modalità di concessione ed utilizzo del contributo;

5 DECRETA Per i motivi esposti in premessa, che qui s intendono integralmente riportati ed approvati, 1) di apportare all Avviso pubblico: Manifestazione di interesse per l individuazione di lavoratori ultracinquantenni per la concessione di contributi per la prosecuzione volontaria della contribuzione. (Delibera Giunta regionale n. 510 del 28 luglio 2008). Piano di Reinserimento occupazionale le seguenti modifiche ed integrazioni: l art. 1 Disposizioni generali - è modificato come segue: La Regione Calabria (di seguito la Regione) intende procedere, al fine di agevolare il raggiungimento dei requisiti pensionistici, alla selezione di lavoratori disoccupati in possesso dei requisiti di cui all art. 2, ai quali riconosce una indennità pari alla quota necessaria per coprire il costo della contribuzione volontaria INPS per un massimo di cinque anni. Il contributo, concesso per quote, sarà erogato direttamente ai partecipanti secondo l ordine della graduatoria e nei limiti delle risorse stanziate. Le modalità di erogazione ed il conseguente utilizzo del contributo sono definite nella convenzione, secondo lo schema predisposto dall Amministrazione, che ciascun beneficiario dovrà sottoscrivere con la Regione ai fini dell attivazione dell accredito delle somme. Detto accredito è, comunque, subordinato all ottenimento del provvedimento di autorizzazione alla prosecuzione volontaria della contribuzione, rilasciato dall INPS. A tal fine, tutti i partecipanti risultati idonei alla concessione del contributo regionale, hanno l onere di presentare all INPS, entro il 30 giorni dalla data di pubblicazione sul BUR Calabria del Decreto Dirigenziale di approvazione della graduatoria definitiva, a pena di decadenza, domanda individuale di autorizzazione alla prosecuzione volontaria della contribuzione. l art. 2 Requisiti per la partecipazione - è modificato come segue: Sono ammessi a partecipare alla selezione esclusivamente i lavoratori che, alla data del 6/11/2009 di pubblicazione del presente Avviso o comunque entro la data ultima prevista per la presentazione della domanda di partecipazione all Avviso medesimo (21/12/2009), possiedano i seguenti requisiti: cittadinanza italiana e residenza in Calabria; godimento dei diritti civili e politici; disoccupato ex lavoratore dipendente; ultra cinquantenne; mancanza di meno di cinque anni di contribuzione per il diritto a pensione; cessata fruizione del trattamento degli ammortizzatori sociali (si precisa che la fruizione dell indennità di disoccupazione con requisiti ridotti non è ostativa all ammissione) ovvero mancata fruizione, dopo l ultimo rapporto di lavoro subordinato, del trattamento degli ammortizzatori sociali, per assenza delle condizioni di legge; possesso, alla data del 1 gennaio 2009, dei requisiti di ammissione alla contribuzione volontaria; non titolarità di prestazioni pensionistiche previdenziali - le lett. a) e b) del punto 3. dell art. 3 sono eliminate;

6 all art. 4, II^ cpv, dopo le parole: aventi natura similari, sono eliminate tutte le parole seguenti fino alla fine del periodo; all art. 4, IV cpv, tra le parole: non hanno potuto usufruire e di nessuna forma.., è aggiunta la seguente frase: dopo il loro ultimo rapporto di lavoro subordinato ; il V^ cpv dell art. 4 è così modificato ed integrato: Vengono, inoltre, assegnati i seguenti punteggi: o in base al numero di settimane contributive attualmente occorrenti per il raggiungimento del requisito della pensione: Lavoratori cui occorrono da 1 a 52 settimane Punti 10 Lavoratori cui occorrono da 53 a 104 settimane Punti 9 Lavoratori cui occorrono da 105 a 156 settimane Punti 8 Lavoratori cui occorrono da 157 a 208 settimane Punti 7 Lavoratori cui occorrono da 209 a 260 settimane Punti 6 o in base agli anni anagrafici attualmente occorrenti per il raggiungimento del requisito della pensione: Lavoratori cui occorrono più di cinque anni Punti 0 Lavoratori cui occorrono fino a cinque anni Punti 1 Lavoratori cui occorrono fino a quattro anni Punti 2 Lavoratori cui occorrono fino a tre anni Punti 3 Lavoratori cui occorrono fino a due anni Punti 4 Lavoratori cui occorre un anno o frazione di anno Punti 5 Dopo le suddette modifiche ed integrazioni del V^ cpv dell art. 4, sono, inoltre, aggiunti i seguenti periodi: A parità di punteggio, sarà data precedenza ai partecipanti più anziani; Il contributo, alle condizioni e nei limiti già fissati, è riconosciuto anche ai partecipanti, collocati utilmente in graduatoria, che, fatto salvo il requisito di ammissione di cui al V^ punto dell art. 2 (mancanza di meno di cinque anni di contribuzione per il diritto a pensione), non hanno ancora raggiunto il requisito anagrafico stabilito dall attuale sistema pensionistico, nel caso in cui siano già in possesso del solo requisito contributivo previsto per il pensionamento ordinario (20 anni di contributi contributi settimanali). Ai partecipanti, collocati utilmente in graduatoria, che hanno autonomamente ed a proprie spese provveduto (in data successiva alla domanda di partecipazione all Avviso) a versare i contributi volontari loro mancanti per il conseguimento del diritto a pensione, sarà rimborsato l importo già versato (a decorrere dalla data della domanda di partecipazione) proseguendone gli esborsi ove ancora occorrenti, fermo restando, in ogni caso, il limite massimo di 5 anni di contributi erogabili. Ai fini del rimborso, gli aventi diritto, per come risultanti nella graduatoria definitiva, devono presentare apposita richiesta, al Dipartimento n. 10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione professionale, Cooperazione e Volontariato-, formulata sul modello allegato al presente provvedimento.

7 Il quintultimo cpv dell art. 4 è così modificato: Avverso il presente Avviso pubblico e contro ogni atto ad esso presupposto, connesso e conseguente è ammesso ricorso innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria entro 60 giorni dalla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Calabria ovvero ricorso straordinario avanti il Presidente della Repubblica entro 120 giorni. L ultimo cpv dell art. 4 è eliminato. Le modifiche ed integrazioni di cui sopra non producono l effetto di riaprire i termini per la presentazione di ulteriori domande di partecipazione all Avviso. al punto 1. dell art. 6 il Dott. Giuseppe Campisi è sostituito con: la D.ssa Eleonora Spasari ; al punto 2. dell art. 6 l indirizzo mail: è sostituito con: ; 2) di demandare al Responsabile del Procedimento la predisposizione di ogni atto amministrativo necessario all attuazione dell Avviso. 3) di demandare al Dirigente del Settore 1 l adozione del provvedimento di rettifica della graduatoria, conseguente alla presente modifica ed all esito delle verifiche espletate sulle autodichiarazioni rese dai partecipanti; 4) di autorizzare il Dirigente del Settore 1 alla sottoscrizione della convenzione, di cui all art. 1, tra la Regione ed i Beneficiari del contributo previsto dall Avviso; 5) di disporre la pubblicazione integrale del presente provvedimento e relativi allegati sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria e sul sito internet Il Dirigente Generale F.to Avv. Bruno CALVETTA Segue il testo dell Avviso come integrato e modificato con il presente provvedimento. Si allega il modello di richiesta rimborso.

8 REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N.10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO AVVISO PUBBLICO Manifestazione di interesse per l individuazione di lavoratori ultracinquantenni per la concessione di contributi per la prosecuzione volontaria della contribuzione. (Delibera Giunta regionale n. 510 del 28 luglio 2008). PREMESSE La crisi occupazionale in Calabria è una priorità che la Giunta Regionale intende affrontare con interventi adeguati e in coerenza con le linee di orientamento per l occupazione definite dall Unione Europea, oltre che con la strategia di Lisbona. Le problematiche del precariato possono trovare soluzione attraverso un collegamento con le politiche per l occupazione e con le politiche economiche, nonché allorquando vengano attivate azioni orientate alla eliminazione dei fenomeni di marginalizzazione di carattere sociale ed economico. La Giunta Regionale con proprio atto n. 350 del 6 giugno 2009 ed ai sensi dell art. 2 della Legge regionale 13 giugno 2008, n. 15, con il parere positivo della competente Commissione Consiliare che ne ha rimodulato l articolazione finanziaria, ha approvato il Piano di reinserimento occupazionale 2009 che prevede, tra l altro, azioni in favore di lavoratori ultracinquantenni che non si trovino più nelle condizioni di utilizzare gli ammortizzatori sociali o che non vi abbiano mai potuto usufruire - al fine di agevolare il raggiungimento dei requisiti pensionistici. ARTICOLO 1 Disposizioni generali La Regione Calabria (di seguito la Regione) intende procedere, al fine di agevolare il raggiungimento dei requisiti pensionistici, alla selezione di lavoratori disoccupati in possesso dei requisiti di cui all art. 2, ai quali riconosce una indennità pari alla quota necessaria per coprire il costo della contribuzione volontaria INPS per un massimo di cinque anni. Il contributo, concesso per quote, sarà erogato direttamente ai partecipanti secondo l ordine della graduatoria e nei limiti delle risorse stanziate. Le modalità di erogazione ed il conseguente utilizzo del contributo sono definite nella convenzione, secondo lo schema predisposto dall Amministrazione, che ciascun beneficiario dovrà sottoscrivere con la Regione ai fini dell attivazione dell accredito delle somme. Detto accredito è, comunque, subordinato all ottenimento del provvedimento di autorizzazione alla prosecuzione volontaria della contribuzione, rilasciato dall INPS. A tal fine, tutti i partecipanti risultati idonei alla concessione del contributo regionale, hanno l onere di presentare all INPS, entro il 30 giorni dalla data di pubblicazione sul BUR Calabria del

9 Decreto Dirigenziale di approvazione della graduatoria definitiva, a pena di decadenza, domanda individuale di autorizzazione alla prosecuzione volontaria della contribuzione. (Testo originario) La Regione Calabria (di seguito la Regione) intende procedere, al fine di agevolare il raggiungimento dei requisiti pensionistici, alla selezione di lavoratori dipendenti disoccupati calabresi ultra cinquantenni ai quali occorrano meno cinque anni di contribuzione. Sono interessati dal presente avviso: coloro i quali abbiano cessato di usufruire del trattamento degli ammortizzatori sociali; coloro per i quali non si siano verificate le condizioni per usufruire degli ammortizzatori sociali pur avendo prestato un attività di lavoro subordinato; coloro i quali abbiano versato almeno un anno di contribuzione negli ultimi due anni oppure almeno 3 negli ultimi cinque anni e che siano in possesso, alla data del 1 gennaio 2009, dei requisiti di ammissione alla contribuzione volontaria, secondo la normativa contributiva vigente. E riconosciuta una indennità mensile pari alla quota necessaria per coprire il costo della contribuzione occorrente per il raggiungimento del diritto alla pensione. L Amministrazione erogherà direttamente le somme alla sede regionale dell Inps, previa stipula di apposita Convenzione.) ARTICOLO 2 Requisiti per la partecipazione Sono ammessi a partecipare alla selezione esclusivamente i lavoratori che, alla data del 6/11/2009 di pubblicazione del presente Avviso o comunque entro la data ultima prevista per la presentazione della domanda di partecipazione all Avviso medesimo (21/12/2009), possiedano i seguenti requisiti: cittadinanza italiana e residenza in Calabria; godimento dei diritti civili e politici; disoccupato ex lavoratore dipendente; ultra cinquantenne; mancanza di meno di cinque anni di contribuzione per il diritto a pensione; cessata fruizione del trattamento degli ammortizzatori sociali (si precisa che la fruizione dell indennità di disoccupazione con requisiti ridotti non è ostativa all ammissione) ovvero mancata fruizione del trattamento degli ammortizzatori sociali, alla data di cessazione dell ultimo rapporto di lavoro subordinato, per assenza delle condizioni di legge; possesso, alla data del 1 gennaio 2009, dei requisiti di ammissione alla contribuzione volontaria; non titolarità di prestazioni pensionistiche previdenziali - (Testo originario) Possono partecipare alla selezione esclusivamente i lavoratori disoccupati che si trovino in una delle condizioni indicate all art. 1 e che possiedono i seguenti requisiti: cittadinanza italiana; godimento dei diritti civili e politici; disoccupato ex lavoratore dipendente;

10 non aver percepito indennità o sussidi legati allo stato di disoccupazione e/o altri trattamenti previdenziali o assistenziali aventi natura similari, nei limiti fissati dal contratto di servizio che il beneficiario dovrà sottoscrivere con la Regione.) ARTICOLO 3 Modalità e termini di presentazione della domanda 1. Al fine di partecipare alla presente procedura, i soggetti interessati devono presentare domanda redatta in carta semplice secondo il facsimile allegato debitamente sottoscritto. 2. La domanda di partecipazione e la documentazione richiesta devono pervenire in busta chiusa al seguente indirizzo: Direzione generale Dipartimento n.10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione professionale, cooperazione e Volontariato - Via Lucrezia della Valle Catanzaro entro e non oltre il termine di 45 giorni a decorrere da quello successivo alla pubblicazione del presente avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria (BURC). Nel caso in cui detto termine scada in giorno festivo, si intende prorogato al primo giorno feriale immediatamente successivo. E ammessa la consegna a mano (a seguito della quale sarà rilasciata apposita ricevuta), oppure l invio per raccomandata con ricevuta di ritorno (fa fede il timbro postale di accettazione). 3. Nella domanda devono essere dichiarati: a) i dati anagrafici; b) l appartenenza ad una delle categorie di cui all art. 1;) I soggetti interessati dovranno produrre, unitamente alla domanda ed a pena di irricevibilità della stessa: 1) una copia fronte-retro del documento di identità, in corso di validità, debitamente sottoscritto dall interessato; 2) scheda anagrafica rilasciata dal Centro per l Impiego competente. E fatta salva la facoltà della Regione di verificare quanto dichiarato dal lavoratore, con l avvertenza che, in caso di esito negativo dell accertamento, la Regione procederà d ufficio all esclusione. ARTICOLO 4 Istruttoria delle domande La Regione procederà alla verifica della regolarità delle domande e della relativa documentazione, nonché dei requisiti di ammissione dei partecipanti. La valutazione delle domande ritenute ammissibili avverrà sulla base dei criteri sotto elencati

11 Lavoratori che costituiscono il 10% dell abbattimento previsto per la concessione e/o il rinnovo dei trattamenti in deroga delle CIGS e delle Mobilità, che risultano dagli accordi istituzionali territoriali e che non godono di altre indennità o sussidi legati allo stato di disoccupazione e/o altri trattamenti previdenziali o assistenziali aventi natura similari 1, nei limiti fissati dal contratto di servizio che il beneficiario dovrà sottoscrivere con la Regione Lavoratori che hanno cessato di usufruire di qualsiasi forma di ammortizzatori sociali sia ordinaria sia in deroga Lavoratori che non hanno potuto usufruire dopo il loro ultimo rapporto di lavoro subordinato di nessuna forma di ammortizzatori sociali, in quanto non ne esistevano le condizioni Punti 10 Punti 8 Punti 7 Vengono, inoltre, assegnati i seguenti punteggi: o in base al numero di settimane contributive attualmente occorrenti per il raggiungimento del requisito della pensione: Lavoratori cui occorrono da 1 a 52 settimane Punti 10 Lavoratori cui occorrono da 53 a 104 settimane Punti 9 Lavoratori cui occorrono da 105 a 156 settimane Punti 8 Lavoratori cui occorrono da 157 a 208 settimane Punti 7 Lavoratori cui occorrono da 209 a 260 settimane Punti 6 o in base agli anni anagrafici attualmente occorrenti per il raggiungimento del requisito della pensione: Lavoratori cui occorrono più di cinque anni Punti 0 Lavoratori cui occorrono fino a cinque anni Punti 1 Lavoratori cui occorrono fino a quattro anni Punti 2 Lavoratori cui occorrono fino a tre anni Punti 3 Lavoratori cui occorrono fino a due anni Punti 4 Lavoratori cui occorre un anno o frazione di anno Punti 5 (Testo originario) Vengono, inoltre, assegnati i seguenti punteggi in base agli anni che occorrono per il raggiungimento del requisito della pensione: Lavoratori cui occorrono fino a cinque anni Punti 1 Lavoratori cui occorrono fino a quattro anni Punti 2 Lavoratori cui occorrono fino a tre anni Punti 3 Lavoratori cui occorrono fino a due anni Punti 4 Lavoratori cui occorre un anno o frazione di anno Punti 5 A parità di punteggio, sarà data precedenza ai partecipanti più anziani. 1 La legge 22 dicembre 2008, n. 203 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato Finanziaria 2009) Art. 2, comma 36, prevede la concessione, anche senza soluzione di continuità dei trattamenti di cassa integrazione guadagni straordinaria, di mobilità e di disoccupazione speciale, a condizione che ci sia stata una riduzione nella misura del 10% del numero dei destinatari dei trattamenti scaduti al 31/12/08 -

12 Il contributo, alle condizioni e nei limiti già fissati, è riconosciuto anche ai partecipanti, collocati utilmente in graduatoria, che, fatto salvo il requisito di ammissione di cui al V^ punto dell art. 2 (mancanza di meno di cinque anni di contribuzione per il diritto a pensione), non hanno ancora raggiunto il requisito anagrafico stabilito dall attuale sistema pensionistico, nel caso in cui siano già in possesso del solo requisito contributivo previsto per il pensionamento ordinario (20 anni di contributi contributi settimanali). Ai partecipanti, collocati utilmente in graduatoria, che hanno autonomamente ed a proprie spese provveduto (in data successiva alla domanda di partecipazione all Avviso) a versare i contributi volontari loro mancanti per il conseguimento del diritto a pensione, sarà rimborsato l importo già versato (a decorrere dalla data della domanda di partecipazione) proseguendone gli esborsi ove ancora occorrenti, fermo restando, in ogni caso, il limite massimo di 5 anni di contributi erogabili. Ai fini del rimborso, gli aventi diritto, per come risultanti nella graduatoria definitiva, devono presentare apposita richiesta, al Dipartimento n.10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione professionale, Cooperazione e Volontariato-, formulata sul modello allegato al presente provvedimento. La Regione si avvarrà della collaborazione tecnico-specialistica dell INPS, Istituto Nazionale Previdenza Sociale, unico Ente gestore dell attività previdenziale, anche per la verifica, in capo ai partecipanti, dei requisiti di ammissibilità di sua competenza, facendo proprie le risultanze che l Istituto, all uopo, comunicherà. Le modifiche ed integrazioni di cui sopra non producono l effetto di riaprire i termini per la presentazione di ulteriori domande di partecipazione all Avviso. Gli esiti della verifica e la graduatoria dei destinatari redatta sulla base dei punteggi conseguiti nella fase di valutazione, vengono sottoposti all approvazione con appositi decreti del Dirigente del Settore competente e pubblicati sul BUR della Regione Calabria. Avverso le graduatorie e i provvedimenti di esclusione è ammessa la tutela in sede amministrativa e in sede giurisdizionale nel rispetto delle forme e dei termini previsti dalla normativa vigente. Avverso il presente Avviso pubblico e contro ogni atto ad esso connesso e conseguente è ammesso ricorso innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria entro 60 giorni dalla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Calabria ovvero ricorso straordinario avanti il Presidente della Repubblica entro 120 giorni. La pubblicazione delle graduatorie sul BUR Calabria è da considerarsi a tutti gli effetti notifica ai soggetti interessati. La Regione garantisce il finanziamento dei soggetti ritenuti idonei nei limiti delle risorse finanziarie disponibili o di quelle rinvenienti con successivi atti di impegno. Le risorse da destinare per il finanziamento degli interventi previsti nel presente avviso ammontano ad ,00 - Le modalità di erogazione delle agevolazioni previste saranno specificate nel contratto di servizio che il beneficiario dovrà sottoscrivere con la Regione.

13 ARTICOLO 5 Ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, si informano i candidati che il trattamento dei dati personali da essi forniti in sede di partecipazione alla selezione o comunque acquisiti a tal fine dalla Regione Calabria è finalizzato unicamente all espletamento delle attività concorsuali ed avverrà a cura delle persone preposte al procedimento concorsuale, anche da parte di eventuali commissioni di valutazione, con l utilizzo di procedure anche informatizzate, nei modi e nei limiti necessari per perseguire le predette finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi. Il conferimento di tali dati è necessario per valutare i requisiti di partecipazione e il possesso di titoli e la loro mancata indicazione può precludere tale valutazione. Ai candidati sono riconosciuti i diritti di cui all art. 7 del citato decreto legislativo n. 196/2003, e in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi rivolgendo le richieste alla Regione Calabria Dipartimento n.10lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione professionale, cooperazione e Volontariato Via Lucrezia della Valle Catanzaro. ARTICOLO 6 Responsabile del procedimento 1. Il responsabile del presente procedimento, ai sensi e per gli effetti di cui alla L. 241/90 e successive modificazioni ed integrazioni, è la D.ssa Eleonora Spasari. (il Dott. Giuseppe Campisi.) 2. Per informazioni relative alla presente procedura è possibile utilizzare il seguente indirizzo mail: ARTICOLO 7 Pubblicazione dell avviso Il presente avviso è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria (BURC), sul sito internet e sarà data notizia della sua pubblicazione a mezzo stampa. Il Dirigente Generale F.to Avv. Bruno CALVETTA

14 Alla REGIONE CALABRIA Dipartimento n 10 Settore 1 Servizio 2 Via Lucrezia Della Valle CATANZARO OGGETTO: Avviso Pubblico Manifestazione di interesse per l individuazione di lavoratori ultracinquantenni per la concessione di contributi per la prosecuzione volontaria della contribuzione. Graduatoria definitiva degli ammessi Richiesta rimborso Il/la sottoscritto/a nato/a a ( ) il, Codice fiscale, residente a ( ), in Via, partecipante all Avviso pubblico indicato in oggetto, ammesso a ricevere il contributo regionale, sotto forma di rimborso, come risulta nella graduatoria definitiva, approvata con Decreto nr. del ; C H I E D E Il rimborso delle somme versate all INPS, a titolo di contributi volontari, dalla data di partecipazione all Avviso fino al raggiungimento del diritto a pensione, fermo restando il limite massimo di 5 anni erogabile e, comunque, nei limiti stabiliti da codesta Amministrazione, in relazione all attribuzione dei punteggi. Allega, al riguardo, copia del provvedimento di autorizzazione alla contribuzione volontaria e dei relativi moduli di versamento, corredati da timbro di avvenuto pagamento, ovvero attestazione rilasciata dall INPS, da cui risultano gli importi versati, a titolo di contributi volontari, dalla data di partecipazione all Avviso. Luogo e data Firma Comunica, per la finalità di cui alla presente richiesta, di utilizzare il seguente conto corrente, a se stesso intestato/cointestato: c/c nr.:, in essere presso la Banca, Ag. n. di, Cod. ABI, C.A.B., CIN, COD. IBAN. (Firma)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Ufficio per il servizio civile nazionale Bando per la selezione di n.18.793 volontari da impiegare in progetti

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Bando per la selezione di 1.526 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI TIROCINI EXTRACURRICULARI, ANCHE IN MOBILITÀ INTERREGIONALE ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE SICILIANA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Unione dei Comuni dell Anglona e della Bassa Valle del Coghinas Bulzi - Chiaramonti Erula Laerru Martis Nulvi - Perfugas S.M. Coghinas Sedini - Tergu - Valledoria - Viddalba

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA: STRUTTURA SEMPLICE Gestione

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli