stanchezza, di ansia, è un piccolo passo verso la scuola del domani.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "stanchezza, di ansia, è un piccolo passo verso la scuola del domani."

Transcript

1

2 Seconda rivoluzione industriale, immigrazione, seconda guerra mondiale, crisi dell industria, urbanizazione, abbandono delle campagne, razzismo, deportazione, sono tutti temi che ritroviamo sui libri e ogni studente studia immangabilmente più volte nella sua carriera. Poche volte ci si sofferma a pensare che le stesse situazioni che leggiamo sulla carta, sono state vissute dai nonni o dalla vecchietta che abita sul pianerottolo, o dagli insegnanti che tutti i giorni incontriamo a scuola. La storia non è astrazione e la storia si trasforma in ricordo che ha mille sfaccettature tante quanto sono le persone che hanno vissuto. Poi c è il valore del lavoro. A scuola non si deve sopportare la mattinata,ma trovare motivazioni pe fare esperienze vive e di crescita, personali ma soprattutto di collaborazione con i compagni. L esperienza dell alternanza scuola lavoro non è altro che la possibilità per cominciare a vivere da protagonisti le attività scolastiche, per attivare quelle Ma la competenza è proprio l inizio del percorso di crescita personale per la propria vita ed è quello che rimarra per sempre e che formerà la persona di domani. stanchezza, di ansia, è un piccolo passo verso la scuola del domani.

3 Preside Dott. Antonio Cangiano La collaborazione che l IIS Majorana ha sempre avuto con il territorio è vasta e fa parte del patrimonio culturale dell Istituto. Si è concretizzata nel corso degli anni attraverso forme variegate di collaborazione sia con enti pubblici che privati, assicurando un presidio culturale attraverso iniziative quali: mostre, conferenze, teatro ecc. La mostra di quest anno si pone nel solco di questa tradizione affrontando un tema cruciale dei nostri tempi, sul cui si goca il futuro sociale e culturale della società: il tema della MEMORIA. In un mondo in rapido mutamento le tracce di ciò che fu si perdono sia perchè scompaiono i protagonisti, sia perchè le narrazioni sono sommerse dal cicaleccio mediatico che tutto omogeneizza. La mostra proprione una rivisitazione personale e artistica dei temi della memoria operaia e della Seconda Guerra Mondiale viste attraverso gli occhi di giovani che hanno compiuto un percorso di conoscenza e presa di coscienza di un vissuto lontano.

4 Vicepreside prof.ssa Anna Tritta gria. - troppi compiti da svolgere ed in breve tempo: ovviamente le consegne - mi ripeto da qualche giorno. buon esito. storia - Paese è un messaggio semplice, ma dirompente. La vostra creatività è l antidoto all oblio. vete voi.

5 Ass. Cultura e Valorizzazione Patrimonio Artistico e Monumentale Celestino Oltolini IIS E. Majorana La mia storia, le storie di tanti Prosegue il percorso di maturazione artistica e umana intrapreso negli scorsi anni scolastici dai giovani dell istituto Ettore Majorana, col passaggio dall'esame della follia nei La memoria, nella vita di ciascuno e in quella collettiva, è uno dei cardini su cui poggia il progresso umano. Quello che si fonda sulla conoscenza di quello che è stato, in positivo ed in negativo, per imparare dagli errori commessi e da questi implementare il mino di crescita. Un percorso di sviluppo culturale ed etico che ricalca le orme di un passato, per muo- generazioni. Può sembrare scontato ricordare quanto noi siamo il frutto della nostra memoria, piuttosto che di quella dei nostri avi e del contesto sociale in cui siamo inseriti. Ma di cercare di eliminare errori e storture che hanno caratterizzato la storia, sia dei singoli che delle civiltà. Avere il giusto approccio alla memoria del passato, alla storia di ciascuno e di tutti, tosto essere proiettati ai domani, raccolti i frutti dell'esperienza, per costruire la propria dimensione di vita, la propria idea di futuro. umana, in questo senso, deriva dalla memoria, dal cammino che ciascuno compie facendo scelte ogni giorno diverse, ma sempre sulla scorta del proprio passato, singolo o collettivo che sia. Ass. Cultura e Valorizzazione Patrimonio Artistico e Monumentale Celestino Oltolini

6 Ass. Politiche Giovanili, Comunicazione ed Eventi Gabriele Capedri IIS E. Majorana La mia storia, le storie di tanti possono aiutarli a crescere ed a maturare. Quello della memoria, nella nostra vita per- Eppure quella stessa pulizia etnica che ha provocato milioni di vittime nel corso dell'ul- vent'anni fa, nell'ultimo decennio del secolo scorso, nella ex Jugoslavia. Evidentemente non sempre l'uomo impara dagli errori, e non sempre la ragione prevale sulla follia. Per questo, credo che il tema della memoria, della storia personale di ciascuno e del proprio ambito sociale vada coltivata. Non sui testi di studio ma nel concreto, nella vita e nella realtà di ciascuno. Abbiamo bisogno di seguitare a costruire il nostro futuro muovendo dalla memoria del passato. Anzi, ancora meglio, mantenendo viva la memoria del passato e attualizzandola per calarlo nella della vita quotidiana. Mi fa molto piacere che il tema scelto quest'anno dai giovani dell'iis Majorana sia stato proprio questo. apprezzo la maturità, ben espressa nei lavori prodotti. Si tratta di elaborati che danno la misura dell impegno messo in atto e del senso di responsabilità e accuratezza che li ha prodotti. apprezzamenti per l'egregio lavoro svolto.

7 Ass. Istruzione Formazione Sport Salvatore Ferro IIS E. Majorana La mia storia, le storie di tanti Mi avvicino per la prima volta, in qualità di assessore all Istruzione, Formazione e Sport, al progetto degli studenti dell'istituto Majorana. Un programma di lavoro verso cui sono stati orientati dai loro insegnati, che come ogni anno propongono un tema di grande pregnanza che consente ai giovani di cimentarsi con argomenti di spessore. Ho avuto modo di esaminare, oltre ad alcuni dei lavori che vengono proposti quest'anno in mostra, anche quelli sviluppati in passato, tutti ricchi di una medesima profondità e accuratezza di indagine. Non posso che complimentarmi - da insegnate, ancor prima che da assessore -, per il fervore e il livello raggiunto negli elaborati dai giovani, frutto indubbio di inventiva, capacità e interiorizzazione dei concetti che sono stati validamente proposti dal corpo docente, poi sviscerati e fatti propri da ciascuno. Il concetto della memoria, della storia personale di ciascuno presa non singolarmente ma in quanto parte di un unico contesto sociale, fatto di unicità e poliedricità, di ricordi singoli e familiari, personali e collettivi, traspare nei disparati lavori per produrre il risultato atteso: quello della consapevolezza di se stessi e del proprio ambito, della maturazione personale nell ottica di un contesto collettivo. per essere all'altezza e di saper fornire la miglior prova di sé, stimolati dalla valenza del tema proposto, analizzato a fondo grazie ad un lavoro accurato di preparazione svolto in aula. - peso e il valore della memoria per la vita e per il futuro di ciascuno. In questo, il merito va riconosciuto sia agli stessi studenti, in primis, che agli stimoli forniti da chi li ha sapientemente condotti. Quelle stesse persone guida che hanno saputo realtà, e la realtà in maturazione, e la maturazione in crescita. Vorrei concludere esortando tutti e ciascun giovane, ad un ad uno, a conservare il so alla realtà collettiva in cui è inserito, per un reale progresso sociale. Assessore Istruzione Formazione Sport Salvatore Ferro

8 Ricerca Enza clapis Ricerca, olio su tela, cm.120x 220,2015 (particolare) Noi non siamo nulla se non ciò che ricordiamo di essere stati e non saremo nulla se non riusciremo a trasmettere quello che abbiamo vissuto, quello che ci è stato dato dai nostri genitori e dalle persone che ci hanno preceduto. Lasciare che il vissuto diventi racconto nel bene e nel male sarà il modo per far crescere quelli che verranno dopo di noi. Nel bene e nel male perchè anche gli errori devono diventare memoria nella speranza che possano essere compresi e mai più ripetuti. Fare memoria è un dovere di ognuno e un impegno per le nuove generazioni per fondare il futuro sul passato. Il cassetto è da sempre l immagine dei ricordi e il bambino che cerca nel cassetto comunica la curiosità e la volonta di apprendere attraverso lo stupore proprio dei bimbi. pianta. Ma anche se il legno è ferito dai segni del tempo, non perde il fascino e l incanto delle cose belle e del vissuto, perchè solo il segno della vita che procede nel tempo è sintomo di ricchezza e di memoria.

9 Arcano XVIII lattice, dipinta su corpo 70x50 cm L opera nasce dallo studio dei Tarocchi di Jodorowsky, in particolare, La Luna. Un grosso gambero rosso in uno stagno simboleggia il passaggio della mente ormai pu

10 Non ho più memoria Adelaide Desiree Fontana 100x58 cm Tecnica mista 100x58 cm un retaggio accettato, un immagine percepita come surreale e spiata,senza colori,in -

11 Control Room Alessandra Bottacin e Liliana Lissoni Control Room Composizione di 4 pannelli 30x45 cm come testimone di un passato che appartiene a tutti noi, portando lo spettatore a

12 Orfeo Pastelli ad olio su carta 21x30 cm -

13

14 INERVISTA AD ANTONIETTA CEDERLE provincia di Verona. È cresciuta in questo paesino di campagna assieme ai genitori, alle due sorelle e un fratello minore. Fin da piccola ho visto i miei genitori svegliarsi presto la mattina per andare a lavorare nei campi. Ho nella mia scuola c erano cinque classi, formate tutte da pochissimi bambini. Nonostante andassi a scuola la mattina, al pomeriggio, quando sono diventata abbastanza grande, andavo anche io insieme a mia sorella a lavorare nei campi. Impiantavamo il frumento, il granturco, il tabacco, a seconda del lavoro che c era da svolgere. Ogni sabato si veniva pagati dal padrone a seconda delle ore che si facevano. - Essendo una famiglia povera di campagna non avevamo la radio. Le informazioni arrivavano attraverso voci, attraverso coloro che ne possedevano una. Mio papà era andato in Germania a lavorare perché nel mio paese non c era quasi più lavoro. Noi lavoravamo nei campi quando c era la possibilità e la nostra famiglia veniva gestita soprattutto con i soldi che ci mandava mio padre. che sganciava le bombe e che sparava. Appena si sentiva quel rumore tutti scappavamo a nasconderci in queste specie di rifugi: delle buche scavate nel terreno coperte da lastre di legno. Alla sera per non far uscire i bagliori della luce, in quanto potevano essere usati come mire dagli aeri. americani che sui loro carri armati distribuivano a noi bambini cioccolato e marmellata. Mia mam- padre era ancora in Germania a lavorare. Infatti è tornato alcuni mesi dopo e, come noi, aveva ripreso a lavorare nei campi. La famiglia si è trasferito in un altro paese, Giavone di Veronella sempre in provincia di Verona, per curare i miei nonni. In quegli anni lavoravo sempre nei re. Venuta da sola, sono stata ospitata dai miei zii. Lo stabilimento era nel pieno della sua attività. Lavoravo moltissimo insieme agli altri operai: tra di noi andavamo tutti d accordo, in quanto eravamo le stesse persone che vivevano in case vicine tra loro. Erano molto faticosi i turni in fabbrica perché ogni giorno si doveva produrre una determinata quan- di migliorare la nostra situazione di operai, ma a volte rimaneva tutto uguale. Era bresciano e come me e gli altri era venuto alla Snia a lavorare, ospitato anche lui da parenti. Abi- no perché era usanza non fare i matrimoni in estate, in quanto in quel periodo si lavorava nei campi e quindi si sarebbe perso tempo, mentre l inverno era il momento più adatto. Il resto della mia famiglia mi ha raggiunto alla Snia - - Anche a lavorare al bar era molto faticoso: lavoravamo sette giorni su sette, senza tregua, senza poi si ritornava a lavorare. Per fortuna abitavamo casalinga, mentre mio marito è andato a lavorare come camionista in un azienda privata. Fino all età della pensione ho continuato a fare la casalin- palazzina della Snia del bar, ma al quarto piano. Fino alla pensione mio marito ha fatto il camioni- questo appartamento.

15 INTERVISTA A VINCENZO città natale è Messina. Quando scoppiò la guerra ero piccolo e non potevo ricordare molto di quei la mia famiglia ci nascondevamo nella campagna siciliana dove il problema fame si faceva sentire della vita, a lavorare alla Snia di Varedo dove egli già lavorava. Questo ambiente mi piacque subito e decisi di rimanerci. Inizialmente lavorai nel laboratorio delle analisi dei detersivi ma a causa dell ulcera - di controllo delle spedizioni. Mi piaceva molto quel posto di lavoro perchècontrollavo tutto ciò che entrava e tutto ciò che usciva a riguardo delle merci. Molti problemi con il capo mi portarono a lavorare MI ricordo della Snia che quest ultima aveva molte sedi dislocate in Lombardia ma anche all estero. Quando vennero chiuse sia la Snia Viscosa che Fibre e io fui formalmente in pensione non mi toccarono le coneguenze del licenziamento. Inoltre della Snia mi ricordo la loro struttura interna, dei molti ambienti non in ottime condizione e il contatto con le sostanze pericolose di alcuni settori che a lungo facevano della città di Varedo. INTERVISTA A VINCENZO LA MARCA per trovare mia sorella e mio cognato che lavoravano alla Snia. Il mio soggiorno non fu molto piacevole poichè non mi trovavo bene. Un giorno mio cognato mi propose di non tornare in Sicilia, ma di fare una domanda di lavoro alla Snia. Non ero molto convinto perché nel mio paese avevo un negozio di non tornare subito a casa. Mio padre mi chiamò perché aveva bisogno di me per la vendemmia ma decisi di non andare e di rimanere qui a lavorare. Ritornai in Sicila solamente durante le vacanze estive, chimiche. Qualche mese dopo fui spostato nel magazzino, poiché la polvere mi causava bruciore di lavoro, ma il mio datore di lavoro mi propose di cambiare reparto e passare nel reparto del controllo - Le condizioni di lavoro erano generalmente buone, ovviamente in alcuni reparti chimici i dipendenti, a causa del contatto continuo con sostanze nocive, si ammalavano. Mi sono sempre trovato benissimo

16 INTERVISTA AD ANONIMO Quando è cominciata la guerra non lo sapevo,si andava a scuola e si cantavano canzoni che innegiavano il duce. Quando andavo a scuola, suonava l allarme, arrivavano a bombardare e io dovevo andare a casa, che era la più lontana. Una volta mia mamma mi ha portata a comprare il latte e a metà strada è suonato l allarme, arrivavano i caccia, la strada per andare a casa, i caccia mi avevano mazione per seguirmi ma feci in tempo a nascondermi e non mi trovò. I tedeschi ammazzavano, una volta al mio paese (mereto di tomba ) mia madre mi mandò a porta- ni del vicinato di scappare e nascondersi perché presto i tedeschi rastrelleranno perché qualcuno che se per mezzogiorno il tedesco non fosse stato lasciato libero, essi avrebbero bruciato tutto il paese. Hanno bruciato due case, successivamente - nero a sapere, andarono da loro chiedendo dove i tedeschi li torturarono tutta la notte poi diedero A Udine, al campo di aviazione, stavo andando a dormire e salendo le scale vidi il cielo luminoso dal- e cominciai a gridare e a chiamare la mamma, il papà e mio nonno, i quali arrivarono subito in camera da me. Senza capire che cosa succedeva solo successivamente, il giorno dopo scoprimmo che avevano bombardato la pista di atterraggio degli aerei. Io e la mia amichetta eravamo andate in solaio per guardare il casco di mio padre che era andato in Africa, quando a un certo punto sentimmo ra chiamai mia mamma che stava parlando con la vicina di casa e le chiesi perché le campane stessero suonando. Mia madre mi rispose che era amichetti per la gioia.

17 INTERVISTA AD ANONIMO sciago la mia casa era vicino al portico d entrata. In quei tempi non c erano soldi, i miei due zii paterni va ad Arcore in aeronautica il suo compito era quello di montare e provare mitragliatrici sui bombardieri italiani. Lui era contro il regime fascista e non aveva la tessera del partito, quindi rischiò la deportazione verso io andassi nel rifugio antiaereo dello zio contadino perché era insicuro, infatti era fatto da delle balle I bombardamenti erano terribili, mi ricordo che quando bombardarono la polveriera di Solaro io e una nelle yuta che veniva usata come fusoliera per i bombardieri italiani, quando lui vide le ingiustizie fatte ai fascisti lui schiaccio i caricatori delle suddette rendendole inutilizzabili, mio padre pur essendo contro il regime era contrario ad ogni tipo di violenza. bocca un porro come simbolo di insulto tutto questo perché questo capo aveva spedito suo marito ed Lo stesso giorno andai a vedere il convoglio americano che passava sulla nazionale dei giovi, i soldati americani lanciavano dolci e caramelle dai camion, dietro di essi c era una colonna di soldati tedeschi, a me facevano pena, c erano soldati che camminavano scalzi oppure soldati feriti, quello che mi sorprese è che i soldati americani aiutavano questi tedeschi, d altronde non ne avevano colpa loro, alla E qui si concluse la seconda guerra mondiale dal mio punto di vista, fu un periodo duro per la mia famiglia i soldi mancavano, come il cibo ma ce la facemmo a superare tutto.

18 INTERVISTA AL SIGNOR PAOLO mamma lavorava in un negozio di rivendita di frutta e verdura, suo papà inizialmente faceva il mediatore di bestiame, poi fu assunto come operaio rante la guerra. Sono cresciuto insieme a mio fratello e mia sorella. La nostra famiglia non pativa la fame perché mia mamma aveva contatto con i contadini locali, grazie al negozio, e avevamo anche un piccolo pezzo di terra che curavamo noi personalmente. tare e poi ho iniziato ad aiutare i miei genitori in ciò di cui c era bisogno: aiutavo in negozio, mi occu- to a lavorare come garzone in una bottega di un - Le notizie sulla guerra le ascoltavamo attraverso la nostra radio o attraverso le voci di paese. Le giornate si svolgevano normalmente per la maggior parte del tempo, se non in quei momenti in cui rifugio era correre nei campi (non avevamo fossi o cantine dove nasconderci). Mio fratello dopo la guerra è morto durante il militare e in quegli anni - - una nuova attività: dove una volta avevamo la stalla per il cavallo, avevamo allestito una sorta di laboratorio per creare i sigilli di carta che si utilizzavano sulle bombole del gas. Negli anni avevamo sempre più lavoro di vario genere: lavori per uno stampatore di Milano, contenitori in cartone per le bottiglie di liquore, varie scatole per diversi pro- andavano a scuola, mentre al pomeriggio mi aiutavano nell attività di confezionamento in un altra di diverso genere, come le shopper per le boutique di alta moda o le buste di carta di ombrelli di riusciti a costruire sopra il laboratorio la casa in cui - di lasciare la casa perché, essendo scoppiato il disastro della diossina, la nostra zona era soggetta a restrizioni. In quella zona si poteva solo lavorare, essendo l area b. non si sapeva nulla sulla diossina, sul disastro, sulla gravità e sulle precauzioni da rispettare. Avevano solo ucciso tutti gli animali e ordinato a coloro che li possedevano di fare lo stesso. La esposte al veleno: mi ricordo infatti mia moglie e cosa, senza precauzioni o qualsiasi tipo di protezio- fegato, come altri nostri conoscenti e amici. Negli anni abbiamo poi scoperto che l esposizione alla diossina causava l insorgenza di questi tipi di tumore. - con l assunzione dei miei nipoti. Però con la crisi di questi ultimi anni, la nostra attività ha dovuto chiu- sta portando a termine le ultime questioni per poi cessare l attività.

19 INTERVISTA AD ANONIMO dei bombardamenti si spegnevano tutte le luci,o in alternativa si copriva ci fosse stato qualcuno. Il problema più importante però era la fame, infatti io, insieme alla mia famiglia guardo alla quantità di farina e quindi di pane da dare ad ogni persona, un etto al giorno per persona, persona veniva consegnato un biglietto in modo da ritirare il pane. Successivamente non fu più possibile fare il pane e il governo ci forniva una sorta di schiacciata per poter mangiare qualcosa, che si conser- la quale gli italiani furono chiamati a donare oro alla Patria e a molte donne sposate veniva quindi sottratta la fede, poichè era d oro. come soldato e andò anche in Germania, decidemmo di andare al nord Italia per trovare lavoro e dimezzata, l agricoltura danneggiata, i viveri di prima necessità erano razionati, mancavano lavoro e case. INTERVISTA AD ANONIMO una notte sentimmo il forte rumore di aerei e mia madre, spaventata, svegliò mio padre e gli disse di andarcene in campagna da mio nonno per essere più al sicuro. La mattina ci alzammo, prendemmo tutte le nostre cose, le mettemmo sul nostro carretto e abbandonammo casa nostra. Sulla strada per andare incontrammo gli americani che sui loro camion lanciavano le caramelle a me e a mia sorella. Mio nonno ospitava molte famiglie, che abitavano in paese o in posti di mare, in quanto da li arrivavano gli americani, e quindi noi dormivamo nel solaio in mezzo alla paglia. Un giorno mentre i miei genitori erano a lavorare nei campi videro arrivare dei carri armati e decisero di scappare in montagna, dove trovammo una casa e ci nascondemmo per due giorni insieme ad altre famiglie. L unica cosa che abbiamo mangiato in quei due giorni erano le pere, poiché vicino alla casa c era un pero. vamo macinare in quanto le bombe avevano distrutto tutti i mulini. Quindi costruimmo degli strumenti noi per macinare e fare il pane, che poi regalavamo anche ai soldati americani; in cambio loro ci regalavano del cibo in scatola e giocavano con me e con gli altri bambini. Quando le acque si calmarono mio padre decise di tornare in paese. In paese molte delle case che che era stato distrutto dalle bombe. -

20 INTERVISTA ALLA SIGNORA FRANCA Le fabbriche erano chiuse, lavoravano solo le donne perché gli uomini erano in guerra. I soldati aveva- Le fabbriche erano adibite alla costruzione di armi e qualche vestito, ma non c era tanto lavoro, erano I rapporti umanitari erano normali, si cercava di stare bene, si cercava di guadagnarsi qualcosa, si avevano solo due scarpe (e già era tanto), esistevano gli zoccoli ancora. - Inoltre si andava in chiesa, frequentata molto di più di oggi, tutto il mese di Maggio, tutte le sere c era il tutti in guerra. Non c erano mezzi, si andava solo a piedi o in bici. mentre la madre è morta un anno prima a causa di una malattia. Quando si doveva riparare, lei prendeva per mano la sorellina e nell altra mano teneva una valigetta con i soldi. Abitava in caserma perché il padre era il capo dei carabinieri. Franca si ricorda di quando usciva con la sorella sempre per mano e correvano sulle colline per scappare dagli aeroplani che mitragliavano. Una volta ha dovuto gettarsi con la sorella in un cespuglio di rovi per salvare la pelle, mentre stava andando a prendere il latte. si aveva nessuno che poteva aiutarti, quindi ci si doveva arrangiare. La guerra non si dimentica e si ripensa a tutti i giorni passati. Franca ha dovuto combattere a parole con i tedeschi, in quanto, le dissero di portare suo padre all o- morte, anche se l anno dopo poi fu ucciso. Ha visto Milano bombardata, si ricorda la facciata di un ospedale come unica cosa rimasta intatta. ché non c era il riscaldamento, si riunivano da chi aveva una radio e facevano scuola via radio. Il pane era fatto di segatura e corde, infatti in un mese tante persone furono ricoverate per appendicite. Ora Franca non mangia più il pane. Le donne si ingegnavano a fare qualcosa. INTERVISTA ALLA ZIA CARMEN Pativano la fame, il mangiare era razionato infatti il pane si comprava con la tessera. Molte persone per riuscire a mangiare carne avevano galline, oche ecc.., le mettevano sotto il loro grasso: vasi grossi di terra cotta, mettevano dentro l animale e lo coprivano con il grosso dell animale stesso. Poi venivano nascosti in cantine. Nel periodo fascista le ragazze e i ragazzi avevano una divisa: uomini vestiti da giovani balilla, mentre le donne vestite con camicia bianca, cravatta e gonna nera. Nelle case non si aveva la comodità. di Solaro e lo scoppio tremendo fece rompere i vetri delle case e i colpi erano tutti in giro per le strade.

21 INTERVISTA AD ANONIMO Lavorare in fabbrica era stressante poiché il lavoro era duro e i turni erano divisi in tre;,mattina, pome- cesso però di andare in bagno. alla pressa e anche agli imballaggi. Filavamo e lavavamo il cotone che rilasciava nell aria una quantità Il territorio non era occupato interamente da abitazione anzi erano presenti molte aree di vegetazione tra cui una vasta zona occupata dai boschi. La fabbrica metteva a disposizione delle case in cui le per- diversa etnia. Oggi di tutto ciò rimane una fabbrica abbandonata che occupa una rilevante parte del territorio con un capannone lasciato solo in un campo con un muro che lo circonda. la gente viveva in miseria, con poco cibo e stracci al posto dei vestiti; i materiali per realizzarli erano rari Il governo requisiva e i cavalli degli allevatori per la cavalleria e le altre bestie e i raccolti per il cibo; questo era razionato e concesso solo a chi presentava una tessera. Questa serviva inoltre per fare la spesa, non si potevano comprare più cose di quelle che loro imponevano. Mi ricordo delle bombe che cadevano sopra le case e sopra le campagne, di sera, infatti, era proibito accendere le luci in casa perché si rischiava di essere visti dagli aerei e di conseguenza di essere bombardati. della stoffa. L atmosfera che si respirava non era bella, il governo non voleva che le persone stessero a gruppi troppo numerosi nelle stanze perche avevano paura che complottassero contro di loro.

22 INTERVISTA AD ANTONIO SEREGNI casellante della ferrovia Saronno Seregno quando famiglia ha sempre abitato in questa zona. I nonni hanno sempre abitato in casa dei miei genitori quindi ho saputo tutte le vicende che si sono svolte in quest ultimo centennio. Mio nonno ha partecipato alla prima guerra mondiale e dopo la guerra ha sposato la nonna che anche lei abitava a poi ha fatto il casellante e da li ha visto sorgere la fabbrica della Snia e dell Acna. La prima costruzione è stata la fornace che ha fat- brica e dedicato ai suoi dipendenti. cordo la Snia come una grande mamma per tutti lia perché c era lavoro e perché offrivano anche case vicino al posto di lavoro. I primi insediamenti furono le convittrici che abitavano nel convitto alla Snia in modo che al mattino andassero a lavorare presto e cosi la Snia aveva la mano d opera vicina attiva per poter tener sotto controllo i cicli produttivi che erano a ciclo continuo infatti La stessa cosa si vede anche nello stabilimento a sono stati gli anni di benessere e quella zona è stato il polo chimico maggiore del nord Italia perché c era la Snia e Acna. Acna era anche una fabbrica bellica poiché facevano gas nervini per la prima e la seconda guerra mondiale come il fosgene ossia un gas tossico usato nei campi di concentramento. L Acna non è nata come industria bellica perché faceva coloranti però è stata utilizzata anche come industria bellica perché si usavano prodotti chimici in guerra e quella era una industria chimica. Infatti, proprio vicino ad Acna la ferrovia veniva anche usata come ferrovia di soccorso a nord di Milano. La linea Saronno-Seregno veniva chiamata ferrovia Novara perché a Novara entrava in collegamento con le ferrovie dello Stato e a Seregno lo stesso, quindi uno poteva andare da ferrovia è stata strategica quindi per scopi militari. riano che poi durante la seconda guerra mondiale è stata bombardata e distrutta provocando seri problemi nella cittadina. - nord e ci sono state le varie integrazioni. Infatti la Snia è sempre stata un crogiuolo di culture di tutte le regioni. I primi ad arrivare sono stati i friulani che hanno iniziato a lavorare nella fornace, poi i bergamaschi che hanno iniziato a costruire e poi con che si sono stabiliti più che altro nella zona di San Pio X. non si trovava una casa e c erano solamente tre cascine: la bindelina, il mandresc e la canova. Il resto era tutto prato. L infanzia al villaggio è stata favolosa, si poteva fare quello che si voleva e l unica cosa erano le guardie della Snia che controllavano quello che succedeva nel villaggio. Era considerato uno dei villaggi migliori grazie alla fab- all interno della casa, rete fognaria e acqua cor- arrivate tutte le culture quindi ed è sorto un gruppo abbastanza omogeneo ma con idee diverse e Non mancava nulla, c era tutto era infatti come una vera e propria città indipendente intorno alla quando hanno iniziato a fallire e a chiudere le fabbriche. Esse fallirono perché i proprietari iniziarono a portare le produzioni all estero. Parlando di Snia quindi sfamavano anche la popolazione dei pa- Quando hanno iniziato a chiudere hanno quindi za la gente ha dovuto emigrare trovare altri lavori e ci sono stati forti problemi occupazionali. Hanno lasciato a casa migliaia di dipendenti e oltre alla Snia e all Acna hanno chiuso anche altre aziende no vivo tutto il tessuto regionale e che adesso non più un paese felice ma è un ormai considerato un è sorto, è solamente per merito della fabbrica e non a livello politico. Adesso succede che le case sono state vendute ed essendo case malconce sono state rivendute a poco prezzo a extracomunitari, quindi a gente che è arrivata negli ultimi anni. Il villaggio è ancora ben strutturato ma il problema è che non è appetibile per mancanza di lavoro. Si spera che la situazione possa cambiare, anche

23 INTERVISTA A CHICHE Il fenomeno della immigrazione verso l Argentina comprese soprattutto l area nord dell Italia: di fatti i piccoli villaggi o cittadine nel territorio sud-americano erano quasi tutte composte da persone di origini Piemontesi, Friulate e Venete etc. E comune al giorno d oggi trovare somiglianze nella lingua (solitamente con parole dialettali ormai incorporate nel parlato quotidiano) e soprattutto nei cognomi, molti rimasti di origine Italiana. a tutti gli effetti, anche se avrebbe voluto trascorrere più tempo in Italia. dalle differenze che vide e che provò: Pur ritenendolo affascinante, perchè riccodi colori e ritmo, non si può sentirlo proprio; continua a sentire da quelle Argentine, dove è impressionante la quantità di cielo che si vede. Le case sono di norma a un solo piano, dando sensazione di maggiore spazio e aria. La vegetazione è abbondante, i parchi - to a quella che riscontro nella società Italiana; come se il peso della storia che porta sulle sue spalle la 4) La cultura - INTERVISTA A BRUNA ROSSI potevano nascondere nelle cantine. Mussolini dava l ordine di far scrivere delle sue frasi sulle case italiane. La famiglia della signora Rossi era benestante, ma con la guerra le è stato portato via tutto.

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli