stanchezza, di ansia, è un piccolo passo verso la scuola del domani.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "stanchezza, di ansia, è un piccolo passo verso la scuola del domani."

Transcript

1

2 Seconda rivoluzione industriale, immigrazione, seconda guerra mondiale, crisi dell industria, urbanizazione, abbandono delle campagne, razzismo, deportazione, sono tutti temi che ritroviamo sui libri e ogni studente studia immangabilmente più volte nella sua carriera. Poche volte ci si sofferma a pensare che le stesse situazioni che leggiamo sulla carta, sono state vissute dai nonni o dalla vecchietta che abita sul pianerottolo, o dagli insegnanti che tutti i giorni incontriamo a scuola. La storia non è astrazione e la storia si trasforma in ricordo che ha mille sfaccettature tante quanto sono le persone che hanno vissuto. Poi c è il valore del lavoro. A scuola non si deve sopportare la mattinata,ma trovare motivazioni pe fare esperienze vive e di crescita, personali ma soprattutto di collaborazione con i compagni. L esperienza dell alternanza scuola lavoro non è altro che la possibilità per cominciare a vivere da protagonisti le attività scolastiche, per attivare quelle Ma la competenza è proprio l inizio del percorso di crescita personale per la propria vita ed è quello che rimarra per sempre e che formerà la persona di domani. stanchezza, di ansia, è un piccolo passo verso la scuola del domani.

3 Preside Dott. Antonio Cangiano La collaborazione che l IIS Majorana ha sempre avuto con il territorio è vasta e fa parte del patrimonio culturale dell Istituto. Si è concretizzata nel corso degli anni attraverso forme variegate di collaborazione sia con enti pubblici che privati, assicurando un presidio culturale attraverso iniziative quali: mostre, conferenze, teatro ecc. La mostra di quest anno si pone nel solco di questa tradizione affrontando un tema cruciale dei nostri tempi, sul cui si goca il futuro sociale e culturale della società: il tema della MEMORIA. In un mondo in rapido mutamento le tracce di ciò che fu si perdono sia perchè scompaiono i protagonisti, sia perchè le narrazioni sono sommerse dal cicaleccio mediatico che tutto omogeneizza. La mostra proprione una rivisitazione personale e artistica dei temi della memoria operaia e della Seconda Guerra Mondiale viste attraverso gli occhi di giovani che hanno compiuto un percorso di conoscenza e presa di coscienza di un vissuto lontano.

4 Vicepreside prof.ssa Anna Tritta gria. - troppi compiti da svolgere ed in breve tempo: ovviamente le consegne - mi ripeto da qualche giorno. buon esito. storia - Paese è un messaggio semplice, ma dirompente. La vostra creatività è l antidoto all oblio. vete voi.

5 Ass. Cultura e Valorizzazione Patrimonio Artistico e Monumentale Celestino Oltolini IIS E. Majorana La mia storia, le storie di tanti Prosegue il percorso di maturazione artistica e umana intrapreso negli scorsi anni scolastici dai giovani dell istituto Ettore Majorana, col passaggio dall'esame della follia nei La memoria, nella vita di ciascuno e in quella collettiva, è uno dei cardini su cui poggia il progresso umano. Quello che si fonda sulla conoscenza di quello che è stato, in positivo ed in negativo, per imparare dagli errori commessi e da questi implementare il mino di crescita. Un percorso di sviluppo culturale ed etico che ricalca le orme di un passato, per muo- generazioni. Può sembrare scontato ricordare quanto noi siamo il frutto della nostra memoria, piuttosto che di quella dei nostri avi e del contesto sociale in cui siamo inseriti. Ma di cercare di eliminare errori e storture che hanno caratterizzato la storia, sia dei singoli che delle civiltà. Avere il giusto approccio alla memoria del passato, alla storia di ciascuno e di tutti, tosto essere proiettati ai domani, raccolti i frutti dell'esperienza, per costruire la propria dimensione di vita, la propria idea di futuro. umana, in questo senso, deriva dalla memoria, dal cammino che ciascuno compie facendo scelte ogni giorno diverse, ma sempre sulla scorta del proprio passato, singolo o collettivo che sia. Ass. Cultura e Valorizzazione Patrimonio Artistico e Monumentale Celestino Oltolini

6 Ass. Politiche Giovanili, Comunicazione ed Eventi Gabriele Capedri IIS E. Majorana La mia storia, le storie di tanti possono aiutarli a crescere ed a maturare. Quello della memoria, nella nostra vita per- Eppure quella stessa pulizia etnica che ha provocato milioni di vittime nel corso dell'ul- vent'anni fa, nell'ultimo decennio del secolo scorso, nella ex Jugoslavia. Evidentemente non sempre l'uomo impara dagli errori, e non sempre la ragione prevale sulla follia. Per questo, credo che il tema della memoria, della storia personale di ciascuno e del proprio ambito sociale vada coltivata. Non sui testi di studio ma nel concreto, nella vita e nella realtà di ciascuno. Abbiamo bisogno di seguitare a costruire il nostro futuro muovendo dalla memoria del passato. Anzi, ancora meglio, mantenendo viva la memoria del passato e attualizzandola per calarlo nella della vita quotidiana. Mi fa molto piacere che il tema scelto quest'anno dai giovani dell'iis Majorana sia stato proprio questo. apprezzo la maturità, ben espressa nei lavori prodotti. Si tratta di elaborati che danno la misura dell impegno messo in atto e del senso di responsabilità e accuratezza che li ha prodotti. apprezzamenti per l'egregio lavoro svolto.

7 Ass. Istruzione Formazione Sport Salvatore Ferro IIS E. Majorana La mia storia, le storie di tanti Mi avvicino per la prima volta, in qualità di assessore all Istruzione, Formazione e Sport, al progetto degli studenti dell'istituto Majorana. Un programma di lavoro verso cui sono stati orientati dai loro insegnati, che come ogni anno propongono un tema di grande pregnanza che consente ai giovani di cimentarsi con argomenti di spessore. Ho avuto modo di esaminare, oltre ad alcuni dei lavori che vengono proposti quest'anno in mostra, anche quelli sviluppati in passato, tutti ricchi di una medesima profondità e accuratezza di indagine. Non posso che complimentarmi - da insegnate, ancor prima che da assessore -, per il fervore e il livello raggiunto negli elaborati dai giovani, frutto indubbio di inventiva, capacità e interiorizzazione dei concetti che sono stati validamente proposti dal corpo docente, poi sviscerati e fatti propri da ciascuno. Il concetto della memoria, della storia personale di ciascuno presa non singolarmente ma in quanto parte di un unico contesto sociale, fatto di unicità e poliedricità, di ricordi singoli e familiari, personali e collettivi, traspare nei disparati lavori per produrre il risultato atteso: quello della consapevolezza di se stessi e del proprio ambito, della maturazione personale nell ottica di un contesto collettivo. per essere all'altezza e di saper fornire la miglior prova di sé, stimolati dalla valenza del tema proposto, analizzato a fondo grazie ad un lavoro accurato di preparazione svolto in aula. - peso e il valore della memoria per la vita e per il futuro di ciascuno. In questo, il merito va riconosciuto sia agli stessi studenti, in primis, che agli stimoli forniti da chi li ha sapientemente condotti. Quelle stesse persone guida che hanno saputo realtà, e la realtà in maturazione, e la maturazione in crescita. Vorrei concludere esortando tutti e ciascun giovane, ad un ad uno, a conservare il so alla realtà collettiva in cui è inserito, per un reale progresso sociale. Assessore Istruzione Formazione Sport Salvatore Ferro

8 Ricerca Enza clapis Ricerca, olio su tela, cm.120x 220,2015 (particolare) Noi non siamo nulla se non ciò che ricordiamo di essere stati e non saremo nulla se non riusciremo a trasmettere quello che abbiamo vissuto, quello che ci è stato dato dai nostri genitori e dalle persone che ci hanno preceduto. Lasciare che il vissuto diventi racconto nel bene e nel male sarà il modo per far crescere quelli che verranno dopo di noi. Nel bene e nel male perchè anche gli errori devono diventare memoria nella speranza che possano essere compresi e mai più ripetuti. Fare memoria è un dovere di ognuno e un impegno per le nuove generazioni per fondare il futuro sul passato. Il cassetto è da sempre l immagine dei ricordi e il bambino che cerca nel cassetto comunica la curiosità e la volonta di apprendere attraverso lo stupore proprio dei bimbi. pianta. Ma anche se il legno è ferito dai segni del tempo, non perde il fascino e l incanto delle cose belle e del vissuto, perchè solo il segno della vita che procede nel tempo è sintomo di ricchezza e di memoria.

9 Arcano XVIII lattice, dipinta su corpo 70x50 cm L opera nasce dallo studio dei Tarocchi di Jodorowsky, in particolare, La Luna. Un grosso gambero rosso in uno stagno simboleggia il passaggio della mente ormai pu

10 Non ho più memoria Adelaide Desiree Fontana 100x58 cm Tecnica mista 100x58 cm un retaggio accettato, un immagine percepita come surreale e spiata,senza colori,in -

11 Control Room Alessandra Bottacin e Liliana Lissoni Control Room Composizione di 4 pannelli 30x45 cm come testimone di un passato che appartiene a tutti noi, portando lo spettatore a

12 Orfeo Pastelli ad olio su carta 21x30 cm -

13

14 INERVISTA AD ANTONIETTA CEDERLE provincia di Verona. È cresciuta in questo paesino di campagna assieme ai genitori, alle due sorelle e un fratello minore. Fin da piccola ho visto i miei genitori svegliarsi presto la mattina per andare a lavorare nei campi. Ho nella mia scuola c erano cinque classi, formate tutte da pochissimi bambini. Nonostante andassi a scuola la mattina, al pomeriggio, quando sono diventata abbastanza grande, andavo anche io insieme a mia sorella a lavorare nei campi. Impiantavamo il frumento, il granturco, il tabacco, a seconda del lavoro che c era da svolgere. Ogni sabato si veniva pagati dal padrone a seconda delle ore che si facevano. - Essendo una famiglia povera di campagna non avevamo la radio. Le informazioni arrivavano attraverso voci, attraverso coloro che ne possedevano una. Mio papà era andato in Germania a lavorare perché nel mio paese non c era quasi più lavoro. Noi lavoravamo nei campi quando c era la possibilità e la nostra famiglia veniva gestita soprattutto con i soldi che ci mandava mio padre. che sganciava le bombe e che sparava. Appena si sentiva quel rumore tutti scappavamo a nasconderci in queste specie di rifugi: delle buche scavate nel terreno coperte da lastre di legno. Alla sera per non far uscire i bagliori della luce, in quanto potevano essere usati come mire dagli aeri. americani che sui loro carri armati distribuivano a noi bambini cioccolato e marmellata. Mia mam- padre era ancora in Germania a lavorare. Infatti è tornato alcuni mesi dopo e, come noi, aveva ripreso a lavorare nei campi. La famiglia si è trasferito in un altro paese, Giavone di Veronella sempre in provincia di Verona, per curare i miei nonni. In quegli anni lavoravo sempre nei re. Venuta da sola, sono stata ospitata dai miei zii. Lo stabilimento era nel pieno della sua attività. Lavoravo moltissimo insieme agli altri operai: tra di noi andavamo tutti d accordo, in quanto eravamo le stesse persone che vivevano in case vicine tra loro. Erano molto faticosi i turni in fabbrica perché ogni giorno si doveva produrre una determinata quan- di migliorare la nostra situazione di operai, ma a volte rimaneva tutto uguale. Era bresciano e come me e gli altri era venuto alla Snia a lavorare, ospitato anche lui da parenti. Abi- no perché era usanza non fare i matrimoni in estate, in quanto in quel periodo si lavorava nei campi e quindi si sarebbe perso tempo, mentre l inverno era il momento più adatto. Il resto della mia famiglia mi ha raggiunto alla Snia - - Anche a lavorare al bar era molto faticoso: lavoravamo sette giorni su sette, senza tregua, senza poi si ritornava a lavorare. Per fortuna abitavamo casalinga, mentre mio marito è andato a lavorare come camionista in un azienda privata. Fino all età della pensione ho continuato a fare la casalin- palazzina della Snia del bar, ma al quarto piano. Fino alla pensione mio marito ha fatto il camioni- questo appartamento.

15 INTERVISTA A VINCENZO città natale è Messina. Quando scoppiò la guerra ero piccolo e non potevo ricordare molto di quei la mia famiglia ci nascondevamo nella campagna siciliana dove il problema fame si faceva sentire della vita, a lavorare alla Snia di Varedo dove egli già lavorava. Questo ambiente mi piacque subito e decisi di rimanerci. Inizialmente lavorai nel laboratorio delle analisi dei detersivi ma a causa dell ulcera - di controllo delle spedizioni. Mi piaceva molto quel posto di lavoro perchècontrollavo tutto ciò che entrava e tutto ciò che usciva a riguardo delle merci. Molti problemi con il capo mi portarono a lavorare MI ricordo della Snia che quest ultima aveva molte sedi dislocate in Lombardia ma anche all estero. Quando vennero chiuse sia la Snia Viscosa che Fibre e io fui formalmente in pensione non mi toccarono le coneguenze del licenziamento. Inoltre della Snia mi ricordo la loro struttura interna, dei molti ambienti non in ottime condizione e il contatto con le sostanze pericolose di alcuni settori che a lungo facevano della città di Varedo. INTERVISTA A VINCENZO LA MARCA per trovare mia sorella e mio cognato che lavoravano alla Snia. Il mio soggiorno non fu molto piacevole poichè non mi trovavo bene. Un giorno mio cognato mi propose di non tornare in Sicilia, ma di fare una domanda di lavoro alla Snia. Non ero molto convinto perché nel mio paese avevo un negozio di non tornare subito a casa. Mio padre mi chiamò perché aveva bisogno di me per la vendemmia ma decisi di non andare e di rimanere qui a lavorare. Ritornai in Sicila solamente durante le vacanze estive, chimiche. Qualche mese dopo fui spostato nel magazzino, poiché la polvere mi causava bruciore di lavoro, ma il mio datore di lavoro mi propose di cambiare reparto e passare nel reparto del controllo - Le condizioni di lavoro erano generalmente buone, ovviamente in alcuni reparti chimici i dipendenti, a causa del contatto continuo con sostanze nocive, si ammalavano. Mi sono sempre trovato benissimo

16 INTERVISTA AD ANONIMO Quando è cominciata la guerra non lo sapevo,si andava a scuola e si cantavano canzoni che innegiavano il duce. Quando andavo a scuola, suonava l allarme, arrivavano a bombardare e io dovevo andare a casa, che era la più lontana. Una volta mia mamma mi ha portata a comprare il latte e a metà strada è suonato l allarme, arrivavano i caccia, la strada per andare a casa, i caccia mi avevano mazione per seguirmi ma feci in tempo a nascondermi e non mi trovò. I tedeschi ammazzavano, una volta al mio paese (mereto di tomba ) mia madre mi mandò a porta- ni del vicinato di scappare e nascondersi perché presto i tedeschi rastrelleranno perché qualcuno che se per mezzogiorno il tedesco non fosse stato lasciato libero, essi avrebbero bruciato tutto il paese. Hanno bruciato due case, successivamente - nero a sapere, andarono da loro chiedendo dove i tedeschi li torturarono tutta la notte poi diedero A Udine, al campo di aviazione, stavo andando a dormire e salendo le scale vidi il cielo luminoso dal- e cominciai a gridare e a chiamare la mamma, il papà e mio nonno, i quali arrivarono subito in camera da me. Senza capire che cosa succedeva solo successivamente, il giorno dopo scoprimmo che avevano bombardato la pista di atterraggio degli aerei. Io e la mia amichetta eravamo andate in solaio per guardare il casco di mio padre che era andato in Africa, quando a un certo punto sentimmo ra chiamai mia mamma che stava parlando con la vicina di casa e le chiesi perché le campane stessero suonando. Mia madre mi rispose che era amichetti per la gioia.

17 INTERVISTA AD ANONIMO sciago la mia casa era vicino al portico d entrata. In quei tempi non c erano soldi, i miei due zii paterni va ad Arcore in aeronautica il suo compito era quello di montare e provare mitragliatrici sui bombardieri italiani. Lui era contro il regime fascista e non aveva la tessera del partito, quindi rischiò la deportazione verso io andassi nel rifugio antiaereo dello zio contadino perché era insicuro, infatti era fatto da delle balle I bombardamenti erano terribili, mi ricordo che quando bombardarono la polveriera di Solaro io e una nelle yuta che veniva usata come fusoliera per i bombardieri italiani, quando lui vide le ingiustizie fatte ai fascisti lui schiaccio i caricatori delle suddette rendendole inutilizzabili, mio padre pur essendo contro il regime era contrario ad ogni tipo di violenza. bocca un porro come simbolo di insulto tutto questo perché questo capo aveva spedito suo marito ed Lo stesso giorno andai a vedere il convoglio americano che passava sulla nazionale dei giovi, i soldati americani lanciavano dolci e caramelle dai camion, dietro di essi c era una colonna di soldati tedeschi, a me facevano pena, c erano soldati che camminavano scalzi oppure soldati feriti, quello che mi sorprese è che i soldati americani aiutavano questi tedeschi, d altronde non ne avevano colpa loro, alla E qui si concluse la seconda guerra mondiale dal mio punto di vista, fu un periodo duro per la mia famiglia i soldi mancavano, come il cibo ma ce la facemmo a superare tutto.

18 INTERVISTA AL SIGNOR PAOLO mamma lavorava in un negozio di rivendita di frutta e verdura, suo papà inizialmente faceva il mediatore di bestiame, poi fu assunto come operaio rante la guerra. Sono cresciuto insieme a mio fratello e mia sorella. La nostra famiglia non pativa la fame perché mia mamma aveva contatto con i contadini locali, grazie al negozio, e avevamo anche un piccolo pezzo di terra che curavamo noi personalmente. tare e poi ho iniziato ad aiutare i miei genitori in ciò di cui c era bisogno: aiutavo in negozio, mi occu- to a lavorare come garzone in una bottega di un - Le notizie sulla guerra le ascoltavamo attraverso la nostra radio o attraverso le voci di paese. Le giornate si svolgevano normalmente per la maggior parte del tempo, se non in quei momenti in cui rifugio era correre nei campi (non avevamo fossi o cantine dove nasconderci). Mio fratello dopo la guerra è morto durante il militare e in quegli anni - - una nuova attività: dove una volta avevamo la stalla per il cavallo, avevamo allestito una sorta di laboratorio per creare i sigilli di carta che si utilizzavano sulle bombole del gas. Negli anni avevamo sempre più lavoro di vario genere: lavori per uno stampatore di Milano, contenitori in cartone per le bottiglie di liquore, varie scatole per diversi pro- andavano a scuola, mentre al pomeriggio mi aiutavano nell attività di confezionamento in un altra di diverso genere, come le shopper per le boutique di alta moda o le buste di carta di ombrelli di riusciti a costruire sopra il laboratorio la casa in cui - di lasciare la casa perché, essendo scoppiato il disastro della diossina, la nostra zona era soggetta a restrizioni. In quella zona si poteva solo lavorare, essendo l area b. non si sapeva nulla sulla diossina, sul disastro, sulla gravità e sulle precauzioni da rispettare. Avevano solo ucciso tutti gli animali e ordinato a coloro che li possedevano di fare lo stesso. La esposte al veleno: mi ricordo infatti mia moglie e cosa, senza precauzioni o qualsiasi tipo di protezio- fegato, come altri nostri conoscenti e amici. Negli anni abbiamo poi scoperto che l esposizione alla diossina causava l insorgenza di questi tipi di tumore. - con l assunzione dei miei nipoti. Però con la crisi di questi ultimi anni, la nostra attività ha dovuto chiu- sta portando a termine le ultime questioni per poi cessare l attività.

19 INTERVISTA AD ANONIMO dei bombardamenti si spegnevano tutte le luci,o in alternativa si copriva ci fosse stato qualcuno. Il problema più importante però era la fame, infatti io, insieme alla mia famiglia guardo alla quantità di farina e quindi di pane da dare ad ogni persona, un etto al giorno per persona, persona veniva consegnato un biglietto in modo da ritirare il pane. Successivamente non fu più possibile fare il pane e il governo ci forniva una sorta di schiacciata per poter mangiare qualcosa, che si conser- la quale gli italiani furono chiamati a donare oro alla Patria e a molte donne sposate veniva quindi sottratta la fede, poichè era d oro. come soldato e andò anche in Germania, decidemmo di andare al nord Italia per trovare lavoro e dimezzata, l agricoltura danneggiata, i viveri di prima necessità erano razionati, mancavano lavoro e case. INTERVISTA AD ANONIMO una notte sentimmo il forte rumore di aerei e mia madre, spaventata, svegliò mio padre e gli disse di andarcene in campagna da mio nonno per essere più al sicuro. La mattina ci alzammo, prendemmo tutte le nostre cose, le mettemmo sul nostro carretto e abbandonammo casa nostra. Sulla strada per andare incontrammo gli americani che sui loro camion lanciavano le caramelle a me e a mia sorella. Mio nonno ospitava molte famiglie, che abitavano in paese o in posti di mare, in quanto da li arrivavano gli americani, e quindi noi dormivamo nel solaio in mezzo alla paglia. Un giorno mentre i miei genitori erano a lavorare nei campi videro arrivare dei carri armati e decisero di scappare in montagna, dove trovammo una casa e ci nascondemmo per due giorni insieme ad altre famiglie. L unica cosa che abbiamo mangiato in quei due giorni erano le pere, poiché vicino alla casa c era un pero. vamo macinare in quanto le bombe avevano distrutto tutti i mulini. Quindi costruimmo degli strumenti noi per macinare e fare il pane, che poi regalavamo anche ai soldati americani; in cambio loro ci regalavano del cibo in scatola e giocavano con me e con gli altri bambini. Quando le acque si calmarono mio padre decise di tornare in paese. In paese molte delle case che che era stato distrutto dalle bombe. -

20 INTERVISTA ALLA SIGNORA FRANCA Le fabbriche erano chiuse, lavoravano solo le donne perché gli uomini erano in guerra. I soldati aveva- Le fabbriche erano adibite alla costruzione di armi e qualche vestito, ma non c era tanto lavoro, erano I rapporti umanitari erano normali, si cercava di stare bene, si cercava di guadagnarsi qualcosa, si avevano solo due scarpe (e già era tanto), esistevano gli zoccoli ancora. - Inoltre si andava in chiesa, frequentata molto di più di oggi, tutto il mese di Maggio, tutte le sere c era il tutti in guerra. Non c erano mezzi, si andava solo a piedi o in bici. mentre la madre è morta un anno prima a causa di una malattia. Quando si doveva riparare, lei prendeva per mano la sorellina e nell altra mano teneva una valigetta con i soldi. Abitava in caserma perché il padre era il capo dei carabinieri. Franca si ricorda di quando usciva con la sorella sempre per mano e correvano sulle colline per scappare dagli aeroplani che mitragliavano. Una volta ha dovuto gettarsi con la sorella in un cespuglio di rovi per salvare la pelle, mentre stava andando a prendere il latte. si aveva nessuno che poteva aiutarti, quindi ci si doveva arrangiare. La guerra non si dimentica e si ripensa a tutti i giorni passati. Franca ha dovuto combattere a parole con i tedeschi, in quanto, le dissero di portare suo padre all o- morte, anche se l anno dopo poi fu ucciso. Ha visto Milano bombardata, si ricorda la facciata di un ospedale come unica cosa rimasta intatta. ché non c era il riscaldamento, si riunivano da chi aveva una radio e facevano scuola via radio. Il pane era fatto di segatura e corde, infatti in un mese tante persone furono ricoverate per appendicite. Ora Franca non mangia più il pane. Le donne si ingegnavano a fare qualcosa. INTERVISTA ALLA ZIA CARMEN Pativano la fame, il mangiare era razionato infatti il pane si comprava con la tessera. Molte persone per riuscire a mangiare carne avevano galline, oche ecc.., le mettevano sotto il loro grasso: vasi grossi di terra cotta, mettevano dentro l animale e lo coprivano con il grosso dell animale stesso. Poi venivano nascosti in cantine. Nel periodo fascista le ragazze e i ragazzi avevano una divisa: uomini vestiti da giovani balilla, mentre le donne vestite con camicia bianca, cravatta e gonna nera. Nelle case non si aveva la comodità. di Solaro e lo scoppio tremendo fece rompere i vetri delle case e i colpi erano tutti in giro per le strade.

21 INTERVISTA AD ANONIMO Lavorare in fabbrica era stressante poiché il lavoro era duro e i turni erano divisi in tre;,mattina, pome- cesso però di andare in bagno. alla pressa e anche agli imballaggi. Filavamo e lavavamo il cotone che rilasciava nell aria una quantità Il territorio non era occupato interamente da abitazione anzi erano presenti molte aree di vegetazione tra cui una vasta zona occupata dai boschi. La fabbrica metteva a disposizione delle case in cui le per- diversa etnia. Oggi di tutto ciò rimane una fabbrica abbandonata che occupa una rilevante parte del territorio con un capannone lasciato solo in un campo con un muro che lo circonda. la gente viveva in miseria, con poco cibo e stracci al posto dei vestiti; i materiali per realizzarli erano rari Il governo requisiva e i cavalli degli allevatori per la cavalleria e le altre bestie e i raccolti per il cibo; questo era razionato e concesso solo a chi presentava una tessera. Questa serviva inoltre per fare la spesa, non si potevano comprare più cose di quelle che loro imponevano. Mi ricordo delle bombe che cadevano sopra le case e sopra le campagne, di sera, infatti, era proibito accendere le luci in casa perché si rischiava di essere visti dagli aerei e di conseguenza di essere bombardati. della stoffa. L atmosfera che si respirava non era bella, il governo non voleva che le persone stessero a gruppi troppo numerosi nelle stanze perche avevano paura che complottassero contro di loro.

22 INTERVISTA AD ANTONIO SEREGNI casellante della ferrovia Saronno Seregno quando famiglia ha sempre abitato in questa zona. I nonni hanno sempre abitato in casa dei miei genitori quindi ho saputo tutte le vicende che si sono svolte in quest ultimo centennio. Mio nonno ha partecipato alla prima guerra mondiale e dopo la guerra ha sposato la nonna che anche lei abitava a poi ha fatto il casellante e da li ha visto sorgere la fabbrica della Snia e dell Acna. La prima costruzione è stata la fornace che ha fat- brica e dedicato ai suoi dipendenti. cordo la Snia come una grande mamma per tutti lia perché c era lavoro e perché offrivano anche case vicino al posto di lavoro. I primi insediamenti furono le convittrici che abitavano nel convitto alla Snia in modo che al mattino andassero a lavorare presto e cosi la Snia aveva la mano d opera vicina attiva per poter tener sotto controllo i cicli produttivi che erano a ciclo continuo infatti La stessa cosa si vede anche nello stabilimento a sono stati gli anni di benessere e quella zona è stato il polo chimico maggiore del nord Italia perché c era la Snia e Acna. Acna era anche una fabbrica bellica poiché facevano gas nervini per la prima e la seconda guerra mondiale come il fosgene ossia un gas tossico usato nei campi di concentramento. L Acna non è nata come industria bellica perché faceva coloranti però è stata utilizzata anche come industria bellica perché si usavano prodotti chimici in guerra e quella era una industria chimica. Infatti, proprio vicino ad Acna la ferrovia veniva anche usata come ferrovia di soccorso a nord di Milano. La linea Saronno-Seregno veniva chiamata ferrovia Novara perché a Novara entrava in collegamento con le ferrovie dello Stato e a Seregno lo stesso, quindi uno poteva andare da ferrovia è stata strategica quindi per scopi militari. riano che poi durante la seconda guerra mondiale è stata bombardata e distrutta provocando seri problemi nella cittadina. - nord e ci sono state le varie integrazioni. Infatti la Snia è sempre stata un crogiuolo di culture di tutte le regioni. I primi ad arrivare sono stati i friulani che hanno iniziato a lavorare nella fornace, poi i bergamaschi che hanno iniziato a costruire e poi con che si sono stabiliti più che altro nella zona di San Pio X. non si trovava una casa e c erano solamente tre cascine: la bindelina, il mandresc e la canova. Il resto era tutto prato. L infanzia al villaggio è stata favolosa, si poteva fare quello che si voleva e l unica cosa erano le guardie della Snia che controllavano quello che succedeva nel villaggio. Era considerato uno dei villaggi migliori grazie alla fab- all interno della casa, rete fognaria e acqua cor- arrivate tutte le culture quindi ed è sorto un gruppo abbastanza omogeneo ma con idee diverse e Non mancava nulla, c era tutto era infatti come una vera e propria città indipendente intorno alla quando hanno iniziato a fallire e a chiudere le fabbriche. Esse fallirono perché i proprietari iniziarono a portare le produzioni all estero. Parlando di Snia quindi sfamavano anche la popolazione dei pa- Quando hanno iniziato a chiudere hanno quindi za la gente ha dovuto emigrare trovare altri lavori e ci sono stati forti problemi occupazionali. Hanno lasciato a casa migliaia di dipendenti e oltre alla Snia e all Acna hanno chiuso anche altre aziende no vivo tutto il tessuto regionale e che adesso non più un paese felice ma è un ormai considerato un è sorto, è solamente per merito della fabbrica e non a livello politico. Adesso succede che le case sono state vendute ed essendo case malconce sono state rivendute a poco prezzo a extracomunitari, quindi a gente che è arrivata negli ultimi anni. Il villaggio è ancora ben strutturato ma il problema è che non è appetibile per mancanza di lavoro. Si spera che la situazione possa cambiare, anche

23 INTERVISTA A CHICHE Il fenomeno della immigrazione verso l Argentina comprese soprattutto l area nord dell Italia: di fatti i piccoli villaggi o cittadine nel territorio sud-americano erano quasi tutte composte da persone di origini Piemontesi, Friulate e Venete etc. E comune al giorno d oggi trovare somiglianze nella lingua (solitamente con parole dialettali ormai incorporate nel parlato quotidiano) e soprattutto nei cognomi, molti rimasti di origine Italiana. a tutti gli effetti, anche se avrebbe voluto trascorrere più tempo in Italia. dalle differenze che vide e che provò: Pur ritenendolo affascinante, perchè riccodi colori e ritmo, non si può sentirlo proprio; continua a sentire da quelle Argentine, dove è impressionante la quantità di cielo che si vede. Le case sono di norma a un solo piano, dando sensazione di maggiore spazio e aria. La vegetazione è abbondante, i parchi - to a quella che riscontro nella società Italiana; come se il peso della storia che porta sulle sue spalle la 4) La cultura - INTERVISTA A BRUNA ROSSI potevano nascondere nelle cantine. Mussolini dava l ordine di far scrivere delle sue frasi sulle case italiane. La famiglia della signora Rossi era benestante, ma con la guerra le è stato portato via tutto.

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale I NONNI FANNO LA STORIA La seconda guerra mondiale In occasione del 25 aprile, giorno della liberazione dal regime nazifascista, abbiamo intervistato i nostri nonni per conoscere la guerra che loro hanno

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

COME SI VIVEVA... ...DURANTE IL FASCISMO ...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. Intervista alla signora Agnese

COME SI VIVEVA... ...DURANTE IL FASCISMO ...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. Intervista alla signora Agnese COME SI VIVEVA......DURANTE IL FASCISMO...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE Intervista alla signora Agnese " Cosa ricorda dell'inizio della guerra? Che cambiamento c'è stato nella vita di tutti i giorni?"

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO Oggi, dieci febbraio 2010, nella classe quinta B, sono venuti due adulti che ci hanno portato e parlato della giornata della memoria. All'inizio si sono presentati:

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare.

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare. SCHEDA n 4 6) Individuazione dei temi da indagare per delineare i quadri di società relativi alle quattro generazioni: famiglia, lavoro, casa, cibo, abbigliamento, gioco, mezzi di trasporto, mezzi di comunicazione,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900

Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900 Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900 L ostetrica Lucia Spagnolo Ho fatto l ostetrica andando nelle case delle

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

NESSUNO EDUCA NESSUNO, NESSUNO SI EDUCA DA SOLO. CI EDUCHIAMO GLI UNI CON GLI ALTRI MEDIATI DAL MONDO. Paulo Freire AVVENNE DOMANI

NESSUNO EDUCA NESSUNO, NESSUNO SI EDUCA DA SOLO. CI EDUCHIAMO GLI UNI CON GLI ALTRI MEDIATI DAL MONDO. Paulo Freire AVVENNE DOMANI NESSUNO EDUCA NESSUNO, NESSUNO SI EDUCA DA SOLO. CI EDUCHIAMO GLI UNI CON GLI ALTRI MEDIATI DAL MONDO. Paulo Freire AVVENNE DOMANI IO E L AUTONOMIA Mi presento Ho scelto questa immagine perché Lettura/ascolto

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia PAROLE VERBI amore armi assenza libertà crudeltà disperazione dolore egoismo fame fascisti guerra incoscienza innocenti

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

dal sito Lager e deportazione Le testimonianze: Anna Appia

dal sito Lager e deportazione Le testimonianze: Anna Appia Anna Appia Nata il 18.01.1921 a San Giovanni al Natisone (UD) Intervista del: 25.06.2000 A San Giovanni al Natisone (UD) TDL: n. 87 durata: 33 circa Arresto: 31.07.1944 a casa Carcerazione: a Gorizia Deportazione:

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il Villaggio Brollo: ieri e oggi

Il Villaggio Brollo: ieri e oggi Il Villaggio Brollo: ieri e oggi Classi IV A e B Scuola primaria Don Milani a.s. 2007/08 1 Giuseppe Brollo è originario di un paesino vicino a Treviso. Regione Veneto 2 Nel lontano 1939, si trasferì a

Dettagli

Tutto è bene quel che finisce bene

Tutto è bene quel che finisce bene Tutto è bene quel che finisce bene Ciao a tutti, mi chiamo Riccio Pasticcio, un nome un programma. Spesso e volentieri combino guai, per questo mi chiamano così, ma a volte faccio anche qualcosa di buono.

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Concorso intergruppo Alpini della Valgrigna 2013. Elaborato prodotto da: BONOMI CHIARA classe III C

Concorso intergruppo Alpini della Valgrigna 2013. Elaborato prodotto da: BONOMI CHIARA classe III C Concorso intergruppo Alpini della Valgrigna 2013 Elaborato prodotto da: BONOMI CHIARA classe III C Quando a scuola è arrivato il bando del concorso indetto dall intergruppo Alpini della Valgrigna mi sono

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea Giovedì pomeriggio ci siamo recati in biblioteca per fare una ricerca sull'illuminismo. Cercavamo un libro abbastanza antico, non trovandolo la bibliotecaria ci ha portati nell'archivio e ci ha dato un

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

La guerra e la bambina 1938-1948

La guerra e la bambina 1938-1948 La guerra e la bambina 1938-1948 Tea Vietti LA GUERRA E LA BAMBINA 1938-1948 racconto Dedico questi appunti di guerra ai miei figli: Antonella e Alberto e ai miei nipoti: Fabio, Luca, e Alessia, perché

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli