creativitoria 100% MADE IN ITALY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY"

Transcript

1 caosfera creativitoria 100% MADE IN ITALY

2 Teresa Fantino IL DIARIO DI MAGDA: ZIA RACHELE E I BAGNI DI LUNA Essenza Teresa Fantino IL DIARIO DI MAGDA: ZIA RACHELE E I BAGNI DI LUNA ISBN copyright 2014 Caosfera Edizioni soluzioni grafiche e realizzazione

3 Grazie! A mia madre e a mio padre, che per primi mi hanno avvolta col loro amore. Ai miei figli Marco Nuvoletta ed Efrem, I migliori Maestri della mia vita. A mio marito Lino, il cui amore paziente mi svela sempre più nuovi orizzonti di consapevolezza e di pace. A mio fratello Dario, che mi ricorda di tenere i piedi per terra. Al gruppo Shabbat Shalom. Alle Donne del Gruppo del giovedì. Agli Antenati, che dalle loro dimore di Luce parlano al mio silenzio interiore e continuano ad amarmi, ad ispirarmi, a sorreggermi. A tutte le persone che mi hanno reso la vita dura perché, grazie a loro, ho potuto sperimentare l alchimia che può trasformare il dolore in perdono, in compassione, tolleranza e amore incondizionato. A tutti quanti dedico questo libro nella consapevolezza che, come ha detto Gustave Rol: Ogni anima è una nota e tutte concorrono a formare un armonia nelle quale ciascuna vibrazione dona colore e rilievo alla sinfonia umana. Ogni anima è una goccia, le gocce d acqua che formano il fiume vanno verso l oceano dell infinito ove ogni singola volontà si fonde in una aspirazione collettiva. Tutto fa parte di un disegno superiore, di un piano Divino e, nell armonia della vita, c è una corrispondenza perfetta fra tutte le cose 5

4 Magda guardò di sbieco l immagine che lo specchio le rimandava, impietoso. Dopo l ennesima cura dimagrante tutto di lei si poteva definire cascante, ciondolante, tremolante, come quei budini tiepidi appena rivoltati in cui aveva messo troppo latte Ma chi se ne frega, disse mentalmente schiacciando il naso contro lo specchio con determinazione. Si fissò attentamente le zampe di gallina intorno agli occhi, le palpebre cascanti; le piccole e grandi rughe intorno alla bocca sembravano fiumi e affluenti di una carta geografica un po ingiallita ora velocemente invasa dalle nebbie del suo respiro e sorrise. Un bel sorriso contratto che le permise di osservare bene quanto la piorrea stesse inesorabilmente avanzando rosicchiando quelle sue gengive sempre doloranti. Cavolo, due peli bianchi e lunghi sul mento erano sfuggiti alla sua attenzione «Apparenza», disse a voce alta, «tutto, solo apparenza». Vanità delle vanità, nell autunno della sua vita in fondo era proprio come si doveva essere: una facciata vera, leggermente scricchiolante, giustamente decadente, perché le bufere furibonde della vita ne avevano modellato la struttura esterna e ancor più quella interna, trasformandone continuamente l essenza. No, non era certo schiava del suo corpo; bella, secondo i canoni comuni, non lo era mai stata, magra tanto meno ma, insomma, una tiratina ogni tanto, tenersi un po in ordine, togliersi regolarmente barba e baffi, essere una donna decorosa, una donna che si teneva un po, che non debordava troppo anche a livello fisico - come diceva sempre lo zio Alcide - è un dovere. Poi, certo, la cosa più importante è come si è dentro: è sviluppare una buona sensibilità, una coscienza chiara, una 6 7

5 morbida femminilità e poi un po di cultura, un po di bon ton, un po di savoir faire Uffa, zio Alcide non la finiva più di elencare come una donna doveva essere E poi buona madre e amante, mistica e sensuale, astuta a livello psicologico, creativa e con grande senso pratico e bla bla bla. Magda iniziava a comprendere perché lo zio era rimasto scapolo Il cucù scandì le sette del mattino. Per fortuna era domenica. Una domenica tutta per lei. Se la prese comoda, fece colazione e in pigiama iniziò a bighellonare per la casa, aprì l ultimo cassetto del comò e, sotto uno vecchio scialle odoroso di naftalina, vide il diario dalla copertina in pelle marrone. Lo fissò per qualche minuto chiedendosi se avesse senso riportare alla luce frammenti del passato, se quei lontani dolori fossero stati davvero superati o soltanto ricoperti da uno spesso strato di polvere. Si chiese se tutte quelle emozioni patite e profondamente vissute fossero per lei rimarginate, o meglio, trasformate in una sorta di alchimia interiore, da carboni grezzi a perle di luce, fissate ormai per sempre nella parte centrale del cuore, là dove l accetta del dolore aveva colpito più duro. Ma certo, pensò, se dobbiamo vivere in un continuo infinito presente, se il tempo è soltanto una convenzione, allora tutto si fonde e il presente e il passato possono convivere benissimo nel medesimo istante. Prese il diario con decisione. Voleva mettersi alla prova. Ripeté a se stessa: nulla di quello che leggerò mi farà più soffrire. Si sedette comoda nell angolo del sofà e aprì la prima pagina un po ingiallita. Si stupì un po della sua stessa grafia, allora così rotonda e dolce. Cercò di adottare un atteggiamento distaccato, come se fosse un altra persona, dall altro capo della stanza, ad osservare la scena di una donna che leggeva che leggeva come il suo giovane amore, suo marito Alfio, nel pieno della giovinezza, era improvvisamente morto. 8 9 Ad Alfio Ti dedico queste mie tristi langhe le zolle di terra arida gli arbusti secchi il profondo silenzio della natura assetata A te la mia angoscia di questo cuore malato inaridito di lacrime come una zolla di terra Ti dedico le sconsolate colline della mia ansia notturna quando la luna fa a spicchi la terra e su di essa passano le ombre sinistre dell antica paura Ti dedico le mie notti di dolore e l abbaiare straziante dei cani

6 il grido incompreso della civetta il tossire catarroso di un vagabondo. A te la mia disperata stanchezza la tortura dell insonnia la voglia sicura di sparire dal mondo e la crudele consapevolezza di non poterlo fare Ti dedico il candido sonno del tuo bambino le sue manine congiunte sotto una guancia come un angelo Ti dedico il suo tenero corpo che nel sonno va a cercare il mio grembo e si rannicchia per trovar protezione per sognar di galleggiarmi nel ventre ovattato dai suoni la mia voglia che ritorni nel ventre per proteggerlo meglio per pensar che sei morto soltanto per rinascer da me per entrarmi ancor più nel profondo esser parte di me Ti dedico la follia dei miei pensieri la mia mente confusa di fuggire la smania e di tutto, veramente di tutto, l angoscia. Magda chiuse gli occhi e si ricordò perfettamente di quel tempo, quel tempo non tempo che intercorre fra lo shock della morte e la pesante consapevolezza dell accaduto. Aveva fede, certo, l aveva sempre avuta, ma quando la morte ti tocca a vent anni è ancora più dura. Alfio se n era andato. Erano rimasti soli, lei e il suo piccolo Non aveva più voluto cambiare le lenzuola per poter così ancora sentire quel suo buon odore, quell odore che andava annusando nella camicia ripiegata sulla sedia per l ultima volta. Dio, era successo tutto così in fretta, d improvviso, fissava incredula, quasi inebetita, quel giovane corpo immobile su quel tavolo freddo di marmo all obitorio. Sapeva benissimo che la sua anima era altrove ma quella separazione improvvisa era stata una lacerazione troppo cruenta per poterla accettare subito e ragionarci sopra. Non c era stato neppure il tempo di dirsi addio. Un dolore così forte non l aveva mai provato. Aveva chiesto aiuto al Cielo per non morire. Magda continuò a leggere: Chitarre Per te, amore mio queste chitarre urlano la rabbia che sei morto Per te amore stride il clarino e la batteria evoca il tuo cuore impazzito 10 11

7 Un ritmo frenetico trivella i timpani e le cellule esplodono di musica Freme la pelle e rompe la carne l aria bruciante Stanchi, i suoi passi calpestavano quella terra assassina nella quale marciva quel giovane corpo e, con lui, la sua speranza e la sua fede e tutto ciò che le dava il coraggio di vivere. Guardava quei giovani scaltri che a volte la urtavano in strada e pensava che loro non sapevano che la morte li stava guardando. Polvere nel vento erano quei giorni d angoscia, e i mesi come secoli. Magda voltò la pagina. Ribelli gli atomi lottano la chimica sfrecciando prigionieri l antico percorso e tutto, tutto urla il tuo nome. Già, la musica, quanto piaceva ad Alfio. Ma quella sera in cui scrisse questi pensieri fu l ultima in cui volle ascoltare i suoi dischi preferiti. Faceva troppo male. Portò in soffitta il giradischi e non volle più ascoltare musica. Strati grigi di depressione l avvolgevano adagio ma inesorabilmente e si sentiva sempre più scivolare in una voragine infinita. Sapeva che doveva reagire, innanzitutto per quella piccola creatura,frutto del loro amore; e poi per se stessa, perché credeva fermamente che comunque, nella vita, ogni sfida andava affrontata con coraggio nell abbandono fiducioso in una Sapienza Divina che permette prove durissime, ma che rientrano nella Perfetta dinamica dell evoluzione dell anima. Belle parole, certo, ma chi le avrebbe tolto di dosso il freddo della morte, il buio della morte, l angoscia della morte, la voglia della morte? 12 13

8 Sabato sera Prego con tutto il cuore che lui sia felice, da qualunque parte si trovi. Prego che, se può, ci aiuti ancora. Buon sabato sera Alfio! Al sabato sera torniamo a casa più presto del solito. Forse per evitare il suono gaio delle risate dei giovani che si tengono sottobraccio per le strade e che vanno a divertirsi. Chiudiamo la porta alle nostre spalle e ci dedichiamo ai lavori più svariati: realizzazione di fragilissimi castelli con le carte di Alfio da scala quaranta, pittura, lettura di fiabe; un dopo-scuola famigliare insomma. Poi, il momento più duro è quando il mio piccolo si addormenta sul tappeto con Goldrake stretto in un pugno e l astronave ( un pennarello) fra le dita dell altra mano. Lo porto nel lettone e me lo stropiccio con calma: un bacio sul naso, tre sulle orecchie, cento sugli occhi. Lo guardo sospirando e quando, con un grugnito, lui si gira bruscamente sull altro fianco capisco che adesso vuole dormire e basta. Allora giro un po per casa, rievoco e poi sono stufa di rievocare, leggo qualche pagina di un libro ma c è sempre una frase che mi riaccende il pianto. Gli occhi mi bruciano. Alfio aiutami! Vado in cucina e guardo le stelle dalla finestra. Quante, mio Dio! E se Alfio fosse diventato una stella? Mangio una mela, una noce, un cioccolatino. Guardo il telefono e immagino che adesso squillerà, alzerò la cornetta e sentirò la sua voce amorevole e calda. Piango ancora ma piano, per non svegliare nessuno, mi lavo i denti e vado a dormire. Sotto il cuscino ho ancora la camicia di Alfio. La annuso, ma sta svanendo l odore buono del mio amore. Le venne in mente chiarissima quella sera in cui stava rimescolando in una pentola la cena. Era una sera d autunno e le ombre lunghe del tramonto allungavano i loro veli dorati nella cucina silenziosa. Magda aveva avuto uno strano sentore, sussultò ed un brivido freddo le attraversò la spina dorsale. Sapeva che se si fosse voltata, avrebbe visto Alfio lì, dietro di lei, che la guardava. Sentiva fortissima la sua presenza e non si sarebbe stupita di sentire le sue grandi mani posarsi dolcemente sui suoi fianchi. Trattenne il respiro ma non si voltò perché la sacralità di quel momento glielo impediva. Alfio era lì di sicuro, lo sentiva con una certezza assoluta. Era venuto per salutarla, per confortarla, per dirle di farsi coraggio, che lui non l avrebbe mai abbandonata e avrebbe vegliato sempre sul suo bambino Dopo un tempo indefinibile Magda riprese a mescolare nella pentola. Una strana quiete le avvolse il cuore. Strinse in un abbraccio colmo di tenerezza il suo piccolo e poi cenarono. Quella stessa notte, non seppe mai se fu in un sogno lucido o in un dormiveglia, Alfio arrivò in un alone di luce calda. Era radioso, bello e ridente. La abbracciò forte e lei si sentì avvolgere da una corrente di purissimo amore, Lui la fissò ancora e, con il più dolce dei sorrisi, svanì. Magda capì immediatamente che Alfio doveva passare oltre ma che aveva voluto rassicurarla ancora una volta, nel caso non l avesse capito la sera prima. Magda si alzò dal letto serena

9 Lacrime di commozione scendevano copiose sulle guance accaldate. Si soffiò ripetutamente il naso ed entrò nella camera del figlio che dormiva beato, si accucciò vicino al suo lettino, passò leggera le dita della mano in quella testolina di riccioli e gli sussurrò scandendo chiaramente ogni parola: «Adesso dobbiamo lasciarlo andare». Alfredo Una nebbia fittissima. Potevo piangere liberamente, nessuno mi avrebbe notata mentre tornavo in macchina dal camposanto. E in quella curva un camion rimorchio mi strombazza. Mi fermo. Si ferma. E scendi tu, Alfredo, e avanzi nella nebbia d autunno, mi porgi la mano e il tuo sguardo è imperscrutabile. Hai perso un figlio, ti ho conosciuto al suo funerale e tu hai conosciuto me al funerale del mio amore. Ci incontrammo tramite ICQ e le nostre discussioni furono profonde e piacevoli. Ed ora eravamo lì, con le lacrime agli occhi e il naso che colava, le mani intirizzite e gli occhi di nebbia, straziati da un dolore simile. Mi hai parlato di tuo figlio, delle sue abitudini, della sua caparbietà, della sua giovinezza. Ti ho parlato del mio amore, di nostro figlio, della mia voglia di morire. Lì, in una curva, in un pomeriggio freddo di novembre, si discuteva sul fine e sul principio di tutte le cose. «Fatti coraggio» «Anche tu». Una stretta di mani gelide e il calore di una pietà reciproca. E poi sei salito sul tuo autocarro ed io sulla mia macchina e siamo partiti in senso opposto. Ma i nostri cuori percorrevano la stessa strada, caro Alfredo, quella strada misteriosa che si chiama morte, che il tuo Beppino e il mio Alfio hanno percorso, forse per mano, una strada per noi di dolore e d angoscia che li ha portati troppo lontano, oltre 16 17

10 le tue e le mie lacrime, oltre qualsiasi immaginazione, oltre la luce, Alfredo, che cosa c è? Certamente stava andando un po meglio, di segni Alfio gliene aveva dati,eccome! E gli scivoloni erano più che giustificati. Poi c erano tutte quelle ricorrenze e le feste comandate, i compleanni, tutte quelle date in cui per la prima volta Alfio rappresentò il grande assente. Ci voleva tempo, il tempo è il miglior medico, le dicevano. E lei pensava: Che passino, che passino veloci questi anni, che passino in un soffio. Ma sapeva benissimo che era sbagliato pensare in quel modo, e che anche il dolore va digerito adagio. E poi il tempo deve trascorrere col suo giusto passo, come il Buon Dio decide per noi. Fatto senza tempo È una sensazione d angoscia continua, che può diminuire e poi improvvisamente aumentare, ma che ha un minimo costante denominatore che non muta e corrode tutto ciò che è pensiero, cuore, anima, sentimento. È un taglio netto della vita: prima del fatto è passato, il fatto non ha tempo perché ha fermato il tempo, il presente è troppo legato al fatto senza tempo per essere coscienti di viverlo, e perciò si chiama il dopo, ovvero il doloroso adesso. Un adesso che si alimenta del prima, che vive del passato, che rifiuta il presente, che vuole ignorare il futuro. L adesso del dopo è quel tempo in cui la mente fluttua per conto suo nel labirinto dei ricordi. E la mente sembra voler fuggire da questo involucro di carne misera il cui retaggio è la morte. L anima vorrebbe liberarsi presto da quest ammasso ben visibile di miliardi di cellule. Cerca affannosamente una via d uscita, un piccolo buco per scivolare via, per galoppare in praterie sconfinate nella ricerca più probabile del vero, o per andare a morire per sempre, se vero non c è, e finire nel nulla. Ma questo corpo è una realtà che non si lascia dimenticare, è un impostore con terribili esigenze. Lo si vorrebbe zittire per sempre, ma è colpa della speranza innata in noi se non lo facciamo. La speranza più assurda, più incerta, più arcana che ci fa ancora vibrare, anche se non ne abbiamo più voglia, perché è sempre la voglia di amare e il bisogno d amore che, nonostante tutto, ci tiene in vita e ci fa sperare, anche nella morte

11 Buon compleanno Il primo dentino Buon compleanno amore per il tuo primo compleanno di silenzio per i tuoi ventisei anni incompiuti Buon compleanno marito mio per il tuo mondo di pace dove non esiste dolore Ti regalo ancora la mia angoscia e la tristezza per la tua assenza le note gelate delle canzoni d amore che la notte mi canta per farmi dormire. Ti regalo il calore dell estate che non riesce a scaldarmi e la voglia delle tue braccia che vado cercando invano. Ti regalo i campi di grano e i colori della terra la pioggia che ripete il tuo nome e piangendo mi fa compagnia. Ti regalo di tuo figlio il sorriso e il suo sguardo pensoso i suoi nuovi dentini un po storti le sue corse nel vento Amor mio buon compleanno per i tuoi giovani anni che saranno sempre e solo 25 in Dio e nell eternità. Tuo figlio ha le pupille dilatate al massimo ed il suo musetto esprime un misto di stupore, smarrimento, meraviglia, paura. Mi fissa trasognato e con voce soffocata, col suo nasino appiccicato al mio mi sussurra: «Il dentino, mamma, il dentino si muove» Il suo indice, sporco di pennarello verde su quel dentino tentennante, colora all improvviso la mia mente con quella musica dolcissime che si chiama tenerezza. Dio mio, Dio mio Alfio, guardalo! Guarda il tuo bambino! Il suo primo dentino tentenna, guarda Alfio quegli occhi spalancati in attesa di una risposta al suo stupore! Amore, l avresti abbracciato di gioia, saresti stato così orgoglioso di quel momento, di essere tu a spiegargli il perché. Avresti parlato con lui con quel particolare tono di voce che caratterizzava i vostri discorsi e che usavi a volte anche con me, forse perché ti faceva piacere considerarmi ancora un po bambina L avresti confortato, avresti riso con lui e lui avrebbe riso con te e vi sareste ispezionati la bocca, contato i denti, morsicati la dita. Un momento normale di vita famigliare che, condiviso con te, sarebbe stato meraviglioso. Accovacciati per terra abbiamo staccato il dente, l abbiamo messo in un sacchettino. Il tuo cucciolo ha voluto portarlo sulla tua tomba. Per te, amore mio, il suo primo dentino. Com ero giovane! Si disse Magda

12 Per fortuna, come sempre succede nella vita, da lassù arrivano anche le provviste per l anima, una sorta di nutrimento, vitamine e antibiotici spirituali donati dalle sapienti energie cosmiche attraverso incontri benedetti di anime buone, semplici e generose. Zia Rachele, per esempio. Zia Rachele. Sono andata di nuovo da Zia Rachele. È una donna stupenda. Mi fa bene andare da lei che abita sola in quella casa di campagna, in quella piccola frazione di gente semplice che coltiva la terra e vive, come la zia, ancora tanto legata alla terra e ai suoi cicli. Tutti ruotano intorno alla zia. Chi va per farsi fare un iniezione, chi per far segnare i vermi ai bambini, o il fuoco di Sant Antonio, chi per sfogarsi un po, chi per chiedere un consiglio. Insomma, prima del medico c è sempre la zia Rachele che, novanta su cento, ha sempre la soluzione per ogni problema e una parola di conforto e di speranza per tutti. E il tutto condito con una buona dose di umorismo e la raccomandazione di fare il possibile per vivere meglio e poi di affidarsi sempre alla Divina Provvidenza, detentrice di infinita sapienza e dispensatrice di ogni bene. Così la sua casa è diventata punto di riferimento, una sorta di cuscino dell anima dove poter sostare ogni tanto, quando le fatiche del vivere diventano troppo opprimenti. A lei si può confidare un segreto, a lei si possono aprire tutte le porte del cuore, a lei si possono esprimere i pensieri più intricati e tenebrosi della mente sicuri che in qualsiasi labirinto Rachele sa trovare una via d uscita e una chiara soluzione. Oggi, appunto, sono andata a trovarla. «Zia Rachele! Zia Rachele!» L ho chiamata più volte, ma di Zia Rachele nemmeno l ombra. Ho passeggiato un po sotto le nocciole e, quando ho deciso di andarmene, eccola: l ho vista sbucare dal sentiero che va alla casa del Fosco

13 Aveva i capelli arruffati, le guance arrossate, lo sguardo vivace, attento, ed io ho pensato che il concetto di bellezza è proprio soggettivo perché non l avevo mai vista così bella e radiosa. È scesa dalla sua bicicletta un po arrugginita, e pensavo che sarebbe stata perfetta per un ritratto in bianco e nero anni 60. «Entriamo, presto, ti devo raccontare». Ha comandato. Entrate in cucina, Zia si è seduta di fronte a me e ha iniziato la sua storia: «Stamattina, all alba è arrivata Ester, la vicina di casa di Fosco. Preoccupatissima mi ha detto che non vede il Fosco da due giorni, che le imposte sono chiuse e non sente neppure le oche starnazzare. Vieni per favore Rachele, mi ha implorato, vieni tu perché io non ho il coraggio. Siamo letteralmente volate sul posto, le imposte erano chiuse dall interno ma Ester si è ricordata di un portoncino sul retro, un po nascosto sotto la legnaia, che il Fosco a volte non chiudeva a chiave. Infatti il portoncino era solo accostato. Siamo entrate per un corridoio stretto, abbiamo raggiunto la cucina in un tanfo veramente indicibile. E Fosco era lì, seduto al tavolo, la schiena appoggiata alla sedia, la testa reclinata in avanti, le braccia penzolanti. Il cane ci ha trotterellato incontro scodinzolando la coda felice, le due oche un po altezzose girovagavano, noncuranti, nella stanza. Fosco era indubbiamente morto, forse stroncato da un infarto improvviso, mentre stava per mangiare cena, precisamente pane e formaggio, ha decretato Ester, per via delle briciole sparse sul marmo e della carta oleata ancora sporca di gorgonzola. Ma dopo quella deduzione, l urlo di orrore: Guarda Rachele, guarda! Sì, l avevo vista, l avevo vista la gamba destra di Fosco, tutta mangiucchiata, anzi, spolpata e rosicchiata fino all osso Che schifo che schifo, che cosa orribile! Ester con le mani sulla bocca fermava il primo conato di vomito. Vai a chiamare il messo. Le ho ingiunto prima che mi vomitasse addosso. Lei è corsa via come una lepre ed io ho spalancato porte e finestre perché ero in apnea già da troppo tempo» La scena, Zia Rachele, me la stava descrivendo così bene che anch io mi sentivo la pelle d oca (giusto per essere in tema ) e dovevo essere ben impallidita. «Forza Magda», mi ha incoraggiata Zia, «tutte queste cose sono soltanto sottigliezze, sottigliezze che umanamente possono far rabbrividire, ma il guscio che rimane dopo la morte ha svolto il suo compito e poco importa se se lo mangiano le oche o i vermi o se viene gettato nel compost. La sua anima è diretta altrove. Fosco aveva sempre vissuto da solo, o meglio, solo con i suoi animali: un cane, due oche, galline e conigli. Aveva una sua personale concezione del tempo. Mangiava quando aveva fame, si alzava quando ne aveva voglia, andava a dormire quand era stanco. Lo potevi vedere girare per le strade di campagna sulla sua vespa un po scassata a mezzanotte, quando nevicava o nello scoppio del calore in estate. Parlava poco con tutti, faceva la sua vita, si lavava forse una volta al mese, faccia rotonda, basco in testa, quasi sempre vestito con pantaloni scuri da lavoro, camicia sgualcita e un paio di stivali di gomma. Lui era così e basta. Nella frazione, come in tutti i paesi del mondo vive sempre un Fosco solitario, incompreso dalla gente e magari anche da se stesso». Dopo questa descrizione zia Rachele ha acceso un lumino davanti all immagine di un bel Gesù sorridente, ha recitato una breve preghiera per l anima di Fosco, mi è venuta vicina, mi ha preso il viso tra le sue mani calde e rugose, mi ha fissata amorevolmente negli occhi e fermamente mi ha detto: «Magda, bambina mia, adesso basta lacrime, è ora di accettare completamente la trasformazione di Alfio, convinciti che la sua morte è stata certamente il passaggio necessario per l evoluzione della sua anima e di tutte le vostre anime e basta, basta con queste concezioni di lutto, di orrore e di paura che avvolgono la morte e che sono non solo molto dannose, ma perfettamente inutili! Magda, ascoltami, hai avuto già molti segni che Alfio prosegue la sua vita in altre dimensioni, su dei 24 25

14 piani superiori che noi neppure possiamo immaginare! Quindi adesso, ragazza mia», e Zia fece un allegra piroetta su se stessa, «adesso trasmuta i tuoi pensieri bui in forme luminose e positive, e continua a crescere il tuo bambino con tutto l amore che puoi, spalanca le finestre del tuo cuore! Troppa umidità si è raccolta il quegli anfratti, aria, aria!!!» Gli occhi di Rachele brillavano come due diamanti e sembravano scorgere avvenimenti futuri che mi riguardavano. Erano carichi di ottimismo. Erano splendenti, furbi, magnetici, carichi di enigmatiche promesse... Sono tornata a casa serena, immaginando Alfio che correva felice su un sentiero cesellato di fulgidi cristalli dorati, verso un meraviglioso orizzonte, atteso festosamente da tutti i nostri cari antenati e da tutti gli Esseri di Luce. Corri amore mio, vivi la tua nuova avventura in quei territori dello Spirito che tutti noi un giorno dovremo percorrere. Ci siamo coricati, io e il mio bambino, nel grande lettone e, cullata dal battito veloce di quel suo piccolo cuore, sono scivolata in un sonno tranquillo. E cullarti per ore e godere del tepore della tua carne pura Per proteggerti e difenderti dal male del mondo Per insegnarti l amore Per morire contenta di aver dato qualcosa Per lasciarti il ricordo della mia tenerezza perché poi tu continui a trasmetterla al mondo. Cucciolo Come ti amo cucciolo mio mi strapperei il cuore per un tuo sorriso Vorrei regalarti tutte le farfalle del mondo per vederti contento. Vorrei rubare l arcobaleno per non vederti così pallido e inventare le fiabe più fantastiche per spalancarti alla meraviglia Zia Rachele le aveva dato il via per una lenta rinascita, considerò Magda, anche se nel percorso di risalita ogni tanto si finiva per indietreggiare. Che lo spirito è forte ma la carne debole, lo comprendeva benissimo perché con questa massima doveva fare i conti ogni momento. Al mattino i propositi positivi sembravano facili da realizzare, ma prima ancora di mezzogiorno l umore poteva cambiare repentinamente per una parola improvvisa, un gesto inaspettato, un pensiero non dominato ma anzi ancora alimentato da grovigli di ricordi dolorosi, che si moltiplicavano come certe piante infestanti che più le strappi dalla terra e più loro la invadono 26 27

15 Primo giorno di scuola Il mio bambino è già un ometto. Certo ne godi anche tu laggiù dove ti trovi, amore mio, certo gli eri vicino in qualche modo. Mi si è squarciato il cuore per questo figlio destinato alla vita e alla morte. Vorrei saperlo amare così tanto da non farlo morire mai. Ma che può fare una povera mamma sola? C erano molti padri, stamattina, mani grandi che proteggevano piccole mani. Lui guardava in silenzio e mi veniva un po più vicino. I miei occhi bruciavano ma dovevo sorridere a quel piccolo ometto con quella buffa cartella. Ha varcato la soglia dell aula dove, vent anni fa, anch io sono entrata smarrita. E mi ritrovo di nuovo smarrita, come allora, e sento la smania di tornare bambina per non aver la tua morte sul cuore, per aver l entusiasmo negli occhi e quell anima pura e creder sempre che tutto sia bello. Eccomi, piccolo mio, a ripercorrere con te il doloroso cammino della vita. Voglio riuscire a farmi piccina per crescere e sperare con te, cucciolo mio. Alfio, vedi, tu te ne sei andato e noi qui a soffrire la fatica di vivere che sarebbe una gioia se tu fossi con noi, come questa mattina; preparar la cartella a tuo figlio e portarlo alla scuola, la tua mano grandissima a scaldare la manina e scherzare un po insieme e vederlo nel banco e pensare che è cresciuto. E tornare verso casa a braccetto orgogliosi di aver fatto quel figlio, il tuo braccio mi circonda le spalle, siamo proprio una bella coppietta, sono già sette anni e sono sempre più bella, e tu sembri ancora un ragazzo con quei riccioli bruni e giocare a farci la corte e scherzando immaginare di avere un bambino Quando esco da scuola il mondo mi appare tra le lacrime. L aria è fredda e cattiva perché tu non ci sei. Corro in fretta al lavoro, prendo foglio e matita e ti scrivo, amor mio, e voglio piangere un po. Dammi forza mio Dio. Magda si fermò. Alcuni momenti di quel passato proprio non se li ricordava, o meglio, la sua mente li aveva volutamente cancellati. Una forma di astigmatismo mentale, sempre per difesa, si capisce, anche per guardare avanti, perché le ferite per quel tremendo distacco potessero rimarginarsi più in fretta. Ora però tutto tornava nitido, vibrante di particolari dimenticati. Ricordava se stessa in quella ricerca disperata del senso di tutte le cose, della malinconica consapevolezza di essere troppo fragile, di essere piena di limiti, di lasciarsi prendere troppo spesso dallo sconforto, della sua paura che la morte la sorprendesse all improvviso, senza darle il tempo di prepararsi all incontro. Come mi troverà la morte? Si chiedeva poco più che ventenne, avrò vissuto coscienziosamente? Avrò amato nel modo migliore? Avrò sofferto con dignità? No, non era assolutamente pronta per morire perché doveva ancora imparare a vivere

16 Nell alba chiara so che ci sei e di questo giorno sereno io ti ringrazio Tu vivi nel tormento della mia ricerca di pace e se riesco a gioire è perché ti porto ovunque io vada Oh finalmente una piccola risalita! Magda uscì un attimo sul balcone, inspirò profondamente l aria fresca del mattino consapevole che, nella lettura del diario, il peggio era passato, il peggio nel senso di quel dolore sordo, troppo opprimente, insostenibile. Rientrò e aprì il diario su quella pagina che raccontava ancora di Zia Rachele. Sentì subito i muscoli rilassarsi e le sue labbra sorridere Nessun legame terreno potrebbe essere più forte del nostro perché la mia mano di carne stringe la tua mano d eternità Io continuo la vita e l amore ho il dovere di dare e tu vegli perfetto il mio esistere e il mio dramma di donna Ogni mia decisione non è più personale perché tu mi consigli con la tua stessa morte e c è Dio che m ispira Sono fragile in mezzo alla gente sono agnello tra i lupi Ma per questo sono anche più forte guardo in faccia la morte È un amore che spazia i confini e abolisce il possesso Siamo puri pensieri di pace nella mente di Dio. Zia Rachele è sempre così serena, spesso addirittura gioiosa. Niente lamentazioni, niente sospiri, niente pettegolezzi, niente pensieri negativi. Quando oltrepasso il cancello della sua casa, è come se varcassi un portale magico verso una terra più sottile, verso dei territori dove l impossibile diventa possibile, dove la mente viene frenata e l intuizione amplificata. Quel posto è diventato per me un spazio sacro, una regione le cui vibrazioni mi sono famigliari, dove mi trovo semplicemente a casa, accolta, ascoltata, compresa, amata, consigliata, incoraggiata. Zia ha una grande intuizione, questo tutti lo sanno, come tutti sanno che ha qualcosa in più rispetto a tutte le persone comuni. Lei vede e sente cose del mondo invisibile e, anche se di queste faccende non parla mai, tutti lo danno per scontato e la rispettano perché la sua magia è una magia buona, è una magia che non ostenta, che non racconta, è una magia dolce ed equilibrata che mira solo ad aiutare le persone in semplicità, nella consapevolezza che questi doni che il Cielo le ha donato sono grandi responsabilità e che lei è soltanto il canale, il semplice strumento della potente energia Divina. Le sue mani sono calde e vibranti, sono mani intelligenti che sanno sempre dirigersi e posarsi nelle zone del corpo bisognose d aiuto

17 Nel silenzio benedetto della sua cucina, a volte non parliamo per lunghissimi minuti. Lei chiude gli occhi e mi mette le mani sulla testa per calmarmi i pensieri. Non mi tocca, ma già a distanza io sento il suo calore benefico, come onde di luminosa energia che mi ripuliscono da tutta la ruggine cerebrale depositata in quei sentieri tortuosi che la mente sa così ben costruire. Poi, quando il timer della sua intuizione le dice di togliere le mani, riapre gli occhi e le sue pupille dilatate sono così splendenti e profonde che sembrano aver visto qualcosa di sublime, un mondo parallelo indescrivibile. Poi prende le mie mani e le mette sul suo menisco un po malandato per via di una caduta dalla bicicletta. Io non capisco, io non ho la sua energia buona nelle mani. Lei mi guarda e sorride con tenerezza e richiude gli occhi. Cosa faccio adesso? Mi chiedo, e allora seguo la mia intuizione, chiedo aiuto agli esseri di luce, visualizzo spirali azzurre che avvolgono con immenso amore il suo menisco, lo immagino rigenerarsi velocemente grazie a queste vivide correnti energetiche che arrivano, attraverso le mie mani, dai cieli cosmici e dalla loro perfetta armonia. Il tempo rallenta, quasi si ferma, come il battito del mio cuore. È una sensazione di pace profonda. Zia Rachele riapre gli occhi e con voce ferma e carezzevole mi dice: «Adesso va meglio. Grazie cara». Quella notte ho fatto un sogno strano: ero vestita da sposa a metà della navata della mia parrocchia. Gli invitati riempivano i banchi della chiesa. Si è aperta all improvviso la porta d ingresso e in una nebbia evanescente è entrato lo sposo; era avvolto da un mantello scuro e aveva gli zoccoli nei piedi, folti capelli neri ne coprivano completamente il volto. Mi sforzavo di intravederne i lineamenti ma non è stato possibile. Lo sposo senza volto mi ha presa per mano e insieme ci siamo avviati verso l altare. Mi sono svegliata di soprassalto. Completamente sudata. Sei tu, Alfio, che nel sogno torni a sposarmi? Ma di chi era quel volto misterioso? Quale senso aveva questo sogno? Quale messaggio mi portava? L avrei chiesto a Rachele. Forse era la sola che poteva darmi una risposta. Magda si ricordò quei giorni di risalite e ricadute continue, si ricordò di come certe amicizie all improvviso sbiadissero o come un grande dolore cambia il valore di certi rapporti. Certe delusioni la liberarono. Considerò come certe amicizie, a volte, diventano vere e proprie schiavitù: si è costretti a ricambiare regali durante le ricorrenze che ti vengono sempre ricordate prima, a sopportare spesso discorsi noiosi, futili, retorici, alimentati da sottili invidie camuffate da logica e buonsenso amici di baldoria che nei momenti dolorosi si erano completamente volatilizzati. No, non aveva più voglia di questo pesantume, aveva voglia di amici veri, genuini, semplici. Le avevano dato della povera imbecille. Così, senza tanti preamboli. Avevano ferito il suo ego, di sicuro. Benissimo, un altra lezione di umiltà. E lei pensò che c era modo e modo di dare dell imbecille a qualcuno. Di sicuro preferiva la maniera sfumata ed elegante, se proprio bisognava farlo, ed era una grande soddisfazione riuscirci senza offendere nessuno, senza abbassarsi a frequenze troppo basse. Tuttavia nacquero conflitti morali tra il suo desiderio di troncare i rapporti sterili e la sua educazione religiosa che le ricordava, come un coro di voci bianche nella sua mente: Amate i vostri nemici. Allora si chiedeva quale fosse il compromesso a cui doveva giungere senza prescindere dai suoi principi e senza soffrire per la perdita di quelle che erano state compagne d infanzia e di gioventù

18 Docile e remissiva per natura, a forza di martellate sul cuore stava imparando a razionalizzare la sua istintività e, se da un lato desiderava essere in pace con tutti, dall altro capiva l impossibilità di tale utopia, perché la sua realizzazione avrebbe annullato la sua personalità e le sue convinzioni. Risoluta nelle sue decisioni, godette questo abbandono come una vittoria, una liberazione, un segno di maturità. Da un po di tempo stava compiendo piccole scelte che l aiutavano a vivere meglio: c erano voluti tanti dolori e la morte di Alfio per entrare un po più in se stessa e comprendere ciò che la poteva rendere soddisfatta e lieta di essere al mondo, utile a qualcosa e a qualcuno, convinta di percorrere in quel momento il giusto binario. Capì che il dolore era necessario, travaglio insostituibile per una rinascita spirituale. Sì: Magda, la giovane vedova, voleva comprendere il mondo e se stessa. Spesso, si ricordò, andava in crisi per il lavoro, avrebbe voluto cambiarlo e cercare da qualche parte qualcosa che la appagasse veramente. Allora si metteva a leggere vite di Santi, di eroiche missionarie morte tragicamente nell adempimento della propria vocazione. Andava in crisi e si sentiva un verme, un piccolo verme inutile. Si metteva allora a pregare cercando la solitudine, anelando a una vita di clausura in un monastero isolato, tetro e severo. Oppure sognava di partire per l Africa, lei e il suo bambino, ad aiutare i fratelli più bisognosi, a condividere la loro vita povera e difficile. Erano crisi che arrivavano, la schiacciavano e se ne andavano solo dopo uno sforzo non indifferente che le permetteva di rimanere nella realtà, sentendosi magari missionaria nel suo lavoro, missionaria dovunque. Ma per quale missione? La sua missione era semplicemente quella di ritrovare la dimensione della gioia, di crescere bene quel figlio che adorava, di continuare con tanto entusiasmo le sue ricerche spirituali e piantarla lì con tutti quei guazzabugli mentali. Zia Rachele mi ha fissata in modo insolito e ha decretato: «Tu hai proprio bisogno di un bagno di luna». Ha consultato il calendario e ha stabilito: «Giovedì è luna piena. Ti aspetto dopo cena». Non sono rimasta sorpresa più di tanto perché mi stavo abituando all originalità dei suoi inviti. Era una bella sera d agosto con una luna langarola alla Pavese. Ci siamo adagiate sulle sedie a sdraio sistemate vicino agli arbusti cespugliosi di lavanda. E in quell odore dolce ed inebriante abbiamo iniziato a contemplare la luna. Zia Rachele ha recitato una specie di mantra alla luna, con le dita della mano destra ha disegnato strani geroglifici nell aria e poi si è felicemente rilassata sulla sdraio. «Ascolta Magda», mi ha detto sorridendo, «il nostro ritmo femminile è lunare, quindi immergerci nelle energie della luna vuol dire lasciarci caricare dalle sue influenze benefiche». Sapevo di ripetere quella sera, con Rachele, gesti di rituali antichissimi, compiuti sin dalla notte dei tempi, in ere nelle quali si viveva più in sintonia con tutto il creato. Rachele, ad un certo punto, si è messa a cantare una nenia dolcissima e ipnotica di incomprensibili parole. Io la guardavo, meravigliata, perché quella donna era una cascata di gioia e ti contagiava col suo amore per la luna, per il sole, per le stelle e tutti i pianeti. Eppure non cadeva mai nel fanatismo ma sapeva mettere in pratica tutto quello in cui credeva. «Magda cara», mi ha detto con allegria, «dobbiamo credere nella forza della luna piena, nella magia di questa energia e di tutte le energie che i pianeti mettono a nostra disposizione. Non dobbiamo mai perdere il contatto con i ritmi cosmici, perché 34 35

19 noi siamo fatti di sole e di luna e tutto è dentro di noi. In noi, come ha detto qualcuno che di queste cose se ne intende, c è la velocità di Marte, la lentezza di Saturno, la ragione di Mercurio, l umanità di Venere e le qualità specifiche di ogni pianeta. Magda, non è meraviglioso tutto ciò? Il Buon Dio ci ha elargito di doni straordinari e noi siamo così poco consapevoli di tante meraviglie!» Non mi sarei stupita di vederla a mettersi a ballare sotto la luna ed ero più che convinta che quei raggi argentei ci stavano ricaricando, rinnovando. Non sapevo spiegarlo a parole ma avevo la netta percezione che quelle onde lunari ci avvolgessero con estrema dolcezza e penetrassero nei pori della nostra pelle andando a ripulire ogni cellula, portandosi via tutte le impurità, esaltando la nostra femminilità. Quella notte mi fermai a dormire da lei. Sognai tutte le antenate della mia famiglia strette in cerchio intorno a me. Ero seduta su una sedia di cristallo e loro mi pettinavano i lunghissimi capelli con dei pettini di quarzo, di ametista, di giada. Mi sorridevano con grande affetto; una di loro, la più anziana, cullava tra le braccia il mio bambino che sorrideva felice. «Se avessi raccontato a qualcuno del mio bagno di luna, mi avrebbero presa per matta». Ridacchiò Magda voltando nuovamente la pagina del diario. Trent anni fa certe cose non si potevano proprio dire. Non che adesso si possa parlare con tutti di tutto, ma la gente è più aperta, è più informata, si interessa di tutto, va su internet. Certi tabù sono superati. Ci si confronta con gli altri, ci si aiuta. E le venne in mente la storia di Isotta. L aveva sentita raccontare una sera di novembre dalla nonna, mentre sulla stufa cuocevano le castagne. Era una storia che le era rimasta impressa. Isotta non aveva figli. Questo era il suo grande cruccio. Colpa sua? Di suo marito? Nessuno lo seppe mai. Non erano certo tipi da consultare i dottori. Vivevano una vita un po isolata: lui sempre nella vigna o a lavorar la campagna; lei, di salute un po cagionevole, seguiva una dozzina di galline e badava alla casa. All improvviso iniziò ad andare sempre in chiesa. Quando il parroco, al mattino presto, apriva il pesante portone d ingresso, lei era già lì, pronta per entrare, sia che nevicasse, sia che piovesse, sia che la strada fosse gelata o nella calura estiva. Teneva il foulard annodato stretto al collo, quasi a nascondere quel suo viso triste dallo sguardo malinconico e sfuggente, come se dovesse sempre difendersi da qualcosa o da qualcuno. Aveva il corpo magro e asciutto, le spalle contratte e incurvate sul petto come per nascondere quei due piccoli seni che considerava inutili e vergognosi. Sì, Isotta avrebbe voluto essere invisibile perciò camminava veloce con la testa bassa per non dare a nessuno l opportunità di fermarla, di parlarle. Voleva solo nascondersi, sparire per sempre, non angosciarsi più per la sua sterilità. Ma in chiesa ci voleva andare, si inginocchiava nell ultimo banco e non seguiva né le preghiere della messa, né ascoltava la predica, né faceva la comunione. La sua testa viaggiava altrove. Pensava che si sentiva secca, sì, si sentiva secca e bruciata come quell albero di catalpa colpito dal fulmine che vedeva dalla finestra della sua camera da letto. Già, la sua camera da letto dove dormiva col suo uomo. Il suo uomo? Da quando lo aveva sposato tutto era cambiato. Chissà poi perché lo aveva sposato forse per far piacere alla madre e lasciarla morire in pace, contenta di averla sistemata

20 Ricordava quando, sposi freschi, tra le lenzuola di pizzo che lei aveva ricamato, lui la invitava a lasciarsi andare, a collaborare un po, a ricambiare il calore che le veniva offerto. Ma Isotta stava dura come un baccalà e le sembrava di vedere, sul soffitto della loro stanza, la faccia scura di sua madre che dall al di là la guardava inorridita, severa, austera. Isotta non avrebbe mai voluto che arrivasse la sera, e con essa quell obbligo di subire le carezze e i tentativi inutili del marito di scaldarla. Un meccanismo cattivo la raggelava tutta, il loro rapporto col tempo divenne uno sfogo di lui e poi neppure più quello. Nessun piacere, nessun figlio, niente di niente. Usciva di casa solo per andare a messa, a tutte le sepolture, a tutte le benedizioni e ai matrimoni. Ma ai battesimi mai. Le faceva troppo male. Pensò che qualcuno le avesse fatto un sortilegio, forse la masca Brunilde le aveva mandato il malocchio, l aveva resa fredda come il marmo e a suo marito aveva fatto una magia nera congelandogli gli spermatozoi. Per questo era sempre in chiesa, per combattere il malocchio. Il parroco cercava di avvicinarla ma lei, prima che finisse la funzione, era già sgattaiolata via perché non aveva voglia di parlare con la gente, non avrebbe mai confidato i suoi guai a nessuno, tanto meno al parroco. Nessuno era in grado di capirla e tantomeno di aiutarla. Diventò ancora più secca, arida, taciturna. Andare in chiesa non era servito a niente. Nessun miracolo aveva cambiato la sua vita. Dio aveva altro da fare piuttosto che preoccuparsi di una donna insignificante come lei. Si sentiva le membra nodose, anchilosate, come quelle di certi alberi minacciosi che, nel bosco, nelle notti invernali, sembravano animarsi e le mettevano paura. Da lei non era fiorito nulla, non era riuscita neppure a sciogliersi negli abbracci avvolgenti dell amore. Riempì tutti gli angoli della casa di sale per allontanare gli spiriti maligni, diventò sempre più diffidente verso tutto e tutti, covando nell anima insensati e acidi rancori per la sorte malvagia che le aveva negato la gioia di una sessualità feconda. Si rinchiuse nei suoi blocchi, cementata in una solitudine distruttiva, Suo marito rientrava per mangiare e per dormire e anche la domenica e le feste comandate lavorava in campagna, almeno così diceva. Tra loro s infiltrò un ruvido mutismo, crepe profonde avevano già irrimediabilmente intaccato il loro già fragilissimo rapporto. Isotta incominciò a dimenticare di preparare regolarmente i pranzi e le cene, di dar da mangiare alle galline, ma si ostinava a fare ancora marmellate e conserve che ammucchiava nella cantina e che venivano coperte nel tempo da ragnatele e caccole di ratti. Quel giorno iniziò all alba a pelar pomodori, li mise in una grande pentola sul gas della cucina e mentre la conserva si consumava nella pentola Isotta si sentì come svuotata, come se il suo cervello stesse bollendo troppo velocemente e consumando insieme ai pomodori. Perdette il senso del tempo, perdette il buon senso di tutto, povera anima, la sua mente deragliò di brutto. Si tolse il golfino di cotone, ne tagliò una manica, ne annodò l estremità, la riempì di conserva e incominciò con enfasi a benedire tutta la cucina, biascicando, in un improbabile latino, una benedizione funebre che aveva imparato in chiesa. Gli spruzzi di conserva benedissero piastrelle, frigorifero, mobili, lampadario, vetri e tendine mentre la voce di Isotta diventava sempre più isterica continuando a salmodiare e a farfugliare canti sacri e profani. Così la trovò il marito, quando tornò dal lavoro, la trovò con la conserva che le colava dai capelli appiccicati al viso, lo sguardo perso verso un punto indefinito

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede.

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede. Priscilla dei lupi 1 Le luci del pomeriggio rimbalzano sfocate tra i rami. È un momento di assoluto silenzio anche se nel bosco domina il rumore. Un lupo saltella tra la sterpaglia intorno a un rovo di

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione 9

SOMMARIO. Introduzione 9 SOMMARIO Introduzione 9 Capitolo 1 In te c è uno spirito libero dai disagi 11 La mente vuota ti regala il benessere 14 Tu non sei i tuoi pensieri 19 Le immagini sono più forti dei tuoi pensieri 20 C è

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Umberto Fiori Nove poesie

Umberto Fiori Nove poesie Umberto Fiori Nove poesie APPARIZIONE Alte sopra la tangenziale, chiare, due case con in mezzo un capannone. E questa l apparizione, ma non c è niente da annunciare. Eppure solo a vederli là fermi, diritti

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Cerchi d acqua e policromie cristalline

Cerchi d acqua e policromie cristalline Cerchi d acqua e policromie cristalline Entriamo nella casa del lago. Vanni scruta l ambiente da esperto. Apre le grandi finestre, lasciando entrare l aria fresca e pulita. Un odore d antico c investe.

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...)

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) www.cantogesu.it La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Citazioni & Frasi I. Analìa Scarpone. L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore.

Citazioni & Frasi I. Analìa Scarpone. L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore. Citazioni & Frasi I Analìa Scarpone L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore. Prova per un attimo ad essere semplicemente felice, sciogli il passato, vivi

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

La nostra distanza. www.michelefranceschini.net

La nostra distanza. www.michelefranceschini.net 1. LA vita 2. IL VIAGGIO 3. LA FORZA DELLA VITA 4. GIORGIA 5. DIARIO 6. GIOVANE AMORE 7. RESTO SOLO 8. UNA STORIA SENZA TE 9. LA NOSTRA DISTANZA 10. TE NE VAI La nostra distanza Scritto e ideato da Michele

Dettagli

CHI SARA AD ASPETTARCI OLTRE QUELLA PORTICINA?

CHI SARA AD ASPETTARCI OLTRE QUELLA PORTICINA? CHI SARA AD ASPETTARCI OLTRE QUELLA PORTICINA? Inserto N. 4 2007 Dall amore di mamma e papà è nata la mia vita. Sono stato accolto a braccia aperte, coccolato e teneramente abbracciato. Molto tempo prima

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Pugni Sebastiano. Xi Xi Lin

Pugni Sebastiano. Xi Xi Lin Pugni Sebastiano La stanza dei fantasmi Questa è una stanza dei fantasmi, persone che entrano e non si vede più il loro corpo trasparente, ma diventano sentimenti, belli e brutti. Di persone che hanno

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO ESERCIZI FASE DELL ATTENZIONE Il cliente sarà coinvolto nel processo di auto se prestiamo attenzione Es.1: prestare

Dettagli