Polarstern, 17 gennaio 2005, 21:50. Polarstern, 18 gennaio 2005, 20:05

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Polarstern, 17 gennaio 2005, 21:50. Polarstern, 18 gennaio 2005, 20:05"

Transcript

1 1 Polarstern, 17 gennaio 2005, 21:50 L aria è fresca ma non fredda. Pochissimo vento, il mare increspato da lunghissime onde, alte qualche metro ma lunghe cinquanta, cento, che arrivano da est con regolarità, enormi rotoli che passano sotto alla nave, la sollevano lentamente, la fanno ricadere. Su su su, lentamente. Poi giuuuu e di nuovo su. Mi godo l aria sulla faccia, le ultime luci del tramonto, laggiù, lontano. Di nuovo ti ricordi di quanto è bella la natura, di come sono varie le nuvole, scure all orizzonte, blu e rosate. Di nuovo riscopri il piacere delle sensazioni, la presenza del mare, gli albatros che sfrecciano via a pochi centimetri dall acqua, volteggiando rapidi e maestosi attorno alla nave. Oggi ho perso il diario che avevo scritto per questo viaggio. L arrivo a Punta Arenas, salpare nello stretto di Magellano. Tutto in fumo, per uno stupido problema di copia. Meno male che le fotografie sono già tutte duplicate. Ma di fronte a questo smisurato cielo, di fronte agli albatros e alle onde che non ho mai visto, tutto assume un importanza relativa. Finisco la mia birra e torno dentro. Polarstern, 18 gennaio 2005, 20:05 Oggi il mare è grigio, quasi dello stesso colore del cielo, solo un poco più plumbeo. Mi pare chiaro, le nuvole sono un velo uniforme che ricopre tutto sopra le nostre teste e il mare lo riflette. L unica differenza è la stessa che ricorre fra una stampa e una diapositiva, la trasmissione e la riflessione. Il cielo è la dia del mondo e il mare la stampa. Io sono proprio nel mezzo alle due, godendomi il meglio dell una e dell altra. Prima di perdere il diario volevo tenere conto dei fatti. Quello che succede a bordo. Cosa faccio ogni giorno. Anche gli eventi più insignificanti. Tanto a bordo tutto prende un senso, anche le piccole cose, la vita si riduce talmente all essenziale che parlare del tempo diventa un attività capitale. Il mare. Potrei passare ore a guardare il mare, ad apprezzarne la mutevolezza. Un giorno è arrabbiato, un giorno è calmo. Oggi è color ferro, l altro giorno era nero. Arrivando a Punta Arenas un blu profondissimo, così intenso da spazzarti via. Questo è un motivo per cui amo il mare, perché pur essendo sempre se stesso esiste in mille forme, sempre diverse. Mi pare un altra ottima metafora della vita e nel variare della forma delle onde vedo il riflesso degli alti e bassi del mio umore. Questo è il bello del mare, che è sempre nuovo. Ma cosa farai in nave per un mese? Guardo il mare. La gente ti guarda strano, pensa che un mese di nave sia orribile. Forse non sanno che puoi guardare il mare tutto il tempo e non stancarti mai. È come avere un amante diversa tutti i giorni, vi sembra poco? Altro che routine, finalmente potete cambiare donna ogni giorno che passa, a volte anche dopo poche ore, finalmente potete realizzare il vostro sogno di Casanova e don Giovanni, possederle tutte quante.

2 2 Mai più essere limitato ad una cosa, un lavoro, una moglie, una vita, ma con uno sguardo abbracciare il mondo intero, l esistenza tutta, tutte le città che ancora non hai visto, le storie che non ti hanno raccontato, tutte le donne del mondo. Per questo osservare il mare e descrivere che tempo fa non è un attività noiosa e ripetitiva, ma è invece un atto d amore. La donna di oggi è grigia scura, solo un po più scura del cielo. Non c è un filo di vento fra i suoi capelli, la superficie della pelle è quindi quasi perfettamente liscia. Non è piatta però, lunghissime onde che avanzano lente e metodiche la riempono di morbide e liscie curve. Il meteorologo ci ha appena spiegato che siamo al centro di un sistema di bassa pressione e che quindi l aria è immobile. Le onde che notiamo sono originate del sistema di venti di un fronte che si trova molto più a ovest e si sta spostando verso di noi. In pratica vediamo i resti di una tempesta lontana. A dir la verità non sono onde, ma ciò che i francesi a ragione distinguono e chiamano houle. Ci ho messo anni a capire cosa fosse e me ne sto rendendo conto per davvero solo adesso, in questi mari. Non mi stupisce che in italiano non esista una parola simile, il Mediterraneo che circonda tutte le nostre coste è troppo piccolo per avere dei sistemi di risonanza che generano delle strutture così lunghe. I francesi, che hanno si un pezzettino di Costa Azzurra ma il cui vero mare comincia a Finisterre invece lo conoscono bene. Ci vuole uno spazio sconfinato e una burrasca lontana, ma soprattutto tanto tanto spazio per far propagare le sollecitazioni e trasformarle in queste lunghissime montagne d acqua. Non sono onde, è tutto il bacino che oscilla. Il risultato è che la nave, così stabile nei forti venti degli altri giorni, nei bei cavalloni neri spumeggianti, le punte spazzate via dal vento forte, adesso oscilla di diversi metri, lentamente lentamente, per diversi secondi, prima di ripartire in senso opposto, senza fine. Il movimento peggiore se soffri di mal di mare, sostiene il mio zione. Le navi grosse e le onde lunghe. Bleah, è lì che vomiti. Però per ora non mi da fastidio, e non sembra causar problemi nemmeno ai miei compagni di viaggio, anche se vedo molti cerotti incollati dietro le orecchie e molti ingoiano la loro pastiglia tutte le sere. Morbida donna, lenta e liscia, grigio scuro. Cosa diventerai domani? Quando ti stancherai di cullare questo granello galleggiante e ci mostrerai quello che sei nei tuoi momenti d ira? Quando ti mostrerai burrasca, livida e paurosa, soffiando maestosa la tua forza? Sarà un peccato non poterti dare il benvenuto ritto sul ponte, là fuori, fra gli schizzi, ma non ti preoccupare, anche se dietro un vetro starò a guardarti per dirti benvenuta con un sorriso. Polarstern, 19 gennaio 2005, 17:35 Il vento ha rinforzato e continua ad aumentare. Le onde sono serrate e spumeggianti, di un blu spento e scuro. Il cielo grigio chiaro, con striature nere. Gli albatros sembrano approfittarne, planano più vicini alla nave, quasi

3 3 sembra di poterli toccare. Quando sono vicini finalmente ti rendi conto delle dimensioni effettive, dell imponenza di questi uccelli. Volteggiano alti, quasi immobili nell aria. Poi scendono giù, rasenti, quasi toccando il mare con la punta delle ali. Sfrecciano via velocissimi sfiorando le onde schiumanti, seguendo perfettamente il rilevo mutevole del mare. Sono a loro agio proprio dove l aria e l acqua si toccano, in quel sottilissimo strato che non è né mare né cielo, fatto di schizzi e di sale, quel confine impercettibile fra i due mondi. Oggi ci hanno seguito in molti, e diventeranno sempre più numerosi avvicinandoci al fronte polare. Albatros ed altri uccelli più piccoli, bianchi e neri, velocissimi. Poi il maestoso damier du cap grigio. Improvvisamente si sono posati sulla superficie del mare. Si sono lasciati galleggiare fra le onde già forti, placidi. Una coppia ha iniziato a darsi teneri colpi di becco, come baci. I re dei cieli australi si è trasformato in un placido anatroccolo. Polarstern, 19 gennaio 2005, 21:25 Salgo sul ponte, stringendomi la giacca addosso, chiudendo i lacci del cappuccio, infilando i guanti e serrando i polsi. Il vento è forte e mi entra comunque nella giacca, la pioggia si trasforma in proiettili dolorosi negli occhi. I pantaloni mi sbattono nel vento. Mi rendo conto di come si potrebbe resistere per poco tempo in tali condizioni, senza essere ben equipaggiati e coperti, senza una capanna in cui ripararsi e scaldarsi. Gli albatros loro non fanno una piega. Sfrecciano via velocissimi nel nuovo vento, i più grossi che abbia visto fino ad ora, sempre più numerosi. Anche loro si godono il tempo, l acqua e il mare. Riscopro l essere primitivo che è in me, il contatto con la forza della natura. Non ci sono più, il vento mi ingoia, mi polverizza, mi trasforma in schizzi che partono via. Mi fondo con il grigio e il nero, divento un albatros che nella sua planata fra mare e cielo si cancella lui pure in un onda schiumante. Faccio un rutto. Il sapore che mi arriva in bocca mi disgusta. Un misto di cetriolo andato a male, cattivo alito, grasso d agnello e cipolla. Questa sera abbiamo mangiato gyros con salsa bianca; I pezzi di carne colavano unto speziato e la crema era spessa e densa come maionese. Lo tsatzichi di cetrioli yogurt trasformato in una bomba di colesterolo. Il cibo a bordo è ottimo, non so come riescano a non farlo sembrare congelato, ma è veramente indigesto. In pura tradizione tedesca, che ho imparato a conoscere. Impressione confermata da Felix si mangia esattamente come vent anni fa in Germania. Incomincio a non poterne più, bisogna che mi contenga. ci vorrà ancora del tempo per tornare alle mie zuppette d verdura, la sera prima di addormentarmi. Verdura bollita e un filo d olio nuovo. Prendiamo la colazione. A dir la verità è un pranzo, ma visto che mi alzo alle undici per il mio stomaco addormentato è una prima colazione. Oggi

4 4 bistecca di maiale affumicata con salsa di birra e knödel di pane e patate. Rollmops, varie insalate con varie creme, di quelle che ti fanno venire mal di testa tutto il pomeriggio. Panna e frutti di bosco. Poi a cena sto gyros abominevole che mi porta in bocca lo stesso sapore che deve esserci nella fossa di depurazione delle acque. Nel cesso c è scritto di non gettare nulla nello scarico, per non danneggiare le piante che assicurano il riciclo della fossa biologica. Se domani cago lo stesso veleno che ho in bocca questa sera stermino tutte le gentili pianticelle mangia cacca. Polarstern, 20 gennaio 2005, 03:25 Il vento ha rinforzato ancora, le onde hanno iniziato a spazzare il ponte. Si intuisce l orizzonte nella notte che non è mai scurissima, ma il mare agitato è livido. Il vento gelido alza lunghe spruzzate che sembrano esalazioni bianche e che vengono subito scaraventate lontano. L acqua spumeggia, si alza, si abbassa. Stai attaccato a solo qualche metro da dove le onde irrompono sul ponte, a tratti, sembra che da un momento all altro ti possano afferrare e portar via. Ti chiedi perché è proprio là, in mezzo alle onde nere, che ti senti in pace. Polarstern, 20 gennaio 2005, 12:20 Sono totalmente al di fuori dal tempo. Non so che giorno è, non so che ora è, da quando sono a bordo. Non saprei dire quello che è successo ieri o l altro giorno, quanto tempo è passato, cosa abbiamo fatto un certo momento. Tutto si mischia nella memoria. Non c è passato, non c è prima o dopo. La retta del tempo in genere è una linea dritta dietro di noi, riusciamo sempre più o meno a mettere in fila il treno dei ricordi, un vagone dopo l altro. Certo spesso la nostra retta del tempo non è così diritta, anzi va un po a strappi, si annoda e poi riparte, fa delle volte e a tratti si cancella, ma fino a qualche giorno fa è pur sempre rimasta un entità discretamente lineare. Adesso c è una pianura sconfinata, i ricordi sono tutti sullo stesso piano. Come una distesa di sabbia infinita, senza il mare da una parte e la terra dall altra, solo sabbia a perdita d occhio e tante conchiglie disseminate sull arena, le piccole azioni che non si sono perse nella routine, che non sono diventate i granelli di sabbia del sostrato generale. Le date che metto a queste note quindi di fatto non servono a niente, e forse sarebbe meglio non indicarle e basta. Quando rimetterò piede a terra tutti i ricordi saranno confusi in un unica grande sensazione, i giorni saranno trasformati in uno solo, i confini fra le ore di luce e di notte saranno spalmati via, la memoria gommata su di un mese di mare. Perdere il senso del tempo... mi chiedo come possa avvenire. Forse il décalage degli orari, un pranzo che è una colazione, un giorno che inizia con la luce e le tenebre che calano nel mezzo della tua giornata, i lunghi turni

5 5 di notte con le nere onde ribollenti. Forse il fatto che i giorni si ripetono uguali gli uni agli altri, la regolarità aritmetica dei turni. Non hai impegni, non hai scadenze, con i piedi non hai altro che i 118 metri della nave da percorrere, con lo sguardo l oceano intero. In questo ripetersi incessante, in questo spazio tanto minuscolo quanto smisurato, le piccole cose riassumono la loro importanza, recuperi il piacere delle sensazioni elementari. Tutte le sovrastrutture umane si perdono e ritorni puro come un bimbo, stupefatto di ogni emozione che ti tocca. Ridiventi un uomo antico, regolato dai venti, gli spruzzi, il volo degli albatros e nient altro. Che importanza ha allora sapere cos è il tempo? Perdere totalmente la cognizione del tempo. La sensazione è strana, ma non spiacevole. In passato avevo letto da qualche parte che è proprio così che i bambini percepiscono il tempo, prima di crearsi le strutture del prima e del dopo. Un piano invece che una retta, tutti i ricodi allo stesso livello. Non deve essere nemmeno troppo lontano dalla percezione degli animali. Mi pare meglio così, ogni ricordo è lì, basta allungare la mano per prenderlo dalla libreria, aprirlo e assaporarlo di nuovo. Le conchiglie lontane piano piano si consumano e diventano esse stesse sabbia, la sensazione diffusa che pervade il tutto. Senza tristezza, cancellare il filo d Arianna che ci ha guidato tutta la vita equivale a non avere più rimorsi, a concentrarsi sul presente, l adesso, l attimo che sfugge, lui si, come sabbia fra le dita. Vuol dire recuperare il presente e assaporarlo appieno. Vuol dire diventare il volo degli albatros fra il mare e il cielo. Polarstern, 21 gennaio 2005, 13:37 Questa mattina, alle quattro, subito prima di andare a dormire era già l alba. Una luce grigia sul mare, il giorno già quasi fatto. Stare svegli nella notte e accorgersi che all ora di andare a letto il giorno incomincia, mi riporta all atmosfera di una festa, quando gli ultimi ritardatari salutano e vanno via, qualcuno si attarda ancora, fra le sedie vuote, i tavoli con le bottiglie finite, l alba inizia ad illuminare i festoni con i primi chiarori. La luce tenue che lascia stupiti, com è possibile che all ora di andare a dormire inizi un nuovo giorno? Mi sembra di essere in quei giorni strani alla fine delle vacanze estive, quel attimo un po malinconico, la sensazione che qualcosa è finito e bisogna andare via, la stanchezza negli occhi, la testa pesante. Oggi giornata di sole brillante e mare turchese. Il vento è comunque freddo e morde le mani e le orecchie. Lassù, sul ponte più alto, al riparo dal vento, sdraiato sulla vernice gommosa antiscivolo, gli occhi ti si riempono di luce, il sole ti scalda la pelle, ti sbottoni la giacca, resti fermo come un insetto. Con un minimo di astrazione elimini il borbottare di sottofondo dei motori, riesci a concentrarti solo sul rumore delle onde. Lo scafo che esce dall acqua, il canto lento delle onde. Con un po di fantasia sei su di un veliero, un giorno

6 6 di tempo straordinario per queste la latitudini, un giorno di sole come capita una volta ogni chissà quanto. Il mare è calmo, quasi piatto. Per la prima volta non un onda increspa la superficie dell acqua. Anche gli albatros e gli altri uccelli si sono calmati, e si lasciano galleggiare placidamente, come gruppetti di anatroccoli. Quasi nemmeno una nuvola in cielo, tantissima luce, che fa strizzare gli occhi. Il bianco della nave è di una purezza accecante, il blu dei container e l arancione delle gru feriscono gli occhi. Polarstern, 22 gennaio 2005, 12:45 Oggi belle onde formate. Giorno di sole, cielo di una purezza siderale. L aria è gelida, quando respiri ti si forma una nuvoletta di vapore davanti alla bocca. Gli iceberg non dovrebbero essere lontani, abbiamo già passato il fronte polare sotto al quale restano intrappolate le isole di ghiaccio; dovrei guardare qualche immagine satellitare per vedere dove sono, quando sarà il primo incontro. Questa notte è previsto gran vento. Le tre del mattino. Già da un paio d ore a l est si intravede il chiarore dell alba. Le ore di buio si riducono ogni giorno che passa, i tramonti sono lunghissimi, il sole pare immobile fra il mare e il cielo, riluttante a lasciare l uno per l altro, indeciso nel prolungarsi di quell attimo di voluttà. Poi la notte chiara, l orizzonte appena distinguibile, il mare nero su di un cielo blu profondo. La luna e qualche stella sconosciuta. Il chiarore che si fa più intenso, si tinge di colori delicati, di rosa e di giallo, il cielo che resta notturno, il mare che è liquido metallo blu. Le tre del mattino. Sto guardando semiaddormentato i valori che scorrono sul monitor. Sveglia, sei il pilota di un aeroplano e devi tenere sotto controllo i tuoi strumenti. Incrocia le verifiche. Profondità della sonda. Il profilo continua a disegnarsi correttamente. Un colpo d occhio alle spie di acquisizione. Profondità. Verifica a che livello fare la prossima bottiglia. Non ti addormentare. Fissa gli occhi sulla profondità, non fartela scappare. Controlla il fondo, soprattutto non devi toccare il fondo. Non ti addormentare. Controlli incrociati. Occhio al fondo. All improviso il profilo di risalita della salinità fa un salto, perde qualche psu, si stabilizza parallelamente a quello di risalita. Duemila metri di profondità, tocca aspettare ancora un bel po prima di vedere cosa è successo. Quando la ctd esce dall acqua gli strumenti sotto la rosetta sono ricoperti di filamenti giallastri. La pompa ha aspirato qualcosa ed è piena di materia organica. Mi metto un guanto, temendo che sia urticante. Sono dei fili giallastri con dei riflessi rossicci, gommosi ed estremamente elastici ed appiccicosi. Non riesco a capire se sono tentacoli o secrezioni, assomigliano a delle colate di cera su di una bottiglia con una candela, ma la materia è elastica. Ne metto

7 7 un paio in una bottiglia con l acqua di mare e si appallottono tutti come delle matasse collose. Vanno a fondo, ma probabilmente a duemila metri hanno una galleggiabilità neutra. Abbiamo messo a bordo un alien. Questa notte mi uscirà dalla pancia e si mangerà tutti i membri dell equipaggio, uno ad uno. Saremo tutti ricoperti di tentacoli collosi giallo rossicci. Forse no, troppo cinematografico. Però potrei avere un allergia devastante, avere le braccia ricoperte da bolle... sono eccitato come un bimbo. Continuo a guardare il mio alien e a mostrarlo alle persone. Nessuno dei biologi sa dirmi che cosa sia. Magari abbiamo pescato qualcosa che non è mai stato osservato, potremmo pubblicare un articolo sul tentaculus busdraghis. Mi pare un peccato che prima o poi dovrò svuotare la bottiglia in mare e riaffidare i resti di questo essere all oceano e ai segreti degli abissi. Polarstern, 25 gennaio 2005, 12:55 Maledizione devo lavorare al computer per il mio dottorato e non riesco a godermi la missione, mettere la testa fuori almeno una volta al giorno, scoprire le persone, scattare le infinite foto possibili e nemmeno scrivere questo diario. Per fortuna ci sono dei momenti di felicità primordiale, di emozione intensa, di fronte allo spettacolo del mare. Degli istanti di bellezza purissima, acquavite di emozione. Questa mattina ho finito il quarto con un po di ritardo, visto che abbiamo cambiato il cavo dell adcp che non voleva più funzionare. Ormai lo so, cominca ad albeggiare alle due del mattino, anzi, non c è più una vera e propria notte, un chiarore diffuso a sud, tingendo il cielo basso di giallo e di rosa e lasciando il blu immutato pieno di stelle sopra le nostre teste. Quando sono uscito alle quattro passate e ho potuto finalmente gettare uno sguardo fuori dalla nave. Il sole era giusto giusto all orizzonte, punto infuocato striato di nubi, in quello spazio sottilissimo giusto fra le nuvole e il mare. Una linea di luce rosso gialla finissima e lunghissima, attaccata all orizzonte, fre il grigio delle nuvole che si tinge appena di rosa e il mare, ovunque blu azzurro, nerissimo in una striscia all orizzonte. Un dipinto di luce perfetto, a bande, azzurro, nero, rosso, giallo, rosa e grigio. Un dipinto che è rimasto là per moltissimo tempo, mutando lievemente e lentamente, nel canto lieve delle onde del mare calmo e nell aria pura, fino a che il freddo e la stanchezza mi hanno riportato alla mia cabina. L altra notte invece quanto tempo è passato? non ne ho idea l aria ha preso un aspetto lievemente lattigginoso, biancastro. Praticamente di colpo si è levata la nebbia, rendendo indistinti i contorni della nave, nuovo olandese fantasma. Il mare fumava. Col passare delle ore la luce ha cominciato a penetrare, diffusa, illuminando la nebbia di un lucore biancastro, che assorbe le onde formate e nere, le mischia dentro di se, le nasconde allo sguardo. Un senso di connubio fra mare e bruma, di dolce accordo, di femminilità. L aria è gelida e quando respiri senti quasi male sotto la fronte. le orecchie e la punta delle dita bruciano. Si sente un sapore di pioggia e freddo che mi ricorda certi

8 8 inverni a Parigi, con la purezza dell aria rarefatta di alta montagna. Sarà l evaporazione, sarà la temperatura bassa, sarà che quest aria circola intorno all Antartide senza essere respirata o inquinata da nessuno, ma sembra di nascere di nuovo, nella gelida purezza di questo abbraccio di nebbia. Polarstern, 26 gennaio 2005, 23:41 Metto la sveglia alle nove, dopo sole quattro ore di sonno. Mi tiro su di forza di volontà, notando che Nicolas è ancora nella cabina. Abbiamo finito la sezione e per un paio di giorni i quarti saranno più tranquilli. Mi butto sotto la doccia, lavando bene la barba che inizia ad essere davvero lunga. Mi metto per la prima volta le calzamaglie da montagna, i pantaloni pesanti, allaccio con accortezza gli scarponi da trekking, mi infilo i pantaloni impermeabili e la giacca col cappuccio, guanti di pile e papalina. Verifico che l attrezzatura fotografica è a posto e sono fuori. Verso le dieci passeremo proprio accanto a Elephant Island, non voglio perdermi un solo attimo di Antartide, voglio essere lassù quando lo avvistiamo, voglio fotografarlo a più non posso. Nebbia. Nebbia fitta e visibilità a 100 metri. Scoraggiato torno in sala computer e mi rimetto al mio modello. Che sfiga, dopo certe giornate di sole incredibile e dieci chilometri di visibilità, il giorno che saremo ad un passo dalla meta la natura si nasconde dietro un fitto velo di bruma. Lavoro un ora, poi mi sembra che la nebbia sia meno fitta e esco a prendere una boccata d aria. Eccola, proprio davanti a me, un picco di roccia nera con le vette che si perdono nelle nuvole grigie e nella spessa e gelida bruma antartica. Rocce nerissime e biancore di ghiacciai abbarbicati sui picchi appuntiti. Eccola Cornwallis Island, con i suoi scogli scuri, non una traccia di vita, roccia nera e ghiacci eterni, qualche iceberg che deriva intorno. E poi subito dietro Elephant Island, più piatta, con i ghiacciai che entrano nell acqua e si staccano in grandi pezzi di ghiaccio galleggiante, le spiaggie grigie e rocciose. Lo spettacolo è magnifico. Totalmente diverso da come me lo immaginavo, credevo che l Antartide in estate vivesse una breve primavera, qualche pianta, gli animali. Mi aspettavo isole morbide e marroni come quelle delle stretto di Magellano invece quello che mi si stampa per tutta la vita negli occhi sono i picchi neri e appuntiti, terrificanti, di questa terra totalmente selvaggia e ostile, incontaminata, tetra, spavalda. Corro sul ponte più alto, sperando che non passi in fretta. A tribordo la nebbia è più fitta, ma un iceberg enorme emerge dalla brume, un gigante tubulare giovane, con la sua struttura a strati ancora perfettamente visibile, bianco e grigio. E poi accanto uno, due, tre, decine d altri, di tutte le forme e dimensioni, gli iceberg antichi che pure nella nebbia brillano di blu intenso, perché si sono arricchiti d acqua e sono tutti appuntiti e frastagliati, i giganti squadrati, enormi piattaforme galleggianti, la graniglia piccola, i pezzi di

9 9 iceberg che si sono staccati e che seguono le scie dei grandi, un galleggiante monte innevato su cui centinaia di pinguini si arrampicano e fanno lo scivolo. Il mare liscio come una tavola, grigio scurissimo. Nuvole e nebbia, la distesa di mare e ghiacci a tribordo e le scogliere nere e i ghiacciai eterni a babordo. Un freddo che nemmeno senti più, delle immagini che già lo sai non ti faranno dormire per giorni, che ti vengono selvaggiamente stampate a fuoco nella retina. Le balene spruzzano lunghi getti d acqua, emergono con il dorso e schizzano onde con un colpo di coda. I pinguini saltellano dentro e fuori l acqua, ogni tanto qualcuno ucciso dai predatori galleggia alla deriva, gli uccelli continuano a volteggiarci intorno, senza posa. Gli iceberg vanno lenti alla deriva, in combinazioni sempre nuove, svanendo nella nebbia. Le rocce nere fanno da sentinelle, ammantate dai ghiacci accecanti. Il mondo di là mi sembra lontanissimo. Le piccole preoccupazione, le meschinità di ogni giorno, quanto sono insignificanti. La verità qui è più vera, ti ferisce di emozione. In queste isole deserte e ostili, battute dal mare e dai venti, mi pare di trovare qualcosa che ho sempre cercato. Mi sembra di non esser mai stato così vivo. Polarstern, 30 gennaio 2005, 20:53 Tante, troppe cose sono successe in questi ultimi tre o quattro giorni. Uno di quei momenti decisivi, che si fa fatica a credere che esistano fuori da cinematografi e dalla carta stampata. Vedere certe cose, le sensazioni vissute che ti stravolgono completamente e non sarai mai più quello di prima, non puoi più tornare indietro, vivi su di un altro pianeta, un pianeta fatto di ghiacci e di vento, di mare gelido, di sole accecante, di nebbia e solitudine. Un mondo di infinita bellezza. Talmente tante cose sono successe che è illusorio cercare di tenerne conto cronologicamente. Le sensazioni sono così forti che non sarà mai possibile renderle in nessun scritto, foto o racconto. Per capire bisogna esser stati là, alle sei del mattino, sul ponte spazzato dal vento fortissimo, le migliaia di iceberg che brillano al sole e la nave che avanza maestosa verso il continente antartico, ammantato di ghiacci, di neve e di nubi. Bisogna aver sentito le sensazioni sulla pelle, il morso del gelo, il suono del ghiaccio che si rompe, l odore dei pinguini, il contatto con le cose. Riuscirò a tenerne traccia? Riuscirò a scrivere di questo mondo nuovo? Per il momento mi guardo intorno ma vedo solo montagne desolate e ghiacci, parlo con le persone, ma è come se mi avessero infilato una diapositiva davanti agli occhi, ho due immagini sovrapposte, il mondo reale che ha perso il senso del reale e il mondo dei ghiacci che mi ha preso e non mi abbandona più. Quando mi dico che mi si è rotto qualcosa dentro non sto mistificando, a volte mi pare di essere impazzito.

10 10 Polarstern, 31 gennaio 2005, 15:50 Ha nevicato tutta la notte, a grossi fiocchi turbinanti nell oscurità. Anche durante il giorno la neve ha continuato a cadere sul mare grigio, ma senza restare attaccata alla nave. Poca onda, poco vento. Cielo cenerino. Le immagini cominciano ad essere meno brucianti, la mente meno eccitata, i ricordi si stratificano e prendono il loro posto. Posso iniziare a scrivere, i resti dopo una festa durata diversi giorni, le cartacce trasportate dal vento. King George Island. I ghiacciai sono là di fronte, a poche centinaia di metri. A ridosso delle spiagge di Admirality Bay le casupole della base Polacca, colline brulle, appena spruzzate di verde, giallo e bruno dei licheni e muschi che d estate combattono contro il clima implacabile. Rocce nere, montagne vulcaniche, ricoperte di ghiaccio che a tratti arriva fino in mare. Qualche piccolo iceberg costella lo specchio calmo della baia. I pinguini saltano fuori dall acqua, con un rapido spruzzo. Per certi versi mi ricorda l Islanda, ma la sensazione è amplificata all infinito. Quest atmosfera primordiale, il mondo prima che l uomo lo percorra con i propri passi e lasci la sua traccia ovunque sia passato. La sensazione di solitudine, di natura allo stato puro, incontaminata, in tutto il suo splendore. La natura selvaggia e indomita, fatta di roccia nera e ghiaccio brillante. Un senso di vuoto e di tutto allo stesso tempo, nessun punto di riferimento particolare, non una casa, non una strada, non un palo o una recinzione. Solo le insignificanti capanne costruite fra i ghiacci e il mare, in quella sottile striscia di terra abitabile fra l inferno gelido dell entroterra e il mare agitato. Un senso di spazi enormi e vuoti, di colline pietrose, distese di ghiaccio disseminate di crepacci, picchi neri ammantati dalle nuvole. I biologi tedeschi stanno installando delle trappole per catturare dei pesci da usare per degli studi di acclimatazione. Gli ornitologi hanno avvistato elefanti di mare, foche, orche e balene. Io me li sono persi tutti, salvo i pinguini ormai familiari e i damier du cap sempre più numerosi, che volano in stormi attorno alla nave. Costeggiamo l isola per qualche ora e le nuvole e la nebbia si diradano, regalando un sole che fa strizzare gli occhi e bruciare la pelle. Per la prima volta mi metto gli occhiali da sole, e ringrazio il mio babbo per avermeli fatti portare. L ora dello sbarco si avvicina, piano piano la gente comincia a raggrupparsi sul ponte, vicino ai gommoni, per godersi il sole e la vista magnifica, ma anche per essere fra i primi a metter piede sull isola. Ci sarà da tenere un coltello fra i denti, la nave è lontana dalla costa e i posti sui gommoni che fanno la spola saranno pochi. Saturnino, il marinaio gallego con cui scambio quattro chiacchiere quando sta alla gru durante i lunghi quarti notturni di CTD, viene come al solito a lamentarsi che deve lavorare. Ma in realtà gli fa piacere parlare un po spagnolo in una rompighiaccio tedesca. No me gusta este viento. Ahora no

11 11 hay holas, pero esta tarde... esta tarde si. Mucho viento. No me gusta nada. Mi dice che è inutile aspettare sul ponte, che i gommoni verranno calati in acqua con la gru e che noi ci caleremo dalla scala del pilota, che è giusto accanto alla stanza della CTD. Gran cosa parlare tante lingue. Mi avvicino a Felix, visto che dovremo andare in giro in gruppi di almeno due e tre persone è con lui che mi sono messo d accordo, perché ha un buon occhio fotografico e seppur armato di compatta è deciso ad andare in caccia di immagini. E poi perché è talmente emozionato che sembra un bambino a cui stanno per regalare un lecca-lecca più grande di lui, e io non devo avere un espressione troppo diversa. Ci perdiamo gli ultimi dieci minuti di sole, ma quando gli altoparlanti annunciano le istruzioni di sbarco siamo i primi della fila, con già i giubbotti di salvataggio allacciati e l ora di sbarco segnata nel registro. Aspettiamo con impazienza i marinai che si infilano le loro tute stagne, quasi degli scafandri. Stivali termosaldati ai pantaloni, maniche strette ai polsi e cappuccio chiuso attorno al viso. Gomma arancione e nera spessa e imbottita. Un primo gommone parte per preparare una passerella di sbarco sulla spiaggia ma sul secondo, quando quasi non riesco più a contenere l impazienza, saremo io, Felix e Nicolas a salire sotto lo sguardo invidioso degli altri. La base è ad una mezzora di gommone, e gli ultimi dovranno aspettare un paio d ore. Il marinaio finalmente mi fa cenno, e sono io il primo a calarsi per la lunga scala fatta di corda e di legno, sul fianco della nave. Già questa è una piccola avventura ed una grande emozione, calarsi qualche metro su di una scala a pioli agganciata alla fiancata di una nave, reso goffo dalle scarpe da trekking, dallo zaino pieno di macchine e obiettivi, dai diversi strati di vestiti, cercando con il piede il gommone che si muove di quà e di là, sapendo che sei ad un passo dalle acque assassine, se caschi in acqua sei praticamente spacciato. Sullo zodiac non scatto foto perché l acqua irrompe a bordo e gli schizzi volano in tutte le direzioni. È un peccato, perché riflesso sul viso degli stessi marinai e dei miei compagni vedo la stessa emozione che mi pervade, la luce che gli brilla negli occhi deve essere la stessa che illumina i miei. La nave che si allontana, con tutto l equipaggio che ci guarda con i visi lunghi, il gommone che salta ad ogni onda, gli schizzi come se fosse estate, l aria gelida che ti si infila nelle maniche della giacca. La terra sempre più vicina, gli scogli neri e appuntiti, un piccolo faro, le spiagge grigie con pezzi di ghiaccio arenati, un iceberg che sembrava piccolo dal Polarstern e che si rivela un immensa montagna di ghiaccio, le casupole arancioni della base di Jubany, gli argentini che ci salutano con la mano alzata. Salto sulla pedana di legno costruita dai marinai per non farci entrare con le gambe in acque e sono subito sulla spiaggia. Mi butto in ginocchio e afferro qualche ciottolo nero, giusto per rendermi conto che è vero, che sono davvero in Antartide. Poi risalgo la spiaggia facendo scricchiolare la ghiaia sotto gli scarponi. Mi viene incontro un uomo sorridente sotto la barba brizzolata, una giacca arancione sgargiante con scritto Tenente Coronel Perez, Ejercito

12 12 Argentino. Hola, que tal? Español? No, italiano... Ahhh, italiano! Si illumina tutto alla mia risposta e dopo un gran sorriso mi abbraccia stretto dandomi qualche pacca sulle spalle. Mi fa strada su di una rampa di cemento fino alla casupola dei sommozzatori, dove un altro militare mi accoglie e mi fa cenno di entrare. Una bellissima faccia vissuta, gli occhi chiari e trasparenti come l immensità di questi luoghi, la pella scura, bruciata dal sole che passa attraverso il buco nell ozono, una tuta verde militare e un bellissimo cappello blu che assomiglia a quelli degli aviatori. Hola soy Mencho, tu de donde eres, de Napoli? Maradona.... Mi sa che vivere qui ti rende profeta. Al tavolo sono seduti altri due militari, bevendo mate. Appena mi vedono lo riempono di acqua calda e me lo porgono. Lo sapevo, era una settimana che ci pensavo. Da quando mi hanno detto che saremmo sbarcati in una base argentina ho sognato di bermi un mate in Antartide. Assaporo il profumo dell erba, il liquido caldo che mi scalda la bocca, l amaro che ho così atteso. Mi raccontano un po della base, in estate sono numerosi, un centinaio di persone, ed ogni due settimane circa arriva una nave con qualche visitatore, qualcuno parte per un altra base, qualcuno arriva per restare. L inverno è lungo e solitario. Mi mostrano le tute da sommozzatore, le cose che pescano durante le immersioni nelle acque gelide, la camera iperbarica. Mi mettono alle strette parlando di calcio, ma mi riprendo con un altra sorsata di mate. Potrei stare ore a parlare con questi uomini, sulle facce hanno dipinto qualcosa che non si vede nelle persone del mondo di là, tutto questo splendore e questa solitudine, la luce che ti abbaglia, gli spazi immensi, gli hanno stampato qualcosa negli occhi che non puoi ignorare e che cerco di assorbire. Cerco di capire, di immaginare. Cosa vuol dire vivere in Antartide? Passare un inverno in una base battuta dal vento e dal ghiaccio? Quanto vorrei avere anche io quello sguardo in cui si mischiano i venti con i ghiacci, quell espressione attonita, la pella abbronzata, la meraviglia di un vissuto fuori dal comune. Quanto vorrei restare in questa base e non ripartire più. Polarstern, 1 febbraio 2005, 02:03 Jubany è in una baia abbastanza chiusa e protetta, un fiordo stretto e lungo, un ghiacciaio che occupa due terzi dello spazio e una distesa ampia e spoglia di ciottoli neri, con alle spalle un alto picco basaltico. In questa parte sgombra sorge la base. Tornando verso il mare c è una sottile striscia di terreno in cui qualche lichene e erba faticosamente cerca di tingere il nero con colori pastello. A partire dal faro la zona è protetta e sotto controllo per lo studio delle piante e è proibito l accesso, anche se naturalmente nessuna recinzione lo impedirebbe. Cerco di fare qualche foto di squa, mi avvicino lentamente, in ginocchio, per non spaventarli. Spiccano il volo e mi dico che dovevo essere più lento, è importante non disturbare i poveri uccelli, qui sono a casa loro e io vengo a

13 13 disturbare la loro pace. Volteggiano sopra la mia testa e mi vengono addosso in picchiata, fermandosi ad un metro dal viso. Istintivamente mi proteggo la faccia con il braccio e mi cago sotto, perché venirsi venire addosso un bolide di un metro e mezzo di apertura alare, elegante come un rapace, incazzato nero contro di te, non lascia presagire niente di buono. Due, tre, quattro volte. Fortunatamente si fermano prima di toccarti, ma non li conosco e non so fino a che punto possano arrivare. Dopo quattro o cinque attacchi sempre più ravvicinati faccio marcia indietro e batto ritirata. Avete vinto voi. Avvicinatevi al nido di uno squa e capirete cosa significa uccello altamente territoriale. Dirà qualche giorno dopo Olivier. Una volta con un colpo di zampe in pieno viso sono rimasto dieci minuti a terra vedendo le stelle. Continuiamo sulla spiaggia, scavalcando qualche tellus, marciando attentamente sulla neve per evitare buchi e crepacci, arrampicandoci sugli scogli e arrancando sui ciottoli irregolari. Mi stupisce come sia lenta la marcia, un paio di militari mi hanno detto che a sette chilometri c è una colonia di pinguini. Mi dico che in un ora e mezza ci posso essere ma in realtà in un ora facciamo poche centinaia di metri. Mi immaginavo che non ci sarebbero state strade e sentieri, ma non avrei pensato a tanta fatica per pochi metri. Finalmente vediamo un pinguino sulla spiaggia, sdraiato tranquillo. Ci mettiamo a quattro zampe, poi direttamente sui gomiti, i sassi appuntiti che fanno male sotto tutto il corpo. Appena ci nota, proprio come mi aveva messo in guardia Doris, spara un bel fiotto di merda gialla. Meno male che sono troppo lontano per potermela beccare addosso. Ci avviciniamo lentamente, anche se ogni tanto si alza allarmato riusciamo ad andargli abbastanza vicino. Si sposta un po e mi tocca strisciare sulla sua cacca, ancora una volta esattamente come pronosticato da Doris: Vedrai, per fare le tue foto starai sempre sdraiato nella merda. L accesso alla spiaggia dove ci sono gli elefanti di mare è troppo difficoltoso, passando per le morbide colline subito alle spalle della spiaggia sarebbe un attimo, ma è la zona protetta. Torniamo indietro passando dietro la base. Sotto la chiesa e a due passi dal cinema mas austral del mundo un enorme scheletro di balena, solo le mandibole devono fare un paio di metri. Le ossa sono comunque ovunque, perfettamente spolpate. Qui tutti mangiano tutti, la catena della vita gira implacabile, a folle intensità. Un pinguino sfugge appena ad una foca, scivolando su per un iceberg. Gli uccelli si attaccano l uno con l altro. I leoni di mare vicini si riposano dopo il bottino. Verso il ghiacciaio il paesaggio si fa totalmente lunare. Né un lichene, né un erba. Niente ghiaccio, solo una distesa enorme, un pietraio grigio scuro dove solo gli squa e le petrelle volteggiano senza sosta. Il mare è colmo di piccoli e grandi pezzi di ghiaccio, che si arenano sulla spiaggia. Lascio stare la macchina fotografica, non ha senso. Mi godo il ghiacciaio a due passi, la baia quieta con una nave della marina argentina in rada. Mi riviene alla mente Tabard, che sosteneva che un fotografo non è un uomo che ama i tramonti, ma le stampe. Sono contento perché non ho voglia di far fotografie, ma solo di guardarmi

14 14 attorno, e vivere il posto. L Antartide riesce pure a farti dimenticare la tua più grande passione. Torno a malincuore verso il punto di sbarco, sono stato il primo ad arrivare e mi hanno fatto capire che cortesemente dovrò essere fra i primi a partire. Fortunatamente l equipaggio è in ritardo, perché uno dei gommoni sta portando i due coreani alla vicina base della madrepatria. Ne approfitto per chiacchierare con dei ragazzi che stanno facendo delle misure della marea. Sulla spiaggia, uno con l acqua fino alla vita, dentro una tutona rossa, che lo trasforma in una specie di cartone animato, le mani dalle lunghe dita impacciate sembrano enormi zamponi. Non fanno parte della base, ma sono l equipaggio della nave all ancora ed è facile fare conoscenza. Ancora una volta sono barbuti, come la maggior parte delle persone, che bello, mi sento a casa. Non riescono a credere che a bordo del Polarstern la metà delle persone siano di sesso femminile: Sono tre mesi che non vediamo una ragazza, e abbiamo ancora due mesi di mare. Mi fanno chiamare un paio di studentesse che francamente non sono niente di che, per non dire la verità che è poco gentile, ed è incredibile come siano contenti di parlargli, come gli sbavino dietro. Dopo tre mesi di mare anche la più bruttona ti pare una principessa. Chiamano alla radio, qualcuno dalla nave si lamenta che non stanno lavorando. Bastardi, ci stanno guardando col cannocchiale. Una delle ragazze dice hola nella radio e il militare della nave al sentire una voce femminile risponde con un hola così carico di piacere che non lo dimenticherò mai. Un misto di sorpresa, di cavalleria, di desiderio, di invito. Un saluto che racconta una storia intera. Nel frattempo qualcuno è andato a cercare un mate, che ci beviamo in piedi, nella sera che cade gelida e attacca il viso, con lo spettacolo immenso del ghiacciaio di fronte, intrecciando per un attimo la mia vita con quella di questi ragazzi, ed è chiaro, lo sappiamo tutti che è un mate eccezionale. Già sul gommone, i saluti dalla spiaggia con le braccia agitate forte, Mencho che mi grida di scrivergli e subito le capanne si fanno lontane, il ghiacciaio, il pinguino, gli squa così aggressivi, fino a scomparire dietro la punta di terra dove ho strisciato nella merda di pinguino. Sulla bocca del fiordo il mare è grosso e il gommone salta sulle onde. L acqua è gelida e mi inzuppa i guanti di pile in pochi secondi. Addosso sono asciutto, ma il gelo penetra ovunque. Stiamo zitti e attaccati gli uni agli altri, gli schizzi negli occhi, le spalle incassate contro il vento, quasi tremando, ma non sono l unico a ridere ad ogni ondata che ci riempe i piedi. Giusto il tempo per qualche patata e una sogliola e già salpiamo, nella notte, verso nuove, fantastiche mete. Vedo attorno a me che anche qualcun altro è cambiato per sempre, che non sono il solo a cui è scattato qualcosa nella testa. Con Felix la nostra conoscenza superficiale si è saldata in qualcosa che ricorderemo tutta la vita, e andiamo avanti tutta sera con il riso negli occhi a darci pacche sulle spalle e parlare parlare parlare, troppo pieni di sensazioni per poter stare zitti.

15 15 Polarstern, 2 febbraio 2005, 12:30 Oggi nebbia. Sono giorni grigi, dormo qualche ora appena, mi sveglio e mangio, passo il pomeriggio a lavorare al computer, ceno, una siesta di un ora e lavoro tutta sera fino al quarto notturno, gli occhi che bruciano davanti allo schermo, il cervello in pappa. Nemmeno esco, nemmeno vedo il mare. L unico svago dal dormire-mangiare-computer sono le bottiglie che riempo ad ogni stazione di prelevamento. Non vado al bar a scoprire le persone, non scatto foto, mi perdo l incontro serale sul ponte e trovo appena il tempo per scrivere qualche riga. Nemmeno vedo il mare. L unica cosa che mi ricorda che sono sull oceano è il rollio della nave, il movimento incessante della sedia su cui sono seduto, i corridoi che si arrotolano su se stessi quando torno alla cabina. Oggi il rollio è particolarmente intenso. con gli occhi gonfi del troppo poco sonno ho messo il naso fuori per cinque minuti. Una nebbia fitta e luminosa, di un bianco abbagliante, che mi fa strizzare gli occhi. Nella bruma delle impressionanti colline d acqua, forse le più grosse che abbiamo trovato per il momento, se il meteorologo ci ha azzeccato ancora una volta dovrebbero fare circa sei metri, ricordo di una tempesta non troppo lontana. Quando la nave prende il ritmo giusto spancia esattamente su di una nuova onda e spara una cascata di schizzi enorme. Penso subito ad una foto, ma torno a testa bassa ai miei lavori forzati. Polarstern, 3 febbraio 2005, 12:45 Quanti giorni sono passati? Nel ripetersi dei giorni tornati tutti uguali, le giornate passate a rovinarsi davanti al computer ho di nuovo perso il senso del tempo. Quegli attimi saturi, incredibili, quei giorni di pieno risveglio, già sembrano appartenere ad un epoca remota. Ma mi basta distogliere un attimo la mente che ritrovo le immagini con tutta la loro forza, le sensazioni e i suoni, lo stupore. Mi basta pensarci che di nuovo sono di un altro pianeta. Sto dormendo del sonno buio e senza sogni in cui precipito appena tocco il letto, come uno svenimento. Sento la voce di Claude che penetra gli strati oscuri in cui sono avvolto e mi raggiunge fino al punto lontano in cui è parcheggiata la mia mente. Corri Fabiano, corri, il y a des images à faire... Con estrema fatica mi tiro su dalla cuccetta. Sento Nicolas che mi chiede con voce impastata che ore sono. Le sei. Grugnisce qualcosa, si rigira dall altra parte e ricomincia subito a russare. Le sei. Fortunatamente la sera precedente mi sono addormentato più presto del solito ma alle sei del mattino normalmente sono a letto da un ora e mezza e il sonno arretrato non aiuta minimamente a sconvolgere il ritmo faticosamente acquisito. Mi vesto con estrema lentezza, cercando di essere il più veloce possibile. Non so bene cosa mi aspetta, dalla mia cuccetta vedo solo una gran luce che non posso guardare perché mi ferisce gli occhi addormentati. Magari c è qualche balena veramente vicino alla nave, o un capidoglio, o la costa già

16 16 vicina. Devo correre. Mi sembra di essere invischiato nei meandri di me stesso, ogni azione è uno sforzo contro le forza di gravità che mi attira verso il suolo, il sonno che mi richiude le palpebre. Infilo le calze imbottite da montagna, la maglietta aderente e la calzamaglia termica. Un altra maglietta, i pantaloni di velluto Visconte di Modrone che ho ancora dai tempi del liceo, tutti consumati sul culo. Una felpa, il maglione più pesante che ho, preso nel negozio andino della rue Mouffetard, in un altra vita. Sovrapantaloni taglia vento, scarponi Garmont, la giacca da sci con le maniche ben strette sui polsi. Infilo la papalina, il cappuccio del maglione e quello della giacca, che chiudo stretto sul mento. Guanti di pile e zaino delle macchine in spalla. Sembra la vestizione di un cavaliere e ho l impressione di aver messo ore a prepararmi. Cammino goffo come un astronauta verso la parta. Esco fuori e la luce mi investe con violenza. Strizzo gli occhi nel sole e salgo le scale nel vento fortissimo, tenendomi aggrappato con la mano. Ma già li vedo. Decine, centinaia, migliaia di iceberg tutto intorno alla nave, ovunque tu possa guardare. Non avevo nemmeno mai immaginato qualcosa di simile, una tale quantità di isole galleggianti. Alle sei passate il sole è già alto e forte, ma la luce conserva comunque il tocco caldo e un poco della componente orizzontale classica del mattino. L atmosfera leggermente sognante, una leggera foschia, un lucore nuovo dopo la breve notte. Gli iceberg vicini e lontani, gli enormi tabulari e gli antichi appuntiti e frastagliati, si tingono leggermente di miele. Vedo un enorme arco di ghiaccio sotto il quale la nave potrebbe passare senza problemi, cattedrale di cristallo ritta in mezzo al mare. L oceano è blu, costellato di frammenti di ghiaccio di tutte le forme e dimensioni. Nonostante il vento la superficie del mare è quasi piatta, di un blu splendente. Le nuvole in cielo tessono lunghi fili bianchi e dorati. La luce ti avvolge. Il vento ti spazza via e fai fatica a stare in piedi. Ti soffia addosso senza posa, gelido, riempendoti gli occhi di lacrime che volano via. Quasi impossibile tenere ferma la macchina fotografica o stare dritti, gli occhi fanno male. All orizzonte, perfettamente perpendicolare alla rotta della nave, una catena compatta e infinita di montagne bianche, completamente ammantate di neve e ghiacci. La penisola Antartica. Sembrano i picchi più alti delle Alpi, in pieno inverno, ma con il mare che arriva giusto sotto. Ora capisco le parole di Hervet: Davvero sbarcheremo a O Higgins? Là si che sarà davvero magnifico, le isole sono tutt altra cosa, sul continente vedrai il vero Antartide. Ora capisco. Ora capisco la tua delusione Hervet, perché mi dici: Guarda che non sputo sopra Jubany, ma ti prometto che l Antartide può essere ancora più grandioso, mille volte più impressionante. Sulle isole la sensazione prevalente è la forza devastante della roccia nera, l origine vulcanica, l inospitalità, i terreni brulli e spogli, rocciosi, l equilibrio fra fuoco e ghiaccio delle montagne nere. Invece qui è tutto il contrario, le montagne sono completamente bianche, la sensazione è di purezza e di maestà, di portentoso spettacolo la cui bellezza mozza il fiato. La nave pare avanzare lenta ma potente, puntando decisa direttamente

17 17 sulle montagne e i ghiacci. Per quanto scruti l orizzonte non riesco assolutamente a vedere la base, ho l impressione che non ci sia assolutamente niente di niente, che il ghiaccio e la neve entrino direttamente in acqua, che non ci sia nessuna baia con un pur misero pezzetto di terra su cui attaccare una casupola di lamiera, che di fronte ci sia solo mare e montagne di ghiaccio. Ma la nave avanza dritta e decisa, senza schivare gli iceberg, perfettamente perpendicolare al muro di neve, di picchi gelidi, di ghiacciai senza fine. Nella testa sento una musica, chiarissima. Musica classica, non c è dubbio. Anche se è una musica che non ho sentito in nessun teatro, in nessun concerto, la riconosco subito. Una marcia trionfale, al passo con le onde sollevate dalla prua della nave, l avvicinarsi delle montagne, questo andare incontro a testa alta verso queste vette bianche che sono la cosa che ho visto che più si avvicina al concetto di divino. Mi pare che tutto il resto della mia vita, tutto quello che ho fatto fino ad ora, non è stato che una lunga preparazione a questo giorno. Tutti i desideri insoddisfatti, i sogni di viaggi, le aspettative, gli spazi sempre più aperti, le sensazioni assaporate o immaginate non siano state altro che un preludio a questo momento. Ed è in assoluto questa l immagine più forte che conservo di questo viaggio. Le ore passate sul ponte avvicinandoci alla penisola Antartica. Il vento fortissimo nella luce accecante del mattino, il sole splendente sul cielo striato di lunghe nuvole, il mare fatto di acqua e frammenti infiniti di ghiaccio, la nave che punta dritta sulle montagne totalmente bianche e pure, regali, questa musica trionfale che ti riempe da cima a fondo, la consapevolezza che niente, niente prima è stato tanto grande come questo momento. Polarstern, 6 febbraio 2005, 22:18 Il tempo passa, i giorni scorrono via insieme all acqua sotto lo scafo della nave. Nelle giornate passate al computer la vita viene quasi risucchiata via, restano solo pochi momenti a cui aggrapparsi, per il resto ti trasformi in una nuvola fatta di niente. Dopo cena sono uscito, facendo fatica ad aprire la porta contro il vento. Gli schizzi sollevati dalla prua della nave mi hanno investito in pieno, risvegliando i sensi intorpiditi. La terra di fuoco che si scorge all orizzonte ci accoglie con qualche bel colpo di vento. Forza otto dice puntuale monsieur meteo. L acqua è nera, increspata di bianco. Le onde sono belle e formano maestosi pennacchi di schiuma all incontro della nave. Le petrelles geantes volteggiano attorno al ponte, tanto vicino che sembra di poterle toccare allungando la mano. La luce è ancora una volta magnifica. Riecco il vento gelido che ti strappa le lacrime dagli occhi. Riecco le sensazioni forti, la potenza degli elementi contro il corpo, il contatto degli schizzi sulla pelle, la barba che sa di mare, il vento che mi scompiglia i capelli. Ecco le nuvole nere, la terra lontana, la solitudine che mi avvolge amica, la solitudine che ti fa sentire vivo, che ti conferma che solo questo ti appaga, che solo qui riesci a dimenticare.

18 18 Poche ore fa è stata fatta l ultima ctd. La campagna è finita. In basso, nella sala dove si preparano i mouillage, è gran festa. Mi arrivano le risa e le grida, la musica forte, gli schiocchi dei boccali. Io me ne sto qua, facendo girare i miei programmi, ma non mi importa poi tanto. Tante cose sono cambiate, ma tante restano sempre uguali. Il sorriso ce l ho solo di fronte al mare nero, le feste mi mettono in corpo solo un enorme tristezza.

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

La montagna è come una scala: prima sale e poi scende. La montagna è una roccia grigia come un muro. La montagna assomiglia alla lettera A.

La montagna è come una scala: prima sale e poi scende. La montagna è una roccia grigia come un muro. La montagna assomiglia alla lettera A. LA MONTAGNA La montagna è normale non va al centro commerciale, se la vedi è speciale non sta mai male. Non smette di stupire lo posso ben dire, ha piedi accoglienti e bordi non taglienti; è buona, ma

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Escursione alla Capanna Regina Margherita q. 4.554 Pta Gnifetti 23/24 Giugno 2012

Escursione alla Capanna Regina Margherita q. 4.554 Pta Gnifetti 23/24 Giugno 2012 Escursione alla Capanna Regina Margherita q. 4.554 Pta Gnifetti 23/24 Giugno 2012 Premetto che questo mio resoconto dà molto spazio agli aspetti fotografici di un esperienza alpinistica che è stata da

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi. Acqua acqua acqua. io con te posso giocare. io con te voglio volare,

Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi. Acqua acqua acqua. io con te posso giocare. io con te voglio volare, Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi fratellini e tutte le sue sorelline. Acqua acqua acqua io con te posso giocare io con te voglio volare, per danzare con le onde

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

PROGETTO L.D.T. PRIMA SCIENZA

PROGETTO L.D.T. PRIMA SCIENZA I.C. PACINOTTI PONTEDERA SCUOLA dell INFANZIA DIAZ a.s. 2012/2013 PROGETTO L.D.T. PRIMA SCIENZA L ACQUA SI INFILTRA Sezione III Bambini di 5 anni Insegnanti: Daniela Luschi e Chiara Salvadori 1 MACCHIE

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA L ambientamento acquatico è il riuscire a stare in acqua con la stessa tranquillità e naturalezza con cui si

Dettagli

La luce e le ombre. idrogeno + idrogeno = elio + energia

La luce e le ombre. idrogeno + idrogeno = elio + energia Laboratorio di scienze La luce e le ombre Questo laboratorio ti farà sperimentare che cosa è l energia radiante (quella dei raggi solari, la luce). Inoltre scoprirai come si possa anche giocare con i raggi

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2010-2011. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2010-2011. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2010-2011 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli