A MAGGIOR GLORIA DI DIO E COL SUO AIUTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A MAGGIOR GLORIA DI DIO E COL SUO AIUTO"

Transcript

1 A MAGGIOR GLORIA DI DIO E COL SUO AIUTO Piccola raccolta di scritti di don Mario Prandi Congregazione Mariana delle Case della Carità Reggio Emilia Pag. 1 di 211

2 SOMMARIO (di "A Maggior Gloria di Dio") Introduzione 4 (1) Albinea - 18 Febbraio Diario 5 (2) Il Regno di Dio Carità 13 (3) Diario dal 30 ottobre 1938 al (4) Primitivo Regolamento dell Ospizio S. Lucia 42 (5) Memoriale al Vescovo Brettoni - 16/7/43 46 (6) Formule 53 (7) L Opera del Servizio Sociale 55 (8) Il mio pensiero è questo 56 (9) La Casa della Carità (9b) Lettera scritta da don Mario alle Suore di S.Giovanni di Q. il 7/4/51 69 (10) Dio è Amore 71 (11) La Casa della Carità. Pescara 26/11/52 74 (12) La prima Corona della Regina del Carmelo 81 (13) Piano del 1º Rosario della Carità 83 (14) La Corona della Madonna - 11 aprile (15) Confraternita di nostra Signora del Carmelo Carmelitane della Carità 88 (16) Congregazione Case Carità 90 (17) Lettera al Vescovo Socche per domanda di erezione canonica 91 (18) Educare al coraggio 93 (19) La Leva 18/4/58 94 (20) Giovani per aiutare l opera dei Sacerdoti 106 (21) La Leva - 11/11/ (22) Opera del Servizio Sociale 109 (23) Omelia del 15 luglio (24) Case della Carità. Cosa sono? - 15/10/ (25) Revisione delle Regole 122 (26) Credo che il Signore stia lavorando sodo per la conversione di qualcuno 126 (27) O Santa Chiesa di Dio 130 (28) Ultimo Testamento - 6 luglio (29) Incontro con M. Teresa di Calcutta 133 (30) Commento alla Regola (31) 1º Sabato del Mese - 5 marzo Pag. 2 di 211

3 (32) Come nasce la Casa = Tentativo = 25/7/ (33) Esame documenti Cronistoria 28/7/ (34) Chi è il Cristiano 23/7/ (35) Piste Brasiliana e Benedettina 173 (36) Le Piste 175 (37) Progetto di erezione canonica dei Fratelli della Carità 8/6/ (38) Fratelli della Carità - Tentativo Regolamento 181 (39) Regolamento Base della Congregazione Mariana delle Case della Carità 184 (40) Università 188 (41) Restauratori - 8 novembre (42) La nostra Famiglia nasce dal basso - Parrocchia 14/11/84 - Santi Carmelitani 193 (43) Cos è una Congregazione Mariana - E com è la nostra - 8 agosto (44) Una idea nuova? 26/7/ (45) Istituto Secolare 202 (46) Struttura 16 dicembre (47) Progetto Dio. Alcuni pensieri sulla situazione nostra della droga 207 Pag. 3 di 211

4 Introduzione Già da questa piccola antologia di scritti di Don Mario Prandi si può cogliere il dono di grazia che Dio ha effuso nel cuore di questo suo sacerdote fin dalla sua giovanissima età. È sorprendente vedere come l opera di Dio si è dipanata nella sua vita con ispirazione presenti fin dagli inizi e che si attueranno quando i tempi di Dio sono maturi. ma ancor di più sorprende la linearità e la continuità di pensiero che percorre un po tutti gli scritti di Don Mario, in cui si può vedere il suo grande amore per il Signore, per la Chiesa, per l Eucaristia e per i poveri. Don Mario ci ha lasciato una quantità notevole di scritti: alcuni definiti e ordinati, altri come semplici appunti di omelie, altri come pensieri raccolti nei momenti più disparati della sua vita, lettere, ecc che ci auguriamo di poter presto ordinare e pubblicare. Questa antologia è finalizzata ad aiutare tutti i membri della Congregazione Mariana delle Case della Carità nel cammino del Capitolo Generale che sta vivendo. Di conseguenza non si sono curati né la sequenza cronologica dei testi, né l unità tematica, né tanto meno rappresentano tutto il pensiero di Don Mario sui temi che vengono trattati. Si è cercato di fornire quei testi che sono sembrati più significativi secondo le linee specifiche sulle quali sta muovendosi il Capitolo Generale. La maggioranza dei testi sono integrali, come sono usciti dalla penna di Don Mario. Solo alcuni (pochi) sono estrapolazioni di testi più ampi; si dà nota ogni qualvolta si omette una parte. Sebbene siano una modesta parte dei suoi scritti coprono in pratica tutto l arco della sua vita. Infatti ci sono brani del suo diario di seminarista diciannovenne del 1929 fino a testi del 1984 a due anni della sua morte. Alcuni testi o stralci di testi saranno corredati da una brevissima presentazione che permette e faciliti l inquadratura storica e il problema specifico a cui si riferiscono. Crediamo che al di là dell utilizzo immediato ai fini del Capitolo Generale, possa rimanere uno strumento di riflessione per ogni membro della Congregazione Mariana delle Case della Carità per approfondire il proprio rapporto con Don Mario, per entrare sempre più nella sua paternità e vivere la Casa della Carità come dono che Dio ha fatto alla sua Chiesa attraverso la persona e l opera di Don Mario, specialmente per i più giovani che non lo hanno conosciuto personalmente. Crediamo inoltre possa fare piacere a tanti amici che con insistenza ci hanno chiesto che si inizi la pubblicazione dei suoi scritti. Il Signore voglia benedire queste fatiche con i doni del suo Spirito. Carità Don Romano Zanni Superiore Generale della Congregazione Mariana delle Case della Pag. 4 di 211

5 ALBINEA 18 FEBBRAIO 1929 DIARIO - (1) - Don Mario scrive queste pagine in un piccolo notes con una calligrafia minuscola. Le scrive tre anni dopo la sua entrata in seminario. La prima pagina: RICORDA! Gli altri non hanno bisogno in generale dei nostri beni, ma sono avidi del nostro cuore. A me spetta dare il cuore al mio prossimo: spetta renderlo purissimo. Degno di essere dato in dono ai membri vivi di Gesù Cristo. I miei compagni, tutti gli uomini sono miei fratelli: ora come non dovrei essere buono con loro? Essere buono col mio prossimo: che ideale luminoso attuabile! Non penserò male di loro, mai. Che brutta cosa il pensar male! Si fa ingiuria a Dio, si vive malcontenti. Perché i cattivi pensieri tolgono ogni serenità. Vivrò nella pace dei pensieri amorevoli. Quando sarò solo, durante le orazioni penserò ai miei compagni, ai miei Superiori, ai miei parenti, a tutti gli uomini e mi compiacerò in pensieri d'amore verso di loro. Sereno nei pensieri: lo ripeto ancora, sereno. Perché dovrei avere pensieri d'invidia di disistima, di disprezzo? Neppure l'ultimo peccatore si deve disprezzare. Non ci si deve meravigliare di nessuno. La meraviglia è un brutto e impreciso modo per dire "mancanza di carità". Il prossimo, anche esteriormente, va trattato con ogni riguardo, come un oggetto prezioso. Parlare con delicatezza somma, non toccare mai certi tasti che potrebbero far dispiacere, non ridere mai di nessuno anche se qualcuno lo merita. Conformarsi ai singoli caratteri. Parlare di ciò che interessa il compagno; purché non siano cose cattive. Si possono dire anche parole inutili. In tal caso anche le sciocchezze acquistano un valore; esse non sono più sciocchezze ma strumento di carità. Partendo da basi così piccole si possono ottenere, quando vi sia il fuoco della carità, effetti sorprendenti nella vita intima delle anime. Solo bisogna adattarsi, saper nascondere il proprio io. Per saperlo nascondere non c'è che un mezzo: farlo morire. Ed è questo che è doloroso. L'amore al prossimo va mostrato con l'interessamento: nel campo spirituale come in quello materiale. Dobbiamo essere diplomatici della carità. Star attorno al nostro prossimo, prendercene cura, Pag. 5 di 211

6 mostrare che si vive per lui, che si vuole il suo bene, che si pensa più ai suoi interessi che ai propri. Però, purché si viva davvero per lui, mi pare che si possa anche fare a meno di mostrarlo; anzi, l'apostolato nascosto, il far del bene in segreto e venire, trascurati, o misconosciuti o disprezzati al di fuori da coloro stessi ai quali si fa del bene, mi pare sia più fruttuoso per gli uni e per gli altri: Almeno se ho ben capito che cosa si vuol dire di sopra! L'egoismo è il più dispregevole dei vizi. Chiude l'uomo in un cerchio di superbia, di freddezza. L'egoista non vive, non è cattolico. Bisogna avere il cuore largo come quello di Dio. Nessun amore lo esaurisce. Se abbiamo i nostri interessi particolari, non possiamo avere la carità. Dobbiamo desiderare di essere abbassati per far crescere gli altri. Dobbiamo godere che i nostri compagni siano lodati, stimati, facciano più bella figura di noi: dobbiamo anzi pregare per questo. Non c'è carità senza umiltà. Fare il bene mostrando di ricevere del bene da quelli ai quali lo facciamo, è una carità ben generosa. Occorre dar retta, sottomettersi a tutti, rispettare tutti: così si potrà penetrare i cuori. I consiglieri e i predicatori e gli ammonitori cattedratici non si attirano le simpatie. Si domina l'uomo con l'essergli ubbidiente. Uno che sia il più bravo della sua scuola farebbe bene di tanto in tanto di chiedere facili spiegazioni ai meno intelligenti: farebbe un atto di umiltà e di carità squisita mostrando stima per i compagni e dando loro un modo facile per ricambiargli servizi. Quando mi verrà qualche pensiero non caritatevole a riguardo di qualche compagno, pregherò per lui. "Non cercherò l'amicizia di nessuna creatura, se non quando il S. Cuore di Gesù mi inciterà per condurlo al suo amore" (S. Margherita Alacoque). Salverò solo le anime che avrò amato in Gesù Cristo. Per fare del bene bisogna essere sottomessi, mostrarsi sottomessi. Ubbidire a tutti, essere servi di tutti, naturalmente in ciò che è lecito. Ci vuole sommo rispetto per gli altri, trattarli come fossero superiori, i nostri fratelli sono grandi perché membra di Cristo Gesù. Se voglio far del bene al mio prossimo debbo compatirlo. Cercar di vedere in esso il minor numero possibile di difetti: compatirlo nei difetti che si sono visti. Pensiamo che noi in quelle circostanze faremmo forse peggio. Non meraviglia dei difetti altrui, ma compatimento; quel compatimento delicato che vede meno che può, che scusa più che può, che copre le mancanze altrui sotto il velo della carità. Pag. 6 di 211

7 Quando si ha questo compatimento si può fare la correzione. Essa deve essere prudente, sincera, umile, amorosa. Solo se è alimentata dalla carità essa porterà i suoi frutti. Chi comprende l'uomo è padrone dell'uomo. Se si vuole fare del bene all'uomo bisogna conoscere il cuore umano. È questo un libro difficile che non si conosce mai abbastanza. In fondo il cuore umano è sempre buono. Ora bisogna scoprire questo fondo, cercarlo spesso tra un cumulo di cattiveria, di egoismo, di impurità di superbia. Scoprirlo, poi svolgere da esso l'edificio della vita nuova. Conoscendo l'uomo si viene a conoscere che egli è tante volte pieno d'amor proprio. Si può cominciare un apostolato accarezzando l'amor proprio del prossimo? io non saprei. Certo nella comprensione del cuore umano entra anche questo: che egli vuole essere scusato. Bisogna dunque saper scusare. Mi sembra però di più grande importanza il saper sviluppare quel germe di bontà che ogni uomo possiede, svolgerlo. Ci sarebbero sulla comprensione del prossimo mille cose da dire; ma io non saprei farlo perché manco di esperienza. So però che per comprendere le anime occorre essere molto puri. La purità è la via migliore per la conoscenza di Dio e delle anime. L'occhio puro penetra il mistero. Dobbiamo essere puri per vedere Gesù nei nostri fratelli, per ispirare loro confidenza per dominarli con lo sguardo. Che il nostro prossimo veda attraverso il nostro occhio l'immagine di Dio e sarà nostro. Guai se ci fermiamo al corpo! Abissus abissum invocat; perderemmo le anime invece di salvarle. Bisogna stare attenti nei discorsi; ci vuole delicatezza. Il sentimentalismo è uno dei pericoli più grandi; delicati, ma non scrupolosi. Questo riguardo specialmente a quei peccatori che ci parlano della loro vita. ln tali casi ci vuol (delicatezza) dignità ma guai a essere schizzinosi. Attenti dalla curiosità. È un male per noi perché può alimentare le passioni, rendere poi nullo il nostro apostolato. Perché se il nostro prossimo si accorge che siamo curiosi non ha più confidenza. Non è bene fare molte domande; quelle che si fanno debbono farsi con prudenza e solo quando è evidente che non le facciamo per appagare la nostra curiosità. Vogliamo che il nostro prossimo abbia fiducia in noi? Dobbiamo averne in lui. Aver fiducia nel prossimo vuol dire credere alle sue parole, alla sua volontà, stimare le sue intenzioni, non avere alcun dubbio sulla sua onestà. Potremmo trovarci con persone evidentemente ipocrite. Allora è bene mostrare di avere fiducia in esse: con questa santa ipocrisia si può forse guarire una satanica ipocrisia. Non so però se sia bene agire così. ln generale l'ottimismo è una cosa buona: bisogna essere ottimisti fin che è possibile. Si dice che a pensar male ci si prende sempre. Io credo che questo sia un errore: a pensar male si può qualche volta sbagliare, senza contare che da parte nostra questo modo di agire è quasi sempre riprovevole. Aver fiducia nella Pag. 7 di 211

8 bontà umana è un far piacere al Creatore dell'umanità. Che brutta cosa essere diffidenti! Guardinghi! Meno prudenza e più disinteresse, più carità! Non imbecilli s'intende. Benché sia commovente, non è giusta la frase del lebbroso di X. de Maistre: "Io non credo che gli uomini siano cattivi" ma è peggiore la fredda, egoista frase del protestante Goethe: "Non gettare il tuo cuore al mondo: il mondo è un cane male avvezzato che non riporta mai nulla". Nell'apostolato ci vuole segretezza: mai accennare a ciò che una persona ci ha confidato, mai fare l'apostolato a suon di tamburo. Nel silenzio e nell'umiltà si fa il doppio bene, non si dà nell'occhio a nessuno e si ha di più il vantaggio che nessuno si adombra o ci reca disturbo. Nell'amore del prossimo non vi deve essere grettezza, ma generosità. Dare senza mai chiedere. Dare i beni, il cuore, le nostre facoltà, la nostra vita. Dare col sorriso sulle labbra, dare volentieri, senza reticenze, senza condizioni. Dare tutto senza risparmiare nulla per sé. Dare con delicatezza per non umiliare nessuno. Vivere ogni momento, ogni gioia, ogni dolore per il prossimo. Vivere per esso nell'osservanza perfetta delle regole, nel sacrificio della penitenza, nella preghiera e nella meditazione. Offrire se stesso al Signore, rinunciare a tutte le consolazioni spirituali, a tutti i comodi materiali per amore dei nostri fratelli. C'è nel mondo delle anime una brutta gelosia: si è gelosi delle anime a cui si è fatto un po' di bene o con cui si è in relazione, e si vorrebbe che nessuno le avvicinasse: quale superbia! Quale grettezza! Siamo cavalieri. Non c'è apostolato senza sacrificio. Intanto si salvano le anime in quanto si fa penitenza: "sine effusione sanguinis non fit remissio". Non c'è che la via del sacrificio (sacrificio della volontà e del corpo) per salvare le anime. Dobbiamo morire per dar vita agli altri. Noi siamo giovani e possiamo ancora soffrire perché il nostro corpo è pieno di vitalità, il nostro cuore capace di sentire. "Obsecro vos ut exhibeatis corpora vestra hostiam viventem". Un'ostia vivente, cioè che è piena di forze, sensibilissima al sacrificio, che si sente attratta dalla carne e vive nel martirio continuo di una lotta umiliante, che sente una irresistibile tendenza ad alzarsi e si abbassa eroicamente, che ha una carne palpitante di vita e un sangue vivacissimo e li pone sotto il torchio della penitenza per spremerne il vino vivo di Cristo. Quant'è bello quanto eroico, quanto luminoso coronare di dolore gli anni della giovinezza. Dedicare a Dio una volontà ribelle, una intelligenza che tutto vuol sapere! dare tutto per gli apostoli, per la Chiesa, per i poveri, per coloro che soffrono, per le anime deboli che non sanno innalzarsi dal fango o dalla neghittosità. Non si può mai criticare il prossimo: è cosa santa non criticarlo neppure nelle cose permesse o da nulla. Pag. 8 di 211

9 I poveri e gli infelici sono le immagini più somiglianti di Gesù Cristo stesso. Io non so una cosa: come tanti cristiani, tanti sacerdoti passino davanti a un infelice, un povero e non si fermino. Uno che vedendo un povero o un disgraziato, non lo solleva, perde una grazia: è come chi vedendo passare il SS. Sacramento non si inginocchia in atto di adorazione. Si perdona molto a chi ama molto. Come è gretta cosa adoperare il portafogli per sé e il borsellino degli spiccioli per gli altri. Se incontrassimo il Signore, daremmo un soldo? Eppure i poveri sono il Signore! Non umiliamoli anche noi; essi che sono tanto umiliati: i Santi davano anche gli abiti al povero. Ma la carità non è fatta solo di denaro: bisogna avere il cuore della carità, bisogna avere la comprensione della miseria. Quegli infelici coperti di stracci hanno pur un cuore e forse più sensibile del nostro, hanno pur un animo e forse più nobile del nostro. Povera gente che tanto di rado riceve un sorriso, che tanto spesso riceve insulti e freddezze! Poveri bambini che non hanno la carezza della mamma e non trovano un cuore che li consoli. Ah! deve pur rendere conto a Dio quel sacerdote che non ha compreso, che non ha saputo consolare uno di questi piccoli, che lo ha cacciato come un importuno, o se ne è liberato con pochi soldi. Oh! i soldi non sono la carità! Se avessi una penna di forza vorrei scrivere tanti libri per spingere alla carità; se avessi una voce potente potrei predicare sempre la carità. Bisogna cercarli i poveri, gli infelici. Non aspettare che vengano a bussare alla porta. Lo so che è ben noioso conversare con ignoranti, con gente lurida, con ammalati poveri: ma forse che si è sacerdoti per vivere bene? Passare allegramente ore ed ore ad un banchetto e poi mandare al povero,che aspetta alla porta, un pane, che brutta cosa per un sacerdote! Si vedono alle volte brigate di gitanti (spesso anche preti) salire i paesetti di montagna e mettersi poi a consumare allegramente le provviste in un bosco o in un prato. Vengono a vederli i bambini, si sa sono noiosi e non hanno riguardi. Io so che molte volte questi bambini vengono scacciati. Eppure s'accontenterebbero di così poco! Ma perché non avere la comprensione della carità? D'altra parte è bene scacciare la miseria dai luoghi dove si gode: sarebbe un rimprovero troppo evidente. Quando sarò prete, se (Dio) il Signore vuole, mi dedicherò in gran parte agli umili, ai poveri, ai disgraziati: essi che nulla pretendono meritano molto. Amo quelle povere vecchierelle umili, a mala pena sopportate dalle loro famiglie, quei fanciulli che non hanno mai visto un giocattolo, che non hanno mai ricevuto una carezza, quelle spose che conoscono solo la durezza del marito rozzo, quelle giovani che non possono avere un'ora di riposo, quegli esseri che non conoscono che il lavoro continuo, che prendono cibo quando ne hanno. Bisognerebbe entrare in certe case per vedere come vive tanta povera gente. Bisognerebbe vedere come sono curati tanti ammalati. Bisognerebbe saper leggere negli occhi rossi, gonfi di pianto, di tante donne e di tanti bambini. E tanti ricchi Pag. 9 di 211

10 consumano, e tanti ecclesiastici pure... non si accorgono di nulla. Non c'è cosa che mi addolori di più che il vedere tanti signorini e laici e seminaristi curare il ciuffo o la sigaretta e non essere capaci di vedere una miseria. Gente per lo meno inutile. Si dirà che bisogna tenere alta la dignità; forse che l'abbassarsi sulla miseria è un disonorare la propria dignità! forse il cardinal Federigo sporcava la santa Porpora baciando i bambini mocciosi dei contadini? Certo che lo stare fra gente nobile è più dignitoso: meno evangelico però. La questione sociale è una questione di Carità e solo la Carità della Chiesa Cattolica può scioglierla. Presentemente sono seminarista. Debbo dunque trattare con seminaristi: cioè con caratteri diversi. Bisogna conoscere il carattere di ciascuno per osservare la carità. C'è il carattere buono per natura: forse quello da cui si riesce a cavar meno. Si può lasciare in pace: non sarà un cattivo prete. Si può influire su di lui con il buon esempio cercando di allargare un po' le sue vedute, perché mi sembra che i buoni siano di vedute non troppo larghe. C'è il carattere nettamente superbo: il suo io entra dappertutto. È vuoto di ogni spirito. Bisogna ceder sempre: bisogna attivarlo e farlo cambiare con l'umiltà e la preghiera. C'è il carattere romantico e malinconico per partito preso, in realtà passionale. Occorre andare adagio a mettersi (d'accordo) in relazione con lui: però credo si possa indirizzare bene. C'è il seminarista al quale natura ha dato poco. È umile, non pretende nulla dice con semplicità: "Io sono buono a nulla". È il seminarista che amo di più. In ogni caso ci vuole purezza grande: nell'apostolato del prossimo l'unica via è di trasformare noi stessi in Gesù Cristo, di vedere negli altri solo Gesù Cristo. Ed ora vorrei dire qualcosa sulla poesia che emana dalla carità sulla poesia che viene dall'alito vitale delle anime, dal fuoco del cuore del prossimo. Ma la mia povera penna non sa che scrivere queste formule ancor più povere: com'è dolce, com'è santo amarsi sulla terra per amarsi poi in cielo nella unità di Dio, nella perfezione di Gesù Cristo. RICORDI: 1) Siate tanto santi da strappare a Dio dei miracoli (Card. Lavigerie ai suoi...) 2) Nello studio voglio farmi una formazione tale da essere capace di occupare nella chiesa qualsiasi carica. (Un Nov. della...) Pag. 10 di 211

11 3) Debbo farmi un carattere forte, sereno, sacerdotale. Gioventù trascurata, virilità perduta. Corrumpiunt mores bonos colloquia prava" (1' Cor. 15) Strana cosa davvero: ci diamo più pensiero della stima degli uomini che della stessa virtù, e si rimane più umiliati di un granchio preso in pubblico che di una colpa segreta. (Tanquerey) "Non ti affliggere mai perché la gioia in Dio è la tua forza" (Nehem) "Padre santo, io prego perché essi abbiano in sé la pienezza della mia gioia" (Giov. 17) "Prego il Padre ed egli vi darà un Consolatore, perché rimanga sempre con voi. E lo spirito di verità... Egli sarà in voi" (Giov. 14) "La carità comanda un triplice movimento: un movimento di distacco; un movimento d'unione: un movimento di diffusione: distacco dalle creature, unione con Dio, diffusione del bene per le anime". (Libert O.P.) "La vera carità consiste nel sopportare tutti i difetti del prossimo, nel non meravigliarsi delle sue debolezze, e nell'edificarsi nei minimi suoi atti di virtù". "Soprattutto, la carità non deve starsene chiusa nel fondo del nostro cuore, perché nessuno accende la lucerna per metterla sotto il moggio, ma per collocarla sul candelabro affinché serva ad illuminare tutti coloro che sono nella casa, questa lucerna è la carità". (S. Teresa del B. G.) È preferibile lasciare ciascuno nel suo proprio sentimento, piuttosto che indugiarsi a contestare. (Imitaz.) La solitudine è stata definita: Gesù che passa; Gesù che parla; Gesù che benedice. Prima di mettersi al confessionale, Giovanni meditava e nelle meditazioni gli divampava in cuore una fiamma di puro amore che egli non sapeva contenere e la emetteva poi in parole ispirate, semplici e calde a cui non si poteva resistere. Senza avere l'aria di un cattedratico, e senza sforzo, conduceva con soavità quelle anime, la cui pace interna e l'abitudine dei pensieri e degli affetti sono in cielo. (S. G. della Croce) L'orazione e la mortificazione: due cose insostituibili e impensabili ad ogni perfezionamento spirituale. (Vita di S. G. della Croce) Pag. 11 di 211

12 "L'errore come il peccato, è separazione, mentre la verità è unità. Il vizio è vergogna e la vergogna è nascondersi". Il lavoro è uno scudo. (Baunard) "Noi riguardiamo questo punto (di un contegno edificante in chiesa) come fondamento dell'edificio della pietà presso i giovani; io scongiuro i miei ausiliari e successori a mantenere con la più grande cura le tradizioni di questo contegno decoroso che io sono arrivato a stabilire con molto sforzo". "Rispetto per tutte le più piccole pratiche della chiesa; rispetto per tutte le cose sante; rispetto per tutti gli insegnamenti della medesima; ecco i tre rispetti che bisogna infondere nei giovani: è il secondo modo di imprimere la pietà nei loro cuori. Il contegno dignitoso in chiesa era il mezzo più immediato, questo sarà forse il più duraturo". (Timon David) La vita scorre come le acque di un fiume che accarezzano, passando, le rive, le rive che più non rivedranno. (Beaudenom) Quale potere avrà il prete parlando della preghiera, se il popolo lo vede frequentemente in intimo colloquio con l'ospite troppo spesso abbandonato del Tabernacolo! Come sarà ascoltata la sua parola, se predicando il lavoro, la penitenza, è egli stesso laborioso, mortificato! Apologista della carità fraterna, troverà cuori attenti, e se, vigilante a spargere nel gregge il buono odore di Gesù C. rifletterà nella propria condotta la dolcezza e l'umiltà dell'esemplare. Oh! Se i cattolici, o almeno gli uomini d'azione avessero quello splendore di vita cristiana dipinta dall'illustre cardinale (Wiseman in "Fabiola") e che non è altro che l'attuazione del Vangelo! Come sarebbe allora irresistibile il loro apostolato tra questi pagani moderni, troppo spesso prevenuti contro il cattolicesimo dalle calunnie dei settari, dal carattere acerbo delle nostre polemiche e da un modo di rivendicare i nostri diritti, che sembrano provenire più dall'orgoglio ferito che dal desiderio di sostenere gli interessi di Gesù". (Anima dell'apostolato) "Ogni uomo conserva un settore, per quanto piccolo e nascosto di bontà, sul quale si può fare leva". "Dopo Cristo ogni battezzato è redimibile". L'asprezza, la violenza, la durezza allontanano le coscienze, le fanno rinchiudere in se stesse, in un sordo rancore e in una ostile diffidenza. Solo l'amore salva. (Mons. Sargolini) Pag. 12 di 211

13 IL REGNO DI DIO CARITA - (2) - Appunti scritti su un foglio doppio di quaderno a quadretti. Il tipo di carta, l inchiostro e la calligrafia sempre minuscola fanno collocare questo scritto agli anni del seminario o a quelli subito dopo. Don Mario stesso non si ricordava la data, ma pensava fosse dei primi due anni di sacerdozio quando era curato o a Calerno o a Castelnovo né Monti. SE DIO VOLESSE!... col suo aiuto io mi sentirei di mettervi mano IL REGNO DI DIO CARITÀ. ai malati comuni 1) Attualmente come si provvede: 1) con cura e assistenza famigliare: quando vi sia molta pietà cristiana, assistenza sanitaria e sacerdotale, molto bene. 2) con internare in Ospedali e sanatori i soggetti. burocrazia Praticamente rispondono bene questi istituti? dal spese forti ecc. punto di vista clinico: forse sì, forse ottimamente; dal punto di vista cristiano: forse no. Ragioni: a) agglomerati e personale insufficiente; b) amministrazioni laiche, dove prevale il criterio: "fare almeno 60 e 60" abbondanza di "funzionari" criteri a volte molto umani. c) locali ambienti non sempre rispondenti ai bisogni. d) professionismo o tecnicismo di suore e infermieri; a volte anche dei...cappellani. e)... ai malati cronici 1) Ricoveri di mendicità; case di riposo vecchi regionali prov. comunali private. Crescendo il bisogno dell'elemento "pazienza cristiana" mi pare che aumentino le difficoltà del caso precedente in intensità. Si può stabilire forse una proporzione inversa così: cresce l'insolvibilità, invalidità; diminuisce la cura (carità cristiana (in generale) malati poveri Sono a carico pubblico, attualmente di comuni o comuni e cronici altri comuni e cronici enti civici (Mutue Assic. Federaz.) almeno come è organizzato lo stato, che naturalmente dovrebbe in teoria, arrivare a provvedere a tutti i casi. Per il sorgere progressivo "di enti" che per natura dovrebbero provvedere a questa categoria di poveri un certo benessere fisico. È forse venuto a mancare nel Pag. 13 di 211

14 agli incurabili (scemi defic) cristiano e nel sacerdote quel senso di responsabilità personale che verrebbe espresso nella frase "mandavit Dom. unicuique de proximo suo" e " amate il prossimo come voi stessi". 1) In famiglia: molto spesso le famiglie sono le meno adatte e attrezzate per conservare questi infelici; perché: provengono, spesso, da famiglie tarate; o povere, o di montagna e collina; non c'è sempre tempo e modo per assisterli convenientemente. Quanti casi sono stati una vera provvidenza...grande furono accolti; qualche volta sono di sconcio per i vicini; qualche volta sono in balia di sciagurati che ne approfittano: (è notevole la tendenza sensuale in essi). 2) In ricoveri (Frenocomi Cottolengo) molti inconvenienti già visti per altri casi. Per tutti certo è necessarissimo uno spirito di suprema e costante carità cristiana. 2) come si potrebbe provvedere meglio. = Non si potrebbe per esempio in un Comune tentare anzitutto per i poveri così: il clero si unisce e partendo dal principio scemi cronici ecc.seguente:"il povero è Cristo" quanto più bisognoso e sofferente, tanto più Cristo quello che è fatto a uno di questi minimi è fatto a me; si tira questa importantissima conclusione: non agisco per fare del bene al prossimo, non cerco di risolvere dei problemi sociali di umanità di andare incontro a bisogni (questo rimane vero, ma viene come corollario, io parto di qui: Gesù Cristo mi fa l'immenso piacere di venirmi incontro nel povero, nel sofferente, per farmi capire il più grande precetto della legge "Ama". È una continuazione del "sic Deus Dilexit mumdum ut unigenitu I.C. daret" questo dare continua. Allora si ringrazia Dio di questa fortuna, di questo piacere che ci fa e si lavora così: avrò tanto più caro quanto più potrò far del bene a dei fratelli. Perché non potremmo assumerci noi, nel Comune l'assistenza dei bisognosi. Accordarsi in modo che l'amministrazione Com. passa al Collegio dei parroci una quota media che di solito viene pagata ogni anno per ospedalità, ricoveri ecc. e non ci pensa più. Viene alleggerito di una notevole e incresciosa (per loro) burocrazia. Può servire quello come primo nucleo per costituire in una o più parrocchie una Casa della Carità. Non dare molta importanza all'assistenza economica del Municipio, perché la Casa dovrà vivere di carità; e a sua volta fomenterà la carità nelle parrocchie. Per arredamenti, suppellettili ecc. interessarne la parrocchia. Cominciare a Pag. 14 di 211

15 altri malati parlarne come di una Casa che deve essere il Parafulmine della Parrocchia, un modo per coprire tante magagne una palestra delle Opere di Misericordia. Sarà impossibile arrivare ad avere un piccolo ospedale, ben attrezzato per i soli malati di chirurgia e medicina in ogni comune? a fianco della Casa della Carità? Il medico condotto a volte coadiuvato da uno o due colleghi. Per casi gravi far venire qualche specialista o,addirittura, potendo, inviare il malato in luogo acconcio. E i medici non potrebbero essere dei nostri? Una specie di frati laici, ma nostri, cioè pieni di queste idee della carità? Come si aiuta il seminarista, non si potrebbe costituire dei collegi medici con criteri analoghi al Seminario?... "Certo Dio è onnipotente!!!!!." Pag. 15 di 211

16 DIARIO Dal 30 ottobre 1938 al (3) - Pagine stralciate dal diario dei suoi primi anni di Parroco. Si trovano nell Archivio Parrocchiale di Fontanaluccia A Maggior Gloria Di Dio, della B.ma Vergine del Carmine, di S.Lucia V.M., inizio la cronaca degli avvenimenti più considerevoli della parrocchia. Spero, con l'aiuto di Dio, che servano solo a testimoniare a me e a chi leggerà, una minima parte delle numerosissime, non certo registrabili, Grazie e Benedizioni che il Buon Dio, nella sua Immensa Bontà, elargisce continuamente alla Sua Chiesa e alla parrocchia. Ovviamente non vengono notate le miserie e infedeltà che purtroppo sono immancabili, perché spero saranno perdonate e dimenticate dalla Divina Misericordia e dagli uomini: C'è qualcun altro che Scrive in ben altro Libro "in quo totum continetur" e che sarà letto nel dì del Giudizio. D'altra parte non faccio che poveramente soddisfare una precisa indicazione pastorale. E Dio mi aiuti e mi perdoni. ANNO DEL SIGNORE ottobre. Dopo l'ave Maria della sera con un tempo piuttosto piovoso e con un camioncino gentilmente prestato da alcuni amici di Villa Cadè, sbarca finalmente, dopo un movimentato viaggio, il nuovo Sacerdote mandato da S.E. Mons. E.Brettoni, Vescovo di Reggio e Principe, a guidare la parrocchia di S.Lucia V.M. di Fontanaluccia, in sostituzione del Rev. D.Giuseppe Poli, promosso parroco a Villa Cadè di R.E. Il nuovo prete, Sac. Mario Prandi del fu Giovanni, sarto e della fu Adalgisa Fantuzzi, è nato a Reggio Em. nella parrocchia di S.Teresa il 6 febbraio Ordinato Sacerdote dall'ecc. Vescovo su ricordato, nella Cattedrale di Reggio il 15 luglio 1934, fu 6 mesi cappellano a Calerno di S.Ilario poi dal 5 gennaio 1935 al 22 agosto 1936 alla Pieve di Castelnuovo Monti e dal 23 agosto 1936 al 31 ottobre 1938, coadiutore ed economo spirituale a Villa Cadè. Scaricate le povere e poche masserizie portate da Reggio, incontro la Vecchia "Bana" che custodisce la chiesa e la lampada del SS.mo e la canonica. Si accende un bel fuoco nel grande Pag. 16 di 211

17 vecchio Camino della Canonica e dopo una visita al Signore, si fa la prima cenetta frugale in compagnia di mia sorella Maria, di Tazzioli Bonfiglio di Fontanaluccia e di alcuni amici sopraggiunti con una altra macchina da Reggio Deo Gratias et Mariae l.novembre. Prima Messa nella nuova parrocchia. La Chiesa è bella, le campane grandiose. ma sopratutto la cara gente di Fontanaluccia riempie ad ogni funzione la Chiesa. 2 Novembre. Commemorazione Dei Defunti: Non posso dimenticare oggi, assieme a tutti gli altri, il mio Caro papà, che, socialista prampoliniano prima, poi a poco a poco diventato, "in votis" sagrestano, campanaro...e ortolano di quella buona lana di suo figlio, avrebbe tanto desiderato offrire la sua modesta opera di aiuto al figlio sacerdote e parroco in montagna, ma il Buon Dio disponendo diversamente, aveva lasciato questa terra due anni prima che il figlio divenisse Sacerdote. Il Signore lo ricompensi molto meglio con la pace eterna. Assieme al papà, con una viva commozione ricordo la Carissima, indimenticabile impareggiabile mamma che mi portò con numerosi stenti fino al Seminario e che, resa impotente, sebbene molto giovane,attese trepidante e ansiosa la prima messa del figlio. Quanto avrei voluto che fosse qui oggi, assieme alle mie sorelle: ma il Buon Dio la chiamò a Se, credo piena di meriti, nel primo anno del mio sacerdozio; dopo avere assistito all'unica mia Messa Celebrata, per bontà del Vescovo, nella di lei Camera la vigilia della Sua morte Santa. Il Signore la conservi nella Pace e nella Gloria eterna assieme ai miei cari tutti che il Signore ha Voluto con Lui. Ho portato con me a Fontanaluccia la povera poltrona di vimini dove è stata tanto tempo della Sua infermità a pregare per tutti noi 5 Novembre. Primo incontro a Civago per il Confessino di S.Leonardo Con i Carissimi Confratelli del Vicariato, Arcip. D.Paolino Canovi di Gazzano, Don Giov. Battista Pigozzi, decano di Cervarolo, Don Giacomo Grazioli di Morsiano, Don Alfredo Bartoli di Romanoro, Don Gian Domenico Guidetti di Civago, Don Vincenzo Farioli di Rovolo. (Vacante la parrocchia di Novellano di cui è Economo Sp. il prevosto di Morsiano. 9 Novembre. Prima Messa all'oratorio Santuario parrocchiale della B.V. della Neve di Pietravolta. 20 Novembre. Ho approfittato della buona stagione nei giorni scorsi per visitare e celebrare nei vari oratori e rendermi conto della Vastissima e disagiata parrocchia che va da quota 750 sul mare al fiume Dolo e la Diga, fino a 1350 alle Case del Roncadello e della Paesina dei Casoni, e fino a 1600 al confine con la Diocesi di Massa Carrara nei pressi del Passo Delle Radici. Ho incontrato e visitato anche i parroci confinanti del Modenese: il vecchissimo Arcip. D. Piacentini di Piandelagotti, il prev. di Riccovolto D. Giuseppe Lunardi e l'arcip. di Frassinoro D. Francesco Fiori. Pag. 17 di 211

18 13 Dicembre. Solennità di S.Lucia, moltissimi i fedeli e tutti i Sacerdoti della zona molte S.Comunioni Dicembre. Con il canto del Te Deum si chiude questo anno Ottime impressioni della parrocchia nel Campo religioso morale. Infelici nelle abitazioni e nel campo economico, almeno per buona parte delle famiglie. Molti emigrano stagionalmente, dall'autunno all'estate, in prevalenza in Toscana, ma anche in Corsica, Algeria Francia e Belgio. Molte ragazze a Servizio. Deo Gratias et Mariae ANNO DEL SIGNORE gennaio. Celebrate le Feste di inizio d'anno e della Epifania con buon concorso, anche se la neve è stata abbondante. Da oggi comincia, con l'aiuto di Dio e della Madonna la S.Messa ogni Sabato non impedito alla B.V. di Pietravolta per soddisfare in qualche modo la pia intenzione dei donatori del fondo "macchiaccia" lasciato a suo tempo per la Messa festiva e la dottrina all'oratorio della B.V. di Pietravolta. Si comincia anche a parlare con i R.mi Superiori per la Messa Domenicale che da qualche anno è stata tolta a Pietravolta. Per alcuni anni vi andò il parroco di Riccovolto, per invito del parroco di Fontanaluccia. Vedremo. 5 febbraio. Festa di S.Agata, compatrona. Inviato come economo Spirituale in questa parrocchia, il venivo nominato, con bolla Vescovile, prevosto di Fontanaluccia. Si è pensato bene di fissare in questa odierna solennità la presa di possesso della parrocchia. Si è celebrato il rito in uso nella nostra Diocesi. Fungeva da Padrino il Sig. Arciprete di Gazzano, da assistenti il parroco di Civago e di Rovolo, da testimoni Ghini Virginio già fabbricere e Stefani Fortunato Priore della Confraternita del SS.mo Sacramento. Molte S.Comunioni, qualche gentile dono in natura da parte dei parrocchiani. 8 9 febbraio. Si indicono pubbliche preghiere per la salute del S.Padre Pio 10 febbraio. Quasi inopinatamente fra la costernazione del mondo il Sommo Pontefice pio XI è entrato nella Pace,= per Notizie ved. Bollett. Diocesano Na 2 in archivio 12 febbraio. Domenica: Si tiene in parrocchia l'ufficio solenne per il Sommo Pontefice. Preparato un grandioso Catafalco Sormontato dalla Tiara, con numerosissimi lumi tutto il popolo prega. 14 febbraio. Alla Plebana di Gazzano Solennissima Commemorazione Vicariale del S.P. presenti tutte le parrocchie con associaz. e Pag. 18 di 211

19 labari. Il tempo abbastanza mite ha consentito il radunarsi di molti fedeli. 26 febbraio. Dopo Vespro assemblea nel teatrino di tutte le associazioni parrocchiali per la Commemorazione del Sommo Pontefice della Conciliazione. Si prega per il Conclave 2 marzo Sommo giubilo per tutta la Chiesa per la elezione a Papa del Card. Eugenio Pacelli che prende il nome di Pio XII. Vedi Boll. Diocesano 12 marzo. Solenne Te Deum per la Incoronazione Del Sommo pontefice. 13 marzo. Avendo da tempo notato con rincrescimento che non si tengono in parrocchia (e in nessuna del Vicariato) le SS.Quarantore, dopo ripetute adunanze della Confraternita del SS.mo Sacramento (molto numerosa!) e la debita autorizzazione Vescovile, concessa con paterna vivissima gioia da Mons. Vescovo, vengono fissate le SS.40 ore per la nostra parrocchia nei giorni di Venerdì, Sabato e IV Domenica di Quaresima di ogni anno, da tenersi in modo che siano effettivamente 40 ore di adorazione Solenne, con invito speciale ai Confratelli e Consorelle e alle associazioni per i turni di ogni ora e con invito ai Sacerdoti del Vicariato per le Confessioni e possibilmente a un predicatore forestiero. Così Dio ci aiuti. 21 marzo. Si sono concluse con Solenne processione eucaristica, non ostacolata dalla abbondante nevicata del Venerdì notte, le SS.40 ore. con numerosissimo concorso di fedeli ad ogni ora e alla S.Comunione. Sono state predicate dal Rev. P.Lorenzo Cangini dei Servi di Maria della Ghiara di Reggio E. 9 aprile. Prima Pasqua a Fontanaluccia. Preceduta dalle Funzioni della Settimana Santa, con buona frequenza di fedeli anche al canto del mattutino, si celebra la festa con molta gioia e solennità. Si inaugura il nuovo "Cero Pasquale" acquistato a Roma dalla Ditta Parisi. 10 Aprile. Tradizionale funzione alla B.V. di Pietravolta. Il piccolo Santuario si rivela insufficiente alle funzioni! È anche piuttosto malmesso per le piccole Celle costruite da Fra Pacifico da Giuncugnano oltre 50 anni or sono, negli ultimi Anni della Sua vita. Si dice che pensava a formare una piccola Comunità! Di fatto sono cadenti e rendono malmesso il Santuario. Speriamo nell'aiuto della Madonna....omissis... Pag. 19 di 211

20 30 aprile. A Seguito di una accorata lettera del S. Padre Pio XII, viene indetta per il mese mariano la "Crociata di preghiere per la pace" con invito particolare ai fanciulli! 14 maggio. Pellegrinaggio parrocchiale alla B.V. della Guardia di Genova. Si parte in pulman in una quarantina. Si arriva a Genova, dove si pernotta: parte in pulman, parte presso parenti che trovansi numerosi a Genova. 15 maggio. Al mattino molto per tempo Si sale al Santuario per la funzione. Molti salgono a piedi scalzi Si ritorna in nottata stanchi ma contenti 18 maggio. Tradizionale Solenne Rogazione a Muschioso, dove giunti si canta, sul monte il Te Deum Al ritorno Messa Cantata. 25 maggio. In data odierna viene elevato alla Dignità di Arcivescovo e traslato alla Sede di Lanciano, S.E. Rev.ma Mons. Pietro Tesauri, nostro condiocesano, già vescovo di Isernia e Venafro. S.E. Mons. Tesauri è ben conosciuto in parrocchia per la Solenne Missione predicata qui, già da Vescovo, nell'occasione del Centenario dell'attuale Chiesa parrocchiale. Giacché se ne offre l'opportunità, è bene notare che l'attuale Chiesa eretta nel 1835 con elargizioni del Duca di Modena e della popolazione, fu modificata internamente, (dopo il terremoto del 1921 che ne abbattè la volta) Costruendovi le colonne rotonde e le volte a vela in luogo della grande Capriata. Fu decorata, in occasione del Centenario della costruzione, dal reggiano Prof. Anselmo Govi, che trovò qui la grazia di regolare il suo matrimonio, per interessamento anche del parroco D.Poli: ed è la quinta chiesa di Fontanaluccia. Pare che la prima si trovasse, poco dopo il "mille" sulla Rocca di Muschioso; di là passò alla "Raigada" o alla "Cagranda" dove esistono ruderi e Croci in memoria; indi all'attuale località di "Chiesa Vecchia" dove trovasi il Beneficio parrocchiale, e pare vi fosse trasferita intorno al Esiste una memoria sicura di una grandiosissima Missione predicata in quel luogo dall'illustre Gesuita P. Segneri e dal suo compagno P. Pinamonti verso il A causa di nuovi movimenti franosi verso il 1700 fu costruita di nuovo alla località detta ancora "Campanile Vecchio" e vi rimase fino al Di là passò al luogo attuale e fu ultimata nel 1835, rimanendo però in piedi per vario tempo il vecchio campanile (che diede poi il nome alla località) fino a quando, nel si costruì l'attuale massiccio campanile e si inaugurò il nuovo meraviglioso concerto di campane, fuse dalla Ditta Bimbi di Fontanaluccia a Casa Farioli Notizie più dettagliate. che si trovano sparse nel locale archivio e in altri, mi proporrei di raccogliere se il Buon Dio lo Vorrà. 29 maggio. Celebrata Solennemente la Pentecoste nel giorno precedente; oggi, secondo la consuetudine si è svolto il Pag. 20 di 211

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano La Casa della Carità, nasce nel 1941 dall intuizione di Don Mario Prandi, Parroco di Fontanaluccia, per rispondere al bisogno di assistenza di alcune

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Doc. 11 di Don Salvatore Conte

Doc. 11 di Don Salvatore Conte Doc. 11 LETTERE A NUCCIA di Don Salvatore Conte Taranto 19 / 12 / 1969 ho ricevuto la tua gradita lettera e ti ringrazio del ricordo e delle preghiere. Anche io sento il disagio della lontananza che mi

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro Parrocchia di San Pietro Carissimo, carissima, questo messalino ti accompagnerà lungo queste domeniche durante le quali cercheremo di capire più a fondo il significato della Messa e delle sue varie parti.

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

OTTOBRE 2015. GIOVEDI 1 Comunione agli ammalati S.Filastro Festa degli angeli custodi e dei nonni

OTTOBRE 2015. GIOVEDI 1 Comunione agli ammalati S.Filastro Festa degli angeli custodi e dei nonni OTTOBRE 2015 GIOVEDI 1 Comunione agli ammalati VENERDI 2 Festa degli angeli custodi e dei nonni SABATO 3 DOMENICA 4 LUNEDI 5 MARTEDI 6 Adorazione Eucaristica nelle due parrocchie (8.30-20.00) Ore 21.00:

Dettagli

Settimana della Comunità Prima assemblea parrocchiale LA COMUNITA. Pagine di vita A C C O G L I E N Z A

Settimana della Comunità Prima assemblea parrocchiale LA COMUNITA. Pagine di vita A C C O G L I E N Z A Settimana della Comunità Prima assemblea parrocchiale LA COMUNITA Pagine di vita A C C O G L I E N Z A Quando l'assemblea si è riunita si apre la catechesi con un intervento che crei, secondo l'opportunità,

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 01/4/2013 LUNEDÌ DELL ANGELO Letture: Atti 2, 14. 22-23 Salmo 16 (15) Vangelo: Matteo 28, 1-15 NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN! Ci mettiamo alla Presenza del Signore,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo

Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo Il Rito del Battesimo Il santo Battesimo è il fondamento di tutta la vita cristiana, il vestibolo d'ingresso alla vita nello Spirito e la porta che

Dettagli

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ Carissimi, A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO SETTEMBRE - OTTOBRE 2015 tutte le nostre feste comunitarie in questo tempo ci invitano a innalzare lo sguardo alla Madonna: al Santuario per

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Apertura della Settimana delle Rogazioni

Apertura della Settimana delle Rogazioni A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO Carissimi, MAGGIO GIUGNO LUGLIO 2015 il Cardinale Arcivescovo della nostra Chiesa bolognese quest anno verrà a sigillare la nostra festa della famiglia

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ All inizio del nuovo anno pastorale 2014-2015 viene distribuito alla comunità il Calendario Pastorale, segno del cammino comunitario e strumento utile per la programmazione delle diverse attività della

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

3. Prendimi nella tua scuola, mio amatissimo maestro, perché voglio imparare tutto da te: dona grazia e forza a tal fine.

3. Prendimi nella tua scuola, mio amatissimo maestro, perché voglio imparare tutto da te: dona grazia e forza a tal fine. 1. Mio Dio, imprimi in me la tua immagine, formala in me! Se è valsa la pena per te scendere dal cielo e vivere per 33 anni tra noi per darmi un esempio di un amore così pazzo e di tanta fatica, dovrebbe

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario.

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario. IL Rosario Cose da fare: Pregare il Rosario, 5 decadi del Rosario stasera con la vostra famiglia. Continuare questa pratica attraverso ottobre, il mese che è specialmente dedicato al Rosario. Leggere le

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Cari fratelli e sorelle, oggi, come ogni anno, ricordiamo san Carlo Borromeo,

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli