I domini collettivi o proprietà collettive e la Costituzione italiana: considerazioni di sintesi - proposta di legge

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I domini collettivi o proprietà collettive e la Costituzione italiana: considerazioni di sintesi - proposta di legge"

Transcript

1 I domini collettivi o proprietà collettive sintesi e la Costituzione italiana: considerazioni di - proposta di legge predisposta dalla Consulta nazionale della proprietà collettiva che ha sede presso il Centro Studi e documentazione sui Demani civici e le proprietà collettive dell Università degli Studi di Trento 1. A norma dell art. 42, 1 comma, della costituzione, la proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o ai privati. La costituzione repubblicana del 1947 non considera in modo espresso l istituto delle proprietà collettive, intendendo per proprietà collettive i patrimoni e complessi di beni e diritti facenti capo ad una comunità originaria, quali i domini collettivi che gestiscono gli antichi patrimoni agro-silvo-pastorali in conformità dei rispettivi statuti e consuetudini, riconosciuti dal diritto anteriore (art. 34 l. 25 luglio 1952 n.991, legge-montagna). Le ragioni sono storiche e sociali e sono state richiamate in modo magistrale ed appassionato da P. Grossi nel suo Un altro modo di possedere l emersione di forme alternative di proprietà alla coscienza giuridica postunitaria Milano Del resto, sia nei testi più antichi dei cd. demanialisti che negli scritti degli Autori più moderni, i patrimoni utilizzati e gestiti in modo promiscuo e diretto da parte dell intera comunità territoriale, sono considerati e definiti come una forma di proprietà pubblica in quanto vincolata e destinata ai bisogni primari della popolazione. Vincenzo Cerulli Irelli ritiene che il costituente non abbia inteso escludere la proprietà collettiva come forma una delle forme generali - di appropriazione dei beni ammessa dall ordinamento, ma certo il costituente non ebbe nozione delle forme di proprietà collettiva della terra conosciute dall ordinamento - e di fatti non ve ne è traccia nei lavori preparatori - e fu dunque indotto a confondere collettivo con pubblico in Proprietà pubblica e diritti collettivi (Padova, 1983, pagg.22 e ss.). La natura pubblica di questi patrimoni, del resto, deriva ed è giustificata dalla loro destinazione ad una funzione o servizio pubblico. Si tratta di patrimoni destinati ab origine a soddisfare i bisogni e gli interessi fondamentali di vita e sopravvivenza della comunità di abitanti e come tali essi sono soggetti ad un regime specifico di indisponibilità e di tutela che li ha posti fuori dal regime di commerciabilità di diritto comune. Lo stesso art. 42 cost. riconosce che I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o ai privati dove negli enti si possono comprendere anche gli enti che gestiscono i beni delle comunità locali e in particolare le comunanze, i domini collettivi i soggetti collettivi in genere. Anche l art. 43 cost. dispone che ai fini di utilità generale, la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti, determinate imprese o categorie di imprese, che si riferiscono a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale. Tra le comunità di utenti sono comprese anche le comunità di utenti di beni di demanio civico. Paolo Grossi, nella relazione tenuta al Convegno del Centro studi e documentazione sui demani civici e le proprietà collettive di Trento nel novembre 1996, sul tema Un diverso modo di possedere, un diverso modo di gestire, qualifica la vera proprietà collettiva come un

2 ordinamento giuridico primario. Riportiamo i passi più interessanti della relazione l domini collettivi come realtà complessa nei rapporti con il diritto statuale in Riv. Dir. agr. 1997, pag. 261 ss. Sul rapporto Diritti collettivi, proprietà collettiva e Costituzione, è molto interessante lo scritto di Andrea Morrone in Archivio Scialoja-Bolla , pagg. 29 ss. 2. Nell ordinamento costituzionale, la proprietà dei beni e diritti, di qualsiasi natura essi siano, fa capo a un soggetto determinato come soggetto titolare: se il soggetto titolare è pubblico (Stato, o ente pubblico di qualsiasi specie, territoriale o non territoriale) la proprietà è pubblica, se il soggetto titolare ed intestatario è un soggetto privato (persona fisica o persona giuridica), la proprietà è privata. Nelle proprietà collettive originarie o domini collettivi, invece, i patrimoni o complessi di beni e diritti fanno capo a titolo originario (non derivativo) ad una comunità o collettività di abitanti residenti in conformità degli antichi statuti, regolamenti e consuetudini riconosciuti dal diritto anteriore (art- 34 legge montagna n.991/1952), i beni e diritti non appartengono individualmente a uno o più soggetti ( persone fisiche o giuridiche determinate) ma fanno capo all intera comunità di abitanti insediata ed organizzata stabilmente in un determinato territorio, non differenziata nei suoi componenti, ma costituente una complesso unitario di soggetti e di beni e diritti. In questa forma proprietaria, manca il collegamento diretto fra il bene ed il soggetto titolare, intendendosi per tale un soggetto determinato sia pubblico che privato, individuato come entità singola e differenziata da tutti gli altri individui. I beni o diritti di proprietà collettiva (costituiti dagli antichi patrimoni agro-silvo-pastorali gestiti dalla comunità proprietaria ab origine) appartengono pro indiviso e contestualmente a ciascuno e a tutti i componenti la collettività o comunità di abitanti. Ciascun soggetto membro della comunità o collettività (il civis romano per intenderci) possiede e gestisce il bene per sé e per il gruppo o comunità di cui è parte, tanto che può anche agire in giudizio a difesa del bene del patrimonio collettivo facente capo alla comunità in quanto civis, nella sua qualità di civis, senza bisogno di essere autorizzato dalla comunità. Si diceva un tempo che il civis agiva uti singulus et uti civis. Nel ordinamento giuridico di diritto comune, invece, il bene o diritto (mobile od immobile) fa capo (è intestato) ad un soggetto individuato come soggetto singolo, pubblico o privato. Il bene privato, appartenente ad un singolo soggetto privato (persona fisica o giuridica) costituisce anche la garanzia reale del soggetto titolare, ed, in caso di inadempienza del soggetto titolare, può essere soggetto ad esecuzione coattiva per soddisfare i creditori ( pretium in locum rei). Nulla di tutto questo per quanto attiene gli antichi patrimoni che fanno capo alla comunità di abitanti e che essendo destinati a soddisfare i bisogni primari della comunità, sono soggetti ad un regime giuridico di indisponibilità (sia pure derogabile) e di vincolo di destinazione, di tutela e di imprescrittibilità, che li fa assomigliare molto al regime dei beni del demanio pubblico. E questo costituisce la difficoltà maggiore per il riconoscimento delle proprietà delle comunità di abitanti (domini collettivi) come proprietà costituzionalmente riconosciute e garantite allo stesso livello della proprietà pubblica e privata.

3 Abbiamo pubblicato nel sito la proposta di legge nazionale sul riconoscimento dei domini collettivi predisposta dalla Consulta nazionale della proprietà collettiva che ha sede presso il Centro Studi e documentazione sui Demani civici e le proprietà collettive dell Università degli Studi di Trento, Facoltà di Economia, e che è in corso di presentazione nella presente legislatura.

4 Senato della Repubblica Costituzione della Repubblica Italiana maggio 20121

5 A cura del Servizio dei resoconti e della comunicazione istituzionale, Ufficio delle informazioni parlamentari, dell archivio e delle pubblicazioni del Senato. Le pubblicazioni del Senato sono in vendita presso la Libreria del Senato via della Maddalena 27, Roma e possono essere richieste anche per: posta elettronica: telefono: n fax: n Senato della Repubblica T I P O G R A F I A D E L S E N A T O

6 INDICE Princìpi fondamentali (artt. 1-12) Pag. 8 PARTE I Diritti e doveri dei cittadini TITOLO III Rapporti civili (artt ).» 12 TITOLO III Rapporti etico-sociali (artt ) » 18 TITOLO III Rapporti economici (artt ) » 20 TITOLO IV Rapportipolitici(artt.48-54)» 26 PARTE II Ordinamento della Repubblica TITOLO III Il Parlamento » 29 Sezione II Le Camere (artt ).» 29 Sezione II La formazione delle leggi (artt ) » 35 TITOLO III Il Presidente della Repubblica (artt ) » 42

7 4 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA TITOLO III Il Governo Pag. 47 Sezione III Il Consiglio dei ministri (artt ) » 47 Sezione III La pubblica amministrazione (artt )......» 49 Sezione III Gli organi ausiliari (artt ) » 50 TITOLO IV La Magistratura » 51 Sezione II Ordinamento giurisdizionale (artt ).....» 51 Sezione II Norme sulla giurisdizione (artt )....» 55 TITOLO VI Le Regioni, le Provincie, i Comuni (artt )....» 58 TITOLO VI Garanzie costituzionali....» 76 Sezione II La Corte costituzionale (artt ) » 76 Sezione II Revisione della Costituzione. Leggi costituzionali (artt ).....» 79 Disposizioni transitorie e finali (I-XVIII)» 81

8 L Assemblea Costituente, che approvò la Costituzione entrata in vigore il 1º gennaio 1948, era stata eletta il 2 giugno Tale Assemblea era stata prevista dal decreto-legge luogotenenziale 25 giugno 1944, n. 151, convertito in legge per effetto della XV disposizione transitoria della Costituzione. Col decreto legislativo luogotenenziale 10 marzo 1946, n. 74, venivano emanate le norme per la elezione dei deputati all Assemblea Costituente. Successivamente il decreto legislativo luogotenenziale 16 marzo 1946, n. 98, stabiliva il referendum popolare per la scelta della forma istituzionale dello Stato, da tenersi contemporaneamente alle elezioni per l Assemblea Costituente (2 giugno 1946). Nel citato decreto n. 151 del 1944 fu stabilito che l Assemblea fosse sciolta di diritto il giorno dell entrata in vigore della nuova Costituzione e comunque non oltre l ottavo mese dalla sua prima riunione. Detto termine fu prorogato prima al 24 giugno 1947 (L. cost. 21 febbraio 1947, n. 1) e successivamente non oltre il 31 dicembre 1947 (L. cost. 17 giugno 1947, n. 2).

9 6 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

10 COSTITUZIONE (*) DELLA REPUBBLICA ITALIANA IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vistaladeliberazionedell AssembleaCostituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica italiana; (*) Con le modificazioni introdotte con le leggi costituzionali 9 febbraio 1963, n. 2: «Modificazioni agli articoli 56, 57 e 60 della Costituzione» (G.U. n. 40 del 12 febbraio 1963); 27 dicembre 1963, n. 3: «Modificazioni agli articoli 131 e 57 della Costituzione e istituzione della Regione Molise» (G.U. n. 3 del 4 gennaio 1964); 22 novembre 1967, n. 2: «Modificazione dell articolo 135 della Costituzione e disposizioni sulla Corte costituzionale» (G.U. n. 294 del 25 novembre 1967); 16 gennaio 1989, n. 1: «Modifiche degli articoli 96, 134 e 135 della Costituzione e della legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1, e norme in materia di procedimenti per i reati di cui all articolo 96 della Costituzione» (G.U. n. 13 del 17 gennaio 1989); 4 novembre 1991, n. 1: «Modifica dell articolo 88, secondo comma, della Costituzione» (G.U. n. 262 dell 8 novembre 1991); 6 marzo 1992, n. 1: «Revisione dell articolo 79 della Costituzione in materia di concessione di amnistia e indulto» (G.U. n. 57 del 9 marzo 1992); 29 ottobre 1993, n. 3: «Modifica dell articolo 68 della Costituzione» (G.U. n. 256 del 30 ottobre 1993); 22 novembre 1999, n. 1: «Disposizioni concernenti l elezione diretta del Presidente della Giunta regionale e l autonomia statutaria delle Regioni» (G.U. n. 299 del 22 dicembre 1999); 23 novembre 1999, n. 2: «Inserimento dei princìpi del giusto processo nell articolo 111 della Costituzione» (G.U. n. 300 del 23 dicembre 1999); 17 gennaio 2000, n. 1: «Modifica all articolo 48 della Costituzione concernente l istituzione della circoscrizione Estero per l esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all estero» (G.U. n. 15 del 20 gennaio 2000); 23 gennaio 2001, n. 1: «Modifiche agli articoli 56 e 57 della Costituzione concernenti il numero dei deputati e senatori in rappresentanza degli italiani all estero» (G.U. n. 19 del 24 gennaio 2001); 18 ottobre 2001, n. 3: «Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione» (G.U. n. 248 del 24 ottobre 2001); 23 ottobre 2002, n. 1: «Legge costituzionale per la cessazione degli effetti dei commi primo e secondo della XIII disposizione transitoria e finale della Costituzione» (G.U. n. 252 del 26 ottobre 2002); 30 maggio 2003, n. 1: «Modifica dell articolo 51 della Costituzione» (G.U. n. 134 del 12 giugno 2003); 2 ottobre 2007, n. 1: «Modifica dell articolo 27 della Costituzione, concernente l abolizione della pena di morte» (G.U. n. 236 del 10 ottobre 2007); 20 aprile 2012, n. 1: «Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Carta costituzionale» (G.U. n. 95 del 23 aprile 2012). NOTA. I numeri riportati, nel testo normativo, fra parentesi quadra, indicano gli articoli della Costituzione correlati.

11 8 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Vista la XVIII disposizione finale della Costituzione; PROMULGA la Costituzione della Repubblica italiana nel seguente testo: PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1. L Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Art. 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale [XIV] e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso [29 2,37 1,48 1,51 1, ], di razza, di lingua [6], di religione [8, 19], di opinioni politiche [22], di condizioni personali e sociali.

12 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 9 È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Art. 4. La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, una attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. Art. 5. La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo [118]; adegua i princìpi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell autonomia e del decentramento [114 e segg., IX]. Art. 6. La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche [X].

13 10 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Art. 7. Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti, accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale [138]. Art. 8. Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge [19, 20]. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze. Art. 9. La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica [33, 34]. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Art. 10. L ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute.

14 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 11 La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge. Non è ammessa l estradizione dello straniero per reati politici [26] (1). Art. 11. L Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo. Art. 12. La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni. (1) V. anche la legge costituzionale 21 giugno 1967, n. 1 («Estradizione per i delitti di genocidio») (Gazz. Uff. n. 164 del 3 luglio 1967).

15 12 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I RAPPORTI CIVILI Art. 13. La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell autorità giudiziaria [111 6, 7 ] e nei soli casi e modi previsti dalla legge [25 3 ]. In casi eccezionali di necessità ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge, l autorità di pubblica sicurezza può adottare provvedimenti provvisori, che devono essere comunicati entro quarantotto ore all autorità giudiziaria e, se questa non li convalida nelle successive quarantotto ore, si intendono revocati e restano privi di ogni effetto. È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà [27 3 ]. La legge stabilisce i limiti massimi della carcerazione preventiva.

16 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 13 Art. 14. Il domicilio è inviolabile. Non vi si possono eseguire ispezioni o perquisizioni o sequestri, se non nei casi e modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libertà personale [13, ]. Gli accertamenti e le ispezioni per motivi di sanità e di incolumità pubblica o a fini economici e fiscali sono regolati da leggi speciali. Art. 15. La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili. La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell autorità giudiziaria [111 6 ] con le garanzie stabilite dalla legge. Art. 16. Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche [120 1, XIII 2 ]. Ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge [35 4 ].

17 14 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Art. 17. I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica. Art. 18. I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale [19, 20, 39, 49]. Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare. Art. 19. Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume [8, 20]. Art. 20. Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto d una associazione od istituzione non possono

18 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 15 essere causa di speciali limitazioni legislative, né di speciali gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e ogni forma di attività [8, 19]. Art. 21. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell autorità giudiziaria [111 6 ] nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l indicazione dei responsabili. In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s intende revocato e privo d ogni effetto. La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica. Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

19 16 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Art. 22. Nessuno può essere privato, per motivi politici, della capacità giuridica, della cittadinanza, del nome. Art. 23. Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge. Art. 24. Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi [113]. La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento. Sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione. La legge determina le condizioni e i modi per la riparazione degli errori giudiziari. Art. 25. Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge [102]. Nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso.

20 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 17 Nessuno può essere sottoposto a misure di sicurezza se non nei casi previsti dalla legge [13 2 ]. Art. 26. (1) L estradizione del cittadino può essere consentita soltanto ove sia espressamente prevista dalle convenzioni internazionali. Non può in alcun caso essere ammessa per reati politici [10 4 ]. Art. 27. (2) La responsabilità penale è personale. L imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato [13 4 ]. Non è ammessa la pena di morte. Art. 28. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, se- (1) V. anche la legge costituzionale 21 giugno 1967, n. 1 («Estradizione per i delitti di genocidio») (Gazz. Uff. n. 164 del 3 luglio 1967). (2) Articolo modificato con la legge costituzionale 2 ottobre 2007, n. 1 («Modifica all articolo 27 della Costituzione, concernente l abolizione della pena di morte») («Gazz. Uff. n. 236 del 10 ottobre 2007).

21 18 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA condo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici [97 2 ]. TITOLO II RAPPORTI ETICO-SOCIALI Art. 29. La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell unità familiare. Art. 30. È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità.

22 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 19 Art. 31. La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose. Protegge la maternità, l infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo [37]. Art. 32. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. Art. 33. L arte e la scienza sono libere e libero ne è l insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato. La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un

23 20 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali. È prescritto un esame di Stato per l ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l abilitazione all esercizio professionale. Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato. Art. 34. La scuola è aperta a tutti. L istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso. TITOLO III RAPPORTI ECONOMICI Art. 35. La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni. Cura la formazione e l elevazione professionale dei lavoratori.

24 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 21 Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro. Riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell interesse generale, e tutela il lavoro italiano all estero. Art. 36. Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un esistenza libera e dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge. Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi. Art. 37. La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore [3 1 ]. Le condizioni di lavoro devono consentire l adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione. La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro salariato. La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione.

25 22 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Art. 38. Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Gli inabili ed i minorati hanno diritto all educazione e all avviamento professionale. Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato. L assistenza privata è libera. Art. 39. L organizzazione sindacale è libera [18]. Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge. È condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base democratica. I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.

26 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 23 Art. 40. Il diritto di sciopero si esercita nell ambito delle leggi che lo regolano. Art. 41. L iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali [43]. Art. 42. La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati. La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti [44, 47 2 ]. La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d interesse generale. La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti dello Stato sulle eredità.

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1 Senato della Repubblica Costituzione della Repubblica Italiana dicembre 2012 1 A cura del Servizio dei resoconti e della comunicazione istituzionale, Ufficio delle informazioni parlamentari, dell archivio

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Costituzione della Repubblica Italiana Pubblicazione a cura della Sezione Banche dati Regione Umbria - Consiglio Regionale Dicembre 2012 Grafica e impaginazione: Mauro Gambuli Sommario Costituzione della

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Costituzione della Repubblica Italiana Principi Fondamentali Articolo 1 L Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti

Dettagli

Costituzione. della Repubblica Italiana. Testo completo tradotto in: TAGALOG (Filippino) Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Costituzione. della Repubblica Italiana. Testo completo tradotto in: TAGALOG (Filippino) Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Costituzione della Repubblica

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1. L Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Testo in vigore al 1 gennaio 2009 1 2 INDICE PRINCÌPI FONDAMENTALI 9 (artt. 1-12) PARTE I Diritti e

Dettagli

Costituzione della Repubblica italiana

Costituzione della Repubblica italiana Costituzione della Repubblica italiana PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1. L Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Edizione con note INDICE PRINCIPÎ FONDAMENTALI pag. 3 (ARTICOLI 1-12) PARTE I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I - RAPPORTI CIVILI pag. 6 (ARTICOLI 13-28)

Dettagli

cittagorà Periodico del Consiglio comunale di Torino

cittagorà Periodico del Consiglio comunale di Torino cittagorà Periodico del Consiglio comunale di Torino SUPPLEMENTO AL NUMERO 16 (ANNO III) DEL 18 DICEMBRE 2006 L emblema della Repubblica approvato dalla Costituente Direttore Remo Guerra La Costituzione

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA*

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vista la deliberazione dell Assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica

Dettagli

CONSULTA ONLINE. 1.1. Costituzione della Repubblica italiana (G.U. 27 dicembre 1947, n. 298, ed. straord.). PRINCIPI FONDAMENTALI

CONSULTA ONLINE. 1.1. Costituzione della Repubblica italiana (G.U. 27 dicembre 1947, n. 298, ed. straord.). PRINCIPI FONDAMENTALI CONSULTA ONLINE 1.1. Costituzione della Repubblica italiana (G.U. 27 dicembre 1947, n. 298, ed. straord.). PRINCIPI FONDAMENTALI 1. L Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità

Dettagli

Il Difensore Civico. Codice contro le discriminazioni

Il Difensore Civico. Codice contro le discriminazioni Il Difensore Civico Codice contro le discriminazioni A cura di: Massimo Cipolla, Ufficio del Difensore Civico dell Emilia-Romagna Tiratura: 500 copie Distribuzione gratuita Tutti i diritti sono riservati.

Dettagli

La Costituzione della Repubblica Italiana

La Costituzione della Repubblica Italiana La Costituzione della Repubblica Italiana 1997 Ed. Fondazione R. Franceschi Ed. 1997 Le pubblicazioni edite a cura della Fondazione sono a disposizione delle scuole medie e medie superiori che ne faranno

Dettagli

PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA

PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA Nel presente dossier si confrontano i testi delle

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d'iniziativa dei senatori Chiti, Albano, Amati, Broglia, Capacchione, Casson, Corsini, Cucca, D'Adda, Dirindin, Gatti, Giacobbe, Lo Giudice, Micheloni, Mineo, Mucchetti,

Dettagli

2 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1) 1948

2 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1) 1948 LGBZ Current Ed. NORME COSTITUZIONALI p. 1/24 2 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1) 1948 1. Principi fondamentali (1) L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. (2) La sovranità appartiene

Dettagli

approvata dall Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27 dicembre 1947 ed entrata in vigore il 1

approvata dall Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27 dicembre 1947 ed entrata in vigore il 1 Costituzione della Repubblica italiana, approvata dall Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27 dicembre 1947 ed entrata in vigore il 1 gennaio 1948

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI. 1. L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

PRINCIPI FONDAMENTALI. 1. L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Costituzione della Repubblica Italiana (pubbl. in Gazz. Uff. n. 298 del 27 dicembre 1947). PRINCIPI FONDAMENTALI 1. L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al

Dettagli

CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA. Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta. www.poliziapenitenziaria.

CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA. Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta. www.poliziapenitenziaria. . CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta www.poliziapenitenziaria.it www.sappe.it Domande La Costituzione italiana è entrata in vigore: il

Dettagli

Titolo II - IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Titolo V - LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI

Titolo II - IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Titolo V - LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Principi fondamentali Parte I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI o o o o Titolo I - RAPPORTI CIVILI Titolo II - RAPPORTI ETICO-SOCIALI Titolo III - RAPPORTI ECONOMICI Titolo IV- RAPPORTI POLITICI Parte II

Dettagli

Art. 1 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. L Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

Art. 1 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. L Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Art. 1 L Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. ISIS ZENALE E BUTINONE DI TREVIGLIO - CLASSE

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

RIFORMA COSTITUZIONALE. Testo a fronte tra Costituzione vigente e riforma approvata dal Senato in prima lettura

RIFORMA COSTITUZIONALE. Testo a fronte tra Costituzione vigente e riforma approvata dal Senato in prima lettura RIFORMA COSTITUZIONALE Testo a fronte tra Costituzione vigente e riforma approvata dal Senato in prima lettura AVVERTENZE Il provvedimento di riforma costituzionale (approvato in prima lettura dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO

IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO COSTITUZIONE COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Vigente al: 24-7-2012 PRINCIPI FONDAMENTALI IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vista la deliberazione dell'assemblea Costituente, che nella seduta del 22

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ARGOMENTI 1. Fonti normative 2. Composizione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica 3. Assegnazione dei seggi alle circoscrizioni

Dettagli

COSTITUZIONE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE IMPERIALE COSTANTINIANO DI SAN GIORGIO E DI CHIOS

COSTITUZIONE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE IMPERIALE COSTANTINIANO DI SAN GIORGIO E DI CHIOS COSTITUZIONE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE IMPERIALE COSTANTINIANO DI SAN GIORGIO E DI CHIOS TITOLO I PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Il Sovrano Militare Ordine Imperiale Costantiniano di San Giorgio e di Chios

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 Approvazione del testo unico delle leggi recanti norme

Dettagli

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS Sede Legale e Operativa: Via Livigno, 2 20158 MILANO e-mail: info@anffaslombardia.it Codice

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

IL SENATO E I CITTADINI I PALAZZI DEL SENATO

IL SENATO E I CITTADINI I PALAZZI DEL SENATO 2 2 IL PARLAMENTO In Italia il Parlamento si compone di due Camere: la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica. Esse hanno funzioni identiche, secondo il principio del bicameralismo perfetto o

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana (in Gazz. Uff., 27 dicembre 1947, n. 298).

Costituzione della Repubblica Italiana (in Gazz. Uff., 27 dicembre 1947, n. 298). Costituzione della Repubblica Italiana (in Gazz. Uff., 27 dicembre 1947, n. 298). Costituzione della Repubblica Italiana. Il Capo provvisorio dello Stato: Vista la deliberazione dell'assemblea Costituente,

Dettagli

COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958

COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958 COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958 (Testo che risulta, in ultima analisi, dalle leggi costituzionali del 4 febbraio 2008) La presente traduzione in lingua italiana è stata eseguita sotto la responsabilità

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE TITOLO 1 - NORME ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI Articolo 1 (Natura e finalità del regolamento) Articolo

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO VISTA la deliberazione dell'assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica

Dettagli

Manuale d uso per l integrazione

Manuale d uso per l integrazione Immigrazione come, dove, quando Manuale d uso per l integrazione Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Il Vademecum Immigrazione come, dove, quando Manuale d uso per l integrazione

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

FRANCIA COSTITUZIONE DEL 1875 LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875)

FRANCIA COSTITUZIONE DEL 1875 LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875) FRANCIA LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875) Art. 1 Il Senato si compone di 300 membri: 225 eletti dai dipartimenti e dalle colonie e 75 eletti dall Assemblea nazionale. Art.

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958

COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958 COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958 (Testo che risulta, in ultima analisi, dalle leggi costituzionali del 4 febbraio 2008) La presente traduzione in lingua italiana è stata eseguita sotto la responsabilità

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO

Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO Art. 1 Costituzione 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata La Dimora Accogliente, che in seguito sarà denominata l Organizzazione:

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, SPORTIVA DILETTANTISTICA E RICREATIVA DANZI-AMO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, SPORTIVA DILETTANTISTICA E RICREATIVA DANZI-AMO Art.1 Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, SPORTIVA DILETTANTISTICA E RICREATIVA DANZI-AMO E costituita l associazione culturale, sportiva dilettantistica e ricreativa denominata: DANZI-AMO.

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste TITOLO I Costituzione e sede Articolo 1 Costituzione È costituita, ai sensi degli artt. 14 e ss. c.c., l associazione UN ALTRA

Dettagli

Art. 6 Durata del periodo di contribuzione. Art. 7 Diritti degli associati sul Patrimonio Sociale. Art. 8 Responsabilità ed assicurazione

Art. 6 Durata del periodo di contribuzione. Art. 7 Diritti degli associati sul Patrimonio Sociale. Art. 8 Responsabilità ed assicurazione STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione - Sede - Durata 1. E costituita un organizzazione non lucrativa di utilità sociale di volontariato denominata Società di Studi Carsici A.F.Lindner"

Dettagli

STATUTO. Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata. 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI

STATUTO. Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata. 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI STATUTO Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI di CASERTA», enunciabile in sigla UNAGRACO CASERTA, con sede sociale in Aversa (CE) alla via

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: COSTITUZIONE Ai sensi degli artt. 14 ss. del Codice Civile e della Legge 11 agosto 1991, n.266, è costituita, con sede legale a Trento, l Associazione

Dettagli

Art. l Denominazione, sede e scopo

Art. l Denominazione, sede e scopo STATUTO ANCI MARCHE Art. l Denominazione, sede e scopo In conformità agli Articoli n 3, 32, 33 dello Statuto dell Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) è costituita l Associazione Regionale

Dettagli

STATUTO dell Associazione Culturale LIBERA STATISTICA. Denominazione-Sede

STATUTO dell Associazione Culturale LIBERA STATISTICA. Denominazione-Sede STATUTO dell Associazione Culturale LIBERA STATISTICA Denominazione-Sede 1) E costituita l Associazione Culturale denominata LIBERA STATISTICA. 2) L Associazione ha sede in San Fili alla via Antonio Gramsci

Dettagli

Art. 2 SEDE - L'associazione ha sede legale in Bergamo, presso l Istituto Pesenti, Via Ozanam, 27

Art. 2 SEDE - L'associazione ha sede legale in Bergamo, presso l Istituto Pesenti, Via Ozanam, 27 Bergamo, 29 settembre 2010 Statuto Associazione Coordinamento dei Comitati e delle Associazioni Genitori delle Scuole Secondarie Superiori della provincia di Bergamo, in sigla Coor.Co.Ge. Art. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

Testo integrato * * * * * STATUTO. CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1. Denominazione

Testo integrato * * * * * STATUTO. CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1. Denominazione Testo integrato * * * * * STATUTO CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1 Denominazione 1.1 La CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI GEOMETRI LIBERI PROFESSIONISTI è Ente di diritto privato

Dettagli

STATUTO dell Associazione denominata retescuole

STATUTO dell Associazione denominata retescuole STATUTO dell Associazione denominata retescuole ARTICOLO 1: COSTITUZIONE 1. Ai sensi degli art. 36 e 37 del Codice Civile e seguenti e della Legge n.383/2000, è costituita l Associazione denominata Retescuole.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione)

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. L Associazione di Volontariato denominata Borgo a quattro zampe la sua attività e i rapporti

Dettagli

S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE "A. CAMUSSONI" DI ALBAIRATE

S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE A. CAMUSSONI DI ALBAIRATE S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE "A. CAMUSSONI" DI ALBAIRATE DENOMINAZIONE - SEDE ORIGINE NATURA GIURIDICA ART. 1 La Scuola dell Infanzia ALESSANDRO CAMUSSONI, con sede in Albairate Via Roma n. 22, ebbe

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ANTIRACKET MESAGNE

STATUTO ASSOCIAZIONE ANTIRACKET MESAGNE STATUTO ASSOCIAZIONE ANTIRACKET MESAGNE Associazione per lo sviluppo del territorio e la tutela dei cittadini, delle imprese e di ogni ente o associazione di persone da ogni forma di attacco criminoso,

Dettagli

3. Allo scopo di realizzare le finalità sociali l Associazione potrà:

3. Allo scopo di realizzare le finalità sociali l Associazione potrà: STATUTO DELL ASSOCIAZIONE A.PA.V. SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) 1. E costituita l Associazione denominata A.PA.V. - Associazione Parole che Volano ART. 2) 1. L Associazione ha sede

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZELLA, BRIGUGLIO, GIULIO CONTI, BELLOTTI. Disciplina della professione di investigatore privato

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZELLA, BRIGUGLIO, GIULIO CONTI, BELLOTTI. Disciplina della professione di investigatore privato Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 677 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PEZZELLA, BRIGUGLIO, GIULIO CONTI, BELLOTTI Disciplina della professione di investigatore

Dettagli

il quaderno della Costituzione

il quaderno della Costituzione cüxá wxçét wxäät exñâuuä vt \àtä tçt il quaderno della Costituzione Concorso La Costituzione vista dai giovani organizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione in occasione del 60 anniversario della

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. (55)

LEGGE REGIONALE N. (55) approvata dal Consiglio regionale nella seduta pomeridiana del 3 marzo 2015 -----

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

Statuto. Associazione Italiana Gemmologi

Statuto. Associazione Italiana Gemmologi Statuto Associazione Italiana Gemmologi COSTITUZIONE - - - - - - - - - D ENOMINAZIONE - - - - - - - - - SCOPI - - - - - - - - - SEDE Art. 1 Secondo i principi sanciti dalla costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO. L Associazione opera prevalentemente nel territorio della Diocesi di Vicenza.

STATUTO. L Associazione opera prevalentemente nel territorio della Diocesi di Vicenza. STATUTO ART. 1 COSTITUZIONE E costituita in Vicenza l Associazione DIAKONIA ONLUS, con sede in Vicenza, Contrà Torretti n. 38. L Associazione è strumento operativo della CARITAS DIOCESANA VICENTINA (di

Dettagli

Statuto di EUROVITA ASSICURAZIONI S.p.A. TITOLO I - COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO E DURATA DELLA SOCIETA

Statuto di EUROVITA ASSICURAZIONI S.p.A. TITOLO I - COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO E DURATA DELLA SOCIETA Statuto di EUROVITA ASSICURAZIONI S.p.A. TITOLO I - COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO E DURATA DELLA SOCIETA ART.1 COSTITUZIONE E costituita la Società per Azioni denominata "EUROVITA ASSICURAZIONI

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI approvato con Decreto Legislativo

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

LEGGE. n. 8580 del 17/02/2000. Sui partiti politici

LEGGE. n. 8580 del 17/02/2000. Sui partiti politici LEGGE n. 8580 del 17/02/2000 Sui partiti politici (Modificata dalla decisione della Corte costituzionale n. 33 del 05/09/2001, G.U. n. 30) (Modificata dalla Legge n. 9452, del 02/02/2006 G.U. n. 15) (Modificata

Dettagli

STATUTO 14 marzo 2012

STATUTO 14 marzo 2012 STATUTO 14 marzo 2012 TITOLO I COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ E SUOI SCOPI ART. 1 Denominazione E costituita una Società per azioni denominata «UNISALUTE S.p.A.». Nei paesi esteri nei quali la Società svolga

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ELIS. Associazione educatori interpreti professionali lingua dei segni italiana

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ELIS. Associazione educatori interpreti professionali lingua dei segni italiana STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ELIS Associazione educatori interpreti professionali lingua dei segni italiana Art. 1 - Denominazione sociale È costituita, nel rispetto delle disposizioni previste

Dettagli

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008)

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMM.NE N. 19/08 DEL 07/05/2008 STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) dell Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario del Piemonte TITOLO I NATURA E

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata

Dettagli

Statuto della Regione Campania

Statuto della Regione Campania BOLLETTINO UFFICIALE 1 LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 28 MAGGIO 2009 Statuto della Regione Campania IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO; NESSUNA RICHIESTA DI REFERENDUM E STATA PRESENTATA; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI INDICE SOMMARIO Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... pag. V VII I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili...

Dettagli

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO L ORDINAMENTO DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO ------------------------------------------------------ 3 2 L ORDINAMENTO

Dettagli

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 RICOSTITUZIONE DEGLI ORDINI DELLE PROFESSIONI SANITARIE E PER LA DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI STESSE. CAPO I - DEGLI ORDINI E DEI COLLEGI PROVINCIALI

Dettagli

STATUTO DELLA REGIONE PUGLIA

STATUTO DELLA REGIONE PUGLIA STATUTO DELLA REGIONE PUGLIA (Approvato dal Consiglio regionale, in prima lettura, ai sensi dell articolo 123 della Costituzione della Repubblica italiana, con deliberazione n. 152 del 31 luglio, 1 e 2

Dettagli

- assistenza sociale con l obiettivo di creare le condizioni culturali e gli strumenti per. Allegato A al repertorio n. STATUTO

- assistenza sociale con l obiettivo di creare le condizioni culturali e gli strumenti per. Allegato A al repertorio n. STATUTO Allegato A al repertorio n. STATUTO Art. 1 - Costituzione È costituita l Associazione PerMicroLab Onlus (già Associazione ATOMI Onlus). L Associazione deve usare, nella denominazione e in qualsivoglia

Dettagli

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946.

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. Capo I - Degli Ordini e dei Collegi Provinciali

Dettagli

SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 3117 del 21/10/2008 pag. 1/7 SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ALLEGATO B Dgr n. 3117 del 21/10/2008 pag. 2/7 ART. 1* (Denominazione

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE Associazione di Promozione Sociale STATUTO 1 Associazione Molisana per la Cremazione Associazione di promozione Sociale Statuto Art. 1: Ai sensi della L. 7/12/2000,

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

1 DENOMINAZIONE "ASSOCIAZIONE CASE FUNERARIE FUNERAL HOME: ECCELLENZA FUNERARIA ITALIANA"

1 DENOMINAZIONE ASSOCIAZIONE CASE FUNERARIE FUNERAL HOME: ECCELLENZA FUNERARIA ITALIANA STATUTO Articolo 1 DENOMINAZIONE È costituita una Associazione legalmente riconosciuta, senza fini di lucro, denominata "ASSOCIAZIONE CASE FUNERARIE FUNERAL HOME: ECCELLENZA FUNERARIA ITALIANA", in sigla

Dettagli

STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata.

STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata. STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata. Art. 1 - Costituzione e sede. E costituita l Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 3 ART. 2 Principi programmatici pag. 3 ART. 3 Compiti del Forum pag. 3 ART. 4 Pareri pag. 4 ART. 5 Soci

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO Statuto del Forum dei Giovani Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.8 del 30/06/2011 Titolo Primo: Istituzione, durata, sede, principi programmatici

Dettagli

STATUTO. Titolo I Disposizioni generali. Art. 1 Denominazione - Sede - Durata

STATUTO. Titolo I Disposizioni generali. Art. 1 Denominazione - Sede - Durata Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art.8, c.1 della L. 266/91 STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione - Sede - Durata 1. E costituita un organizzazione di volontariato

Dettagli

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Statuto TITOLO I Art. 1: Denominazione e sede. Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Provincia di Bologna

Dettagli

STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE Legge regionale statutaria 4 marzo 2005, n. 1 1. TITOLO I Principi fondamentali. Articolo 1 La Regione Piemonte

STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE Legge regionale statutaria 4 marzo 2005, n. 1 1. TITOLO I Principi fondamentali. Articolo 1 La Regione Piemonte STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE Legge regionale statutaria 4 marzo 2005, n. 1 1 TITOLO I Principi fondamentali Articolo 1 La Regione Piemonte Il Piemonte è Regione autonoma nell unità e indivisibilità della

Dettagli

Lo Statuto UNICMI. Approvato all Assemblea Generale dei Soci del 15 giugno 2013 a Milano

Lo Statuto UNICMI. Approvato all Assemblea Generale dei Soci del 15 giugno 2013 a Milano Lo Statuto UNICMI Approvato all Assemblea Generale dei Soci del 15 giugno 2013 a Milano Lo Statuto UNICMI INDICE Articolo 1 - Costituzione, Sede e Durata 3 Articolo 2 - Scopi 3 Articolo 3 - Soci 3 Articolo

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI TITOLO I STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Articolo 1- Costituzione, Sede e Durata E costituito il Gruppo Aziendale Agenti

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: assume la forma giuridica di

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione "Veterinari Italiani Diplomati dei Colleges Europei" (VIDiCE). Art. 2 Finalità e Scopi sociali

STATUTO Art. 1 - Costituzione Veterinari Italiani Diplomati dei Colleges Europei (VIDiCE). Art. 2 Finalità e Scopi sociali STATUTO Art. 1 - Costituzione 1.1 - È costituita l associazione "Veterinari Italiani Diplomati dei Colleges Europei" (VIDiCE). 1.2 - La durata dell associazione è illimitata. 1.3 - L associazione ha sede

Dettagli

STATUTO 13 marzo 2012

STATUTO 13 marzo 2012 STATUTO 13 marzo 2012 TITOLO I COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ E SUOI SCOPI ART. 1 Denominazione È costituita una Società per azioni denominata: COMPAGNIA ASSICURATRICE LINEAR S.p.A.. La Società potrà anche

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli