Efficienza e certificazione energetica degli edifici: i nuovi requisiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Efficienza e certificazione energetica degli edifici: i nuovi requisiti"

Transcript

1 Marco Casini Efficienza e certificazione energetica degli edifici: i nuovi requisiti G.U. n. 162 del 15 luglio 2015 S.O. n. 39 Le nuove metodologie di calcolo I nuovi schemi di relazione tecnica di progetto APE 2015: le nuove linee guida

2 INDICE Introduzione Il recepimento della Direttiva 2010/31/UE Le nuove metodologie di calcolo e i nuovi requisiti Il DM 26 Giugno nuovi requisiti Campo di applicazione Interventi di nuova costruzione Ristrutturazioni importanti di primo livello Ristrutturazioni importanti di secondo livello Riqualificazioni energetiche Nuovi criteri e metodologie di calcolo La prestazione energetica degli edifici Metodologie di calcolo Prescrizioni e requisiti Nuova costruzione e ristrutturazioni importanti di 1 livello Ristrutturazioni importanti di 2 livello e riqualificazioni energetiche Edifici a energia quasi zero I nuovi schemi di riferimento per la Relazione tecnica Il DM 26 Giugno relazione tecnica Contenuti Sanzioni Il nuovo Attestato di prestazione energetica degli edifici Il DM 26 Giugno linee guida Campo di applicazione e casi di esenzione Calcolo delle prestazioni e classificazione degli immobili Il nuovo modello di Attestato di prestazione energetica Obiettivi e contenuti Il nuovo format Prestazione energetica globale e comparazione degli immobili Prestazione energetica invernale ed estiva dell involucro edilizio Le raccomandazioni per il miglioramento delle prestazioni Disposizioni in caso di vendita e locazione Obblighi di produzione dell'ape Clausola informativa Allegazione al contratto Offerta e trattative Controlli da parte dei Notai... 75

3 6 INDICE 4.6. Modalità di svolgimento del servizio di certificazione energetica Sanzioni DM Sviluppo Economico 26 giugno 2015 Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici Art. 1. Ambito di intervento e finalità Art. 2. Definizioni Art. 3. Criteri e metodologie di calcolo della prestazione energetica degli edifici Art. 4. Criteri generali e requisiti delle prestazioni energetiche degli edifici Art. 5. Criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti Art. 6. Funzioni delle Regioni e delle Province autonome Art. 7. Strumenti di calcolo Art. 8. Abrogazioni e disposizioni finali Art. 9. Entrata in vigore ALLEGATO 1 - CRITERI GENERALI E REQUISITI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI 1. Quadro comune generale per il calcolo della prestazione energetica degli edifici e per la loro classificazione in base alla destinazione d'uso La prestazione energetica degli edifici Classificazione degli edifici in base alla destinazione d'uso Nuova costruzione, demolizione e ricostruzione, ampliamento e sopra elevazione Ristrutturazioni importanti e riqualificazioni Ristrutturazioni importanti Riqualificazioni energetiche Deroghe Prescrizioni comuni per gli edifici di nuova costruzione, gli edifici oggetto di ristrutturazioni importanti o gli edifici sottoposti a riqualificazione energetica Ambito di applicazione Relazione tecnica e conformità delle opere al progetto Prescrizioni Requisiti e prescrizioni specifici per gli edifici di nuova costruzione o soggetti a ristrutturazioni importanti di primo livello. requisiti degli edifici a energia quasi zero Ambito di applicazione Prescrizioni Requisiti Edifici a energia quasi zero Requisiti e prescrizioni specifici per gli edifici soggetti a ristrutturazioni importanti di secondo livello Ambito di applicazione Requisiti e prescrizioni Requisiti e prescrizioni specifici per gli edifici esistenti sottoposti a riqualificazione energetica Ambito di applicazione Requisiti e prescrizioni per gli interventi sull'involucro Requisiti e prescrizioni per la riqualificazione degli impianti tecnici Impianti di climatizzazione invernale Impianti di climatizzazione estiva Impianti tecnologici idrico sanitari... 99

4 INDICE Impianti di illuminazione Impianti di ventilazione Quadro di sintesi Prescrizioni, requisiti e verifiche in funzione della tipologia di intervento Appendice A - Descrizione dell'edificio di riferimento e parametri di verifica 1. Parametri dell'edificio di riferimento Parametri relativi al fabbricato Parametri relativi agli impianti tecnici Servizi di climatizzazione invernale, climatizzazione estiva, acqua calda sanitaria e produzione di energia elettrica in situ Fabbisogni energetici di illuminazione Fabbisogni energetici di ventilazione Altri parametri per le verifiche di legge Coefficiente medio globale di scambio termico Area solare equivalente estiva Appendice B - Requisiti specifici per gli edifici esistenti soggetti a riqualificazione e- nergetica 1. Valori dei parametri caratteristici degli elementi edilizi e impianti tecnici negli edifici esistenti sottoposti a riqualificazione energetica Elementi edilizi Impianti tecnici Requisiti Requisiti per generatore di calore a combustibile liquido e gassoso Requisiti per pompe di calore e macchine frigorifere ALLEGATO 2 - NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DM Sviluppo Economico 26 giugno 2015 Schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell'applicazione delle prescrizioni e dei requisiti minimi di prestazione energetica negli edifici Art. 1. Ambito di intervento e finalità Art. 2. Relazioni tecniche di progetto Art. 3. Disposizioni finali ed entrata in vigore ALLEGATO 1 - RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL'ART. 8 DEL DLGS 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero Informazioni generali Fattori tipologici dell'edificio (o del complesso di edifici) Parametri climatici della località Dati tecnici e costruttivi dell'edificio (o del complesso di edifici) e delle relative strutture Climatizzazione invernale Climatizzazione estiva Informazioni generali e prescrizioni Dati relativi agli impianti Impianti termici Impianti fotovoltaici Impianti solari termici Impianti di illuminazione

5 8 INDICE 5.5 Altri impianti Principali risultati dei calcoli Elementi specifici che motivano eventuali deroghe a norme fissate dalla normativa vigente Documentazione allegata (obbligatoria) Dichiarazione di rispondenza ALLEGATO 2 - RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL'ART. 8 DEL DLGS 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Riqualificazione energetica e ristrutturazioni importanti di secondo livello. Costruzioni esistenti con riqualificazione dell'involucro edilizio e di impianti termici Informazioni generali Fattori tipologici dell'edificio (o del complesso di edifici) Parametri climatici della località Dati tecnici e costruttivi dell'edificio (o del complesso di edifici) e delle relative strutture Climatizzazione invernale Climatizzazione estiva Informazioni generali e prescrizioni Dati relativi agli impianti Impianti termici Impianti fotovoltaici Impianti solari termici Impianti di illuminazione Altri impianti Principali risultati dei calcoli Elementi specifici che motivano eventuali deroghe a norme fissate dalla normativa vigente Documentazione allegata (obbligatoria) Dichiarazione di rispondenza ALLEGATO 3 - RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL'ART. 8 DEL DLGS 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Riqualificazione energetica degli impianti tecnici Informazioni generali Fattori tipologici dell'edificio (o del complesso di edifici) Parametri climatici della località Dati tecnici e costruttivi dell'edificio (o del complesso di edifici) e delle relative strutture Climatizzazione invernale Climatizzazione estiva Informazioni generali e prescrizioni Dati relativi agli impianti Impianti termici Impianti fotovoltaici Impianti solari termici Impianti di illuminazione Altri impianti Principali risultati dei calcoli Elementi specifici che motivano eventuali deroghe a norme fissate dalla normativa vigente

6 INDICE 9 8. Documentazione allegata (obbligatoria) Dichiarazione di rispondenza DM Sviluppo Economico 26 giugno 2015 Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Art. 1 Finalità e campo di applicazione Art. 2 Definizioni Art. 3 Linee guida nazionali per l'attestazione della prestazione energetica degli edifici Art. 4 Elementi essenziali e disposizioni minime comuni del sistema nazionale e regionale di attestazione della prestazione energetica degli edifici Art. 5 Monitoraggio e controlli Art. 6 Sistema Informativo sugli Attestati di Prestazione Energetica Art. 7 Informazione e supporto Art. 8 Disposizioni finali Art. 9 Copertura finanziaria Art. 10 Entrata in vigore ALLEGATO 1 - LINEE GUIDA NAZIONALI PER L'ATTESTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGE- TICA DEGLI EDIFICI Finalità e campo di applicazione Prestazione energetica degli immobili: aspetti generali Prestazione energetica e servizi energetici Procedure per la determinazione della prestazione energetica degli immobili Procedura di calcolo di progetto o di calcolo standardizzato Procedura di calcolo da rilievo sull'edificio Criteri per l'applicazione delle procedure di calcolo Metodi di calcolo Metodo di calcolo di progetto Metodo di calcolo da rilievo sull'edificio Rilievo in sito (metodo analitico e per analogia costruttiva) Metodo semplificato Caratteristiche degli applicativi informatici Classificazione degli immobili in funzione della prestazione energetica Rappresentazione delle prestazioni, struttura della scala delle classi e soglia di riferimento legislativo Altri indicatori presenti nell'ape Prestazione energetica invernale ed estiva dell'involucro edilizio Comparazione della prestazione energetica degli immobili Prestazione degli impianti tecnici Attestato di prestazione energetica Format di Attestato di prestazione energetica Annunci commerciali Procedura di attestazione della prestazione energetica degli edifici Modalità di svolgimento del servizio di attestazione della prestazione energetica Informativa del soggetto certificatore Incarico del soggetto certificatore Servizio di attestazione della prestazione energetica di edifici di nuova costruzione

7 10 INDICE Servizio di attestazione della prestazione energetica di edifici o unità immobiliari esistenti Obbligo di registrazione dell'attestato di prestazione energetica Monitoraggio e controlli Criteri di controllo della qualità del servizio di certificazione energetica Sistema Informativo sugli Attestati di Prestazione Energetica (SIAPE) Appendice A - Casi di esclusione dall'obbligo di dotazione dell'ape Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice C - Format di indicatore per gli annunci commerciali Appendice D - Format di Attestato di Qualificazione Energetica

8 INTRODUZIONE Con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015 dei tre ultimi decreti attuativi previsti dal DLgs n. 192/2005 si completa finalmente - a distanza di due anni dalla entrata in vigore della Legge 90/ il quadro di riferimento nazionale in materia di efficienza energetica degli edifici dando così piena attuazione a quanto disposto dalla Direttiva 2010/31/UE. Nel recepire le prescrizioni della Direttiva 2010/31/UE il DLgs 192/2005, come modificato dalla legge 90/2013, prevedeva, infatti, che con uno o più decreti del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con i ministeri competenti, fossero: definiti la metodologia di calcolo e i nuovi requisiti minimi in sostituzione di quelli già disciplinati dal DPR 59/2009 (art. 4, comma 1, lett. a e b); predisposto l adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2009 recante Linee guida nazionali sulla certificazione energetica degli edifici (art. 6, comma 12) definiti i nuovi schemi e le modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto attestante il rispetto delle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli edifici e dei relativi impianti termici (art. 8, comma 1). I tre nuovi decreti ministeriali del 26 giugno 2015 si aggiungono ai due decreti del Presidente della Repubblica 74/2013 e 75/2013 disciplinanti rispettivamente le modalità di progettazione, installazione, esercizio, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici, e i requisiti professionali e i criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l indipendenza degli esperti e degli orga-

9 12 INTRODUZIONE nismi a cui affidare l'attestazione della prestazione energetica degli edifici e l'ispezione degli impianti di climatizzazione. TABELLA Quadro di riferimento dei decreti attuativi previsti dal DLgs 192/2005 così come modificato dalla L 90/2013 Decreto attuativo Oggetto Riferimento DLgs 192/05 DM 26 GIUGNO 2015 (GU , 162) Sostituzione con abrogazione del DPR 59/2009 Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici. Art. 4, comma 1, lett. a e b DM 26 GIUGNO 2015 (GU , 162) Sostituzione dello Schema di relazione di cui all all. E, DLgs 192/2005 DM 26 GIUGNO 2015 (GU , 162) Adeguamento del DM 26 giugno 2009 DPR 74/2013 (GU , 149) DPR 75/2013 (GU , 149) Schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell applicazione delle prescrizioni e dei requisiti minimi di prestazione energetica negli edifici Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici. Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell'acqua calda per usi igienici sanitari, a norma dell'art. 4, comma 1, lettere a) e c), del DLgs 192/2005 Regolamento recante disciplina dei criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli esperti e degli organismi a cui affidare la certificazione energetica degli edifici, a norma dell'art. 4, comma 1, lettera c), del DLgs 192/2005 Art. 8, comma 1 Art. 6, comma 12 Art. 4, comma 1 bis Art. 4, comma 1 bis

10 INTRODUZIONE 13 Il quadro di riferimento normativo in materia di efficienza energetica degli edifici è inoltre completato dai seguenti provvedimenti: Legge 9 gennaio 1991, n Norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso nazionale dell energia, di risparmio e- nergetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia DPR 26 agosto 1993, n Norme per la progettazione, l installazione, l esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia. DLgs 30 maggio 2008, n Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa all efficienza degli usi finali dell energia e i servizi energetici e abrogazione della direttiva 93/76/CEE DLgs 3 marzo 2011, n Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE. DLgs 4 luglio 2014, n Attuazione della direttiva 2012/27/Ue sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE.

11 Estratto dal CAPITOLO 1 IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2010/31/UE

12 1 IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2010/31/UE L'Italia ha recepito la Direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell'edilizia (cosiddetta Direttiva EPB) con la legge 3 agosto 2013, n. 90 (GU n. 181 del 3 agosto 2013) di conversione con modificazioni del Decreto legge 4 giugno 2013, n. 63, con cui è stato integrato e modificato l articolato del decreto legislativo del 19 agosto 2005, n. 192 recante l'attuazione della precedente direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento e- nergetico nell'edilizia. Il recepimento della direttiva EPB ha introdotto importanti novità in materia di prestazioni energetiche degli edifici derivanti dagli impegni assunti dall'unione europea in materia di cambiamenti climatici, risparmio energetico e promozione delle fonti energetiche rinnovabili, rafforzando ulteriormente le disposizioni previste dalla precedente direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell edilizia. In particolare, le principali novità introdotte dalla legge 90/2013 riguardano: l estensione del campo di applicazione del DLgs 192/2005 a tutti gli edifici, unità immobiliari ed elementi edilizi sottoposti a ristrutturazioni importanti senza alcun vincolo circa la metratura minima dell immobile (prima fissata in 1000 m²). Un edificio esistente è sottoposto a ristrutturazione importante quando i lavori in qualunque modo denominati (manutenzione ordinaria o straordinaria, ristrutturazione o risanamento conservativo) insistono su oltre il 25% della superficie dell involucro dell intero edificio, comprensivo di tutte le unità immobiliari che lo costituiscono (rifacimento di pareti esterne, di intonaci esterni, del tetto o dell impermeabilizzazione delle coperture). l adozione a livello nazionale di una metodologia di calcolo della prestazione energetica degli edifici che tenga conto di aspetti quali le caratteristiche termiche dell edificio, degli impianti di climatizzazione e di pro-

13 16 CAPITOLO 1 duzione di acqua calda, dei sistemi di cogenerazione dell elettricità, degli impianti di teleriscaldamento o teleraffrescamento urbano o collettivo; la determinazione, in conformità alla nuova metodologia di calcolo, di requisiti minimi di prestazione energetica in modo da conseguire livelli ottimali in funzione dei costi durante il ciclo di vita economico stimato dell edificio. I requisiti minimi di prestazione energetica, da applicarsi a- gli edifici nuovi e a quelli sottoposti a ristrutturazioni importanti, saranno riveduti ogni 5 anni; l introduzione della definizione di edifici a energia quasi zero e l individuazione di una strategia per il raggiungimento degli obiettivi attraverso la predisposizione di un Piano nazionale: entro il 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere a energia quasi zero. Gli edifici di nuova costruzione occupati dalle Amministrazioni pubbliche e di proprietà di queste ultime dovranno rispettare gli stessi criteri a partire dal 31 dicembre 2018; la sostituzione dell Attestato di certificazione energetica (ACE) con il nuovo Attestato di prestazione energetica (APE) ora esteso anche ai casi di locazione di un edificio o di un unità immobiliare e agli edifici occupati dalla Pubblica Amministrazione; l obbligo di rendere in forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi dell art. 47 di cui al DPR 445/2000 tutti i documenti attestanti le prestazioni energetiche degli edifici; l introduzione di sanzioni severe per la non applicazione delle procedure previste dal decreto. L'entrata in vigore dei tre nuovi decreti attuativi del 26 giugno 2015, prevista a partire dal 1 ottobre 2015, consentirà di dare piena attuazione alle modifiche apportate al DLgs 192/2005 dalla legge 90/2013 per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE, allineando così l Italia agli standard comunitari in materia di efficienza energetica degli edifici. Negli stessi giorni in cui venivano pubblicati i decreti attuativi, l''unione europea ha invece avviato una consultazione pubblica, che sarà aperta fino al 31 ottobre 2015, per la valutazione della direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell'edilizia. Ai sensi dell'art. 19 della Direttiva, la Commissione è tenuta ad effettuare tale valutazione entro la fine del 2016, con l assistenza di un Comitato di rappresentanti degli Stati membri. L obiettivo della consultazione è quello di interpellare i soggetti interessati alla revisione della Direttiva e valutare se essa abbia raggiunto i suoi obiettivi. La consultazione esaminerà anche le questioni in relazione alla Smart Finance per Edifici Intelligenti e le interazioni della Direttiva con altri settori

14 IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2010/31/UE 17 della politica energetica. Alla consultazione possono partecipare enti pubblici, organizzazioni private, associazioni industriali, PMI, società di consulenza e altri soggetti e cittadini interessati. La valutazione fa inoltre seguito alla comunicazione della Commissione europea sull efficienza energetica del luglio 2014, secondo la quale le misure supplementari che saranno introdotte per migliorare l efficienza energetica dovrebbero in primo luogo riguardare gli edifici e i prodotti, se si vogliono compiere progressi entro il La Commissione europea ha stimato che la Direttiva ridurrà i consumi e- nergetici totali dell'ue del 5-6% entro il 2020 e creerà fra e posti di lavoro. Tuttavia gli investimenti a favore dell'efficienza energetica e dell utilizzo di energie rinnovabili nell'edilizia effettuati negli ultimi anni non sono ancora sufficienti. Questi investimenti hanno assunto un'importanza strategica per l'ue, considerando le forti importazioni di energia (nel 2012 l'unione Europea ha importato il 55% del fabbisogno energetico, per un valore di 400 miliardi di euro), la volatilità dei prezzi dell'energia e la necessità di definire obiettivi più ambiziosi per affrontare i cambiamenti climatici entro il La politica dell UE per l efficienza energetica e le energie rinnovabili stimola la ripresa economica e promuove la crescita e la creazione e il mantenimento di posti di lavoro. Tale politica è quindi importante per la competitività del settore edilizio ed è parte integrante della visione a lungo termine dell UE per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva definita nella strategia Europa 2020.

15 Estratto dal CAPITOLO 2 LE NUOVE METODOLOGIE DI CALCOLO E I NUOVI REQUISITI

16 2 LE NUOVE METODOLOGIE DI CALCOLO E I NUOVI REQUISITI 2.1. IL DM 26 GIUGNO NUOVI REQUISITI Il primo decreto ministeriale (c.d. Decreto requisiti minimi) riguarda l'aggiornamento delle metodologie di calcolo, delle prescrizioni e dei requisiti minimi in materia di prestazioni energetiche degli edifici e unità immobiliari, ivi incluso l utilizzo delle fonti rinnovabili, di cui al DPR 59/2009 ora abrogato. L'aggiornamento si è reso necessario a seguito del recepimento della Direttiva 2010/31/Ue avvenuto con le modifiche apportate al DLgs 192/2005 dalla legge 90/2013. Il decreto si compone di 9 articoli, 2 allegati e 2 appendici: l'allegato 1 contiene, ai sensi degli artt. 3 e 4 del decreto, i criteri generali e i requisiti delle prestazioni energetiche degli edifici; l'allegato 2 contiene, ai sensi dell'art. 2 del decreto, le norme tecniche di riferimento per il calcolo della prestazione energetica degli edifici; l'appendice A contiene, ai sensi dell'allegato 1, capitolo 3, la descrizione dell edificio di riferimento e i parametri di verifica; l'appendice B, contiene, ai sensi dell'allegato 1, capitolo 4, i requisiti specifici per gli edifici esistenti soggetti a riqualificazione energetica. Rispetto ai requisiti previsti dal DPR 59/2009, il nuovo decreto introduce importanti novità in ed in particolare: una modifica del campo di applicazione delle prescrizioni e dei requisiti di efficienza energetica previsti dal DLgs 192/2005; l'introduzione di una nuova metodologia di calcolo delle prestazioni e- nergetiche;

17 20 CAPITOLO 2 l'introduzione di nuove prescrizioni e requisiti minimi in materia di prestazioni energetiche degli edifici e unità immobiliari; un innalzamento degli standard minimi da rispettare. Obiettivo del decreto è quello di promuovere il miglioramento dell efficienza energetica degli edifici nuovi ed esistenti, fino al conseguimento di edifici a energia quasi zero, attraverso l introduzione in fase di progettazione e ristrutturazione degli edifici stessi di requisiti di qualità riguardanti l involucro, gli impianti e le fonti rinnovabili, finalizzati al conseguimento dei livelli di prestazione ottimale in funzione dei costi. Con l'entrata in vigore del decreto sono soppressi i seguenti allegati del DLgs 192/2005: Allegato C, Requisiti energetici degli edifici; Allegato H, Valore minimo del rendimento di combustione dei generatori di calore rilevato nel corso dei controlli; Allegato L, Regime transitorio per esercizio e manutenzione degli impianti termici; Allegato M, Norme tecniche CAMPO DI APPLICAZIONE La prima grande novità introdotta dal decreto ministeriale riguarda il campo di applicazione dei requisiti in materia di efficienza energetica degli edifici. Il DLgs 192/2005 prevede una applicazione graduale dei requisiti e delle prescrizioni in relazione al tipo di intervento edilizio. In particolare, fino alla entrata in vigore del nuovo decreto erano previsti i seguenti gradi di applicazione: una applicazione integrale a tutto l edificio nel caso di: - interventi di nuova costruzione; - ristrutturazione integrale degli elementi edilizi costituenti l involucro di edifici esistenti di superficie utile superiore a 1000 m²; - demolizione e ricostruzione in manutenzione straordinaria di edifici esistenti di superficie utile superiore a 1000 m²; una applicazione integrale, ma limitata al solo ampliamento dell edificio, nel caso che l ampliamento risultasse volumetricamente superiore al 20% dell intero edificio esistente;

18 24 CAPITOLO 2 teressino una superficie inferiore al 10% della superficie disperdente lorda complessiva dell edificio; gli interventi di manutenzione ordinaria sugli impianti termici esistenti NUOVI CRITERI E METODOLOGIE DI CALCOLO La prestazione energetica degli edifici Il nuovo decreto consente la piena applicazione della definizione di prestazione energetica degli edifici introdotta dalla Direttiva 2010/31/UE e riportata nel DLgs 192/2005 come modificato dalla legge 90/2013. In particolare, ai sensi della lettera c) del DLgs 192/2005 per "prestazione energetica di un edificio" si intende la quantità annua di energia primaria effettivamente consumata o che si prevede possa essere necessaria per soddisfare, con un uso standard dell'immobile, i vari bisogni energetici dell'edificio quali la climatizzazione invernale e estiva, la preparazione dell'acqua calda per usi igienici sanitari, la ventilazione e, per il settore terziario, l'illuminazione, gli impianti ascensori e scale mobili. Per energia primaria si intende l'energia derivante da una fonte presente in natura e che non deriva dalla trasformazione di nessuna altra forma di e- nergia. Rientrano in questa classificazione sia le fonti rinnovabili (quali ad esempio l'energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica, l'energia delle biomasse) che le fonti esauribili, come i combustibili direttamente utilizzabili (petrolio grezzo, gas naturale, carbone) o l'energia nucleare. Le fonti di energia primaria si differenziano dalle fonti di energia secondaria in quanto queste ultime possono essere utilizzate solo a valle di una trasformazione di energia (come la benzina, in seguito a raffinazione chimica, l'energia elettrica o l'idrogeno). Il ricorso al consumo totale di energia primaria per la misurazione della prestazione energetica degli edifici risulta necessario per poter confrontare consumi energetici di natura differente e quindi consentire il confronto con i limiti di legge o tra i diversi edifici. A parità di fabbisogno energetico gli edifici possono infatti consumare energia primaria in quantità molto diverse fra loro in funzione delle modalità di produzione dell'energia.

19 40 CAPITOLO 2 (H T ) si effettua per la medesima porzione della copertura; - se l intervento riguarda una porzione della parete verticale opaca dell edificio esposta a nord, la verifica del coefficiente globale di scambio termico per trasmissione (H T ) si effettua per l intera parete verticale opaca esposta a nord. TABELLA 2.9 Valori limite del coefficiente globale di scambio termico H T (W/m2K) - Appendice A. Numero riga Tipologia di intervento ZONA CLIMATICA A e B C D E F 4 Ampliamenti e Ristrutturazioni importanti di 2 livello per tutte le tipologie edilizie 0,73 0,70 0,68 0,65 0, EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO Con il termine "Edifici ad Energia Quasi Zero" (nearly Zero Energy Buildings, nzeb) si vuole indicare generalmente una categoria di edifici ad elevatissima prestazione energetica, caratterizzati da un fabbisogno energetico annuo molto basso o quasi nullo, coperto interamente, o in misura molto significativa, da energia da fonti rinnovabili, compresa l energia da fonti rinnovabili prodotta in loco o nelle vicinanze. La dicitura "energia zero" fa quindi riferimento al fatto che tali edifici non debbano ricorrere all'utilizzo di combustibili fossili (gas, gasolio, carbone, ecc.), o all'energia elettrica proveniente dalla rete, per far fronte ai loro bisogni energetici, caratterizzandosi, pertanto, per un consumo di energia primaria non rinnovabile pari a zero. Poiché gli edifici sono normalmente allacciati ad una rete esterna (gridconnected) di fornitura di energia (elettricità e gas), e in considerazione della natura discontinua delle fonti di energia rinnovabile (disponibili solo per alcuni momenti della giornata), ciò che è pari a zero non è in realtà il consumo di energia primaria non rinnovabile, ma il bilancio tra l'energia primaria prelevata e quella autoprodotta, consumata direttamente o immessa in rete. Pertanto, si parla più comunemente, e correttamente, di "edifici a e- nergia netta pari a zero (Net Zero Energy Buildings): l energia prodotta in

20 LE NUOVE METODOLOGIE DI CALCOLO E I NUOVI REQUISITI 41 eccesso dal sistema viene ceduta alla rete di distribuzione elettrica che a sua volta fornisce all utenza l energia necessaria in caso di autoproduzione insufficiente nei momenti sfavorevoli (di notte o in situazioni di scarso irraggiamento solare). Indipendentemente dal modello preso a riferimento, la progettazione e realizzazione di un edificio ad energia zero richiede un approccio globale volto a favorire un utilizzo razionale dell'energia mediante la riduzione dei fabbisogni, l'installazione di impianti ad alta efficienza e l'utilizzo di fonti di energia rinnovabile attraverso un bilanciamento ottimale di misure di tipo passivo (che interessano quindi principalmente variabili architettoniche, morfologiche e di tecnologia edilizia) e di tipo attivo (inerenti cioè il funzionamento di impianti tecnologici), consentendo di ottenere le migliori condizioni di comfort, un corretto impiego di risorse e un ridotto insieme di impatti sull'ecosistema recettore. In particolare, l'obiettivo di contenimento dei consumi energetici deve essere perseguito a tre differenti livelli: ad un livello tipologico, relativo alla forma e all'orientamento degli edifici, al posizionamento e al dimensionamento delle aperture e alla distribuzione degli spazi; ad un livello tecnico-costruttivo, concernente le caratteristiche termoigrometriche dell'involucro edilizio; ad un livello tecnologico, inerente le scelte impiantistiche e l'utilizzo di fonti rinnovabili. A fronte della definizione generale di Edificio ad energia quasi zero, il nuovo DM 26 giugno 2015 stabilisce i requisiti da rispettare. In particolare, vengono definiti edifici a energia quasi zero tutti gli edifici, siano essi di nuova costruzione o esistenti, per cui siano contemporaneamente rispettati (Appendice 1, par 3.4): tutti i requisiti energetici previsti dalla lettera b), del comma 2, del paragrafo 3.3 del decreto requisiti minimi, determinati con i valori vigenti dal 1 gennaio 2019 per gli edifici pubblici e dal 1 gennaio 2021 per tutti gli altri edifici. gli obblighi di integrazione delle fonti rinnovabili nel rispetto dei principi minimi di cui all Allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28 vigenti dal 1 gennaio Il DLgs 192/2005, art. 4-bis, prevede che a partire dal 31 dicembre 2018, gli edifici di nuova costruzione occupati da pubbliche amministrazioni e di proprietà di queste ultime, ivi compresi gli edifici scolastici, devono essere

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA)

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) Studio Civilistico n. 657-2013/C LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) Approvato dall Area Scientifica Studi Pubblicistici il 19 settembre

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

RegioneLombardia GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO

RegioneLombardia GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO DECRETO N 14006 Identificativo Atto n. 474 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO Oggetto PRECISAZIONI IN MERITO ALL'APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311)

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TERAMO Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) Indice 1) Premesse 2)

Dettagli

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 Le scritte in verde sono le integrazioni o variazioni apportate dal DPR 551/99 al DPR 412/93 Le scritte in nero sono il testo del DPR 412/93 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

FAQ (domande più frequenti)

FAQ (domande più frequenti) FAQ (domande più frequenti) N.B. Le FAQ sotto riportate derivano dalle risposte effettivamente fornite da ENEA ai vari richiedenti nell'arco degli ultimi anni. Sono basate sull'esperienza del nostro Gruppo

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli