MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA I s t i t u t o C o m p r e n s i v o C o s t a V i a V. E m a n u e l e I I, C O S T A ( R O ) tel.0425/ fax 0425/ COD.FISCALE PEC sito web: http/www.virgilio-costa.org Prot. n. Costa di Rovigo, 16 ottobre 2014 CIRCOLARE N A TUTTO IL PERSONALE - AI COORDINATORI DI PLESSO I.C. di COSTA - e p. c. al Responsabile S.P.P. ING. M. BORDIN Oggetto: Sicurezza e salute nei luoghi di lavoro impegni previsti nel corso dell anno scolastico e nomina delle figure sensibili Si riepilogano con la presente circolare gli impegni previsti in corso d anno in capo ai diversi soggetti che si occupano nella scuola della sicurezza e i relativi tempi di attuazione: 1. Circolare sulla sicurezza degli alunni circolare n. 1 del 15 settembre u.s. 2. Rinnovo annuale delle nomine delle figure sensibili allegato 1 alla presente circolare 3. Segnalazione scritta al su eventuali pericoli legati a carenze strutturali nei plessi di competenza Coordinatori di plesso entro il 15 novembre e successivamente quando se ne presenti la necessità 4. Prima prova di evacuazione Coordinatori di plesso entro il mese di ottobre 5. Istruzioni sulle principali norme di comportamento allegato 2 alla presente circolare 6. Individuazione dei bisogni formativi nei tempi stabiliti dalla Rete SIRVESS 7. Riunione periodica e verifica documentazione Responsabile SPP entro dicembre 8. Rinnovo nomina RSPP dicembre 9. Sopralluoghi periodici nei plessi Responsabile SPP due volte l anno 10. Seconda prova di evacuazione Coordinatori di plesso in primavera 11. Verifica impianti di messa a terra (a mezzo di un ente abilitato) in corso d anno 12. Vigilanza Sanitaria (in relazione ad adempimenti previsti) Medico Competente in corso d anno

2 13. Verifica cassette primo soccorso Collaboratori Scolastici entro dicembre Si coglie l occasione della presente circolare per trasmettere il prospetto aggiornato degli incarichi in materia di sicurezza, da tenere affisso all albo di ogni plesso in sostituzione di quello dell anno precedente. Il predetto prospetto vale quale provvedimento di nomina o di conferma nei confronti dei singoli interessati. IL DIRIGENTE SCOLASTICO - Dott.ssa Paola Malengo -

3 ALLEGATO 1 ELENCO E NOMINA DELLE FIGURE SENSIBILI a.s. 2014/15 (allegato alla Circolare n. 15 del 16 ottobre 2014) Si comunicano in allegato alla circolare n. 15 i nominativi del personale che a diverso titolo si occupa della sicurezza nei plessi dell Istituto, avendone titolo. Il presente provvedimento, che è di carattere cumulativo, assume anche il valore di nomina nei confronti dei singoli interessati. RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Studio Tecnico Ing. Bordin Massimo - San Bellino (Ro) RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Ins.te Baratella Graziella ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ins.te Bacchiega Maria Rosa Coll. Scol. Stecca Sandra MEDICO COMPETENTE Dott.ssa Lucia Mazzetti REFERENTI PER LA SICUREZZA REFERENTI ANTINCENDIO Coordinatori di plesso Sc. dell infanzia di VILLAMARZANA RAIMONDI ALESSANDRA Sc. primaria di ARQUA POLESINE FERRI NADIA Sc. primaria di COSTA CANIATO DANIELA Sc. primaria di VILLAMARZANA MENON LAURA Sc. secondaria di I grado di ARQUA POLESINE DONELLO ORNELLA /MILAN MARINA Sc. secondaria di I grado di COSTA VIARO ROBERTO REFERENTI PRIMO SOCCORSO Sc. dell infanzia di VILLAMARZANA BACCHIEGA MARIA ROSA/ CHIARATO SILVIA Sc. primaria di ARQUA POLESINE ROSSETTO ANTONIETTA Sc. primaria di COSTA GUARISE MARIA GRAZIA Sc. primaria di VILLAMARZANA TIBALDO CECILIA Sc. secondaria di I grado di ARQUA POLESINE ORLANDO P./GANZAROLI M. Sc. secondaria di I grado di COSTA MARZOLLA LICIA IL DIRIGENTE SCOLASTICO - Dott.ssa Paola Malengo -

4 ALLEGATO 2 NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI ASPETTI GENERALI 1 L ente locale è tenuto a chiedere il certificato di prevenzione incendi e il nulla osta provvisorio per le scuole di ogni ordine e grado con oltre 100 persone presenti (D.M.I ). 2 La visita periodica dell organo di controllo (vigili del fuoco) è prevista per dette scuole ogni 6 anni. 3 Ad eccezione dei locali allo scopo destinati è vietato l uso di fiamme libere, di fornelli o stufe a gas, di stufe elettriche con resistenza in vista, di stufe a cherosene (C.M.P.I. 177/85). 4 Dove si svolgono attività serali è necessario un sistema di illuminazione, che garantisca un affidabile segnalazione delle vie d esodo, alimentato autonomamente e tale da consentire un ordinato sfollamento (C.M.P.I. 177/85). PRESCRIZIONI PER LE SCUOLE CHE HANNO NON PIU DI 100 PERSONE PRESENTI (D.M.I ) 1 Gli impianti elettrici devono essere realizzati a regola d arte in conformità alla L. 186/68. 2 Deve essere assicurato il sicuro esodo degli occupanti in caso di emergenza. 3 La scuola deve essere dotata di estintori (1 estintore ogni 200 m 2 di pavimento o frazione, con un minimo di 2 estintori per piano). 4 Deve essere presente la segnaletica di sicurezza finalizzata alla sicurezza antincendi (D.P.R. 524/82). 5 Le vie d uscita devono essere sgombre da qualsiasi materiale. 6 E vietato compromettere l agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle uscite di sicurezza durante i periodi di attività della scuola, verificandone l efficienza prima dell inizio delle lezioni. 7 Nei locali ove vengono depositate o utilizzate sostanze infiammabili o facilmente combustibili è fatto divieto di fumare o fare uso di fiamme libere. Nei locali della scuola, non appositamente destinati, non possono essere depositati e/o utilizzati recipienti contenenti gas compressi e/o liquefatti. I liquidi infiammabili o facilmente combustibili e/o le sostanze che possono comunque emettere vapori o gas infiammabili, possono essere tenuti in quantità strettamente necessarie per esigenze igienico sanitarie e per l attività didattica. Per dette esigenze è consentito detenere complessivamente all interno del volume dell edificio, in armadi metallici dotati di bacino di contenimento, 20 l. di liquidi infiammabili. Detti armadi andranno collocati negli spazi per deposito (o magazzino), cioè negli ambienti destinati alla conservazione di materiali per uso didattico e per i servizi amministrativi. In archivi e depositi i materiali devono essere depositati in modo da consentire una facile ispezionabilità, lasciando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 0.90 m. Eventuali scaffalature dovranno risultare a distanza non inferiore a m dall intradosso del solaio di copertura.

5 PRESCRIZIONI PER LE SCUOLE CON OLTRE 100 PERSONE PRESENTI (D.M.P ) 1 Devono essere garantite le misure per l evacuazione in caso di emergenza. La scuola deve avere un sistema organizzato di vie d uscita con almeno 2 uscite verso luogo sicuro. Qualora ci siano più piani, gli spazi devono essere dotati, oltre che della scala normale, almeno da una scala di sicurezza esterna o di una interna a prova di fumo. Il numero delle uscite dai singoli piani non deve essere inferiore a 2, poste in punti ragionevolmente contrapposti. I locali destinati ad uso collettivo devono essere dotati oltre che della normale porta d accesso anche di almeno una uscita apribile nel senso del deflusso con sistema a semplice spinta che adduca in luogo sicuro. 3 Gli spazi per deposito o magazzino sono gli ambienti destinati alla conservazione di materiali per uso didattico e per servizi amministrativi. Per esigenze didattiche e igienico sanitarie è consentito detenere complessivamente all interno dell edificio, in armadi metallici dotati di bacino di contenimento, 20 l. di liquidi infiammabili. 4 E fatto divieto di utilizzare stufe funzionanti a combustibile liquido o gassoso, per riscaldamento di ambienti. 5 Qualora l auditorio, l aula magna o la sala per rappresentazioni, eventualmente presenti nella scuola e con capienza superiore alle 100 persone, vengono adibiti a manifestazioni non scolastiche, si applicano le norme di sicurezza per i locali di pubblico spettacolo. 6 Nel caso in cui alle mense sia annessa la cucina e/o il lavaggio delle stoviglie con apparecchiature alimentate a combustibile liquido o gassoso, alle stesse si applicano le specifiche normative di sicurezza vigenti. 7 L impianto elettrico deve essere realizzato in conformità a quanto previsto dalla L. 186/68. Ogni scuola deve essere munita di interruttore generale, posto in posizione segnalata, che permetta di togliere tensione all impianto elettrico dell attività; tale interruttore deve essere munito di comando di sgancio a distanza, posto nelle vicinanze dell ingresso o in posizioni presidiate. Le scuole devono avere un impianto elettrico di sicurezza utile a garantire l illuminazione di sicurezza, compresa quella indicante i passaggi, le uscite e i percorsi delle vie d esodo, e l impianto di diffusione sonora e/o impianto di allarme. Il sistema di allarme per le scuole fino a 500 persone può essere costituito dallo stesso impianto a campanelli usato normalmente, purché venga convenuto un particolare suono. Esso serve per avvertire gli alunni ed il personale presenti in caso di pericolo. 8 Devono essere installati estintori portatili in ragione di almeno uno per ogni 200 m 2 di pavimento o frazione, con un minimo di 2 estintori per piano. 9 Si applicano le vigenti disposizioni sulla segnaletica di sicurezza, espressamente finalizzata alla sicurezza antincendi. 10 Il titolare dell attività dovrà predisporre il registro dei controlli periodici. Deve essere predisposto un piano d emergenza e devono essere fatte prove di evacuazione almeno 2 volte nel corso dell anno scolastico. Le vie d uscita devono essere tenute costantemente sgombre da qualsiasi materiale. E fatto divieto di compromettere l agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle uscite di sicurezza durante i periodi di attività della scuola, verificandone l efficienza prima dell inizio delle lezioni. 11 Nei locali ove vengono depositate o utilizzate sostanze infiammabili o facilmente combustibili è fatto divieto di fumare o fare uso di fiamme libere.

6 Nei locali della scuola non appositamente destinati non possono essere depositati e/o utilizzati recipienti contenenti gas compressi e/o liquefatti. I liquidi infiammabili o facilmente combustibili e/o le sostanze che possono comunque emettere vapori o gas infiammabili, possono essere tenuti in quantità strettamente necessaria per esigenze igienico-sanitarie e per l attività didattica e di ricerca in corso così come previsto dal punto Negli archivi e depositi i materiali devono essere depositati in modo da consentire una facile ispezionabilità, lasciando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 0.90 m. Eventuali scaffalature dovranno risultare a distanza non inferiore a m dall intradosso del solaio di copertura. 13 Il titolare dell attività deve provvedere affinché nel corso della gestione non vengano alterate le condizioni di sicurezza. Egli può avvalersi per tale compito di un responsabile della sicurezza, in relazione alla complessità e capienza della struttura scolastica. SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (L N. 46) 1 Devono essere realizzati in conformità a norma gli impianti elettrici, di antenne e parafulmini, di riscaldamento, di acqua, di gas e antincendio. 2 Gli impianti elettrici devono essere dotati di impianti di messa a terra e di interruttori differenziali ad alta sensibilità o di altri sistemi di protezione equivalenti. 3 Al termine dei lavori l impresa installatrice è tenuta a rilasciare al committente la dichiarazione di conformità degli impianti realizzati. Va ricordato che compete al la responsabilità sulla sicurezza delle attrezzature tecnico-didattiche, anche sotto il profilo delle caratteristiche elettriche (spina e filo a norma). NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO (D.P.R. 547/55, così come modificato agli artt dal D.L.vo 626/94) 1 Il Dirigente rende edotti i lavoratori dei rischi specifici cui sono esposti e porta a loro conoscenza le norme essenziali di prevenzione mediante affissione di estratti della norma. Esige inoltre che i lavoratori osservino le norme di sicurezza. 2 I lavoratori devono segnalare le deficienze dei dispositivi di sicurezza, nonché le altre eventuali situazioni di pericolo di cui venissero a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza e nell ambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare dette deficienze o pericoli. 3 Le vie di circolazione devono poter essere utilizzate dai pedoni e dai veicoli facilmente e in piena sicurezza. I lavoratori operanti nelle vicinanze non devono correre alcun rischio. Qualora nelle vie di circolazione siano utilizzati mezzi di trasporto, per i pedoni dovrà essere prevista una distanza di sicurezza sufficiente. Le vie di circolazione per veicoli devono passare a una distanza sufficiente da porte, portoni, passaggi per pedoni, corridoi e scale. 4 I pavimenti non devono presentare buche o sporgenze pericolose e devono essere in condizioni tali da rendere sicuro il movimento delle persone. I pavimenti e i passaggi non devono essere ingombrati da materiali che ostacolino la normale circolazione.

7 5 I locali destinati a deposito devono avere la chiara indicazione del carico massimo dei solai. I carichi non devono superare tale massimo e essere distribuiti razionalmente. 6 Le aperture nel suolo o nel pavimento devono essere provviste di coperture solide o parapetti normali. Le aperture nelle pareti devono essere provviste di solida barriera o munite di parapetto. 7 Le vie e le uscite d emergenza devono rimanere sgombre e consentire di raggiungere il più rapidamente possibile un luogo sicuro. In caso di pericolo tutti i posti di lavoro devono poter essere evacuati rapidamente e in piena sicurezza da parte dei lavoratori. Qualora le uscite d emergenza siano dotate di porte, queste devono essere apribili nel verso dell esodo e, qualora siano chiuse, devono poter essere aperte facilmente e immediatamente. Esse non devono essere chiuse a chiave. Via e uscite d emergenza devono essere evidenziate da apposita segnaletica e, qualora richiedano illuminazione, essere dotate di un illuminazione di sicurezza. Gli edifici che ospitano più di 25 lavoratori devono avere almeno due scale distinte di facile accesso. 8 Quando in un locale siano occupati normalmente da 26 a 50 lavoratori, la porta deve aprirsi nel senso dell esodo. Quando in un locale siano normalmente occupati da 51 a 100 lavoratori, il locale deve essere dotato di 2 porte che si aprano entrambe nel verso dell esodo. Il numero complessivo delle porte può anche essere minore, purché la loro larghezza complessiva non risulti inferiore rispetto agli standard stabiliti. Immediatamente accanto ai portoni destinati ai veicoli devono esistere a meno che il passaggio dei pedoni sia sicuro, porte per la circolazione dei pedoni che devono risultare sgombre in permanenza. Le porte situate sul percorso delle vie d emergenza devono essere appositamente contrassegnate e poter essere aperte in ogni momento dall interno senza aiuto speciale. Per i luoghi di lavoro già utilizzati prima del 1 gennaio 1993 non si applicano le predette disposizioni. In tal caso i locali devono essere provvisti di porte d uscita di m di larghezza e in numero non inferiore a 1 per ogni 50 lavoratori o frazione compresa fra i 10 e 50. Il numero delle porte può anche essere minore, purché la loro larghezza complessiva non risulti inferiore. 9 Le scale o pianerottoli devono essere provvisti sui lati aperti, di parapetto normale; le rampe delimitate da due pareti devono essere munite di almeno un corrimano. Un parapetto si considera normale quando è costruito con materiale rigido e resistente e ha un altezza di almeno un metro. 10 Quando l uso delle scale manuali comporti pericolo di sbandamento, esse devono essere adeguatamente assicurate o trattenute al piede da altra persona. 11 Gli ambienti devono essere illuminati con luce naturale o artificiale in modo tale da assicurare una sufficiente visibilità. 12 Gli impianti elettrici devono essere costruiti, installati e mantenuti in modo da prevenire i pericoli derivanti da contatti accidentali con gli elementi sotto tensione e i rischi di incendio e di scoppio. 13 Le derivazioni a spina, compresi i tratti di conduttore mobili intermedi, devono essere costruite e utilizzate in modo che per nessuna ragione una spina che non sia inserita nella propria sede possa risultare sotto tensione. Le prese per spina devono garantire che non sia possibile, senza mezzi speciali, venire in contatto con le parti in tensione della sede della presa e che sia evitato il contatto accidentale con la parte in tensione della spina durante l inserzione e la disinserzione.

8 14 Gli edifici devono essere costruiti e mantenuti in buono stato di stabilità, conservazione ed efficienza in relazione alle condizioni d uso e alle necessità della sicurezza. Impianti, macchine, apparecchi, attrezzature, utensili e strumenti devono possedere i necessari requisiti di resistenza e idoneità e essere mantenuti in buono stato di conservazione ed efficienza. IGIENE DEL LAVORO (D.P.R. 303/56) 1 - I locali di lavoro devono essere bene difesi contro gli agenti atmosferici, avere aperture sufficienti per un rapido ricambio d aria; essere ben asciutti e ben difesi contro l umidità. I pavimenti devono essere esenti da protuberanze, cavità o piani inclinati pericolosi, devono essere fissi, stabili e antisdrucciolevoli. Le pareti devono essere a tinta chiara. 2 - I luoghi di lavoro devono disporre di sufficiente luce naturale ed essere dotati di dispositivi di illuminazione artificiale adeguati a salvaguardare la sicurezza, la salute e il benessere. 3 - La temperatura deve essere adeguata all organismo umano durante il tempo di lavoro, tenuto conto dei metodi di lavoro e degli sforzi fisici. 4 - Le finestre e le vetrate devono essere tali da evitare un soleggiamento eccessivo, tenuto conto del tipo di attività e della natura del luogo di lavoro. 5 - I locali devono essere mantenuti puliti, facendo eseguire la pulizia, per quanto possibile, fuori dell orario di attività didattica. 6 - Nei luoghi di lavoro deve essere messa a disposizione acqua tanto per uso potabile quanto per lavarsi. 7 - I refettori, muniti di tavoli e sedie, devono essere ben illuminati, aerati e riscaldati. Il pavimento non deve essere polveroso e le pareti devono essere intonacate e imbiancate. 8 - Le installazioni e gli arredi destinati ai refettori e in genere ai servizi di igiene e benessere dei lavoratori devono essere mantenuti in stato di scrupolosa pulizia. I lavoratori devono usare con cura e proprietà detti locali, installazioni e arredi.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche D.Lgs.81/2008 e seguenti D.M. 26 agosto 1992 D.M. 1 0 Marzo 1998 D.P.R. 151/2011 Anno 2012 Il luogo di lavoro LA SCUOLA Il Dirigente

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

Università degli Studi di Udine

Università degli Studi di Udine Disposizione n. 1/2001 del 06.04.2001 (ex art. 2, lett. S, del Regolamento interno sulla sicurezza) DIVIETI E LIMITAZIONI (ex D.P.R. 547/55, D.M. 26.08.1982, D.M. 08.03.1985, D.Lgs. 626/94, D.M. 10.03.1998,

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA La relazione tecnica è redatta a dimostrazione dell'osservanza

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO)

ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO) ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO) FORMAZIONE DEI LAVORATORI (Art. 37, D.Lgs. 81/2008 Accordo STATO-REGIONI del 21/12/2011) Procedure esodo e incendi, gestione delle

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Materiale didattico validato da: Luoghi di Lavoro. TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV. Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60

Materiale didattico validato da: Luoghi di Lavoro. TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV. Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60 Luoghi di Lavoro TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60 Quali sono i luoghi di Lavoro I luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI IN TUTTI I LOCALI SCOLASTICI E obbligo per tutto il personale: attenersi e far attenere gli alunni alle disposizioni ai fini della prevenzione e protezione individuale

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell interno 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 16 settembre 1992) IL MINISTRO DELL INTERNO Vista

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

REGISTRO DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGISTRO DI SORVEGLIANZA PERIODICA DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via G. Deledda, 2-09036 GUSPINI (Codice Fiscale 91011420923 Tel 070/970051-Fax 070/9783069) e-mail mail: caee046004@istruzione.it sito: www.direzionedidatticastataleguspini.it

Dettagli

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO DELLA SCUOLA MEDIA B. CROCE corso Novara 26 - Torino RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi da parte dei Vigili del Fuoco

Dettagli

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO (TITOLO II D.LGS 626/94) Si intendono per luogo di lavoro: i luoghi destinati a contenere posti di lavoro ubicati all interno

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ***

PIANO DI EMERGENZA *** OTTI *** PREMESSA DEL REGISTRO DEI REGISTRO DEI Con l entrata in vigore del DPR 12 gennaio 1998 n. 37 regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, ai sensi dell art.

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) Allegato 03 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO SULLA SICUREZZA D. Lgs. 81/08 e s.m.i. PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) PROCEDURE

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

Palestra Via Natta 14100 Asti

Palestra Via Natta 14100 Asti Pagina 1 di 14 Palestra Via Natta 14100 Asti DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO Art. 2 D.M. 10.03.98, art. 46 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. 106/09) 8 firma data Il Datore di Lavoro (DL)

Dettagli

Al DSGA. Ai docenti Al personale ATA. Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni.

Al DSGA. Ai docenti Al personale ATA. Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni. Prot n.. 6540/B10 Al DSGA Ai docenti collaboratori Ai docenti Al personale ATA Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni. Si invita il personale in indirizzo all osservanza della

Dettagli

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Al docente collaboratore vicario Al DSGA Al personale docente Al personale ATA Sede Al RSPP Al RLS All Albo sicurezza Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SOMMARIO PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SCHEDA DI CONTROLLO RIVELAZIONE D INCENDIO SCHEDA DI CONTROLLO ALLARMI

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 459/96 Legge 186/68 D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 164/56 DPR 915/82 DPR 303/56 DM 392/96 NORME CEI OFFICINA RISCHI

Dettagli

Circ. N. 65. A tutto il personale docente e ATA dell Istituto. Alla DSGA. Sito Web

Circ. N. 65. A tutto il personale docente e ATA dell Istituto. Alla DSGA. Sito Web Via Mons L Bellomi, 1-37137 VERONA - Tel 045/953031 - Fax 045/8621819 web page: wwwic5veronagovit e-mail: vric87700c@istruzioneit pec: vric87700c@pecistruzioneit Circ N 65 Prot n 1001/A23 Verona,27022015

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE UNIVERSITA PISA SCIENZA E TECNICA DELLA PREVENZIONE INCENDI LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE PISA, 28/03/2015 Dr Ing Fabio Bernardi Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 RÉGION AUTONOME VALLÉE D AOSTE VILLE D AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA CITTÀ DI AOSTA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 NOTA: criteri di valutazione

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Castegnato. ISTITUZIONE SCOLASTICA / DATORE DI LAVORO (denominazione da inserire prima dell avvio del servizio)

COMMITTENTE Comune di Castegnato. ISTITUZIONE SCOLASTICA / DATORE DI LAVORO (denominazione da inserire prima dell avvio del servizio) ALLEGATO 2 - DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO (art. 26, commi 3 e 3-ter del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, come modificato e integrato dal D. Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) allegato al Bando

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008)

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) 3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI Via A.Labriola -80016 MARANO DI NAPOLI PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) Il Dirigente Scolastico : Dott.ssa Silvana

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala. Dipartimento di.

LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala. Dipartimento di. LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala Dipartimento di Responsabile/i REQUISITI Gradini I gradini hanno pedata e alzata dimensionate

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI CONDOMINIO LECCO 2001 TORRE Viale Montegrappa, 20 - Lecco Amministrazione ISOLAGO GESTIMMOBILI In collaborazione con: VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento unico costituito da 15 pagine Si richiede l apposizione

Dettagli

DISPOSIZIONI DIRIGENZIALI SUI COMPORTAMENTI DA TENERE PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELLA SCUOLA

DISPOSIZIONI DIRIGENZIALI SUI COMPORTAMENTI DA TENERE PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELLA SCUOLA MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO STATALE GIULIO CESARE 00198 ROMA CORSO TRIESTE, 48 Fax 06/85355339 Tel. 06/121124445

Dettagli

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) Impresa appaltatrice: Appaltatore: Amministrazione Comunale di San Romano In Garfagnana Affidamento

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO ORATORIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA STATALE DI 1 GRADO DI IDRO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO ORATORIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA STATALE DI 1 GRADO DI IDRO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO ORATORIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA STATALE DI 1 GRADO DI IDRO (BS) 28/10/2015 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore File:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.lgs81/08) Plesso SCUOLA MEDIA ANDREA PALLADIO Fratta Polesine DATORE DI LAVORO- DIRIGENTE SCOLASTICO- DOTT.SSA MARIARITA

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

Scuola Primaria Lorenzana

Scuola Primaria Lorenzana Scuola Primaria Lorenzana La scuola primaria di Lorenzana è dislocata su due piani, uno a livello stradale, l'altro seminterrato. Al piano strada sono presenti 5 aule didattiche, la sala insegnanti, la

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI Pagina 1 di 17 COMUNE DI ROMA Provincia Rm ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via delle Alzavole Datore di Lavoro: Dott.ssa REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI RSPP: Geom.

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 303/56 DPR 915/82 NORME CEI DM 392/96 Legge 186/68 MAGAZZINO RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI

Dettagli

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO.

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO. 1/6 01.DEFINIZIONE DI PERICOLO O FATTORE DI RISCHIO: PROPRIETA O QUALITA INTRINSECA DI UN FATTORE AVENTE IL POTENZIALE DI CAUSARE DANNI. PROPRIETA CHIMICO FISICHE DI UNA SOSTANZA ESPLOSIVA. PROPRIETA CINETICHE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE TREVISO BRESCIANO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE TREVISO BRESCIANO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE TREVISO BRESCIANO (BS) 21/10/2015 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Treviso_Bresciano_2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA C AD U T I D I P I AZ Z A L O G G I A.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA C AD U T I D I P I AZ Z A L O G G I A. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA S C U O L A S T AT AL E S E C O N D AR I A D I 1 G R AD O C AD U T I D I P I AZ Z A L O G G I A Via MATTEOTTI, 20 25016

Dettagli

ADEMPIMENTI A CARICO DEL COMUNE PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE

ADEMPIMENTI A CARICO DEL COMUNE PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE ADEMPIMENTI A CARICO DEL COMUNE PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE C O R N I AN I O R Z I N U O V I ( B S ) 26/11/2014 SCARINZI Roberto

Dettagli

COMUNE DI MUGGIA. Piazza Marconi, 1 34015 MUGGIA (TS)

COMUNE DI MUGGIA. Piazza Marconi, 1 34015 MUGGIA (TS) COMUNE DI MUGGIA Piazza Marconi, 1 34015 MUGGIA (TS) Documento di valutazione dei rischi interferenziali, redatto ai sensi dell art. 26 - D.Lgs. 81/08, per: affidamento della gestione dei servizi integrativi

Dettagli

INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE OPUSCOLO N.C INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREPOSTO.. ADDETTO ANTINCENDIO.. ADDETTO PRONTO SOCCORSO.. INCARICATO.. LAVORATORE INCARICATO PER ASSISTERE

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA

STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE NON PROFESSIONALE CASA E APPARTAMENTI VACANZE RESIDENZE D EPOCA (*) Al COMUNE DI FAUGLIA Il sottoscritto Cognome

Dettagli

Area Servizi ai Cittadini Ufficio Pubblica Istruzione Via A. da Brescia, 2 25034 Orzinuovi

Area Servizi ai Cittadini Ufficio Pubblica Istruzione Via A. da Brescia, 2 25034 Orzinuovi Allegato n. 1A Area Servizi ai Cittadini Ufficio Pubblica Istruzione Via A. da Brescia, 2 25034 Orzinuovi INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma 3, 5 D.

Dettagli