nella mente alla ricerca della giusta soluzione per risolvere il gravoso problema che in quell istante ci attanaglia e cioè l imminente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nella mente alla ricerca della giusta soluzione per risolvere il gravoso problema che in quell istante ci attanaglia e cioè l imminente"

Transcript

1 Uno Un articolo. Un articolo di carattere scientifico. Ora ricordo. Era proprio durante un trasferimento in treno da Milano a Piacenza. Un breve viaggio, poco più di un ora. Quando non si ha voglia di dialogare lo schermo di un foglio patinato è un ottimo riparo. Avevo trascorso parte della mattinata e del primo pomeriggio, entrambi caldissimi e terribilmente afosi, nel monumentale palazzo di giustizia di Milano. Ero sgattaiolato fuori dall aula che puzzava di legno umido e appiccicoso appena il presidente del tribunale aveva sentenziato la colpevolezza e la relativa pena detentiva dell imputato. Balzato sul primo taxi avevo atteso qualche minuto la partenza del regionale Milano-Bologna. Giusto il tempo per acquistare la rivista scudo e una mezza minerale gelata. Oltrepassata la stazione di Rogoredo quando moderni palazzi, traffico, sirene, cartelloni pubblicitari e clacson non distraggono più il viaggiatore, cominciai a sfogliare il periodico. Nella mia distratta lettura fui attratto dalle fantasiose conclusioni di uno scienziato riguardo ai nostri sogni e allucinazioni. Il prestigioso studioso si soffermava sull ipotesi, a mio avviso non provata, che qualche attimo prima della nostra morte il cervello ci proietta le immagini delle esperienze e le sensazioni più importanti che abbiamo vissuto nel corso della vita. Una sorta di brevi flasback che in poche frazioni di secondo, sempre secondo la teoria dello scienziato, ci aiutano a scavare 9

2 nella mente alla ricerca della giusta soluzione per risolvere il gravoso problema che in quell istante ci attanaglia e cioè l imminente nostra fine. L istinto di conservazione elabora a folle velocità tutte le esperienze vissute e ci aiuta a trovare il giusto rimedio. Il nostro cervello, che in quell istante funziona come un computer impazzito che analizza ed elabora dati, visualizza i ricordi cercando di trarre dalle nostre esperienze passate una logica via d uscita. Non trovando rimedio all imminente disgrazia ha come irrimediabile conseguenza il blocco totale da cui ne consegue la nostra morte. Sono trascorsi alcuni interminabili mesi da quel caldo pomeriggio e da quel breve viaggio. Ora alla luce di ciò che ebbi occasione di dedurre in quella originale teoria, sono giunto alla stravagante soluzione dei problemi che dal giorno seguente quel trasferimento dalla capitale lombarda, mi stanno letteralmente facendo impazzire. Adesso sono qui sull alto ed imponente muro di cemento armato che costituisce la massiccia parete della diga del Molato nell alta Val Tidone, rigogliosa vallata nell estremo ovest della provincia di Piacenza. Da una parte un precipizio di circa sessanta metri verso la stretta gola solcata dal torrente Tidone appunto e contornata da alti alberi di robinie. Dall altra un salto di circa dieci metri verso l acqua blu come la notte ed immobile come la lastra di marmo che riveste un sepolcro. E' quasi la fine di Ottobre. Un mese stupendo. Forse perché è il mese in cui sono nato o forse per il più semplice motivo che è il periodo dell'anno in cui in queste valli la natura si diverte a colorare con un'infinità di sfumature tutto il paesaggio. La vendemmia è finita e le vigne ringraziano i loro custodi tappezzando i campi con un arcobaleno fantastico che spazia dal giallo intenso al rosso carminio e sanguigno. Le fronde dei boschi cominciano a truccarsi come fanciulle pronte alla serata di gala che le condurrà verso le lunghe e gelide notti invernali. 10

3 Amo questa valle, questi boschi e la gente che ci vive. Qui il ritmo della vita è ancora scandito dalle stagioni ed anche coloro che hanno abbandonato le campagne riescono comunque a mantenere la cadenza blanda, pacata ed imperturbabile di queste terre. Butto giù un altro Tavor. Sollevo la benda che mi copre l'occhio e faccio finta di avere la vista normale lasciando volteggiare lo sguardo a trecentosessanta gradi seguendo i rilievi delle colline circostanti. Le manette che mi legano le caviglie sono strette e corro il rischio d'incespicare. Le ho messe di proposito ma voglio scegliere io dove cadere. Sarà la mia ultima domanda ed il destino mi darà l'ultima risposta. Spero che lo scienziato dell'articolo abbia ragione e che tutto finisca in qualche secondo. In questi casi, lucidità e follia vanno a braccetto. Il sonnifero sta facendo effetto. Devo solo decidermi se il tuffo nel lago o il volo nel dirupo. La prima soluzione è più sicura ma anche più dolorosa. Le gelide acque mi riempiranno i polmoni e ci vorrà qualche minuto prima di perdere conoscenza, tutto quel tempo in quelle condizioni mi sembrerà un'eternità. Il volo comunque non mi assicura l'effetto richiesto. Una semplice folata di vento e le alte fronde delle piante potrebbero attutire la caduta e l'agonia causata dalle fratture potrebbe essere molto lunga o peggio, potrei anche salvarmi. Decisamente meglio il tuffo. Sorrido sbadigliando mentre penso che l'unica assurda soluzione ai miei problemi sia la morte. E' da mesi che non riesco a dormire più di dieci minuti per notte, continuamente assillato dallo stesso atroce incubo. Prima che la mia pazzia mi porti a rovinare altre vite è bene che metta fine alla mia. A fatica mi sfilo dalla tasca una lettera ormai consumata dal tempo e dalle troppe letture, l'accartoccio e la getto verso il blu profondo, immobile ed apparentemente impenetrabile del 11

4 lago sottostante. Vedo il piccolo foglio impregnarsi di umidità, svolgersi e lentamente affondare. Presto lo raggiungerò. Mi chiamo Luca Tondi e un freddo lunedì mattina di circa otto mesi fa fu il prologo di questa strana storia. 12

5 Due Il telefono squillò anticipando di quasi un ora la sveglia. «Ispettore sono Caruso. Scusami se ti ho svegliato ma il commissario capo ti vuole immediatamente in ufficio.» «Ciao Caruso. Sì ho capito. Il tempo di vestirmi e arrivo.» Risposi sbadigliando e subito imprecai verso il disturbatore del mio meritato sonno: Che cazzo avrà questa volta il commissario. Quasi tutti i lunedì la stessa storia. Mi buttano giù dal letto alle sette di mattina per interrogare quattro coglioni più addormentati di me che la sera prima hanno fatto a botte per una birra e una prostituta. Mi trascinai lentamente in bagno. Buttai un occhio, l unico che riuscivo a tenere aperto, verso lo specchio e gettai un po d acqua gelida sul viso sperando in un rapido risveglio. Giunsi nel moderno palazzo della Questura verso le sette e mezza. L aria di fine inverno a quell ora era ancora fredda. L agente alla guardiola mi lanciò un saluto sorridendo con l espressione soddisfatta di chi vede un superiore soffrire le stesse pene di una levata che ha interrotto bruscamente la notte e ha fatto cominciare troppo presto il giorno. Entrai nel mio modesto ufficio tristemente arredato con tavoli e sedie di formica marrone e armadi di lamiera. Chiesi al solerte collaboratore nonché disturbatore del mio sonno di portarmi il solito mezzo litro di caffè e cercando di rilassare il volto ancora segnato dalle pieghe del cuscino, entrai nell ufficio del capo. Il commissario capo Colaianni passeggiava nervosamente, contrariato anch egli dall inattesa levataccia e forse dall originale richiesta che aveva da comunicarmi. «Buongiorno Tondi. Prenda Caruso e andate subito a Pianello val Tidone. E stato ritrovato un cadavere e il comandan- 13

6 te di stazione della caserma del paese vi aspetta.» «Ma se ci sono già i Carabinieri noi cosa andiamo a fare lassù?» Chiesi scocciato. «La vittima è uno dell Arma non so altro. Vada e ci faccia fare bella figura, sa come sono i nostri cugini.» Concluse serioso il commissario. Ingurgitai la tazzona di caffè bollente in pochi secondi. La caffeina entrò in circolo dopo qualche istante ustionandomi l esofago, sbuffai al subalterno di prendere l auto ed in religioso silenzio m infilai nell Alfa facendomi trasportare a destinazione. La zona di Pianello la conosco molto bene. Un operosa e rigogliosa vallata ai confini con la provincia di Pavia, limite estremo della regione Emilia Romagna e sfortunatamente ancora nell area di mia competenza. I miei nonni paterni erano originari di lì e precisamente di Gabbiano, una graziosa frazione di poche case proprio sotto alle mura possenti del millenario castello di Rocca d Olgisio. Mio padre si era trasferito da giovane a Piacenza, si era sposato con mia madre anche lei originaria della Val Tidone. Era nata a Nibbiano un paesino di circa quattrocento anime a pochi chilometri ancor più all interno della valle. Io ho vissuto quasi sempre in città. Alternavo le vacanze estive dai nonni materni e paterni scorrazzando fra paesini, frazioni e piccole case coloniche in compagnia di occasionali amici coetanei. Dopo il diploma mi ero arruolato in Polizia. Firenze, Verona, Milano e infine proprio Piacenza furono le città che mi accolsero durante il periodo di studio e lavoro che mi portò alla sezione omicidi. La tranquilla città della provincia emiliana non era mai stata teatro di particolari o efferati delitti, tanto meno i territori e le valli circostanti ed il mio lavoro spesso si coordinava con i colleghi della vicina provincia di Milano, area sfortunatamente più interessata da eventi delittuosi. Da quel mattino però le cose cambiarono repentinamente. 14

7 Giungemmo alla piccola caserma del paese nel cuore della valle ed uno zelante graduato ci accolse descrivendoci sommariamente l'evento. Un pescatore che all'alba percorreva il greto del torrente aveva notato qualcosa di assai strano. Accanto alla riva e dove l'acqua scorreva più gorgogliante c'era un uomo completamente nudo rannicchiato. Il pescatore suppose che si trattava di un extracomunitario che si era lavato e pregava in ginocchio ma una volta avvicinatosi aveva notato che il poverino era contornato da un lago di sangue e la schiena era piena di tagli. «Siamo stati avvisati subito dal signor Ferri, il pescatore. Ora è di là in sala d'attesa. Siamo accorsi e abbiamo visto la scena. Pochi metri a fianco del corpo c'erano i vestiti con tanto di documenti. Indumenti, documenti ed effetti personali sono stati riposti in buste di plastica e depositati nell'ufficio qui a fianco. Quando ho scoperto che la vittima era un collega ho chiamato la Questura.» Proseguì il maresciallo. «Se il signor Ferri abita in zona io direi che possiamo lasciare che troni a casa. Lo andrò a trovare dopo e poi visionerò i vostri reperti. Ora gradirei fare un sopralluogo.» «Benissimo le chiamo l'appuntato che la guiderà sul posto.» Seguimmo l'auto dei colleghi che percorreva la strada che parallelamente al fiume conduceva ad una centrale elettrica automatica. Là il torrente era molto basso ed miei ricordi andarono alla gioventù quando con gli amici percorrevamo quel sentiero in sella alla mia bici priva di parafango imitando il rumore delle moto da fuoristrada che frequentemente vi transitavano. In prossimità di un piccolo bacino artificiale l'auto dell'appuntato si fermò indicandoci la via da seguire a piedi. Dopo qualche decina di metri tra pietraie e rami trasportati dalla corrente durante le piene primaverili raggiungemmo la scena del delitto. Le aree del ritrovamento del cadavere e dei vestiti 15

8 erano già state circoscritte dai Carabinieri ed un giovane brigadiere era stato lasciato là a sorvegliare la zona in attesa dei paramedici. Caruso estrasse dalla valigetta la macchina fotografica e cominciò a scattare. Lentamente mi avvicinai al cadavere. Quell'uomo aveva il fisico di un quarantenne, corporatura media e robusto. Era appoggiato sulle ginocchia e sui gomiti con il volto nascosto tra gli avambracci. La pozza di sangue che lo circondava sembrava partire dal ventre e la schiena era piena di tagli tutti orientati verso due direzioni distinte che formavano un angolo retto, una sorta di L maiuscola. Le sirene in lontananza ci avvisarono che il medico legale e la sua squadra erano in arrivo. Dopo cinque minuti potei vedere il resto del corpo. Caruso si appartò dietro ad un cespuglio per dare di stomaco e io non so ancora come feci a trattenermi. Alla vittima erano stati tagliati i genitali e dalla bocca spuntava una specie di tappo di legno come quelli che si usano per chiudere le botti. Lo strano oggetto usciva dalla bocca di circa tre centimetri ed una sottile pellicola trasparente annodata all'esterno lo avvolgeva. Il medico fu chiaro: «Qui non posso fare nulla se non costatare il decesso e sulla base delle tracce ematiche ipotizzare un'ora del decesso. Da mezzanotte alle due. Di più non posso dirti. Ragazzi mettetelo nel sacco così com'è. Poi ti farò sapere.» Concluse rassicurandomi. I solerti collaboratori del medico non avevano ancora richiuso il contenitore quando dalla strada si udì una voce: «Per cortesia aspettate. Un attimo vi prego.» «E quello, chi è?» Chiesi all'appuntato. «E' il curato della parrocchia. Lo vorrà benedire.» Dedusse il carabiniere. Feci cenno ai becchini di aspettare e il prelato ci raggiunse. Era un omone di quasi due metri sui quaranta con una folta barba nera. Vestiva jeans, scarponcini e giaccone ed in quat- 16

9 tro balzi raggiunse il gruppo attorno alla vittima. Si sfilò dalla tasche la stola, un breviario e un cilindro di metallo dal quale estrasse una sorta di pennello. Poche parole un segno di croce e la breve cerimonia si concluse. «Chi era il poveretto? Cosa gli è capitato?» Domandò il curato rivolgendosi agli inquirenti. «Era un collega e» Intervenne il brigadiere. «E siamo in attesa di accertamenti.» Interruppi io cercando di non trapelare informazioni che avrebbero potuto scatenare chissà quale pandemonio nella tranquilla comunità del piccolo paese. Il prete si congedò e noi seguimmo le operazioni dei paramedici. Dopo una buona mezz'ora ritornai nella caserma. Entrai nella stanza dov'era stato depositato il sacco degli indumenti. Indossai due guanti in lattice e cominciai la meticolosa perquisizione. Dai documenti già visionati dai colleghi si evinceva che l'uomo aveva quarantacinque anni, scapolo e residente presso la caserma dei Carabinieri di un piccolo comune del Pavese. Vice brigadiere Angelo Salvi, nato a Milano, eccetera, eccetera. Il portafoglio conteneva carta di credito, patente, qualche biglietto da visita, un po' di soldi e il tesserino di riconoscimento dell'arma. Gli abiti borghesi erano umidi e profumavano di pulito, da una tasca del pesante giubbotto estrassi anche il telefono cellulare. Era spento e per non rovinare il lavoro al reparto della scientifica lo infilai in una busta sigillata. Disposi ordinatamente tutti gli effetti personali, abiti compresi su di un tavolo e cominciai ad osservarli. Qualcosa non mi quadrava. Giubbotto, maglione, camicia, pantaloni, mutande, calze. Mancavano le scarpe. «Caruso.» Vociai: «Hai perlustrato bene l'area? Mancano le scarpe.» L'agente corse nella stanza e mi garantì che tutta la zona era stata meticolosamente setacciata da lui e dai Carabinieri ma 17

10 delle scarpe nessuna traccia. «Va bene. Mentre tu finisci di redigere il rapporto con il maresciallo io vado a fare una visita al pescatore che ha rinvenuto il corpo.» Raggiunsi a piedi l'abitazione del pensionato. Pianello era ed è ancora un piccolo paese ed in cinque minuti di passo spedito raggiunsi la modesta abitazione del signor Ferri. Il salotto della villetta era affollato di comari e ficcanaso affamati di particolari morbosi sul ritrovamento ed il povero omino era continuamente tartassato di domande. Alla mia vista calò il silenzio rotto dopo un istante dalla curiosità di un arzilla vecchina: «E' vero che era un marocchino in preghiera? Dio lo ha punito. Sono tutti miscredenti quelli.» «Signora. Non era marocchino e non pregava. Spero solo che Dio lo abbia in gloria. Anzi ne approfitti e vada in chiesa con le sue amiche a pregare per lui.» Conclusi invitando tutti i presenti ad uscire dalla stanza. Visibilmente rincorato dalla mia presenza il timido testimone si rilassò. «La ringrazio. Non ne potevo più. Mi sono lasciato scappare due parole di troppo e mia moglie ha telefonato a mezzo paese. Prego si accomodi, le faccio preparare un caffè?» Chiese garbatamente sconsolato il signor Ferri. «La ringrazio, accetto volentieri. Intanto mi presento, sono l'ispettore Luca Tondi. Sono incaricato delle indagini. Ho alcune domande da farle.» «Tondi è un cognome di qui. Dico bene?» Chiese più rassicurato l'uomo. «Mio padre è di Gabbiano e mia madre di Nibbiano. Ma veniamo a noi. Mi spieghi con calma cos'ha fatto e come ha individuato il corpo.» L'anziano omino colse la responsabilità di una corretta testimonianza e si concentrò: «Come tutte le mattine anche ieri ho fatto la mia passeggiata sul lungo Tidone. Visto che l'acqua era limpida ho deciso di fare un salto dove c'è un piccolo la- 18

11 ghetto naturale. Nel pomeriggio sono tornato a pasturare, un po' di pane e qualche vermicello. Questa mattina all'alba mi sono armato di canna da pesca e con la mia bicicletta ho raggiunto la centrale dell'enel. Ho legato la bici ad un albero e mi sono incamminato. Ho pescato per circa una mezz'ora poi mi sono appartato dietro ad una frasca per un bisognino e quando stavo ritornando al laghetto ho notato quell'uomo. Era in ginocchio ed ho pensato anch'io come l'amica di mia moglie ad un extracomunitario musulmano in preghiera. Sull'attimo non ho dato importanza alla cosa se non che dopo più di un quarto d'ora, l'uomo era ancora lì in quella posizione. Ho pensato ad un malore anche perché era nudo e con l'aria ancora fredda... Capisce anche lei.» Annuii e lo invitai a proseguire: «Mi sono avvicinato e ho visto il sangue. Ho provato anche a chiamarlo ma quei tagli sulla schiena mi hanno spaventato. Ho ripreso la mia bici e sono andato dai Carabinieri. Ho fatto bene?» «Benissimo signor Ferri. L'ha forse toccato?» «No. Ho solo provato a chiamarlo.» «Ha notato se c'era qualcun altro nei dintorni?» «No, non c'era nessuno. Prima di andare a fare il mio bisognino ho dato un'occhiata in giro senza però notarlo e anche quando sono uscito dal cespuglio non ho visto nessuno. Solo quell'uomo chino.» «Rumori strani come auto, fuoristrada o motociclette?» «Niente ispettore, silenzio di tomba.» Fa anche del sarcasmo il vecchio. Pensai. La signora Ferri ci servì il caffè nel servizio buono. Non riusciva a trattenere la sua curiosità e mentre mischiava lo zucchero nella tazzina del marito azzardò una domanda: «Se non era un nordafricano chi era? Uno del paese o di qualche posto qui vicino?» «Signora era un italianissimo uomo di circa quarantacinque anni che viveva in provincia di Pavia. Non le dirò nulla di più. Rassicuri le sue amiche.» Poi voltai lo sguardo verso 19

12 l'uomo e chiesi: «Mi ha detto che aveva fatto un giro da quelle parti anche il giorno prima. Non ha notato nulla allora?» «Sì. Sono andato là in mattinata e nel primo pomeriggio verso le due. No, non c'era nessuno sono sicurissimo.» «Un'ultima domanda e poi tolgo il disturbo. Riesce a ricordare se accanto ai vestiti c'erano anche le scarpe?» «Non saprei. Ho solo visto il mucchio di vestiti ma non ho fatto caso se mancava qualcosa. Mi dispiace.» Rispose sconsolato l'uomo. «Non si preoccupi signor Ferri. E' stato ugualmente molto utile. La ringrazio per la collaborazione e le chiedo una cortesia. Se qualcuno dovesse venirle a fare domande lei si rifiuti di rispondere e non esiti a chiamarmi. Su questo biglietto c'è il mio numero di telefono. Chiami senza indugi non mi disturberà. La saluto.» Uscii dalla casa consapevole del fatto che la signora Ferri avrebbe seguito dalla finestra ogni mio passo e una volta sparito dalla sua visuale sarebbe andata all'attacco cercando di spillare informazioni al povero marito. Mi congedai dalla caserma di Pianello verso le undici e con il fido Caruso tornai in Questura. I colleghi della scientifica erano già lì in attesa dei miei reperti e di una sommaria descrizione dei fatti. Pranzai con loro e partecipai all'analisi del telefono cellulare. La misera rubrica conteneva poche informazioni. I soliti numeri di parenti e colleghi, qualche amica e qualche amico. Le ultime chiamate inviate e ricevute erano proprio verso un uomo un certo Mike. Probabilmente quel Mike era una delle ultime persone che aveva potuto parlare con la vittima e mi adoperai per organizzare un incontro l indomani. Il signor Michele Conti, Mike per la vittima sua amica, abitava a Milano ed era un broker finanziario affermato. Aveva la stessa età di Angelo Salvi e molte altre cose in comune. Dalle scuole elementari fino alle superiori furono compa- 20

13 gni di banco ed amici inseparabili. Da piccoli abitavano nello stesso condominio della periferia sud della metropoli e le loro strade si divisero solo quando Angelo decise di seguire le orme del padre maresciallo dei Carabinieri e Michele iniziò l università. I due rimasero sempre molto legati anche dopo i vari trasferimenti di Angelo Salvi. Vacanze, viaggi e qualche serata a Milano o a Pavia. Il loro patto d amicizia era saldato anche dalla loro comune avversione a rapporti duraturi e al matrimonio. Michele fino a quell istante, ignaro dell orrenda fine del suo amico, apprese con profondo dispiacere l evento. Tentò di assimilare la notizia e per stemperare il suo profondo rammarico chiese all avvenente segretaria un paio di caffè. La bevanda rilassò momentaneamente il mio interlocutore che pacatamente mi descrisse gli eventi che durante quel fine settimana lo coinvolsero con la vittima. I due amici trascorsero quei due giorni di riposo in un piccolo casale sulle colline piacentine di proprietà del Conti in compagnia di due signorine conosciute dal Carabiniere una sera durante un sopralluogo in un locale di lap dance nella provincia pavese. Michele Conti mi descrisse dettagliatamente il fine settimana trascorso con l amico cercando di celare con fatica il profondo dispiacere per il delittuoso evento. «Angelo mi ha raggiunto al casale sabato pomeriggio. Siamo scesi in paese a fare acquisti per la cena e ci siamo fermati per circa un ora in un bar nel centro di Pianello Val Tidone. Tornati a casa abbiamo preparato la grigliata e abbiamo atteso le nostre ospiti. Mangiato, bevuto ballato e poi non le sto a dire il resto. Le ragazze ci hanno lasciato domenica nel primo pomeriggio. Io e Angelo siamo stati in casa tutto il giorno a guardare la TV seguendo il pomeriggio sportivo tra uno sbadiglio ed una pennichella. Per cena ci siamo fatti due spaghetti e verso le nove il mio amico se ne è andato.» «Il signor Salvi l ha raggiunta con la sua auto? E un altra 21

14 cosa. Considerando il fatto che le vostre due ospiti deduco siano state prostitute non avete notato se per caso erano seguite?» «Alla prima domanda le rispondo sì. Angelo aveva una Golf grigio metallizzato e per l altra domanda le dico di no. Ho atteso le ragazze in un punto prestabilito a qualche chilometro dal casale. Mi hanno seguito con la loro macchina e non ho notato nessun altra auto al seguito. Era la prima volta che venivano, non ho mai avuto occasione d incontrarle da altre parti. Non so se lo stesso vale per il povero Angelo.» L amico profondamente addolorato a stento tratteneva le lacrime ricordando l inseparabile compagno di avventure ma il mio sporco lavoro e l esperienza impedivano di lasciarmi influenzare dalle scene di dolore e proseguii l intervista. «Chi sapeva del vostro festino a casa sua?» «Del festino nessuno ma della mia presenza là alcune persone. La mia segretaria, il mio capo, qualche altro amico e mio fratello.» «Gli amici erano comuni con lei e il signor Salvi?» Un breve attimo di pausa. «Alcuni sì altri no.» Rispose telegrafico. «Ho forse toccato un tasto dolente ricordandole gli amici?» Chiesi curioso. «No. Ho solo scandagliato con la mente chi sapeva della mia presenza a Pianello e tra loro non trovo nessuno che avesse avuto screzi o dissapori con Angelo. Sono spiacente ispettore. Vorrei avere la possibilità di aiutarla ma non so da che parte cominciare. Ammetto che questo fatto mi ha profondamente sconvolto e ora come ora non riesco ad elaborare un ipotesi degna di essere considerata.» «Se valutassi la possibilità di uno scambio di persona. Lei potrebbe aiutarmi?» «Non penso. Ma mi ha visto. Dal punto di vista del fisico io sono totalmente diverso da Angelo. Lo stesso discorso vale dal punto di vista professionale. Con il mio lavoro finora sono 22

15 stato fortunato. Non ho ancora avuto un reclamo da parte dei miei clienti. Non sono uno di quei broker d assalto e truffaldino che promette mari e monti. Studio attentamente i miei clienti e le loro possibilità proponendo sempre investimenti adeguati. Angelo è quello che aveva i contatti più rischiosi. Per forza di cose un Carabiniere prima o poi incappa nel criminale vendicativo. Dico bene?» «Considerando ciò il suo amico non le manifestò mai il timore di una vendetta da parte di qualche personaggio della malavita?» «No. Non parlavamo mai di lavoro. Io capivo poco del suo e lui praticamente nulla del mio. Sono mortificato.» «Non si preoccupi signor Conti. Penso che ci siamo detti tutto. La ringrazio per la collaborazione. Se le dovesse venire in mente qualcosa questo è il mio biglietto.» Mi alzai dalla comoda poltroncina del lussuoso ufficio e uscendo mi chiusi la porta dietro le spalle. Avvertii i singhiozzi di un pianto liberatore che fino a quell istante Michele Conti riuscì faticosamente a trattenere. Allungai la strada di ritorno verso Piacenza passando per il piccolo centro dove era stanziato il povero Angelo Salvi. Corteolona era un paese aggrappato alla sponda sud del Po. Sul pennone della piccola caserma sventolava il tricolore a mezz asta. Il comandante di stazione fu molto gentile e pazientemente rispose a tutte le mie domande. Riuscii a scoprire anche qual era il locale dove lavoravano le due ragazze ospiti nel casale di Michele, presi qualche appunto, andai a rovistare fra i suoi oggetti nella stanza da letto e ripresi la strada di casa. Il viaggiare in auto mi ha sempre stimolato a pensare e l autostrada mi da lo stesso effetto di una massaggio alle tempie. Il ronzio delle ruote sull asfalto solletica i miei neuroni e lentamente i pensieri si elaborano e si delineano le soluzioni. Riguardo al misterioso ed efferato omicidio di Angelo Salvi però nessuna congettura o flebile ipotesi mi fu suggerita da quel forse troppo breve trasferimento in auto. 23

16 Senza i referti del medico legale le soluzioni dovevano attendere. Mi limitai a depennare mentalmente alcune ipotesi. 24

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Con un profumo inconfondibile di lago, il Sebino in una giornata quasi primaverile di fine febbraio, giusto il 29 di un anno bisestile, la terza

Con un profumo inconfondibile di lago, il Sebino in una giornata quasi primaverile di fine febbraio, giusto il 29 di un anno bisestile, la terza Con un profumo inconfondibile di lago, il Sebino in una giornata quasi primaverile di fine febbraio, giusto il 29 di un anno bisestile, la terza occasione del secolo, su una panchina nei giardini pubblici

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l ossessione dell ordine, mi sembra strano che fosse uscita

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Indice analitico. Il tempo e i numeri

Indice analitico. Il tempo e i numeri Indice analitico Il tempo e i numeri Esercizio 1 e 2 Il lunedì il parrucchiere è chiuso Il martedì faccio la spesa Il mercoledì accompagno i bambini in piscina Il giovedì c è mercato Al venerdì vado alla

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1 Inserisci il tuo nome- Your Name: E-Mail: Data : Puoi dare questa pagina al tuo insegnante per la valutazione del livello raggiunto Select correct answer and give these pages to your teacher. Adesso scegli

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Indice. I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18. Esercizi 24 Test 31. Esercizi 36 Test 39. Esercizi 44 Test 118

Indice. I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18. Esercizi 24 Test 31. Esercizi 36 Test 39. Esercizi 44 Test 118 Indice I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18 II. I possessivi e i dimostrativi. Esercizi 24 Test 31 III. I gradi di comparazione Esercizi 36 Test 39 IV. I verbi Esercizi 44 Test 118

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

ITALIENSKA NIVÅTEST Grund Sid 1(3)

ITALIENSKA NIVÅTEST Grund Sid 1(3) Grund Sid 1(3) Namn: Poäng: Nivå : Adress: Tel: Le parole seguenti sono in disordine. Rimettetele in ordine in modo da formare una frase dotata di senso. Esempio: A / il / comincia / ora / film / che /?

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi)

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi) Test di controllo (Unità 6-10) Hai fatto progressi? Controlla. Ogni esercizio ripete uno o più argomenti grammaticali, se raggiungi più della metà del totale: BRAVO! In caso contrario ripeti l'argomento

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta.

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. EV A SION E NOISAVE Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. Viveva in un bosco pieno d alberi maestosi e funghi dai colori più strani. Non era proprio cattiva ma, a volte,

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli