nella mente alla ricerca della giusta soluzione per risolvere il gravoso problema che in quell istante ci attanaglia e cioè l imminente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nella mente alla ricerca della giusta soluzione per risolvere il gravoso problema che in quell istante ci attanaglia e cioè l imminente"

Transcript

1 Uno Un articolo. Un articolo di carattere scientifico. Ora ricordo. Era proprio durante un trasferimento in treno da Milano a Piacenza. Un breve viaggio, poco più di un ora. Quando non si ha voglia di dialogare lo schermo di un foglio patinato è un ottimo riparo. Avevo trascorso parte della mattinata e del primo pomeriggio, entrambi caldissimi e terribilmente afosi, nel monumentale palazzo di giustizia di Milano. Ero sgattaiolato fuori dall aula che puzzava di legno umido e appiccicoso appena il presidente del tribunale aveva sentenziato la colpevolezza e la relativa pena detentiva dell imputato. Balzato sul primo taxi avevo atteso qualche minuto la partenza del regionale Milano-Bologna. Giusto il tempo per acquistare la rivista scudo e una mezza minerale gelata. Oltrepassata la stazione di Rogoredo quando moderni palazzi, traffico, sirene, cartelloni pubblicitari e clacson non distraggono più il viaggiatore, cominciai a sfogliare il periodico. Nella mia distratta lettura fui attratto dalle fantasiose conclusioni di uno scienziato riguardo ai nostri sogni e allucinazioni. Il prestigioso studioso si soffermava sull ipotesi, a mio avviso non provata, che qualche attimo prima della nostra morte il cervello ci proietta le immagini delle esperienze e le sensazioni più importanti che abbiamo vissuto nel corso della vita. Una sorta di brevi flasback che in poche frazioni di secondo, sempre secondo la teoria dello scienziato, ci aiutano a scavare 9

2 nella mente alla ricerca della giusta soluzione per risolvere il gravoso problema che in quell istante ci attanaglia e cioè l imminente nostra fine. L istinto di conservazione elabora a folle velocità tutte le esperienze vissute e ci aiuta a trovare il giusto rimedio. Il nostro cervello, che in quell istante funziona come un computer impazzito che analizza ed elabora dati, visualizza i ricordi cercando di trarre dalle nostre esperienze passate una logica via d uscita. Non trovando rimedio all imminente disgrazia ha come irrimediabile conseguenza il blocco totale da cui ne consegue la nostra morte. Sono trascorsi alcuni interminabili mesi da quel caldo pomeriggio e da quel breve viaggio. Ora alla luce di ciò che ebbi occasione di dedurre in quella originale teoria, sono giunto alla stravagante soluzione dei problemi che dal giorno seguente quel trasferimento dalla capitale lombarda, mi stanno letteralmente facendo impazzire. Adesso sono qui sull alto ed imponente muro di cemento armato che costituisce la massiccia parete della diga del Molato nell alta Val Tidone, rigogliosa vallata nell estremo ovest della provincia di Piacenza. Da una parte un precipizio di circa sessanta metri verso la stretta gola solcata dal torrente Tidone appunto e contornata da alti alberi di robinie. Dall altra un salto di circa dieci metri verso l acqua blu come la notte ed immobile come la lastra di marmo che riveste un sepolcro. E' quasi la fine di Ottobre. Un mese stupendo. Forse perché è il mese in cui sono nato o forse per il più semplice motivo che è il periodo dell'anno in cui in queste valli la natura si diverte a colorare con un'infinità di sfumature tutto il paesaggio. La vendemmia è finita e le vigne ringraziano i loro custodi tappezzando i campi con un arcobaleno fantastico che spazia dal giallo intenso al rosso carminio e sanguigno. Le fronde dei boschi cominciano a truccarsi come fanciulle pronte alla serata di gala che le condurrà verso le lunghe e gelide notti invernali. 10

3 Amo questa valle, questi boschi e la gente che ci vive. Qui il ritmo della vita è ancora scandito dalle stagioni ed anche coloro che hanno abbandonato le campagne riescono comunque a mantenere la cadenza blanda, pacata ed imperturbabile di queste terre. Butto giù un altro Tavor. Sollevo la benda che mi copre l'occhio e faccio finta di avere la vista normale lasciando volteggiare lo sguardo a trecentosessanta gradi seguendo i rilievi delle colline circostanti. Le manette che mi legano le caviglie sono strette e corro il rischio d'incespicare. Le ho messe di proposito ma voglio scegliere io dove cadere. Sarà la mia ultima domanda ed il destino mi darà l'ultima risposta. Spero che lo scienziato dell'articolo abbia ragione e che tutto finisca in qualche secondo. In questi casi, lucidità e follia vanno a braccetto. Il sonnifero sta facendo effetto. Devo solo decidermi se il tuffo nel lago o il volo nel dirupo. La prima soluzione è più sicura ma anche più dolorosa. Le gelide acque mi riempiranno i polmoni e ci vorrà qualche minuto prima di perdere conoscenza, tutto quel tempo in quelle condizioni mi sembrerà un'eternità. Il volo comunque non mi assicura l'effetto richiesto. Una semplice folata di vento e le alte fronde delle piante potrebbero attutire la caduta e l'agonia causata dalle fratture potrebbe essere molto lunga o peggio, potrei anche salvarmi. Decisamente meglio il tuffo. Sorrido sbadigliando mentre penso che l'unica assurda soluzione ai miei problemi sia la morte. E' da mesi che non riesco a dormire più di dieci minuti per notte, continuamente assillato dallo stesso atroce incubo. Prima che la mia pazzia mi porti a rovinare altre vite è bene che metta fine alla mia. A fatica mi sfilo dalla tasca una lettera ormai consumata dal tempo e dalle troppe letture, l'accartoccio e la getto verso il blu profondo, immobile ed apparentemente impenetrabile del 11

4 lago sottostante. Vedo il piccolo foglio impregnarsi di umidità, svolgersi e lentamente affondare. Presto lo raggiungerò. Mi chiamo Luca Tondi e un freddo lunedì mattina di circa otto mesi fa fu il prologo di questa strana storia. 12

5 Due Il telefono squillò anticipando di quasi un ora la sveglia. «Ispettore sono Caruso. Scusami se ti ho svegliato ma il commissario capo ti vuole immediatamente in ufficio.» «Ciao Caruso. Sì ho capito. Il tempo di vestirmi e arrivo.» Risposi sbadigliando e subito imprecai verso il disturbatore del mio meritato sonno: Che cazzo avrà questa volta il commissario. Quasi tutti i lunedì la stessa storia. Mi buttano giù dal letto alle sette di mattina per interrogare quattro coglioni più addormentati di me che la sera prima hanno fatto a botte per una birra e una prostituta. Mi trascinai lentamente in bagno. Buttai un occhio, l unico che riuscivo a tenere aperto, verso lo specchio e gettai un po d acqua gelida sul viso sperando in un rapido risveglio. Giunsi nel moderno palazzo della Questura verso le sette e mezza. L aria di fine inverno a quell ora era ancora fredda. L agente alla guardiola mi lanciò un saluto sorridendo con l espressione soddisfatta di chi vede un superiore soffrire le stesse pene di una levata che ha interrotto bruscamente la notte e ha fatto cominciare troppo presto il giorno. Entrai nel mio modesto ufficio tristemente arredato con tavoli e sedie di formica marrone e armadi di lamiera. Chiesi al solerte collaboratore nonché disturbatore del mio sonno di portarmi il solito mezzo litro di caffè e cercando di rilassare il volto ancora segnato dalle pieghe del cuscino, entrai nell ufficio del capo. Il commissario capo Colaianni passeggiava nervosamente, contrariato anch egli dall inattesa levataccia e forse dall originale richiesta che aveva da comunicarmi. «Buongiorno Tondi. Prenda Caruso e andate subito a Pianello val Tidone. E stato ritrovato un cadavere e il comandan- 13

6 te di stazione della caserma del paese vi aspetta.» «Ma se ci sono già i Carabinieri noi cosa andiamo a fare lassù?» Chiesi scocciato. «La vittima è uno dell Arma non so altro. Vada e ci faccia fare bella figura, sa come sono i nostri cugini.» Concluse serioso il commissario. Ingurgitai la tazzona di caffè bollente in pochi secondi. La caffeina entrò in circolo dopo qualche istante ustionandomi l esofago, sbuffai al subalterno di prendere l auto ed in religioso silenzio m infilai nell Alfa facendomi trasportare a destinazione. La zona di Pianello la conosco molto bene. Un operosa e rigogliosa vallata ai confini con la provincia di Pavia, limite estremo della regione Emilia Romagna e sfortunatamente ancora nell area di mia competenza. I miei nonni paterni erano originari di lì e precisamente di Gabbiano, una graziosa frazione di poche case proprio sotto alle mura possenti del millenario castello di Rocca d Olgisio. Mio padre si era trasferito da giovane a Piacenza, si era sposato con mia madre anche lei originaria della Val Tidone. Era nata a Nibbiano un paesino di circa quattrocento anime a pochi chilometri ancor più all interno della valle. Io ho vissuto quasi sempre in città. Alternavo le vacanze estive dai nonni materni e paterni scorrazzando fra paesini, frazioni e piccole case coloniche in compagnia di occasionali amici coetanei. Dopo il diploma mi ero arruolato in Polizia. Firenze, Verona, Milano e infine proprio Piacenza furono le città che mi accolsero durante il periodo di studio e lavoro che mi portò alla sezione omicidi. La tranquilla città della provincia emiliana non era mai stata teatro di particolari o efferati delitti, tanto meno i territori e le valli circostanti ed il mio lavoro spesso si coordinava con i colleghi della vicina provincia di Milano, area sfortunatamente più interessata da eventi delittuosi. Da quel mattino però le cose cambiarono repentinamente. 14

7 Giungemmo alla piccola caserma del paese nel cuore della valle ed uno zelante graduato ci accolse descrivendoci sommariamente l'evento. Un pescatore che all'alba percorreva il greto del torrente aveva notato qualcosa di assai strano. Accanto alla riva e dove l'acqua scorreva più gorgogliante c'era un uomo completamente nudo rannicchiato. Il pescatore suppose che si trattava di un extracomunitario che si era lavato e pregava in ginocchio ma una volta avvicinatosi aveva notato che il poverino era contornato da un lago di sangue e la schiena era piena di tagli. «Siamo stati avvisati subito dal signor Ferri, il pescatore. Ora è di là in sala d'attesa. Siamo accorsi e abbiamo visto la scena. Pochi metri a fianco del corpo c'erano i vestiti con tanto di documenti. Indumenti, documenti ed effetti personali sono stati riposti in buste di plastica e depositati nell'ufficio qui a fianco. Quando ho scoperto che la vittima era un collega ho chiamato la Questura.» Proseguì il maresciallo. «Se il signor Ferri abita in zona io direi che possiamo lasciare che troni a casa. Lo andrò a trovare dopo e poi visionerò i vostri reperti. Ora gradirei fare un sopralluogo.» «Benissimo le chiamo l'appuntato che la guiderà sul posto.» Seguimmo l'auto dei colleghi che percorreva la strada che parallelamente al fiume conduceva ad una centrale elettrica automatica. Là il torrente era molto basso ed miei ricordi andarono alla gioventù quando con gli amici percorrevamo quel sentiero in sella alla mia bici priva di parafango imitando il rumore delle moto da fuoristrada che frequentemente vi transitavano. In prossimità di un piccolo bacino artificiale l'auto dell'appuntato si fermò indicandoci la via da seguire a piedi. Dopo qualche decina di metri tra pietraie e rami trasportati dalla corrente durante le piene primaverili raggiungemmo la scena del delitto. Le aree del ritrovamento del cadavere e dei vestiti 15

8 erano già state circoscritte dai Carabinieri ed un giovane brigadiere era stato lasciato là a sorvegliare la zona in attesa dei paramedici. Caruso estrasse dalla valigetta la macchina fotografica e cominciò a scattare. Lentamente mi avvicinai al cadavere. Quell'uomo aveva il fisico di un quarantenne, corporatura media e robusto. Era appoggiato sulle ginocchia e sui gomiti con il volto nascosto tra gli avambracci. La pozza di sangue che lo circondava sembrava partire dal ventre e la schiena era piena di tagli tutti orientati verso due direzioni distinte che formavano un angolo retto, una sorta di L maiuscola. Le sirene in lontananza ci avvisarono che il medico legale e la sua squadra erano in arrivo. Dopo cinque minuti potei vedere il resto del corpo. Caruso si appartò dietro ad un cespuglio per dare di stomaco e io non so ancora come feci a trattenermi. Alla vittima erano stati tagliati i genitali e dalla bocca spuntava una specie di tappo di legno come quelli che si usano per chiudere le botti. Lo strano oggetto usciva dalla bocca di circa tre centimetri ed una sottile pellicola trasparente annodata all'esterno lo avvolgeva. Il medico fu chiaro: «Qui non posso fare nulla se non costatare il decesso e sulla base delle tracce ematiche ipotizzare un'ora del decesso. Da mezzanotte alle due. Di più non posso dirti. Ragazzi mettetelo nel sacco così com'è. Poi ti farò sapere.» Concluse rassicurandomi. I solerti collaboratori del medico non avevano ancora richiuso il contenitore quando dalla strada si udì una voce: «Per cortesia aspettate. Un attimo vi prego.» «E quello, chi è?» Chiesi all'appuntato. «E' il curato della parrocchia. Lo vorrà benedire.» Dedusse il carabiniere. Feci cenno ai becchini di aspettare e il prelato ci raggiunse. Era un omone di quasi due metri sui quaranta con una folta barba nera. Vestiva jeans, scarponcini e giaccone ed in quat- 16

9 tro balzi raggiunse il gruppo attorno alla vittima. Si sfilò dalla tasche la stola, un breviario e un cilindro di metallo dal quale estrasse una sorta di pennello. Poche parole un segno di croce e la breve cerimonia si concluse. «Chi era il poveretto? Cosa gli è capitato?» Domandò il curato rivolgendosi agli inquirenti. «Era un collega e» Intervenne il brigadiere. «E siamo in attesa di accertamenti.» Interruppi io cercando di non trapelare informazioni che avrebbero potuto scatenare chissà quale pandemonio nella tranquilla comunità del piccolo paese. Il prete si congedò e noi seguimmo le operazioni dei paramedici. Dopo una buona mezz'ora ritornai nella caserma. Entrai nella stanza dov'era stato depositato il sacco degli indumenti. Indossai due guanti in lattice e cominciai la meticolosa perquisizione. Dai documenti già visionati dai colleghi si evinceva che l'uomo aveva quarantacinque anni, scapolo e residente presso la caserma dei Carabinieri di un piccolo comune del Pavese. Vice brigadiere Angelo Salvi, nato a Milano, eccetera, eccetera. Il portafoglio conteneva carta di credito, patente, qualche biglietto da visita, un po' di soldi e il tesserino di riconoscimento dell'arma. Gli abiti borghesi erano umidi e profumavano di pulito, da una tasca del pesante giubbotto estrassi anche il telefono cellulare. Era spento e per non rovinare il lavoro al reparto della scientifica lo infilai in una busta sigillata. Disposi ordinatamente tutti gli effetti personali, abiti compresi su di un tavolo e cominciai ad osservarli. Qualcosa non mi quadrava. Giubbotto, maglione, camicia, pantaloni, mutande, calze. Mancavano le scarpe. «Caruso.» Vociai: «Hai perlustrato bene l'area? Mancano le scarpe.» L'agente corse nella stanza e mi garantì che tutta la zona era stata meticolosamente setacciata da lui e dai Carabinieri ma 17

10 delle scarpe nessuna traccia. «Va bene. Mentre tu finisci di redigere il rapporto con il maresciallo io vado a fare una visita al pescatore che ha rinvenuto il corpo.» Raggiunsi a piedi l'abitazione del pensionato. Pianello era ed è ancora un piccolo paese ed in cinque minuti di passo spedito raggiunsi la modesta abitazione del signor Ferri. Il salotto della villetta era affollato di comari e ficcanaso affamati di particolari morbosi sul ritrovamento ed il povero omino era continuamente tartassato di domande. Alla mia vista calò il silenzio rotto dopo un istante dalla curiosità di un arzilla vecchina: «E' vero che era un marocchino in preghiera? Dio lo ha punito. Sono tutti miscredenti quelli.» «Signora. Non era marocchino e non pregava. Spero solo che Dio lo abbia in gloria. Anzi ne approfitti e vada in chiesa con le sue amiche a pregare per lui.» Conclusi invitando tutti i presenti ad uscire dalla stanza. Visibilmente rincorato dalla mia presenza il timido testimone si rilassò. «La ringrazio. Non ne potevo più. Mi sono lasciato scappare due parole di troppo e mia moglie ha telefonato a mezzo paese. Prego si accomodi, le faccio preparare un caffè?» Chiese garbatamente sconsolato il signor Ferri. «La ringrazio, accetto volentieri. Intanto mi presento, sono l'ispettore Luca Tondi. Sono incaricato delle indagini. Ho alcune domande da farle.» «Tondi è un cognome di qui. Dico bene?» Chiese più rassicurato l'uomo. «Mio padre è di Gabbiano e mia madre di Nibbiano. Ma veniamo a noi. Mi spieghi con calma cos'ha fatto e come ha individuato il corpo.» L'anziano omino colse la responsabilità di una corretta testimonianza e si concentrò: «Come tutte le mattine anche ieri ho fatto la mia passeggiata sul lungo Tidone. Visto che l'acqua era limpida ho deciso di fare un salto dove c'è un piccolo la- 18

11 ghetto naturale. Nel pomeriggio sono tornato a pasturare, un po' di pane e qualche vermicello. Questa mattina all'alba mi sono armato di canna da pesca e con la mia bicicletta ho raggiunto la centrale dell'enel. Ho legato la bici ad un albero e mi sono incamminato. Ho pescato per circa una mezz'ora poi mi sono appartato dietro ad una frasca per un bisognino e quando stavo ritornando al laghetto ho notato quell'uomo. Era in ginocchio ed ho pensato anch'io come l'amica di mia moglie ad un extracomunitario musulmano in preghiera. Sull'attimo non ho dato importanza alla cosa se non che dopo più di un quarto d'ora, l'uomo era ancora lì in quella posizione. Ho pensato ad un malore anche perché era nudo e con l'aria ancora fredda... Capisce anche lei.» Annuii e lo invitai a proseguire: «Mi sono avvicinato e ho visto il sangue. Ho provato anche a chiamarlo ma quei tagli sulla schiena mi hanno spaventato. Ho ripreso la mia bici e sono andato dai Carabinieri. Ho fatto bene?» «Benissimo signor Ferri. L'ha forse toccato?» «No. Ho solo provato a chiamarlo.» «Ha notato se c'era qualcun altro nei dintorni?» «No, non c'era nessuno. Prima di andare a fare il mio bisognino ho dato un'occhiata in giro senza però notarlo e anche quando sono uscito dal cespuglio non ho visto nessuno. Solo quell'uomo chino.» «Rumori strani come auto, fuoristrada o motociclette?» «Niente ispettore, silenzio di tomba.» Fa anche del sarcasmo il vecchio. Pensai. La signora Ferri ci servì il caffè nel servizio buono. Non riusciva a trattenere la sua curiosità e mentre mischiava lo zucchero nella tazzina del marito azzardò una domanda: «Se non era un nordafricano chi era? Uno del paese o di qualche posto qui vicino?» «Signora era un italianissimo uomo di circa quarantacinque anni che viveva in provincia di Pavia. Non le dirò nulla di più. Rassicuri le sue amiche.» Poi voltai lo sguardo verso 19

12 l'uomo e chiesi: «Mi ha detto che aveva fatto un giro da quelle parti anche il giorno prima. Non ha notato nulla allora?» «Sì. Sono andato là in mattinata e nel primo pomeriggio verso le due. No, non c'era nessuno sono sicurissimo.» «Un'ultima domanda e poi tolgo il disturbo. Riesce a ricordare se accanto ai vestiti c'erano anche le scarpe?» «Non saprei. Ho solo visto il mucchio di vestiti ma non ho fatto caso se mancava qualcosa. Mi dispiace.» Rispose sconsolato l'uomo. «Non si preoccupi signor Ferri. E' stato ugualmente molto utile. La ringrazio per la collaborazione e le chiedo una cortesia. Se qualcuno dovesse venirle a fare domande lei si rifiuti di rispondere e non esiti a chiamarmi. Su questo biglietto c'è il mio numero di telefono. Chiami senza indugi non mi disturberà. La saluto.» Uscii dalla casa consapevole del fatto che la signora Ferri avrebbe seguito dalla finestra ogni mio passo e una volta sparito dalla sua visuale sarebbe andata all'attacco cercando di spillare informazioni al povero marito. Mi congedai dalla caserma di Pianello verso le undici e con il fido Caruso tornai in Questura. I colleghi della scientifica erano già lì in attesa dei miei reperti e di una sommaria descrizione dei fatti. Pranzai con loro e partecipai all'analisi del telefono cellulare. La misera rubrica conteneva poche informazioni. I soliti numeri di parenti e colleghi, qualche amica e qualche amico. Le ultime chiamate inviate e ricevute erano proprio verso un uomo un certo Mike. Probabilmente quel Mike era una delle ultime persone che aveva potuto parlare con la vittima e mi adoperai per organizzare un incontro l indomani. Il signor Michele Conti, Mike per la vittima sua amica, abitava a Milano ed era un broker finanziario affermato. Aveva la stessa età di Angelo Salvi e molte altre cose in comune. Dalle scuole elementari fino alle superiori furono compa- 20

13 gni di banco ed amici inseparabili. Da piccoli abitavano nello stesso condominio della periferia sud della metropoli e le loro strade si divisero solo quando Angelo decise di seguire le orme del padre maresciallo dei Carabinieri e Michele iniziò l università. I due rimasero sempre molto legati anche dopo i vari trasferimenti di Angelo Salvi. Vacanze, viaggi e qualche serata a Milano o a Pavia. Il loro patto d amicizia era saldato anche dalla loro comune avversione a rapporti duraturi e al matrimonio. Michele fino a quell istante, ignaro dell orrenda fine del suo amico, apprese con profondo dispiacere l evento. Tentò di assimilare la notizia e per stemperare il suo profondo rammarico chiese all avvenente segretaria un paio di caffè. La bevanda rilassò momentaneamente il mio interlocutore che pacatamente mi descrisse gli eventi che durante quel fine settimana lo coinvolsero con la vittima. I due amici trascorsero quei due giorni di riposo in un piccolo casale sulle colline piacentine di proprietà del Conti in compagnia di due signorine conosciute dal Carabiniere una sera durante un sopralluogo in un locale di lap dance nella provincia pavese. Michele Conti mi descrisse dettagliatamente il fine settimana trascorso con l amico cercando di celare con fatica il profondo dispiacere per il delittuoso evento. «Angelo mi ha raggiunto al casale sabato pomeriggio. Siamo scesi in paese a fare acquisti per la cena e ci siamo fermati per circa un ora in un bar nel centro di Pianello Val Tidone. Tornati a casa abbiamo preparato la grigliata e abbiamo atteso le nostre ospiti. Mangiato, bevuto ballato e poi non le sto a dire il resto. Le ragazze ci hanno lasciato domenica nel primo pomeriggio. Io e Angelo siamo stati in casa tutto il giorno a guardare la TV seguendo il pomeriggio sportivo tra uno sbadiglio ed una pennichella. Per cena ci siamo fatti due spaghetti e verso le nove il mio amico se ne è andato.» «Il signor Salvi l ha raggiunta con la sua auto? E un altra 21

14 cosa. Considerando il fatto che le vostre due ospiti deduco siano state prostitute non avete notato se per caso erano seguite?» «Alla prima domanda le rispondo sì. Angelo aveva una Golf grigio metallizzato e per l altra domanda le dico di no. Ho atteso le ragazze in un punto prestabilito a qualche chilometro dal casale. Mi hanno seguito con la loro macchina e non ho notato nessun altra auto al seguito. Era la prima volta che venivano, non ho mai avuto occasione d incontrarle da altre parti. Non so se lo stesso vale per il povero Angelo.» L amico profondamente addolorato a stento tratteneva le lacrime ricordando l inseparabile compagno di avventure ma il mio sporco lavoro e l esperienza impedivano di lasciarmi influenzare dalle scene di dolore e proseguii l intervista. «Chi sapeva del vostro festino a casa sua?» «Del festino nessuno ma della mia presenza là alcune persone. La mia segretaria, il mio capo, qualche altro amico e mio fratello.» «Gli amici erano comuni con lei e il signor Salvi?» Un breve attimo di pausa. «Alcuni sì altri no.» Rispose telegrafico. «Ho forse toccato un tasto dolente ricordandole gli amici?» Chiesi curioso. «No. Ho solo scandagliato con la mente chi sapeva della mia presenza a Pianello e tra loro non trovo nessuno che avesse avuto screzi o dissapori con Angelo. Sono spiacente ispettore. Vorrei avere la possibilità di aiutarla ma non so da che parte cominciare. Ammetto che questo fatto mi ha profondamente sconvolto e ora come ora non riesco ad elaborare un ipotesi degna di essere considerata.» «Se valutassi la possibilità di uno scambio di persona. Lei potrebbe aiutarmi?» «Non penso. Ma mi ha visto. Dal punto di vista del fisico io sono totalmente diverso da Angelo. Lo stesso discorso vale dal punto di vista professionale. Con il mio lavoro finora sono 22

15 stato fortunato. Non ho ancora avuto un reclamo da parte dei miei clienti. Non sono uno di quei broker d assalto e truffaldino che promette mari e monti. Studio attentamente i miei clienti e le loro possibilità proponendo sempre investimenti adeguati. Angelo è quello che aveva i contatti più rischiosi. Per forza di cose un Carabiniere prima o poi incappa nel criminale vendicativo. Dico bene?» «Considerando ciò il suo amico non le manifestò mai il timore di una vendetta da parte di qualche personaggio della malavita?» «No. Non parlavamo mai di lavoro. Io capivo poco del suo e lui praticamente nulla del mio. Sono mortificato.» «Non si preoccupi signor Conti. Penso che ci siamo detti tutto. La ringrazio per la collaborazione. Se le dovesse venire in mente qualcosa questo è il mio biglietto.» Mi alzai dalla comoda poltroncina del lussuoso ufficio e uscendo mi chiusi la porta dietro le spalle. Avvertii i singhiozzi di un pianto liberatore che fino a quell istante Michele Conti riuscì faticosamente a trattenere. Allungai la strada di ritorno verso Piacenza passando per il piccolo centro dove era stanziato il povero Angelo Salvi. Corteolona era un paese aggrappato alla sponda sud del Po. Sul pennone della piccola caserma sventolava il tricolore a mezz asta. Il comandante di stazione fu molto gentile e pazientemente rispose a tutte le mie domande. Riuscii a scoprire anche qual era il locale dove lavoravano le due ragazze ospiti nel casale di Michele, presi qualche appunto, andai a rovistare fra i suoi oggetti nella stanza da letto e ripresi la strada di casa. Il viaggiare in auto mi ha sempre stimolato a pensare e l autostrada mi da lo stesso effetto di una massaggio alle tempie. Il ronzio delle ruote sull asfalto solletica i miei neuroni e lentamente i pensieri si elaborano e si delineano le soluzioni. Riguardo al misterioso ed efferato omicidio di Angelo Salvi però nessuna congettura o flebile ipotesi mi fu suggerita da quel forse troppo breve trasferimento in auto. 23

16 Senza i referti del medico legale le soluzioni dovevano attendere. Mi limitai a depennare mentalmente alcune ipotesi. 24

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

L'orologio. Ricorda. Per capire. 1 giorno = 24 ore 1 ora = 60 minuti 1 minuto = 60 secondi. La lancetta corta indica le ore. I numeri indicano le ore

L'orologio. Ricorda. Per capire. 1 giorno = 24 ore 1 ora = 60 minuti 1 minuto = 60 secondi. La lancetta corta indica le ore. I numeri indicano le ore L'orologio La lancetta corta indica le ore I numeri indicano le ore La lancetta lunga indica i minuti Questa lancetta, che è sempre in movimento, indica i secondi Ricorda Dopo che la lancetta corta ha

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli