Testo compendiato delle procedure di lavoro della Associazione di Pubblica Assistenza di Siena. bozza Cons Dir

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Testo compendiato delle procedure di lavoro della Associazione di Pubblica Assistenza di Siena. bozza Cons Dir 08-05-14"

Transcript

1 Testo compendiato delle procedure di lavoro della Associazione di Pubblica Assistenza di Siena bozza Cons Dir

2 Norme per la formazione dei gruppi di lavoro ed il loro funzionamento La volontà del Consiglio Direttivo di operare basando la propria attività sulla inclusione di tutti i Soci e i Volontari disponibili ad impegnarsi nelle attività si è concretizzata nella scelta del lavoro di gruppi operativi costituiti attorno a tematiche e problemi di natura continuativa e/o temporanea. Questa modalità trova fondamento nello spirito e nella lettera dello Statuto, del Regolamento Generale e nel Regolamento Volontari oltre che nella prassi che ha caratterizzato la vita della Pubblica Assistenza. Le attività in gruppo hanno inoltre lo scopo di allargare la platea delle persone interessate alla soluzione dei problemi promuovendo così la crescita della responsabiltà e delle conoscenze, basi fondamentali per lo sviluppo di nuove competenze utili al futuro della Associazione. Come per tutte le modalità, anche quelle più giuste, opportune e appropriate, c'è bisogno di tracciarne i confini e indicarne i presupposti organizzativi al fine di evitare fenomeni di esclusione e/o invasione di ambiti non propri. Da queste considerazioni preliminari si prende spunto per sottolineare che i gruppi di lavoro: si formano su materie di cui siano chiare ed enunciate le finalità e gli obbiettivi ravvicinati e sono aperti alla partecipazione di tutti gli interessati; sono organizzati e coordinati da uno o più Consiglieri; periodicamente sono oggetto di verifica da parte del Consiglio; in fase di avvio e/o costituzione i Consiglieri incaricati convocano la riunione costitutiva con avviso interno pubblicato nei media associativi con sufficiente anticipo; periodicamente verificano la propria attività e composizione; agiscono operativamente in autonomia nell'ambito delle competenze loro assegnate e nel rispetto dei regolamenti interni e contribuiscono alla crescita delle Associazione e alle competenze del Consiglio che sarà informato dai Consiglieri, anche per le rilevanze esterne che potrebbero coinvolgre al responsabilità della Associazione.

3 Procedure attività uffici Finalità generali Il personale dipendente rappresenta la base organizzativa e la continuità operativa delle attività e servizi dell Associazione. Opera, quindi, per consentire il massimo sviluppo delle medesime attività e servizi attraverso una efficiente ed efficace azione organizzativa e una promozione del coinvolgimento e della crescita, quantitativa e qualitativa dell apporto del volontariato. In casi di necessità, in presenza di disponibilità e competenze, possono essere gestite delle attività prescindendo dalla presenza dei dipendenti. L orario di lavoro del personale dipendente è quello concordato con le OOSS. Coordinatore unità operativa Direzione e Amministrazione Attua le decisioni del Consiglio e conseguentemente impartisce disposizioni agli altri operatori dipendenti e professionali nell ambito delle loro rispettive competenze Predispone i materiali necessari alla attività del consiglio Raccoglie i dati delle presenze e delle ferie controllandone la compatibilità con le esigenze generali dell Associazione Riceve le comunicazioni delle assenze non programmate informandone, se necessario, il Coordinatore e i Capoturno Gestisce le partite del bilancio e tiene i rapporti per le attività ambulatoriali, fisioterapiche e ginniche Gestisce i rapporti con i consulenti esterni e fornisce i materiali al Collegio dei Sindaci Collabora con la Presidenza e con i delegati del Consiglio per le questioni afferenti alla gestione economica e finanziaria In caso di comando da Parte del Consiglio, può svolgere compiti direzionali e amministrativi in aziende partecipate Di concerto con i consiglieri responsabili, tiene i contati con i fornitori Attività accessorie: In assenza del Coordinatore della centrale operativa e/o dell autista incaricato delle funzioni vicarie assegna all autista i servizi da svolgere In assenza del responsabile svolge le funzioni di cassa e di tenuta del registro dei servizi ambulatoriali Addetto cassa e fatturazione servizi provvede alla fatturazione e alla riscossione di quote e servizi apre e chiude quotidianamente la cassa della associazione controlla e riordina i servizi in convenzione per le richieste di rimborso alla USL controlla la corrispondenza fra rimborsi richiesti e riscossi tiene il registro delle prenotazioni dei servizi ambulatoriali e controlla la corrispondenza fra prestazioni e fatturazione aggiorna il registro e banca dati dei soci Attività accessorie in caso di esigenze straordinarie si mette a disposizione della centrale operativa

4 Addetto alla segreteria collabora con il Coordinatore della Unità Operativa nella gestione delle attività degli uffici amministrativi e nella esecuzione delle decisioni del Consiglio Direttivo; aggiorna il registro e banca dati dei Soci Attività accessorie in caso di esigenze straordinarie si mette a disposizione della Centrale Operativa Orario degli Uffici... Procedure attività della Centrale Operativa e dei Servizi Finalità generali Il personale dipendente rappresenta la base organizzativa e la continuità operativa delle attività e servizi dell Associazione. Opera, quindi, per consentire il massimo sviluppo delle medesime attività e servizi attraverso una efficiente ed efficace azione organizzativa e una promozione del coinvolgimento e della crescita, quantitativa e qualitativa dell apporto del volontariato. In casi di necessità, in presenza di disponibilità e competenze, possono essere organizzati turni di lavoro che prescindano dalla presenza dei dipendenti. L orario di lavoro del personale dipendente autista è quello comunicato alle OOSS in data 1 maggio 2009 Coordinatore acquisisce le richieste di servizio provenienti dal 118 o da privati programma e organizza la gestione delle attività della Centrale Operativa e ne è responsabile dà indicazioni di lavoro agli operatori di tutti i servizi dipendenti dalla Centrale operativa erogati dalla Associazione modifica la turnazione mensile standard dei dipendenti entro il 26 di ogni mese per il mese successivo controlla e sollecita, in prima persona e avvalendosi anche dell opera del capoturno, la presenza dei volontari nella programmazione settimanale dei servizi distribuisce le presenze all interno dei servizi dipendenti dalla Centrale Operativa in mancanza di coperture programmate predispone ed attiva, anche in prima persona, il lavoro di ricerca telefonica, anche quando le carenze di organico dipendano dalle assenze programmate e non programmate del COFPAS a fronte di turni scoperti richiama per tempo i dipendenti o il servizio civile dispone per il controllo dello stato dei mezzi e per i necessari adeguamenti e ne è responsabile Attività accessorie:

5 in assenza del capoturno assegna all autista il mezzo di trasporto in caso di assoluta e straordinaria necessità svolge direttamente servizi esterni e comunica la propria assenza al responsabile della Unità Operativa Capoturno vicecoordinatore acquisisce le richieste di servizio provenienti dal 118 o da privati collabora con il coordinatore nella gestione dei servizi e delle attività, e nella programmazione settimanale della presenza dei volontari provvede direttamente al controllo dello stato dei mezzi di trasporto e ne è responsabile, ne adegua le dotazioni, esegue piccole manutenzioni, comunica al coordinatore e al responsabile nominato dal Consiglio Direttivo la necessità di interventi straordinari assegna all autista incaricato del servizio o del viaggio il mezzo di trasporto riceve o dà le consegne al cambio del turno in caso di mancanza di volontari o autisti svolge servizi esterni (soccorso emergenza, ordinari, accompagnamenti dialisi, terapie, disabili fisici e psichici, trasporti sociali e di natura istituzionale) in caso di assenza prolungata per servizi esterni lascia consegne scritte al centralinista e contatta, se necessario telefonicamente, il coordinatore o il capoturno successivo in assenza del coordinatore, o su sua richiesta, ne svolge tutti i compiti e assume la responsabilità della Centrale Operativa avvalendosi della collaborazione del responsabile della Unità Operativa cui comunica le assenze per servizio esterno Attività accessorie in caso di assenza del Coordinatore provvede alla attività commerciale relativa alle Onoranze Funebri e avveret gli operatori preposti al servizio in reperibilità Autista soccorritore addetto alla centrale operativa (dipendente) su indicazione del coordinamento di centrale opera nella gestione dei servizi e della attività, e nella programmazione settimanale della presenza dei volontari provvede direttamente al controllo dello stato dei mezzi di trasporto e ne è responsabile, ne adegua le dotazioni, esegue piccole manutenzioni, comunica al coordinatore la necessità di interventi straordinari assegna all autista incaricato del servizio o del viaggio il mezzo di trasporto riceve o dà le consegne al cambio del turno in caso di mancanza di volontari o autisti svolge servizi esterni (soccorso emergenza, ordinari, accompagnamenti dialisi, terapie, disabili fisici e psichici, trasporti sociali e di natura istituzionale) in caso di assenza prolungata per servizi esterni, oltre l orario previsto, lascia consegne scritte al centralinista e contatta, se necessario telefonicamente, il coordinatore o il capoturno successivo Registra manualmente i servizi programmati e non, se necessario Aggiorna lo schedario computerizzato di tutti i servizi effettuati Completa il carico dei TS1, inclusi equipaggi

6 Attività accessorie in assenza del coordinatore e dei capoturno, o su loro richiesta, ne svolge tutti i compiti, con l eccezione della turnazione mensile e degli orari del servizio civile, e assume la responsabilità della Centrale Operativa avvalendosi della collaborazione del responsabile della Unità Operativa cui comunica le assenze per servizio esterno in caso di assenza del coordinatore o dei capoturno provvede alla attività commerciale relativa alle Onoranze Funebri e avverte gli operatori preposti al servizio in reperibilità Responsabilità funzionali Coordinatore Unità Operativa Cassa e Servizi Trasporto sanitario Segreteria Coordinatore centrale operativa Capoturno, vice coordinatore, autista soccorritore Autista soccorritore Fei Elisa Pizzichi Gianluca Monica, Antonella, Giusi Fineschi Massimo Conficconi Alessandro, Barlucchi Simone Di Bella Carlo, Grandi Gabriele, Romi Andrea, Meniconi Alesio, Danesi Francesco Norma di accesso alla qualifica di Capoturno L individuazione delle persone incaricate della funzione di capoturno della centrale operativa sarà definitiva dopo un periodo di prova di 3 (tre) mesi; durante la prova i lavoratori interessati avranno riconosciuta una indennità di funzione pari alla differenza salariale fra la cat. C5 e la cat. D3. Alla fine del periodo di prova, ai dipendenti cui sarà assegnato definitivamente l incarico, sarà riconosciuta la posizione contrattuale cat. D3. Allegato 1: orario dal 1 maggio autisti soccorritori addetti alla centrale operativa a turni di sei ore 18-24, 12-18, 06-12, 00-06, riposo scorrente su 5 giorni uscente notte; due capoturno vicecoordinatori giornalieri per 6 giorni, per 6 giorni in alternanza; coordinatore di centrale settimane alterne (08-14, 08-12/15-19, 08-12/15-19, 08-12/15-19, 08-14, ovvero 08-14, 09-12/15-19, 08-14, 09-12/15-19, 08-14, 08-12) a fronte di 1608 ore lavorative effettive contrattualmente dovute, pur incorporando festività ed una parte di ferie, l orario in turno lascia in debito il dipendente per 30 ore annuali che saranno recuperate per la copertura di esigenze di servizio di volta in volta comunicate con il massimo anticipo possibile e preferibilmente concordate con i responsabili del servizio; si intendono turni sensibili ad eventuali spostamenti quelli nell arco orario dalle 06 alle 18; per i turnisti i giorni di ferie risultano 24. Allegato 2: ferie ordinariamente le ferie devono essere richieste entro il 25 di ogni mese per periodi di godimento nel mese successivo;

7 disponibilità aziendale ad esaminare richieste con anticipo inferiore per particolari esigenze; organizzazione del piano ferie entro il 28 febbraio per il 50% delle ferie; di norma le ferie devono essere esaurite entro il 31 marzo dell anno successivo; non sono concesse ferie nei periodi di Natale, Capodanno e Pasqua e, solo in presenza di certezze nella organizzazione e funzionamento dei servizi e, previa turnazione del personale, potranno essere previste deroghe. Allegato 3: indicazioni organizzative generali del lavoro sistemazione dei mezzi (turni e 00-06) parcheggio a pettine nel piazzale anteriore dei mezzi impegnati nel mattino successivo; parcheggio in garage degli altri mezzi (in mancaza di spazio nel piazzale posteriore); pulizia e lavaggio dei mezzi funebri e per i trasporti sanitari e sociali; sistemazione barelle; ripristino scorte e rifornimento dei mezzi. attività del mattino (turni e 07-13) attivare i servizi prima possibile; ripristinare scorte sui mezzi di emergenza usati nella notte. attività giornaliere (08-18) svolgimento servizi; acquisizione servizi 118 e privati; organizzazione squadre per giorno successivo; ricerca volontari. Le attività ripetitive girano su tutti i dipendenti e saranno coordinate dai responsabili della centrale operativa; in alcuni casi si potranno individuare incarichi stabili. Le attività di pulizia generali (esempio piazzali e garage) saranno concentrate nelle domeniche e nelle altre festività. Centralinista Attività principali e prioritari: registra manualmente i servizi programmati e non, se necessario; aggiorna lo schedario computerizzato di tutti i servizi effettuati; completa il carico dei TS1, inclusi equipaggi e rifornimenti carburanti; alla chiamata diretta del 118, in mancanza del coordinatore, allerta il capoturno e/o la squadra di emergenza; in caso di non reperibilità dei sopradetti non assume impegni per l Associazione; passa le chiamate dei servizi ordinari al coordinatore o al capoturno; in loro assenza, richiede al chiamante il tempo necessario per dare risposta; si accerta in seguito che detta risposta sia stata effettivamente data nei tempi stabiliti e segnala il mancato adempimento al Responsabile dell Unità Operativa; a fronte di richieste di servizi ordinari da privati che mostrano certificati autorizzati dalla USL 7 avverte il chiamante o il cliente che la richiesta del servizio dovrà pervenire tramite il 118 al quale può essere richiesta l opzione della Pubblica Assistenza; in caso di trasporti sanitari a pagamento dei costi vivi passa sempre la richiesta direttamente al coordinatore o al capoturno che dovranno provvedere anche a stabilire la quota di

8 rimborso spese; in caso di chiamata del telesoccorso, se sono assenti il coordinatore e il capoturno, stabilisce il collegamento come da istruzioni sul monitor e/o sulla scheda dettagliata e colloquia, se possibile, con l utente, e si accerta del suo stato di salute; se non è possibile colloquiare contatta il 118 e predispone per l uso del mezzo di soccorso e consegna all autista le chiavi dell utente e la scheda informativa del paziente; la eventuale consegna dei presidi sanitari potrà essere effettuata solo dopo che è stato rilasciato dalla segreteria apposito documento sul deposito cauzionale; in caso di chiusura della segreteria informa il richiedente che dovrà fare il deposito cauzionale il giorno successivo e comunque effettua la consegna dopo aver acquisito gli estremi o la copia di un documento di identità; non fornisce informazioni rispetto a ricette o libretti sanitari visto che non rientrano fra i compiti dell Associazione; avendo presente che l orario di apertura delle onoranze funebri è quello effettuato dagli impiegati delle Onoranze Funebri, dal Coordinatore dal Capoturno, in genere dalle ore 8 alle 12 e dalle 15 alle 19, in loro assenza, a fronte di richieste, avvisa il/la responsabile reperibile di turno; ogni azione dovrà tenere conto che tutti i trasporti, con o senza salma, dovranno essere autorizzati dal Coordinatore o, in sua assenza, dal Capoturno; trasferisce la chiamata del 118 per il recupero salma al Coordinatore o al Capoturno che deve autorizzare il servizio; in caso di allertamento telefonico o fax da parte della Centrale Operativa di Protezione Civile, trasmette la suddetta comunicazione al responsabile di settore dell Associazione ai recapiti preventivamente individuati. Autista responsabile del servizio di emergenza compila il foglio di viaggio; coordina gli operatori durante l intervento e controlla del rispetto delle norme di uso dei mezzi dell Associazione così come definite nei manuali editi dal Comitato Regionale Toscano delle Pubbliche Assistenze; adotta un sistema di guida coerente con le istruzioni contenute nei corsi professionali svolti e contenuti nei manuali editi dal Comitato Regionale Toscano delle Pubbliche Assistenze al rientro completa la compilazione del foglio di viaggio; compila, di concerto con l'equipaggio, il foglio di scarico del materiale utilizzato e ripristina le scorte; riferisce sulle condizioni del mezzo; riferisce di eventuali trasgressioni alle norme con pregiudizio per l Associazione; in caso di criticità riscontrate durante il servizio compila la scheda report. Norme di comportamento sui mezzi e durante i servizi dell Associazione ogni membro dell equipaggio, nell esercizio delle proprie competenze acquisite con la formazione di Associazione ed il retraining periodico, adotterà verso il paziente e i familiari comportamenti consoni alla situazione; i componenti degli equipaggi debbono tenere un comportamento corretto al fine di salvaguardare l immagine dell Associazione e rispettoso delle norme previste dai manuali editi dal Comitato Regionale Toscano delle Pubbliche Assistenze; è assolutamente vietato fumare in ambulanza e durante i servizi (domicilio paziente, PS,

9 ecc); è vietato superare il numero dei posti previsto (2 cabina + 3 vano); è obbligatorio l uso delle cinture di sicurezza; il parente eventualmente seduto davanti deve indossare le cinture; in occasione di qualsiasi trasporto sanitario un membro dell equipaggio affianca sempre il paziente nel vano sanitario; è vietato a chiunque consumare bevande alcoliche e superalcoliche durante l orario di servizio e nei periodi immediatamente precedenti; è vietato usare i mezzi dell Associazione senza autorizzazione del coordinatore o del responsabile in turno; è obbligatorio l uso della divisa fornita dalla Associazione per effettuare servizi ordinari e di emergenza; alla conclusione del servizio ogni membro dell equipaggio dovrà informare l autista responsabile del servizio in merito ai materiali consumati e da reintegrare; in caso di criticità riscontrate durante il servizio compila la scheda report; è fatto divieto di prelevare materiali dai mezzi in sosta per ripristini anche urgenti delle dotazioni delle ambulanze in uso; in caso di prelievo per ragioni straordinarie e/o cause di forza maggiore, il prelevante deve darne immediatamente notizia alla centrale operativa o lasciarne memoria scritta. Procedura per la gestione del doppio equipaggio Nel caso di presenza in turno del doppio equipaggio la ripartizione dei servizi richiesti avverrà in modo equilibrato a seguito di intesa fra le due o più squadre in servizio, privilegiando il principio generale della rotazione. Procedura di cambio turno volontari In caso di disponibilità anticipata dell'equipaggio montante, a fronte di una chiamata in prossimità del cambio turno, rimane la titolarità del servizio all'equipaggio smontante.tale titolarità verrà meno solo con il consenso o su richiesta degli smontanti. In caso prolungamento del servizio sarà cura della Centrale Operativa organizzare, ove possibile, il cambio turno volante. Uso dei mezzi dell'associazione per finalità collaterali Fermo restando che i mezzi devono essere utilizzati in via esclusiva per gli scopi sociali, nel caso in cui siano disponibili possono essere straordinariamente concessi in uso ai volontari e ai dipendenti per esigenze straordinarie ed eccezionali; tale uso comunque deve essere autorizzato dal Presidente, dal Vicario o dal Responsabile dell Unità Operativa espressamente delegato. Il Consiglio, inoltre, ha individuato nella Opel Agila e/o nella Fiat Panda 4x4 i mezzi da rendere disponibili per l esigenze del COFPAS. I dipendenti della Associazione sono tenuti a far rispettare le decisioni del Consiglio Direttivo. Rilevazione delle infrazioni ed erogazione delle sanzioni La parte seguente non sostituisce le norme contrattuali e legislative, che rimangono valide in tutte le

10 loro parti, ma le integra per quanto attiene alle responsabilità e compiti dei Soci, dei Volontari, degli operatori del Servizio Civile. Il Consiglio provvederà a nominare una commissione di rilevazione delle modalità, delle cause e delle responsabilità delle infrazioni eventualmente segnalate. Il materiale istruttorio sarà consegnato al Consiglio che comunicherà nei modi dovuti gli addebiti, ascolterà le discolpe ed erogherà le sanzioni già previste dalle norme contrattuali e legislative e dai regolamenti interni all Associazione.

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 43 PROVINCIA DI PADOVA Settore 011 Direzione Generale / Affari Generali DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA

Dettagli

PARTE I Aspetti Generali

PARTE I Aspetti Generali CROCE BLU ASSOCIAZIONE PUBBLICA ASSISTENZA VOLONTARI 33REGOLAMENTO Indice PARTE I Aspetti Generali ART. 1 CONOSCENZA DELLO STATUTO E DEL REGOLAMENTO ART. 2 I SOCI ART. 3 I COLLABORATORI ART. 4 ORGANI E

Dettagli

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO CITTÀ DI MONCALIERI Settore Servizi Tecnici e Ambientali REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO PRONTO INTERVENTO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Oggetto del Regolamento Scopo del Regolamento

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 10 marzo 2011

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE (TAXI SOCIALE) Adottato con deliberazione consiliare n.17 dd. 30 maggio 2008. 1 Art 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio rientra

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI I N D I C E PREMESSA...3 ART.

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale n. 31 del 10.02.2011 MODIFICATO con deliberazione di Giunta Comunale n.

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 13.03.2012 I N D I C E ART. 1 - FINALITA' DEL

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Testo approvato con Delibera Consiliare n. 9 del 01.03.2011 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI INDICE Art.1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

Art. 2 Il volontario iscritto presso l ABVAM è tenuto a svolgere le ore di servizio e gli aggiornamenti richiesti dalla legge Regionale.

Art. 2 Il volontario iscritto presso l ABVAM è tenuto a svolgere le ore di servizio e gli aggiornamenti richiesti dalla legge Regionale. Questo regolamento integra lo statuto dell associazione allo scopo di dare ai volontari del soccorso iscritti all A.B.V.A.M. alcune linee guida da seguire, sia durante il servizio nell ambito del soccorso

Dettagli

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione.

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. Bandi di concorso e regolamenti Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. In applicazione dell

Dettagli

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile.

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile. Comune di San Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Sezione viabilità Bozza: Ottobre 2000 1a stesura: Luglio 2001 Verifica: Ottobre 2001 PROCEDURA Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde

Dettagli

COMUNE DI PORTO RECANATI Provincia di Macerata Ufficio Tecnico Serv. LL.PP. Protezione Civile

COMUNE DI PORTO RECANATI Provincia di Macerata Ufficio Tecnico Serv. LL.PP. Protezione Civile COMUNE DI PORTO RECANATI - UFFICIO TECNICO SERV. LL.PP. PROTEZIONE CIVILE 1 ART. 1 FINALITÀ Il Gruppo Volontari di Protezione Civile del Comune di Porto Recanati svolge e promuove attività di previsione,

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

Regolamento sul Telelavoro

Regolamento sul Telelavoro Regolamento sul Telelavoro Approvato con delibera di Giunta Comunale n 11 del 25 gennaio 2016 INDICE: Art. 1. Finalità Art. 2. Definizione Art. 3. Progetti di telelavoro Art. 4. Assegnazione ai progetti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO. PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A.

REGOLAMENTO. PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A. CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O COMUNE DI VENZONE UDINE PROVINCIA DI ************************************************************************************************ R E G O L A M E N T O PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE Indice: Art./Capo Titolo Pagina I Disposizioni generali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 Articolo 1 - Competenze degli uffici provinciali sul servizio autovetture

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 PROCEDURA DI GARA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA 35 E VIA CALABRIA 56. CIG: 5066492974

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Art. 1 oggetto Il presente regolamento disciplina la concessione dei rimborsi e dei contributi alle associazioni di volontariato di protezione civile. Art. 2 riferimenti normativi Legge Regionale 12 giugno

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Contratto Collettivo Integrativo di lavoro per i dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata della Provincia di Bolzano

Contratto Collettivo Integrativo di lavoro per i dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata della Provincia di Bolzano Contratto Collettivo Integrativo di lavoro per i dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata della Provincia di Bolzano Il giorno 18 dicembre 2002 presso la sede CISL di Bolzano si e stipulato il Contratto

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA'

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA' COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA' Art. 1 Servizio di Pronta Reperibilità- Istituzione e finalità 1.Nell ambito del Territorio del Comune di Ruffano è

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI ARTICOLO N.1 DEFINIZIONE La reperibilità è l obbligo del lavoratore di porsi in

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 -

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - ART. 19 Orario 1. All inizio dell anno scolastico vene definito l orario

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD s.c. a r.l.

FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD s.c. a r.l. FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD s.c. a r.l. REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE ORDINARIA DEL PERSONALE AFFERENTE ALLA FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD PREMESSA Ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA COMUNE DI MISSAGLIA Approvata con deliberazione della G.C. n. 136 del 29/11/2012 Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA PERIODO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

REGOLAMENTO VISITE DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO VISITE DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO VISITE DI ISTRUZIONE ART. 1 - MOTIVAZIONI Le visite d istruzione devono essere coerenti con gli obiettivi educativi e didattici del corso di studi e si possono distinguere in: a- visite dirette

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ MOTORIA PERMANENTE

REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ MOTORIA PERMANENTE Allegato A) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 3.2.2005 REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ MOTORIA PERMANENTE ART. 1) OGGETTO 1) Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI INVESTITI DI INCARICHI DI MEDIAZIONE E CONSULENZA

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO per la costituzione e il funzionamento del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Premariacco

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE comunità montana dell'oltrepò pavese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Approvato con delibera dell Assemblea della Comunità Montana dell Oltrepò Pavese del 24/11/2011 27057

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

118. 32. PS. 16 TRASPORTO ORDINARIO

118. 32. PS. 16 TRASPORTO ORDINARIO Pagina 1 di 9 Rev. Data Redazione Verificato Approvato 0 21/11/2011 Resp. prot. S. Dami UO Assicurazione Qualità Coord inf M. Santiccioli Resp. DEU F. Palumbo Pagina 2 di 9 1. Scopo: stabilire le procedure

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003.

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003. PROVINCIA DI UDINE Regolamento per la provvista, la destinazione e l uso degli automezzi, dei mezzi speciali e dei natanti di proprieta della provincia di udine Testo approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE Tipologie di formazione 1- Formazione obbligatoria in sede e fuori sede L azienda ha ridisegnato, come già enunciato nella premessa al Piano Formativo Aziendale, il processo

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito.

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito. 7208 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 5 Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 4 del 18 01 2010 OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO COMUNE DI MARTELLAGO Provincia Di Venezia SALA OPERATIVA: Deposito Comunale - Via Roma N 79-30030 Martellago (VE) TEL / FAX: 041-5408314 E-MAIL: pc.marte@provincia.venezia.it

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI)

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) Al fine di garantire un approccio coordinato alla gestione

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE ALLEGATO 1 Criteri di partecipazione per la realizzazione di un programma sperimentale di sport terapia per persone con disabilita. D.G.R. 28/68 del 24/06/2011 L Assessorato dell Igiene e Sanità e dell

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto SCHEDA TECNICA N. 4 SERVIZIO DI ASSISTENZA AL TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO, NONCHE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 Scheda

Dettagli

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO. Sommario

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO. Sommario GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO Sommario Art. 1 - Organizzazione del Servizio Art. 2 - Disposizioni Generali Art. 3 - Finalità del Servizio Art. 4 - Modalità di Accesso Art. 5 - Funzioni

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE All. sub A) : Regolamento Del. di C.C. n. 12 del 29.04.2013 Sommario: Art. 1: Finalità del servizio Art. 2: Destinatari

Dettagli

! "# & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7. Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5

! # & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7. Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5 ! "# $ %&!! "'(() & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7 Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5 - Articolo 1 - Oggetto del regolamento e destinazione d uso della Sala Parrocchiale 1. La Parrocchia

Dettagli

I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO

I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO ---- Avviso interno per la selezione di rilevatori per il 15 Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO Visto l art. 50 del D.L. 31 maggio

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO-ASSISTENZIALE E DEL SERVIZIO DI FATTORINAGGIO SOCIALE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO-ASSISTENZIALE E DEL SERVIZIO DI FATTORINAGGIO SOCIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO-ASSISTENZIALE E DEL SERVIZIO DI FATTORINAGGIO SOCIALE (approvato con deliberazione di C.C. n. 7 del 11.04.2012) 1 INDICE Art. 1: istituzione del servizio

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D.P.C.M. 30 marzo 2001: ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO SUI SISTEMI DI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ALLA PERSONA PREVISTI DALL ART. 5 DELLA LEGGE 8 novembre 2000, n. 328 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli