UNA CHANCE PER L'OCCUPAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA CHANCE PER L'OCCUPAZIONE"

Transcript

1 LAVORO AUTONOMO, MICROIMPRESA E FRANCHISING UNA CHANCE PER L'OCCUPAZIONE di Nicola Fullin Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale

2 OBIETTIVI E OPPORTUNITÀ DELL'AUTOIMPIEGO È possibile avviare una piccola attività imprenditoriale o una di lavoro autonomo avendo delle buone idee, anche se poco o nessun capitale. Grazie alle agevolazioni all'autoimpiego, infatti, un piano d'impresa credibile può venire finanziato interamente permettendo di trasformare in realtà dei progetti validi. Con la cospicua dote finanziaria di 800 milioni di euro liquidata dal Cipe 1, sono ripartite le misure per l'autoimpiego, che già in passato hanno consentito la nascita di un grande numero di piccolissime imprese, grazie a condizioni di finanziamento e flessibilità di utilizzo davvero notevoli. A parere dello scrivente, tuttavia, le potenzialità di queste agevolazioni sono state sfruttate in minima parte, lasciando che la quasi totalità delle nuove attività si indirizzassero verso l'incentivo più semplice da utilizzare, denominato lavoro autonomo a scapito di quelli più complessi, ma più interessanti dal punto di vista finanziario. Gli intenti del legislatore Facciamo un passo indietro. Con il Titolo II del D.Lgs. 185/2000, il Legislatore ha introdotto tre diverse misure per favorire l'occupazione: il lavoro autonomo, la microimpresa ed il franchising, destinate alla creazione di nuove imprese da parte di soggetti che si trovino al di fuori del mondo del lavoro, i cosiddetti inoccupati. In tal modo si è tentato di favorire l'incremento occupazionale spingendo verso un'attività in proprio quei soggetti che pur non possedendo i capitali per cominciare, dimostrino le capacità e la volontà di gestire una propria iniziativa, finanziandoli anche al 100% ed assistendoli per i primi mesi. Addirittura l'idea originaria (ora abbandonata) era quella di tenere, prima dell'erogazione dei finanziamenti, dei corsi per aspiranti imprenditori nei quali dovevano essere date ai richiedenti conoscenze sufficienti per realizzare con successo i loro progetti e per compilare la domanda di agevolazione. Infatti, le iniziative non prevedevano alcun tipo di intervento da parte di professionisti né in fase di redazione del business plan né nella fase immediatamente successiva, in quanto era (ed è) prevista, almeno sulla carta, un servizio di assistenza tecnica per il primo anno. La gestione complessiva di questi incentivi, ricezione delle domande, valutazione, corsi e assistenza tecnica sono affidate a Sviluppo Italia S.p.a., società interamente posseduta dal Ministero del Tesoro, che vi provvede con proprio personale o mediante consulenti esterni. Come si può intuire da queste poche righe, gli incentivi all'autoimpiego sono molto appetibili sia per la relativa semplicità di utilizzo, sia per i costi contenuti a carico del richiedente e proprio per questo i fondi inizialmente assegnati erano stati esauriti in pochi mesi. Con il recente rifinanziamento di cui si è fatto cenno poc'anzi, è ora possibile presentare nuove domande anche se le regole sono leggermente cambiate rispetto al passato. Alcune valutazioni su lavoro autonomo, microimpresa e franchising I tre incentivi, contenuti nel titolo II del decreto 185/2000, permettono ai soggetti destinatari delle agevolazioni di aprire nei territori di applicazione della norma, un'attività in forma individuale (lavoro autonomo e franchising) o in forma di società di persone (microimpresa e franching), i cui investimenti complessivi siano al di sotto dei euro (lavoro autonomo) o dei euro (microimpresa e franchising). Si tratta dunque di attività molto piccole, ma i cui investimenti saranno integralmente finanziati dallo Stato, in parte a fondo perduto, in parte a mutuo agevolato e che saranno inoltre dotati di un contributo di importo variabile per le spese di gestione. Le proporzioni esatte fra le tre forme di aiuto (mutuo agevolato, contributo in c/investimenti e contributo in conto gestione) differiscono a seconda dell'incentivo scelto come vedremo in seguito, ma si può dire che, grosso modo, metà della somma liquidata verrà data a fondo perduto e metà a mutuo a tasso agevolato. Il grado di successo Il lavoro autonomo è l'agevolazione che fino ad ora ha riscosso più successo, anche se è in effetti quella che offre meno dal punto di vista finanziario. Questo accade probabilmente per motivi differenti. Alcuni di ordine organizzativo (è più semplice partire con un'attività in forma individuale, piuttosto che trovare dei soci), di popolarità (il lavoro autonomo riprende infatti e sostituisce un incentivo nato nel 96 il prestito d'onore ), ma soprattutto perché non richiede che si affrontino dei costi iniziali. 1 Delibera del Cipe 9 maggio 2003, n. 16, pubblicata sulla GU n. 156 dell 8 luglio Pagina 2 di 8

3 Il richiedente infatti non deve presentare nulla se non una domanda in cui palesa a Sviluppo Italia la sua intenzione ad avviare un'attività. Nella microimpresa, invece, gli aspiranti imprenditori devono essere molto più determinati ed inclini ad attendere, in quanto dovranno anticipare il denaro necessario per costituire una società di persone e lasciarla inattiva fino alla conclusione del contratto di finanziamento, dato che gli incentivi possono essere utilizzati solo per spese sostenute dopo la data di delibera. Nel franchising in forma individuale, l'unico vincolo ulteriore rispetto all'autoimpiego è il fatto di poter scegliere fra un numero limitato di franchisor convenzionati, ossia fra quelle imprese che hanno concluso un accordo con Sviluppo Italia. Non è cioè possibile concludere accordi con chiunque si voglia. Per il franchising in forma societaria, oltre a questo requisito è richiesta la costituzione della società in via preventiva, come per la microimpresa. La distribuzione geografica delle domande ammesse Dalla tavola 1 emerge chiaramente, oltre al maggior gradimento dell'incentivo lavoro autonomo, anche un divario difficilmente comprensibile fra le regioni del Sud e quelle del Centro Nord. Tavola 1 - Autoimpiego: domande ammesse alle agevolazioni dal luglio 2001 Regione Lavoro Autonomo Microimpresa Franchising Totale Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli- Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Umbria Veneto Totale Soltanto per fare un esempio, nel periodo dal 2001 ad oggi, con gli incentivi all'autoimpiego, sono sorte oltre 127 nuove imprese calabresi per ciascuna impresa veneta. La cosa di per sé non è spiegabile con ragioni economiche, poiché questa agevolazione, a differenza di altre, non modula l'intensità dell'aiuto a seconda della zona geografica, ma lo eroga in maniera uniforme. Né il divario fra la popolazione che abita le aree svantaggiate del nord e quelle del sud è così eclatante. Ritornando all'esempio, in Veneto, (una delle regioni meno svantaggiate d'italia) possono usufruire degli incentivi i residenti di oltre la metà dei comuni, che, insieme, riuniscono la maggioranza della popolazione. Anche se in Calabria tutti i comuni vengono considerati svantaggiati questo fatto non basta certo a spiegare l'incredibile rapporto 127 ad uno. Le ragioni di questo fenomeno curioso possono senz'altro essere diverse, ma a parere dello scrivente, la causa principale di questo divario fra Nord e Sud è la mancanza di informazione nelle aree del Nord (ed, in misura minore, del Centro) rispetto al Sud dove la presenza di agevolazioni statali è ben pubblicizzata. Pagina 3 di 8

4 LO STRUMENTO NEI DETTAGLI I requisiti soggettivi Gli incentivi del decreto 185/2000 sono destinati a favorire l'incremento dell'occupazione e naturalmente sono destinati primariamente ai soggetti inoccupati. Secondo il suddetto decreto, con tale definizione vengono identificati i soggetti privi di occupazione da almeno sei mesi alla data di presentazione della domanda. Soggetti esclusi i titolari di rapporto di lavoro dipendente, ivi compreso anche il part time o il tempo determinato. Sono invece ammessi altri titolari di redditi fiscalmente assimilati a quelli di lavoro dipendente come, ad esempio, le borse di studio i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa i liberi professionisti gli artigiani, gli imprenditori e i coadiutori di imprenditori in genere, tutti i titolari di partita iva Si tratta dunque di un insieme più ampio di quello dei disoccupati in quanto include anche i soggetti che per la prima volta si affacciano nel mondo del lavoro, i pensionati, i tirocinanti (per le professioni intellettuali regolamentate) e gli studenti. Va notato inoltre che l'esclusione dei liberi professionisti è finalizzata ad impedire che dei soggetti in attività vadano ad usufruire delle misure per l'autoimpiego. In caso contrario, un avvocato, ad esempio, potrebbe uscire dallo studio associato nel quale lavorava, senza partita Iva, ed aprire la propria attività in autonomia con i fondi statali. La sede di iniziative e beneficiari La sede legale amministrativa ed operativa delle iniziative deve essere localizzata in una delle aree svantaggiate stabilite con decreto ed i beni finanziati con le agevolazioni non potranno essere posti in sede al di fuori di dette aree. Aree svantaggiate regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna (aree ammesse alla deroga di cui all'art a) del Trattato Ue, coincidenti con le aree cui si applica l'obiettivo 1 dei fondi strutturali comunitari) aree ammesse alla deroga di cui all'art c) del Trattato Ue aree cui si applica l'obiettivo 2 dei fondi strutturali comunitari aree phasing out ammesse ad un regime di sostegno transitorio (zone che potevano beneficiare degli strumenti agevolativi previsti per gli obiettivi 1, 2 e 5b dei fondi strutturali fino al 1999 e che non figurano nell'ambito dei nuovi obiettivi) le aree che presentano rilevante squilibrio tra domanda e offerta di lavoro individuate dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali Vediamo ora il requisito più stringente per l'utilizzo dell'agevolazione: il richiedente deve risultare residente al 1 gennaio 2000 in uno dei territori agevolati, indicati poc'anzi. Mentre gli altri requisiti possono essere in qualche modo acquisiti dal soggetto richiedente, attendendo, ad esempio, la maggiore età oppure aspettando sei mesi per rientrare fra i soggetti inoccupati, nulla potrà mai ovviare il principio della residenza al 1 gennaio Vale a dire che un soggetto residente in un territorio obiettivo 1 potrà fondare la propria attività in qualunque area considerata agevolata d'italia, mentre un aspirante imprenditore residente al 1 gennaio 2000 a Maserada (TV), comune non agevolato e poi trasferitosi a Sassari, non potrà ricorrere a queste agevolazioni neppure nel caso in cui voglia aprire un'attività in un'area svantaggiata del paese. Pagina 4 di 8

5 Le iniziative agevolabili Con gli incentivi per il lavoro autonomo possono essere avviate attività in qualsiasi settore. È consentito infatti di avviare attività, nel rispetto delle forme organizzative previste e del massimale di spesa, nell'ambito di: produzione di beni; fornitura di servizi; commercio. Gli incentivi al franchising possono riguardare le sole attività di: commercializzazione di servizi; commercializzazione di beni. La microimpresa invece può riguardare solo le attività di: produzione di beni; fornitura di servizi. escludendo tutte le attività commerciali. Per tutte le agevolazioni all'autoimpiego valgono però alcune esclusioni esplicite: la produzione, la trasformazione e la commercializzazione di prodotti agricoli; il trasporto di merci in conto terzi; il trasporto di persone in numero superiore a nove. Spese di investimento In tutte e tre le misure per l'autoimpiego, sono considerate ammissibili le spese, al netto dell'iva, sostenute successivamente alla data di deliberazione di ammissione (e non come accade spesso alla data della domanda presentata dal richiedente) e regolarmente documentate che rientrino nelle seguenti voci. Spese ammissibili a. attrezzature, macchinari, impianti ed allacciamenti b. beni immateriali ad utilità pluriennale c. ristrutturazione di immobili entro il limite massimo del 10% del valore complessivo degli investimenti ammessi I beni acquistati devono essere direttamente collegati al ciclo produttivo e strettamente funzionali all'attività. Devono inoltre essere nuovi di fabbrica. Nel caso di lavoro autonomo e microimpresa, cioè dove è possibile la produzione, i beni possono essere anche usati purché non siano stati precedentemente oggetto di agevolazioni e purché il venditore offra idonee garanzie di funzionalità. Spese di gestione Fra le spese per la gestione ammesse al finanziamento a fondo perduto sono ricompresi quei costi documentati, al netto dell'iva, sostenuti successivamente alla data di presentazione delle domande e che riguardino le seguenti voci. Spese ammissibili a. materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti b. utenze e canoni di locazioni per immobili c. oneri finanziari d. prestazioni di garanzie assicurative (Sviluppo Italia richiede che i beni di investimento siano assicurati per un periodo di 5 anni contro furto e incendio) e. prestazioni di servizi (esclusivamente nel caso di microimpresa o franchising) Sono invece espressamente esclusi il pagamento di salari e stipendi, tasse, oneri contributivi e oneri relativi al mutuo agevolato. Non sarà cioè possibile pagare il mutuo agevolato utilizzando direttamente i fondi concessi in conto gestione. Pagina 5 di 8

6 La tipologia di agevolazioni Le agevolazioni finanziarie previste per le norme dell'autoimpiego variano a seconda dell'incentivo scelto. Nella delibera del Cipe del 9 maggio 2003, n. 16, che ha rifinanziato gli incentivi all'autoimpiego, sono richiamati i principi di cui all'articolo 72, comma 2 della legge 289/2002 (Legge finanziaria 2003) in merito alla gestione delle misure agevolative di cui al titolo II del D.Lgs. 185/2000. Lavoro autonomo Per le iniziative di lavoro autonomo, quelle cioè per le quali si avvii un'attività in forma di ditta individuale, gli investimenti complessivi non potranno superare i euro. All'interno di questo limite, il richiedente potrà ottenere il finanziamento del 100%, ma le condizioni cambieranno a seconda dell'ammontare dell'investimento ammesso. Se questo è al di sotto dei euro, l'intera somma per gli investimenti verrà concessa a mutuo agevolato. Essa sarà restituibile in 5 anni alle condizioni di cui all'articolo 7 del DM 28 maggio 2001, n. 295 (GU n. 166 del 19 luglio 2001). Gli interessi saranno calcolati cioè in base ad un tasso invariabile pari al 30% del tasso di riferimento in vigore al momento dell'assunzione da parte di Sviluppo Italia della delibera di concessione del finanziamento. Verrà inoltre concessa una somma a fondo perduto sotto la forma di contributo in conto gestione per un importo pari alla somma richiesta per gli investimenti per le spese sostenute nel primo anno di attività. Ad esempio, un avvocato che parta con un investimento complessivo di euro, otterrà un mutuo di euro ed un contributo in conto gestione dell'importo massimo di euro. Se invece l'investimento sarà compreso fra i euro ed il massimale, verrà erogato un mutuo con le stesse caratteristiche del precedente, ma di importo pari alla differenza fra il totale degli investimenti maggiorato del contributo massimo in conto gestione (5.165 euro), diviso due. Il restante importo verrà liquidato a fondo perduto per gli investimenti oltre all'importo in conto gestione. In pratica indipendentemente dall'ammontare dell'investimento, i contributi a fondo perduto (fra investimenti e gestione) ed il mutuo saranno eguali negli importi. Vediamolo con un esempio numerico: Investimento ammesso: euro ,00 Contributi per la gestione: euro 5.165,00 Mutuo: euro ,50 Fondo perduto per gli investimenti: euro 7.417,50 Importo della rata trimestrale (calcolata con i tassi in vigore il 28/1): euro 651,30. Successivamente al momento della stipula del contratto di agevolazione, è possibile avere un acconto pari al 40% del totale dei contributi concessi in c/investimenti; il restante 60% viene erogato in un'unica soluzione a saldo, una volta completati gli investimenti. Anche per la gestione è possibile richiedere un anticipo pari al 40% delle spese previste mentre il restante 60% dei contributi viene erogato a saldo, a seguito della presentazione da parte beneficiario della documentazione giustificativa di spesa. Microimpresa Per la microimpresa la forma di finanziamento è simile a quella concessa per il lavoro autonomo, ma la cifra è decisamente più importante. Gli investimenti complessivi non possono superare i euro, il che significa una soglia cinque volte più elevata di quella concessa dal lavoro autonomo. Le agevolazioni finanziarie sono costituite anche in questo caso da un mix di finanziamenti in conto gestione, in conto investimenti e mutuo agevolato, con un limite: il tetto complessivo non può superare la soglia del de minimis ed il mutuo deve costituire almeno il 50% dell'importo complessivamente concesso. Questo mutuo ha le stesse caratteristiche finanziarie di quello previsto per il lavoro autonomo salvo la durata. Nel caso della microimpresa, la restituzione avverrà infatti in 7 anni. Vediamo, anche in questo caso, un esempio numerico: Investimento ammesso: euro ,00 Contributi per la gestione richiesti: euro ,00 Mutuo: euro ,00 Fondo perduto per gli investimenti: ,00 Pagina 6 di 8

7 Contributi per la gestione concessi: euro ,51 (la differenza è dovuta al superamento del de minimis) Importo della rata trimestrale (calcolata con i tassi in vigore il 28/1): euro 3.184,15. Il beneficiario, successivamente alla stipula del contratto con Sviluppo Italia, può chiedere la concessione di un acconto in ragione del 20% del totale dei contributi agevolati. Il saldo sarà concesso successivamente alla presentazione della documentazione che attesti il completamento dell'investimento. L'anticipazione delle spese in conto gestione non potrà invece superare il trenta per cento dell'importo concesso. Franchising Il franchising consente gli stessi massimali di spesa della microimpresa, però il mutuo, in ragione del diverso tipo di attività, è prorogato a 10 anni. Diversamente dalla microimpresa, alla stipula del contratto il beneficiario può richiedere l'erogazione dell'incentivo sulla base dello stato di avanzamento lavori, in due fasi. Nella prima potrà chiedere una somma non inferiore al 30% dell'importo finanziato e nel secondo non superiore al 60%, sulla base delle fatture anche non quietanziate. Mentre per il saldo sono necessarie le fatture quietanziate. L'iter di presentazione della domanda Gli incentivi per l'autoimpiego non sono soggetti a scadenza perché non dipendono da un bando. Sono infatti erogati sulla base di una valutazione operata da Sviluppo Italia della domanda presentata. Per iniziare l'iter che porta all'erogazione del finanziamento, l'aspirante imprenditore o i soci della società appositamente costituita devono riempire un modulo on line che si trova sul sito certificando di avere i requisiti per usufruire degli incentivi, spiegando brevemente la loro idea d'impresa ed esponendo in linea di massima l'ammontare degli investimenti. Nonostante in questa fase le informazioni richieste siano sommarie, si consiglia comunque di avere già pronto un progetto ben strutturato, in quanto una volta entrati nella fase successiva, vi saranno dei termini da rispettare, scaduti i quali la domanda stessa verrà rigettata. La risposta di Sviluppo Italia alla domanda conterrà un nome utente ed una password per accedere alla compilazione on line del Business Plan vero e proprio. A questo punto verrà richiesto al proponente di esporre in dettaglio l'attività che si andrà a svolgere, di presentare un'analisi della concorrenza per quanto semplice e di prospettare l'andamento futuro. Il richiedente dovrà, inoltre, elencare i beni oggetto di investimento, giustificare la scelta di beni e fornitori ed infine stampare la domanda. La consegna avverrà, infatti, in forma cartacea con allegati i preventivi ottenuti dai fornitori. Variazioni degli investimenti effettuati Una volta consegnata la domanda di finanziamento con il Business Plan, l'importo massimo del contributo concesso è fissato. Vale a dire che, se per gli investimenti il richiedente dovesse spendere di più, anche soltanto perché i prezzi sono aumentati nel tempo intercorso fra la richiesta di preventivi e l'accettazione, quel maggior costo sarà interamente a suo carico. Se invece i costi saranno sostenuti in misura minore, quella riduzione verrà sottratta al massimale di investimento nella misura del 50% dal mutuo agevolato e del restante 50% dal contributo in conto capitale. Oneri impliciti Le agevolazioni all'autoimpiego, per quanto siano davvero valide, presentano chiaramente degli oneri impliciti che è bene valutare. Il più importante è forse l'obbligo da parte del soggetto che richiede i finanziamenti, di anticipare gran parte delle risorse finanziarie prima di ricevere i fondi da Sviluppo Italia. Oltre all'importo dell'iva sugli acquisti, che su di un investimento di euro è comunque una cifra considerevole, il soggetto proponente dovrà infatti riuscire a pagare gli investimenti prima di richiedere l'erogazione del saldo. E se per caso non possiede queste risorse, dovrà necessariamente ricorrere al credito. Questo, pur avendo in mano il contratto di finanziamento firmato da Sviluppo Italia, potrebbe non essere facile né molto economico, specialmente per un soggetto che avvii la sua prima impresa. Pagina 7 di 8

8 GLOSSARIO Business plan Documento che presenta in sintesi le modalità organizzative, produttive, tecnologiche, di mercato, economico-finanziarie, attraverso le quali un idea imprenditoriale può trasformarsi, in un certo arco di tempo, in un progetto imprenditoriale. Sostegno transitorio Si intende la dotazione finanziaria prevista dal Consiglio Europeo per consentire una uscita graduale alle regioni e alle zone che non sono più ammissibili all'aiuto dei fondi, cioè delle zone che potevano beneficiare degli strumenti agevolativi previsti per gli Obiettivi 1, 2 e 5b dei fondi strutturali fino al 1999 e che non figurano nell'ambito dei nuovi obiettivi.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di Ipsoa Editore S.r.l. Copyright Ipsoa Editore S.r.l. Fonte: Finanziamenti su misura on-line, Ipsoa Editore Pagina 8 di 8

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE POR FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Ob. Spec. e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015

FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015 FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE, RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE REALIZZATI CONGIUNTAMENTE DA IMPRESE E ORGANISMI DI RICERCA

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI RETE RURALE NAZIONALE Commissione Europea 2 0 0 7-2 0 1 3 LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO Direzione

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

1 - BENEFICIARI E ATTIVITA FINANZIABILI:

1 - BENEFICIARI E ATTIVITA FINANZIABILI: 1 - BENEFICIARI E ATTIVITA FINANZIABILI: D. Vorrei aprire un centro di servizi per l'assistenza domiciliare ed ospedaliera e pensavo di farmi coadiuvare da un grosso marchio che esiste a livello nazionale

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DIPARTIMENTO ATTIVITA' ECONOMICO-PRODUTllVE, FORMAZIONE-LAVORO AWISO PUBBLICO

DIPARTIMENTO ATTIVITA' ECONOMICO-PRODUTllVE, FORMAZIONE-LAVORO AWISO PUBBLICO Roma Capitale Dipartimento Attività - Eco nomico _ Produtti v ~, Form

Dettagli