Marco Danelutto Dipartimento di Informatica Università di Pisa 16 ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marco Danelutto Dipartimento di Informatica Università di Pisa 16 ottobre 2014"

Transcript

1 Marco Danelutto Dipartimento di Informatica Università di Pisa 16 ottobre 2014

2 La macchina calcolatore Oggetto costituito da componenti diversi Unità centrale (CPU) Memoria Periferiche Unità centrale Esegue un programma contenuto nella memoria Interagendo con il mondo esterno mediante le periferiche M CPU I/O 1. Preleva istruzione dalla memoria 2. Decodificala 3. Preleva gli operandi 4. Eseguila 5. Scrivi risultati 6. Controlla eventi straordinari 7. Ricomincia

3 Programmi Applicazioni (GUI, Compilatori, Office, Video, Sound, ) Sistema operativo (gestione processi, memoria, I/O) Disco RAM Disco RAM BIOS (gestione minima periferiche, boot) ROM

4 Unità centrale Costruita utilizzando componenti elettronici Stampati sul silicio Più componenti Più memoria Istruzioni più complesse o più veloci Periferiche più intelligenti Ma anche Più area sul silicio Più consumo

5 Quanti componenti? Legge di Moore Componenti per chip raddoppiano ogni due anni Gordon E. Moore 1965 Co-fondatore della Intel Componente base transistor , 8µm, 3,5K transistors, 1 MHz (Apple 2) , 3µm, 30K transistors, 5-10MHz (IBM PC XT) , 1,5µm, 275K transistors, 20MHz Pentium 4, nm, M transistor, 3-4GHz

6 Miglioramento costante Clock Velocità di calcolo delle istruzioni Codice Componenti (transistors) Maggiore capacità di memoria (cache) Istruzioni più potenti Mantenendo lo stesso modello architetturale Dunque lo stesso modello di programmazione Nuovo PC Maggior velocità

7 Ma Maggior numero di componenti e maggior frequenza Problemi di dissipazione del calore E.G: Pentium sarebbe potuto andare a 10GHz ma si sarebbe fuso Limite alla frequenza!

8 Ma (2) Legge di Pollack Performance proporzionale alla radice quadrata della complessità, consumo lineare nella complessità (complessità area) Limite alla complessità della singola CPU P = 1, W = 1 P=2, W=4 P=4, W=4

9 Dal 2000 in poi Maggiore capacità di integrazione utilizzata per raddoppiare core invece che componenti della stessa CPU 2 core (2006, ca. 300M transistor, 65nm) 4 core (2008, ca. 700M transistor, 32nm) 8 core (2010, ca. 1,2G transistor, 45nm) 16 core(2014, ca. 4,4G transistor, 22nm) 60 core(2012, ca. 5G transistor, 22nm)

10 FLOPS e dintorni Prestazioni di una macchina misurate in FLOPs Floating Point Operations per Second Kilo, Mega, Giga, Tera, Peta, Exa FLOPS (migliaia, milioni, miliardi, migliaia fi miliardi, milioni di miliardi, miliardi di miliardi) Schiarire una sequenza di 1000 foto scattata su una macchina a 18 Mpixel (idealmente) Ca. 0,5 GFLOP a foto => 500 GFLOP I3/4/7 : 50/90 GFLOPs => 10 secondi PHI : 2TFLOP => 0,25 secondi

11 Potenza (single chip) #core (per chip)

12 2x #core Anche 10%-15% più tempo per stesso codice

13 Per nuovo hw occorrono nuovi programmi Linguaggi di programmazione paralleli (espliciti o impliciti) Linguaggi di programmazione sequenziali Linguaggi di programmazione sequenziali + librerie di comunicazione e sincronizzazione Programma sequenziale Insieme di programmi sequenziali che cooperano Programmi paralleli (distribuiti)

14 C è di più GP-GPU Processori grafici specializzati Possono essere utilizzati anche per il calcolo Quando dobbiamo eseguire lo stesso calcolo su tutti gli elementi di una collezione Da 100 a 1000 core Sono coprocessori Programma della CPU Copia input e programma su GPU Ordina l esecuzione del codice Copia output dalla GPU Programma sulla GPU Calcola output da input

15 GPU programming Richiede linguaggi particolari (CUDA, OpenCL) Forte conoscenza delle caratteristiche hardware della GPU E.g. gestione esplicita dei diversi livelli di memoria presenti E comunque serve solo per tipi di programmi particolari data parallel: stesso calcolo su tutti gli elementi di un vettore/matrice

16 e acceleratori many core Tilera Pro64 (64 core o 100 core), Xeon PHI (60 core, 4 thread per core) Clock intorno al GHz Archittettura ridotta (Tilera) o standard (PHI, x86) Venduti come schede acceleratore (tipo le GPU) Eseguono programmi paralleli di vario tipo (non solo data parallel) Possono essere acceduti dall host come se fossero CPU con 64/240 core!!! Necessario trovare un alto numero di attività concorrenti per sfruttare al meglio l architettura (PHI ha un prestazioni fino a 2 TeraFLOPS!)

17 Configurazioni tipiche di calcolatori oggi Desktop/laptop 4-8 core +GPU (ca. 100 core) Mobile 2-4 core + GPU (ca. 10 core) Supercalcolatori Milioni di core Reti di Interconnessione dedicate/proprietarie

18

19 Statistiche top500

20 Statistiche top500

21 Per poterle sfruttare Dobbiamo essere in grado di programmare in parallelo Attività concorrenti coordinate per contribuire al calcolo di un risultato Dobbiamo pensare alle prestazioni Utilizzare n risorse (core) dovrebbe voler dire ottenere un esecuzione n volte più veloce Dobbiamo pensare al consumo energetico Un telefonino «vive» di batteria Un centro di calcolo consuma (ENEL) + di quanto costa

22 Programmare in parallelo 1 esecutore esegue un lavoro di 4 passi impiegando 4 t tempo 4 esecutori eseguono ognuno 1 passo, impiegando 1 t

23 Quando ci sono dipendenze Il secondo passo dipende dai risultati del primo e il terzo dai risultati del secondo Sequenziale: tempo Parallelo: (indipendentemente da quanti esecutori ho a disposizione oltre ai due utilizzati)

24 Parallelismo: pattern replicazione funzionale (FARM) Spendo un po di tempo per smistare il lavoro fra gli esecutori Tutti gli esecutori lavorano insieme Spendo un po di tempo per raccogliere i risultati Se distribuzione e collezione sono trascurabili spendo circa quanto il tempo speso da un esecutore per fare #esecutori lavori!

25 Parallelismo: pattern catena di montaggio (PIPELINE) Ogni esecutore fa una parte del lavoro E manda il risultato al prossimo esecutore Se tutti ci mettono lo stesso tempo dopo #esecutori tempi comincio a vedere uscire un risultato ogni tempo A calcolare #risultati ci metto circa #risultati X tempo di lavoro del singolo esecutore

26 Programmazione parallela Insegna come combinare pattern paralleli per far girare un programma su più core o più core e GPU Modello di programmazione Pattern paralleli Strumenti per la verifica Linguaggi di programmazione Strumenti di debugging Strumenti di tuning

27 Pensare alle prestazioni Legge di Amdahl Se si parallelizza un codice con una porzione non parallelizzabile (frazione seriale) del x %, non si potrà ottenere un incremento delle prestazioni maggiore di 100/x Significa che se spendo l 1% del mio tempo a leggere da un disco (azione inerentemente sequenziale) non potrò accelerare l esecuzione del mio codice più di 100 volte, qualsiasi sia il numero di core che utilizzo Apparentemente un risultato molto negativo

28 Pensare alle prestazioni Legge di Gustafson La frazione seriale non cresce in modo proporzionale alla dimensione dei dati trattati Dunque con dati più grossi riusciamo ad avere incrementi delle prestazioni migliori

29 Pensare ai consumi Telefonino 4 core + 1 GPU per vedere un video vanno bene Non servono se contatto la cella di tanto in tanto Exynos 5 (Samsung) core 4 ottimizzati per performance 4 ottimizzati per consumo Utilizzati in alternativa

30 Pensare ai consumi Centri supercalcolo Top500 1 consuma 17MW Per 54 PetaFLOPS Sillano 1 : 15 MW Si cercano di raggiungere gli ExaFLOPS (1000 PetaFLOPS) Per i quali si stima un consumo di 1GW Larderello: 800 MW

31 Pensare ai consumi Modello teorico Programmi che possono andare su dispositivi diversi (CPU e GPU) Valuta T CPU & T GPU GPU K20 : 20GFLOP/W CPU I7, PHI : 7, 9 GFLOP/W Smista Scelta del dispositivo più economico a parità di prestazioni CPU GPU

32 Pensare ai consumi 26 core a 1,2 GHz calcolano quanto 10 core a 2,2 GHz ma consumano meno!! Programmi che possono andare su un numero arbitrario di core Pochi core a clock massimo Molti core a clock minimo Scelta della configurazione che consuma meno a parità di prestazioni

33 Sfide: sviluppo software Sviluppare nuovi linguaggi di programmazione e compilatori Innalzare il livello di astrazione Permettere uno sviluppo più agile Verificare che il software sviluppato sia corretto Deve corrispondere alle specifiche Non deve calcolare risultati erronei Integrare il nuovo software in quello esistente Senza provocare malfunzionamenti Verificare Integrare Programmare

34 Nuovi linguaggi/modelli di programmazione Potenza espressiva Quanto codice serve per esprimere una certa classe di computazioni Esempio: calcolo in parallelo della stessa operazione su tutti gli elementi di un vettore #include <stdio.h> #include <stdlib.h> int main(int argc, char * argv[]) { #pragma omp parallel for for(i=0; i<n; i++) { // corpo del ciclo x[i] = f(x[i]); } } C + Pthread O(100) linee di codice OpenMP O(1) linee di codice

35 Nuovi linguaggi/modelli di programmazione Livello di astrazione Quali concetti si espongono al programmatore Più sono vicini al nostro modo di pensare, meno costa applicarli, più si è efficienti nello scrivere le applicazioni

36 Nuovi linguaggi: algorithmic Skeletons Building block = pattern paralleli Componibili fra di loro per creare altri pattern più complessi Fast Flow Calvados.di.unipi.it/fastflow Incapsulano gestione delle attività concorrenti (normalmente grossa sorgente di errori) Analogie con i linguaggi sequenziali)

37 Verificare Processo di sviluppo software: specifica, analisi, progettazione, implementazione, test Verificare che il software corrisponde alle specifiche ARIANE 5 è esploso perché il controllore del giroscopio è andato in overflow (il risultato di un numero era più grande di quanto poteva essere rappresentato con i bit assegnati alla variabile) Posso verificarlo a posteriori (testing) Posso utilizzare strumenti di sviluppo certificati (COMPCERT, compilatore C ASM corretto, INRIA)

38 Integrare Sviluppo di nuovi componenti per un software complesso Progettazione, sviluppo, test, verifica & validazione, Integrazione Controllo che tutto il resto del software continui a passare i regression test Aggiunta dei nuovi test per i nuovi componenti Integrazione continua Nottetempo test per passare il software (modificato o integrato) in produzione

39 Sfide: applicazioni Legge di Amdahl e Gustafson Richiedono applicazioni con dati sempre più grandi Previsioni del tempo Griglia più fitta dà previsioni migliori Video/Cinema Tempo reale per filmati full HD Simulazioni (chimica, fisica) Time step piccolo dà simulazioni migliori (e.g. studio di nuovi farmaci)

40 Nuove applicazioni (esempio) Senza luce Dove vado? Ad Hoc Network Arriva un canotto Sottopasso allagato

41

42 Nuove applicazioni (esempio) Stereo vision Disparity map Diff frame Suoni

43

44

Architetture parallele

Architetture parallele 1 Calcolatori paralleli A meno di una nuova rivoluzione scientifica la legge di Moore (che pronostica un raddoppio del numero di transistor su un singolo chip ogni 18 mesi) non potrà rimanere valida per

Dettagli

Prodotto Matrice - Vettore in OpenMP

Prodotto Matrice - Vettore in OpenMP Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato di Calcolo Parallelo Prodotto Matrice - Vettore in OpenMP Anno Accademico 2011/2012 Professoressa Alessandra D Alessio Studenti

Dettagli

Flops. Differenza tra sustained performance, e di picco (cenni a proposito dei metodi di ottimizzazione, il compilatore ed oltre)

Flops. Differenza tra sustained performance, e di picco (cenni a proposito dei metodi di ottimizzazione, il compilatore ed oltre) LaTop500 Flops Differenza tra sustained performance, e di picco (cenni a proposito dei metodi di ottimizzazione, il compilatore ed oltre) La valutazione dell'effettiva potenza di calcolo dev'essere effettuata

Dettagli

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM Davide Barbieri Contatti skype: davbar86 mail: davide.barbieri@ghostshark.it Panoramica corso Introduzione al mondo delle GPU Modello GPGPU Nvidia

Dettagli

L Architettura di un Calcolatore

L Architettura di un Calcolatore ASTE Information Technology Excellence oad (I.T.E..) L Architettura di un Calcolatore aurizio Palesi Salvatore Serrano aster ITE Informatica di Base aurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Sommario Architettura

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Università degli Studi di Messina Ingegneria delle Tecnologie Industriali Docente: Ing. Mirko Guarnera 1 Approccio al corso Approccio IN OUT Visione Globale solo insieme alla programmazione 2 1 Contenuti

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche m.bernaschi@iac.cnr.it L'evoluzione del calcolo ad alte prestazioni dal punto di vista dell'utente e dello sviluppatore

Dettagli

CHE COS'È UN COMPUTER?

CHE COS'È UN COMPUTER? CHE COS'È UN COMPUTER? Un computer è una macchina elettronica capace di ricevere, trasmettere, immagazzinare ed elaborare informazioni, risolvendo i più svariati problemi con straordinaria velocità ed

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE PORTABILI PER LA SIMULAZIONE DI SISTEMI FISICI SULLE ARCHITETTURE GPU E MANY-CORE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE PORTABILI PER LA SIMULAZIONE DI SISTEMI FISICI SULLE ARCHITETTURE GPU E MANY-CORE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI FISICA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE PORTABILI PER LA SIMULAZIONE DI SISTEMI

Dettagli

Introduzione alle architetture dei processori

Introduzione alle architetture dei processori Architettura dei microprocessori Argomenti CLASSIFICAZIONE MICROPROCESSORI Basic concepts 80x86, x64 Architettura pc Tecniche per incrementare le prestazioni 07/08 CLASSIFICAZIONE ELABORATORI(MICROPROCESSORI)

Dettagli

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni.

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.it Corso di 35 ore: Struttura del

Dettagli

Implementazione di linguaggi 2. CUDA, query su GPU. Dott Stefano Ghio. Dott Michele Bozzano. michele.bozzano@gmail.com. otacorp@gmail.

Implementazione di linguaggi 2. CUDA, query su GPU. Dott Stefano Ghio. Dott Michele Bozzano. michele.bozzano@gmail.com. otacorp@gmail. Implementazione di linguaggi 2 CUDA, query su GPU Dott Michele Bozzano michele.bozzano@gmail.com Dott Stefano Ghio otacorp@gmail.com GPGPU General purpose processing on the GPU Come dice il nome (Graphics

Dettagli

Componenti dell elaboratore

Componenti dell elaboratore L hardware del PC Componenti dell elaboratore Hardware Parte fisica del sistema Dispositivi fisici Software Parte logica del sistema Programmi e dati 2 Hardware dell elaboratore 3 L'architettura del calcolatore

Dettagli

INFORMATICA. INFORmazione automatica

INFORMATICA. INFORmazione automatica INFORMATICA INFORmazione automatica Insieme di discipline e tecniche per rappresentare, elaborare e trasmettere automaticamente delle informazioni. Computer - Elaboratore elettronico: e macchina concepita

Dettagli

Sommario. Analysis & design delle applicazioni parallele. Misura delle prestazioni parallele. Tecniche di partizionamento.

Sommario. Analysis & design delle applicazioni parallele. Misura delle prestazioni parallele. Tecniche di partizionamento. Sommario Analysis & design delle applicazioni parallele Misura delle prestazioni parallele Tecniche di partizionamento Comunicazioni Load balancing 2 Primi passi: analizzare il problema Prima di iniziare

Dettagli

Implementazione parallela di algoritmi genetici per la stima di HMM

Implementazione parallela di algoritmi genetici per la stima di HMM Università degli Studi di Trieste Implementazione parallela di algoritmi genetici per la stima di HMM Relatore Enzo Mumolo Candidato Nicola Timeus 14 marzo 2014 Motivazioni Pattern recognition mediante

Dettagli

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL Open Materiale e riferimenti - Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL-Modulo-1-Parte-1 Concetti di base della

Dettagli

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57 I Indice generale Prefazione viii 1 Il calcolatore: astrazioni e tecnologia 1 1.1 Introduzione 1 Tipi di calcolatore e loro caratteristiche 2 Cosa si può imparare da questo libro 5 1.2 Cosa c è dietro

Dettagli

Introduzione alle architetture parallele

Introduzione alle architetture parallele Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione alle architetture parallele Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2009/10 Parallelismo Il parallelismo

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd. Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.it Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Rappresentazione

Dettagli

Obiettivi del corso: Fornire le nozioni di base sull architettura dei sistemi di calcolo Fornire i primi strumenti di descrizione e di analisi dei sistemi digitali Descrivere in modo verticale il funzionamento

Dettagli

Architettura CUDA Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri

Architettura CUDA Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri Architettura CUDA Corso di sviluppo Nvidia CUDATM Davide Barbieri Panoramica Lezione Modello Architetturale CUDA Modello di programmazione CUDA Hello World in CUDA Gestione degli errori Terminologia Host

Dettagli

A parte alcuni dispositivi rudimentali dell'antichità classica, non vi furono progressi tecnologici rilevanti fino a circa il 1650 Per tre secoli,

A parte alcuni dispositivi rudimentali dell'antichità classica, non vi furono progressi tecnologici rilevanti fino a circa il 1650 Per tre secoli, Storia del Calcolatore A parte alcuni dispositivi rudimentali dell'antichità classica, non vi furono progressi tecnologici rilevanti fino a circa il 1650 Per tre secoli, vennero ideati dispositivi meccanici

Dettagli

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Complemento a 2 Algebra booleana Le infrastrutture hardware Esercizi sulla codifica dei numeri Eseguire le seguenti conversioni: Da base 2 e 16 in base 10: 110 2 =???? 10

Dettagli

Obiettivi del corso. Programma del corso. Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica

Obiettivi del corso. Programma del corso. Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Docente: Giorgio Valentini e-mail: valentini@dsi.unimi.it Struttura del corso: 8 lezioni di teoria (2 ore) martedi (14:30-16:30) aula 201 8 lezioni

Dettagli

Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica

Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Docente: Giorgio Valentini e-mail: valentini@dsi.unimi.it Struttura del corso: 8 lezioni di teoria (2 ore) martedi (14:30-16:30) aula 201 8 lezioni

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

GPGPU for machine learning algorithms

GPGPU for machine learning algorithms tesi di laurea GPGPU for machine learning algorithms Anno Accademico 2010/2011 relatori Ch.mo prof. Giorgio Ventre Ch.mo prof. Antonio Pescapè correlatore Ch.mo dott. Massimo Brescia candidato Mauro Garofalo

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Processi e thread. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario

Processi e thread. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario Processi e thread Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Sommario Concetto di processo Stati di un processo Operazioni e relazioni tra processi Concetto di thread Gestione dei processi

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

UD 1.5c: Il Sistema Operativo (parte 1)

UD 1.5c: Il Sistema Operativo (parte 1) Prof. Alberto Postiglione Scienze della e Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno UD 1.5c: Il Sistema Operativo (parte 1) Informatica Generale (Laurea in Scienze della e) Sistemi

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Archite(ura di un calcolatore. L unità di elaborazione (CPU) Sequenza di le(ura. Il bus di sistema

La macchina di Von Neumann. Archite(ura di un calcolatore. L unità di elaborazione (CPU) Sequenza di le(ura. Il bus di sistema La macchina di Von Neumann rchite(ura di un calcolatore us di sistema Collegamento Unità di Elaborazione (CPU) Memoria Centrale (MM) Esecuzione istruzioni Memoria di lavoro Interfaccia Periferica P 1 Interfaccia

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù Lezione 1 Obiettivi del corso Il corso si propone di descrivere i principi generali delle architetture di calcolo (collegamento tra l hardware e il software). Sommario 1. Tecniche di descrizione (necessarie

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Informatica di Base. Informatica giuridica. Informatica di base. Introduzione al Corso. Computer = elaboratore elettronico digitale

Informatica di Base. Informatica giuridica. Informatica di base. Introduzione al Corso. Computer = elaboratore elettronico digitale Informatica di Base Introduzione al Corso Prof. Sebastiano Battiato battiato@dmi.unict.it www.dmi.unict.it/~battiato A.A. 2007/08 Informatica di base Scienza che studia i processi e le tecnologie che rendono

Dettagli

Speedup. Si definisce anche lo Speedup relativo in cui, invece di usare T 1 si usa T p (1).

Speedup. Si definisce anche lo Speedup relativo in cui, invece di usare T 1 si usa T p (1). Speedup Vediamo come e' possibile caratterizzare e studiare le performance di un algoritmo parallelo: S n = T 1 T p n Dove T 1 e' il tempo impegato dal miglior algoritmo seriale conosciuto, mentre T p

Dettagli

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4)

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4) Esercizio 1 (20%) Si assuma di avere una macchina con 10 registri ufficiali (da R0 a R9) e sufficienti registri segreti in grado di avviare 2 istruzioni per ciclo di clock. Tale macchina richiede 2 cicli

Dettagli

Il Sistema Operativo (1)

Il Sistema Operativo (1) E il software fondamentale del computer, gestisce tutto il suo funzionamento e crea un interfaccia con l utente. Le sue funzioni principali sono: Il Sistema Operativo (1) La gestione dell unità centrale

Dettagli

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura Carmine Spagnuolo 1 Simulazione Multi-Agente Una simulazione multi-agente è un sistema in cui entità (agenti) intelligenti

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott. Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 30/11/07 Sommario Concetti fondamentali

Dettagli

Elementi di Informatica. Hardware

Elementi di Informatica. Hardware Elementi di Informatica Hardware Scopo della lezione Introduzione alle tecnologie ICT L'hardware Il processore La memoria Tipologie di computer Personal computer Notebook/Laptop Palmare Console da gioco

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

Sommario. Sistemi Informativi in Rete Introduzione. L informatica. L informatica: una definizione

Sommario. Sistemi Informativi in Rete Introduzione. L informatica. L informatica: una definizione Sommario Sistemi Informativi in Rete Introduzione III Facoltà di Architettura Sede Bovisa Informatica: una definizione Richiami di architettura del calcolatore...... e di sistemi operativi Dal calcolatore

Dettagli

Vari tipi di computer

Vari tipi di computer Hardware Cos è un computer? Un computer è un elaboratore di informazione. Un computer: riceve informazione in ingresso (input) elabora questa informazione Può memorizzare (in modo temporaneo o permanente)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2014-2015

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2014-2015 PROGRAMMAZIONE MODULARE 01-015 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: TERZA A INF Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA Docenti: Silvia Gualdi (teoria) Paolo Aurilia (laboratorio)

Dettagli

Informatica Applicata Progettazione dei sistemi di elaborazione 3DUWH ,QWURGX]LRQH. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A.

Informatica Applicata Progettazione dei sistemi di elaborazione 3DUWH ,QWURGX]LRQH. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 3DUWH,QWURGX]LRQH Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 1 3UHPHVVD 7HQGHQ]HWHFQRORJLFKH Circuiti integrati digitali: Legge di Moore: il numero di dispositivi integrabili su un

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano Lezione1 Informatica Grafica Cos è la computer grafica Lezione del 10 Marzo 2010 Grafica OpenGL vs Direct Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano 1.1 Tubo a Raggi Catodici Cathode Ray

Dettagli

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA UNA GUIDA ALL ACQUISTO PER OTTENERE IL MASSIME PRESTAZIONE E AFFIDABILITÀ CON IL CAD/CAM SOMMARIO Considerazioni sulle prestazioni... 2 1. CPU... 3 2. GPU... 3 3. RAM...

Dettagli

Legge di Moore. Moore's Law is a violation of Murphy's Law. Everything gets better and better.

Legge di Moore. Moore's Law is a violation of Murphy's Law. Everything gets better and better. Legge di Moore Moore's Law is a violation of Murphy's Law. Everything gets better and better. Gordon E. Moore formulò la legge da una semplice osservazione. Nel 1965 egli ha osservato che il numero di

Dettagli

Introduzione alla Virtualizzazione

Introduzione alla Virtualizzazione Introduzione alla Virtualizzazione Dott. Luca Tasquier E-mail: luca.tasquier@unina2.it Virtualizzazione - 1 La virtualizzazione è una tecnologia software che sta cambiando il metodo d utilizzo delle risorse

Dettagli

Confronto di prestazioni di applicazioni HEP con Benchmark sintetici

Confronto di prestazioni di applicazioni HEP con Benchmark sintetici CCR/17/07/P Aprile 2007 Versione 1.0 Confronto di prestazioni di applicazioni HEP con Benchmark sintetici Michele Michelotto Executive Abstract I siti candidati ad ospitare i centri di calcolo Tier2 hanno

Dettagli

Ripasso dei concetti principali acquisiti negli anni scolastici precedenti.

Ripasso dei concetti principali acquisiti negli anni scolastici precedenti. Ripasso dei concetti principali acquisiti negli anni scolastici precedenti. Sono prerequisiti per capire il Sistema Operativo. In particolare: struttura interna/componenti base computer CPU, memoria centrale

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO

CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO 1 Domanda [1 punto] Dato il formato in virgola mobile su 32 bit così definito (precisione singola): o 1

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: martedì, 12.00-13.00. Dip. Di Matematica Modalità esame: scritto + tesina facoltativa 1

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

Linux Embedded un pinguino piccolo così

Linux Embedded un pinguino piccolo così Linux Embedded un pinguino piccolo così Fabrizio Vacca fabrizio.vacca@microc.it Agenda Introduzione Sistemi embedded: hardware Sistemi embedded: software Piccola panoramica di progetti Open Source DEMO

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Fondamenti di Informatica T [A-K]

Fondamenti di Informatica T [A-K] Fondamenti di Informatica T [A-K] Prof. Jorge E. Fernandez A.A. 2013-2014 Programma del corso Introduzione alla programmazione e architettura del sistema di calcolo Utilizzo in modalità console del sistema

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline a CPU molto complesse per applicazioni ad

In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline a CPU molto complesse per applicazioni ad Principi di architetture dei calcolatori: l architettura ARM. Mariagiovanna Sami Che cosa è ARM In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline

Dettagli

Linux lo installo a 32 o 64 bit? (teoria e pratica)

Linux lo installo a 32 o 64 bit? (teoria e pratica) Linux lo installo a 32 o 64 bit? (teoria e pratica) Roberto Metere 26 ottobre 2013 Accenni teorici E ad un certo punto... più bit Compatibilità e innovazione Sfida teorica Test pratici Sistema di riferimento

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Fondamenti di Informatica Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Perché studiare informatica? Perché l informatica è uno dei maggiori settori industriali, e ha importanza strategica Perché, oltre

Dettagli

L HARDWARE parte 1 ICTECFOP@GMAIL.COM

L HARDWARE parte 1 ICTECFOP@GMAIL.COM L HARDWARE parte 1 COMPUTER E CORPO UMANO INPUT E OUTPUT, PERIFERICHE UNITA DI SISTEMA: ELENCO COMPONENTI COMPONENTI NEL DETTAGLIO: SCHEDA MADRE (SOCKET, SLOT) CPU MEMORIA RAM MEMORIE DI MASSA USB E FIREWIRE

Dettagli

CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08

CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08 CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08 Il Sistema Operativo Architettura del Software Software = insieme (complesso) di programmi. Organizzazione a strati, ciascuno con funzionalità di livello più

Dettagli

Athlon 64. di dicembre sono ufficialmente disponibili a listino i primi processori Athlon 64 X2 realizzati

Athlon 64. di dicembre sono ufficialmente disponibili a listino i primi processori Athlon 64 X2 realizzati I nuovi Athlon 64 AMD vara il nuovo processo produttivo che nel corso del 2007 sarà utilizzato per la produzione dei primi Athlon 64 a quattro core. Intanto prende forma il progetto Fusion che vedrà la

Dettagli

ACER TABLET A500 32GB

ACER TABLET A500 32GB HARDWARE A PREZZI CONTENUTI ACER TABLET A500 32GB La mobilità e l innovazione hanno sempre fatto parte del DNA di Acer. Oggi trovano una nuova forma di espressione in Acer ICONIA TAB A500 concepito per

Dettagli

2. Allestire un laboratorio virtuale attraverso un software di virtualizzazione. In questo corso utilizzeremo Microsoft Virtual P C 2004 SP 1

2. Allestire un laboratorio virtuale attraverso un software di virtualizzazione. In questo corso utilizzeremo Microsoft Virtual P C 2004 SP 1 Introduzione: Allestimento di un laboratorio virtuale (1) Come esercitarsi Terminata la parte introduttiva nella quale abbiamo rapidamente analizzato le problematiche legate alla sicurezza informatica,

Dettagli

Corso di Informatica I Prof. Giovanni Giuffrida

Corso di Informatica I Prof. Giovanni Giuffrida Corso di Informatica I Prof. Giovanni Giuffrida MODULO 2 ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI COMPONENTI HARDWARE E LORO SCHEMA FUNZIONALE ARCHITETTURA DEI COMPUTER In un computer possiamo distinguere tre unità

Dettagli

Architetture DSP. Capitolo 6

Architetture DSP. Capitolo 6 Capitolo 6 Architetture DSP Un convertitore analogico-digitale (ADC) trasforma un segnale a tempo continuo in una sequenza di bit; viceversa un convertitore digitale-analogico (DAC) trasforma una sequenza

Dettagli

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo I Thread 1 Consideriamo due processi che devono lavorare sugli stessi dati. Come possono fare, se ogni processo ha la propria area dati (ossia, gli spazi di indirizzamento dei due processi sono separati)?

Dettagli

Calcolatori Elettronici L-A

Calcolatori Elettronici L-A 1 Calcolatori Elettronici L-A Obiettivo del modulo è lo studio dei seguenti aspetti dell hardware dei calcolatori: l architettura i principi di funzionamento le tecniche di progettazione l impatto dell'architettura

Dettagli

Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection

Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection Caratteristiche di GCC Compilatore multipiattaforma modulare Disponibile per tutti i principali sistemi operativi Può produrre programmi per la maggior parte

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

Non esistono solo i PC! Fortunatamente!

Non esistono solo i PC! Fortunatamente! Non esistono solo i PC! Fortunatamente! 1 Come per i mezzi di trasporto 2 Non esistono solo le automobili!!! 3 In informatica.. Non esistono solo i PC (*) Ma anche tantissime altre varietà di oggetti intelligenti

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La Pipeline Superpipeline Pipeline superscalare Schedulazione dinamica della pipeline Processori reali: l architettura Intel e la pipeline dell AMD Opteron X4 Ricapitolando Con

Dettagli

Parte IV Architettura della CPU

Parte IV Architettura della CPU Parte IV Architettura della CPU IV.1 Pinout Logico del µp Significato dei vari Pin Indirizzamento Dati Controllo Controllo del ciclo di bus Gestione delle interruzioni Arbitraggio del bus Gestione del

Dettagli