Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti"

Transcript

1 Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi comuni d investimento mobiliare di diritto italiano ai propri partecipanti è contenuto nell art. 9 della Legge n. 77/83, per quanto riguarda i fondi di tipo aperto, e nell art. 11 della Legge n. 344/93, per quanto riguarda i fondi di tipo chiuso, risultando pressoché identico in quanto le disposizioni (temporalmente successive) dettate in materia di fondi chiusi ricalcano in maniera quasi pedissequa quelle dettate con riferimento ai fondi aperti (1). Dall esame delle predette norme si ricava che la relativa disciplina non è univoca ma varia in funzione dello status soggettivo (i.e.: esercente o meno attività d impresa) del soggetto percettore i proventi distribuiti dal fondo, non assumendo rilievo il fatto che lo stesso sia fiscalmente residente in Italia o all estero. Una particolare disposizione riguardante i soggetti non residenti che conseguono proventi erogati da fondi comuni di investimento mobiliari di diritto italiano, invece, è contenuta nell art. 9, comma 1, del D.Lgs. 461/97, il quale riconosce a tali soggetti, ricorrendone i presupposti, il diritto al pagamento di una somma pari al 15% ovvero al 6% dei proventi percepiti, a seconda della misura dell imposta sostitutiva assolta dal fondo. L individuazione del regime fiscale delle somme distribuite da fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano a soggetti non residenti richiede quindi un analisi sistematica delle norme richiamate, ed in particolare la definizione, nell ambito delle varie fattispecie prospettabili, di ciò che costituisce provento e ciò che invece costituisce mero rimborso ai propri partecipanti delle quote sottoscritte. Nell analisi che segue, attesa la sostanziale uniformità della disciplina, quando si parlerà genericamente di fondi si farà indifferentemente riferimento ad entrambe le categorie sopra menzionate (fondi mobiliari di tipo aperto e chiuso). 1. Il regime di tassazione dei proventi distribuiti dai fondi comuni d investimento mobiliare di diritto italiano 1.1 Proventi percepiti da soggetti residenti Il regime tributario applicabile ai proventi distribuiti dai fondi comuni d investimento mobiliare è differenziato a seconda che le relative quote di partecipazione siano state assunte o meno nell esercizio di imprese commerciali. La norma (2) infatti prevede che se il partecipante è una persona fisica che possiede le quote del fondo al di fuori di un attività d impresa, i relativi proventi non concorrono a formare il suo reddito imponibile. Con ciò il legislatore ha inteso evitare in radice l emersione di una doppia imposizione economica sulla stessa materia imponibile, atteso che i proventi in questione hanno già subito un imposizione in capo al fondo mediante l applicazione di un imposta sostitutiva (del 12,50% ovvero del 5%) (3). ( ) Dottore commercialista e Revisore contabile Morri e Associati - Studio legale e tributario (1) L elemento di differenziazione disciplinare più rilevante, infatti, attiene alla diversa periodicità con la quale la società di gestione deve procedere alla redazione del prospetto riguardante il calcolo del patrimonio del fondo: giornaliera per i fondi aperti, semestrale per i fondi chiusi. (2) Cfr. art. 9, comma 3, della L. 77/83, per quanto concerne i fondi aperti, e art. 11, comma 4, della L. 344/93, per quanto concerne i fondi chiusi. (3) La legge prevede che i fondi comuni d investimento mobiliare nazionali non sono soggetti alle imposte sui redditi ma scontano (segue) 170

2 Se invece il partecipante (sia esso persona fisica o società/ente) detiene le quote del fondo nell ambito della propria attività d impresa, i proventi rivenienti dalla partecipazione al fondo medesimo concorrono a formare il reddito d impresa del soggetto nel periodo d imposta in cui sono percepiti (secondo il principio di cassa), a prescindere dal fatto che gli stessi (proventi) siano stati iscritti in un precedente bilancio. Tuttavia, al fine di evitare il profilarsi sul medesimo reddito di una doppia imposizione economica (una prima volta in capo al fondo e una seconda volta in capo all impresa percipiente), la legge riconosce un credito d imposta (pari al 15% ovvero del 6%) (4) commisurato ai proventi distribuiti che hanno già scontato l imposizione in capo al fondo. Ciò detto si osserva che sia l esenzione, prevista per i soggetti che detengono le quote non in regime di impresa, sia il credito d imposta, previsto per i soggetti che invece le possiedono nell ambito dell attività di impresa, sono accordati (solo) fino a concorrenza dei proventi già assoggetati ad imposizione in capo al fondo. Al fine di applicare correttamente le disposizioni di cui si discute, dunque, assume fondamentale rilievo stabilire cosa debba intendersi per proventi già assoggettati ad imposizione in capo al fondo. Al riguardo le norme dettate nell ambito della disciplina dei fondi mobiliari (5) rinviano espressamente a quanto stabilito dal comma 4-bis dell art. 42 del TUIR (corrispondente al comma 4-bis dell art. 45 del vigente TUIR), recante disposizioni in merito alla determinazione dei redditi di capitale. Tale ultima norma prevede che le somme distribuite (anche in sede di riscatto o di liquidazione) da tali organismi d investimento collettivo mobiliari costituiscono proventi per un importo corrispondente alla differenza positiva tra l incremento di valore delle.. quote rilevato alla data della distribuzione.. e l incremento di valore delle.. quote rilevato alla data di sottoscrizione o acquisto. L incremento di valore delle.. quote è rilevato dall ultimo prospetto predisposto dalla società di gestione. La norma richiamata identifica dunque come provento il solo differenziale di quotazione positivo risultante dai prospetti periodici predisposti dalla società di gestione; pertanto, le eventuali somme percepite in misura eccedente rispetto al reddito di pura partecipazione al fondo (conseguibili allorché il partecipante acquisti o ceda le quote al di fuori delle strutture di servizio del fondo medesimo) non possono qualificarsi sotto il profilo fiscale come provento di partecipazione come sopra definito. Scopo della norma, quindi, è quello di quantificare in modo puntuale, nell ambito delle somme complessivamente percepite dal sottoscrittore, la quota di esse che ha già scontato l imposta sostitutiva del 12,50% (ovvero del 5%) da quella eventualmente eccedente che, non avendo scontato la detta imposta sostitutiva in capo al fondo, deve essere assoggettata autonomamente ad imposizione in capo al sottoscrittore. Distinguendo la posizione dei soggetti che detengono le quote non in regime di impresa da quelli che invece le possiedono in tale ambito, quanto sopra enunciato comporta che: in capo ai soggetti non imprenditori risulteranno non assoggettate ad imposizione le sole somme percepite nei limiti dei proventi di pura partecipazione al fondo (che, in quanto tali, hanno già scontato l imposta sostitutiva in capo allo stesso), mentre saranno assoggettate ad imposizione come redditi diversi rientranti nell ambito applicativo dell art. 67, comma 1, lett. c-ter) del TUIR le somme (plusvalenze) eventualmente percepite in misura eccedente; in capo ai soggetti che detengono le quote del fondo nell ambito dell attività d impresa, le somme complessivamente rivenienti dalla partecipazione al fondo medesimo concorreranno in ogni caso a formare il reddito d impresa nel periodo d imposta in cui sono percepiti, ma ai detti soggetti sarà attribuito un corrispondente credito d imposta, teso ad annullare una doppia imposizione (una prima volta in capo al fondo e una seconda volta in capo all impresa percipiente), solo (segue nota 3) un imposta sostitutiva da applicarsi sul risultato della gestione maturato nel periodo di imposta. La misura dell imposta sostitutiva ordinariamente applicabile è del 12,50%, ma per i fondi specializzati in società quotate di piccola e media capitalizzazione è del 5%. Ciò detto, per completezza si fa rilevare che, ai sensi dell art. 9, comma 4, del D.Lgs. 461/97, i fondi di diritto italiano le cui quote sono sottoscritte esclusivamente dai soggetti non residenti di cui all art. 6 del D.Lgs. 239/96 (soggetti appartenenti a Paesi che garantiscono un adeguato scambio di informazioni con l Italia), sono esenti dall applicazione dell imposta sostitutiva in questione, altrimenti dovuta con le aliquote del 12,50% ovvero del 5%. (4) Tale credito d imposta spetta nella misura del 15% nel caso in cui i proventi siano erogati da organismi di investimento collettivo soggetti ad imposta sostitutiva con aliquota del 12,50%, e nella misura del 6% qualora i proventi siano erogati da organismi soggetti ad imposta sostitutiva con aliquota del 5%. La norma, evidentemente, mira ad assicurare che l ammontare delle somme chieste a rimborso dai soggetti non residenti non ecceda quella dell imposta sostitutiva prelevata in capo al fondo. (5) Cfr. art. 9, comma 3, della L. 77/83, per quanto concerne i fondi aperti, e art. 11, comma 4, della L. 344/93, per quanto concerne i fondi chiusi. 171

3 fino a concorrenza dei proventi di pura partecipazione già tassati. Le somme eventualmente percepite in misura eccedente il rendimento finanziario puro, non avendo scontato l imposizione in capo al fondo, non concorrerebbero a costituire la base di computo del credito d imposta e, di conseguenza, resterebbero assoggettate ad imposizione in capo all impresa. 1.2 Proventi percepiti da soggetti non residenti Considerato che le norme di riferimento non operano distinzioni tra soggetti percettori residenti e non residenti, il regime fiscale relativo ai proventi percepiti da questi ultimi deve essere ricavato sulla base delle disposizioni generali sopra esaminate, integrate da quelle specificamente recate dall art. 9 del D.Lgs. 461/97. Nel caso di proventi erogati da fondi comuni d investimento mobiliare di diritto italiano a soggetti non residenti, quindi, assume anzitutto rilievo verificare se il soggetto estero eserciti o meno un attività d impresa in Italia mediante una stabile organizzazione. Nel caso di possesso di una stabile organizzazione nel territorio dello Stato italiano, cui le quote del fondo sono direttamente connesse, si rende applicabile la medesima disciplina prevista per i proventi percepiti da soggetti residenti che hanno acquisito le quote del fondo nell esercizio di imprese commerciali. Pertanto, i proventi distribuiti dal fondo: (i) concorreranno a formare, nell esercizio in cui sono percepiti (secondo il principio di cassa, quindi), il reddito d impresa prodotto dalla stabile organizzazione in Italia, a nulla rilevando il fatto che essi siano stati iscritti in bilancio in un precedente esercizio e (ii) attribuiranno al percettore, nel medesimo esercizio di tassazione, il diritto a fruire di un credito d imposta pari al 15% dei proventi stessi, al fine di neutralizzare una eventuale doppia imposizione economica (una prima volta in capo al fondo e una seconda volta in capo all impresa percipiente) sulla stessa materia imponibile. Il credito d imposta è però accordato (solo) fino a concorrenza dei proventi già assoggettati ad imposizione in capo al fondo (proventi di pura partecipazione), e non anche sulle eventuali maggiori somme incassate dal partecipante. Il predetto credito, il cui scomputo non è subordinato a nessuna particolare formalità di carattere documentale (6), può essere fatto valere direttamente in sede di dichiarazione dei redditi. Qualora invece i partecipanti (non residenti) al fondo siano persone fisiche che detengono le quote al di fuori dell esercizio di un attività d impresa, ovvero società ed enti che non possiedono una stabile organizzazione in Italia, si rende applicabile il medesimo regime impositivo previsto per i proventi percepiti da soggetti residenti che hanno acquisito le quote del fondo al di fuori dell esercizio di imprese commerciali, in base al quale gli stessi non concorrono a formare il reddito dei percipienti. Come accennato in premessa, però, nel caso di soggetti non residenti rientranti in questa seconda categoria (soggetti, cioè, che non esercitano una attività d impresa in Italia per il tramite di una stabile organizzazione (7) ), l art. 9, comma 1, del D.Lgs. 461/97 attribuisce comunque agli stessi, a fronte dell assoggettamento del fondo ad un imposta sostitutiva del 12,50% (ovvero del 5%), il diritto al pagamento di una somma pari al 15% (6%) dei proventi percepiti (8). Tale pagamento assolve la funzione di restituzione dell imposta sostitutiva assolta sul risultato maturato dai fondi medesimi. A differenza dei percettori (non imprenditori) residenti in Italia, quindi, quelli esteri (non imprenditori o anche imprenditori ma che non esercitano un attività d impresa in Italia per il tramite di una stabile organizzazione) non scontano nemmeno l imposizione a monte sul fondo, in quanto questa viene ad essere neutralizzata dal riconoscimento del suddetto importo a credito. L obiettivo che il legislatore ha inteso perseguire con la previsione in esame è di uniformare la tassazione in capo ai soggetti non residenti di talune tipologie di redditi di capitale e di natura finanziaria relativamente alle quali, al ricorrere di determinate condizioni, la normativa interna accorda un regime di esenzione da imposta (9). La mancata estensione (6) Cfr. in tal senso ASSOGESTIONI, circolare 22 gennaio 1998, n. 139, par (7) Ai soggetti che esercitano un attività d impresa in Italia per il tramite di una stabile organizzazione, infatti, è riconosciuto il credito d imposta del 12,50% o del 6% al fine di neutralizzare la doppia imposizione economica che avrebbero altrimenti subito. (8) Come già evidenziato, relativamente ai fondi specializzati in società quotate di piccola e media capitalizzazione, soggetti ad imposta sostitutiva del 5%, è previsto il pagamento di una somma pari al 6% dei proventi percepiti. (9) Trattasi, ad esempio, degli interessi, premi e altri frutti di cui all art. 2, comma 1, del D.Lgs. n. 239/96 (ossia dei proventi derivanti dalle obbligazioni emesse dai c.d. grandi emittenti ); redditi di cui all art. 26-bis del DPR 600/73 (e, cioè, gli interessi derivanti da depositi e conti correnti diversi da quelli bancari e postali, le rendite perpetue (segue) 172

4 del titolo dell esenzione anche in capo ai fondi di diritto nazionale, infatti, avrebbe determinato un trattamento fiscale penalizzante per questi ultimi, inducendo gli investitori non residenti a preferire altre forme di investimento diretto rispetto alla sottoscrizione di quote dei fondi. Ciò detto, per effetto del richiamo contenuto nel comma 3 del sopra citato art. 9, la nozione di soggetti non residenti valida ai fini dell applicazione della normativa in esame è quella prevista dall art. 6, comma 1, del D.Lgs. 239/96, che individua i soggetti residenti in Paesi che consentono un adeguato scambio di informazioni con l Italia (10). Le disposizioni attuative concernenti il rimborso del credito d imposta sono contenute principalmente nel decreto ministeriale 16 dicembre 1999, n. 546, emanato in forza di quanto previsto dall art. 9, comma 5, del D.Lgs 461/97. In base al citato decreto, l ottenimento del rimborso è subordinato alla condizione che il soggetto non residente ne faccia richiesta, entro il 31 dicembre dell anno in cui il provento è stato percepito, alla società di gestione del fondo comune di investimento (11). A tal fine, inoltre, è necessario che (i) all atto del deposito dei titoli presso la banca depositaria i soggetti non residenti presentino un attestazione dell Autorità fiscale del Paese ove risiedono che comprovi la residenza nello Stato medesimo; e che (ii) al momento della richiesta di pagamento gli stessi presentino un ulteriore attestazione dell Autorità fiscale del Paese di residenza, comprovante le medesime condizioni di cui al punto precedente, qualora sia decorso più di un anno dalla presentazione della prima. In alternativa alla presentazione delle attestazioni dell Autorità fiscale del Paese estero, i soggetti non residenti possono utilizzare anche lo schema di autocertificazione di cui al DM 12 dicembre 2001 (12). La presentazione di detta autocertificazione deve essere effettuata in ogni caso all atto del deposito delle quote presso la banca depositaria e ha validità fino a revoca. Il pagamento è disposto dalla società di gestione, per il tramite della banca depositaria, computandolo in diminuzione dei versamenti dell imposta sostitutiva sul risultato della gestione degli organismi di investimento da essa gestiti, a decorrere dalle rate relative al periodo di imposta precedente. È espressamente previsto che il pagamento non può essere richiesto all Amministrazione finanziaria (13). Tale ultima circostanza presuppone dunque che il non residente possa ottenere il rimborso (solo) nei limiti in cui la società di gestione presenti un debito d imposta, indipendentemente dal periodo in relazione al quale il debito in parola è sorto. Al riguardo infatti è previsto che l imposta sostitutiva del 12,50% dovuta dal fondo (per il tramite della società di gestione), determinata alla fine di ogni anno, deve essere versata in undici rate, a partire dal mese di febbraio successivo, al netto delle somme riconosciute ai non residenti (14). Al fine di rendere più snella e immediata tale procedura di restituzione, quindi, il soggetto non residente potrà conseguire fin dalla data della presentazione della domanda di rimborso la restituzione dell imposta sostitutiva, ovviamente nei limiti di capienza delle rate ancora da versare dell imposta relativa all anno precedente. Per meglio comprendere quanto appena affermato si consideri il seguente esempio. (segue nota 9) e prestazioni annue perpetue di cui agli artt e 1869 c.c., i compensi per prestazioni di fideiussione o altra garanzia, i proventi derivanti da riporto e pronti contro termine su titoli e valute e i proventi derivanti dal mutuo di titoli garantito; redditi diversi di natura finanziaria di cui all art. 67, comma 1, lett. da c-bis) a c-quinquies), del DPR n. 917/86 (TUIR). (10) Trattasi dei paesi c.d. white list, individuati fino ad oggi dal D.M. 4 settembre 1996 e successive modificazioni e integrazioni. Al riguardo va però considerato che la legge Finanziaria per il 2008 (Legge n. 244/07) ha introdotto nuovi criteri per l individuazione degli Stati esteri (c.d. white list) nei cui confronti l ordinamento italiano è disposto ad assicurare regimi di esenzione o di esclusione per determinati redditi o proventi ovvero regimi non penalizzanti. In particolare, è prevista l emanazione di un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze con il quale saranno individuati gli Stati e i territori che consentono un adeguato scambio di informazioni anche ai fini della disposizione contenuta nell art. 9, comma 3, del D.Lgs. n. 461/97. Tuttavia va altresì sottolineato che detto decreto avrà effetto a decorrere dal periodo di imposta che inizia successivamente alla data di pubblicazione dello stesso nella Gazzetta Ufficiale, per cui fino al periodo di imposta precedente continueranno ad applicarsi le regole vigenti al 31 dicembre (11) La richiesta di pagamento in esame può essere redatta in forma libera ma deve necessariamente contenere i seguenti dati: (a) generalità del soggetto non residente; (b) codice di identificazione estero attribuito dall Autorità fiscale del Paese di residenza o, in mancanza, da un Autorità amministrativa; (c) Stato estero di residenza e relativo codice; (d) località di residenza estera e relativo indirizzo; (e) denominazione dell organismo di investimento; (f) ammontare del provento conseguito e maturato. (12) Nel caso in cui venga utilizzato lo schema di autocertificazione previsto dal DM 12 dicembre 2001, nella richiesta di rimborso i soggetti non residenti possono evitare di indicare i dati già contenuti nel predetto schema. (13) Cfr. art. 9, comma 1, D.Lgs. 461/97, ultimo periodo. (14) Cfr. art. 9, comma 2, L. 77/83 relativamente ai fondi di tipo aperto e art. 11, comma 2, L. 344/93 relativamente ai fondi di tipo chiuso. 173

5 Nel mese di marzo 2007 un soggetto non residente percepisce dei proventi da parte del fondo. Egli ha tutto l interesse a produrre subito la richiesta di rimborso, pure in pendenza del termine del 31 dicembre 2007, in quanto può ottenere subito la restituzione delle somme spettanti nei limiti delle rate ancora da versare dell imposta sostitutiva relativa al Così facendo, la società di gestione riuscirebbe a garantire il rimborso anche qualora il fondo dovesse presentare, per l anno 2007, un risultato di gestione negativo che gli impedirebbe di liquidare una imposta sostitutiva a debito. Per contro, qualora non dovesse risultare un debito d imposta residuo relativo al periodo precedente (2006), anche relativo ad altri fondi gestiti dalla medesima società, l effettuazione del rimborso dovrà essere necessariamente subordinata alla liquidazione dell imposta sostitutiva relativa al periodo 2007 (o successivi). In relazione a quanto precede si evince chiaramente come i soggetti non residenti abbiano tutto l interesse a presentare la richiesta di rimborso di cui all art. 9, del D.Lgs. 461/97 non appena incassati i proventi dal fondo, e ciò al fine di minimizzare il rischio di non poter recuperare l imposta assolta dal fondo per mancanza di un corrispondente debito di imposta in capo alla società di gestione. CHECK LIST Il regime fiscale dei proventi distribuiti da fondi comuni d investimento mobiliare di diritto italiano a soggetti non residenti si differenzia a seconda che detti soggetti esercitino o meno un attività d impresa in Italia mediante una stabile organizzazione; Nel caso di possesso di una stabile organizzazione nel territorio dello Stato italiano, cui le quote del fondo sono direttamente connesse, i proventi distribuiti dal fondo concorrono a formare, nell esercizio di percepimento (secondo il principio di cassa, quindi) il reddito d impresa della stabile organizzazione, ma attribuiscono contestualmente al percettore un credito d imposta pari al 15% dei proventi già assoggettati a tassazione in capo al fondo. Il suddetto credito può essere fatto valere direttamente in sede di dichiarazione dei redditi; Nel caso in cui i partecipanti al fondo non residenti sono persone fisiche non imprenditori, i proventi distribuiti dal fondo non concorrono a formare il reddito dei percipienti; Sempre nel caso di percipienti non residenti che si qualificano come persone fisiche non imprenditori, se risiedono in Paesi c.d. white list, ad essi spetta inoltre il diritto al pagamento di una somma pari 15% (ovvero 6%) dei proventi percepiti. L ottenimento del rimborso di tale importo è subordinato alla condizione che detti soggetti ne facciano richiesta, entro il 31 dicembre dell anno in cui il provento è stato percepito, alla società di gestione del fondo secondo le modalità stabilite dal D.M. n. 546/99 (cfr. paragrafo 1.2). 174

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 01 aprile 2016

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 01 aprile 2016 CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 aprile 2016 OGGETTO: Problematiche relative alla tassazione di capitali percepiti in caso di morte in dipendenza di contratti di assicurazione vita

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale Redditi di capitale Redditi di capitale - art. 44, co. 1 L art. 44 individua i redditi di capitale con una elencazione esaustiva, ma al tempo stesso si chiude (alla lett. h) del comma 1) con una fattispecie

Dettagli

3. Regime fiscale dei partecipanti... 15

3. Regime fiscale dei partecipanti... 15 Circolare n. 33/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 luglio 2011 OGGETTO: Articolo 2, commi da 62 a 79, del decreto-legge del 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla legge 26

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014 CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Ro Roma, 27 giugno 2014 OGGETTO: Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria. Articoli 3 e 4 del decreto legge 24 aprile 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 151/E. Roma, 11 giugno 2009

RISOLUZIONE N. 151/E. Roma, 11 giugno 2009 RISOLUZIONE N. 151/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 giugno 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 - Redditi di capitale corrisposti a soggetti non

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO SUPPLEMENTO per l aggiornamento dell informativa fiscale riportata nel Prospetto Completo relativo all offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano

Dettagli

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione 470 APPROFONDIMENTO La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione di Enzo Mignarri Con il D.L. n. 216/2011 c.d. mille proroghe e con tre decreti

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali e provinciali. Agli Uffici locali. Al Comando Generale della Guardia di Finanza

CIRCOLARE N. 2/E. Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali e provinciali. Agli Uffici locali. Al Comando Generale della Guardia di Finanza CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi di Capitale e Diversi Roma, 15 febbraio 2012 Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti

La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti Pag. 390 n. 4/2000 29/01/2000 La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti di Gianfilippo Scifoni Il decreto legislativo n. 505/1999 (1) ha introdotto una serie di sensibili

Dettagli

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A.

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. RISOLUZIONE N. 170/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2005 OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. Con l interpello specificato in oggetto,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 febbraio 2012 OGGETTO: Riorganizzazione della disciplina fiscale dei fondi immobiliari chiusi. Articolo 32 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/E. Roma, 28 novembre 2011 OGGETTO :

CIRCOLARE N. 51/E. Roma, 28 novembre 2011 OGGETTO : CIRCOLARE N. 51/E Roma, 28 novembre 2011 Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Agevolazioni Fiscali OGGETTO : Articolo 1 del decreto-legge 13 maggio 2011,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/E. Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 51/E. Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 51/E Roma, 28 novembre 2011 Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Agevolazioni Fiscali Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

Gli interessi su prestiti obbligazionari emessi

Gli interessi su prestiti obbligazionari emessi Obbligazioni Il regime fiscale delle obbligazioni di Gianluca Odetto (*) 1 Gli interessi su prestiti obbligazionari emessi in Italia sono assoggettati a un regime fiscale articolato essenzialmente in base

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014 CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 maggio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1.

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1. LEGGE 21 novembre 2000, n.342 Misure in materia fiscale. Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Sezione I Disposizioni in materia di redditi di impresa Art. 1. (Disposizioni in materia di

Dettagli

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone)

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Nel Quadro RT del modello Unico PF 2015 devono essere dichiarate le plusvalenze e le minusvalenze di natura finanziaria,

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Fisco e Tributi Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Dal 1 luglio è stata modificata l aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi 1369 ATTUALITÀ Circolare n. 2/E del 15 febbraio 2012 Disciplina dei fondi immobiliari chiusi di Massimo Gabelli e Roberta De Pirro (*) Con la circ. n. 2/E del 15 febbraio 2012, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI

LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI Con la pubblicazione sulla G.U. 24.4.2014, n. 95 è entrato in vigore, a decorrere dal 24.4.2014, il DL n. 66/2014, Decreto Renzi, nell ambito del quale, oltre ad una serie di

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017.

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento espone il regime fiscale

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

Tassazione delle rendite finanziarie

Tassazione delle rendite finanziarie Tassazione delle rendite finanziarie Qual'è la normativa di riferimento per il calcolo della ritenuta fiscale sulle rendite finanziarie? Trattasi del Decreto Legge n. 66 del 24 aprile 2014 Misure urgenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA Le problematiche che attengono alla concessione di un finanziamento da parte dei soci di una società sono diverse, a secondo che si

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017.

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II I termini in maiuscolo non definiti nel presente Regolamento hanno il significato agli stessi

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

TASK FORCE ASSOGESTIONI. Documento conclusivo

TASK FORCE ASSOGESTIONI. Documento conclusivo TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L implementazione della riforma della tassazione dei fondi comuni Giugno 2011 Task force assogestioni per l implementazione della riforma della tassazione dei fondi comuni Giugno

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Aggiornato alla legge n. 190 del 23 dicembre 2014 ( legge di

Dettagli

AXA progetto pensione più

AXA progetto pensione più AXA progetto pensione più PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE allegato alla nota informativa edizione 2015 AXA Assicurazioni S.p.A. AXA progetto

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti Unico PF 2012: dividendi e capital gain Nel corso del 2011 sono state apportate modifiche rilevanti alla fiscalità finanziaria: il D.L. n.138/11 ha cambiato

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno www.csvbelluno.it 1

Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno www.csvbelluno.it 1 CIRC.MIN. 213/E/2000 Modifiche alla disciplina tributaria dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria. D.lgs. 505/1999 e d.lgs. 221/2000 INDICE 1 La nuova disciplina degli interessi

Dettagli

Roma, 6 dicembre 2011

Roma, 6 dicembre 2011 CIRCOLARE N.53/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 dicembre 2011 OGGETTO: Chiarimenti in tema di trattamento fiscale delle perdite d impresa ai sensi del decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011, convertito

Dettagli

NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI

NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI 1. Il regime fiscale delle SICAF. Tra le novità fiscali, va, innanzitutto, segnalato che l art.

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option

Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option n. 4/2000 Pag. 385 Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option di Gianfilippo Scifoni Il decreto legislativo n. 505/1999 (1) ha apportato sostanziali modificazioni al meccanismo impositivo

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 092 05 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 58/E Roma, 27 febbraio 2002 OGGETTO: Interpello n.954-130/2001. Articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n.212. Contratto di tesoreria accentrata Cash pooling. Applicabilità del regime di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli