Il Medico Competente nel Sistema Prevenzionale. Tutela di apprendisti, lavoratrici madri, minori (dr. Francesco Nollino Dir. Prov.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Medico Competente nel Sistema Prevenzionale. Tutela di apprendisti, lavoratrici madri, minori (dr. Francesco Nollino Dir. Prov."

Transcript

1 Il Medico Competente nel Sistema Prevenzionale Tutela di apprendisti, lavoratrici madri, minori (dr. Francesco Nollino Dir. Prov. di Como) INDICE 1. PREMESSA 2. LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA 3. LA CLASSIFICAZIONE DELLE VISITE MEDICHE 4. LE VISITE MEDICHE OBBLIGATORIE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI 5. LA SORVEGLIANZA MEDICA SPECIALE 5.1. LA TUTELA DEI FANCIULLI E DEGLI ADOLESCENTI 5.2. LA TUTELA DELL APPRENDISTATO 5.3. LA TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI 6. CONCLUSIONI 1. PREMESSA Prima di passare in rassegna gli istituti c.d. speciali: apprendistato lavoratrici madri - minorenni, correlati alla figura del medico competente, pare utile annotare alcuni concetti preliminari alla materia in trattazione. Nell architettura del quadro normativo tracciato dal D.Lgs n.626/94, l analisi degli istituti di tutela sanitaria dei lavoratori, non può prescindere, nella sua genesi precettizia, dal basilare obbligo, incombente su ogni datore di lavoro, della valutazione dei rischi, pilastro della nuova concezione della sicurezza nei luoghi di lavoro di ispirazione comunitaria. E in questa particolare incombenza, infatti, che deve trovare posto un analisi delle possibili malattie (tecnopatie) derivanti dalla particolarità del lavoro. Nella prima fase dell onere della valutazione dei rischi (art.4 del D.Lgs. n.626/94) il datore di lavoro non deve limitarsi a descrivere i rischi per la sicurezza dei lavoratori bensì deve individuarli per poterli eliminare.

2 La giurisprudenza di legittimità ricorda in proposito (Cass.pen., IV, 3/11/1989, n.14396) che non costituisce reato in sé provocare una malattia professionale, bensì il non avere adottato tutte le misure tecniche possibili per prevenirla. In linea, pertanto, con il tenore della previsione dell art.4 del D.Lgs. n.626/94, la valutazione dei rischi deve essere concepita in modo da individuare le misure che consentano di eliminare o, almeno, ridurre al minimo tecnicamente fattibile, i rischi individuati. A tal proposito, però, va ricordato che l onere della sorveglianza sanitaria non è secondo legge generalizzato, per espressa ed inconfutabile previsione dell art.16, comma 1, del D.Lgs. n.626/94, che recita la sorveglianza sanitaria è effettuata nei casi previsti dalla normativa vigente In considerazione,quindi, della delicatezza e dell insindacabilità della materia sanitaria, viene spontaneo porre alcune domande tese a far riaprire un dibattito(a mio sommesso parere da tempo trascurato) sul rapporto del medico competente nel sistema prevenzionale. In particolare ci si domanda : - come è possibile, in pratica, che il datore di lavoro stabilisca serenamente se nel proprio ambiente di lavoro le singole lavorazioni possano esporre o meno i singoli lavoratori a rischi di tecnopatie? - Di quale immane bagaglio professionale dovrebbe disporre il povero datore di lavoro per essere in grado di rispondere a tale complesso quesito che lo esporrebbe ad apprezzamenti e valutazioni di riflessi sanitari di comprensibile e particolare delicatezza? - Come potrebbe, in altri termini, costui avere autonoma conoscenza dei danni biologici che la prolungata esposizione a determinate sostanze nocive può provocare e degli effetti sinergici? - Come conoscere adeguatamente i rischi potenziali delle singole lavorazioni e stimarli in rapporto alle condizioni fisiche soggettive? In realtà, non è questo che si chiede al vertice della responsabilità aziendale! Ragioni di opportunità e diligenza, tuttavia, muoveranno il datore di lavoro più prudente o quello consapevole della complessità dei rischi presenti nell attività imprenditoriale esercitata, a richiedere, ad esempio, in occasione del non facile impegno della valutazione dei rischi, anche e soprattutto l apporto collaborativo di un medico competente. Ciò non significa che tale prestazione, ove facoltativamente e sensatamente richiesta, debba necessariamente preludere ad un vincolo professionale con il sanitario. L art. 4, comma 6, in proposito, rammenta che il datore di lavoro ha l obbligo di richiedere la collaborazione del medico competente (unitamente a quella del "responsabile del servizio di prevenzione e protezione ) solo nei casi in cui sia obbligatoria la sorveglianza sanitaria, intesa necessaria, concettualmente, ad opera del medico competente, a gestire il rischio residuo di tecnopatie. Un consulto facoltativo del professionista sanitario appare peraltro più che opportuno in sede di ricognizione dei rischi, laddove, ad esempio, possa servire ad eliminare, qualora possibile e compatibile con le esigenze tecniche e/o produttive, talune sostanze pericolose o nocive o, addirittura, determinate metodiche lavorative, eliminando nel contempo l onere delle visite mediche obbligatorie e quindi quello sistematico del vincolo della sorveglianza sanitaria, in quanto non prevista. Tanto appare in linea, oltretutto, con il disposto dell art.3 del D.Lgs. n.626/94 che, fra le misure generali di tutela per la protezione della salute e per la sicurezza, oltre all eliminazione o alla riduzione dei rischi, prevede specificamente la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso.

3 Della particolare attenzione e sensibilità del legislatore del D. Lgs. 626/94 riservate agli indiscussi valori della sorveglianza sanitaria, inserita con posto d onore nel sistemaprevenzionale, è testimonianza la codificazione di obblighi penalmente sanzionati. Il datore di lavoro soggiace, ad esempio, ai sensi dell art.4, co.4, lett.c, della mancata nomina del medico competente, alla penalità ex art.89, co.2, lett. "b. Parimenti il datore di lavoro in attività non soggetta alla sorveglianza sanitaria, in una interpretazione alquanto estensiva, ha l obbligo ex art. 4 comma 5 lett. c nell affidare i compiti ai suoi dipendenti deve tener conto delle capacità in rapporto alla loro condizione di salute. (penalità ex art.89, co.2, lett. "b ). Lo stesso lavoratore, ai sensi dell art.5, co.2, quando non si sottoponga ai previsti controlli sanitari o non collabori all adempimento di tutti gli obblighi vigenti tesi alla tutela della salute durante il lavoro è punito ex art.93, co.1, lett. a. Il medico competente, a differenza di quanto prevedeva la vecchia normativa, una volta nominato risponde penalmente, in caso di inadempimento, ai sensi dell art.17, per una serie di obblighi : professionali, come l effettuazione degli accertamenti sanitari previsti per legge (penalità : art.92, lett.a); informativi, come le informazioni da fornire ai lavoratori sul significato degli accertamenti sanitari cui sono sottoposti e, nel caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine, sulla necessità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione dell attività che comporta l esposizione a tali agenti (penalità -art.92, lett.b); collaborativi, con il datore di lavoro, come nella predisposizione del servizio di pronto soccorso (penalità -art.92, lett.a); La riscoperta e la rivalutazione dell opera del professionista sanitario, del quale vengono individuati peculiari requisiti professionali specialistici e una metodica di intervento attivo nella realtà produttiva aziendale, è forse la nota più significativa nelle scelte della nuova disciplina sulla tutela della salute. E condivisa, infatti, su tutti i fronti la necessità di una svolta di metodo nella figura del medico di fabbrica : non più un professionista sedentario che certifica a tavolino, come un medico di base, l effettuazione di frettolose visite mediche preventive e periodiche), ma una nuova figura di specialista della prevenzione sanitaria nei luoghi di lavoro, anch egli protagonista nel sistema prevenzionale con nuovi e dettagliati compiti professionali, collaborativi e informativi soprarichiamati che lo vogliono attivamente vicino, anzi inserito, nelle problematiche di reparto. E questo indubbiamente il riconoscimento più gratificante per la professionalità e l impegno del medico del lavoro che, quanto più chiamato ad esperire il suo controllo sulla fonte del rischio, tanto più potrà dare il contributo più efficace ed eticamente corretto nell opera di prevenzione e di tutela della salute dalle tecnopatie. 2. LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA Ma vediamo nell attuale contesto normativo (pur frammentario e disomogeneo) come è possibile riportare entro modelli sistematici gli obblighi delle visite mediche preventive e periodiche (unitamente ai giudizi di idoneità) che, nel contesto globale della sorveglianza sanitaria, devono trovare, complementariamente, spazio e sistemazione appropriati. E necessario, a tal fine, tenere concettualmente presente che: la sorveglianza sanitaria è il complesso dell attività informativa, valutativa e di accertamento a tutela della salute dei lavoratori, ove con il termine salute si intende la idoneità psicofisica specifica a svolgere la mansione lavorativa. Tale concetto trova puntuale riscontro nella terminologia giuridica usata al secondo comma dell art.16 del D.Lgs. n.626/94, che definisce quale contenuto della sorveglianza sanitaria:

4 - gli accertamenti preventivi intesi a constatare l assenza di controindicazioni al lavoro cui i lavoratori sono destinati, ai fini della valutazione della loro idoneità alla mansione specifica; - gli accertamenti periodici per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica. Detti accertamenti (comma 3) comprendono esami clinici e biologici e indagini diagnostiche mirati al rischio e ritenuti necessari dal medico competente. Poiché la sorveglianza sanitaria ha indubbie finalità di prevenzione è necessario distinguere: - la prevenzione primaria che è il complesso delle disposizioni o misure adottate o previste in tutte le fasi dell attività lavorativa per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell integrità dell ambiente esterno; - la prevenzione secondaria quale individuazione dei fattori di predisposizione e diagnosi delle malattie nonché la cura dei lavoratori. In tale distinzione comunemente accettata, la sorveglianza sanitaria rappresenta la massima espressione dell azione di prevenzione secondaria. 3. LA CLASSIFICAZIONE DELLE VISITE MEDICHE La disamina della tipologia delle visite mediche (per affrontare nel contempo aspetti suscettibili di contrasti) ha la preliminare necessità di pervenire ad una distinzione di massima tra visite mediche cd. facoltative e visite mediche obbligatorie. Nel primo gruppo (le facoltative) debbono trovare spazio quelle visite che possono essere richieste dal datore di lavoro sui propri dipendenti, finalizzate ad accertare l idoneità al lavoro e che debbono essere necessariamente eseguite attraverso le strutture pubbliche secondo la tutela di cui all art.5 dello Statuto dei lavoratori (L. n.300/70). In tal caso è posto il divieto di accertamenti da parte del datore di lavoro sull idoneità e sull infermità per malattia o infortunio del lavoratore dipendente (cfr. Cass. pen., III, 20/6/1991, n.6828).la differenza tra questi accertamenti sanitari e le visite mediche obbligatorie consiste nel fatto che il controllo di cui parla lo Statuto dei lavoratori essenzialmente riguarda l inidoneità fisica generica a riprendere un attività dopo assenze per malattie o infortuni extralavorativi, a differenza dell esistenza di idoneità specifica a continuare o meno un attività industriale che può comportare malattie professionali, da effettuarsi senza che si sia determinata assenza dal lavoro. Le visite mediche (preventive e periodiche) obbligatorie eseguite dal medico competente rappresenterebbero in un certo qual modo delle deroghe all art.5 della L. n.300/70 citata, essendo specificamente previste da una varietà di leggi disseminate in un arco di tempo di ampiezza epocale. 4. LE VISITE MEDICHE OBBLIGATORIE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI Le visite mediche finalizzate alla prevenzione della salute e dell integrità psico-fisica dei lavoratori, da eseguirsi da parte del medico competente, sono previste come in sintesi di seguito annotate, da una serie di leggi speciali disseminate nella planetaria e frammentaria normativa sulla sicurezza e l igiene del lavoro. Esse hanno carattere preventivo, da espletarsi cioè prima dell ammissione al lavoro per constatare il possesso dei requisiti di idoneità all attività alla quale i lavoratori da assumere sono destinati, e carattere periodico da eseguirsi cioè successivamente a determinati intervalli di tempo durante il rapporto di lavoro, per constatare eventuali danni psico-fisici derivanti dal lavoro svolto. Tali obblighi sono assistiti da tutela penale e le relative infrazioni costituiscono contravvenzioni punite quasi sempre con la pena dell ammenda alternativa all arresto. Esse

5 possono essere quindi estinte con la procedura prevista negli artt.20/25 del D.Lgs. n.758/94, oppure, ove questa non sia applicabile, con la procedura prevista dall art.162 bis C.P. Tali visite riguardano : 1) Lavorazioni industriali tabellate di cui all art.33 del D.P:R. n.303/56 (norme generali per l igiene del lavoro) erano previste, in un elencazione di 57 cause di rischio, lavorazioni industriali che esponevano all azione di sostanze tossiche o infettanti o comunque nocive per le quali vigeva l obbligo per i lavoratori subordinati addetti, senza distinzione di età, di essere sottoposti a visite mediche preventive e periodiche L' articolo 72 decies abolisce l'obbligatorietà delle visite mediche preventive e periodiche sulla base di un rischio tabellato, e pertanto presunto, e prescrive semplicemente l'obbligo della sorveglianza sanitaria per le sostanze classificate, tranne che nei casi di rischio moderato in cui siano state applicate le sole misure generali di prevenzione. Non è esagerato affermare che la quasi totale abolizione (da 1 a 44 e la voce 47 sostanze cancerogene) della tabella ex articolo 33 del D.P.R. n. 303/1956 è una importantissima occasione di responsabilizzazione e di maggior coinvolgimento del medico competente, chiamato ad un ruolo più pesante nella valutazione del rischio e nelle decisioni a fini di prevenzione. Ciò non comporta che necessariamente un medico competente debba esprimersi sull'attivare o meno la sorveglianza sanitaria; in fil di norma la decisione,come si diceva in premessa, spetta al datore di lavoro, che può decidere anche sulla base di evidenze in suo possesso; peraltro le società di consulenza cui assai spesso si rivolgono i datori di lavoro, specie nelle realtà di più ridotte dimensioni, si ritiene debbano avere a disposizione competenze specialistiche in grado di adeguatamente motivare la scelta.non definisce periodismi, se non genericamente «di norma una volta l'anno», dandone completa responsabilità al medico competente che ne deve motivare l'adeguatezza in fase di valutazione dei rischi; è la sostanziale istituzione del protocollo sanitario, in cui il medico competente illustra e motiva la propria attività clinica e prevenzionistica. Importante, e da sottolineare con forza, è anche il comma 8, che innesca una dinamica positiva di confronto tra servizi delle ASL e medici competenti, spostando il confronto sul piano tecnico e della professionalità e stimolando un ruolo di indirizzo e di coordinamento, anche epidemiologico, da parte della struttura pubblica. 5. LA SORVEGLIANZA MEDICA SPECIALE Forme di tutela sanitaria particolare si rinvengono in determinati istituti normativi della legislazione speciale che meritano una trattazione a parte per un necessario raccordo nella materia con i correlati adempimenti della sorveglianza sanitaria di carattere generale che spesso viene a sovrapporsi agli adempimenti di carattere speciale. 5.1 LA TUTELA DELL APPRENDISTATO Per quanto riguarda gli apprendisti ex art. 4 legge n. 25 del 1955, tuttora in vigore nonostante la riforma dell'apprendistato attuata con il decreto legislativo n. 276/2003 (cd. legge Biagi), prevede che l'assunzione dell'apprendista debba essere preceduta da visita sanitaria per l'accertamento delle condizioni fisiche che consentano l'occupazione nel lavoro per il quale deve essere assunto. A seguito delle significative modifiche apportate alla L. n.25/55 sulla disciplina dell apprendistato, dall art.16 della precedente L. n.196/97 (norme in materia di promozione dell occupazione) possono essere assunti in tutti i settori di attività, con contratto di apprendistato, i giovani di età non inferiore a 16 anni e non superiore a 24 (ovvero a 26 anni nelle aree di cui agli obiettivi n.1 e 2 de regolamento CEE n. 2081/93 del Consiglio del 20 luglio 1993 e successive modificazioni.

6 Va tenuto presente poi, che per esplicita previsione dello stesso art.16 (2 periodo) sono fatti salvi i divieti e le limitazioni previsti dalla legge sulla tutela dei fanciulli e degli adolescenti che, pertanto, si pone con carattere di specialità rispetto alla disciplina dell apprendistato. Di conseguenza, in tema di visite mediche obbligatorie, per l apprendista maggiorenne, fermo restando l osservanza della enunciata disciplina in materia di sorveglianza sanitaria, ovviamente ove richiamata nei casi previsti dalla normativa vigente, continuano ad applicarsi le previsioni di cui all art.4 della citata l. n.25/55. Tale norma condiziona l avviamento al lavoro degli apprendisti presso le imprese non artigiane al previo accertamento con visita sanitaria dell idoneità delle loro condizioni fisiche al particolare lavoro per il quale devono essere assunti. Anche gli apprendisti assunti da imprese artigiane non possono essere adibiti al lavoro prima della visita sanitaria che ha luogo dopo la comunicazione di assunzione. L accertamento è eseguito gratuitamente dall Autorità sanitaria a seguito di richiesta da parte della competente Sezione circoscrizionale del lavoro. Va evidenziato che tale obbligo è sfornito di sanzioni specifiche in quanto trattasi di atto dovuto da parte della pubblica Autorità. Per gli apprendisti soggetti poi alla sorveglianza sanitaria, in base al Dlgs n. 626/1994, sussiste anche l'obbligo di accertamenti sanitari mirati alla tutela della salute e della sicurezza del lavoratore in relazione ai rischi specifici presenti nell'azienda quali risultano dal documento di valutazione dei rischi. ADEMPIMENTI IN SINTESI I datori di lavoro che intendano assumere un apprendista(adolescente) devono sottoporlo ad una visita medica preassuntiva, per l'accertamento dell'idoneità delle condizioni fisiche al particolare lavoro per il quale deve essere assunto. Nel caso di assunzione di un apprendista minorenne, la visita medica non presenta alcuna peculiarità e sarà effettuata (a pagamento) dal medico del Servizio sanitario nazionale o dal medico competente, secondo le regole in precedenza indicate per l'assunzione dei minori. Per gli apprendisti maggiorenni, la visita medica è richiesta dal Centro per l'impiego all'azienda sanitaria locale competente per territorio, a seguito della comunicazione di assunzione del datore di lavoro. La visita medica preassuntiva dell'apprendista maggiorenne, ai sensi dell'art. 9 del Dpr 30 dicembre 1956, n. 1668, è gratuita. Occorre ricordare che il mancato assolvimento di tale obbligo, previsto dall'art. 4 della legge 19 gennaio 1955, n. 25, non è corredato da alcuna sanzione. N.B. La legge regionale n. 12 del 4 agosto 2003 non si occupa più delle seguenti visite e relativi certificati: a) il certificato di sana e robusta costituzione;b) il certificato di idoneità fisica per l'assunzione nel pubblico impiego; c) il certificato di idoneità fisica per l'assunzione di insegnanti;d) il certificato di idoneità fisica per l'assunzione di minori;e) il certificato di idoneità psicofisica per la frequenza di istituti professionali o corsi di formazione professionale»nonchè degli apprendisti, materia che tuttavia viene menzionata nella predetta circolare esplicativa della Regione (n. 33/San del 17 novembre 2003 cfr la nota successiva), secondo la quale la previsione della citata legge regionale, in tema di certificazioni di idoneità fisica per l'assunzione di minori non esposti a rischio specifico, valgono «a maggior ragione anche per gli apprendisti a prescindere dall'età anagrafica».

7 5.2. LA TUTELA DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI La L. n. 977/67, all art. 8, così come modificato dall art. 9 del D. Lgs. n. 345/99, formula una nuova sistematica delle visite mediche obbligatorie e dei giudizi di idoneità riservati ai bambini e agli adolescenti. Viene delineata la seguente ripartizione : - gli adolescenti (i minori di età compresa tra i 15 e i 18 anni di età non più soggetti all obbligo scolastico) adibiti alle attività lavorative soggette alle norme sulla sorveglianza sanitaria dei lavoratori in base al titolo I, capo IV del D.Lgs. n.626/94, sono assoggettati agli obblighi di tale sorveglianza; - i minori adibiti, invece, ad attività lavorative diverse (sempre che non rientranti nelle (numerose) lavorazioni vietate elencate nell apposito allegato I (introdotto dall art.15 del D.Lgs. n.345/99), sono soggetti a visite mediche di idoneità preventive e periodiche annuali (art.8, co.3) da effettuarsi a cura e spese del datore di lavoro presso l azienda unità sanitaria locale territorialmente competente. In caso di idoneità parziale, il medico della citata struttura pubblica deve specificare nell apposito certificato, i lavori ai quali il minore non può essere adibito. Le visite sanitarie dei minori I minori prima di essere ammessi al lavoro, devono essere sottoposti, a cura e spese del datore di lavoro, ad una visita medica che attesti l'idoneità allo svolgimento dell'attività lavorativa alla quale saranno destinati. Tale condizione di idoneità deve essere successivamente confermata mediante visite mediche periodiche ad intervalli non superiori ad un anno. Organi competenti alla certificazione sanitaria prima della riforma L' articolo 8 della legge 17 ottobre 1967, n. 977, vecchio testo, stabiliva che le visite mediche preassuntive e periodiche dei minori "si devono effettuare a cura e spese del datore di lavoro, presso l'unità sanitaria locale territorialmente competente". Gli adolescenti impiegati nelle attività lavorative soggette alle norme sulla sorveglianza sanitaria di cui agli artt. 16 e 17 del Dlgs 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni ed integrazioni, erano esclusi dalla disciplina generale sull'accertamento medico dell'idoneità lavorativa e l'esecuzione delle visite era affidata al medico competente, individuato ai sensi dell'art. 16, comma 5, del medesimo decreto. LE NOVITA DOPO LA RIFORMA.(stralcio. Riv. AMBIENTE & SICUREZZA del ) Nel nuovo decreto correttivo viene innanzitutto ribadito che gli adolescenti non possono svolgere le lavorazioni, i processi e i lavori previsti nell'allegato I (che risulta molto più severo rispetto alla precedente normativa) con due eccezioni importanti: - per gli adolescenti coinvolti in corsi di formazione professionale e per motivi didattici;

8 - per gli apprendisti che, quindi svolgono un'attività che si può equiparare, a tutti gli effetti, a quella formativa vista in precedenza; questa, tuttavia, deve essere preventivamente autorizzata dalla Direzione Provinciale del Lavoro per quelle aziende che intendano utilizzare gli adolescenti in lavorazioni altrimenti vietate. Un aspetto importante, introdotto ex novo dalla norma, riguarda la necessità che l'autorizzazione sia preceduta da un parere tecnico sanitario formulato dal competente Servizio ASL ; questo dovrà naturalmente riguardare l'effettuazione di un'adeguata valutazione del rischio, mirata anche alla presenza di lavoratori minorenni e alla predisposizione di specifiche misure preventive. Il comma 5 dell'articolo 7 impone che gli adolescenti, sottoposti a livelli di esposizione media giornaliera superiori a 80 DBA, debbano non solo essere dotati di cuffie o tappi auricolari ed essere formati sul loro utilizzo, ma abbiano l'obbligo di utilizzarli. Inoltre, per gli adolescenti, l'obbligo di sorveglianza sanitaria, stabilito genericamente per tutti i lavoratori dall'articolo 44 del D.Lgs. 277/1991, viene esteso anche per le lavorazioni che espongono a un Lepd (livello di esposizione giornaliero medio a rumore) compreso tra 80 e 85 DBA; viene, inoltre, imposta una periodicità di visita più ravvicinata rispetto a quella prevista per la generalità dei lavoratori: - visite biennali se il Lepd è compreso tra 80 ed 85 DBA; - visite annuali per esposizioni comprese tra 85 e 90 DBA. A questo proposito, va inoltre ricordato che l'allegato I, che prevedeva l'impossibilità di adibire gli adolescenti a lavorazioni che esponessero a un livello di Lepd superiore a 80 DBA, è stato modificato nel senso di un innalzamento di tale limite a 90 DBA. Tutte queste disposizioni specifiche per i minori, naturalmente, tengono conto di una particolare condizione di ipersuscettibilità di questi lavoratori che, quindi, devono essere tutelati con indicazioni normative più restrittive rispetto alla popolazione generale. Questo concetto ha ispirato anche la redazione dell'allegato I del D.Lgs. 345/1999 che definisce, in modo molto restrittivo, le lavorazioni vietate esplicitamente e specificamente ai lavoratori adolescenti (fatte salve le deroghe sopra riportate). A questo proposito, vanno solo ricordate, nel decreto correttivo, alcune modifiche che sembrano rendere un po' meno limitativo l'accesso al mondo del lavoro per gli adolescenti; in particolare, oltre all'importante modifica riguardante i livelli di esposizione a rumore, sopra citata, si ricordano quelle inerenti l'esposizione a sostanze irritanti (allegato I, lettera c) del punto 3 concernente gli "agenti chimici") e quelle, diverse ma, si ritiene, significative, del punto 2 inerente i "processi e lavori" cui si rimanda per gli aspetti di dettaglio. Un altro importante argomento oggetto di modifica riguarda l'effettuazione delle visite mediche cui devono essere sottoposti i minori. A questo proposito, va innanzitutto ricordato che nulla cambia circa il problema dell'obbligatorietà della loro sorveglianza sanitaria; in tutte le tipologie di attività essi devono esservi sottoposti. In particolare, con le nuove modifiche, viene stabilito che le visite mediche, per i minori addetti o da adibire a lavorazioni non soggette alle norme che definiscono gli obblighi di sorveglianza sanitaria, possono essere effettuate da un medico del Servizio Sanitario Nazionale. Va ricordato che la visita si conclude con la redazione di un certificato che esprime un giudizio di idoneità specifica per una mansione lavorativa; sembra quindi interesse del lavoratore e del datore di lavoro rivolgersi a medici del lavoro nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale. da). Un aspetto non trascurabile, inerente la sorveglianza sanitaria dei minori, riguarda la necessità di definire le tipologie di attività in cui la si ritiene obbligatoria per legge, al fine di stabilire se essa debba essere affidata ai medici del Servizio Sanitario Nazionale ovvero al medico

9 d'azienda. A questo proposito, viene fornito una prima indicazione(fonte Regione Lombardia) che suddivide le attività lavorative in tre gruppi: 1) tipologie di attività per le quali si ritiene obbligatoria la sorveglianza sanitaria; 2) tipologie di attività per le quali l'obbligo di sorveglianza sanitaria deriva da quanto emerge dalla valutazione dei rischi; 3) tipologie di attività per cui non vi è obbligo di sorveglianza sanitaria. Si ribadiscono, da ultimo, gli obblighi specifici relativi alla sorveglianza sanitaria dei minori esposti a livelli medi di rumore superiori a 80 DBA (vedi sopra). In conclusione, sembra opportuno un commento generale che cerchi di comprendere lo spirito che caratterizza la legislazione in materia di inserimento dei minori in un ambiente lavorativo che non ne comprometta in alcun modo la salute. In primo luogo, va ribadito un concetto già espresso: il legislatore ha considerato il lavoratore minorenne come un soggetto più vulnerabile ovvero fragile nell'ambiente di lavoro e ha, quindi, previsto una serie di misure preventive più restrittive rispetto a quelle richieste per soggetti adulti non appartenenti a categorie "protette". Il datore di lavoro che intenda assumere minori dovrà, quindi, predisporre un'integrazione alla propria valutazione del rischio (documento redatto a norma del D.Lgs. 626/1994) ed eventualmente integrare le misure preventive generali adottate, tenendo conto di questa tipologia di lavoratori particolarmente suscettibili I medici del Servizio sanitario nazionale L'articolo 2 del Dlgs 18 agosto 2000, n. 262, ha parzialmente riscritto l' art. 3 della legge 17 ottobre 1967, n. 977, stabilendo che "le visite mediche sono effettuate a cura e spese del datore di lavoro, presso un medico del Servizio sanitario nazionale". Per le attività soggette a sorveglianza sanitaria, il decreto legislativo sopracitato non apporta alcuna modifica e pertanto si ribadisce che le visite sui minori rimangono affidate al medico competente. N.B. La Regione Lombardia, con la precedentemente legge menzionata, al fine di ridurre le attività per le quali non vi sono evidenze di utilità e che comportano un notevole dispiego di risorse, procede all'abolizione di una serie di certificazioni sanitarie, tra cui fa ricadere anche la visita medica di minori e apprendisti. La scelta operata dalla Regione Lombardia è chiaramente in contrasto con le disposizioni contenute nell'articolo 8 della legge n. 977/1967, in quanto interviene in una materia già diversamente disciplinata da una legge di grado superiore e per tale ragione il Consiglio dei Ministri in data 3 ottobre 2003, su proposta del dipartimento degli Affari Regionali, ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale, per far dichiarare l'illegittimità costituzionale della legge regionale di cui si discute, con particolare riferimento agli articoli 2 e 4, comma 4. Con la sentenza n. 162/2004 la Consulta ha dato ragione alla Regione Lombardia ed ha dichiarato non fondate le questioni di legittimità costituzionale degli articoli 2 e 4 della legge regionale n. 12 del 2003 Al riguardo della citata legge Regionale si fa presente che con un argomentare di elevata disquisizione giuridica il Supremo Organo Consultivo(C.d.S.) nella questione sorta tra Regione Lombardia e Ministero del Lavoro, sulla presunta abrogazione delle visite preassuntive ex art.8/977, in ambito del territorio regionale, si è espresso con parere n. 3208/2005 del 9 novembre 2005, favorevole al citato Dicastero, condividendo totalmente le perplessità della citata Amministrazione riferente, tale che la Sezione incaricata ha ritenuto la tesi della Regione Lombardia priva di fondamento giuridico. Nella materia del contendere l Organo Consultivo, richiama la direttiva 94/33/CE del 22 giugno 1994 che detta prescrizioni minime, ai sensi dell'art. 137 del Trattato CE così come modificato dal

10 Trattato di Amsterdam, per garantire un livello più elevato di protezione della salute e sicurezza dei minori, nel complesso generale della tutela apprestata dalla "direttiva quadro" 89/391, attuata nel nostro ordinamento (insieme ad altre) con il citato decreto legislativo n. 626/94. La citata Direttiva ha messo per di più in risalto la considerazione,che i "bambini e gli adolescenti" sono "gruppi a rischio particolarmente sensibili"e devono essere protetti "contro i pericoli che li riguardano in maniera particolare", anche con la previsione, (art. 6 par.2) "della valutazione e sorveglianza, gratuita e adeguata, della salute", laddove sia presente un rischio per la sicurezza, la salute o lo sviluppo dei giovani". D'altronde l'abrogazione delle norme impositive delle visite mediche per i minori non adibiti a lavorazioni per le quali vige l'obbligo della sorveglianza sanitaria, comporterebbe pertanto un vuoto di tutela della salute di tali soggetti nella Regione Lombardia, con indubbi risvolti anche sul piano della eguaglianza dei cittadini ex art. 3 Costituzione, nonché della garanzia del bene della salute costituzionalmente protetto, e costituirebbe altresì inadempimento degli obblighi comunitari previsti nella direttiva 94/33/CE. Altro aspetto giuridico richiamato è stato quello dell ordinamento penale rimesso alla competenza esclusiva dello Stato: art.117, comma 3, lettera l) Cost. novellato. Infatti, l'articolo 26 della legge n. 977 punisce l'inosservanza di una serie delle disposizioni contenute nella stessa legge, tra cui quelle dell'articolo 8, con la pena dell'arresto. Privando la norma penale del suo oggetto, essa verrebbe in buona sostanza abrogata da una norma regionale: il che non può avvenire. Sulla stessa questione si era, d'altronde, espressa anche la Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Milano, ritenendo in proposito che la legge regionale "in virtù della riserva di legge statale in materia penale (art. 25 Cost.) non può avere avuto alcun effetto abrogativo totale o parziale sugli obblighi di cui ai commi 1,2,4,5, e 7 dell'art.8 della legge n. 977/67 poiché tuttora sanzionati penalmente dalla stessa legge ed ha concluso nel senso dell'esistenza di un preciso dovere da parte dei medici del servizio sanitario nazionale non inquadrati nei servizi delle ASL, all'espletamento delle visite ed al rilascio delle rispettive certificazioni. Alla luce di tale situazione e in attesa di eventuali altri chiarimenti o delucidazioni in materia, ai datori di lavoro della Regione Lombardia non resta che rivolgersi ai medici del Servizio sanitario nazionale, diversi dai medici delle Asl, per l'assolvimento dell'obbligo della visita medica dei minori non soggetti a sorveglianza sanitaria, la cui omissione è sanzionata penalmente. In ultimo si riportano qui di seguito due distinte tabelle che riepilogano l iter sugli adempimenti delle visite mediche obbligatorie dei lavoratori minori e degli apprendisti.

11 N.B. LA L.R. 12/2003 HA ABROGATO TALE INCOMBENZA IN CAPO AI MEDICI APPARTENENTI ALLE ASL REGIONE LOMBARDIA

12

13 5.3 LA LAVORATRICE MADRE SISTEMA PREVENZIONALE Sotto il profilo della sicurezza l'architettura sia del decreto n. 645/1996 che del decreto 151/2001 appare congegnata in stretta armonia con le linee direttrici della direttiva 92/857 Cee, in quanto contiene numerose disposizioni concernenti la tutela fisica della donna, circoscritte al rapporto di lavoro subordinato, diversamente dalla tutela economica che è estesa, seppure in modo non omogeneo, anche all'area dell'autonomia. Lo stile normativo utilizzato nel T.U. è rintracciabile nella legislazione più recente, in particolare nelle norme che hanno trasposto le direttive europee e, infatti, contiene nei primi articoli, una serie di classificazioni e definizioni, fra queste ultime quella di lavoratrice o lavoratore, intesi come tali i soli dipendenti, ossia coloro che hanno un contratto di lavoro subordinato, anche di apprendistato o di formazione, occupati presso privati datori di lavoro ed anche presso le amministrazioni pubbliche, nonché i soci lavoratori di cooperative. In buona sostanza, il legislatore italiano, in ossequio al dettato costituzionale, ha riservato una tutela ampia e rigorosa al ruolo della donna lavoratrice, rafforzando così anche il principio di uguaglianza e di pari dignità sociale affermato nell'art. 3 della costituzione. Tant'è, che diversamente da altri Paesi europei il recepimento della direttiva comunitaria 92/85, contenente norme per il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento, attuato con il D.Lgs. 25 novembre 1996, n. 645, non ha comportato mutamenti traumatici nel mondo del lavoro. Infatti, il legislatore del decreto n. 645/1996 con l'introduzione di un sola vera disposizione precettiva, concernente la previsione di una specifica valutazione dei rischi per le lavoratrici e la contemporanea definizione delle misure organizzative utilizzabili per evitare l'esposizione alle fonti di rischio, ha provveduto a conformare la normativa nazionale alla direttiva stessa La valutazione dei rischi Come anzidetto, nel recepire la direttiva 92/85 il legislatore italiano ha rafforzato l'azione di tutela della maternità integrando il generale obbligo per il datore di lavoro di effettuare la valutazione dei rischi, con la previsione di una valutazione più specifica, diretta a testare il rischio lavorativo connesso alla condizione delle lavoratrici gestanti, puerpere o in allattamento, nella quale assume particolare rilevanza il rischio di esposizione agli agenti fisici, chimici o biologici ed i processi o condizioni di lavoro, ora elencati nell' allegato C del T.U. La norma, in adesione alle procedure di prevenzione, ormai consolidate nella normativa in materia di sicurezza, prevede altresì che il datore di lavoro provveda alla ricerca delle misure necessarie per evitare di esporre le lavoratrici alla fonte di rischio ed integra inoltre il dovere d'informazione, contemplato nell'art. 21 del D.Lgs. n. 626/1994, prevedendo che le lavoratrici ed i rappresentanti della sicurezza vengano resi edotti circa gli esiti della valutazione e delle misure di prevenzione adottate. La valutazione ovviamente, non deve realizzarsi nella sterile e per questo inutile, redazione di un documento, ma deve intendersi come l'inizio di un processo importante che deve portare ad una soluzione efficace per la difesa concreta del bene tutelato. L'adempimento a tale prescrizione deve difatti indurre il datore di lavoro ad adoperarsi affinché venga evitata l'esposizione al rischio e sia subito rimossa, laddove possibile, la fonte, oppure siano individuate altre misure idonee. Il legislatore, considerando che il rischio viene valutato in rapporto ad un soggetto che solo temporaneamente si trova in condizioni di particolare vulnerabilità, ha suggerito e privilegiato soluzioni di tipo organizzativo, come la modifica temporanea delle mansioni e delle condizioni di lavoro,

14 nonché eventuali modifiche dell'orario di lavoro utilizzabili per evitare l'esposizione alle fonti di rischio e per garantire alla lavoratrice una collocazione idonea al suo stato. Infine si riporta una proposta di uno schema per rendere più snella l iter procedurale per il rilascio del provvedimento autorizzatorio da parte della DPL afferente alla interdizione anticipata correlata alle condizioni dell ambiente di lavoro. FAC-SIMILE Certificazione in capo al Medico Competente Il medico competente dott, quale titolare esclusivo della sorveglianza sanitaria acquisisce il certificato redatto il.././.dal medico specialista ginecologo del SS, o dal ginecologo di fiducia dott.,oggi esibito dalla sig.ra.nata.il..dal quale risulta che le condizioni ambientali possano configurare situazioni di rischio pregiudizievoli alla salute della gestante, puerpera, e del nascituro Il medico competente, ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro ha : effettuato sopralluogo presso gli ambienti e la postazione di lavoro presso i quali la lavoratrice dichiara di essere adibita ; considerato e verificato le mansioni che l interessata dichiara di espletare valutato la fascia dell orario di lavoro nella quale l interessata ha dichiarato di prestare attività lavorativa valutata la presenza di controindicazioni ambientali allo stato di gestazione con riferimento alle modalità dello svolgimento dell attività lavorativa Il medico competente dott, acquisite le sopra esposte valutazioni, sentito il parere del medico specialista (ginecologo), considerato che nell ambito dell organizzazione aziendale non è possibile spostare la lavoratrice ad altre mansioni confacenti il suo stato di gestazione nè modificare il suo orario di lavoro CERTIFCA Che sussistono le condizioni pregiudizievoli alla salute della lavoratrice sopranominata e del nascituro. La lavoratrice.. Il Medico competente.

15 IL CITATO FAC SIMILE SAREBBE DA SOTTOPORRE AL PARERE DEI MEDICI SPECIALISTI E SUCCESSIVAMENTE DA INVIARE O TRASMETTERE ALLE DITTE UNITAMENTE AL MODELLO GIA IN USO PRESSO LA DPL DI COMO Sulla base di detta certificazione medica (se accolta dalle parti interessate) la DPL potrà emettere immediatamente il relativo provvedimento senza ulteriore accertamento tecnico del SIL 6. CONCLUSIONI La frammentazione dei variegati precetti normativi e la molteplicità degli aspetti controversi inerenti la regolamentazione della sorveglianza sanitaria di cui alla presente disamina, senz altro necessita di un laborioso ed incisivo intervento armonizzatore del legislatore. La sede più opportuna per far fronte a tale immane impegno non può che essere quella sulla delega al Governo per l emanazione di un Testo Unico delle Norme generali di sicurezza e salute sul lavoro. In tale contesto dovrebbe finalmente realizzarsi il riordino e l unificazione in un unico provvedimento regolamentare (periodicamente da verificarsi ed aggiornarsi) di tutte le disposizioni che impongono una sorveglianza sanitaria speciale, ridefinendo, in relazione alla natura e ai livelli di esposizione al rischio, le cadenze periodiche degli accertamenti sanitari, le modalità degli accertamenti stessi, l elaborazione di relazioni epidemiologiche periodiche redatte sulla base di dati statistici e non nominativi. E auspicabile che tale globale e radicale riordino possa efficacemente inserire la sorveglianza sanitaria nel giusto e prioritario posto che, nella scala degli interventi della prevenzione, le compete. Il Responsabile Unità Operativa Vigilanza Tecnica D.P.L. COMO ( Dott. Francesco Nollino )

16

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

PUO ESSERE RICHIESTA PER:

PUO ESSERE RICHIESTA PER: L INTERDIZIONE DAL LAVORO PER LE LAVORATRICI MADRI (decreto legislativo n. 151/2001 così come modificato dalla legge 4/04/2012, n. 35) http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/01151dl.htm PUO ESSERE RICHIESTA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli