Il Medico Competente nel Sistema Prevenzionale. Tutela di apprendisti, lavoratrici madri, minori (dr. Francesco Nollino Dir. Prov.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Medico Competente nel Sistema Prevenzionale. Tutela di apprendisti, lavoratrici madri, minori (dr. Francesco Nollino Dir. Prov."

Transcript

1 Il Medico Competente nel Sistema Prevenzionale Tutela di apprendisti, lavoratrici madri, minori (dr. Francesco Nollino Dir. Prov. di Como) INDICE 1. PREMESSA 2. LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA 3. LA CLASSIFICAZIONE DELLE VISITE MEDICHE 4. LE VISITE MEDICHE OBBLIGATORIE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI 5. LA SORVEGLIANZA MEDICA SPECIALE 5.1. LA TUTELA DEI FANCIULLI E DEGLI ADOLESCENTI 5.2. LA TUTELA DELL APPRENDISTATO 5.3. LA TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI 6. CONCLUSIONI 1. PREMESSA Prima di passare in rassegna gli istituti c.d. speciali: apprendistato lavoratrici madri - minorenni, correlati alla figura del medico competente, pare utile annotare alcuni concetti preliminari alla materia in trattazione. Nell architettura del quadro normativo tracciato dal D.Lgs n.626/94, l analisi degli istituti di tutela sanitaria dei lavoratori, non può prescindere, nella sua genesi precettizia, dal basilare obbligo, incombente su ogni datore di lavoro, della valutazione dei rischi, pilastro della nuova concezione della sicurezza nei luoghi di lavoro di ispirazione comunitaria. E in questa particolare incombenza, infatti, che deve trovare posto un analisi delle possibili malattie (tecnopatie) derivanti dalla particolarità del lavoro. Nella prima fase dell onere della valutazione dei rischi (art.4 del D.Lgs. n.626/94) il datore di lavoro non deve limitarsi a descrivere i rischi per la sicurezza dei lavoratori bensì deve individuarli per poterli eliminare.

2 La giurisprudenza di legittimità ricorda in proposito (Cass.pen., IV, 3/11/1989, n.14396) che non costituisce reato in sé provocare una malattia professionale, bensì il non avere adottato tutte le misure tecniche possibili per prevenirla. In linea, pertanto, con il tenore della previsione dell art.4 del D.Lgs. n.626/94, la valutazione dei rischi deve essere concepita in modo da individuare le misure che consentano di eliminare o, almeno, ridurre al minimo tecnicamente fattibile, i rischi individuati. A tal proposito, però, va ricordato che l onere della sorveglianza sanitaria non è secondo legge generalizzato, per espressa ed inconfutabile previsione dell art.16, comma 1, del D.Lgs. n.626/94, che recita la sorveglianza sanitaria è effettuata nei casi previsti dalla normativa vigente In considerazione,quindi, della delicatezza e dell insindacabilità della materia sanitaria, viene spontaneo porre alcune domande tese a far riaprire un dibattito(a mio sommesso parere da tempo trascurato) sul rapporto del medico competente nel sistema prevenzionale. In particolare ci si domanda : - come è possibile, in pratica, che il datore di lavoro stabilisca serenamente se nel proprio ambiente di lavoro le singole lavorazioni possano esporre o meno i singoli lavoratori a rischi di tecnopatie? - Di quale immane bagaglio professionale dovrebbe disporre il povero datore di lavoro per essere in grado di rispondere a tale complesso quesito che lo esporrebbe ad apprezzamenti e valutazioni di riflessi sanitari di comprensibile e particolare delicatezza? - Come potrebbe, in altri termini, costui avere autonoma conoscenza dei danni biologici che la prolungata esposizione a determinate sostanze nocive può provocare e degli effetti sinergici? - Come conoscere adeguatamente i rischi potenziali delle singole lavorazioni e stimarli in rapporto alle condizioni fisiche soggettive? In realtà, non è questo che si chiede al vertice della responsabilità aziendale! Ragioni di opportunità e diligenza, tuttavia, muoveranno il datore di lavoro più prudente o quello consapevole della complessità dei rischi presenti nell attività imprenditoriale esercitata, a richiedere, ad esempio, in occasione del non facile impegno della valutazione dei rischi, anche e soprattutto l apporto collaborativo di un medico competente. Ciò non significa che tale prestazione, ove facoltativamente e sensatamente richiesta, debba necessariamente preludere ad un vincolo professionale con il sanitario. L art. 4, comma 6, in proposito, rammenta che il datore di lavoro ha l obbligo di richiedere la collaborazione del medico competente (unitamente a quella del "responsabile del servizio di prevenzione e protezione ) solo nei casi in cui sia obbligatoria la sorveglianza sanitaria, intesa necessaria, concettualmente, ad opera del medico competente, a gestire il rischio residuo di tecnopatie. Un consulto facoltativo del professionista sanitario appare peraltro più che opportuno in sede di ricognizione dei rischi, laddove, ad esempio, possa servire ad eliminare, qualora possibile e compatibile con le esigenze tecniche e/o produttive, talune sostanze pericolose o nocive o, addirittura, determinate metodiche lavorative, eliminando nel contempo l onere delle visite mediche obbligatorie e quindi quello sistematico del vincolo della sorveglianza sanitaria, in quanto non prevista. Tanto appare in linea, oltretutto, con il disposto dell art.3 del D.Lgs. n.626/94 che, fra le misure generali di tutela per la protezione della salute e per la sicurezza, oltre all eliminazione o alla riduzione dei rischi, prevede specificamente la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso.

3 Della particolare attenzione e sensibilità del legislatore del D. Lgs. 626/94 riservate agli indiscussi valori della sorveglianza sanitaria, inserita con posto d onore nel sistemaprevenzionale, è testimonianza la codificazione di obblighi penalmente sanzionati. Il datore di lavoro soggiace, ad esempio, ai sensi dell art.4, co.4, lett.c, della mancata nomina del medico competente, alla penalità ex art.89, co.2, lett. "b. Parimenti il datore di lavoro in attività non soggetta alla sorveglianza sanitaria, in una interpretazione alquanto estensiva, ha l obbligo ex art. 4 comma 5 lett. c nell affidare i compiti ai suoi dipendenti deve tener conto delle capacità in rapporto alla loro condizione di salute. (penalità ex art.89, co.2, lett. "b ). Lo stesso lavoratore, ai sensi dell art.5, co.2, quando non si sottoponga ai previsti controlli sanitari o non collabori all adempimento di tutti gli obblighi vigenti tesi alla tutela della salute durante il lavoro è punito ex art.93, co.1, lett. a. Il medico competente, a differenza di quanto prevedeva la vecchia normativa, una volta nominato risponde penalmente, in caso di inadempimento, ai sensi dell art.17, per una serie di obblighi : professionali, come l effettuazione degli accertamenti sanitari previsti per legge (penalità : art.92, lett.a); informativi, come le informazioni da fornire ai lavoratori sul significato degli accertamenti sanitari cui sono sottoposti e, nel caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine, sulla necessità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione dell attività che comporta l esposizione a tali agenti (penalità -art.92, lett.b); collaborativi, con il datore di lavoro, come nella predisposizione del servizio di pronto soccorso (penalità -art.92, lett.a); La riscoperta e la rivalutazione dell opera del professionista sanitario, del quale vengono individuati peculiari requisiti professionali specialistici e una metodica di intervento attivo nella realtà produttiva aziendale, è forse la nota più significativa nelle scelte della nuova disciplina sulla tutela della salute. E condivisa, infatti, su tutti i fronti la necessità di una svolta di metodo nella figura del medico di fabbrica : non più un professionista sedentario che certifica a tavolino, come un medico di base, l effettuazione di frettolose visite mediche preventive e periodiche), ma una nuova figura di specialista della prevenzione sanitaria nei luoghi di lavoro, anch egli protagonista nel sistema prevenzionale con nuovi e dettagliati compiti professionali, collaborativi e informativi soprarichiamati che lo vogliono attivamente vicino, anzi inserito, nelle problematiche di reparto. E questo indubbiamente il riconoscimento più gratificante per la professionalità e l impegno del medico del lavoro che, quanto più chiamato ad esperire il suo controllo sulla fonte del rischio, tanto più potrà dare il contributo più efficace ed eticamente corretto nell opera di prevenzione e di tutela della salute dalle tecnopatie. 2. LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA Ma vediamo nell attuale contesto normativo (pur frammentario e disomogeneo) come è possibile riportare entro modelli sistematici gli obblighi delle visite mediche preventive e periodiche (unitamente ai giudizi di idoneità) che, nel contesto globale della sorveglianza sanitaria, devono trovare, complementariamente, spazio e sistemazione appropriati. E necessario, a tal fine, tenere concettualmente presente che: la sorveglianza sanitaria è il complesso dell attività informativa, valutativa e di accertamento a tutela della salute dei lavoratori, ove con il termine salute si intende la idoneità psicofisica specifica a svolgere la mansione lavorativa. Tale concetto trova puntuale riscontro nella terminologia giuridica usata al secondo comma dell art.16 del D.Lgs. n.626/94, che definisce quale contenuto della sorveglianza sanitaria:

4 - gli accertamenti preventivi intesi a constatare l assenza di controindicazioni al lavoro cui i lavoratori sono destinati, ai fini della valutazione della loro idoneità alla mansione specifica; - gli accertamenti periodici per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica. Detti accertamenti (comma 3) comprendono esami clinici e biologici e indagini diagnostiche mirati al rischio e ritenuti necessari dal medico competente. Poiché la sorveglianza sanitaria ha indubbie finalità di prevenzione è necessario distinguere: - la prevenzione primaria che è il complesso delle disposizioni o misure adottate o previste in tutte le fasi dell attività lavorativa per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell integrità dell ambiente esterno; - la prevenzione secondaria quale individuazione dei fattori di predisposizione e diagnosi delle malattie nonché la cura dei lavoratori. In tale distinzione comunemente accettata, la sorveglianza sanitaria rappresenta la massima espressione dell azione di prevenzione secondaria. 3. LA CLASSIFICAZIONE DELLE VISITE MEDICHE La disamina della tipologia delle visite mediche (per affrontare nel contempo aspetti suscettibili di contrasti) ha la preliminare necessità di pervenire ad una distinzione di massima tra visite mediche cd. facoltative e visite mediche obbligatorie. Nel primo gruppo (le facoltative) debbono trovare spazio quelle visite che possono essere richieste dal datore di lavoro sui propri dipendenti, finalizzate ad accertare l idoneità al lavoro e che debbono essere necessariamente eseguite attraverso le strutture pubbliche secondo la tutela di cui all art.5 dello Statuto dei lavoratori (L. n.300/70). In tal caso è posto il divieto di accertamenti da parte del datore di lavoro sull idoneità e sull infermità per malattia o infortunio del lavoratore dipendente (cfr. Cass. pen., III, 20/6/1991, n.6828).la differenza tra questi accertamenti sanitari e le visite mediche obbligatorie consiste nel fatto che il controllo di cui parla lo Statuto dei lavoratori essenzialmente riguarda l inidoneità fisica generica a riprendere un attività dopo assenze per malattie o infortuni extralavorativi, a differenza dell esistenza di idoneità specifica a continuare o meno un attività industriale che può comportare malattie professionali, da effettuarsi senza che si sia determinata assenza dal lavoro. Le visite mediche (preventive e periodiche) obbligatorie eseguite dal medico competente rappresenterebbero in un certo qual modo delle deroghe all art.5 della L. n.300/70 citata, essendo specificamente previste da una varietà di leggi disseminate in un arco di tempo di ampiezza epocale. 4. LE VISITE MEDICHE OBBLIGATORIE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI Le visite mediche finalizzate alla prevenzione della salute e dell integrità psico-fisica dei lavoratori, da eseguirsi da parte del medico competente, sono previste come in sintesi di seguito annotate, da una serie di leggi speciali disseminate nella planetaria e frammentaria normativa sulla sicurezza e l igiene del lavoro. Esse hanno carattere preventivo, da espletarsi cioè prima dell ammissione al lavoro per constatare il possesso dei requisiti di idoneità all attività alla quale i lavoratori da assumere sono destinati, e carattere periodico da eseguirsi cioè successivamente a determinati intervalli di tempo durante il rapporto di lavoro, per constatare eventuali danni psico-fisici derivanti dal lavoro svolto. Tali obblighi sono assistiti da tutela penale e le relative infrazioni costituiscono contravvenzioni punite quasi sempre con la pena dell ammenda alternativa all arresto. Esse

5 possono essere quindi estinte con la procedura prevista negli artt.20/25 del D.Lgs. n.758/94, oppure, ove questa non sia applicabile, con la procedura prevista dall art.162 bis C.P. Tali visite riguardano : 1) Lavorazioni industriali tabellate di cui all art.33 del D.P:R. n.303/56 (norme generali per l igiene del lavoro) erano previste, in un elencazione di 57 cause di rischio, lavorazioni industriali che esponevano all azione di sostanze tossiche o infettanti o comunque nocive per le quali vigeva l obbligo per i lavoratori subordinati addetti, senza distinzione di età, di essere sottoposti a visite mediche preventive e periodiche L' articolo 72 decies abolisce l'obbligatorietà delle visite mediche preventive e periodiche sulla base di un rischio tabellato, e pertanto presunto, e prescrive semplicemente l'obbligo della sorveglianza sanitaria per le sostanze classificate, tranne che nei casi di rischio moderato in cui siano state applicate le sole misure generali di prevenzione. Non è esagerato affermare che la quasi totale abolizione (da 1 a 44 e la voce 47 sostanze cancerogene) della tabella ex articolo 33 del D.P.R. n. 303/1956 è una importantissima occasione di responsabilizzazione e di maggior coinvolgimento del medico competente, chiamato ad un ruolo più pesante nella valutazione del rischio e nelle decisioni a fini di prevenzione. Ciò non comporta che necessariamente un medico competente debba esprimersi sull'attivare o meno la sorveglianza sanitaria; in fil di norma la decisione,come si diceva in premessa, spetta al datore di lavoro, che può decidere anche sulla base di evidenze in suo possesso; peraltro le società di consulenza cui assai spesso si rivolgono i datori di lavoro, specie nelle realtà di più ridotte dimensioni, si ritiene debbano avere a disposizione competenze specialistiche in grado di adeguatamente motivare la scelta.non definisce periodismi, se non genericamente «di norma una volta l'anno», dandone completa responsabilità al medico competente che ne deve motivare l'adeguatezza in fase di valutazione dei rischi; è la sostanziale istituzione del protocollo sanitario, in cui il medico competente illustra e motiva la propria attività clinica e prevenzionistica. Importante, e da sottolineare con forza, è anche il comma 8, che innesca una dinamica positiva di confronto tra servizi delle ASL e medici competenti, spostando il confronto sul piano tecnico e della professionalità e stimolando un ruolo di indirizzo e di coordinamento, anche epidemiologico, da parte della struttura pubblica. 5. LA SORVEGLIANZA MEDICA SPECIALE Forme di tutela sanitaria particolare si rinvengono in determinati istituti normativi della legislazione speciale che meritano una trattazione a parte per un necessario raccordo nella materia con i correlati adempimenti della sorveglianza sanitaria di carattere generale che spesso viene a sovrapporsi agli adempimenti di carattere speciale. 5.1 LA TUTELA DELL APPRENDISTATO Per quanto riguarda gli apprendisti ex art. 4 legge n. 25 del 1955, tuttora in vigore nonostante la riforma dell'apprendistato attuata con il decreto legislativo n. 276/2003 (cd. legge Biagi), prevede che l'assunzione dell'apprendista debba essere preceduta da visita sanitaria per l'accertamento delle condizioni fisiche che consentano l'occupazione nel lavoro per il quale deve essere assunto. A seguito delle significative modifiche apportate alla L. n.25/55 sulla disciplina dell apprendistato, dall art.16 della precedente L. n.196/97 (norme in materia di promozione dell occupazione) possono essere assunti in tutti i settori di attività, con contratto di apprendistato, i giovani di età non inferiore a 16 anni e non superiore a 24 (ovvero a 26 anni nelle aree di cui agli obiettivi n.1 e 2 de regolamento CEE n. 2081/93 del Consiglio del 20 luglio 1993 e successive modificazioni.

6 Va tenuto presente poi, che per esplicita previsione dello stesso art.16 (2 periodo) sono fatti salvi i divieti e le limitazioni previsti dalla legge sulla tutela dei fanciulli e degli adolescenti che, pertanto, si pone con carattere di specialità rispetto alla disciplina dell apprendistato. Di conseguenza, in tema di visite mediche obbligatorie, per l apprendista maggiorenne, fermo restando l osservanza della enunciata disciplina in materia di sorveglianza sanitaria, ovviamente ove richiamata nei casi previsti dalla normativa vigente, continuano ad applicarsi le previsioni di cui all art.4 della citata l. n.25/55. Tale norma condiziona l avviamento al lavoro degli apprendisti presso le imprese non artigiane al previo accertamento con visita sanitaria dell idoneità delle loro condizioni fisiche al particolare lavoro per il quale devono essere assunti. Anche gli apprendisti assunti da imprese artigiane non possono essere adibiti al lavoro prima della visita sanitaria che ha luogo dopo la comunicazione di assunzione. L accertamento è eseguito gratuitamente dall Autorità sanitaria a seguito di richiesta da parte della competente Sezione circoscrizionale del lavoro. Va evidenziato che tale obbligo è sfornito di sanzioni specifiche in quanto trattasi di atto dovuto da parte della pubblica Autorità. Per gli apprendisti soggetti poi alla sorveglianza sanitaria, in base al Dlgs n. 626/1994, sussiste anche l'obbligo di accertamenti sanitari mirati alla tutela della salute e della sicurezza del lavoratore in relazione ai rischi specifici presenti nell'azienda quali risultano dal documento di valutazione dei rischi. ADEMPIMENTI IN SINTESI I datori di lavoro che intendano assumere un apprendista(adolescente) devono sottoporlo ad una visita medica preassuntiva, per l'accertamento dell'idoneità delle condizioni fisiche al particolare lavoro per il quale deve essere assunto. Nel caso di assunzione di un apprendista minorenne, la visita medica non presenta alcuna peculiarità e sarà effettuata (a pagamento) dal medico del Servizio sanitario nazionale o dal medico competente, secondo le regole in precedenza indicate per l'assunzione dei minori. Per gli apprendisti maggiorenni, la visita medica è richiesta dal Centro per l'impiego all'azienda sanitaria locale competente per territorio, a seguito della comunicazione di assunzione del datore di lavoro. La visita medica preassuntiva dell'apprendista maggiorenne, ai sensi dell'art. 9 del Dpr 30 dicembre 1956, n. 1668, è gratuita. Occorre ricordare che il mancato assolvimento di tale obbligo, previsto dall'art. 4 della legge 19 gennaio 1955, n. 25, non è corredato da alcuna sanzione. N.B. La legge regionale n. 12 del 4 agosto 2003 non si occupa più delle seguenti visite e relativi certificati: a) il certificato di sana e robusta costituzione;b) il certificato di idoneità fisica per l'assunzione nel pubblico impiego; c) il certificato di idoneità fisica per l'assunzione di insegnanti;d) il certificato di idoneità fisica per l'assunzione di minori;e) il certificato di idoneità psicofisica per la frequenza di istituti professionali o corsi di formazione professionale»nonchè degli apprendisti, materia che tuttavia viene menzionata nella predetta circolare esplicativa della Regione (n. 33/San del 17 novembre 2003 cfr la nota successiva), secondo la quale la previsione della citata legge regionale, in tema di certificazioni di idoneità fisica per l'assunzione di minori non esposti a rischio specifico, valgono «a maggior ragione anche per gli apprendisti a prescindere dall'età anagrafica».

7 5.2. LA TUTELA DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI La L. n. 977/67, all art. 8, così come modificato dall art. 9 del D. Lgs. n. 345/99, formula una nuova sistematica delle visite mediche obbligatorie e dei giudizi di idoneità riservati ai bambini e agli adolescenti. Viene delineata la seguente ripartizione : - gli adolescenti (i minori di età compresa tra i 15 e i 18 anni di età non più soggetti all obbligo scolastico) adibiti alle attività lavorative soggette alle norme sulla sorveglianza sanitaria dei lavoratori in base al titolo I, capo IV del D.Lgs. n.626/94, sono assoggettati agli obblighi di tale sorveglianza; - i minori adibiti, invece, ad attività lavorative diverse (sempre che non rientranti nelle (numerose) lavorazioni vietate elencate nell apposito allegato I (introdotto dall art.15 del D.Lgs. n.345/99), sono soggetti a visite mediche di idoneità preventive e periodiche annuali (art.8, co.3) da effettuarsi a cura e spese del datore di lavoro presso l azienda unità sanitaria locale territorialmente competente. In caso di idoneità parziale, il medico della citata struttura pubblica deve specificare nell apposito certificato, i lavori ai quali il minore non può essere adibito. Le visite sanitarie dei minori I minori prima di essere ammessi al lavoro, devono essere sottoposti, a cura e spese del datore di lavoro, ad una visita medica che attesti l'idoneità allo svolgimento dell'attività lavorativa alla quale saranno destinati. Tale condizione di idoneità deve essere successivamente confermata mediante visite mediche periodiche ad intervalli non superiori ad un anno. Organi competenti alla certificazione sanitaria prima della riforma L' articolo 8 della legge 17 ottobre 1967, n. 977, vecchio testo, stabiliva che le visite mediche preassuntive e periodiche dei minori "si devono effettuare a cura e spese del datore di lavoro, presso l'unità sanitaria locale territorialmente competente". Gli adolescenti impiegati nelle attività lavorative soggette alle norme sulla sorveglianza sanitaria di cui agli artt. 16 e 17 del Dlgs 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni ed integrazioni, erano esclusi dalla disciplina generale sull'accertamento medico dell'idoneità lavorativa e l'esecuzione delle visite era affidata al medico competente, individuato ai sensi dell'art. 16, comma 5, del medesimo decreto. LE NOVITA DOPO LA RIFORMA.(stralcio. Riv. AMBIENTE & SICUREZZA del ) Nel nuovo decreto correttivo viene innanzitutto ribadito che gli adolescenti non possono svolgere le lavorazioni, i processi e i lavori previsti nell'allegato I (che risulta molto più severo rispetto alla precedente normativa) con due eccezioni importanti: - per gli adolescenti coinvolti in corsi di formazione professionale e per motivi didattici;

8 - per gli apprendisti che, quindi svolgono un'attività che si può equiparare, a tutti gli effetti, a quella formativa vista in precedenza; questa, tuttavia, deve essere preventivamente autorizzata dalla Direzione Provinciale del Lavoro per quelle aziende che intendano utilizzare gli adolescenti in lavorazioni altrimenti vietate. Un aspetto importante, introdotto ex novo dalla norma, riguarda la necessità che l'autorizzazione sia preceduta da un parere tecnico sanitario formulato dal competente Servizio ASL ; questo dovrà naturalmente riguardare l'effettuazione di un'adeguata valutazione del rischio, mirata anche alla presenza di lavoratori minorenni e alla predisposizione di specifiche misure preventive. Il comma 5 dell'articolo 7 impone che gli adolescenti, sottoposti a livelli di esposizione media giornaliera superiori a 80 DBA, debbano non solo essere dotati di cuffie o tappi auricolari ed essere formati sul loro utilizzo, ma abbiano l'obbligo di utilizzarli. Inoltre, per gli adolescenti, l'obbligo di sorveglianza sanitaria, stabilito genericamente per tutti i lavoratori dall'articolo 44 del D.Lgs. 277/1991, viene esteso anche per le lavorazioni che espongono a un Lepd (livello di esposizione giornaliero medio a rumore) compreso tra 80 e 85 DBA; viene, inoltre, imposta una periodicità di visita più ravvicinata rispetto a quella prevista per la generalità dei lavoratori: - visite biennali se il Lepd è compreso tra 80 ed 85 DBA; - visite annuali per esposizioni comprese tra 85 e 90 DBA. A questo proposito, va inoltre ricordato che l'allegato I, che prevedeva l'impossibilità di adibire gli adolescenti a lavorazioni che esponessero a un livello di Lepd superiore a 80 DBA, è stato modificato nel senso di un innalzamento di tale limite a 90 DBA. Tutte queste disposizioni specifiche per i minori, naturalmente, tengono conto di una particolare condizione di ipersuscettibilità di questi lavoratori che, quindi, devono essere tutelati con indicazioni normative più restrittive rispetto alla popolazione generale. Questo concetto ha ispirato anche la redazione dell'allegato I del D.Lgs. 345/1999 che definisce, in modo molto restrittivo, le lavorazioni vietate esplicitamente e specificamente ai lavoratori adolescenti (fatte salve le deroghe sopra riportate). A questo proposito, vanno solo ricordate, nel decreto correttivo, alcune modifiche che sembrano rendere un po' meno limitativo l'accesso al mondo del lavoro per gli adolescenti; in particolare, oltre all'importante modifica riguardante i livelli di esposizione a rumore, sopra citata, si ricordano quelle inerenti l'esposizione a sostanze irritanti (allegato I, lettera c) del punto 3 concernente gli "agenti chimici") e quelle, diverse ma, si ritiene, significative, del punto 2 inerente i "processi e lavori" cui si rimanda per gli aspetti di dettaglio. Un altro importante argomento oggetto di modifica riguarda l'effettuazione delle visite mediche cui devono essere sottoposti i minori. A questo proposito, va innanzitutto ricordato che nulla cambia circa il problema dell'obbligatorietà della loro sorveglianza sanitaria; in tutte le tipologie di attività essi devono esservi sottoposti. In particolare, con le nuove modifiche, viene stabilito che le visite mediche, per i minori addetti o da adibire a lavorazioni non soggette alle norme che definiscono gli obblighi di sorveglianza sanitaria, possono essere effettuate da un medico del Servizio Sanitario Nazionale. Va ricordato che la visita si conclude con la redazione di un certificato che esprime un giudizio di idoneità specifica per una mansione lavorativa; sembra quindi interesse del lavoratore e del datore di lavoro rivolgersi a medici del lavoro nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale. da). Un aspetto non trascurabile, inerente la sorveglianza sanitaria dei minori, riguarda la necessità di definire le tipologie di attività in cui la si ritiene obbligatoria per legge, al fine di stabilire se essa debba essere affidata ai medici del Servizio Sanitario Nazionale ovvero al medico

9 d'azienda. A questo proposito, viene fornito una prima indicazione(fonte Regione Lombardia) che suddivide le attività lavorative in tre gruppi: 1) tipologie di attività per le quali si ritiene obbligatoria la sorveglianza sanitaria; 2) tipologie di attività per le quali l'obbligo di sorveglianza sanitaria deriva da quanto emerge dalla valutazione dei rischi; 3) tipologie di attività per cui non vi è obbligo di sorveglianza sanitaria. Si ribadiscono, da ultimo, gli obblighi specifici relativi alla sorveglianza sanitaria dei minori esposti a livelli medi di rumore superiori a 80 DBA (vedi sopra). In conclusione, sembra opportuno un commento generale che cerchi di comprendere lo spirito che caratterizza la legislazione in materia di inserimento dei minori in un ambiente lavorativo che non ne comprometta in alcun modo la salute. In primo luogo, va ribadito un concetto già espresso: il legislatore ha considerato il lavoratore minorenne come un soggetto più vulnerabile ovvero fragile nell'ambiente di lavoro e ha, quindi, previsto una serie di misure preventive più restrittive rispetto a quelle richieste per soggetti adulti non appartenenti a categorie "protette". Il datore di lavoro che intenda assumere minori dovrà, quindi, predisporre un'integrazione alla propria valutazione del rischio (documento redatto a norma del D.Lgs. 626/1994) ed eventualmente integrare le misure preventive generali adottate, tenendo conto di questa tipologia di lavoratori particolarmente suscettibili I medici del Servizio sanitario nazionale L'articolo 2 del Dlgs 18 agosto 2000, n. 262, ha parzialmente riscritto l' art. 3 della legge 17 ottobre 1967, n. 977, stabilendo che "le visite mediche sono effettuate a cura e spese del datore di lavoro, presso un medico del Servizio sanitario nazionale". Per le attività soggette a sorveglianza sanitaria, il decreto legislativo sopracitato non apporta alcuna modifica e pertanto si ribadisce che le visite sui minori rimangono affidate al medico competente. N.B. La Regione Lombardia, con la precedentemente legge menzionata, al fine di ridurre le attività per le quali non vi sono evidenze di utilità e che comportano un notevole dispiego di risorse, procede all'abolizione di una serie di certificazioni sanitarie, tra cui fa ricadere anche la visita medica di minori e apprendisti. La scelta operata dalla Regione Lombardia è chiaramente in contrasto con le disposizioni contenute nell'articolo 8 della legge n. 977/1967, in quanto interviene in una materia già diversamente disciplinata da una legge di grado superiore e per tale ragione il Consiglio dei Ministri in data 3 ottobre 2003, su proposta del dipartimento degli Affari Regionali, ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale, per far dichiarare l'illegittimità costituzionale della legge regionale di cui si discute, con particolare riferimento agli articoli 2 e 4, comma 4. Con la sentenza n. 162/2004 la Consulta ha dato ragione alla Regione Lombardia ed ha dichiarato non fondate le questioni di legittimità costituzionale degli articoli 2 e 4 della legge regionale n. 12 del 2003 Al riguardo della citata legge Regionale si fa presente che con un argomentare di elevata disquisizione giuridica il Supremo Organo Consultivo(C.d.S.) nella questione sorta tra Regione Lombardia e Ministero del Lavoro, sulla presunta abrogazione delle visite preassuntive ex art.8/977, in ambito del territorio regionale, si è espresso con parere n. 3208/2005 del 9 novembre 2005, favorevole al citato Dicastero, condividendo totalmente le perplessità della citata Amministrazione riferente, tale che la Sezione incaricata ha ritenuto la tesi della Regione Lombardia priva di fondamento giuridico. Nella materia del contendere l Organo Consultivo, richiama la direttiva 94/33/CE del 22 giugno 1994 che detta prescrizioni minime, ai sensi dell'art. 137 del Trattato CE così come modificato dal

10 Trattato di Amsterdam, per garantire un livello più elevato di protezione della salute e sicurezza dei minori, nel complesso generale della tutela apprestata dalla "direttiva quadro" 89/391, attuata nel nostro ordinamento (insieme ad altre) con il citato decreto legislativo n. 626/94. La citata Direttiva ha messo per di più in risalto la considerazione,che i "bambini e gli adolescenti" sono "gruppi a rischio particolarmente sensibili"e devono essere protetti "contro i pericoli che li riguardano in maniera particolare", anche con la previsione, (art. 6 par.2) "della valutazione e sorveglianza, gratuita e adeguata, della salute", laddove sia presente un rischio per la sicurezza, la salute o lo sviluppo dei giovani". D'altronde l'abrogazione delle norme impositive delle visite mediche per i minori non adibiti a lavorazioni per le quali vige l'obbligo della sorveglianza sanitaria, comporterebbe pertanto un vuoto di tutela della salute di tali soggetti nella Regione Lombardia, con indubbi risvolti anche sul piano della eguaglianza dei cittadini ex art. 3 Costituzione, nonché della garanzia del bene della salute costituzionalmente protetto, e costituirebbe altresì inadempimento degli obblighi comunitari previsti nella direttiva 94/33/CE. Altro aspetto giuridico richiamato è stato quello dell ordinamento penale rimesso alla competenza esclusiva dello Stato: art.117, comma 3, lettera l) Cost. novellato. Infatti, l'articolo 26 della legge n. 977 punisce l'inosservanza di una serie delle disposizioni contenute nella stessa legge, tra cui quelle dell'articolo 8, con la pena dell'arresto. Privando la norma penale del suo oggetto, essa verrebbe in buona sostanza abrogata da una norma regionale: il che non può avvenire. Sulla stessa questione si era, d'altronde, espressa anche la Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Milano, ritenendo in proposito che la legge regionale "in virtù della riserva di legge statale in materia penale (art. 25 Cost.) non può avere avuto alcun effetto abrogativo totale o parziale sugli obblighi di cui ai commi 1,2,4,5, e 7 dell'art.8 della legge n. 977/67 poiché tuttora sanzionati penalmente dalla stessa legge ed ha concluso nel senso dell'esistenza di un preciso dovere da parte dei medici del servizio sanitario nazionale non inquadrati nei servizi delle ASL, all'espletamento delle visite ed al rilascio delle rispettive certificazioni. Alla luce di tale situazione e in attesa di eventuali altri chiarimenti o delucidazioni in materia, ai datori di lavoro della Regione Lombardia non resta che rivolgersi ai medici del Servizio sanitario nazionale, diversi dai medici delle Asl, per l'assolvimento dell'obbligo della visita medica dei minori non soggetti a sorveglianza sanitaria, la cui omissione è sanzionata penalmente. In ultimo si riportano qui di seguito due distinte tabelle che riepilogano l iter sugli adempimenti delle visite mediche obbligatorie dei lavoratori minori e degli apprendisti.

11 N.B. LA L.R. 12/2003 HA ABROGATO TALE INCOMBENZA IN CAPO AI MEDICI APPARTENENTI ALLE ASL REGIONE LOMBARDIA

12

13 5.3 LA LAVORATRICE MADRE SISTEMA PREVENZIONALE Sotto il profilo della sicurezza l'architettura sia del decreto n. 645/1996 che del decreto 151/2001 appare congegnata in stretta armonia con le linee direttrici della direttiva 92/857 Cee, in quanto contiene numerose disposizioni concernenti la tutela fisica della donna, circoscritte al rapporto di lavoro subordinato, diversamente dalla tutela economica che è estesa, seppure in modo non omogeneo, anche all'area dell'autonomia. Lo stile normativo utilizzato nel T.U. è rintracciabile nella legislazione più recente, in particolare nelle norme che hanno trasposto le direttive europee e, infatti, contiene nei primi articoli, una serie di classificazioni e definizioni, fra queste ultime quella di lavoratrice o lavoratore, intesi come tali i soli dipendenti, ossia coloro che hanno un contratto di lavoro subordinato, anche di apprendistato o di formazione, occupati presso privati datori di lavoro ed anche presso le amministrazioni pubbliche, nonché i soci lavoratori di cooperative. In buona sostanza, il legislatore italiano, in ossequio al dettato costituzionale, ha riservato una tutela ampia e rigorosa al ruolo della donna lavoratrice, rafforzando così anche il principio di uguaglianza e di pari dignità sociale affermato nell'art. 3 della costituzione. Tant'è, che diversamente da altri Paesi europei il recepimento della direttiva comunitaria 92/85, contenente norme per il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento, attuato con il D.Lgs. 25 novembre 1996, n. 645, non ha comportato mutamenti traumatici nel mondo del lavoro. Infatti, il legislatore del decreto n. 645/1996 con l'introduzione di un sola vera disposizione precettiva, concernente la previsione di una specifica valutazione dei rischi per le lavoratrici e la contemporanea definizione delle misure organizzative utilizzabili per evitare l'esposizione alle fonti di rischio, ha provveduto a conformare la normativa nazionale alla direttiva stessa La valutazione dei rischi Come anzidetto, nel recepire la direttiva 92/85 il legislatore italiano ha rafforzato l'azione di tutela della maternità integrando il generale obbligo per il datore di lavoro di effettuare la valutazione dei rischi, con la previsione di una valutazione più specifica, diretta a testare il rischio lavorativo connesso alla condizione delle lavoratrici gestanti, puerpere o in allattamento, nella quale assume particolare rilevanza il rischio di esposizione agli agenti fisici, chimici o biologici ed i processi o condizioni di lavoro, ora elencati nell' allegato C del T.U. La norma, in adesione alle procedure di prevenzione, ormai consolidate nella normativa in materia di sicurezza, prevede altresì che il datore di lavoro provveda alla ricerca delle misure necessarie per evitare di esporre le lavoratrici alla fonte di rischio ed integra inoltre il dovere d'informazione, contemplato nell'art. 21 del D.Lgs. n. 626/1994, prevedendo che le lavoratrici ed i rappresentanti della sicurezza vengano resi edotti circa gli esiti della valutazione e delle misure di prevenzione adottate. La valutazione ovviamente, non deve realizzarsi nella sterile e per questo inutile, redazione di un documento, ma deve intendersi come l'inizio di un processo importante che deve portare ad una soluzione efficace per la difesa concreta del bene tutelato. L'adempimento a tale prescrizione deve difatti indurre il datore di lavoro ad adoperarsi affinché venga evitata l'esposizione al rischio e sia subito rimossa, laddove possibile, la fonte, oppure siano individuate altre misure idonee. Il legislatore, considerando che il rischio viene valutato in rapporto ad un soggetto che solo temporaneamente si trova in condizioni di particolare vulnerabilità, ha suggerito e privilegiato soluzioni di tipo organizzativo, come la modifica temporanea delle mansioni e delle condizioni di lavoro,

14 nonché eventuali modifiche dell'orario di lavoro utilizzabili per evitare l'esposizione alle fonti di rischio e per garantire alla lavoratrice una collocazione idonea al suo stato. Infine si riporta una proposta di uno schema per rendere più snella l iter procedurale per il rilascio del provvedimento autorizzatorio da parte della DPL afferente alla interdizione anticipata correlata alle condizioni dell ambiente di lavoro. FAC-SIMILE Certificazione in capo al Medico Competente Il medico competente dott, quale titolare esclusivo della sorveglianza sanitaria acquisisce il certificato redatto il.././.dal medico specialista ginecologo del SS, o dal ginecologo di fiducia dott.,oggi esibito dalla sig.ra.nata.il..dal quale risulta che le condizioni ambientali possano configurare situazioni di rischio pregiudizievoli alla salute della gestante, puerpera, e del nascituro Il medico competente, ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro ha : effettuato sopralluogo presso gli ambienti e la postazione di lavoro presso i quali la lavoratrice dichiara di essere adibita ; considerato e verificato le mansioni che l interessata dichiara di espletare valutato la fascia dell orario di lavoro nella quale l interessata ha dichiarato di prestare attività lavorativa valutata la presenza di controindicazioni ambientali allo stato di gestazione con riferimento alle modalità dello svolgimento dell attività lavorativa Il medico competente dott, acquisite le sopra esposte valutazioni, sentito il parere del medico specialista (ginecologo), considerato che nell ambito dell organizzazione aziendale non è possibile spostare la lavoratrice ad altre mansioni confacenti il suo stato di gestazione nè modificare il suo orario di lavoro CERTIFCA Che sussistono le condizioni pregiudizievoli alla salute della lavoratrice sopranominata e del nascituro. La lavoratrice.. Il Medico competente.

15 IL CITATO FAC SIMILE SAREBBE DA SOTTOPORRE AL PARERE DEI MEDICI SPECIALISTI E SUCCESSIVAMENTE DA INVIARE O TRASMETTERE ALLE DITTE UNITAMENTE AL MODELLO GIA IN USO PRESSO LA DPL DI COMO Sulla base di detta certificazione medica (se accolta dalle parti interessate) la DPL potrà emettere immediatamente il relativo provvedimento senza ulteriore accertamento tecnico del SIL 6. CONCLUSIONI La frammentazione dei variegati precetti normativi e la molteplicità degli aspetti controversi inerenti la regolamentazione della sorveglianza sanitaria di cui alla presente disamina, senz altro necessita di un laborioso ed incisivo intervento armonizzatore del legislatore. La sede più opportuna per far fronte a tale immane impegno non può che essere quella sulla delega al Governo per l emanazione di un Testo Unico delle Norme generali di sicurezza e salute sul lavoro. In tale contesto dovrebbe finalmente realizzarsi il riordino e l unificazione in un unico provvedimento regolamentare (periodicamente da verificarsi ed aggiornarsi) di tutte le disposizioni che impongono una sorveglianza sanitaria speciale, ridefinendo, in relazione alla natura e ai livelli di esposizione al rischio, le cadenze periodiche degli accertamenti sanitari, le modalità degli accertamenti stessi, l elaborazione di relazioni epidemiologiche periodiche redatte sulla base di dati statistici e non nominativi. E auspicabile che tale globale e radicale riordino possa efficacemente inserire la sorveglianza sanitaria nel giusto e prioritario posto che, nella scala degli interventi della prevenzione, le compete. Il Responsabile Unità Operativa Vigilanza Tecnica D.P.L. COMO ( Dott. Francesco Nollino )

16

Il Contributo Specifico del Medico Competente alla Valutazione dei Rischi. VI Congresso Nazionale SMIPG Pisa, 5 Novembre 2010

Il Contributo Specifico del Medico Competente alla Valutazione dei Rischi. VI Congresso Nazionale SMIPG Pisa, 5 Novembre 2010 Il Contributo Specifico del Medico Competente alla Valutazione dei Rischi VI Congresso Nazionale SMIPG Pisa, 5 Novembre 2010 L'art. 25 c.1 p. a del D.Lgs 81/08 sancisce l'obbligo di collaborazione alla

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08)

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) Il sottoscritto/a nato a il residente a indirizzo in qualità di Datore di Lavoro dei

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Circolare N.83 del 21 Maggio 2013

Circolare N.83 del 21 Maggio 2013 Circolare N.83 del 21 Maggio 2013 Stage di studenti e minorenni senza visita medica Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che con Iinterpello n. 1 del 02.05.2013 il Ministero del Lavoro

Dettagli

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 La tutela della salute negli ambienti di lavoro La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 D.Lgs. 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Art. 18. Obblighi del datore di lavoro

Dettagli

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI.

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. Slide 1 SOGGETTI PRINCIPALI DATORE DI LAVORO MEDICO COMPETENTE RESPONSABILE E ADDETTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

37.ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

37.ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO 01. Il lavoro implica la realizzazione di mansioni brevi e ripetitive 01.01. La durata del ciclo di lavoro è superiore a 15 minuti 01.02. Le mansioni sono sufficientemente variegate e prevedono un ciclo

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici

Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici In passato, nel codice civile del 1865, non si conosceva la parola «sicurezza» nei luoghi di lavoro, ma si puniva il datore di lavoro che cagionava danno ai

Dettagli

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda.

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. Catalogo Corsi Sicurezza Rischio Medio (d.lgs 81/08 e suc. mod.) Per la gamma completa di prodotti visita www.aforabruzzo.it corsi base 2 Corso

Dettagli

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale TUTELA della SALUTE e SIICUREZZA deii LAVORATORII PRIINCIIPALII NORME DII RIIFERIIMENTO Qualche riferimento storico Legge 17 marzo 1898, n.80 Decreto Luogotenenziale 23 agosto 1917 n.1450 Regio Decreto

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA IN MATERIA DI ALCOL E TOSSICODIPENDENZA: GLI OBBLIGHI IN VIGORE 1 Di Anna Guardavilla

SORVEGLIANZA SANITARIA IN MATERIA DI ALCOL E TOSSICODIPENDENZA: GLI OBBLIGHI IN VIGORE 1 Di Anna Guardavilla SORVEGLIANZA SANITARIA IN MATERIA DI ALCOL E TOSSICODIPENDENZA: GLI OBBLIGHI IN VIGORE 1 Di Anna Guardavilla Premessa: la vigenza e l ampiezza dell obbligo Ai sensi dell art. 41 comma 4 del D.Lgs. 81/08,

Dettagli

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE L esecuzione delle visite periodiche, nonché di quelle svolte su richiesta dei lavoratori, rimane uno dei compiti più qualificanti dell attività del medico competente.

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA E DATI TECNOPATICI

SORVEGLIANZA SANITARIA E DATI TECNOPATICI comparto edilizia movimentazione manuale dei carichi SORVEGLIANZA SANITARIA E DATI TECNOPATICI Lodi, 30/06/2015 Dr. Valerio Stori ASL LODI Requisiti del MC (laurea e specializzazione) Laurea in Medicina

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione 1 2 Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione protezione,rls e lavoratori, consistente nello svolgimento

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

La Delega di funzioni (Art. 16)

La Delega di funzioni (Art. 16) La Delega di funzioni (Art. 16) Delega di di funzioni - (Art. 16) 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, é ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a)

Dettagli

QUIZ A TEMA: DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 Quiz estratti dalla banca dati del sito www.infermiereonline.altervista.org e

QUIZ A TEMA: DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 Quiz estratti dalla banca dati del sito www.infermiereonline.altervista.org e QUIZ A TEMA: DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 Quiz estratti dalla banca dati del sito www.infermiereonline.altervista.org e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta

Dettagli

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati:

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati: DIREZIONE GENERALE AI DIRIGENTI GENERALI COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica CIRCOLARE N. 66 DEL 10 DICEMBRE 2004 AI DIRETTORI DEGLI UFFICI PROVINCIALI

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 E S.M.I. ASPETTI DELLA NORMATIVA CHE RIGUARDANO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 E S.M.I. ASPETTI DELLA NORMATIVA CHE RIGUARDANO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 E S.M.I. ASPETTI DELLA NORMATIVA CHE RIGUARDANO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106

Dettagli

COMPITI E RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE:

COMPITI E RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE: COMPITI E RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE: MODIFICHE INTRODOTTE DAL D.Lgs. 3 Agosto 2009, n n 106 Disposizioni integrative e correttive del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 in materia di tutela della

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Artt. 28, 29, 34 e 37 del D.Lgs n. 81/2008 Accordi 21 dicembre 2011 in Conferenza Permanente tra Stato e Regioni e

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

L evoluzione normativa

L evoluzione normativa L evoluzione normativa La prima produzione normativa in tema di sicurezza sul lavoro risale alla fine del secolo XIX. Il legislatore dell epoca considerava gli infortuni sul lavoro un fattore inevitabile

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro Francesco Stucchi Fonti D.Lgs.81/08 Art. 2 (Definizioni) 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

OGGETTO: Medici Competenti Azienda Ospedaliera di Cosenza - Applicazione D.C.A. n. 128 del 15.12.2015.-

OGGETTO: Medici Competenti Azienda Ospedaliera di Cosenza - Applicazione D.C.A. n. 128 del 15.12.2015.- (istituita con D.P.G.R. Calabria 8 febbraio 1995 n 170) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N.073 DEL 05.04.2016 OGGETTO: Medici Competenti Azienda Ospedaliera di Cosenza - Applicazione D.C.A. n. 128

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 104 28.05.2013 VDR: via libera alle procedure standardizzate Stop all autocertificazione dei rischi. Dal 1 giugno 2013 entreranno

Dettagli

Assessorato alla Sanità LINEE GUIDA PER L EFFETTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

Assessorato alla Sanità LINEE GUIDA PER L EFFETTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER L EFFETTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO REDATTE DAL GRUPPO DI LAVORO REGIONALE DEGLI SPSAL LA SORVEGLIANZA SANITARIA Il D. Lgs. 626/94 in materia di igiene

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007

LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007 DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007 Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/08 Prima del D.Lgs 626/94 il lavoratore era visto come un soggetto passivo destinatario delle misure

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ dell azienda con conseguenti obblighi generali di tutela della sicurezza e della salute ADEMPIMENTI DI LEGGE

VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ dell azienda con conseguenti obblighi generali di tutela della sicurezza e della salute ADEMPIMENTI DI LEGGE VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ dell azienda con conseguenti obblighi generali di tutela della sicurezza e della salute ADEMPIMENTI DI LEGGE LETTERE di assegnazione incarico: RSPP, Medico Competente, ecc. VALUTAZIONE

Dettagli

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013 DIARIO 81 Marzo 2013 DIARIO 81 Questa pubblicazione denominata DIARIO 81 è rivolta a clienti, colleghi e collaboratori, e nasce per dare risposte alle numerose sollecitazioni pervenute circa l applicazione

Dettagli

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi News Unione Artigiani Ciociari Frosinone Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi OGGETTO: violazioni in materia di apprendistato. Circolare Ministero del Lavoro. Con la circolare

Dettagli

La sicurezza sul lavoro nella P.A.

La sicurezza sul lavoro nella P.A. La normativa italiana D.Lgs. 81/2008 Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 costituiscono attuazione dell art. 1 della Legge 3/8/2007, n. 123 per il riassetto e la riforma delle norme

Dettagli

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08 Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro ART. 69 - Definizioni - C. 1 Agli effetti delle disposizioni

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro PRINCIPIO N. 13 Le novità per il contratto di lavoro intermittente

Dettagli

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Diritto della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Anno Accademico 2011-20122012 Lezione 2 Dott.ssa Ferrua Sara La sorveglianza

Dettagli

Oggetto: Attuazione delle disposizioni in materia di certificazione e documenti d identità.

Oggetto: Attuazione delle disposizioni in materia di certificazione e documenti d identità. Trascrizione OCR nota MIUR del 7 dicembre 2012 numero 3364 Dipartimento per l Istruzione * Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Oggetto: Attuazione delle disposizioni in materia di

Dettagli

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato-

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- SCHEDA FEDERAVO n 18 (ultimo aggiornamento gennaio 2010) SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- Obiettivo Fornire indicazioni operative in tema di sicurezza Premessa 1)

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza Pubblicato sul Supplemento ordinario n. 36/L alla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 il Decreto Legislativo 27 Gennaio 2010 n. 17, recante "Attuazione

Dettagli

Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev

Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev Linee direttrici 1) valorizzare, in conformità al codice ICOH e alla realtà europea, il ruolo delle

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Consumo di bevande alcoliche

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Tutela della maternità e della paternità 1 LA TUTELA DELLA MATERNITA

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Fonti normative Accertamento assenza tossicodipendenza in lavoratori addetti a mansioni comportanti rischi per la sicurezza, la incolumità e la salute dei

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

L organizzazione aziendale per la sicurezza

L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione L organizzazione aziendale per la sicurezza Formazione/Informazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo I Capo III Artt. 36

Dettagli

OrizzonteScuola.it 2012

OrizzonteScuola.it 2012 SCUOLA DI I E II GRADO 1. In sede di scrutinio finale a chi compete la valutazione degli allievi? Il riferimento normativo è il DPR n. 122/2009. Art 2/1: La valutazione, periodica e finale, degli apprendimenti

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA GENERALE

FUNZIONIGRAMMA GENERALE DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO San Giuseppe SASSARI FUNZIONIGRAMMA GENERALE 2015-2016 Lo scopo del presente funzionigramma aziendale è quello di delineare gli ambiti di competenza di ciascuna responsabilità

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER L organizzazione aziendale per la sicurezza Ing. Stefano Bergamasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e

Dettagli

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO O INDETERMINATO CON CONTRATTO DI LAVORO PART-TIME O FULL TIME DI PERSONALE CON QUALIFICA DI IMPIEGATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero del lavoro e delle politiche sociali Titolo: recepimento della direttiva 2014/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole Richiedente: Coordinatore Rete Autori risposta: Alessio Bruscagli (RSPP ISIS L. da Vinci - Firenze), Mario Romagnoli (RSPP IIS Elsa Morante - Firenze) Data validazione Coordinamento: 09/07/2012 Versione:

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica Sportello Unico per le Attività Produttive (D.P.R. del 7 settembre 2010, n. 160) - Indirizzi applicativi di armonizzazione tra le procedure di prevenzione incendi ed il procedimento automatizzato di cui

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Ufficio per la Cittadinanza europea, il Mercato interno e gli Affari generali Servizio II Mercato interno I REGIME GENERALE DI

Dettagli