IPC Inter Process Communication

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPC Inter Process Communication"

Transcript

1 Il protocollo TCP controlla che la trasmissione tra due end points avvenga correttamente. Non stabilisce alcun criterio su chi deve iniziare la comunicazione. Questo compito è svolto dalle applicazioni che utilizzano TCP per la trasmissione dei dati usando un proprio protocollo, detto protocollo di applicazione. I protocolli di applicazione si basano sul modello client-server: quindi e precisato chi inizia la comunicazione (client) e a chi è diretta (server). Ai più diffusi protocolli dello strato applicazione sono stati assegnati numeri di porta specifici. Ad es., un processo server web (che usa il protocollo HTTP) è identificato dal numero di porta 80. Un server di posta (che usa il protocollo SMTP) è identificato dal numero di porta 25. Unix: strumenti di sincronizzazione, memorizzazione, comunicazione Uso di segnali (sincronizzazione) Uso di file (memorizzazione) IPC Inter Process Communication processo invia limitata quantità info (solo un tipo di segnale) e manca il mittente del segnale solo tra processi che condividono un file system pipe (solo tra processi con un avo in comune) pipe con nome (per processi su una stessa macchina) shared memory (stessa macchina) Un elenco di ben conosciuti numeri di porta per tutti i protocolli standard di Internet è contenuto nella RFC Quando un programmatore crea una nuova applicazione, ad esso deve essere assegnato un nuovo numero di porta 1 2 caso remoto Socket (e RPC) SOCKET Strumenti disponibili nei S.O. della famiglia Unix/Linux per la realizzazione dell interazione tra processi all interno di una rete. UNIX BSD 4.2. Interfaccia di programmazione (API) specifica per lo sviluppo di applicazioni di rete. Libreria di funzioni C basata sul concetto di socket. Una socket rappresenta il mezzo di comunicazione mediante il quale un processo può scambiare messaggi con altri processi. Aspetti caratteristici della comunicazione dei processi attraverso socket: Eterogeneità: la comunicazione può avvenire tra oggetti che risiedono in architetture diverse; Trasparenza: la comunicazione tra processi avviene con le stesse modalità, indipendentemente dalla localizzazione fisica dei processi comunicanti; Indipendenza dalla rete :l interfaccia di comunicazione è indipendente dall architettura della rete; Compatibilità con i file: le socket sono rappresentate all interno dei programmi in modo omogeneo ai file 3 4 1

2 Proprietà delle socket Dominio di comunicazione. Ambiente nel quale avviene la comunicazione (rete internet: dominio PF-INET; Stesso S.O. Unix: PF_UNIX) Caratteristiche semantiche della comunicazione. Affidabilità, comunicazione uno a uno, uno a molti. Denotazione dei processi comunicanti Regole di formato da adottare per esprimere l indirizzo dei nodi 5 Tipo di socket Tipo: denota lo stile di comunicazione. Socket stream connection-oriented (utilizzo di un canale virtuale) connection-less (senza canale) - Connection oriented (affidabilità) - Comunicazione simmetrica uno-a- uno - Creazione del canale prima dell inizio della comunicazione (es., funzione connect); chiusura del canale al termine della comunicazione(es.: funzione shutdown). Socket datagram - Connectionless (non affidabile) - Possibilità di comunicazione con più di un processo (comunicazione asimmetrica) 6 Dominio di comunicazione Canale virtuale Dominio di comunicazione Proc B proc A Messaggio 1 Messaggio 2 proc B Proc A Proc C Socket stream Socket datagram 7 8 2

3 Struttura dati associata alla socket Nel dominio Internet (PF-INET) ogni socket è individuata da: Indirizzo IP del nodo in cui risiede il processo proprietario della socket. Numero della porta cui è associata la socket Ogni processo che intende comunicare con altri processi deve: Creare una socket. Ogni socket viene rappresentata localmente mediante un file descriptor. Renderla individuabile univocamente dai processi del dominio attraverso la specifica del suo indirizzo Nel caso del dominio PF-INET l indirizzo di una socket viene espresso attraverso questa struttura: struct sockaddr-in { sa-family-t sin-family; /*dominio*/ in-port-t sin-port; /*porta*/ struct-in-addr sin-addr; /*ind.nodo*/ char sin.zero [8] /*non usato*/ dove il tipo del campo sin_addr, che rappresenta l indirizzo del nodo, e` dichiarato nel modo seguente: struct in_addr { uint32_t s_addr; 9 10 I tipi di dato non primitivi utilizzati nelle precedenti definizioni sono descritti nella tabella A. 2, in cui vengono anche indicati i file header in cui sono contenute le rispettive dichiarazioni. Tipo Descrizione Header file sa_family_t Tipo associatoal dominio <sys/types.h> in_port_t Tipo associato alla porta <netinet/in.h> (di solito unsigned int a 16 bit) uint32_t unsigned int a 32 bit <sys/types.h> sockaddr Tipo generico associato all indirizzo <sys/socket.h> di una socket sockaddr_in Tipo specifico per l indirizzo di una socket nel dominio internet (IP v.4) <sys/socket.h> 11 nodo: indirizzo IP socket porta Processo A Socket socket Internet (TCP/IP) nodo: indirizzo IP Processo B porta Il canale di comunicazione tra il processo A e il processo B è definito da: <protocollo; indirizzo IP locale; porta locale; indirizzo IP remoto; porta remota> 12 3

4 Strutture dati Socket Una socket è creata all interno di un dominio di comunicazione Dominio di comunicazione: semantica di comunicazione + standard di denominazione struttura dati socket family: PF_INET service: SOCK_STREAM local IP: remote IP:... local port: remote port:... pgid:... Esempi di domini: UNIX, Internet, etc. DOMINIO - Protocol Family: Internet (oppure AF_INET, Address Family Internet) TIPO della socket: STREAM o DATAGRAM INDIRIZZO macchina locale (NB. il formato dell indirizzo dipende dal dominio di comunicazione della socket) gruppo di processi associati alla socket FORMATO INDIRIZZI DOMINIO AF _ UNIX : L indirizzo ha lo stesso formato del nome di un file (pathname). DOMINIO AF_INET _ : indirizzo Internet composto da indirizzo IP dell host (32 bit) e da numero di porta (16 bit) Creazione di una socket sd = socket (dominio, tipo, protocollo); int sd, dominio, tipo, protocollo; Crea una SOCKET e ne restituisce il descrittore sd (socket descriptor). dominio denota il particolare dominio di comunicazione (es. AF_INET) tipo indica il tipo di comunicazione (es. SOCK_STREAM o SOCK_DGRAM) protocollo specifica uno dei protocolli supportati dal dominio (se si indica zero viene scelto il protocollo di default) Definisce il protocollo usato dalla socket. In una connessione definisce: <protocollo;indirizzo IP locale;porta locale;indirizzo IP remoto;porta remota> 15 Associazione socket - indirizzo locale error = bind (sd, ind, lun); int error, sd; struct sockaddr * ind; int lun; Associa alla socket di descrittore sd l indirizzo codificato nella struttura puntata da ind e di lunghezza lun (la lunghezza è necessaria, poiché la funzione bind può essere impiegata con indirizzi di lunghezza diversa) Collega la socket a un indirizzo locale. In una connessione definisce : <protocollo;indirizzo IP locale;porta locale;indirizzo IP remoto;porta remota> 16 4

5 Comunicazione connection-oriented (socket STREAM o TCP) Collegamento (asimmetrico) tra processo Client e processo Server: 1) il server e il client devono creare ciascuno una propria socket e definirne l indirizzo (primitive socket e bind) 2) deve essere creata la connessione tra le due socket 3) fase di comunicazione 4) chiusura delle socket Comunicazione connection oriented (lato Server) error = listen (sd, dim); int error, sd, dim; Trasforma la socket sd in passiva (listening), pronta per ricevere una richiesta di connessione. Crea una coda, associata alla socket sd in cui vengono inserite le richieste di connessione dei client. La coda può contenere al più dim elementi. Le richieste di connessione vengono estratte dalla coda quando il server esegue la accept() Comunicazione connection oriented (lato Client) error = connect (sd, ind, lun) ; int error, sd; struct sockaddr * ind; int lun; Richiede la connessione fra la socket locale il cui descrittore è sd e la socket remota il cui indirizzo è codificato nella struttura puntata da ind e la cui lunghezza è lun. La connect() può determinare la sospensione del processo?? Definisce l indirizzo remoto a cui si collega la socket: <protocollo;indirizzo IP locale;porta locale;indirizzo IP remoto;porta remota> 19 Comunicazione connection oriented (lato Server) nuovo_sd = accept (sd, ind, lun); int nuovo_sd, sd; struct sockaddr * ind; int * lun; Indirizzo è parametro in/out Estrae una richiesta di connessione dalla coda predisposta dalla listen(). Se non ci sono richieste di connessione in coda, sospende il server finché non arriva una richiesta alla socket sd. Quando la richiesta arriva, crea una nuova socket di lavoro nuovo_sd e restituisce l indirizzo della socket del client tramite ind e la sua lunghezza tramite lun. La comunicazione (read/write) si svolge sulla nuova socket nuovo_sd 20 5

6 Comunicazione connection oriented Protocollo di creazione del canale virtuale processo client nodo: indirizzo IP socket client porta client Processo Client socket server (sd) listen() + accept() rete (TCP/IP) nodo: indirizzo IP Processo Server socket server (nuovo_sd) read() e write() porta server csd=socket ( ) connect(csd. <comunicazione attraverso il canale> crea richiesta di csd connessi one canale virtuale asc ssd crea crea asc=socket(..) bind(asc.) Listen(asc ssd=accept(asc. <comunicazione attraverso il canale> Una volta creato il canale virtuale i due processi agli estremi di esso (client e server) possono scambiarsi messaggi in entrambe le direzioni (write, read) La spedizione di un messaggio viene richiesta tramite la system call write alla quale si fornisce il socket descriptor associato alla socket locale Il server può spedire un messaggio al client nel modo seguente: int asc,ssd; char msg[6] = 34Ciao!34; <creazione socket ed apertura del canale> write (ssd,msg,6) Processo client int csd; char msg[6]; <creazione socket ed apertura del canale>; read (ssd,msg,6); Le socket sono bloccanti: se un destinatario esegue la read quando non vi è alcuna informazione all interno del canale, il processo viene sospeso. TCP non prevede separatori tra un messaggio e il successivo: il contenuto del canale è visto come una sequenza non strutturata di byte Accordo tra i due processi sulle caratteristiche dei messaggi (es. lunghezza costante prefissata)

7 Al termine di una sessione di comunicazione, la connessione può essere chiusa mediante la primitiva shutdown (int sd,int modo) dove sd rappresenta il socket descripror associato al terminale del canale modo esprime la modalità di chiusura. E possibile chiudere il canale soltanto in una direzione (valore 0 per la ricezione,valore 1 per la trasmissione) oppure in entrambe (valore di modo uguale a 2). Processo client # include <sys/types.h> #include <netinet/in.h> #include <sys/socket.h> struct sockaddr_in *D, *server; char msg[2000]; int sd, l; int main() { sd=socket(af_inet,sock_stream,0); <inizializzazione indirizzo server> /* richiesta di connessione*/ connect(sd,&server,l); Se la chiusura avviene in entrambe le direzioni la socket sd viene eliminata. <preparazione messaggio msg>; 25 write(sd, msg,2000); /*invio messaggio*/ read(sd,ris, 2000); /*ricezione risposta */ shutdown (sd,2); /*chiusura connessione*/ 26 Processo server #include <sys/types.h> #include <netinet/in.h> #include <sys/socket.h> struct sockaddr_in *M, *mio; char msg[buffersize], ris[2000]; int asc, l,sd, addrlen ; int main() { asc=socket(af_inet,sock_stream,0); <inizializz. mio indirizzo> l=sizeof(struct sockaddr_in); bind (asc,&mio,l); /* pubblicazione indirizzo*/ listen(asc, 100); /*creazione della coda richieste*/ sd=accept(asc, M, &addrlen); /* apertura canale*/ read (sd, msg, 2000); /*ricezione messaggio*. <calcolo risposta ris> write (sd, ris, 2000); /*invio risposta*/ Socket datagram Poiché la comunicazione è senza connessione, in questo caso ogni processo, dopo aver creato la socket ed effettuato l operazione di binding, può già utilizzarla per la comunicazione con altri processi. system call specifiche di spedizione e ricezione dei messaggi sono sendto e recvfrom. int sendto(int s, char *msg, int lun, int flag, struct sockaddr *D, int lund); sd rappresenta il socket descriptor associato alla socket locale; msg è il puntatore al messaggio da inviare; lun è la lunghezza del messaggio; flag è un intero mediante il quale è possibile specificare opzioni particolari sul trasporto del messaggio; D è il puntatore alla struttura che contiene l indirizzo della socket; lund e` la lunghezza della struttura puntata da D;

8 La primitiva di ricezione prevede una sintassi analoga: int recvfrom(int sd, char *msg, int lun, int flag, struct sockaddr *M, int *lunm); sd rappresenta il socket descriptor associato alla socket locale; msg è il puntatore alla variabile a cui assegnare il messaggio ricevuto; lun è la lunghezza del messaggio; flag è un intero mediante il quale è possibile specificare opzioni particolari sul trasporto del messaggio; M e` il puntatore alla struttura nella quale viene memorizzato l indirizzo della socket del mittente; lun e` la lunghezza della struttura puntata da M; La recvfrom può bloccare il processo destinatario, se il messaggio non è ancora disponibile; a differenza della comunicazione mediante stream, in questo caso i confini dei messaggi vengono mantenuti, e il processo quindi viene sospeso fino a che l intero messaggio non gli è stato recapitato. A differenza del caso di comunicazione con connessione, le primitive di comunicazione prevedono parametri specifici per gli indirizzi dei partner nella comunicazione: nell invio è necessario specificare l indirizzo del destinatario; nella ricezione è previsto che, assieme al messaggio la recvfrom fornisca anche l indirizzo del mittente. Per chiudere una socket datagram è possibile usare ancora la system call shutdown, oppure la system call close Comunicazione senza connessione (socket DATAGRAM) Client Process socket() sendto() recvfrom() <attesa risp> close() 1 2 Server Process socket() bind() recvfrom() <attesa richiesta> <elaborazione> sendto() close() 31 Process Client include <sys/types.h> #include <netinet/in.h> #include <sys/socket.h> struct sockaddr_in *D, *mio; char msg[2000], ris[buffersize]; int sd, l, addrlen; main() { sd=socket(af_inet,sock_dgram,0); <inizializz. mio indirizzo> l=sizeof(struct sockaddr_in); bind (sd,&mio,l); /* invio messaggio al server: */ sendto (sd, msg, 2000, 0, D,l); /* ricezione risposta: recvfrom (sd, ris, BUFFERSIZE,0, D, &addrlen);... close(sd); 32 8

9 Processo server #include <sys/types.h> #include <netinet/in.h> Considerazioni conclusive sulle socket UDP #include <sys/socket.h> struct sockaddr_in *M, *mio; : char msg[buffersize], ris[2000]; int sd, l, addrlen; main() { sd=socket(af_inet,sock_dgram,0); UDP non è reliable, in caso di perdita del messaggio del Client o della risposta del Server, il Client si blocca in attesa indefinita della risposta (utilizzo di timeout?) <inizializz. mio indirizzo> Blocco del Client anche nel caso di invio di una richiesta a un Server non l=sizeof(struct sockaddr_in); attivo (errori nel collegamento al server notificati solo sulle socket bind (sd,&mio,l); connesse) addrlen =l; /* ricezione messaggio:*/ recvfrom (sd, msg, BUFFERSIZE,0, M, &addrlen); <calcolo risposta ris> UDP non ha flow control, se il Server riceve troppi datagrammi per le sue capacità di elaborazione, questi vengono scartati, senza nessuna notifica ai Client /*invio risposta:/ sendto (sd, ris, 2000, 0, M, addrlen);... close(sd); Quale tipo di Socket utilizzare? Fare molta attenzione alle differenze semantiche tra le socket STREAM e quelle DATAGRAM, che in genere guidano nella scelta: servizi che richiedono una connessione connectionless servizi Problema dell affidabilità (STREAM si basano su TCP e sono quindi affidabili, DATAGRAM si basano su UDP e quindi non sono affidabili) Prestazioni: STREAM hanno costo più elevato delle DATAGRAM Quale tipo di Socket? Quale livello di trasporto, UDP o TCP? Utilizzare TCP (con connessione) quando: affidabilità fondamentale l ordine dei messaggi è importante si vuole semantica at-most-once (servizio del server non idempotente, server con stato) Utilizzare UDP (senza connessione) quando: si vuole fare del broadcast/multicast troppe connessioni sarebbero richieste le prestazioni sono fondamentali (le socket DATAGRAM hanno un costo inferiore, non si deve stabilire una connessione, etc.) non ci sono problemi di ordinamento messaggi (es. ogni msg contenuto in un pacchetto UDP) va bene una semantica may-be

10 Un esempio: esecuzione remota di comandi Esecuzione remota di semplici comandi di un client su un server e visualizzazione locale dell output prodotto dai comandi eseguiti. Il client deve richiedere la creazione della connessione e successivamente inviare un messaggio contenente il nome di un comando. Il client si pone in attesa della risposta, rappresentata dall output del comando eseguito dal server; ogni byte ricevuto attraverso il canale viene copiato dal client sul dispositivo di standard output. Processo client: #include <stdio.h> #include <sys/types.h> #include <sys/socket.h> #include <netinet/in.h> #include <arpa/inet.h> main(int argc, char **argv) { int sock, retval, i; char mess[10], ris[1000]; struct sockaddr_in rem_ind; /*indirizzo socket remota*/ /* Preparazione indirizzo del server */ rem_ind.sin_family = PF_INET; /*dominio*/ /* ad esempio: se l indirizzo internet del nodo server e` :*/ rem_ind.sin_addr.s_addr=inet_addr(" "); rem_ind.sin_port = 22375; /* numero di porta del server*/ /* Preparazione del messaggio*/ strcpy(mess, argv[1]); /* Creazione della socket */ sock=socket(pf_inet, SOCK_STREAM, 0); connect(sock, &rem_ind, sizeof(struct sockaddr_in)); write(sock,mess, 10); /*invio messaggio*/ while (i=read(sock,ris, 1)>0) /*ric. risposta*/ write(1,ris,i); /* stampa su std. output */ shutdown(sock,2); /* chiusura collegamento*/ Processo server Ogni processo server ha tipicamente una struttura ciclica: ad ogni iterazione viene servita una particolare richiesta di connessione. Il processo server può, in generale, servire le richieste in modo sequenziale (viene servita una richiesta per volta) o concorrente (vengono servite più richieste in parallelo). Nell esempio il server è servito in modo sequenziale. Prima di entrare nel ciclo di servizio, il server crea la socket di ascolto, ne pubblica l indirizzo mediante l operazione di binding; successivamente, con la primitiva listen associa alla socket di ascolto una coda nella quale verranno inserite le eventuali richieste di connessione. 39 Per ogni richiesta, dopo aver instaurato una nuova connessione dedicata ad essa (mediante accept), verrà creato un nuovo processo che: ricevera` dal canale il nome del comando da eseguire e, successivamente, dopo aver opportunamente ridirezionato la socket di comunicazione sullo standard output, passerà ad eseguire il comando mediante una system call della famiglia exec Al termine dell esecuzione del comando, il processo server chiudera` la socket e passera` al servizio di nuove richieste

11 Processo server:*/ #include <sys/types.h> #include <sys/socket.h> #include <netinet/in.h> #include <stdio.h> main() { char comando[20]; int newsock, sock, figlio, status, i; struct sockaddr_in mio_ind; /* Creazione socket di ascolto */ sock=socket(pf_inet, SOCK_STREAM, 0); /* Preparazione indirizzo socket : */ mio_ind.sin_family=pf_inet; mio_ind.sin_addr.s_addr = INADDR_ANY; mio_ind.sin_port=22375; /* Binding:*/ if(bind(sock, &mio_ind, sizeof(struct sockaddr_in))<0) { perror("bind"); exit(1); /* sock ricevera` le richieste di connessione: */ listen(sock, 5); /*creaz. coda richieste connessione*/ for (;;)/* ciclo di servizio */ { /* estrazione nuova richiesta dalla coda: */ newsock=accept(sock,(struct sockaddr_in *) 0, 0); if ((figlio=fork())==0) { /* figlio */ close(sock); read(newsock, comando, 10); /* ricez. comando*/ /*ridirezione dell output sulla socket: */ close(1); dup(newsock); /* esecuzione comando: */ if((i=execlp(comando, comando, (char )0))<0) { write(1,"errore", 7); exit(-1); /* figlio*/ else /*padre*/ { wait(&status); /* attesa figlio */ shutdown(newsock, 1); /* chiusura socket: */ close(newsock); close(sock); Controllato dal gestore dell applicazione Controllato dal sistema operativo Processo Socket TCP con buffer, variabili Host o server Internet Processo Socket TCP con buffer, variabili Host o server Controllato dal gestore dell applicazione Controllato dal sistema operativo

12 Processo client Processo server Stretta di mano a tre vie Socket di benvenuto Socket del client byte byte Socket di connessione tempo 45 12

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Socket per TCP: Fondamenti

Socket per TCP: Fondamenti Socket per TCP: Fondamenti Network Applications Molte applicazioni di rete sono formate da due programmi distinti (che lavorano su due diversi host) uno detto server ed uno detto client. Il server si mette

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Pipe Cos'è un pipe? E' un canale di comunicazione che unisce due processi Caratteristiche: La più vecchia

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi II Semestre - Marzo/Giugno 2008 Matricole congr. 0 mod 3 File & Directory #include #include stat,fstat e lstat int stat (const char *pathname, struct stat *buf); int fstat (int

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Classificazione Processi interagenti processi interagenti/indipendenti due processi sono indipendenti se l esecuzione di ognuno non è in alcun

Dettagli

Sistemi a più processori

Sistemi a più processori Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

La protezione dai memory error exploit

La protezione dai memory error exploit Università degli Studi di Milano Sommario Introduzione 1 Stack Guard Terminator Canaries Random Canaries 2 3 Buffer Overflow Stack Guard Introduzione Buffer Overflow Condizione anomala. Memorizzazione

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti Funzioni matlab per la gestione dei file Informatica B Prof. Morzenti File Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare a esistere indipendentemente dalla

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura Utilizzo del server SMTP in modalità sicura In questa guida forniremo alcune indicazioni sull'ottimizzazione del server SMTP di IceWarp e sul suo impiego in modalità sicura, in modo da ridurre al minimo

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1 File e Directory M. Guarracino - File e Directory 1 File e Directory Abbiamo visto come si possono utilizzare funzioni di I/O per i file: open, read, write, lseek e close Vogliamo ora analizzare ulteriori

Dettagli