unsigned long inet_addr(cp) char *cp;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "unsigned long inet_addr(cp) char *cp;"

Transcript

1 /* bcopystru.c #include <memory.h> struct point int x; char *y; ; struct point a, b; struct pint *pta, *ptb; a.x = 5; a.y = pippo ; b = a; printf i valori del secondo point sono: %d %s\n,b.x,b.y); pta= struct point *) mallocsizeof struct point)); ptb= struct point *) mallocsizeof struct point)); pta->x)= 10; pta->y)= plutonio ; bcopypta, ptb, sizeofstruct point)); printf la dimensione di *pta e *ptb: %d %d\n, sizeof*pta), sizeof*ptb)); printf la dimensione di pta e ptb: %d %d\n, sizeofpta),sizeofptb)); printf i valori del primo point sono: %d %s\n,pta->x, pta->y); printf i valori del secondo point sono: %d %s\n,ptb->x, pta->y); printf i valori degli indirizzi pta->x, di ptb->:%d %d\n,&pta->x), &ptb->x)); printf i valori degli indirizzi pta->y e di ptb->y: %ld %ld\n, pta->y, ptb ->y); return0); i valori del secondo point sono:5 pippo la dimensione di *pta e *ptb: 8 8 la dimensione di pta e ptb: 4 4 i valori del primo point sono: 10 plutonio i valori del secondo point sono: 10 plutonio i valori degli indirizzi pta->x, di ptb->: i valori degli indirizzi pta->y e di ptb->y:

2 /* intoa.c #include <memory.h> #include <malloc.h> #include <netinet/in.h> /* Internet domain, e il file header piu aggiornato che riguarda l Internet, contiene la definizione di struct in_addr #include <arpa/inet.h> #include <netdb.h> /* contiene la definizione di struct hostent /* char * inet_ntoain) struct in_addr in; unsigned long inet_addrcp) char *cp; struct in_addr struct...; struct...; u_long s_addr; ); struct in_addr server; char *s; unsigned long a; server.s_addr= 255; s= inet_ntoaserver); printf indirizzo: %s\n, s); server.s_addr= 256; s= inet_ntoaserver); printf indirizzo: %s\n, s); server.s_addr= 65535; s= inet_ntoaserver); printf indirizzo: %s\n, s); s= ; a= inet_addrs); printf indirizzo numerico: %u\n, a); returno0); /* prompt> cc intoa.c prompt> a.out indirizzo: indirizzo: indirizzo: indirizzo numerico:456

3 /* pro.c mainargc, argv) int argc; char *argv; int port, porta; printf %s\n, argv[1]); port= atoiargv[2]); sscanfargv[2], %d, &porta); printf %d\n, port); printf %d\n, porta); return0); ) /* pro

4 /* cliu1.c /* Il programma da utilizzarsi in combinazione con servu1.c, genera un socket, nel dominio Unix, di nome endpoint2, attraverso il quale questo programma si mette in comunicazione con il socket, nel dominio di Unix, di nome endpoint1, generato dal programma servu1.c, per inviargli un messaggio dal programma cliu1.c e poi per ricevere un messaggio di risposta. Tale esempio mostra la bidirezionalita del socket endpoint2 #include <sys/un.h /* Unix domain #define BUFLEN 1024 char *msg = Richiesta di servizio dal cli_sock ; int s; int addrlen = sizeofstruct sockaddr_un); struct sockddr_un cli_sock; struct sockaddr_un aiuto; /* struct di appoggio che consente di fare la sendto char buf[buflen]; int cc; /* genera il socket nel dominio UNIX: s= socketaf_unix, SOCK_DGRAM, 0); if s== - 1) perror Client: socket\n ); else printf generazione del socket %d: ok\n, s); /* fai la bind: cli_sock.sun_family = AF_UNIX; strcpycli_sock.sun_path, endpoint2 ); if binds, &cli_sock, sozeofstruct sockaddr_un)) == -1 ) perror Client: bind\n ); /*trasmetti un messaggio attraverso il socket s verso il socket endpoint1 : aiuto.sun_family = AF_UNIX; strcpyaiuto,sun_path, endpoint1 ); if sentos,msg, strlenmsg) +1, 0, &aiuto, strlenaiuto.sun_path)+2) == -1 ) perror Client: error send\nn ); ) printf ATTESA DATI DAL SERVER \n ); /* leggi dal socket s: if cc= reads, buf, BUFLEN)) == -1 perror Client: read\n ); printf Client: ricevuto -> %s\n, buf); unlink endpoint2 )

5 /*servu1.c /* Il programma da utilizzarsi in combinazione con cliu1.c, genera un socket, nel dominio di Unix, di nome endpoint1, attraverso il quale questo programma si mette in comunicazione con il socket, nel dominio di Unix, di nome endpoint2, generato dal programma cliu1.c, per ricevere un messaggio dal programma cliu1.c e poi per inviargli un messaggio di risposta. Tale esempio mostra la bidirezionalita del socket endpoint1. #include <sys/un.h /* Unix domain #define BUFLEN 1024 char *msg = Messagio dal server ; int s; int addrlen = sizeofstruct sockaddr_un); struct sockaddr_un appoggio: /* struct di appoggio che consente di effettuare la recvfrom struct sockaddr_un serv_sock; char buf[buflen]; /* genera il socket nel dominio UNIX: s = socketaf_unix, SOCK_DGRAM, 0); if s == -1) perror Server: socket\n ); else printf generazione del socket %d: ok\n, s); /* fai la bind: serv_sock.sun_family = AF_UNIX; strcpyserv_sock.sun_path, endpoint1 ); if binds, &serv_sock, sizeofstruct sockaddr_un)) == -1 ) perror Server:bind\n ); /* metti il socket s in ricezione di cio che giunge da appoggio: if recvfroms, buf, BUFLEN, 0, &appoggio, &addrlen) == -1 ) perror Server: recvfrom\n ); printf MESSAGGIO DAL CLIENT: %s \n, buf); if sendtos, msg, strlenmsg) -1, 0, &appoggio, addrlen) == -1) perror Server: send\n ); unlink endpoint1 );

6 /* cliu11.c /* Il programma e una variante di cliu1.c Il programma da utilizzarsi in combinazione con servu11.c, genera un socket, nel dominio di Unix, di nome endpoint2, attraverso il quale questo programma si mette in comunicazione con il socket, nel dominio di Unix, di nome endpoint1, generato dal programma servu11.c, per inviargli un messaggio dal programma cliu11.c e poi per ricevere un messaggio di risposta. Tale esempio mostra la bidirezionalita del socket endpoint2. #include <sys/un.h> /* UNIX domain #define BUFLEN 1024 char *msg = Richiesta di servizio dal cli_sock ; int s; int addrlen = sizeofstruct sockaddr_un); struct sockaddr_un cli_sock; struct sockaddr_un aiuto; /* struct di appoggio che consente di fare la sendto char buf[buflen]; int cc; /* genera il socket nel dominio UNIX: s = socketaf_unix, SOCK_DGRAM, 0); if s== -1) perror Client: socket\n ); else printf generazione del socket %d: ok\n, s); /* fai la bind: cli_sock.sun_family = AF_UNIX; strcpycli_sock.sun_path, ëndpoint2 ); if binds, &cli_sock, sizeofstruct sockaddr_un)) == -1) perror Client:bind\n ); /* trasmetti un messaggio attraverso il socket s verso aiuto: aiuto.sun_family = AF_UNIX; strcpyaiuto.sun_path, endpoint1 ); if sendtos, msg, strlenmsg) +1, 0, &aiuto, strlenaiuto.sun_path)+2) == -1) perror Client: error send\n ); printf ATTESA DATI DAL SERVER \n ); /* leggi dal socket s: if cc= reads, buf, BUFLEN)) == -1) perror Client: read\n ); printf Client: ricevuto -> %s\n, buf); unlink endpoint2 );

7 /* servu11.c /* Il programma e una variante di servu1.c Il programma da utilizzarsi in combinazione con cliu11.c, genera un socket, nel sominio Unix, di nome endpoint1, attraverso il quale questo programma si mette in comunicazione con il socket, nel dominio di Unix, di nome endpoint2, generato dal programma cliu1.c, per ricevere un messaggio dal programma cliu1.c e poi per inviargli un messaggio di risposta. Tale esempio mostra la bidirezionalita del socket endpoint1. #include <sys/un.h> /* UNIX domain #define BUFLEN 1024 char *msg = Messaggio dal server ; int s; int addrlen = sizeofstruct sockaddr_un); struct sockaddr_un appoggio; /* struct di appoggio che consente di effettuare la recvfrom struct sockaddr_un serv_sock; char buf[buflem]; /* genera il socket nel dominio Unix: s= socketaf_unix, SOCK_DGRAM, 0); if s== -1) perror Server: socket\n ); else printf generazione del socket %d: ok\n, s); /* fai la bind: serv_sock.sun_family = AF_UNIX; strcpyserv_sock.sun_path, endpoint1 ); if binds, &serv_sock, sizeofstruct sockaddr_un)) == -1) perror Server: bind\n ); if recvfroms, buf, BUFLEN, 0, &appoggio, &addrlen) == -1 ) perror Server: recvfrom\n ); printf MESSAGGIO DAL CLIENT: %s \n, buf); if sendtos, msg, strlenmsg) -1, 0, &appoggio, addrlen) == -1) perror Server: send\n ); unlink endpoint1 );

8 /* cli1.c /* sintassi: clisun <hostname> < port number socket destinatario> #include <netinet/in.h> #include <netdb.h> #define DATA Tanto va la gatta a lardo, che ci rimette lo zampino mainargc, argv) int argc; char *argv[]; int so; struct sockaddr_in aiuto; struct hostent *hp, *gethostbyname); so= socketaf_inet, SOCK_DGRAM, 0); if so <0) perror errore nella creazione del socket\n ); hp= gethostbynameargv[1]); if hp == 0) fprintfstderr,, %s: host0 sconosciuto\n, argv[1]); bcopychar *) hp->h_addr, char*) &aiuto.sin_addr, hp->h_length); aiuto.sin_family= AF_INET; aiuto.sin_port= htonsatoiargv[2])); if sendtoso, DATA, sizeofdata), 0, struct sock_addr *) &aiuto, sizeofaiuto)) <0) perror errore nell invio del messaggio datagram\n ); closeso);

9 /* serv1.c /* Da usarsi in congiunzione con cli1.c #include <netinet/in.h> int sock, lun; struct sockaddr_in nome; char buf[1024]; struct sockaddr_in *from; int fromlen; fromlen= sizeofstruct sockaddr_in); sock= socketaf_inet, SOCK_DGRAM, 0); /* fai la bind con una wildcard: nome.sin_family= AF_INET; nome.sin_addr.s_addr= INADDR_ANY; nome.sin_port = 0; if bindsock, struct sockaddr *) &nome, sizeofnome) ) <0) perror errore nella binding\n ); lun= sizeofnome); if getsocknamesock, struct sockaddr *) &nome, &lun) < 0) perror errore nel trovare la porta associata al socket nome\n ); printf porta del socket #%d\n, ntohsnome.sin_port)); /* if readsock, buf, 1024) < 0) perror errore nella ricezione del pacchetto di datagram\n ); if recvfromsock, buf, sizeofbuf), 0, struct sockaddr *) from, &fromlen) < 0) perror errore nella ricezione del pacchetto di datagram\n ); printf %s\n, buf); closesock); exit0);

COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX

COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX A cura del prof. Gino Tombolini 1 COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX Il sistema UNIX TCP/IP fornisce un meccanismo di comunicazione tra processi residenti su nodi distinti di una rete, compatibili

Dettagli

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ&

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ& (VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ& 3ULPRHVHUFL]LR6RFNHWVWUHDPFRQULGLUH]LRQH Si progetti un applicazione distribuita Client/Server per una rete di workstation UNIX (BSD oppure System V). In particolare,

Dettagli

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server.

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale architettura consente ai sistemi di condividere risorse e cooperare per il raggiungimento

Dettagli

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server.

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale architettura consente ai sistemi di condividere risorse e cooperare per il raggiungimento

Dettagli

IPC Inter Process Communication

IPC Inter Process Communication Il protocollo TCP controlla che la trasmissione tra due end points avvenga correttamente. Non stabilisce alcun criterio su chi deve iniziare la comunicazione. Questo compito è svolto dalle applicazioni

Dettagli

Esempio 1: stampa locale di file remoto

Esempio 1: stampa locale di file remoto Alcuni esempi di uso di Socket Esempio 1: stampa locale di file remoto Visualizzazione locale del contenuto di un file remoto. Il client deve richiedere la creazione della connessione e successivamente

Dettagli

Program m azione di Sistem a 6

Program m azione di Sistem a 6 Program m azione di Sistem a 6 Lucidi per il corso di Laboratorio di Sistemi Operativi tenuto da Paolo Baldan presso l'università Ca' Foscari di Venezia, anno accademico 2004/ 2005. Parte di questo materiale

Dettagli

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 6

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 6 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, Elettronica e delle Telecomunicazioni a.a. 2005-2006 CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 6 1 Socket

Dettagli

Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012. - Comunicazione Tra Processi (IPC) - - 2 Parte -

Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012. - Comunicazione Tra Processi (IPC) - - 2 Parte - Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012 - Comunicazione Tra Processi (IPC) - - 2 Parte - 1 Sommario Comunicazione tra processi su macchine diverse in rete: Socket TCP o Socket Stream

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi 29-01-2009. Cognome Nome Mat.

Laboratorio di Sistemi Operativi 29-01-2009. Cognome Nome Mat. Il compito è costituito da domande chiuse, domande aperte ed esercizi. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 2 ore. Domande chiuse: ogni domanda corrisponde ad un punteggio

Dettagli

Programmazione socket. Queste slide sono distribuite con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-condividi allo stesso modo 2.

Programmazione socket. Queste slide sono distribuite con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-condividi allo stesso modo 2. Programmazione socket Queste slide sono distribuite con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-condividi allo stesso modo 2.5 Italia Applicazioni di rete Realizzare un'applicazione di rete

Dettagli

Applicazione distribuita

Applicazione distribuita La programmazione di applicazioni distribuite in C Il concetto di applicazione distribuita L architettura di una applicazione distribuita Il paradigma a scambio di messaggi Il paradigma client-server Il

Dettagli

Guida all' uso dei sockets nella programmazione in C

Guida all' uso dei sockets nella programmazione in C Guida all' uso dei sockets nella programmazione in C ( pseudo-traduzione personalizzata di "Beej's Guide to Network Programming" ) (Prima parte) INTRODUZIONE Finalmente ho trovato una guida chiara e semplice

Dettagli

Acknowledgment: Prof Vincenzo Auletta, Università di Salerno. Approfondimento alla programmazione distribuita

Acknowledgment: Prof Vincenzo Auletta, Università di Salerno. Approfondimento alla programmazione distribuita Reti Informatiche Approfondimento alla programmazione distribuita Acknowledgment: Prof Vincenzo Auletta, Università di Salerno Introduzione API send e receive bloccanti e non API select Socket UDP Esempio

Dettagli

Una socket è un punto estremo di un canale di comunicazione accessibile mediante un file descriptor. Alcuni tipi predefiniti di socket

Una socket è un punto estremo di un canale di comunicazione accessibile mediante un file descriptor. Alcuni tipi predefiniti di socket Una socket è un punto estremo di un canale di comunicazione accessibile mediante un file descriptor Le socket costituiscono un fondamentale strumento di comunicazione, basato sullo scambio di messaggi,

Dettagli

I Socket. Laboratorio Software 2008-2009 M. Grotto R. Farina

I Socket. Laboratorio Software 2008-2009 M. Grotto R. Farina M. Grotto R. Farina Sommario 1. Applicazioni Distribuite 2. I Socket Introduzione Interfacce e protocolli Descrizione Stile di comunicazione Namespace e protocollo Include e system call Creazione e chiusura

Dettagli

Progettazione di un client TCP. Progettazione di un server TCP. Esempio: daytime TCP. Client TCP daytime

Progettazione di un client TCP. Progettazione di un server TCP. Esempio: daytime TCP. Client TCP daytime Progettazione di un client TCP Progettazione di un server TCP Passi per la progettazione di un client TCP 1. Creazione di un endpoint Richiesta al sistema operativo 2. Creazione della connessione Implementazione

Dettagli

Una semplice applicazione client/server 1

Una semplice applicazione client/server 1 Una semplice applicazione client/server 1 Il nostro obiettivo In questa parte del corso implementeremo un applicazione client/server che usa i socket Internet disponibili nei sistemi Unix/Linux. Nello

Dettagli

Socket. [Pagina intenzionalmente vuota] 2: Socket (10 3 2003) slide 2:1/50 (p.24)

Socket. [Pagina intenzionalmente vuota] 2: Socket (10 3 2003) slide 2:1/50 (p.24) Socket [Pagina intenzionalmente vuota] (10 3 2003) slide 2:1/50 (p.24) Concetto di socket Disponibili su tutti i sistemi odierni Endpoint di canale (logico) di comunicazione tra processi, anche remoti

Dettagli

Reti (già Reti di Calcolatori )

Reti (già Reti di Calcolatori ) Reti (già Reti di Calcolatori ) Cenni di Socket Programming Renato Lo Cigno http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Socket API Programmazione dei socket Obiettivo:imparare

Dettagli

Interazione (TCP) Client-Server con le socket

Interazione (TCP) Client-Server con le socket Interazione (TCP) Client-Server con le socket D. Gendarmi Interazione TCP Client/Server Server 2. Assegnare un local address alla socket 3. Settare la socket all ascolto 4. Iterativamente: a. Accettare

Dettagli

Inter-process communication: socket

Inter-process communication: socket Le Socket Inter-process communication: socket Abbiamo visti alcune tipologie di Inter-process communication: Anonymous pipes FIFOs o named pipes Le socket di comunicazione si pongono nell'ipc per realizzare:

Dettagli

Socket TCP. seconda parte

Socket TCP. seconda parte Socket TCP seconda parte Schema della connessione Computer 1 127.43.18.1 indirizzo I1 indirizzo I2 Computer 2 143.225.5.3 porta 45000 socket porta 5200 socket processo client processo server socket(...)

Dettagli

SC per Inter Process Comminication. Comunicazione fra macchine diverse: socket

SC per Inter Process Comminication. Comunicazione fra macchine diverse: socket SC per Inter Process Comminication Comunicazione fra macchine diverse: socket 1 Sockets File speciali utilizzati per connettere due o più processi con un canale di comunicazione i processi possono risiedere

Dettagli

Architettura e servizi Internet

Architettura e servizi Internet Architettura e servizi Internet Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi dell'aquila A.A. 2011/2012 Romina Eramo materiale tratto da: Fazio Vincenzo e-mail:

Dettagli

Esercitazione Laboratorio di Sistemi Operativi 20-01-2014. Cognome Nome Mat.

Esercitazione Laboratorio di Sistemi Operativi 20-01-2014. Cognome Nome Mat. Il compito è costituito da domande chiuse e domande aperte. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 2 ore. Domande chiuse: ogni domanda corrisponde ad un punteggio di 1 punto

Dettagli

Creare un'elementare backdoor in C in ambiente UNIX

Creare un'elementare backdoor in C in ambiente UNIX Creare un'elementare backdoor in C in ambiente UNIX DISCLAIMER: Questo tutorial è a solo scopo didattico. L'autore NON si prende alcuna responsabilità circa usi errati o non legali delle informazioni qui

Dettagli

T.A.R.I. Socket (ICT, AL)

T.A.R.I. Socket (ICT, AL) Internet Applications (Client-Server Concept, Use of Protocol Ports, Socket API, DNS, E-mail, TELNET, FTP) Funzionalità Livello di trasporto e livelli sottostanti Comunicazione base Disponibilità Livello

Dettagli

Basic Sniffer Tutorial

Basic Sniffer Tutorial Basic Sniffer Tutorial LnZ Aspinall S.P.I.N.E. Research Group April 2, 2003 Abstract Con questo semplice esempio cerchero di mostrarvi l uso di base delle

Dettagli

Esercitazione sulle Socket

Esercitazione sulle Socket Esercitazione sulle Socket Sommario Echo Server Specifica Descrizione programma (TCP Socket) Client UNIX/WIN Server UNIX/WIN Server multithread UNIX/WIN Descrizione programma (UDP Socket) 2 Interazione

Dettagli

request reply richiesta client processo di servizio processo server principale From - Valeria Cardellini, Corso Sist. Distr. A.A.

request reply richiesta client processo di servizio processo server principale From - Valeria Cardellini, Corso Sist. Distr. A.A. Applicazioni di rete Forniscono i servizi di alto livello utilizzati dagli utenti Determinano la percezione di qualità del servizio (QoS) che gli utenti hanno della rete sottostante Programmazione di applicazioni

Dettagli

Programmazione di applicazioni di rete

Programmazione di applicazioni di rete Programmazione di applicazioni di rete Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Applicazioni di rete Applicazioni di rete - forniscono i servizi di alto livello utilizzati dagli utenti - determinano

Dettagli

Socket TCP. prima parte

Socket TCP. prima parte Socket TCP prima parte Cosa cambia: socket int fd = socket(pf_inet, SOCK_STREAM, 0); if (fd

Dettagli

Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012. - Comunicazione Tra Processi (IPC)- - 1 Parte -

Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012. - Comunicazione Tra Processi (IPC)- - 1 Parte - Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012 - Comunicazione Tra Processi (IPC)- - 1 Parte - 1 Sommario Comunicazione tra processi sulla stessa macchina: fifo (qualunque insieme di processi)

Dettagli

DATAGRAM SOCKET. Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso

DATAGRAM SOCKET. Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso DATAGRAM SOCKET Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso Definizione supporta i datagram privo di connessione messaggi inaffidabili di una lunghezza massima prefissata il protocollo UDP supporta

Dettagli

Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi

Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi a.a. 2003/04 Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in

Dettagli

INTERNET DOMAIN SOCKETS (Cap.59)

INTERNET DOMAIN SOCKETS (Cap.59) INTERNET DOMAIN SOCKETS (Cap.59) Internet Domain Stream Socket TCP Internet Domain Datagram Socket UDP A differenza degli UDDS I datagrams possono essere persi duplicati o arrivare in un ordine diverso

Dettagli

Domain Name Service. Mapping nomi/indirizzi con Socket API in C

Domain Name Service. Mapping nomi/indirizzi con Socket API in C Domain Name Service Mapping nomi/indirizzi con Socket API in C 1 Risoluzione di nomi simbolici TCP/IP ha bisogno di rappresentazioni numeriche per gli indirizzi (es. 193.204.187.189) e per le porte (es.

Dettagli

Le Opzioni per i Socket

Le Opzioni per i Socket Advanced TCP Socket Le Opzioni per i Socket Le opzioni per i socket sono controllate mediante tre tipi di primitive: 1) le funzioni getsockopt() e setsockopt(), che permettono di configurare alcune caratteristiche

Dettagli

INTRODUZIONE ALL INTERFACCIA SOCKET DI BERKELEY E.Mumolo IL MODELLO CLIENT/SERVER

INTRODUZIONE ALL INTERFACCIA SOCKET DI BERKELEY E.Mumolo IL MODELLO CLIENT/SERVER INTRODUZIONE ALL INTERFACCIA SOCKET DI BERKELEY E.Mumolo IL MODELLO CLIENT/SERVER NB : TCP/IP = famiglia di protocolli Il modello client/server e alla base della maggior parte delle applicazioni distribute

Dettagli

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale

Dettagli

L interfaccia socket

L interfaccia socket L interfaccia socket Application Programming Interface: API Socket API Procedure base Altre procedure Ordinamento dei byte Interazione client-server orientata alla connessione Interazione client-server

Dettagli

Esercitazioni Socket

Esercitazioni Socket Esercitazioni Socket Ping-Pong TCP Si realizzi una coppia di processi: il primo e' un server che pubblica un socket (SOCK_STREAM, TCP) ad un certo indirizzo (porta passata come parametro sulla riga di

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Riassunto Reti di calcolatori 2

Riassunto Reti di calcolatori 2 Riassunto Reti di calcolatori 2 by diverse fonti Si ringrazia Zazzu Indice generale Applicazioni...3 FTP File Transfer Protocol...4 Progettazione di un Servizio di Rete La Posta Elettronica...6 Pagine

Dettagli

Il livello di Trasporto del TCP/IP

Il livello di Trasporto del TCP/IP Il livello di Trasporto del TCP/IP Il compito del livello transport (livello 4) è di fornire un trasporto efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata.

Dettagli

Laboratorio di Reti di Calcolatori

Laboratorio di Reti di Calcolatori Laboratorio di Reti di Calcolatori Socket UDP. Paolo D Arco Abstract Scopo della lezione è descrivere le funzioni che l interfaccia dei socket offre per far interagire client e server attraverso il protocollo

Dettagli

Laboratorio di Programmazione in Rete

Laboratorio di Programmazione in Rete Laboratorio di rogrammazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12

Dettagli

Esercitazione [6] Client/Server con Socket

Esercitazione [6] Client/Server con Socket Esercitazione [6] Client/Server con Socket Leonardo Aniello - aniello@dis.uniroma1.it Daniele Cono D'Elia - delia@dis.uniroma1.it Sistemi di Calcolo - Secondo modulo (SC2) Programmazione dei Sistemi di

Dettagli

Socket per TCP: Fondamenti

Socket per TCP: Fondamenti Socket per TCP: Fondamenti Network Applications Molte applicazioni di rete sono formate da due programmi distinti (che lavorano su due diversi host) uno detto server ed uno detto client. Il server si mette

Dettagli

Laboratorio di Reti di Calcolatori

Laboratorio di Reti di Calcolatori Laboratorio di Reti di Calcolatori Funzioni utili, server ricorsivi, echo client ed echo server. Paolo D Arco Abstract Scopo della lezione è presentare alcune funzioni di utilità generale (e.g., funzioni

Dettagli

Progetto fine al superamento del corso di Sistemi Operativi. Http server proxy Http web monitor

Progetto fine al superamento del corso di Sistemi Operativi. Http server proxy Http web monitor Progetto fine al superamento del corso di Sistemi Operativi Http server proxy Http web monitor Sviluppato da: Santoro Carlo Maurizio Sviluppo terminato in Luglio/2006 Obiettivo: Progettare ed implementare

Dettagli

Applicazione Client-Server con Server Concorrente Specifiche

Applicazione Client-Server con Server Concorrente Specifiche Applicazione Client-Server con Server Concorrente Specifiche Il progetto consiste nello sviluppo di un'applicazione client/server. Client e server devono comunicare tramite socket TCP.. Il server deve

Dettagli

INGEGNERIA DEL WEB. VinX

INGEGNERIA DEL WEB. VinX INGEGNERIA DEL WEB VinX Indice 1 Programmazione di applicazioni di rete 1 1.1 Applicazioni di rete........................................ 1 1.2 Modello Client/Server......................................

Dettagli

Elementi di programmazione con interfaccia Socket

Elementi di programmazione con interfaccia Socket Struttura generale per stream sockets Socket() Well-Known Port Bind() Elementi di programmazione con interfaccia Socket Cenni di programmazione secondo la nuova interfaccia Socket definita nella RFC 2553

Dettagli

Sviluppo di Applicazioni su Rete. Introduzione all API socket di Berkeley. Interazione tra Processi. Modello Client-Server

Sviluppo di Applicazioni su Rete. Introduzione all API socket di Berkeley. Interazione tra Processi. Modello Client-Server a.a. 2003/04 Introduzione all API socket di Berkeley Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica

Dettagli

rsystem Maximiliano Marchesi maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it

rsystem Maximiliano Marchesi maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it Maximiliano Marchesi 28 Settembre 2005 Diario delle Revisioni Revisione 1.2 28 Settembre 2005 maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it Sommario Introduzione..................................................................................

Dettagli

programmazione distribuita Introduzione Introduzione alla programmazione distribuita

programmazione distribuita Introduzione Introduzione alla programmazione distribuita Reti Informatiche Introduzione alla programmazione distribuita Introduzione Richiami di Programmazione C Differenze principali C/C++ 2 1 Definizioni di variabili Le variabili possono essere definite solo

Dettagli

Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket

Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket Richiamo sulle socket Socket in Windows (WinSock) Differenze tra sistemi operativi D. Gendarmi Socket API API: Application Programming Interface

Dettagli

Programmazione di Sistema 5. Pipe e Fifo. IPC: Inter Process Communication. Pipe anonimi e con nome (FIFO) Paolo Baldan

Programmazione di Sistema 5. Pipe e Fifo. IPC: Inter Process Communication. Pipe anonimi e con nome (FIFO) Paolo Baldan IPC: Inter Process Communication Programmazione di Sistema 5 Paolo Baldan Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Parte di questo materiale è rielaborato dalle slide del Corso di Laboratorio

Dettagli

Sistemi di Elaborazione. Introduzione alla Programmazione distribuita

Sistemi di Elaborazione. Introduzione alla Programmazione distribuita Sistemi di Elaborazione Introduzione alla Programmazione distribuita Obiettivi Introdurre i concetti di base su programmazione distribuita Modello Client-Server Interfaccia Socket Progettare e realizzare

Dettagli

Paradigma client-server

Paradigma client-server Interazione Client Server (socket) Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 15 CliSer - 1/31 Paradigma client-server Le applicazioni utente devono interagire con

Dettagli

Basi di network programming sotto Unix/Linux (draft version) Claudio Piciarelli

Basi di network programming sotto Unix/Linux (draft version) Claudio Piciarelli Basi di network programming sotto Unix/Linux (draft version) Claudio Piciarelli 20 dicembre 2004 ii Indice 1 Introduzione 1 1.1 Notazioni e terminologia..................................... 1 2 Un po di

Dettagli

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread-

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread- Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread- 1 Sommario Esercizi su: Comunicazione tra processi: la funzione pipe() Condivisione dati e codice tra due o più processi: concetto di Thread 2 -

Dettagli

Il modello Client/Server. La comunicazione

Il modello Client/Server. La comunicazione Il modello Client/Server La comunicazione Se sintetizziamo uno scenario completo possiamo identificare diverse interfacce di comun icazione: Interfaccia di comuncazione: insieme delle API necessarie alla

Dettagli

Interprocess Communications - II. Franco Maria Nardini

Interprocess Communications - II. Franco Maria Nardini Interprocess Communications - II Franco Maria Nardini XSI IPC Tre tipi di IPC introdotti da System V: semafori shared memory code di messaggi Comunicazioni tra processi su stesso host Tutte consentono

Dettagli

Laboratorio di Programmazione in Rete

Laboratorio di Programmazione in Rete Laboratorio di Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12

Dettagli

Networking. Apertura di uno stream sulla rete: URL

Networking. Apertura di uno stream sulla rete: URL Networking Il networking in java è supportato nel package java.net, che permette, mediante classi e metodi opportuni, di trasferire informazioni attraverso la rete utilizzando: protocolli derivati dal

Dettagli

I Socket in PHP. Introduzione. Gestione degli errori nei socket. Funzioni socket di PHP. (manuale PHP)

I Socket in PHP. Introduzione. Gestione degli errori nei socket. Funzioni socket di PHP. (manuale PHP) I Socket in PHP (manuale PHP) Introduzione Questa estensione implementa una interfaccia a basso livello verso i socket, fornendo la possibilità di agire sia come server sia come client. Per l'utilizzo

Dettagli

Capitolo 2 - parte 3. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 2 - parte 3. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 2 - parte 3 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Agenda - Domain Name Sytem (DNS) - Le socket BSD per Internet M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2005 Cap 2-3 pag. 2 DNS: Domain

Dettagli

SERVER CLIENT. Struttura di un Applicazione UDP. Socket UDP. Parametri di sendto. Funzioni di Input/Output. Prof. Vincenzo Auletta

SERVER CLIENT. Struttura di un Applicazione UDP. Socket UDP. Parametri di sendto. Funzioni di Input/Output. Prof. Vincenzo Auletta I semestre 03/04 Struttura di un Applicazione UDP Socket UDP socket() bind() Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ CLIENT socket() sendto() Dati (richiesta)

Dettagli

Esempi di Client e Server

Esempi di Client e Server Esempi di Client e Server Corso di laurea in Informatica Laboratorio di Reti di Calcolatori A.A. 0-0 Simone Bassis bassis@di.unimi.it #include #include #include #include

Dettagli

Guida di Beej alla Programmazione di Rete

Guida di Beej alla Programmazione di Rete Guida di Beej alla Programmazione di Rete Usando Socket Internet Brian "Beej Jorgensen" Hall beej@beej.us Versione 2.4.5 5 Agosto 2007 Copyright 2007 Brian "Beej Jorgensen" Hall Traduzione di Fabrizio

Dettagli

Laboratorio di Programmazione in rete

Laboratorio di Programmazione in rete Laboratorio di rogrammazione in rete Introduzione alla programmazione C di socket A.A. 2005/06 Comunicazione tra computer Come far comunicare più computer su una rete? Una collezione di protocolli: TC/I

Dettagli

Opzioni per le Socket

Opzioni per le Socket Opzioni per le Socket A.A. 2005/06 Opzioni per le Socket Ogni socket aperto ha delle proprietà che ne determinano alcuni comportamenti Le opzioni del socket consentono di modificare tali proprietà Ogni

Dettagli

Programmazione di applicazioni di rete con socket - parte 1

Programmazione di applicazioni di rete con socket - parte 1 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Programmazione di applicazioni di rete con socket - parte 1 Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Applicazioni

Dettagli

Strumenti di Comunicazione

Strumenti di Comunicazione Strumenti di Comunicazione Livelli di strumenti diversi Livelli Interfacce di comunicazione Named Pipe TLI Mail Slot RPC 7 Applicazione 6 Presentazione NetBIOS SPX Sockets NetIPC 5 Sessione 4 Trasporto

Dettagli

Nuker v1.0 by ALwarrior

Nuker v1.0 by ALwarrior Nuker v1.0 by ALwarrior Avvertenze: Declino ogni responsabilità da un uso improprio di questa guida, a fini di danneggiare altri sistemi o provocare perdita di dati ad altri utenti. Introduzione: Cos è

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi II Semestre - Marzo/Giugno 2008 Matricole congr. 0 mod 3 File & Directory #include #include stat,fstat e lstat int stat (const char *pathname, struct stat *buf); int fstat (int

Dettagli

IPC System V. Code di messaggi

IPC System V. Code di messaggi IPC System V Code di messaggi Panoramica coda di messaggi una lista concatenata di messaggi, FIFO semaforo un contatore condiviso, atomicamente modificabile memoria condivisa uno spazio di memoria accessibile

Dettagli

Laboratorio di Reti di Calcolatori

Laboratorio di Reti di Calcolatori Laboratorio di Reti di Calcolatori Comunicazione tra processi in una interrete, Socket API. Paolo D Arco Abstract Scopo della lezione è spiegare concisamente come possono comunicare due processi in esecuzione

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori T

Corso di Reti di Calcolatori T Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori T Progetto C/S con Socket in C Antonio Corradi Anno accademico 2011/2012 Socket in C 1 COMUNICAZIONE e SOCKET Necessità

Dettagli

Ret e i Inf n o f rm r a m t a ich c e Terza esercitazione

Ret e i Inf n o f rm r a m t a ich c e Terza esercitazione Reti Informatiche Terza esercitazione Introduzione Richiami di Programmazione C Differenze principali C/C++ 2 Definizioni di variabili Le variabili possono essere definite solo all inizio di un blocco

Dettagli

Programmazione dei socket di rete in GNU/Linux

Programmazione dei socket di rete in GNU/Linux Programmazione dei socket di rete in GNU/Linux Fulvio Ferroni fulvioferroni@teletu.it 2006.09.21 Copyright Fulvio Ferroni fulvioferroni@teletu.it Via Longarone, 6-31030 - Casier (TV) Le informazioni contenute

Dettagli

Programmazione di rete: 1. Architettura di Internet 2. Richiami di TCP/IP 3. Sockets in sistemi UNIX/Windows

Programmazione di rete: 1. Architettura di Internet 2. Richiami di TCP/IP 3. Sockets in sistemi UNIX/Windows Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Programmazione di rete: 1. Architettura di Internet 2. Richiami di

Dettagli

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema AXO Architetture dei Calcolatori e Sistema Operativo programmazione di sistema Il sistema operativo Il Sistema Operativo è un insieme di programmi (moduli software) che svolgono funzioni di servizio nel

Dettagli

Laboratorio reti AA 2008/2009. Dott. Matteo Roffilli Ricevimento in ufficio dopo la lezione

Laboratorio reti AA 2008/2009. Dott. Matteo Roffilli Ricevimento in ufficio dopo la lezione Laboratorio reti AA 2008/2009 Dott. Matteo Roffilli roffilli@csr.unibo.it Ricevimento in ufficio dopo la lezione 1 Laboratorio reti AA 2008/2009 Per esercitarvi fate SSH su: alfa.csr.unibo.it si-tux00.csr.unibo.it.

Dettagli

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX Processi UNIX I Processi nel SO UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

LIBRERIA SOCKET EFUNZIONI DI NETWORKING. Versione 1.0

LIBRERIA SOCKET EFUNZIONI DI NETWORKING. Versione 1.0 LIBRERIA SOCKET EFUNZIONI DI NETWORKING Versione 1.0 Vito Asta, febbraio 2000 N.B. La presente dispensa accenna solo brevemente agli argomenti trattati e alle funzioni viste nel corso delle esercitazioni;

Dettagli

I puntatori e l allocazione dinamica di memoria

I puntatori e l allocazione dinamica di memoria I puntatori e l allocazione dinamica di memoria L allocazione delle variabili Allocazione e rilascio espliciti di memoria Le funzioni malloc e free 2 2006 Politecnico di Torino 1 Allocare = collocare in

Dettagli

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3. 1 strace : visualizzazione delle system call invocate da un processo

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3. 1 strace : visualizzazione delle system call invocate da un processo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica a.a. 2005-2006 CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3 1 strace : visualizzazione delle system call

Dettagli

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix-

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix- Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix- 1 Sommario Esercizi sulla gestione dei processi Creazione di un nuovo processo: fork Sincronizzazione tra processi: wait 2 -

Dettagli

Unix Socket. Corso di laurea in Comunicazione Digitale Laboratorio di Reti di calcolatori A.A Simone Bassis

Unix Socket. Corso di laurea in Comunicazione Digitale Laboratorio di Reti di calcolatori A.A Simone Bassis Unix Scket Crs di laurea in Cmunicazine Digitale Labratri di Reti di calclatri A.A. 009-00 Simne Bassis bassis@dsi.unimi.it Labratri di Reti di Calclatri (Infrmatica) - A.A. 0-0 Università di Milan D.S.I.

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO. PER LA DISCIPLINA di SISTEMI

SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO. PER LA DISCIPLINA di SISTEMI SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO PER LA DISCIPLINA di SISTEMI In un azienda, costituita da due edifici, uno per gli uffici e l altro per l area produttiva con annesso magazzino, si vuole realizzare

Dettagli

ESERCITAZIONE 2 RIPASSO. EX. 1 Un processo padre (parent) crea due processi figli (children) e attende la loro terminazione. Se, e solo se,...

ESERCITAZIONE 2 RIPASSO. EX. 1 Un processo padre (parent) crea due processi figli (children) e attende la loro terminazione. Se, e solo se,... ESERCITAZIONE DEL 23 MARZO 2002 ESERCITAZIONE 2 RIPASSO EX. 1 Un processo padre (parent) crea due processi figli (children) e attende la loro terminazione. Se, e solo se,. EX. 2 Un server di rete attende

Dettagli

Esercizio sulla gestione di file in Unix

Esercizio sulla gestione di file in Unix Esercizio sulla gestione di file in Unix 1 Esercizio Si vuole realizzare un programma C che, utilizzando le system call di Unix, realizzi uno schema di comunicazione tra due processi (padre e figlio) mediante

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI ONC-RPC

ESEMPI DI APPLICAZIONI ONC-RPC ESEMPI DI APPLICAZIONI ONC-RPC Applicazione 1: Procedura remota per la somma di due numeri Applicazione 2: Procedura remota per la realizzazione di una chat Annarita Fierro matricola: 628404 Applicazione

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP socket in Windows. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP socket in Windows. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Schema logico della comunicazione TCP in linguaggio C mediante bytestream socket. Parte asimmetrica Ruolo passivo bind () Parte asimmetrica Ruolo attivo Parte simmetrica Parte simmetrica

Dettagli

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Pipe Cos'è un pipe? E' un canale di comunicazione che unisce due processi Caratteristiche: La più vecchia

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli