COMUNE DI ANZOLA Sabato, 12 luglio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ANZOLA Sabato, 12 luglio 2014"

Transcript

1 COMUNE DI ANZOLA Sabato, 12 luglio 2014

2 Sabato, 12 luglio 2014 Cronaca 12/07/2014 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Pagina 19 RADOGNA MATTEO «Se ti incontro, ti faccio multe» Post su Facebook... 1 Economia e lavoro 12/07/2014 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Pagina 22 Fallimento Icea, il sindaco si rivolge alla Corte dei Conti 3 12/07/2014 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Pagina 12 ARMINIO SIMONE «Fico sia il primo progetto della città metropolitana» 5 12/07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 4 EUGENIO BRUNO Meno costi, più servizi: Pa al test crescita 6 12/07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 4 Regole certe per favorire investimenti privati 8 12/07/2014 Italia Oggi Pagina 21 VALERIO STROPPA Bonus 80 euro, recupero in F /07/2014 Italia Oggi Pagina 23 SERGIO TROVATO Agevolazioni sull' Ici a retroattività limitata 11 12/07/2014 Italia Oggi Pagina 25 FRANCESCO CERISANO Un pin unico per tutta la p.a. 13

3 Pagina 19 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Cronaca «Se ti incontro, ti faccio multe» Post su Facebook incastra la vigilessa I sindaci di Terre d' Acqua chiedono una sanzione per l' agente. di MATTEO RADOGNA TERRE D' ACQUA LA RETE mette nei guai una vigilessa dell' Unione Terre d' Acqua a causa del solito post pubblicato sul social network Facebook. Poche righe scritte in meno di un minuto, dove la donna minaccia di fare multe, sono bastate per far andare su tutte le furie il presidente dell' Unione dei 6 Comuni e sindaco di Persiceto Renato Mazzuca e il collega di Anzola dell' Emilia, responsabile della polizia municipale del corpo unico, Giampiero Veronesi. E dire che il post che ha comportato la richiesta da parte dei primi cittadini al comandante Giampiero Gualandi di avviare un provvedimento disciplinare, inizialmente sembrava soltanto uno sfogo. Poi nelle ultime righe è diventato qualcosa di più. «Oggi ho letto che un deficiente scrive la vigilessa odia di più i vigili che gli zingari. Gli auguro che gli entrino in casa, gli freghino quello che vogliono e il resto lo distruggano». E poi dopo una frase davvero pesante che non si può trascrivere, la minaccia che ha messo nei guai l' agente: «Se ti incontro te ne faccio di multe». E DOPO l' avvertimento un altro insulto irripetibile. Il passaparola dopo il post pubblicato dalla vigilessa è arrivato alle orecchie dei sindaci che subito hanno chiesto un provvedimento disciplinare. La conferma arriva dal primo cittadino di Persiceto e presidente dell' Unione Terre d' Acqua: «In accordo con il sindaco di Anzola Giampiero Veronesi spiega Mazzuca ho già richiesto al comandante di avviare un provvedimento disciplinare nei confronti dell' agente. Chi riveste un ruolo pubblico al servizio dei cittadini non può scrivere cose del genere. Se il post su Facebook si fosse concentrato sulla sfera privata, nessuno avrebbe detto niente, ma in questo caso l' agente fa riferimento al proprio ruolo nel corpo unico. E' inammissibile e per questo abbiamo chiesto un provvedimento immediato». Gli fa eco Veronesi: «Sono d' accordo con Mazzuca e dispiace leggere certe cose scritte da chi ha un ruolo pubblico». Insomma, non è proprio un bel periodo per la polizia municipale, anche alla luce dell' operazione?fast and Furious' della Finanza che sta indagando sulla regolarità di un appalto sull' emissione delle multe, su un autovelox a Sala Bolognese probabilmente irregolare e su 15mila contravvenzioni che rischiano di essere annullate. Continua > 1

4 Pagina 19 < Segue Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Cronaca RADOGNA MATTEO 2

5 Pagina 22 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Economia e lavoro ANZOLA. Fallimento Icea, il sindaco si rivolge alla Corte dei Conti di PIER LUIGI TROMBETTA ANZOLA IL SINDACO precedente del Pd di Anzola Loris Ropa «perde» oltre un milione e trecentomila euro e il nuovo sindaco Pd Giampiero Veronesi fa un esposto alla Corte dei Conti. L' incredibile vicenda si sta consumando ad Anzola e riguarda la permuta che il Comune aveva stipulato riguardo un terreno edificabile con l' azienda costruttrice Icea. Che avrebbe dovuto costruire otto alloggi che sarebbero divenuti di proprietà dell' amministrazione comunale per un valore di euro. Senonché Icea è fallita ed il terreno è stato inserito nel fallimento. A quel punto l' unica ancora di salvezza sarebbe stata la fideiussione che Icea aveva rilasciato al Comune di Anzola attraverso una compagnia assicurativa. Ma, colpo di scena, quella fideiussione scadeva improrogabilmente al dicembre 2011, quando le opere non erano praticamente iniziate, e il rimborso sarebbe divenuto pressoché impossibile. «AFFRONTERÒ e risolverò il problema Icea che non ha e non deve avere un colore politico», aveva già dichiarato Veronesi agli anzolesi durante la sua campagna elettorale. Il primo cittadino ha quindi affrontato lo spinoso argomento Icea nel primo consiglio comunale di insediamento spiegando di aver raccolto pareri legali sul tema e comunicando un imminente consulto con gli avvocati del Comune. L' altra sera, l' epilogo. Il primo cittadino, nel corso del secondo consiglio comunale, ha infatti dichiarato ai consiglieri di aver già provveduto a notificare gli atti alla Corte dei Conti. Affinché si faccia chiarezza sull' accaduto. «Sono personalmente addolorato per una vicenda dice Veronesi che non riguarda solo l' amministrazione comunale ma gli anzolesi. Come nuovo sindaco, mi sono dovuto adoperare di fronte ad una situazione come questa che, potenzialmente, potrebbe aver creato un danno erariale. Mi ha confortato di avere avuto sin da subito il completo sostegno del mio Pd, che per primo ha compreso la gravità della situazione, nella consapevolezza che questo problema non ha un colore politico». «Spero che tutto replica brevemente l' ex sindaco Loris Ropa si risolva nei migliore dei modi. Da parte mia posso dire che l' amministrazione comunale precedente ha fatto fatto tutti i passaggi burocratici che doveva essere fatti per tutelare il Comune dal fallimento dell' impresa costruttrice. L' Continua > 3

6 Pagina 22 < Segue Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Economia e lavoro auspicio è ora quello che la questione Icea si risolva positivamente». 4

7 Pagina 12 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Economia e lavoro «Fico sia il primo progetto della città metropolitana» La Provincia: «Vanno valorizzati i prodotti locali» «FICO sarà il primo grande progetto della Città metropolitana. Ma proprio per questo è importante che si leghi al territorio e non diventi un grande Eataly come gli altri in giro per il mondo». Il monito è dell' assessora provinciale all' agricoltura, Gabriella Montera e la platea dove lo pronuncia è la Festa dell' Unità di San Giovanni in Persiceto. La proposta, ribadita anche dal neo assessore di Persiceto alle Attività Produttive, Dimitri Tartari, è quella che il nuovo parco agroalimentare in fase di realizzazione al Caab possa dare il giusto spazio ai cibi del territorio, guardando con un occhio, sì, a Expo Milano, ma con l' altro ai 200 agriturismi, le 60 fattorie didattiche e i tanti prodotti Igp del Bolognese. MATTEO Lepore, assessore comunale all' Economia, tranquillizza tutti e intanto ribadisce: il comune capoluogo, con l' aeroporto, l' alta velocità e la sua attrattiva in crescita anche con questo importante progetto, farà da traino a tutta la città metropolitana. Poi parla dei «1.800 dipendenti che il nascente parco agroalimentare sta già selezionando». E sebbene con chi dal pubblico chiede lumi, corregga il tiro («in realtà la selezione riguarda al momento poche figure professionali, il grosso delle selezioni partirà da settembre»), ribadisce che «l' interesse internazionale per Fico Eatalyworld è già forte, dimostrato dai tanti fondi finanziari in giro per il mondo che, piuttosto che acquisire una quota del fondo vorrebbero comprare tutto il progetto». E l' Igp locale, avrà spazio in Fico? «Certamente spiega Lepore, ma la questione non dev' essere quanto spazio i nostri avranno a disposizione, bensì come il melone di San Giovanni, la mortadella di Bologna o la pera dell' Emilia Romagna potranno avvantaggiarsi del brand territoriale e come agganciare quei cinque milioni di visitatori internazionali che verranno qui per conoscere i nostri prodotti e il nostro territorio». Simone Arminio. ARMINIO SIMONE 5

8 Pagina 4 Il Sole 24 Ore La lunga crisi/mercati e industria. Meno costi, più servizi: Pa al test crescita Madia: riforma per il rilancio del Paese Nella delega stretta sulle partecipate, prestazioni solo online e tre ruoli per i dirigenti. Eugenio Bruno ROMA Erogazione in modalità digitale di tutti (o quasi) i servizi a cittadini e imprese. Trasformazione delle prefetture nello sportello unico dello Stato sul territorio. Dirigenti inquadrati in tre ruoli. Più poteri alla presidenza del Consiglio nel concerto con gli altri ministeri grazie al silenzio assenso. Sono i pilastri della riforma della Pa contenuta nel disegno di legge delega, che il Consiglio dei ministri ha riapprovato giovedì e che, nelle intenzioni del ministro Marianna Madia, sarà cruciale per rilanciare la crescita e liberare risorse per superare «l' ingiusto» blocco della contrattazione. Insieme ad altre misure come la stretta sulle partecipate, la razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi e la cancellazione del contributo annuale alle Camere di commercio contenute nelle ultime bozze del provvedimento. A ribadire ragioni e strumenti del riordino è stata ieri, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, la stessa responsabile della Pubblica amministrazione. Che ha motivato il secondo via libera in Cdm dopo quello del 13 giugno scorso, con la necessità di rendere «più chiaro e incisivo» il testo. E, con esso, l' opera di modernizzazione della Pa che il governo ha avviato con il decreto legge n. 90 attualmente all' esame della Camera. Due provvedimenti che erano e restano legati da un filo rosso. Anche nei tempi visto che, per esplicita ammissione della titolare di Palazzo Vidoni, il ddl sarà inviato in Parlamento la prossima settimana, ma verrà esaminato solo a partire da settembre perché prima bisogna concentrarsi sulla conversione del dl. Passando ai contenuti la novità principale della delega rimane quella annunciata due giorni fa dal premier Matteo Renzi. E cioè la possibilità per cittadini e imprese di ricevere presso il proprio domicilio digitale (o fisico se lo preferiranno) tutti i documenti pubblici. Ma ci si arriverà per gradi. Nel 2015 ogni utente otterrà il suo Pin; entro giorni la digitalizzazione sarà completa. Nel disegno dell' esecutivo, una volta ridotte le prestazioni da erogare de visu, sarà più facile snellire gli uffici pubblici. Un aiuto in tal senso lo daranno le prefetture 2.0. Che diventeranno lo sportello unico dello Stato sul territorio. Ospitando le sedi periferiche delle Pa centrali e degli enti pubblici oggi dislocati in ogni provincia come soprintendenze, Entrate, Ragioneria dello Stato eccetera. Resta da capire quante saranno. Secondo il ministro Madia meno del centinaio oggi esistente dal momento che seguiranno la sorte delle province Continua > 6

9 Pagina 4 < Segue Il Sole 24 Ore svuotate dalla legge Delrio. Ma l' impressione è che difficilmente possano scendere a 40 come annunciato in un primo momento dal governo. Novità in vista anche per i futuri «dirigenti della Repubblica»: diminuiranno in rapporto agli altri dipendenti; accederanno alla carica per concorso; non saranno più divisi in fasce bensì inquadrati in tre ruoli unici (Stato, regioni ed enti locali), soggetti a «osmosi» per usare le parole del ministro; otterranno incarichi triennali dopo il sì di apposite commissioni il più possibile indipendenti da politica e sindacati; saranno promossi o bocciati (oltre che retribuiti) sulla base dei risultati della valutazione. Tra le misure introdotte dal ddl ci sono poi la delega a individuare una volta per tutto le pratiche per cui basta la Scia, l' ampio ricorso ai testi unici e il rafforzamento della presidenza del Consiglio. Per facilitare l' attuazione delle leggi ed evitare la "melina" dei ministeri concertanti viene stabilito un termine di 30 giorni per l' emissione di un concerto, un parere o un nulla osta su un provvedimento attuativo di competenza di un altro dicastero. Affidando a Palazzo Chigi la scelta di concedere o meno altri 15 giorni supplementari e prevedendo il ricorso al silenzio assenso in caso di mancata risposta. Fin qui le misure citate da Madia. A cui vanno aggiunte, da un lato, quelle previste nel testo sin dall' origine, come il ricorso al part time per il personale a cinque anni dalla pensione e l' aiuto alla conciliazione dei tempi di vita e lavoro grazie alle convenzioni con gli asili nido e ai voucher per baby sitter e badanti. E, dall' altro, alcune new entry. È il caso della spinta verso l' efficienza delle partecipate statali oppure della razionalizzazione delle norme sugli acquisti di beni e servizi o ancora dell' abolizione del contributo annuale che le aziende devono alle Camere di commercio insieme al trasferimento allo Sviluppo economico del Registro delle imprese. Nel frattempo potrebbe subire un restyling anche l' altra gamba della riforma: il dl 90 che è all' esame della Camera e sul quale è stato presentato ieri un migliaio di emendamenti. Madia ha aperto uno spiraglio sul ripristino dell' agognata quota 96 per gli insegnanti, intesa come il mix di età e anni contributivi per andare in pensione, che è stata cancellata dalla legge Fornero. «Sarei onorata se la questione si risolvesse nel decreto a mia firma», ha ammesso il ministro. Che con la stessa sincerità ha tuttavia fatto capire come il problema riguardi le coperture e, dunque, l' Economia. RIPRODUZIONE RISERVATA. EUGENIO BRUNO 7

10 Pagina 4 Il Sole 24 Ore La riforma dei servizi pubblici locali: il seminario Astrid Italiadecide. Regole certe per favorire investimenti privati Regole chiare e stabili per attrarre investimenti privati. È la ricetta numero uno emersa ieri in un seminario organizzato dalle fondazioni Astrid e Italiadecide sulla riforma dei servizi pubblici locali che è allo studio del Governo. Un arcipelago di società, con più di 250mila lavoratori, con performance come ha osservato nella relazione introduttiva Edoardo Reviglio decisamente inferiori a quelle della media nazionale. È Franco Bassanini, presidente di Astrid e della Cassa depositi e prestiti, a lanciare il messaggio: «Nei servizi pubblici locali ci sono buoni spazi per gli investimenti privati, ma va assicurato un quadro regolatorio che metta al riparo dall' incertezza. In questo senso aggiunge Bassanini la regolazione non può essere affidata agli enti locali, ma tocca all' autorità indipendente». Considerazioni rilanciate da Giuliano Amato: «Il privato dice l' ex premier e attuale giudice costituzionale vuole regole certe. Qui invece aggiunge con ironia hai davanti uno strabismo: da una parte stai fuori dal patto, dall' altro stai dentro la disciplina del peculato. Assurdità cui si arriva quando c' è una disciplina equivoca o inesistente». Al centro del dibattito anche la questione occupazione, con le ricette possibili per evitare un pesante impatto sociale. Tra le proposte quella dell' istituzione di un Fondo nazionale che si faccia carico dei dipendenti in esubero e di altri oneri impropri creati dal processo di consolidamento, ristrutturazione e riordino, così da dare un ulteriore "incentivo" ad avviare il processo su larga scala. RIPRODUZIONE RISERVATA. 8

11 Pagina 21 Italia Oggi La circolare delle Entrate sulle modalità di restituzione del quantum da parte dello stato. Bonus 80 euro, recupero in F24 Cade il limite dell' importo per le somme iscritte a ruolo. Bonus 80 euro recuperato dai datori di lavoro in F24. La restituzione da parte dello stato delle somme corrisposte in busta paga ai dipendenti non sconta i limiti ordinari. Non si applica, infatti, né il tetto di 700 mila euro annui, né il blocco delle compensazioni in presenza di debiti erariali iscritti a ruolo oltre i euro. Il bonus erogato ai lavoratori dai sostituti d' imposta potrà essere compensato con qualsiasi importo a debito esposto nel modello F24, anche in sezioni diverse da quella riservata all' erario (Inps, Regioni, Imu/tributi locali, altri enti previdenziali o assicurativi). È quanto ha precisato l' Agenzia delle entrate con la circolare n. 22/E di ieri. Il nuovo documento di prassi ritorna sul tema del bonus Renzi già affrontato nei mesi scorsi con le circolari nn. 8/E e 9/E. Questa volta, però, l' attenzione dell' amministrazione finanziaria si rivolge alle modifiche apportate in sede di conversione al dl che ha introdotto l' agevolazione (66/2014). Se, infatti, la versione originaria del decreto Irpef prevedeva che il recupero del credito erogato ai lavoratori avvenisse con la riduzione delle ritenute e dei contributi in busta paga, la legge 89/2014 ha previsto l' utilizzo della compensazione. È venuto quindi meno ogni riferimento sia alla capienza delle ritenute disponibili, sia al periodo di paga. A tale proposito, con la risoluzione n. 48/E del 2014 le Entrate hanno istituito il codice tributo 1655, che i sostituti di imposta devono utilizzare proprio per il recupero delle somme erogate ai lavoratori. La circolare affronta diversi casi pratici, anche attraverso l' ausilio di esempi di compilazione dell' F24. Uno è quello del sostituto d' imposta che, al momento del pagamento delle retribuzioni relative a un dato mese, eroga il bonus ad alcuni dipendenti (maturando quindi un credito verso l' erario) ma al contempo recupera quello indebitamente già versato ad altri dipendenti (generando quindi un debito). In tali ipotesi l' azienda dovrà sommare le due voci: se il saldo è positivo, potrà compensare l' importo netto risultante dalla differenza. Se, invece, dal raffronto emerga un debito (cioè l' importo trattenuto ai lavoratori è superiore a quello erogato) il sostituto dovrà versare il saldo entro il giorno 16 del mese successivo, avvalendosi del codice tributo Laddove, invece, l' azienda si trovi a dover erogare il credito in sede di conguaglio di fine anno nei mesi di gennaio o febbraio 2015, nel modello F24 andrà comunque utilizzato il codice 1655, indicando dicembre 2014 come mese e anno di riferimento. La Continua > 9

12 Pagina 21 < Segue Italia Oggi circolare, infine, esamina il caso delle pubbliche amministrazioni. Come già chiarito con la circolare n. 9/E del 2014, per gli enti pubblici resta la facoltà di recuperare il bonus erogato attraverso lo scomputo dalle ritenute. Oltre, naturalmente, alla possibilità di compensazione (tramite i modelli F24 o F24 EP). Poiché, però, la legge non stabilisce alcun criterio di priorità, «dette modalità possono essere liberamente adottate», sottolinea la circolare, «possibilmente evitando l' insorgere di ipotesi di incapienza in relazione, ad esempio, all' effettuazione dei conguagli fiscali derivanti dalle dichiarazioni 730/2014». VALERIO STROPPA 10

13 Pagina 23 Italia Oggi FABBRICATI RURALI/ Sentenza della Ctr di Bologna. Agevolazioni sull' Ici a retroattività limitata Il rimborso Ici a una cooperativa agricola titolare di fabbricati strumentali può essere riconosciuto fino al 2006, anche se in base all' autocertificazione presentata, che attesta il possesso dei requisiti, l' Agenzia delle entrate non ha contestato la ruralità degli immobili per gli anni precedenti. E la norma che ha limitato la retroattività ai cinque anni precedenti la presentazione delle domande per l' annotazione in catasto della ruralità non può ritenersi in contrasto con la Costituzione. È quanto ha affermato la commissione tributaria regionale di Bologna, terza sezione, con la sentenza 1283 del 25/6/2014. I giudici d' appello hanno respinto l' istanza di rimborso dell' Ici versata dalla cooperativa agricola per gli anni , poiché non è consentito ottenere la restituzione dell' imposta per annualità anteriori al 2006, nonostante fosse stata presentata l' autocertificazione dei requisiti sulla ruralità degli immobili anche per gli anni precedenti. Tra l' altro, hanno giudicato illegittima e arbitraria l' autocertificazione per il periodo anteriore al quinquennio, «periodo per il quale l' autocertificazione non è consentita e per il quale avrebbe dovuto impugnarsi, secondo la giurisprudenza, il diverso classamento catastale». Inoltre hanno respinto, con adeguata motivazione, l' eccezione di illegittimità costituzionale della norma che limita temporalmente il beneficio fiscale ai cinque anni precedenti la presentazione dell' autocertificazione. Ha precisato la commissione regionale che la limitazione temporale non costituisce «esercizio irrazionale della discrezionalità del legislatore». Piuttosto, «appare costituzionalmente insindacabile al cospetto delle esigenze finanziarie e contabili degli enti impositori, parimenti costituzionalmente rilevanti». I giudici tributari di merito, dunque, applicano la norma di interpretazione autentica (art. 2, comma 5 ter, dl 102/2013) sui fabbricati rurali, in base alla quale le variazioni catastali e le annotazioni richieste dai titolari di fabbricati rurali hanno effetto retroattivo per i cinque anni antecedenti a quello in cui sono state presentate le relative domande. Norma sopravvenuta che assume rilevanza anche per le controversie pendenti. Nonostante la sua efficacia, però, non possa andare oltre l' anno d' imposta 2006, considerato che i contribuenti avrebbero potuto inoltrare le prime istanze di variazione entro il 30/9/2011. Va ricordato che l' Agenzia del territorio, con la circ. 2/2012, ha chiarito che non conta più la classificazione catastale per avere diritto al Continua > 11

14 Pagina 23 < Segue Italia Oggi trattamento agevolato Ici, e Imu, sui fabbricati rurali. Possono infatti mantenere le loro categorie originarie. È sufficiente l' annotazione catastale, tranne per i fabbricati strumentali che siano per loro natura censibili nella categoria D/10. SERGIO TROVATO 12

15 Pagina 25 Italia Oggi Il ministro Madia ha illustrato il ddl «riapprovato» dal cdm. Utg al posto delle prefetture. Un pin unico per tutta la p.a. Partirà dal Potere sostitutivo del governo sugli atti. Un pin unico per accedere a tutti i servizi della pubblica amministrazione e ricevere nel proprio domicilio digitale, o a casa, certificati e atti della p.a. Sarà attivo dal 2015, ma in versione ridotta perché tutte le funzionalità saranno implementate entro la fine della legislatura. Mille giorni, questo l' orizzonte temporale che il governo Renzi si è dato per avvicinare la p.a. ai cittadini utenti grazie all' utilizzo delle moderne tecnologie. Parte dalla digitalizzazione la lunga conferenza stampa convocata ieri dal ministro della funzione pubblica Marianna Madia per spiegare i contenuti del disegno di legge delega «Repubblica semplice», già licenziato lo scorso 13 giugno, e nuovamente approvato nel consiglio dei ministri di giovedì. Un doppio passaggio in cdm che il ministro spiega come necessario «per migliorare e rendere più incisivo il testo» che approderà in parlamento. Anche se, ha annunciato, sarà esaminato a partire da settembre per non ingolfare il lavoro estivo delle camere impegnate nella conversione dei decreti legge n.90 e n.91 (riforma p.a. e crescita). Dal ruolo unico della dirigenza al silenzioassenso, dalla riforma delle conferenze di servizi al taglio delle prefetture trasformate in Uffici territoriali del governo, il leitmotiv della delega può riassumersi così: garantire ai cittadini risposte immediate dalla p.a., evitando che il gioco dei veti incrociati, dei concerti rimandati alle calende greche, delle conferenze di servizi in stallo possa bloccare la vita dello stato. Di qui la regola generale del silenzio assenso che scatterà decorsi 30 giorni da quando la p.a. proponente invia il provvedimento all' ente di cui si richiede il concerto senza riceverne osservazioni. Il silenzio assenso sarà rafforzato dal potere sostitutivo che il governo potrà usare per dirimere le controversie sorte tra p.a. proponente e p.a. concertante. L' istituzione del ruolo unico della dirigenza dovrà segnare, secondo il ministro, un cambiamento culturale epocale. «Bisogna uscire dalla logica che il dirigente statale sia di proprietà dell' ente di appartenenza. Il manager pubblico deve sentirsi servitore dello stato, della Repubblica, deve abbandonare la logica di frammentarietà che ha fino ad oggi contraddistinto l' agire amministrativo. Per questo il ruolo unico è utile perché consentirà una maggiore osmosi di personale dirigenziale tra p.a. Continua > 13

16 Pagina 25 < Segue Italia Oggi centrali e locali». Stesso discorso per i dipendenti che tra mobilità obbligatoria (in un raggio di 50 km) e volontaria andranno là dove c' è reale bisogno di risorse umane. I passaggi di carriera, poi, non saranno più automatici ma legati al merito. Se si vale, ha spiegato Madia, si potranno bruciare le tappe. «Oggi invece un funzionario di seconda fascia deve attendere che si liberi un posto per passare alla prima, domani non sarà più così, gli incarichi saranno più mobili». Nel ruolo unico i futuri dirigenti entreranno per concorso e troveranno collocamento autocandidandosi sulla base degli interpelli (offerte di posti) provenienti dalle singole amministrazioni. Sarà poi una commissione formata da tre esperti super partes a valutare i curricula. L' unitarietà della dirigenza nel progetto Renzi Madia va di pari passo col rafforzamento dell' azione di governo anche a livello locale. Le prefetture lasceranno il posto agli Uffici territoriali di governo (dovrebbero essere 40 ma il ministro non ha voluto dare numeri certi perché tutto dipenderà dall' attuazione sul territorio della legge Delrio) in cui i cittadini potranno interfacciarsi con le singole articolazioni dello stato sul territorio (Sovraintendenze, uffici regionali dell' Agenzia delle entrate e della Ragioneria dello stato) con evidente risparmio di tempi e di costi. Infine un accenno al decreto p.a. all' esame della camera. I lavori stanno per entrare nel vivo con il deposito di una valanga di emendamenti in commissione affari costituzionali. Il ministro si è detta «aperta a valutare ogni modifica migliorativa al testo». A cominciare dalla soppressione delle otto sedi distaccate dei Tar che ha provocato una levata di scudi da parte di giudici e avvocati amministrativisti. In commissione sono stati presentati emendamenti volti a salvare i Tar delle città sedi di Corte d' Appello (Lecce, Reggio Calabria, Salerno, Brescia, Catania). «Sono disposta a cambiare idea», ha dichiarato il ministro, «se mi convincono che ci sono ragioni oggettive legate al funzionamento della giustizia per mantenerli. Ma se si tratta si iniziative localistiche dei singoli deputati per salvare i Tar del proprio collegio allora non ci sto». FRANCESCO CERISANO 14

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

COMUNE DI GATTEO Sabato, 12 luglio 2014

COMUNE DI GATTEO Sabato, 12 luglio 2014 COMUNE DI GATTEO Sabato, 12 luglio 2014 Sabato, 12 luglio 2014 Prime Pagine 12/07/2014 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Forli) 1 12/07/2014 Prima Pagina La Voce di Romagna (ed. Forli) 2 cronaca 12/07/2014

Dettagli

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE Circolare 29 del 12 dicembre 2014 Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE 1 Premessa... 3 2 Operazioni straordinarie delle società di persone

Dettagli

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO DA UNO STATO PESANTE AD UNO STATO SEMPLICE. Viviamo in un Paese complesso e complicato. Schiacciato da un coacervo di norme che aggiunto ad una sovrapposizione,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Sabato, 10.01.2015. Il Sole 24 Ore

RASSEGNA STAMPA. Sabato, 10.01.2015. Il Sole 24 Ore RASSEGNA STAMPA Sabato, 10.01.2015 Il Sole 24 Ore 1 «Pa, con altri tagli indistinti servizi a rischio» 2 Silenzio-assenso per tutte le Pa 3 «Split payment» sulle fatture 2015 4 Doppio binario in contabilità

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA UNO STATO PESANTE A UNO STATO SEMPLICE

LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA UNO STATO PESANTE A UNO STATO SEMPLICE LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA UNO STATO PESANTE A UNO STATO SEMPLICE LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA UNO STATO PESANTE A UNO STATO SEMPLICE L amministrazione pubblica entra

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014 Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Paolo STAGNO Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Telef.:

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati RASSEGNA STAMPA Martedì, 24.02.2015 Il Sole 24 Ore 1 Split payment, rimborsi semplificati 2 Precompilata, deleghe dettagliate 3 Statali, pronte le tabelle per la mobilità Il Secolo XIX - Ed. Levante 1

Dettagli

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014 CIRCOLARE N.22/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 11 luglio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione.

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Il silenzio dell Amministrazione potrebbe essere la spia di un mal funzionamento della stessa, alla luce della

Dettagli

Sintesi del ddl delega su Pubblica amministrazione

Sintesi del ddl delega su Pubblica amministrazione Sintesi del ddl delega su Pubblica amministrazione Ruolo unico per i dirigenti statali che potranno rimanere in carica per 4 anni (con l'aggiunta di 2 anni se necessario, ma per una sola volta). Licenziamenti

Dettagli

LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO

LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO La legge n. 190/2014, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014, entrata in vigore il 1 gennaio 2015, contiene alcune

Dettagli

Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dottore Commercialista Revisore Contabile LE COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITA': DISCIPLINA E POSSIBILI SOLUZIONI A FAVORE DEL CONTRIBUENTE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Le comunicazioni derivanti dai controlli automatici e dai controlli

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA UNO STATO PESANTE A UNO STATO SEMPLICE

LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA UNO STATO PESANTE A UNO STATO SEMPLICE LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA UNO STATO PESANTE A UNO STATO SEMPLICE LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA UNO STATO PESANTE A UNO STATO SEMPLICE La legge di riforma della PA, approvata

Dettagli

LE NOVITA DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETA ) DALL 1 AL 7 MARZO 2008. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITA DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETA ) DALL 1 AL 7 MARZO 2008. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITA DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETA ) DALL 1 AL 7 MARZO 2008 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Reverse charge Si ricorda che, per effetto dell articolo

Dettagli

Riforma della Pubblica Amministrazione

Riforma della Pubblica Amministrazione Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio agosto 2015 Riforma della Pubblica Amministrazione I processi di cambiamento, avvenuti sul piano economico e sociale, hanno modificato lo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE

CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE AUDIZIONE DEL 6 LUGLIO 2010 - ORE 12.30 ISTANZE UNIREC PER LA MODIFICA DELL ARTICOLO 128 UNDECIES 2 DELLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA

Dettagli

Marco Causi Capogruppo PD Commissione Finanze Camera dei Deputati

Marco Causi Capogruppo PD Commissione Finanze Camera dei Deputati Associazione Nazionale Società Emettitrici Buoni Pasto AUMENTARE I BUONI PASTO PER AUMENTARE I CONSUMI Adeguamento dei buoni pasto: una misura coerente con le politiche di riduzione del cuneo fiscale Marco

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015)

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan,

Dettagli

Il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin

Il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin 1 14 giugno 2014 Le novità in sanità delle norme approvate dal Governo. Dalla Riforma PA alle ricette per le patologie croniche. E per i medici del Ssn niente obbligo assicurazione. Albo nazionale per

Dettagli

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA

Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) Quadro normativo di riferimento pag.3 2) Pagamento in forma rateale dei

Dettagli

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti Diritti Riservati HALLEY INFORMATICA L editore declina ogni responsabilità

Dettagli

SENTENZA N. 201 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Sabino CASSESE Presidente -

SENTENZA N. 201 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Sabino CASSESE Presidente - SENTENZA N. 201 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Sabino CASSESE Presidente - Giuseppe TESAURO Giudice - Paolo Maria NAPOLITANO -

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 929 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GNECCHI, DAMIANO, LENZI, MURER, MIOTTO, RUBINATO, VELO, ROSATO, TULLO, ALBANELLA, BARUFFI,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/2015

RASSEGNA STAMPA. DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/2015 giovedì 23 luglio 205 RASSEGNA STAMPA DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/205 EDILIZIA Edilizia privata: basta ritardi L Unione Sarda pag.8 del 23/07/205

Dettagli

IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE

IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE Gli aggiornamenti più recenti rimborsi da modello 730 di importo superiore a 4.000 euro erogazione dei rimborsi e comunicazione dei dati del conto corrente aggiornamento agosto 2014 RIMBORSO DA 730 ACCREDITO

Dettagli

Paghe. Semplificazioni fiscali: discipline per i datori di lavoro Flavia Martinelli - Consulente Area Lavoro e Contrattualistica CNA Interpreta

Paghe. Semplificazioni fiscali: discipline per i datori di lavoro Flavia Martinelli - Consulente Area Lavoro e Contrattualistica CNA Interpreta Semplificazioni fiscali: discipline per i datori di lavoro Flavia Martinelli - Consulente Area Lavoro e Contrattualistica CNA Interpreta La legge n. 23/2014 ha delegato il Governo ad adottare decreti tendenti

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 7 LEZIONE IL DECENTRAMENTO FISCALE: IL CASO ITALIANO (ottobre 2008) BIBLIOGRAFIA:

Dettagli

NEWS FISCALI E SOCIETARIE NOVEMBRE 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI

NEWS FISCALI E SOCIETARIE NOVEMBRE 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI Milano Roma News fiscali e societarie Novembre 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI Acconto IRPEF di novembre ridotto dal 99% all 82% L acconto IRPEF da versare entro mercoledì 30 novembre 2011 dovrà

Dettagli

VI COMMISSIONE PERMANENTE

VI COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 11 settembre 2013 32 Commissione VI VI COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze) S O M M A R I O INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA: Variazione nella composizione della Commissione... 32 5-00974 Busin:

Dettagli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli CIRCOLARE A.F. N. 39 del 14 Marzo 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la proroga del pagamento

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

Le novità del modello 730/2015

Le novità del modello 730/2015 Le novità del modello 730/2015 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti Servizio: Nome servizio Pag. 1 Modello 730-3 e modello pre-compilato 2 Frontespizio- stato civile 3 Frontespizio dati

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

Circolare 1497 del 24/02/2012. A Tutti i Responsabili UIL - BAC Alle R.S.U. A Tutti i lavoratori LORO SEDI

Circolare 1497 del 24/02/2012. A Tutti i Responsabili UIL - BAC Alle R.S.U. A Tutti i lavoratori LORO SEDI Circolare 1497 del 24/02/2012 A Tutti i Responsabili UIL - BAC Alle R.S.U. A Tutti i lavoratori LORO SEDI CIRCOLARE INTERPRETATIVA SULLE PROGRESSIONI ECONOMICHE: PROTESTA FORMALE DELLA UILBAC A seguito

Dettagli

NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI

NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI: il 2010 dovrebbe essere l anno della riforma degli ammortizzatori sociali, che ora lasciano senza rete di protezione 1,2 milioni di lavoratori dipendenti. Il

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

Sintesi delle circolari dal n. 6.513 al n. 6.539

Sintesi delle circolari dal n. 6.513 al n. 6.539 N 4-2013 Sintesi delle circolari dal n. 6.513 al n. 6.539 ACCESSO ALLA PROFESSIONE Dimostrazione del requisito di idoneità finanziaria Ulteriori chiarimenti del Min. trasporti (Circ. 6.539 29 aprile 2013)

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo- Obiettivo Convergenza 2007-2013 Asse E - Capacità istituzionale

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013);

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013); CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013); Gentile Cliente, l art. 1 co. 618-624 della L. 27.12.2013 n. 147 ha introdotto

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro

I Commissione <Affari Costituzionali> del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro Audizione del Prof. Agostino Meale in data 23 settembre 2014 sul d.d.l. n. 1577 Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010 Circolare n. 1/2011 del 20 Gennaio 2011 PROVVEDIMENTI FISCALI 2011 L inizio del nuovo anno comporta l entrata in vigore di numerose novità fiscali contenute in diversi provvedimenti, alcuni di tipo legislativo

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 27 28.04.2015 Imposte da compensare L utilizzo del credito può compensare non solo IMU Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Con l

Dettagli

Qualche dato sulla magistratura onoraria

Qualche dato sulla magistratura onoraria Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento

Dettagli

AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO

AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO UFFICIO SEGRETERIA Responsabile: Fabio Forlani - e.mail:sindaco@mondaino.com

Dettagli

NEWSLETTER N. 1 DEL 14 GENNAIO 2013

NEWSLETTER N. 1 DEL 14 GENNAIO 2013 NEWSLETTER N. 1 DEL 14 GENNAIO 2013 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi 1. BREVI DELLA SETTIMANA Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali di questa settimana. Sono stati pubblicati nei Supplementi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

ALIQUOTE E DETRAZIONI I.M.U. PER L ANNO 2013

ALIQUOTE E DETRAZIONI I.M.U. PER L ANNO 2013 ALIQUOTE E DETRAZIONI I.M.U. PER L ANNO Il Consiglio Comunale con delibera CC n. 24 in data 18 aprile, esecutiva, ha approvato in via definitiva le aliquote e detrazioni in vigore per l anno. Di seguito

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Studio Le Pera - Commercialisti Associati

Studio Le Pera - Commercialisti Associati Studio Le Pera - Commercialisti Associati Circolare n. 4 del 08 settembre 2010 LA MANOVRA CORRETTIVA ESTIVA 2010 Con il decreto legge 31 maggio 2010 n. 78, convertito dalla legge 30 luglio 2010 n. 122

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Parere n. 7/Par./2007 La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 27 giugno 2007, composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

imposte sui redditi, l art. 87 è ora numerato 73.

imposte sui redditi, l art. 87 è ora numerato 73. Materiale di approfondimento IMU Giugno 2012 Appunto sulla nuova disciplina degli immobili degli enti e delle associazioni non commerciali, ai fini dell imposizione immobiliare locale 1. Sintesi degli

Dettagli

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Modena, 12 2014 SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Si segnala ai Signori clienti che tutti gli adempimenti sono stati inseriti, prudenzialmente, con le loro scadenze naturali, nonostante

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE di MARRADI CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 22.07.2015 INDICE ART.

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. Roma, 14 marzo 2008

CIRCOLARE N. 9. Roma, 14 marzo 2008 CIRCOLARE N. 9 DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE DI FINANZA UFFICI XI - IV ISPETTORATO GENERALE PER LA FINANZA Prot. n. 33349 Allegati: 2 DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università

Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università Miur Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università In allegato il testo del ddl 28 ottobre 2009 CDM, VIA LIBERA A DDL RIFORMA UNIVERSITA' 2009-10-28 11:11 * * * In allegato, il comunicato

Dettagli

PROPOSTE DI EMENDAMENTI AS 662

PROPOSTE DI EMENDAMENTI AS 662 PROPOSTE DI EMENDAMENTI AS 662 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 8 aprile 2013, n.35 recante Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione,

Dettagli

IX COMMISSIONE PERMANENTE

IX COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 13 marzo 2014 116 Commissione IX IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni) S O M M A R I O SEDE CONSULTIVA: DL 4/2014: Disposizioni urgenti in materia di emersione e rientro

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI Con l approvazione dell Art.13 del D.L 201/2011 detto Decreto salva Italia, entrerà in vigore in via sperimentale, già a partire dal 01/01/2012, l IMU

Dettagli

SAESE - Sindacato Autonomo Europeo Scuola ed Ecologia - Codice Fiscale: 93066010849

SAESE - Sindacato Autonomo Europeo Scuola ed Ecologia - Codice Fiscale: 93066010849 SAESE - Sindacato Autonomo Europeo Scuola ed Ecologia - Codice Fiscale: 93066010849 www.saese.eu info@saese.eu Spett. SIG. DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO SCOLASTICO S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA(AG) e

Dettagli

ULTIME NOTIZIE TASI. Di seguito, la situazione di alcune province:

ULTIME NOTIZIE TASI. Di seguito, la situazione di alcune province: 1 ULTIME NOTIZIE TASI Il Consiglio comunale di Lecce il 10 settembre ha dato via libera alle aliquote Tasi: il 16 ottobre pertanto è fissata la scadenza per il pagamento della prima rata Tasi. Aliquota

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 4791 del 15 gennaio 2015 ha approvato il modello

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BORGIANINI GIOVANNI Indirizzo ufficio FERENTILLO (05034) VIA DELLA VITTORIA N. 77 PROV. TR Telefono ufficio

Dettagli

RELAZIONE SUL MONITORAGGIO DELLO STATO DEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO E SULL ATTIVITA DELLE COMMISSIONI TRIBUTARIE ANNO 2012

RELAZIONE SUL MONITORAGGIO DELLO STATO DEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO E SULL ATTIVITA DELLE COMMISSIONI TRIBUTARIE ANNO 2012 RELAZIONE SUL MONITORAGGIO DELLO STATO DEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO E SULL ATTIVITA DELLE COMMISSIONI TRIBUTARIE ANNO 2012 Roma, luglio 2013 1. Andamento del contenzioso tributario L analisi dell evoluzione

Dettagli

DITTA / SOCIETÀ Circolare n. 12

DITTA / SOCIETÀ Circolare n. 12 Spett.le DITTA / SOCIETÀ Circolare n. 12 Oggetto: Circolare informativa del mese di NOVEMBRE 2013. Con la presente circolare mensile, lo Studio desidera informare e aggiornare i signori clienti in merito

Dettagli

Informativa n. 2/2014

Informativa n. 2/2014 Informativa n. 2/2014 Sommario Premessa 2 Rinviato al 16 maggio 2014 il pagamento dei premi INAIL 2 Via libera alla voluntary disclosure 2 Slitta al 30 giugno l obbligo di POS per i professionisti 3 Deducibilità

Dettagli

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE)

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) PREMESSA La UIL esprime una valutazione positiva in merito all opportunità

Dettagli

dossier n 36 - Elementi di valutazione sulla qualità del testo e su specificità, omogeneità e limiti di contenuto del decreto-legge 19 febbraio 2014

dossier n 36 - Elementi di valutazione sulla qualità del testo e su specificità, omogeneità e limiti di contenuto del decreto-legge 19 febbraio 2014 Abolizione del finanziamento pubblico diretto, disposizioni per la trasparenza e la democraticità dei partiti e disciplina della contribuzione volontaria e della contribuzione indiretta in loro favore

Dettagli

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno La scuola di specializzazione vale un anno di pratica forense Scuole Bassanini, la frequenza vale un anno di pratica. Lo ha ribadito la quarta sezione del Consiglio di Stato con la decisione 5353/05 (depositata

Dettagli

Decreto sulle semplificazioni fiscali.

Decreto sulle semplificazioni fiscali. Decreto sulle semplificazioni fiscali. Il Governo, il 20 giugno scorso, ha dato il via ad uno schema di decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione

Dettagli

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 Gli importi per il calcolo del contributo unificato (di cui al Testo Unico sulle spese di giustizia - D.P.R 30 maggio 2002, n. 115) sono

Dettagli

21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro

21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro 21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro L Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n. 2/E del 21 febbraio 2014 che fornisce le istruzioni e

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

INDICE CIRCOLARI F.N.A.A.R.C. 2003

INDICE CIRCOLARI F.N.A.A.R.C. 2003 INDICE CIRCOLARI F.N.A.A.R.C. 2003 1. RITENUTA D ACCONTO SULLE PROVVIGIONI.- NUOVE MISURE DAL 1 GENNAIO 2003 07.01.2003 2. LEGGE FINANZIARIA 2003 10.01.2003 3. IRPEF: SISTEMA DI TASSAZIONE DEI COMPENSI

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Marzo 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI Pagamento telematico dell imposta sostitutiva sul leasing immobiliare Con provvedimento del 4 marzo 2011 l Agenzia delle

Dettagli

Osservatorio per la Giustizia Civile. Sezione Lavoro e Previdenza. del Tribunale di Reggio Calabria PREMESSA

Osservatorio per la Giustizia Civile. Sezione Lavoro e Previdenza. del Tribunale di Reggio Calabria PREMESSA Osservatorio per la Giustizia Civile Sezione Lavoro e Previdenza del Tribunale di Reggio Calabria VADEMECUM DELLE OPERAZIONI PERITALI per le controversie in materia di invalidità civile, handicap e disabilità,

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi: le procedure standardizzate per le PMI passo dopo passo

Documento di valutazione dei rischi: le procedure standardizzate per le PMI passo dopo passo La sicurezza sul lavoro Documento di valutazione dei rischi: le procedure standardizzate per le PMI passo dopo passo a cura di Davide Venturi Ricercatore ADAPT-CSMB - Università di Modena e Reggio Emilia

Dettagli

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro.

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro. Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di marzo 2012. Cordialmente. Lo Studio ADEMPIMENTI MESE DI MARZO 2012 Giovedì 1 marzo DOCUMENTI FISCALI Archiviazione informatica - Termine di

Dettagli

AUDIZIONE CONOSCITIVA SULLA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI. Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica

AUDIZIONE CONOSCITIVA SULLA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI. Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica AUDIZIONE CONOSCITIVA SULLA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica 28 maggio 2013 INDAGINE CONOSCITIVA SULLA TASSAZIONE IMMOBILIARE APPUNTI PER AUDIZIONE Il

Dettagli

Pesaro, lì 28 febbraio 2011 A TUTTI I CLIENTI ESTERNI LORO SEDI. CIRCOLARE n. 08/2011

Pesaro, lì 28 febbraio 2011 A TUTTI I CLIENTI ESTERNI LORO SEDI. CIRCOLARE n. 08/2011 Pesaro, lì 28 febbraio 2011 A TUTTI I CLIENTI ESTERNI LORO SEDI CIRCOLARE n. 08/2011 1 - Tutto pronto per la compensazione debiti erariali iscritti a ruolo: 1.1 Divieto compensazione dei crediti in presenza

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 Legge di stabilità 2015 Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 1 Indice L Europa e la legge di stabilità Il DEF La direzione complessiva della manovra Cosa non c è I principali provvedimenti Primo

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

COEFFICIENTE DI RIVALUTAZIONE

COEFFICIENTE DI RIVALUTAZIONE IN BREVE n. 011-2013 a cura di Marco Perelli Ercolini riproduzione con citazione della fonte e dell autore SOCIETA MANGUSTA RISK da Italia Oggi - sabato 9 marzo 2013 Mangusta Risk, società indipendente

Dettagli