Dichiarazione di inizio attività e silenzio assenso - attuazione degli articoli 9, 23 e 23 bis della legge provinciale 30 novembre 1992, n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione di inizio attività e silenzio assenso - attuazione degli articoli 9, 23 e 23 bis della legge provinciale 30 novembre 1992, n."

Transcript

1 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 1 SUPPLEMENTO N. 2 BEIBLATT NR. 2 AN 2007 JAHR 2007 DELIBERAZIONI, DISPOZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN PROVINCIA AUTOMA DI TRENTO [S U020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 cembre 2007, n. 64 Dichiarazione inizio attività e silenzio assenso - attuazione degli articoli 9, 23 e 23 bis della legge provinciale novembre 1992, n. 23

2 2 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II SUPPLEMENTO N. 2 BEIBLATT NR. 2 AN 2007 JAHR 2007 DELIBERAZIONI, DISPOZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN PROVINCIA AUTOMA DI TRENTO AUTOME PROVINZ TRIENT [S U020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 cembre 2007, n. 64 Dichiarazione inizio attività e silenzio assenso - attuazione degli articoli 9, 23 e 23 bis della legge provinciale novembre 1992, n. 23 omissis omissis LA GIUNTA PROVINCIALE delibera 1) approvare l allegato A) alla presente deliberazione, della quale costituisce integrante e sostanziale, recante incazioni carattere generale in orne all applicazione degli istituti della chiarazione inizio attività e del silenzio assenso; 2) approvare l allegato B) alla presente deliberazione, della quale costituisce integrante e sostanziale, recante l inviduazione da della Giunta provinciale - ai sensi quanto previsto dall articolo 23 bis, comma 3, ultima della LP 23/92 - dei procementi, ulteriori rispetto a quelli già esclusi, in orne ai quali il silenzio assenso non trova applicazione; 3) approvare l allegato C) alla presente deliberazione, della quale costituisce integrante e sostanziale, recante l inviduazione, a mero titolo ricognitivo, dei procementi in orne ai quali trovano applicazione gli istituti della chiarazione inizio attività e del silenzio assenso, al fine mettere a sposizione del cittano i relativi elenchi, in attuazione quanto previsto dall articolo 9, comma 2 della LP 23/92; 4) approvare l allegato D) alla presente deliberazione, della quale costituisce integrante e sostanziale, contenente l elenco complessivo dei procementi competenza provinciale e recante, per ciascuno essi, l incazione circa l applicazione o meno degli istituti della chiarazione inizio attività e del silenzio assenso; 5) revocare le deliberazioni n data luglio 1999 e n. 15 data 6 cembre 2002; 6) dare atto che dal presente provvemento non derivano oneri a carico del bilancio provinciale; 7) pubblicare la presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma Trentino-Alto Age. IL PREDENTE DELLA PROVINCIA L. DELLAI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO SEGRETERIA DELLA GIUNTA ED ELEZIONI P. GENTILE

3 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 3 Allegato A) INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE IN ORDINE ALL DEGLI ISTITUTI DELLA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ E DEL (artt. 23 e 23 bis della legge provinciale novembre 1992, n. 23) DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ Oggetto Ai sensi dell articolo 23, comma 1, della legge provinciale novembre 1992, n. 23, e purché ricorrano i presupposti ivi previsti, i soggetti interessati hanno facoltà intraprendere l esercizio un attività privata, prescindendo dal rilascio da dell Amministrazione competente dell atto consenso o del titolo autorizzatorio prescritto. A tal fine è infatti sufficiente che gli stessi presentino una comunicazione (chiarazione inizio attività) attestante il possesso dei presupposti e dei requisiti legge all autorità competente, la quale è chiamata a verificarne la sussistenza nei successivi sessanta giorni. Diversamente da quanto previsto a livello statale, l attività oggetto della chiarazione inizio attività può essere iniziata contestualmente alla chiarazione medesima, ferma restando ovviamente la predetta attività verifica a cura dell Amministrazione competente. Ambito applicazione L istituto della chiarazione inizio attività, così come delineato all articolo 23 della LP 23/92 si applica alle autorizzazioni, licenze, abilitazioni, nullaosta, permessi o altri atti consenso, comunque denominati: - cui sia subornato l esercizio un attività privata; - il cui rilascio penda da un attività amministrativa tipo vincolato, consistente in un mero accertamento dei presupposti e dei requisiti legge, senza che si renda necessario l esperimento prove a ciò destinate che comportino valutazioni tecniche screzionali da dell Amministrazione; - per il cui rilascio non sia previsto alcun limite o contingente complessivo. Esclusioni L istituto della chiarazione inizio attività non si applica alle autorizzazioni, licenze, abilitazioni, nullaosta, permessi o altri atti consenso, comunque denominati: - relativi al compimento un singolo atto o negozio giurico (es. autorizzazione alla locazione o alla venta alloggi pubblici), nonché quelli rilasciati in funzione controllo; - rilasciati ai sensi della normativa vigente in materia tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico e della salute; - il cui rilascio comporta l esperimento prove a ciò destinate che comportano valutazioni tecniche screzionali da dell Amministrazione; - per il cui rilascio sono previsti limiti o contingenti complessivi; - il cui rilascio è imposto dalla normativa comunitaria. Presentazione della chiarazione inizio attività La chiarazione inizio attività, attestante l esistenza dei presupposti e il possesso dei requisiti previsti dalla legge, eventualmente accompagnata dall autocertificazione dell esperimento prove a ciò destinate, ove le stesse siano previste, è presentata dal soggetto interessato alla struttura competente in via principale per il procemento. Tale chiarazione deve contenere i seguenti elementi: a) generalità del richiedente; b) incazione dell attività privata che si intende esercitare; c) chiarazione relativa alla sussistenza dei presupposti e al possesso dei requisiti soggettivi e oggettivi previsti dalla legge per l esercizio dell attività; d) ricevuta attestante l avvenuto versamento delle eventuali tasse e contributi previsti;

4 4 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II e) eventuale autocertificazione concernente l esperimento delle prove destinate ad accertare l idoneità del soggetto o la qualità delle cose inerenti all esercizio dell attività intrapresa. A seguito della della chiarazione, l Amministrazione è tenuta a rilasciare all interessato una comunicazione recante le incazioni cui all articolo 25, comma 2, della legge provinciale novembre 1992, n. 23. Ove si renda necessario regolarizzare o integrare la documentazione prodotta dal privato con elementi che non siano già nella sponibilità dell Amministrazione e che essa non possa acquisire d ufficio, la struttura organizzativa competente ne dà comunicazione all interessato, incando le cause irregolarità o incompletezza della chiarazione o della documentazione prodotta. In tal caso, il termine previsto verifica della sussistenza dei presupposti e dei requisiti legge è sospeso ai sensi dell articolo 3, comma 5, della legge provinciale novembre 1992, n. 23, fino alla data quanto richiesto e comunque non oltre il termine fissato dall Amministrazione. Al fine agevolare l utenza nella corretta delle chiarazioni inizio attività, nonché assicurare all Amministrazione la sponibilità tutte le informazioni necessarie per l effettuazione dei controlli, le strutture competenti curano la presposizione della relativa modulistica e provvedono altresì alla pubblicazione della medesima all inrizzo Verifica Entro sessanta giorni dalla data della chiarazione inizio attività, la struttura competente procede alla verifica d ufficio della sussistenza dei presupposti e dei requisiti legge (articolo 23, comma 1). Ferme restando le eventuali sospensioni sposte nel rispetto quanto previsto al punto precedente, la scadenza del termine sessanta giorni verifica della chiarazione non fa comunque venir meno il potere/dovere dell Amministrazione effettuare i dovuti controlli. Ove la verifica abbia dato esito negativo, cioè sia stata accertata l insussistenza dei presupposti e dei requisiti legge previsti per l esercizio dell attività, il responsabile della struttura competente, con provvemento motivato: - assegna all interessato un termine entro il quale conformare, ove ciò sia possibile, l attività e i suoi effetti alla normativa vigente; - spone, qualora il privato non abbia provveduto a conformare l attività entro il termine assegnatogli o quando tale adeguamento sia impossibile, il vieto prosecuzione dell attività e la rimozione dei suoi effetti. Il provvemento con cui l Amministrazione spone il vieto prosecuzione dell attività e la rimozione dei suoi effetti, ovvero la fissazione un termine per conformare la stessa alla normativa vigente, deve in ogni caso essere comunicato all interessato entro il medesimo termine sessanta giorni (articolo 23, comma 1). La conformazione dell attività e dei suoi effetti alla legge non è peraltro ammessa in caso chiarazioni mendaci o false attestazioni (art. 23 ter, comma 1). Restano ferme le sposizioni legge vigenti che, per l inizio dell attività e per l adozione da dell Amministrazione competente provvementi vieto prosecuzione dell attività medesima e rimozione dei suoi effetti, prevedono una sciplina speciale, oppure termini versi da quelli incati al comma 1 dell articolo 23. Il comma 1 bis dell articolo 23 riconosce infine all Amministrazione competente il potere assumere determinazioni in via autotutela, revocando l atto assenso che si è formato in seguito alla della chiarazione inizio attività oppure sponendone l annullamento d ufficio. Oggetto L articolo 23 bis, comma 1, della legge provinciale novembre 1992, n. 23 prevede che, fermo restando quanto sposto dall articolo 23, nei procementi ad istanza per il rilascio provvementi amministrativi, il silenzio dell Amministrazione equivale a provvemento accoglimento della domanda, senza necessità ulteriori istanze o ffide, qualora, entro il termine previsto conclusione del procemento, l Amministrazione non abbia provveduto a comunicare all interessato un provvemento niego. Ferma restando quin l applicazione in via preferenziale dell istituto della chiarazione inizio attività, il silenzio assenso - da mera eccezione (finora applicabile nei soli casi espressamente previsti, che il testo previgente

5 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 5 della norma rimetteva ad una deliberazione della Giunta provinciale) - viene la regola generale applicabile nei procementi ad istanza. Tale previsione non fa comunque venir meno il generale obbligo dell Amministrazione concludere ogni procemento amministrativo con un provvemento espresso, alla luce quanto sposto dall articolo 3, comma 1, della LP 23/92. Il silenzio assenso costituisce pertanto solo un rimeo, a favore del richiedente, nel caso in cui l Amministrazione non provveda sull istanza del medesimo entro i termini stabiliti. Ambito applicazione Dalla lettura coornata degli articoli 23 e 23 bis si ricava che in tutti i casi (e quin nelle medesime tipologie procementali, riferite esclusivamente ad atti assenso propedeutici all esercizio un attività privata) in cui non possa trovare applicazione la chiarazione inizio attività (non ricorrendo i presupposti cui all articolo 23, comma 1 della legge o nei casi espressamente esclusi dall applicazione dell istituto medesimo), la mancata comunicazione al richiedente del provvemento niego entro i termini massimi conclusione del procemento equivale a provvemento accoglimento della domanda. Esclusioni Il silenzio assenso non si applica alle autorizzazioni, licenze, abilitazioni, nullaosta, permessi o altri atti consenso, comunque denominati: - rispetto ai quali sussistono i presupposti per l applicazione dell istituto della chiarazione inizio attività; - in materia tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico e della salute; - in cui la legge qualifica il silenzio dell Amministrazione come rigetto dell istanza; - in cui la normativa comunitaria impone l adozione provvementi amministrativi formali; - inviduati con deliberazione della Giunta provinciale. Controllo successivo La struttura competente è tenuta ad effettuare l istruttoria nel rispetto del termine conclusione stabilito per ciascun procemento. Qualora l inutile decorso tale termine comporti la formazione del silenzio assenso, la struttura competente è tenuta comunque a verificare il legittimo esercizio dell attività intrapresa, potendo assumere determinazioni in via autotutela (art. 23 bis, comma 2). Ove la verifica abbia dato esito negativo, cioè sia stata accertata l insussistenza dei presupposti e dei requisiti legge previsti per l esercizio dell attività privata, il responsabile della struttura competente, con provvemento motivato, può: - assegnare un termine all'interessato per conformare, ove ciò sia possibile, l attività e i suoi effetti a legge; - annullare l'atto assenso illegittimamente formatosi, qualora l'interessato non abbia provveduto a rimuovere i vizi entro il termine stabilito dall Amministrazione o quando non vi sia la possibilità sanarli. Resta comunque esclusa la conformazione dell attività e dei suoi effetti alla legge, laddove l interessato abbia reso chiarazioni mendaci o false attestazioni (art. 23 ter, comma 1).

6 6 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II Allegato B) INDIVIDUAZIONE DEI PROCEDIMENTI, ULTERIORI RISPETTO A QUELLI GIÀ ESCLU PER LEGGE, IN ORDINE AI QUALI N TROVA IL (ART. 23 BIS, COMMA 3) STRUTTURA AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA - SERVIZIO GE- STIONI ED AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ENERGIA AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA - SERVIZIO GE- STIONI ED AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ENERGIA AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA - SERVIZIO GE- STIONI ED AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ENERGIA AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA - SERVIZIO GE- STIONI ED AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ENERGIA SERVIZIO ARTIGIANATO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Autorizzazioni alla costruzione ed esercizio elettrodotti: - procemento abbreviato Autorizzazioni in materia oli minerali: - installazione ed esercizio nuovi stabilimenti lavorazione e stoccaggio; - smissione degli stabilimenti lavorazione e stoccaggio; - variazione della capacità complessiva lavorazione degli stabilimenti; - variazione oltre il per cento della capacità complessiva autorizzata stoccaggio Autorizzazioni alla costruzione impianti produzione energia elettrica che utilizzano fonti convenzionali potenza termica maggiore 1 MW ed inferiore a 0 MW Autorizzazioni alla costruzione ed esercizio elettrodotti: - procemento ornario - autorizzazione sgiunta alla costruzione rispetto all'esercizio - autorizzazione varianti sostanziali ad elettrodotti già autorizzati Autorizzazione esercizio attività tassidermia ed imbalsamazione Licenza agibilità per l'apertura un teatro o un luogo pubblico spettacolo Licenza per dare anche temporaneamente, per mestiere, pubblici trattenimenti, esporre alla pubblica vista rarità, persone, animali, gabinetti ottici o altri oggetti curiosità, ovvero dare auzioni all'aperto (limitatamente al comune Trento) Licenza per dare in luogo pubblico, a- perto o esposto al pubblico accademie, feste da ballo, corse cavalli o altri simili spettacoli o trattenimenti, per aprire o esercitare circoli, scuole ballo e sale pubbliche auzione Nulla osta agibilità per spettacoli arte varia nei locali pubblici e relativa licenza PS Autorizzazione esercizio attività in zone portuali RMATIVA DI RIFERIMENTO RD 11 cembre 1933, n LP 13 luglio 1995, n. 7 - art. 5 L. 23 agosto 2004, n art. 1, comma 56 D.Lgs. 22 febbraio 2006, n. 128 DPR 18 aprile 1994, n. 420 DPR 26 marzo 1977, n art. 1 DPR 11 febbraio 1998, n. 53 RD 11 cembre 1933, n LP 13 luglio 1995, n. 7 - artt. 2, 4, 2 comma 7 bis, 12 LP 27 cembre 1982, n. 32 RD 18 giugno 1931, n art. 80 RD 18 giugno 1931, n art. 69 RD 18 giugno 1931, n art. 68 DCG 14 febbraio 1938, n. 153 RD 18 giugno 1931, n art. 68 RD marzo 1942, n artt. 68 e 85 LP 15 novembre 2001, n. 9 - art. 29 (L) 210 (R) 150 (R) 240 DEL

7 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 7 STRUTTURA SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO CONSERVAZIONE DELLA NATURA E VALORIZ- ZAZIONE AMBIENTALE SERVIZIO FORESTE E FAUNA SERVIZIO FORESTE E FAUNA SERVIZIO FORESTE E FAUNA SERVIZIO FORESTE E FAUNA OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Autorizzazione allo svolgimento gare e manifestazioni nautiche Autorizzazione navigazione a motore sul lago Garda unità abite a controllo, assistenza e giuria per manifestazioni sportive autorizzate Autorizzazione a spettacoli pirotecnici in porti lacuali Autorizzazione servizi navigazione non linea e rinnovo per mofiche imbarcazione Rinnovo autorizzazione servizi navigazione non linea Autorizzazione al trasporto con navi non superiori a 3 tonnellate Licenza per esercizio operazioni portuali Autorizzazione uso natanti con motore superiore a 3 KW Autorizzazione immissione nuovi autobus in linea Autorizzazione al transito su piste ciclabili Autorizzazione alla trasformazione bosco in altra coltura Tesserino idoneità e autorizzazione alla raccolta tartufi Autorizzazione al taglio piante ed assegnazione prodotti legnosi Autorizzazione a tagli straornari o anticipati SERVIZIO FORESTE E FAUNA Abilitazione all'esercizio della caccia SERVIZIO FORESTE E FAUNA Abilitazione all'esercizio della pesca RMATIVA DI RIFERIMENTO DPR 28 giugno 1949, n art. 91 del Reg. della navigazione interna LP 9 luglio 1993, n art. 39, comma 2 LP 15 novembre 2001, n. 9 - art. 29 LP 15 novembre 2001, n. 9 - art. 15 RD marzo 1942, n art. 80 LP 9 luglio 1993, n art. 39, comma 2 RD marzo 1942, n art. 226 RD marzo 1942, n art. 226 DPR 28 giugno 1949, n art. 137 DPR 28 giugno 1949, n art. 36 LP 15 novembre 2001, n. 9 - art. 33 D.Lgs. aprile 1992, n art. 87, comma 3 D.Lgs. aprile 1992, n. 285 e ss.mm. - art. 5, comma 3 e 6, comma 8 RD cembre 1923, n art. 7 RD 16 maggio 1926, n art. 21 LP 3 settembre 1987, n art. 2 RD 16 maggio 1926, n art. 140 Prescrizioni polizia forestale - art. RD cembre 1923, n art. 132 Prescrizioni polizia forestale - art. LP 9 cembre 1991, n art. 39, comma 1 LP 12 cembre 1978, n. - art (L) DEL

8 8 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II STRUTTURA SERVIZIO IMPIANTI A FUNE SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO MINERARIO SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Autorizzazione all'apertura dell'impianto al pubblico esercizio Autorizzazione alla cipazione bambini e adolescenti a lavorazioni effettuate col sistema turni a scacchi Autorizzazione alla riduzione della durata del riposo per bambini e adolescenti in fetto sposizioni dei contratti collettivi Autorizzazione all'impiego minori in lavori nel settore dello spettacolo Rilascio nulla-osta al lavoro per i lavoratori stranieri Autorizzazione al passaggio al rapporto lavoro a tempo parziale, voratori in possesso dei requisiti età e contribuzione per accesso al pensionamento anzianità Rilascio nulla osta per assunzione lavoratori italiani da inviare in Paesi stranieri Permesso ricerca mineraria Autorizzazione officine per revisione autoveicoli Attestato idoneità professionale esercizio attività consulenza circolazione dei mezzi trasporto - con esame Licenza per l'autotrasporto cose in conto proprio Rilascio patente guida con esame Rilascio patente nautica con esame Rilascio patente abilitazione per condurre imbarcazioni a motore ad uso privato Rilascio/rinnovo certificato formazione professionale ADR con esame (per conducenti) / duplicato Rilascio certificato abilitazione professionale con esame RMATIVA DI RIFERIMENTO LP 21 aprile 1987, n. 7 - art. 26, comma 12 L. 17 ottobre 1967, n art. 19 L. 17 ottobre 1967, n art. 20 L. 17 ottobre 1967, n art. 4 DPR 20 aprile 1994, n art. 2 D.Lgs. 25 luglio 1998, n art. 22 (lavoro a tempo determinato e indeterminato) e art. 24 (lavoro stagionale) L. 8 agosto 1995, n. 335, tab. B L. 23 cembre 1996, n art. 1, comma 185 D.L. 31 luglio 1987, n. 317 convertito in Legge 03 ottobre 1987, n art. 1, comma 4 DPGP 5 giugno 2003, n /Leg. - art. 4 D.Lgs. aprile 1992, n art. 80, commi 8 e 9 L. 8 agosto 1991, n art. 5 D.Lgs. aprile 1992, n art. 83 L. 6 giugno 1974, n art. 32 D.Lgs. aprile 1992, n art. 116 DPR 9 ottobre 1997, n artt. 3, 10 e 14 RD 9 maggio 1932, n art. 16, convertito nella L. 20 cembre 1932, n DM 15 maggio 1997 D.Lgs. aprile 1992, n art. 116, comma 8 DM 20 gennaio (L) 40 (L) per lavoro a tempo determinato e indeterminato 20 (L) per lavoro stagionale 10 (R) 45 (L) DEL successivo all'inzione dell'esame

9 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 9 STRUTTURA SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E QUALITÀ DELLE ATTIVITÀ SANITARIE SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E QUALITÀ DELLE ATTIVITÀ SANITARIE SERVIZIO POLITICHE SOCIA- LI ED ABITATIVE SERVIZIO POLITICHE SOCIA- LI ED ABITATIVE SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Licenza navigabilità per navi minori e galleggianti Rilascio autorizzazione alla circolazione autoveicoli per trasporto specifico persone in uso proprio e autobus in uso proprio Autorizzazione locazione con conducente Autorizzazione servizio taxi Autorizzazione all'apertura al pubblico esercizio ferrovie in concessione ed alla prosecuzione esercizio dopo l'esecuzione varianti Autorizzazione all'esercizio dell'attività certificatoria ai fini dell'idoneità alla pratica sportiva agonistica Autorizzazione al commercio all'ingrosso e alla venta retta mecinali veterinari Autorizzazione al funzionamento delle strutture socio assistenziali residenziali e semiresidenziali Autorizzazione al funzionamento strutture socio assistenziali residenziali e semiresidenziali già esistenti Autorizzazione all'apprestamento piste da sci Autorizzazione all'esercizio piste da sci Autorizzazioni per mofiche marginali alle piste da sci Abilitazione all'esercizio della professione maestro sci Abilitazione all'esercizio della professione aspirante guida Abilitazione all'esercizio della professione guida alpina - maestro d'alpinismo RMATIVA DI RIFERIMENTO RD marzo 1942, n art. 153 D.Lgs. 18 luglio 2005, n art. 58 D.Lgs. aprile 1992, n art. 83 D.Lgs. aprile 1992, n art. 85 D.Lgs. aprile 1992, n art. 86 DPR 11 luglio 1980, n art. 4, comma 1 Del. GP n data 23 ottobre 2003 DM 16 maggio 2001, n. 6 Del. GP n. 20 data 22 novembre 2002 LP 12 luglio 1991, n art. 35 DPP 22 ottobre 2003, n /Leg. - art. 5 LP 12 luglio 1991, n art. 35 DPP 22 ottobre 2003, n /Leg. - art. 10 LP 21 aprile 1987, n. 7 - art. 35 LP 21 aprile 1987, n. 7 - art. 40 LP 21 aprile 1987, n. 7 - artt. 6 e 47 LP 23 agosto 1993, n art. 29 LP 23 agosto 1993, n art. 8 LP 23 agosto 1993, n art (L) (R) (R) 270 (R) 5 anni (L) 5 anni (L) DEL successivo alla data superamento della prova attitunale successivo alla data superamento della prova attitunale

10 10 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II STRUTTURA SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO VIGILANZA E PROMOZIONE DELLE ATTI- VITÀ AGRICOLE SERVIZIO VIGILANZA E PROMOZIONE DELLE ATTI- VITÀ AGRICOLE SERVIZIO VIGILANZA E PROMOZIONE DELLE ATTI- VITÀ AGRICOLE OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Abilitazione all'esercizio della professione guida turistica, accompagnatore turistico e assistente turismo e- questre Abilitazione all'esercizio della professione rettore tecnico agenzia viaggio Autorizzazione alla venta e all'intermeazione pacchetti turistici trentini Autorizzazione all'esercizio dell'attività Centro autorizzato assistenza a- gricola (CAA) Autorizzazione acquisto e impiego presi sanitari Autorizzazione acquisto e impiego presi sanitari ureati in scienze a- grarie, periti agrari e agrotecnici RMATIVA DI RIFERIMENTO LP 14 febbraio 1992, n art. 6 LP 17 marzo 1988, n. 9 - art. 6 LP 11 giugno 2002, n. 8 - art. 14 LP 19 febbraio 2002, n. 1 - art. 100 DPP 19 giugno 2003, n /Leg. - artt. 4 e 5 DPR 23 aprile 2001, n. 2 - artt. 25, 26 e 27 DPR 23 aprile 2001, n. 2 - artt. 25, 26 e 27 8 mesi 8 mesi 80 (R) DEL

11 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 11 Allegato C) INDIVIDUAZIONE, A TITOLO RICOGNITIVO, DEI PROCEDIMENTI IN ORDINE AI QUALI TROVA LA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ STRUTTURA SERVIZIO ARTIGIANATO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Verifica presupposti e requisiti legge per l'esercizio delle attività installazione impianti, autoriparazione, pulizia e facchinaggio Verifica dei requisiti per gli incaricati alla venta a domicilio Verifica sussistenza presupposti e requisiti per aprire o condurre agenzie d'affari Verifica sussistenza presupposti e requisiti per l'esercizio dell'attività fabbricazione, commercio o meazione oggetti preziosi Verifica presupposti e requisiti per l'esercizio del commercio cose antiche o usate (limitatamente al comune Trento) Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per l'esercizio da delle imprese (con sede fuori Provincia) dell'attività somministrazione alimenti e bevande al domicilio del consumatore Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per agibilità teatrale a complessi lettantistici Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per l'esercizio autoscuole Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per estensione / limitazione insegnamento autoscuole RMATIVA L. 5 marzo 19, n. 46 L. 5 febbraio 1992, n. 122 L. 25 gennaio 1994, n. 82 DM giugno 2003, n. 221 LP 8 maggio 2000, n. 4 - art. 17 D.Lgs. 31 marzo 1998, n art. 19 RD 18 giugno 1931, n art. 115 RD 18 giugno 1931, n art. 127 RD 18 giugno 1931, n art. 126 RD 6 maggio 1940, n. 635 DPR 28 maggio 2001, n art. 2, comma 1 lett. i) LP 14 luglio 2000, n. 9 - art. 8 DPGP 14 giugno 2001, n /Leg. - art. 7, comma 3 DPR 19 novembre 1987, n art. 1, comma 5 D.Lgs. aprile 1992, n art. 123 DPR 16 cembre 1992, n art. 335 DM 17 maggio 1995, n. 317 DL 31 gennaio 2001, n. 7 convertito in L. 2 aprile 2007, n. 40 DPR 16 cembre 1992, n art. 335, comma 10 (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) DEL della chiarazione inizio attività dell'elenco della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività

12 12 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II STRUTTURA SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per cambio denominazione autoscuola Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per riconoscimento centri istruzione automobilistica Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per l'esercizio dell'attività gestione autoscuole per trasferimento d'azienda, trasformazione societaria, recesso, esclusione soci Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per proseguimento attività autoscuola con sostituto Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per cambio sede autoscuole e/o centri istruzione automobilistica Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per l'esercizio dell'attività consulenza circolazione dei mezzi trasporto per trasferimento azienda, trasformazione societaria ecc. Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per cambio sede degli stu consulenza circolazione dei mezzi trasporto Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per cambio denominazione / cambio sede / trasferimento d'azienda / trasformazione societaria ecc. Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per subingresso nella titolarità dell'agenzia Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per mutamenti nella ubicazione dei locali dell'agenzia RMATIVA DPR 16 cembre 1992, n art. 335, comma 9 DM 17 maggio 1995, n art. 7, comma 8 D.Lgs. aprile 1992, n art. 123 DPR 16 cembre 1992, n art. 335, commi 5, 6, 7 e 8 DPR 16 cembre 1992, n art. 335, comma 4 DM 17 maggio 1995, n art. 3 L. 4 gennaio 1994, n art. 4, comma 3 DM 9 novembre art. 3 DPR 9 ottobre 1997, n art. 28 LP 17 marzo 1988, n. 9 - art. 12 LP 17 marzo 1988, n. 9 - art. 12 (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) DEL della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs.

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs. llegato 1 Data compilazione 30/01/2015 (Tipologie mbito soggettivo (ve foglio 3 "mbito LLEG 1 LL DELIBER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIO L 31/12/2014 Tempo ione/ ggiornamento PUBBLICZIO è nella "mministrazion

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012)

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012) Legge regionale 16 ottobre 2014, n. 20 Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n. 24, 12 ottobre 2012, n. 45, 7 marzo 2000, n. 10, 17 maggio 1996, n. 9. (BUR

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli

TABELLA n. 10: Il Silenzio assenso, art. 20, L. 241/90 e s.m.

TABELLA n. 10: Il Silenzio assenso, art. 20, L. 241/90 e s.m. TABELLA n. 10: Il Silenzio assenso, art. 20, L. 241/90 e s.m. L art. 20, L. 241/90 e s.m. L. 241/90 L. 241/90 modificata dalla L. 127/97 LEGGI L. 7 agosto 1990, n. 241, L. 7 agosto 1990, n. 241, Nuove

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. CHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. 445/2000) Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente a via nella sua qualità di

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli