Dichiarazione di inizio attività e silenzio assenso - attuazione degli articoli 9, 23 e 23 bis della legge provinciale 30 novembre 1992, n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione di inizio attività e silenzio assenso - attuazione degli articoli 9, 23 e 23 bis della legge provinciale 30 novembre 1992, n."

Transcript

1 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 1 SUPPLEMENTO N. 2 BEIBLATT NR. 2 AN 2007 JAHR 2007 DELIBERAZIONI, DISPOZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN PROVINCIA AUTOMA DI TRENTO [S U020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 cembre 2007, n. 64 Dichiarazione inizio attività e silenzio assenso - attuazione degli articoli 9, 23 e 23 bis della legge provinciale novembre 1992, n. 23

2 2 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II SUPPLEMENTO N. 2 BEIBLATT NR. 2 AN 2007 JAHR 2007 DELIBERAZIONI, DISPOZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN PROVINCIA AUTOMA DI TRENTO AUTOME PROVINZ TRIENT [S U020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 cembre 2007, n. 64 Dichiarazione inizio attività e silenzio assenso - attuazione degli articoli 9, 23 e 23 bis della legge provinciale novembre 1992, n. 23 omissis omissis LA GIUNTA PROVINCIALE delibera 1) approvare l allegato A) alla presente deliberazione, della quale costituisce integrante e sostanziale, recante incazioni carattere generale in orne all applicazione degli istituti della chiarazione inizio attività e del silenzio assenso; 2) approvare l allegato B) alla presente deliberazione, della quale costituisce integrante e sostanziale, recante l inviduazione da della Giunta provinciale - ai sensi quanto previsto dall articolo 23 bis, comma 3, ultima della LP 23/92 - dei procementi, ulteriori rispetto a quelli già esclusi, in orne ai quali il silenzio assenso non trova applicazione; 3) approvare l allegato C) alla presente deliberazione, della quale costituisce integrante e sostanziale, recante l inviduazione, a mero titolo ricognitivo, dei procementi in orne ai quali trovano applicazione gli istituti della chiarazione inizio attività e del silenzio assenso, al fine mettere a sposizione del cittano i relativi elenchi, in attuazione quanto previsto dall articolo 9, comma 2 della LP 23/92; 4) approvare l allegato D) alla presente deliberazione, della quale costituisce integrante e sostanziale, contenente l elenco complessivo dei procementi competenza provinciale e recante, per ciascuno essi, l incazione circa l applicazione o meno degli istituti della chiarazione inizio attività e del silenzio assenso; 5) revocare le deliberazioni n data luglio 1999 e n. 15 data 6 cembre 2002; 6) dare atto che dal presente provvemento non derivano oneri a carico del bilancio provinciale; 7) pubblicare la presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma Trentino-Alto Age. IL PREDENTE DELLA PROVINCIA L. DELLAI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO SEGRETERIA DELLA GIUNTA ED ELEZIONI P. GENTILE

3 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 3 Allegato A) INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE IN ORDINE ALL DEGLI ISTITUTI DELLA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ E DEL (artt. 23 e 23 bis della legge provinciale novembre 1992, n. 23) DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ Oggetto Ai sensi dell articolo 23, comma 1, della legge provinciale novembre 1992, n. 23, e purché ricorrano i presupposti ivi previsti, i soggetti interessati hanno facoltà intraprendere l esercizio un attività privata, prescindendo dal rilascio da dell Amministrazione competente dell atto consenso o del titolo autorizzatorio prescritto. A tal fine è infatti sufficiente che gli stessi presentino una comunicazione (chiarazione inizio attività) attestante il possesso dei presupposti e dei requisiti legge all autorità competente, la quale è chiamata a verificarne la sussistenza nei successivi sessanta giorni. Diversamente da quanto previsto a livello statale, l attività oggetto della chiarazione inizio attività può essere iniziata contestualmente alla chiarazione medesima, ferma restando ovviamente la predetta attività verifica a cura dell Amministrazione competente. Ambito applicazione L istituto della chiarazione inizio attività, così come delineato all articolo 23 della LP 23/92 si applica alle autorizzazioni, licenze, abilitazioni, nullaosta, permessi o altri atti consenso, comunque denominati: - cui sia subornato l esercizio un attività privata; - il cui rilascio penda da un attività amministrativa tipo vincolato, consistente in un mero accertamento dei presupposti e dei requisiti legge, senza che si renda necessario l esperimento prove a ciò destinate che comportino valutazioni tecniche screzionali da dell Amministrazione; - per il cui rilascio non sia previsto alcun limite o contingente complessivo. Esclusioni L istituto della chiarazione inizio attività non si applica alle autorizzazioni, licenze, abilitazioni, nullaosta, permessi o altri atti consenso, comunque denominati: - relativi al compimento un singolo atto o negozio giurico (es. autorizzazione alla locazione o alla venta alloggi pubblici), nonché quelli rilasciati in funzione controllo; - rilasciati ai sensi della normativa vigente in materia tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico e della salute; - il cui rilascio comporta l esperimento prove a ciò destinate che comportano valutazioni tecniche screzionali da dell Amministrazione; - per il cui rilascio sono previsti limiti o contingenti complessivi; - il cui rilascio è imposto dalla normativa comunitaria. Presentazione della chiarazione inizio attività La chiarazione inizio attività, attestante l esistenza dei presupposti e il possesso dei requisiti previsti dalla legge, eventualmente accompagnata dall autocertificazione dell esperimento prove a ciò destinate, ove le stesse siano previste, è presentata dal soggetto interessato alla struttura competente in via principale per il procemento. Tale chiarazione deve contenere i seguenti elementi: a) generalità del richiedente; b) incazione dell attività privata che si intende esercitare; c) chiarazione relativa alla sussistenza dei presupposti e al possesso dei requisiti soggettivi e oggettivi previsti dalla legge per l esercizio dell attività; d) ricevuta attestante l avvenuto versamento delle eventuali tasse e contributi previsti;

4 4 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II e) eventuale autocertificazione concernente l esperimento delle prove destinate ad accertare l idoneità del soggetto o la qualità delle cose inerenti all esercizio dell attività intrapresa. A seguito della della chiarazione, l Amministrazione è tenuta a rilasciare all interessato una comunicazione recante le incazioni cui all articolo 25, comma 2, della legge provinciale novembre 1992, n. 23. Ove si renda necessario regolarizzare o integrare la documentazione prodotta dal privato con elementi che non siano già nella sponibilità dell Amministrazione e che essa non possa acquisire d ufficio, la struttura organizzativa competente ne dà comunicazione all interessato, incando le cause irregolarità o incompletezza della chiarazione o della documentazione prodotta. In tal caso, il termine previsto verifica della sussistenza dei presupposti e dei requisiti legge è sospeso ai sensi dell articolo 3, comma 5, della legge provinciale novembre 1992, n. 23, fino alla data quanto richiesto e comunque non oltre il termine fissato dall Amministrazione. Al fine agevolare l utenza nella corretta delle chiarazioni inizio attività, nonché assicurare all Amministrazione la sponibilità tutte le informazioni necessarie per l effettuazione dei controlli, le strutture competenti curano la presposizione della relativa modulistica e provvedono altresì alla pubblicazione della medesima all inrizzo Verifica Entro sessanta giorni dalla data della chiarazione inizio attività, la struttura competente procede alla verifica d ufficio della sussistenza dei presupposti e dei requisiti legge (articolo 23, comma 1). Ferme restando le eventuali sospensioni sposte nel rispetto quanto previsto al punto precedente, la scadenza del termine sessanta giorni verifica della chiarazione non fa comunque venir meno il potere/dovere dell Amministrazione effettuare i dovuti controlli. Ove la verifica abbia dato esito negativo, cioè sia stata accertata l insussistenza dei presupposti e dei requisiti legge previsti per l esercizio dell attività, il responsabile della struttura competente, con provvemento motivato: - assegna all interessato un termine entro il quale conformare, ove ciò sia possibile, l attività e i suoi effetti alla normativa vigente; - spone, qualora il privato non abbia provveduto a conformare l attività entro il termine assegnatogli o quando tale adeguamento sia impossibile, il vieto prosecuzione dell attività e la rimozione dei suoi effetti. Il provvemento con cui l Amministrazione spone il vieto prosecuzione dell attività e la rimozione dei suoi effetti, ovvero la fissazione un termine per conformare la stessa alla normativa vigente, deve in ogni caso essere comunicato all interessato entro il medesimo termine sessanta giorni (articolo 23, comma 1). La conformazione dell attività e dei suoi effetti alla legge non è peraltro ammessa in caso chiarazioni mendaci o false attestazioni (art. 23 ter, comma 1). Restano ferme le sposizioni legge vigenti che, per l inizio dell attività e per l adozione da dell Amministrazione competente provvementi vieto prosecuzione dell attività medesima e rimozione dei suoi effetti, prevedono una sciplina speciale, oppure termini versi da quelli incati al comma 1 dell articolo 23. Il comma 1 bis dell articolo 23 riconosce infine all Amministrazione competente il potere assumere determinazioni in via autotutela, revocando l atto assenso che si è formato in seguito alla della chiarazione inizio attività oppure sponendone l annullamento d ufficio. Oggetto L articolo 23 bis, comma 1, della legge provinciale novembre 1992, n. 23 prevede che, fermo restando quanto sposto dall articolo 23, nei procementi ad istanza per il rilascio provvementi amministrativi, il silenzio dell Amministrazione equivale a provvemento accoglimento della domanda, senza necessità ulteriori istanze o ffide, qualora, entro il termine previsto conclusione del procemento, l Amministrazione non abbia provveduto a comunicare all interessato un provvemento niego. Ferma restando quin l applicazione in via preferenziale dell istituto della chiarazione inizio attività, il silenzio assenso - da mera eccezione (finora applicabile nei soli casi espressamente previsti, che il testo previgente

5 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 5 della norma rimetteva ad una deliberazione della Giunta provinciale) - viene la regola generale applicabile nei procementi ad istanza. Tale previsione non fa comunque venir meno il generale obbligo dell Amministrazione concludere ogni procemento amministrativo con un provvemento espresso, alla luce quanto sposto dall articolo 3, comma 1, della LP 23/92. Il silenzio assenso costituisce pertanto solo un rimeo, a favore del richiedente, nel caso in cui l Amministrazione non provveda sull istanza del medesimo entro i termini stabiliti. Ambito applicazione Dalla lettura coornata degli articoli 23 e 23 bis si ricava che in tutti i casi (e quin nelle medesime tipologie procementali, riferite esclusivamente ad atti assenso propedeutici all esercizio un attività privata) in cui non possa trovare applicazione la chiarazione inizio attività (non ricorrendo i presupposti cui all articolo 23, comma 1 della legge o nei casi espressamente esclusi dall applicazione dell istituto medesimo), la mancata comunicazione al richiedente del provvemento niego entro i termini massimi conclusione del procemento equivale a provvemento accoglimento della domanda. Esclusioni Il silenzio assenso non si applica alle autorizzazioni, licenze, abilitazioni, nullaosta, permessi o altri atti consenso, comunque denominati: - rispetto ai quali sussistono i presupposti per l applicazione dell istituto della chiarazione inizio attività; - in materia tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico e della salute; - in cui la legge qualifica il silenzio dell Amministrazione come rigetto dell istanza; - in cui la normativa comunitaria impone l adozione provvementi amministrativi formali; - inviduati con deliberazione della Giunta provinciale. Controllo successivo La struttura competente è tenuta ad effettuare l istruttoria nel rispetto del termine conclusione stabilito per ciascun procemento. Qualora l inutile decorso tale termine comporti la formazione del silenzio assenso, la struttura competente è tenuta comunque a verificare il legittimo esercizio dell attività intrapresa, potendo assumere determinazioni in via autotutela (art. 23 bis, comma 2). Ove la verifica abbia dato esito negativo, cioè sia stata accertata l insussistenza dei presupposti e dei requisiti legge previsti per l esercizio dell attività privata, il responsabile della struttura competente, con provvemento motivato, può: - assegnare un termine all'interessato per conformare, ove ciò sia possibile, l attività e i suoi effetti a legge; - annullare l'atto assenso illegittimamente formatosi, qualora l'interessato non abbia provveduto a rimuovere i vizi entro il termine stabilito dall Amministrazione o quando non vi sia la possibilità sanarli. Resta comunque esclusa la conformazione dell attività e dei suoi effetti alla legge, laddove l interessato abbia reso chiarazioni mendaci o false attestazioni (art. 23 ter, comma 1).

6 6 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II Allegato B) INDIVIDUAZIONE DEI PROCEDIMENTI, ULTERIORI RISPETTO A QUELLI GIÀ ESCLU PER LEGGE, IN ORDINE AI QUALI N TROVA IL (ART. 23 BIS, COMMA 3) STRUTTURA AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA - SERVIZIO GE- STIONI ED AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ENERGIA AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA - SERVIZIO GE- STIONI ED AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ENERGIA AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA - SERVIZIO GE- STIONI ED AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ENERGIA AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA - SERVIZIO GE- STIONI ED AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ENERGIA SERVIZIO ARTIGIANATO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Autorizzazioni alla costruzione ed esercizio elettrodotti: - procemento abbreviato Autorizzazioni in materia oli minerali: - installazione ed esercizio nuovi stabilimenti lavorazione e stoccaggio; - smissione degli stabilimenti lavorazione e stoccaggio; - variazione della capacità complessiva lavorazione degli stabilimenti; - variazione oltre il per cento della capacità complessiva autorizzata stoccaggio Autorizzazioni alla costruzione impianti produzione energia elettrica che utilizzano fonti convenzionali potenza termica maggiore 1 MW ed inferiore a 0 MW Autorizzazioni alla costruzione ed esercizio elettrodotti: - procemento ornario - autorizzazione sgiunta alla costruzione rispetto all'esercizio - autorizzazione varianti sostanziali ad elettrodotti già autorizzati Autorizzazione esercizio attività tassidermia ed imbalsamazione Licenza agibilità per l'apertura un teatro o un luogo pubblico spettacolo Licenza per dare anche temporaneamente, per mestiere, pubblici trattenimenti, esporre alla pubblica vista rarità, persone, animali, gabinetti ottici o altri oggetti curiosità, ovvero dare auzioni all'aperto (limitatamente al comune Trento) Licenza per dare in luogo pubblico, a- perto o esposto al pubblico accademie, feste da ballo, corse cavalli o altri simili spettacoli o trattenimenti, per aprire o esercitare circoli, scuole ballo e sale pubbliche auzione Nulla osta agibilità per spettacoli arte varia nei locali pubblici e relativa licenza PS Autorizzazione esercizio attività in zone portuali RMATIVA DI RIFERIMENTO RD 11 cembre 1933, n LP 13 luglio 1995, n. 7 - art. 5 L. 23 agosto 2004, n art. 1, comma 56 D.Lgs. 22 febbraio 2006, n. 128 DPR 18 aprile 1994, n. 420 DPR 26 marzo 1977, n art. 1 DPR 11 febbraio 1998, n. 53 RD 11 cembre 1933, n LP 13 luglio 1995, n. 7 - artt. 2, 4, 2 comma 7 bis, 12 LP 27 cembre 1982, n. 32 RD 18 giugno 1931, n art. 80 RD 18 giugno 1931, n art. 69 RD 18 giugno 1931, n art. 68 DCG 14 febbraio 1938, n. 153 RD 18 giugno 1931, n art. 68 RD marzo 1942, n artt. 68 e 85 LP 15 novembre 2001, n. 9 - art. 29 (L) 210 (R) 150 (R) 240 DEL

7 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 7 STRUTTURA SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO COMUNICAZIONI E TRASPORTI SERVIZIO CONSERVAZIONE DELLA NATURA E VALORIZ- ZAZIONE AMBIENTALE SERVIZIO FORESTE E FAUNA SERVIZIO FORESTE E FAUNA SERVIZIO FORESTE E FAUNA SERVIZIO FORESTE E FAUNA OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Autorizzazione allo svolgimento gare e manifestazioni nautiche Autorizzazione navigazione a motore sul lago Garda unità abite a controllo, assistenza e giuria per manifestazioni sportive autorizzate Autorizzazione a spettacoli pirotecnici in porti lacuali Autorizzazione servizi navigazione non linea e rinnovo per mofiche imbarcazione Rinnovo autorizzazione servizi navigazione non linea Autorizzazione al trasporto con navi non superiori a 3 tonnellate Licenza per esercizio operazioni portuali Autorizzazione uso natanti con motore superiore a 3 KW Autorizzazione immissione nuovi autobus in linea Autorizzazione al transito su piste ciclabili Autorizzazione alla trasformazione bosco in altra coltura Tesserino idoneità e autorizzazione alla raccolta tartufi Autorizzazione al taglio piante ed assegnazione prodotti legnosi Autorizzazione a tagli straornari o anticipati SERVIZIO FORESTE E FAUNA Abilitazione all'esercizio della caccia SERVIZIO FORESTE E FAUNA Abilitazione all'esercizio della pesca RMATIVA DI RIFERIMENTO DPR 28 giugno 1949, n art. 91 del Reg. della navigazione interna LP 9 luglio 1993, n art. 39, comma 2 LP 15 novembre 2001, n. 9 - art. 29 LP 15 novembre 2001, n. 9 - art. 15 RD marzo 1942, n art. 80 LP 9 luglio 1993, n art. 39, comma 2 RD marzo 1942, n art. 226 RD marzo 1942, n art. 226 DPR 28 giugno 1949, n art. 137 DPR 28 giugno 1949, n art. 36 LP 15 novembre 2001, n. 9 - art. 33 D.Lgs. aprile 1992, n art. 87, comma 3 D.Lgs. aprile 1992, n. 285 e ss.mm. - art. 5, comma 3 e 6, comma 8 RD cembre 1923, n art. 7 RD 16 maggio 1926, n art. 21 LP 3 settembre 1987, n art. 2 RD 16 maggio 1926, n art. 140 Prescrizioni polizia forestale - art. RD cembre 1923, n art. 132 Prescrizioni polizia forestale - art. LP 9 cembre 1991, n art. 39, comma 1 LP 12 cembre 1978, n. - art (L) DEL

8 8 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II STRUTTURA SERVIZIO IMPIANTI A FUNE SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO MINERARIO SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Autorizzazione all'apertura dell'impianto al pubblico esercizio Autorizzazione alla cipazione bambini e adolescenti a lavorazioni effettuate col sistema turni a scacchi Autorizzazione alla riduzione della durata del riposo per bambini e adolescenti in fetto sposizioni dei contratti collettivi Autorizzazione all'impiego minori in lavori nel settore dello spettacolo Rilascio nulla-osta al lavoro per i lavoratori stranieri Autorizzazione al passaggio al rapporto lavoro a tempo parziale, voratori in possesso dei requisiti età e contribuzione per accesso al pensionamento anzianità Rilascio nulla osta per assunzione lavoratori italiani da inviare in Paesi stranieri Permesso ricerca mineraria Autorizzazione officine per revisione autoveicoli Attestato idoneità professionale esercizio attività consulenza circolazione dei mezzi trasporto - con esame Licenza per l'autotrasporto cose in conto proprio Rilascio patente guida con esame Rilascio patente nautica con esame Rilascio patente abilitazione per condurre imbarcazioni a motore ad uso privato Rilascio/rinnovo certificato formazione professionale ADR con esame (per conducenti) / duplicato Rilascio certificato abilitazione professionale con esame RMATIVA DI RIFERIMENTO LP 21 aprile 1987, n. 7 - art. 26, comma 12 L. 17 ottobre 1967, n art. 19 L. 17 ottobre 1967, n art. 20 L. 17 ottobre 1967, n art. 4 DPR 20 aprile 1994, n art. 2 D.Lgs. 25 luglio 1998, n art. 22 (lavoro a tempo determinato e indeterminato) e art. 24 (lavoro stagionale) L. 8 agosto 1995, n. 335, tab. B L. 23 cembre 1996, n art. 1, comma 185 D.L. 31 luglio 1987, n. 317 convertito in Legge 03 ottobre 1987, n art. 1, comma 4 DPGP 5 giugno 2003, n /Leg. - art. 4 D.Lgs. aprile 1992, n art. 80, commi 8 e 9 L. 8 agosto 1991, n art. 5 D.Lgs. aprile 1992, n art. 83 L. 6 giugno 1974, n art. 32 D.Lgs. aprile 1992, n art. 116 DPR 9 ottobre 1997, n artt. 3, 10 e 14 RD 9 maggio 1932, n art. 16, convertito nella L. 20 cembre 1932, n DM 15 maggio 1997 D.Lgs. aprile 1992, n art. 116, comma 8 DM 20 gennaio (L) 40 (L) per lavoro a tempo determinato e indeterminato 20 (L) per lavoro stagionale 10 (R) 45 (L) DEL successivo all'inzione dell'esame

9 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 9 STRUTTURA SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIONE CIVILE ED INFRASTRUTTU- RE FERROVIARIE SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E QUALITÀ DELLE ATTIVITÀ SANITARIE SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E QUALITÀ DELLE ATTIVITÀ SANITARIE SERVIZIO POLITICHE SOCIA- LI ED ABITATIVE SERVIZIO POLITICHE SOCIA- LI ED ABITATIVE SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Licenza navigabilità per navi minori e galleggianti Rilascio autorizzazione alla circolazione autoveicoli per trasporto specifico persone in uso proprio e autobus in uso proprio Autorizzazione locazione con conducente Autorizzazione servizio taxi Autorizzazione all'apertura al pubblico esercizio ferrovie in concessione ed alla prosecuzione esercizio dopo l'esecuzione varianti Autorizzazione all'esercizio dell'attività certificatoria ai fini dell'idoneità alla pratica sportiva agonistica Autorizzazione al commercio all'ingrosso e alla venta retta mecinali veterinari Autorizzazione al funzionamento delle strutture socio assistenziali residenziali e semiresidenziali Autorizzazione al funzionamento strutture socio assistenziali residenziali e semiresidenziali già esistenti Autorizzazione all'apprestamento piste da sci Autorizzazione all'esercizio piste da sci Autorizzazioni per mofiche marginali alle piste da sci Abilitazione all'esercizio della professione maestro sci Abilitazione all'esercizio della professione aspirante guida Abilitazione all'esercizio della professione guida alpina - maestro d'alpinismo RMATIVA DI RIFERIMENTO RD marzo 1942, n art. 153 D.Lgs. 18 luglio 2005, n art. 58 D.Lgs. aprile 1992, n art. 83 D.Lgs. aprile 1992, n art. 85 D.Lgs. aprile 1992, n art. 86 DPR 11 luglio 1980, n art. 4, comma 1 Del. GP n data 23 ottobre 2003 DM 16 maggio 2001, n. 6 Del. GP n. 20 data 22 novembre 2002 LP 12 luglio 1991, n art. 35 DPP 22 ottobre 2003, n /Leg. - art. 5 LP 12 luglio 1991, n art. 35 DPP 22 ottobre 2003, n /Leg. - art. 10 LP 21 aprile 1987, n. 7 - art. 35 LP 21 aprile 1987, n. 7 - art. 40 LP 21 aprile 1987, n. 7 - artt. 6 e 47 LP 23 agosto 1993, n art. 29 LP 23 agosto 1993, n art. 8 LP 23 agosto 1993, n art (L) (R) (R) 270 (R) 5 anni (L) 5 anni (L) DEL successivo alla data superamento della prova attitunale successivo alla data superamento della prova attitunale

10 10 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II STRUTTURA SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO SERVIZIO VIGILANZA E PROMOZIONE DELLE ATTI- VITÀ AGRICOLE SERVIZIO VIGILANZA E PROMOZIONE DELLE ATTI- VITÀ AGRICOLE SERVIZIO VIGILANZA E PROMOZIONE DELLE ATTI- VITÀ AGRICOLE OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Abilitazione all'esercizio della professione guida turistica, accompagnatore turistico e assistente turismo e- questre Abilitazione all'esercizio della professione rettore tecnico agenzia viaggio Autorizzazione alla venta e all'intermeazione pacchetti turistici trentini Autorizzazione all'esercizio dell'attività Centro autorizzato assistenza a- gricola (CAA) Autorizzazione acquisto e impiego presi sanitari Autorizzazione acquisto e impiego presi sanitari ureati in scienze a- grarie, periti agrari e agrotecnici RMATIVA DI RIFERIMENTO LP 14 febbraio 1992, n art. 6 LP 17 marzo 1988, n. 9 - art. 6 LP 11 giugno 2002, n. 8 - art. 14 LP 19 febbraio 2002, n. 1 - art. 100 DPP 19 giugno 2003, n /Leg. - artt. 4 e 5 DPR 23 aprile 2001, n. 2 - artt. 25, 26 e 27 DPR 23 aprile 2001, n. 2 - artt. 25, 26 e 27 8 mesi 8 mesi 80 (R) DEL

11 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II 11 Allegato C) INDIVIDUAZIONE, A TITOLO RICOGNITIVO, DEI PROCEDIMENTI IN ORDINE AI QUALI TROVA LA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ STRUTTURA SERVIZIO ARTIGIANATO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO SERVIZIO LAVORO SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Verifica presupposti e requisiti legge per l'esercizio delle attività installazione impianti, autoriparazione, pulizia e facchinaggio Verifica dei requisiti per gli incaricati alla venta a domicilio Verifica sussistenza presupposti e requisiti per aprire o condurre agenzie d'affari Verifica sussistenza presupposti e requisiti per l'esercizio dell'attività fabbricazione, commercio o meazione oggetti preziosi Verifica presupposti e requisiti per l'esercizio del commercio cose antiche o usate (limitatamente al comune Trento) Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per l'esercizio da delle imprese (con sede fuori Provincia) dell'attività somministrazione alimenti e bevande al domicilio del consumatore Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per agibilità teatrale a complessi lettantistici Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per l'esercizio autoscuole Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per estensione / limitazione insegnamento autoscuole RMATIVA L. 5 marzo 19, n. 46 L. 5 febbraio 1992, n. 122 L. 25 gennaio 1994, n. 82 DM giugno 2003, n. 221 LP 8 maggio 2000, n. 4 - art. 17 D.Lgs. 31 marzo 1998, n art. 19 RD 18 giugno 1931, n art. 115 RD 18 giugno 1931, n art. 127 RD 18 giugno 1931, n art. 126 RD 6 maggio 1940, n. 635 DPR 28 maggio 2001, n art. 2, comma 1 lett. i) LP 14 luglio 2000, n. 9 - art. 8 DPGP 14 giugno 2001, n /Leg. - art. 7, comma 3 DPR 19 novembre 1987, n art. 1, comma 5 D.Lgs. aprile 1992, n art. 123 DPR 16 cembre 1992, n art. 335 DM 17 maggio 1995, n. 317 DL 31 gennaio 2001, n. 7 convertito in L. 2 aprile 2007, n. 40 DPR 16 cembre 1992, n art. 335, comma 10 (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) DEL della chiarazione inizio attività dell'elenco della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività

12 12 Supplemento n. 2 al B.U. n. 9/I-II del Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom Nr. 9/I-II STRUTTURA SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO MOTORIZZAZIO- NE CIVILE ED INFRASTRUT- TURE FERROVIARIE SERVIZIO TURISMO SERVIZIO TURISMO OGGETTO DEL PROCEDIMENTO Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per cambio denominazione autoscuola Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per riconoscimento centri istruzione automobilistica Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per l'esercizio dell'attività gestione autoscuole per trasferimento d'azienda, trasformazione societaria, recesso, esclusione soci Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per proseguimento attività autoscuola con sostituto Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per cambio sede autoscuole e/o centri istruzione automobilistica Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per l'esercizio dell'attività consulenza circolazione dei mezzi trasporto per trasferimento azienda, trasformazione societaria ecc. Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per cambio sede degli stu consulenza circolazione dei mezzi trasporto Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per cambio denominazione / cambio sede / trasferimento d'azienda / trasformazione societaria ecc. Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per subingresso nella titolarità dell'agenzia Verifica sussistenza presupposti e requisiti legge per mutamenti nella ubicazione dei locali dell'agenzia RMATIVA DPR 16 cembre 1992, n art. 335, comma 9 DM 17 maggio 1995, n art. 7, comma 8 D.Lgs. aprile 1992, n art. 123 DPR 16 cembre 1992, n art. 335, commi 5, 6, 7 e 8 DPR 16 cembre 1992, n art. 335, comma 4 DM 17 maggio 1995, n art. 3 L. 4 gennaio 1994, n art. 4, comma 3 DM 9 novembre art. 3 DPR 9 ottobre 1997, n art. 28 LP 17 marzo 1988, n. 9 - art. 12 LP 17 marzo 1988, n. 9 - art. 12 (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) (L) DEL della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività della chiarazione inizio attività

Dipartimento affari istituzionali e legislativi Servizio polizia amministrativa provinciale

Dipartimento affari istituzionali e legislativi Servizio polizia amministrativa provinciale PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI PROVINCIALI IN ORDINE AI QUALI TROVA APPLICAZIONE LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (SCIA) (estratto degli allegati A) e B) alla deliberazione n. 1381 di data

Dettagli

Dipartimento affari istituzionali e legislativi Servizio polizia amministrativa provinciale

Dipartimento affari istituzionali e legislativi Servizio polizia amministrativa provinciale PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI PROVINCIALI IN ORDINE AI QUALI TROVA APPLICAZIONE LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (estratto degli allegati A) e B) alla deliberazione n. 389 di data 8/03/2013

Dettagli

Supplemento n. 2 al B.U. n. 31/I-II del 30/07/2013 / Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 30/07/2013 Nr. 31/I-II

Supplemento n. 2 al B.U. n. 31/I-II del 30/07/2013 / Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 30/07/2013 Nr. 31/I-II Supplemento n. 2 al B.U. n. 31/I-II del 30/07/2013 / Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 30/07/2013 Nr. 31/I-II 45 85450 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3 CAPO II Semplificazione della regolamentazione ART. 3 Semplificazione amministrativa 1. L'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito

Dettagli

DICHIARA di N O M I N ARE. Cognome Nome C.F. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

DICHIARA di N O M I N ARE. Cognome Nome C.F. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F NOLEGGIO di VEICOLI senza CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, modificato dalla legge n. 122/2010 e del D.P.R. 19.12.2001, n.

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA. nato a: il: residente in:

Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA. nato a: il: residente in: Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA Marca da bollo ( 14,62) c. a. Sportello Unico per le Attività Produttive di... Il sottoscritto 1 : nato a:

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN GIOVANNI CAMPAN

COMUNE DI MONTE SAN GIOVANNI CAMPAN ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune di * COMUNE DI MONTE SAN GIOVANNI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2010, n. 5:

LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2010, n. 5: Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XLI - N. 5 Straordinario (19.02.2010) LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2010, n. 5: Disposizioni per l adeguamento dell ordinamento giuridico regionale agli obblighi

Dettagli

L'attività edilizia c.d. libera e l'inquadramento giuridico della SCIA - dott.ssa Valeria Tarroni

L'attività edilizia c.d. libera e l'inquadramento giuridico della SCIA - dott.ssa Valeria Tarroni L'attività edilizia c.d. libera e l'inquadramento giuridico della SCIA dott.ssa Valeria Tarroni responsabile del Servizio Pianificazione Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola Quadro

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Data elaborazione 16/07/2013 Parametri selezionati: Vista PEG_2013 Peg 2013 Codice 2013_32 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2013_32 MOTORIZZAZIONE SOLDANI SONIA MOTORIZZAZIONE PROGRAMMA

Dettagli

Circolare N.138 del 20 ottobre 2011. Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011

Circolare N.138 del 20 ottobre 2011. Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Circolare N.138 del 20 ottobre 2011 Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Codice antimafia e appalti: le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Gentile cliente, con la presente,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n 49 del 27 settembre 2010 Il Segretario Direttore Generale Sacco Stevanella dott. Paolo CITTA di PIAZZOLA sul BRENTA Provincia di Padova Cap 35016 Cod.Fisc. 80009670284

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Data elaborazione 17/04/2014 Parametri selezionati: Vista PEG_2014 Peg 2014 Codice 2014_32 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2014_32 MOTORIZZAZIONE SOLDANI SONIA MOTORIZZAZIONE PROGRAMMA

Dettagli

Oggetto: Provvedimenti regionali interessanti l'organizzazione sportiva.

Oggetto: Provvedimenti regionali interessanti l'organizzazione sportiva. Coor.to Attività Politiche e Istituzionali Prot. n. 0137 Roma, 9 settembre 2005 - Alle Federazioni Sportive Nazionali - Alle Discipline Sportive Associate - Agli Enti di Promozione Sportiva - Ai Comitati

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera

LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera 32 Bollettino Ufficiale n. 17/I-II del 21.4.2009 - Amtsblatt Nr. 17/I-II vom 21.4.2009 [BO17090154597 S050 ] DECRETO DEL SOVRINTENDENTE SCOLASTICO 12 marzo 2009, n. 109/17.4 Proroga della nomina dei membri

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera

LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera 32 Supplemento n. 2 al B.U. n. 27/I-II del 30.6.2009 - Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 30.6.2009 - Nr. 27/I-II La valutazione del Servizio provinciale Prat. 1312 - VT n. 09/09 di data 19 gennaio 2009

Dettagli

OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Filiale Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011. nat a prov.

OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Filiale Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011. nat a prov. Allo Sportello Unico per le attività produttive Comune di SALA CONSILINA OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Filiale Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011.

Dettagli

COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO

COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) Art. 19 della Legge 7 agosto 1990 n 241 come modificato dall art. 49, comma 4-bis del D.L. 31.05.2010 n 78

Dettagli

OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Nuova Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011. nat a prov.

OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Nuova Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011. nat a prov. Allo Sportello Unico per le attività produttive del Comune di SALA CONSILINA OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Nuova Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011.

Dettagli

Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1

Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1 L.R. 1 agosto 1997, n. 47 ( 1). Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1 Finalità e programmazione degli interventi. 1. La Regione,

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

CITTA DI LONIGO. (Provincia di Vicenza)

CITTA DI LONIGO. (Provincia di Vicenza) CITTA DI LONIGO (Provincia di Vicenza) Allo sportello unico per l edilizia del Comune di LONIGO VIA CASTELGIUNCOLI 5 36045 LONIGO (VI) OGGETTO: SEGNALALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA. (S.C.I.A.).

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Comune di Castelfranco Emilia REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIB. C.C. 166 DEL 30.06.2010 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI ENEGO STAZIONE DI SOGGIORNO ESTIVO ED INVERNALE OGGETTO: SEGNALALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA. (S.C.I.A.).

COMUNE DI ENEGO STAZIONE DI SOGGIORNO ESTIVO ED INVERNALE OGGETTO: SEGNALALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA. (S.C.I.A.). COMUNE DI ENEGO PROVINCIA DI VICENZA 18-22-01-11 STAZIONE DI SOGGIORNO ESTIVO ED INVERNALE Piazza San Marco, 1 36052 ENEGO (VI) Cod. Fisc./Part. IVA: 00460560246 Servizio Tesoreria: C/C Postale n. 17948365

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

- a voti unanimi espressi in forma di legge; delibera

- a voti unanimi espressi in forma di legge; delibera Bollettino Ufficiale n. 14/I-II del 03/04/2012 / Amtsblatt Nr. 14/I-II vom 03/04/2012 154 79221 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

La Scia in Friuli Venezia Giulia di Ornella Donat

La Scia in Friuli Venezia Giulia di Ornella Donat La Scia in Friuli Venezia Giulia di Ornella Donat Proprio quando stavano per uscire queste brevi note, è giunta la notizia, seppure per via informale, che la Direzione centrale lavoro, formazione, commercio

Dettagli

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Premesse DEFINIZIONI Ai fini delle presenti direttive: per Regione s intende la Regione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Supplemento n. 2 al B.U. n. 52/I-II del 27.12.2007 - Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 27.12.2007 - Nr. 52/I-II 1 SOMMARIO INHALTSVERZEICHNIS SUPPLEMENTO N. 2 BEIBLATT NR. 2 ANNO 2007 JAHR 2007 DELIBERAZIONI,

Dettagli

Numero straordinario al B.U. n. 49/Bis/I-II del 7.12.2005 - Sondernummer zum Amtsblatt vom 7.12.2005 - Nr. 49/Bis/I-II 9

Numero straordinario al B.U. n. 49/Bis/I-II del 7.12.2005 - Sondernummer zum Amtsblatt vom 7.12.2005 - Nr. 49/Bis/I-II 9 Numero straordinario al B.U. n. 49/Bis/I-II del 7.12.2005 - Sondernummer zum Amtsblatt vom 7.12.2005 - Nr. 49/Bis/I-II 9 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME PROVINZ TRIENT [BS49050147239 C130 ] LEGGE

Dettagli

Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE

Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE Approvato con deliberazione C.C. n. 60 del 06/11/2008 Art. 1 Principi e finalità 1. Il Comune intende proseguire

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 42 del 14.04.2009 Art. 1 Finalità ed ambito

Dettagli

NOLEGGIO di VEICOLI senza CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ

NOLEGGIO di VEICOLI senza CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ NOLEGGIO di VEICOLI senza CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, modificato dalla legge n. 122/2010 e del D.P.R. 19.12.2001, n.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Urbanistica e Ambiente Servizio Energia proposta di massimario di conservazione e di scarto INDICE DEL MASSIMARIO CLASSE 1 CLASSE 2 CONTRIBUTI PER RISPARMIO ENERGETICO,

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Oggetto: Art. 19 Legge n. 241/1990: la segnalazione certificata di inizio attività - Prime indicazioni applicative.

Oggetto: Art. 19 Legge n. 241/1990: la segnalazione certificata di inizio attività - Prime indicazioni applicative. RegioneLombardia Giunta Regionale Direzione Generale Semplificazione e Digitalizzazione Prot. D 1.20 l 1.2356 Milano 16 marzo 2011 Ai Comuni della Lombardia Alle Camere di Commercio, Industria, Artigianato

Dettagli

proposta di legge n. 238

proposta di legge n. 238 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 238 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 30 marzo 2004 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 27 LUGLIO 1998, N. 24 CONCERNENTE: DISCIPLINA

Dettagli

Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER

Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER Settore: Esercizio di vicinato Operazione: Attività artigianali e di servizio...3 Operazione: Commercio di vicinato...3 Operazione: Vendite straordinarie...3

Dettagli

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 7213 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio 1999, n. 11. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO Art.

Dettagli

FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica

FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica Lo scorso 20 gennaio 2016 il Consiglio dei Ministri ha approvato

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione strutturale Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA L.R.

REGIONE LOMBARDIA L.R. REGIONE LOMBARDIA L.R. 31 gennaio 1992, n. 3: Disciplina regionale dell'agriturismo e valorizzazione del territorio rurale. (Pubblicata nel Suppl. Ord. del B.U.R. n. 6 del 4 febbraio 1992) Art. 1 - Finalità

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE - AMTSBLATT

BOLLETTINO UFFICIALE - AMTSBLATT BOLLETTINO UFFICIALE - AMTSBLATT DELLA REGIONE AUTONOMA TRENTINO-ALTO ADIGE DER AUTONOMEN REGION TRENTINO-SÜDTIROL PARTE PRIMA E SECONDA ERSTER UND ZWEITER TEIL "Sped. in a.p. - art. 2 comma 20/c legge

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Legge Regionale 24 novembre 1997, n. 87 Disciplina dei rapporti tra le cooperative sociali e gli enti pubblici che operano nell ambito regionale. (Bollettino Ufficiale n. 42, parte prima, del 26.11.1997)

Dettagli

Il Ministro dell 'Economia e delle Finanze

Il Ministro dell 'Economia e delle Finanze Il Ministro dell 'Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO l articolo 4, commi 42, 43 e 44, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, e successive

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

SETTORE PROMOZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Agricoltura

SETTORE PROMOZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Agricoltura REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE PROMOZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Agricoltura Proposta nr. 46 del 27/12/2012 - Determinazione nr. 3021 del 27/12/2012 OGGETTO: LR 22.07.1996, n. 25,

Dettagli

SEGNALA. L inizio dell attività di noleggio di veicoli senza conducente nel locale sito in Roma, Via/P.za n.. codice ATECO

SEGNALA. L inizio dell attività di noleggio di veicoli senza conducente nel locale sito in Roma, Via/P.za n.. codice ATECO SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO - MUNICIPIO.. Via. - 00.. R O M A OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di noleggio di veicoli senza conducente. (ai sensi del D.P.R. 481 del 19.12.2001

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Supplemento n. 3 al B.U. n. 23/I-II del 3.6.2009 - Beiblatt Nr. 3 zum Amtsblatt vom 3.6.2009 - Nr. 23/I-II 1 SOMMARIO INHALTSVERZEICHNIS SUPPLEMENTO N. 3 BEIBLATT NR. 3 ANNO 2009 JAHR 2009 DELIBERAZIONI,

Dettagli

Vendita tolettatura allevamento pensione e trattamento animali da compagnia - SCIA

Vendita tolettatura allevamento pensione e trattamento animali da compagnia - SCIA Indice Agenzie d Affari Agenzie di Viaggi e Turismo Animali da compagnia Ascensori e montacarichi Attività artigianali Acconciatore Estetista e Mestieri Affini Commercio Aree Pubbliche Commercio cose antiche

Dettagli

COMUNE DI RAGOLI TABELLA PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30 DI DATA 08/09/2014

COMUNE DI RAGOLI TABELLA PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30 DI DATA 08/09/2014 coce % Meo Meo Costru RESIDENZA e attività affini Residenza ornaria residenza ornaria ai sensi dell'articolo 57, comma 2, lettera b), della legge urbanistica provinciale ovvero tutte le zioni destinate

Dettagli

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento per l applicazione del contributo di concessione Approvato con: Deliberazione del Consiglio comunale n. 64 di data 26 giugno 2002 ed entrato in vigore il

Dettagli

TIPOLOGIA DI PROCEDIMENTO

TIPOLOGIA DI PROCEDIMENTO privata (esercizio di vicinato) e/o variazione legale rappresentante/preposto (settore alimentare) in esercizio di vicinato La Comunicazione per la modifica della compagine/ragione sociale e variazione

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Segnalazione Certificata di Inizio Attività Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Legge Regionale n. 5/2001 Disciplina dell attività Allo Sportello Unico per le attività produttive del Comune di Torre del

Dettagli

Scheda informativa del modulo B5

Scheda informativa del modulo B5 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per tutte le vicende che riguardano lo svolgimento della somministrazione di alimenti e bevande. Per questa s intende la vendita di alimenti e bevande per il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Art. 1 Disposizioni generali e definizione di sala giochi Art. 2 Sale giochi e pubblici esercizi

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE 15 ottobre 2012, n. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con

Dettagli

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i.

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

SEMLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER LE STRUTTURE RICETTIVE LA SCIA DA PRESENTARE AL SUAP

SEMLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER LE STRUTTURE RICETTIVE LA SCIA DA PRESENTARE AL SUAP SEMLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER LE STRUTTURE RICETTIVE LA SCIA DA PRESENTARE AL SUAP SAVERIO PANZICA saverio.panzica@regione.sicilia.it saveriopanzica@alice.it Taormina DEFINIZIONI - ORIGINE STRUTTURE

Dettagli

COMUNE DI NARNI. Disciplina comunale delle attività di acconciatore. Regolamento. (Provincia di Terni) Legge 17 agosto 2005, n.

COMUNE DI NARNI. Disciplina comunale delle attività di acconciatore. Regolamento. (Provincia di Terni) Legge 17 agosto 2005, n. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di acconciatore Legge 17 agosto 2005, n. 174 Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 AL SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANT'ANASTASIA Ai sensi

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO COMUNE DI SAREZZO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Commercio tel. 030/802021 DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con modificazioni,

Dettagli

IL TESTO UNICO IN MATERIA DI TURISMO DELLA REGIONE LOMBARDIA a cura di Riccardo Perini GUIDE ACCOMPAGNATORI E AGENZIE TURISTICHE

IL TESTO UNICO IN MATERIA DI TURISMO DELLA REGIONE LOMBARDIA a cura di Riccardo Perini GUIDE ACCOMPAGNATORI E AGENZIE TURISTICHE IL TESTO UNICO IN MATERIA DI TURISMO DELLA REGIONE LOMBARDIA a cura di Riccardo Perini GUIDE ACCOMPAGNATORI E AGENZIE TURISTICHE Cominciamo con questo numero ad analizzare le disposizioni contenute nel

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Apertura nuova Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per le attività

Dettagli

Alberghi e altre attività ricettive Residenze d'epoca

Alberghi e altre attività ricettive Residenze d'epoca Alberghi e altre attività ricettive Residenze d'epoca Descrizione 1. Sono residenze d'epoca i complessi immobiliari originariamente destinati a residenza. 2. I complessi di cui al devono mantenere l'originaria

Dettagli

VALUTAZIONE E DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI ORGANIZZATIVI DI PREVENZIONE

VALUTAZIONE E DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI ORGANIZZATIVI DI PREVENZIONE VALUTAZIONE E DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI ORGANIZZATIVI DI PREVENZIONE FASE 1 MAPPATURA DEI PROCESSI AREA DI RISCHIO Acquisizione e progressione del personale Affidamento di lavori, servizi e forniture

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE. (approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 5 del 19/02/2009)

COMUNE DI MAGIONE. (approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 5 del 19/02/2009) COMUNE DI MAGIONE CRITERI PER IL RILASCIO E LA GESTIONE DELLE AUTORIZZAZIONI COMUNALI ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DI NOLEGGIO E DI LOCAZIONE DI NATANTE DA DIPORTO SUL LAGO TRASIMENO (approvato con Deliberazione

Dettagli

Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1)

Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1) Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di posta elettronica certificata: Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1) Quadro A Dati dei richiedenti _ nato/a

Dettagli

Sintesi Normativa sul trasporto pubblico non di linea

Sintesi Normativa sul trasporto pubblico non di linea Sintesi Normativa sul trasporto pubblico non di linea Mantova, 29 novembre 2008 a cura del Capitano Stefano Cacciatori Tematiche di riferimento Trasporto persone Normative specifiche Considerazioni Il

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

24 Bollettino Ufficiale n. 31/I-II del 31.7.2007 - Amtsblatt Nr. 31/I-II vom 31.7.2007

24 Bollettino Ufficiale n. 31/I-II del 31.7.2007 - Amtsblatt Nr. 31/I-II vom 31.7.2007 24 Bollettino Ufficiale n. 31/I-II del 31.7.2007 - Amtsblatt Nr. 31/I-II vom 31.7.2007 [BO31070150693 S020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 13 luglio 2007, n. 1483 Direttive per l informazione

Dettagli

Tabella A - Tasse sulle concessioni regionali (TCR)

Tabella A - Tasse sulle concessioni regionali (TCR) Tabella A - Tasse sulle concessioni regionali (TCR) TITOLO I IGIENE E SANITA' INDICAZIONE DEGLI ATTI SOGGETTI A TASSA Tassa di rilascio Tassa annuale 1 Concessione per l apertura e l esercizio di farmacie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 "Intervento sostitutivo del Governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali a norma dell'articolo 4, comma 5, della legge 15 marzo

Dettagli

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE SETTORE COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SCIA APERTURA, TRAFERIMENTO, SUBINGRESSO, AMPLIAMENTO/RIDUZIONE ESERCIZIO DI VICINATO COMMERCIO ELETTRONICO SCIA APERTURA, SUBINGRESSO, VARIAZIONE SITO WEB, ATTIVITA

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36 LEGGE REGIONALE 27 giugno 1988,n. 36 «Incentivi per l ammodernamento,potenziamento e qualificazione delle strutture ed infrastrutture turistiche in Lombardia». (B.U. 29 giugno 1988, n. 26, 2º suppl. ord.)

Dettagli

Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative (2).

Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative (2). L.R. 1 agosto 1997, n. 47 (1). Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative (2). (1) Pubblicata nel B.U. Marche 8 agosto 1997, n. 52. (2) L art.

Dettagli

Elenco leggi applicabili. Elenco delle leggi applicabili al Settore Ambientale

Elenco leggi applicabili. Elenco delle leggi applicabili al Settore Ambientale Pag. 1 di 17 Elenco delle leggi applicabili al Settore Legislazione provinciale Legge Argomento/ Obbligo Competenza/Applicazione Riferimento al piano di controllo operativo L.P. 25 luglio 1973 n. 17 e

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE AGROAMBIENTE

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE AGROAMBIENTE DECRETO N. 25 DEL 18 MARZO 2012 OGGETTO: Deliberazione della Giunta regionale n. 2879 del 30 dicembre 2013 Semplificazione dei procedimenti nel Settore primario. Atti di indirizzo ai sensi dell art. 50,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING. 1 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING. INDICE SOMMARIO Titolo I PRINCIPI GENERALI 3 ARTICOLO 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE DEL EGOLAMENTO

Dettagli

CITTÀ di COLLEGNO. ANNO 2011 Settembre CRITERI COMUNALI

CITTÀ di COLLEGNO. ANNO 2011 Settembre CRITERI COMUNALI Regione Piemonte Provincia TORINO CITTÀ di COLLEGNO ANNO 2011 Settembre DISCIPLINA PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Articolo 8 della l.r. dicembre 2006, n.38

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Segnalazione Certificata di Inizio Attività A.G.C. Turismo e Beni Culturali Settore Strutture Ricettive e Infrastrutture Turistiche Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Legge regionale n. 5/2001 Disciplina

Dettagli

Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere

Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere Descrizione STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE 1. Sono esercizi alberghieri: a) gli alberghi; b) i motels; c) gli alberghi residenziali;

Dettagli