DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE PIANO DI EMERGENZA CA VIGNAL 1. Approvazione: Consiglio di Dipartimento del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE PIANO DI EMERGENZA CA VIGNAL 1. Approvazione: Consiglio di Dipartimento del"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE STABILIMENTI: A) CA VIGNAL 1 B) CA VIGNAL 2 C) VILLA LEBRECHT PIANO DI EMERGENZA CA VIGNAL 1 Redazione: Referenti sicurezza, Gianluca Righetti, Federica Mainente Verifica RLS: Aggiornamento: Preposto

2 Pag. 2/38 INDICE 1. PREMESSA 2. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA 3. SCOPO DELLA PROCEDURA 4. DEFINIZIONI 5. CAUSE DELL EMERGENZA 6. NORME DI COMPORTAMENTO PER TUTTO IL PERSONALE 7. TIPI DI EMERGENZA IN RELAZIONE ALLA GRAVITA 7.1 EMERGENZA SOTTO CONTROLLO (CON POSSIBILITA DI INTERVENTO) 7.2 EMERGENZA NON CONTROLLABILE (NECESSITA DI ABBANDONARE L EDIFICIO) 8. CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE DI LAVORO E DELL ATTIVITA SVOLTA 8.1 DATI IDENTIFICATIVI DELLA STRUTTURA/EDIFICIO 8.2 ATTREZZATURE ANTINCENDIO/EMERGENZA 8.3 PUNTI STRATEGICI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE 8.4 ATTIVITA E AREE A RISCHIO SPECIFICO 9. INCENDIO 10. TERREMOTO 11. SVERSAMENTO DI SOSTANZE CHIMICHE 11.1 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SVERSAMENTO DI SOSTANZE CHIMICHE ACIDE, CAUSTICHE O TOSSICHE 11.2 MATERIALE ASSORBENTE PER SOSTANZE CHIMICHE

3 Pag. 3/ MODO D USO DEI KIT ASSORBENTI (verificare) 11.4 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI INTOSSICAZIONI ACUTE / CONTATTO CON SOSTANZE CHIMICHE 11.5 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SCHIZZO ENDOCULARE 11.6 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI ROTTURA DI PROVETTA IN CENTRIFUGA 12. SVERSAMENTO DI MATERIALE BIOLOGICO 12.1 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SVERSAMENTO DI MATERIALE BIOLOGICO 12.2 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI CONTATTO CON MATERIALE BIOLOGICO 12.3 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SCHIZZO ENDOCULARE 12.4 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI FERITA DA TAGLIO O PUNTURA ACCIDENTALE 12.5 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI ROTTURA DI PROVETTA IN CENTRIFUGA 13. ELETTROCUZIONE 14. USTIONI DA CALORE E DA AZOTO LIQUIDO 16. FUGA DI GAS 17. EMERGENZA LOCALI AZOTO LIQUIDO E CONGELATORI ALLEGATI ALLEGATO A SQUADRA ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO ALLEGATO B MODULO DI EVACUAZIONE ALLEGATO C MODULO DI REGISTRAZIONE DELLO STATO DI EMERGENZA ALLEGATO D MODULO DI REGISTRAZIONE DELL ESERCITAZIONE ANTINCENDIO ALLEGATO E MODULO DI REGISTRAZIONE DI INFORTUNIO/INCIDENTE ALLEGATO F CONTENUTO CASSETTA PRONTO SOCCORSO ALLEGATO G NUMERI DI TELEFONO UTILI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE

4 Pag. 4/38 1. PREMESSA In attuazione a quanto previsto dall art. 43 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., in tutti i luoghi di lavoro dove ricorra l obbligo di cui all art. 5 del D.M. 10/03/98 deve essere predisposto e tenuto aggiornato un piano di emergenza che deve contenere nei dettagli: 1. le azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di incendio; 2. le procedure per l evacuazione del luogo di lavoro che devono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti; 3. le disposizioni per chiedere l intervento dei VVF e per fornire le necessarie informazioni al loro arrivo; 4. le specifiche misure per assistere le persone disabili eventualmente presenti. Per le ragioni sopra esposte ogni utente del Dipartimento di Biotecnologie è tenuto, durante l attività lavorativa quotidiana, oltre all adozione delle cautele relative alla sicurezza ed igiene del lavoro, a vigilare per cogliere ogni segnale di un eventuale insorgere di emergenza e a collaborare attivamente al fine di contenere i danni che potrebbero derivarne. 2. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA La presente procedura è redatta dal Referente per la Sicurezza, aggiornata dal Preposto, verificata dal Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, approvata dal Consiglio di Dipartimento, e distribuita dal Direttore di Dipartimento. Gli aggiornamenti sono apportati tenendo conto delle osservazioni e dei suggerimenti di tutti gli interessati, con cadenza annuale, ovvero a seguito di verifica in occasione delle esercitazioni con simulazione o dopo un emergenza. 3. SCOPO DELLA PROCEDURA Lo scopo del piano di emergenza è consentire la migliore gestione possibile degli scenari incidentali ipotizzabili, determinando una o più sequenze di azioni che sono ritenute le più idonee al fine di controllare le conseguenze di un incidente. La presente procedura sarà oggetto di formazione ed addestramento mediante esercitazioni e simulazioni

5 Pag. 5/38 4. DEFINIZIONI Emergenza Evento quale un incendio, un esplosione, una calamità naturale, dovuto a situazioni incontrollate che si verifichino all interno o all esterno della struttura e che diano luogo ad un pericolo grave, immediato o differito, per la salute umana e/o l ambiente o i beni materiali. Coordinatore dell Emergenza di giorno: il Coordinatore dell Emergenza è formalmente individuato nella figura del Direttore di Dipartimento o, in sua assenza o per delega scritta, da coloro che, secondo un ordine definito, possono rivestire quest incarico (personale delle squadre antincendio e primo soccorso). Egli valuta se è necessario allertare VVF, Polizia, Soccorso ecc. di notte e festivi: Servizi di Emergenza dell Ateneo (vedi allegato G). Unità di crisi Direttore dell unità di crisi: Direttore di Dipartimento Componenti Unità di crisi: Preposti, Referente per la sicurezza Sede Unità di Crisi : Ufficio Direttore di Dipartimento Squadra di Emergenza Lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza. I nominativi degli addetti sono riportati nell allegato A SQUADRE ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO alla presente procedura. Sede operativa per le emergenze Locale identificato come sede operativa delle emergenze, viene individuato in ogni edificio (vedi punto 8.3 PUNTI STRATEGICI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ). In questo locale si riuniscono gli addetti della squadra gestione emergenze. Comunicazione dell emergenza Diffusione della comunicazione della situazione di emergenza a tutte le persone presenti nell edificio, affinché ognuno, per il ruolo che gli compete, si allerti ed eventualmente attivi le procedure del caso. Luogo sicuro Spazio scoperto, debitamente segnalato da apposito cartello monitore, ovvero compartimento antincendio, separato da altri compartimenti mediante spazio scoperto o filtri a prova di fumo, avente caratteristiche idonee a ricevere e contenere un predeterminato numero di persone, ovvero a consentirne il movimento ordinato.

6 Pag. 6/38 Punto di raccolta Luogo prestabilito, esterno all edificio, debitamente segnalato da apposito cartello monitore, dove si devono indirizzare gli utenti della struttura evacuati a causa di una emergenza. Le persone devono rimanere a disposizione del Coordinatore dell Emergenza. Deve essere evidenziato nelle planimetrie di piano.

7 Pag. 7/38 5. CAUSE DELL EMERGENZA Le cause dell emergenza possono essere interne o esterne all area dell edificio. Tra le possibili cause interne si possono ipotizzare: - incendio; - scoppio; - fuga di gas pericolosi in quantità e qualità tali da determinare situazioni di pericolo (infiammabili, tossici, asfissianti, ecc); - fuoriuscita e/o spargimento di sostanze (liquide o solide) pericolose (tossiche, radioattive); - altre condizioni di pericolosità derivanti da fatti o situazioni accidentali non prevedibili; - blocco degli ascensori per qualsiasi eventualità, compresa l interruzione elettrica. Tra le cause esterne si possono ipotizzare: - fatti del tipo indicato per le cause interne, ma dovuti a cause esterne; - calamità naturali (terremoti, trombe d aria, allagamenti, ecc); - brillatura di ordigni esplosivi; - altri eventi non prevedibili. Gli stati di emergenza sono classificati in tre categorie a gravità crescente: 1. Emergenze minori (di tipo 1): controllabili dalla persona che individua l emergenza stessa o dalle persone presenti sul luogo (es. principio lieve di incendio, versamento di quantità non significative di liquidi contenenti sostanze pericolose, ecc.); 2. Emergenze di media gravità (di tipo 2): controllabili soltanto mediante intervento degli incaricati per l emergenza come nel seguito definiti e senza ricorso agli enti di soccorso esterni (es. principio di incendio di una certa entità, versamento di quantità significative di liquidi contenenti sostanze pericolose, black-out elettrico ecc.); 3. Emergenze di grave entità (di tipo 3): controllabili solamente mediante intervento degli enti di soccorso esterni (VVF, PS, ecc.) con l aiuto della squadra di pronto intervento (es. incendio di vaste proporzioni, eventi catastrofici, ecc.). Tutti gli stati di emergenza verificatisi devono essere registrati a cura del Coordinatore dell Emergenza come di seguito definito negli appositi moduli allegati (B e C) e dallo stesso conservati.

8 Pag. 8/38 6. NORME DI COMPORTAMENTO PER TUTTO IL PERSONALE - Rispettare il divieto di fumare e di usare fiamme libere dove prescritto. - Verificare che mozziconi di sigaretta e fiammiferi siano ben spenti. - Non sovraccaricare le prese di corrente con spine multiple. - Non utilizzare apparecchi elettrici non autorizzati. - Disinserire a fine impiego le utenze elettriche e le linee o valvole dei gas tecnici. - Non manomettere, disattivare, danneggiare e utilizzare per usi impropri impianti e dispositivi antincendio e di sicurezza installati. - Mantenere sgombre da ostacoli le vie di esodo e le uscite di emergenza. - Mantenere sgombro l'accesso ai presidi antincendio (idranti, estintori ecc.).

9 Pag. 9/38 7. TIPI DI EMERGENZA IN RELAZIONE ALLA GRAVITA 7.1 EMERGENZA SOTTO CONTROLLO (CON POSSIBILITA DI INTERVENTO) - Allertare i soccorsi interni dando poche ma chiare informazioni sull'ubicazione e sul tipo di emergenza in atto ed eventuali persone coinvolte. - Se ci si sente in grado, intervenire direttamente utilizzando, se necessario, i mezzi messi a disposizione. L emergenza sotto controllo non richiede il segnale di allarme, ma l attivazione delle azioni necessarie caso per caso. 7.2 EMERGENZA NON CONTROLLABILE (NECESSITA DI ABBANDONARE L EDIFICIO) L emergenza viene definita non controllabile quando è dovuta ad un fatto di grandi proporzioni e può coinvolgere più zone o tutta l area dell edificio nel suo complesso. L allarme per l emergenza non controllabile può essere seguito dall ordine di evacuazione. Il segnale per l evacuazione dall edificio viene dato dal Direttore di Dipartimento o da coloro che, secondo un ordine definito, possono rivestire quest incarico (p.es. Squadra d emergenza, Preposti). - Accertarsi che chiunque sia alla propria portata stia abbandonando i locali. - Aiutare eventuali disabili presenti o chiunque sembri in difficoltà. - Chiudere porte e finestre, se non c'è il rischio di esplosione o rilascio tossico. - Non tentare di recuperare oggetti personali o altro materiale. - Non usare gli ascensori. - Allontanarsi rapidamente seguendo i percorsi segnalati senza correre e spingere. - Dirigersi verso il punto di raccolta per un riscontro visivo delle presenze. - Il rientro nell edificio del personale dovrà avvenire solo previa autorizzazione del Coordinatore dell Emergenza.

10 Pag. 10/38 8. CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE DI LAVORO E DELL ATTIVITA SVOLTA 8.1 DATI IDENTIFICATIVI DELLA STRUTTURA/EDIFICIO Edificio n Cà Vignal 1 Ubicazione Strada Le Grazie, Verona N piani fuori terra 4 (compreso mezzanino) N piani seminterrati 1 Massimo affollamento ipotizzabile persone N di uscite di sicurezza verso l esterno 22 (piano terra) Edificio Ubicazione N piani fuori terra N piani seminterrati Massimo affollamento ipotizzabile N di uscite di sicurezza verso l esterno n Cà Vignal Serra Strada Le Grazie, Verona Edificio Ubicazione N piani fuori terra 1 N piani seminterrati 1 Massimo affollamento ipotizzabile 5 N di uscite di sicurezza verso l esterno 8.2 ATTREZZATURE ANTINCENDIO/EMERGENZA Edificio n Cà Vignal 1 Descrizione presidio N ubicazione Idranti soprasuolo (attacco 2 n Cà Vignal Camere di Crescita Strada Le Grazie, Verona 1

11 Pag. 11/38 autopompa) Attacco rete idrica 4 antincendio Idranti a muro UNI Piani Terra, Mezzanino, Primo e Secondo Estintori a polvere / CO 2 39 Piani Terra, Primo e Secondo Impianto di rilevazione 1 Centralina presso la portineria di riferimento incendi Impianto di 1 Centralina presso la portineria di riferimento allarme/comunicazione Presidio di emergenza 2 Armadi rossi (antincendio, sversamenti chimici) Presidio di primo soccorso 4 Cassetta PS Edificio n Cà Vignal Serra Descrizione presidio N ubicazione Idranti soprasuolo (attacco autopompa) 1 Angolo nord ovest-sud piramide-scivolo cà vignal 2-scivolo cà vignal 1 Attacco rete idrica Vasca accumulo+ gruppo spinta sotto antincendio edificio camere di crescita Idranti a muro UNI 45 no Estintori a polvere / CO 2 2 Impianto di rilevazione no incendi Impianto di no allarme/comunicazione Presidio di emergenza 2 Cà Vignal 1: Armadi rossi (antincendio, sversamenti chimici) Presidio di primo soccorso 1 Cassetta PS Edificio n Cà Vignal Camere di Crescita Descrizione presidio N ubicazione Idranti soprasuolo (attacco Angolo serra nord ovest autopompa) Attacco rete idrica Vasca accumulo+ gruppo spinta sotto antincendio edificio camere di crescita

12 Pag. 12/38 Idranti a muro UNI 45 no Estintori a polvere / CO 2 4 Impianto di rilevazione si incendi Impianto di allarme/comunicazione Presidio di emergenza 2 Cà Vignal 1: Armadi rossi (antincendio, sversamenti chimici) Presidio di primo soccorso 1 Cà Vignal 1 Serra: Cassetta PS 8.3 PUNTI STRATEGICI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CA VIGNAL N ubicazione Punto di raccolta esterno 3 n. 2 Parcheggio lato nord-ovest di fronte ad ingressi principali Cà Vignal 1 e 2 n.1 Parcheggio lato sud-est Cà Vignal 1 N di accessi per i mezzi di soccorso 1 Ingresso Ca Vignal, strada Le Grazie Locale coordinamento emergenza 1 Portineria Ca Vignal ATTIVITA E AREE A RISCHIO SPECIFICO Locale Piano Sorgente di rischio Vedi allegato Cappe biologiche Biohazard e/o Flusso Laminare per utilizzo agenti Biologici Vedi allegato Cappe chimiche per utilizzo agenti Chimici S.13,1.55, , 2.30 Interrato, 1 e 2 Armadi aspirati per sostanze tossiche Armadi aspirati per acidi/basi S.13,1.55,1.70 Interrato, 2.20, e 2 Armadi aspirati per sostanze infiammabili

13 Pag. 13/38 9. INCENDIO Fase di allarme DESCRIZIONE COMPITI PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO L allarme sonoro (SIRENA) e visivo (display rosso=allarme INCENDIO) è dato da un sistema automatico di rilevazione* Verificare se c è effettivamente un incendio e dove Tutto il personale in grado di farlo Se ci si accorge di un incendio in atto e non è scattato l allarme automatico, attivare manualmente il pulsante di allarme Per Emergenza non sotto controllo, chiamare: Vigili del fuoco -Vezzari: *7312 da telefono interno o se da altro telefono; -CAMPI antincendi: *7262 oppure in caso di non raggiungibilità dei numeri sopra citati: *7275 da telefono interno o (Gelmini) se da altro telefono; Dare le seguenti informazioni: Nome e Cognome Reparto/laboratorio Descrizione della situazione/ stadio dell evento Persone coinvolte Tutto il personale in grado di farlo Tutto il personale in grado di farlo *Il sistema d allarme avvisa direttamente il centro gestioni emergenze È compito del personale dell ufficio tecnico o di persona autorizzata togliere l alimentazione elettrica e chiudere le valvole delle condotte del gas metano. Sono presenti (vicino agli ingressi di CV1 e CV2) armadi rossi con protezioni ed accessori antincendio.

14 Pag. 14/38 Prima dell arrivo dei vigili DESCRIZIONE COMPITI Utilizzare i mezzi mobili di estinzione se le condizioni lo permettono, ossia se: l incendio è di modeste proporzioni c è l assistenza di altre persone vi è una via di fuga disponibile Ordinare l evacuazione dei laboratori Chiudere le intercette dei gas tecnici Compilare il modulo di evacuazione (una volta evacuato l edificio) (allegato B) PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Personale della squadra antincendio del Dipartimento Squadra gestione emergenze in collaborazione responsabile laboratorio Squadra gestione emergenze Coordinatore dell emergenza (o delegato) All arrivo dei vigili DESCRIZIONE COMPITI PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Fornire chiavi acceso alla struttura e indicazioni su: persone planimetrie se chiuse intercette elettriche/gas Squadra gestione emergenze in collaborazione Servizio Tecnico e Servizio gestione emergenze

15 Pag. 15/38 Fine dell emergenza DESCRIZIONE COMPITI PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Dichiarare la cessata emergenza e autorizzare a rientrare nei laboratori Compilare il modulo di registrazione dell emergenza (Allegato C) Vigili del fuoco Preposto

16 Pag. 16/ TERREMOTO Fase di allarme DESCRIZIONE COMPITI Appena avvertita la scossa sismica, sospendere le attività lavorative, avvicinarsi ai muri portanti allontanandosi da lampade a soffitto, armadi, finestre, apparecchiature elettriche, vetri, scaffali. Uno dei punti sotto cui rifugiarsi può essere un tavolo qualora presente e ritenuto abbastanza solido. Non usare ascensori Al termine del fenomeno portarsi nel punto di raccolta esterno, seguendo i percorsi delle vie di emergenza Terminato il fenomeno, ispezionare le zone per verificare gli eventuali danni Compilare il modulo di evacuazione (allegato B) In caso di pericoli o danni comunicare con referente tecnico Vezzari: *7312 da telefono interno o se da altro telefono; anche per conoscere le indicazioni della Prefettura PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Tutto il personale Tutto il personale Tutto il personale Squadra di Emergenza Aziendale e personale dell Ufficio Tecnico Coordinatore dell emergenza (o delegato) Coordinatore dell emergenza (o delegato)

17 Pag. 17/38 Fine dell emergenza DESCRIZIONE COMPITI PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Accertata la condizione di sicurezza e sentite le indicazioni dal servizio gestione emergenze disporre il cessato allarme e la ripresa dell attività Compilare il modulo di registrazione dell emergenza (Allegato C) Preposto Coordinatore dell emergenza (o delegato)

18 Pag. 18/ SVERSAMENTO DI SOSTANZE CHIMICHE 11.1 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SVERSAMENTO DI SOSTANZE CHIMICHE ACIDE, CAUSTICHE O TOSSICHE Segnalare l accaduto ai colleghi Indossare i DPI: maschera pieno facciale (dopo aver montato il filtro ABEK2P3), guanti in gomma e, se necessario, stivali di gomma. I DPI sono situati: armadietto rosso (sversamenti chimici) collocato in corridoio (CV1 II piano ingresso parte sinistra) Aerare l'ambiente Coprire la zona interessata con materiale assorbente. Il materiale assorbente si trova nell'armadietto rosso (sversamenti chimici) collocato in corridoio (CV1 II piano ingresso parte sinistra) Raccogliere il materiale assorbente/sabbia con la scopa e paletta (situate: armadietto rosso (sversamenti chimici)). Smaltire il rifiuto in un contenitore o sacco in plastica da inserire in un bidone cravattato nuovo (situato: raccolta differenziata laboratori). Apporre sul bidone un etichetta con l indicazione della tipologia di rifiuto. Smaltire come rifiuto chimico In caso di intossicazione o contatto con la sostanza chimica seguire la procedura nel capitolo 11.4, in caso di schizzo endoculare seguire la procedura nel capitolo 11.5 Informare il Direttore del Dipartimento e, se necessario, il Responsabile del gruppo di ricerca In caso di necessità il Direttore del Dipartimento ordinerà l evacuazione della zona interessata o dell intero laboratorio e avviserà il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (Segreteria ; cell. Chiara Costanzo ). In assenza del Direttore questi compiti saranno svolti da: Direttore Vicario (Marco G. Bettinelli) Se necessario, fare intervenire la ditta di pulizie per allontanare completamente i residui di materiale assorbente tramite lavaggio con acqua fornendo tutte le indicazioni sulle misure di protezione da adottare. In caso di necessità chiamare il Centro di Tossicologia Clinica dell Ospedale Civile Maggiore o il Centro antiveleni, ospedale Niguarda Ca' Granda, attivo 24h:

19 Pag. 19/38 Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 11.2 MATERIALE ASSORBENTE PER SOSTANZE CHIMICHE Conservato nell'armadio rosso situato in corridoio: (CV1 II piano, ingresso parte sinistra) 11.3 MODO D USO DEI KIT ASSORBENTI Versare la polvere partendo dalla periferia dello spandimento fino all'interno Raccogliere il materiale seguendo le indicazioni precedentemente fornite 11.4 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI INTOSSICAZIONI ACUTE / CONTATTO CON SOSTANZE CHIMICHE Togliere gli indumenti eventualmente contaminati dalla sostanza (mai a mani nude!) Lavare con acqua corrente per almeno 15 minuti la parte venuta a contatto con la sostanza Leggere quanto riportato sulle schede di sicurezza della sostanza Recarsi al pronto soccorso con la scheda di sicurezza o la confezione della sostanza Informare il Direttore del Dipartimento e il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

20 Pag. 20/ PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SCHIZZO ENDOCULARE Procedere, nel più breve tempo possibile, al lavaggio oculare con soluzione fisiologica; nel frattempo, tenere la testa inclinata in avanti. Non strofinare le palpebre, evitare l ammiccamento delle stesse, tenendole aperte con due dita. Chiedere la collaborazione di qualcuno. Comprimere con l angolo di una garza sterile l orifizio del condotto lacrimale. Rimuovere eventuali lenti a contatto. Il lavaggio oculare deve essere effettuato facendo ruotare di lato la testa e facendo defluire il liquido di lavaggio (soluzione fisiologica) in modo che esso scorra dall interno verso l esterno dell occhio. Durante la manovra di lavaggio, tenere sollevate ambedue le palpebre per favorire una completa detersione delle mucose oculari. Recarsi al Pronto Soccorso con la scheda di sicurezza o la confezione della sostanza. Informare il Direttore Tecnico e il Responsabile del proprio gruppo di ricerca. Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

21 Pag. 21/ PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI ROTTURA DI PROVETTA IN CENTRIFUGA Aerare l'ambiente Lasciare la centrifuga chiusa e spenta per 20 minuti per permettere la deposizione degli aerosol Mettere un cartello per avvertire i colleghi Verificare che la centrifuga non sia sotto tensione e aprirla indossando maschera pieno facciale (dopo aver montato il filtro ABEK2P3) e guanti in gomma situati: armadietti rossi (sversamenti chimici) Se la tipologia di centrifuga lo consente, portare sotto cappa chimica il rotore (chiuso col coperchio), altrimenti portare sotto cappa i cestelli. Se si tratta di una mini centrifuga portarla sotto cappa Eliminare i frammenti della provetta come rifiuto sanitario tagliente utilizzando una pinzetta e indossando guanti di gomma. Lasciare il contenitore dei rifiuti taglienti sotto cappa e lasciare evaporare Versare la sostanza travasata nell idoneo contenitore per lo smaltimento chimico Assorbire i residui con carta assorbente e gettare nel contenitore per rifiuti posto sotto cappa Consultare la scheda di sicurezza della sostanza per la corretta bonifica delle parti della centrifuga contaminate

22 Pag. 22/ SVERSAMENTO DI MATERIALE BIOLOGICO 12.1 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SVERSAMENTO DI MATERIALE BIOLOGICO Indossare maschera FFP3, visiera e guanti di gomma situati: armadietto o scaffale DPI proprio laboratorio Coprire con carta assorbente un'area più vasta di quella visibilmente contaminata Versare ipoclorito di sodio al 5% (taniche situate: stanze Interrato S.13, 1 piano 1.55 e 1.72; 2 piano 2.19 e 2.30 etichetta rossa) Lasciare agire per 15 minuti Asportare con pinze e guanti il materiale cosi trattato e gettare come rifiuti speciali sanitari (contenitore giallo) Lavare con detergente Risciacquare Decontaminare di nuovo con ipoclorito di sodio al 5%. In caso di contatto con materiale biologico seguire la procedura nel capitolo 12.2, in caso di schizzo endoculare seguire la procedura nel capitolo 12.3, in caso di ferita da taglio seguire la procedura nel capitolo 12.4 Informare il Direttore del Dipartimento e se necessario il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

23 Pag. 23/ PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI CONTATTO CON MATERIALE BIOLOGICO Liberarsi degli indumenti ed oggetti contaminati Sciacquare la parte colpita con abbondante acqua corrente per almeno 15 minuti Conservare il campione biologico potenzialmente infettante per le successive indagini del pronto soccorso Recarsi al Pronto Soccorso (entro 1 ora) per i possibili interventi terapeutici, per sottoporsi agli accertamenti adeguati e per le procedure d infortunio Informare il Direttore del Dipartimento e il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 12.3 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SCHIZZO ENDOCULARE Procedere, nel più breve tempo possibile, al lavaggio oculare con soluzione fisiologica; nel frattempo, tenere la testa inclinata in avanti. Non strofinare le palpebre, evitare l ammiccamento delle stesse, tenendole aperte con due dita. Chiedere la collaborazione di qualcuno. Comprimere con l angolo di una garza sterile l orifizio del condotto lacrimale. Rimuovere eventuali lenti a contatto. Il lavaggio oculare deve essere effettuato facendo ruotare di lato la testa e facendo defluire il liquido di lavaggio (soluzione fisiologica) in modo che esso scorra dall interno verso l esterno dell occhio. Durante la manovra di lavaggio, tenere sollevate ambedue le palpebre per favorire una completa detersione delle mucose oculari. Conservare il campione biologico potenzialmente infettante per le successive indagini

24 Pag. 24/38 Recarsi al Pronto Soccorso per avviare la procedura d infortunio e svolgere gli accertamenti adeguati Informare il Direttore Tecnico e il Responsabile del proprio gruppo di ricerca. Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI FERITA DA TAGLIO O PUNTURA ACCIDENTALE Favorire il sanguinamento Lavare abbondantemente usando sapone liquido Disinfettare con disinfettante, contenuto nella cassetta del pronto soccorso situata: a metà corridoio Conservare il campione biologico potenzialmente infettante per le successive indagini del pronto soccorso Recarsi al pronto soccorso (entro 1 ora) per i possibili interventi terapeutici, per sottoporsi agli accertamenti adeguati e per le procedure d infortunio Informare il Direttore del Dipartimento e il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 12.5 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI ROTTURA DI PROVETTA IN CENTRIFUGA Lasciare la centrifuga chiusa e spenta per 20 minuti per permettere la deposizione degli aerosol

25 Pag. 25/38 Mettere un cartello per avvertire i colleghi Verificare che la centrifuga non sia sotto tensione e aprirla indossando maschera FFP3, visiera e guanti di gomma situati: armadietto o scaffale DPI Se la tipologia di centrifuga lo consente portare sotto cappa biologica il rotore (chiuso col coperchio), altrimenti portare sotto cappa i cestelli. Se si tratta di una mini centrifuga portarla sotto cappa. Eliminare i frammenti della provetta come rifiuto sanitario tagliente utilizzando una pinzetta e indossando guanti di gomma Assorbire il materiale organico travasato con carta assorbente da gettare poi tra i rifiuti speciali sanitari (contenitore giallo) Decontaminare con ipoclorito di sodio 5% le parti fisse della centrifuga, (mentre le parti mobili vanno autoclavate) e lasciare agire per minuti Assorbire la soluzione disinfettante con materiale cartaceo da gettare nei rifiuti speciali sanitari Pulire con soluzione acquosa detergente Risciacquare Decontaminare di nuovo con ipoclorito di sodio 5%

26 Pag. 26/ ELETTROCUZIONE I principali rischi connessi all'utilizzo dell'energia elettrica sono : elettrocuzione, arco elettrico, esplosioni e/o incendi. Lo shock può essere mortale; l'ustione può essere profonda anche se la superficie danneggiata sembra piccola. Staccare immediatamente la corrente agendo sull'interruttore dei singoli banchi o quadri Se non è possibile farlo, staccare la persona dall'impianto sotto tensione usando materiali isolanti quali attrezzi in legno. Non toccare direttamente l'infortunato. Chiedere l'intervento del 118. Informare il Direttore del Dipartimento e il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Da ricordare che l'elettricità può causare anche incendi.

27 Pag. 27/ USTIONI DA CALORE E DA AZOTO LIQUIDO Non staccare i vestiti che aderiscono alla pelle ustionata ma tagliare la stoffa attorno all'ustione Immergere la parte ustionata in acqua fredda per almeno 10 min. Non usare oli o creme od unguenti sulle ustioni gravi, ma coprirle con garze sterili ed inviare la persona al pronto soccorso Informare il Responsabile del gruppo di ricerca e il Direttore del Dipartimento Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 15. NORME OPERATIVE DI EMERGENZA IN CASO DI CONTAMINAZIONE CON MATERIALE RADIOATTIVO: Il settore (stanza n 1.61 CV1 ) è provvisto di: armadietto contente: 1) un ricambio completo di indumenti, zoccoli, soprascarpe, mascherine; 2) sacchetti di polietilene; 3) carta assorbente; 4) scopa+paletta; 5) soluzione decontaminante per superfici ed oggetti; 6) avviso area contaminata+nastro adesivo; lavandino con doccia di lavaggio con sapone neutro e spazzolino. Nel caso in cui si verifichi un incidente con versamento di materiale radioattivo che provochi la contaminazione del locale o delle superfici di lavoro, si dovrà procedere nel seguente modo: impedire ad altre persone di entrare nel locale; assorbire il liquido con materiale assorbente a perdere (es. carta da filtro); pulire le superfici interessate con soluzione decontaminante che si trova nell armadietto all ingresso della stanza di manipolazione radioattivi e sui banconi;

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 16 DEOS 20 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Università degli studi di Parma MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO A cura di Maria Concetta Arena Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Via S. Michele, 9 43100 PARMA Tel. 0521 034713

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza HDQ 2K40 Manuale per la sicurezza R5905304IT/02 02/03/2015 Barco nv Noordlaan 5, B-8520 Kuurne Phone: +32 56.36.82.11 Fax: +32 56.36.883.86 Supporto: www.barco.com/en/support Visitate il web: www.barco.com

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli