DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE PIANO DI EMERGENZA CA VIGNAL 1. Approvazione: Consiglio di Dipartimento del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE PIANO DI EMERGENZA CA VIGNAL 1. Approvazione: Consiglio di Dipartimento del"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE STABILIMENTI: A) CA VIGNAL 1 B) CA VIGNAL 2 C) VILLA LEBRECHT PIANO DI EMERGENZA CA VIGNAL 1 Redazione: Referenti sicurezza, Gianluca Righetti, Federica Mainente Verifica RLS: Aggiornamento: Preposto

2 Pag. 2/38 INDICE 1. PREMESSA 2. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA 3. SCOPO DELLA PROCEDURA 4. DEFINIZIONI 5. CAUSE DELL EMERGENZA 6. NORME DI COMPORTAMENTO PER TUTTO IL PERSONALE 7. TIPI DI EMERGENZA IN RELAZIONE ALLA GRAVITA 7.1 EMERGENZA SOTTO CONTROLLO (CON POSSIBILITA DI INTERVENTO) 7.2 EMERGENZA NON CONTROLLABILE (NECESSITA DI ABBANDONARE L EDIFICIO) 8. CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE DI LAVORO E DELL ATTIVITA SVOLTA 8.1 DATI IDENTIFICATIVI DELLA STRUTTURA/EDIFICIO 8.2 ATTREZZATURE ANTINCENDIO/EMERGENZA 8.3 PUNTI STRATEGICI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE 8.4 ATTIVITA E AREE A RISCHIO SPECIFICO 9. INCENDIO 10. TERREMOTO 11. SVERSAMENTO DI SOSTANZE CHIMICHE 11.1 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SVERSAMENTO DI SOSTANZE CHIMICHE ACIDE, CAUSTICHE O TOSSICHE 11.2 MATERIALE ASSORBENTE PER SOSTANZE CHIMICHE

3 Pag. 3/ MODO D USO DEI KIT ASSORBENTI (verificare) 11.4 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI INTOSSICAZIONI ACUTE / CONTATTO CON SOSTANZE CHIMICHE 11.5 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SCHIZZO ENDOCULARE 11.6 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI ROTTURA DI PROVETTA IN CENTRIFUGA 12. SVERSAMENTO DI MATERIALE BIOLOGICO 12.1 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SVERSAMENTO DI MATERIALE BIOLOGICO 12.2 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI CONTATTO CON MATERIALE BIOLOGICO 12.3 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SCHIZZO ENDOCULARE 12.4 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI FERITA DA TAGLIO O PUNTURA ACCIDENTALE 12.5 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI ROTTURA DI PROVETTA IN CENTRIFUGA 13. ELETTROCUZIONE 14. USTIONI DA CALORE E DA AZOTO LIQUIDO 16. FUGA DI GAS 17. EMERGENZA LOCALI AZOTO LIQUIDO E CONGELATORI ALLEGATI ALLEGATO A SQUADRA ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO ALLEGATO B MODULO DI EVACUAZIONE ALLEGATO C MODULO DI REGISTRAZIONE DELLO STATO DI EMERGENZA ALLEGATO D MODULO DI REGISTRAZIONE DELL ESERCITAZIONE ANTINCENDIO ALLEGATO E MODULO DI REGISTRAZIONE DI INFORTUNIO/INCIDENTE ALLEGATO F CONTENUTO CASSETTA PRONTO SOCCORSO ALLEGATO G NUMERI DI TELEFONO UTILI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE

4 Pag. 4/38 1. PREMESSA In attuazione a quanto previsto dall art. 43 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., in tutti i luoghi di lavoro dove ricorra l obbligo di cui all art. 5 del D.M. 10/03/98 deve essere predisposto e tenuto aggiornato un piano di emergenza che deve contenere nei dettagli: 1. le azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di incendio; 2. le procedure per l evacuazione del luogo di lavoro che devono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti; 3. le disposizioni per chiedere l intervento dei VVF e per fornire le necessarie informazioni al loro arrivo; 4. le specifiche misure per assistere le persone disabili eventualmente presenti. Per le ragioni sopra esposte ogni utente del Dipartimento di Biotecnologie è tenuto, durante l attività lavorativa quotidiana, oltre all adozione delle cautele relative alla sicurezza ed igiene del lavoro, a vigilare per cogliere ogni segnale di un eventuale insorgere di emergenza e a collaborare attivamente al fine di contenere i danni che potrebbero derivarne. 2. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA La presente procedura è redatta dal Referente per la Sicurezza, aggiornata dal Preposto, verificata dal Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, approvata dal Consiglio di Dipartimento, e distribuita dal Direttore di Dipartimento. Gli aggiornamenti sono apportati tenendo conto delle osservazioni e dei suggerimenti di tutti gli interessati, con cadenza annuale, ovvero a seguito di verifica in occasione delle esercitazioni con simulazione o dopo un emergenza. 3. SCOPO DELLA PROCEDURA Lo scopo del piano di emergenza è consentire la migliore gestione possibile degli scenari incidentali ipotizzabili, determinando una o più sequenze di azioni che sono ritenute le più idonee al fine di controllare le conseguenze di un incidente. La presente procedura sarà oggetto di formazione ed addestramento mediante esercitazioni e simulazioni

5 Pag. 5/38 4. DEFINIZIONI Emergenza Evento quale un incendio, un esplosione, una calamità naturale, dovuto a situazioni incontrollate che si verifichino all interno o all esterno della struttura e che diano luogo ad un pericolo grave, immediato o differito, per la salute umana e/o l ambiente o i beni materiali. Coordinatore dell Emergenza di giorno: il Coordinatore dell Emergenza è formalmente individuato nella figura del Direttore di Dipartimento o, in sua assenza o per delega scritta, da coloro che, secondo un ordine definito, possono rivestire quest incarico (personale delle squadre antincendio e primo soccorso). Egli valuta se è necessario allertare VVF, Polizia, Soccorso ecc. di notte e festivi: Servizi di Emergenza dell Ateneo (vedi allegato G). Unità di crisi Direttore dell unità di crisi: Direttore di Dipartimento Componenti Unità di crisi: Preposti, Referente per la sicurezza Sede Unità di Crisi : Ufficio Direttore di Dipartimento Squadra di Emergenza Lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza. I nominativi degli addetti sono riportati nell allegato A SQUADRE ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO alla presente procedura. Sede operativa per le emergenze Locale identificato come sede operativa delle emergenze, viene individuato in ogni edificio (vedi punto 8.3 PUNTI STRATEGICI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ). In questo locale si riuniscono gli addetti della squadra gestione emergenze. Comunicazione dell emergenza Diffusione della comunicazione della situazione di emergenza a tutte le persone presenti nell edificio, affinché ognuno, per il ruolo che gli compete, si allerti ed eventualmente attivi le procedure del caso. Luogo sicuro Spazio scoperto, debitamente segnalato da apposito cartello monitore, ovvero compartimento antincendio, separato da altri compartimenti mediante spazio scoperto o filtri a prova di fumo, avente caratteristiche idonee a ricevere e contenere un predeterminato numero di persone, ovvero a consentirne il movimento ordinato.

6 Pag. 6/38 Punto di raccolta Luogo prestabilito, esterno all edificio, debitamente segnalato da apposito cartello monitore, dove si devono indirizzare gli utenti della struttura evacuati a causa di una emergenza. Le persone devono rimanere a disposizione del Coordinatore dell Emergenza. Deve essere evidenziato nelle planimetrie di piano.

7 Pag. 7/38 5. CAUSE DELL EMERGENZA Le cause dell emergenza possono essere interne o esterne all area dell edificio. Tra le possibili cause interne si possono ipotizzare: - incendio; - scoppio; - fuga di gas pericolosi in quantità e qualità tali da determinare situazioni di pericolo (infiammabili, tossici, asfissianti, ecc); - fuoriuscita e/o spargimento di sostanze (liquide o solide) pericolose (tossiche, radioattive); - altre condizioni di pericolosità derivanti da fatti o situazioni accidentali non prevedibili; - blocco degli ascensori per qualsiasi eventualità, compresa l interruzione elettrica. Tra le cause esterne si possono ipotizzare: - fatti del tipo indicato per le cause interne, ma dovuti a cause esterne; - calamità naturali (terremoti, trombe d aria, allagamenti, ecc); - brillatura di ordigni esplosivi; - altri eventi non prevedibili. Gli stati di emergenza sono classificati in tre categorie a gravità crescente: 1. Emergenze minori (di tipo 1): controllabili dalla persona che individua l emergenza stessa o dalle persone presenti sul luogo (es. principio lieve di incendio, versamento di quantità non significative di liquidi contenenti sostanze pericolose, ecc.); 2. Emergenze di media gravità (di tipo 2): controllabili soltanto mediante intervento degli incaricati per l emergenza come nel seguito definiti e senza ricorso agli enti di soccorso esterni (es. principio di incendio di una certa entità, versamento di quantità significative di liquidi contenenti sostanze pericolose, black-out elettrico ecc.); 3. Emergenze di grave entità (di tipo 3): controllabili solamente mediante intervento degli enti di soccorso esterni (VVF, PS, ecc.) con l aiuto della squadra di pronto intervento (es. incendio di vaste proporzioni, eventi catastrofici, ecc.). Tutti gli stati di emergenza verificatisi devono essere registrati a cura del Coordinatore dell Emergenza come di seguito definito negli appositi moduli allegati (B e C) e dallo stesso conservati.

8 Pag. 8/38 6. NORME DI COMPORTAMENTO PER TUTTO IL PERSONALE - Rispettare il divieto di fumare e di usare fiamme libere dove prescritto. - Verificare che mozziconi di sigaretta e fiammiferi siano ben spenti. - Non sovraccaricare le prese di corrente con spine multiple. - Non utilizzare apparecchi elettrici non autorizzati. - Disinserire a fine impiego le utenze elettriche e le linee o valvole dei gas tecnici. - Non manomettere, disattivare, danneggiare e utilizzare per usi impropri impianti e dispositivi antincendio e di sicurezza installati. - Mantenere sgombre da ostacoli le vie di esodo e le uscite di emergenza. - Mantenere sgombro l'accesso ai presidi antincendio (idranti, estintori ecc.).

9 Pag. 9/38 7. TIPI DI EMERGENZA IN RELAZIONE ALLA GRAVITA 7.1 EMERGENZA SOTTO CONTROLLO (CON POSSIBILITA DI INTERVENTO) - Allertare i soccorsi interni dando poche ma chiare informazioni sull'ubicazione e sul tipo di emergenza in atto ed eventuali persone coinvolte. - Se ci si sente in grado, intervenire direttamente utilizzando, se necessario, i mezzi messi a disposizione. L emergenza sotto controllo non richiede il segnale di allarme, ma l attivazione delle azioni necessarie caso per caso. 7.2 EMERGENZA NON CONTROLLABILE (NECESSITA DI ABBANDONARE L EDIFICIO) L emergenza viene definita non controllabile quando è dovuta ad un fatto di grandi proporzioni e può coinvolgere più zone o tutta l area dell edificio nel suo complesso. L allarme per l emergenza non controllabile può essere seguito dall ordine di evacuazione. Il segnale per l evacuazione dall edificio viene dato dal Direttore di Dipartimento o da coloro che, secondo un ordine definito, possono rivestire quest incarico (p.es. Squadra d emergenza, Preposti). - Accertarsi che chiunque sia alla propria portata stia abbandonando i locali. - Aiutare eventuali disabili presenti o chiunque sembri in difficoltà. - Chiudere porte e finestre, se non c'è il rischio di esplosione o rilascio tossico. - Non tentare di recuperare oggetti personali o altro materiale. - Non usare gli ascensori. - Allontanarsi rapidamente seguendo i percorsi segnalati senza correre e spingere. - Dirigersi verso il punto di raccolta per un riscontro visivo delle presenze. - Il rientro nell edificio del personale dovrà avvenire solo previa autorizzazione del Coordinatore dell Emergenza.

10 Pag. 10/38 8. CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE DI LAVORO E DELL ATTIVITA SVOLTA 8.1 DATI IDENTIFICATIVI DELLA STRUTTURA/EDIFICIO Edificio n Cà Vignal 1 Ubicazione Strada Le Grazie, Verona N piani fuori terra 4 (compreso mezzanino) N piani seminterrati 1 Massimo affollamento ipotizzabile persone N di uscite di sicurezza verso l esterno 22 (piano terra) Edificio Ubicazione N piani fuori terra N piani seminterrati Massimo affollamento ipotizzabile N di uscite di sicurezza verso l esterno n Cà Vignal Serra Strada Le Grazie, Verona Edificio Ubicazione N piani fuori terra 1 N piani seminterrati 1 Massimo affollamento ipotizzabile 5 N di uscite di sicurezza verso l esterno 8.2 ATTREZZATURE ANTINCENDIO/EMERGENZA Edificio n Cà Vignal 1 Descrizione presidio N ubicazione Idranti soprasuolo (attacco 2 n Cà Vignal Camere di Crescita Strada Le Grazie, Verona 1

11 Pag. 11/38 autopompa) Attacco rete idrica 4 antincendio Idranti a muro UNI Piani Terra, Mezzanino, Primo e Secondo Estintori a polvere / CO 2 39 Piani Terra, Primo e Secondo Impianto di rilevazione 1 Centralina presso la portineria di riferimento incendi Impianto di 1 Centralina presso la portineria di riferimento allarme/comunicazione Presidio di emergenza 2 Armadi rossi (antincendio, sversamenti chimici) Presidio di primo soccorso 4 Cassetta PS Edificio n Cà Vignal Serra Descrizione presidio N ubicazione Idranti soprasuolo (attacco autopompa) 1 Angolo nord ovest-sud piramide-scivolo cà vignal 2-scivolo cà vignal 1 Attacco rete idrica Vasca accumulo+ gruppo spinta sotto antincendio edificio camere di crescita Idranti a muro UNI 45 no Estintori a polvere / CO 2 2 Impianto di rilevazione no incendi Impianto di no allarme/comunicazione Presidio di emergenza 2 Cà Vignal 1: Armadi rossi (antincendio, sversamenti chimici) Presidio di primo soccorso 1 Cassetta PS Edificio n Cà Vignal Camere di Crescita Descrizione presidio N ubicazione Idranti soprasuolo (attacco Angolo serra nord ovest autopompa) Attacco rete idrica Vasca accumulo+ gruppo spinta sotto antincendio edificio camere di crescita

12 Pag. 12/38 Idranti a muro UNI 45 no Estintori a polvere / CO 2 4 Impianto di rilevazione si incendi Impianto di allarme/comunicazione Presidio di emergenza 2 Cà Vignal 1: Armadi rossi (antincendio, sversamenti chimici) Presidio di primo soccorso 1 Cà Vignal 1 Serra: Cassetta PS 8.3 PUNTI STRATEGICI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CA VIGNAL N ubicazione Punto di raccolta esterno 3 n. 2 Parcheggio lato nord-ovest di fronte ad ingressi principali Cà Vignal 1 e 2 n.1 Parcheggio lato sud-est Cà Vignal 1 N di accessi per i mezzi di soccorso 1 Ingresso Ca Vignal, strada Le Grazie Locale coordinamento emergenza 1 Portineria Ca Vignal ATTIVITA E AREE A RISCHIO SPECIFICO Locale Piano Sorgente di rischio Vedi allegato Cappe biologiche Biohazard e/o Flusso Laminare per utilizzo agenti Biologici Vedi allegato Cappe chimiche per utilizzo agenti Chimici S.13,1.55, , 2.30 Interrato, 1 e 2 Armadi aspirati per sostanze tossiche Armadi aspirati per acidi/basi S.13,1.55,1.70 Interrato, 2.20, e 2 Armadi aspirati per sostanze infiammabili

13 Pag. 13/38 9. INCENDIO Fase di allarme DESCRIZIONE COMPITI PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO L allarme sonoro (SIRENA) e visivo (display rosso=allarme INCENDIO) è dato da un sistema automatico di rilevazione* Verificare se c è effettivamente un incendio e dove Tutto il personale in grado di farlo Se ci si accorge di un incendio in atto e non è scattato l allarme automatico, attivare manualmente il pulsante di allarme Per Emergenza non sotto controllo, chiamare: Vigili del fuoco -Vezzari: *7312 da telefono interno o se da altro telefono; -CAMPI antincendi: *7262 oppure in caso di non raggiungibilità dei numeri sopra citati: *7275 da telefono interno o (Gelmini) se da altro telefono; Dare le seguenti informazioni: Nome e Cognome Reparto/laboratorio Descrizione della situazione/ stadio dell evento Persone coinvolte Tutto il personale in grado di farlo Tutto il personale in grado di farlo *Il sistema d allarme avvisa direttamente il centro gestioni emergenze È compito del personale dell ufficio tecnico o di persona autorizzata togliere l alimentazione elettrica e chiudere le valvole delle condotte del gas metano. Sono presenti (vicino agli ingressi di CV1 e CV2) armadi rossi con protezioni ed accessori antincendio.

14 Pag. 14/38 Prima dell arrivo dei vigili DESCRIZIONE COMPITI Utilizzare i mezzi mobili di estinzione se le condizioni lo permettono, ossia se: l incendio è di modeste proporzioni c è l assistenza di altre persone vi è una via di fuga disponibile Ordinare l evacuazione dei laboratori Chiudere le intercette dei gas tecnici Compilare il modulo di evacuazione (una volta evacuato l edificio) (allegato B) PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Personale della squadra antincendio del Dipartimento Squadra gestione emergenze in collaborazione responsabile laboratorio Squadra gestione emergenze Coordinatore dell emergenza (o delegato) All arrivo dei vigili DESCRIZIONE COMPITI PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Fornire chiavi acceso alla struttura e indicazioni su: persone planimetrie se chiuse intercette elettriche/gas Squadra gestione emergenze in collaborazione Servizio Tecnico e Servizio gestione emergenze

15 Pag. 15/38 Fine dell emergenza DESCRIZIONE COMPITI PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Dichiarare la cessata emergenza e autorizzare a rientrare nei laboratori Compilare il modulo di registrazione dell emergenza (Allegato C) Vigili del fuoco Preposto

16 Pag. 16/ TERREMOTO Fase di allarme DESCRIZIONE COMPITI Appena avvertita la scossa sismica, sospendere le attività lavorative, avvicinarsi ai muri portanti allontanandosi da lampade a soffitto, armadi, finestre, apparecchiature elettriche, vetri, scaffali. Uno dei punti sotto cui rifugiarsi può essere un tavolo qualora presente e ritenuto abbastanza solido. Non usare ascensori Al termine del fenomeno portarsi nel punto di raccolta esterno, seguendo i percorsi delle vie di emergenza Terminato il fenomeno, ispezionare le zone per verificare gli eventuali danni Compilare il modulo di evacuazione (allegato B) In caso di pericoli o danni comunicare con referente tecnico Vezzari: *7312 da telefono interno o se da altro telefono; anche per conoscere le indicazioni della Prefettura PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Tutto il personale Tutto il personale Tutto il personale Squadra di Emergenza Aziendale e personale dell Ufficio Tecnico Coordinatore dell emergenza (o delegato) Coordinatore dell emergenza (o delegato)

17 Pag. 17/38 Fine dell emergenza DESCRIZIONE COMPITI PERSONALE ADDETTO SOSTITUTO Accertata la condizione di sicurezza e sentite le indicazioni dal servizio gestione emergenze disporre il cessato allarme e la ripresa dell attività Compilare il modulo di registrazione dell emergenza (Allegato C) Preposto Coordinatore dell emergenza (o delegato)

18 Pag. 18/ SVERSAMENTO DI SOSTANZE CHIMICHE 11.1 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SVERSAMENTO DI SOSTANZE CHIMICHE ACIDE, CAUSTICHE O TOSSICHE Segnalare l accaduto ai colleghi Indossare i DPI: maschera pieno facciale (dopo aver montato il filtro ABEK2P3), guanti in gomma e, se necessario, stivali di gomma. I DPI sono situati: armadietto rosso (sversamenti chimici) collocato in corridoio (CV1 II piano ingresso parte sinistra) Aerare l'ambiente Coprire la zona interessata con materiale assorbente. Il materiale assorbente si trova nell'armadietto rosso (sversamenti chimici) collocato in corridoio (CV1 II piano ingresso parte sinistra) Raccogliere il materiale assorbente/sabbia con la scopa e paletta (situate: armadietto rosso (sversamenti chimici)). Smaltire il rifiuto in un contenitore o sacco in plastica da inserire in un bidone cravattato nuovo (situato: raccolta differenziata laboratori). Apporre sul bidone un etichetta con l indicazione della tipologia di rifiuto. Smaltire come rifiuto chimico In caso di intossicazione o contatto con la sostanza chimica seguire la procedura nel capitolo 11.4, in caso di schizzo endoculare seguire la procedura nel capitolo 11.5 Informare il Direttore del Dipartimento e, se necessario, il Responsabile del gruppo di ricerca In caso di necessità il Direttore del Dipartimento ordinerà l evacuazione della zona interessata o dell intero laboratorio e avviserà il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (Segreteria ; cell. Chiara Costanzo ). In assenza del Direttore questi compiti saranno svolti da: Direttore Vicario (Marco G. Bettinelli) Se necessario, fare intervenire la ditta di pulizie per allontanare completamente i residui di materiale assorbente tramite lavaggio con acqua fornendo tutte le indicazioni sulle misure di protezione da adottare. In caso di necessità chiamare il Centro di Tossicologia Clinica dell Ospedale Civile Maggiore o il Centro antiveleni, ospedale Niguarda Ca' Granda, attivo 24h:

19 Pag. 19/38 Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 11.2 MATERIALE ASSORBENTE PER SOSTANZE CHIMICHE Conservato nell'armadio rosso situato in corridoio: (CV1 II piano, ingresso parte sinistra) 11.3 MODO D USO DEI KIT ASSORBENTI Versare la polvere partendo dalla periferia dello spandimento fino all'interno Raccogliere il materiale seguendo le indicazioni precedentemente fornite 11.4 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI INTOSSICAZIONI ACUTE / CONTATTO CON SOSTANZE CHIMICHE Togliere gli indumenti eventualmente contaminati dalla sostanza (mai a mani nude!) Lavare con acqua corrente per almeno 15 minuti la parte venuta a contatto con la sostanza Leggere quanto riportato sulle schede di sicurezza della sostanza Recarsi al pronto soccorso con la scheda di sicurezza o la confezione della sostanza Informare il Direttore del Dipartimento e il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

20 Pag. 20/ PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SCHIZZO ENDOCULARE Procedere, nel più breve tempo possibile, al lavaggio oculare con soluzione fisiologica; nel frattempo, tenere la testa inclinata in avanti. Non strofinare le palpebre, evitare l ammiccamento delle stesse, tenendole aperte con due dita. Chiedere la collaborazione di qualcuno. Comprimere con l angolo di una garza sterile l orifizio del condotto lacrimale. Rimuovere eventuali lenti a contatto. Il lavaggio oculare deve essere effettuato facendo ruotare di lato la testa e facendo defluire il liquido di lavaggio (soluzione fisiologica) in modo che esso scorra dall interno verso l esterno dell occhio. Durante la manovra di lavaggio, tenere sollevate ambedue le palpebre per favorire una completa detersione delle mucose oculari. Recarsi al Pronto Soccorso con la scheda di sicurezza o la confezione della sostanza. Informare il Direttore Tecnico e il Responsabile del proprio gruppo di ricerca. Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

21 Pag. 21/ PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI ROTTURA DI PROVETTA IN CENTRIFUGA Aerare l'ambiente Lasciare la centrifuga chiusa e spenta per 20 minuti per permettere la deposizione degli aerosol Mettere un cartello per avvertire i colleghi Verificare che la centrifuga non sia sotto tensione e aprirla indossando maschera pieno facciale (dopo aver montato il filtro ABEK2P3) e guanti in gomma situati: armadietti rossi (sversamenti chimici) Se la tipologia di centrifuga lo consente, portare sotto cappa chimica il rotore (chiuso col coperchio), altrimenti portare sotto cappa i cestelli. Se si tratta di una mini centrifuga portarla sotto cappa Eliminare i frammenti della provetta come rifiuto sanitario tagliente utilizzando una pinzetta e indossando guanti di gomma. Lasciare il contenitore dei rifiuti taglienti sotto cappa e lasciare evaporare Versare la sostanza travasata nell idoneo contenitore per lo smaltimento chimico Assorbire i residui con carta assorbente e gettare nel contenitore per rifiuti posto sotto cappa Consultare la scheda di sicurezza della sostanza per la corretta bonifica delle parti della centrifuga contaminate

22 Pag. 22/ SVERSAMENTO DI MATERIALE BIOLOGICO 12.1 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SVERSAMENTO DI MATERIALE BIOLOGICO Indossare maschera FFP3, visiera e guanti di gomma situati: armadietto o scaffale DPI proprio laboratorio Coprire con carta assorbente un'area più vasta di quella visibilmente contaminata Versare ipoclorito di sodio al 5% (taniche situate: stanze Interrato S.13, 1 piano 1.55 e 1.72; 2 piano 2.19 e 2.30 etichetta rossa) Lasciare agire per 15 minuti Asportare con pinze e guanti il materiale cosi trattato e gettare come rifiuti speciali sanitari (contenitore giallo) Lavare con detergente Risciacquare Decontaminare di nuovo con ipoclorito di sodio al 5%. In caso di contatto con materiale biologico seguire la procedura nel capitolo 12.2, in caso di schizzo endoculare seguire la procedura nel capitolo 12.3, in caso di ferita da taglio seguire la procedura nel capitolo 12.4 Informare il Direttore del Dipartimento e se necessario il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

23 Pag. 23/ PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI CONTATTO CON MATERIALE BIOLOGICO Liberarsi degli indumenti ed oggetti contaminati Sciacquare la parte colpita con abbondante acqua corrente per almeno 15 minuti Conservare il campione biologico potenzialmente infettante per le successive indagini del pronto soccorso Recarsi al Pronto Soccorso (entro 1 ora) per i possibili interventi terapeutici, per sottoporsi agli accertamenti adeguati e per le procedure d infortunio Informare il Direttore del Dipartimento e il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 12.3 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI SCHIZZO ENDOCULARE Procedere, nel più breve tempo possibile, al lavaggio oculare con soluzione fisiologica; nel frattempo, tenere la testa inclinata in avanti. Non strofinare le palpebre, evitare l ammiccamento delle stesse, tenendole aperte con due dita. Chiedere la collaborazione di qualcuno. Comprimere con l angolo di una garza sterile l orifizio del condotto lacrimale. Rimuovere eventuali lenti a contatto. Il lavaggio oculare deve essere effettuato facendo ruotare di lato la testa e facendo defluire il liquido di lavaggio (soluzione fisiologica) in modo che esso scorra dall interno verso l esterno dell occhio. Durante la manovra di lavaggio, tenere sollevate ambedue le palpebre per favorire una completa detersione delle mucose oculari. Conservare il campione biologico potenzialmente infettante per le successive indagini

24 Pag. 24/38 Recarsi al Pronto Soccorso per avviare la procedura d infortunio e svolgere gli accertamenti adeguati Informare il Direttore Tecnico e il Responsabile del proprio gruppo di ricerca. Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI FERITA DA TAGLIO O PUNTURA ACCIDENTALE Favorire il sanguinamento Lavare abbondantemente usando sapone liquido Disinfettare con disinfettante, contenuto nella cassetta del pronto soccorso situata: a metà corridoio Conservare il campione biologico potenzialmente infettante per le successive indagini del pronto soccorso Recarsi al pronto soccorso (entro 1 ora) per i possibili interventi terapeutici, per sottoporsi agli accertamenti adeguati e per le procedure d infortunio Informare il Direttore del Dipartimento e il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 12.5 PROCEDURA OPERATIVA IN CASO DI ROTTURA DI PROVETTA IN CENTRIFUGA Lasciare la centrifuga chiusa e spenta per 20 minuti per permettere la deposizione degli aerosol

25 Pag. 25/38 Mettere un cartello per avvertire i colleghi Verificare che la centrifuga non sia sotto tensione e aprirla indossando maschera FFP3, visiera e guanti di gomma situati: armadietto o scaffale DPI Se la tipologia di centrifuga lo consente portare sotto cappa biologica il rotore (chiuso col coperchio), altrimenti portare sotto cappa i cestelli. Se si tratta di una mini centrifuga portarla sotto cappa. Eliminare i frammenti della provetta come rifiuto sanitario tagliente utilizzando una pinzetta e indossando guanti di gomma Assorbire il materiale organico travasato con carta assorbente da gettare poi tra i rifiuti speciali sanitari (contenitore giallo) Decontaminare con ipoclorito di sodio 5% le parti fisse della centrifuga, (mentre le parti mobili vanno autoclavate) e lasciare agire per minuti Assorbire la soluzione disinfettante con materiale cartaceo da gettare nei rifiuti speciali sanitari Pulire con soluzione acquosa detergente Risciacquare Decontaminare di nuovo con ipoclorito di sodio 5%

26 Pag. 26/ ELETTROCUZIONE I principali rischi connessi all'utilizzo dell'energia elettrica sono : elettrocuzione, arco elettrico, esplosioni e/o incendi. Lo shock può essere mortale; l'ustione può essere profonda anche se la superficie danneggiata sembra piccola. Staccare immediatamente la corrente agendo sull'interruttore dei singoli banchi o quadri Se non è possibile farlo, staccare la persona dall'impianto sotto tensione usando materiali isolanti quali attrezzi in legno. Non toccare direttamente l'infortunato. Chiedere l'intervento del 118. Informare il Direttore del Dipartimento e il Responsabile del gruppo di ricerca Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Da ricordare che l'elettricità può causare anche incendi.

27 Pag. 27/ USTIONI DA CALORE E DA AZOTO LIQUIDO Non staccare i vestiti che aderiscono alla pelle ustionata ma tagliare la stoffa attorno all'ustione Immergere la parte ustionata in acqua fredda per almeno 10 min. Non usare oli o creme od unguenti sulle ustioni gravi, ma coprirle con garze sterili ed inviare la persona al pronto soccorso Informare il Responsabile del gruppo di ricerca e il Direttore del Dipartimento Compilare il modulo di registrazione di infortunio / incidente (allegato E) e inviarlo al Direttore del Dipartimento, al Responsabile del gruppo di ricerca, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 15. NORME OPERATIVE DI EMERGENZA IN CASO DI CONTAMINAZIONE CON MATERIALE RADIOATTIVO: Il settore (stanza n 1.61 CV1 ) è provvisto di: armadietto contente: 1) un ricambio completo di indumenti, zoccoli, soprascarpe, mascherine; 2) sacchetti di polietilene; 3) carta assorbente; 4) scopa+paletta; 5) soluzione decontaminante per superfici ed oggetti; 6) avviso area contaminata+nastro adesivo; lavandino con doccia di lavaggio con sapone neutro e spazzolino. Nel caso in cui si verifichi un incidente con versamento di materiale radioattivo che provochi la contaminazione del locale o delle superfici di lavoro, si dovrà procedere nel seguente modo: impedire ad altre persone di entrare nel locale; assorbire il liquido con materiale assorbente a perdere (es. carta da filtro); pulire le superfici interessate con soluzione decontaminante che si trova nell armadietto all ingresso della stanza di manipolazione radioattivi e sui banconi;

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE PIANO DI EMERGENZA VILLA LEBRECHT

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE PIANO DI EMERGENZA VILLA LEBRECHT DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE STABILIMENTI: A) CA VIGNAL 1 B) CA VIGNAL 2 C) VILLA LEBRECHT PIANO DI EMERGENZA VILLA LEBRECHT, Gianluca Veneri Verifica RLS: Aggiornamento: Preposto Pag. 2/35 INDICE 1.

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENZE DELLA VITA E DELLA RIPRODUZIONE Sezione di BIOLOGIA E GENETICA ISTITUTI BIOLOGICI BLOCCO 2 PIANO SECONDO PIANO DI EMERGENZA

DIPARTIMENTO SCIENZE DELLA VITA E DELLA RIPRODUZIONE Sezione di BIOLOGIA E GENETICA ISTITUTI BIOLOGICI BLOCCO 2 PIANO SECONDO PIANO DI EMERGENZA DIPARTIMENTO SCIENZE DELLA VITA E DELLA RIPRODUZIONE Sezione di BIOLOGIA E GENETICA ISTITUTI BIOLOGICI BLOCCO 2 PIANO SECONDO PIANO DI EMERGENZA controllata dal SPP Copia N. di distribuita il Firma Dirigente*:

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

Descrizione dell attività universitaria svolta nei locali

Descrizione dell attività universitaria svolta nei locali Pag 1 Misure specifiche di prevenzione, protezione ed emergenze contro i rischi da interferenza, da adottare nei laboratori dove si effettuano sperimentazioni con primati non umani Descrizione dell attività

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCENDIO SI STA VERIFICANDO UN FOCOLAIO D INCENDIO SI STA

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE PIANO DI EMERGENZA SCUOLE ai sensi del D.Lgs. 81/08-242/96 e D.M. 10/3/98 Nome scuola/istitut o indirizzo Istituto Comprensivo di CastelGoffredo Anno scolastico 2014/2015 Gestione delle emergenze Il D.Lgs

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara giugno 2014 Corpo E Polo Scientifico-Tecnologico di Via Saragat, 1 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE INDICAZIONI GENERALI relative all edificio L edificio si sviluppa su 4 piani di cui uno interrato; il

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 Timbro scuola PLESSO: SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE - IMPIANTI ANTINCENDIO CASSETTE DI

Dettagli

Scienze laboratorio: I RISCHI

Scienze laboratorio: I RISCHI Queste note pratiche presentano i rischi che si incontrano durante le esercitazioni di laboratorio e i comportamenti corretti da tenere. Seguire queste indicazioni servirà non solo a ridurre il rischio

Dettagli

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione Introduzione Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle corrette modalità di gestione delle sostanze pericolose ed è indirizzato ai lavoratori dei diversi comparti produttivi. Esso

Dettagli

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PROCEDURA DI SICUREZZA INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

U NIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI S IENA CUPreL

U NIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI S IENA CUPreL U NIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI S IENA CUPreL Centro Universitario per lo Studio e lo Sviluppo dei Sistemi di Prevenzione e Protezione dei Lavoratori Presidente: Prof. Giuseppe Battista PROTOCOLLO DI SICUREZZA

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Misure di emergenza. Paola Tomao STRUMENTI ..STRUMENTI

Misure di emergenza. Paola Tomao STRUMENTI ..STRUMENTI D.Lgs 81/08 Titolo I Misure di emergenza Paola Tomao Sezione I MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Art. 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente t) adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE LOGO DELLA SOCIETA PARTE III ESEMPIO DI PROCEDURA PER PIANO DI ED EVACUAZIONE Ediz.: Rev. : del: Pagina: 1 di 13 N OME SOCIETÀ PIANO DI ED EVACUAZIONE Dispensa a cura del relatore PIANO DI ED EVACUAZIONE

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA

PROCEDURA DI EMERGENZA PROCEDURA DI EMERGENZA Premessa Il piano di emergenza ha lo scopo di consentire la gestione degli scenari incidentali ipotizzati pianificando una o più sequenze di azioni atte a ridurre le conseguenze

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA 120 C.D. M. GANDHI via Corinaldo n. 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 a.s. 2010/2011 -Figure sensibili del primo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.Comprensivo " Villa Verrocchio " Montesilvano PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 DATA: IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.Leo Di Fabio DSGA Giuseppe Barrara IL MEDICO COMPETENTE dott. IL

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 UNIVERSITA DI MESSINA REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO Struttura: DATA del Responsabile della struttura PAGINE Totali.

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Pagina: 1 di 12 PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA Compiti del Coordinatore dell emergenza (procedura PROC_1) Compiti dell addetto alla comunicazione (procedura PROC_2) Compiti

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2)

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08 1 Corso di FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Contenuti Formazione Specifica 2 2 Segnaletica Emergenze Procedure esodo ed incendi Procedure organizzative

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI PARTE PRIMA Premessa In accordo con gli obblighi normativi ed in sintonia con una nuova sensibilità nei confronti del problema del lavoro in condizioni di sicurezza, si è proceduto alla stesura di un piano

Dettagli

UTILIZZAZIONE DELLO STABULARIO CENTRALIZZATO

UTILIZZAZIONE DELLO STABULARIO CENTRALIZZATO UTILIZZAZIONE DELLO STABULARIO CENTRALIZZATO Premessa L accesso allo Stabulario Centralizzato per lo svolgimento di un attività lavorativa che comporta la sperimentazione in vivo è vincolato al rispetto

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003)

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) Corso di Formazione conforme ai criteri prescritti dal D.M. 388/2003 1/21 INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO 1 PIANO DI PRIMO SOCCORSO a.s. 2015-16 aggiornamento marzo 2016 (Allegato al DVR revisionato giugno 2015) Indice generale 2 1. SOGGETTI RESPONSABILI DELLA DEFINIZIONE DEL PIANO pag. 3 2. CRITERI PER LA

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico

Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico Università degli Studi MagnaGræcia Facoltà di Farmacia Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico Francesco Ortuso Obiettivi Dare informazioni sul comportamento da tenere in laboratorio. Porre

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI -

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI - Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI 1 STRUTTURA SEDE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI Piazza dei Cavalieri,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA OSPEDALE VETERINARIO UNIVERSITARIO DIDATTICO

PIANO DI EMERGENZA OSPEDALE VETERINARIO UNIVERSITARIO DIDATTICO PAG. 1 DI 14 - Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie Via del taglio Parma PARMA, OTTOBRE 2013 PAG. 2 DI 14 PREMESSA 1. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA...3 2. SCOPO DELLA PROCEDURA...3 3. DEFINIZIONI...4

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Regolamento del Laboratorio di Chimica

Regolamento del Laboratorio di Chimica Regolamento del Laboratorio di Chimica Modificato con delibera del Consiglio di Istituto n. 39 del 18/12/2014. Indicazioni generali I locali del Laboratorio di Chimica consistono in un Deposito, uno Studio,

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE EMERGENZA EVENTO IMPROVVISO E PERICOLOSO CHE RICHIEDE INTERVENTI IMMEDIATI. EVENTI LEGATI A RISCHI PROPRI DELL

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI PORTO S. STEFANO PIANO DI PRONTO SOCCORSO ( D.M. 15 luglio 2003, n.388 ) 1 INDICE PAG. 1. GENERALITA 3 2. PRESIDI SANITARI 4 3. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 5 4. IL MEDICO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE.

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE. PIANO DI EMERGENZA PREMESSA Per emergenza si intende un evento improvviso, un fatto o una circostanza imprevista tali da mettere in situazione di pericolo reale o potenziale persone o cose rappresentano

Dettagli

Lavorare in sicurezza

Lavorare in sicurezza 11 settembre 2013 Lavorare in sicurezza Con il decreto legislativo 626 del 1994 riguardante il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, l informazione e la formazione

Dettagli

INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE OPUSCOLO N.C INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREPOSTO.. ADDETTO ANTINCENDIO.. ADDETTO PRONTO SOCCORSO.. INCARICATO.. LAVORATORE INCARICATO PER ASSISTERE

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Squadra di sicurezza In Istituto sono presenti n.18 persone addestrate e formate al Primo Soccorso L addetto di primo soccorso (PS) è una persona formata ed opportunamente addestrata

Dettagli