REGOLAMENTI AZIENDALI: I CASI PIÙ RICORRENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTI AZIENDALI: I CASI PIÙ RICORRENTI"

Transcript

1 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 09/06/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario aprire il singolo allegato e stamparlo. File PDF creato in data 09/06/2015 Per maggiori informazioni rivolgersi: Servizio Legale e Urbanistica Piazza Castello, Vicenza tel fax REGOLAMENTI AZIENDALI: I CASI PIÙ RICORRENTI Introduzione Capitolo n. 1. Le regole aziendali per l'utilizzo dei sistemi informatici e le forme di controllo dei lavoratori Capitolo n. 2. Le regole aziendali per la gestione delle informazioni riservate Capitolo n. 3. Regole per l'utilizzo della PEC (Posta Elettronica Certificata) Capitolo n. 4. Le regole aziendali per l'utilizzo dei sistemi di videosorveglianza Introduzione Regolamenti aziendali: i casi più ricorrenti Una modalità efficace per garantire la corretta e consapevole gestione della struttura aziendale è certamente quella di definire preventivamente le procedure e le regole aziendali che l impresa intende applicare e che debbono essere, di conseguenza, conosciute e rispettate dai collaboratori e, in genere, dagli interlocutori dell impresa stessa. La definizione di specifiche policy aziendali permette, innanzitutto, di uniformare i comportamenti garantendo il rispetto di obblighi normativi, prevenendo all interno dell azienda comportamenti illeciti che possono causare responsabilità a carico anche della stessa impresa; svolge, inoltre, la funzione di precostituire un quadro preciso di tutele per l azienda ed il suo patrimonio, anche immateriale di conoscenze ed informazioni. Il Coordinamento Legale Triveneto ha, pertanto, individuato e definito alcuni modelli di policy aziendali riferiti a diversi ambiti caratterizzati dall essere trasversali, in quanto presenti nella generalità delle imprese. Un primo modello riguarda la regolamentazione dei sistemi informatici e telematici aziendali di posta elettronica e navigazione internet. Il secondo modello riguarda la policy a protezione dei beni immateriali di conoscenze aziendali ( know-how, invenzioni, modelli). Il terzo modello, infine, si riferisce alle regole per la lecita e corretta gestione dei sistemi aziendali di videosorveglianza. I tre modelli, nell allineare i comportamenti aziendali al rispetto di specifici obblighi di legge (ad esempio in materia di trattamento dati personali e di tutela della proprietà industriale) e nel definire procedure dirette a proteggere il patrimonio aziendale, definiscono i comportamenti dei dipendenti e le modalità lecite di controllo sugli strumenti di lavoro. Ricordiamo però anche che la predisposizione ed adozione concreta di un regolamento aziendale che tratti le questioni affrontate nei modelli proposti nella guida dovrà necessariamente comportare il suo inserimento nel codice disciplinare dell azienda. Infatti, solo in questo modo i comportamenti vietati dal regolamento potranno essere sanzionati con l irrogazione di provvedimenti disciplinari. Infatti, le

2 imprese sono tenute a portare a conoscenza dei lavoratori le norme relative ai provvedimenti disciplinari mediante affissione delle stesse in un luogo accessibile a tutti; si tratta di una disposizione inderogabile, nel senso che la mancata pubblicità del codice nelle forme previste determina secondo giurisprudenza la nullità della sanzione irrogata. In riferimento a questo specifico aspetto la giurisprudenza ha osservato che: - l affissione del codice disciplinare costituisce l unico mezzo per portare a conoscenza dei dipendenti le infrazioni punibili ed il tipo di sanzioni irrogabili: qualsiasi altra forma comporta la nullità assoluta della sanzione irrogata, non sanabile nemmeno con la prova dell effettiva conoscenza del dipendente ottenuta in altro modo. La giurisprudenza per esempio, ha ritenuto insufficiente la consegna di una copia del codice a ciascun dipendente, dal momento che in questo modo non si ottiene la comunicazione richiesta espressamente dall art.7 Legge n. 300/1970; - l affissione deve essere fatta in un luogo accessibile a tutti i dipendenti (ad esempio bacheche aziendali o luogo in cui si timbra il cartellino). Qualora per le caratteristiche di complessità ed estensione della struttura aziendale non sia facilmente riscontrabile un unico luogo avente tale configurazione, può essere opportuno che avvenga in più di un punto (ad esempio anche nei locali ove sono situati gli apparecchi di controllo e timbratura presenze o in portineria), al fine di evitare qualsivoglia eventuale contestazione sulla certezza della conoscibilità dell'affissione medesima. La giurisprudenza ha per esempio precisato che non sono da considerarsi accessibili da tutti la guardiola del custode o la bacheca aziendale di una sola organizzazione sindacale; - l affissione deve riguardare l intero codice disciplinare: pertanto costituisce violazione dell art. 7 l affissione di un semplice avviso con cui si comunica la possibilità di visionare il codice custodito all interno di un ufficio. È stato invece ritenuto irrilevante il tipo di carattere tipografico utilizzato e il fatto che il codice sia stato affisso insieme ad altri documenti; - l affissione deve essere continuativa ed ininterrotta nel tempo o quanto meno in atto al momento in cui si verifica la condotta del dipendente che integra l infrazione disciplinare. È pertanto onere delle imprese quello di preoccuparsi di verificare che tale adempimento venga mantenuto nel tempo e di fornirne la relativa prova. Nel codice disciplinare devono quindi essere indicate le sanzioni irrogabili, le infrazioni per le quali queste possono essere irrogate e le procedure che devono essere osservate. La legge impone all azienda di applicare quanto stabilito in materia da accordi collettivi e dai CCNL: per predisporre il codice disciplinare quindi, all azienda è sufficiente fare riferimento alle norme previste dal proprio CCNL in materia di provvedimenti disciplinari, integrandole con gli articoli di legge che dispongono su tale argomento (vedi artt. 2104, 2105 e 2106 c.c.; art.7 Statuto dei Lavoratori). Questi specifici aspetti concernenti le modalità per accertare e sanzionare e le violazioni degli obblighi introdotti con le policy aziendali, sono stati vagliati unitamente al Coordinamento Sindacale Triveneto.

3 Capitolo n. 1 Le regole aziendali per l'utilizzo dei lavoratori sistemi informatici e le forme di controllo dei In piena era digital, le aziende utilizzano sempre più le tecnologie informatiche e telefoniche che, se da un lato permettono innovative tecniche di gestione dell impresa, dall altro pongono numerose problematiche circa l utilizzo degli strumenti messi a disposizione dall azienda ai propri dipendenti e collaboratori per lo svolgimento delle mansioni e dei compiti affidati (telefoni IP, pc anche portatili, tablet, smartphone ). Altro importante aspetto, più recente, che richiede una particolare attenzione, è collegato all uso per scopi aziendali di app digitali e dei social network. In questa parte della Guida si intendono fornire alle organizzazioni aziendali, grandi e piccole, e ai datori di lavoro in genere, le indicazioni opportune per una corretta e adeguata gestione dei sistemi e delle applicazioni, tenendo presente che la messa a disposizione e la condivisione di strumenti informatici e digitali comporta una attenta verifica da attuarsi continuamente o almeno periodicamente delle norme e delle prescrizioni in vigore, specie in materia di controllo a distanza dei lavoratori e di tutela della privacy, e delle logiche attuate nell impresa.. Una corretta e aggiornata policy aziendale permette, rispettando la disciplina di legge, sistemi di controllo sull utilizzo di tali strumenti da parte di dipendenti ecollaboratori, e di sanzionare quegli usi scorretti che, oltre ad esporre l azienda a rischi patrimoniali e penali, possono considerarsi contrari ai doveri di diligenza e fedeltà previsti dagli artt e 2105 del Codice civile. Gestione e controlli sugli apparati, quali strumenti di lavoro la cui utilizzazione personale è preclusa, devono sempre garantire tanto il diritto del datore di lavoro di tutelare la propria organizzazione, quanto i diritti del lavoratore inerenti la sfera personale sanciti dallo Statuto dei lavoratori e dal Codice della privacy, e quindi il diritto alla dignità e alla riservatezza. Sull applicazione delle norme dello Statuto dei lavoratori (Legge n. 300/1970) la giurisprudenza è intervenuta in diverse occasioni, ponendo sia pur non sempre in modo coerente una serie di limitazioni e indicazioni delle quali è assolutamente necessario tener conto per una corretta gestione dei controlli da parte del datore. In particolare la Corte di Cassazione negli ultimi anni ha espresso tre concetti fondamentali: 1) in linea con il divieto già posto per telecamere e impianti di registrazione dall art. 4, 2 comma della Legge 300, sono assolutamente vietati i programmi e i sistemi volti direttamente al controllo dell attività del lavoratore (in questo senso, ad esempio, sarebbe illegittimo dotarsi di hardware o software preordinati al controllo a distanza sistematico, in forza del quale sia possibile monitorare o ricostruire l attività dei lavoratori); 2) tutti i sistemi che consentono anche indirettamente il monitoraggio della posta elettronica e degli accessi ad internet (quindi di fatto qualsiasi sistema informatico aziendale) sono necessariamente apparecchiature di controllo nel momento in cui, in ragione delle loro caratteristiche, consentono al datore di lavoro di controllare a distanza e in via continuativa durante la prestazione, l attività lavorativa, nonché se la stessa venga svolta in termini di diligenza e corretto adempimento (le pronunce recenti della Cassazione hanno sciolto i dubbi insorti nella giurisprudenza di merito specie negli anni Dieci, di fatto adeguandosi all impostazione del Garante della privacy); 3) conseguentemente al punto 2), la Cassazione, in linea con le Linee Guida del Garante del 1 marzo 2007, ha chiarito che il solo fatto di disporre di un sistema informativo aziendale e l effettuazione di controlli, rende applicabile la speciale procedura dell art. 4, 2 comma dello Statuto dei lavoratori, e quindi rende necessario l accordo con la RSU aziendale, ove esistente, o in alternativa l autorizzazione preventiva della Direzione Territoriale del Lavoro). L azienda quindi, soprattutto nell ipotesi intenda eseguire un controllo sull utilizzo degli strumenti informatici e, in caso di violazione, i relativi provvedimenti disciplinari, dovrà sottoscrivere l accordo o richiedere l autorizzazione succitati. I regolamenti aziendali, quali quello proposto, e in genere le policy aziendali che dettino regole e procedure sull uso degli strumenti informatici e telematici, non vanno a sostituirsi alla procedura prevista dal 2 comma dell art. 4 dello Statuto dei lavoratori in materia di controlli leciti, nei casi in cui tale procedura sia necessaria in base alla normativa giuslavoristica. Si evidenzia, inoltre, che l accesso da parte del datore di lavoro ai messaggi di posta elettronica presenti nella casella di posta assegnata ai singoli dipendenti potrebbe, potenzialmente, determinare violazione dell art. 616 del codice penale, che punisce la violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza anche telematica altrui, sia chiusa che aperta. Tuttavia, proprio l adozione di un regolamento aziendale che evidenzi la natura non personale della casella di posta assegnata, ne definisca modalità d uso e informi il personale circa possibili controlli, rappresenta un utile strumento anche per evitare la configurabilità di tale reato. Alla luce di quanto espresso sopra e tenuto conto delle Linee guida emanate dall Autorità garante

4 per la protezione dei dati personali sulla disciplina della navigazione in internet e sulla gestione della posta elettronica nei luoghi di lavoro (deliberazione n. 13 del 1 marzo 2007), il Coordinamento legale delle associazioni industriali del Triveneto, congiuntamente al Coordinamento dei servizi sindacali e con la collaborazione di esperti di Information Technology nelle medesime associazioni, ha elaborato lo schema di regolamento utilizzabile dalle imprese per disciplinare il corretto utilizzo degli strumenti informatici/telefonici da parte dei dipendenti e dei collaboratori. Il regolamento,,essendo rilevante ai fini delle eventuali azioni disciplinari attivabili dal datore di lavoro nei confronti del dipendente, è stato redatto tenendo opportunamente conto da una parte delle disposizioni della Legge n. 300/1970 in tema di provvedimenti disciplinari (art. 7), dall altra delle indicazioni emerse dalla giurisprudenza di legittimità e di merito. La violazione delle regole contenute nel regolamento da parte del personale può essere posta a base di un procedimento disciplinare, da attuarsi nelle forme previste dall art. 7 e dai c.c.n.l. applicati. In linea generale, alla contestazione disciplinare dovrà seguire un termine (di norma di 5 giorni decorrenti dalla ricezione della contestazione) entro cui il lavoratore potrà chiedere di essere sentito a sua difesa (difese che potranno essere svolte anche per iscritto o con l assistenza di un organizzazione sindacale): all esito potrà essere adottato l eventuale provvedimento disciplinare, con l irrogazione della sanzione. Va ricordato che, ai fini della legittimità dei procedimenti disciplinari, è sempre necessario che il codice disciplinare aziendale sia preventivamente affisso in luogo accessibile a tutti (non basta l inserimento nella intranet aziendale). Vanno inoltre considerati gli specifici obblighi previsti dal Codice della privacy (D.lgs. n.196/2003 e successive modifiche ed integrazioni) e dall allegato XXXIV del D.lgs. n.81/2008, Testo Unico sulla sicurezza e prevenzione degli infortuni sul lavoro (quest ultimo in tema di obbligo di informativa ai dipendenti sui controlli operati mediante il sistema informatico aziendale), nonché gli obblighi previsti dal disciplinare tecnico sulle misure minime di sicurezza allegato allo stesso Codice, se e in quanto applicabile. Il Codice della privacy stabilisce che l attività di controllo deve essere rispettosa dei principi fondamentali di proporzionalità (art. 3), deve avvenire nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell interessato (art. 2) e, soprattutto, che di tale attività deve essere fornita adeguata e preventiva informativa agli interessati, vale a dire ai dipendenti e ai collaboratori aziendali (art. 13). Il regolamento qui proposto ha lo scopo di informare gli interessati sulle finalità del controllo e sulle specifiche tecnologie adottate per effettuarlo. Particolare attenzione dovrà comunque venir prestata all attività di controllo della navigazione internet qualora, mediante l individuazione dei contenuti dei siti visitati, si determini un trattamento di dati sensibili per i quali deve sempre essere rispettato il principio della indispensabilità (art. 26, 4 comma, lett. c) del Codice). Si evidenzia che, secondo l orientamento del Garante espresso nel provvedimento generale n.13 del 1 marzo 2007, la procedura di accordo o di autorizzazione prevista dall art. 4, 2 comma dello Statuto dei lavoratori, in applicazione del cosiddetto principio di bilanciamento degli interessi, rappresenta un idoneo presupposto per il trattamento lecito dei dati personali degli utenti del sistema, in alternativa al consenso individuale degli stessi utenti. Il regolamento, oltre agli aspetti sin qui trattati, si propone di essere un utile strumento per sensibilizzare il personale su altri aspetti altrettanto importanti nella gestione dei sistemi informatici aziendali, quali la tutela legale del software (a tal proposito si suggerisce il controllo periodico sulla regolarità del software presente nel sistema informatico aziendale) e la protezione del know-how aziendale, quando queste importanti informazioni di proprietà dell impresa sono custodite nel sistema informatico. Si aggiunga inoltre l importanza che la partecipazione ai social network riveste nell attuale società dell informazione, con le conseguenze che ne potrebbero derivare per l immagine dell azienda; anche in merito a quest ultimo aspetto si è quindi ritenuto opportuno dettare alcune semplici, ma precise, regole comportamentali, dirette peraltro a tutelare lo stesso singolo utente che ne faccia uso. Tra l altro, se correttamente applicato e fatto rispettare, il regolamento può risultare anche un efficace strumento per limitare il rischio di insorgenza della responsabilità amministrativa a carico della società, prevista dal D.lgs. 8 giugno 2001, n In particolare, si ricorda che la tutela penale del software, disposta attraverso le specifiche disposizioni contenute negli articoli 171 e seguenti della Legge sul diritto d autore (Legge 22 aprile 1941 n. 633), prevede che possa sussistere anche la responsabilità amministrativa delle società, ai sensi dell art. 25-nonies del D.lgs. n.231/2001, qualora venga commesso, anche semplicemente da un dipendente dell azienda, uno dei reati ivi elencati dai quali l azienda stessa ne abbia tratto un vantaggio, seppur in modo indiretto: alla luce di tale normativa, la società o l impresa può quindi essere soggetta all applicazione di sanzioni pecuniarie e interdittive di non poco conto. Regolamento informatico - vers. coordinamento doc

5 Capitolo n. 2 Le regole aziendali per la gestione delle informazioni riservate Tra le misure e le procedure che l azienda deve opportunamente adottare per realizzare un efficace protezione del proprio know-how, avvalendosi anche degli strumenti di tutela previsti dal Codice della proprietà industriale (D.lgs. 10 febbraio 2005 n. 30), rientra la predisposizione preventiva di una policy aziendale rivolta al personale. Le prescrizioni ai dipendenti diventano allora particolarmente importanti per alcune specifiche aree strategiche (ad es. area ricerca&sviluppo, area commerciale, aree tecniche, aree cad-cam, etc.), sempre che l azienda non decida di procedere ad una più rigorosa tutela delle informazioni segrete attraverso patti di segretezza con i singoli dipendenti (per i quali rimandiamo alla più specifica guida La Tutela contrattuale del Know How e della proprietà industriale). Il regolamento di seguito proposto vuole costituire un esempio di disciplinare interno aziendale diretto ai dipendenti che trattano, nell ambito delle loro mansioni, informazioni non di pubblico dominio e considerate dall azienda, in quanto di primaria importanza, coperte da riservatezza. Attraverso specifiche regole di comportamento, l azienda si tutela rispetto a comportamenti anche solo colposi, o meglio di scarsa diligenza rispetto agli interessi economici dell azienda, oltre che naturalmente rispetto a comportamenti volutamente infedeli commessi all interno dell azienda. Il regolamento, inoltre, tiene conto non solo del know-how che costituisce il patrimonio aziendale e della sua tutela anche rispetto ai terzi che vengano in contatto con l azienda, ma è diretto anche a proteggere il know-how aziendale di terzi, estendendo così le prescrizioni dettate per la tutela del proprio know-how alle informazioni tecniche e/o commerciali fornite dai clienti e costituenti, anch esse, know-how riservato e tutelato dalla legge, per evitare che l azienda sia esposta a pretese risarcitorie dei terzi lesi. Il testo è stato redatto tenendo anche conto delle disposizioni del Codice della proprietà industriale previste dagli articoli 98 e 99 a tutela delle informazioni aziendali e delle esperienze tecnico-industriali, ivi comprese quelle commerciali. Ricordiamo che, ai sensi delle citate disposizioni, tali informazioni sono protette se presentano le seguenti tre caratteristiche: a) sono informazioni obiettivamente segrete (quindi non generalmente note o facilmente accessibili da terzi), b) abbiano per l azienda valore economico (proprio in quanto segrete) e c) siano state sottoposte dall azienda stessa a misure da ritenersi ragionevolmente adeguate a mantenerle segrete (nel senso che l azienda abbia approntato una adeguata politica interna, quale la policy proposta, atta a mantenere riservate tutte quelle informazioni che costituiscono patrimonio aziendale e che non siano diversamente proteggibili, ad es. con brevetti o altri depositi). Ricordiamo che la recente modifica dell art.99 del Codice della proprietà industriale ha previsto il diritto del legittimo detentore delle informazioni aziendali (caratterizzate da vincolo di riservatezza ai sensi dell art.98 del Codice stesso), di vietare a terzi, salvo il proprio consenso, l acquisizione, l utilizzo e la comunicazione ad ulteriori terzi di tali informazioni se avvenuta in modo abusivo, e fatto quindi salvo il caso in cui le informazioni siano state conseguite in modo indipendente. La tutela del know-how aziendale non può quindi considerarsi una tutela assoluta (come peraltro era prevista nella formulazione dell art.99 precedente alla sua modifica avvenuta recentemente con il D.lgs. n.131/2010), bensì condizionata all ipotesi in cui l acquisizione delle informazioni stessa sia avvenuta in forma abusiva; può quindi considerarsi lecito il comportamento del presunto contraffattore che avesse acquisito in modo indipendente informazioni anche del tutto identiche a quelle che l azienda vorrebbe tutelare come segreto. Tale modifica rende, peraltro, ancor più pressante la necessità che l azienda si doti di strumenti adeguati a rendere maggiormente incisiva la protezione delle informazioni riservate, in modo da poter concretizzare il requisito dell acquisizione ed utilizzo abusivo da parte dei terzi, come richiesto dalla norma di legge. Come rammentato nel regolamento, la violazione delle regole ivi contenute da parte del personale può essere posta a base di un procedimento disciplinare, da attuarsi nelle forme previste dell art. 7, L 20 maggio 1970, n. 300 e dai rispettivi c.c.n.l. applicati. In linea generale, alla contestazione disciplinare dovrà seguire un termine (di norma di 5 giorni decorrenti dalla ricezione della contestazione) entro cui il lavoratore potrà chiedere di essere sentito a sua difesa (difese che potranno essere svolte anche per il tramite di un organizzazione sindacale o di memorie scritte): all esito potrà essere adottato l eventuale provvedimento disciplinare, con l irrogazione della sanzione. E sempre da ricordare che, ai fini del la legittimità dei procedimenti disciplinari, è necessario che sia preventivamente affisso il codice disciplinare in luogo accessibile a tutti. Regol. gestione informaz. riservate - maggio 2015.doc

6

7 Capitolo n. 3 Regole per l'utilizzo della PEC (Posta Elettronica Certificata) La diffusione di questo importante strumento di comunicazione elettronico dei messaggi, ed il conseguente valore giuridico che accompagna la ricezione ed invio di messaggi a mezzo di tale strumento (come, peraltro, ampiamente evidenziato nella parte introduttiva del Regolamento), suggerisce di dare chiara e completa regolamentazione al suo utilizzo. In questo senso, abbiamo ritenuto opportuna la predisposizione di un facsimile di Regolamento aziendale dedicato alla Posta Elettronica Certificata, la cui adozione viene dunque suggerita alle imprese, unitamente ad una lettera di autorizzazione del singolo addetto all utilizzo dello strumento che contenga anche specificazione delle mansioni che direttamente lo riguardano. Precisiamo che il Regolamento che qui viene presentato va ad aggiungersi a quello, decisamente più ampio e vario, previsto per dare disciplina interna all utilizzo del sistema informatico aziendale, degli strumenti elettronici, come strumenti di lavoro, e delle banche dati a cui gli addetti sono autorizzati ad accedere nello svolgimento delle loro attività lavorative. Come tale, il presente Regolamento fa specifico rinvio a quello informatico aziendale, costituendone, per certi versi, il doveroso completamento. Resta pacifico che l evolversi sia della tecnologia propria degli strumenti informatici aziendali, sia delle normative che dettano la disciplina del loro utilizzo, specie per quegli che sono gli ambiti di efficacia nell utilizzo stesso di questi innovativi strumenti, potranno inevitabilmente condurci a rivedere il Regolamento ed i documenti ad esso relativi; la versione pubblicata vuole così costituire quella, a nostro giudizio, più aggiornata in ragione proprio di tale predetta evoluzione. Infine, evidenziamo che il facsimile di Regolamento aziendale per l utilizzo della PEC vuole costituire uno strumento di aiuto per le imprese, fermo restando che solo il concreto intervento di un professionista potrà consentire la predisposizione di un Regolamento che tenga conto delle effettive esigenze aziendali. Regole utilizzo PEC- vers. coordinamento doc Mansionario PEC - bozza vers doc

8 Capitolo n. 4 Le regole aziendali per l'utilizzo dei sistemi di videosorveglianza Il provvedimento generale del Garante dell (sostituendo la precedente deliberazione generale del 2004) ha dettato le regole da rispettare per predisporre un sistema lecito di videosorveglianza, anche nell ambito aziendale. Il provvedimento ha carattere prescrittivo e la sua violazione comporta in ogni caso l applicazione di pesanti sanzioni pecuniarie amministrative, esponendo, altresì, l impresa a contestazioni più gravi. Il provvedimento delinea le finalità, le modalità e le regole di gestione dei sistemi di videosorveglianza ritenuti leciti; qualora l impresa voglia organizzare un sistema di videosorveglianza diverso da quello descritto dal provvedimento e caratterizzato da profili di criticità (ad esempio sistemi associati a dati biometrici per il riconoscimento delle persone, sistemi intelligenti, sistemi integrati con caratteristiche diverse da quelle standardizzate descritte nel provvedimento, periodo di conservazione delle immagini superiore a quello normalmente consentito) è sempre necessario richiedere preventivamente una valutazione al Garante, mediante l atto di interpello previsto dall art. 17 del codice privacy. Per i sistemi di videoregistrazione connessi in remoto, il provvedimento detta particolari misure organizzative e di sicurezza (punti 3.3., lett. f e 4.6). Infine, si rammenta che all interno dei luoghi di lavoro, poiché il sistema può determinare potenzialmente un attività indiretta di controllo a distanza dell attività dei lavoratori pur essendo il sistema, in sé, giustificato e legittimato da esigenze produttive od organizzative o da esigenze di tutela del lavoro, è necessario ottemperare alla prevista dall art. 4-2 comma della legge n.300/1970, per la quale si consiglia di contattare i funzionari dell area sindacale (in estrema sintesi, è necessario fare precedere l installazione dall accordo con la R.S.U. / R.S.A. In loro mancanza, o qualora l accordo non sia raggiunto, occorre ottenere la preventiva autorizzazione della Direzione Provinciale del Lavoro). Di seguito si riportano alcuni modelli utili per definire un sistema di videosorveglianza conforme alle norme ed al provvedimento del Garante, basato su: policy aziendale, istruzioni agli incaricati del sistema, informativa ai dipendenti, esempio di verbale di accordo sindacale. Cap.III Videosorveglianza policy e informativa - aggiornamento maggio 2014.doc

9 Confindustria Vicenza

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 21/07/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Area Professionale Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Lo Statuto dei lavoratori Art. 4 La norma vieta l utilizzo di impianti audiovisivi per finalità

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO DEL PERSONALE DFP-0027366-12/06/2008-1.2.3.3 Roma, 12 giugno 2008 Nota Circolare UPPA n. 41/08 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009*

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* PRIVACY E RAPPORTO DI LAVORO Il trattamento dei dati personali dei lavoratori per finalità di gestione del rapporto di lavoro costituisce una tematica molto complessa

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy Michele Iaselli In materia di rapporti fra privacy e videosorveglianza, al di là dei principi generali fissati dal codice in materia di protezione

Dettagli

Il presente regolamento entra in vigore in data: 01/03/2011

Il presente regolamento entra in vigore in data: 01/03/2011 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE Regina Margherita Licei: Soc. Psico Pedagogico - Linguistico Aziendale Motorio Sportivo Sc. Sociali e Musicali Piazzetta SS. Salvatore, 1-90134 Palermo - Cod. Fisc. 80019900820

Dettagli

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI Premessa L uso improprio o l abuso da parte dei dipendenti degli strumenti informatici assegnati dall azienda

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 Pag. 1 a 8 CODICE SANZIONATORIO Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 In vigore dal: 30/04/2014 Precedenti versioni: PRIMA EMISSIONE

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELL ATER DI LATINA ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA Testo approvato dal Commissario Straordinario

Dettagli

Privacy e lavoro. Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati

Privacy e lavoro. Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati Privacy e lavoro Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati A cura dell Unione Industriale Pisana 1 DISCIPLINA GENERALE INDICE 1. Cartellini

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Martino Longhi di VIGGIÙ Via Indipendenza 18, Loc. Baraggia 21059 VIGGIU (VA) Tel. 0332.486460 Fax 0332.488860 C.F.

Dettagli

Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 78 Oggetto: Vademecum privacy Il Garante per la protezione dei dati personali ha diffuso un breve vademecum sul trattamento

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 07/10/2014 Revisioni Note SOMMARIO Art.

Dettagli

La Riservatezza e la Sicurezza dei Dati Personali nei Luoghi di Lavoro

La Riservatezza e la Sicurezza dei Dati Personali nei Luoghi di Lavoro La Riservatezza e la Sicurezza dei Dati Personali nei Luoghi di Lavoro Università Giustino Fortunato Milano, 15 giugno 2013 Avv. Gaspare Roma Studio Legale De Berti Jacchia Franchini Forlani La Riservatezza

Dettagli

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R Direzione Provinciale di Catania ATTO DISPOSITIVO N. 66 / 2013 Assegnazione di personale: Maria Parisi IL DIRETTORE PROVINCIALE Con nota prot. n.1410 dell 08 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

PRIVACY 2015 LAVORATORI : I PUNTI PRINCIPALI DEL VADEMECUM DEL GARANTE

PRIVACY 2015 LAVORATORI : I PUNTI PRINCIPALI DEL VADEMECUM DEL GARANTE PRIVACY 2015 LAVORATORI : I PUNTI PRINCIPALI DEL VADEMECUM DEL GARANTE a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Il Codice della Privacy ( Decreto legislativo 30 giugno 2003 n.196) contiene i principi

Dettagli

REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE

REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE In vigore dal 27 febbraio 2014 Articolo 1) Scopo del Regolamento 1.1. Il presente Regolamento, approvato all'unanimità dai Consorziati Fondatori, ha lo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE CAPO PRIMO: PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento detta le norme per l installazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Mons. Gagliano Via Nazario Sauro, 4 90010 Altavilla Milicia Cod. Fiscale 8700145082

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Mons. Gagliano Via Nazario Sauro, 4 90010 Altavilla Milicia Cod. Fiscale 8700145082 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Mons. Gagliano Via Nazario Sauro, 4 90010 Altavilla Milicia Cod. Fiscale 8700145082 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera C.C. 55 del 10/11/2008) INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori.

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori. Guardie Giurate Art. 2 Statuto dei lavoratori. Il datore di lavoro può impiegare le guardie giurate, soltanto per scopi di tutela del patrimonio aziendale e non possono essere adibite alla vigilanza sull'attività

Dettagli

SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso. 10 novembre 2015 Social Media, Privacy e Lavoratori

SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso. 10 novembre 2015 Social Media, Privacy e Lavoratori SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso 10 novembre 2015 SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI Social Media Policy «Monitoraggio» dei comportamenti dei dipendenti Illeciti commessi e/o scoperti

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato SUPPLEMENTO N. 17 25 maggio 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Il controllo del datore sugli strumenti informatici utilizzati dai lavoratori Sabrina Piselli - Avvocato Quali regole devono rispettare i lavoratori per l utilizzo degli strumenti informatici? Quali limiti

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore "LUDOVICO GEYMONAT" http://www.itisgeymonat.va.it - email: info@itisgeymonat.va.it Via Gramsci 1-21049 TRADATE (VA) Cod.Fisc. 95010660124 - Tel.0331/842371

Dettagli

32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721

32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721 32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721 Disciplinare per l utilizzo della posta elettronica e di Internet. LA GIUNTA REGIONALE Visto l

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 20 marzo 2007 Revisioni Note

Dettagli

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI Premessa E possibile per l azienda controllare il corretto uso da parte dei propri dipendenti del personal

Dettagli

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona Privacy Il tema della privacy è stato oggetto di diverse interpretazioni e successivi chiarimenti da parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona alle realtà

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

COMUNE DI MACERATA FELTRIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MACERATA FELTRIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MACERATA FELTRIA Provincia di Pesaro e Urbino CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (art. 54, comma 5, D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165/2001 Approvato con deliberazione di G.C. n. 3/2014) ARTICOLO

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI via Dante n 2-08030 Escolca (CA) Tel.0782-808303 Fax 0782-808516 Partita I.V.A. 00814010914 Codice Fiscale 81000170910 Regolamento per l utilizzo degli impianti

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di responsabilità: RESPONSABILITÀ CIVILE regolata dall art. 2043

Dettagli

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie GIUSEPPE MANTESE 14 gennaio 2009 Milano Argomenti trattati nell intervento: Utilizzo degli strumenti

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

Regolamento PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

Regolamento PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Regolamento PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con delibera del C.C. n. 39 del 17.05.07, esecutiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TRISSINO (Approvato con deliberazione di C.C. N 42 del 20.12.2011) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE

COMUNE DI ROMANO CANAVESE COMUNE DI ROMANO CANAVESE Provincia di Torino Piazza Ruggia n.1 C.A.P. 10090 Tel. 0125-713045- 637717 Fax 0125 714107 Codice fiscale: 84003030016 Partita Iva 02387680016 SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (ART. 54, COMMA 5, DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165/2001)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (ART. 54, COMMA 5, DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165/2001) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (ART. 54, COMMA 5, DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165/2001) mod. RegolamentoEnte.dot Versione 3.10 del 25.10.2011 PAG.1 DI 12 INDICE SISTEMATICO ART.1 - DISPOSIZIONI

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 1 Documento: Procedura Sanzionatoria File: Procedura Sanzionatoria.doc Approvazione: Consiglio di Amministrazione Revisione:

Dettagli

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING)

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) INDICE 1. Premessa 2. Scopo e ambito di applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti normativi 5. Governo della policy 6. Segnalazioni relative a presunte violazioni

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (art. 54, comma 5, decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165) ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE E AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE - Delibera C.C. n 10 del 30.03.2012: Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

Guida alle Sanzioni disciplinari

Guida alle Sanzioni disciplinari Guida alle Sanzioni disciplinari La materia dei provvedimenti disciplinari è regolata dalla legge (artt. 2104, 2105 e 2106 c.c. ed art. 7 Statuto dei lavoratori) e dai singoli CCNL. Pur non essendoci da

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO. di Luca Giacopuzzi*

IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO. di Luca Giacopuzzi* IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO di Luca Giacopuzzi* I sistemi di rilevazione biometrica 1 hanno ad oggetto dati ricavati dalle caratteristiche fisiche o comportamentali di

Dettagli

Castel MAC SpA CODICE ETICO

Castel MAC SpA CODICE ETICO CODICE ETICO Castel Mac S.p.A. adotta il presente Codice Etico, che si ispira ai principi del D.Lgs 231 Disciplina della Responsabilità Amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I R O M AN O D E Z Z E L I N O D E C O R A T O A L V A L O R M I L I T A R E Via G. Giardino, 1-36060 Romano d Ezzelino (VI) Part. IVA e Cod. Fisc. 00258950245 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I AL B AR E D O P E R S AN M AR C O (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 31.1.2011

Dettagli

CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A.

CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A. CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 25 luglio 2012 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. DEFINIZIONI... 3 2. I SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI NORME GENERALI...

Dettagli

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Privacy

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Privacy Quali dati si possono raccogliere e come Molti sono per le aziende i punti critici: Quali dati si possono raccogliere? Quali si devono raccogliere? Quali controlli preventivi si possono fare? Con quale

Dettagli

ALL P.E. e Internet. DISCIPLINARE AZIENDALE SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA, DELLA RETE INTERNET E INDICAZIONI SULL UTILIZZO DI Personal Computer

ALL P.E. e Internet. DISCIPLINARE AZIENDALE SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA, DELLA RETE INTERNET E INDICAZIONI SULL UTILIZZO DI Personal Computer ALL P.E. e Internet DISCIPLINARE AZIENDALE SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA, DELLA RETE INTERNET E INDICAZIONI SULL UTILIZZO DI Personal Computer Indice Generalità pag. 2 Regole generali sull uso degli

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

Associazione Italiana Albergatori Rimini

Associazione Italiana Albergatori Rimini Associazione Italiana Albergatori Rimini VIDEOSORVEGLIANZA Per quanto riguarda la videosorveglianza, oltre alla verifica di conformità con le disposizioni dello statuto dei lavoratori, serve l informativa,

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA 1 INTRODUZIONE Il presente disciplinare interno sostituisce il precedente Regolamento Aziendale Utilizzo Internet e recepisce le indicazioni

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 29 novembre 2005 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

Impianti e apparecchiature per finalità di controllo da installare negli ambienti di lavoro VIDEOSORVEGLIANZA

Impianti e apparecchiature per finalità di controllo da installare negli ambienti di lavoro VIDEOSORVEGLIANZA Impianti e apparecchiature per finalità di controllo da installare negli ambienti di lavoro VIDEOSORVEGLIANZA Le regole, i divieti e le autorizzazioni per i datori di lavoro E vietato (art. 4 Legge 20

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE IN MATERIA DI TVCC E PRIVACY. Mauro Favetta Veneto Banca Responsabile Servizio Sicurezza e Servizi Ausiliari

NOVITA LEGISLATIVE IN MATERIA DI TVCC E PRIVACY. Mauro Favetta Veneto Banca Responsabile Servizio Sicurezza e Servizi Ausiliari NOVITA LEGISLATIVE IN MATERIA DI TVCC E PRIVACY Mauro Favetta Veneto Banca Responsabile Servizio Sicurezza e Servizi Ausiliari PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITA IN BANCA Art.4 Le

Dettagli

BOZZA CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI

BOZZA CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI Allegato: deliberazione G.C. n. 22 in data 11.03.2014 COMUNE DI MONTEGALDELLA PROVINCIA DI VICENZA BOZZA CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (art. 54, comma 5, decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Dettagli

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO.

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. Approvato con deliberazione di C.C. n. 24/2013 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI MONTORIO ROMANO (PROVINCIA DI ROMA) Via IV Novembre 115 - Montorio Romano

COMUNE DI MONTORIO ROMANO (PROVINCIA DI ROMA) Via IV Novembre 115 - Montorio Romano COMUNE DI MONTORIO ROMANO (PROVINCIA DI ROMA) Via IV Novembre 115 - Montorio Romano Cod. Fisc. 86005370589 P. IVA 02146191008 Tel. 0774 / 62.223 Telefax : 0774 / 62.286 SEGRETARIO GENERALE CODICE DI COMPORTAMENTO

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ ( WHISTLEBLOWING POLICY ) Disciplina della tutela del dipendente che segnala illeciti e/o irregolarità (c.d. whistleblower) Redatta da: Paolo Zanoni, Anna Teneggi Codice procedura: PG004 Approvata

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO Approvato con deliberazione dell Assemblea della Comunità n. 5 del 10.02.2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 in data 26

Dettagli