e~' Roma,,,') '..,., ", ''' e p. c. Al Sig. Presidente del Consiglio Regionale del Lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e~' Roma,,,') '..,., ", ''' e p. c. Al Sig. Presidente del Consiglio Regionale del Lazio"

Transcript

1 ji 675. (L/..Jt~t('1/le ~XfC- PRESIDENZA DELLA REGIONE IL CAPO DELL'UFFICIO DI GABINETTO Roma,,,') '..,., ", ''' ',/, " " L '- I il.. LU 11 Cons. Francesco Storace Cons. Roberto Buonasorte Gruppo Consiliare La Destra e p. c. Al Sig. Presidente del Consiglio Regionale del Lazio Consiglio Regionale Servizio Aula Commissioni Via della Pisana, ROMA A Il.2 Oggetto: Interrogazione a risposta scritta n.156 del Cons. Storace ed altri concernente: "Intervento urgente presso Via Passo della Sentinella (Comune di Fiumicino)". Si trasmettono, ai sensi dell'art. 101 del Regolamento del Consiglio regionale, le note prot. n.1016 del dell'assessore alle Infrastrutture e Lavori Pubblici e prot. n.398 del dell'assessore all'ambiente e Sviluppo Sostenibile con le quali hanno fornito risposta alla interrogazione specificata in oggetto. Si fa presente che l'interrogazione in questione risulta iscritta all'ordine del giorno dei lavori del Consiglio per effetto dell'art. 101 del predetto Regolamento consiliare. D'Ordine della Presidente Pietro Giovanni Zoroddu e~'

2 ASSESSOMTO NAASTIUJTTURE E LAVORIP\8UO ILCNo C8.LA~ V.2810 j;\jione LAZ10 Dlp.rllmenln I5ll1utionRlr 22 NOV.201 u Spdt.16 UJflcIo IstitudolltJk Are. AI/tiri Istltlldollllll DIn:JoM Altivitj iu. PraUUIIVl E, pec. Al Doti.PIetro GIoVtJllIÙZorodd" CtIpDiUU'UffielodI Gabbldlo R.wll. Lido LORO SEDE copie risposte interrogazioni Assessorato Inftastrutture e Lavori Pubblici. In riferimento all'oggetto, con la presente si trasmettono le note in risposta alle sottoelencate interrogazioni: N /162 del Sen. De Angelis co~mente: turistico concessione demaniale marittima. Comune di fiumicino progetto definitivo porto N. lo del CODS.Astone concernente: interventi urgenti e concessione benefici economici in favore delle località del nord-est della provincia di Roma colpite da eccezionale ondata di mal tempo. N. 29 del Cons. Storace ed 8ltri concernente: chiarimenti sulla tutela delle imprese con sede legale nella Regione Lazio. N. 71 del Cons. Rossodivitaed altri concernente:grave situazionemancata man~one strade Romae Lazio. N. 94 del Cons. Rossodivita conc.emente:roma-latina. N. 95 del Cons. Rossodivita ed altri concernente: interventi straordinari sospetti spiaggia dell'arenauticagaeta(latina). N. 101 del Cons. Rossodivita ed altri concernente: Metro C Roma I. ~e809 Ptat.1L~. 2 2 r::jv.2oto www~rr r

3 ASSESSOMTO INFMSTIUSTNU L'N r ]1M E LAVORIPU88UC AI Doti. Pldro Giovanni Zorodd" CtIpOd~II'UJlIcIodi Gabinetto R.lon~ Lado SUA SEDE 8 0lsetto: Interropzione a risposta scritta n. 1S6 dei COni, Storace ed altri.concernente: intervento urllente DressoVia P Vs. prot. 378 del 19 o~bre 20 IO...4r7.c' ~~~;.. i,lriferimento all.ogetto, con la presente 'mi prepo comunicarle che, pur a conoscenza del problema poich6 fautore di un incontro con i cittadini e visita sulluolo. la competenza rientra nella materia dell' Assessopto Amb\ente e Sviluppo sostenibile e dell' Asenzia reponale Ardis.. Un cordiale saluto... o.' C.r M CNff,..IAYAITIIO,,. 8114""'" MXOUI

4 Assessorato Ambl L'Assessore R~GIOhl. :.:.~(4 D!pa"time.1IL Istiawc.,1<~It. ~ U.1.,.lt~--.o Stnr.;...rL Dina~ti'TIenCJIe di ~t<''''1m':':;."';, Prat. n. ~ 2 5 FEB RomaU 7 FEB. 2u, ~ IICIONI LAZIO, -~~.~~-=t,.. Al Dipartimento Istituzionale e Territorio DirezioneregionaleAttività della presidenza Affari Istituzionali - Ufficio I SEDE Oggetto: Interrogazione a risposta scritta n. 156 del 27 settembre 2010 presentata dai CODSS. Storace e Buonasorte concernente "Intervento urgente presso via Passo della Sentinella (Fiumicino)" Con riferimento alla problematica in oggetto, si eviden7ia quanto segue. Come noto, l'assetto urbanistico della foce del Tevere, in relazione alle problematiche idrauliche dell'area, ~ disciplinato dal Piano Stralcio n.s "Piano straicio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce", meglio conosciuto come PSS che richiama, tra l'altro, la zonazione di pericolosità e rischio idraulico già definita nel Piano di assetto idrogeologico. Per l'efficace attuazione del PSS nell'area del Passo della Sentinella, alla foce del Tevere, l'autorità di bacino del fiume Tevere ed il comune di Fiumicino bauno stilato un accordo di programma nel quale ~ stata evidedziata la particolare situazione idraulica dell'area stessa e la necessità di procedere secondo quanto previsto dal piano. L'accordo prevede l'attivazione di ogni possibile ini7.iativavolta alla soluzione della criticità idraulica conseguente la presenza di volumi residenziali in aree golena1i cfemaniaji destinate al libero deflusso delle acque di piena del Tevere. Problematiche analoghe sono state evidenziate per l'area dell'idroscalo di Ostia, in comune di Roma. La presenza dei suddetti volumi edilizi contrasta con la necessità, definita nell'ambito del PSS di lasciare libera l'area di golena al fine di garantire il deflusso delle piene e la salvaguardia idraulica dell' area metropolitana. Nel PSS tale zona di deflusso ~ classificata come "AA". In tale fascia, le norme di attuazione del piano ammettono il solo utilizzo compatibile con la naturale funzione idraulica, prevedendo conformazioni tipologiche che assicurino la massima trasparenza alla piena escludendo la reali7.7.a7.ione di opere di difesa che vadano a restringere la sezione idraulica in ambito golena1e che possono quindi sensibilmente modificare l'attuale regime idraulico nel tratto terminale del fiume

5 Le stesse norme, inoltre,prevedonoche in tale fascia, nel caso di incompatibilitàdi quanto ~ esistente con la funzione idraulica,i comuni, d'intesa con la Regione, possano adottare idonee misureatte a trasferirei volumigiudicatiincompatibili,su altre aree del territoriocomuaa1e. In risposta all'interrogazione,quindi, si evidenzia che la Regione ~ a conoscenza della problematica svolgendo un ruolo incentivantenell'aftlia-nonedi quanto previsto dall'accordo. D'altra parte, come gii anticipatoin questa nota, il PSS non prevede la possibilità di mettere in sicmezza gli insediamentipresenti in golena richiamando, invece, la necessità di garantire al massimoil liberodeflussodelleacquedi piena rimuovendoqualsiasimanufattoche possa essere di ostacolo., VIALI CB. TNT'OU1TO ROftA 1L +)9.G6.SI6I.9372 FAX +)9.G6.SI

MoVimento 5 Stelle Municipio X. Dissesto idrogeologico

MoVimento 5 Stelle Municipio X. Dissesto idrogeologico MoVimento 5 Stelle Municipio X Dissesto idrogeologico Tavolo Ambiente Municipio X Attività svolta nel 2013-2014 Premesse: Lo strumento pianificatorio dei Piani di Bacino è stato introdotto nel nostro ordinamento

Dettagli

AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE

AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE REGIONE MARCHE Delibera n. 13 del 30 Aprile 2001 AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE COMITATO ISTITUZIONALE OGGETTO: L. 183/89 L. 267/98 - L. 365/00 - L.R. 13/99 -. Adozione del Progetto di Piano

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

Il rischio idrogeologico nel Lazio

Il rischio idrogeologico nel Lazio Il rischio idrogeologico nel Lazio Geol. Tiziana Guida Consigliere dell Ordine dei Geologi del Lazio Il territorio della Regione Lazio, per la sua conformazione morfologica, si presta a varie tipologie

Dettagli

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2 DELIBERA N. 4 Seduta del 21 dicembre 2010 OGGETTO: Adozione del Piano stralcio per l assetto idrogeologico del bacino del fiume Livenza. IL COMITATO ISTITUZIONALE VISTO il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli

WATER IN THE ALPS 3 rd International Conference Preparatory Workshop n. 1: Hydrogeological risk in alpine environments (Trento, Sept.

WATER IN THE ALPS 3 rd International Conference Preparatory Workshop n. 1: Hydrogeological risk in alpine environments (Trento, Sept. Dal Piano di Assetto Idrogeologico verso il Piano di Gestione dlri del Rischio Alluvioni i Distretto Idrografico Alpi Orientali e Bacino dell Adige D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Superficie di 39.385 Km

Dettagli

IL COLLEGIO DEL PAESAGGIO in qualità di AUTORITA' COMPETENTE PER LA V.A.S.

IL COLLEGIO DEL PAESAGGIO in qualità di AUTORITA' COMPETENTE PER LA V.A.S. Comune di Montemurlo Provincia di Prato Montemurlo 03 Settembre 2015 PROVVEDIMENTO DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' ALLA PROCEDURA DI VAS (VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA) DELLA VARIANTE SEMPLIFICATA

Dettagli

MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N.

MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N. Pag. 1 su 10 MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N. 398, COSI' COME MODIFICATO ED INTEGRATO DALLA LEGGE DI CONVERSIONE 4 DICEMBRE 1993, N. 493 - VINCOLO DI NON

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini:

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: un esempio virtuoso di collaborazione fra Istituzioni e Gestore per il miglioramento degli standard ambientali Luca Migliori Responsabile Ingegneria

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AUTORITA DI BACINO DELLA BASILICATA UFFICIO GESTIONE DEI RISCHI 80B STRUTTURA PROPONENTE COD. N 80B/ 2015 /D.060 DEL 12/05/2015 OGGETTO: ART.18 DELLE NORME DI ATTUAZIONE - PARERE

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto Regolamento attuativo del Decreto del Ministero del Ministero per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010, Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, recante la

Dettagli

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana.

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana. AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE 00185 Roma, Ufficio Piani e Programmi Via V. Bachelet, 12 tel. 06.49249221 fax 06.49249300 Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010.

Dettagli

Comune di Loreggia Provincia di Padova 3^ Settore Edilizia Privata e Urbanistica PARZIALE

Comune di Loreggia Provincia di Padova 3^ Settore Edilizia Privata e Urbanistica PARZIALE Comune di Loreggia Provincia di Padova 3^ Settore Edilizia Privata e Urbanistica P.R.G. XXXIVa VARIANTE PARZIALE VARIANTE PARZIALE AL P.R.G. AI SENSI DELL'ART. 50 COMMA 4 LETT. F) L.R. 61/85 E S.M.I. PER

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 110 del 26-05-2012 Oggetto: Individuazione spiaggia e specchio mare antistante destinati alla

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SSR/05/113691) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la direttiva 91/271/CEE, concernente il trattamento delle acque reflue urbane; - il D.Lgs. 11 maggio 1999, n. 152 "Disposizioni

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 101 0 0 - DIREZIONE GABINETTO DEL SINDACO PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 OGGETTO: NOMINA DELL ASSESSORE EMANUELE PIAZZA E RIDEFINIZIONE DELLE DELEGHE ASSESSORILI 09/12/2014 Il

Dettagli

Criticità/stress. rischio idraulico. accessibilità/mobilità. carenza di servizi /luoghi aggregazione. mancata valorizzazione patrimonio

Criticità/stress. rischio idraulico. accessibilità/mobilità. carenza di servizi /luoghi aggregazione. mancata valorizzazione patrimonio Criticità/stress rischio idraulico accessibilità/mobilità carenza di servizi /luoghi aggregazione mancata valorizzazione patrimonio Attuazione PRG 2008 Rischi consumo/impermeabilizzazione suolo aumento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato.

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato. Deliberazione n. 21/2011/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza del 6 e del 16 dicembre 2011

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Si chiede di iniziare dal punto 3 dell ordine del giorno. I Consiglieri sono d accordo. Illustra l Assessore Diegoli. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: - rientra tra gli obiettivi dell Amministrazione

Dettagli

Decreto Legislativo 3 Aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale. (Omissis) Parte terza

Decreto Legislativo 3 Aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale. (Omissis) Parte terza Decreto Legislativo 3 Aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale. Parte terza Norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall'inquinamento e di gestione

Dettagli

Ministero dei Trasporti e della Navigazione

Ministero dei Trasporti e della Navigazione MODULARIO MAR. MERC. 1 MOD. 1 Ministero dei Trasporti e della Navigazione DIPARTIMENTO NAVIG. MARITT. E INTERNA Unità di Gestione delle infrastrutture per la navigazione ed il demanio marittimo Divisione

Dettagli

IX LEGISLATURA DELIBERAZIONI. Seduta n. 21 del 13 ottobre 2010. ODG: Seduta n. 21 del 13 ottobre 2010 Pag. 1

IX LEGISLATURA DELIBERAZIONI. Seduta n. 21 del 13 ottobre 2010. ODG: Seduta n. 21 del 13 ottobre 2010 Pag. 1 IX LEGISLATURA DELIBERAZIONI Seduta n. 21 del 13 ottobre 2010 ODG: Seduta n. 21 del 13 ottobre 2010 Pag. 1 Seduta n. 21 del 13 ottobre 2010 Ore 10.00 Presiede il Presidente: Roberto FORMIGONI Assiste il

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 gennaio 1984, n. 2 In B.U.R.L. 21 aprile 1984, n. 11, S.O. n. 3

LEGGE REGIONALE 13 gennaio 1984, n. 2 In B.U.R.L. 21 aprile 1984, n. 11, S.O. n. 3 LEGGE REGIONALE 13 gennaio 1984, n. 2 In B.U.R.L. 21 aprile 1984, n. 11, S.O. n. 3 Istituzione del parco dei Castelli Romani Epigrafe Art. 1 - Istituzione. Art. 2 Art. 3 - Statuto ed organi del consorzio.

Dettagli

Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5

Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5 Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5 Relazione di sintesi - aggiornamento Dicembre 2014 RELAZIONE DI SINTESI

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

Decreto Dirigenziale

Decreto Dirigenziale Area Promozione e Coordinamento dello Sviluppo Economico e Sociale Settore Formazione E Lavoro Decreto Dirigenziale Raccolta Generale n.3194/2015 del 09/04/2015 Prot. n.90439/2015 del 09/04/2015 Fasc.15.4

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE INDIRIZZI INTERPRETATIVI E CHIARIMENTI IN MERITO AI CRITERI PER LA REDAZIONE DELLA NORMATIVADEI PIANI DI BACINO PER LA TUTELA DAL RISCHIO IDROGEOLOGICO DI CUI ALLA

Dettagli

Soprintendenza BB.CC.AA. di Catania soprict@certmail.regione.sicilia.it. Comune di Aci Castello (CT) comune.acicastello@pec.it

Soprintendenza BB.CC.AA. di Catania soprict@certmail.regione.sicilia.it. Comune di Aci Castello (CT) comune.acicastello@pec.it REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato del Territorio e dell Ambiente Dipartimento dell Ambiente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa del suolo U.O. 3.1: Pianificazione e Programmazione

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. di Prot PROVINCIA DI MESSINA ' N. 50 res. delibere COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE OGGETTO Pagamento indennità di esproprio lavori di intervento di regimazìone delle acque piovane nel

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale

PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale PROVINCIA DI PRATO Atti della Giunta Provinciale DELIBERAZIONE N. 4 DEL 19.01.2010 OGGETTO: AREA ECONOMICO FINANZIARIA Misure organizzative a garanzia tempestivo pagamento delle somme dovute per somministrazione,

Dettagli

Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 30/03/2010. Approvazione Variante Urbanistica ai sensi del DPR 447/98 art 5 ditta PIVATO INFISSI.

Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 30/03/2010. Approvazione Variante Urbanistica ai sensi del DPR 447/98 art 5 ditta PIVATO INFISSI. Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 30/03/2010 Oggetto: Approvazione Variante Urbanistica ai sensi del DPR 447/98 art 5 ditta PIVATO INFISSI. Relaziona l'argomento l'assessore Rossetto Alberto dando

Dettagli

Capo I CONFERIMENTO ALLE REGIONI E AGLI ENTI LOCALI

Capo I CONFERIMENTO ALLE REGIONI E AGLI ENTI LOCALI Dlgs 19 11 1997, n. 422 Conferimento alle Regioni ed agli Enti Locali di Funzioni e Compiti in Materia di Trasporto Pubblico Locale, a Norma dell'art.4, Comma 4, della L.15 3 1997, n. 59. in G.U. n. 287

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1533 Seduta del 20/03/2014

DELIBERAZIONE N X / 1533 Seduta del 20/03/2014 DELIBERAZIONE N X / 1533 Seduta del 20/03/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI PIACENZA N. 154 Reg. Del. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE ADUNANZA DEL 29/08/2014 Oggetto: PIANO URBANISTICO ATTUATIVO (PUA) DENOMINATO "IL CORTILE", A SCOPO RESIDENZIALE

Dettagli

REGIONE LAZIO. 10/07/2012 - prot. 340 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE

REGIONE LAZIO. 10/07/2012 - prot. 340 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 361 13/07/2012 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11849 DEL 12/06/2012 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

UTOE 5_Latignano. IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5. IR_g2. IR_g7. IR_g6 SCHEDE GUIDA

UTOE 5_Latignano. IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5. IR_g2. IR_g7. IR_g6 SCHEDE GUIDA UTOE 5_Latignano IR_g2 IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5 IR_g6 IR_g7 SCHEDE GUIDA COMUNE DI CASCINA - REDAZIONE DI SCHEDE NORMA E SCHEDE GUIDA PER LE AREE DI RECUPERO (IR) DELL'UTOE 4 - Cascina

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Diambra Tiziana Telefono 0721/3592726 Fax 0721/3592406 E-mail t.diambra@provincia.ps.it Nazionalità Italiana

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 16.06.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 16.06.2015 REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 Oggetto: Comune di Olbia - Proposta di variante al P.A.I. ai sensi dell art. 37, comma 3 lett. B delle N.A. del P.A.I., per le aree di pericolosità idraulica

Dettagli

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell

Dettagli

--------------------------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------- D.P.R. 14 aprile 1993 "Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale." Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

CITTA'METROPOLITANA DI PALERMO UFFICIO DI GABINETTO

CITTA'METROPOLITANA DI PALERMO UFFICIO DI GABINETTO CITTA'METROPOLITANA DI PALERMO UFFICIO DI GABINETTO DETERMINAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 6 1) del 3 1. \ 2. %o i5 OGGETTO: Rinnovo Collegi Revisori dei Conti nelle istituzioni scolastiche autonome

Dettagli

AREA SERVIZI DI AMMINISTRAZIONE SERVIZIO PROGETTI STRATEGICI E APPALTI, CONTRATTI, AFFARI GENERALI

AREA SERVIZI DI AMMINISTRAZIONE SERVIZIO PROGETTI STRATEGICI E APPALTI, CONTRATTI, AFFARI GENERALI Pag. 1 / 4 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA SERVIZI DI AMMINISTRAZIONE SERVIZIO PROGETTI STRATEGICI E APPALTI, CONTRATTI, AFFARI

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA Atti Consiliari - XV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA DISEGNO DI LEGGE N. 205/A presentato dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore regionale

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 Luglio 2005 Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3449). (G.U.R.I del 22-7-2005, n. 169 ) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dettagli

Ai Prefetti degli Uffici Territoriali di Governo di Parma e Piacenza

Ai Prefetti degli Uffici Territoriali di Governo di Parma e Piacenza AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE IL DIRETTORE DOTT. MAURIZIO MAINETTI IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART 1 DELL OCDPC N. 202/2014 TIPO ANNO NUMERO REG. CFR/FILESEGNATURA.XML DEL

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO INTERREGIONALE MARECCHIA E CONCA COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITA' DI BACINO INTERREGIONALE MARECCHIA E CONCA COMITATO ISTITUZIONALE AUTORITA' DI BACINO INTERREGIONALE MARECCHIA E CONCA COMITATO ISTITUZIONALE Deliberazione Comitato Istituzionale n 02 del 03 giugno 2014. (pubblicata il 13/06/2014 con prot. n. 340) OGGETTO: Adempimenti

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A INCARICATO ALLA REDAZIONE: Matteazzi Laura RESPONSABILE DEL SERVIZIO: Guarti Danilo DETERMINA N. 701 DEL 08/05/2015 SETTORE PROPONENTE: DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO L'ATTO

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - Richiamato l art. 24 della legge regionale 26 maggio 2009, n. 12;

LA GIUNTA REGIONALE. - Richiamato l art. 24 della legge regionale 26 maggio 2009, n. 12; LA GIUNTA REGIONALE - Richiamata la legge regionale 26 maggio 2009, n. 12 recante: Disposizioni per l adempimento degli obblighi della Regione autonoma Valle d Aosta derivanti dall appartenenza dell Italia

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 20/12/2012 Numero 74 Supplemento

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

Premessa. 19.07.2012 Sopralluogo con Autorità di Bacino per il contributo istruttorio di competenza.

Premessa. 19.07.2012 Sopralluogo con Autorità di Bacino per il contributo istruttorio di competenza. IMPIANTO IDROELETTRICO BETTOLELLE Senigallia Fiume Misa Soggetto proponente: ENERGY SEEKERS s.r.l. Premessa La società Energy Seekers s.r.l., in merito alla realizzazione della centrale mini idroelettrica

Dettagli

STUDIO DI COMPATIBILITA IDRAULICA (ART. 8 COMMA 2 NORME PAI) E VARIANTE AL PAI (ART. 37 COMMA 2 NORME PAI)

STUDIO DI COMPATIBILITA IDRAULICA (ART. 8 COMMA 2 NORME PAI) E VARIANTE AL PAI (ART. 37 COMMA 2 NORME PAI) STUDIO DI COMPATIBILITA IDRAULICA (ART. 8 COMMA 2 NORME PAI) E VARIANTE AL PAI (ART. 37 COMMA 2 NORME PAI) COME NASCE Compatibilità Idraulica e Variante PAI Excursus Storico PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO

Dettagli

VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO

VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO A cura di Gianfranco Mascia CoPortavoce dei Verdi di Roma Per info: verdidiroma@gmail.com Pubblica utilità? In realtà noi Verdi

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

P R O V I N C I A D I V I C E N Z A

P R O V I N C I A D I V I C E N Z A P R O V I N C I A D I V I C E N Z A AREA SERVIZI AL CITTADINO E AL TERRITORIO SETTORE AMBIENTE E TERRITORIO SERVIZIO ACQUA SUOLO RIFIUTI Partita IVA e Codice Fiscale: 00496080243 Domicilio fiscale: Palazzo

Dettagli

TRENTO COMITATO ISTITUZIONALE

TRENTO COMITATO ISTITUZIONALE Seduta del 24 novembre 2008 Delibera n. 03/2008 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME ADIGE TRENTO COMITATO ISTITUZIONALE OGGETTO: Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico del Fiume Adige; modifica

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; Subentro emergenza alluvione 2013 Prot. 123 Pos. I.4.3. DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015 Oggetto: Impegno, liquidazione e pagamento della somma di euro 208.873,36 in favore del Consorzio di Bonifica della

Dettagli

COMUNE DI MORIMONDO. Area Tecnica Manutentiva -ufficiotecnico@comune.morimondo.mi.it Tel.02/94961941-1911 fax 02/ 94961950

COMUNE DI MORIMONDO. Area Tecnica Manutentiva -ufficiotecnico@comune.morimondo.mi.it Tel.02/94961941-1911 fax 02/ 94961950 COMUNE DI MORIMONDO i\o Area Tecnica Manutentiva ufficiotecnico@comune.morimondo.mi.it Tel.02/949619411911 fax 02/ 94961950 MORIMONDO 17.02.2016 PROT. N. 748 EQT Marco FORNI Titolare dell'azienda Agricola

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche per la Casa, Terzo Settore, Servizio Civile e Tutela dei Consumatori;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche per la Casa, Terzo Settore, Servizio Civile e Tutela dei Consumatori; OGGETTO: Adozione Regolamento regionale concernente: Modifiche al Regolamento regionale 19 febbraio 2008, n. 2 (Modifiche al regolamento regionale 20 settembre 2000, n. 2 (Regolamento per l assegnazione

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015 COMITATO ISTITUZIONALE Oggetto: Direttiva 2007/60/CE D.Lgs.49/2010 Valutazione e gestione dei rischi di alluvioni Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni del distretto idrografico della Regione Autonoma

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 31-03-2005 REGIONE LAZIO. Prevenzione e salvaguardia dal rischio gas radon

LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 31-03-2005 REGIONE LAZIO. Prevenzione e salvaguardia dal rischio gas radon LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 31-03-2005 REGIONE LAZIO Prevenzione e salvaguardia dal rischio gas radon Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 10 del 9 aprile 2005 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME TEVERE. Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME TEVERE. Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME TEVERE Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 1 INDICE 1. PREMESSA...3 2. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL'AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE...3 3.

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

Geologia applicata e geologia ambientale

Geologia applicata e geologia ambientale Geologia applicata e geologia ambientale Principali lavori svolti dalla SIA e dai propri partner. PRIVATO Verifica di stabilità e rischio caduta massi su vari versanti nel Lazio ed in Toscana Anno: 2003-2011

Dettagli

EPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A ASSESSORATO REGIONALE DEL TURISMO DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI

EPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A ASSESSORATO REGIONALE DEL TURISMO DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI EPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A ASSESSORATO REGIONALE DEL TURISMO DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO DEL TURISMO DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO Visto lo Statuto della Regione

Dettagli

Valutazione Integrata (art.11 comma 5 L.R. 1/2005) RELAZIONE DI SINTESI

Valutazione Integrata (art.11 comma 5 L.R. 1/2005) RELAZIONE DI SINTESI COMUNE DI CECINA Provincia di Livorno PIANO ATTUATIVO RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DESTINATA A CAMPEGGIO Sottosistema A1 scheda normativa c.27 Valutazione Integrata (art.11 comma 5 L.R. 1/2005) RELAZIONE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Vili LEGISLATURA (N. 270-A) RELAZIONE DELLA 3 a COMMISSIONE PERMANENTE (AFFARI ESTERI) (RELATORE DAL FALCO) SUL DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro degli Affari Esteri di concerto

Dettagli

Deliberazione n. 9/2006/P

Deliberazione n. 9/2006/P Deliberazione n. 9/2006/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione del controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato II Collegio nell adunanza del 18 maggio 2006

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 36 del 16.12.2013 OGGETTO: Accordo di programma tra Ministero ambiente e Regione Lazio. intervento n. 48 consolidamento del versante occidentale della rupe.

Dettagli

COMUNE di MONTECARLO

COMUNE di MONTECARLO S.C.I.A. n : COMUNE di MONTECARLO Provincia di Lucca Spazio riservato all ufficio DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO PER S.C.I.A. RELATIVA A INTERVENTI STRAORDINARI SUGLI IMMOBILI ESISTENTI - L.R. 24/09 Art.79

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DETERMINAZIONE PROT. N. 375 REP. N. 6 Oggetto: Concessione demaniale marittima del Porticciolo turistico di Sant Antioco ubicato nel Comune di Sant Antioco. Approvazione avviso pubblico e relativi allegati.

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ALL. A COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Provincia di Lucca REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO APPROVAZIONE Rapporto del Garante della Comunicazione (ai sensi dell art. 20 comma,

Dettagli

Piani e Progetti Urbanistici Ambiente e Energia Dipartimento Cura e Qualità del Territorio Mobilità Sostenibile

Piani e Progetti Urbanistici Ambiente e Energia Dipartimento Cura e Qualità del Territorio Mobilità Sostenibile Piani e Progetti Urbanistici Ambiente e Energia Dipartimento Cura e Qualità del Territorio Mobilità Sostenibile P.G. N.: 82584/2015 2015 N. O.d.G.: 205/2015 2015 Data Seduta Giunta : 31/03/2015 Data Seduta

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata GUIDA alla CONSULTAZIONE www.adb.basilicata.it a cura della Segreteria Tecnica Operativa Autorità di Bacino della Basilicata ottobre 2007 Home page

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 9665 del 30/07/2015 Proposta: DPG/2015/10512 del 30/07/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività inerenti al servizio di piena e intervento idraulico e presidio territoriale.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale N. 00 del 00/00/014 Area: AREA TECNICA Oggetto: CONTRODEDUZIONE ALLE RISERVE FORMULATE DALLA GIUNTA PROVINCIALE E ALLE OSSERVAZIONI PERVENUTE E APPROVAZIONE DELLA VARIANTE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 13 novembre 2007, n. 1851

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 13 novembre 2007, n. 1851 20172 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 13 novembre 2007, n. 1851 Recepimento accordo Stato, Regioni e Province Autonome Decreto legislativo n. 235/03. Prime disposizioni per la formazione teorica

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

2. Individuazione del bacino di appartenenza della Z.I. di Olbia

2. Individuazione del bacino di appartenenza della Z.I. di Olbia INTERCONNESSIONE DELLA Z.I. DI OLBIA COL PAI (PIANO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO - DL. 180 e Legge 267 del 3-08-1998) 1. Premessa La presente relazione si prefigge lo scopo di verificare le interconnessioni

Dettagli

CONVEGNO Fonti rinnovabili: l energia fotovoltaica Opportunità e BENEFICI per la pubblica amministrazione, l impresa e la famiglia.

CONVEGNO Fonti rinnovabili: l energia fotovoltaica Opportunità e BENEFICI per la pubblica amministrazione, l impresa e la famiglia. CONVEGNO Fonti rinnovabili: l energia fotovoltaica Opportunità e BENEFICI per la pubblica amministrazione, l impresa e la famiglia. Gli aspetti salienti della normativa nazionale e regionale sul fotovoltaico

Dettagli

NORME IN MATERIA DI AEROPORTI DI INTERESSE REGIONALE

NORME IN MATERIA DI AEROPORTI DI INTERESSE REGIONALE PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME IN MATERIA DI AEROPORTI DI INTERESSE REGIONALE Di iniziativa dei consiglieri: Francesco SCALIA Esterino MONTINO Bruno ASTORRE Francesco DALIA Tonino D Annibale Mario Di

Dettagli