SQL, un linguaggio per la gestione dati: un po di storia. SQL, un linguaggio per la gestione dati: un po di storia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SQL, un linguaggio per la gestione dati: un po di storia. SQL, un linguaggio per la gestione dati: un po di storia"

Transcript

1 AA 1999/2000 Facolta' di Ingegneria - Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Insegnamento di Basi di dati Prof. Maristella Agosti Introduzione a SQL Indice dei contenuti: SQL, un linguaggio per la gestione dati: un po di storia lo standard SQL, i suoi vantaggi e svantaggi elementi base del linguaggio definizione, cancellazione e modifica di strutture dati recupero dati o interrogazioni (query) in SQL alcuni esempi di uso della frase SELECT. 4-BD-ING SQL Il linguaggio SQL permette la definizione, la manipolazione (aggiornamento e recupero) e il controllo di dati in basi di dati SQL. Una base dati SQL è una collezione di tabelle; ogni tabella è costituita da una o più colonne e da zero o più righe; ogni riga contiene un valore per ogni colonna. Le frasi SQL possono essere utilizzate in modo interattivo oppure in un programma applicativo. In generale: uso interattivo (o diretto): la frase SQL è utilizzata da un terminale; se la frase comporta un recupero dati, i dati sono presentati a terminale; uso in un programma applicativo: la frase SQL è usata come parte del processo di esecuzione di un programma; se la frase comporta un recupero dati, i dati sono inseriti in un area di input per quel programma. Nota: il programma applicativo è chiamato host program e il linguaggio in cui è scritto: host language.

2 SQL, un linguaggio per la gestione dati: un po di storia Date ed eventi importanti: 1/3 1970: E.F. Codd (IBM, Res. Lab. San Jose), pubblica l articolo A Relational Model of Data for Large Shared Data Banks su CACM, 13 (6), June 1970; avvio di esperimenti e ricerche per la realizzazione di linguaggi relazionali, cioè di linguaggi in grado di realizzare le caratteristiche del modello astratto; il linguaggio più significativo è SEQUEL (Structured English Query Language), definito da D. Chamberlin et al (IBM Res.) nel 1974 e implementato nel e denominato SEQUEL-XRM; una versione rivista, denominata SEQUEL/2 (il nome verrà poi modificato in SQL per ragioni legali), viene definita nel ; SQL, un linguaggio per la gestione dati: un po di storia IBM avvia lo sviluppo di un altro prototipo: System R, operativo nel 1977 e installato in numerosi siti di utenti che forniscono diversi suggerimenti per migliorie e modifiche; giacché il prodotto riceve una buona accoglienza, diventa chiaro che l IBM porterà avanti la tecnologia relazionale; altri produttori cominciano ad investire nello sviluppo di strumenti relazionali, il più importante: ORACLE, Relational Software Inc. (poi diventata Oracle Corp.); 1981: IBM annuncia un prodotto SQL denominato SQL/DS per VSE; nel 1982 viene rilasciato SQL/DS per VM; nel 1983 viene rilasciato un prodotto denominato DB2 compatibile con SQL/DS per l ambiente MVS; 2/3

3 SQL, un linguaggio per la gestione dati: un po di storia negli anni successivi diversi produttori annunciano e rendono disponibili prodotti SQL, fra questi: DG/SQL, Data General Corporation, 1984 SYBASE, Sybase Inc., 1986 INGRES, Relational Technology Inc., 1981 e 1985 IDM, Britton-Lee Inc., 1982 e 1985; 1996: sono disponibili sul mercato circa 100 prodotti che forniscono una delle diverse versioni commerciali (anche chiamate dialetti) di SQL; sono prodotti e versioni per sistemi di calcolo di tutti gli ambienti operativi e dimensioni. 3/3 SQL, lo standard 1982: l ANSI, American National Standards Institute, incarica il suo Database Committee X3H2 di sviluppare una proposta per un linguaggio relazionale standard; la proposta del X3H2, che è sostanzialmente un dialetto di SQL dell IBM, viene ratificata nel 1986; 1987: l International Organization for Standardization (ISO) fa suo lo standard ANSI; questo standard viene identificato come SQL/86; 1989: SQL viene esteso con una Integrity Enhancement Feature (IEF), questa versione estesa viene denominata SQL/89; versioni diverse di SQL vengono adottate in tempi diversi come: standard X/Open (open systems), standard SAA (sistemi IBM), Federal Information Processing Standard (FIPS) per sistemi del governo federale degli USA; 1/2

4 SQL, lo standard un consorzio di venditori, denominato SQL Access Group, lavora alcuni anni per definire un insieme di facilities per favorire la interoperabilità fra implementazioni differenti del SQL; i primi risultati vengono ottenuti nel 1991 quando un prototipo, che riesce a far interoperare 9 diversi DBMS, diventa operativo; questo gruppo diventa parte del X/Open nel 1994 e ora è noto come: X/Open SQL Access Group; dopo il rilascio della prima versione dello standard SQL, i comitati dell ISO e dell ANSI hanno lavorato per raggiungere una nuova versione espansa dello standard, questa nuova versione, denominata SQL2 o SQL/92 viene ratificata come standard ISO/IEC 9075: 1992 nel 1992; nel 1994 e nel 1996 vengono pubblicati due documenti con correzioni tecniche significative. 2/2 INGRES SEQUEL-XRM SEQUEL/2(SQL) Articolo di Codd DB2 System R SQL/DS SYBASE 100 prodotti incarico al X3H2 SQL/89 SQL/86 SQL/ UNIX (Thompson&Ritchie - DEC PDP-7) PASCAL (Wirth) ARPANET (4 nodi) PC MS-DOS

5 Lo standard SQL: vantaggi e svantaggi Vantaggi vengono ridotti i costi di addestramento del personale: gli sviluppatori di applicazioni possono spostarsi da un ambiente all altro senza che sia necessario un nuovo addestramento; portabilità delle applicazioni: le applicazioni possono funzionare senza cambiamenti significativi su di un ampio spettro di sistemi di calcolo e di ambienti operativi diversi; durata delle applicazioni: i linguaggi che sono stati sottoposti a standardizzazione rimangono validi nel tempo; comunicazione fra diversi sistemi: sistemi diversi possono comunicare fra di loro più facilmente; per questo aspetto è da tenere presente il lavoro del X/Open SQL Access Group; l acquirente: si può concentrare sulla scelta della implementazione che e più idonea ai suoi requisiti con la garanzia di mantenere la stessa interfaccia. 1/2 Lo standard SQL: vantaggi e svantaggi Svantaggi portabilità delle applicazioni: spesso è problematica; riduzione della creatività : gli implementatori possono essere indotti a non fornire la soluzione migliore ; SQL è distante da un linguaggio relazionale ideale: questa critica è stata mossa da diversi addetti ai lavori rilevando in particolare che pur essendoci principi consolidati per il progetto di linguaggi formali, non si può dire che SQL sia stato sviluppato utilizzando questi principi; di conseguenza il linguaggio ha: 2/2 una serie di restrizioni, di costrutti ad hoc e di regole speciali che rendono il linguaggio più difficile da definire, descrivere, insegnare, imparare, applicare, implementare; talvolta non fornisce il supporto necessario: sono lasciati come implementation-defined o implementation-dependent aspetti che invece dovrebbero essere esplicitamente inclusi.

6 SQL, significato di: Implementation-defined: vuol dire che chi sviluppa una implementazione di SQL può decidere liberamente come implementare le caratteristiche SQL implementation-defined, però il risultato della decisione deve essere documentato; implementation-dependent: in realtà significa non definito, perché chi implementa può decidere liberamente come realizzare una delle caratteristiche che sono indicate come dipendenti dalla applicazione, ma il risultato della decisione non deve essere necessariamente documentato e può anche variare fra versioni diverse dello stesso prodotto. Esempi: la lunghezza massima di una stringa di caratteri è implementation-defined, la rappresentazione fisica dei dati è implementation-dependent. Tre diversi livelli di SQL Lo standard prevede tre diversi livelli del linguaggio che sono via via più complessi: Entry SQL, Intermediate SQL e Full SQL. Lo scopo dell inserimento di tre diversi livelli del linguaggio è quello di permettere lo sviluppo di implementazioni a stadi successivi. Una realizzazione, allora, può passare nel tempo da un livello di supporto Entry SQL fino al Full SQL. Intermediate SQL Entry SQL Full SQL Full SQL: standard SQL completo Intermediate SQL: sotto-insieme proprio del Full SQL Entry SQL: sottoinsieme proprio dell Intermediate SQL

7 Modi di usare SQL o binding styles Ogni sistema di gestione di basi di dati che aderisce allo standard deve fornire almeno uno dei tre possibili modi di usare SQL: Direct SQL: per l uso interattivo. Embedded SQL: per l uso con linguaggi di programmazione. I comandi SQL sono indicati dalle parole chiave riservate del linguaggio EXEC SQL e vengono scritti con particolari accorgimenti. Sono state definite le modalità d uso per diversi linguaggi di programmazione, certamente per questi linguaggi: ADA C COBOL FORTRAN MUMPS PASCAL PL/I. Questa è la modalità utilizzata normalmente per lo sviluppo di applicazioni. Module SQL: per scrivere procedure il cui corpo è un singolo comando SQL e che vengono compilate separatamente per poter essere utilizzate dai linguaggi che possono chiamare procedure esterne. Il concetto di ambiente SQL (SQL-environment) Un ambiente SQL è una astrazione del concetto di installazione operativa di un DBMS, che include, quindi, componenti cliente e servente. In particolare un ambiente SQL consiste dei seguenti componenti: 1. una implementazione SQL: che può essere pensata come il DBMS propriamente detto, o anche una combinazione di diverse istanze di DBMS, perché vi possono essere più componenti del tipo: SQL-server. Deve supportare operazioni SQL almeno al livello entry, insieme ad almeno uno dei binding styles. 2. Un identificatore di autorizzazione (authorization identifier o authid): questo è un nome riconosciuto dal sistema. 3. Un modulo: che consiste di un insieme di frasi SQL che possono essere compilate da una specifica unita di compilazione (ad es. un programma applicativo). 4. Cataloghi e schemi SQL.

8 Elementi base del linguaggio (1/3) Insieme dei caratteri di SQL (SQL character set): è costituito dai caratteri che sono usati per formare elementi di più alto livello (non primitivi) del linguaggio; questi sono: lettere maiuscole A-Z; lettere minuscole a-z; cifre 0-9; e un insieme di caratteri speciali: il carattere spazio, e i caratteri % & ( ) * +, -. / : ; < = >? _ Tokens (delimitatore o non delimitatore) e separatori sono unita lessicali del linguaggio che servono a delimitare o a separare senza ambiguità elementi delle frasi del linguaggio. Elementi base del linguaggio (2/3) Parola chiave (key word): ogni parola che ha un significato preciso nel linguaggio SQL; alcune parole chiave sono riservate, altre no. Le parole riservate non possono essere usate come nome di oggetti dello schema e della base dati. Alcune delle parole chiave riservate: ALLOCATE ALTER AUTHORIZATION BEGIN BETWEEN CASCADE CASE COLUMN COMMIT DATE EXEC FOR FOREIGN HAVING INTO JOIN KEY LEVEL MAX MIN NULL OPEN PRIMARY PROCEDURE REFERENCES ROWS SCHEMA SELECT SESSION SQL SQLCODE SQLERROR SQLSTATE TABLE UNIQUE VALUE VIEW WRITE Alcune delle parole chiave non riservate: ADA C COBOL DATA FORTRAN LENGTH MORE NUMBER PASCAL PLI SPACE TYPE UNCOMMITED Nota: lo standard non chiarisce la regola in base alla quale una parola deve diventare riservata; le parole chiave sono case-insensitive.

9 Elementi base del linguaggio (3/3) Identificatore (case-insensitive come le parole chiave): regolare: una stringa di non più di 128 caratteri; il primo carattere deve essere una lettera, gli altri possono essere una qualsiasi combinazione dei caratteri lettere, cifre e _; le parole chiave riservate non possono essere usate come identificatori; delimitato: una stringa di non più di 128 caratteri racchiusa fra doppi apici; ad es.: SELECT non e un identificatore valido, perché è identico ad una parola chiave riservata, ma SELECT è un identificatore delimitato valido. Tutti questi oggetti sono identificatori: identificatori di autorizzazione; nomi del catalogo; nomi di variabili intervallo; nomi di moduli e procedure; nomi di parametri, nomi di cursori, nomi di frasi. Lo SCHEMA ha un nome che è un identificatore. Questi oggetti hanno nomi che sono identificatori: domini, tabelle base, viste, vincoli. Definizioni di SQL: parentesi angolari < > permettono di isolare un termine della sintassi parentesi quadre [ ] indicano che il termine all interno è opzionale, ovvero può non comparire o comparire una sola volta parentesi graffe { } indicano che il termine racchiuso all interno può non comparire o essere ripetuto un numero arbitrario di volte la barra verticale indica che deve essere scelto uno tra i termini separati da una barra.

10 SQL supporta i seguenti tipi di domini: CHARACTER(n) CHARACTER VARYING(n) BIT(n) BIT VARYING(n) NUMERIC(p,q) DECIMAL(p,q) INTEGER SMALLINT FLOAT(p) Stringa di lunghezza fissa di esattamente n caratteri (n>0) Stringa di lunghezza variabile fino a n caratteri (n>0) Stringa di un numero fisso di n bit (n>0) Stringa di lunghezza variabile fino a n bit (n>0) Numero decimale, p cifre e il segno, con un numero q di cifre dopo la virgola (0 q p,p>0), la precisione e esattamente di p cifre Numero decimale, m cifre e il segno, con un numero q di cifre dopo la virgola (0 q p m,p>0), la precisione e di almeno p cifre Intero con segno Intero con segno Numero rappresentato con virgola mobile. Domini introdotti in SQL-2 Data e ora: DATE giorno/mese/anno TIME TIMESTAMP Intervalli temporali: INTERVAL inizio [ TO fine ] permette di rappresentare intervalli di tempo, ad esempio la durata di un evento

11 Definizione di schema <schema> ::= CREATE SCHEMA [<nome-schema>] [ [AUTHORIZATION] nome-utente] {definizione-degli-elementi-dello-schema} Esempio: CREATE SCHEMA Facolta AUTHORIZATION Verdi Definizione di relazione -> tabella <tabella-base> ::= CREATE TABLE [<nome-tabella>] (<nome-colonna><tipo-colonna> [<valore-di-default>] [<vincolo-colonna>] {,<nome-colonna><tipo-colonna> [<valore-di-default>] [<vincolo-colonna>] } [<vincolo-tabella> {,< vincolo-tabella> } ] ) Definizione delle relazioni della base dati Facolta 1 Esempio: CREATE TABLE STUDENTI (Nome VARCHAR(20), Cognome VARCHAR(30) NOT NULL, Matricola INT UNIQUE NOT NULL CHECK(Matricola>= AND Matricola < ), CL VARCHAR(2), Indirizzo VARCHAR(60) PRIMARY KEY (Matricola)) 2 Esempio: CREATE TABLE INSEGNAMENTI (Codice CHAR(6), NomeInsegnamento VARCHAR(50), NomeDocente VARCHAR(30) PRIMARY KEY (Codice)) 3 Esempio: CREATE TABLE ESAMI (Matricola INT NOT NULL,Data DATE DEFAULT CURRENT_DATE, Codice CHAR(6) NOT NULL, Voto SMALLINT CHECK (Voto>= 18 AND Voto <= 31) PRIMARY KEY (Matricola,Codice), FOREIGN KEY (Matricola) REFERENCES STUDENTI, FOREIGN KEY (Codice) REFERENCES INSEGNAMENTI)

12 Definizione di relazione: vincoli di integrita su attributi di un ennupla la specifica NOT NULL indica che un attributo non puo assumere il valore NULL; il vincolo e implicito se l attributo fa parte della chiave primaria; la clausola: <controllo-di-valore> ::= CHECK (<condizione>) permette di specificare con una condizione i valori ammissibili dell attributo cui si riferisce; con la condizione e possibile specificare vincoli fra i valori di attributi diversi di una stessa ennupla, ma non si possono coinvolgere attributi di piu tabelle; es1: Data DATE CHECK (Data >= 15/06/98 AND Data <= 18/07/98) es2: Colore VARCHAR(8) CHECK (Colore = rosso AND Luogo = Treviso ) la clausola: <valore-di-default> ::= DEFAULT [<costante> niladic-function NULL] permette di specificare un valore che il sistema assegna di default ad un attributo al momento dell inserimento di una nuova ennupla nella base di dati; il valore puo essere: una costante, il valore assunto da una funzione al momento dell inserimento, il valore nullo; es: Voto SMALLINT DEFAULT?? Definizione di relazione: vincoli di integrita intrarelazionali deve sempre essere specificata la chiave primaria di una relazione e deve essere dichiarata con la clausola: <chiave-primaria> ::= PRIMARY KEY [<nome-chiave>] (<attributo> {,<attributo>} ) quindi la chiave primaria: e una sola per ciascuna relazione, puo essere identificata con un suo nome specifico, puo essere formata anche da piu di un attributo; la chiave primaria e obbligatoria quando si devono introdurre vincoli di integrita referenziale; es: PRIMARY KEY ChiavePrimariaEsami (Matricola,Codice) il vincolo UNIQUE richiede che non vi siano duplicati nei valori dell attributo, quindi l attributo e chiave; e possibile definire chiavi formate da piu attributi: <chiave> ::= UNIQUE (<attributo> {,<attributo>} ) es: UNIQUE (Nome,Cognome)

13 Definizione di relazione: vincoli di integrita interrelazionali (1/2) e possibile definire un vincolo di integrita referenziale su chiavi esterne con la seguente clausola: <chiave-esterna> ::= FOREIGN KEY [<nome-chiave-esterna>] (<attributo> {,<attributo>}) REFERENCES <tabella-base-referenziata> [(<attributo>,<attributo>})] [ON DELETE { NO ACTION CASCADE SET NULL}] <tabella-base-referenziata> e una tabella per la quale e gia stata definita la chiave primaria; il nome (o i nomi di attributi) a cui si fa riferimento mediante la specifica REFERENCES puo (possono) essere omesso (omessi) quando e (sono) uguale (uguali) nelle due tabelle; es: questa scrittura FOREIGN KEY FK1 (Matricola) REFERENCES STUDENTI, FOREIGN KEY FK2 (Codice) REFERENCES INSEGNAMENTI e equivalente a FOREIGN KEY FK1 (Matricola) REFERENCES STUDENTI (Matricola), FOREIGN KEY FK2 (Codice) REFERENCES INSEGNAMENTI (Codice) Definizione di relazione: vincoli di integrità interrelazionali (2/2) Le alternative della clausola ON DELETE specificano le azioni da intraprendere nel caso in cui una operazione di cancellazione su <tabella-base-referenziata> potrebbe violare il vincolo di integrità referenziale: NO ACTION rifiuto dell operazione (default, se il vincolo non e specificato) CASCADE SET NULL devono essere cancellate le ennuple che hanno il valore di chiave esterna uguale a quello della chiave primaria delle ennuple cancellate quando si cancella, su questa tabella assegnare valori nulli agli attributi della chiave esterna.

14 Cancellazione di uno schema <cancellazione-schema> ::= DROP SCHEMA <nome-schema> { RESTRICT CASCADE } la clausola RESTRICT fa fallire l operazione di cancellazione se vi sono ancora dati nella base dati; la clausola CASCADE fa cancellare anche tutti gli eventuali dati presenti nella base dati. Esempio: DROP SCHEMA Facolta Cancellazione di una tabella <cancellazione-tabella-base> ::= DROP TABLE <nome-tabella> Nota: per ogni clausola CREATE, c e una corrispondente clausola DROP; in ogni clausola DROP e possibile specificare RESTRICT o CASCADE a seconda delle operazioni che si vuole vengano realizzate con la operazione di cancellazione. Modifica della definizione di una relazione <modifica-relazione> ::= ALTER TABLE <nome-tabella> [<modifica-colonna> <modifica-vincolo>] <modifica-colonna> ::= ADD [COLUMN] <definizione-colonna> ALTER [COLUMN] <colonna> {SET <definizione> DROP DEFAULT} DROP [COLUMN] <colonna> { RESTRICT CASCADE } <modifica-vincolo> ::= ADD <definizione-vincolo-tabella> DROP CONSTRAINT <vincolo> { RESTRICT CASCADE } Es.: ALTER TABLE STUDENTI ADD COLUMN DataNascita DATE ALTER TABLE INSEGNAMENTI DROP NomeDocente RESTRICT ALTER TABLE STUDENTI ADD COLUMN SiglaFacolta CHAR(4) NOT NULL

15 Operazioni di aggiornamento in SQL <inserimento-tupla> ::= INSERT INTO <nome-tabella> [(<lista-nomi-colonna>)] VALUES (<listavalori-colonne>) Es: INSERT INTO STUDENTI VALUES ( Anna, Turchese,355773, IF, Via Piave, 7 - Treviso ) <cancellazione-tupla> ::= DELETE FROM <nome-tabella> WHERE <condizione> Es: DELETE FROM STUDENTI WHERE Matricola= <modifica-tupla> ::= UPDATE <nome-tabella> SET <nome-attributo> = [<espressione> NULL DEFAULT SelectSQL {, <nome-attributo> = <espressione> NULL DEFAULT SelectSQL } ] [WHERE <condizione>] Es: UPDATE STUDENTI SET CL = IN WHERE Matricola > ESAMI INSEGNAMENTI STUDENTI Nome Cognome Matricola CL Indirizzo Paolo Bianchi IF Via Roma, 57 - Padova Gianna Verdi IF Via Larga, 2 - Rovigo Anna Turchese IF Via Piave, 7 - Treviso Fabio Azzurri IF Via Verdi, 45 - Verona Giorgio Rossi IF Via Venezia, 55 - Verona Codice NomeInsegnamento NomeDocente EN3454 Reti di calcolatori M. Tiglio EN4545 Sistemi operativi R. Pino IN3009 Fondamenti di informatica P. Abete IN7007 Basi di dati R. Faggio Matricola Data Codice Voto /02/96 IN /07/97 EN /02/96 IN /02/97 EN /06/97 IN /02/96 IN /02/97 EN /07/97 EN

16 Recupero dati o interrogazioni (query) in SQL <query> ::= SELECT [DISTINCT ALL] [<lista-colonne> * ] FROM <lista-tabelle> [WHERE <condizione>] [GROUP BY <lista-nomi-colonne> [HAVING <condizione>]] [ORDER BY <nome-colonna> [ASC DESC] {,<nome-colonna> [ASC DESC] } ] dove: <lista-colonne> ::= <nome-colonna> <nome-colonna>,<lista-colonne> <nome-colonna> ::= <nome-colonna> AS <nuovo-nome-colonna> <lista-tabelle> ::= <nome-tabella> <nome-tabella>,<lista-tabelle>. La condizione della clausola WHERE puo essere una condizione semplice o composta, mediante gli operatori AND OR e NOT, da predicati semplici, in cui ciascun predicato rappresenta un confronto tra due valori, oppure il predicato puo assumere una forma piu complessa ed essere un valore confrontato con il risultato della esecuzione di una interrogazione SQL, in questo caso si parla di interrogazioni nidificate. Alcuni esempi di uso della frase SELECT Interrogazione: visualizza i valori degli attributi Nome Cognome e Matricola dello studente che ha il numero di matricola = Query: SELECT Nome,Cognome,Matricola FROM STUDENTI WHERE Matricola = SELECT STUDENTI.Nome, STUDENTI.Cognome, STUDENTI.Matricola FROM STUDENTI WHERE (((STUDENTI.Matricola)=344567)); Nome Cognome Matricola Gianna Verdi In algebra relazionale: π Nome,Cognome,Matricola ( σ Matricola= (STUDENTI))

17 Interrogazione: visualizza tutte le tuple della tabella ESAMI Query: SELECT DISTINCT * FROM ESAMI SELECT ESAMI.* FROM ESAMI; Matricola Data Codice Voto /02/96 IN /07/97 EN /02/96 IN /02/97 EN /06/97 IN /02/96 IN /02/97 EN /07/97 EN In algebra relazionale: π Matricola,Data,Codice,Voto (ESAMI) Interrogazione: recuperare Nome,Cognome e Voto degli studenti che hanno sostenuto l esame di Codice = EN3454 Query: SELECT DISTINCT Nome,Cognome,Voto FROM STUDENTI,ESAMI WHERE Codice = EN3454 SELECT STUDENTI.Nome, STUDENTI.Cognome, ESAMI.Voto FROM STUDENTI INNER JOIN ESAMI ON STUDENTI.Matricola = ESAMI.Matricola WHERE (((ESAMI.Codice)="EN3454")); Nome Cognome Voto Gianna Verdi 28 Giorgio Rossi 26 In algebra relazionale: π Nome,Cognome,Voto (STUDENTI Matricola=Matricola (σ Codice= EN3454 (ESAMI)))

18 Interrogazione: fornire il numero totale di tuple presenti nella tabella STUDENTI Query: SELECT COUNT (*) FROM STUDENTI SELECT COUNT (*) FROM STUDENTI; Expr Query: SELECT COUNT (*) AS Valore FROM STUDENTI SELECT COUNT (*) AS Valore FROM STUDENTI; Valore 5 Interrogazione: fornire il nome e il cognome dello studente che ha il numero di matricola uguale a insieme ai voti e ai nomi degli esami che ha sostenuto Query: SELECT STUDENTI.Nome, STUDENTI.Cognome, ESAMI.Voto, INSEGNAMENTI.NomeInsegnamento FROM STUDENTI INNER JOIN (INSEGNAMENTI INNER JOIN ESAMI ON INSEGNAMENTI.Codice = ESAMI.Codice) ON STUDENTI.Matricola = ESAMI.Matricola WHERE (((ESAMI.Matricola)=451232)); Nome Cognome Voto NomeInsegnamento Fabio Azzurri 26 Fondamenti di informatica Risposta per la stessa interrogazione ma Matricola=564578: Nome Cognome Voto NomeInsegnamento Giorgio Rossi 25 Fondamenti di informatica Giorgio Rossi 26 Reti di calcolatori Giorgio Rossi 25 Sistemi operativi

19 Interrogazione: prendendo in considerazione la tabella ESAMI, si fornisca in risposta una tabella che per ogni studente fornisce il numero di esami sostenuti e la media: Query: SELECT Matricola, COUNT(*) AS EsSostenuti, AVG(Voto) AS MediaEsami FROM ESAMI GROUP BY Matricola; Matricola EsSostenuti MediaEsami , Interrogazione: prendendo in considerazione la tabella INSEGNAMENTI, si fornisca in risposta una tabella che contenga in ordine alfabetico le denominazioni degli insegnamenti, la tabella deve contenere anche i corrispondenti codici degli insegnamenti Query: SELECT NomeInsegnamento, Codice FROM INSEGNAMENTI ORDER BY NomeInsegnamento NomeInsegnamento Codice Basi di dati IN7007 Fondamenti di informatica IN3009 Reti di calcolatori EN3454 Sistemi operativi EN4545

20 Definizione di vista o tabella virtuale <vista> ::= CREATE VIEW [<nome-vista>] [ (<nome-colonna> {,<nome-colonna>} ) ] AS <query> La vista, o tabella virtuale, e il risultato di una espressione SQL a partire da altre tabelle, sia base che virtuali. La vista non viene memorizzata effettivamente, quando viene usata in una interrogazione viene utilizzata la sua definizione. Def: CREATE VIEW SituazioneEsami (NCognome,NMatricola,NumEsami) AS SELECT Cognome,Matricola,COUNT(Codice) FROM STUDENTI,ESAMI GROUP BY Cognome,Matricola Uso: SELECT * FROM SituazioneEsami SELECT * FROM SituazioneEsami WHERE NMatricola= Interrogazione (query): prendendo in considerazione le tabelle STUDENTI e ESAMI, si fornisca in risposta la tabella che per ogni studente fornisce il cognome, il numero di matricola e il numero di esami registrati SELECT Cognome, Matricola, Count(Codice) FROM ESAMI,STUDENTI GROUP BY Cognome, Matricola; SELECT STUDENTI.Cognome, STUDENTI.Matricola, Count(ESAMI.Codice) AS ConteggioDiCodice FROM STUDENTI INNER JOIN ESAMI ON STUDENTI.Matricola = ESAMI.Matricola GROUP BY STUDENTI.Cognome, STUDENTI.Matricola; Cognome Matricola ConteggioDiCodice Azzurri Bianchi Rossi Verdi

21 SELECT STUDENTI.Cognome, STUDENTI.Matricola, SUM(ESAMI.Voto) FROM STUDENTI INNER JOIN ESAMI ON STUDENTI.Matricola = ESAMI.Matricola GROUP BY STUDENTI.Cognome, STUDENTI.Matricola; Cognome Matricola Expr1002 Azzurri Bianchi Rossi Verdi SELECT STUDENTI.Cognome, STUDENTI.Matricola, AVG(ESAMI.Voto) FROM STUDENTI INNER JOIN ESAMI ON STUDENTI.Matricola = ESAMI.Matricola GROUP BY STUDENTI.Cognome, STUDENTI.Matricola; Cognome Matricola Expr1002 Azzurri Bianchi Rossi , Verdi SELECT ESAMI.Codice,COUNT(ESAMI.Codice) FROM ESAMI GROUP BY ESAMI.Codice; Codice Expr1001 EN EN IN SELECT ESAMI.Data,ESAMI.Codice,COUNT(ESAMI.Codice) FROM ESAMI GROUP BY ESAMI.Data,ESAMI.Codice; Data Codice Expr /02/96 IN /02/96 IN /02/97 EN /06/97 IN /07/97 EN4545 2

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 1 Il linguaggio SQL Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 2 Introduzione SQL (Structured Query Language)

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste AEROPORTO (Città, Nazione, NumPiste) VOLO (IdVolo, GiornoSett, CittàPart, OraPart, CittàArr, OraArr, TipoAereo) AEREO (TipoAereo, NumPasseggeri, QtaMerci) Datalog - Aeroporti da cui non partono aerei per

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

CA RC/Update for DB2 for z/os

CA RC/Update for DB2 for z/os SCHEDA PRODOTTO CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os (CA RC/Update) è uno strumento di gestione di dati e oggetti DB2 che consente agli amministratori

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

SQL. Dipartimento del Tesoro

SQL. Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro SQL 1 Database...4 1.1 COS È UN DATABASE...4 1.2 DAGLI ARCHIVI AI DBMS...5 1.3 VANTAGGI OFFERTI DAI DBMS...6 1.4 INDIPENDENZA DEI DATI DALL APPLICAZIONE...7 1.5 RISERVATEZZA NELL

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI

SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI c 88-08-07003-4 1 Approfondimenti Capitolo 2 SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI I sistemi relazionali ad oggetti sono sistemi basati sul modello dei dati relazionale esteso con le caratteristiche tipiche

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Esempio sull'utilizzo dell'osservatorio Virtuale Gli asteroidi Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Distribuzione degli asteroidi Il Sistema Solare è composto

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale Programmazione Funzionale LP imperativi: apparenza simile modello di progettazione = macchina fisica Famiglia dei LP imperativi = progressivo miglioramento del FORTRAN Obiezione: pesante aderenza dei LP

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20

Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20 Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20 Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili in Note legali a pag. 162. Questa versione si applica

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili IT MANUALE TECNICO MT SBC 0 Videocitofonia a colori con cablaggio a fili Assistenza tecnica Italia 046/750090 Commerciale Italia 046/75009 Technical service abroad (+9) 04675009 Export department (+9)

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI di Luca Carnini Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in Ingegneria informatica Politecnico di Milano sede

Dettagli

I Metacaratteri della Shell Unix

I Metacaratteri della Shell Unix I Metacaratteri della Shell Unix La shell Unix riconosce alcuni caratteri speciali, chiamati metacaratteri, che possono comparire nei comandi. Quando l utente invia un comando, la shell lo scandisce alla

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli