Il Marinato Dalmatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Marinato Dalmatico"

Transcript

1 Zara nel ricordo del suo cimitero Il Marinato Dalmatico Credo sia giusto iniziare a dire che gli autori del libro dedicato al cimitero di Zara sono esuli nati e cresciuti in terra di confine fra genti use da sempre a vivere insieme, battendosi per affermare la propria etnia, la lingua, la cultura e la civiltà che rappresentano. Beni di difficile comprensione per chi sia nato a Venezia, Milano, Roma o Torino e da generazioni consideri la lingua che parla e la città in cui è nato qualche cosa che non ha bisogno di essere difeso se non in circostanze eccezionali. Uno dei motivi di questo libro è il desiderio di contribuire a riprendere un rapporto interrotto da eventi bellici più grandi di noi e nello stesso tempo riaffermare, se ce ne fosse bisogno, la nostra presenza, anche se oggi siamo fisicamente lontani, di italiani di Dalmazia. Desidera essere un atto di amore alla città da parte dei suoi cittadini esuli in Italia e nel mondo. La guerra finì e Zara era una rovina. Le devastazioni di 54 bombardamenti l avevano resa quasi irriconoscibile. Case sventrate, strade e piazze impraticabili e dovunque cumuli di macerie. Anche lo spirito dei cittadini aveva dovuto superare prove durissime. Restavano ritti solo gli orgogliosi campanili ad affermare una fede mai perduta e la caparbia volontà di continuare a vivere. Un luogo era rimasto quasi inviolato: il cimitero. Anzi si può dire che i morti aiutarono i vivi quando, sotto la furia dei bombardamenti, il cimitero vide molti cittadini trovare rifugio tra le mura del suo recinto dove ebbero anche sede alcuni uffici comunali della città ferita. Era allora come oggi un luogo di pace e di preghiera dove si ritrova la patria perduta. Venne l esodo e gli anni che seguirono furono per gli italiani di Zara pieni di incertezze, 1

2 ma tesi a ricostruire una vita e riconquistare la dimensione umana e civile che avevano perduto perdendo Zara. Il cuore in quegli anni era spesso là. Immaginavo di passeggiare per le vie e le calli riconoscendo cose e luoghi, ricordando i nomi e i volti degli amici più cari e rivivendo con nostalgia gli anni della giovinezza pieni di gioia e di allegria. Il ricordo della città perduta ed una preghiera dedicata ai nostri santi protettori divennero un rifugio in quei giorni, specie nei momenti più tristi e difficili. Un altro pensiero era ricorrente, il ricordo dei defunti che avevamo lasciato a Zara, di coloro che portiamo nel cuore e non ci sono più. Fu per essi che nacque il rapporto con la città. Un piccolo foglio di carta scritto in un altra lingua, un nome, un timbro e una firma; era la ricevuta dell avvenuto pagamento delle tasse per la tomba di famiglia. Tutto e nulla di Zara per noi in quegli anni. Era consegnata ai proprietari dall allora custode del cimitero Antonio Gherdovic, un uomo che per l incarico che ricopriva era per noi un autorità ed un punto di riferimento. Desidero dedicare un doveroso omaggio alla memoria di quest uomo che fino all ultimo si dimostrò amico offrendo cura cristiana alle nostre tombe. Iniziarono i ritorni. Le visite alla città divennero sempre più frequenti e numerose e, per me, ogni volta quel viaggio significava soprattutto portare un fiore su una tomba e recitare una preghiera accanto ad una lapide. Confidare finalmente da vicino le speranze, i dolori e i desideri ai soli che potessero ascoltare e capire. I ritorni, il sacro culto dei defunti e il sentimento religioso mi fecero immaginare il giorno in cui tutti gli italiani di Zara potessero ritornare per l ultima volta e per sempre a riposare in quel cimitero sotto gli alberi, vicino al mare. Follia? Sublimazione dell amore per la città. Non so. Certo era un bel sogno. Sembrava in quegli anni che culture diverse e una guerra dolorosissima e per noi tanto tragica avrebbero impedito qualsiasi possibilità di colloquio con le autorità locali. 2

3 Non fu così. Gli anni settanta videro nascere nella nostra comunità un nuovo, diverso interesse per il cimitero trovando civile comprensione presso le persone e l ente Nasadi che gestisce il cimitero. La reciproca disponibilità al colloquio contribuì a far nascere molte iniziative. Di alcune ebbi notizie indirette, in altre fui coinvolta personalmente. Fra tutte, forse la più importante per i fatti che seguirono, fu quella iniziata da Giuseppe Marussich. Suoi furono i primi informali rapporti con l ente di gestione Nasadi del cimitero e il merito di aver iniziato un rapporto che era sembrato fino allora impossibile, fornendo un dettagliato preventivo datato 10 gennaio 1973 delle spese per il restauro di 119 tombe in cattivo stato di conservazione, preventivo che fu tradotto dal sig. Tommaso Ivanov. Questo atto confermò ciò che già conoscevamo, e rivelò che il nostro diritto di proprietà ci era formalmente riconosciuto. In quegli anni tuttavia erano in molti a parlare del cimitero, ma nessuno sapeva come prendere l iniziativa e trovare risposta ai numerosi problemi che si prospettavano. Fu allora che al raduno annuale degli zaratini a Vicenza nel 1972, affermai che le donne di Zara si sarebbero occupate del cimitero, ma l idea generò solo critiche e perplessità. Sembrava a tutti strano che le donne sarebbero riuscite in un così difficile compito. Ma, secondo il principio che la maggioranza non conta, continuai ad elaborare il mio progetto. Mi aiutò una lettera del dott. Guido Calbiani, datata , che così scriveva: per ciò che si riferisce al Madrinato le confesso che la cosa mi sembra di non facile realizzazione, non fosse altro che per la dispersione fisica delle persone; comunque le sarei grato se ella volesse precisarmi i compiti da assegnare a tale Madrinato e il suo modo di funzionare. Fu una provvidenziale provocazione. Organizzai subito un comitato promotore con le amiche residenti a Padova, Daria Machiedo Politeo, Carmen Matzenik Cronia, Elisa Perlotti, alle quali in un secondo tempo si unirono le sorelle Maria e Lidia Hunger, Gina Zauner, Nora Millich Marsan, Nora Raccamarich Fekeza, Franca (Didi) Salghetti Drioli Caldana. 3

4 Il Madrinato iniziò la sua attività nel marzo I problemi da risolvere erano tanti e complessi. Superato il primo punto col riconoscimento da parte jugoslava dell esistenza di tombe italiane in cimitero, bisognava risolverne un altro altrettanto importante: a quali condizioni e con quali modalità avremmo potuto conservare il contratto d uso delle nostre tombe per mantenerle in proprietà. Inoltre non era facile avere una situazione completa ed aggiornata del cimitero per intraprendere un rapporto con i proprietari od eredi della gran parte dei quali ignoravamo l indirizzo. Ma davanti a queste difficoltà non ci lasciammo scoraggiare, anzi trovammo nuovo e maggior entusiasmo per l opera alla quale ci eravamo impegnate. Il compito era difficile, ma non impossibile. Per prima cosa pensammo che bisognava basare la nostra iniziativa su qualche cosa di positivo, su una legge, una convenzione che ci doveva essere tra l Italia e la Jugoslavia a seguito del trattato di pace e che si doveva trovare nelle Gazzette Ufficiali della nostra repubblica. Con pazienza trovammo la legge che faceva al nostro caso, (19-20 settembre 1962 n ) dove è scritto: Convenzione fra l italia e la Jugoslavia perla reciproca assistenza giudiziaria in materia civile e amministrativa - Roma 3 dicembre e più avanti nel cap.xx: Legalizzazione dei documenti: Gli atti sia pubblici che privati hanno pieno valore di autenticità nel territorio dell altro, senza necessità di legalizzazione da parte delle autorità diplomatiche o consolari. Firmato a Roma per l Italia dal Ministro degli Esteri Segni e per la parte jugoslava dal Ministro degli Esteri Koca Popovic. Arrivate a questo punto con le informazioni acquisite decidemmo - Daria Politeo ed io - di andare a Zara nel luglio dello stesso anno 1973 per verificare ciò che si poteva fare per le nostre tombe e soprattutto per vedere come la nostra iniziativa sarebbe stata accolta da chi aveva il compito di rispondere alle nostre domande. 4

5 Il primo incontro col nuovo custode del cimitero (l amico Gherdovic era in pensione) fu quasi uno scontro e non poteva che essere così: ci si accusava di ricordare le nostre tombe appena dopo 30 anni mentre noi affermavamo con energia che, malgrado le tasse pagate, il cimitero si trovava nel più completo abbandono. Una cinquantina di tombe erano in regola con le tasse pagate per lo più da care amiche rimaste a Zara, Maria Erzeg, Fanny Jacovcev, Tonka Dimitrovic che avevano anticipato il pagamento e da altre buone donne che erano nelle nostre case come collaboratrici domestiche (come si dice oggi). Ma le altre centinaia di tombe che restavano, di chi erano? Dove si trovavano i proprietari? La mattina del 5 luglio 1973, dopo la brutta accoglienza avuta in cimitero, con tanta apprensione ci recammo alla direzione per parlare col direttore. La direzione Nasadi si trova in parco dove una volta abitavano i Colonna e i Bittner dove c era il parco macchine del nostro comune: Fummo ricevute con cortesia dall allora direttore Sig. Marin e, parlando in croato, ci presentammo come inviate dagli zaratini che si trovavano in Italia, proprietari di tombe nel cimitero, per sapere in base alla convenzione tra Italia e Jugoslavia del 1960 cosa dovevano fare per mantenere la proprietà delle tombe italiane di Zara. A questo punto ci interrompemmo e, data l importanza della nostra richiesta che poteva decidere le sorti del Madrinato, chiedemmo di parlare in italiano per intenderci meglio nel timore che col nostro croato non tanto perfetto non fossimo capaci di spiegare a dovere le nostre richieste e nello stesso tempo, cosa ancora più importante, non capire esattamente le risposte del direttore in merito alla conservazione delle nostre tombe. Gentilmente il direttore acconsentì e chiamò a fare da interprete il sig. Denaro, zaratino che parla bene l italiano. Così interpellato il direttore ci rispose: bisogna che i proprietari o eredi ci facciano avere un atto notorio o notarile (tradotto in croato) che provi il diritto al mantenimento della proprietà e che paghino le tasse annuali come tutti i cittadini jugoslavi. 5

6 Il primo passo, e penso il più importante, era fatto; risolto con nostra soddisfazione non avendo il direttore accennato al rinnovo del contratto d uso delle tombe, ma solamente al pagamento delle tasse cimiteriali annuali. Gli altri incontri con la direzione del cimitero furono sempre più facili e per me, che ne ero la prima testimone, risultò una gara di comprensione reciproca. Ci occupammo in particolare delle tombe della sezione A la più numerosa, quella delimitata da un muro di cinta che ha sulla porta la scritta: IN LUCEM AETERNAM. Essa comprende 830 tombe, molte di pregevole fattura e per lo più in pietra d Istria o in quella dalmata dell isola di Brazza; la stessa usata per la costruzione del palazzo di Diocleziano che gli slavi chiamavano veselje. Questa sezione racchiude il primo nucleo di tombe con al centro una grande croce di pietra. Le norme che regolano la vita del cimitero sono leggi comunali che non fanno alcuna distinzione di nazionalità per quanto riguarda il pagamento delle tasse, la manutenzione delle tombe e i relativi restauri. Su nostra richiesta fu ottenuto un decreto che riconoscesse la nostra proprietà, usufrutto perpetuo nella legislazione socialista jugoslava, rilasciato dietro presentazione di un atto notorio o notarile in cui veniva affermato il diritto e corredato dalla traduzione in lingua croata secondo gli accordi - già citati italo-jugoslavi del In un primo tempo tale atto non era difforme da quello rilasciato ai cittadini jugoslavi che acquisivano il diritto all acquisto di una tomba. Chiedemmo, e ci fu concesso, che sul decreto fosse scritto che non si trattava di acquisto, ma del riconoscimento del diritto di mantenere la proprietà della tomba. (izjava = dichiarazione). Ai cittadini italiani, come per altro a tutti gli stranieri, non è consentito di acquistare una nuova tomba, è concesso soltanto il mantenimento della proprietà o riceverla per successione. Tutte le tombe che non risultino in regola con la presentazione dei documenti richiesti o in mora con il pagamento delle tasse sono passibili di esproprio senza alcun indennizzo. Lamentiamo 187 nazionalizzazioni comprese circa 50 tombe austriache di vecchia data. 6

7 Salvo rare eccezioni le tombe finora espropriate sono senza eredi, appartenendo a famiglie italiane ormai estinte. LUGLIO 1975 Risolti i problemi principali per la conservazione delle nostre tombe, al Madrinato mancava l elenco di tutte le 830 tombe che si trovano nella sezione A del Sacro recinto. Con tanta buona volontà iniziammo a leggere e registrare i nomi scritti sulle lastre tombali. La cosa presentava molte difficoltà. Molti nomi non c erano più, altri non erano completi, le lettere in metallo erano cadute e i nomi incisi coperti da uno strato di terra duro come il cemento che né con le mani, né grattando con la suola delle scarpe veniva via. Chiedemmo l aiuto del custode per decifrare tutti i nomi delle tombe che lui aveva elencato in un quaderno. Così un poco alla volta fu risolto anche questo problema. Con gli elenchi aggiornati fu completa la ricerca dei proprietari delle tombe; oltre ai residenti in Italia trovammo una famiglia, Matacich Ugo in South Africa a Johannesburg. Oggi il Madrinato ha concluso questo compito di ricerca perché il 31 dicembre 1979 sono stati chiusi i termini per la presentazione delle domande di riconoscimento della proprietà. Ora si tratta di mantenere un buon rapporto con l ente di gestione del cimitero Nasadi, pagare le tasse cimiteriali per non perdere il diritto alla proprietà, sorvegliare che le tombe riconosciute in proprietà non vadano in rovina, continuare i rapporti sempre improntati alla massima collaborazione con le autorità consolari di Spalato. Le tombe italiane riconosciute dalle autorità jugoslave nel cimitero sono 408 (agosto 1985) comprese nelle sezioni A-B-C-GRECO ORTODOSSA. Così distribuite: 379 nella sezione A 16 nella sezione B 9 nella sezione C 4 nel reparto greco-ortodosso 7

8 Totale: 408 Per 71 di queste le tasse sono pagate direttamente dai proprietari o parenti o amici residenti a Zara. Le rimanenti 337 sono pagate dal Madrinato per incarico dei proprietari od eredi. Le tasse sono di tre categorie I-II-III che vengono definite secondo lo spazio occupato. Il pagamento viene effettuato tramite la Banca Commerciale Italiana alla Privredna Banka di Zagabria sul conto della direzione del cimitero che ci rilascia la ricevuta del pagamento effettuato che ci facciamo premura di spedire all interessato. L importo dovuto annualmente dai proprietari o eredi per la tomba è fissato secondo il cambio ufficiale del dinaro. Alle 408 tombe italiane con regolare decreto bisogna aggiungere le 32 tombe italiane nel cimitero privato di Oltre (Preko, nel canale di Zara) curato dai Frati Francescani Conventuali e i 90 loculi dell ossario dei caduti della guerra Sono in totale 530 tombe dei nostri morti rimasti a Zara che dobbiamo curare. Dal 1974 al 1984 abbiamo provveduto al restauro di parecchie tombe che l usura del tempo e gli agenti atmosferici avevano rovinate. Dopo il rifacimento totale del tetto delle arcate di destra fatto nel 1974, seguirono altri restauri di cui 41 a spese dei proprietari o eredi e 7 a carico del Madrinato che ha anche provveduto alla costruzione di canalette divisorie tra tomba e tomba per rinforzare gli zoccoli sui quali poggia la lastra tombale, nella speranza di impedire la crescita disordinata delle erbacce. Il Madrinato ha fatto anche ripristinare nominativi cancellati o corrosi dal tempo. Bisogna pensare che molte delle nostre tombe sono state costruite negli ultimi anni del È stato completamente rifatto il portale in ferro battuto della Cappella Manzin costruita nel lontano 1896 a spese del sig. Giuseppe Marussich. Il Madrinato ha provveduto soltanto alla spesa della messa in opera e sistemazione dei vetri sul portale. Il lavoro di restauro continua sempre con interesse anche se è un lavoro difficile da realizzare. 8

9 Nel 1978, su segnalazione del Madrinato che ha provveduto a concordarne il preventivo di spesa, è stato restaurato l ossario dei caduti nella guerra Restauro realizzato, con l interessamento del vice Console di Spalato dott. Romolo di Stazio, dal Ministero della Difesa - Commissariato onoranze ai caduti. Sono stati rifatti tutti i nominativi dei 90 loculi, sistemato completamente il famedio compresa la pavimentazione del sacro recinto. Ora il famedio è curato dalla direzione del cimitero che riceve un compenso annuale dallo Stato Italiano. Il comitato organizzatore costituito nel 1973 durò in carica per ben sei anni prima di costituirsi con atto pubblico il 26 settembre 1979 in Associazione Madrinato Dalmatico per la conservazione delle tombe italiane a Zara, Associazione dei proprietari od eredi delle tombe che per statuto è condotta e diretta dalle donne zaratine. E per donne zaratine desidero si considerino anche tutte le mogli non zaratine e le loro figlie. Sei anni durante i quali perdemmo alcune delle prime fondatrici del Madrinato: l amica carissima Daria Machiedo Politeo che profuse nel nostro lavoro fino all ultimo tutta la sua intelligenza e sensibilità, le care Elisa Perlotti e Maria Hunger che ci hanno lasciato un grande vuoto. A tutte il mio omaggio affettuoso nel commosso ricordo della strada percorsa insieme. Furono anni che non dimenticherò e che non possono essere riassunti in queste poche righe. Lascio alla fantasia del lettore immaginare quanto sia facile dedurre da un cognome inciso su una lapide la parentela che ti consenta di reperire il proprietario o l erede della tomba. A questo punto è doveroso ricordare i sostenitori del Madrinato per ringraziarli dell appoggio che ci hanno dato nella realizzazione del nostro impegno. Primo fra tutti, mai abbastanza compianto, il dott. Guido Calbiani che ha aiutato tanto il Madrinato nel difficile compito di avviare la prima fase del lavoro per riuscire ad ottenere il risultato che abbiamo conseguito. 9

10 Peccato che sia mancato, ancora oggi dopo dieci anni dalla sua morte sentiamo la sua mancanza. Il dott. Nerino Rismondo che, dopo la morte del compianto Calbiani ci è stato sempre vicino, prodigo di aiuti e di consigli di cui sempre abbiamo tenuto conto. Abbiamo avuto anche altri collaboratori che meritano una particolare menzione: Dott. Francesco Luxardo che è il garante del Madrinato presso la Banca Commerciale Italiana. Il c/c è intestato Madrinato Dalmatico (non ad personam) anche se, come sapete, la nostra Associazione non è retta ad ente morale. È un Associazione nostalgica di pietà degli zaratini vivi per gli zaratini morti che sono rimasti a Zara, nelle loro tombe. Tommaso Ivanov che ci ha aiutato per le traduzioni dal croato e come interprete presso le autorità jugoslave. Col. Ernesto Sabalich che ha provveduto a fare tutte le traduzioni in croato dei documenti in lingua italiana. Fino al gennaio 1975 la cassiera fu Daria Machiedo Politeo. Alla sua dolorosa dipartita pregai l amico Guido Bakos di prendere il suo posto. Alla mia richiesta se voleva aiutare il Madrinato mi rispose: Son zaratin, anche se son nato a Risano nelle Bocche di Cattaro, farò tutto volentieri. Così dal giugno 1975 all agosto 1983 ha assolto l incarico di far quadrare e controllare i conti del Madrinato. Ora è ospite di una casa di riposo, la sua salute non gli permette di mantenere l impegno e abbiamo dovuto provvedere alla sua sostituzione. A tutti i collaboratori va il nostro ringraziamento più sentito per l aiuto che hanno dato disinteressatamente in appoggio al lavoro delle donne zaratine e al dott. Francesco Luxardo, oltre al ringraziamento, la preghiera di continuare la sua assistenza presso la Banca Commerciale Italiana. La sede del Madrinato è a Padova in Via Castelfidardo 18 bis dove ognuno, volendo, può consultare l archivio e l interessante documentazione che il Madrinato ha raccolto in questi anni. 10

11 Prima di chiudere la storia del Madrinato desidero ricordare a tutti gli Zaratini la sensibilità culturale e l onestà morale della dott. Xenia Radulic che, in funzione direttiva di un ente simile alla nostra Sovraintendenza alle Bellearti, contribuì a far riconoscere il cimitero di Zara come monumento meritevole di tutela per il patrimonio storico ed artistico che rappresenta, affermando inoltre l obbligo del mantenimento delle lapidi originali delle tombe. Disposizioni che dopo la sua morte non sono state rispettate. I rapporti del Madrinato con la Direzione del Cimitero Nasadi sono corretti e improntati alla collaborazione reciproca. Abbiamo trovato comprensione nel 1973 dall ora Direttore sig. Marin, e possiamo ancora contare sull appoggio dell attuale Direttore sig. Savkovic. Alla disponibilità del direttore dobbiamo aggiungere quella dell addetto all ufficio del cimitero sig. Mate Matak. Ecco la piccola, grande storia del Madrinato, piccola se paragonata alle nostre vite, ma grande per la volontà e l amore con cui è stata vissuta. Le donne zaratine hanno già ricevuto il loro premio e ringraziamento realizzando tutti gli obiettivi che si erano prefisse. Desiderano che sia riconosciuto il merito che loro compete, quello d aver fatto mantenere il rispetto delle nostre tombe che testimoniano più di un secolo della vita della nostra Zara. Luglio, 1985 Caterina Fradelli Varisco 11

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944)

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) Posizione della Santa Chiesa Queste apparizioni della Madre di Dio non hanno ancora ottenuto il verdetto di autentica

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia PRATICA DEL SONEN Testo esplicativo Il gabinetto della Presidenza della Chiesa Messianica Mondiale del Brasile ha ricevuto molti e-mails da membri che chiedevano il testo

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità)

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità) LetteradiNatale2015dell'AbateGeneraleOCist Misericordiosi))come))il))Padre) Roma,8dicembre2015 Solennitàdell'Immacolata Carissimi Vi scrivo questa lettera di Natale proprio mentre inizia il Giubileo della

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Croce Rossa e Avis in lutto per la morte di Melania Bonvini

Croce Rossa e Avis in lutto per la morte di Melania Bonvini Croce Rossa e Avis in lutto per la morte di Melania Bonvini Laboriosità, generosità e gratuità. Tre semplici parole per descrivere una grande donna, una grande donna che ha dedicato la sua vita all'associazionismo

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo.

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. 1 Tito ha una paralisi cerebrale. 2 Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. Nel 1489, Pietro Lombardo progettò la Scuola Grande di San Marco. Fu la Scuola Grande di San Marco, progettata

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

Al carissimo Bernardo Ciddio Michele di Thunder Bay

Al carissimo Bernardo Ciddio Michele di Thunder Bay GRIMALDI 2000 Ottobre/Novembre 2005 Società 8 Al carissimo Bernardo Ciddio Michele di Thunder Bay Michele carissimo, ho ricevuto la mensa folla di parenti ed amici erano lì to, la stima per il grande coraggio

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato)

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato) Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

favola di Eleonora Eleonori

favola di Eleonora Eleonori LA LA STORIA STORIA DEL DEL PICCHIO PICCHIO FILIPPO FILIPPO favola di Eleonora Eleonori Questa è la storia del picchio Filippo e della sua famiglia composta di moglie e tre figlioletti: Rino, Pino e Mino.

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ==========================

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ========================== REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ========================== INDICE 1. Amministrazione e sorveglianza 2. Suddivisione e utilizzazione dell area del cimitero 3. Disposizioni per il campo comune

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA.

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA. CELI 3 2 fascicolo UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA (Punteggio della prova: 20 punti) Tempo: 45 minuti Cognome

Dettagli

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato)

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato) Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Viaggio in Senegal ottobre 2013

Viaggio in Senegal ottobre 2013 Viaggio in Senegal ottobre 2013 Dal 26 ottobre al 1 novembre, 11 persone, 4 dentisti ( 2 dentisti e 2 aiuti), 5 terapeuti Esseni, 1 consulente per i problemi articolari e un accompagnatrie per la logistica

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università Terebinto 11 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Oggi sono terminati i lavori alla Mpiri Full primary School... che erano iniziati mesi fa. Era l'inizio di Maggio e il progetto diceva?

Oggi sono terminati i lavori alla Mpiri Full primary School... che erano iniziati mesi fa. Era l'inizio di Maggio e il progetto diceva? Carissimi della Parrocchia San Luigi di Montfort in Roma. Un carissimo saluto da tutta la comunità di Mpiri che nella ricorrenza domenicale oggi 4 Novembre 2007 ha un motivo in più per ringraziare quell

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco)

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco) INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA (Nepi Veneto Grugliasco) ASSISI, 3 5 aprile 2009 Dal 3 al 5 aprile 09 ci siamo ritrovati ad Assisi come Laici Missionari della Consolata di Nepi,

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli