La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti"

Transcript

1 La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti Alessandro Mazzeranghi, Rossano Rossetti MECQ S.r.l. Quanto è importante la manutenzione negli ambienti di lavoro? E cosa deve fare il datore di lavoro su questo tema delicato e complesso? Queste sono le domande a cui vogliamo rispondere partendo dal dettame legislativo del D.Lgs. 81/2008 e non dimenticando alcune delle indicazioni originali della nuova direttiva macchine 2006/42/CE, principalmente entrando nel concreto delle attività di prevenzione delle situazioni pericolose. Di cosa parliamo Vediamo cosa intende il D.Lgs. 81/08 al Titolo III con il termine manutenzione : il mantenimento nel tempo, a carico del Datore di Lavoro, della conformità delle attrezzature di lavoro (macchine e impianti) ai requisiti essenziali di sicurezza, espressi all articolo 70. Per attività di manutenzione si intende quindi una attività di ripristino di una situazione definita, da non confondere con attività di modifica volte a creare situazioni che precedentemente non esistevano. Facciamo qualche esempio: se sostituisco un componente guasto con uno della medesima marca e modello sto eseguendo un ripristino delle condizioni precedenti al guasto; lo stesso vale se utilizzo un componente di altra marca e modello, ma avente le medesime caratteristiche. Invece se intervengo su un impianto per modificarne le caratteristiche (per esempio per incrementare la velocità di un mandrino o per aumentare la pressione del circuito idraulico di una pressa) effettuo un cambiamento, questione che dal punto di vista della sicurezza deve essere gestita secondo criteri specifici che nulla hanno a che vedere con quelli inerenti la manutenzione. Di questi non tratteremo in questa sede. Invece parleremo di un altro tema riconducibile alla manutenzione, e agli aspetti di sicurezza, che sono le verifiche periodiche, ovvero quelle verifiche volte a controllare se su una macchina o su un impianto si sono avuti deterioramenti che potrebbero preludere a guasti, anche pericolosi. Manutenzione e sicurezza Per prima cosa istituiamo il legame logico fra manutenzione e sicurezza: le macchine e gli impianti dovrebbero essere progettati e fabbricati in modo tale da essere sicuri durante l uso, la pulizia e anche la manutenzione. Se così non fosse la valutazione dei rischi (del Datore di Lavoro) dovrebbe avere comunque rilevato i problemi e dato origine ad idonei interventi di adeguamento. Quindi la nostra situazione di riferimento è un insieme di macchine e impianti per quanto possibile intrinsecamente sicuri e caratterizzati da rischi residui che possono essere adeguatamente tenuti sotto controllo se si opera in modo opportuno. Tale situazione può essere variata dalle modifiche su macchine/impianti di cui abbiamo trattato, e dal 1

2 deterioramento e dai guasti che potrebbero comprometterne le condizioni di sicurezza iniziali. Da qui la necessità di mantenere nel tempo le condizioni di sicurezza attraverso la manutenzione e le verifiche periodiche. Impostazione della manutenzione secondo D.Lgs. 81/2008 Come detto nel titolo parliamo di macchine e impianti; il passaggio rilevante sull argomento (ma non il solo; basti pensare a quanto richiesto dall articolo 30 in merito ai modelli di organizzazione e gestione esimenti della responsabilità amministrativa dell azienda) lo troviamo nel già citato titolo III capo I che riguarda la sicurezza delle attrezzature di lavoro. Qui il legislatore dispone che: - le attrezzature di lavoro siano sottoposte ad interventi di controllo periodici, secondo frequenze stabilite in base alle indicazioni fornite dai fabbricanti, ovvero dalle norme di buona tecnica, o in assenza di queste ultime, desumibili da codici di buona prassi; - le attrezzature di lavoro siano sottoposte ad interventi di controllo straordinari al fine di garantire il mantenimento di buone condizioni di sicurezza, ogni volta che intervengano eventi eccezionali che possano avere conseguenze pregiudizievoli per la sicurezza delle attrezzature di lavoro (riparazioni, trasformazioni, incidenti, ); - gli interventi di controllo siano effettuati da persona competente; - le registrazioni degli interventi siano conservate per almeno tre anni. Dove è la novità? Che per la prima volta le verifiche periodiche sono lasciate alla valutazione del Datore di Lavoro e non sono definite in un allegato vincolante che dice cosa verificare e con quale frequenza. Criteri base per la definizione dei piani di manutenzione / verifica periodica Il criterio per la definizione dei piani di manutenzione, come indicato in figura, ci viene direttamente dalla lettura di quanto riportato nel D.Lgs. 81/08, ovvero: 1. individuare tramite censimento tutti i componenti di macchine e impianti che a seguito della perdita della conformità iniziale possano generare pericoli per la salute e sicurezza dei Lavoratori; 2. reperire le informazioni dei fabbricanti (ricordiamo che per le attrezzature post Direttiva 2006/42/CE, la presenza di un manuale di uso e manutenzione contente misure di manutenzione preventiva, è diventata un obbligo del costruttore); 3. realizzare il piano di manutenzione e le check list per la registrazione dell attività. 2

3 Una volta censite le macchine e gli impianti da inserire nel piano di manutenzione, si estraggono dai manuali dei Fabbricanti le indicazioni sugli intervalli di manutenzione. In questa fase si manifestano le prime difficoltà: - assenza di informazioni dei fabbricanti (prevalentemente per macchine e impianti costruiti in assenza di direttive comunitarie); - assenza di informazioni utili ai fini del mantenimento della sicurezza tra le indicazioni dei fabbricanti (in molti manuali si trovano indicazioni sulla sostituzioni di parti che incidono sull operatività della macchina o impianto e non sul mantenimento dei requisiti di sicurezza). Quindi come dobbiamo comportarci? La legge indica come alternativa alle informazioni dei Fabbricanti le norme di buona tecnica, o in assenza di queste ultime, codici di buona prassi: informazioni disponibili prevalentemente per quanto riguarda il settore elettrico e non quello meccanico (ad eccezione di linee guida predisposte dagli organismi di controllo, come quella per i carrelli elevatori realizzata dalla ISPESL). In queste condizioni è quindi il Datore di Lavoro che effettua una valutazione dei rischi e individua le attività di manutenzione finalizzate al mantenimento dei requisiti di sicurezza, avvalendosi di diversi strumenti, più o meno complessi, come ad esempio analisi dei rischi con approcci ingegneristici (FTA, HAZOP, FMECA etc.). Il risultato di queste analisi dovrà quindi essere inserito in un piano di manutenzione e dovranno essere realizzate le check list per la registrazione dell avvenuta manutenzione. 3

4 Come definisco i componenti e gli intervalli di manutenzione? 4

5 Possibili approcci tecnici Un possibile approccio per definire gli intervalli di manutenzione e identificare i componenti da mantenere, in mancanza delle suddette informazioni e relativamente a macchine semplici potrebbe essere il seguente: inserire nel piano i dispositivi di sicurezza, i ripari ecc. che sono già stati individuati nella valutazione dei rischi. La frequenza delle verifiche deve essere adeguata alla situazione in cui si è chiamati a intervenire, e sulla base della gravità del rischio collegato alla protezione o sistema di sicurezza in oggetto di verifica, della tipologia della protezione o del sistema di sicurezza da verificare (in dipendenza delle probabilità di guasto), della difficoltà e dal tempo necessario all esecuzione della verifica, in modo da evitare che le verifiche stesse risultino di difficile applicazione. Elementi di organizzazione della attività Per attuare quanto richiesto dalla legge, l organizzazione aziendale ha la necessità di mettere sotto controllo il processo di manutenzione, non solo per la definizione iniziale del piano, ma anche per l attuazione dello stesso e per il mantenimento nel tempo di tale requisiti in virtù anche delle modifiche su macchine e impianti e/o i nuovi inserimenti. I passaggi chiave da controllare sono quindi: Registrazioni: la organizzazione dovrà stabilire chi effettua le registrazioni delle verifiche periodiche (che per alcune attrezzature, da manuale, sono anche giornaliere). Questo passaggio è molto difficile da attuare in quanto gli operatori non sono soliti effettuare e registrare con apposizione della firma e quindi di presa di responsabilità sui controlli effettuati. L organizzazione ha quindi la necessità di suddividere le operazioni tra manutentori specializzati e operatori e formare questi sui controlli in modo da escludere la possibilità che si assumano delle responsabilità senza avere tutti gli elementi definiti da parte dell organizzazione. Mantenimento: - Acquisti: è ovvio che nella fase di acquisto di un macchinario o impianto, noti i requisiti cogenti di legge, è opportuno ribaltare questi sul fabbricante; per gli impianti però, a differenza delle macchine questo requisito deve essere esplicitato nella specifica di acquisto; Modifiche: il processo di manutenzione dovrà essere necessariamente connesso con quello della gestione del cambiamento al fine di evitare di vanificare il lavoro fatto per la definizione del piano di manutenzione. 5

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE PROGETTARE e ATTUARE un PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE delle ATTREZZATURE DI LAVORO Patrocinio Un progetto Un progetto con il Patrocinio Comitato scientifico: Giorgio Luzzana Responsabile Servizio di

Dettagli

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci?

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N. 15-40137 Bologna - TEL. 051.441065 - FAX 051.443045 WWW.STUDIONERI.COM EMAIL:STUDIONERI@STUDIONERI.COM

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012 LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO Catania, 25 febbraio 2012 LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO NEL QUADRO DEL DECRETO N. 81/08 Ing. Mario ALVINO

Dettagli

Seminario: Sicurezza delle PLE

Seminario: Sicurezza delle PLE Seminario: Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche L'importanza della manutenzione P t t d M P t i h P TWG IPAF R Q lità Si CTE S A Presentato da: Mauro Potrich -

Dettagli

Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo

Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo Roberta Nunin Professore associato di Diritto del lavoro Università di Trieste Il tema proposto quest anno alla nostra riflessione

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO N 5 articoli (da art. 69

Dettagli

Il punto di vista dei costruttori

Il punto di vista dei costruttori Lecco 19 settembre 2014 La Linea Guida della Regione Lombardia per l uso delle piattaforme di lavoro elevabili nei cantieri temporanei e mobili Il punto di vista dei costruttori Relatore: Mauro Potrich,

Dettagli

LO STATO DELL ARTE NEL CAMPO DELLE VERIFICHE, CONTROLLI E MANUTENZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

LO STATO DELL ARTE NEL CAMPO DELLE VERIFICHE, CONTROLLI E MANUTENZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO LO STATO DELL ARTE NEL CAMPO DELLE VERIFICHE, CONTROLLI E MANUTENZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO GLI INTERVENTI MANUTENTIVI E LA SICUREZZA NEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO 1 D.lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

UNA (DOVEROSA) PREMESSA: COSA CI FACCIAMOI QUI?

UNA (DOVEROSA) PREMESSA: COSA CI FACCIAMOI QUI? ACQUISTO DI MACCHINE, ATTREZZATURE DI LAVORO E IMPIANTI INDUSTRIALI ALLA LUCE DEL D.LGS. 81/2008 E DELLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE (RECEPITA DAL D.LGS. 17/2010) SELEZIONE DEL FORNITORE, SPECIFICHE

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Lo stato dell arte nel campo delle verifiche, controlli e manutenzione. L evoluzione della norme riguardanti gli apparecchi di sollevamento

Lo stato dell arte nel campo delle verifiche, controlli e manutenzione. L evoluzione della norme riguardanti gli apparecchi di sollevamento Lo stato dell arte nel campo delle verifiche, controlli e manutenzione degli apparecchi di sollevamento Castello di Susans Majano (UD) Mercoledì, 8 giugno 2011 L evoluzione della norme riguardanti gli

Dettagli

SICUREZZA. Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature elencate. Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica?

SICUREZZA. Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature elencate. Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica? l Sicurezza del lavoro. Dal MinLavoro i criteri per l abilitazione dei soggetti SICUREZZA Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica? Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature

Dettagli

REGISTRO MANUTENZIONE DEI MEZZI DA LAVORO

REGISTRO MANUTENZIONE DEI MEZZI DA LAVORO Pag. 1 / 12 Riferimento normativo Decreto Legislativo 81/2008 e s.m.i. titolo III del articolo 71. L obbligo della manutenzione è per tutte le attrezzature di lavoro, nessuna esclusa. Per particolari attrezzature,

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

ATTREZZATURE DI LAVORO

ATTREZZATURE DI LAVORO ATTREZZATURE DI LAVORO ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) Corso anno scolastico 2010-2011 OGGI PARLEREMO DI DEFINIZIONE DI: ATTREZZATURA DI

Dettagli

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Torino, 18 Marzo 2014 Gian Paolo Tondetta gianpaolo.tondetta@it.bureauveritas.com La Direttiva Macchine 2006/42/CE In accordo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese -

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni) Il sottoscritto nato a ( ) il / / in qualità di Legale

Dettagli

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati Brescia 25 marzo 2015 I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8 Relatore: Libero Donati DEFINIZIONI Secondo la norma ISO 4306-1 un Apparecchio

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione delle macchine

La sicurezza nella manutenzione delle macchine La sicurezza nella manutenzione delle macchine 1 Problemi di sicurezza connessi con la manutenzione Come noto l attività di manutenzione in quanto tale svolge una funzione essenziale per la sicurezza dei

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali.

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali. Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

SIPAR S.r.l. Ferentino (FR)

SIPAR S.r.l. Ferentino (FR) SIPAR S.r.l. Ferentino (FR) Corso di aggiornamento per RSPP-modulo B ATTREZZATURE DI LAVORO ( Ing.. Ugo Romano) DEFINIZIONI Attrezzatura di lavoro: - qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE)

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) Articolo 1 Campo di applicazione 1. La presente direttiva si applica ai seguenti prodotti: a) Macchine; b) Attrezzature intercambiabili; c) Componenti di sicurezza;

Dettagli

DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè!

DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè! DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè! Leggendo una conversazione su un forum online http://ingegneriaforum.it/index.php?topic=3746.0 in cui un utente, tra l'altro cliente

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Articolo 69 Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

Vediamo di seguito a grandi linee il procedimento per giungere alla marcatura CE.

Vediamo di seguito a grandi linee il procedimento per giungere alla marcatura CE. Marcatura CE: sei passi per i fabbricanti di macchine La Commissione Europea ha lanciato una campagna informativa per spiegare il ruolo ed il significato della marcatura CE per consumatori e professionisti.

Dettagli

"Frequenze e modalità di esecuzione dei controlli e della manutenzione. L'importanza del registro di controllo."

Frequenze e modalità di esecuzione dei controlli e della manutenzione. L'importanza del registro di controllo. Venerdì 02 ottobre 2015 - ore 14,00 GIS PIACENZA CONVEGNO La manutenzione e l aggiornamento dei requisiti di sicurezza: Indicazioni normative e obblighi giuridici. "Frequenze e modalità di esecuzione dei

Dettagli

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE 4.1 Generalità La persona responsabile deve predisporre un programma di manutenzione,

Dettagli

SLINGOFER S.R.L. Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE STATO DI CONSERVAZIONE... ... ... SCOPO DEL SERVIZIO... ...

SLINGOFER S.R.L. Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE STATO DI CONSERVAZIONE... ... ... SCOPO DEL SERVIZIO... ... Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE ATTESTATI SULLO S STATO DI CONSERVAZIONE... 2 SCOPO DEL SERVIZIO......... 5 METODO DI LAVORO......... 6 1/9 ESEMPI DI RICONDIZIONAMENTO MACCHINE...

Dettagli

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO l di Luigi Cortis Primo ricercatore e Luca Rossi Ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio

Dettagli

Sistema di gestione delle attività di manutenzione e controllo

Sistema di gestione delle attività di manutenzione e controllo Sistema di gestione delle attività di manutenzione e controllo 7.1 Pianificazione e controllo delle manutenzioni La cadenza delle manutenzioni ordinarie e periodiche si ricava dall esame del repertorio

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

SEMINARIO. Il Decreto 11.4.2011, il ruolo degli organi di controllo e i soggetti abilitati. Modalità organizzative della Regione Veneto

SEMINARIO. Il Decreto 11.4.2011, il ruolo degli organi di controllo e i soggetti abilitati. Modalità organizzative della Regione Veneto SEMINARIO VERIFICHE PERIODICHE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO E DELLE ATTREZZATURE PROSSIMA SCADENZA DEL 23.5.2012 Il Decreto 11.4.2011, il ruolo degli organi di controllo e i soggetti abilitati. Modalità

Dettagli

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4 Oggetto: D.Lgs 81/08 Verifiche ed ispezione approfondita sugli apparecchi di sollevamento- interpretazione del Decreto e delle Norme attinenti. Competenze esclusive dell Ingegnere. In riferimento al Decreto

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

SEI Srl offre un nuovo servizio di manutenzione per cancelli automatici e manuali.

SEI Srl offre un nuovo servizio di manutenzione per cancelli automatici e manuali. Perché le verifiche negli impianti elettrici? Estratto da Circolare Ministeriale del 9/11/2005 Oggetto: Quesito concernente le verifiche nei Condomini. D.M. 37/2008 (in vigore dal 27 marzo 2008) Leggi/Direttive/Norme

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08 Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro ART. 69 - Definizioni - C. 1 Agli effetti delle disposizioni

Dettagli

Partner of. is a trademark of Elgo Holding

Partner of. is a trademark of Elgo Holding Installazioni impianti elettrici civili ed industriali Automazioni Quadri BT Manutenzioni Antifurto Antincendio Video Sorveglianza Impianti Fotovoltaici Noleggio Attrezzatura - Ristrutturazioni Partner

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE

PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE Ingegneria Clinica PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE 05/06/2014 Pag. 2 di 13 INDICE 1) Diagrammi di flusso... 2)

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze.

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze. SERVIZIO LAVORI PUBBLICI SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA SUL TERRITORIO COMUNALE 2013-2018 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

58 27.3.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13

58 27.3.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 58 27.3.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 - interventi agevolativi di cui all art. 5 comma 1 lettera c) per 1.220.000,00; Preso atto che, ad oggi, nessuna domanda è stata presentata

Dettagli

INTERVENTI di MANUTENZIONE ORDINARIA

INTERVENTI di MANUTENZIONE ORDINARIA Comune di Corsico (MI) CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 2 INTERVENTI di MANUTENZIONE ORDINARIA Rif. Art. 20.1 L elenco seguente comprende le attività minime di manutenzione Ordinaria richieste per l attuazione

Dettagli

Safety day 2016. Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici

Safety day 2016. Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici Safety day 2016 AC&E s.r.l. Avv. Vania Vicentini, Ing. Andrea Mazza

Dettagli

Considerazioni sulla organizzazione del servizio di manutenzione Giuseppe IOTTI, ANACAM

Considerazioni sulla organizzazione del servizio di manutenzione Giuseppe IOTTI, ANACAM Technical Convention QUALITY IN MAINTENANCE: FULL SAFETY, FULL ACCESSIBILTY Augsburg, 18 October 2007 Considerazioni sulla organizzazione del servizio di manutenzione Giuseppe IOTTI, ANACAM Ascensori esistenti

Dettagli

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 Per_Ind_Valeri_Vanni - PL.doc PAG. 1 DI 8 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 LA EN 954-1 VA IN PENSIONE A fine 2011,

Dettagli

Impianti d illuminazione di sicurezza. Procedure per la verifica e la manutenzione periodica.

Impianti d illuminazione di sicurezza. Procedure per la verifica e la manutenzione periodica. Impianti d illuminazione di sicurezza Procedure per la verifica e la manutenzione periodica. Leggi e Norme di riferimento Leggi e Norme di riferimento Rispetto della legge e della norma tecnica I parametri

Dettagli

REGISTRO DI CONTROLLI GRU A PONTE BITRAVE

REGISTRO DI CONTROLLI GRU A PONTE BITRAVE 1 REGISTRO DI CONTROLLI GRU A MATRICOLA Allegato 2 CSA SERVIZIO ON SITE GRU A Pagina 1 di 2 SOMARIO 1.1. NOTE GENERALI 3 1.2. MANUTENZIONE ORDINARIA 3 1.2.1 Controlli giornalieri (frequenza minore di 1

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI La marcatura CE e le direttive di prodotto che ne istituiscono l obbligo per determinate categorie di prodotti hanno come fine la libera circolazione delle merci

Dettagli

Prevenzione e protezione incendi nelle attività industriali

Prevenzione e protezione incendi nelle attività industriali Prevenzione e protezione incendi nelle attività industriali Scopo della prevenzione incendi è il conseguimento della sicurezza contro gli incendi mediante la determinazione degli strumenti idonei ad ottenere:

Dettagli

SENZA UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEI RISCHI LE MACCHINE NON POSSONO ESSERE INTEGRATE IN MANIERA SICURA NEI POSTI DI LAVORO

SENZA UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEI RISCHI LE MACCHINE NON POSSONO ESSERE INTEGRATE IN MANIERA SICURA NEI POSTI DI LAVORO SENZA UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEI RISCHI LE MACCHINE NON POSSONO ESSERE INTEGRATE IN MANIERA SICURA NEI POSTI DI LAVORO Gustaaf VANDEGAER Esperto di sicurezza delle macchine 27 gennaio 2009 La valutazione

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

SAMOTER 2008. Ivan Bellotto

SAMOTER 2008. Ivan Bellotto SAMOTER 2008 Ivan Bellotto Definizione di QUASI-MACCHINA estrapolata dalla direttiva CEE 2006/42 insiemi che costituiscono quasi una macchina, ma che, da soli, non sono in grado di garantire un applicazione

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008 Delibera ARG/com 15/08 MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 27 GIUGNO 2007, N.

Dettagli

Presentazione. Posizione e copertura

Presentazione. Posizione e copertura Carta dei servizi Presentazione GUBIMEC S.r.l. nasce nel 2012 come frutto di un attenta analisi del mercato e delle esigenze dell industria nazionale. L azienda cresce costantemente anche grazie alla sempre

Dettagli

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE Convegno 02/10/2015 GIS Piacenza. LA MANUTENZIONE E L AGGIORNAMENTO DEI REQUISITI DI SICUREZZA INDICAZIONI NORMATIVE E OBBLIGHI GIURIDICI. IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

Dettagli

GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE

GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE Generatore di vapore (fissi e semifissi, a tubi d acqua o tubi da fumo, grande o piccolo volume d acqua, con uno o più corpi cilindrici,

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

La gestione dinamica del nuovo Documento di Valutazione dei Rischi

La gestione dinamica del nuovo Documento di Valutazione dei Rischi La gestione dinamica del nuovo Documento di Valutazione dei Rischi Bologna, 12 Giugno 2009 STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N. 15-40137 Bologna - TEL. 051.441065 - FAX 051.443045 WWW.STUDIONERI.COM

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

Il panorama normativo: gli obblighi del datore di lavoro ai sensi dell art. 71 comma 8

Il panorama normativo: gli obblighi del datore di lavoro ai sensi dell art. 71 comma 8 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

FACSIMILE. LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione. inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi

FACSIMILE. LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione. inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi Per impianti di climatizzazione composti da dispositivi ad espansione diretta, di tipo monoblocco

Dettagli

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 VINCOLI DI PROGETTAZIONE PER LA PARTE DI COMANDO E CONTROLLO ESPRESSI NELLA ATTUALE DIRETTIVA MACCHINE 1998/37/CE E NELLA NUOVA 2006/42/CE 1.2.1. Sicurezza e affidabilità dei

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA

LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA COSTRUTTORI, UTILIZZATORI E CAPI COMMESSA: COME APPLICARE LE NORME DI SICUREZZA ALLE MACCHINE Dal ricevimento alla conduzione di impianti e macchinari LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA

Dettagli

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Installazione e messa in esercizio GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Un ascensore deve essere progettato ed installato conformemente alle disposizioni della Direttiva ascensori 95/16/CE e del DPR 162/99,

Dettagli

Decreto Ministeriale 11.04.2011 DENUNCIA DI MESSA IN ESERCIZIO E VERIFICHE PERIODICHE PER GLI APPARECCHI INDICATI NELL ART 71 DEL D.L.

Decreto Ministeriale 11.04.2011 DENUNCIA DI MESSA IN ESERCIZIO E VERIFICHE PERIODICHE PER GLI APPARECCHI INDICATI NELL ART 71 DEL D.L. Decreto Ministeriale 11.04.2011 DENUNCIA DI MESSA IN ESERCIZIO E VERIFICHE PERIODICHE PER GLI APPARECCHI INDICATI NELL ART 71 DEL D.L.GS 81/08 1 Il decreto disciplina le modalità di effettuazione delle

Dettagli

LA TASSA SUGLI ASCENSORI

LA TASSA SUGLI ASCENSORI LA TASSA SUGLI ASCENSORI La tassa sugli ascensori è prevista dal provvedimento attuativo (da stilare sotto forma di DPR) della direttiva comunitaria 2014/33/Ue sulla sicurezza degli ascensori, il cui schema,

Dettagli

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento PREMESSA Nei cantieri EXPO sono utilizzate attrezzature di lavoro per sollevamento

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Direttiva Macchine 2006/42/CE La Direttiva Macchine 2006/42/CE Implicazioni per l utilizzatore Verona, 26 Maggio 2010 Eleonora Pagani Introduzione Concetti generali La direttiva Macchine ha un duplice obbiettivo: permettere la libera

Dettagli

LA VENETA SERVIZI GUIDA AL CONTROLLO DEL SERVIZIO

LA VENETA SERVIZI GUIDA AL CONTROLLO DEL SERVIZIO 1. SCOPO IOSQ002 rev. 6- Pag. 1 di 9 Fornire ai Capo Area/Capo Cantiere/Coordinatore di Zona, ed in loro impossibilità a RDQ, direttive ed informazioni riguardanti lo svolgimento delle mansioni di controllo

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Articolo 69 Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

Molti di questi infortuni potrebbero essere evitati mettendo in atto adeguate misure preventive.

Molti di questi infortuni potrebbero essere evitati mettendo in atto adeguate misure preventive. Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 08/06/2006. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V.

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. CERVELLO 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO PAG. 3 ART. 2PRESCRIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico

Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico La formazione riferita a questo modulo formativo intende far acquisire le nozioni relative alla normativa e ai processi operativi che governano

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 6 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE SERRANDE E DEI PORTONI A SCORRIMENTO VERTICALE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI

Dettagli

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Workshop 2012 Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di TERAMO Workshop 2012 I settori: -Sicurezza -Automazione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO NEWSLETTER N2 - I dispositivi elettronici posti a protezione degli operatori E stato indicato nella precedente newsletter che la sicurezza degli operatori in un contesto industriale è affidata a una catena

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 1 PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1,

Dettagli

Verifica della conformità normativa 2

Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2 Per una corretta gestione della sicurezza è necessario predisporre (vedi allegato 2.A.) e archiviare l apposita documentazione. 2.1 Elenco documentazione Certificato

Dettagli

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO Pag. 1 / 6 1 MODIFICHE 2 PREMESSA 3 DEFINIZIONI SOMMARIO 4 PRINCPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO 5 MESSA IN SERVIZIO E UTILIZZO 6 INDICAZIONI PER UN CORRETTO ACQUISTO 7 SICUREZZA E MARCATURA CE 8 PROTOTIPI

Dettagli

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori FAQ Le domande più frequenti... sugli ascensori 1. Cosa devono appurare le verifiche periodiche? Le verifiche periodiche sono dirette ad accertare se le parti dalle quali dipende la sicurezza di esercizio

Dettagli

Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08

Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08 LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLE PICCOLE IMPRESE Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08 (Ma anche dall

Dettagli