PROVINCIA PATAVINA DI S. ANTONIO Frati Minori Conventuali CI HANNO PRECEDUTO. Necrologio dei frati defunti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA PATAVINA DI S. ANTONIO Frati Minori Conventuali CI HANNO PRECEDUTO. Necrologio dei frati defunti 1907 2007"

Transcript

1 PROVINCIA PATAVINA DI S. ANTONIO Frati Minori Conventuali CI HANNO PRECEDUTO Necrologio dei frati defunti Padova 13 giugno 2007

2 PRESENTAZIONE IL VICARIO PROVINCIALE In occasione del giubileo della Provincia ( ) si è ritenuto opportuno raccogliere i profili di tutti i frati defunti (fino al 31 maggio 2007) in un unico volume e metterlo a disposizione delle singole Comunità. «La raccolta di questi semplici profili dei nostri confratelli che sono già nella casa del Padre scriveva nella Presentazione alla prima edizione del 1994 l allora Ministro provinciale fra Agostino Gardin potrà costituire, per ogni nostra comunità, un prezioso piccolo archivio di memorie, da custodire e aggiornare», da scorrere di quando in quando per «rivedere il volto e ripensare alla figura di frati che abbiamo personalmente conosciuto, che hanno contribuito alla nostra formazione francescana e con i quali abbiamo vissuto e lavorato». Ma ci è caro, anche, far memoria con gratitudine della testimonianza di fede cristiana e dei valori francescani che i confratelli che «ci hanno preceduto» hanno saputo dare nei contesti socio-culturali e religiosi in cui l obbedienza li aveva collocati. Inoltre, questi nostri fratelli ci invitano a operare con coraggio e lungimiranza sulle vie indicateci oggi dal Signore, coniugando ancora passione per Dio e passione per l uomo, sull esempio di Antonio di Padova. Il presente lavoro si avvale prima di tutto di quanto uscito nel 1994 a cura del compianto padre Renato Belluzzo e successivamente rivisto e aggiornato dal padre Paolo Gavazzi per l edizione del Ad esso ha fatto seguito il Supplemento del 2001 che presentava i profili dei frati della Provincia Ligure Piemontese, curati dal padre Franco Careglio, e quelli dei frati della Provincia Patavina (dal 1997 al 2001) curati ancora dal padre Paolo Gavazzi. Questa edizione giubilare è stata curata dal padre Giorgio Laggioni e dal padre Tito Magnani, ai quali va il nostro grazie per la passione e la competenza. Ogni Comunità della Provincia continui a pregare ogni giorno per i frati «che ci hanno preceduto», ringraziando il Signore per il bene che hanno operato quando erano tra noi. Padova, 13 giugno 2007 Solennità di S. Antonio di Padova FRA GIANNI CAPPELLETTO Vicario provinciale

3 INTRODUZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE È doveroso ricordare i fratelli che ci hanno preceduto nel tempo. Vissero nei nostri luoghi, soggiornarono nelle nostre celle, pregarono nelle nostre chiese, consumarono i pasti nei nostri refettori, prima che il Signore li chiamasse e li avviasse per sentieri senza tramonto. Di alcuni di essi non si sono ancora spente le voci e le cronache sono piene di fresche memorie. Da loro abbiamo ereditato preziosi messaggi, chiusi in scrigni di silenzio, sudore e fatica, ed è per non disperderli, ma fissarli, che ci siamo impegnati volentieri in quest opera. Non si tratta di una storia, una monografia, uno studio, e neppure di una veloce carrellata o di cenni generici, ma di un profilo che, pur dando spazio solo all essenziale, ci sia di viatico nel nostro viaggio incerto e ancora in corso. Avremmo dovuto tenerci entro una certa misura e ridurci per ognuno ad una decina di righe, ma spesso siamo stati costretti a superarle: per molti si sarebbero esaurite nel semplice elenco dei dati anagrafici e dell itineranza; per altri invece sarebbero risultate anche troppe, specie per i defunti dei primi anni del secolo, per i quali abbiamo faticato non poco nella ricerca di notizie della loro giornata terrena, di qualche tratto del loro volto velato o corroso dal tempo. Un lavoro a più largo respiro potrà riaccendere i loro ricordi sbiaditi e sparsi. Ne è risultato così una specie di vademecum, un breve spaccato, un bozzetto dal quale emerge soprattutto un duplice messaggio: il primo, che riguarda noi, di non dimenticarli nelle nostre preghiere perché forse ancora in via di purificazione; il secondo, di loro spettanza, di continuare il cammino insieme a noi, per farci giungere e completare la famiglia all ultimo approdo. Posti in fila, i passi dei confratelli che non sono più a quanto spazio percorso corrispondono? Ci sono quelli che «l obbedienza» tenne sempre in moto perpetuo, forse nel timore che si arrugginissero, veri giramondo, con la valigia in mano senza posa e interruzione; altri, invece, tenuti gelosamente «in frigo» e piantati saldamente in uno o due conventi, fino a consumazione. Destano maggior meraviglia per i loro frequenti spostamenti i frati dei primi anni del secolo, quando ancora i mezzi di locomozione veloce erano scarsi: esempio di distacco e di grande disponibilità. La maniera con cui ci hanno lasciato è varia. Oltre alle malattie per consunzione, dovute ad acciacchi indefiniti e sempre crescenti dell età, le «vie maestre» sono il tumore maligno e l infarto, ma anche «l improvvisa morte» prende sempre maggiore consistenza negli ultimi anni, dovuta ad incidenti, oppure a malori e ad ictus, che hanno forzato alcuni ad una brusca, non prevista uscita dalla strada della vita. A nostro conforto, dai loro ultimi momenti e da voci non registrate ma riportate, possiamo affermare che «l improvviso» riguarda gli spettatori, non gli inte-

4 6 NECROLOGIO PROVINCIA PATAVINA OFM CONV. ressati: questi hanno avuto modo di «prevedere» il momento supremo: suggerimenti, avvisi, segni dell arrivo sono captati a distanza. Dio, per il quale la misericordia è «d ufficio», preavvisa in tempo i suoi figli e li coglie nel momento più opportuno, poiché la morte non sfugge al piano del Suo amore. «Non siete nelle tenebre, così che il giorno del Signore possa sorprendervi come un ladro; voi tutti infatti siete nella luce e figli del giorno, non della notte né delle tenebre» (1Ts 5,4-5). Il luogo dove sono colti dal sonno eterno è molteplice, talora impensato. Per lo più l ospedale e il convento (la cella); ma anche all aperto, su di una roggia, lungo la massicciata di una rotaia, tra impervie montagne, su una strada di campagna o sulla via di una grande metropoli; in posizioni diverse, composti sul letto, mentre scendono le scale o stanno per indossare o deporre le vesti sacre: sorella morte ha i suoi gusti, piuttosto incurante e poco rispettosa delle convenienze. Ma quello che importa è come si muore, non il dove. Alcuni hanno avuto il tempo, nel supremo istante, di dire un grazie, di sussurrare una preghiera, di seguire i confratelli nel rito finale, di esprimere un cenno di saluto, di formulare un desiderio, di pronunciare una giaculatoria. I più sono attorniati dall affetto dei confratelli, ma anche quelli che se ne vanno in solitudine non sono abbandonati: la morte è un fatto «di famiglia» e coinvolge tutta la comunità, sempre vicina anche se non fisicamente. Anche la Chiesa è sempre amorevolmente presente all agonia di ogni suo figlio, in ogni parte della terra. Quasi tutti i nostri confratelli hanno trovato riposo nelle due tombe di famiglia: Camposampiero e Arcella; qualcuno tra i suoi parenti, ma vi sono anche quelli che non hanno una dimora conosciuta. C è un età preferita da sorella morte? Pare di sì. Salvo partenze tragiche, per le quali gli anni sono tutti eguali, sembra si affacci con più frequenza nella fascia che va dai 60 ai 70 anni. La media di vita si aggira sui 65 anni; ma ultimamente si è spostata verso i 70. Può darsi che ritrovati e scoperte, sempre all ordine del giorno, possano domani prolungare non poco anche l esistenza dei figli di Francesco, ma ciò non ha importanza. Alcuni, dalla corsa breve e veloce, costruiscono molto, altri, dal tratto lungo e tardo, realizzano poco. Meglio vivere bene lo spazio concesso, non prendere troppa confidenza con il tempo, ed essere sempre pronti ad incontrare il volto mite e festoso di Gesù Salvatore, che ha voluto sperimentare la brevità e la caducità del nostro vivere. Un ultima constatazione: la nostra sorella non ama tardare molto e tanto meno fare salti mortali. Anni in cui non ci abbia visitato, gli «anni zero», si possono contare sulle dita: si infittiscono agli inizi del secolo per il «poco materiale» a disposizione: sono gli anni 1910 e 1911: una doppietta ripetuta poi a distanza nel 1949 e 1950; e gli anni 1914, 1923, 1925, 1927, 1930, 1933, 1935, 1949, 1956, 1959, 1964; ma poi si rifà abbondantemente pigiando con piede pesante sull acceleratore, raggiungendo ultimamente anni-falcidia: dal 1983 al 1989 cinquanta. Ma forse, più

5 INTRODUZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE 7 avanti, dovrà frenare la corsa perché di nuovo «il materiale» andrà celermente diminuendo. Nella serie dei confratelli passati a miglior vita, molti emergono per studi e attività: costruttori, musicisti, storici, oratori, insegnanti; carriere brillanti e veloci in ogni campo, un lungo filone d oro nel cammino della cultura con opere riposte in biblioteche e archivi segreti. Ma non sono pochi quelli dai passaggi plurimi e veloci, illetterati che ci hanno lasciato un eredità esemplare in lavori, impegni nascosti, umili, carichi di sudore e di fatica, che nessuno potrà mai contare né archiviare. Volutamente abbiamo indugiato con penna più generosa su questa schiera di fratelli, vissuti nell ombra e nel nascondimento. Confrontare vitalità e attività dei primi anni dei secolo con quelle degli anni di mezzo e degli ultimi è difficile: tempi diversi, mentalità diverse, mezzi a disposizione pure diversi; ma vi è una nota che accomuna tutti i confratelli di questi novant anni: l ardore e l affetto verso la nostra amata Provincia. Dalle loro labbra spente esce un monito a vivere da veri fratelli, sempre in cordata verso la cima, ove l ombra si accorcia e la luce si diffonde, memori che la giovinezza e i capelli neri sono un soffio, e il momento di cambiar vita è sempre incombente. II loro più pressante messaggio, in conclusione, è tutto qui: ogni momento che ci rimane è prezioso. Tutti, nel salire il monte della vita, si sono ampiamente serviti della protezione speciale della Vergine Immacolata, del nostro Padre san Francesco e del nostro Santo, Antonio: un trio senza del quale il cammino si inceppa, la fatica e l ansia aumentano e l approdo diventa difficile. Una parola è necessario spendere, prima di concludere, per precisare i criteri adottati nella scelta dei frati ricordati in questo lavoro: non si deve dimenticare infatti che diversi nostri confratelli, con la nascita delle Province del Brasile e Rioplatense, si sono trasfiliati a dette Province, e dunque non appartegono più giuridicamente alla nostra Provincia. Ci è sembrato opportuno allora adottare un criterio che, in linea di massima, ci consentisse di ricordare, oltre a coloro che sono a pieno titolo «patavini», anche quelli che sono nati e che si sono formati alla vita religiosa nella nostra Provincia e poi sono passati a far parte delle Province-figlie del Sud America o di altre circoscrizioni; inoltre si è voluto ricordare i frati appartenenti ad altre Province che sono vissuti a lungo e sono morti in qualche nostro convento. Un ultima annotazione. Questo necrologio dovrà necessariamente essere aggiornato in futuro, visto che tutti siamo in lista d attesa e tutti ci stiamo dirigendo là dove tanti amici e confratelli ci attendono. Ricordiamoli! Ricordiamoci! FRA RENATO BELLUZZO Brescia, 29 maggio 1994

6 NOTA ALL EDIZIONE GIUBILARE Il presente volume raccoglie 366 brevi profili dei frati defunti (3 sono i Servi di Dio e 5 i Vescovi), dalla ricostituzione della Provincia Patavina (1907) fino al 31 maggio L elenco, in ordine cronologico, è aperto dall esemplare figura, per santità di vita, del padre Lodovico Marangoni ( ), dapprima Ministro provinciale della Dalmato-Patavina, poi Generale dell Ordine e Vescovo di Chioggia (sono stati aggiunti, tra l altro, i versi inediti da lui dettati prima della morte), ed è chiuso dal padre Gaudenzio Salvaterra ( ), missionario in America Latina. Tra questi, 44 profili riguardano altrettanti religiosi appartenenti (dal 1908) alla Provincia Ligure Piemontese, unita alla Provincia Patavina dal 4 ottobre I frati, già della Ligure Piemontese e defunti dopo questa data, si aggiungono a quelli della Provincia Patavina. Le trasfiliazioni dei frati entrati nella nostra Provincia e in seguito passati ad altre circoscrizioni, in particolare alle Province-figlie dell America Latina, sono indicate nelle rispettive biografie. A seconda della data della morte, viene specificata l appartenza alla nuova Custodia o Provincia. A questo scopo si tenga presente che la Custodia Rioplatense è stata eretta in Provincia nell anno 1989, mentre la Custodia S. Francesco del Brasile divenne Provincia nel Per la ricerca dei singoli profili biografici sono disponibili due elenchi: in ordine alfabetico e in ordine cronologico. Tutto il materiale precedentemente predisposto è stato rivisto ed emendato da errori e imprecisioni e, in qualche caso, anche aggiornato, come per esempio le biografie dei Servi di Dio fra Giacomo Bulgaro, padre Girolamo Biasi e padre Placido Cortese. In particolare, per p. Cortese è risultata necessaria una nuova stesura del testo, in conseguenza delle importanti acquisizioni storiche e testimoniali che hanno permesso, oltre all avvio della causa di beatificazione, di stabilire anche la data della morte, in precedenza sconosciuta. Infine, alcuni profili sono stati completati con l indicazione della bibliografia finora disponibile. Ci auguriamo che questo lavoro contribuisca a tenere viva la memoria dei nostri confratelli che ci hanno preceduto nella casa del Padre e a pregare per loro, secondo l esortazione di San Francesco (cfr. Rnb III: FF 10; Rb III: FF 83), riconoscendo nelle loro esistenze, con diversa intensità, un esperienza di Dio. Padova, 31 maggio 2007 I COMPILATORI

7 GENNAIO SERVO DI DIO FRA GIACOMO BULGARO ( ) «Signore Gesù, depongo tutto me stesso ai tuoi piedi. Ti lascio la mia volontà: ne farai ciò che vuoi; ti lascio il mio cuore: lo renderai gioioso al tuo cospetto; ti lascio l anima mia: sia compiacenza del tuo amore; ti lascio i miei sentimenti, perché divengano profumo d amore alla tua maestà. Ecco, Gesù, sono perfettamente tuo e tu sii proprietario di tutto il mio essere. Padre celeste, gradisci la mia offerta d amore: ti domando d essere accettato come vittima d amore e fa che io sia una cosa sola con la tua divina volontà». (dagli Scritti) Fra Giacomo Bulgaro, terracotta di Romeo Sandrin (2002), Brescia, Convento S. Francesco

8 GENNAIO 13 1 gennaio 1952 Fra LUDOVICO BIASOTTI della Provincia Ligure Piemontese anni 69 Nato ad Antéssio di Sesta-Godano (La Spezia) il 15 dicembre 1882, emise la prima professione il 17 giugno Professò quindi solennemente ai Ss. XII Apostoli in Roma il 18 giugno Passò lunghi anni nella nostra missione di Oriente: prima a Costantinopoli (fino al 1909) e poi a Damasco dal 1911 fino al Maestro di disegno apprezzato e preciso, modesto pittore, pio, umile, obbediente si distinse per una dolce e costante letizia, unita a mansuetudine veramente francescana. Prestò poi la sua opera a Sant Antonio di Boccadasse in Genova ( ). Si ritirò quindi, ormai infermo, a S. Francesco d Albaro. Ricoverato all ospedale Galliera di Genova, mori il l gennaio. Riposa nel cimitero di Staglieno di Genova. 1 gennaio 1978 Padre GENTILE DE SANTI anni 51 Nato a Vallon, isola di Cherso (Pola) il 26 febbraio 1926, entrò a Camposampiero nel Emise la professione temporanea nel 1944 e la solenne nel 1949; fu ordinato sacerdote al Santo (Padova) il 16 marzo Trascorse i primi quattro anni di ministero come assistente dei giovani e poi come vice direttore del Messaggero di S. Antonio. Dal 1956 al 1977 gli venne affidata a Roma la custodia della Grotta delle apparizioni della Vergine della Rivelazione alle Tre Fontane, dove si prodigò generosamente in una conduzione dignitosa e prudente, sorretta da una profonda devozione alla Madonna. P. Gentile si distinse pure nel campo liturgico, per il quale, fin da chierico, mostrò un vivo interesse. Scrisse alcuni opuscoli, apprezzati nel campo ecclesiale e contribuì all edizione della Liturgia delle Ore, secondo il calendario romanoserafico, e del messale serafico. Da tempo non godeva buona salute per un diabete fastidioso e pronunciato, cui si aggiunsero un ossessionante angoscia per il continuo diminuire della vista e una grave malattia di carattere circolatorio. Ricoverato all ospedale di Feltre (Belluno), venne poi dimesso e inviato a Treviso, dove, non molto tempo dopo, fu

9 14 NECROLOGIO PROVINCIA PATAVINA OFM CONV. rinvenuto in cella privo di vita, serenamente composto nel suo letto, la mattina del 1 gennaio Nella mia sofferenza prego di poter essere un autentico prolungamento dell Umanità sofferente di Cristo per la salvezza delle anime. Mi sostengono le preghiere di molti alle Tre Fontane. Scriverei molto: diario, elevazioni, ma non ci vedo, scrivo a caso. L ultimo anelito, poi si addormentò nel Signore. Riposa all Arcella. 3 gennaio 1998 Padre NAZARENO STEDILE anni 70 Nato a Terragnolo (Trento) il 27 ottobre 1927, p. Nazareno (Placido) Stedile entra nel collegio di Camposampiero nel 1939, dove frequenta le scuole medie, passa quindi a S. Pietro di Barbozza per il ginnasio. Compie l anno di noviziato al Santo di Padova e qui emette i voti semplici nel 1951, mentre pronuncia i voti solenni a Spoleto nel Frequenta gli studi liceali a Spoleto ( ) e il corso filosofico-teologico a Bologna e Spoleto ( ); viene ordinato sacerdote a Spoleto nel Passa i primi anni del suo sacerdozio in alcuni conventi della Provincia Umbra: Gabicce Mare (1960), Cattolica ( ), Gubbio ( ); poi ritorna in Provincia e risiede ad Arsio ( ), Gazzolo ( ) e ancora ad Arsio dove rimane fino alla morte. La vita di p. Nazareno non è segnata da fatti particolari: egli ha saputo ritrovare uno stile sapienziale fatto di cose semplici, quotidiane. Era fedele ai momenti di preghiera, come a quelli d incontro e fraternità; esercitava il sacro ministero, dedicandosi, soprattutto, ad ascoltare le confessioni dei fedeli; la sua predicazione aveva uno stile particolare, molto aderente ai fatti della vita, che il popolo apprezzava. Aveva un rapporto immediato, francescano con il creato: ha sempre avuto attenzione e cura degli animali, dei fiori e delle piante. Partendo da quanto vedeva di bello e di grande, sapeva lodare e rendere grazie al Signore onnipotente e buono. La morte lo coglie nel sonno ad Arsio di Brez (Trento) il 3 gennaio 1998; i funerali sono stati celebrati nella chiesa parrocchiale di Brez il 4 gennaio; è sepolto nel cimitero di Padova-Arcella.

10 GENNAIO 15 4 gennaio 1975 Padre STEFANO FOGALE anni 64 Nato a S. Zenone degli Ezzelini (Treviso) il 26 dicembre 1910, si fece religioso a Camposampiero nel 1936, già chierico teologo del Seminario diocesano di Treviso; emise la professione temporanea nel 1938 e quella solenne nel Fu ordinato sacerdote l 8 dicembre Il suo curriculum si esaurisce in una sola voce: il Santo, dove rimase per ben 34 anni, fedelissimo al compito di confessore e a quello di segretario personale di vari rettori della basilica e dei Ministri provinciali: collaboratore discreto, silenzioso, affezionato. Per un anno fu pure economo provinciale. Niente di particolare da segnalare se non la sua straordinaria vita ordinaria, vissuta in fedeltà e riservatezza, felice di godere della fiducia dei superiori e di rendersi utile a tutti. Non ebbe mai molta salute: l infarto, sempre in agguato, nel dicembre del 1974 esplose in tutta la sua virulenza e p. Stefano si spense serenamente nella casa di cura «Villa Maria» di Padova, raggiungendo in cielo la sorella suora, spirata da pochi giorni. Riposa all Arcella. 5 gennaio 1940 Padre LUIGI GUIDALDI anni 46 Nato a Segni (Roma) il 12 luglio 1894, entrò a Camposampiero nel Vi trascorse l anno di noviziato nel 1909, emise la professione temporanea nel 1910 e la solenne nel 1919, dopo essere stato ufficiale nella prima guerra mondiale. Fu ordinato sacerdote ad Amelia (Terni) nel Di famiglia al Santo, fu incaricato della Biblioteca Antoniana; nel 1929 si laureò all Università di Padova e nel 1933 venne nominato Cavaliere Ufficiale della Corona d Italia. Di ingegno pronto, tenace, si è sempre segnalato per grande profitto e straordinaria diligenza nello studio. Si specializzò nel vasto campo delle ricerche, nei suoi molteplici aspetti, storico, critico, ermeneutico, artistico, biografico, bibliografico, con articoli e studi tradotti in varie lingue. Poliglotta insigne, conosceva e parlava correntemente il francese, lo spagnolo, il portoghese e altre lingue europee e orientali. Diresse e compilò la rivista Il Santo, ricca miniera per ogni studioso di memorie antoniane; si impegnò nell insegnamento nei nostri seminari di Camposam-

11 16 NECROLOGIO PROVINCIA PATAVINA OFM CONV. piero, Venezia e Padova. Semplice, buono, sincero, talvolta ingenuo, fu di carattere affabile e rispettoso: un austera ritiratezza lo caratterizzava nella sua vita privata. Si spense ancora giovane, colpito da broncopolmonite. Riposa all Arcella (ossario). 5 gennaio 1976 Padre VITO TONIN anni 66 Nato a S. Vito d Arsiè (Belluno) il 19 settembre 1909, fu consacrato a S. Antonio di Padova dalla mamma, perché salvato prodigiosamente da un gravissimo incidente stradale: avvenimento sempre presente nella mente del p. Vito e riportato nel Bollettino dei Santuari Antoniani di Camposampiero. Entrò nel 1920 a Camposampiero; emise la professione temporanea nel 1925, la solenne nel 1930, e fu ordinato sacerdote il 21 maggio Di famiglia successivamente a Vicenza, Camposampiero, Cherso, Brescia, San Pietro di Barbozza, Castagnara (Padova), Brescia, Pedavena e Treviso. La sua lunga e frequente itineranza è dovuta agli spostamenti dei seminari, nei quali p. Vito consumò quasi interamente la sua vita religiosa, nell insegnamento (trentotto anni) e collaborando in modo valido e prezioso alla formazione dei giovani, specie per l istruzione e la scienza impartite con competenza, modestia e puntualità. Colpito da un doloroso tumore maligno, varcava la soglia dell eternità la sera del 5 gennaio 1976, a Treviso. Riposa all Arcella. 6 gennaio 1994 Padre BENVENUTO GIACON anni 81 Nato a Padova il 31 luglio 1912, entrò nel 1926 a Camposampiero dove frequentò le due ultime classi delle medie e la IV ginnasio; la V ginnasio la completò a Venezia, proseguì poi il liceo a Cherso e a Brescia, la teologia a Roma. Dopo il noviziato, emise la prima professione nel 1931, la solenne nel 1934; venne ordinato sacerdote a Roma nel Di famiglia a Pola, Brescia, Camposampiero, Brescia,

12 GENNAIO 17 S.Pietro di Barbozza, Padova-Istituto Teologico, Padova-Immacolata, Padova-Santo e dal 1967 all Arcella. Vari i titoli di studio: diplomato in biblioteconomia, paleografia e archivistica, ragioneria, licenziato in teologia, dottore di scienze matematiche. Diversi pure gli incarichi affidatigli, delicati e di fiducia: custode della Patavina, economo provinciale, e per 28 anni rappresentante legale della Provincia. Fin da giovane evidenziava una forte propensione per le scienze esatte, per cui i superiori vollero che si laureasse in matematica a Milano. Poté così, per oltre trent anni, prestarsi nell insegnamento nei seminari (chiara, precisa, facile la sua esposizione, non sempre altrettanto la comprensione), e inoltre dare un valido apporto ai problemi amministrativi e legali della Provincia: un lavoro arduo, arido, che richiede precisione puntigliosa, attenzione, tempo ed energia. La sua competenza in merito, convalidata da impegnative pubblicazioni, apprezzata e valorizzata nei convegni degli economi cattolici, la pose con disinteresse a disposizione della Provincia e dei confratelli che a lui si rivolgevano; sempre cordiale, premuroso e umano. Coltivò la vita spirituale religiosa anche nei momenti più faticosi del suo quotidiano e la rafforzò ai piedi dell Immacolata quando, nel 1990, colpito da un leggero ictus cerebrale, si ritirò a S. Pietro di Barbozza. Un tumore che, dalla prostata, diffusosi, era giunto ai polmoni, gli rese dura l esistenza e i giorni contati. La sera del 6 gennaio il Signore lo chiamò: da alcuni giorni aveva già perduto conoscenza. Riposa all Arcella. 8 gennaio 1978 Padre OTELLO BRUNO MELATO anni 65 Nato a S. Maria Dese di Favaro Veneto (Venezia) il 23 dicembre 1912, entrò a Camposampiero nel 1924; emise la professione temporanea nel 1930, la solenne dei 1934, e venne ordinato sacerdote ad Assisi il 6 settembre Fu sempre a servizio delle nostre parrocchie con responsabilità pastorali svolte di solito in prima persona. Dopo quattro anni trascorsi all Arcella sotto la guida del p. Lodovico Bressan, fu il primo guardiano e parroco a Camerlata di Como, dove, fino al 1958, si adoperò per la costruzione della chiesa, del convento e delle opere parrocchiali. Fu quindi trasferito nella grande parrocchia di Viale Corsica a Milano come prevosto, fino al In seguito trascorse un breve periodo di tempo ai Frari in Venezia e poi, dal 1969, si mise a disposizione della parrocchia del Sacro Cuore di Mestre.

13 18 NECROLOGIO PROVINCIA PATAVINA OFM CONV. Il male che lo minava da tempo ebbe lentamente il sopravvento: fu trovato morto nella sua cella, stroncato da un improvviso scompenso circolatorio. Poco prima aveva chiesto il breviario, che aveva dimenticato da qualche parte. Carattere riservato e chiuso, si distinse, specie negli ultimi anni, per il suo amore verso gli ammalati e per la pazienza nel sopportare le sofferenze che il suo stato di salute gli procurava. Riposa all Arcella. 8 gennaio 1984 Padre PIO CAPPONI della Provincia Americana della B. V. M. Consolatrice anni 73 Nato a Roma il 27 gennaio 1911, entrò nel seminario di Amelia (Terni) nel Fece la professione temporanea ad Assisi nel 1928 e quella solenne nel Fu ordinato sacerdote nel Di famiglia ad Assisi, pro-rettore del Collegio teologico; nel 1937 a Damasco (Siria), superiore, direttore della Scuola italiana e insegnante di canto e di religione. Nel 1946 ritornò ad Assisi, dove fu collaboratore del M p. Domenico Stella; passò quindi a Roma, come direttore della Cappella Costantiniana dei Ss. XII Apostoli. Qui completò gli studi musicali, conseguendo il magistero in composizione sacra e direzione polifonica presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra. Su richiesta, fu inviato a Lexington (Kentucky, USA) per fondare una Schola cantorum a servizio della diocesi: vi trascorse un «triennio di gioia», che suggellò iscrivendosi alla Provincia americana della «Beata Vergine Consolatrice degli Afflitti». Ritornato in Italia, fu dapprima ad Assisi e poi, nel 1969, a Padova, alla direzione della Cappella musicale della basilica del Santo, che in quindici anni portò ad ottimo livello, conseguendo riconoscimenti in patria e all estero. Nel 1979 gli venne conferito il titolo di Maestro Direttore della Cappella Musicale del Santo. Le numerose composizioni che di lui ci rimangono, testimoniano il suo talento e la sua ispirazione. L umanità, la fedeltà nell amicizia, la cortesia sincera, il rispetto e la stima verso tutti sono stati i connotati della sua personalità, uniti ad un carattere forte, deciso e a volte imprevedibile. Morì di infarto nella festa dell Epifania, mentre dirigeva la Messa solenne: appena il tempo di dire «mi sento male», e nonostante la corsa disperata all ospedale, p. Pio chiuse la sua giornata terrena portandosi nel cuore le armonie del «Gloria», che a stento era riuscito a dirigere sino alla fine. Riposa all Arcella.

14 GENNAIO 19 8 gennaio 1996 Padre ROMOLO RAVASCHIO Ministro provinciale della Ligure Piemontese anni 78 Nato in Genova il 15 luglio 1917, emise la professione temporanea il 10 ottobre 1933 e la solenne i1 30 luglio Ordinato sacerdote a Roma il 7 luglio 1940, si laureò a pieni voti in teologia nel Parroco di S. Francesco d Albaro in Genova dal 1950 al 1982, Ministro provinciale dal 1958 al 1963, giudice del Tribunale ecclesiastico di Genova. Colpito da gravi disturbi cardiocircolatori, continuò la sua vita di preghiera e di amministrazione dei Sacramenti, sempre nell umiltà e nel silenzio. Investito da una moto la sera del 16 dicembre 1995, venne ricoverato presso la clinica Villa Serena di Genova, e inutilmente si tentò di arrestare il male che, causa forse l incidente, si era scatenato. Religioso riservatissimo, esemplare per la mitezza, il silenzio, la dedizione agli studi e soprattutto l amore a Dio, alla Chiesa e all Ordine. Riposa nel cimitero di Staglieno in Genova. 8 gennaio 2002 Padre SEBASTIANO SARTOR anni 81 Nato a Campocroce di Mogliano Veneto (Treviso) il 10 gennaio 1920, riceve al battesimo il nome di Luigi. All età di 13 anni entra nel collegio di Camposampiero, dove frequenta la scuola media ( ). A Cherso (Istria) segue il corso ginnasiale ( ) e a Padova, nel convento del Santo, trascorre l anno di noviziato, sotto la guida del maestro p. Francesco Varotto, dall 8 settembre 1938 al 9 settembre 1939, giorno in cui emetterà la professione temporanea. Da pochi giorni era scoppiato in Europa l incendio della seconda guerra mondiale. Dopo il corso liceale a Brescia ( ) ritorna a Cherso per la professione solenne il 4 ottobre È nuovamente a Padova per la frequenza del corso filosofico-teologico ( ), che culminerà con l ordinazione sacerdotale, avvenuta il 7 luglio 1946 presso il seminario vescovile per l imposizione delle mani di mons. Carlo Agostini. Seguì un intensa stagione di apostolato, che si protrasse per oltre cinquant anni, durante i quali p. Sebastiano fu di famiglia in numerosi conventi della Provincia. Sono da ricordare, particolarmente, i lunghi periodi trascorsi a Roma-S. Marco Evangelista ( ), Sabaudia ( , guardiano e parroco), Roma-Ss. Pietro e

15 20 NECROLOGIO PROVINCIA PATAVINA OFM CONV. Paolo ( ). Negli ultimi cinque anni fu di famiglia a Gazzolo, dove la comunità dei frati gli fu molto vicina durante la malattia che lo condusse alla morte. Esercitò con entusiasmo il ministero sacerdotale, caratterizzato da un intensa pietà mariana, ispirata al messaggio di Fatima, lasciando dovunque segni evidenti del suo amore alla Madonna, che onorava soprattutto con la corona del Rosario. Il suo animo di fanciullo, che seppe sempre conservare, gli facilitò anche l approccio con i bambini e i ragazzi, che riusciva a coinvolgere lietamente nelle sue iniziative. Alle esequie, celebrate nella chiesa di S. Antonio di Gazzolo, presiedute dal Vescovo ausiliare di Brescia mons.vigilio Mario Olmi, intervennero numerose persone, venute anche da lontano. Riposa nel cimitero di Lumezzane, accanto ad altri frati ivi sepolti. 9 gennaio 1942 Padre ANTONIO BOLOGNINI Primo Ministro provinciale della Patavina anni 74 Nacque a Lumezzane (Brescia) il 26 marzo Fu novizio del p. Pacifico Rabuini. Ordinato sacerdote a Lésina (Dalmazia) nel 1891, fu guardiano a Cherso ( ) e poi a Camposampiero ( ). Nella separazione della Provincia Patavina dalla Dalmata (17 ottobre 1907), venne nominato primo Ministro provinciale dal 1907 al Dopo essere stato Rettore del Santo dal 1919 a 1922, fu nuovamente Ministro provinciale fino al 1924 (fu costretto a lasciare l ufficio perché coinvolto, in buona fede in un difficile caso che turbò la Chiesa padovana negli anni 20); in seguito, fino alla morte, a Roma come Consultore della Congregazione dei Sacramenti e Visitatore dei seminari dell Ordine. Tempra di organizzatore, pose coraggiosamente le basi della futura Provincia con la costruzione del seminario di Camposampiero e più tardi, contro il parere di molti, di quello di S. Pietro di Barbozza per il ginnasio. La prima guerra mondiale mise a dura prova queste iniziative, ma, con la pace, in breve i seminari risorsero più ampi e funzionali. Altro suo grande merito, l aver ottenuto il nostro ritorno alla basilica dei Frari (Venezia), nel Seguirono gli anni romani: a Roma con il corpo, in Provincia con il cuore. Sempre preoccupato della sua Provincia, trascurava se stesso (una volta giunse a Lumezzane con le calze spaiate: Eh, ce ne sono di più poveri di me! ), e anche i suoi parenti, ai quali dedicava ben poco tempo, perché si interessava sempre della Chiesa e dei suoi confratelli. Sazio di anni e di lavoro, chiuse serenamente gli occhi per aprirli alla luce eterna. Fu sepolto al Verano (Roma), ma il 23 febbraio 1986 tornò tra i suoi monti nel cimitero di Lumezzane-Pieve.

16 GENNAIO 21 È considerato il Padre e il Fondatore della rinata Provincia Patavina. Il paese natio gli ha dedicato una via. Visse con semplicità, pensò con grandezza. 9 gennaio 1944 Padre GRAZIANO ZANIN anni 32 Nato a Talmassons (Udine) il 27 aprile 1912, entrò nell Ordine il 1 ottobre 1923, emise la professione temporanea nel 1929, la solenne nel 1933, ordinato sacerdote il 7 marzo Fu di famiglia prima a Milano, come cooperatore e insegnante di religione nelle scuole medie, e dal 30 settembre 1942 a Pola, nella nuova parrocchia di San Giuseppe. Un rigido giorno di gennaio del 1944, giunse dal capoluogo dell Istria un luttuoso telegramma: San Giuseppe colpita incursione aerea 9 corrente Padre Graziano tragicamente perito, tentativo salvare Santissimo. Si seppero poi i particolari: mentre era genuflesso all altare nell atto di aprire il tabernacolo per porre al sicuro l Eucaristia, lo spostamento d aria di una grossa bomba scaraventò p. Graziano contro gli scanni e la parete, fratturandogli le gambe e uccidendolo all istante: solo il volto restò intatto e sereno. Subito dopo altre bombe caddero e rovinarono quasi del tutto la chiesa, ma l altare, il tabernacolo e l Eucaristia furono risparmiati. Vita breve la sua, terminata in uno spontaneo slancio di amore verso Colui al quale aveva consacrato tutto se stesso. Solo una grande fede e un illimitato amore verso Cristo, possono spiegare l eroico comportamento di p. Graziano. Nel 1966 la salma, riportata in patria, fu tumulata nel cimitero di Talmassons (Udine). 9 gennaio 1989 Padre DANIELE REFRONTOLOTTO trasfiliato alla Custodia di Calabria anni 72 Nato a Colfosco di Susegana (Treviso) il 20 ottobre 1916, entrò nel seminario di Camposampiero a quasi 15 anni, il 21 settembre del Emise i voti temporanei nel 1937 e quelli solenni nel Frequentò la teologia a Padova e fu ordinato sacerdote a Roma nel 1943, in rito greco-bizantino, a motivo del suo mai spento anelito di consumare la sua vita tra i fratelli dell Albania.

17 22 NECROLOGIO PROVINCIA PATAVINA OFM CONV. Fin da giovanetto, dalla chiesetta di San Bartolomeo, su di un altura dell isola di Cherso, spingendo lo sguardo lungo le azzurre coste dell Adriatico, galoppava con la fantasia veleggiando missionario verso quelle terre laggiù in fondo. Ma la guerra infuria aspra e sanguinosa e il sogno finisce nel cassetto delle sue aspirazioni. La Provvidenza lo inviò nell Eparchia di Lungro, dove per lunghi anni esercitò con totale dedizione l ufficio di parroco a S. Giorgio Albanese (Cosenza), con invenzioni tipiche del suo temperamento. Iscrittosi in perpetuum alla Custodia provinciale di Calabria, nel 1972 fu trasferito a Castrovillari e poi a Palmi (Reggio Calabria), dove gli giunse, non inaspettato, l invito a vivere per sempre nella casa del Padre. Mi preparo per l eternità, diceva spesso negli ultimi tempi, perché, arrivando in Paradiso, S. Pietro non mi rimandi indietro. Sempre fedele alla missionarietà che gli stava dentro, sempre con gli ultimi, riuscì a portare a termine, nel campo della promozione umana, iniziative che nessun altro al suo posto sarebbe riuscito a realizzare: accenniamo all Istituto magistrale Maria Immacolata e ai consultori familiari e pediatrici. Una fede viva e attiva, una costante preghiera e una devozione francescana a Maria lo hanno sorretto lungo il suo non facile itinerario. Non possono essere dimenticati il suo inalterato buonumore e il bonario umorismo: ce ne resta traccia nelle numerose composizioni in rima, declamate in varie circostanze della vita di seminario e di convento, che se anche non possono essere nobilitate della qualifica di poesie, pure inducono nel lettore tanta serenità e tanto ottimismo. Ora riposa in pace a Palmi, sua terra di elezione. 10 gennaio 2002 Padre DEMETRIO ROMEDIO DOLZANI anni 91 Nato a Cunevo (Trento) il 29 marzo 1910, il piccolo Adolfo, così era stato chiamato al battesimo, entra grandicello nel seminario di Camposampiero nell ottobre del Emette i voti temporanei a Padova nel 1930, e quelli solenni a Brescia nel Il 18 settembre 1937 viene ordinato sacerdote presso la tomba del Serafico Padre in Assisi. È quindi di famiglia a Cherso ( ) e a Camposampiero ( ). Con il sopraggiungere della seconda guerra mondiale, nonostante la grave situazione, p. Demetrio (questo nome lo assume in seguito al suo passaggio dal rito latino a quello greco-bizantino), chiede di andare missionario, assieme ad altri confratelli, in Albania. In quella terra lavorò con grande zelo, non risparmiando fatiche, rag-

18 GENNAIO 23 giungendo i villaggi lontani per portare il messaggio di Cristo e il conforto a quelle popolazioni colpite dalla guerra. Alla fine del conflitto dovette ritornare in Italia, assieme agli altri confratelli, per non correre il pericolo di una condanna a morte da parte del nuovo regime comunista, che considerava i nostri missionari italiani come collaboratori degli ex dominatori. Rientrato in Italia nel 1945, fu destinato dalla Congregazione per le Chiese Orientali all Eparchia di Lungro (Cosenza), dove donò le sue migliori energie come parroco a Marri di S. Benedetto Ullano (Cosenza). Là si parla ancora di lui come di un uomo venuto dal cielo per la sua grande bontà. Dal 1960 al 1976 è a S. Giorgio Albanese; per due anni vi fu anche guardiano. Anche in questa parrocchia p. Demetrio fu l uomo e il frate pio, il francescano povero, l apostolo che andava anche nelle zone più lontane. Davanti alla disarmante semplicità del p. Demetrio, non si poteva non riconoscere in lui l uomo che viveva sì in terra, ma con l animo già rivolto alla patria celeste. Dopo l esperienza di S. Giorgio Albanese, venne trasferito a Palmi, dove rimase per dodici anni; fu poi a Squillace Lido ( ) e infine a Catanzaro, presso la basilica dell Immacolata ( ). Da qui fu trasferito nella nostra casa di S. Pietro di Barbozza. L aver lasciato la Calabria, lo stesso ritorno al rito latino da quello greco-bizantino, fu per lui un grande sacrificio, ma nonostante questo disagio, p. Demetrio seppe accogliere l obbedienza. A S. Pietro di Barbozza trascorse gli ultimi anni nella preghiera e nella pazienza, con la salute che lentamente lo abbandonò, portandolo all incontro con sorella morte il 10 gennaio 2002, all ospedale di Montebelluna. I funerali furono celebrati a Camposampiero. Riposa nella tomba dei frati nel cimitero locale. 11 gennaio 1948 Fra ISIDORO DANIELE anni 26 Nato a Saonara (Padova) il 26 aprile 1922, compì gli studi ginnasiali nei seminari di Camposampiero e di Cherso, il liceo a Brescia e a Venezia. Fece il noviziato al Santo, dove emise la professione temporanea nel 1944, che rinnovò poi nel 1947, nella speranza di pronunciare i voti solenni con i suoi compagni di classe nel Ma durante il periodo di ferie nella Casa di Rio di Pusteria (Bolzano) si manifestarono i primi sintomi della tubercolosi, che lo consumò in brevissimo tempo.

19 24 NECROLOGIO PROVINCIA PATAVINA OFM CONV. Offertosi vittima di espiazione per quei religiosi e sacerdoti che non corrispondono alla vocazione, si spense santamente il giorno 11 gennaio, festa della Santa Famiglia, nella casa di cura di Bressanone (Bolzano), dov era ricoverato dal 30 giugno del Non so dire come muoiono i santi dirà un confratello, testimone dei suoi ultimi momenti terreni ma mi basta aver visto la morte di fra Isidoro. Riposa nel cimitero di Bressanone. 12 gennaio 1994 Fra NATALE DE SANTI anni 76 Nato a S.Antonino di Treviso il 26 novembre 1917, entrò nel convento di Brescia il 15 ottobre Dopo il noviziato emise la prima professione al Santo e la solenne a Cherso nel Di famiglia al Santo, S. Pietro di Barbozza, Cherso, Como, Padova-Santo, Como, Camposampiero, Roma-S. Marco, Gazzolo, ancora a Roma-S. Marco, Venezia: un itineranza, talvolta sofferta, di oltre un trentennio, ma infine approdò nel 1974 a Roma-Ss. Pietro e Paolo e vi rimase fino alla morte. Duplice l attività nei suoi 55 anni di vita religiosa: la prima fu quella di questuante, a servizio della comunità e del sostentamento dei giovani seminaristi della Provincia, ricambiando ciò che riceveva di porta in porta, con pie esortazioni e promessa di preghiera, non dimenticando di promuovere tra i giovani la consacrazione a Dio e la vita francescana. La seconda attività, nella quale pure profuse senza risparmio le sue energie, fu quella di sacrestano. Con il suo sorriso semplice e accattivante continuò a svolgere il suo apostolato, di poche parole, di accoglienza premurosa, attenta e sollecita. Non era certo esente da qualche atteggiamento che strideva con il suo nome e cognome di sapore celestiale, ma era di poca durata e tosto sopito nel clima fraterno della comunità. Gli acciacchi piano piano demolirono la fibra di fra Natale e l arrivo della sorella comune non gli giunse improvviso in quel 12 gennaio, quando, dopo la chiusura del tempio, si ritirò in cella, saltando la cena e accusando molestie di carattere respiratorio, che, accentuatesi con altri segni preoccupanti, costrinsero il guardiano a convincere fra Natale a ricoverarsi. Ma il caro confratello desiderava soprattutto l Olio Santo che ricevette con devozione e, all arrivo dell autolettiga, aveva già preso la via dell eternità: un edema polmonare e l arresto cardiaco lo avevano stroncato. Riposa all Arcella.

20 GENNAIO gennaio 1996 Padre GUIDO CONVENTO anni 76 Nato ad Arzergrande (Padova) il 23 novembre 1920, nel 1932 entrò nel seminario minore dei pp. Scalabriniani a Bassano del Grappa (Vicenza), dove dopo aver frequentato le scuole medie e il ginnasio nel 1937 iniziò l anno di noviziato. Attratto dall ideale francescano conventuale, più confacente al suo temperamento, domandò di abbracciare la nostra vita. Venne accolto ed ammesso al noviziato, che trascorse nel convento del Santo nel 1938 e terminò il 18 ottobre 1939 con la professione temporanea; il 18 ottobre 1942, emise la professione solenne e il 17 giugno 1945 venne ordinato sacerdote nella chiesa parrocchiale di Peraga (Padova). Eccetto brevi periodi trascorsi nei conventi di Venezia, Treviso e Camposampiero, per ben 35 anni svolse il suo ministero nel convento del Santo, esercitando con zelo e precisione l ufficio di cerimoniere e penitenziere della basilica. La sua esistenza fu contraddistinta da una passione profonda per il culto del Signore, da una devozione filiale verso la Vergine Maria e soprattutto dall amore a S. Antonio. Colpito da una inesorabile malattia, proprio pochi mesi prima dell apertura del centenario antoniano, vissuto dal p. Guido nella sua realtà di sofferenza e malattia, ma gustando e godendo di tutte le iniziative proposte e manifestazioni religiose realizzate, sorella morte venne a visitarlo poco più di un mese dopo la conclusione del centenario della nascita di S. Antonio. Le esequie, celebrate nella basilica del Santo, furono presiedute dal Delegato Pontificio mons. Marcello Costalunga. La salma riposa nella tomba dei nostri frati all Arcella. 12 gennaio 2003 Padre AUGUSTO CATTAI anni 79 Nato a Fontanelle (provincia di Treviso e diocesi di Vittorio Veneto) il 12 dicembre 1923, fu battezzato con il nome di Giordano. Cresciuto in una famiglia numerosa e di buone tradizioni cristiane, a quindici anni, nel 1938, entrò nel nostro seminario di Camposampiero. A vent anni compì l anno di noviziato, emettendo la prima professione nel settembre del 1945 e quella solenne il 4 ottobre 1949, nella basilica del Santo. Seguì gli studi teologici a Padova, portandoli a termine a

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Don Michele. il suo ricordo e il suo sorriso sono la nostra pace

Don Michele. il suo ricordo e il suo sorriso sono la nostra pace Don Michele il suo ricordo e il suo sorriso sono la nostra pace Don Michele Oliva A 17 Maggio 1944 Ω 8 Ottobre 2012 Parroco della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore in Scalea e Vicario Foraneo della Forania

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 La Parrocchia Gesù Maestro Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 Carissimi la Chiesa, dallo scorso novembre, celebra l Anno della Vita Consacrata e invita tutti noi a riscoprire la vocazione di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Cari fratelli e sorelle, oggi, come ogni anno, ricordiamo san Carlo Borromeo,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984

Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984 Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984 NORME PER I MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE L.V.D. LXXV (1984) pp. 373-380 L Eucaristia è sorgente e vertice di tutta la vita cristiana, ed è fonte dell

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

Doc. 11 di Don Salvatore Conte

Doc. 11 di Don Salvatore Conte Doc. 11 LETTERE A NUCCIA di Don Salvatore Conte Taranto 19 / 12 / 1969 ho ricevuto la tua gradita lettera e ti ringrazio del ricordo e delle preghiere. Anche io sento il disagio della lontananza che mi

Dettagli

INDICAZIONI DIOCESANE PER IL MINISTERO STRAORDINARIO DELLA COMUNIONE

INDICAZIONI DIOCESANE PER IL MINISTERO STRAORDINARIO DELLA COMUNIONE INDICAZIONI DIOCESANE PER IL MINISTERO STRAORDINARIO DELLA COMUNIONE Con l Istruzione della Congregazione per i Sacramenti ed il Culto divino Immensae caritatis del 23.01.1972, Paolo VI ha istituito il

Dettagli

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia Arcidiocesi di Pesaro Giubileo Straordinario della Misericordia Vogliamo vivere questo Anno Giubilare alla luce della Parola del Signore: Misericordiosi come il Padre. Misericordia è la via che unisce

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

camilliani martiri della carità», da celebrarsi ogni anno in

camilliani martiri della carità», da celebrarsi ogni anno in Lettera del Cardinale Angelo Sodano Segretario di Sua Santità al Superiore Generale dei Camilliani in occasione dell istituzione della «Giornata dei Religiosi Camilliani Martiri della Carità» 25 maggio

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Avvenimenti di casa LA NOSTRA PICCOLA OPERA, HA VISTO, NEGLI ULTIMI MESI MOLTIS-

Avvenimenti di casa LA NOSTRA PICCOLA OPERA, HA VISTO, NEGLI ULTIMI MESI MOLTIS- Avvenimenti di casa LA NOSTRA PICCOLA OPERA, HA VISTO, NEGLI ULTIMI MESI MOLTIS- SIME INIZIATIVE ED AVVENIMENTI DI GRAZIA PER TUTTA L OPERA. CERCHIAMO DI RIPERCORRERLI. Il 13 Maggio ha rinnovato i Voti

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD)

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD) ARCIDIOCESI DI UDINE UFFICIO DIOCESANO PER LA PASTORALE DELLA FAMIGLIA La coppia cristiana: segno di speranza pomeriiggiio dii spiiriitualliità famiilliiare domenica 27 aprile 2014 CASA ESERCIZI SPIRITUALI

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli