Corso di Laurea Magistrale in Biostatistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea Magistrale in Biostatistica"

Transcript

1

2 Università degli studi di Milano-Bicocca Scuola di Economia e Statistica Dipartimento di Statistica e Metodi Quantitativi Guida dello studente Corso di Laurea Magistrale in Biostatistica Anno

3

4 Università degli Studi di Milano - Bicocca Scuola di Economia e Statistica Dipartimento di Statistica e Metodi Quantitativi Guida al Corso di Laurea Magistrale in Biostatistica Anno accademico

5

6 INDICE PRESENTAZIONE DEL CORSO... 1 INFORMAZIONI GENERALI... 5 ORGANIZZAZIONE DEL CORSO ELENCO DEGLI INSEGNAMENTI E DEI PROGRAMMI INDICAZIONI GENERALI ANALISI E MODELLI DEMOGRAFICI BASI DI DATI BIOINFORMATICA CALCOLO DELLE PROBABILITA CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITA ELEMENTI DI BIOLOGIA ELEMENTI DI MEDICINA E SANITA PUBBLICA FARMACOEPIDEMILOGIA INFERENZA STATISTICA METODOLOGIA DELLA RICERCA CLINICA ED EPIDEMIOLOGICA (E- LEARNING) MODELLI STATISTICI I Modulo MODELLI LINEARI PER DATI CATEGORIALI Modulo MODELLO LINEARE GENERALIZZATO MODELLI STATISTICI APPLICATI ALLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE MODELLI STATISTICI E INFERENZA BAYESIANA Modulo Modelli statistici II Modulo Inferenza bayesiana MODELLI STATISTICI PER LA GENETICA POPOLAZIONE, TERRITORIO E SOCIETA I

7 PROCESSI STOCASTICI STATISTICA AMBIENTALE STATISTICA SPAZIALE STATISTICAL MODEL IN EPIDEMIOLOGY VALUTAZIONE STATISTICA DEI SISTEMI SANITARI...48 II

8 PRESENTAZIONE DEL CORSO Coordinatore: prof.ssa Antonella Zambon Nell anno è stato attivato il primo anno del Corso di Laurea Magistrale in Biostatistica, di seguito indicato come Corso. L'obiettivo formativo generale di questo Corso è quello di fornire una preparazione qualificata allo svolgimento di funzioni di progettazione, gestione, analisi, interpretazione statistica e valutazione di studi sperimentali, indagini osservazionali e sistemi di monitoraggio e sorveglianza nei campi della biologia, delle biotecnologie, della medicina preventiva, clinica e riabilitativa, della veterinaria, delle scienze ambientali, della demografia. Il Corso fornisce: solide basi matematiche e statistiche; buona padronanza degli strumenti informatici e di calcolo automatico; buona conoscenza degli strumenti logico-concettuali e metodologici nell'ambito della ricerca sperimentale e osservazionale; approfondita conoscenza delle tecniche statistiche che trovano particolare applicazione nel contesto della biostatistica e delle statistica applicata all ambiente fisico e sociale; particolare sensibilità al linguaggio ed un livello adeguato di conoscenza del contesto biologico, medico e ambientale al quale la biostatistica è applicata, che lo metta in grado di collaborare con esperti in altre discipline. Il laureato in biostatistica è in grado di: partecipare alla stesura dei protocolli di ricerca fornendo le proprie competenze per la definizione e la scelta del disegno dello studio e dei criteri di selezione delle unità statistiche da includere, della messa a punto degli strumenti di raccolta e di misura, dei metodi statistici da impiegare, del numero di unità statistiche da considerare tenendo conto del livello di significatività e della potenza dello studio rispetto al contesto in cui sta operando, delle procedure per la gestione dei dati mancanti, inutilizzati o spuri, per la segnalazione di qualunque deviazione dal piano statistico originale, e per il controllo e l'assicurazione della qualità dei dati; intervenire nelle procedure di gestione del dato dalla sua raccolta su supporto cartaceo o elettronico, al controllo della sua qualità, alla chiusura del database collaborando con la figura del data manager; effettuare l'analisi statistica dei dati attraverso la costruzione di modelli atti a spiegare i fenomeni oggetto di studio anche con l'impiego di strumenti di calcolo automatico avanzati e di algoritmi sofisticati; lavorare con altre figure professionali recependo il problema biologico, clinico, sociale o ambientale che il gruppo di lavoro intende affrontare, comunicare, attraverso la stesura di report finali e lavori scientifici, i metodi, i risultati e l'interpretazione statistica di uno studio utilizzando l appropriato linguaggio scientifico. 1

9 La durata normale del Corso di Laurea magistrale in Biostatistica, è di due anni. Per conseguire la laurea magistrale in Biostatistica lo studente deve acquisire 120 crediti formativi universitari (CFU). Gli studenti che superano gli esami del Corso e l esame di Laurea conseguono il titolo accademico di : Dottore magistrale in Biostatistica. Gli studenti iscritti al Corso potranno anche effettuare periodi di ricerca presso strutture esterne, oltre a soggiorni di studio presso altre Università italiane ed europee, anche nel quadro di accordi internazionali. Negli ultimi tre anni accademici almeno 15 studenti hanno svolto all'estero le loro attività per la preparazione della tesi. Tra le più prestigiose sedi estere scelte dagli studenti del Corso di laurea magistrale in Biostatistica e statistica sperimentale ricordiamo il Karolinska Institutet (Svezia) e la Harvard University (Stati Uniti). L acquisizione della laurea magistrale in Biostatistica consente di accedere ai corsi di Dottorato di ricerca e ai Corsi di Master Universitario di II livello. Sbocchi occupazionali La Laurea magistrale in Biostatistica consente l'inserimento nei seguenti settori economici: - istituti di ricerca biologica, biotecnologica, clinica ed epidemiologica, - aziende ospedaliere, - istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, - aziende sanitarie locali, - agenzie sanitarie regionali, - osservatori epidemiologici, - registri di patologia, - aziende farmaceutiche e CRO (Contract Research Organization), - agenzie regionali per la protezione ambientale, - aziende di servizi. Qualche dato sul Corso Immatricolazioni Il Corso di laurea magistrale in Biostatistica e statistica sperimentale (precedente denominazione del Corso) è attivo dall'anno accademico Durante questi anni l'andamento delle immatricolazioni è rimasto costante:

10 Abbandoni Le percentuali di abbandono nel primo anno di Corso sono rimaste stabili e contenute ,4 31,1 21,2 20,3 10,5 23,5 15,7 15,4 Soddisfazione per la didattica erogata Ogni anno l'ateneo svolge un'indagine conoscitiva sulla qualità della didattica erogata mediante la somministrazione di un apposito questionario anonimo. Alla domanda Sono complessivamente soddisfatto di come è stato svolto questo insegnamento? la percentuale di giudizi positivi fornita dagli studenti frequentanti gli insegnamenti del Corso di laurea magistrale in Biostatistica e statistica sperimentale (precedente denominazione del corso) nell'anno accademico è stata dell'85.3% (76.1% nell'anno accademico e 84.3% nell'anno accademico precedente). Laureati in corso Le percentuali di successo ovvero le percentuali di studenti che si sono laureati in corso sono soddisfacenti, soprattutto se si tiene conto che molti degli studenti del Corso di laurea in oggetto sono studenti-lavoratori ,3 31,1 38,5 40,6 55,3 29,4 [ tratto da: Bagnardi et al., Analisi delle Carriere degli studenti Ateneo di Milano- Bicocca] Dopo la laurea Da una rilevazione del CRISP (Centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilità dell'università degli Studi di Milano-Bicocca) emerge che circa il 90% dei laureati in Biostatistica e statistica sperimentale (precedente denominazione) durante l'anno accademico lavorava al momento della laurea o ha trovato lavoro subito dopo il conseguimento del titolo. Prima di iscriversi Si consiglia di contattare la coordinatrice del corso Prof.ssa Antonella Zambon per un colloquio preliminare. Sono ammessi al Corso i laureati in Scienze statistiche, Classe 37 del DM 509/99 e Classe L- 41 del DM 270/04. Gli studenti in possesso di altro titolo di laurea posso- 3

11 no accedere al Corso, previa verifica, da parte di un apposita Commissione, dei requisiti minimi di accesso, indicati nel Regolamento didattico del Corso, attraverso la valutazione della carriera pregressa. Per ulteriori informazioni si consulti il regolamento (art.5) disponibile all indirizzo biostat.dismeq.unimib.it alla sezione Didattica Regolamenti e Calendario. Per poter affrontare senza difficoltà il Corso di Laurea Magistrale in Biostatistica uno studente che non proviene da un corso di laurea triennale con indirizzo quantitativo dovrebbe acquisire prima dell'inizio dell'anno accademico alcuni concetti base in Matematica, Statistica e Informatica. Questi contenuti possono essere discussi nel colloquio preliminare con la Prof.ssa Zambon. Si consiglia quindi di richiedere questo colloquio appena possibile 4

12 INFORMAZIONI GENERALI Come raggiungere la sede del corso La sede del corso è situata nell edificio U7, in Via Bicocca degli Arcimboldi 8 a Milano. Gli spazi dell edificio U7 sono aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore Per contattare la Portineria dell edificio U7, chiamare al numero Il complesso universitario Bicocca, situato nella zona Nord di Milano, è raggiungibile mediante: auto: è disponibile un ampio parcheggio sotterraneo di 900 posti con accesso da Piazza dell Ateneo Nuovo; metropolitana: Linea 1, fermata Precotto, poi metrotramvia 7 in direzione Messina oppure Linea 3, fermata Zara, poi metrotramvia 7 in direzione Precotto; Linea 5, fermata Bicocca poi metrotramvia 7 in direzione Precotto autobus: Linea 87 (Sesto Marelli - stazione Centrale), fermata Teatro Arcimboldi; Linea 52 (Q.re Comasina Bicocca Università), fermata via Polvani via A. Pirelli; Linea 81 (Sesto Marelli Lambrate), fermata Breda Rucellai da dove è possibile utilizzare il sottopasso pedonale per raggiungere piazzale Egeo; Linea 728 (Cinisello Balsamo Bicocca Università), fermata Milano Greco (capolinea); inoltre Brianza Trasporti effettua due collegamenti con la Bicocca, uno per Monza e l'altro per Mariano Comense; tram: Linea 31, fermata San Glicerio; Linea 7, fermata Arcimboldi; treno: stazione di Milano Greco-Pirelli; ecobus gratuito che collega i vari edifici dell Ateneo (capolinea in Piazza Egeo). La Segreteria Didattica La Segreteria didattica fornisce informazioni e distribuisce il materiale disponibile sull offerta didattica, il calendario didattico, gli orari di ricevimento dei professori; fornisce altresì informazioni relative ai Servizi Integrati di Facoltà (S.I.FA). Segreteria didattica e SIFA: Alessandra Verduci Tel: fax: , Apertura al pubblico: mercoledì: ore e su appuntamento Segretaria didattica e Stage Annalisa Murolo Tel: Fax: , Apertura al pubblico: mercoledì: ore e su appuntamento 5

13 I servizi per gli studenti I Rappresentanti degli studenti Oltre ai docenti anche alcuni studenti iscritti ai corsi di laurea in statistica, eletti periodicamente, partecipano alle sedute del Consiglio di Coordinamento Didattico. Gli studenti rappresentanti sono attualmente: Alice Corbella, Silvia Bordogna, Stefano Griggio, Nicola Pesenti, Paolo Testa e Andrea Torti. Gli studenti possono rivolgersi ai Rappresentanti degli studenti, contattandoli via all indirizzo: L Ufficio Stage L Ufficio Stage del Corso di laurea è' il punto di riferimento per la ricerca e lo svolgimento di stage e tirocini; cura e promuove i contatti con Enti ed Aziende. Annalisa Murolo Tel: Fax: Edificio U7, 4 piano, ufficio 4056 Apertura al pubblico: mercoledì: ore e su appuntamento Docenti di riferimento per attività di orientamento e stage Prof. Giovanni Corrao Tel Prof. Marco Fattore Tel Studiare all estero L Unione Europea ha istituito diversi programmi riguardanti l internazionalizzazione degli studi universitari. 1) Il programma Erasmus permette di trascorrere un periodo di studio (fino a dodici mesi) presso un Università straniera con un contributo da parte della Comunità Europea. Per l anno accademico , si intende promuovere lo scambio di studenti con le Università di seguito indicate: Hogskolen I Oslo (Norvegia) Universitetet I Oslo (Norvegia) Universidad Hernandez De Elche-Alicante (Spagna) 6

14 Universidad Carlos III de Madrid (Spagna) Universitè d Orlèans (Francia) Universite Paris 1 Panthéon Sorbonne (Francia) Gazi Üniversitesi (Turchia) Yaşar Üniversitesi (Turchia) Universiteit Gent (Belgio) Stockholms Universitet (Svezia) Nel bando saranno indicati i requisiti richiesti e tutte le informazioni per presentare la candidatura. Non è possibile sostenere all estero i seguenti esami: Analisi Matematica I, Analisi Matematica II, Algebra Lineare, Statistica I, Statistica I e statistica ambientale, Calcolo delle Probabilità, Statistica II, Analisi Statistica Multivariata. 2) Il programma Erasmus Placement permette agli studenti di accedere a tirocini presso imprese, centri di formazione e di ricerca presenti in uno dei Paesi partecipanti al Programma. Lo studente Erasmus Placement, che riceve un contributo comunitario per un periodo di tirocinio che va da un minimo di 3 a un massimo di 6 mesi, ha l opportunità di acquisire competenze specifiche ed una migliore comprensione della cultura socioeconomica del Paese ospitante. 3) Il programma Summer Winter School (Cina, India, Russia, Brasile) ha come obiettivo primario quello di sviluppare negli studenti la capacità di gestire i processi di innovazione in modo qualificato e propositivo e di toccare con mano i processi attuali di internazionalizzazione degli scambi economici e delle relazioni. Gli studenti selezionati frequenteranno, prima di partire, un ciclo di lezioni introduttive alle realtà dei Paesi ospitanti. Nel corso delle due settimane di permanenza all estero gli studenti, alloggiati presso i campus delle strutture ospitanti, seguono lezioni e visitano Aziende locali e Enti non profit. Docenti di riferimento per Erasmus e internazionalizzazione: Prof. Rino Bellocco Tel , Dott.ssa Fulvia Pennoni Tel Per l Erasmus Placement, il referente amministrativo è: Annalisa Murolo tel , fax , Laboratori informatici e sistemi informatici Il Corso dispone di un laboratorio di informatica accessibile agli studenti iscritti (aula 2086) e di un laboratorio (aula 2059) accessibile ai laureandi e ai dottorandi in ot- 7

15 temperanza al calendario accademico. I laboratori sono al II piano dell Edificio U7 e sono aperti dalle ore 9.00 alle ore I laboratori sono dotati complessivamente di 40 postazioni workstation con Windows XP collegate in rete. Numerosi pacchetti software di interesse statistico sono già installati ed utilizzabili, quali ad esempio Mathematica, SPSS, SAS, R, Stata, ArcGis. Inoltre gli studenti hanno la possibilità di accedere a tutti i laboratori informatici di Ateneo, distribuiti in tutti gli edifici in cui si tengono le lezioni. Un ulteriore possibilità di accesso ad alcuni software di carattere statistico è fornita dal laboratorio virtuale che permette di accedere via Internet ad una selezione dei programmi più utilizzati per l analisi statistica, collegandosi per esempio anche dal computer di casa. Docenti di riferimento per Laboratori e Sistemi informatici: Ing. Mirko Cesarini Tel , Dott. Roberto Boselli Tel , I tecnici informatici responsabili sono: Andrea Pagliari, ufficio 2063 tel , Riccardo Giani, ufficio 2044 Tel , Sito del corso di laurea Tutte le informazioni contenute in questa Guida, i Regolamenti didattici dei corsi, i servizi, le pagine personali dei docenti, sono disponibili nel sito web del corso di laurea all indirizzo alla sezione Didattica Regolamento e Calendari. Iscrizioni Le modalità e i termini di scadenza delle immatricolazioni sono indicati nel sito di Ateneo sezione Segreterie Studenti. Docenti di riferimento per ricostruzioni carriere: Prof. Giorgio Vittadini Tel: Fax: , Prof.ssa Antonella Zambon Tel , 8

16 Comitato di Coordinamento Didattico Prof. Giovanni Corrao Tel: Fax: , Prof. Giorgio Vittadini Tel: Fax: , Prof.ssa Antonella Zambon Tel , Per altre informazioni: Sportello telefonico Servizio orientamento di Ateneo Sportello Telefonico: Lunedì, martedì e giovedì dalle 9.00 alle Mercoledì e venerdì dalle alle Richieste via sono disponibili indirizzi per diverse tematiche informazioni sulle immatricolazioni e iscrizioni, procedure e scadenze, servizi e le opportunità: informazioni sul tirocinio formativo attivo: informazioni sugli stage: informazioni sul job placement: informazioni su esami e prove di accertamento di lingua straniera: informazioni su esami e prove di accertamento di informatica: Front office: Edificio U17, Piazzetta Difesa per le Donne (adiacente a via Padre Beccaro) 9

17 ORGANIZZAZIONE DEL CORSO DI LAUREA Elenco delle attività secondo il regolamento del Corso di Laurea Magistrale in Biostatistica anno I ANNO Settori Insegnamenti CFU MAT/06 Calcolo delle probabilità 6 BIO/10 Elementi di biologia 6 MED/42 Elementi di medicina e di sanità pubblica 12 SECS-S/01 Inferenza statistica 6 MED/01 Metodologia della ricerca clinica ed epidemiologica (e-learning) M 12 Modelli statistici I 12 SECS-S/01 Modulo: Modello lineare generalizzato 6 Modulo: modelli lineari per dati categoriali 6 Attività formative a scelta 6 II ANNO Settori Insegnamenti CFU SECS-S/04 Analisi e Modelli demografici 6 ING-INF/05 Basi di dati 6 MED/01 Modelli statistici applicati alle sperimentazioni cliniche 6 SECS-S/01 Modelli statistici e inferenza bayesiana 12 Modulo: Inferenza bayesiana 6 Modulo: Modelli statistici II 6 MED/01 Statistical models in epidemiology 12 Attività formative a scelta 6 Altre attività formative 2 Prova finale 10 Attività formative a scelta La scelta di tali attività deve essere coerente con il progetto formativo ed esplicitata nel piano di studi che ogni studente deve presentare. La coerenza sarà valutata dal Comitato di Coordinamento Didattico sulla base del piano di studi presentato. Tra gli insegnamenti impartiti che possono concorrere al conseguimento dei CFU dedicati alle attività autonomamente scelte, si segnalano, in quanto particolarmente coerenti con il percorso formativo offerto dal Corso di laurea magistrale in Biostatistica, i seguenti: 10

18 Area Settori Insegnamenti CFU INF/01 Bioinformatica 6 Biomedica MED/01 Farmacoepidemiologia 6 MED/01 Modelli statistici per la genetica 6 SECS-S/01 Controllo statistico della qualità 6 Statistico - SECS-S/01 Valutazione statistica dei sistemi sanitari 6 Demografica SECS-S/04 Popolazione territorio e società 6 Statisticoambientale Altre attività formative SECS-S/01 Processi stocastici 6 SECS-S/01 Statistica ambientale 6 SECS-S/01 Statistica spaziale 6 Le attività in questione sono volte ad acquisire ulteriori conoscenze utili sia per inserimento nel mondo del lavoro che per agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del settore lavorativo cui il titolo di studio può dare accesso. Tali attività sono svolte dallo studente mediante la frequenza di seminari/workshop predisposti a questo fine dal Dipartimento di Statistica e Metodi Quantitativi, da altri Enti universitari o extrauniversitari, o la partecipazione ad attività di ricerca presso aziende pubbliche o private. Prova finale Per il conseguimento della laurea magistrale è richiesta l elaborazione di una tesi di laurea originale. La tesi consiste in un elaborato scritto, contenente i contributi e/o i risultati conseguiti dallo studente mediante un attività di ricerca teorica e/o sperimentale riguardante tematiche coerenti con gli obiettivi formativi del Corso di laurea magistrale. In particolare, lo studente dovrà dimostrare di saper inquadrare criticamente la letteratura di riferimento più recente, nonché di essere in grado di utilizzare gli strumenti più appropriati per l analisi teorica e/o l investigazione empirica dell argomento oggetto della tesi. Le attività di preparazione della tesi possono essere svolte presso: - un istituto, ente o centro di ricerca nazionale o internazionale con il tutoraggio di un ricercatore dell istituto e la supervisione di un docente del Dipartimento di Statistica e Metodi Quantitativi o di altri Dipartimenti dell Università di Milano-Bicocca, - il Dipartimento di Statistica e Metodi Quantitativi dell Università di Milano-Bicocca con il tutoraggio di un docente o di un ricercatore del Dipartimento stesso. La prova finale consiste nella discussione della tesi in seduta pubblica, di fronte a una Commissione composta da professori e/o ricercatori del Dipartimento di Statistica e Metodi Quantitativi ed eventualmente di altri Dipartimenti o Università. La commissione esprime la valutazione finale in centodecimi, con eventuale lode, tenendo conto sia dello svolgimento della prova finale, sia dell intera carriera universitaria dello studente, secondo quanto stabilito dal Regolamento didattico di Ateneo. La tesi di laurea magistrale può essere redatta e discussa in lingua inglese. 11

19 Qui di seguito sono riportati alcuni titoli di tesi magistrale in Biostatistica e Statistica Sperimentale degli ultimi anni. La valutazione della qualità in sanità: metodologie di composizione di indicatori. Confronto tra diversi modelli di sintesi numerica dei risultati. Access to Antiretroviral Therapy and Treatment effectiveness among Injection Drug Users: results from a Swedish population based study Aggiustamento per i confondenti non misurati negli studi osservazionali: un approccio bayesiano L'utilizzo del Design of Experiment nel Controllo della Qualità: il caso Solving Efeso Analisi di dati longitudinali: lo studio highcare An M-quantile regression approach to assess the floor effect on indoor radon concentration Tecniche innovative nel controllo della qualità: il caso della Solving Efeso Erythropoietin-Stimulating Agents in relation to sex and outcomes in non dialysis CKD patients Linear and Quantile Mixed-Effects Models comparison in Traumatic Brain Injury clinical trials New developments in PS to control the confounding bias in observational studies: the High-Dimensional Propensity Score. Studio dei determinanti dell'astinenza da alcol in una coorte di pazienti ricoverati nei servizi residenziali alcologici La valutazione della qualità in sanità : metodologie di composizioni di indicatori. Confronto tra diversi modelli di sintesi numerica esintesi grafica dei risultati. Mediated effect of DNA Hypomethylation on the association between pollutant exposures and cardiovascular related responses. L'associazione tra assunzione di folati e rischio di vari tumori in una serie di studi caso-controllo Analisi di dati Immunochip in famiglie di pazienti affetti da Sclerosi Multipla L'utilizzo di test statistici di significatività sostanziale nel processo di verifica delle ipotesi sperimentali: il test Chi-quadrato. Applicazione di strumenti di Statistical Process Control per la definizione degli standard operativi di produzione. In-depth theoretical and applied examination on immeasurable time bias Metodi multivariati sugli esiti del monitoraggio dell'entomofauna dell'area cacuminale del Gennargentu. Analisi delle sperimentazioni cliniche secondo gli approcci adattativi: rassegna delle metodologie proposte e approfondimento delle principali tecniche analitiche Biases in epidemiological studies: a review, application and critical assessment with particular attention to selection bias Genome wide analysis of DNA methylation from the "Illumina 450k Beadchip". An application in an Enviromental Study. 12

20 Studio dell'incidenza della sifilide in una coorte di soggetti HIV positivi con tempi di diagnosi censurati in un intervallo Active Surveillance in prostate cancer: data management, analyses and predictive modelling Analisi della distorsione nel campionamento per centri in assenza di ponderazione Utilizzo di glitazoni nel trattamento del diabete di tipo 2 e rischio di tumore: una meta-analisi Analisi dei risultati di un modello multilevel applicato in diverse condizioni. Effects of air pollutants on DNA methylation using mixed-effect models. Results from the Beijing Truck Drivers Air Pollution Study Indagine di prevalenza della malattia parodontale in un campione della popolazione torinese Il ruolo delle migrazioni internazionali sul versante alpino d'italia. Mortalità per tumore del polmone in Europa ( ): analisi degli effetti di età, periodo e coorte di nascita. Validazione di una scala per pazienti miastenici attraverso la Rasch Analysis: il caso dell'istituto Besta. Analisi di uno studio cross-sectional sugli aspetti economici legati al fumo in Europa Valore prognostico della perdita di peso nei pazienti affetti da insufficienza cardiaca (studio GISSI-HF). Stima della densità di una popolazione di Corvus cornix mediante campionamento Line transect. Le carriere del personale in Bicocca: un'analisi longitudinale Analisi della risposta cellulo-mediata verso antigeni regolatori, strutturali e accessori di HIV-1 in coorti selezionate di pazienti infetti Alterazioni nel pathway insulina/igf1 nelle diverse tipologie di carcinoma mammario. Determinanti della Sopravvivenza dopo l'introduzione della terapia HAART in Italia: uno studio basato sui dati dell'italian Seroconversion Study Frequenza Non sono previsti obblighi di frequenza. Modalità di verifica del profitto Gli insegnamenti relativi alle attività formative si concludono con un esame scritto e orale o orale mentre le attività formative relative alla lingua e alle abilità informatiche si concludono con una prova di idoneità. Per l acquisizione dei CFU nelle altre attività formative lo studente deve: (a) partecipare a un congruo numero di attività seminariali documentate dalla certificazione di partecipazione, (b) presentare al Comitato di Coordinamento Didattico una rela- 13

21 zione scritta sull attività frequentata, (c) riportare il parere favorevole da parte del Comitato della relazione presentata. Calendario didattico e appelli d'esame L organizzazione della didattica è su base semestrale. Il primo semestre comprende il periodo settembre-gennaio, il secondo semestre va da febbraio a giugno. Ciascun semestre è diviso in due cicli. Ciascun ciclo comprende, di norma, oltre alle settimane dedicate alle lezioni, una settimana di recupero e un periodo dedicato agli appelli d esame degli insegnamenti che si sono conclusi alla fine del ciclo. Ciascun insegnamento prevede 6 appelli d esame all interno del singolo anno accademico così suddivisi: una sessione a novembre (per tutti i corsi del secondo semestre oppure del primo semestre che terminano a novembre); due sessioni nel periodo gennaio-febbraio; una sessione ad aprile (per tutti i corsi del primo semestre oppure del secondo semestre che terminano ad aprile); tre sessioni nei mesi di giugno, luglio e settembre. Il calendario didattico e l orario delle lezioni sono pubblicati su e/o Piano di studio Il piano di studio è l insieme delle attività formative obbligatorie, delle attività previste come opzionali e delle attività formative scelte autonomamente dallo studente in coerenza con il Regolamento didattico del corso di studio. Allo studente viene automaticamente attribuito un piano di studio all atto dell iscrizione al primo anno, che costituisce il piano di studio statutario. Successivamente (di norma al secondo anno) lo studente deve presentare un proprio piano di studio con l indicazione delle attività opzionali e di quelle a scelta. Il piano di studio è approvato dal Consiglio di Coordinamento didattico Le modalità e le scadenze di presentazione del piano sono definite dall Ateneo. Docenti di riferimento per il piano di studio Prof. Giorgio Vittadini Tel: Fax: , Prof.ssa Antonella Zambon Tel , 14

22 ELENCO DEGLI INSEGNAMENTI E DEI PROGRAMMI Indicazioni generali I programmi che proseguono nelle pagine successive costituiscono i corsi: del primo anno della laurea magistrale, come da Regolamento del secondo anno della laurea magistrale, come da Regolamento Si consiglia di visitare le pagine personali dei docenti per il materiale didattico dei corsi nonché per altre informazioni riguardanti la didattica. Si accede alle pagine personali dei docenti all indirizzo alla voce Facoltà, Offerta Formativa Laurea Magistrale in Biostatistica. In caso di difformità riscontrate tra la Guida e il Regolamento didattico del Corso di laurea, fare riferimento al Regolamento. 15

23 Analisi e modelli demografici Demographic Analysis and Models Crediti: 6 Settore scientifico disciplinare: SECS-S/04 1. Obiettivi dell attività formativa Il corso intende offrire gli strumenti per valutare ed interpretare le manifestazioni dei fenomeni demografici e sociali e delle trasformazioni quantitative e strutturali di una. 2. Programma riassuntivo Analisi e misura della disuguaglianza e della povertà; Evoluzione nel tempo di fenomeni demografici e sociali; Previsioni delle famiglie; Tecniche di analisi di dati longitudinali applicate in ambito demografico. 3. Propedeuticità Nessuna 4. Tipologia didattica Lezioni frontali ed applicazioni in laboratorio. 5. Modalità dell esame L esame consiste in una prova orale con discussione di un elaborato concordato con il docente. 6. Programma dettagliato Evoluzione nel tempo di fenomeni demografici e sociali: - Misure sintetiche del momento scomposizione tra effetto cadenza ed effetto intensità - Analisi ripetute effetto tempo e coorte Analisi e misura della disuguaglianza e della povertà: - Indicatori e proprietà - povertà assoluta - povertà relativa - Applicazione a dati di indagine reali EUSILC. Modelli di previsione delle famiglie: - Definizioni - Metodi - utilizzo delle previsioni demografiche - implementazione delle previsioni a livello regionale per l Italia. Tecniche di analisi di dati longitudinali applicate in ambito demografico: analisi event history e sequence analysis. 7. Materiale didattico Stefani Scherer, Analisi dei dati longitudinali, Il Mulino, Baldini e Toso, Disuguaglianza, povertà e politiche pubbliche, Il Mulino, Firebaugh, Analyzing repeated surveys, SAGE University Paper, Altro materiale sarà fornito durante il corso. 16 Analisi e modelli demografici Docente responsabile: Elisa Barbiano di Belgiojoso

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS L Università degli Studi di Camerino, Anno accademico 2013/2014 VISTO lo Statuto, emanato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA Tor Vergata

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA Tor Vergata FACOLTÀ DI MEDICINA E DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN STATISTICA PER LE SCIENZE BIO-MEDICHE A.A. 2008/2009 Nell'anno accademico 2008/2009 è attivato presso

Dettagli

STATISTICA AVANZATA APPLICATA ALL EPIDEMIOLOGIA (Anno Accademico 2006/2007)

STATISTICA AVANZATA APPLICATA ALL EPIDEMIOLOGIA (Anno Accademico 2006/2007) Università degli Studi di Siena LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SANITARI SHORT COURSE STATISTICA AVANZATA APPLICATA ALL EPIDEMIOLOGIA (Anno Accademico 2006/2007) PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino In corso la procedura di attivazione da parte degli organi accademici di competenza, al termine della quale potrà essere pubblicato il bando nel sito di Ateneo nell ambito dell offerta formativa 2014-2015.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-46 in di cui al D.M. 16 marzo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE LAUREA MAGISTRALE CLASSE LM-6 BIOLOGIA ANNO ACCADEMICO 2015-2016 OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivi formativi

Dettagli

LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16

LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16 LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16 Art.1 - Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza È istituito presso l Università di Firenze

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS L Università degli Studi di Camerino, Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN.

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM- FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. 1.ASPETTI GENERALI Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia Cellulare

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 202-203. Per ulteriori informazioni si rimanda al numero telefonico : 032 660 63 Sig.ra Stefania Perasso. Corso

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica LM-17 Fisica Physics REGOLAMENTO DIDATTICO ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Presentazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica dell Atmosfera e Meteorologia Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie LAUREA IN CHIMICA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 È istituito presso l Università degli Studi di Perugia il Corso

Dettagli

B061 - INGEGNERIA BIOMEDICA

B061 - INGEGNERIA BIOMEDICA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA Facoltà 200006 - INGEGNERIA Corso di Studio B061 - INGEGNERIA BIOMEDICA Regolamento B061-10-10 Anno 2010 Art.1 Denominazione del corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA IN Informatica REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea di primo

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia, Statistica ed Informatica per l'azienda Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOLOGIA DELL AMBIENTE E DEL LAVORO

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOLOGIA DELL AMBIENTE E DEL LAVORO Ai sensi dell art. 12 del D.M. 09/99, viene di seguito predisposto il REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOLOGIA DELL AMBIENTE E DEL LAVORO Facoltà di Scienze M.F.N. Classe delle

Dettagli

Anno Accademico 2014/2015

Anno Accademico 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE, CHIMICA E FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE CHIMICHE CHEMICAL SCIENCES Classe delle lauree in Scienze

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea triennale in Biotecnologie Università di Roma LA Sapienza Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Presidente: Prof. Giuseppe Macino Vice Presidente:

Dettagli

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche - Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche MANIFESTO DEGLI STUDI - Anno Accademico 2015/2016 Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2015/2016 Corso di Laurea in SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/2014

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/2014 Laurea in SCIENZE BIOLOGICHE classe L-13 (DM 270/04) Ordinamento Didattico

Dettagli

REGOLAMENTO INERENTE LA TESI DI LAUREA, L ESAME FINALE DI LAUREA,

REGOLAMENTO INERENTE LA TESI DI LAUREA, L ESAME FINALE DI LAUREA, LE MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL LABORATORIO DI TESI DI LAUREA del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura U.E. Nuovo Ordinamento CdCS del 20-10-2010, 03-11-2010, 10-11-2010,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli studi di Padova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA VITA E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA VITA E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA VITA E BIOTECNOLOGIE Corso di laurea magistrale in SCIENZE BIOMOLECOLARI E DELL EVOLUZIONE classe LM-6 Biologia (D.M.270/04) PERCORSO DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA DI LETTERE E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA, ECONOMIA e di LETTERE E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E CULTURA DELLA GASTRONOMIA E DELLA RISTORAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

Corso di laurea in STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI (classe L-35) Manifesto degli studi a.a. 2009-2010

Corso di laurea in STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI (classe L-35) Manifesto degli studi a.a. 2009-2010 Cap. 10. Corso di laurea in STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI (classe L-35) Manifesto degli studi a.a. 2009-2010 Parte 1. Scheda informativa SEDE DIDATTICA: Dipartimento di Matematica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Dipartimento di Fisica e Geologia. Corso di Laurea in Fisica MANIFESTO DEGLI STUDI A.A.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Dipartimento di Fisica e Geologia. Corso di Laurea in Fisica MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Dipartimento di Fisica e Geologia Corso di Laurea in Fisica MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015-2016 1. ATTIVAZIONE Presso il Dipartimento di Fisica e Geologia dell Università

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in

Bando per il Master Universitario di 2 livello in Bando per il Master Universitario di 2 livello in Metodologia Clinica e Biostatistica Applicata ai Clinical Trials Anno accademico 2014/2015 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto di Ateneo,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Classe di appartenenza: L-8 Ingegneria dell Informazione Computer Science and Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI GIURISPRU DENZA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Management Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in. Metodologia Clinica e Biostatistica Applicata ai Clinical Trials. Anno accademico 2015/2016

Bando per il Master Universitario di 2 livello in. Metodologia Clinica e Biostatistica Applicata ai Clinical Trials. Anno accademico 2015/2016 Bando per il Master Universitario di 2 livello in Metodologia Clinica e Biostatistica Applicata ai Clinical Trials L Università degli Studi di Camerino, Anno accademico 2015/2016 VISTO lo Statuto di Ateneo,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA L Università degli Studi di Camerino, Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale n. 148 del 25 febbraio

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2002-2003 Presentazione

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea in SCIENZE STATISTICHE ED ECONOMICHE

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea in SCIENZE STATISTICHE ED ECONOMICHE Università degli Studi di Milano Bicocca Laurea in SCIENZE STATISTICHE ED ECONOMICHE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE BIOLOGICAL SCIENCES

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE BIOLOGICAL SCIENCES Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE BIOLOGICAL SCIENCES Classe delle lauree in Scienze Biologiche (Classe L 13) (Emanato con D.R. n. 927 del

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE (Classe L-2) immatricolati fino al 2013/2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE (Classe L-2) immatricolati fino al 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: L-2 BIOTECNOLOGIE Titolo rilasciato: Dottore Durata del corso di studi: 3 anni Cfu da acquisire totali: 180 Annualità attivate: 3 Modalità accesso: Programmato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. F al bando di ammissione pubblicato in data 05/11/201 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per il biennio accademico 201/2015, presso il Dipartimento di Scienze del Sistema

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. B al bando di ammissione pubblicato in data 16/11/2015 ART. 1 - TIPOLOGIA L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2015/2016, il Master Universitario di II livello in Genetica Oncologica,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2016/17 LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE VEGETALI, ALIMENTARI E AGROAMBIENTALI

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2016/17 LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE VEGETALI, ALIMENTARI E AGROAMBIENTALI CARATTERISTICHE DEL CORSO DI STUDIO Obiettivi formativi generali e specifici Il corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie Vegetali, Alimentari e Agroambientali ha lo scopo di preparare laureati che possiedano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. J al bando di ammissione pubblicato in data 30/10/2015 ART. 1 - TIPOLOGIA L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2015/2016, presso il Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del

Dettagli

Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012

Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012 Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012 Il presente Manifesto degli Studi è conforme a quanto deliberato dalla Facoltà di Scienze MFN nella seduta del Consiglio del 31 Maggio 2011.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art.

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea interclasse ed interfacoltà in Scienze e Tecnologie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE PHYSICS AND ADVANCED TECHNOLOGIES Classe delle lauree in Scienze e tecnologie fisiche (L-30) (Emanato

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015

LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015 LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015 GENERALITA Classe di laurea di appartenenza LM-9, Biotecnologie sanitarie mediche e veterinarie Durata del corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Scienze biologiche (Classe L-13 Scienze biologiche) (Emanato con D.R. n. 927 del 26.06.2012 modificato con D.R. n. 1726 del

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA BIOMEDICA INDICE

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli

INIZIATIVE DI ORIENTAMENTO ATTIVO DELLA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO a.s. 2008/2009

INIZIATIVE DI ORIENTAMENTO ATTIVO DELLA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO a.s. 2008/2009 INIZIATIVE DI ORIENTAMENTO ATTIVO DELLA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO a.s. 2008/2009 Premessa La Facoltà di Scienze Statistiche dell Università degli Studi Milano

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA CLASSE L-35 SCIENZE MATEMATICHE A.A. 2015/2016

MANIFESTO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA CLASSE L-35 SCIENZE MATEMATICHE A.A. 2015/2016 MANIFSO DGI SUDI D CORSO DI AURA IN MAMAICA CASS -5 SCINZ MAMAICH A.A. 015/01 Documento approvato da: Consiglio di Corso di aurea: Seduta del 15-0-015 Consiglio di Dip. di Matematica e Informatica: Seduta

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32 REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Classe 32 Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO ENVIRONMENTAL GEOLOGY (Classe L-34) (Emanato con D.R. n. 1056/2015 del 24.07.2015 pubblicato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Nota: per le modalità concorsuali si prega cortesemente di fare sempre riferimento al Bando di Concorso A. A. 2005-2006 Parte A Informazioni generali Proposta d istituzione

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE FARMACEUTICHE APPLICATE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA VITA E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA VITA E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA VITA E BIOTECNOLOGIE Corso di laurea magistrale in BIOTECNOLOGIE PER L AMBIENTE E LA SALUTE classe LM-8 delle Biotecnologie Industriali (D.M.270/04)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SEDE DI MODENA (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013 Università degli Studi dell Insubria Facoltà di Scienze MM.FF.NN. /Como Corso di laurea in Matematica, L-35 Scienze Matematiche Nome Inglese del Corso: Mathematics MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

Dettagli

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE A.A. 2014-2015 Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE Utilizzare gli strumenti epidemiologici e statistici appropriati per ridurre l'area dell'incertezza nella rilevazione

Dettagli

Manifesto degli Studi a.a. 2015/2016

Manifesto degli Studi a.a. 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2, D.M. 2004 n. 270 e successivi adeguamenti) Manifesto degli Studi a.a. 2015/2016 È istituito presso l Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATCA E COMUNICAZIONE DIGITALE Art. 1 Finalità (art.2 c.6 art.15

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77 ALLEGATO N. 3 AL VERBALE N. 2 DEL CONSIGLIO DELLA SCUOLA DI ECONOMIA DEL 18 APRILE 2013 SCUOLA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE (Classe L-39 Servizio sociale) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. C al bando di ammissione pubblicato in data 0/11/201 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva per il biennio accademico 201/2016, il Master Universitario biennale di II livello

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli