Latina Roma Milano Dubai

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Latina Roma Milano Dubai"

Transcript

1 Latina Roma Milano Dubai

2 BENEFICI E CRITICITA DELLA REALIZZAZIONE IMPIANTO A BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ELETTRICA Ing. G. Cicerone Ing. M. Romani GENNAIO 2007

3 Potenza netta esportabile 5 Rif. Biomassa legnosa al 45% di Consumo combustibile 10 t/hr (PC Vapore alla Turbina (P&T) : 26 t/h Energia al generatore (lordi): 5 Portata vapore allo scarico 2 Temperatura fumi al camino 1

4 LE EMISSIONI GASSOSE Limiti di legge: rif. 11% in volume, fumi secchi. NOx < 200 mg/nm3 m CO < 100 COT < 10 POLVERI < 30 m SO2 < 200 m

5 Sistema di abbattimento NOx caldaia); Parziale abbattimento pol multiciclone a valle caldaia reattore a secco per il trattame acidi (iniezione di reagente alca a maniche ad alta efficienza p depolverazione dei fumi; Camino alto 40 m; E previsto il monitoraggio in c temperatura fumi, O2, CO, C HCl, NOx, polveri; Installazione nell area della cen centralina fissa di monitoraggio dei principali parametri m

6 SNCR (< 200 mg/nm3 NOx trasformati in Azoto e Acqu l iniezione di prodotti chimici ( Urea e additivi) in Caldaia (850<T La soluzione acquosa di Urea (al classificazioni CEE ed è con prodotto sicuro. Per il suo stoccag gestione non ci sono particolari r maschere antigas, apparecchi di lavatori e docce, necessari invec utilizzo di soluzioni ammoniacali). Il sistema è dimensionato per

7 RIDUZIONE POLVERI AL C < 5 mg /Nm3 Limite ottenuto con ciclone e filtr ad alta efficienza. Sistema in grado di produrre l a desiderato (da un max. di 6-10 polveri nei fumi tal quali) in tutto funzionamento della Caldaia. Il sistema è stato scelto per la su fornire prestazioni di abbattim notevolmente inferiori al limite di le

8 SOLIDE E LIQUIDE TIPO ORIGINE QUANTITÀ Ceneri pesanti dalla griglia e dai passaggi convettivi di caldaia Caldaia 240 Kg/hr N Sc Ceneri dai cicloni Cicloni 50 Kg/hr Scari Ceneri dai filtri a maniche Filtri a maniche 40 Kg/hr Scari Effluenti liquidi di processo Impianti vari (spegnimento ceneri, spurgo torre evaporativa, eluati demi, drenaggi) 1,5 m 3 /hr Tratta corso d Depurazione reflui civili Servizi 0,5 m 3 /hr Fanghi tratta

9 PRODUTTIVO SUL TERRI combustibile e alle connesse in sono ipotizzabili 100 occupa l occupazione indotta sar all approvvigionamento e tra annua, l organico previsto per la g manutenzione dell impianto e c 30 persone, il personale sarà quasi com selezionato in loco e istruito c formazione,

10 PRODUTTIVO SUL TERRI la necessità di reperire materia dell indotto di tipo industriale, c comporterà un notevole e artigianale, riprenderanno vigore attività qu delle potature.

11 GESTIONE DEL COMBUSTIBIL parte del sistema: I piani mobili devono essere di per contenere almeno 12 Un edificio coperto, con cementato dove le pale gomma mezzi di trasporto autoscarican entrare per scaricare il combu pronto per la Caldaia; sul fronte n. 2 piani mobili di carico c dosatrici finali alimentano il vagliatura ed il nastro di tar caldaia. Sui piani mobili potran dosati combustibili integrativi;

12 Gli stessi piani mobili dovranno l alimentazione della caldaia i condizioni (con tutti i tipi di mate miscele). Ogni piano mobile avrà la sua scarico dimensionata per un portate di 5-30 m3/h (con convertitore di frequenza). All interno del capannone un are 500 m2 sarà disponibile per s materiali combustibili integrativi.

13 Dai piani mobili, attraverso le scarico, verrà alimentato il va trasporto a nastro (preferito) dimensionato per 60 m3/h di c a questo punto il combustibile distribuzione dimensionale corre Il nastro di trasporto alimenta il s caldaia. La capacità di quest un ora al carico nominale e do dimensionato con ridon componenti meccanici (multi fondo) e forme adeguate a evita

14 Un area, sempre all interno del divisa in settori (capace di stocc 100 m3 di materiale per se possono essere stoccati i integrativi (cippato di legno, stoc etc.); mediante pale questi verranno caricati sui due piani m Un sistema di alimentazione di del silo orario dotato di hopper trasporto a catena.

15 IL PAESAGGIO Boschi di pioppeti, salici, euca arboree) e miscanto, gines comune (specie erbacee), a s luoghi di produzione e delle climatiche, costituiscono il prodotto dalle coltivazioni di biom Si tratta di coltivazioni a base

16 Il sito della piantagione deve es nelle vicinanza della rete stra prossimità della Centrale, per ri di trasporto.

17 PIOPPO (tagli biennali) Costo di produzione della vendibile (per T di sostan Produzione media verificata pioppo (Scuola Superiore S Pisa 2004): 17 t/ha.a d secca (al 50-55% di umidi umida) Costi impianto, manutenzio e stoccaggio, incluso trasp Km:

18 Costo per la Centrale sostanza fresca al 45% di um Attività del tecnologo della Utile per l Azienda Agricola

19 La necessità di produzione di legname c notevole indotto occupazionale nel settore p contraddistingue le centrali a biomasse d

20 Fornitura delle talee della pianta utilizzata Informazione circa la coltivazione della b l utilizzazione dei macchinari per i impianto,manutenzione e raccolta;

21 Fornitura di ogni tipo di sistema per la semina raccolta delle talee;

22 Impianti diffusi in Italia negli ultimi 15 anni Ad oggi si stima una potenza termica installata di 250 mw La tecnologia di combustione impiegata e la griglia mobile La soluzione tecnica oggi piu impiegata (orc organic rank basa sulla produzione di olio diatermico a temperature de 300 c per azionare macchine rankine a ciclo chiuso funzio organico (olio siliconico).

23 Il sistema di cogenerazione basato sulla caldaia ad olio dia turbogeneratore orc ha dimostrato di essere una soluzion efficiente ed economicamente interessante per i sistemi de nella gamma di potenza tra 500 kw e 1500 kwel per impian Valutazioni tecnico-economiche dimostrano, grazie ai cer che un impianto di cogenerazione nell industria del legno redditivita, anche in assenza di contributi statali e dopo i certificati verdi, purche si impieghi in cogenerazione per a ore/anno; Esempi di questo tipo di impianti di teleriscaldamento in ital

24 La resa di conversione da biomassa ad energia elettrica 14%; il rendimento complessivo (chp) puo salire a cogenerazione; Il fluido organico bolle nell evaporatore grazie all olio successivamente i vapori del fluido espandono nella tu condensano nel condensatore grazie all acqua di ritorno teleriscaldamento (normalmente si opera in un intervallo di di c); In assenza di domanda termica l energia di condensa dissipata nell ambiente e in queste condizioni e difficile esercizio economico;

25 Rispetto alla generazione con turbine convenzionali a vap conseguiti i seguenti vantaggi: alta resa della turbina, stres limitati, possibilita di realizzare turbine a basso num (tipicamente 3000 giri/min) il che permette il collegam all alternatore, lunga durata e bassa manutenzione della fluido di esercizio non corrode ed ha effetti di pulizia su interne); In ogni caso i vantaggi piu consistenti del ciclo orc son elasticita di funzionamento ed alle limitate esigenze gestio che lo rendono la miglior soluzione negli impianti di telerisc media Potenza dove e necessario limitare l impiego di ma avere affidabilita di esercizio in assenza di controlli. Esempio di costo d impianto: circa 4 mil. di euro per 1000

26 Le biomasse sono attualmente impiegate in: Impianti di piccola taglia di diversa concezione per la p energia termica; Impianti di media taglia (da 1 a 20 Mw termici) per utenze sistemi di teleriscaldamento; con produzione di energia cogenerazione; Impianti di media-grande taglia (da 20 a 100 MW ter produzione dedicata di energia elettrica principalmente tram di combustione (gassificazione ancora in sviluppo);

27 Impianti per la fermentazione anaerobica di materiali res zootecnici, civili o agro-industriali) e/o colture energeti utilizzato per produrre calore e/o elettricità; Impianti che impiegano biocombustibili liquidi perla pr energia elettrica in cogenerazione (essenzialmente oli veg o biodiesel) da oleaginose ed anche etanolo via fe alcoolica di specie zuccherine).

28 I combustibili impiegati sono, in ordine di importanza: Biomasse a base legnosa non trattate (da manutenzio segherie, colture dedicate, residui di potatura, imballaggi, e Sanse di oliva esauste; Vinacce esauste, vinaccioli e farine di vinaccioli; Residui colturali diversi (stocchi e tutoli di mais, steli di sorg Residui di lavorazione (lolla di riso, gusci, residui di frut etc.); Paglia di frumento; Altre colture energetiche (cardo, miscanto, canna, etc.)

29 Produzione di energia da fonte rinnovabile; Neutralità ambientale rispetto alle emissioni influenti sull eff Adottando le colture energetiche conseguono vantagg derivanti dalla valorizzazione dei terreni incolti o abbando con le disposizioni UE, nonché benefici per l erosione del s ed il dilavamento dei terreni, comportando il consolidament idrogeologicamente instabili. La possibilità di individuare economicamente valido per i terreni non più soggetti particolarmente importante anche alla luce delle norme ch limitare la produzione agricola in Europa; Sul piano economico, un maggior utilizzo delle bio consentire di fronteggiare la domanda interna di energ riduzione del tasso di dipendenza dall estero. Attraverso le

30 Possibilità di utilizzare una quota parte dell energia termic ambito locale, con sensibile riduzione dei costi energetici e vantaggi ambientali; Ricadute occupazionali dirette ed indirette (fase della r dell impianto, personale impiegato per l esercizio quasi tut loco, pulizia, manutenzione, raccolta e trasporto delle biom più in generale, attraverso un programma di recupero de avviato su scala nazionale (analisi Itabia) potrebbero esser posti di lavoro;

31 Sviluppo dell indotto di tipo industriale, commerciale e artig necessità di reperire materiali e servizi; Le emissioni della centrale termoelettrica sono depurate dai sistemi di trattamento fumi (normalmente i residui agricole e forestali vengono bruciati localmente aumentand incendi e l inquinamento atmosferico);

32 La dinamica di crescita del comparto è assai limi consente di prevedere il raggiungimento degli obietti sostituzione di fonti fossili e di riduzione dei gas serra. Per avvicinarsi agli obiettivi è necessario migliorare la relativa a: Costi impiantistici; Disponibilità ed affidabilità della risorsa combustibile; Costo del combustibile variabile con tendenza al rialzo Iter autorizzativi lunghi e incerti; Contesto legislativo in continua evoluzione (in partic alle emissioni sempre più stringenti);

33 La preparazione del combustibile: deve essere resa affidabile, cercando nello stesso tempo di produrre combustibile omogenee. I sistemi automatici di alimen combustibile nel fine settimana e di notte necessitano di manutenzione notevoli, e sono spesso la causa dell impianto. E sempre necessario un sistema di em l alimentazione dei sili orari di caldaia;

34 La combustione: ogni biomassa combustibile o biomasse comporta la scelta del combustore più adatto (g a gradini, tavola vibrante, griglia travelling, letto fluido, etc. verificare anche con le esperienze esistenti. La scelta è sp dai limiti di emissione (es. CO 50 mg/nm3) e dalla necess sporcamenti eccessivi causati dalla fusione delle ceneri delle superfici di scambio a causa della presenza di Cl nel c importante è verificare i contenuti di Cl nella biomas contenuto di ceneri e loro composizione (es. Na, K). Prima finale bisogna sempre cercare di stabilire con certezza qua biomasse utilizzate;

35 I rendimenti d impianto: visti gli elevati costi del co rendimento netto del sistema deve essere il massimo parametri del ciclo (T e P) vanno però scelti in funzione de da utilizzare, per evitare problemi in caldaia (corrosioni). T che il combustibile non è mai completamente omogen essere evitati i cicli termici complicati. Scelte equilibrate (e 50 bar) consentono l esercizio dell impianto anche per 800 maggiore flessibilità sul combustibile, con possibilità di quota parte biomasse inizialmente non previste (es. san farine di vinaccioli, lolla di riso,etc.) senza rischi ecce superfici di scambio.

36 Scelte più spinte (es. 520 C e 90 bar) comportano re elevati ma anche rischi notevoli di fermate per corrosioni e eccessivi in caso di utilizzo di combustibili divers originariamente previsti; anche i costi d impianto sono più gestione più difficile. Se si vogliono massimizzare i ren recuperi termici (preriscaldo aria o condensato) sulla linea del camino, è necessario fare molta attenzione alle co acide ed al tipo di soluzione per lo scambiatore (tubi nudi, soffiatura a vapore, etc.).

37 La linea fumi: la tecnologia consente ormai di ra modo relativamente facile i limiti di emissione im autorizzazioni. Gli attuali limiti per le biomasse si possono sistemi completamente a secco (più semplici e facili da personale di Centrale). Per le linee fumi le criticità sono i limiti di emissione del CO (spesso 50 mg/nm3) e scender mg/nm3 per gli NOx (servono sistemi catalitici, difficili da efficienza).

38 Le ceneri: la scelta del sistema di estrazione e stoccagg secco/umido, quali correnti conglobare, etc.) va fatta combustibile utilizzato ed alle possibilità di smaltimento (es conglomerati cementizi, recuperi ambientali, produzione d etc.) che si possono avere nel comprensorio servito d Scelte iniziali errate o incomplete comportano notev gestionali e spesso rendono necessarie modifiche e impiantistiche. La sala controllo: è importantissimo addestrare bene stabilendo procedure di esercizio e linee guida (in partic combustione) dalle quali scostarsi il meno possibile, evitan operatore gestisca l impianto a suo modo. L organigramm

39 Sulle effettive quote di utilizzazione delle biomasse in modo particolare gli incentivi disponibili: meccanismo dei Certificati Verdi (CV) per l ener (preceduti dal provvedimenti CIP 6), che attualme circa 0,11 /kwh (ai quali occorre aggiunger dell energia, circa 0,07 /kwh). Periodo di 12 anni; CV anche per l energia termica, 0,049 /kwh, oltr dell energia; per utenze integrate in rete pubblica. anni. La legge 488 che utilizza fondi comunitari e che, nel edizione, prevede la copertura degli investimenti a contributo in conto capitale, un finanziamento agevo dalla CDP ed un finanziamento a tasso ordinar potenza fissato dalla 488: 50 Mw elettrici.

40 Nel complesso è evidente uno scollamento tra i vari sarebbe auspicabile una revisione organica del quad per offrire maggiori certezze agli investitori (es. cos impianti dopo 12 anni di CV); La fascia di spesa per gli impianti a bioma notevolmente diversa da quella legata all energia con essendo compresa tra qualche milione di (piccoli cogenerazione) e parecchie decine per impianti di pote alta (10 20 Mwel); Agli Istituti di Credito che operano nel settore energia è oggi richiesta una finanza innovativa che miri ad una valutazione tecnico economica delle proposte, stim

41 Ci sono attualmente Istituti di Credito che offrono ass imprese ( Project Financing rientro dell investime canalizzazione dei ricavi) e valutano insieme agli impr ipotesi al fine di strutturare un piano finanziario sod Vengono stabiliti i parametri economico-finanziari modalità previste per l erogazione (in genere pi avanzamento), la durata dell operazione nelle su possibilità di canalizzare i flussi economici derivanti d dell energia e dalla cessione dei CV, il rapporto equi eventuali garanzie accessorie (fidejussioni, perform polizze varie, etc.); E utile segnalare che sono stati recentemente attivati Istituti di Credito e associazioni di categoria (APER,

42 La configurazione dell iniziativa: quantità di combustibile disponibile, eventuali biomass ottenibili dal comprensorio considerato; quantità di cene Costi del combustibile, inclusi trasporti; Scelta del tipo di impianto; costi di investimento (in fu taglia t/anno trattate) e di esercizio; Ipotesi sulle ore di funzionamento/anno; Durata dell iniziativa (12 anni, periodo CV); Simulazione su taglie diverse; parte termica (teleris considerata come opzione separata in quanto in gene variabili e ipotesi con notevoli incertezze e complessità. Definizione dei parametri del finanziamento (capitale costo capitale a debito, tasso di sconto, inflazione, etc.)

43 Ricavi: CV (0,11 /kwh) più vendita dell energia ele /kwh); Analisi degli scenari per indagare l influenza d dell impianto sulla convenienza economica dell iniziativ Indici di fattibilità economica: per ogni scenario rete/costo impianto) si valutano: il valore attuale netto a 12 anni (VAN); Il tasso interno di ritorno a 12 anni (TIR);

44 In genere il valore del combustibile condiziona in modo determinante gli indici finanziari; Si considera il valore di TIR (~20%) che rende accettabile; si verifica così la taglia ottimale dell im genere la più grande). Il combustibile necessario d effettivamente disponibile nel comprensorio conside costi ipotizzati; 4 Mw el. soglia minima per la sola produzione di energi Si valutano anche il costo del combustibile che rende a anche gli scenari di taglia inferiore ed il costo che li ren insostenibili tutti. Si hanno in tal modo gli spazi operati disponibili per la scelta finale;

45 Fattibilità economica in cogenerazione. Da considerare Definizione dei fabbisogni termici delle utenze; Costi investimento aggiuntivo (parte termica impianto p distribuzione); costi di esercizio; Minor produzione elettrica per la stessa taglia in cogene Costo evitato gasolio per riscaldamento utenze; CV termici per 8 anni (0,049 /kwh); Il TIR migliora nettamente anche per le taglie più piccol importante che le utenze termiche abbiano le caratteris ipotizzate dal punto di vista delle dimensioni, del carico dell andamento del fabbisogno; La fattibilità della parte termica è comunque subordina

Latina Roma Milano Dubai

Latina Roma Milano Dubai Latina Roma Milano Dubai BENEFICI E CRITICITA DELLA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO A BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Ing. G. Cicerone Ing. M. Romani GENNAIO 2007 CASO ESEMPIO: L ATTIVITA

Dettagli

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica TIPOLOGIA DI IMPIANTO Un impianto di produzione di energia elettrica da biocombustibili solidi si compone dei due seguenti principali

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte C

Energia dalle Biomasse - Parte C Tecnologie delle Energie Rinnovabili Energia dalle Biomasse - Parte C Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cocco@unica.it

Dettagli

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE CHI SIAMO CNREUROPE, società del gruppo internazionale One-Eko, nasce dall esperienza pluriennale internazionale dei suoi soci nel settore dell Energia Rinnovabile, dell Ingegneria e del Settore Finanziario.

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

Biomasse ad uso energetico: un opportunità per lo sviluppo sostenibile del territorio

Biomasse ad uso energetico: un opportunità per lo sviluppo sostenibile del territorio Biomasse ad uso energetico: un opportunità per lo sviluppo sostenibile del territorio Workshop stato delle tecnologie Sessione 2 cogenerazione da biomassa legnosa La transizione dal presente al futuro

Dettagli

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Uno Sviluppo Energetico Sostenibile per la Provincia di Oristano Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli

Produzione di energia da biomasse

Produzione di energia da biomasse Produzione di energia da biomasse Prof. Roberto Bettocchi Ordinario di sistemi per l energia e l ambiente Dipartimento di Ingegneria - Università degli Studi di Ferrara Produzione di energia da biomasse

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA DI

L EFFICIENZA ENERGETICA DI EcoSynGas 2 L EFFICIENZA ENERGETICA DI Soluzione EcoSynGas Indice 1. La Soluzione Sintesi... 4 Sviluppo del progetto... 5 Campi d applicazione... 6 Biomasse impiegabili... 7 2. La tecnologia Gassificatore

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA DA REALIZZARSI IN COMUNE DI VATTARO (TN) Massimo Cerani www.energ-etica.eu QUADRO PROGETTUALE La scelta di adottare tale tipologia impiantistica

Dettagli

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Biomasse: prospettive di uso energetico in Emilia-Romagna e sistemi di calcolo e monitoraggio su GIS Ing. Filippo Marini La

Dettagli

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula Centro per lo sviluppo del polo di Cremona L energia da biomasse e biogas nel mix energetico GER 2011 12 Le Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) Energia e biomassa La biomassa utilizzabile ai fini energetici

Dettagli

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Giuseppe Toscano Pellet combustibile di legno e di biomasse alternative Una reale opportunità di sviluppo della green economy

Dettagli

Cogenerazione da biomassa agroforestale mediante sistemi ORC: studio di un applicazione in un comune dell'alta Valtellina

Cogenerazione da biomassa agroforestale mediante sistemi ORC: studio di un applicazione in un comune dell'alta Valtellina 13 Dicembre 2011 Workshop: Biomasse, tra valorizzazione della risorsa, innovazione tecnologica e tutela ambientale Cogenerazione da biomassa agroforestale mediante sistemi ORC: studio di un applicazione

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE Roberta ROBERTO ENEA Unità Tecnica Tecnologie Saluggia Conversione

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA DI

L EFFICIENZA ENERGETICA DI TurboSynGas 2 L EFFICIENZA ENERGETICA DI Soluzione TurboSynGas Indice 1. La Soluzione Sintesi... 4 Sviluppo del progetto... 5 Campi d applicazione... 6 Biomasse impiegabili... 7 2. La tecnologia Turbina...

Dettagli

BIOMASSA: Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive. Paolo Silva

BIOMASSA: Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive. Paolo Silva BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive Paolo Silva Professore associato

Dettagli

IL BIODISTRETTO DI RENOVO a SCARPERIA E SAN PIERO

IL BIODISTRETTO DI RENOVO a SCARPERIA E SAN PIERO IL BIODISTRETTO DI RENOVO a SCARPERIA E SAN PIERO LA FILIERA «BOSCO - BIOCOMBUSTIBILI LEGNOSI - ENERGIA» NEL MUGELLO 1 CHI SIAMO - Una breve presentazione della società 2 La Mission di Renovo GREEN ECONOMY:

Dettagli

La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle biomasse

La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle biomasse VALUTAZIONI SULL UTILIZZO DELLE BIOMASSE FORESTALI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA Auditorium Centro Ricerche Sotacarbo - Carbonia, 6 Maggio 2014 La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

Cogenerazione da biomassa solida: stato dell arte; valutazione economica ed ambientale; esempi di impianti realizzati

Cogenerazione da biomassa solida: stato dell arte; valutazione economica ed ambientale; esempi di impianti realizzati Cogenerazione da biomassa solida: stato dell arte; valutazione economica ed ambientale; esempi di impianti realizzati Gammel Duvia Engineering S.r.l. - Corso Cairoli 8, 10123 Torino Tel (+39) 011 8121214

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt PER CONTATTI E INFORMAZIONI: Società Cooperativa a r.l. - C.F./P. IVA 03527850360 Via Primo Manni,1/3 41026 Pavullo nel Frignano(MO) www.garibaldini.info 4.4 ambiente ed efficienza energetica e-mail: comagri@garibaldini.info

Dettagli

SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA

SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA RICHIEDENTE UBICAZIONE DELL INTERVENTO SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA SOMMARIO 1. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE 2. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A BIOMASSA DA REALIZZARE 3. CARATTERISTICHE

Dettagli

Caldaie a biomassa. Per Spazi industriali Teleriscaldamento. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili

Caldaie a biomassa. Per Spazi industriali Teleriscaldamento. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili Caldaie a biomassa Per Spazi industriali Teleriscaldamento Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna energie rinnovabili L AZIENDA Leader nel settore della termotecnica, il marchio Tatano è sinonimo

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Ing. Augusto Bianchini DIEM - Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte A

Energia dalle Biomasse - Parte A Tecnologie delle Energie Rinnovabili dalle Biomasse - Parte A Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cco@dimeca.unica.it

Dettagli

CONOSCERE LE FONTI. Ecorisorse impianti ENERGETICHE RINNOVABILI

CONOSCERE LE FONTI. Ecorisorse impianti ENERGETICHE RINNOVABILI CONOSCERE LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI ARGOMENTI TRATTATI - Il solare termico - Il fotovoltaico - Le biomasse legnose - Casi concreti di impianti a biomasse legnose IL SOLARE TERMICO Il pannello solare

Dettagli

l Energia che guadagna

l Energia che guadagna l Energia che guadagna l Energia dalla natura CONART ENERGIA Energia a sviluppo sostenibile Conart Energia - divisione del gruppo Conart - è un network di imprese, con sede principale nel centro Italia,

Dettagli

Clean Cycle Generazione di energia da fonti rinnovabili e da calore di scarto

Clean Cycle Generazione di energia da fonti rinnovabili e da calore di scarto GE Power & Water Distributor Clean Cycle Generazione di energia da fonti rinnovabili e da calore di scarto GE - Heat Recovery Solutions (HRS) Basata in Stuart, Florida con stabilimento di produzione di

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO

NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO La combustione del legno E la reazione chimica di ossidazione del legno che cede la propria energia liberando rapidamente calore. Il processo di combustione

Dettagli

SELVA Sviluppo di strategie integrate per la. biomasse nel Territorio del Reatino e sue

SELVA Sviluppo di strategie integrate per la. biomasse nel Territorio del Reatino e sue SELVA Sviluppo di strategie integrate per la produzione di energia da impianti a biomasse nel Territorio del Reatino e sue ricadute sullaqualitàdell aria Ing. Francesco Petracchini Sintesi degli argomenti

Dettagli

Uno sguardo ai sistemi per la cogenerazione già realizzati nei settori industriale, commerciale e residenziale

Uno sguardo ai sistemi per la cogenerazione già realizzati nei settori industriale, commerciale e residenziale Uno sguardo ai sistemi per la cogenerazione già realizzati nei settori industriale, commerciale e residenziale Dott. Ing. Norbert Klammsteiner Energytech INGEGNERI s.r.l. 39100 Bolzano www.energytech.it

Dettagli

Energia Benessere - Crescita

Energia Benessere - Crescita Le energie rinnovabili: opportunità da sole, acqua, vento e biomasse Energia Benessere - Crescita Scenari per il futuro prossimo, dopo il protocollo di Kyoto. prof. Mauro REINI docente di sistemi per l

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli

- ENERGIA - ATTIVITÀ 2 SOTTO-ATTIVITÀ 2.B.5

- ENERGIA - ATTIVITÀ 2 SOTTO-ATTIVITÀ 2.B.5 - ENERGIA - ATTIVITÀ 2 SOTTO-ATTIVITÀ 2.B.5 ANALISI DI IMPIANTI COGENERATIVI DI PICCOLA E MEDIA TAGLIA ALIMENTATI A BIOMASSA LEGNOSA DATA MARZO 2013 in collaborazione con: Pubblicazione finanziata da:

Dettagli

Mauro Braga. Cogenerazione a biomassa: quale biomassa? Case history di un impianto con combustibile "difficile" MC-Ter FOREST Milano, 27 giugno 2013

Mauro Braga. Cogenerazione a biomassa: quale biomassa? Case history di un impianto con combustibile difficile MC-Ter FOREST Milano, 27 giugno 2013 Pagina1 Bra Viessmann Werke Cogenerazione a biomassa: quale biomassa? Case history di un impianto con combustibile "difficile" Mauro Braga MC-Ter FOREST Milano, 27 giugno 2013 bra@viessmann.com Pagina2

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Sessione 1 Biogas, Biomassa: La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto Ing. Roberta ROBERTO - Ricercatrice

Dettagli

Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili

Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili Dott. Ing. Simone Bonari Sig. Maurizio Maggioni IX Convegno AICC L acqua L industria ed alcune lavorazioni in particolare sono da sempre

Dettagli

Progetto Europeo MixBiopells Market Implementation of Extraordinary Biomass Pellets

Progetto Europeo MixBiopells Market Implementation of Extraordinary Biomass Pellets Progetto Europeo MixBiopells Market Implementation of Extraordinary Biomass Pellets GIUSEPPE TOSCANO Comitato Termotecnico Italiano MIXBIOPELLET: PURO e MISCELA CON LEGNO PURO Agroresiduo MISCELA Agroresiduo

Dettagli

IL BIODISTRETTO DI RENOVO a SCARPERIA E SAN PIERO

IL BIODISTRETTO DI RENOVO a SCARPERIA E SAN PIERO IL BIODISTRETTO DI RENOVO a SCARPERIA E SAN PIERO LA FILIERA «BOSCO - BIOCOMBUSTIBILI LEGNOSI - ENERGIA» NEL MUGELLO 1 CHI SIAMO Una breve presentazione della società 2 La Mission di Renovo GREEN ECONOMY:

Dettagli

Relatore: Dott. Ing. Daniele Pasquali

Relatore: Dott. Ing. Daniele Pasquali Milano, 27/02/2015 Relatore: Dott. Ing. Daniele Pasquali L AZIENDA Ciclo Idrico Integrato Teleriscaldamento Depurazione acque Fotovoltaico Spazzamento strade 2 ESPERIENZE DI ASMORTARA NEL CAMPO ENERGETICO

Dettagli

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose.

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose. Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton dalla produzione delle biomasse Associazione di filiera

Dettagli

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico I consumi energetici in campo agricolo Florovivaismo Zootecnia Ortocoltura Frutticoltura. Il florovivaismo In Italia: 22.000 aziende floricole Superficie

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Piano Energetico Provinciale

Piano Energetico Provinciale Piacenza, 17 aprile 2009 Provincia di Piacenza Piano Energetico Provinciale Le biomasse agro-forestali Chiara Lazzari Istituto di Ricerche Ambiente Italia Biomasse: definizione e classificazione Le filiere

Dettagli

Forme di legna per energia

Forme di legna per energia Forme di legna per energia Categorie di legna per energia (norma CH) Legno naturale (proveniente dal bosco o dalle segherie) Scarti di legno (resti dell industria di lavorazione del legno) Legno vecchio

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Vercelli fiere CARESANABLOT (VC) 27-29 settembre 2013 VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Dott. Domenico Coaloa CRA-PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori

Dettagli

Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO. Università di Roma La Sapienza

Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO. Università di Roma La Sapienza Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO La combustione è un processo di ossidazione rapido che avviene con emissione di luce e calore (fiamma) durante il quale l energia chimica si trasforma (degradandosi) in

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Environment Park. ENVIRONMENT PARK Parco Scientifico e Tecnologico per l Ambiente

Environment Park. ENVIRONMENT PARK Parco Scientifico e Tecnologico per l Ambiente ENVIRONMENT PARK Parco Scientifico e Tecnologico per l Ambiente Biomasse lignocellulosiche e filiere energetiche partecipate Massimo DA VIA Bomporto (MO) 24 novembre 2006 Environment Park Parco tecnologico

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA ENERGIA, ACQUA, LEGNO: TECNOLOGIE E TUTELA AMBIENTALE NELL'AMBITO DEL PROGETTO STRATEGICO RENERFOR TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA Ing. Roberta ROBERTO UTTS ENEA C.R. Saluggia roberta.roberto@enea.it

Dettagli

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino Valutazioni sugli impianti a Biogas Gianni Tamino Processi produttivi naturali e umani A differenza dei processi produttivi naturali, che utilizzano energia solare, seguono un andamento ciclico, senza

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER LE BIOMASSE Le biomasse sono le materie prime rinnovabili capaci di produrre energia che si ottengono sia dagli scarti che dai residui delle attività agricole, zootecniche e forestali. PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

Dettagli

Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano

Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano Tavolo tecnico 23-04-2010 Azienda Agraria Sperimentale "Stuard" Ing. Filippo Marini La cogenerazione da cippato di legno Allo stato attuale le tecnologie

Dettagli

Stato dell arte dei generatori a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali

Stato dell arte dei generatori a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali Stato dell arte dei a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali Aktueller Stand der Technik bei Biomasse zu Stromgeneratoren: energetische und umweltrelevante Leistungsmerkmale Andrea Gasparella Bolzano,

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

Prof. Ing. Maurizio Carlini

Prof. Ing. Maurizio Carlini ENERGIA DA BIOMASSE RESIDUALI NELLA REGIONE TIBERINA: OPPORTUNITÀ DI LAVORO E PROSPETTIVE DI CRESCITA PER LE AZIENDE AGRICOLE LAZIALI Prof. Ing. Maurizio Carlini 1 New Economy: dalla tecnologia alla centralità

Dettagli

BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO

BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO GUARDARE AL FUTURO, OGGI. LA SOCIETÀ BIOGENERA, CON SEDE A CALENZANO, FORNISCE RISCALDAMENTO, ACQUA CALDA SANITARIA E RAFFRESCAMENTO A EDIFICI PUBBLICI E NUOVE COSTRUZIONI,

Dettagli

Le biomasse. Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA

Le biomasse. Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA Le biomasse Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA Biomasse: Definizioni LA DEFINIZIONE DI BIOMASSE SECONDO LA DIRETTIVA SULLE FER La proposta di direttiva sulle fonti rinnovabili considera come

Dettagli

Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale

Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale III anno Politiche tecnologiche dirette: Biocombustibili (M.Giugliano, S.Caserini, C.Scacchi) Politiche tecnologiche

Dettagli

Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia

Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia Bioenergia: quali prospettive per l agricoltura e l impresa italiana Walter Righini-

Dettagli

ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010

ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010 ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010 IL PROGRAMMA ENERGETICO COMUNALE Al fine di intervenire in

Dettagli

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione Costante M. Invernizzi costante.invernizzi@unibs.it San Paolo (BS), 29 maggio 2010 Outline 1 La biomassa 2 La utilizzazione

Dettagli

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri bisogni

Dettagli

GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la PIROGASSIFICAZIONE da BIOMASSA LIGNO-CELLULOSICA

GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la PIROGASSIFICAZIONE da BIOMASSA LIGNO-CELLULOSICA Divisione di GET ITALIA Srl. Via G. Avolio, 14 10023 CHIERI (TO) Tel. (+39) 011.0436131 - Fax (+39) 011.3710305 info@getenergy.it - www.getenergy.it GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la LIGNO-CELLULOSICA

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Centro Studi e Ricerche sul Nocciolo e Castagno Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Prof. Ing. Danilo Monarca monarca@unitus.it Giornata di Studio INNOVAZIONE

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Delca S.P.A. PROGETTO di ADEGUAMENTO PRODUTTIVO ed ENERGETICO DOCUMENTO DI SINTESI

Delca S.P.A. PROGETTO di ADEGUAMENTO PRODUTTIVO ed ENERGETICO DOCUMENTO DI SINTESI Delca S.P.A. PROGETTO di ADEGUAMENTO PRODUTTIVO ed ENERGETICO DOCUMENTO DI SINTESI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA V.I.A. STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE Luglio 2009 Coordinamento DELCA S.p.A. Ing. Ismaele

Dettagli

IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE

IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Antoine-Laurent de Lavoisier 1 1 BIO&WATT ENERGY FROM BIOMASS Il nostro progetto industriale mira a rendere possibile

Dettagli

CONVEGNO KYOTO: CLIMA ENERGIA ECONOMIA. Gela 23-24 aprile 2008 NUOVE TECNOLOGIE PER LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE

CONVEGNO KYOTO: CLIMA ENERGIA ECONOMIA. Gela 23-24 aprile 2008 NUOVE TECNOLOGIE PER LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE F.E.R. - Biomasse NUOVE TECNOLOGIE PER LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE Ing. Giuseppe Fiorenza ENEA - Centro Ricerche Trisaia 1 IL CENTRO RICERCHE ENEA TRISAIA 2 PROCESSI DI CONVERSIONE BIOMASSA

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA. Le biomasse nella politica energetica comunitaria e nazionale. Sabrina Giuca

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA. Le biomasse nella politica energetica comunitaria e nazionale. Sabrina Giuca ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA Le biomasse nella politica energetica comunitaria e nazionale Sabrina Giuca Giornata di studio Cambiamenti climatici e bio-energie in agricoltura Università degli

Dettagli

{Azoto ENERGIE RINNOVABILI. Le agroenergie: scenario italiano. 20 20 20: prospettive sostenibili in Italia. Luigi Bodria

{Azoto ENERGIE RINNOVABILI. Le agroenergie: scenario italiano. 20 20 20: prospettive sostenibili in Italia. Luigi Bodria ENERGIE RINNOVABILI 20 20 20: prospettive sostenibili in Italia Biblioteca Ambrosiana 30 giugno 2010 CO 2 Le agroenergie: scenario italiano Luce O 2 Luigi Bodria Acqua Biomasse Elementi minerali {Azoto

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE Convegno Fonti rinnovabili: modelli di business e sviluppo territoriale Energy Days - RENDE (CS) 16.10.2008 Relatore Guido Castelluccio Direttore Generale

Dettagli

1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA :

1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA : 1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA : Le biomasse sono un insieme eterogeneo di materiali di origine organica e rinnovabili e costituiscono anche una fonte energetica atipica caratterizzata

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica Domenico Coaloa CRA - Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura Casale Monferrato AL coaloa@populus.it

Dettagli

Conto Termico: generatori di calore a biomassa

Conto Termico: generatori di calore a biomassa Progetto Tuscia sostenibile: azioni di consolidamento per lo sviluppo del territorio Conto Termico: generatori di calore a biomassa Viterbo, 31 maggio 2013 Prof. Ing. Danilo MONARCA Ing. Leonardo LONGO

Dettagli

Per esemplificare qualche tipologia di biomassa, tra le più comuni, si possono citare:

Per esemplificare qualche tipologia di biomassa, tra le più comuni, si possono citare: DEFINIZIONE Si definisce biomassa qualsiasi sostanza di matrice organica, vegetale o animale, destinata a fini energetici o alla produzione di ammendante agricolo, e rappresenta una sofisticata forma di

Dettagli

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive Maurizio Tava APPA Responsabile

Dettagli

IL NOTEVOLE PROGRESSO TECNOLOGICO DELLE CALDAIE

IL NOTEVOLE PROGRESSO TECNOLOGICO DELLE CALDAIE SOLUZIONI PER L USO L DOMESTICO, AZIENDALE E NEGLI EDIFICI PUBBLICI MODELLI IMPRENDITORIALI E CASI ESEMPIO A cura di Valter Francescato - AIEL IL NOTEVOLE PROGRESSO TECNOLOGICO DELLE CALDAIE Aumento del

Dettagli

IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA

IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA 20851 Lissone (MB) - Via Adamello, 9 - Tel. 039 483498 / 2456105 - Fax 039 461286 e-mail: info@ventilazioneindustriale.it - web: www.ventilazioneindustriale.it

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli