MANUALE OPERATIVO C DICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE OPERATIVO C DICE"

Transcript

1 MANUALE OPERATIVO SUL C DICE DELLA PRIVACY PROMOSSO DA REALIZZATO DA IN COLLABORAZIONE CON EBNT AGSG Agenzia Generale Studi e Gestioni s.r.l. ENTE BILATERALE NAZIONALE TURISMO EBNT

2 MANUALE OPERATIVO SUL C DICE DELLA PRIVACY a cura dell avv. Saverio Fatone dott.sse Francesca Barbera, Mariangela Grasso e Fabiana Tomassi PROMOSSO DA REALIZZATO DA IN COLLABORAZIONE CON EBNT AGSG Agenzia Generale Studi e Gestioni s.r.l. ENTE BILATERALE NAZIONALE TURISMO EBNT

3

4 INDICE Introduzione... 5 CAPITOLO I Documento Programmatico Sicurezza e Autocertificazione... 7 CAPITOLO II Predisposizione DPS e Autocertificazione CAPITOLO III Privacy e agenzie di viaggio CAPITOLO IV Comunicazioni di marketing in albergo e consenso interessato CAPITOLO V Videosorveglianza: limiti e liceità CAPITOLO VI Nuovo regime sanzionatorio CAPITOLO VII Privacy e Telemarketing CAPITOLO VIII Notifica al Garante CAPITOLO IX Nuovo Codice Privacy aggiornato con indicazione delle modifiche apportate

5

6 Introduzione Com è ormai noto, il Testo Unico sulla privacy, introdotto con il D. Lgs. 196 del 2003, ha disciplinato, organicamente, tutta la normativa inerente la protezione dei dati personali al fine di salvaguardare, il più possibile, la riservatezza dei soggetti, siano essi persone fisiche che giuridiche, compatibilmente, ed in continuo bilanciamento, con una molteplicità di diritti, anch essi fondamentali non dimentichiamoci che il diritto alla riservatezza viene tutelato anche dalla nostra Costituzione, quali, tra i vari, il diritto alla sicurezza pubblica e privata. Risulta, dunque, evidente, che il diritto alla privacy necessita, come del resto ogni altro diritto, di un continuo aggiornamento da parte del legislatore, e dagli Enti preposti, sulla base delle esigenze concrete della collettività, anch essa in continua evoluzione. Da questa breve, seppur necessaria premessa, ci risulta facile comprendere come, dall introduzione del Testo Unico sulla privacy, nel corso degli ultimi anni, il legislatore ha apportato significative innovazioni al Codice Privacy, che andremo di seguito ad approfondire per gli aspetti che maggiormente ci interessano, e che hanno modificato in maniera rilevante alcuni obblighi in materia di adempimenti da adottare, tra qui, di maggiore rilevanza, quelli relativi alle misure minime di sicurezza per determinate categorie di Titolari del trattamento. In particolare, in alcuni casi è stata introdotta la possibilità di sostituire il Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS) con un documento di autocertificazione, mentre in altri di redigerlo in maniera semplificata rispetto ai requisiti minimi previsti per legge. Queste novità, descritte non sempre in maniera molto chiara dal legislatore, hanno portato ad un radicale mutamento dell assetto generale del Codice Privacy, con sostanziali problemi interpretativi ed applicativi per i Titolari del trattamento. Pertanto, tra gli scopi del presente testo vi è, certamente, quello di delineare il nuovo quadro normativo di riferimento, al fine di dipanare le controverse questioni interpretative emerse in merito all obbligatorietà o meno della redazione del Documento Programmatico di Sicurezza quale misura minima di sicurezza, nonché quello di evidenziare alcune tra le modifiche di maggior rilievo che qui ci interessano, anche in relazione alle recenti indicazioni del Garante per la protezione dei dati personali. 5

7

8 CAPITOLO I D.P.S. E AUTOCERTIFICAZIONE Come detto, tra le modifiche più significative del Codice della Privacy che qui interessano, vi è la possibilità, per alcune categorie di soggetti, di sostituire il classico, e ben conosciuto, Documento Programmatico di Sicurezza (per brevità DPS) con un documento di autocertificazione, e, in altri casi ancora, di redigerlo in maniera semplificata rispetto ai requisiti minimi previsti per legge. Le modifiche di cui sopra sono state introdotte nel 2008 con il Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria, che ha modificato il Codice Privacy inserendo nell articolo 34 il seguente comma 1-bis: Per i soggetti che trattano soltanto dati personali non sensibili e che trattano come unici dati sensibili quelli costituiti dallo stato di salute o malattia dei propri dipendenti e collaboratori anche a progetto, senza indicazione della relativa diagnosi, ovvero dall'adesione ad organizzazioni sindacali o a carattere sindacale, la tenuta di un aggiornato documento programmatico sulla sicurezza è sostituita dall'obbligo di autocertificazione, resa dal titolare del trattamento ai sensi dell'articolo 47 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, di trattare soltanto tali dati in osservanza delle altre misure di sicurezza prescritte. In relazione a tali trattamenti, nonché a trattamenti comunque effettuati per correnti finalità amministrative e contabili, in particolare presso piccole e medie imprese, liberi professionisti e artigiani, il Garante, sentito il Ministro per la semplificazione normativa, individua con proprio provvedimento, da aggiornare periodicamente, modalità semplificate di applicazione del disciplinare tecnico di cui all'allegato B) in ordine all'adozione delle misure minime di cui al comma 1. La norma, pertanto si riferisce a: liberi professionisti, artigiani e piccole e medie imprese che, con strumenti elettronici, trattano: a) solo dati personali non sensibili (indirizzi, numeri di telefono, etc.) oppure che trattano come unici dati sensibili riferiti ai propri dipendenti e collaboratori anche a progetto quelli costituiti dallo stato di salute o malattia senza indicazione della relativa diagnosi, ovvero dall adesione a organizzazioni sindacali o a carattere sindacale; b) dati personali unicamente per correnti finalità amministrative e contabili, in particolare presso liberi professionisti, artigiani e piccole e medie imprese. 7

9 È bene aprire una breve parentesi per chiarire che le piccole e medie imprese, secondo lo standard europeo si considerano: piccole imprese: occupano meno di 50 lavoratori effettivi ed hanno un fatturato, oppure un totale di bilancio annuo, non superiore a 10 milioni di euro. Medie imprese: occupano meno di 250 lavoratori effettivi ed hanno un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro, oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro (si considera il dato più favorevole). Leggendo la norma, a prima vista sembrerebbe che una grande maggioranza dei Titolari di trattamento, limitandosi a gestire informazioni attinenti ad altre imprese, amministrazioni, clienti, fornitori e dipendenti utilizzate anche in relazione a obblighi contrattuali e normativi per correnti finalità amministrative e contabili, possa sostituire il DPS, ma forse non è così. Se per quanto riguarda i dati comuni non sorge alcun problema, non si può dire altrettanto, però, per la tipologia di dati sensibili che rientrano nell agevolazione. Il nuovo Art. 34 comma 1-bis del Codice Privacy parla di dati sensibili riferiti ai propri dipendenti e collaboratori anche a progetto, costituiti dallo stato di salute o malattia senza indicazione della relativa diagnosi, ed è su quest ultima indicazione che si rende necessario fare una riflessione. In particolare è bene stabilire quali siano i potenziali dati trattati in Azienda idonei a rilevare lo stato di salute dei lavoratori: 1) Medico competente: il D.L 81/2008 pone direttamente in capo al medico competente in materia di igiene e sicurezza dei luoghi di lavoro la sorveglianza sanitaria obbligatoria. In quest ambito, il medico competente effettua accertamenti preventivi e periodici sui lavoratori e istituisce (curandone l aggiornamento) una cartella sanitaria e di rischio. Detta cartella è custodita presso l azienda o l unità produttiva, con salvaguardia del segreto professionale, e [consegnata in] copia al lavoratore stesso al momento della risoluzione del rapporto di lavoro, ovvero quando lo stesso ne fa richiesta. Alle predette cartelle il datore di lavoro non può accedere, dovendo soltanto concorrere ad assicurarne un efficace custodia nei locali aziendali (anche in vista di possibili accertamenti ispettivi da parte dei soggetti istituzionalmente competenti), ma, come detto, con salvaguardia del segreto professionale. 2) Comunicazioni all INPS: con decreto interministeriale del 26 ottobre 2010 è diventato operativo il collegamento in rete dei medici curanti, nonché la trasmissione telematica delle certificazioni di malattia all'inps, per i lavoratori del settore privato con decorrenza 3 aprile Pertanto, ad oggi, seppur il certificato 8

10 medico venga spedito in forma telematica direttamente dal medico all INPS, e non più dal datore di lavoro, per quest ultimo, che abbia richiesto le credenziali di accesso all INPS, è pur sempre possibile consultare le attestazioni di malattia sui certificati trasmessi dal medico curante, direttamente dal sito INPS accedendo, in tal modo, a informazioni strettamente personali del lavoratore. 3) Denuncia all INAIL: la denuncia ha ad oggetto infortuni e malattie professionali occorsi ai lavoratori. Essa, per espressa previsione normativa, deve essere corredata da specifica certificazione medica (artt. 13 e 53 D.P.R. n. 1124/1965). In tali casi, pur essendo legittima la conoscenza della diagnosi da parte del datore di lavoro, resta fermo a suo carico l obbligo di limitarsi a comunicare all ente assistenziale esclusivamente le informazioni sanitarie relative o collegate alla patologia denunciata. 4) Benefici di legge: trattamento di dati relativi alla salute del lavoratore (e finanche di suoi congiunti), anche al fine di permettergli di godere dei benefici di legge (quali, ad esempio, permessi o periodi prolungati di aspettativa con conservazione del posto di lavoro): si pensi, ad esempio, a informazioni relative a condizioni di handicap. 5) Accesso a programmi riabilitativi o terapeutici: il datore di lavoro può venire a conoscenza dello stato di tossicodipendenza del dipendente, ove questi richieda di accedere a programmi riabilitativi o terapeutici con conservazione del posto di lavoro (senza retribuzione), atteso l onere di presentare (nei termini prescritti dai contratti collettivi) specifica documentazione medica al datore di lavoro (ai sensi dell art. 124, commi 1 e 2, D.P.R. n. 309/1990). Da sottolineare, poi, che per il Codice le operazioni di trattamento sono anche la conservazione di dati personali anche se non registrati in una banca dati, pertanto è sufficiente una semplice con scannerizzata una denuncia Inail per far scattare l obbligo di redazione del DPS seppur in forma semplificata. DPS semplificato Per alcune categorie di Titolari, l art. 34 comma 1-bis ha previsto la possibilità per il Garante di individuare ( ) modalità semplificate di applicazione del disciplinare tecnico di cui all'allegato B) in ordine all'adozione delle misure minime [ ]. In virtù di tale disposizione, il Garante Privacy, il 27 novembre 2008, ha provveduto ad emanare il Provvedimento a Carattere Generale denominato 9

11 Semplificazione delle misure di sicurezza contenute nel disciplinare tecnico di cui all'allegato B) al Codice in materia di protezione dei dati personali (pubblicato nella G.U. n. 287 del 9 dicembre 2008), con il quale ha stabilito modalità semplificate per l applicazione delle misure minime di sicurezza. Tra le agevolazioni previste dal suddetto provvedimento è compresa anche la possibilità di redigere di un DPS semplificato. Tale facoltà è, però, riservata esclusivamente a quelle categorie di Titolari che rientrino nei seguenti parametri: siano soggetti alla tenuta di un aggiornato DPS ai sensi dell art bis; trattino dati personali unicamente per correnti finalità amministrative e contabili. In particolare tale agevolazione è rivolta alle seguenti categorie di Titolari: piccoli imprenditori ai sensi dell art del Codice Civile ovvero: [ ] i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un'attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. piccola e media impresa (PMI) ai sensi dell art. 2.1 del D.M. 18 aprile 2005 che come abbiamo già visto occupa meno di 250 effettivi ed ha un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro, oppure ha un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro (si considera il dato più favorevole). In tutti gli altri casi è, invece, prevista la redazione del DPS in forma integrale secondo le modalità specificate nel disciplinare tecnico di cui all'allegato B) al Codice in materia di protezione dei dati personali. DPS o Autocertificazione? Come si è appena visto a seguito dell introduzione del comma 1-bis all art. 34 del D.lg. 196/03, la questione che devono risolvere i Titolari del trattamento è se fare il DPS o procedere con l Autocertificazione come soluzione più snella e rapida. Da quanto detto fin ora è possibile, quindi, affermare con certezza che sono sicuramente soggetti alla tenuta di un aggiornato DPS tutti quei Titolari che trattano le seguenti categorie di dati personali sensibili con strumenti elettronici: Origine razziale ed etnica di clienti, fornitori e dipendenti Convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere di clienti, fornitori e dipendenti 10

12 Opinioni politiche, adesione a partiti, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico e politico di clienti, fornitori e dipendenti Stato di salute di clienti e fornitori Stato di salute con indicazione della relativa diagnosi di dipendenti Vita sessuale di clienti, fornitori e dipendenti Sono altresì soggetti alla redazione del DPS tutti i titolari che trattano dati personali giudiziari con strumenti elettronici. Per converso, è possibile dire che sono sottratti all obbligo della tenuta di un aggiornato DPS, unicamente quei titolari che trattano le seguenti categorie di dati personali con strumenti elettronici: dati personali comuni di clienti, fornitori e dipendenti; dati personali sensibili di dipendenti relativi allo stato di salute o malattia (solo se senza indicazione della diagnosi); dati personali sensibili di carattere sindacale. Considerato, però, che ai sensi dell art. 4.1.a del D.lg. 196/03 per trattamento si intende: [ ] compiere qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati permangono notevoli perplessità sulla reale possibilità di rientrare in una delle categorie per le quali si è esentati dalla redazione del DPS. Infatti, risulta difficile pensare ad ipotesi in cui i Titolari siano realmente in grado di affermare con certezza, che mai in nessun caso la propria struttura tratta dati personali per cui è prevista la redazione del DPS. In realtà per poter affermare con certezza di rientrare in una delle categorie esentate dalla redazione del DPS, è necessaria una dettagliata classificazione dei dati personali trattati ed un esaustiva analisi dei trattamenti effettuati con strumenti elettronici, il che significa in termini pratici svolgere un lavoro non indifferente che alla fin fine si andrebbe ad uniformare con l impegno necessario per la stesura del DPS. Ciò detto, fermo restando la capacità decisionale di ogni Titolare nel valutare la propria realtà Aziendale, sembrerebbe preferibile, e sicuramente lo è in caso di dubbio tra una soluzione o l altra per la tipologia e modalità di dati trattati, procedere per la stesura del DPS anche in considerazione delle sanzioni correlate ad una dichiarazione mendace come di seguito andremo a vedere. 11

13 Sanzioni e Autocertificazione Con la riforma del Codice della Privacy, una eventuale dichiarazione mendace relativa all autocertificazione sostitutiva di DPS espone il Titolare del trattamento alla violazione dell art. 168 del Codice Privacy. Tale ipotesi di reato attiene alle Falsità nelle dichiarazioni e notificazione rese al Garante : Chiunque, nella notificazione di cui all articolo 37 o in comunicazioni, atti, documenti o dichiarazioni resi o esibiti in un procedimento dinanzi al Garante o nel corso di accertamenti, dichiara o attesta falsamente notizie o circostanze o produce atti o documenti falsi, è punito, salvo che il fatto costituisca più grave reato, con la reclusione da 6 mesi a 3 anni. È evidente, quindi, il diverso tenore della sanzione che il Titolare rischia di vedersi comunque infliggere se autocertifica e attesta falsamente in tale documento di trattare solo dati sensibili riferiti ai propri dipendenti e collaboratori anche a progetto ( ) senza indicazione della relativa diagnosi, poiché si prevede la pena della reclusione da sei mesi a tre anni. In conclusione Alla luce di quanto è emerso dall analisi dell art. 34 comma 1-bis del D.lg. 196/03 così come modificato con la Legge 6 agosto 2008, n. 133, si può dire che le categorie di Titolari esentate della tenuta di un aggiornato Documento Programmatico sulla Sicurezza che possano optare per una autocertificazione sono realmente poche. Bisogna, inoltre, considerare che per poter affermare con certezza di rientrare in una delle categorie esentate dalla redazione del DPS, è necessaria una dettagliata classificazione dei dati personali trattati ed una capillare analisi dei trattamenti effettuati con strumenti elettronici. Pertanto, considerato il non eccessivo- gravoso impegno della redazione del nuovo DPS in forma semplificata e/o completa, è consigliabile, a tutti coloro che trattano dati dei propri dipendenti con strumenti elettronici, di eccedere pure in prudenza e proseguire con gli aggiornamenti del DPS entro il 31 marzo di ogni anno alleggerendolo pure di tutte quelle parti non ritenute più necessarie dall ordinamento utilizzando le forme semplificate. 12

14 CAPITOLO II PREDISPOSIZIONE DPS E AUTOCERTIFICAZIONE I seguenti modelli, Autocertificazione, DPS semplificato e DPS, hanno il solo fine illustrativo, e, come più volte ripetuto, per redigere il DPS della propria Azienda è necessario analizzare la realtà della propria struttura, analizzando tipologia e modalità di dati trattati, e solo successivamente redigere il D.P.S. sulla base delle informazioni ricavate. Lo stesso discorso può esser fatto per stabilire se, all interno della nostra Azienda, sia possibile sostituire il DPS con un DPS semplificato o con l Autocertificazione prevista dall art. 34 comma 1-bis del D.lg. 196/03: in ogni caso si rende necessario ed obbligatorio eseguire un analisi approfondita della realtà aziendale nella quale si opera. 13

15 MODELLO AUTOCERTIFICAZIONE AUTOCERTIFICAZIONE SOSTITUTIVA DEL DPS (ai sensi dell art.34, comma 1-bis D. lgs. N. 196/2003) La società (associazione, impresa, ecc.), titolare del trattamento nella persona di (legale rappresentante, presidente, responsabile, ecc.,) codice fiscale. CONSAPEVOLE delle sanzioni penali previste dall art. 76 D.P.R , n.445 in caso di dichiarazioni mendaci; della decadenza dei benefici eventualmente conseguiti al provvedimento emanato sulla base di dichiarazioni non veritiere, di cui all art. 75 D.P.R , n. 445; DICHIARA che, nell ambito della propria attività svolta, i dati sensibili trattati sono costituiti unicamente dai dati inerenti; lo stato di salute e malattia dei dipendenti e/o collaboratori anche a progetto, senza indicazione della relativa diagnosi. l adesione ad organizzazioni sindacali o a carattere sindacale; che il trattamento dei dati è effettuato nel rispetto delle misure di sicurezza disposte dal Testo unico della Privacy (artt. da 31 a 36, all. b - D. Lgs. N. 196/2003). che pertanto, ai sensi dell art. 34, c. 1-bis D. Lgs. n. 196/2003, risulta esonerato dall obbligo di redazione del DPS. Luogo e data In fede Esente da imposta di bollo, ai sensi dell art. 37 D.P.R , n

16 MODELLO DPS SEMPLIFICATO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA SEMPLIFICATO (ART. 34 COMMA 1-BIS E REGOLA 19 DELL ALLEGATO B DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI) 15

17 Scopo di questo Documento è delineare il quadro delle misure di sicurezza, organizzative, fisiche e logiche, adottate per il trattamento dei dati personali effettuato da con sede in., Partita IVA. (nel seguito del Documento indicato come Titolare ) Conformemente a quanto prescrive il Punto 2.5 (modalità applicative delle regole di cui ai punti da 19.1 a 19.8 dell'allegato B - Provvedimento a carattere Generale 27 novembre 2008 Garante privacy), nel presente Documento si forniscono idonee informazioni riguardanti: 1. le coordinate identificative del titolare del trattamento, nonché, se designati, gli eventuali responsabili. Nel caso in cui l'organizzazione preveda una frequente modifica dei responsabili designati, potranno essere indicate le modalità attraverso le quali è possibile individuare l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento; 2. una descrizione generale del trattamento o dei trattamenti realizzati, che permetta di valutare l'adeguatezza delle misure adottate per garantire la sicurezza del trattamento. In tale descrizione vanno precisate le finalità del trattamento, le categorie di persone interessate e dei dati o delle categorie di dati relativi alle medesime, nonché i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati possono essere comunicati; 3. l'elenco, anche per categorie, degli incaricati del trattamento e delle relative responsabilità. Nel caso in cui l'organizzazione preveda una frequente modifica dei responsabili designati, potranno essere indicate le modalità attraverso le quali è possibile individuare l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento con le relative responsabilità; 4. una descrizione delle altre misure di sicurezza adottate per prevenire i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta. 16

18 Sezione I Titolare del trattamento e Responsabili nominati In questa sezione sono indicati gli estremi identificativi del Titolare del trattamento, nonché, se designati, degli eventuali Responsabili. Sono inoltre indicate le modalità attraverso le quali è possibile individuare l'elenco aggiornato dei Responsabili del trattamento Per il trattamento dei dati personali, il Titolare ha nominato i seguenti Responsabili, attribuendo loro incarichi di ordine organizzativo e direttivo, come segue: Responsabile del trattamento:..; Responsabile esterno per il trattamento dei soli dati necessari alla consulenza per l aggiornamento Privacy policy aziendale:..; Responsabile esterno per il trattamento (Amministratore di sistema) dei soli dati necessari alla manutenzione e aggiornamento del Database, del sistema e della rete informatica:.; Responsabile esterno per il trattamento dei soli dati necessari alla elaborazione della retribuzione per i propri dipendenti e collaboratori e ogni adempimento di legge e di contratto nei confronti degli istituti previdenziali e assistenziali, anche integrativi, e dell amministrazione finanziaria:.; Responsabile esterno per il trattamento dei soli dati necessari all adempimento degli obblighi fiscali e contabili:..; Responsabile esterno per il trattamento dei soli dati necessari relativi agli adempimenti obbligatori previsti dall Art. 25 Dlgs 81/2008 TUSL in materia di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro:.; Responsabile esterno per il trattamento dei soli dati necessari relativi allo svolgimento di investigazioni difensive o per far valere o difendere in sede giudiziaria un diritto in nome e per conto dello scrivente Titolare: Studio Legale.. L elenco aggiornato di tutti i Responsabili per il trattamento dei dati personali, da noi nominati, con l indicazione delle relative responsabilità è reperibile contattando. 17

19 Sezione II Elenco dei trattamenti di dati personali effettuati In questa sezione è descritto il trattamento realizzato, in modo da consentire una valutazione di adeguatezza delle misure adottate per garantire la sicurezza del trattamento. In tale descrizione sono precisate le finalità del trattamento, le categorie di persone interessate e dei dati o delle categorie di dati relativi alle medesime, i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati possono essere comunicati nonché la descrizione degli strumenti utilizzati. Identificativo Finalità Categorie di Natura dei Destinatari Descrizione T del perseguita Interessati dati trattati o categorie degli trattamento di destinatari strumenti a cui i dati utilizzati possono essere comunicati T1 Gestione Fornitori Dati di natura forniture comune T2 Gestione contratti Clienti Clienti T3 Gestione del Dipendenti/ Dati di natura Personale Collaboratori comune e sensibile T4 T5 T6 18

20 Sezione III Mansionario Privacy In questa sezione è riportato l'elenco, anche per categorie, degli incaricati del trattamento e delle relative responsabilità. Le modalità attraverso le quali è possibile individuare l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento con le relative responsabilità è indicata al termine della Sezione II del presente Documento. Le Unità organizzative nelle quali vengono effettuati trattamenti di dati personali sono le seguenti: U1: Ufficio Amministrativo; U2: Ufficio Commerciale; U3:.; U4:.; U5:.. Nominativi degli Incaricati al trattamento e relative Unità organizzative d appartenenza U1 U2 U3 U4 U5 19

21 Competenze e responsabilità delle Unità organizzative Unità Trattamento Acquisizione Consultazione Comunicazione Manutenzione Gestione organizzativa effettuato e caricamento a terzi tecnica dei tecnica T dei dati programmi operativa della base dati (salvataggi, ripristini, etc.) U1 U2 U3 U4 U5 20

22 Sezione IV Misure di sicurezza adottate In questa sezione sono descritte le misure di sicurezza adottate per prevenire: i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta. Misure di sicurezza adottate o da adottare Misure Sistema autenticazione Antivirus Firewall Aggiornamenti patch sicurezza Gestione supporti rimovibili Backup/Recovery dati personali Incendio e sicurezza ambientale Gruppo di continuità Sistema di condizionamento Formazione Formazione Formazione Descrizione dei rischi contrastati Accessi non autorizzati Rischio di intrusione e dall azione di programmi Protezione degli elaboratori in rete dall accesso abusivo Prevenzione della vulnerabilità degli strumenti elettronici Prevenzione trattamenti non autorizzati Prevenzione perdita e distruzione dati Danneggiamento supporti Prevenzione perdita e distruzione dati Prevenzione perdita e distruzione dati Errori umani nella gestione della sicurezza fisica carenza di consapevolezza; disattenzione o incuria; Trattamenti interessati Trattamenti con strumenti elettronici Trattamenti con strumenti elettronici Trattamenti con strumenti elettronici Trattamenti con strumenti elettronici Trattamenti con strumenti elettronici Trattamenti con strumenti elettronici Tutti i trattamenti Trattamenti con strumenti elettronici Trattamenti con strumenti elettronici Tutti Tutti Tutti Misura in essere Misura da adottare Tempi previsti Già adottata Già adottata Già adottata Già adottata Già adottata Già adottata Già adottata Da adottare nel corso del 2009 Da adottare nel corso del 2009 Nel corso del 2009 Nel corso del 2009 Nel corso del 2009 Unità organizzative o persone addette all adozione

23 Sezione V Dichiarazioni d impegno e firma Il presente documento, redatto in data, viene firmato in calce da:.. nella qualità di Legale Rappresentante. MODELLO DPS Documento Programmatico sulla Sicurezza Redatto ai sensi e per gli effetti dell articolo 34. comma 1. lettera g) del D.Lgs. 196/2003 e del disciplinare tecnico (allegato B del D.Lgs. n. 196/2003) Titolare del trattamento: Il Titolare del trattamento è la società Alfa, operante nel settore turistico alberghiero, nella persona del rappresentante legale p.t. Mario Rossi, con sede a, in via. Premesso che nell ambito della propria attività effettua trattamento di dati personali, come di seguito elencati, con il presente documento raccoglie e fornisce le informazioni utili per l identificazione delle misure di sicurezza, organizzative, fisiche e logiche, previste per la tutela dei dati trattati. In conformità con quanto prescritto al punto 19 del Disciplinare tecnico (allegato B al D.Lgs. 196/2003) nel presente documento si forniscono idonee informazioni riguardanti: 1) Elenco dei trattamenti di dati personali (punto 19.1) mediante: individuazione dei dati personali trattati descrizione delle aree, dei locali e degli strumenti con i quali si effettuano i trattamenti l elaborazione della mappa dei trattamenti effettuati 2) Distribuzione dei compiti e delle responsabilità nell ambito delle strutture preposte al trattamento dei dati (punto 19.2) 3) Analisi dei rischi a cui sono soggetti i dati (punto 19.3) 4) Misure adottate e da adottare per garantire l integrità e la disponibilità dei dati (punto 19.4) 5) Criteri e modalità di ripristino dei dati a seguito di distruzione o danneggiamento (punto 19.5) 6) Adozione misure minime di sicurezza in caso di trattamento di dati personali affidati all esterno (punto 19.7) 7) Procedure per il controllo sullo stato della sicurezza 8) Dichiarazioni d impegno e firma 22

24 1. ELENCO DEI TRATTAMENTI DI DATI PERSONALI 1.1 Tipologie di dati trattati A seguito dell analisi compiuta si sono identificati i seguenti trattamenti: dati comuni dei clienti, dei fornitori o di terzi ricavati da albi, elenchi pubblici, visure camerali; dati comuni del personale dipendente, quali quelli necessari al rapporto di lavoro, alla reperibilità ed alla corrispondenza con gli stessi o richiesti ai fini fiscali e previdenziali o dati di natura bancaria; dati comuni dei fornitori concernenti la reperibilità e la corrispondenza con gli stessi, nonché inerenti ai fini fiscali o dati di natura bancaria; dati comuni di altri Avvocati, Commercialisti e professionisti cui la società affida incarichi o si rivolge per consulenze, quali quelli concernenti la reperibilità e la corrispondenza con gli stessi, nonché inerenti a finalità fiscali o dati di natura bancaria; dati sensibili del personale dipendente, conseguenti al rapporto di lavoro, ovvero inerenti i rapporti con gli enti previdenziali ed assistenziali, o dati giudiziari del personale dipendente, o l adesione ad organizzazioni sindacali; 1.2 Aree, locali e strumenti con i quali si effettuano i trattamenti Il trattamento dei dati avviene nella sede della società, situata in I locali sono dislocati fronte strada, l accesso al locale è controllato da sistema di chiusura a scatto e saracinesca, nonché attraverso suoneria d ingresso. A - Schedari e altri supporti cartacei I supporti cartacei sono raccolti in schedari a loro volta custoditi come segue: Archivio 1 localizzato nei locale della società ove in appositi armadi vengono archiviati i supporti cartacei di comune e continuo utilizzo; Archivio 2 localizzato nei locale della società ove in appositi armadi e in locale al quale accedono solo le persone autorizzate vengono archiviati i supporti cartacei a fine ciclo lavorativo;

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA (DPS) cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI. Circolare n. 3 del 10 aprile 2004

STUDIO DOTT. BONVICINI. Circolare n. 3 del 10 aprile 2004 STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 3 del 10 aprile 2004 Settore: Oggetto: PRIVACY IL CODICE DELLA PRIVACY: NOVITÀ E CONFERME Riferimenti: D.Lgs. 30.6.2003, n. 196 Dall 1.1.2004 è in vigore il nuovo Testo

Dettagli

Protezione dei dati personali

Protezione dei dati personali Associazione Federazione Pugliese Donatori Sangue Piazza Umberto I Palazzina ex goccia del latte Tel/fax: 0805219118 e-mail: fidas_fpds@yahoo.it www.federazionepugliesedonatorisangue.it 70121 B A R I ONLUS

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALLEGATO 2 ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Con questo documento si intende offrire: - una precisazione in ordine ai termini ed ai concetti più frequentemente richiamati dalla normativa

Dettagli

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 Dal 01.01.2004 e' entrato in vigore il DLgs 196 del 30.06.2003 cosiddetto Testo Unico sulla Privacy. Di seguito un breve riepilogo dei principali aspetti della norma che

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

Firenze, Corso Italia 34 50123 - Tel. 055/268412 - Fax. 055/5370766 - e-mail: info@studiome.eu - sito web: www.studiome.eu

Firenze, Corso Italia 34 50123 - Tel. 055/268412 - Fax. 055/5370766 - e-mail: info@studiome.eu - sito web: www.studiome.eu DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA SEMPLIFICATO (ART. 34 COMMA -BIS E REGOLA 9 DELL ALLEGATO B DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI) STUDIOME Dottore Commercialista e Revisore Legale

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto

Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto INDICE Introduzione TITOLO I - Descrizione Art. 1. Definizioni specifiche Art. 2. Definizioni D.Lgs. n. 196/03 TITOLO

Dettagli

Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003.

Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003. Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003. Adottato con deliberazione n. 706 del 30/12/2014 Articolo 1

Dettagli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675)

T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675) T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675) La Legge disciplina il trattamento di dati con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati proponiamo uno schema

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Fac-simile documento programmatico sulla sicurezza nel trattamento dei dati personali

Fac-simile documento programmatico sulla sicurezza nel trattamento dei dati personali Fac-simile documento programmatico sulla sicurezza nel trattamento dei dati personali Scopo di questo documento è di delineare il quadro delle misure di sicurezza, organizzative, fisiche e logiche, da

Dettagli

PRIVACY. Riassunto delle novità degli ultimi anni e scadenze imminenti

PRIVACY. Riassunto delle novità degli ultimi anni e scadenze imminenti PRIVACY Riassunto delle novità degli ultimi anni e scadenze imminenti DPS o autocertificazione Come consueto l avvicinarsi della scadenza del 31/03 impone ai professionisti ed alle imprese una attenta

Dettagli

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp? Normativa sulla privacy negli USA e in Italia USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1042761 Complementi di Informatica Medica 1. Anno Accademico

Dettagli

Roma, 18/06/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 123

Roma, 18/06/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 123 Ufficio Centrale di monitoraggio e coordinamento in materia di protezione dei dati personali e accesso alle banche dati Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Documento programmatico sulle misure di sicurezza adottate per il trattamento dei dati personali con strumenti elettronici e supporti cartacei

Documento programmatico sulle misure di sicurezza adottate per il trattamento dei dati personali con strumenti elettronici e supporti cartacei Documento programmatico sulle misure di sicurezza adottate per il trattamento dei dati personali con strumenti elettronici e supporti cartacei In base al disciplinare tecnico in materia di misure di sicurezza

Dettagli

Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 5.0

Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 5.0 Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 5.0 REGOLAMENTO SULL USO DEL REGISTRO ELETTRONICO E NORME SUL RISPETTO DELLA PRIVACY 1/8 DOCENTE AMMINISTRATORE SCUOLA OSPEDALIERA Riferimenti normativi I riferimenti

Dettagli

C e n t o. 9 6 ti mette in regola con la Legge sulla Privacy

C e n t o. 9 6 ti mette in regola con la Legge sulla Privacy Privacy 2004 Il Nuovo Testo Unico sulla Privacy (D.L. n.196 del 30 giugno 2003) è già in vigore. Le norme prevedono vincoli rigorosi e pene severe in caso di inadempienza. Impegnarsi autonomamente per

Dettagli

Infostar S.r.l. S.S.13 Pontebbana 54/e - 33017 - TARCENTO (UD) Tel: 0432783940 - Fax: 0432794695 p.iva 02125890307

Infostar S.r.l. S.S.13 Pontebbana 54/e - 33017 - TARCENTO (UD) Tel: 0432783940 - Fax: 0432794695 p.iva 02125890307 Data ultima modifica : 14/06/2006 10:49 DPSS Cod.Doc. 2140.20.0.168818 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Valido fino al 31 Marzo 2007. Documento riassuntivo delle misure di sicurezza per la Privacy

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19 Per trattamento di dati deve intendersi: qualunque operazione o complesso di operazioni, svolte con o senza l ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione,

Dettagli

Privacy. Studio Consulenza privacy Dott.ssa Gloriamaria Paci Via Bonsi, 45 47900 Rimini

Privacy. Studio Consulenza privacy Dott.ssa Gloriamaria Paci Via Bonsi, 45 47900 Rimini Privacy Studio Consulenza privacy Dott.ssa Gloriamaria Paci Via Bonsi, 45 47900 Rimini Tel. e Fax. 0541-798280 Cellulare 347-5244264 www.consulenzepaci.it Privacy Decreto Legislativo 30/06/2003 n. 196

Dettagli

FONDAMENTI DI DIRITTO DELL INFORMATICA

FONDAMENTI DI DIRITTO DELL INFORMATICA MASSIMO FARINA 171 3. Le disposizioni generali: principi Il Codice della privacy si apre, all art. 1, con un chiaro principio Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano. Il

Dettagli

Privacy Novità legislative e giurisprudenziali. Gabriele Faggioli. Intel, 11 luglio 2012

Privacy Novità legislative e giurisprudenziali. Gabriele Faggioli. Intel, 11 luglio 2012 Privacy Novità legislative e giurisprudenziali Gabriele Faggioli Intel, 11 luglio 2012 1 Considerazioni iniziali Il 2011 e il 2012 sono stati caratterizzati da importanti novità nel settore normativo della

Dettagli

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Misure di Sicurezza adottate

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma Sofia e Misure di Sicurezza adottate Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Pagina 1 di 10 INDICE 1. Definizioni 3 2. Individuazione dei tipi di dati e di operazioni eseguibili 4 3. Titolare del trattamento, oneri informativi

Dettagli

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Si chiude il capitolo, dopo sette anni dalla sua emanazione, della legge 675 sulla privacy. Questa viene sostituita da un testo di legge unico

Dettagli

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY.

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. Il presente documento ha lo scopo di illustrare gli adempimenti di natura legale e di natura tecnico-informatica

Dettagli

PRIVACY POLICY. Aggiornata al 01/04/2011

PRIVACY POLICY. Aggiornata al 01/04/2011 PRIVACY POLICY Aggiornata al 01/04/2011 Benvenuto sul Sito web di Lualdi Spa. La Sua privacy è per noi molto importante, per questo desideriamo comunicarle le modalità con le quali raccogliamo e usiamo

Dettagli

Il Documento Programmatico Sulla Sicurezza

Il Documento Programmatico Sulla Sicurezza Il Documento Programmatico Sulla Sicurezza L art. 34 del Codice prevede tra le misure minime l adozione del c.d. Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS). La stesura di un documento sulla sicurezza

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA INDICE DEI DOCUMENTI PRESENTI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA INDICE DEI DOCUMENTI PRESENTI DPSS DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Documento riassuntivo delle misure di sicurezza per la Privacy attuate dal Titolare, in conformità agli artt. da 33 a 36 ed all'allegato B del D.Lgs. 30 giugno

Dettagli

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti.

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti. Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum

Dettagli

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Pag. 1 di 11 PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI REV. DATA REDATTO APPROVATO Rev. 2 aprile 2014 Dr. Egidio Sesti Referente Aziendale Privacy Dr. Vitaliano De Salazar Direttore

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Allegato 2) COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PREMESSA La presente trattazione, che si colloca nell ambito delle attività

Dettagli

AVIS COMUNALE MILAZZO

AVIS COMUNALE MILAZZO Con l introduzione del D.Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali, che dal lontano 2004 è diventato operativo sostituendo la L. 675/1996, molte sono le domande sulla necessità di una nuova legge

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Questo documento illustra il quadro delle misure di sicurezza, organizzative, fisiche e logiche, adottate per il trattamento dei

Dettagli

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196)

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Desideriamo informarla, ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno

Dettagli

News dal gruppo e aggiornamento in materia di privacy A cura di: Dott.ssa Paola Zambon Referente del Gruppo E-commerce ICT Torino, 25 marzo 2011 Gruppo di Lavoro E-commerce Information & Communication

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INDICE 1 OGGETTO... 2 2 DEFINIZIONI... 2 3 ORGANIZZAZIONE, COMPITI E RESPONSABILITA... 3 4 TRATTAMENTI EFFETTUATI... 4 4.1 TRATTAMENTI INTERNI... 4 4.2

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEGLI STUDI LEGALI (DPS) Redatto ai sensi e per gli effetti dell art. 34, c. 1, lett. g) del D.Lgs 196/2003 e del

Dettagli

L'anno il giorno del mese di, nella sede municipale del Comune di Nome_Ente

L'anno il giorno del mese di, nella sede municipale del Comune di Nome_Ente CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI NOME_ENTE E PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI O GESTORI DI PUBBLICO SERVIZIO, PER L'ACCESSO IN CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI DELL ANAGRAFE DELLA POPOLAZIONE L'anno il giorno del mese

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 (il "Codice") ART. ADEMPIMENTO (destinatari

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

un responsabile ti chiamerà al più presto per chiarire ogni dubbio

un responsabile ti chiamerà al più presto per chiarire ogni dubbio Come implementare o aggiornare il Documento Programmatico per la Sicurezza (DPS) in conformità al Disciplinare Tecnico Gestione della privacy: chiarezza sulle figure, ruoli, compiti e responsabilità Chiedi

Dettagli

MANSIONARIO PRIVACY. 1 Generalità 1. 2 Incaricati 3. 3 Incaricato all Amministrazione del Sistema 5. 4 Incaricato alla Custodia della Parole Chiave 6

MANSIONARIO PRIVACY. 1 Generalità 1. 2 Incaricati 3. 3 Incaricato all Amministrazione del Sistema 5. 4 Incaricato alla Custodia della Parole Chiave 6 1 Generalità 1 2 Incaricati 3 3 all Amministrazione del Sistema 5 4 alla Custodia della Parole Chiave 6 5 al Salvataggio dei Dati 7 6 alla Custodia della Sede Operativa 8 A Elenco degli Incaricati 9 B

Dettagli

Quadro di riferimento

Quadro di riferimento ENEA Frascati sala Bruno Brunelli 14 e 17 ottobre 2005 ore 9,30 formazione in materia di Protezione dei dati personali punto 19.6 del Discplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza del d.lg.

Dettagli

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Dr. Ivan Salvadori Dottorando in Diritto Penale dell Informatica Facoltà di Giurisprudenza di Verona LA STRUTTURA DEL CODICE DELLA PRIVACY 1 PARTE:

Dettagli

Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo 149, 00147 Roma. Cognome:.. Nome:.. Codice Fiscale: Data di nascita:..

Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo 149, 00147 Roma. Cognome:.. Nome:.. Codice Fiscale: Data di nascita:.. Convenzione LTC CIPAG/Poste Vita n. 22 Modulo di adesione per la copertura aggiuntiva Individuale ai sensi dell art. 15 delle Condizioni Generali di Assicurazione Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO SOMMARIO: CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 -

Dettagli

Informativa. sul trattamento di dati personali dei dipendenti a tempo indeterminato e determinato

Informativa. sul trattamento di dati personali dei dipendenti a tempo indeterminato e determinato Informativa sul trattamento di dati personali dei dipendenti a tempo indeterminato e determinato (Personale: Docente, Ricercatore, Dirigente, Tecnico e Amministrativo) L art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003

Dettagli

SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY

SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY M.S.P.01. Misura di sicurezza per una corretta informativa Al fine di garantire una corretta informativa sul sito internet della Ferrovia Adriatico Sangritana Spa

Dettagli

Documento n. 9 del 19 marzo 2004. Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587

Documento n. 9 del 19 marzo 2004. Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587 Fondazione Luca Pacioli CODICE DELLA PRIVACY TESTO UNICO IN MATERIA DI DATI PERSONALI (D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 169) Documento n. 9 del 19 marzo 2004 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1

Dettagli

Ve.S.T.A. SRL: policy aziendale in materia di protezione dei dati personali

Ve.S.T.A. SRL: policy aziendale in materia di protezione dei dati personali Ve.S.T.A. SRL: policy aziendale in materia di protezione dei dati personali 1. Finalità del documento Il presente documento descrive la politica, l organizzazione e le procedure interne della società Ve.S.T.A.

Dettagli

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria.

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria. Aspetti pratici della corretta gestione degli adempimenti necessari. Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

CONVENZIONE TRA COMUNE DI PRATO E... PER IL COLLEGAMENTO TELEMATICO AGLI ARCHIVI/SERVIZI INFORMATICI DEL COMUNE DI PRATO

CONVENZIONE TRA COMUNE DI PRATO E... PER IL COLLEGAMENTO TELEMATICO AGLI ARCHIVI/SERVIZI INFORMATICI DEL COMUNE DI PRATO CONVENZIONE TRA COMUNE DI PRATO E... PER IL COLLEGAMENTO TELEMATICO AGLI ARCHIVI/SERVIZI INFORMATICI DEL COMUNE DI PRATO Il COMUNE DI PRATO, con sede in Prato, Piazza del Comune, 2, in persona della Dirigente

Dettagli

MODELLO PER STUDI LEGALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA

MODELLO PER STUDI LEGALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA Version: 3.0 Revisioni successive di Date Dott. Filippo Pappalardo 20/05/2004 Document name: MODELLO PER STUDI LEGALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA ai sensi dell art. 34 lett. g) D. Lgs. 196/2003

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE. CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013

MODULO DI ISCRIZIONE. CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013 MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013 DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SANT EGIDIO ALLA VIBRATA (Provincia di Teramo) Tel. 0861/846511 Fax 0861/840203 Part. IVA: 00196900674 e-mail: info@comune.santegidioallavibrata.te.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

FONTE DI ACQUISIZIONE DEI DATI PERSONALI E FINALITÀ DEL TRATTAMENTO

FONTE DI ACQUISIZIONE DEI DATI PERSONALI E FINALITÀ DEL TRATTAMENTO PRIVACY e COOKIE POLICY La sezione Privacy Policy contiene le informazioni relative al trattamento dei dati personali dei navigatori e degli utenti. La navigazione nelle pagine del sito www.fcp.it comporta

Dettagli

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_6.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory.

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_6.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory. Pagina 1 di 9 La tutela della privacy Il quadro normativo italiano 1.1. La cosiddetta "legge sulla privacy" La più importante legge italiana in materia di "privacy" è la l. 31 dicembre 1996, n. 675, "Tutela

Dettagli

DISCIPLINARE INTERNO DISPOSIZIONI RIGUARDANTI L USO DI POSTA ELETTRONICA E INTERNET, VIDEOFONINI E IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DEI LAVORATORI

DISCIPLINARE INTERNO DISPOSIZIONI RIGUARDANTI L USO DI POSTA ELETTRONICA E INTERNET, VIDEOFONINI E IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DEI LAVORATORI Allegato n 2 alla deliberazione n 03/050 del Consiglio Direttivo adunanza 03/2008 del 29 marzo 2008 DISPOSIZIONI RIGUARDANTI L USO DI POSTA ELETTRONICA E INTERNET, VIDEOFONINI E IL TRATTAMENTO DEI DATI

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza

Documento Programmatico sulla Sicurezza (Unione degli Avvocati Europei) Studio Legale Avv..... Documento Programmatico sulla Sicurezza Ex art. 34, lett. g) e punto 19 allegato B del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione

Dettagli

Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 78 Oggetto: Vademecum privacy Il Garante per la protezione dei dati personali ha diffuso un breve vademecum sul trattamento

Dettagli

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese (Informativa ex articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) Nella presente informativa

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO 1 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI SOGGETTI RESPONSABILI Art. 1 Finalità e definizioni P.

Dettagli

PRIVACY POLICY INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EX Art. 13 D.lgs. 196/2003

PRIVACY POLICY INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EX Art. 13 D.lgs. 196/2003 PRIVACY POLICY INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EX Art. 13 D.lgs. 196/2003 Gestioni Alberghiere Plus SRL, Via Nazionale, 200, Roma, (RM) Cap 00184 tiene molto al rispetto della Privacy degli

Dettagli

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona Privacy Il tema della privacy è stato oggetto di diverse interpretazioni e successivi chiarimenti da parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona alle realtà

Dettagli

Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio

Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio Ambito di applicazione e finalità Art. 1 (Diritto alla protezione dei

Dettagli

Manuale Operativo per la Protezione dei Dati Personali

Manuale Operativo per la Protezione dei Dati Personali UNITN 18/02/2015 0003486 I - Allegato Utente 1 (A01) Direzione Sistemi Informativi Manuale Operativo per la Protezione dei Dati Personali Versione 1.0 14/12/2014 TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI - Questo

Dettagli

LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003)

LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003) LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003) Indicazioni pratiche per i Centri di Ascolto La legge sulla privacy intende disciplinare il trattamento dei dati personali, ovvero di tutte quelle operazioni di raccolta,

Dettagli

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato SUPPLEMENTO N. 17 25 maggio 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico

Dettagli

MÜRNICH REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

MÜRNICH REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Mornico Al Serio MÜRNICH REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 24 DEL 23/09/2008 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Premessa Principi generali

Dettagli

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196,

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, relativo alla individuazione dei tipi di dati e delle operazioni eseguibili in tema di trattamento

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

Nozioni generali in materia di privacy. Genova, 7 ottobre 2013

Nozioni generali in materia di privacy. Genova, 7 ottobre 2013 Nozioni generali in materia di privacy Genova, 7 ottobre 2013 Termine anglosassone traducibile con riservatezza Nasce nel 1800 e si configura come diritto ad essere lasciato in pace OVVERO Non subire intrusioni

Dettagli

1. la planimetria e sezioni del sito in cui i rifiuti verranno recuperati;

1. la planimetria e sezioni del sito in cui i rifiuti verranno recuperati; Comunicazione di utilizzo/recupero R10 di rifiuti come recupero ambientale La Comunicazione di utilizzo/recupero R10 di rifiuti come recupero ambientale deve essere presentata contestualmente a tutti i

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 del 26 aprile 2007 Indice REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE art. 1 - finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice CAPO I Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Informativa Art. 5 - Accertamenti di illeciti e indagini

Dettagli

06/04/2009 Avv. Paola Ferrari info@studiolegaleferrari.it- www.studiolegaleferrari.it Via G. Carducci, 1/f Cassina De Pecchi 02 9522003

06/04/2009 Avv. Paola Ferrari info@studiolegaleferrari.it- www.studiolegaleferrari.it Via G. Carducci, 1/f Cassina De Pecchi 02 9522003 LA GESTIONE DEI DATI NELLO STUDIO MEDICO DI MEDICINA GENERALE E PEDIATRI DI LIBERA SCELTA Piccolo manuale operativo con formule per le lettere di incarico e formazione del personale 06/04/2009 Avv. Paola

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TORREBELVICINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 29/10/2014 1 2 INDICE 1. Premessa 2. Definizioni

Dettagli

Provincia di Brescia. (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.7 del 25/02/2010)

Provincia di Brescia. (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.7 del 25/02/2010) COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.7 del 25/02/2010) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Premessa Art. 2 Principi generali Art. 3 Definizioni

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI ROSSANO VENETO SERVIZI INFORMATICI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Allegato A) INDICE 1 INTRODUZIONE 2 ASPETTI GENERALI 2.1 Contenuti 2.2 Responsabilità 2.3 Applicabilità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Università - 2 - PREMESSA Scopo della presente procedura è illustrare le norme comportamentali/tecniche cui gli Incaricati devono

Dettagli

Prot.n. 0003571/cod.3 Pagnacco, 19 giugno 2014

Prot.n. 0003571/cod.3 Pagnacco, 19 giugno 2014 Prot.n. 0003571/cod.3 Pagnacco, 19 giugno 2014 Per Personale Esperto Esterno Ditte Interessate All Albo dell Istituto Sito Web dell Istituto OGGETTO: AVVISO DI SELEZIONE per la fornitura di SERVIZIO ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE. Provincia di Siracusa APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE. Provincia di Siracusa APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DI FLORIDIA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.4

Dettagli

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili.

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Da questo principio deriva, per tutti gli operatori sanitari,

Dettagli

Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori

Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori Autorizzazione ai sensi del D.Lgs. n.196/2003 sulla Privacy. APEA S.R.L.- PRIVACY POLICY / REV. Del 07/08/2008 Apea s.r.l.. ha come obiettivo la tutela

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli