politiche per il risparmio energetico _ reti di distribuzione e di servizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "politiche per il risparmio energetico _ reti di distribuzione e di servizio"

Transcript

1 Slides a cura di arch. A. Giachetta Corso di Laurea in Disegno Industriale Principi di Ecodesign docente arch. A. Magliocco Riferimento: A.Giachetta, A.Magliocco Progettazione Sostenibile capitolo 2.1, Carocci Editore, Roma 2007 politiche per il risparmio energetico _ reti di distribuzione e di servizio

2 le unità di misura energia capacità di un sistema fisico (atomo, molecola, essere vivente, macchina) di compiere un lavoro l energia si misura in -Joule(J) - 1Joule è il lavoro che effettua la forza di 1 Newton (N) per spostare il suo punto di applicazione di 1 metro nei suoi stessi direzione e verso - kcaloria (kcal) è la quantità di energia necessaria per innalzare di un grado centigrado (da 14,5 C a 15,5 C) 1 kg di acqua alla pressione atmosferica 1 kcal = 4,1868 kj -kilowattora (kwh) energia sviluppata dalla potenza di un kw che agisca per un ora 1 kw h = 3'600 kj = 859,8 kcal le unità di potenza (energia nell unità di tempo): kilowatt (kw), caloria all ora (cal/h) 1 kcal = 4,1868 kj 1 watt (W) = 1 Joule al secondo 1 kw = 1000 W

3 ... qualche esempio concreto un kwh equivale al lavoro necessario per spostare una persona di 75 kg dal livello del mare alla vetta del Monte Bianco il contenuto calorico del cioccolato è circa 6000 cal/kg: un cioccolatino di 10 g sviluppa nel corpo umano una quantità di energia termica pari a quella necessaria per sollevare di 360 metri una persona di 70 kg un uomo per vivere necessita al giorno di una quantità di energia pari a quella sviluppata da 200 grammi di benzina Volendo fare un esempio di associazione di energia meccanica a energia termica... per riscaldare per un giorno un appartamento di medie dimensioni si consuma tanta energia quanta ne occorre ad una Punto per il tragitto Genova - Roma

4 le trasformazioni energetiche le fonti energetiche per essere utilizzate devono essere trasformate nelle forme idonee alle necessità dell utenza in ogni processo di trasformazione energetica non tutta l energia in ingresso viene utilizzata una parte di energia si trasforma in calore che, in generale, non è utilizzato (ed è dunque una perdita) per risparmiare energia si può: aumentare il rendimento riducendo le perdite recuperare e riutilizzare il calore sviluppato...

5 Fonti energetiche esauribili Il crescente fabbisogno energetico mondiale è, ad oggi, prevalentemente soddisfatto attraverso l impiego sempre più massiccio di fonti non rinnovabili di origine fossile, soprattutto petrolio (con il quale si copre circa il 35% della totale produzione energetica), poi carbone e gas naturale (entrambi coprono intorno al 25%).

6 Secondo le previsioni fornite nel Rapporto del 2003 World Energy, technology and climate policy outlook (WETO) della Commissione Europea: nel 2030 si raggiungeranno livelli di consumo energetico mondiale praticamente doppi rispetto agli attuali, con emissioni di anidride carbonica raddoppiate rispetto al 1990 le fonti fossili non solo sono esauribili ma sono già in via di esaurimento: fra trent anni, quasi sicuramente, non saranno più in grado di soddisfare, con i ritmi attuali, le esigenze espresse dallo sviluppo economico mondiale

7 le sue riserve sono per la maggior parte concentrate nell area mediorientale, caratterizzata da forte instabilità sociale e politica Petrolio Il petrolio, attualmente la fonte energetica più utilizzata a livello mondiale (grazie alla sua facilità di produzione, trasporto e stoccaggio oltre che alla struttura del sistema energetico ormai calibrato proprio sul massiccio impiego di questa fonte), oltre a far registrare una preoccupante diminuzione delle sue riserve, è notevolmente inquinante, sia in fase di estrazione che quando viene utilizzato nelle diverse forme dei suoi derivati

8 Carbone sponsorizzato soprattutto dalle compagnie produttrici di energia elettrica per motivi economici (la produzione energetica da carbone ha infatti, rispetto a quella da gas, un più basso costo del combustibile ed è conveniente soprattutto per impianti riconvertiti, tipo ex-centrali a olio combustibile) è responsabile di emissioni inquinanti ancora molto considerevoli (di biossido di zolfo, polveri e metalli pesanti - tra cui il mercurio -, ossidi di azoto e gas a effetto serra, come l anidride carbonica) nonostante l evoluzione dei sistemi di trasformazione energetica (per esempio i nuovi impianti supercritici che consentono più alti rendimenti).

9 Gas Il gas comporta minori problemi di inquinamento (comunque presenti); sarà prevedibilmente utilizzato in maniera crescente, sempre a fronte però di problemi di esauribilità e, soprattutto in Paesi come l Italia quasi totalmente dipendenti dalle forniture estere, di insicurezza circa la continuità delle forniture (si pensi alla crisi del gas russo del 2005)

10 Il sistema elettrico in Italia dipende per l 80% da fonti fossili ciò implica che: da 100 unità di energia chimica nel pozzo di petrolio o dal giacimento % per estrazione, trasporto,raffinazione, ecc. = 80 nelle centrali termoelettriche l energia chimica si trasforma in energia termica per combustione e poi in energia meccanica per azionare l alternatore producendo: 45 % di energia elettrica e 55% di calore residuo generalmente non utilizzato

11 delle 100 unità iniziali ne rimangono 80x0,45 = 36 la trasformazione in alta, poi media, poi bassa tensione per il trasporto, e il trasporto stesso causano 15% di perdite complessivamente su 100 unità energetiche di partenza agli utenti ne giungono solo 30,6

12 un aumento del rendimento del sistema dell energia elettrica richiede l adozione di tecnologie più avanzate che hanno costi di investimento maggiori se il costo del danaro è basso vengono privilegiati impianti a rendimento maggiore anche se più costosi se il costo del danaro è elevato vengono privilegiati impianti meno cari con un rendimento inferiore in Italia però l Enel era autorizzata a scaricare ogni aumento del prezzo del greggio sulle tariffe elettriche e quindi non ha avuto alcun incentivo ad effettuare ricerche per la riduzione di perdite o l uso di fonti alternative paradossale riduzione di centrali idroelettriche durante la crisi energetica

13 oggi, tra le strade più percorse per ridurre le perdite ed aumentare il rendimento complessivo del sistema elettrico, c è quella dei superconduttori con cui si può effettuare il trasporto dell energia senza perdite per effetto Joule (sorta di attrito del cavo al passaggio di corrente)

14 il motore elettrico e l auto l elettrica il motore elettrico trasforma energia elettrica in energia meccanica l efficienza è elevata, i costi anche occorre considerare complessivamente il sistema dell energia elettrica che, in Italia, implica già una forte riduzione dell energia agli utilizzatori rispetto a quella alla fonte (da 100 unità a 30,6) nelle auto elettriche, considerando la necessità di immagazzinare l energia in batterie (con perdite del 40%) e il maggior peso dell auto elettrica, ecc. si hanno rendimenti bassi ~ 10% dell energia alla fonte

15 confronto del 1997, veicoli su percorsi cittadini: Panda normale 1 l. di benzina - 14,5 Km Panda elettrica 1 l. di olio combustibile impiegato nella centrale termoelettrica 9 Km CIO VUOL DIRE CHE L AUTO ELETTRICA, NEL NOSTRO CONTESTO, NON E INQUINANTE LOCALMENTE MA LO E GLOBALMENTE molto più interessante l impiego di elettricità in mezzi collegati alla rete elettrica (senza le perdite del 40% legate alla batteria): mezzi pubblici: filobus e tram efficienti, puliti, non inquinanti oggi si stanno diffondendo auto a motore ibrido dove la ricarica elettrica è generata dal motore a scoppio

16 L energia elettronucleare problemi della fissione: 1 sicurezza la produzione energetica francese: da nucleare quasi per l 80% i processi di fissione possono sfuggire al controllo e continuare a riprodursi in maniera accelerata provocando la fusione del nocciolo e continuando a cielo aperto contaminando milioni di Kmq (come a Černobyl) una nuova generazione di reattori in cui la reazione sia promossa da un irraggiamento esterno che se interrotto interrompe la reazione potrebbe eliminare il problema (studi di Carlo Rubbia sul potenziale energetico residuo delle scorie nucleari)

17 2 scorie mantengono la loro radioattività per periodi di tempo plurisecolari attualmente non vi sono soluzioni efficaci per neutralizzarle 3 fragilità nel tempo dei materiali della centrale sottoposti a irraggiamento tutto ciò comporta notevoli normative di sicurezza e costi di gestione molto elevati che rendono meno economico il nucleare di altre forme di produzione energetica alternativa

18 Fonti energetiche rinnovabili per quanto visto... è evidente la necessità di ricorrere sempre più all uso di fonti energetiche rinnovabili, che sono, almeno nel caso di quella solare, eolica e geotermica, non solo rinnovabili ma costantemente, immediatamente e indefinitamente presenti in natura il loro utilizzo comporta emissioni inquinanti e uso di risorse e materiali esauribili in proporzioni molto ridotte, talora del tutto trascurabili

19 perché non si diffonde l uso l delle rinnovabili? comportano competenze e tecnologie nuove, hanno - di norma - costi di investimento più alti e, conseguentemente, implicano lunghi periodi di ammortamento, offrono benefici sull ambiente ancora difficilmente monetizzabili e, normalmente, di scarso interesse per gli imprenditori (se non ci sono incentivi) si inseriscono in un quadro di interessi e poteri forti che fanno resistenza

20 l attuale sistema di produzione e distribuzione è fortemente legato all impiego delle fonti energetiche di origine fossile e un radicale cambiamento dei sistemi produttivi deve basarsi per forza su una serie di pesanti modifiche d assetto del sistema energia nel suo insieme (si pensi, ad esempio, alla presenza capillare dei distributori di benzina sul territorio oppure alla presenza di reti di distribuzione dell energia elettrica - con progressive riduzioni di tensione solo in un senso - adatte ad una distribuzione monodirezionale dalle attuali centrali, così come localizzate, agli utilizzatori)

21 Promozione delle rinnovabili In Italia l impiego di rinnovabili non copre neanche il 10% del fabbisogno in gran parte idroelettrico tradizionale le politiche di promozione sono essenzialmente fondate su leggi disattese (tipo legge 10/91) e programmi di incentivazione economica di grande discontinuità, confusione e vaghezza, soprattutto se paragonati a quelli di altri paesi europei (si pensi all iniziativa dei tetti fotovoltaici - promossa dal Decreto Ministeriale del 22 dicembre 2000)

22 Anche l introduzione dei Certificati verdi (Decreto Bersani del 1999), titoli emessi dalla GRTN SpA (società del Ministero dell Economia e delle Finanze) e oggetto di possibile compravendita tra produttori ed importatori di energia da fonte fossile per il raggiungimento di una quota obbligata del 2% di produzione da rinnovabili, non sembra abbia portato al raggiungimento dei risultati sperati. Più promettenti paiono, invece, le novità legate ai finanziamenti in conto energia per vendere l energia prodotta con il fotovoltaico, anche con impianti medio-piccoli, alla rete nazionale ad una tariffa sensibilmente più alta di quella normale d acquisto, per aumentare la redditività degli investimenti in questo campo (recepimento della Direttiva Comunitaria 2001/77/CE, attraverso il Decreto Legislativo 387/2003 e, successivamente - con un anno di ritardo rispetto alle previsioni dello stesso DLgs - attraverso il Decreto di Attuazione del 28 luglio 2005; poi 6 febbraio 2006; poi 20 febbraio 2007)

23 Microgenerazione distribuita Un altro mezzo molto interessante per lo sviluppo su larga scala delle rinnovabili sembra essere la microgenerazione distribuita, perché: basata su scelte di singoli individui, o piccoli gruppi di persone motivate e informate, e su investimenti contenuti; perché più flessibile, adattabile allo specifico sito di intervento, con limitato impatto visivo, non bisognosa di complessi sistemi di rete

24 La generazione distribuita si riferisce - sia nel caso delle rinnovabili che delle non rinnovabili - all utilizzo di impianti di capacità massima compresa tra i 10KW e i 50 MW, finalizzati a fornire una specifica utenza ed eventualmente ad alimentare la rete elettrica Con il termine microgenerazione si fa di norma riferimento ad una capacità installata non superiore ad 1 MW per rendere l idea: energia elettrica per una famiglia media impianto da circa 2/3 KW 1 MW=1000 KW produzione di media centrale termoelettrica anche migliaia di MW

25 Energia solare Sulla terra giunge una quantità di energia solare in grado di soddisfare circa volte il fabbisogno energetico dell umanità, anche se, ovviamente, è impossibile lo sfruttamento intensivo di questa fonte data l ampissima diffusione della radiazione Le strategie che possono essere impiegate sono: la conversione fotovoltaica, per ottenere energia elettrica, il solare termico ad alta e bassa temperatura, i sistemi solari passivi

26 La possibilità di utilizzo del fotovoltaico attraverso grandi impianti (come quello di Serre, vicino a Salerno, che è uno dei più grandi del mondo con i suoi metri quadrati di pannelli) è ancora limitata dai rendimenti piuttosto bassi e dai costi ancora abbastanza elevati. Più promettente sembra essere la conversione fotovoltaica con impianti di piccola taglia per singole utenze, settore nel quale la produzione registra continui progressi.

27 la conversione termoelettrica dell energia energia solare solare termico ad alta temperatura l energia solare può essere convertita in energia elettrica anche in impianti che trasformano la radiazione solare termica in vapore ad alta pressione che aziona turbine collegate ad alternatori si usano sistemi diversi: si parla anche di solare termodinamico campo di specchi orientati che concentrano l energia solare per riflessione alla sommità di una torre/fornace rifrattori Fresnel o riflettori parabolici lineari (a mangiatoia) che focalizzano la radiazione solare lungo la loro linea di fuoco dove c è un tubo con fluido termovettore grandi specchi parabolici che seguono l andamento solare nel fuoco dei quali c è un motore che aziona un alternatore

28

29

30 Microgenerazione con impianti solari, solare termico a bassa temperatura e solare passivo Sistemi solari attivi La microgenerazione con impianti solari è essenzialmente legata all utilizzo del fotovoltaico per singole utenze, anche con possibilità di integrazione sulle coperture e sulle facciate degli edifici, ma anche su dispositivi elettrici ed elettronici: seguirà approfondimento Al livello dei singoli edifici la radiazione solare termica può essere anche utilizzata per il riscaldamento ambientale e dell acqua sanitaria con impianti solari termici a bassa temperatura Sistemi solari passivi Accanto ai sistemi attivi vi sono altri importantissimi sistemi di utilizzo diretto della radiazione solare termica a piccola scala, quelli solari passivi

31

32 Energia eolica Il vento è una delle più promettenti fonti energetiche rinnovabili; la produzione energetica eolica pur rimanendo su valori assoluti bassi è, infatti, quella con maggiore tasso di crescita mondiale. Le tecnologie per lo sfruttamento dell energia eolica sono già economicamente competitive se paragonate con quelle per la produzione di energia da fonti fossili.

33 Gli aerogeneratori sono trasformatori di energia eolica in energia meccanica e di energia meccanica in energia elettrica il massimo rendimento possibile è del 60% i redimenti reali del 35-45% ma: il vento è inesauribile, gratuito la tecnologia piuttosto semplice e matura... non inquinante

34 l energia elettrica prodotta dagli aerogeneratori ha costi confrontabili con quella prodotta da impianti a gas naturale tuttavia si può applicare solo in luoghi adatti (vento con velocità tra 5 e 10 m/sec.) in Italia vi sono siti idonei nelle località appenniniche, alpine e insulari; in altri paesi vi sono migliori condizioni (Paesi Bassi, California, Africa) in Liguria: Calice, Varese Ligure, Osiglia,...

35 il moltiplicatore trasforma la rotazione lenta delle pale in una rotazione in grado di far funzionare il generatore, il generatore trasforma l energia meccanica in elettrica mantiene l allineamento parallelo tra l asse del rotore e la direzione del vento le pale moderne sono in fibra di vetro rinforzata in poliestere, (acciaio e alluminio sono troppo pesanti e poco resistenti a fatica )

36 gli aerogeneratori hanno una durata di vita di anni ( ore) problemi: 1- impatto paesaggistico (un aerogeneratore di media taglia kw di potenza ha una torre di 30 m e un rotore di 30 m di diametro) fattore culturale superabile, un sistema di aerogeneratori funziona da frangivento e aiuta l agricoltura 2- rumore: tuttavia non fastidioso già a 300/400 m 3- incompatibilità con migrazione di alcune specie di uccelli (rapaci); spesso in presenza di forti correnti vi sono ingenti flussi migratori necessità di approfonditi studi ecosistemici

37 Mini-eolico e micro-eolico La microgenerazione con impianti che sfruttano il vento è legata al mini-eolico (impianti con potenza nominale di norma compresa tra 1 e 20 kw e diametri del rotore fino a 8 metri) e al micro-eolico (con potenza nominale inferiore a 1 kw e diametri del rotore anche inferiori a 1,5 metri). Il settore è oggi in forte espansione. I sistemi mini e soprattutto micro-eolici implicano la risoluzione dei problemi di impatto paesaggistico ed ambientale che caratterizzano gli impianti di media e grande taglia. Spesso l uso di questi sistemi viene combinato con quello di pannelli fotovoltaici per la produzione in continuo di energia elettrica, anche in assenza di sole e di notte.

38 sistema micro-eolico

39 Energia idroelettrica In Italia la produzione idroelettrica rappresenta, di gran lunga, quella che offre il maggiore contributo (più del 70%) sul totale dell energia ricavata da fonti rinnovabili. Le centrali idroelettriche trasformano l energia potenziale posseduta da grandi masse d acqua, raccolte in appositi bacini a mezzo di dighe o traverse, in energia meccanica e poi elettrica tramite turbine idrauliche collegate a generatori.

40 energia dalle maree lo sfruttamento si attua nei luoghi in cui l escursione tra alta e bassa marea è elevata, attraverso dighe ha un forte impatto ambientale, può causare morie di pesci e allagamenti sulle coste, disagi per il turismo, per cui esistono solo pochi impianti (in Canada, in Francia) sono in studio impianti in Inghilterra e in Giappone (in Italia un sito identificato è lo stretto di Messina)

41 Mini-idro idro Per lo sfruttamento dell energia idroelettrica su piccola scala si possono utilizzare piccole turbine (fino ad alcune decine di kw) che possono essere posizionate, a seconda dei casi, sui torrenti di montagna, sui salti d acqua degli acquedotti (bastano anche pochi metri Genova Centro Storico), sui canali irrigui o di bonifica, sui circuiti di raffreddamento di impianti industriali e su sistemi idrici vari; per il loro funzionamento sono adatte anche portate modeste.

42 sistema mini-idro che si può inserire sotto la poppa delle imbarcazioni a vela per ottenere fino a 2,4 kw al giorno

43 Energia geotermica energia termica contenuta all interno della terra che si dissipa con regolarità verso la superficie della terra lo sfruttamento generalmente avviene attraverso centrali geotermoelettriche che sfruttano la pressione esercitata dal vapore contenuto negli acquiferi geotermici (geysers) centrali in Islanda, in California ma anche in Toscana (Larderello) l energia geotermica si usa anche per l essiccazione del legname, la serricoltura, il riscaldamento, ecc.

44 Pompe di calore con sonda geotermica Pompa di calore macchina alimentata da energia elettrica o a gas, con consumi molto ridotti (circa il 30-50%) rispetto a quelli degli impianti di riscaldamento tradizionali è in grado di trasferire calore da una sorgente fredda ad un ambiente più caldo attraverso una sequenza di processi che interessano un fluido che viene fatto scorrere in un idoneo circuito

45 il fluido: - prima si espande ed assorbe calore dalla sorgente fredda, - poi viene compresso per aumentare la sua temperatura, - poi viene condensato e cede calore al fluido termovettore (aria o acqua) che alimenta il sistema di riscaldamento (generalmente a bassa temperatura, a pavimento, soffitto o parete) - infine, si espande nuovamente passando attraverso una valvola ad espansione, per ricominciare il ciclo

46 la sorgente fredda può essere rappresentata: dall aria esterna, con problemi di variabilità della temperatura di quest ultima e, nei climi freddi, di temperature eccessivamente ridotte; dall acqua, in presenza di falde, fiumi o corsi d acqua e mare, con il vantaggio di escursioni termiche ridotte soprattutto in presenza di acque sotterranee di falda; dal terreno - si possono ottenere ottimi risultati perché vi sono limitate escursioni termiche e temperature costanti che aumentano di circa 3 C ogni 100 metri di profondità

47 quando si usa come sorgente fredda il terreno... si impiegano sonde geotermiche in orizzontale, interessando ampie zone di terreno con scavi di profondità ridotta, in verticale, con scavi puntuali con profondità di diverse decine di metri gli impianti sono piuttosto costosi conviene farli funzionare anche a ciclo invertito per il raffrescamento estivo, consentendo risparmio energetico anche durante la stagione calda

48 energia da biomassa conversione in calore di combustibili rinnovabili di origine biologica Combustione di legna Prima fonte energetica per l uomo, è da considerarsi rinnovabile Non deve comportare deforestazioni incontrollate ma studiati programmi di taglio e rimboschimento che possono avere effetti molto positivi sul bosco e compensare l emissione di CO2 della combustione 1 mc di legno assorbe kg di CO2 nella sua crescita (in 50 anni) e accumula una riserva di carbonio, invecchiando assorbe sempre meno CO2 e produce sempre meno ossigeno 1 mc di legno circa 2500 kwh

49 Biocombustibili Sono oli ed alcoli estraibili da specie vegetali come la colza e la canna da zucchero (fonti rinnovabili). Sono utilizzabili da diversi tipi di motore ed hanno emissioni inquinanti inferiori a quelle dei combustibili fossili. Possono incentivare l uso di sostanze chimiche e OGM (disboscamenti in Brasile) Biogas Gas recuperato dalla fermentazione anaerobica di materiale organico (rifiuti organici, sostanze vegetali, feci animali). Il biogas è utilizzabile per tutte le applicazioni in cui è usato il metano.

50 cogenerazione normalmente le trasformazioni energetiche hanno perdite in calore, con problemi tecnici, economici e ambientali se il calore viene recuperato si hanno sistemi ad energia totale cogenerazione = generazione contemporanea di energia termica ed elettrica da un solo processo di trasformazione energetica

51 microcogenerazione motori a gas naturale (o biogas nelle aziende agricole) che producono elettricità recuperando il calore dei gas di scarico per il riscaldamento cogenerazione negli impianti industriali in processi tecnologici che richiedono la produzione di grandi quantità di calore, la cogenerazione è conveniente soprattutto se gli impianti lavorano a ciclo continuo (si può produrre calore per ottenere energia elettrica e il calore residuo per l uso industriale o viceversa - es. nelle fonderie - usare il calore residuo per l elettricità) in Italia più di 700 impianti

52 cogenerazione nelle centrali termoelettriche nelle centrali termoelettriche si può produrre per cogenerazione acqua calda come sottoprodotto dell elettricità quest acqua calda può essere utilizzata per il riscaldamento degli edifici attraverso il Teleriscaldamento processo di grande interesse ma piuttosto oneroso le tubazioni devono essere di grandi dimensioni, coibentate, e sono soggette a rilevanti fenomeni di dilatazione termica che esigono controlli accurati

53 Idrogeno (H) è l elemento più diffusamente presente in natura anche se in ridottissime quantità allo stato libero; è un gas non nocivo, inodore e incolore, che, per reazione con l ossigeno presente nell aria, produce calore dando acqua come prodotto di scarto è detto vettore energetico perché serve, in sostanza, a veicolare l energia trasferitagli nel corso dei processi utili ad ottenerlo allo stato libero

54 deve essere ottenuto da altre fonti: o per elettrolisi dall acqua, processo che comporta però altissimi costi energetici per ottenere la materia prima (che si possono ridurre parzialmente solo in determinate condizioni, per esempio se l elettrolisi viene effettuata direttamente nelle centrali termoelettriche o nucleari), o per reforming, processo che permette di trasformare nell energia chimica dell idrogeno l energia chimica degli idrocarburi: metano, etano, nafta, ecc. (il processo comporta però una produzione rilevante di anidride carbonica e, inoltre, l idrogeno ottenuto è più costoso del combustibile di partenza per cui non conviene ancora il suo utilizzo in alternativa ad esso a fini energetici), o con la gassificazione del carbone e dei combustibili fossili, di norma economicamente non competitiva con il reforming

55 ottenuto idrogeno puro si può generare poi energia elettrica mediante celle a combustibile (trasformatori di energia chimica in energia elettrica), con un processo pulito ad alto rendimento l impiego dell idrogeno è possibile anche per il settore dei trasporti ma i rendimenti sono ancora piuttosto bassi e le applicazioni ancora sperimentali (come quella del Bus a idrogeno della Iribus, già circolante in Torino dal 2001)

56 allo stato attuale le tecnologie disponibili per la produzione dell idrogeno e dall idrogeno non sono ancora mature per diffuse applicazioni energetiche su larga scala, tuttavia vi sono sviluppi di ricerca promettenti: quelli per la produzione dell idrogeno in impianti solari termici ad alta temperatura quelli di produzione fotobiologica, attraverso l impiego di particolari alghe o batteri in grado di generare idrogeno in determinate condizioni utilizzando l energia solare

57 Gestione energetica e reti di servizio a livello territoriale ed urbano la gestione dell energia è un tema di grandissima rilevanza: problemi derivanti dall impiego di combustibili fossili per i trasporti, localizzazione dei centri produttivi e loro impatto paesaggistico o ambientale, rete distributiva e di trasporto, stoccaggio, esigenza di servire e urbanizzare nuovi insediamenti,

58 in relazione alle rinnovabili: corretta dislocazione sul territorio degli impianti di grande, media e piccola taglia in funzione delle specifiche caratteristiche di soleggiamento, ventilazione ecc., o alla facile reperibilità, al trasporto e alla presenza di spazi da dedicare alla coltivazione delle biomasse la gestione dell energia è quindi un tema fondamentale della moderna pianificazione sostenibile

59 alcuni testi di riferimento: PALAZZETTI M., PALLANTE M. (1997), L uso razionale dell energia: teoria e pratica del negawattora, Bollati Boringhieri, Torino. SCANDURRA E. (1995), L ambiente dell uomo: verso il progetto della città sostenibile. Etaslibri, Milano. MANNA C. (a cura di) (2005), Rapporto ENEA Le fonti rinnovabili Lo sviluppo delle rinnovabili in Italia tra necessità e opportunità, ENEA, Roma. COPIT (2004), Energia e fonti rinnovabili, COPIT - Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, Stampa 3, Roma. GAUZIN MÜLLER D. (2001), L architecture écologique, Le Moniteur, Paris.

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA PER NOI Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA per NOI Capire l Energia p. 4 le Forme p. 8 un po di Storia p. 12 le Fonti p. 16 Nord - Sud p. 20 Misurare l Energia

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

La geotermia è la disciplina che si

La geotermia è la disciplina che si L energia geotermica e i rischi connessi al suo sfruttamento Paolo Capuano La geotermia è la disciplina che si occupa dello studio, della ricerca e dello sfruttamento dell energia termica della Terra (Figura

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

IL PROBLEMA ENERGETICO 1

IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Bologna, 17/02/09 IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Giorgio Giacomelli Dipartimento di Fisica dell Università di Bologna e Sezione INFN di Bologna Riassunto Viene presentato un breve quadro generale della situazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

IL SOLARE TERMODINAMICO IN ITALIA DURANTE L AUTARCHIA FASCISTA. Marino Ruzzenenti storico dell ambiente

IL SOLARE TERMODINAMICO IN ITALIA DURANTE L AUTARCHIA FASCISTA. Marino Ruzzenenti storico dell ambiente IL SOLARE TERMODINAMICO IN ITALIA DURANTE L AUTARCHIA FASCISTA Marino Ruzzenenti storico dell ambiente In periodo autarchico, l Italia, non baciata dalla fortuna per i giacimenti fossili, era costretta

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì Viale Della Libertà, 14 -Tel. 0543 28620, Fax 0543 26363 Email: itisfo@itisforli.it Sito: www.itisforli.it ENERGIA E AMBIENTE PROGETTO ENERGIA

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Progetto Obiettivo Ambiente, Risparmio Energetico Ed Energie Alternative G.A.I.A.

Progetto Obiettivo Ambiente, Risparmio Energetico Ed Energie Alternative G.A.I.A. Progetto Obiettivo Ambiente, Risparmio Energetico Ed Energie Alternative G.A.I.A. Scenario tecnico ed economico sulla produzione di energia da Fonti Rinnovabili Relatore Ing. Francesco Matera Realizzato

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli