IL DIALETTO GENTILE DI SPALLICCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIALETTO GENTILE DI SPALLICCI"

Transcript

1 IL DIALETTO GENTILE DI SPALLICCI Cosa avrebbe potuto scrivere in dialetto Aldo Spallicci se fosse vissuto un secolo dopo il suo? Sarebbe stato ancora in grado di identificarsi con il linguaggio popolare del suo tempo, crudo, essenziale, realistico, ma gentile e rispettoso? Oppure sarebbe stato contaminato, stravolto, dall evoluzione idiomatica dell italiano, modellata dalle necessità comunicative, mediatiche e relazionali odierne, fatte di brevi locuzioni, pochi vocaboli, tanti neologismi, frequentemente inseriti in contesti di volgarità, che neanche la scuola è in grado di correggere? Spalicci aveva scelto il dialetto perché questo, nella sua anima riposta, cela una bella e chiara vena di poesia. Spallicci era un poeta, il più grande in Romagna dopo Pascoli (M. Moretti), ancorché di lingua dialettale, un vulnus per lui, come scrissero due grandi personaggi, Pasolini e Montale. Spallicci avrebbe potuto solo misurarsi con Stecchetti (Olindo Guerrini) che, al contrario, si esprimeva in un dialetto caricaturale, ridanciano, sboccato, quello delle piazze e dei mercati, per intenderci, e per questo gradito ai lettori dell epoca, ma anche con finalità politiche (es. Stecchetti era un oppositore della Chiesa e della monarchia), tuonava sempre contro qualcuno e qualcosa. Spallicci no, il suo dialetto cercava il bello, l introspezione dell anima, lo splendore della natura, la semplicità delle genti, la dignità del lavoro, la serenità e la dolcezza della vita francescana povera, priva di egoismi ed avidità, tornata oggi d attualità solo grazie alla predicazione di Papa Francesco. Personalmente, essendo di madrelingua dialettale forlivese, sono sempre stato affascinato dalla scrittura di Spallicci e in particolare dal suo amore e dalla difesa del dialetto romagnolo. Fin dai miei anni giovanili, abbonato-lettore del La Piè, lontano dalla Romagna ed in giro per il mondo per seguire la mia carriera universitaria, avevo scelto Spallicci come ancoraggio alla cultura e alle tradizioni della Romagna. Non deludeva mai, le sue poesie costringevano, emotivamente, a ritornare al passato, ma anche a riflettere sul proprio vissuto, rimandavano alla riscoperta di modi di pensare e di vivere, ormai desueti, ma che facevano recuperare dimensioni di vita e realtà da non dimenticare e disperdere.

2 Per scrivere quest omaggio al Poeta mi sono avvalso di una felice circostanza propiziata dal solerte direttore della Piè, Antonio Castronovo, che ha ripubblicato lo scorso anno in copia anastatica l edizione completa del Plaustro di Spallicci, la prima rivista fondata dallo stesso (1911), che visse fra stenti e incomprensioni soltanto quattro anni, ma che contribuì a forgiare lo Spallicci poeta ed organizzatore di cultura e, dopo la parentesi bellica, a farlo riportare alla sua vocazione letteraria fondando La Piè nel Devo subito rilevare che Spallicci, circa le finalità della poesia dialettale, considerava questa come uno strumento, quasi pedagogico, per l elevazione culturale del popolo; lo rivelò in un suo scritto emblematico e profetico del 1912 (Il Plaustro, II, 17), per tanti aspetti ancora attuale e nel manifesto di presentazione de La Piè. Se ci addentriamo brevemente nelle analisi critiche del dialetto di Spallicci, scritte dopo la sua morte, avvenuta a 87 anni (1973), troviamo una consonanza di giudizi non tanto agiografici, quanto diretti ad analizzare lo spessore culturale e la comprensione della sua opera. Critiche che volevano rendere giustizia ad un poeta non da tutti accettato, o da taluno persino relegato ai margini della poesia contemporanea. Spallicci era prima di tutto un letterato, come scrive F. Schurr, riprendendo B. Croce; la cosiddetta poesia popolare ha avuto, infatti, un origine letteraria e si serviva del dialetto per rivolgersi al popolo. Debuttò a soli 23 anni con una prima raccolta di sonetti ( Rumagna, con prefazione di A. Beltramelli), già consapevole della forza rappresentativa della dialettalità, come intrinseco elemento della sua poesia. Rivelò subito i suoi interessi Romagna-centrici, sapendo ironizzare però sulle debolezze del romagnolo e indulgendo anche a qualche storiella: il Signore, per crearlo, dopo che la Romagna gli era venuta fatta bene, ebbe il presentimento che sarebbe stato un «uomo di brutte maniere», e pertanto diede un calcio per terra e saltò fuori, lì dirimpetto, il vigliaccaccio del «romagnolo sputato». In maniche di camicia, scoperto nel petto, un cappelluccio a ruota come un fattore: «sono qua io, olà, boja de S...» ; un altra: A Frampul i somna di fasul e te nëss di bursarul (A Folimpopoli, seminano dei fagioli, e ti nascono dei borsaioli).

3 Ma la sua maggiore attenzione è rivolta alla natura, che gli suscita pensieri simbolici e presagi del tragico destino umano. La sua poesia infatti, descrittiva come quella pascoliana, si distingue per questi risvolti sui significati delle cose, osserva sempre da vicino il lato passionale, le virtù e le debolezze delle persone. Ecco un immagine di tristezza cosmica nel sonetto Cascano le foglie : Le foglie svolano sotto gli sbuffi del vento, di quel vento che sa d inverno e sa di morte, che passa come un triste presentimento. Prima di compiere una carrellata sulle finezze liriche, elegiache, del dialetto delle poesie di Spallicci vorrei però riportare alcuni dei giudizi espressi sulla sua poesia dialettale dai maggiori critici letterari, che si espressero sui giornali del tempo (specie in occasione degli ottant anni o dopo la sua morte, 1973, o sui volumi che ne seguirono). Ho scelto due volumi significativi, il primo a cura di Umberto Foschi La Romagna negli scritti di Aldo Spallicci (Maggioli Editore, Rimini, 1983) e il secondo a cura della Società di Studi Romagnoli Aldo Spallicci, Studi e testimonianze (Ed. La Fotocromo Emiliana, Bologna, 1983). Prendo a prestito, in particolare, gli scritti di Claudio Marabini, che più di tutti seppe condurre un analisi multidirezionale dell opera di Spallicci, come si conviene ad un individuo, qual era, eclettico e capace di viaggiare nei reconditi sentieri della poesia con metodo scientifico, di osservatore, di ricerca dei significati. Scrive Marabini che Spallicci, come altri poeti, non fu sempre mirabile ma anche talvolta ridondante e ripetitivo; Spallicci, dunque, nelle sue cose migliori, di una rusticità spontanea, fu cantore sobrio ed estatico e talora heinianamente 1 nostalgico della sua campagna romagnola. La sua opera è un canto d amore alla sua terra, una sua minuziosa e sobria illustrazione, una narrazione anche di usi e di fatti: tutto un affresco che sembra fissato in un tempo che abbia cessato di trascorrere in un atmosfera immobile in cui ogni volta ci immergiamo quasi increduli. Spallicci sta come il cantore idillico in termini pascoliani, della vita contadina, degli alberi e case di campagna, delle antiche usanze, delle coltivazioni, di tutto il paesaggio. Una fusione così intima 1 H. Heine, poeta e scrittore tedesco vissuto nella prima metà dell 800, fu considerato romantico narratore dell amore infelice e dei sentimenti inappagati degli uomini.

4 con la vita dei propri luoghi nella poesia nazionale in dialetto, si trova probabilmente soltanto in B. Marin (l isola di Grado) e A. Pierro (Lucania). Meritevole di segnalazione anche l apprezzamento espresso dal grande latinista Tebaldo Fabbri (1983): Prosa e poesia sono due momenti del mondo spirituale di Spallicci, due espressioni di una medesima tematica che s accentra sulla sua terra, sulla sua gente, sui costumi, sul folklore che egli, per amor della patria lingua, chiama etnografia. Anche per lui due lingue, ma una l anima che la regge. Se dovessi definire lo stile di Spallicci, lo farei con i due aggettivi che il critico e maestro Quintiliano adopera per il poeta Tibullo: tersus atque elegans: senza macchia e senza volgarità. La volgarità, e non solo letteraria, non è di casa Spallicci; e qui, per ragione degli opposti, vien da pensare ad Olindo Guerrini: E un altra cosa ancora: tantus amor terrae: è così grande l amore per la propria terra, una stupenda espressione, questa, di Virgilio, che guarda all albero capace di crescere in quel determinato terreno e in nessun altro. L uomo può vivere dovunque sia balestrato, l albero no.

5 1. Il posto della donna Poesie in volgare di Romagna (Garzanti, 1961) è un bellissimo libro di Spallicci; contiene oltre ottocento poesie; ci si può immergere senza paura di naufragare. Poi ancora, come riferimento, la sua Opera Omnia (Maggioli Ed., 1989), soprattutto il primo volume Identità culturale della Romagna, a cura di D. Pieri e M.A. Biondi. Entrambe queste opere ci aiutano a costruire un caleidoscopio di pensieri e di riflessioni sull universo poetico di Spallicci, senza confini ideali ma entro un perimetro di valori professati nella vita di ogni giorno, nella famiglia come nella vita sociale, culturale e politica. Cominciamo dal rapporto fra Spallicci e le donne: sempre molto pudico, privo di trasporti passionali, di sensualità, di desiderio. Su questo piano può quindi essere deludente, ma Spallicci ci teneva ad essere esempio di fedeltà coniugale. Forse era influenzato dall etica mazziniana, che vedeva nella donna l angelo del focolare. Soltanto nelle sue prime composizioni, come questa bellissima canzone (1919) A gramadora (La gramolatrice) denota una forte attrazione per la bellezza femminile: Bëla burdëla fresca campagnöla Da i cavell e da j' òcc coma e' carbon. Da la bocca piò rossa d' na sarzola, Te t' si la mi passion! Bella ragazza, fresca campagnola Dai capelli e dagli occhi come il carbone, Dalla bocca più rossa d una cerisuola, Tu sei la mia passione Esprime bene anche l emozione del primo bacio. Ecco la chiusura del sonetto L aputament (Appuntamento) 2 La j-asre j oćć pu quat k a-l-o baseda Kè e kor pareva k u-i salteva vi. O bala kulumbina spavinteda Kum un strapó la-m ä vuleda vi Essa ha serrato gli occhi poi quando l ho baciata Che il cuore pareva che le saltasse via. Oh bella colombina spaventata Con uno strappone m è volata via Bella anche la canta timidamente erotica (Pr è chêld, Per il caldo), ben commentata da V. Mezzomonaco (2012) nella quale il Poeta immagina, in una torrida giornata estiva, un fortuito incontro amoroso con una ragazza, di cui esalta il colmo e promettente seno e le gambe ignude e ben tornite. 2 Grafia ortodossa uilizzata da F. Schürr, il grande studioso tedesco del dialetto romagnolo.

6 Poi, per tutta la vita, parlerà solo della sua donna, la moglie Maria, come in questi versi d amore A la mi dona (Alla mia donna) È nost amor ch u n ha mai avù d intond Il nostro amore che non ha mai avuto attorno Franza ad suament o franzad dìsmarì, Frangia di leziosaggini o frange di svenevolezze Ė passa ad caminêda dnìnz a è mond Passa di (buona) camminata innanzi al mondo, S -cet cumpagna è tu ridar, dona mi: schietto come il tuo ridere, donna mia. E u n fa parôl E non fa parole

7 2. La dimensione laica e religiosa dell uomo Spallicci, giovane repubblicano militante, non si è mai associato agli anticlericali mangiapreti, che, da ultimo, sono stati ben tratteggiati nelle storie di F. Fuschini. Anche nel campo della fede è stato rispettoso, con forti accenti di religiosità, come ad esempio in questa sua laude, dove fa sue le implorazioni dei contadini perché cessasse la troppa pioggia: Pradghira a è sol ( Preghiera al sole ) Avanti avanti a nost Signor scansa cal Avanti avanti o nostro Signore scansa nuvol quelle nubi Pr è nost amor; -e la campagna in divuzion Per il nostro amore e la campagna in devozione Un znocc par tera, l è in urazion, - In ginocchio a terra, è un orazione E una cà vecia fata piò scura da tot gli aqv Ed una vecchia casa fatta più oscura per tutte le piogge La met avant un mel in festa tot bianch avstì Mette avanti un melo in festa vestito di bianco Par fê finezza: venì, venì Per ingraziarsi: venite, venite Spallicci, dunque, da vero laico aveva un suo modo diretto di pregare, al di fuori della liturgia ecclesiastica: si rivolgeva direttamente al suo Signore (E mi signor), come in questi bei versi (La Maduné) (L offerta alla Madonna) del 1926: E mej ch j ho caté pr al mi lazzer, Il meglio che ho accattato lungo le mie lacciaie filari di viti e di alberi Garnì int è sol, Granito nel sole, A l ho purté sora i scalen dl altêr L ho portato sopra gli scalini dell altare Ppr é mi Signor Per il mio Signore. A j ho colt tot è fior dla mi fadiga Ho colto tutto il fiore della mia fatica E a l abandon E lo abbandono Tot in righel, sgond a l usanza intiga, Tutto in regalo, secondo l usanza antica, Par divuzion Per devozione Il laico Spallicci andava perciò oltre il pensiero dominante repubblicano dell epoca. D altra parte anche il triumviro repubblicano Aurelio Saffi, anche lui forlivese, e di cui si proclamava seguace, aveva scritto non credo nella morte, credo nella vita, quale premessa ad una continuità della vita.

8 3. Politica e patriottismo Spallicci quando fondò La Piè (1920) voleva sfidare i luoghi comuni, elaborare un immagine culturale della Romagna e illustrarla, sollecitare comportamenti tradizionali, come ha recentemente scritto lo storico R. Balzani, sindaco di Forlì; voleva combattere lo stereotipo del romagnolo spavaldo e violento, contrapponendogli il romagnolo leale e coraggioso (D. Pieri e M.A. Biondi). Lanciò un proclama ai giovani romagnoli invitandoli a collaborare alla sua rivista: le nostre colonne sono aperte a tutti, precluse solo a chi vorrà col demone della politica disturbare la serenità della nostra casa. Poi si accorse che i circoli politici, soprattutto da parte dei militanti più onesti, svolgevano un opera etico-pedagogica positiva per elevare moralmente il popolo, inculcando una maggiore educazione e senso della vita. E così cambiò atteggiamento. Spallicci inizialmente diffidava o temeva la politica: in Rumagna è cmanda d i- oman con la sutana (in Romagna comandano degli uomini in sottana cioè i preti, ma poi, vivendo in mezzo a quotidiani scontri, anche sanguinosi, fra le diverse fazioni politiche, amava predicare la fratellanza e l amore quasi come un isolata missione pacifista. Ma univa questo suo sentire a un grande senso patriottico. Aveva infatti partecipato con entusiasmo (1913) alla spedizione garibaldina in Grecia (1913), poi andò volontario in Francia (1914) e ancora volontario, come medico, ufficiale al fronte, nella Grande Guerra (1915). Ecco cosa scrive nel sonetto Al bandìr rossi (Le bandiere rosse) Svulaté bandir rossi sota e vent! Cs ël è cor se int è cor u n gni è una fiama? Cs ël mai campê s u n s zerca la bataja? Sventolate bandiere rosse sotto al vento! Cos è il cuore se nel cuore non c è una fiamma? Cos è mai campare se non si cerca la battaglia? Tuttavia la guerra di trincea lasciò profonde tracce in lui; non mancò, infatti, di celebrarla in una delle sue canzoni La Rumagna int e Calvêri (La Romagna nel Monte Calvario) A l diren nùn a qui ch i n è cardeva, A chi ch dgeva: a sì sempr in cagna in ragna Tra al vostar legh, i vecc sè chi marceva Mo adëss j è tot viglièch nenca in Rumagna, Lo diremo noi a quelli che non credevano, A chi diceva siete sempre in cagna in ragna a litigare Fra le vostre leghe, i vecchi sì che marciavano, Ma adesso son tutti vigliacchi anche in Romagna

9 A i dirèn: O burdel stasì mo bein Ciapè da è Pass dla Morta a è Mont Calvêri Da è valon dl Aqua in só, ziré cun nùn Tot i caminament da i longh a i curt, Fasì da un cant a cl êt tot al trinceri, E cavev è capël d davant a i murt! Gli diremo: O ragazzi state mo buoni Prendete dal Passo della Morte al Monte Calvario di fronte a Gorizia Dal vallone dell Acqua in su, girate con noi Tutti i camminamenti dai lunghi ai corti, Fate da un canto all altro tutte le trincee E cavatevi il cappello davanti ai morti! Spallicci patriota compose anche un toccante sonetto per Decio Raggi,, caduto sul Calvario, prima medaglia d oro della guerra Morendo, lasciò una sorta di testamento spirituale: O gioventù italiana, invidia la mia sorte fortunata date fiori a chi morì per la Patria. Dopo la guerra iniziarono i guai e le persecuzioni; Spallicci infatti iniziò una forte militanza antifascista, la cui prima conseguenza fu la chiusura de La Piè ; poi seguì il domicilio coatto a Milano e poi ancora un periodo di confino (di cui scrisse un diario mosso da profonda tensione ideale) e poi, ancora, durante il periodo della Resistenza, fu incarcerato a San Vittore. Ecco una bella poesia A San Vitor, dove il poeta descrive un tenero incontro con la moglie, senza profferire invettive o rancori contro chi lo teneva imprigionato: A San Vitor Semper franca e bendreta e a occ a sót Cun di fil d cavel biench int e tu biond T m é guardé me, pu al guêrgi e i puliziót Come una sfida a e mond Trent enn dla nosta vita, prema al guër La Grecia pu la Franza e è nost paes Quand che è mond l era tot a fugh e a fër E é nostar côr azes E ch la nosta bandira unor dla cà Sbatuda int la timpesta dla pasion Che a tuela dreta pu la s frutarà Band cunfèn e parson A San Vittore Sempre disinvolta e dritta e ad occhi asciutti Con qualche filo d argento nel tuo biondo Hai guardato me poi le guardie poi i questurini Come una sfida al mondo Trent anni della nostra vita, prima le guerre La Grecia e la Francia poi il nostro paese Quando tutto il mondo era a fuoco e fiamme E il nostro cuore acceso Ecco la nostra bandiera onore della casa Sbattuta nella tempesta della passione Che a tenerla diritta poi frutterà Bando, confino e carcere

10 4. Natura ed ecologia Questo gran canto alla natura che è la poesia di Spallicci è, in fondo, pieno di senso religioso, direi che ne è pervaso: religione delle cose viventi sotto il sole, fiducia in quello che esse e l uomo esprimono, così scriveva di lui il grande scrittore faentino F. Serantini. Spallicci, dunque, amava la natura quasi ossessivamente, ne cercava la bellezza in ogni dove e ne ricavava insegnamenti per la vita e per l uomo. Potrà sembrare casuale, ma Spallicci, appena trentenne, aprì, nel Plaustro, una campagna a favore della biodiversità e della difesa del territorio, per rivestire di boschi gli squallidi dossi del monte (leggi Appennino, desolato). Faceva dunque dell ecologia ante litteram. Molti anni a venire, dopo l elezione alla Costituente (1946) e da Senatore ( ) propose una legge per il rimboschimento, per creare i presupposti per l arresto dell esodo della popolazione appenninica (fenomeno dell inurbamento). Spallicci, come annotò T. Fabbri (1983) aveva anticipato i moderni ecologi che spesso molto dicono e poco fanno. Ma la natura si vendica, scrive Spallicci le pagane Driadi e il vecchio Pan cacciati in bando, hanno un potente alleato, la frana. Il rimedio però c è, fa notare Fabbri: tornare all antica madre, come gli Eneadi veleggianti verso nuovi lidi che udirono la voce: Antiquam exquisite matrem, ricercate la vostra madre antica. 5. Il dialetto degli eruditi Spallicci ha osservato e descritto con l occhio dell intenditore, e mi sento di affermare anche dello studioso competente, i campi coltivati, tutto ciò che era oggetto della fatica dei contadini. Vorrei riportare alcuni scorci di sonetti che illustrano bene sia la descrizione delle piante, da lui quasi antropizzate, e del lavoro per custodirle, l intelligenza delle operazioni, sia la dignità del contadino. Ecco, descritta in versi, la delusione per il pero che, rimasto senza impollinazione incrociata, non aveva più fruttificato, ben conoscendo Spallicci la ricorrenza dei cicli biologici dei vegetali.

11 Una volta sora zent La smenta la fa è fior, e è frot la smenta È grân la spiga e da la spiga è gran E igna vőlta, la tëra la s turmenta Par la su sőrta e par la nosta fâm; Una volta su cento ricordate la tiritera di Endrigo - Rodari? Per fare un albero ci vuole un fiore La sementa fa il fiore, e il frutto la semente Il grano la spiga e dalla spiga il grano E ogni volta la terra si tormenta Per la sua sorte e per la nostra fame E che per c ha j avema drì da cà È fasé, un ânn, dal per da spusizion Ch u s n è fat un gran dì e u s in dirà Mo, pu d alora, u n ha piò fat gnit d bon (La Pié, 6, 1988) (clorosi): E quel pero che avevamo dietro casa Fece, un anno, delle pere da esposizione Di cui se n è fatto un gran dire e se ne riparlerà Ma da allora non ha più fatto niente di buono Spallicci aveva messo in versi anche la cura ad un melo che soffriva di carenza di ferro La fameja dal bes-ci e dal piant Guêrda avdé s t a m atrùv dè sulfêt d fer Ch a j ho paura ch u m s aseca un mel, L era una grêza là tramëz a al tër E a i ho un gran guai a vdé ch l ha bassê agli el La famiglia degli animali e degli alberi Vedi un po di trovarmi del solfato di ferro Che ho timore che mi si secchi un melo, Era una gioia là fra quelle terre E a vederlo con le ali basse mi si stringe il cuore Bella la descrizione di un tipico lavoro di ortolano, il trapianto dei pomodori, che Spallicci descrive quasi come uccellini che s involano dal nido. I trapianta al pandô E pu quand ch l arivé la su stason Ch a l fa gran maravêja Tot al piant, al pandôr ch era ins e bon A l scapé d in fameja. A l vens fura de vedar e dla stura Cun e su pel bicòch A cnossr e mond e a fê la pëla scura Cma j uslin nt al bròch Trapiantano i pomodori Poi, al giungere della stagione propizia Quando tutte le piante fanno meraviglie I pomodori più sviluppati Uscirono di famiglia. Vennero fuori di sotto al vetro e alla stuoia Colla loro peluria biondiccia A conoscere il mondo ed a fare la pella scura Come gli uccellini sulle rame appena germogliate

12 Ecco le parole usate da Spallicci per descrivere la resa degli olmi alla gelata invernate e la loro rivincita, con la ripresa primaverile, perché l albero ripartirà dalle radici Int la giazeda Int é prem vel dla nebia Che un pô qua, un pô là, la s leva adêsi, i sta cun al braza tajêdi j ùium. Nigar int la giazêda J è coma murt in pì, Mo al radis sota vì, Quand ch a l s incontra, a l s dà la man Nella gelata Nel primo velo della nebbia Che un po qua un po là Si alza adagio, stanno Con le braccia tagliate, gli olmi Neri nella gelata Sono come morti in piedi, Ma le radici sottovia Quando s incontrano, si danno la mano 6. Il dialetto degli umili Spallicci non ha mai nascosto di dare voce al suo popolo, ai contadini, ai braccianti, a tutti gli umili, per ricavarne distillati di buon senso e di intelligenza spicciola, volta a individuare, con disincantata filosofia popolare, l essenziale condizione della vita umana, mai comunque, anche in questi casi, per coglierne segni di ribellione o di rabbioso rifiuto del proprio stato sociale. Ecco cosa mette in bocca al bifolco che sta pensando alla morte La morta de biójgh La morte del biolco E quand c ha m butarì la tëra sora E quando mi butterete la terra sopra Lassem una carvaia Lasciatemi una fessura Parché è culor dè zil ch a l vegga incora Perché il colore del cielo lo veda ancora Spallicci si sofferma molto anche a descrivere personaggi e ambienti cittadini, ma sceglie quelli più poveri, che gli ispirano più sentimenti e partecipazione. Si sente dei loro, e anche a suo agio non per denunciarne la condizione, ma come semplice dato esistenziale; basta questo passo per capirlo, riguarda uno dei tanti sonetti e versi dedicati al vecchio rione di Schiavonia di Forlì, che in altro testo così descrive in lingua: Le vecchie case hanno il volto mascherato da quell intonaco giallastro che sbadiglia la sua malinconia nelle vie più remote.

13 Al cà veci d S-ciavunì Dal cà d puret ch a n sreva mai la porta E ch a gli aveva sempar una fazza E par la bona e par la mêla sorta Cumpagna i galantóman d bona razza Le vecchie case di Schiavonia Case di poveretti che non serravano mai la porta E che avevano sempre una faccia Per la buona e per la mala sorte Come i galantuomini di buona razza Spallicci dedicava molta attenzione anche ai bambini, forse quale riflesso condizionato (esercitava infatti, a Forlì, la professione di medico pediatra). Quando s imbatteva in discoli o ne subiva le birbonate non s arrabbiava e cercava non di rimproverarli ma di riprenderli con amore. Ad esempio, a Mariolino, un bimbo che aveva provocato un terremoto a casa sua, dice: Mariulìn Bedm a me, ch u n sta ben Tiré só la sutana A cal donn ch ven in cà! Bêdm a me no stê dì Parulazza, ét capì? Mariolino Bada a me, non sta bene Tirar su la sottana Alle donne che vengono in casa. Bada a me, non dire Parolaccia, hai capito? Molto incisivo è il quadretto con cui Spallicci tratteggia un altro bambino (basterd) terribile, non ben inserito nella sua scuola elementare. Zampalghin E l imbranca la penna Zampalghin E u la strabiga a rabi E da è su post è manda un udurìn D uvar e d erba e d stabi. E è stôrz la boca ló e ui suda al man Cun chi OO, cun chi AA E è guêrda é fond dé foi ch l è tant d luntan Vì zu và, vì zu la Rospettino Ed abbranca la penna Rospettino E la trascina ad erpice E dal suo posto il banco esala un odorino Di mammelle di capra, di erbe e di letame Storce la bocca lui e gli sudano le mani Con quelle OO con quelle AA Ed osserva il fondo del foglio ch è tanto lontano Laggiù, laggiù

14 7. Il poeta georgico Duemila anni dopo Virgilio, il cantore dell hortus epicureo dei latini, Spallicci ne ripete il mito. Il grande amore per l agricoltura dell uno e dell altro fa rinascere i tratti della poesia bucolica, sotto altre vesti, ma con un disincanto emotivo che lo stesso Pascoli forse non riusciva a suscitare. Prendiamo solo alcuni spunti dalla sua sterminata opera poetica, entrando nelle sue famose cante, alcune delle quali musicate da Cesare Martuzzi. Ecco La Majè (La Maggiolata), festa agreste propiziatoria. La Majé La Maggiolata Dop un sonn ch un fneva mai Dopo un sonno che non finiva mai La campagna la jè d festa La campagna è in festa si è svegliata dopo l inverno E mi gall alzzend la crèsta E il mio gallo alzando la cresta L è canté: chicchirichi! Ha cantato: chicchirichi! Poi, ancora, toccante, è l immagine suggerita da un canneto sotteso dal vento Al cann sota e vent Le canne al vento Al cann a l s adana fôrt Le canne come anime dannate A zó a l s apiga Si piegano all ingiù Cma donn ch a gli è sora un mórt Pari a donne protese sopra un morto E ch a l s castiga Che si castigano strappandosi i capelli Ancora, la delicatezza dei versi si manifesta quando Spallicci descrive lo scirocco; un vento che ha la levità di una carezza che dipinge il creato. Ecco la strofa ripresa da Rumagna marzulena Romagna marzolina Oh la curena coma ch la pitura Oh la corina scirocco come la pittura Cun tota la passion d j inamuré Con tutta la passione degli innamorati, Rumagna marzulena cariatura Romagna marzolina creatura, Oh la curena coma ch la pitura! Oh la corina come la pittura!

15 Infine, anche un sonetto dedicato al vino della Romagna per antonomasia, il Sangiovese, che celebra non per l ebbrezza, la loquacità o gli stimoli generati, ma per il calore amichevole che trasmette: E sanzves Il Sangiovese E ste sanzves che dà la vesta a un zigh E questo Sangiovese che dona la vista a un cieco A ve sintì ben chêld coma un rispir Ve lo sentite ben caldo come un respiro Ch'u v' brazza stret cumpagna un bon amigh Che v abbraccia stretto come un buon amico 8. Lo Spallicci intimo, caparbio e orgoglioso Così come la sua penna trasuda modestia, non ostentata e nemmeno ricercata, Spallicci rivela però anche un indubbio orgoglio che scopriamo in versi famosi. Nelle sue conferenze iniziava di solito con un autoreferenzialità A sen i qua, Rumagna (Siamo qua, Romagna). Nella prima delle sue famose cante, Rumagnola rivela un tratto della sua indole, la responsabilità che sempre sente in ogni azione, e insieme la caparbietà che gli consentirono di superare e uscire vincente dagli eventi della vita, così avventurosi e imprevedibili. Se si vuole approfondire, c è forse in lui anche la strafottenza del romagnolo contro l ingrato destino. Ma anche l assenza di desiderio di rivalsa o di vendetta contro chi l ha costretto forzatamente, togliendogli la libertà. Rumagnola A vegh par la mi strê Incontra a la mi guëra, S'a chésch a chésch in tëra Zidenti a ch'i m' tô so Romagnola Vado per la mia strada Incontro alla mia guerra Se casco, casco in terra Accidenti a chi mi toglie su rialza Spallicci, arrivato agli ottant anni, alla cena del festeggiamento scrisse una specie di testamento politico per sottolineare, con forza e consapevolezza, alcuni principi informatori della sua esistenza

16 Utant énn Utant enn, e se adéss am volt indrì Ad tot quel ch aj ho fat a n sò pintì E s a n ho mess da cant un patrimoni A poss ciamé è mi cor a testimoni Che par tota la vita, tota intira A n ho mai e pu mai mudé bandira, Neca quand che a la longa de camen A m n adaseva ch a sera pr i spen. E adess ch a so za in chev d la mi calera Nech se j aferi i n aress tot a péra A so cuntent s a poss srer e mi livar E la fen dl ultum foj d arivé a scriver: Par tot e mi lavor A sò cuntent d un fior Ottant anni Ottant anni, e se adesso mi volto indietro Di quanto ho fatto non sono pentito E se non ho messo da parte un patrimonio Posso chiamare il mio cuore a testimonio Che per tutta la vita, tutta intera Non ho mai mutato bandiera, Anche quando lungo il cammino Mi accorgevo che ero sulle spine. E adesso che sono già in capo al mio sentiero Anche se gli affari non riescono tutti a paro Son contento se posso chiudere il mio libro E alla fine dell ultimo foglio poter scrivere: Per tutto il mio lavoro Son contento d un fiore (Marina di Ravenna, Trebbo dei quattro venti, 1966)

17 9.Spallicci era il dialetto Al termine di questa carrellata sui vari significati e toni del dialetto del nostro grande poeta ci si convince che solo leggendo le sue poesie si può conoscere Spallicci, perché lui era il dialetto, la Romagna dialettale. Se questa è la conclusione, allora è positiva anche la risposta alla domanda posta in apertura: Spallicci, se fosse nato un secolo dopo, avrebbe saputo mirabilmente descrivere la sua Romagna come allora? Il dialetto, infatti, è stato quasi ovunque soppiantato dalla lingua unificatrice nazionale, seppure ancora riposto nel cuore dei romagnoli, non solo anziani, affinché possano conservare le radici del proprio passato. Spallicci, anche cent anni dopo, avrebbe saputo trasporre in dialetto, da un lato molti dei modi di dire, e persino dei neologismi tecnici inglobati dalla lingua italiana, e dall altro avrebbe riflettuto, in piena libertà espressiva attraverso l atavico dialetto, rivelando, meglio che in italiano, la mitezza e la gentilezza del suo carattere, tutt uno con la sua poesia. Avrebbe cioè saputo contrapporre la nobiltà del dialetto al fittizio splendore del linguaggio e dei valori accademici (bella immagine suggerita dallo storico Andrea Ciotti, 1992). Certo, non mancano le geremiadi sulla fine del dialetto; Tonino Guerra pure lui grande poeta dialettale ci ha più volte detto che la poesia romagnola (non la cultura) non esiste più: è rimasta come fatto d élite, di pochi studiosi ed appassionati, il romagnolo non sarebbe più una lingua viva ma un espressione morta, una nostalgia, una sorta di culto del passato. Ma non tutti ne sono convinti. Basta prendere un altro grande romagnolo, Federico Fellini, mentore dello stesso Guerra, per scoprire l elogio del dialetto. Dice Fellini in una intervista a Walter Della Monica (1976), antecedente di almeno un decennio al pensiero espresso da Guerra: Il dialetto è la lingua dell esperienza, l espressione cioè della tradizione e della stratificazione dei tramandi culturali. È la chiave di volta per capire da dove veniamo e quindi può darci un orientamento... Non è che con questo propongo una ipotetica restaurazione del dialetto. Il dialetto non è solo un patrimonio lessicale inalterabile è una qualità, è la capacità dell uomo di scandire il proprio rapporto con la realtà, in accensioni metaforiche, in elaborazioni immaginifiche di grande intensità ed esattezza Nei miei film il dialetto è il linguaggio verbale più diffuso non solo per motivi di credibilità, di coerenza, di folklore o di suggestione (tutti motivi questi presenti anche

18 nella poesia di Spallicci, n.d.r.), ma perché il dialetto riesce ad esprimere una forza, una violenza visiva, folgoranti connotazioni di tipo storico, psicologico, sociologico, emotivo. Il dialetto, in definitiva è il riverbero più vivido, è una sonora, incessante metafora da proteggere e conservare. Basterebbero queste considerazioni felliniane per scoprire il grande valore della poesia di Spallicci, tanto più che la trasparenza e schiettezza dei suoi pensieri vengono esaltate a confronto dell italiano di oggi: la lingua non è ora solo un mezzo di comunicazione, ma di persuasione e di conquista (del consenso); utilizza un lessico che può dissimulare ad un tempo verità e menzogna, bene e male, scienza e fede, ecc. Molti vocaboli sono infatti divenuti ambigui, bivalenti, ossimori da usare alla bisogna. Del resto, già Ignazio Silone aveva previsto, molti anni fa, che sarebbe arrivato il giorno in cui i verbi parlare e mentire sarebbero stati sinonimi. Nella società disorientata e disarticolata di oggi (liquida, come direbbe Z. Baumann) ci sarebbe invece un gran bisogno della mitezza e del vigore, dell etica e della filosofia, di un laico mazziniano quale Aldo Spallicci. Chiudiamo con una sua poesia che ci illumina su come Spallicci fosse stato capace di creare nella sua opera una grande armonia fra vita e poesia, come solo la fede può fare. La bona, la santa puesì Sora i cúdal chi lostra par è fër, Sota é vent che marena al spìgh in fior E dri al strê ch a gli arsòna par i cherr Pin di frott de Signor, A j ò sintí cun tanta mi passion La parola ch la gverna tot é mond, E bàtar coma un cor in divuzión L anma dal cős intond Coma int na vampa ch la m passéss da drì A j ò canté, e quel ch a cant a cred Chè la bona, la santa puesì L à la forza dla fed La buona, la santa poesia Sovra le zolle che lustrano nel taglio del vomere, Sotto il vento che marezza le spighe in fiore Accanto alle strade che suonano pei carri Colmi di frutti del Signore, Ho sentito con tanta mia passione La parola che governa il mondo intero E battere come un cuore devoto L anima delle cose all intorno Come entro una vampa che mi passasse sul volto Ho cantato, e ciò che canto credo Ché la buona, la santa poesia Ha la forza della fede

19 Bibliografia Biondi M.A., Presenze femminili nella poesia di Spallicci, In Aldo Spallicci, studi e testimonianze, Soc. Studi Romagnoli, Ed. La Fotocromo Emiliana, Bologna, 1992: Callegati A., Aldo Spallicci uomo di Romagna, forte e gentile. Il Pensiero Romagnolo, Ceronetti G., Tutto il potere al turpiloquio. La politica della dismisura fa peggio della vecchia. Il Corriere della Sera, Ciotti A., Sentimento della natura, paesaggio interiore e figurazione poetica in Spallicci, In Aldo Spallicci, studi e testimonianze, Soc. Studi Romagnoli, Ed. La Fotocromo Emiliana, Bologna, 1992: De Giovanni N., Per Aldo Spallicci poeta la Romagna è ossigeno, L Avvenire d Italia, Della Monica W., Scusi, ma lei parla il dialetto? Il Resto del Carlino, Ercolani L., Il dialetto di Spallicci. In Aldo Spallicci, studi e testimonianze, Soc. Studi Romagnoli, Ed. La Fotocromo Emiliana, Bologna, 1992: Fabbri T., Prefazione all opera: La Romagna negli scritti di Aldo Spallicci, Maggioli Editore, 1983: Foschi U. (a cura di), La Romagna negli scritti di Aldo Spallicci, Maggioli Editore, 1983, pp 510. Marabini C., Gli ottant anni del fondatore della Piè. Un trebbo memorabile per Spallicci. Il Resto del Carlino, Marabini C., Piccolo vate di Romagna: anniversari. Spallicci. Il Resto del Carlino, Marabini C., Rilettura di Spallicci. In Aldo Spallicci, studi e testimonianze, Soc. Studi Romagnoli, Ed. La Fotocromo Emiliana, Bologna, 1992: Pieri D. e Biondi M.A., Introduzione a Identità culturale della Romagna, Opera Omnia di Aldo Spallicci, vol. 1.1, 1988: Pieri D., Biondi M.A., Il Plaustro: vicende e significato di un periodico militante. Introduzione, in Il Plaustro, , Ed. La Mandragora, 2012: VIII-XII. Pini I., Il senso del soprannaturale nella poesia di Aldo Spallicci, In Aldo Spallicci, studi e testimonianze, Soc. Studi Romagnoli, Ed. La Fotocromo Emiliana, Bologna, 1992: Schürr F., La voce della Romagna: profilo linguistico-letterario, Edizioni del Girasole, 1974, pp 270.

20 Spallicci A., Difesa della natura. In Identità culturale della Romagna, Opera Omnia, vol. 1.1, 1988: Spallicci A., Letteratura popolare e dialetti. In Identità culturale della Romagna, Opera Omnia, vol. 1.2., 1988: Spallicci A., Poesie in volgare di Romagna, Garzanti, 1961, pp 836. Zanelli G., Spallicci cantore della Romagna: Prose e poesie dell illustre esponente repubblicano. Il Resto del Carlino, Silviero Sansavini, Bertinoro, 6 ottobre 2013

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse.

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse. A proposito di tasse: parliamo di evasione fiscale in Italia. Siamo campioni anche in quello. Noi siamo sempre i primi quando si parla di illegalità. Sempre a mia moglie norvegese: quando ho cercato di

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti.

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti. PRESENTAZIONE Dalla relazione svolta dal card. Carlo M. Martini a Camaldoli, luglio 2002, al convegno Cristianesimo e democrazia nel futuro dell Europa. La Bibbia divenga il libro del futuro dell Europa

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio POESIE 1B Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio Il sole può essere un amico Quando guardo il sole mentre gioco a pallone appare una luce bianca che sembra un illuminazione. Il sole mi sorride e

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 2010 RELAZIONE FINALE Il progetto Scuola fiorita, realizzato nella Scuola Primaria di Bagnolo del Salento nel secondo quadrimestre

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico

Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico 5 Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico don Adolfo L Arco salesiano PRESENTAZIONE L Autore del presente volume non

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA Questa è una programmazione di una scuola d infanzia statale. Un ora e mezza alla settimana i bambini hanno un insegnante specifica

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli