1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione"

Transcript

1 1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1.1 La situazione dei docenti di religione Contesto normativo Con l approvazione della Legge 18 luglio 2003, n. 186, si è conclusa una vicenda durata quasi un ventennio. La revisione concordataria del 1984 aveva, infatti, dapprima collocato l insegnamento della religione cattolica ancorché opzionale nell ambito delle finalità istituzionali della scuola. L intesa del 1985 registrava, poi, il preciso impegno dell amministrazione dello stato di dare una nuova disciplina allo stato giuridico degli insegnanti di religione. La Legge 18 luglio 2003, n. 186, è una norma innovativa che prevede l immissione in ruolo dei docenti di religione cattolica previo superamento di concorsi per titoli ed esami. La norma ha previsto due ruoli regionali: uno per la scuola dell infanzia ed elementare ed uno per la scuola secondaria. La consistenza della dotazione organica degli insegnanti di religione cattolica, articolata su base regionale, è stata determinata con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, di concerto con il Ministro dell'economia e delle Finanze e con il Ministro per la Funzione Pubblica. Successivamente sono stati diffusi Decreti, Circolari e Note ministeriali per una ordinata ed uniforme applicazione delle disposizioni. Come per il restante personale della scuola, anche per i docenti di religione a tempo indeterminato ma anche per quelli incaricati la ricostruzione di carriera avviene a seguito di domanda da parte dell interessato. La domanda deve essere presentata al Dirigente scolastico, competente all'emanazione del provvedimento, entro dieci anni dalla data in cui è sorto il relativo diritto (C.M. 2/2001). Le modalità di presentazione e la documentazione occorrente sono analoghi a quelli previsti per il restante personale della scuola Docenti di ruolo La Legge n. 186/2003, in conseguenza dell impegno assunto e sostituendo con un corpus unitario ed aggiornato la normativa del 1930, ha istituito ruoli specifici per i docenti di religione, determinato gli organici, ha stabilito nel concorso la modalità di reclutamento e regolato le procedure di assunzione, ha definitivamente reso applicabile lo stato giuridico e contrattuale del personale della scuola. [1]

2 Pertanto, con l entrata in vigore della norma citata, nei confronti dei docenti di religione assunti a tempo indeterminato, viene applicato in toto lo stato giuridico del restante personale della scuola. Successivamente, sono stati emanate disposizioni finalizzate a chiarire le modalità di inquadramento del personale docente di religione immesso in ruolo: il D.L. 5 dicembre 2005, n. 250, ha stabilito che gli insegnanti di religione cattolica destinatari dell'inquadramento nei ruoli conservano, a titolo di assegno personale riassorbibile con i futuri miglioramenti economici e di carriera, l'eventuale differenza tra il trattamento economico in godimento e quello spettante in applicazione del suddetto inquadramento la Nota 17 luglio 2007, prot. n ha poi chiarito che il trattamento economico degli insegnanti di religione cattolica, attribuito all atto della stipula del contratto a tempo indeterminato, è corrispondente, in via provvisoria, a quello percepito con l ultima retribuzione assegnata singolarmente a ciascun docente in qualità di incaricato all insegnamento della religione cattolica con contratto a tempo determinato. Successivamente al superamento del periodo di prova si procede alla ricostruzione della carriera ed all attribuzione stipendiale definitiva. La nota, inoltre, ribadisce che gli insegnanti di religione cattolica, destinatari dell inquadramento nei ruoli, conservano, a titolo di assegno ad personam riassorbibile con i futuri miglioramenti economici e di carriera, l eventuale differenza tra il trattamento economico in godimento e quello spettante in applicazione del nuovo inquadramento Docenti incaricati Una particolarità del trattamento riservato agli insegnanti di religione riguarda i docenti con incarico annuale che hanno, per quanto riguarda il trattamento economico, un loro particolare ordinamento. A decorrere dall 1/4/1979, per effetto dell art. 53 della Legge 11 luglio 1980, n. 312 e, successivamente, dei vari contratti retributivi (art. 2, comma 8 e seguenti, D.P.R. 10 aprile 1987, n. 209 art. 3, comma 7, D.P.R. 23 agosto 1988, n. 399) è stata infatti concessa, anche ai docenti di religione a tempo determinato, la progressione economica connessa alla maturazione della prescritta anzianità e previa ricostruzione della carriera. 1.2 Docenti incaricati Tipologie di docenti di religione incaricati Il trattamento economico dei docenti di religione con incarico annuale costituisce un caso atipico nel panorama ordinamentale che disciplina il riconoscimento dei servizi e la progressione stipendiale. I docenti di religione incaricati possono essere raggruppati tre tipologie: [2]

3 docenti nella scuola primaria e secondaria che, non avendo i requisiti per ottenere la ricostruzione di carriera, sono retribuiti a stipendio iniziale con attribuzione, ogni due anni, di aumenti biennali calcolati al 2,50% sulla posizione iniziale docenti nella scuola primaria e secondaria che hanno maturato i requisiti per la ricostruzione di carriera docenti nella scuola primaria e secondaria con progressione di carriera per i quali cessano i requisiti Requisiti di servizio I requisiti per aver diritto alla ricostruzione di carriera ed alla progressione economica sono i seguenti: aver prestato almeno 4 anni di servizio, ad incarico o supplenza annuale, anche con orario parziale e discontinuo essere in possesso, a partire dall anno scolastico 1990/91, del prescritto titolo di studio, anteriormente è sufficiente l apposita autorizzazione rilasciata dalla Curia Arcivescovile aver ottenuto, al quinto anno, un incarico annuale con orario cattedra - per la scuola primaria è ritenuto orario cattedra un servizio prestato per almeno 12 ore settimanali - nelle scuole secondarie di I e II grado l orario cattedra pari a 18 ore settimanali è ritenuto tale se sono prestate almeno 12 ore di servizio e tale riduzione è dovuta a motivi strutturali (art. 3, comma 7, del D.P.R. 23 agosto 1988, n. 399) Motivi strutturali Con l espressione motivi strutturali, come ribadito dalla C.M. n. 206 del 26/07/1990, si intendono quelle situazioni organizzative per cui non è possibile per un docente il raggiungimento dell orario pieno di cattedra. Nello specifico, i motivi strutturali si verificano qualora dopo la costituzione dei posti ad orario di cattedra, le ore residue, anche su più scuole (raggruppate in base a criteri di vicinanza e raggiungibilità ex C.M. 26 aprile 1996, n. 158), consentono solo la creazione di posti con orario inferiore alle 18 ore (ma non inferiore alle 12 ore). Sono considerati motivi strutturali anche le seguenti situazioni che possono impedire la formazione di cattedre su più scuole: difficoltà nel raggiungere le sedi di servizio con conseguente impossibilità di adempiere a tutti gli obblighi correlati non cumulabilità del monte ore su tre comuni diversi Nel caso di riduzione di orario determinata da esigenze strutturali, l Ordinario diocesano, a cui compete la designazione del docente da incaricare ed il monte ore da attribuire, deve formalmente comunicare tale circostanza al Dirigente scolastico che stipula il contratto di lavoro. [3]

4 Il Dirigente, a sua volta, deve indicare sul contratto che la riduzione di orario è dovuta a motivi strutturali Titoli di studio A seguito della revisione del Concordato tra la Santa Sede ed il Ministero della Pubblica Istruzione, Intesa 18/02/1984, è stato emanato il D.P.R. 751 del 16/12/1985 che ha reso obbligatorio per i docenti di religione, con decorrenza 1/9/1990, il possesso del prescritto titolo di studio. Nelle scuole secondarie di primo e secondo grado l'insegnamento della religione cattolica può essere affidato a chi abbia almeno uno dei seguenti titoli: titolo accademico (baccalaureato, licenza o dottorato) in teologia o nelle altre discipline ecclesiastiche, conferito da una facoltà approvata dalla Santa Sede attestato di compimento del regolare corso di studi teologici in un Seminario maggiore diploma accademico di magistero in scienze religiose, rilasciato da un istituto di scienze religiose approvato dalla Santa Sede diploma di laurea valido nell'ordinamento italiano, unitamente a un diploma rilasciato da un istituto di scienze religiose riconosciuto dalla Conferenza episcopale italiana Idoneità Nella scuola materna ed elementare l'insegnamento della religione cattolica può essere impartito dagli insegnanti del circolo didattico che abbiano frequentato nel corso degli studi secondari superiori l'insegnamento della religione cattolica, o comunque siano riconosciuti idonei dall'ordinario diocesano. Nel caso in cui l'insegnamento della religione cattolica non venga impartito da un insegnante del circolo didattico, esso può essere affidato: a sacerdoti e diaconi, oppure a religiosi in possesso di qualificazione riconosciuta dalla Conferenza Episcopale Italiana in attuazione del codice di diritto canonico e attestata dall'ordinario diocesano a chi, fornito di titolo di studio valido per l'insegnamento nelle scuole materne ed elementari, abbia frequentato nel corso degli studi secondari superiori l'insegnamento della religione cattolica, o comunque sia riconosciuto idoneo dall'ordinario diocesano; oppure a chi, fornito di altro diploma di scuola secondaria superiore, abbia conseguito almeno un diploma rilasciato da un istituto di scienze religiose riconosciuto dalla Conferenza Episcopale Italiana Casi particolari Sono in ogni caso da ritenere qualificati per l'insegnamento della religione cattolica: [4]

5 gli insegnanti della scuola materna e della scuola elementare in servizio nell'anno scolastico gli insegnanti di religione cattolica delle scuole secondarie e quelli incaricati di sostituire nell'insegnamento della religione cattolica l'insegnante di classe nelle scuole elementari, che con l'anno scolastico abbiano raggiunto cinque anni di servizio I docenti di religione sprovvisti del titolo di studio o di qualificazione non hanno diritto alla ricostruzione di carriera, ancorché in possesso degli altri requisiti. Il servizio prestato come docente di religione, con tutti i requisiti previsti per la valutazione in carriera, concorre al riconoscimento ai fini della ricostruzione di carriera a favore di docenti statali di ruolo nelle diverse discipline curricolari Progressione di carriera I docenti di religione conseguono, dopo un biennio di servizio, un aumento biennale pari al 2,50% della posizione stipendiale iniziale (legge 28 luglio 1961, n. 831). Al quinto anno, qualora l incarico ottenuto risponda ai requisiti già descritti, il docente viene inserito nella normale progressione economica del personale di ruolo ed inquadrato nella fascia stipendiale corrispondente (fascia 3 8 con 1 anno di anzianità utile per il passaggio alla posizione successiva). Ai fini del computo di detto quadriennio si considerano i servizi resi ai sensi degli articoli 1 e 2 del D.L. 19 giugno 1970, n. 370, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 luglio 1970, n. 576, recante norme in materia di riconoscimento di servizi non di ruolo ai fini della progressione economica. Il personale che, compiuti i 4 anni di servizio, non abbia ottenuto l orario di cattedra, continua ad avere un aumento biennale ogni due anni di servizio sino a quando non ottiene detto regime orario. Solo in quel momento il docente acquisisce il diritto alla ricostruzione della carriera ed il servizio prestato sino ad allora vene valutato nella misura di 4 anni per intero + 2/3 ai fini giuridici ed economici e di 1/3 ai soli fini economici, prevista dall art. 81 del D.P.R. 31/5/1974, n. 417 (ora art. 485 comma 5 D.Lgs 297/94) Interruzione di carriera Nel caso in cui il docente con progressione di carriera non ottenga un incarico con orario cattedra, o assimilato, perde il diritto alla progressione conservando, però, la fascia stipendiale già acquisita. Da quel momento in poi vengono nuovamente attribuiti gli aumenti biennali, calcolati al 2,5% sulla posizione iniziale, per ogni biennio di servizio prestato senza orario di cattedra. Nel momento in cui viene nuovamente conferito un incarico ad orario cattedra, si procede ad un nuovo inquadramento che tiene conto, innanzi tutto, dell anzianità giuridica ed economica in godimento all atto dell interruzione. [5]

6 Gli anni trascorsi senza l orario di cattedra vengono quindi valutati come servizio preruolo eccedente i 4 anni già riconosciuti (8 mesi ai fini giuridici ed economici e 4 mesi ai soli fini economici) e sommati all anzianità giuridica ed economica in godimento all atto dell interruzione. Da tale calcolo si ricava la nuova anzianità utile per l inquadramento e la relativa fascia stipendiale Inquadramento economico Gli aumenti biennali attribuiti eccedenti il valore della posizione stipendiale di inquadramento in virtù del principio di legge per cui non è consentito retribuire un dipendente in misura inferiore a quanto già riconosciuto vengono mantenuti come assegno ad personam e riassorbiti con i passaggi stipendiali successivi. Preme evidenziare che è riconosciuto ai docenti di religione della scuola media il trattamento economico previsto per i docenti laureati di scuola secondaria di secondo grado, mentre per gli insegnanti che prestano servizio nella scuola materna ed elementare è attribuito il trattamento economico previsto per gli insegnanti elementari (art. 2, comma 8 e seguenti, del D.P.R. 10 aprile 1987, n. 209). Nel caso in cui venga assegnato una parte dell orario nella scuola primaria e una parte nella scuola secondaria, il trattamento economico vene attribuito in proporzione alle ore secondo l ordinamento retributivo dell uno e dell altro ordine di scuola. Si ricorda infine che, indipendentemente dalla ricostruzione di carriera, lo stipendio deve essere corrisposto in misura proporzionale all orario settimanale di servizio. [6]

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria DAL TESTO DI REVISIONE DEL CONCORDATO Art. 1 La Repubblica italiana e la Santa Sede riaffermano che lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.P.R. 16 dicembre 1985, n. 751 Esecuzione dell'intesa tra l'autorità scolastica italiana e la Conferenza episcopale italiana per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche. IL PRESIDENTE

Dettagli

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche NOTIZIARIO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA a cura della Segreteria Generale ANNO 46 - NUMERO 3 30 GIUGNO 2012 Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il 28 Giugno

Dettagli

Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa

Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Dettagli

Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca quale autorità statale che sovraintende al sistema educativo di istruzione

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE 26 maggio 2004 n.72 REPUBBLICA DI SAN MARINO Integrazioni e modifiche alla Legge 17 Luglio 1979 n. 41 (Disciplina dei conferimenti degli incarichi e delle supplenze per i posti di insegnamento nelle

Dettagli

QUICK GUIDE Ricostruzione Carriera

QUICK GUIDE Ricostruzione Carriera QUICK GUIDE Ricostruzione Carriera Scopo del programma è la completa gestione delle Ricostruzioni di carriera per scuole di ogni ordine e grado. La caratteristica peculiare della procedura è quella di

Dettagli

MOBILITÀ 2015/16 GUIDA ALLA COMPILAZIONE MODELLI DI ISTANZE ONLINE TASFERIMENTI

MOBILITÀ 2015/16 GUIDA ALLA COMPILAZIONE MODELLI DI ISTANZE ONLINE TASFERIMENTI MOBILITÀ 2015/16 GUIDA ALLA COMPILAZIONE MODELLI DI ISTANZE ONLINE TASFERIMENTI a cura di Paolo Pizzo e Giovanna Onnis OrizzonteScuola.it 1 www.orizzontescuola.it 2 2015 Orizzonte Scuola S.R.L. Via J.

Dettagli

All Ufficio Scolastico Regionale... Il/La sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il. e residente a,

All Ufficio Scolastico Regionale... Il/La sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il. e residente a, Al Dirigente Scolastico dell Istituzione Scolastica...... All Ufficio Scolastico Regionale...... Il/La sottoscritto/a nato/a a (prov. ) il e residente a, docente di Religione Cattolica a Tempo Indeterminato

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI

TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI A - TITOLI DI STUDIO E DI ACCESSO TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI 1) Al titolo di studio (laurea o diploma), ivi compresi i titoli conseguiti all estero e dichiarati equipollenti, richiesti per l accesso

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 232. (GU n. 33 del 9-2-2012 ) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 232. (GU n. 33 del 9-2-2012 ) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 232 Regolamento per la disciplina del trattamento economico dei professori e dei ricercatori universitari, a norma dell'articolo 8, commi 1

Dettagli

Il reclutamento nella scuola

Il reclutamento nella scuola Il reclutamento nella scuola Accesso Art. 97 della Costituzione I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo da assicurare il buon andamento e l'imparzialità dell'amministrazione.

Dettagli

Piazza G. Bovio, 22 scala D, secondo piano, interno 3 tel. 081/7944165 - fax 081/0112560 riservato alle scuole

Piazza G. Bovio, 22 scala D, secondo piano, interno 3 tel. 081/7944165 - fax 081/0112560 riservato alle scuole Piazza G. Bovio, 22 scala D, secondo piano, interno 3 tel. 081/7944165 - fax 081/0112560 riservato alle scuole - 081/2512845 e-mail: gildanapoli@gildanapoli.it Gli errori più frequenti nella valutazione

Dettagli

Corso A.De Gasperi, 274/a - 70125 BARI. 080/5288416 080/5288415-080/5690230 posta elettronica: scuola@odegitria.bari.it

Corso A.De Gasperi, 274/a - 70125 BARI. 080/5288416 080/5288415-080/5690230 posta elettronica: scuola@odegitria.bari.it Corso A.De Gasperi, 274/a - 70125 BARI 080/5288416 080/5288415-080/5690230 posta elettronica: scuola@odegitria.bari.it Decreto arcivescovile 28/14/d.a.g. Del 4 giugno 2014 2 3 PREMESSA 1. PREMESSA 1.a

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Incontro DSGA 11-12-13/10/2010

Incontro DSGA 11-12-13/10/2010 Incontro DSGA 11-12-13/10/2010 LA RICOSTRUZIONE DELLA CARRIERA A L PERSONALE INSEGNANTE DI RELIGIONE La cosiddetta «ora di religione» L'insegnamento della religione cattolica in Italia (talvolta abbreviato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca DECRETO MINISTERIALE N. 91 Requisiti dei componenti delle commissioni giudicatrici dei concorsi per titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell infanzia, primaria, secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO

TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO Con circolare n.23 del 30.3.2004 l INPDAP ha diretto istruzioni alle Università aderenti alla sperimentazione liquidazione dei trattieni pensionistici.

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 giugno 2015. Definizione delle tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai contratti collettivi relativi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Circolare n. 25 Prot. AOODPIT/Reg.Uff./509 Roma, 2 marzo 2009 Al Direttore Generale per il personale della scuola SEDE Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e, p.c. Al Gabinetto

Dettagli

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Statali di ogni ordine e grado della provincia LORO SEDI e,p.c. All U. S. R. per la Calabria Via Lungomare 259 88100 CATANZARO

Dettagli

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Allegato A ISTRUZIONI OPERATIVE PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO A.1

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

CIRCOLARE N. 76 Breganze, 08 novembre 2012 A TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E A.T.A. TEMPO INDETERMINATO TEMPO DETERMINATO

CIRCOLARE N. 76 Breganze, 08 novembre 2012 A TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E A.T.A. TEMPO INDETERMINATO TEMPO DETERMINATO CIRCOLARE N. 76 Breganze, 08 novembre 2012 A TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E A.T.A. TEMPO INDETERMINATO TEMPO DETERMINATO BREGANZE - BASSANO OGGETTO: Permessi per il diritto allo studio anno solare 2013.

Dettagli

(emanato con Decreto del Direttore n. 238 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line della SNS)

(emanato con Decreto del Direttore n. 238 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line della SNS) Regolamento per l attribuzione degli incentivi economici una tantum di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240, ai professori e ricercatori della Scuola Normale Superiore (emanato

Dettagli

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE INTEGRATIVO RELATIVO AI CRITERI PER FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO [Art. 4 -comma 2 lett. a)- CCNL]

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO SCOLASTICO DIOCESANO

REGOLAMENTO DELL UFFICIO SCOLASTICO DIOCESANO Ufficio Scolastico Diocesano Settore IRC Arcidiocesi di Catania REGOLAMENTO DELL UFFICIO SCOLASTICO DIOCESANO SETTORE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (Composizione dell USD, norme, gestione organico

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ANZIANITA DI SERVIZIO NELLA MOBILITA E NELLA GRADUATORIA INTERNA DEI PERDENTI POSTO DEL PERSONALE DOCENTE

VALUTAZIONE DELL ANZIANITA DI SERVIZIO NELLA MOBILITA E NELLA GRADUATORIA INTERNA DEI PERDENTI POSTO DEL PERSONALE DOCENTE VALUTAZIONE DELL ANZIANITA DI SERVIZIO NELLA MOBILITA E NELLA GRADUATORIA INTERNA DEI PERDENTI POSTO DEL PERSONALE DOCENTE Contributo di Raffaele Manzoni La valutazione del servizio di insegnamento del

Dettagli

Ufficio IV - Gestione del personale della scuola Prot. n.1761 Bologna, 18/02/2015

Ufficio IV - Gestione del personale della scuola Prot. n.1761 Bologna, 18/02/2015 Prot. n.1761 Bologna, 18/02/2015 - Ai Dirigenti degli Uffici di Ambito Territoriale dell Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia Romagna e p c. - Ai Direttori delle Ragionerie Territoriali dello Stato

Dettagli

PERSONALE OBBLIGATO ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCHEDA Sono obbligati alla presentazione della scheda: i dirigenti scolastici in servizio preposti ad

PERSONALE OBBLIGATO ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCHEDA Sono obbligati alla presentazione della scheda: i dirigenti scolastici in servizio preposti ad PERSONALE OBBLIGATO ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCHEDA Sono obbligati alla presentazione della scheda: i dirigenti scolastici in servizio preposti ad istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado,

Dettagli

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE INTEGRATIVO RELATIVO AI CRITERI PER FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO [Art. 4 -comma 4 lett. a)- CCNL]

Dettagli

e p.c. OGGETTO: CCNL del personale non dirigente del comparto delle Agenzie Fiscali - quadriennio giuridico 2006/2009 e biennio economico 2006/2007.

e p.c. OGGETTO: CCNL del personale non dirigente del comparto delle Agenzie Fiscali - quadriennio giuridico 2006/2009 e biennio economico 2006/2007. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it ROMA, 15/07/2008

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C, POSIZIONE C1 In applicazione degli artt.11 e 14 del CCNL concernente

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE n. 14 del 9 febbraio 2004

DECRETO MINISTERIALE n. 14 del 9 febbraio 2004 DECRETO MINISTERIALE n. 14 del 9 febbraio 2004 Criteri e modalità di nomina, designazione e sostituzione dei Presidenti e dei Componenti delle commissioni degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 53 il decreto legislativo n. 297 del 16 aprile 1994, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative in

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA Per gli Aspiranti già inclusi negli elenchi graduati precedenti

MODELLO DI DOMANDA Per gli Aspiranti già inclusi negli elenchi graduati precedenti MODELLO DI DOMANDA Per gli Aspiranti già inclusi negli elenchi graduati precedenti B ---------------------------------------------------------------------------------- (parte riservata all ufficio) Prot.

Dettagli

1. REQUISITI 2. DOCUMENTI RICHIESTI 3. IDONEITA E PROFESSIONALITA

1. REQUISITI 2. DOCUMENTI RICHIESTI 3. IDONEITA E PROFESSIONALITA DIOCESI DI ACERRA CURIA VESCOVILE - UFFICIO SCUOLA SERVIZIO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA Telefax 081 5208116-081 5206717 - fax diretto 081 520 93 29 - email: ircacerra@ireca.it Piazza Duomo 7-80011

Dettagli

LICEO STATALE SANDRO PERTINI

LICEO STATALE SANDRO PERTINI / LICEO STATALE SANDRO PERTINI - Liceo Linguistico - Liceo delle Scienze Umane (con Opzione Economico-Sociale) Genova Liceo Musicale e Coreutic Novembre o Sez. Musicale Via C. Battisti 5, 16145 Genova

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

Modello A - 1: personale docente supplente annuale

Modello A - 1: personale docente supplente annuale Modello A - 1: personale docente supplente annuale Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Denominazione Istituzione scolastica Codice meccanografico Prot. n. : data, / / Oggetto: contratto

Dettagli

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. di Libero Tassella

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. di Libero Tassella Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo di Libero Tassella 1. Le graduatorie da utilizzare. Il dirigente scolastico dovrà comunque utilizzare le graduatorie di circolo o di istituto per il

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

Legge 23 aprile 2003, n. 109

Legge 23 aprile 2003, n. 109 Legge 23 aprile 2003, n. 109 "Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, recante ordinamento del Ministero degli affari esteri " (pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

- per ogni voto superiore a 76/110 - se il titolo di studio è stato conseguito con il massimo dei voti e, ove prevista, la lode.

- per ogni voto superiore a 76/110 - se il titolo di studio è stato conseguito con il massimo dei voti e, ove prevista, la lode. Allegato parte integrante ALLEGATO A) Tabella di valutazione dei titoli per il personale docente delle scuole provinciali a carattere statale della provincia di Trento ai fini dell inserimento nella II

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

COMUNICATO N. 0234. Oggetto: PERMESSI RETRIBUITI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016.

COMUNICATO N. 0234. Oggetto: PERMESSI RETRIBUITI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016. COMUNICATO N. 0234 A TUTTI I DOCENTI AL PERSONALE A.T.A. Oggetto: PERMESSI RETRIBUITI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016. Si fa presente che il 15 novembre 2015 scade, per il Personale docente, educativo

Dettagli

PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO

PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Allegato A ISTRUZIONI OPERATIVE PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO A.1 La consistenza

Dettagli

Documentazione di Rito

Documentazione di Rito Documentazione di Rito I requisiti generali di accesso al pubblico impiego (art. 2 DPR 487/94 e legge n.104/92), di norma, sono certificati con i seguenti documenti di rito: certificato di cittadinanza

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Romsch UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTÀ DI. Anno Accademico.. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Prof. PROFESSORE DI I FASCIA TEMPO PIENO PROFESSORE DI II FASCIA TEMPO DEFINITO SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c.

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c. ISTITUTO Roma lì, 01/03/2004 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Trattamenti Pensionistici Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

OGGETTO: Didattica: tipologie e retribuzioni relative alla copertura delle nuove forme di docenza.

OGGETTO: Didattica: tipologie e retribuzioni relative alla copertura delle nuove forme di docenza. Ripartizione del Personale Prot. n. 35469 03.08.2004 Ai Presidi di Facoltà Al Pro Rettore del Polo Scientifico e Didattico di Terni Ai Presidenti dei Corsi di Studio Ai Direttori delle Scuole di Specializzazione

Dettagli

Ricostruzione Carriera

Ricostruzione Carriera Ricostruzione Carriera Risposte ai Quesiti del forum 1) Temporizzazione DSGA... 6 2) Ricostruzione carriera docente scuola infanzia ex docente di religione... 6 3) Ritardata ricostruzione carriera docente

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

Normativa in materia di gestione del fascicolo personale e dello stato matricolare

Normativa in materia di gestione del fascicolo personale e dello stato matricolare Normativa in materia di gestione del fascicolo personale e dello stato matricolare TITOLO I - fascicolo personale e stato matricolare Art. 1 Per il personale docente, i dirigenti e il personale appartenente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca N. 37 IL MINISTRO VISTO il testo unico delle leggi in materia di istruzione approvato con decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni;

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 40 del 16 aprile 2003 Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO VISTA RITENUTO SENTITO RITENUTO RITENUTO il D.M. n. 11 del 12 febbraio 2002 di approvazione della tabella

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

I.R.C. e l idr. Nicola Incampo Direttore IRC e Scuola Diocesi di Tricarico e Regione Basilicata

I.R.C. e l idr. Nicola Incampo Direttore IRC e Scuola Diocesi di Tricarico e Regione Basilicata I.R.C. e l idr Nicola Incampo Direttore IRC e Scuola Diocesi di Tricarico e Regione Basilicata 1. L atipicità dell IRC L IRC non dipende dalla revisione del Concordato come qualcuno dice, ma dallo stesso

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA AL PERSONALE DOCENTE VISTA Il Consiglio di Amministrazione la Legge 21.12.1999, n.508; il DPR 28.02.2003, n.132;

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio V Ambito Territoriale Provinciale di Cosenza Corso Telesio, n. 17, 87100 - COSENZA - Tel. 0984 894111 Prot. n 8950 Cosenza, lì 20 ottobre 2015 Ai Dirigenti Scolastici di ogni

Dettagli

POLITECNICO DI BARI ART. 1 ATTIVITA E REGIME DI IMPEGNO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI

POLITECNICO DI BARI ART. 1 ATTIVITA E REGIME DI IMPEGNO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LA DISCIPLINA DELLO STATO GIURIDICO, DIRITTI E DOVERI DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI DI RUOLO (ex articolo 6, commi 2, 3, 7, 8 e 14, della Legge n. 240/2010)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI - XIV LEGISLATURA

CAMERA DEI DEPUTATI - XIV LEGISLATURA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DI EQUIPARAZIONE DEL PERSONALE DIRIGENTE DELLE ARPA A QUELLO APPARTENENTE ALL'AREA DELLA DIRIGENZA DEI RUOLI SANITARI, TECNICO,

Dettagli

USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale. Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015

USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale. Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015 1 USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015 Ai Dirigenti delle scuole di ogni ordine e grado della Lombardia E p.c. Ai Dirigenti

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ANNO 133 Roma, 12-19 ottobre 2006 N. 41-42 BOLLETTINO UFFICIALE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE Poste Italiane S.p.A. - sped. in abb. post. 70% - DCB Roma ISTITUTO

Dettagli

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA a cura del DDM-GO (Docenti di Didattica della Musica Gruppo Operativo) 29 marzo 2013 L abilitazione all insegnamento è condizione essenziale per chiunque

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

PART TIME A.S. 2010-2011

PART TIME A.S. 2010-2011 PART TIME A.S. 2010-2011 Part-time 2 Marzo 2010 Il rapporto di lavoro a tempo parziale La domanda Il 15 marzo 2010 scade il termine per la presentazione della domanda di trasformazione del rapporto di

Dettagli

DOMANDA DI UTILIZZAZIONE PER IL LICEO MUSICALE RICHIESTA DI INSERIMENTO IN GRADUATORIA (Docenti titolari A031, A032, A077)

DOMANDA DI UTILIZZAZIONE PER IL LICEO MUSICALE RICHIESTA DI INSERIMENTO IN GRADUATORIA (Docenti titolari A031, A032, A077) DOMANDA DI UTILIZZAZIONE PER IL LICEO MUSICALE RICHIESTA DI INSERIMENTO IN GRADUATORIA (Docenti titolari A031, A032, A077) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ALL UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Ambito Territoriale

Dettagli

!"#!$%" %!&" # '( ) *)+,

!#!$% %!& # '( ) *)+, !!"#!$%" %!&" # '( ) *)+, 1 L. 11-7-1980 n. 312. Nuovo assetto retributivo-funzionale del personale civile e militare dello Stato. Pubblicata nel Suppl. ord. alla Gazz. Uff. 12 luglio 1980, n. 190. Capo

Dettagli

ATA terza fascia: come valutare servizi contratto d'opera, LSU e LPU, ASL, EE.LL, militare e civile, Poste, accademie

ATA terza fascia: come valutare servizi contratto d'opera, LSU e LPU, ASL, EE.LL, militare e civile, Poste, accademie sede di Nola Via Anfiteatro Laterizio,180 tel. fax 081/3652976 antoniodascoli1@virgilio.it CONITP ( sindacato autonomo) Sede Nazionale Via Luigi Carbone,23 San Gennarello di Ottaviano Napoli- 80040 -Tel

Dettagli

Gli effetti decorrono dal giorno della sottoscrizione, salvo diversa prescrizione contenuta nel contratto in esame.

Gli effetti decorrono dal giorno della sottoscrizione, salvo diversa prescrizione contenuta nel contratto in esame. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Normativo Roma, 02/02/2009 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE SUI CRITERI PER LA FRUIZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N.95 Prot. n.9445 Foggia, 23.11.2010

CIRCOLARE N.95 Prot. n.9445 Foggia, 23.11.2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia-Direzione Generale UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA CIRCOLARE N.95 Prot. n.9445 Foggia, 23.11.2010

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA DI UTILIZZAZIONE PER IL LICEO MUSICALE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ALL UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI

MODELLO DI DOMANDA DI UTILIZZAZIONE PER IL LICEO MUSICALE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ALL UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MODELLO DI DOMANDA DI UTILIZZAZIONE PER IL LICEO MUSICALE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ALL UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI 1 Il SOTTOSCRITTO.. CHIEDE ai sensi dell art. 6 bis della ipotesi del CCNI sulle

Dettagli

Permessi per diritto allo studio (150 ore)

Permessi per diritto allo studio (150 ore) Permessi per diritto allo studio (150 ore) di Libero Tassella Ai docenti con contratto a tempo indeterminato e determinato sino al 30.6.2008 ovvero sino al 31.8.2008 (per i docenti con contratto a tempo

Dettagli

TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI A) GRADUATORIE PER LE SUPPLENZE DI ASSISTENTE AMMINISTRATIVO

TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI A) GRADUATORIE PER LE SUPPLENZE DI ASSISTENTE AMMINISTRATIVO TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI A) GRADUATORIE PER LE SUPPLENZE DI ASSISTENTE AMMINISTRATIVO TITOLI DI CULTURA 1) Titolo di studio richiesto per l accesso al profilo professionale per il quale si procede

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Vademecum sulle utilizzazioni relative alle materie di indirizzo del Liceo musicale

Vademecum sulle utilizzazioni relative alle materie di indirizzo del Liceo musicale Premessa L anno scolastico 2013/2014 è il quarto anno del riordino della secondaria di secondo grado in applicazione delle norme previste dall art. 64 della Legge 133/08 che hanno comportato una riduzione

Dettagli

D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009

D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 1 di 8 D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 Regolamento recante disposizioni per la definizione dei criteri e dei parametri per la determinazione della consistenza complessiva

Dettagli

Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella

Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella A) Le ferie dei docenti con contratti a tempo indeterminato

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO DEL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI VERSIONE Ed. 1 Rev. A 12/01/2001 INTRODUZIONE La Dichiarazione dei servizi

Dettagli

All. 4 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

All. 4 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA All. 4 TABELLA 2 (Riferimento: tabella di valutazione dei titoli della terza fascia delle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo annessa quale All. 2 al D.D.G. 16 marzo 2007 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

Circ. n. 60 San Bonifacio, 10 Novembre 2015 rv. OGGETTO: Permessi per il diritto allo studio anno solare 2016

Circ. n. 60 San Bonifacio, 10 Novembre 2015 rv. OGGETTO: Permessi per il diritto allo studio anno solare 2016 Liceo Statale Guarino Veronese Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 28 37047 San Bonifacio (VR) tel. 0457610190 C.F. 83002170237 vris008006@istruzione.it vris008006@pec.istruzione.it www.guarinoveronese.it

Dettagli