L Operatore Locale di Progetto OLP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Operatore Locale di Progetto OLP"

Transcript

1 L Operatore Locale di Progetto OLP

2 L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito, verrà pilotato, acquisira ciò che gli serve a migliorare nel corso dell anno di servizio.

3 CHE REQUISITI DEVE POSSEDERE? Essere dipendente dell ente Avere capacita e professionalità specifiche inerenti le azioni e gli obiettivi del progetto Essere presente in sede di attuazione di progetto per almeno 10 ore a settimana

4 COSA FA? coordinatore e responsabile referente maestro del progetto in senso ampio e delle attività dei volontari nello specifico per le/i partecipanti alla realizzazione del progetto per tutto ciò che riguarda la sua attuazione al volontario

5 QUALI COMPETENZE DEVE POSSEDERE? Conoscenze Capacità aspetti tecnici specifici idealità dell ente spirito del Servizio Civile caratteristiche progetto territorio organizzative progettuali comunicative relazionali gestione: leadership, lavoro di gruppo, conflitto

6 CON QUANTI VOLONTARI LAVORA? Ambito Operatori Volontari Assistenza 1 4 Ambiente e protez. civile 1 6 Cultura ed educazione 1 6 Servizio civile all estero 1 4

7 CON CHI LAVORA? 1 Responsabile di SCN 1 Tutor ogni 30 posizioni di SC nella provincia 1 Progettista di SC 1 o + Formatori e/o 1 Responsabile formazione 1 o + Selettori e/o 1 Responsabile selezione 1 Responsabile monitoraggio e valutazione

8 L OLP deve possedere Competenze tecniche di gestione Competenze relazionali

9 Primo giorno di Servizio Civile Durante il primo giorno di servizio civile bisogna consegnare ai ragazzi: Polizza assicurativa con i vari allegati per le eventuali denunce Domicilio fiscale Circolare 4 febbraio 2009

10 Primo giorno di Servizio Civile Il volontario è tenuto a presentarsi presso l ente di assegnazione, nel giorno e nella sede stabiliti dal contratto di servizio civile

11 Primo giorno di Servizio Civile Per ogni volontario che assume servizio deve essere predisposta una cartella personale, da conservare con all interno: Copia del progetto approvato Permesse, malattie e/o infortuni, ivi compresa la documentazione sanitaria Fotocopia del del contratto di servizio civile controfirmato dal volontario

12 Primo giorno di Servizio Civile In caso di mancata presentazione il primo giorno, il volontario è tenuto a dare giustificazione dell assenza. La mancata presentazione e giustificazione al primo giorno di servizio equivale a rinuncia.

13 Servizio Civile La mancata presentazione in servizio per malattia, il primo giorno, debitamente certificata non è da considerarsi rinuncia. Il volontario è considerato in servizio dalla data indicata sulla comunicazione dell Ufficio. I giorni di assenza per malattia saranno decurtati dal numero complessivo dei giorni di malattia a disposizione dal volontario.

14 Servizio Civile Le rinunce e le interruzioni devono comunque essere segnalate nel termine massimo di cinque giorni all Ufficio Servizio Civile di Anci Lombardia. Per gli enti non accreditati con Anci, le comunicazioni devono essere inviate direttamente all Ufficio Nazionale.

15 IL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA 12 mesi Formazione 1400 ORE Attività di servizio Malattia Festività Infortunio + 20 giorni permesso circolare 4 febbraio 2009

16 2. ATTIVITA DI FORMAZIONE FORMAZIONE GENERALE + FORMAZIONE SPECIFICA 44 ORE di cui 32 ore in aula e 12 di formazione FAD 116 ORE 72 ORE di cui 16 in aula con Anci 24 training on the job (sede) 32 ore FAD

17 LE ATTIVITA DEL PROGETTO LE 1400 ORE SONO COMPRENSIVE DI: 1. ATTIVITA DI SERVIZIO 2. ATTIVITA DI FORMAZIONE 3. ATTIVITA DI MONITORAGGIO

18 1. ATTIVITA DI SERVIZIO 12 mesi per una media di 30 ore settimanali (29,4) ovvero 1400 ore annue L orario di svolgimento del servizio è stabilito in ogni progetto presentato circolare 4 febbraio 2009

19 GESTIONE DEGLI ORARI SETTIMANALI I PROGETTI PREVEDONO CHE IN UNA SETTIMANA I VOLONTARI PRESTINO SERVIZIO IN MEDIA 30 ORE DISTRIBUITE SU 5 GIORNI LAVORATIVI

20 GESTIONE DEGLI ORARI SETTIMANALI L ORARIO MINIMO CHE POSSONO SVOLGERE NEL CORSO DELLA SETTIMANA E E DI 12 ORE LA POSSIBILITA DI SVOLGERE L ORARIO L MINIMO E E OCCASIONALE E COMPORTA UNA COMPENSAZIONE DELLE ORE NELLE SETTIMANE SUCCESSIVE

21 GESTIONE DEGLI ORARI SETTIMANALI IL PROGRAMMA SETTIMANALE NON DEVE PER FORZA PREVEDERE 6 ORE GIORNALIERE MA PUO ESSERE GESTITO IN BASE ALLE ESIGENZE DEL SERVIZIO DEL VOLONTARIO Esempio: il volontario può fare un giorno 8 ore e il giorno successivo 4 ore

22 PERMESSI I GIORNI DI PERMESSO SONO GIORNI DI FERIE I volontari hanno diritto a 20 giorni di ferie retribuiti nel corso di un anno da concordare con l entel

23 PERMESSI ESEMPIO Se un servizio chiude per 15 giorni nel periodo estivo il volontario dovrà prendere 15 giorni di ferie in quel periodo.

24 PERMESSI Se un servizio rimane chiuso per più di 20 giorni (pari ai giorni di ferie a disposizione del volontario) sta all ente collocare il ragazzo presso un altro servizio attinente al progetto.

25 PERMESSI I giorni di ferie non sono frazionabili in permessi orari ma consentono al volontario di assentarsi dal servizio per un periodo superiore alle 24 ore

26 PERMESSI NON ESISTONO QUINDI PERMESSI SPECIALI PER: ESAMI UNIVERSITARI TESI DI LAUREA LICENZE MATRIMONIALI VISITE MEDICHE MOTIVI FAMILIARI

27 PERMESSI COME FARE PER VENIRE INCONTRO A TALI RICHIESTE? Poiché il progetto prevede un monte ore annuo è possibile gestire in maniera flessibile l orario l settimanale dei volontari. L olp può in casi particolari concordare con il volontario il recupero delle ore perse, senza far utilizzare al volontario giorni di ferie.

28 PERMESSI Esistono dei PERMESSI STRAORDINARI che si aggiungono ai 20 giorni di ferie. DONAZIONE DI SANGUE un giorno per ciascuna donazione (per un massimo di quattro donazioni nei dodici mesi se trattasi di ragazzi e per un massimo di 2 donazioni se trattasi di ragazze) NOMINA ALLA CARICA DI PRESIDENTE, SEGRETARIO DI SEGGIO, SCRUTATORE E RAPPRESENTANTE DI LISTA solo nei giorni dello svolgimento delle operazioni elettorali ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO un giorno per i volontari residenti da 50 a 300 km dal luogo di servizio, 2 giorni per i volontari residenti oltre 300 km dal luogo di servizio

29 PERMESSI Nel computo dei giorni di ferie non sono compresi i giorni festivi contigui I sabati e le domeniche non vanno quindi contate a meno che non siano giorni di servizio

30 PERMESSI EVENTUALI GIORNI DI PERMESSO NON USUFRUITI NON POSSONO ESSERE REMUNERATI LA FRUIZIONE DI GIORNI DI PERMESSO ECCEDENTI I 20 PREVISTI DEVE ESSERE COMUNICATA AD ANCI LOMBARDIA E COMPORTA L ESCLUSIONE L DAL PROGETTO

31 FESTIVITA Se le festività cadono nei giorni di servizio, le ore vanno conteggiate come se fosse stato prestato il servizio. Se le festività cadono nei giorni di non servizio, le ore non vanno conteggiate.

32 FESTIVITA CASI PARTICOLARI: Festa patronale: : va considerata come un giorno festivo e il conteggio delle ore deve essere fatto solo se cade in un giorno di servizio. Ponti per le festività vicine al fine settimana: : la festività viene calcolata come sopra, mentre l'eventuale giorno non festivo va considerato come permesso che il volontario prende. Esempio: se l'8 dicembre cade di giovedì e l'ente decide di fare il ponte, la festività viene conteggiata come normale giorno di servizio, mentre il venerdì 9 va considerato come permesso.

33 MALATTIE I volontari hanno diritto a 30 giorni di malattia in un anno: per i primi 15 giorni di malattia al volontario spetta l assegno l mensile per l intero l importo per i successivi 15 giorni di malattia l importo l mensile è decurtato in base ai giorni di assenza

34 MALATTIE Superato il trentesimo giorno di malattia il volontario è escluso dal progetto. L esclusione dal progetto per malattia permette al volontario di ripresentare la domanda per il servizio civile

35 MALATTIE Il volontario assente per malattia deve inviare tempestivamente all ente il certificato medico. L ente deve inviare tempestivamente copia del certificato medico all Ufficio Servizio Civile Anci Lombardia tramite fax

36 MALATTIE Se nel periodo di malattia cadono giorni festivi o giorni di riposo previsti, questi ricadono nel calcolo delle giornate di assenza. Invece se i giorni festivi e i giorni di riposo previsti, sono iniziali e terminali di un periodo di assenza per malattia non devono essere compresi nel computo della sua durata.

37 MALATTIE I giorni di malattia sono da scalare al monte ore annuo. Esempio: se il volontario si assenta per malattia venerdì e per quel giorno erano previste 6 ore di servizio è come se il volontario le avesse svolte IL VOLONTARIO NON DEVE RECUPERARE LE ORE DI MALATTIA

38 INFORTUNI IL VOLONTARIO E E COPERTO DA UNA POLIZZA ASSICURATIVA DAL PRIMO GIORNO DI SERVIZIO L ASSICURAZIONE COPRE IL VOLONTARIO: DURANTE IL SERVIZIO NEL TRAGITTO TRA CASA E LUOGO DEL SERVIZIO E VICEVERSA NEL TRAGITTO TRA CASA E LUOGO DELLA FORMAZIONE E DEL MONITORAGGIO E VICEVERSA DANNI A TERZI DURANTE LE ORE DI SERVIZIO

39 INFORTUNI ALL AVVIO AVVIO DEL SERVIZIO AL VOLONTARIO VIENE CONSEGNATA COPIA DELL ASSICURAZIONE CHE CONTIENE I MODULI DA INVIARE IN CASO DI INFORTUNIO SPETTA AL VOLONTARIO INVIARE AL BROKER ASSICURATIVO ENTRO 15 GIORNI DAL MOMENTO DELL INFORTUNIO, LA DENUNCIA DEL SINISTRO

40 INFORTUNI L ENTE DEVE INVIARE TEMPESTIVAMENTE ALL UFFICIO SERVIZIO CIVILE ANCI LOMBARDIA: COPIA DELLA DENUNCIA CERTIFICATO MEDICO

41 INFORTUNI I GIORNI DI ASSENZA PER INFORTUNIO SONO ILLIMITATI. IL VOLONTARIO PUO ASSENTARSI DAL SERVIZIO FINO A COMPLETA GUARIGIONE E TALI GIORNI NON SONO DA SCALARE DAI GIORNI DI MALATTIA

42 INFORTUNI IL PERIODO DI ASSENZA DAL SERVIZIO PER INFORTUNIO E E CONSIDERATO PRESTATO A TUTTI GLI EFFETTI Esempio: se un volontario si assenta per un mese per infortunio è come se in quel mese avesse prestato servizio

43 GUIDA DI AUTOMEZZI E CONSENTITO AL VOLONTARIO PORSI ALLA GUIDA DI AUTOMEZZI APPARTENENTI O COMUNQUE A DISPOSIZIONE DELL ENTE ENTE DI ASSEGNAZIONE E CONSENTITO, INOLTRE, AL VOLONTARIO PORSI ALLA GUIDA DI VEICOLI SIA DI SUA PROPRIETA, CHE DI TERZI, SU SUA AUTORIZZAZIONE E IN BASE AD UNA ESPLICITA AUTORIZZAZIONE DELL ENTE, ENTE, QUANDO LE CIRCOSTANZE LO RENDONO NECESSARIO

44 GUIDA DI AUTOMEZZI DURANTE LA GUIDA DEI MEZZI L ASSICURAZIONE L DEL VOLONTARIO COPRE SOLO I DANNI SULLA PERSONA DEL VOLONTARIO MA NON I DANNI CAUSATI A TERZI (COPERTI DALL ASSICURAZIONE ASSICURAZIONE DELL AUTO) Esempio: il volontario che fa un incidente in macchina è coperto dall assicurazione assicurazione ma non la macchina o i danni che causa ad altri mezzi o persone

45 GUIDA DI AUTOMEZZI L ENTE NON PUO RIVALERSI SUL VOLONTARIO PER EVENTUALI I DANNI CAUSATI AL VEICOLO L ENTE POTRA STIPULARE UNA POLIZZA AGGIUNTIVA PER I RISCHI NON COPERTI DALL ASSICURAZIONE ASSICURAZIONE STIPULATA DALL UNSC

46 TRASFERIMENTO TEMPORANEO DI SEDE QUALORA PREVISTO DAL PROGETTO L ENTE L PUO IMPIEGARE I VOLONTARI PRESSO ALTRE LOCALITA IN ITALIA O ALL ESTERO Esempio: soggiorni estivi, eventi culturali

47 TRASFERIMENTO TEMPORANEO DI SEDE NON SONO PREVISTI IN TAL CASO RIMBORSI A CARICO DELL UNSC PER LE SPESE DI VIAGGIO

48 TRASFERIMENTO TEMPORANEO DI SEDE L ENTE DEVE COMUNICARE CON 15 GIORNI DI ANTICIPO ALL UFFICIO SERVIZIO CIVILE ANCI LOMBARDIA IL CAMBIAMENTO DELLA SEDE E NEL CASO LO RITENGA OPPORTUNO STIPULARE UNA ASSICURAZIONE AGGIUNTIVA PER IL VOLONTARIO

49 MATERNITA ALLE VOLONTARIE IN STATO DI GRAVIDANZA SI APPLICANO LE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA (26 marzo 2001)

50 MATERNITA LE VOLONTARIE DEVONO ASTENERSI DAL SERVIZIO NEI 2 MESI PRECEDENTI E NEI 3 MESI SUCCESSIVI AL PARTO. E E ALTRESI CONSENTITA LA FACOLTA DI ASTENERSI DAL SERVIZIO A PARTIRE DAL MESE PRECEDENTE LA DATA PRESUNTA DEL PARTO E NEI QUATTRO MESI SUCCESSIVI ALLO STESSO PRIMA DEL PERIODO DI DIVIETO LE VOLONTARIE DEVONO CONSEGNARE ALL ENTE IL CERTIFICATO MEDICO INDICANTE LA PRESUNTA DATA DEL PARTO

51 MATERNITA IN CASO DI CONDIZIONI PATOLOGICHE CHE CONFIGURANO SITUAZIONI DI RISCHIO PER LA SALUTE DELLA GESTANTE O DEL NASCITURO E E POSSIBILE ATTUARE UN AMPLIAMENTO DEL PERIODO DI MATERNITA INVIANDO IL CERTIFICATO MEDICO

52 MATERNITA NON SONO CONTEMPLATI ULTERIORI BENEFICI POST-PARTUM PARTUM NE IL CONGEDO PARENTALE L ASTENSIONE DAL SERVIZIO PER MATERNITA NON COMPORTA LA SOTITUZIONE DELLA VOLONTARIE

53 SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI I VOLONTARI POSSONO ABBANDONARE IL SERVIZIO IN QUALSIASI MOMENTO SENZA PARTICOLARI MOTIVAZIONI. E SUFFICIENTE CHE IL VOLONTARIO INVI ALL ENTE UNA LETTERA CHE INDICHI LA MOTIVAZIONE. L ENTE DOVRA INVIARE AI NOSTRI UFFICI TALE COMUNICAZIONE PER EFFETTUARE LA SOSPENSIONE DEL PAGAMENTO

54 SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI LA SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI CHE ABBANDONANO IL SERVIZIO PUO AVVENIRE SOLO NEI PRIMI TRE MESI DALLA DATA DI AVVIO DEL PROGETTO E COMUNQUE IL TEMPO UTILE AFFINCHE I SUBENTRATI SVOLGANO ALMENO 9 MESI DI SERVIZIO L ENTE DEVE FORMULARE LA RICHIESTA DI SOSTITUZIONE INDICANDO IL NOMINATIVO DEL PRIMO VOLONTARIO IDONEO NON SELEZIONATO CHE SEGUE NELLA GRADUATORIA

55 SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI LA DURATA DEL SERVIZIO DEI VOLONTARI SUBENTRANTI E E RIDOTTA AL PERIODO CHE INTERCORRE DALL ENTRATA IN SERVIZIO FINO AL TERMINE DEL PROGETTO Esempio: se un volontario entra in servizio dopo due mesi dall avvio avvio del progetto il suo servizio durerà 10 mesi e non 12

56 SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI IL VOLONTARIO SUBENTRANTE AVRA I GIORNI DI MALATTIA E DI FERIE RIDOTTI: 1 MESE DOPO: 18 GG DI PERMESSO 14 GG DI MALATTIA 2 MESI DOPO: 16 GG DI PERMESSO 13 GG DI MALATTIA 3 MESI DOPO: 14 GG DI PERMESSO 11 GG DI MALATTIA

57 CESSAZIONE DEL SERVIZIO L ENTE PUO CHIEDERE LA SOSPENSIONE DI UN VOLONTARIO IN CASO DI: ASSENZA INGIUSTIFICATA GRAVI MOTIVAZIONI CHE VANNO RIPORTATE IN UNA RELAZIONE DETTAGLIATA

58 TRATTAMENTO ECONOMICO L Ufficio Nazionale per il servizio civile corrisponde, per l attività prestata, un assegno mensile di 433,80 euro, corrispondente ad un importo giornaliero di 14,46 euro per 30 giorni convenzionali al mese, che in presenza di altri redditi, ai fini fiscali, concorre alla formazione del reddito imponibile.

59 TRATTAMENTO ECONOMICO Sono a carico della sede di servizio i costi derivanti dalla partecipazione alla formazione generale e specifica e al monitoraggio.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, recante Nuove norme in materia di obiezione di coscienza, e successive modificazioni ed integrazioni; Vista la legge 6 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione DIVISIONE II U.P.T.A. e.p.c. Ai Capi Divisione Ai Capi Ufficio Ai Capi Settore Ai Segretari Amministrativi dei Dipartimenti Ai Responsabili dei Laboratori Ai Responsabili delle Biblioteche Ai Presidi di

Dettagli

Manuale per i lavoratori del settore privato

Manuale per i lavoratori del settore privato Manuale per i lavoratori del settore privato in materia di conciliazione vita/lavoro: diritti e opportunità A cura di Raffaella Calasso Responsabile Ufficio Legale Aeroporti di Puglia S.p.a., in collaborazione

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME Parte Prima- LA REGOLAMENTAZIONE Premessa Il rapporto di lavoro a tempo parziale viene convenzionalmente definito come attività lavorativa a carattere

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

guida ai diritti dall A alla Z

guida ai diritti dall A alla Z FUNZIONE PUBBLIC A FRIULI VENEZIA GIULIA COMPARTO MINISTERI guida ai diritti dall A alla Z a cura della segreteria regionale Fp Cgil Fvg - novembre 2010 Comparto ministeriali SOMMARIO A -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE

FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE Di seguito l indicazione della spettanza ferie per ciascuna categoria di beneficiari, come prevista dal vigente CONTRATTO

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

SardegnaTirocini. Guida alla predisposizione e gestione del progetto di tirocinio

SardegnaTirocini. Guida alla predisposizione e gestione del progetto di tirocinio Guida alla predisposizione e gestione del progetto di tirocinio Febbraio 2015 Indice 1 Registrazione e condizioni generali 2 Predisposizione del progetto di tirocinio 2.1 Crea progetto adempimento del

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL 16.2.1999 A seguito del parere favorevole espresso in data

Dettagli

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995)

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) Comparto Regioni e Autonomie locali Luglio 2013 INDICE Introduzione... 2 Permesso per lutto... 4 Permesso per matrimonio... 11 Permesso per concorsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

PUO ESSERE RICHIESTA PER:

PUO ESSERE RICHIESTA PER: L INTERDIZIONE DAL LAVORO PER LE LAVORATRICI MADRI (decreto legislativo n. 151/2001 così come modificato dalla legge 4/04/2012, n. 35) http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/01151dl.htm PUO ESSERE RICHIESTA

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE DELLA REGIONE SICILIANA E DEGLI ENTI DI CUI

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli