L Operatore Locale di Progetto OLP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Operatore Locale di Progetto OLP"

Transcript

1 L Operatore Locale di Progetto OLP

2 L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito, verrà pilotato, acquisira ciò che gli serve a migliorare nel corso dell anno di servizio.

3 CHE REQUISITI DEVE POSSEDERE? Essere dipendente dell ente Avere capacita e professionalità specifiche inerenti le azioni e gli obiettivi del progetto Essere presente in sede di attuazione di progetto per almeno 10 ore a settimana

4 COSA FA? coordinatore e responsabile referente maestro del progetto in senso ampio e delle attività dei volontari nello specifico per le/i partecipanti alla realizzazione del progetto per tutto ciò che riguarda la sua attuazione al volontario

5 QUALI COMPETENZE DEVE POSSEDERE? Conoscenze Capacità aspetti tecnici specifici idealità dell ente spirito del Servizio Civile caratteristiche progetto territorio organizzative progettuali comunicative relazionali gestione: leadership, lavoro di gruppo, conflitto

6 CON QUANTI VOLONTARI LAVORA? Ambito Operatori Volontari Assistenza 1 4 Ambiente e protez. civile 1 6 Cultura ed educazione 1 6 Servizio civile all estero 1 4

7 CON CHI LAVORA? 1 Responsabile di SCN 1 Tutor ogni 30 posizioni di SC nella provincia 1 Progettista di SC 1 o + Formatori e/o 1 Responsabile formazione 1 o + Selettori e/o 1 Responsabile selezione 1 Responsabile monitoraggio e valutazione

8 L OLP deve possedere Competenze tecniche di gestione Competenze relazionali

9 Primo giorno di Servizio Civile Durante il primo giorno di servizio civile bisogna consegnare ai ragazzi: Polizza assicurativa con i vari allegati per le eventuali denunce Domicilio fiscale Circolare 4 febbraio 2009

10 Primo giorno di Servizio Civile Il volontario è tenuto a presentarsi presso l ente di assegnazione, nel giorno e nella sede stabiliti dal contratto di servizio civile

11 Primo giorno di Servizio Civile Per ogni volontario che assume servizio deve essere predisposta una cartella personale, da conservare con all interno: Copia del progetto approvato Permesse, malattie e/o infortuni, ivi compresa la documentazione sanitaria Fotocopia del del contratto di servizio civile controfirmato dal volontario

12 Primo giorno di Servizio Civile In caso di mancata presentazione il primo giorno, il volontario è tenuto a dare giustificazione dell assenza. La mancata presentazione e giustificazione al primo giorno di servizio equivale a rinuncia.

13 Servizio Civile La mancata presentazione in servizio per malattia, il primo giorno, debitamente certificata non è da considerarsi rinuncia. Il volontario è considerato in servizio dalla data indicata sulla comunicazione dell Ufficio. I giorni di assenza per malattia saranno decurtati dal numero complessivo dei giorni di malattia a disposizione dal volontario.

14 Servizio Civile Le rinunce e le interruzioni devono comunque essere segnalate nel termine massimo di cinque giorni all Ufficio Servizio Civile di Anci Lombardia. Per gli enti non accreditati con Anci, le comunicazioni devono essere inviate direttamente all Ufficio Nazionale.

15 IL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA 12 mesi Formazione 1400 ORE Attività di servizio Malattia Festività Infortunio + 20 giorni permesso circolare 4 febbraio 2009

16 2. ATTIVITA DI FORMAZIONE FORMAZIONE GENERALE + FORMAZIONE SPECIFICA 44 ORE di cui 32 ore in aula e 12 di formazione FAD 116 ORE 72 ORE di cui 16 in aula con Anci 24 training on the job (sede) 32 ore FAD

17 LE ATTIVITA DEL PROGETTO LE 1400 ORE SONO COMPRENSIVE DI: 1. ATTIVITA DI SERVIZIO 2. ATTIVITA DI FORMAZIONE 3. ATTIVITA DI MONITORAGGIO

18 1. ATTIVITA DI SERVIZIO 12 mesi per una media di 30 ore settimanali (29,4) ovvero 1400 ore annue L orario di svolgimento del servizio è stabilito in ogni progetto presentato circolare 4 febbraio 2009

19 GESTIONE DEGLI ORARI SETTIMANALI I PROGETTI PREVEDONO CHE IN UNA SETTIMANA I VOLONTARI PRESTINO SERVIZIO IN MEDIA 30 ORE DISTRIBUITE SU 5 GIORNI LAVORATIVI

20 GESTIONE DEGLI ORARI SETTIMANALI L ORARIO MINIMO CHE POSSONO SVOLGERE NEL CORSO DELLA SETTIMANA E E DI 12 ORE LA POSSIBILITA DI SVOLGERE L ORARIO L MINIMO E E OCCASIONALE E COMPORTA UNA COMPENSAZIONE DELLE ORE NELLE SETTIMANE SUCCESSIVE

21 GESTIONE DEGLI ORARI SETTIMANALI IL PROGRAMMA SETTIMANALE NON DEVE PER FORZA PREVEDERE 6 ORE GIORNALIERE MA PUO ESSERE GESTITO IN BASE ALLE ESIGENZE DEL SERVIZIO DEL VOLONTARIO Esempio: il volontario può fare un giorno 8 ore e il giorno successivo 4 ore

22 PERMESSI I GIORNI DI PERMESSO SONO GIORNI DI FERIE I volontari hanno diritto a 20 giorni di ferie retribuiti nel corso di un anno da concordare con l entel

23 PERMESSI ESEMPIO Se un servizio chiude per 15 giorni nel periodo estivo il volontario dovrà prendere 15 giorni di ferie in quel periodo.

24 PERMESSI Se un servizio rimane chiuso per più di 20 giorni (pari ai giorni di ferie a disposizione del volontario) sta all ente collocare il ragazzo presso un altro servizio attinente al progetto.

25 PERMESSI I giorni di ferie non sono frazionabili in permessi orari ma consentono al volontario di assentarsi dal servizio per un periodo superiore alle 24 ore

26 PERMESSI NON ESISTONO QUINDI PERMESSI SPECIALI PER: ESAMI UNIVERSITARI TESI DI LAUREA LICENZE MATRIMONIALI VISITE MEDICHE MOTIVI FAMILIARI

27 PERMESSI COME FARE PER VENIRE INCONTRO A TALI RICHIESTE? Poiché il progetto prevede un monte ore annuo è possibile gestire in maniera flessibile l orario l settimanale dei volontari. L olp può in casi particolari concordare con il volontario il recupero delle ore perse, senza far utilizzare al volontario giorni di ferie.

28 PERMESSI Esistono dei PERMESSI STRAORDINARI che si aggiungono ai 20 giorni di ferie. DONAZIONE DI SANGUE un giorno per ciascuna donazione (per un massimo di quattro donazioni nei dodici mesi se trattasi di ragazzi e per un massimo di 2 donazioni se trattasi di ragazze) NOMINA ALLA CARICA DI PRESIDENTE, SEGRETARIO DI SEGGIO, SCRUTATORE E RAPPRESENTANTE DI LISTA solo nei giorni dello svolgimento delle operazioni elettorali ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO un giorno per i volontari residenti da 50 a 300 km dal luogo di servizio, 2 giorni per i volontari residenti oltre 300 km dal luogo di servizio

29 PERMESSI Nel computo dei giorni di ferie non sono compresi i giorni festivi contigui I sabati e le domeniche non vanno quindi contate a meno che non siano giorni di servizio

30 PERMESSI EVENTUALI GIORNI DI PERMESSO NON USUFRUITI NON POSSONO ESSERE REMUNERATI LA FRUIZIONE DI GIORNI DI PERMESSO ECCEDENTI I 20 PREVISTI DEVE ESSERE COMUNICATA AD ANCI LOMBARDIA E COMPORTA L ESCLUSIONE L DAL PROGETTO

31 FESTIVITA Se le festività cadono nei giorni di servizio, le ore vanno conteggiate come se fosse stato prestato il servizio. Se le festività cadono nei giorni di non servizio, le ore non vanno conteggiate.

32 FESTIVITA CASI PARTICOLARI: Festa patronale: : va considerata come un giorno festivo e il conteggio delle ore deve essere fatto solo se cade in un giorno di servizio. Ponti per le festività vicine al fine settimana: : la festività viene calcolata come sopra, mentre l'eventuale giorno non festivo va considerato come permesso che il volontario prende. Esempio: se l'8 dicembre cade di giovedì e l'ente decide di fare il ponte, la festività viene conteggiata come normale giorno di servizio, mentre il venerdì 9 va considerato come permesso.

33 MALATTIE I volontari hanno diritto a 30 giorni di malattia in un anno: per i primi 15 giorni di malattia al volontario spetta l assegno l mensile per l intero l importo per i successivi 15 giorni di malattia l importo l mensile è decurtato in base ai giorni di assenza

34 MALATTIE Superato il trentesimo giorno di malattia il volontario è escluso dal progetto. L esclusione dal progetto per malattia permette al volontario di ripresentare la domanda per il servizio civile

35 MALATTIE Il volontario assente per malattia deve inviare tempestivamente all ente il certificato medico. L ente deve inviare tempestivamente copia del certificato medico all Ufficio Servizio Civile Anci Lombardia tramite fax

36 MALATTIE Se nel periodo di malattia cadono giorni festivi o giorni di riposo previsti, questi ricadono nel calcolo delle giornate di assenza. Invece se i giorni festivi e i giorni di riposo previsti, sono iniziali e terminali di un periodo di assenza per malattia non devono essere compresi nel computo della sua durata.

37 MALATTIE I giorni di malattia sono da scalare al monte ore annuo. Esempio: se il volontario si assenta per malattia venerdì e per quel giorno erano previste 6 ore di servizio è come se il volontario le avesse svolte IL VOLONTARIO NON DEVE RECUPERARE LE ORE DI MALATTIA

38 INFORTUNI IL VOLONTARIO E E COPERTO DA UNA POLIZZA ASSICURATIVA DAL PRIMO GIORNO DI SERVIZIO L ASSICURAZIONE COPRE IL VOLONTARIO: DURANTE IL SERVIZIO NEL TRAGITTO TRA CASA E LUOGO DEL SERVIZIO E VICEVERSA NEL TRAGITTO TRA CASA E LUOGO DELLA FORMAZIONE E DEL MONITORAGGIO E VICEVERSA DANNI A TERZI DURANTE LE ORE DI SERVIZIO

39 INFORTUNI ALL AVVIO AVVIO DEL SERVIZIO AL VOLONTARIO VIENE CONSEGNATA COPIA DELL ASSICURAZIONE CHE CONTIENE I MODULI DA INVIARE IN CASO DI INFORTUNIO SPETTA AL VOLONTARIO INVIARE AL BROKER ASSICURATIVO ENTRO 15 GIORNI DAL MOMENTO DELL INFORTUNIO, LA DENUNCIA DEL SINISTRO

40 INFORTUNI L ENTE DEVE INVIARE TEMPESTIVAMENTE ALL UFFICIO SERVIZIO CIVILE ANCI LOMBARDIA: COPIA DELLA DENUNCIA CERTIFICATO MEDICO

41 INFORTUNI I GIORNI DI ASSENZA PER INFORTUNIO SONO ILLIMITATI. IL VOLONTARIO PUO ASSENTARSI DAL SERVIZIO FINO A COMPLETA GUARIGIONE E TALI GIORNI NON SONO DA SCALARE DAI GIORNI DI MALATTIA

42 INFORTUNI IL PERIODO DI ASSENZA DAL SERVIZIO PER INFORTUNIO E E CONSIDERATO PRESTATO A TUTTI GLI EFFETTI Esempio: se un volontario si assenta per un mese per infortunio è come se in quel mese avesse prestato servizio

43 GUIDA DI AUTOMEZZI E CONSENTITO AL VOLONTARIO PORSI ALLA GUIDA DI AUTOMEZZI APPARTENENTI O COMUNQUE A DISPOSIZIONE DELL ENTE ENTE DI ASSEGNAZIONE E CONSENTITO, INOLTRE, AL VOLONTARIO PORSI ALLA GUIDA DI VEICOLI SIA DI SUA PROPRIETA, CHE DI TERZI, SU SUA AUTORIZZAZIONE E IN BASE AD UNA ESPLICITA AUTORIZZAZIONE DELL ENTE, ENTE, QUANDO LE CIRCOSTANZE LO RENDONO NECESSARIO

44 GUIDA DI AUTOMEZZI DURANTE LA GUIDA DEI MEZZI L ASSICURAZIONE L DEL VOLONTARIO COPRE SOLO I DANNI SULLA PERSONA DEL VOLONTARIO MA NON I DANNI CAUSATI A TERZI (COPERTI DALL ASSICURAZIONE ASSICURAZIONE DELL AUTO) Esempio: il volontario che fa un incidente in macchina è coperto dall assicurazione assicurazione ma non la macchina o i danni che causa ad altri mezzi o persone

45 GUIDA DI AUTOMEZZI L ENTE NON PUO RIVALERSI SUL VOLONTARIO PER EVENTUALI I DANNI CAUSATI AL VEICOLO L ENTE POTRA STIPULARE UNA POLIZZA AGGIUNTIVA PER I RISCHI NON COPERTI DALL ASSICURAZIONE ASSICURAZIONE STIPULATA DALL UNSC

46 TRASFERIMENTO TEMPORANEO DI SEDE QUALORA PREVISTO DAL PROGETTO L ENTE L PUO IMPIEGARE I VOLONTARI PRESSO ALTRE LOCALITA IN ITALIA O ALL ESTERO Esempio: soggiorni estivi, eventi culturali

47 TRASFERIMENTO TEMPORANEO DI SEDE NON SONO PREVISTI IN TAL CASO RIMBORSI A CARICO DELL UNSC PER LE SPESE DI VIAGGIO

48 TRASFERIMENTO TEMPORANEO DI SEDE L ENTE DEVE COMUNICARE CON 15 GIORNI DI ANTICIPO ALL UFFICIO SERVIZIO CIVILE ANCI LOMBARDIA IL CAMBIAMENTO DELLA SEDE E NEL CASO LO RITENGA OPPORTUNO STIPULARE UNA ASSICURAZIONE AGGIUNTIVA PER IL VOLONTARIO

49 MATERNITA ALLE VOLONTARIE IN STATO DI GRAVIDANZA SI APPLICANO LE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA (26 marzo 2001)

50 MATERNITA LE VOLONTARIE DEVONO ASTENERSI DAL SERVIZIO NEI 2 MESI PRECEDENTI E NEI 3 MESI SUCCESSIVI AL PARTO. E E ALTRESI CONSENTITA LA FACOLTA DI ASTENERSI DAL SERVIZIO A PARTIRE DAL MESE PRECEDENTE LA DATA PRESUNTA DEL PARTO E NEI QUATTRO MESI SUCCESSIVI ALLO STESSO PRIMA DEL PERIODO DI DIVIETO LE VOLONTARIE DEVONO CONSEGNARE ALL ENTE IL CERTIFICATO MEDICO INDICANTE LA PRESUNTA DATA DEL PARTO

51 MATERNITA IN CASO DI CONDIZIONI PATOLOGICHE CHE CONFIGURANO SITUAZIONI DI RISCHIO PER LA SALUTE DELLA GESTANTE O DEL NASCITURO E E POSSIBILE ATTUARE UN AMPLIAMENTO DEL PERIODO DI MATERNITA INVIANDO IL CERTIFICATO MEDICO

52 MATERNITA NON SONO CONTEMPLATI ULTERIORI BENEFICI POST-PARTUM PARTUM NE IL CONGEDO PARENTALE L ASTENSIONE DAL SERVIZIO PER MATERNITA NON COMPORTA LA SOTITUZIONE DELLA VOLONTARIE

53 SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI I VOLONTARI POSSONO ABBANDONARE IL SERVIZIO IN QUALSIASI MOMENTO SENZA PARTICOLARI MOTIVAZIONI. E SUFFICIENTE CHE IL VOLONTARIO INVI ALL ENTE UNA LETTERA CHE INDICHI LA MOTIVAZIONE. L ENTE DOVRA INVIARE AI NOSTRI UFFICI TALE COMUNICAZIONE PER EFFETTUARE LA SOSPENSIONE DEL PAGAMENTO

54 SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI LA SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI CHE ABBANDONANO IL SERVIZIO PUO AVVENIRE SOLO NEI PRIMI TRE MESI DALLA DATA DI AVVIO DEL PROGETTO E COMUNQUE IL TEMPO UTILE AFFINCHE I SUBENTRATI SVOLGANO ALMENO 9 MESI DI SERVIZIO L ENTE DEVE FORMULARE LA RICHIESTA DI SOSTITUZIONE INDICANDO IL NOMINATIVO DEL PRIMO VOLONTARIO IDONEO NON SELEZIONATO CHE SEGUE NELLA GRADUATORIA

55 SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI LA DURATA DEL SERVIZIO DEI VOLONTARI SUBENTRANTI E E RIDOTTA AL PERIODO CHE INTERCORRE DALL ENTRATA IN SERVIZIO FINO AL TERMINE DEL PROGETTO Esempio: se un volontario entra in servizio dopo due mesi dall avvio avvio del progetto il suo servizio durerà 10 mesi e non 12

56 SOSTITUZIONE DEI VOLONTARI IL VOLONTARIO SUBENTRANTE AVRA I GIORNI DI MALATTIA E DI FERIE RIDOTTI: 1 MESE DOPO: 18 GG DI PERMESSO 14 GG DI MALATTIA 2 MESI DOPO: 16 GG DI PERMESSO 13 GG DI MALATTIA 3 MESI DOPO: 14 GG DI PERMESSO 11 GG DI MALATTIA

57 CESSAZIONE DEL SERVIZIO L ENTE PUO CHIEDERE LA SOSPENSIONE DI UN VOLONTARIO IN CASO DI: ASSENZA INGIUSTIFICATA GRAVI MOTIVAZIONI CHE VANNO RIPORTATE IN UNA RELAZIONE DETTAGLIATA

58 TRATTAMENTO ECONOMICO L Ufficio Nazionale per il servizio civile corrisponde, per l attività prestata, un assegno mensile di 433,80 euro, corrispondente ad un importo giornaliero di 14,46 euro per 30 giorni convenzionali al mese, che in presenza di altri redditi, ai fini fiscali, concorre alla formazione del reddito imponibile.

59 TRATTAMENTO ECONOMICO Sono a carico della sede di servizio i costi derivanti dalla partecipazione alla formazione generale e specifica e al monitoraggio.

4. Sostituzione dei volontari a seguito di rinunce o interruzioni del servizio

4. Sostituzione dei volontari a seguito di rinunce o interruzioni del servizio Allegato 5- Rapporti tra enti e volontari del Servizio Civile Regionale: diritti e doveri (Il presente allegato sostituisce integralmente l allegato approvato con DDPF n. 1/OSV/2015) 1 Impegni e responsabilità

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE. Circolare 30 settembre 2004 DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA ENTI E VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE. Circolare 30 settembre 2004 DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA ENTI E VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Circolare 30 settembre 2004 DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA ENTI E VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Premessa L esperienza del servizio civile nazionale, su base

Dettagli

VADEMECUM Prontuario CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

VADEMECUM Prontuario CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO VADEMECUM Prontuario CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il volontario nello svolgimento del servizio civile è tenuto ad adottare un comportamento improntato a senso di responsabilità, tolleranza ed equilibrio

Dettagli

DISCIPLINA DEL RAPPORTO DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE DI GARANZIA GIOVANI CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI

DISCIPLINA DEL RAPPORTO DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE DI GARANZIA GIOVANI CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI DISCIPLINA DEL RAPPORTO DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE DI GARANZIA GIOVANI CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI 1. Premessa La Regione e gli Enti titolari di progetto del Servizio Civile Regionale

Dettagli

DISCIPLINA DEL RAPPORTO DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI

DISCIPLINA DEL RAPPORTO DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI DISCIPLINA DEL RAPPORTO DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI 1. Premessa La Regione e gli Enti titolari di progetto del Servizio Civile Regionale (di seguito SCR)

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, recante Nuove norme in materia di obiezione di coscienza, e successive modificazioni ed integrazioni; Vista la legge 6 marzo

Dettagli

Informacancro Sud IL PROGETTO. Settore ed area di intervento Educazione e Promozione culturale - Sportelli informativi

Informacancro Sud IL PROGETTO. Settore ed area di intervento Educazione e Promozione culturale - Sportelli informativi Informacancro Sud Informacancro Sud è un progetto di Servizio Civile Nazionale (SCN) gestito dall Ente FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) in partenariato con AIMaC

Dettagli

PROMEMORIA GESTIONE VOLONTARI

PROMEMORIA GESTIONE VOLONTARI CONFEDERAZIONE NAZIONALE MISERICORDIE D ITALIA Via dello Steccuto n. 38/40 50141 - FIRENZE PROMEMORIA GESTIONE VOLONTARI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 1 INDIRIZZO DELLA SEDE LOCALE DI PROGETTO Controllare

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali con delega alle Politiche Giovanili e al Servizio Civile Nazionale Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, recante Nuove norme in materia di obiezione di

Dettagli

Struttura Gestionale Centrale

Struttura Gestionale Centrale Città di Torino Ente iscritto all Albo Regionale e accreditato in 1^ classe -Codice NZ01512 Struttura Gestionale Centrale Ufficio Servizio Civile Città di Torino Via Garibaldi, 25-10122 Torino Tel. 011.01134873

Dettagli

DISCIPLINA DEI DOVERI DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE E DEL LORO RAPPORTO CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI

DISCIPLINA DEI DOVERI DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE E DEL LORO RAPPORTO CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI DISCIPLINA DEI DOVERI DEI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE E DEL LORO RAPPORTO CON GLI ENTI TITOLARI DEI PROGETTI CAPO I - DISCIPLINA DEL RAPPORTO TRA ENTI E GIOVANI STRANIERI E COMUNITARI COINVOLTI

Dettagli

DIRITTI E DOVERI DEI VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE

DIRITTI E DOVERI DEI VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE DIRITTI E DOVERI DEI VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE Dott. ssa Giulia CAGIATI dirigente UNSC Quello del servizio civile è un fenomeno che ha registrato un trend di crescita inaspettato nel corso degli anni.

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE FORMAZIONE OLP. Modulo 2 - l OLP nel progetto

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE FORMAZIONE OLP. Modulo 2 - l OLP nel progetto SERVIZIO CIVILE NAZIONALE FORMAZIONE OLP Modulo 2 - l OLP nel progetto La normativa vigente Che cosa è il Servizio Civile Nazionale? Quando e come nasce? Il Servizio Civile Nazionale (SCN) viene istituito

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Prontuario concernente la disciplina dei rapporti tra enti e volontari del servizio civile nazionale. (GU n. 70 del 25-3-2009 )

Prontuario concernente la disciplina dei rapporti tra enti e volontari del servizio civile nazionale. (GU n. 70 del 25-3-2009 ) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 4 febbraio 2009 Prontuario concernente la disciplina dei rapporti tra enti e volontari del servizio civile nazionale. (GU n. 70 del 25-3-2009 ) Il presidente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO NOTIZIE UTILI

SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO NOTIZIE UTILI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO NOTIZIE UTILI TESSERINI IDENTIFICATIVI Il giorno dell entrata in servizio ti verrà consegnato il badge per la rilevazione automatica delle presenze e il tesserino identificativo

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013 Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Permessi elettorali: guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it COMUNE DII SUNO

Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it COMUNE DII SUNO Tel. 0322885510 Fax 0322858042 COMUNE DI SUNO Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it www.comune.suno.novara.it GUIIDA AL LAVORO PER

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 La gestione dei permessi elettorali in vista delle elezioni amministrative 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, durante il corrente mese di

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Art. 3 Articolazione dell orario di lavoro settimanale Art. 4 Norme generali e modalità di rilevazione e controllo delle presenze

Art. 3 Articolazione dell orario di lavoro settimanale Art. 4 Norme generali e modalità di rilevazione e controllo delle presenze REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DELLE FERIE, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI SOMMARIO Art. 1 Finalità e ambito di intervento

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Versione 1.0 17/11/2009 Giustificativo Pagina 1 Aspettativa altra esperienza lavorativa 3 2 Aspettativa dottorato di ricerca e borse di studio

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

FAQ Assenze 1 - Ferie: Quanti sono i giorni di ferie che spettano ad un dipendente appartenente alla categoria delle Aree Professionali?

FAQ Assenze 1 - Ferie: Quanti sono i giorni di ferie che spettano ad un dipendente appartenente alla categoria delle Aree Professionali? FAQ Assenze 1 - Ferie: Quanti sono i giorni di ferie che spettano ad un dipendente appartenente alla categoria delle Aree Professionali? 20 giorni fino al 5 anno di servizio; 22 giorni per 3^ Area 4 livello

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE

FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE FERIE Nel corso di ogni anno solare il lavoratore ha diritto ad un periodo di ferie durante il quale decorre l' intero trattamento economico. La durata delle ferie e' stabilita

Dettagli

C O M U N E D I L U V I N A T E

C O M U N E D I L U V I N A T E C O M U N E D I L U V I N A T E P R O V I N C I A D I V A R E S E REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Definizioni:

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

CARTA DI IMPEGNO ETICO PER IL TIROCINIO FORMATIVO SERVIZIO CIVILE GIOVANI IMMIGRATI

CARTA DI IMPEGNO ETICO PER IL TIROCINIO FORMATIVO SERVIZIO CIVILE GIOVANI IMMIGRATI CARTA DI IMPEGNO ETICO PER IL TIROCINIO FORMATIVO SERVIZIO CIVILE GIOVANI IMMIGRATI CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il tirocinante nello svolgimento del tirocinio formativo è tenuto ad adottare un comportamento

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE

CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE PERMESSI PER I SEGGI ELETTORALI Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento

Dettagli

Guida pratica. A cura della Segreteria di Gruppo. Maternità e PATERNITA. I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo

Guida pratica. A cura della Segreteria di Gruppo. Maternità e PATERNITA. I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo Guida pratica A cura della Segreteria di Gruppo Maternità e PATERNITA I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo SOMMARIO GESTANTI: PERMESSI E DIRITTI... 4 Quando va comunicato lo

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Banca Fideuram S.p.A. SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Il documento è stato realizzato in collaborazione con la Fisac Cgil di Banca Fideuram 1 CONGEDO DI MATERNITÀ/PATERNITÀ:

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

Approvato con delibera di Giunta Unione n. 45 del 11/05/2011

Approvato con delibera di Giunta Unione n. 45 del 11/05/2011 SETTORE ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE Servizio Sviluppo del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38328 Fax 0545 38440 cavalluccif@unione.labassaromagna.it DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO,

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE Art. 1 (Segretario Generale) Il Segretario Generale è il capo del personale. Egli, oltre ad assolvere le mansioni stabilite dallo Statuto dell Unioncamere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico.

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico. 1) Titolo del progetto: Baby Parking in Ospedale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Educazione e Promozione Culturale Area: E 01 Centri di aggregazione

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO UN LAVORO di cura in regola... I diritti e i doveri dei collaboratori familiari e dei datori di lavoro Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO CHI BEN COMINCIA......lettera,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE INDICE CAPITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE, FINALITA, DESTINATARI pag. 2 Art. 2 - IL RUOLO DELLA FORMAZIONE pag.

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Settore Servizi alla Persona e Sviluppo Socio Economico Servizio Politiche del Lavoro e Coordinamento Provinciale Ufficio Inserimento Mirato Linee guida per la stipulazione tirocini

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A.

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015 Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. VISTO il CCNL 2006/2009 e successive modificazioni ed integrazioni Art.1 Riunione

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 96 del 30.12.2014 In vigore dal 01.01.2015 ART. 1 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

Pag. 1 di 5 A CHI SPETTA PARTO GEMELLARE O PLURIGEMELLARE NON SPETTA PRESCRIZIONE. Titolo: Congedo Parentale Lavoratori dipendenti

Pag. 1 di 5 A CHI SPETTA PARTO GEMELLARE O PLURIGEMELLARE NON SPETTA PRESCRIZIONE. Titolo: Congedo Parentale Lavoratori dipendenti Titolo: L indennità per congedo parentale è subordinata alla vivenza del bambino e alla sussistenza di un rapporto di lavoro in atto all inizio e durante il periodo di astensione facoltativa. A CHI SPETTA

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro

REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni si attribuisce il significato a fianco di ciascuno indicato:

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). C H I E D E

OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). C H I E D E OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). di poter usufruire dei seguenti periodi di: C H I E D E a) FERIE A.S..../... dal.../.../... al.../.../... gg.... dal.../.../... al.../.../...

Dettagli

COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA Piazza Matteotti, 12-20875 - PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA Tel. 039-699031 - Fax: 039-6080329

COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA Piazza Matteotti, 12-20875 - PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA Tel. 039-699031 - Fax: 039-6080329 COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA Piazza Matteotti, 12-20875 - PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA Tel. 039-699031 - Fax: 039-6080329 Selezione di N. 1 giovani per la realizzazione di percorsi formativi nel Comune

Dettagli

FERIE - PERMESSI - ASSENZE Normativa e modulistica inerente il personale con contratto a tempo indeterminato e determinato

FERIE - PERMESSI - ASSENZE Normativa e modulistica inerente il personale con contratto a tempo indeterminato e determinato Via Palermo, 14-721013 Ceglie Messapica (BR) Tel/Fax 0831 093024 Cellulare Segretario nazionale 3890862780 SEGRETERIA NAZIONALE FERIE - PERMESSI - ASSENZE Normativa e modulistica inerente il personale

Dettagli

o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO FAMILIARE O DI UNA COMUNITÀ STABILE SENZA FINE DI LUCRO.

o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO FAMILIARE O DI UNA COMUNITÀ STABILE SENZA FINE DI LUCRO. 13 01 2010 o E UN RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO; o LA PRESTAZIONE DEL LAVORATORE È FINALIZZATA AL FUNZIONAMENTO DELLA VITA FAMILIARE; o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO

Dettagli

Università degli Studi di Verona Direzione Studenti

Università degli Studi di Verona Direzione Studenti Università degli Studi di Verona Direzione Studenti Angelica La Face Responsabile U.O. Scuole di Specializzazione - Esami di Stato Medico-Chirurgo/Odontoiatra DIPLOMA FINALE TRASFERIMENTI ESAMI DI PROFITTO

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE

DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE Visto il protocollo d Intesa tra Regione Lombardia e ANCI Lombardia e la Nota a verbale del 23/04/2015 relativa al programma DoteComune 2015. Ciò premesso gli

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015 A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Il decreto legislativo 80/2015 «Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Articolo 1 Principi generali e definizioni 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA DISCIPLINA DELLE BORSE DI STUDIO PREMESSA ART. 1 NORME DI CARATTERE GENERALE

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA DISCIPLINA DELLE BORSE DI STUDIO PREMESSA ART. 1 NORME DI CARATTERE GENERALE 25124 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA DISCIPLINA DELLE BORSE DI STUDIO approvato con Deliberazione n. 154 del 10/3/2011 PREMESSA 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di selezione del

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni)

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono: Dovuto è il complesso teorico

Dettagli

NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI

NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI Premessa Si intendono lavori socialmente utili le attività che hanno per oggetto la realizzazione di opere e la fornitura

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli