Relazione specialistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione specialistica"

Transcript

1 Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore e calore Il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni non sono soltanto visioni dei nostri politici, ma, già da un punto di vista di interesse personale, sono gli obbiettivi di chi gestisce una caldaia. Con i moderni impianti per la produzione di energia e gli efficaci dispositivi di recupero del calore di scarto, le perdite si riducono al minimo. Troppo spesso, però, non vengono presi in considerazione gli effetti di influenza dinamici. Nel presente articolo si parlerà della riduzione dei costi di investimento e di esercizio per un generatore di vapore e di calore per il settore industriale e municipale fino ad una potenza di 55 t / h o 38 MW /unità. Programma di riscaldamento invece di una grande caldaia L attenta rilevazione della quantità di calore /vapore costituisce il fondamento di una qualsiasi ottimizzazione. Unità che vengono dimensionate con elevata potenza per coprire rari momenti di picco di avviamento? nelle fasi con carico leggero lavorano spesso in modo antieconomico e inquinante a causa delle frequenti disattivazioni /attivazioni dell impianto di combustione. Grazie ai programmi di riscaldamento e di avvio controllati in base al consumo, attraverso i quali si differenzia dal punto di vista dell orario tra utenze con diverse priorità, è possibile dimensionare il generatore di calore con una potenza inferiore. Allo stesso tempo viene anche ampliato il campo di regolazione per un avviamento economico delle fasi a carico leggero. La separazione del vapore di produzione e del riscaldamento dell edificio riduce i costi d esercizio L utenza di calore con il massimo livello di temperatura /pressione è determinante per la pressione di progetto del generatore di calore. Con l aumento della pressione di progetto crescono i costi dell intero impianto. Quindi, nella maggior parte dei casi è antieconomico se con l impianto di generazione di alta pressione e vapore orientato alla produzione si copre anche il fabbisogno di riscaldamento dell edificio. Il basso livello di temperatura e il fabbisogno di calore per riscaldamento al di fuori degli orari di produzione giustificano una produzione di calore separata.

2 2 Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore e calore In aggiunta vi sono possibili risparmi sui costi attraverso il monitoraggio e la sorveglianza per impianti con una temperatura massima di 110 C. In queste circostanze ha persino senso assegnare un proprio generatore di vapore ad una singola utenza con una pressione estremamente elevata e una quantità di calore proporzionalmente inferiore. Un carico estremamente piccolo richiede la suddivisione dell interno impianto Oltre alla sicurezza dell approvvigionamento, il divario tra il consumo minimo e massimo di calore è la ragione che porta a suddividere l intero impianto in diverse unità. Il fabbisogno di potenza minimo coincide spesso con il carico minimo di un unità, quindi ha senso una suddivisione della potenza adattata al carico leggero. In questo modo si evitano attivazioni e disattivazioni dell impianto di combustione che causano perdite e sono inquinanti, oltre a portare ad un usura anticipata dei componenti. Con impianti di grandi dimensioni il numero di unità è determinato dai limiti di potenza del generatore di calore. La suddivisione ottimale sarebbe in unità delle stesse dimensioni costruttive. Un ridotto numero di pezzi di ricambio e l intercambiabilità dei componenti sono ragioni sufficienti. Soltanto se con l unità più piccola così trovata non è possibile un esercizio economico con il carico minimo si dovrebbe ricorrere ad una unità a carico piccolo adattata. Per elevate esigenze di potenza le caldaie a doppio tubo focolare sono più economiche. La potenza di una caldaia a tubo focolare singolo è limitata a causa di possibilità e disposizioni costruttive. Bosch Industriekessel costruisce caldaie con tubo focolare singolo fino a potenze di circa 19 MW o 28 t /h. Per potenze complessive che non possono essere coperte con una singola caldaia è spesso più economico l impiego di una caldaia a doppio tubo focolare rispetto all uso di diverse caldaie con tubo focolare singolo. Motivi sufficienti per fare così sono le minori spese di installazione, manutenzione e verifica. Caldaia con doppio tubo focolare per il funzionamento singolo di entrambe gli impianti di combustione Dalla maggior parte delle centrali di approvvigionamento di calore viene richiesto un adattamento dinamico del carico in caso di forti oscillazioni di consumo. Per questa ragione si dovrebbero utilizzare caldaie a doppio tubo focolare che siano idonee e certificate per il funzionamento illimitato con bruciatore singolo. Queste caldaie a doppio tubo focolare non sono solo dotate di doppio camino, ma sono costruite in modo speciale anche per il caso di carico con funzionamento a tubo focolare singolo. Gli impianti di combustione sono completamente autonomi e possono essere azionati singolarmente o in parallelo. Tramite l attivazione e la disattivazione automatica del bruciatore in base al fabbisogno di calore con circuito sequenziale, per ogni unità caldaia è disponibile un campo di regolazione dal carico minimo di un bruciatore fino al carico massimo di entrambe i bruciatori in automatico. In questo modo il campo di regolazione modulante si raddoppia e la frequenza di attivazione del bruciatore a carico leggero si dimezza. L alimentazione combustibile continua attraverso un grande campo di regolazione garantisce un processo di trasferimento del calore ininterrotto e una circolazione dinamica dell acqua della caldaia. In caso di anomalie ad un impianto di combustione rimane sempre a disposizione un 50 % della potenza della caldaia (Figura 1). Una combinazione ottimale caldaia / bruciatore aumenta i vantaggi del cliente a costo 0 Per un determinato fabbisogno di calore il produttore di caldaie orientato verso i clienti offre diverse combinazioni di caldaia / bruciatore. Per trovare la combinazione caldaia /bruciatore con i maggiori vantaggi per il cliente è necessaria una ricerca delle alternative. Nella tabella 1 sono messi a confronto due tipi di caldaia per un fabbisogno di calore di kw, 90 / 70 C, riscaldate a metano. Con l impiego dei tipi di caldaia più grandi UT-L 16 con una prestazione massima di kw di potenza calorifica vi sono maggiori benefici per i clienti, grazie ai seguenti vantaggi: impiego di un bruciatore più piccolo potenza allacciata inferiore del motore bruciatore maggiore campo di regolazione del bruciatore ridotta frequenza di attivazione del bruciatore a carico leggero maggiore grado di rendimento della caldaia consumo di combustibile ridotto minori emissioni di inquinanti (NO x ) nel gas di scarico minori costi di investimento, perché il maggiore costo della caldaia è compensato dal minore costo del bruciatore Figura 1: caldaia a tre passaggi a tubi di fumo con doppio tubo focolare con condotti del gas di scarico separati per il funzionamento singolo del bruciatore e economiser integrato per il riscaldamento dell acqua di alimentazione.

3 Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore e calore 3 Tabella 1: raffronto tra due combinazioni di caldaia/bruciatore Combinazione di caldaia ad acqua riscaldata / bruciatore A B Tipo caldaia UT-L Potenza nominale kw Prestazione massima kw Prestazione massima mbar 7,5 5 Tipo di bruciatore necessario G 9 20 Motore del bruciatore kw 6,5 3 Campo di regolazione del bruciatore 1 : 3,9 1 : 5,6 Rendimento caldaia % 91,14 92,37 Quantità di combustibile m³/h Carico focolare spec. MW/m³ 1,77 1,08 Contenuto di NO x nei gas di scarico mg/m³ Costi di investimento Caldaia + bruciatore a gas % ,2 La scelta dei tipi di caldaia più grandi non sempre consente l impiego di un bruciatore più piccolo. Per questo conviene valutare anche le possibilità di una riduzione della potenza calorifica, in particolare con la suddivisione della potenza complessiva di impianti su più caldaie in diverse unità. Grafico 1: ottimizzazione del rendimento raggiungibile attraverso lo scambiatore di calore per il funzionamento a secco t A Coefficiente di efficienza (%) Aumento del coefficiente di efficienza 5 7 % Temperatura del gas combusto ( C) t A ECO III ECO II ECO I Senza ECO III ECO II ECO I Senza Carico %

4 4 Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore e calore Con gli scambiatori di calore si guadagna denaro L impiego di uno scambiatore di calore offre possibilità ideali per il risparmio energetico e il rispetto dell ambiente. Scambiatore di calore per un funzionamento a secco I generatori di vapore sono generalmente alimentati con acqua di alimentazione degasata con temperature di circa 103 C. La temperatura del gas di scarico sull uscita della caldaia si regola in base alla temperatura dell acqua della caldaia e del relativo carico caldaia. Per l ottimizzazione della prestazioni il calore del gas di scarico viene condotto nell acqua di alimentazione attraverso un economiser nel flusso del gas di scarico. Con le caldaie a vapore UNIVERSAL UL-S (sistema a tubo focolare singolo fino a 28 t /h) e ZFR (sistema a doppio tubo focolare fino a 55 t /h) con scambiatore di calore integrato l economiser è integrato nella camera a fumo ed è preinstallato pronto per essere collegato, ammesso che le dimensioni per il trasporto lo consentano. Quindi non è necessaria una fondazione supplementare e non serve nemmeno un montaggio sul posto. Per eventuali modifiche lo scambiatore di calore ECO Stand Alone può essere installato e collegato direttamente dietro la caldaia. Il tipo di funzionamento a secco è ideale per olio combustibile e metano, anche in combinazione con camini sensibili all umidità. Il superamento del punto di condensazione si può evitare tramite un dispositivo di regolazione della temperatura del gas di scarico. L economiser con carcassa, canali del gas di scarico ed eventualmente il silenziatore del gas di scarico possono essere realizzati in acciaio. Con gli economiser per il funzionamento a secco è possibile raggiungere gradi di rendimento della caldaia oltre il 95 % (Grafico 1). I boiler ad alta pressione per i sistemi di processo o riscaldamento remoto sono azionati generalmente con temperature di ricircolo del sistema superiori a 100 C, quindi è possibile utilizzare eventualmente uno scambiatore di calore per il funzionamento a secco. Facendo ciò viene generalmente condotto un flusso parziale dal ritorno attraverso lo scambiatore di calore per gas di scarico. I sistemi eco per il boiler ad alta pressione per la nuova caldaia sono integrati nella camera a fumo e per eventuali modifiche successive sono disponibili con installazione direttamente dietro la caldaia. Come dotazione opzionale possono disporre nell ECO e /o nel camino di un accessorio per la regolazione della temperatura sul lato acqua e /o gas di scarico per evitare il superamento del punto di condensazione. Il boiler per il riscaldamento diretto dell edificio viene azionato con il livello di temperatura più basso possibile. In base alla temperatura di ingresso /uscita della caldaia e al loro divario si ottengono le temperature medie dell acqua della caldaia, comprese tra C. Con caldaie che lavorano in modo economico sull uscita della caldaia si possono raggiungere temperature comprese tra C a pieno carico e tra C a carico piccolo. Le caldaie di riscaldamento per edifici vengono utilizzate alla massima potenza soltanto per qualche giorno all anno. Le massime ore di esercizio annuali rientrano nel campo di carico medio e basso. I gradi di rendimento della caldaia raggiungibili in questi campi a carico parziale arrivano già al %. Uno scambiatore di calore installato a valle per il funzionamento a secco riduce le temperature del gas di scarico fino a 75 C e garantisce un ulteriore aumento del grado di rendimento fino al 98 %. Scambiatore di calore per un funzionamento a umido I generatori di calore riscaldati a metano producono gas di scarico senza fuliggine e zolfo. Intanto è disponibile anche il combustibile a basso contenuto di zolfo rappresentato dall olio leggero (contenuto di zolfo max. 50ppm = 0,005 della percentuale del peso) che ha una combustione priva di residui simile al metano. Con questi fumi di scarico è possibile inoltre utilizzare il calore della condensazione come potenza di riscaldamento. Figura 2: Generatore di vapore con funzionamento a due livelli Economiser / condensatore gas di scarico; Risparmio di combustibile fino al 15% Economiser: preriscaldatore acqua di alimentazione caldaia per il tipo di funzionamento a secco. Condensatore gas di scarico: preriscaldatore acqua industriale / di reintegro per il tipo di funzionamento a umido. Moduli pompe di alimentazione Variante A Variante B Camino Condensatore gas di scarico Modulo condizionamento acqua Vapore Neutralizzazione della condensa Economiser Moduli pompe per il trasporto al dispositivo di scarico-detriti Caldaia a vapore Acqua di reintegro Acqua fredda

5 Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore e calore 5 Con i generatori di calore industriali, dopo l economiser per il funzionamento a secco per il riscaldamento dell acqua di alimentazione viene utilizzato un secondo scambiatore di calore in acciaio inox come condensatore dei fumi di scarico. Tutte le vie di scarico successive sono realizzate in acciaio inox e sono dotate di tubazioni di condensa resistenti alla corrosione. Un requisito per l impiego di una condensazione dei fumi di scarico è costituito da utenze con temperature basse. Esempio: con funzionamenti ad elevata produzione di acqua calda con utenze di vapore dirette, senza ritorno di condensa, l acqua di reintegro preparata chimicamente può essere riscaldata e /o si può produrre o preriscaldare acqua industriale (Figura 2). Per boiler ad alta pressione non si può utilizzare la condensa dei fumi di scarico, perché le temperature di ricircolo della rete sono nettamente al di sopra del punto di rugiada. Per l ottimizzazione delle prestazioni i boiler con riscaldamento a metano o riscaldamento a olio leggero a basso contenuto di zolfo possono essere eventualmente dotati di scambiatori di calore per gas di scarico per il funzionamento a umido (Figura 3). I circuiti di riscaldamento a bassa temperatura sono realizzati con scambiatori di calore in acciaio inox e provocano la condensa dei fumi di scarico. Il grado di rendimento della caldaia può essere aumentato in base alla temperatura di ricircolo fino a oltre il 105 %, in riferimento al valore inferiore di riscaldamento del combustibile (Grafico 2). Con un riscaldamento selezionabile con impianto di combustione a gas /olio lo scambiatore di calore viene dotato di bypass e valvola di regolazione su lato gas di scarico per bypassare lo scambiatore di calore in caso di olio combustibile contenente zolfo. Smaltimento della condensa Misurato con il valore del ph come grado di acidità per liquidi, la condensazione del gas di scarico prodotta dalla combustione del metano ha un valore compreso tra 2,8 e 4,9, mentre quella prodotta dalla combustione di olio leggero ha un valore del ph tra 1,8 e 3,7. Le temperature della condensa sono comprese tra 25 e 55 C. Per la neutralizzazione per gli impianti piccoli è utilizzato un filtro a dolomite rinnovabile, mentre per gli impianti grandi si utilizza un serbatoio con dispositivi di dosaggio per la soluzione di soda caustica. Con la scelta e il dimensionamento corretti del dispositivo di neutralizzazione è possibile rispettare i valori ammessi per l immissione nelle reti fognarie pubbliche. L immissione deve essere autorizzata dalle autorità competenti. Impianti multicaldaia con circuito sequenziale ottimizzante Il concetto dell impianto multicaldaia offre possibilità per migliorare il rendimento complessivo e per l ottimizzazione delle prestazioni. Viene preso come esempio un impianto multicaldaia per il riscaldamento di edifici. Rispetto ad un impianto a una caldaia sono necessari requisiti più elevati per il circuito idraulico e la tecnica di regolazione. Regolazione del circuito di riscaldamento Con la massima sicurezza di approvvigionamento le utenze richiedono il miglior adattamento possibile ai diversi fabbisogni di calore. Le quantità di calore oscillanti sono approntate al meglio con flussi di volume costanti e temperature variabili. Per questo negli impianti di riscaldamento sono utilizzati miscelatori a tre vie per l immissione di acqua di ricircolo nella mandata. La regolazione della temperatura di mandata del circuito di riscaldamento in funzione delle condizioni atmosferiche agisce sulle unità di comando del miscelatore a tre vie e alimenta l utenza con la temperatura media di riscaldamento richiesta proprio per una quantità di calore sufficiente. Figura 3: caldaia ad acqua surriscaldata a tubi di fumo con singolo tubo focolare, con principio a tre passaggi con scambiatore di calore

6 6 Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore e calore Grafico 2: curve del grado di rendimento per la caldaia ad acqua surriscaldata UNIMAT con mandata / ritorno caldaia 70 / 50 C 108 Campo di carico con le massime ore di esercizio annuali Unità di regolazione del circuito caldaia La caldaia ad acqua surriscaldata richiede come priorità la conservazione della temperatura minima di ricircolo per evitare superamenti del punto di rugiada. Per questo nei circuiti idraulici della caldaia sono utilizzati per esempio i miscelatori a tre vie per l immissione dell acqua di mandata nel ritorno (mantenimento della temperatura di ritorno). La quantità di calore da produrre da parte di una o più caldaie ad acqua surriscaldata viene aumentata o ridotta in base alla temperatura esterna, alla temperatura di mandata del sistema e al divario tra temperatura di mandata e di ritorno del sistema. Grado di rendimento della caldaia riferito a (H u ) % Se la quantità di calore della caldaia guida non è sufficiente, sono attivate in successione la pompa di circolazione caldaia e il bruciatore della caldaia a valle. La caldaia a valle viene innanzitutto riscaldata alla temperatura minima di ritorno nel circuito caldaia. Successivamente avviene il rilascio di calore nella mandata del sistema attraverso il miscelatore a tre vie (Figura 4). In caso di abbassamento del fabbisogno di calore avviene la riduzione della potenza del bruciatore. Per evitare attivazioni frequenti, l attivazione e la disattivazione del bruciatore sono ritardate (livelli). Portate Con il sistema idraulico di questo impianto multicaldaia attraverso le unità di regolazione del circuito caldaia si ottiene una portata primaria e attraverso le regolazioni del circuito di riscaldamento una portata secondaria che sono diverse tra loro e che si influenzano a vicenda. Tramite un lato primario e secondario rigido attivato in serie è possibile, ad esempio attraverso l afflusso del miscelatore del circuito di riscaldamento, portare a zero la portata primaria, in modo che non sia soddisfatta la richiesta di una portata minima per la caldaia ad acqua surriscaldata e un alimentazione continua del sensore di mandata per la serie di caldaie Rendimento globale normalizzato 95,9 % Carico caldaia % 1 caldaia senza scambiatore di calore 2 Caldaia con scambiatore di calore per un funzionamento a secco 3 Caldaia con scambiatore di calore per funzionamento a condensazione 3.1 Temperatura ingresso acqua 50 C 3.2 Temperatura ingresso acqua 40 C 3.3 Temperatura ingresso acqua 30 C 1 Compensatore idraulico Una soluzione assolutamente affidabile per questo problema è costituita dall impiego di un compensatore idraulico. In questo modo le portate del lato primario e secondario vengono perfettamente separate a livello idraulico, escludendo così un influenza reciproca. Con l assegnazione dell intera sonda di mandata sull uscita secondaria si garantisce un alimentazione alla sonda con la prima richiesta di calore. Le caldaie non in funzione vengono bloccate idraulicamente in base al regolamento dell impianto di riscaldamento. Ogni caldaia è alimentata con una portata approssimativamente costante. Le pompe di circolazione caldaia devono essere suddivise in base alla produzione nominale della caldaia ad acqua riscaldata. Lo scarico complessivo deve essere almeno di 1,1 volte, al massimo di 1,5 volte rispetto alla portata complessiva del circuito di riscaldamento. Regolazione Un funzionamento sicuro e la possibilità di ottimizzazione di un impianto multicaldaia richiedono l impiego di un potente sistema di regolazione. Oltre a soddisfare i compiti di regolazione per un perfetto funzionamento, si deve poter ottenere un basso consumo energetico con il minimo impatto ambientale. Il sistema di regolazione deve essere nella condizione di portare l impianto caldaia nel circuito sequenziale indipendentemente dalle condizioni atmosferiche (regolato sulla temperatura di mandata di rete o regolazione in base alla quantità di calore). Il controllo della caldaia ad acqua riscaldata, la regolazione e l attivazione e disattivazione del bruciatore e delle pompe di circolazione caldaia comprende la rispettiva unità di regolazione del circuito caldaia. Attraverso un sistema bus comune avviene il continuo scambio di dati dei singoli comandi caldaia BOILER CONTROL (BCO) per il sistema di gestione principale SYSTEM CONTROL (SCO), in modo che l impianto sia azionato automaticamente con la richiesta più elevata.

7 Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore e calore 7 Figura 4: impianto con caldaia ad acqua surriscaldata in funzione delle condizioni meteo con compensatore idraulico 1 2 SCO HW BCO BCO Temperatura esterna 2 Temperatura di afflusso di rete per il comando della serie di caldaie 3 Teleservice 4 Sistema di controllo centralizzato 5 Protezione temperatura di ritorno 6 Temperatura di mandata 7 Temperatura di ritorno 8 ECO/Temperatura di ingresso 9 Regolazione della potenza 10 Mantenimento della temperatura 11 ECO/Regolazione della temperatura di ingresso 12 Mandata 13 Ritorno Riassunto L ottimizzazione delle prestazioni comincia con un preciso rilevamento dei parametri di rendimento, quali la quantità di calore, la pressione e la temperatura. Sono importanti il fabbisogno massimo e il carico leggero. Per questo avviene un adeguata suddivisione in diverse unità caldaia con potenza adattata. Va definita la questione della separazione di calore per la produzione e per il riscaldamento. Con potenze elevate l impiego di caldaie con tubi da fumo con doppio tubo focolare offre vantaggi di ottimizzazione per il funzionamento singolo di entrambe gli impianti di combustione. La caldaia e il bruciatore vanno considerate unità funzionali separate, affinché il produttore della caldaia possa determinare una combinazione caldaia/bruciatore ottimale per le proprie esigenze. A seconda del combustibile disponibile è possibile utilizzare diversi sistemi di recupero del calore dei fumi di scarico. La migliore ottimizzazione della potenza si ottiene con lo sfruttamento della condensa dei fumi di scarico. Gli impianti multicaldaia, grazie all impiego di comandi a memoria programmabile, offrono versatili possibilità per l ottimizzazione del rendimento. Le caldaie ad acqua surriscaldata possono essere sfruttate al meglio in base alle condizioni atmosferiche se è stato selezionato il circuito idraulico corrispondente. Il progettista dell impianto ha diverse possibilità a disposizione per realizzare impianti per la produzione di calore con rendimento ottimizzato. Si dovrebbero fare considerazioni dettagliate soppesando le alternative sul piano energetico e dei materiali.

8 Impianti di produzione: Stabilimento di produzione 1 Gunzenhausen Bosch Industriekessel GmbH Nürnberger Straße Gunzenhausen Germania Stabilimento di produzione 2 Schlungenhof Bosch Industriekessel GmbH Ansbacher Straße Gunzenhausen Germania Stabilimento di produzione 3 Bischofshofen Bosch Industriekessel Austria GmbH Haldenweg Bischofshofen Austria Bosch Industriekessel GmbH Figure solo a titolo di esempio Con riserva di modifiche 04/2013 TT/SLI_it_FB-Planungsgrundsätze_02

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ZEUS Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili con boiler

ZEUS Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili con boiler 1 CARATTERISTICHE ZEUS Superior kw Pensili con boiler Nuova gamma di caldaie pensili a camera stagna e tiraggio forzato con bollitore in acciaio inox da 60 litri disponibili in tre versioni con potenza

Dettagli

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE Pagina. M 1 Cronotermostati M 3 Termostati.. M 4 Centraline climatiche M 4 Orologi M 6 Accessori abbinabili a centraline Climatiche e termoregolatori M 7 M 01

Dettagli

VICTRIX Superior kw VICTRIX Superior kw Plus

VICTRIX Superior kw VICTRIX Superior kw Plus Pensili a condensazione VICTRIX Superior kw è la caldaia pensile istantanea a camera stagna con potenzialità di 26 kw e 32 kw che, grazie alla tecnologia della condensazione, si caratterizza per l'elevato

Dettagli

Scheda Tecnica. Piramide Condensing K 28 S 130. Caldaie condensing. Basamento eco condensing. Rendimento SOL K 21 S 200. Dir.

Scheda Tecnica. Piramide Condensing K 28 S 130. Caldaie condensing. Basamento eco condensing. Rendimento SOL K 21 S 200. Dir. Caldaie condensing Basamento eco condensing Scheda Tecnica Rendimento Dir. 92/42/CEE Piramide Condensing K 28 S 130 SOL K 21 S 200 Piramide Condensing K 28 S 130 Piramide Condensing SOL K 21 S 200 Ogni

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

EOLO Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili istantanee

EOLO Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili istantanee Pensili istantanee EOLO Superior kw è la caldaia pensile istantanea a camera stagna e tiraggio forzato omologata per il funzionamento sia all'interno che all'esterno in luoghi parzialmente protetti; per

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Manuale - parte 1. Descrizione del generatore e istruzioni per l uso. Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima

Manuale - parte 1. Descrizione del generatore e istruzioni per l uso. Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima Manuale - parte 1 Descrizione del generatore e istruzioni per l uso Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima 230V - 50 Hz / 6,5 kw Icemaster Fischer Panda 25 20 10 10 10 since 1977 Icemaster

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti Soluzione 3 Dimensioni Nuova Sala Termica Cortina 30 ottobre 2013 agg. 12 Novembre 2013 agg. 18 Novembre 2013 Comune di Cortina d'ampezzo Provincia di Belluno 1,50 0,80 Pompa di Calore Aermec ANLI 021H

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

direttiva [ ecodesign ]

direttiva [ ecodesign ] Nuova direttiva [ ecodesign ] Direttiva 2009/125/EC A partire dal 01/01/2013, le importazioni di prodotti a bassa efficienza energetica SEER e SCOP saranno vietate in Europa La nuova direttiva è stata

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Impianti termici alimentati da biomasse

Impianti termici alimentati da biomasse SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE PUBBLICITÀ 70% - FILIALE DI NOVARA giugno 2011 40 PUBBLICAZIONE PERIODICA DI INFORMAZIONE TECNICO-PROFESSIONALE Impianti termici alimentati da biomasse Sommario Direttore

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

LE CENTRALI TERMICHE. Progettazione e realizzazione IL SEPARATORE IDRAULICO. Funzioni e caratteristiche. dicembre 1999

LE CENTRALI TERMICHE. Progettazione e realizzazione IL SEPARATORE IDRAULICO. Funzioni e caratteristiche. dicembre 1999 PUBBLICAZIONE PERIODICA DI INFORMAZIONE TECNICO-PROFESSIONALE LE CENTRALI TERMICHE Progettazione e realizzazione IL SEPARATORE IDRAULICO Funzioni e caratteristiche SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE PUBBLICITÀ

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Nuova tecnologia solare Beretta

Nuova tecnologia solare Beretta Nuova tecnologia solare Beretta Risparmio, energia e ambiente Detrazioni fiscali del 55% Nei casi contemplati dalla normativa. 1 Beretta Clima: i professionisti del solare Beretta Clima, specializzata

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 BORA Professional BORA Classic BORA Basic Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 Progettazione d avanguardia Aspirazione efficace dei vapori nel loro punto d origine BORA Professional Elementi da

Dettagli

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 -

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - La gaa più completa di Sistemi VRF Esclusivo compressore HITACHI SCROLL ad Alta Pressione, garanzia di elevata resa e grande affidabilità nel tempo Scambiatori di calore

Dettagli

Riscaldare con il calore naturale

Riscaldare con il calore naturale Riscaldare con il calore naturale 2/3 Pompe di calore: riscaldare e raffrescare con il calore naturale L obiettivo di questo documento è fornire una panoramica completa sulle possibilità di riscaldare

Dettagli

Tutto sulle sonde lambda

Tutto sulle sonde lambda www.beru.com Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

PAGLIARDINIASSOCIATI. SistemaVMF. Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi

PAGLIARDINIASSOCIATI. SistemaVMF. Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi PAGLIARDINIASSOCIATI * SistemaVMF Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi Sommario VMF. Sistema Variable Multi Flow...3 Componenti principali del sistema VMF...5 Ventilconvettori con nuovi

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente SOLARE BIOMASSA POMPE DI CALORE CONDENSAZIONE Alezio POMPA DI CALORE ARIA/ACQUA EASYLIFE Facilità di utilizzo: da oggi è possibile! >> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >>

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli