Le basi del linguaggio Java

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le basi del linguaggio Java"

Transcript

1 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1

2 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del linguaggio naturale Conoscenza delle varie fasi della scrittura di un programma, fino alla sua esecuzione Introduzione alla programmazione strutturata Concetto di variabile Le basi del linguaggio Java 2

3 Contenuti Sintassi e semantica Introduzione alla sintassi di Java Introduzione alla semantica di Java semantica delle espressioni semantica delle istruzioni Sintassi, semantica ed errori Introduzione alle istruzioni di Java Le basi del linguaggio Java 3

4 Obiettivi (competenze da acquisire) Al termine dell unità didattica lo studente sarà in grado di Individuare gli errori presenti in un programma Leggere le informazioni sugli errori, che si hanno in fase di compilazione Distinguere gli errori sintattici dagli errori semantici Le basi del linguaggio Java 4

5 Linguaggi naturali... Per definire un linguaggio naturale si parte dalla definizione di un alfabeto in italiano ci sono 21 lettere, in inglese 26,... Con i caratteri dell alfabeto possiamo formare un insieme di sequenze, dette parole Non tutte le sequenze sono parole del linguaggio naturale La grammatica del linguaggio fornisce le regole per decidere quali sequenze sono parole del linguaggio parole corrette grammaticalmente Le basi del linguaggio Java 5

6 ... Linguaggi naturali Con le lettere dell alfabeto italiano possiamo costruire alcune sequenze ad esempio abcdef, ghil, rst - che non sono parole della lingua italiana ad esempio andare, aula, corso, acqua, soqquadro, - che sono parole della lingua italiana, cioè corrette grammaticalmente Le basi del linguaggio Java 6

7 ... Linguaggi naturali Con le parole, corrette, possiamo formare un insieme di parole, dette frasi Non tutte le sequenze sono frasi del linguaggio naturale La sintassi del linguaggio fornisce le regole per decidere quali sequenze sono frasi del linguaggio frasi corrette sintatticamente, o sintatticamente ben formate Le basi del linguaggio Java 7

8 ... Linguaggi naturali In italiano la regola base della sintassi dice che le frasi sono costruite con sequenze di parole che seguono la struttura soggetto verbo complemento soggetto, verbo e complemento non sono altro che dei nomi, cioè denotano, alcuni particolari e ben precisi sottoinsiemi dell insieme di tutte le parole del linguaggio. Ad esempio la sequenza di parole il lo la non è quindi una frase della lingua italiana ad esempio la sequenza di parole gatto mangia topo è una frase della lingua italiana, ovvero è sintatticamente ben formata Le basi del linguaggio Java 8

9 ... Linguaggi naturali Solo alcune delle frasi del linguaggio, cioè di quelle ben formate sono anche valide, cioè hanno un significato La semantica del linguaggio stabilisce quali tra le frasi ben formate sono anche valide e quindi si occupa dell interpretazione (del significato) delle frasi ad esempio la frase il gatto mangia il topo è una ben formata ma è anche valida, cioè ha un significato Le basi del linguaggio Java 9

10 Sintassi La sintassi di un linguaggio si occupa della forma delle frasi del linguaggio, ovvero delle regole che permettono di costruire frasi ben formate del linguaggio Esempio di frase in italiano il gatto mangia il topo Frammento della sintassi della lingua italiana frase soggetto verbo complemento soggetto articolo nome verbo mangia, beve complemento articolo nome articolo il, lo, la nome gatto, monte, topo Le basi del linguaggio Java 10

11 Semantica La semantica di un linguaggio si occupa dell interpretazione del linguaggio, ovvero del significato delle frasi corrette sintatticamente Esempio di frasi corrette sintatticamente in italiano, ma non tutte valide il gatto mangia il topo il topo mangia il monte il cane mangia il topo il monte beve il cane Le basi del linguaggio Java 11

12 Regole sintattiche... Le regole della sintassi sono chiamate regole di produzione, come nell esempio precedente Nelle regole di produzione compaiono elementi (simboli) terminali, come - mangia, beve, il, lo, la, gatto, monte, topo - ed elementi (simboli) non-terminali, come frase, soggetto, verbo,. che sono categorie sintattiche cioè nomi che denotano insiemi di simboli terminali Una fissata categoria sintattica, detta assioma, è quella dalla quale deve partire il processo di produzione Nel caso della lingua italiana l assioma è frase Le basi del linguaggio Java 12

13 ... Regole sintattiche frase soggetto verbo complemento soggetto articolo nome verbo mangia, beve complemento articolo nome articolo il, lo, la nome gatto, monte, topo Una fissata categoria sintattica, detta assioma, è quella dalla quale deve partire il processo di produzione Nel caso della lingua italiana l assioma è frase Le basi del linguaggio Java 13

14 Sintassi, semantica e linguaggi Un programma è un insieme di frasi in un linguaggio di programmazione quali sono le frasi valide in un linguaggio di programmazione? qual è il significato delle frasi valide? Nello studio dei linguaggi (linguaggi naturali e linguaggi di programmazione) vengono distinte due componenti la sintassi del linguaggio si occupa della forma delle frasi del linguaggio, per formare le frasi ben formate la semantica del linguaggio stabilisce quali tra le frasi ben formate sono anche valide si occupa dell interpretazione (del significato) delle frasi valide Le basi del linguaggio Java 14

15 Introduzione alla sintassi di Java La sintassi di Java si occupa della formazione di frasi valide in Java, mediante la formalizzazione delle regole sintattiche la definizione di una classe è formata dalla parola class, seguita dal nome della classe e dal corpo della classe il nome di una classe è un identificatore un identificatore è una sequenza non vuota di caratteri alfanumerici, iniziante per un carattere alfabetico il corpo di una classe è formato da un elenco di dichiarazioni della classe, racchiuso tra parentesi graffe { e } possibili dichiarazioni di una classe sono: la definizione di un metodo, la definizione di un costruttore, la dichiarazione di una variabile la definizione di un metodo è formata dall intestazione del metodo seguita dal corpo del metodo il corpo di un metodo è un blocco un blocco è una sequenza di istruzioni e dichiarazioni racchiusa tra parentesi graffe { e } Le basi del linguaggio Java 15

16 Sintassi e grammatiche La sintassi di Java è descritta da una grammatica composta da elementi terminali le parole e i simboli che possono comparire nei programmi class public., ; { } a b c d elementi non terminali le categorie sintattiche, utilizzate per la descrizione dei programmi ma che non compaiono nei programmi definizione-classe identificatore corpo-classe definizione-metodo blocco sequenza-istruzioni-blocco istruzione produzioni (o regole sintattiche) le regole che specificano come sia possibile derivare frasi da ciascun non terminale assioma l elemento non terminale che guida la scrittura di un intero programma o classe Le basi del linguaggio Java 16

17 Esempi di produzioni definizione-classe: class identificatore-classe corpo-classe corpo-classe: { dichiarazioni-corpo-classe opt } dichiarazioni-corpo-classe: dichiarazione-corpo-classe dichiarazione-corpo-classe dichiarazioni-corpo-classe dichiarazione-corpo-classe: definizione-metodo definizione-costruttore dichiarazione-variabile definizione-metodo: intestazione-metodo corpo-metodo corpo-metodo: blocco blocco: { sequenza-istruzioni-blocco opt } Le basi del linguaggio Java 17

18 Produzioni definizione-classe: class identificatore-classe corpo-classe la prima riga di una produzione contiene un non terminale la produzione ha lo scopo di descrivere le possibili forme per questo non terminale nelle righe successive alla prima vengono descritti i possibili modi per espandere il non terminale questa produzione afferma che una definizione-classe è formata dal terminale class, seguito da un identificatore-classe e da un corpo-classe le forme per identificatore-classe e corpo-classe sono descritte dalle rispettive produzioni Le basi del linguaggio Java 18

19 Alcuni elementi sintattici nella definizione di una classe identificatore-classe definizione-classe /* Applicazione che visualizza una frase sullo schermo. */ class ScrittoreSulloSchermo { public static void main(string[] args) { System.out.println("ciao a tutti"); System.out.println("questo testo introduce"); System.out.println("i fondamenti dell'informatica"); } } corpo-classe definizione-metodo Le basi del linguaggio Java 19

20 Alcuni elementi sintattici nella definizione di un metodo intestazione-metodo definizione-metodo public static void main(string[] args) { System.out.println("ciao a tutti"); System.out.println("questo testo introduce"); System.out.println("i fondamenti dell'informatica"); } corpo-metodo blocco sequenza-istruzioni-blocco istruzione-blocco istruzione Le basi del linguaggio Java 20

21 Esempio identificatori I nomi delle classi, dei metodi e delle variabili appartengono alla categoria grammaticale degli identificatori alcuni esempi di identificatori Math, println, frase, sqrt, RadiceQuadrata System.out non è un identificatore La regola (informale) per la formazione degli identificatori è un identificatore è una sequenza non vuota di caratteri alfanumerici (alfabetici e numerici), iniziante con un carattere alfabetico in realtà, sono ammessi anche alcuni caratteri speciali, come il carattere underscore _ alcune sequenze di caratteri sono riservate come ad esempio class e public non sono identificatori l uso dei caratteri minuscoli e maiuscoli è significativo ad esempio, alfa e Alfa sono identificatori diversi Le basi del linguaggio Java 21

22 Sintassi per gli identificatori identificatore: sequenza-caratteri ma non parola-chiave sequenza-caratteri: carattere-alfabetico sequenza-caratteri carattere-alfanumerico carattere-alfanumerico: carattere-alfabetico cifra carattere-alfabetico: uno di a à b c... x y z A À B C... X Y Z cifra: uno di parola-chiave: uno di abstract boolean break byte case catch char class const continue default do double else extends final finally float for goto if implements import instanceof int interface long native new package private protected public return short static super switch synchronized this throw throws transient try void volatile while Le basi del linguaggio Java 22

23 Introduzione alla semantica di Java La semantica di un linguaggio stabilisce quali sono le frasi valide tra quelle ben formate la sintassi è uno strumento troppo povero si occupa dell interpretazione (del significato) delle frasi valide legame stretto tra sintassi e semantica Le basi del linguaggio Java 23

24 Frasi ben formate e frasi valide Una istruzione valida System.out.println("ciao a tutti"); Una istruzione ben formata ma non valida System.out.stampa("ciao a tutti"); Una istruzione che non è ben formata System.out.println("ciao a tutti"; la sintassi caratterizza le frasi ben formate le frasi valide sono un sottoinsieme delle frasi ben formate i tipi rivestono un ruolo importante nel discriminare tra frasi valide e no Le basi del linguaggio Java 24

25 Semantica di una frase La semantica di una frase dipende anche dal tipo della frase la semantica di una espressione viene data in termini di un tipo e di un valore la semantica di una istruzione viene data in termini dell effetto dell esecuzione dell istruzione in modo diverso per istruzioni semplici e istruzioni strutturate Le basi del linguaggio Java 25

26 Semantica delle espressioni a + b è una espressione ben formata è anche valida se (ad esempio) a e b sono variabili di tipo int alle variabili a e b è stato già assegnato un valore in questo caso è una espressione di tipo int Semantica statica controllata durante l analisi statica del codice (dal compilatore) assegna un tipo a ogni espressione Semantica dinamica valutata durante l esecuzione dinamica del codice assegna un valore a ogni espressione il valore di a+b è dato dal valore di a sommato a quello di b è noto solo durante l esecuzione Le basi del linguaggio Java 26

27 Semantica delle istruzioni somma = a + b; è una istruzione ben formata è anche valida se (ad esempio) a, b e somma sono variabili di tipo int alle variabili a e b è stato già assegnato un valore Semantica statica principalmente compatibilità tra tipi Semantica dinamica in questo caso valuta l espressione a+b memorizza il valore calcolato nella variabile somma Le basi del linguaggio Java 27

28 Semantica delle istruzioni semplici System.out.println("ciao a tutti"); Semantica statica esiste l oggetto System.out? qual è il tipo dell oggetto System.out? per il tipo dell oggetto System.out esiste una operazione di nome println che ha come parametro una stringa? Semantica dinamica invia il messaggio println("ciao a tutti") all oggetto System.out poi System.out sa che cosa fare... Le basi del linguaggio Java 28

29 Semantica delle istruzioni strutturate La semantica di Java si occupa anche della semantica delle istruzioni strutturate (istruzioni che al loro interno contengono altre istruzioni) while (i<=n) { } somma = somma + i; i = i + 1; la semantica delle istruzioni strutturate viene data in termini di esecuzioni delle istruzioni contenute valutazioni delle condizioni di controllo Le basi del linguaggio Java 29

30 Sintassi, semantica ed errori Possibili errori di programmazione la frase non è ben formata errori sintattici o grammaticali la frase è ben formata ma non è valida errori semantici errori di semantica statica ed errori di semantica dinamica la frase è valida ma il suo significato è diverso da quello voluto errori logici Le basi del linguaggio Java 30

31 Errori sintattici System.out.println(ciao a tutti); // ERRORE: mancano le virgolette System.out println("ciao a tutti"); a = 10, // ERRORE: manca un punto // ERRORE: virgola al posto di punto e virgola Gli errori sintattici sono riconosciuti e segnalati dal compilatore Le basi del linguaggio Java 31

32 Errori semantici System.out.stampa("ciao a tutti"); // ERRORE: il metodo stampa non è definito system.out.println("ciao a tutti"); // ERRORE: system.out non è un // riferimento valido Gli errori semantici sono di due tipi errori di semantica statica riconosciuti e segnalati dal compilatore (come i due errori mostrati qui sopra) errori di semantica dinamica possono verificarsi durante l esecuzione del programma (non sono riconosciuti dal compilatore) Le basi del linguaggio Java 32

33 Errori logici System.out.print("ciao a tutti"); // ERRORE: andava usato il metodo println doppiodin = n+2; // ERRORE: + anziché * Gli errori logici non sono riconosciuti dal compilatore, e possono verificarsi durante l esecuzione del programma Le basi del linguaggio Java 33

34 Introduzione alle istruzioni di Java Una applicazione Java, nella sua forma più semplice eventuale clausola di importazione commento sull applicazione /* Applicazione che visualizza una frase sullo schermo. */ class ScrittoreSulloSchermo { public static void main(string[] args) { System.out.println("ciao a tutti"); System.out.println("questo testo introduce"); System.out.println("i fondamenti dell'informatica"); } } nome dell applicazione sequenza di istruzioni e dichiarazioni il corpo del metodo main è una sequenza di istruzioni e dichiarazioni Le basi del linguaggio Java 34

35 Una classificazione delle principali istruzioni di Java istruzione o dichiarazione dichiarazione variabile locale istruzione istruzione semplice istruzione strutturata istruzione espressione istruzione return istruzione break istruzione continue istruzione vuota blocco istruzione condizionale istruzione ripetitiva istruzione assegnazione istruzione invocazione di metodo istruzione di incremento o decremento istruzione creazione di oggetto istruzione if istruzione if-else istruzione while istruzione for istruzione do-while Le basi del linguaggio Java 35

36 Una classificazione delle principali istruzioni di Java Dichiarazioni Istruzioni di variabili, locali a un metodo istruzioni semplici invocazione di metodo, assegnazione,... istruzioni atomiche istruzioni strutturate blocco, istruzioni condizionali, istruzioni ripetitive istruzioni non atomiche, molecolari sono istruzioni di controllo Le basi del linguaggio Java 36

37 Riepilogo della dispensa Le basi del linguaggio Java 37

38 Conoscenze acquisite Analogia tra il linguaggio naturale e il linguaggio di programmazione Modalita di generazione delle regole grammaticali in un linguaggio Le basi del linguaggio Java 38

39 Competenze acquisite Saper individuare gli errori presenti in un programma Saper leggere le informazioni sugli errori, che si hanno in fase di compilazione Saper distinguere gli errori sintattici dagli errori semantici Le basi del linguaggio Java 39

40 Parole chiave Alfabeto, grammatica, frase, sintassi, semantica Frase ben formata, frase valida Categoria sintattica, produzioni, assioma, parole chiave Errori sintattici, semantici, logici Le basi del linguaggio Java 40

41 Rifermimenti al libro di testo Capitolo 6 Le basi del linguaggio Java 41

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 09 Linguaggi Sintassi e Semantica Alfonso Miola Ottobre 2009 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ Linguaggi - Sintassi e Semantica

Dettagli

Linguaggi Sintassi e Semantica

Linguaggi Sintassi e Semantica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 4 Linguaggi Sintassi e Semantica Alfonso Miola Settembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Linguaggi - Sintassi

Dettagli

Università degli studi Roma Tre. linguaggio Java. A cura di A. Orlandini. Linguaggi: Sintassi e Semantica - Il. Il linguaggio Java

Università degli studi Roma Tre. linguaggio Java. A cura di A. Orlandini. Linguaggi: Sintassi e Semantica - Il. Il linguaggio Java Università degli studi Roma Tre Linguaggi: Sintassi e Semantica Il A cura di A. Orlandini 1 Obiettivi Distinguere la sintassi dalla semantica di un linguaggio Conoscere le convenzioni del meta-linguaggio

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Dispensa 07. Oggetti e Java. Marzo Programmazione Java 1

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Dispensa 07. Oggetti e Java. Marzo Programmazione Java 1 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 07 Oggetti e Java Marzo 2010 Programmazione Java 1 Contenuti Il linguaggio Java Applicazioni Java e il metodo main Esempi di applicazioni

Dettagli

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER

Dettagli

Riassunto. I mattoni di base di un programma Java. Oggi. Un programma complicato. Oggi. Perché è complicato? Stefano Mizzaro 1.

Riassunto. I mattoni di base di un programma Java. Oggi. Un programma complicato. Oggi. Perché è complicato? Stefano Mizzaro 1. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 28 settembre

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Anno Accademico Francesco Tortorella Struttura di un programma C++ // Programma semplice in C++ #include int main() { cout

Dettagli

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato.

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 1 ottobre

Dettagli

Programmazione ad Oggetti. Java Parte II

Programmazione ad Oggetti. Java Parte II Programmazione ad Oggetti Java Parte II Overview Caratteristiche lessicali Il primo programma Java 1 Commenti /* Commento tradizionale, eventualmente su più linee, non nidificato */ // Commento su di una

Dettagli

Il paradigma di programmazione a oggetti

Il paradigma di programmazione a oggetti Il paradigma di Paradigma a oggetti Il paradigma di Corso di laurea in Comunicazione digitale Formalizza mediante le classi il concetto di modulo che incapsula i dati e le procedure per modificarli Le

Dettagli

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Riassunto. Comandi Unix. Oggi. Blog & Group.

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Riassunto. Comandi Unix. Oggi. Blog & Group. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 2 8 ottobre

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica - Programma Un programma è una formulazione

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Le basi del linguaggio Java Compilazione e interpretazione Quando si compila il codice sorgente scritto in Java, il compilatore genera il codice compilato, chiamato bytecode. È un codice generato per una

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Indice. Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java. Compilazione ed esecuzione di un programma

Indice. Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java. Compilazione ed esecuzione di un programma Indice Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java Introduzione all ambiente di sviluppo - Compilazione ed esecuzione di un programma - Compilazione ed esecuzione

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso Obiettivi Di seguito vengono riportate una serie di domande che possono essere poste durante la prova formale del corso. Le seguenti domande non sono da ritenersi esaustive ma esemplificative. 1. Architettura

Dettagli

La sintassi del C APPENDICE H

La sintassi del C APPENDICE H APPENDICE H La sintassi del C Nella notazione della sintassi utilizzata, le categorie sintattiche (non terminali) sono state indicate da uno stile tipografico in corsivo, mentre le parole letterali e i

Dettagli

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Programmazione M-Z Ingegneria e Scienze Informatiche - Cesena A.A. 2016-2017 Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Pietro Di Lena - pietro.dilena@unibo.it s t a t i c s h o r t l e g s ; i n

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Indice. Prefazione. 3 Oggetti e Java 53

Indice. Prefazione. 3 Oggetti e Java 53 Prefazione xv 1 Architettura dei calcolatori 1 1.1 Calcolatori e applicazioni 1 1.1.1 Alcuni esempi di applicazioni 3 1.1.2 Applicazioni e interfacce 4 1.2 Architettura dei calcolatori 7 1.2.1 Hardware

Dettagli

Introduzione a Java. Riferimenti

Introduzione a Java. Riferimenti Introduzione a Java Si ringraziano Massimiliano Curcio e Matteo Giacalone 1: Introduction 1 Riferimenti! Java tutorial: http://java.sun.com/docs/books/tutorial/! Il Java tutorial è parte di una più ampia

Dettagli

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 6 - Blocchi e cicli Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 06 Programmazione Java Alfonso Miola Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ Programmazione Java 1 Contenuti Il

Dettagli

Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java

Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java Argomenti Trattati: Un semplice programma Java: Presentazione di un primo Esempio; Introduzione alla struttura; Compilazione ed esecuzione. Argomenti

Dettagli

La velocità di una carovana

La velocità di una carovana Programmazione A.A. 2002-03 I linguaggio Java ( Lezione X, Parte I ) Il primo programma Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA2 2.1- Funzioni 1 Prerequisiti Programmazione elementare in Java Tecnica top-down Concetto matematico di funzione Compilazione e link di programmi Esecuzione di funzioni

Dettagli

Definizione di metodi

Definizione di metodi Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 9 Definizione di metodi Carla Limongelli Novembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Definizione di metodi 1 Contenuti

Dettagli

Il linguaggio C. Prof. E. Occhiuto INFORMATICA 242AA a.a. 2010/11 pag. 1

Il linguaggio C. Prof. E. Occhiuto INFORMATICA 242AA a.a. 2010/11 pag. 1 Il linguaggio C I linguaggi di programmazione ad alto livello sono linguaggi formali ( sintassi e semantica formalmente definite) però sono compatti e comprensibili. Le tipologie di linguaggi sono: procedurali

Dettagli

Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore)

Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore) Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore) Macchina astratta: un linguaggio di programmazione trasforma un calcolatore in una macchina

Dettagli

Introduzione Programmazione Java

Introduzione Programmazione Java Introduzione Programmazione Java Paolo Tomeo paolo.tomeo@poliba.it Regole basilari Java è case sensitive quindi prestare attenzione alle maiuscole Il commento si inserisce con // all'inizio della linea

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo

Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Linguaggi di programmazione Un linguaggio formale disegnato per descrivere la computazione Linguaggi ad alto livello C, C++, Pascal, Java,

Dettagli

Programmazione a oggetti

Programmazione a oggetti Programmazione a oggetti Quanti oggetti, tra di loro parlando, fanno programmi. Pilu Crescenzi piluc@dsi.unifi.it Università di Firenze Programmazione a oggetti p.1/32 Cosa è un oggetto Una scatola software

Dettagli

Descrizione delle operazioni di calcolo. Espressioni costanti semplici

Descrizione delle operazioni di calcolo. Espressioni costanti semplici Descrizione delle operazioni di calcolo Come abbiamo detto l interprete è in grado di generare nuovi valori a partire da valori precedentemente acquisiti o generati. Il linguaggio di programmazione permette

Dettagli

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap > Struttura di una classe > Costruttore > Riferimento

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C++

Introduzione alla programmazione in C++ Introduzione alla programmazione in C++ Fondamenti di Informatica Roberto BASILI Marzo, 2007 La Programmazione Programmare significa: Determinare la natura del problema (analisi) Definire una decomposizione

Dettagli

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 9 - Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

3) Descrivere l architettura di un elaboratore tramite astrazione a livelli

3) Descrivere l architettura di un elaboratore tramite astrazione a livelli Di seguito sono elencati una serie di domande tipo esonero ; i quiz vogliono dare un sistema di autovalutazione e di confronto allo studente che deve prepararsi alla prova di metà corso. Il numero e l

Dettagli

Istruzioni Condizionali

Istruzioni Condizionali Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 6 Istruzioni Condizionali Carla Limongelli Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Istruzioni condizionali

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica Capitolo 4 Traduzione ed esecuzione di programmi Ottobre 2006 Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente

Dettagli

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Cosa è il C++ E un linguaggio di programmazione derivato dal C Può essere usato per modificare il SO Unix e i suoi derivati (Linux)

Dettagli

Esonero di Informatica I. Ingegneria Medica

Esonero di Informatica I. Ingegneria Medica Di seguito sono elencati una serie di domande tipo esonero ; i quiz vogliono dare un sistema di autovalutazione e di confronto allo studente che deve prepararsi alla prova di metà corso. Il numero e l

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzione condizionale switch Istruzioni di salto break e continue Uso di variabili di tipo boolean Variabili di tipo array (monodimensionali)

Dettagli

JavaScript Core Language. Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132

JavaScript Core Language. Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132 JavaScript Core Language Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132 Condizioni L utilizzo di operatori relazionali e logici consente di formulare delle condizioni

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1

Fondamenti di Informatica T-1 Fondamenti di Informatica T-1 Introduzione al linguaggio Java - Input/Output, Variabili, Tipi Tutor: Allegra De Filippo allegra.defilippo@unibo.it a.a. 2015/2016 Fondamenti di Informatica T-1 Allegra De

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1. Introduzione al linguaggio Java Input/output, variabili, tipi

Fondamenti di Informatica T-1. Introduzione al linguaggio Java Input/output, variabili, tipi Introduzione al linguaggio Java Input/output, variabili, tipi 2 Programmi e linguaggi Algoritmo sequenza finita di passi per risolvere in un tempo finito un problema Linguaggio di programmazione notazione

Dettagli

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Programmazione I e Laboratorio Corso di Laurea in Informatica A.A. 2016/2017 Calendario delle lezioni Lez. 1 Lez. 2 Lez. 3 Lez. 4 Lez. 5 Lez. 6 Lez. 7

Dettagli

Programmazione, 4 a lezione

Programmazione, 4 a lezione Programmazione, 4 a lezione Eugenio Omodeo Dipartimento di Matematica e Informatica, Università degli Studi di Trieste. Trieste, 5.10.2010 Sintassi e Semantica Lessico Sintassi di dato primitivi di dato

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Sintassi e Semantica: Convenzioni di Stile versione 1.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C: introduzione La presente dispensa e da utilizzarsi

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 07 Traduzione ed esecuzione di programmi Carla Limongelli Ottobre 2011 Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Prerequisiti Architettura

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA C Linguaggio Java: Eccezioni

FONDAMENTI DI INFORMATICA C Linguaggio Java: Eccezioni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria CORSO DI FONDAMENTI DI INFORMATICA C Linguaggio Java: Eccezioni Prof. Zambonelli, Ing. Cabri, Ing. Denti, Ing. Andrea Aime Zambonelli,

Dettagli

Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo)

Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Selezione di prove di esame al calcolatore Esercizio 1 (esame del 13/01/2006) La classe Matrice definisce oggetti che rappresentano matrici

Dettagli

Keywords abstract default if private this boolean do implements protected throw extends null**

Keywords abstract default if private this boolean do implements protected throw extends null** Keywords abstract default if private this boolean do implements protected throw extends null** *boolean literals ** null literal break double import public throws byte else instanceof return transient

Dettagli

LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO. Si basano su una macchina virtuale le cui mosse non sono quelle della macchina hardware

LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO. Si basano su una macchina virtuale le cui mosse non sono quelle della macchina hardware LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO Si basano su una macchina virtuale le cui mosse non sono quelle della macchina hardware 1 LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO Barriera di astrazione Fortran Cobol Basic Pascal Python C

Dettagli

Unità Didattica 2 I Linguaggi di Programmazione

Unità Didattica 2 I Linguaggi di Programmazione Unità Didattica 2 I Linguaggi di Programmazione 1 Linguaggio naturale e linguaggio macchina La comunicazione uomo-macchina avviene attraverso formalismi che assumono la forma di un linguaggio. Caratteristiche

Dettagli

Principi di Progettazione del Software a.a

Principi di Progettazione del Software a.a Principi di Progettazione del Software a.a. 2017-2018 Fondamenti di Java Ing. Obiettivi della lezione Introduzione alla programmazione Object Oriented Ereditarietà Polimorfismo Interfacce Eccezioni 2 1

Dettagli

Introduzione alla programmazione

Introduzione alla programmazione Introduzione alla programmazione Risolvere un problema Per risolvere un problema si procede innanzitutto all individuazione Delle informazioni, dei dati noti Dei risultati desiderati Il secondo passo consiste

Dettagli

I Linguaggi di Programmazione

I Linguaggi di Programmazione I Linguaggi di Programmazione 1 Linguaggio naturale e linguaggio macchina La comunicazione uomo-macchina avviene attraverso formalismi che assumono la forma di un linguaggio. Caratteristiche del Linguaggio

Dettagli

LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO

LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO Si basano su una macchina virtuale le cui mosse non sono quelle della macchina hardware 1 LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO Barriera di astrazione C Fortran Modula-2 Cobol Algol Basic

Dettagli

Definizione di metodi in Java

Definizione di metodi in Java Definizione di metodi in Java Un metodo in Java definisce un operazione ad alto livello (sottoprogramma) che consente di manipolare dati e oggetti. Durante la computazione effettuata da un programma, un

Dettagli

Linguaggio C++ Linguaggi di terza generazione

Linguaggio C++ Linguaggi di terza generazione Linguaggio C++ Linguaggi di terza generazione Insieme di primitive ad alto livello, ognuna traducibile in una sequenza di primitive in linguaggio macchina Es.: pesolordo pesocarico + pesoveicolo Due load,

Dettagli

Metodi statici. Dichiarazione e chiamata di metodi statici

Metodi statici. Dichiarazione e chiamata di metodi statici Metodi statici Dichiarazione e chiamata di metodi statici Cos è un metodo Un metodo è un blocco di istruzioni che fornisce una funzionalità e viene identificato con un nome Può avere dei parametri ed un

Dettagli

Caratteristiche generali del linguaggio Visual Basic

Caratteristiche generali del linguaggio Visual Basic Caratteristiche generali del linguaggio Visual Basic Per ottenere un aiuto contestuale dall help di Visual Basic sulla sintassi di funzioni o, oppure su proprietà, eventi o metodi, basta selezionare la

Dettagli

Grammatiche Parse trees Lezione del 17/10/2012

Grammatiche Parse trees Lezione del 17/10/2012 Fondamenti di Programmazione A.A. 2012-2013 Grammatiche Parse trees Lezione del 17/10/2012 AUTILI MARCO http://www.di.univaq.it/marco.autili/ Riassunto lezione precedente Sintassi vs Semantica Stringhe,

Dettagli

5 - Istruzioni condizionali

5 - Istruzioni condizionali 5 - Istruzioni condizionali Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

La Gestione della Memoria. Carla Binucci e Walter Didimo

La Gestione della Memoria. Carla Binucci e Walter Didimo La Gestione della Memoria Carla Binucci e Walter Didimo Esecuzione di programmi Java L esecuzione di un programma Java richiede: la compilazione del codice Java in bytecode Java (un linguaggio macchina

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello

Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello Un linguaggio ad alto livello deve offrire degli strumenti per: rappresentare le informazioni di interesse dell algoritmo definire le istruzioni che costituiscono

Dettagli

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi Obiettivi Unità F1 Primi programmi Conoscere il significato di dichiarazione e definizione di variabili Conoscere i tipi di dato numerici Essere in grado di realizzare semplici algoritmi in pseudolinguaggio

Dettagli

Definizione di metodi

Definizione di metodi Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 9 Definizione di metodi Carla Limongelli Novembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Definizione di metodi 1 Contenuti

Dettagli

Programmi e Oggetti Software

Programmi e Oggetti Software Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 06 Programmi e Oggetti Software Marzo 2010 Programmi e Oggetti Software 1 Contenuti Cosa è un programma Cosa significa programmare Il

Dettagli

IL PRIMO PROGRAMMA IN C

IL PRIMO PROGRAMMA IN C IL PRIMO PROGRAMMA IN C LO SCOPO Si vuole scrivere un programma in linguaggio C che chieda all utente di introdurre da tastiera due numeri interi e visualizzi il valore della loro somma sul video SOLUZIONE

Dettagli

Sintassi Java PA RTE 1 FONDAMEN TI DI I N FORMAT ICA PER IL CORSO DI LAUREA I N M AT EMAT ICA PA O L A L E C C A

Sintassi Java PA RTE 1 FONDAMEN TI DI I N FORMAT ICA PER IL CORSO DI LAUREA I N M AT EMAT ICA PA O L A L E C C A Sintassi Java PA RTE 1 FONDAMEN TI DI I N FORMAT ICA PER IL CORSO DI LAUREA I N M AT EMAT ICA PA O L A L E C C A D I PA R T I M E N T O D I M AT E M AT I C A, U N I V E R S I TÀ D I T R E N TO paola.lecca@unitn.it

Dettagli

Principi di Progettazione del Software. Principi di Progettazione del Software a.a

Principi di Progettazione del Software. Principi di Progettazione del Software a.a Principi di Progettazione del Software a.a. 2016-2017 Fondamenti di Java Ing. Principi di Progettazione del Software https://twitter.com/rvergallo 2 1 Obiettivi della lezione Introduzione alla programmazione

Dettagli

14 - Metodi e Costruttori

14 - Metodi e Costruttori 14 - Metodi e Costruttori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso Unità Didattica 2 Linguaggio C Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso 1 Espressioni e assegnazioni Le espressioni sono definite dalla grammatica: espressione = variabile

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Tipi di dato. Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi:

Tipi di dato. Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi: Tipi di dato Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi: esprimere in modo sintetico la loro rappresentazione in memoria, e un insieme di operazioni ammissibili permettere

Dettagli

Introduzione alla programmazione

Introduzione alla programmazione Introduzione alla programmazione Cosa è un calcolatore? Hardware Processore Memoria Periferiche Funzionamento Esegue istruzioni elementari Esegue istruzioni molto velocemente Deve essere programmato Il

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.1 Programmazione base 1 Prerequisiti Saper scrivere algoritmi elementari Tecniche elementari di sviluppo di una applicazione Modalità a riga di comando Utilizzo

Dettagli

Fondamenti di Programmazione Recupero Primo Parziale 30 Gennaio 2008 Traccia A

Fondamenti di Programmazione Recupero Primo Parziale 30 Gennaio 2008 Traccia A Fondamenti di Programmazione Recupero Primo Parziale 30 Gennaio 2008 Traccia A Cognome: Nome: Corso di Laurea N. Matricola: Giorno non preferito per l orale (Matematici) Giorno non preferito per l orale

Dettagli

Fondamenti di Programmazione. Antonio Pescapè e Marcello Esposito Parte Quinta v1.0

Fondamenti di Programmazione. Antonio Pescapè e Marcello Esposito Parte Quinta v1.0 Fondamenti di Programmazione Antonio Pescapè e Marcello Esposito Parte Quinta v1.0 Agenda I linguaggi C e C++: introduzione Elementi Lessicali Commenti Identificatori Parole Chiave Costanti Letterali Elementi

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 04 Programmi e Oggetti Software Alfonso Miola Ottobre 2012 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ Programmi e Oggetti Software

Dettagli

Il linguaggio Java Istruzioni di Controllo

Il linguaggio Java Istruzioni di Controllo Il linguaggio Java Istruzioni di Controllo Istruzioni per il controllo di flusso Istruzioni di selezione if switch Istruzioni di iterazione while do-while for Istruzioni di salto break continue return

Dettagli

Ingredienti sintattici di Java

Ingredienti sintattici di Java Ingredienti sintattici di Java Eugenio G. Omodeo Dip. Matematica e Geoscienze DMI Trieste, 23/09/2015 Eugenio G. Omodeo Ingredienti sintattici di Java 1/7 Specificare ( Dizionario online tratto da: Grande

Dettagli

Programmi e Oggetti Software

Programmi e Oggetti Software Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 2 Programmi e Oggetti Software Alfonso Miola Settembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Programmi e Oggetti Software

Dettagli

Università Ca Foscari DAIS. Programmazione ad Oggetti. Esame del modulo 1

Università Ca Foscari DAIS. Programmazione ad Oggetti. Esame del modulo 1 Università Ca Foscari DAIS Programmazione ad Oggetti Esame del modulo 1 Nome: Matricola: Samuel Rota Bulò, a.a. 2012/2013 Programmazione ad Oggetti a.a. 2012/2013 Esame del modulo 1 Nome: Samuel Rota Bulò

Dettagli

Programmazione Java Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java Variabili membro, Metodi La parola chiave final Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi dell Aquila diruscio@di.univaq.it. Sommario 2 2» Variabili membro»

Dettagli

Array. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 11. A. Miola Dicembre 2007

Array. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 11. A. Miola Dicembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 11 Array A. Miola Dicembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Array 1 Contenuti Il problema degli studenti da promuovere

Dettagli

Preparazione allo Scritto di Programmazione

Preparazione allo Scritto di Programmazione Preparazione allo Scritto di Programmazione Informatica / Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 1. Una riga di testo è detta numerica se e solo se contiene più cifre che caratteri di altro genere. Ad esempio,

Dettagli

Linguaggi e Ambienti di Programmazione

Linguaggi e Ambienti di Programmazione Linguaggi e Ambienti di Programmazione Principi e tecniche diffuse che si incontrano spesso nelle applicazioni dell informatica. Compilatori Editor di struttura: riceve in input una sequenza di comandi

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C INFORMATICA 1 Lezione 3 (Introduzione al Linguaggio C, Introduzione ai Tipi di dato, Cenni alla codifica binaria) Introduzione al Linguaggio C 1 Passi fondamentali del C Definito nel 1972 (AT&T Bell Labs)

Dettagli

Sommario. Introduzione... xv. Giorno 1 Elementi base del linguaggio C

Sommario. Introduzione... xv. Giorno 1 Elementi base del linguaggio C Sommario Introduzione... xv Organizzazione del volume... xv Argomenti...xvi Domande...xvi Verifiche...xvi Domande e risposte...xvi Esercizi...xvi Non è richiesta alcuna precedente esperienza di programmazione...

Dettagli