La sintassi del C APPENDICE H

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sintassi del C APPENDICE H"

Transcript

1 APPENDICE H La sintassi del C Nella notazione della sintassi utilizzata, le categorie sintattiche (non terminali) sono state indicate da uno stile tipografico in corsivo, mentre le parole letterali e i membri dell insieme dei caratteri (terminali) sono stati indicati da uno stile tipografico in grassetto. I due punti (:) successivi a un non terminale introducono la sua definizione. Le definizioni alternative sono elencate su righe separate, eccetto quando siano state introdotte dalle parole una/o di. Un simbolo opzionale è indicato dal pedice opz, così che { espressione opz } indica che nelle parentesi graffe è racchiusa un espressione opzionale. Sommario della sintassi del linguaggio H.1 Grammatica lessicale H.1.1 Simboli simbolo: parola-chiave costante stringa-letterale operatore punteggiatura simbolo-del-preprocessore: nome-di-intestazione numero-pp costante-di-carattere stringa-letterale operatore punteggiatura ogni carattere non di spazio bianco che non coincida con uno dei suddetti H.1.2 Parole chiave parola-chiave: una di auto double int struct break else long switch case enum register typedef CAPPAH.pmd 1

2 2 APPENDICE H char extern return union const float short unsigned continue for signed void default goto sizeof volatile do if static while H.1.3 Identificatori : non-numero non-numero numero non-numero: uno di _ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z numero: uno di H.1.4 Costanti costante: costante-in-virgola-mobile costante-intera costante-di-enumerazione costante-di-carattere costante-in-virgola-mobile: costante-frazionaria parte-esponente opz suffisso-in-virgola-mobile opz sequenza-di-numeri parte-esponente suffisso-in-virgola-mobile opz costante-frazionaria: sequenza-di-numeri opz. sequenza-di-numeri sequenza-di-numeri. parte-esponente: e segno sequenza-di-numeri E segno sequenza-di-numeri segno: uno di + sequenza-di-numeri: numero sequenza-di-numeri numero suffisso-in-virgola-mobile: uno di f l F L costante-intera: CAPPAH.pmd 2

3 LA SINTASSI DEL C 3 costante-decimale suffisso-intero opz costante-ottale suffisso-intero opz costante-esadecimale suffisso-intero opz costante-decimale: numero-non-zero costante-decimale numero costante-ottale: 0 costante-ottale numero-ottale costante-esadecimale: 0x numero-esadecimale 0X numero-esadecimale costante-esadecimale numero-esadecimale numero-non-zero: uno di numero-ottale: uno di numero-esadecimale: uno di a b c d e f A B C D E F suffisso-intero: suffisso-unsigned suffisso-long opz suffisso-long suffisso-unsigned opz suffisso-unsigned: uno di u U suffisso-long: uno di l L costante-di-enumerazione: costante-di-carattere: sequenza-c-char L sequenza-c-char sequenza-c-char: c-char sequenza-c-char c-char c-char: qualsiasi membro dell insieme di caratteri di origine eccetto l apice singolo, il backslash \ o il carattere di newline CAPPAH.pmd 3

4 4 APPENDICE H sequenza-di-escape sequenza-di-escape: sequenza-di-escape-semplice sequenza-di-escape-ottale sequenza-di-escape-esadecimale sequenza-di-escape-semplice: una di \ \ \? \\ \a \b \f \n \r \t \v sequenza-di-escape-ottale: \ numero-ottale \ numero-ottale numero-ottale \ numero-ottale numero-ottale numero-ottale sequenza-di-escape-esadecimale: \x numero-esadecimale sequenza-di-escape-esadecimale numero-esadecimale H.1.5 Stringhe letterali stringa-letterale: sequenza-s-char opz L sequenza-s-char opz sequenza-s-char: s-char sequenza-s-char s-char s-char: qualsiasi membro dell insieme di caratteri di origine eccetto le virgolette, il backslash \ o il carattere di newline sequenza-di-escape H.1.6 Operatori operatore: uno di [ ] ( ). > ++ & * + ~! sizeof / % << >> < > <= >= ==!= ^ &&? : = *= /= %= += = <<= >>= &= ^= =, # ## H.1.7 Punteggiatura punteggiatura: uno di [ ] ( ) { } *, : = ;... # CAPPAH.pmd 4

5 LA SINTASSI DEL C 5 H.1.8 Nomi di intestazione nome-di-intestazione: <sequenza-h-char> sequenza-q-char sequenza-h-char: h-char sequenza-h-char h-char h-char: qualsiasi membro dell insieme dei caratteri di origine eccetto il carattere di newline e > sequenza-q-char: q-char sequenza-q-char q-char q-char: qualsiasi membro dell insieme dei caratteri di origine eccetto il carattere di newline e «H.1.9 Numeri del preprocessore numero-pp: numero. numero numero-pp numero numero-pp non-numero numero-pp e segno numero-pp E segno numero-pp. H.2 Grammatica della struttura della frase H.2.1 Espressioni espressione-primaria: costante stringa-letterale ( espressione ) espressione-con-suffisso espressione-primaria espressione-con-suffisso [ espressione ] espressione-con-suffisso ( lista-di-espressioni-di-argomento opz ) espressione-con-suffisso. espressione-con-suffisso -> espressione-con-suffisso ++ espressione-con-suffisso lista-di-espressioni-di-argomento: espressione-di-assegnamento lista-di-espressioni-di-argomento, espressione-di-assegnamento CAPPAH.pmd 5

6 6 APPENDICE H espressione-unaria: espressione-con-suffisso ++ espressione-unaria espressione-unaria operatore-unario espressione-di-conversione sizeof espressione-unaria sizeof ( nome-di-tipo ) operatore-unario: uno di & * + ~! espressione-di-conversione: espressione-unaria ( nome-di-tipo ) espressione-di-conversione espressione-moltiplicativa: espressione-di-conversione espressione-moltiplicativa * espressione-di-conversione espressione-moltiplicativa / espressione-di-conversione espressione-moltiplicativa % espressione-di-conversione espressione-additiva: espressione-moltiplicativa espressione-additiva + espressione-moltiplicativa espressione-additiva espressione-moltiplicativa espressione-di-scorrimento: espressione-additiva espressione-di-scorrimento << espressione-additiva espressione-di-scorrimento >> espressione-additiva espressione-relazionale: espressione-di-scorrimento espressione-relazionale < espressione-di-scorrimento espressione-relazionale > espressione-di-scorrimento espressione-relazionale <= espressione-di-scorrimento espressione-relazionale >= espressione-di-scorrimento espressione-di-uguaglianza: espressione-relazionale espressione-di-uguaglianza == espressione-relazionale espressione-di-uguaglianza!= espressione-relazionale espressione-and: espressione-di-uguaglianza espressione-and & espressione-di-uguaglianza espressione-or-esclusivo: espressione-and espressione-or-esclusivo ^ espressione-and espressione-or-inclusivo: CAPPAH.pmd 6

7 LA SINTASSI DEL C 7 espressione-or-esclusivo espressione-or-inclusivo espressione-or-esclusivo espressione-and-logico: espressione-or-inclusivo espressione-and-logico && espressione-or-inclusivo espressione-or-logico: espressione-and-logico espressione-or-logico espressione-and-logico espressione-condizionale: espressione-or-logico espressione-or-logico? espressione : espressione-condizionale espressione-di-assegnamento: espressione-condizionale espressione-unaria operatore-di-assegnamento espressione-di-assegnamento operatore-di-assegnamento: uno di = *= /= %= += -= <<= >>= &= ^= = espressione: espressione-condizionale espressione, espressione-di-assegnamento espressione-costante: espressione-condizionale H.2.2 Dichiarazioni dichiarazione: specifiche-di-dichiarazione elenco-di-dichiaratori-iniz opz ; specifiche-di-dichiarazione: specifica-di-classe-di-memoria specifiche-di-dichiarazione opz specifica-di-tipo specifiche-di-dichiarazione opz qualificatore-di-tipo specifiche-di-dichiarazione opz elenco-di-dichiaratori-iniz: dichiaratore-iniz elenco-di-dichiaratori-iniz, dichiaratore-iniz dichiaratore-iniz: dichiaratore dichiaratore = inizializzatore specifica-di-classe-di-memoria: typedef extern static auto register CAPPAH.pmd 7

8 8 APPENDICE H specifica-di-tipo: void char short int long float double signed unsigned specifica-struct-o-union specifica-enum nome-typedef specifica-struct-o-union: struct-o-union { elenco-di-dichiarazioni-struct } struct-o-union struct-o-union: struct union elenco-di-dichiarazioni-struct: dichiarazione-struct elenco-di-dichiarazioni-struct dichiarazione-struct dichiarazione-struct: elenco-di-specifiche-qualificatori elenco-di-dichiaratori-struct ; elenco-di-specifiche-qualificatori: specifica-di-tipo elenco-di-specifiche-qualificatori opz qualificatore-di-tipo elenco-di-specifiche-qualificatori opz elenco-di-dichiaratori-struct: dichiaratore-struct elenco-di-dichiaratori-struct, dichiaratore-struct dichiaratore-struct: dichiaratore dichiaratore opz : espressione-costante specifica-enum: enum opz { elenco-di-enumeratori } enum elenco-di-enumeratori: enumeratore elenco-di-enumeratori, enumeratore enumeratore: costante-di-enumerazione costante-di-enumerazione = espressione-costante CAPPAH.pmd 8

9 LA SINTASSI DEL C 9 qualificatore-di-tipo: const volatile dichiaratore: puntatore opz dichiaratore-diretto dichiaratore-diretto: ( dichiaratore ) dichiaratore-diretto [ espressione-costante opz ] dichiaratore-diretto ( elenco-di-tipi-di-parametro ) dichiaratore-diretto ( elenco-di-identificatori opz ) puntatore: * elenco-di-qualificatori-di-tipo opz * elenco-di-qualificatori-di-tipo opz puntatore elenco-di-qualificatori-di-tipo: qualificatore-di-tipo elenco-di-qualificatori-di-tipo qualificatore-di-tipo elenco-di-tipi-di-parametro: elenco-di-parametri elenco-di-parametri,... elenco-di-parametri: dichiarazione-di-parametro elenco-di-parametri, dichiarazione-di-parametro dichiarazione-di-parametro: specifiche-di-dichiarazione dichiaratore specifiche-di-dichiarazione dichiaratore-astratto opz elenco-di-identificatori: elenco-di-identificatori, nome-di-tipo: elenco-di-specifiche-qualificatori dichiaratore-astratto opz dichiaratore-astratto: puntatore puntatore opz dichiaratore-astratto-diretto dichiaratore-astratto-diretto ( dichiaratore-astratto ) dichiaratore-astratto-diretto opz [ espressione-costante opz ] dichiaratore-astratto-diretto opz ( elenco-di-tipi-di-parametro opz ) nome-typedef: CAPPAH.pmd 9

10 10 APPENDICE H inizializzatore: espressione-di-assegnamento { elenco-di-inizializzatori } { elenco-di-inizializzatori, } elenco-di-inizializzatori: inizializzatore elenco-di-inizializzatori, inizializzatore H.2.3 Istruzioni istruzione: istruzione-etichettata istruzione-composta istruzione-di-espressione istruzione-di-selezione istruzione-di-iterazione istruzione-di-salto istruzione-etichettata: : istruzione case espressione-costante : istruzione default : istruzione istruzione-composta: { elenco-di-dichiarazioni elenco-di-istruzioni opz } elenco-di-dichiarazioni: dichiarazione elenco-di-dichiarazioni dichiarazione elenco-di-istruzioni: istruzione elenco-di-istruzioni istruzione istruzione-di-espressione: espressione opz ; istruzione-di-selezione: if ( espressione ) istruzione if ( espressione ) istruzione else istruzione switch ( espressione ) istruzione istruzione-di-iterazione: while ( espressione ) istruzione do istruzione while ( espressione ) ; for ( espressione opz ; espressione opz ; espressione opz ) istruzione istruzione-di-salto: goto ; continue ; break ; return espressione opz ; CAPPAH.pmd 10

11 LA SINTASSI DEL C 11 H.2.4 Definizioni esterne unità-di-traduzione: dichiarazione-esterna unità-di-traduzione dichiarazione-esterna dichiarazione-esterna: definizione-di-funzione dichiarazione definizione-di-funzione: specifiche-di-dichiarazione opz dichiaratore elenco-di-dichiarazioni opz istruzione-composta H.3 Direttive del preprocessore file-del-preprocessore: gruppo opz gruppo: parte-di-gruppo gruppo parte-di-gruppo parte-di-gruppo: simboli-pp opz newline sezione-if riga-di-controllo sezione-if: gruppo-if gruppi-elif opz gruppo-else opz riga-endif gruppo-if: # if espressione-costante newline gruppo opz # ifdef newline gruppo opz # ifndef newline gruppo opz gruppi-elif: gruppo-elif gruppi-elif gruppo-elif gruppo-elif: # elif espressione-costante newline gruppo opz gruppo-else: # else newline gruppo opz riga-endif: # endif newline riga-di-controllo: # include simboli-pp newline # define elenco-di-sostituzioni newline # define lparen elenco-di-identificatori opz ) elenco-di-sostituzioni newline # undef newline # line simboli-pp newline CAPPAH.pmd 11

12 12 APPENDICE H # error simboli-pp opz newline # pragma simboli-pp opz newline # newline lparen: il carattere di parentesi tonda aperta senza spazi bianchi precedenti elenco-di-sostituzioni: simboli-pp opz simboli-pp: simbolo-del-preprocessore simboli-pp simbolo-del-preprocessore newline: il carattere di newline (Diritti d autore: questo materiale è stato condensato e adattato a partire dal documento American National Standard for Information Systems Programming Language C, ANSI/ ISO 9899: Copie di questo standard possono essere acquistate dalla American National Standards Institute, West 42nd Street, New York, NY ) CAPPAH.pmd 12

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

Sommario. Introduzione... xv. Giorno 1 Elementi base del linguaggio C

Sommario. Introduzione... xv. Giorno 1 Elementi base del linguaggio C Sommario Introduzione... xv Organizzazione del volume... xv Argomenti...xvi Domande...xvi Verifiche...xvi Domande e risposte...xvi Esercizi...xvi Non è richiesta alcuna precedente esperienza di programmazione...

Dettagli

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Programmazione M-Z Ingegneria e Scienze Informatiche - Cesena A.A. 2016-2017 Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Pietro Di Lena - pietro.dilena@unibo.it s t a t i c s h o r t l e g s ; i n

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Anno Accademico Francesco Tortorella Struttura di un programma C++ // Programma semplice in C++ #include int main() { cout

Dettagli

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Programmazione M-Z Ingegneria e Scienze Informatiche - Cesena A.A. 2015-2016 Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Pietro Di Lena - pietro.dilena@unibo.it s t a t i c s h o r t l e g s ; i n

Dettagli

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Cosa è il C++ E un linguaggio di programmazione derivato dal C Può essere usato per modificare il SO Unix e i suoi derivati (Linux)

Dettagli

Fondamenti di Programmazione. Antonio Pescapè e Marcello Esposito Parte Quinta v1.0

Fondamenti di Programmazione. Antonio Pescapè e Marcello Esposito Parte Quinta v1.0 Fondamenti di Programmazione Antonio Pescapè e Marcello Esposito Parte Quinta v1.0 Agenda I linguaggi C e C++: introduzione Elementi Lessicali Commenti Identificatori Parole Chiave Costanti Letterali Elementi

Dettagli

Fondamenti di C++ Input/Output di base

Fondamenti di C++ Input/Output di base Università della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Programmazione Orientata agli Oggetti A.A. 2006/2007 Fondamenti di C++ Paolo Trunfio * * DEIS, Università della Calabria http://si.deis.unical.it/~trunfio

Dettagli

Informatica (A-K) 7. Linguaggio C - 1

Informatica (A-K) 7. Linguaggio C - 1 Storia del linguaggio C Informatica (A-K) 7. Linguaggio C - 1 Corso di Laurea in Ingegneria Civile & Ambientale A.A. 2011-2012 2 Semestre Prof. Giovanni Pascoschi Linguaggio C 1972, nato come evoluzione

Dettagli

Capitolo 2 Introduzione alla programmazione in C

Capitolo 2 Introduzione alla programmazione in C Capitolo 2 Introduzione alla programmazione in C Introduzione Un semplice programma C: Stampa di una linea di testo Un altro semplice programma C: Sommare due interi Concetti sulla Memoria Aritmetica in

Dettagli

SULL USO DEI CARATTERI. char x; si legge con ( %c,&x) e si stampa con ( %c,x) ma anche con ( %d,x) DUE ESEMPI

SULL USO DEI CARATTERI. char x; si legge con ( %c,&x) e si stampa con ( %c,x) ma anche con ( %d,x) DUE ESEMPI SULL USO DEI CARATTERI Ricordiamo che: int x; si legge con ( %d,&x) e si stampa con ( %d,x) float x; si legge con ( %f,&x) e si stampa con ( %f,x) double x;si legge con ( %lf,&x) e si stampa con ( %f,x)

Dettagli

Sommario PREFAZIONE...XI CAPITOLO 1: INTRODUZIONE AI COMPUTER, A INTERNET E AL WEB... 1 CAPITOLO 2: INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE IN C...

Sommario PREFAZIONE...XI CAPITOLO 1: INTRODUZIONE AI COMPUTER, A INTERNET E AL WEB... 1 CAPITOLO 2: INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE IN C... Sommario PREFAZIONE...XI Aggiornamenti e novità... xi Lo scopo di questo libro... xii Diagramma delle dipendenze... xii La metodologia di insegnamento... xiii Panoramica sul libro... xvi Ringraziamenti...

Dettagli

Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore)

Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore) Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore) Macchina astratta: un linguaggio di programmazione trasforma un calcolatore in una macchina

Dettagli

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Docente: Roberto Sebastiani - roberto.sebastiani@unitn.it Esercitatori: Mario Passamani - mario.passamani@unitn.it Alessandro Tomasi - alessandro.tomasi@unitn.it

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione II Tatiana Zolo zolo@cs.unipr.it 1 IL PROGRAMMA C++ Istruzioni (espressioni terminate da ; ) istruzioni di dichiarazione (es. int x = 0;); istruzioni di assegnamento

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Il linguaggio C. Caratteristiche generali

Il linguaggio C. Caratteristiche generali Il linguaggio C Caratteristiche generali Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente) quali istruzioni

Dettagli

Unità Didattica 1 Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma.

Unità Didattica 1 Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma. Unità Didattica 1 Linguaggio C Fondamenti. Struttura di un programma. 1 La storia del Linguaggio C UNIX (1969) - DEC PDP-7 Assembly Language BCPL - un OS facilmente accessibile che fornisce potenti strumenti

Dettagli

Linguaggio C Variabili e tipi di dato

Linguaggio C Variabili e tipi di dato FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Linguaggio C Variabili e tipi di dato 2001 Pier Luca Montessoro - Davide

Dettagli

Introduzione alla programmazione in linguaggio C

Introduzione alla programmazione in linguaggio C Introduzione alla programmazione in linguaggio C Il primo programma in C commento Header della libreria Funzione principale Ogni istruzione in C va terminata con un ; Corso di Informatica AA. 2007-2008

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

Il linguaggio C. Notate che...

Il linguaggio C. Notate che... Il linguaggio C Notate che... 1 Il C è un linguaggio a blocchi int main (void) { blocco } 2 Il C è un linguaggio a blocchi (2) Non è possibile mischiare dichiarazioni e comandi! int main (void) { } Dichiarazione

Dettagli

INFORMATICA. Il linguaggio C

INFORMATICA. Il linguaggio C INFORMATICA Il linguaggio C Premessa Fu creato agli inizi degli anni 70 quale strumento per lo sviluppo del Sistema Operativo UNIX. Si è diffuso molto rapidamente e nel 1989 l American National Standards

Dettagli

Tipi di dato, Alessandra Giordani Lunedì 7 maggio 2011

Tipi di dato, Alessandra Giordani Lunedì 7 maggio 2011 Tipi di dato, memoria e conversioni Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 7 maggio 2011 http://disi.unitn.it/~agiordani/ Il linguaggio C è esplicitamente tipato: occorre esplicitamente associare

Dettagli

Sintassi: Per la dichiarazione di variabili dei tipi fondamentali:

Sintassi: Per la dichiarazione di variabili dei tipi fondamentali: Sintassi: Per la dichiarazione di variabili dei tipi fondamentali: declaration ::= type declarator list ; declarator list ::= declarator {, declarator} opt declarator ::= identif ier identif ier = initializer

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati. Aniello Murano. people.na.infn.it/~murano. Murano Aniello LASD 05/06 Seconda Lezione.

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati. Aniello Murano. people.na.infn.it/~murano. Murano Aniello LASD 05/06 Seconda Lezione. Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano 1 Il linguaggio C 2 1 Cenni storici Indice (Prima parte) Caratteristiche generali Identificatori

Dettagli

Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: PROGRAMMA = DATI + CONTROLLO

Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: PROGRAMMA = DATI + CONTROLLO LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente) quali istruzioni di

Dettagli

Fondamenti di Informatica Il linguaggio C (parte 1) IL LINGUAGGIO C

Fondamenti di Informatica Il linguaggio C (parte 1) IL LINGUAGGIO C IL LINGUAGGIO C I PRIMI ELEMENTI Un Programma consta di: una Global Declarative Part il Main Program le Funzioni e le Procedure Commenti La Global Declarative Part contiene la dichiarazione delle Librerie

Dettagli

Indice PARTE A. Prefazione Gli Autori Ringraziamenti dell Editore La storia del C. Capitolo 1 Computer 1. Capitolo 2 Sistemi operativi 21 XVII XXIX

Indice PARTE A. Prefazione Gli Autori Ringraziamenti dell Editore La storia del C. Capitolo 1 Computer 1. Capitolo 2 Sistemi operativi 21 XVII XXIX Indice Prefazione Gli Autori Ringraziamenti dell Editore La storia del C XVII XXIX XXXI XXXIII PARTE A Capitolo 1 Computer 1 1.1 Hardware e software 2 1.2 Processore 3 1.3 Memorie 5 1.4 Periferiche di

Dettagli

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE!

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE! LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE! Il potere espressivo di un linguaggio è! caratterizzato da:! quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente)! quali istruzioni

Dettagli

Programmazione ad Oggetti. Java Parte II

Programmazione ad Oggetti. Java Parte II Programmazione ad Oggetti Java Parte II Overview Caratteristiche lessicali Il primo programma Java 1 Commenti /* Commento tradizionale, eventualmente su più linee, non nidificato */ // Commento su di una

Dettagli

Il primo programma C. Un programma utile. Compilazione & linking con il compilatore GNU. Introduzione alla programmazione in linguaggio C

Il primo programma C. Un programma utile. Compilazione & linking con il compilatore GNU. Introduzione alla programmazione in linguaggio C Introduzione alla programmazione in linguaggio C Il primo programma C /* Hello world: il mio primo programma C */ Commento su più righe; il compilatore ignorerà tutto quanto compreso fra /* e */. Il primo

Dettagli

Appunti sul linguaggio C

Appunti sul linguaggio C Appunti sul linguaggio C Diapositive adattate dalle omonime create dalla Dottoressa di Ricerca Giovanna Melideo per il corso di Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati 04/05/2005 LP2-04/05 - Appunti

Dettagli

Funzionalità. Il preprocessore C. Inclusione di file. Inclusione di file

Funzionalità. Il preprocessore C. Inclusione di file. Inclusione di file Il preprocessore C Ver. 2.4 Funzionalità Modifica il codice C prima che venga eseguita la traduzione vera a propria Le direttive al preprocessore riguardano: inclusione di file (#include) definizione di

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Storia del C e del C++ Fondamenti di Informatica 13. Introduzione al C++ Linguaggio C 1972, nato come evoluzione di due linguaggi BCPL e B Linguaggi senza nozione di tipo di dati Dennis Ritchie (Bell Laboratories)

Dettagli

Riassunto. I mattoni di base di un programma Java. Oggi. Un programma complicato. Oggi. Perché è complicato? Stefano Mizzaro 1.

Riassunto. I mattoni di base di un programma Java. Oggi. Un programma complicato. Oggi. Perché è complicato? Stefano Mizzaro 1. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 28 settembre

Dettagli

Fondamenti di Programmazione. Variabili e memoria

Fondamenti di Programmazione. Variabili e memoria Fondamenti di Programmazione Variabili e memoria Cos è il linguaggio C (1) Sviluppato a partire dal linguaggio B ideato da Thompson Creato all inizio degli anni 70 da D. Ritchie ed è diventato uno standard

Dettagli

$QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR

$QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR $QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR /* */ calcolare l area del quadrato #include main(){ int lato, area; printf("lato "); scanf("%d", &lato); if(lato < 0) printf("errore nei dati \n"); else { area =

Dettagli

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi e versione aggiornata al 05/02/2004 Sommario Elementi di Base... 2 Dati, Tipi e Dichiarazioni... 2 Tipi di Dato di Base... 2 Tipi di Dato Strutturati...

Dettagli

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 9/11/2011. Prof. Raffaele Nicolussi

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 9/11/2011. Prof. Raffaele Nicolussi Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 9/11/2011 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via del Policlinico, 147-00161 Roma Università degli Studi La Sapienza Fondamenti di

Dettagli

Il linguaggio Java Istruzioni di Controllo

Il linguaggio Java Istruzioni di Controllo Il linguaggio Java Istruzioni di Controllo Istruzioni per il controllo di flusso Istruzioni di selezione if switch Istruzioni di iterazione while do-while for Istruzioni di salto break continue return

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Tipi di dati scalari (casting e puntatori) Alessandra Giordani Lunedì 10 maggio 2010

Tipi di dati scalari (casting e puntatori) Alessandra Giordani Lunedì 10 maggio 2010 Tipi di dati scalari (casting e puntatori) Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 10 maggio 2010 http://disi.unitn.it/~agiordani/ I tipi di dati scalari I tipi aritmetici, i tipi enumerativi

Dettagli

Le parole chiave char, int, float, double, ed enum descrivono i. che modificano i tipi base

Le parole chiave char, int, float, double, ed enum descrivono i. che modificano i tipi base Il linguaggio C I tipi di dati scalari Il casting Le dichiarazioni di tipo I puntatori I tipi di dati scalari 1 2 I tipi di dati scalari 1 Una delle caratteristiche più importanti dei linguaggi di alto

Dettagli

Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C. (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica)

Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C. (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica) Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica) Librerie 1/2 Il solo insieme di istruzioni di un linguaggio di programmazione

Dettagli

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato.

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 1 ottobre

Dettagli

# $ %$&'" '! () *$+,!-

# $ %$&' '! () *$+,!- !" # $ $&'" '! () *$+,!- ',.''/ '/0 1' *'/*'* * 2*! 3( * +- 1 '.'"'!0*'.''! 0* 2.''!0 445 5 5 464 + 1 7+!"" 788 9 3 7 : 7, ;, # < = (,? >,? @,, $3 $, 3 $ >$ (A 3- > $, A9 B $$ ; (; -*'" *73*

Dettagli

Fondamenti di Programmazione. Strutture di controllo

Fondamenti di Programmazione. Strutture di controllo Fondamenti di Programmazione Strutture di controllo 1! Controllo del flusso! n Flusso di esecuzione: ordine in cui le istruzioni di un programma sono eseguite! n Salvo contrordini, è in sequenza! n Due

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C++

Introduzione alla programmazione in C++ Introduzione alla programmazione in C++ Fondamenti di Informatica Roberto BASILI Marzo, 2007 La Programmazione Programmare significa: Determinare la natura del problema (analisi) Definire una decomposizione

Dettagli

C O P Y R I G H T ( C ) W W W. F O N D A M E N T I. I N F O

C O P Y R I G H T ( C ) W W W. F O N D A M E N T I. I N F O Il linguaggio C C O P Y R I G H T ( C ) 2 0 0 8 W W W. F O N D A M E N T I. I N F O P E R M I S S I O N I S G R A N T E D T O C O P Y, D I S T R I B U T E A N D / O R M O D I F Y T H I S D O C U M E N

Dettagli

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Riassunto. Comandi Unix. Oggi. Blog & Group.

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Riassunto. Comandi Unix. Oggi. Blog & Group. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 2 8 ottobre

Dettagli

Le direttive del Preprocessore

Le direttive del Preprocessore Le direttive del Preprocessore Prof. Orazio Mirabella Direttive Un compilatore traduce le istruzioni di un programma sorgente in linguaggio macchina Talvolta è conveniente prendere coscienza dell esistenza

Dettagli

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O. Tipi di dato. Un esempio

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O. Tipi di dato. Un esempio Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O Tiziana Calamoneri Le variabili in C KP Cap. 3, pp. 95-129 Cap. 5, pp. 190-193 DD Cap. 9, pp.352-355 Tipi di dato Abbiamo già parlato delle variabili, ed

Dettagli

Tipi di dati strutturati e Linguaggio C. Record o strutture Il costruttore struct in C

Tipi di dati strutturati e Linguaggio C. Record o strutture Il costruttore struct in C Tipi di dati strutturati e Linguaggio C Record o strutture Il costruttore struct in C Dati strutturati Record Un record o struttura è una struttura dati ottenuta aggregando elementi di tipo diverso che

Dettagli

Linguaggio C Cenni storici

Linguaggio C Cenni storici Linguaggio C Cenni storici Il linguaggio C venne sviluppato nel 1973 da Dennis M. Ritchie, degli AT&T Bell Labs, come linguaggio di programmazione di sistema. Prese spunto da linguaggi precedenti come

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione Sintassi e semantica Compilatori, interpreti e il linker Introduzione al C La funzione main del C 2 Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole

Dettagli

Tipi di dato. Le variabili in C. Problema: dato in input un carattere, se esso è una lettera minuscola, trasformarla in maiuscola.

Tipi di dato. Le variabili in C. Problema: dato in input un carattere, se esso è una lettera minuscola, trasformarla in maiuscola. Tipi di dato Le variabili in C KP Cap.3 pp.95-129 Cap.5 pp.190-193 DD Cap. 9 pp.352-355 Abbiamo già parlato delle variabili, ed abbiamo fin ora usato il tipo int, ma abbiamo molte altre possibiltà I tipi

Dettagli

Linguaggio C: Espressioni

Linguaggio C: Espressioni Linguaggio C: Espressioni Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Università di Bologna http://www.moreno.marzolla.name/ 2 Ringraziamenti prof. Mirko Viroli, Università

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano 1 Obiettivi del Corso Familiarizzare lo studente con la progettazione di algoritmi e strutture

Dettagli

linguaggio di programmazione e programma

linguaggio di programmazione e programma I/O bus CPU memoria elementi di Sistemi Informatici il segnale digitale: conversione analogico-numerica esempi di supporti di memorizzazione dell informazione computer: definizione e struttura (modello

Dettagli

Il Linguaggio C. Caratteristiche. Caratteristiche. Esempio di programma in C. Tipi di dato primitivi in C. Dati

Il Linguaggio C. Caratteristiche. Caratteristiche. Esempio di programma in C. Tipi di dato primitivi in C. Dati Caratteristiche Il Linguaggio C Linguaggio sequenziale (lineare), imperativo, strutturato a blocchi usabile anche come linguaggio di sistema software di base sistemi operativi compilatori... FI - Algoritmi

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C INFORMATICA 1 Lezione 3 (Introduzione al Linguaggio C, Introduzione ai Tipi di dato, Cenni alla codifica binaria) Introduzione al Linguaggio C 1 Passi fondamentali del C Definito nel 1972 (AT&T Bell Labs)

Dettagli

Variabili. Tipi di dati di base. Variabili. Variabili

Variabili. Tipi di dati di base. Variabili. Variabili Variabili 2 Tipi di dati di base Ver. 2.4 2010 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione in C Porzioni di memoria RAM usate per mantenere dati variabili nel tempo La definizione di una variabile riserva

Dettagli

Il linguaggio C Istruzione di assegnamento e operatori

Il linguaggio C Istruzione di assegnamento e operatori Il linguaggio C Istruzione di assegnamento e operatori { /*definizioni variabili: */ char y= a ; /*codice(a)=97*/ int x,x,y; unsigned int Z; float SUM; double r; /* parte istruzioni: */ X=27; Y=4; Z =

Dettagli

#include <iostream> // libreria che gestisce flusso di input e output. using namespace std; // uso di librerie standard del C++

#include <iostream> // libreria che gestisce flusso di input e output. using namespace std; // uso di librerie standard del C++ Qualsiasi programma in C++ segue lo schema: #include // libreria che gestisce flusso di input e output using namespace std; // uso di librerie standard del C++ int main() { // dichiarazioni

Dettagli

1 PANORAMICA SUL LINGUAGGIO C

1 PANORAMICA SUL LINGUAGGIO C 1 PANORAMICA SUL LINGUAGGIO C 1.1 Le origini del linguaggio C Il C fu inventato e implementato da Dennis Ritchie negli anni 70 su una macchina che impiegava il sistema operativo Unix. Il C è il risultato

Dettagli

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali:

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: 1 Tipi di dati 1 Tipi di dati Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: Tutto è un oggetto Tutto eredita implicitamente

Dettagli

Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane

Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane Barbara Rita Barricelli Corso di Laboratorio di Programmazione -Turno B (Cognomi M-Z) CdL in Informatica

Dettagli

direttive del preprocessore simboli speciali parole chiave identificatori costanti

direttive del preprocessore simboli speciali parole chiave identificatori costanti 5) Elementi di C #include #define TF2TC main() { double tc, tf, offset, conv; offset = 32.; direttive del preprocessore simboli speciali parole chiave identificatori costanti #ifdef TF2TC conv

Dettagli

Tipo Struct, Union, Enum

Tipo Struct, Union, Enum Concetti chiave Tipo Struct, Union, Enum Variabili strutturate: il tipo struct Elementi di una struttura typedef & struct Strutture annidate Array di strutture Union Enum Struct Per aggregare elementi

Dettagli

Un elaboratore è un manipolatore di simboli (segni) intrinsecamente capace di trattare vari. caratteri char caratteri ASCII unsigned char

Un elaboratore è un manipolatore di simboli (segni) intrinsecamente capace di trattare vari. caratteri char caratteri ASCII unsigned char IL LINGUAGGIO C Un elaboratore è un manipolatore di simboli (segni) L'architettura tt fisica i di ogni elaboratore è intrinsecamente capace di trattare vari domini i di dati, detti tipi i primitivi iti

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 5 Rappresentazione delle informazioni

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 5 Rappresentazione delle informazioni Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 5 Rappresentazione delle informazioni Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili La presente

Dettagli

Esiste però anche un ambiente globale: quello dove tutte le funzioni sono definite. Qui si possono anche definire variabili, dette variabili globali

Esiste però anche un ambiente globale: quello dove tutte le funzioni sono definite. Qui si possono anche definire variabili, dette variabili globali AMBIENTE LOCALE E GLOBALE In C, ogni funzione ha il suo ambiente locale che comprende i parametri e le variabili definite localmente alla funzione Esiste però anche un ambiente globale: quello dove tutte

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Le basi del linguaggio Java Compilazione e interpretazione Quando si compila il codice sorgente scritto in Java, il compilatore genera il codice compilato, chiamato bytecode. È un codice generato per una

Dettagli

Tipi di dato. Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi:

Tipi di dato. Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi: Tipi di dato Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi: esprimere in modo sintetico la loro rappresentazione in memoria, e un insieme di operazioni ammissibili permettere

Dettagli

Complementi. - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system -

Complementi. - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system - Complementi - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system - Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin

Dettagli

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica Introduzione alla programmazione in C++ 1 Un introduzione Che cosa è il C++? La programmazione procedurale La programmazione orientata agli oggetti La programmazione

Dettagli

Indice. Introduzione PARTE PRIMA LE BASI DEL C++: IL LINGUAGGIO C 1

Indice. Introduzione PARTE PRIMA LE BASI DEL C++: IL LINGUAGGIO C 1 Indice Introduzione XV PARTE PRIMA LE BASI DEL C++: IL LINGUAGGIO C 1 Capitolo 1 Una panoramica sul linguaggio C 3 1.1 Le origini e la storia del linguaggio C 3 1.2 Il C è un linguaggio di medio livello

Dettagli

IL LINGUAGGIO C TIPI DI DATO

IL LINGUAGGIO C TIPI DI DATO IL LINGUAGGIO C Un elaboratore è un manipolatore di simboli (segni) L'architettura fisica di ogni elaboratore è intrinsecamente capace di trattare vari domini di dati, detti tipi primitivi dominio dei

Dettagli

Tipi di dati fondamentali. Tipi di dati fondamentali. Utilità dei tipi di dati nelle dichiarazioni. Il tipo di dati char. Codice ASCII.

Tipi di dati fondamentali. Tipi di dati fondamentali. Utilità dei tipi di dati nelle dichiarazioni. Il tipo di dati char. Codice ASCII. Tipi di dati fondamentali Tipi di dati fondamentali Linguaggi di Programmazione I Ferdinando Cicalese caratteri: char signed char unsigned char interi short int long interi unsigned short unsigned unsigned

Dettagli

2.1 Linguaggio di Programmazione C++ (I)

2.1 Linguaggio di Programmazione C++ (I) 2.1 Linguaggio di Programmazione C++ (I) Per definire sintassi e semantica di un linguaggio occorre utilizzare un altro linguaggio, ossia un metalinguaggio Metalinguaggio per la sintassi C++: insieme di

Dettagli

Costanti e Variabili

Costanti e Variabili Parte 3 Costanti e Variabili Identificatori Un identificatore è un nome che viene associato a diverse entità (costanti, tipi, variabili, funzioni, ecc.) e serve ad identificare la particolare entità Gli

Dettagli

Linguaggio C. Tipi predefiniti. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin. Prof. M. Giacomin

Linguaggio C. Tipi predefiniti. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin. Prof. M. Giacomin Linguaggio C Tipi predefiniti Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Il concetto di tipo (reprise) Nome che indica

Dettagli

- Dispensa III - PROGRAMMAZIONE C (Parte I)

- Dispensa III - PROGRAMMAZIONE C (Parte I) Elementi di Informatica e Programmazione - Dispensa III - PROGRAMMAZIONE C (Parte I) Alessandro Saetti (email: alessandro.saetti@unibs.it) Università degli Studi di Brescia 1 Linguaggi di Programmazione

Dettagli

Parte lxxxv. 532 Linguaggio C: introduzione... 49

Parte lxxxv. 532 Linguaggio C: introduzione... 49 Parte lxxxv C 532 Linguaggio C: introduzione................................................ 49 532.1 Struttura fondamentale................................................ 49 532.2 Ciao mondo!.........................................................

Dettagli

Dove vengono definiti? il concetto di sottoprogramma

Dove vengono definiti? il concetto di sottoprogramma ROADMAP Funzioni e struttura di un programma Tipi, operatori, espressioni Strutture di controllo Livello 1 Input/Output Strutture dati FUNZIONI E STRUTTURA DI UN PROGRAMMA Livello 2 funzioni procedure

Dettagli

Tipi e Valori. Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Università di Bologna

Tipi e Valori. Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Università di Bologna Tipi e Valori Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Università di Bologna http://www.moreno.marzolla.name/ Linguaggio C - Tipi e Valori 2 Ringraziamenti prof. Mirko Viroli,

Dettagli

Struttura di un Programma C

Struttura di un Programma C Struttura di un Programma C Un programma C ha in linea di principio la seguente forma: Direttive per il preprocessore Definizione di tipi Prototipi di funzioni, con dichiarazione dei tipi delle funzioni

Dettagli

Linguaggio C. Tipi predefiniti e operatori. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. Tipi predefiniti e operatori. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C Tipi predefiniti e operatori Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 RICHIAMI char 8 bit Valori interi

Dettagli

Laboratorio di informatica Ingegneria meccanica

Laboratorio di informatica Ingegneria meccanica Interi in complemento a 2 () Laboratorio di informatica Ingegneria meccanica Lezione 5 29 ottobre 2007 Con N bit sono rappresentabili tutti gli interi nell'intervallo [-2^(N-), 2^(N-)-] Esempio: 6 bit,

Dettagli

Grammatica di base. Casting

Grammatica di base. Casting Grammatica di base Casting Dichiarato un nome potrò usarlo per operazioni definite sul tipo del nome. Ma se io voglio usarlo per operazioni definite per un altro tipo o se voglio assegnarlo ad un nome

Dettagli

Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma.

Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma. Linguaggio C Fondamenti. Struttura di un programma. 1 La storia del Linguaggio C La nascita del linguaggio C fu dovuta all esigenza di disporre di un Linguaggio ad alto livello adatto alla realizzazione

Dettagli

2.1 Linguaggio di Programmazione C++ (I)

2.1 Linguaggio di Programmazione C++ (I) 2.1 Linguaggio di Programmazione C++ (I) Per definire sintassi e semantica di un linguaggio occorre utilizzare un altro linguaggio, ossia un metalinguaggio Metalinguaggio per la sintassi C++: insieme di

Dettagli

Puntatori. Obiettivi: Richiamare quanto noto sui puntatori dal modulo A Presentare l analogia tra puntatori e vettori e l aritmetica dei puntatori

Puntatori. Obiettivi: Richiamare quanto noto sui puntatori dal modulo A Presentare l analogia tra puntatori e vettori e l aritmetica dei puntatori Puntatori Obiettivi: Richiamare quanto noto sui puntatori dal modulo A Presentare l analogia tra puntatori e vettori e l aritmetica dei puntatori 1 Il puntatore Un tipo puntatore è un tipo scalare per

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 09 Linguaggi Sintassi e Semantica Alfonso Miola Ottobre 2009 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ Linguaggi - Sintassi e Semantica

Dettagli

Dispensa di Informatica II.2

Dispensa di Informatica II.2 IL LINGUAGGIO C La dispensa di seguito proposta si pone come tutorial per poter porre le basi per la introduzione del linguaggio C / C++ Le cinque componenti fondamentali di un programma C/C++ Input Elaborazione

Dettagli

Sommario. Note alla traduzione... xix

Sommario. Note alla traduzione... xix Sommario Prefazione... xv L utilizzo del linguaggio C per insegnare a sviluppare programmi...xv Puntatori e organizzazione del testo...xvi Concetti di ingegneria del software...xvi Aspetti pedagogici...xvii

Dettagli

Indice Introduzione I fondamenti di C#

Indice Introduzione I fondamenti di C# Indice Introduzione XV Capitolo 1 I fondamenti di C# 1 1.1 L albero genealogico di C# 2 C: l inizio dell era moderna della programmazione 2 La creazione di OOP e C++ 3 La nascita di Internet e Java 4 La

Dettagli