Analisi del testo con svolgimento guidato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del testo con svolgimento guidato"

Transcript

1 Analisi del testo con svolgimento guidato

2 Chi non avesse mai veduto foco di Jacopo da Lentini Il sonetto è di Jacopo da Lentini ( ca), maggior rappresentante della scuola siciliana, che, nata presso la corte palermitana di Federico II di Svevia, sarà protagonista di un esperienza lirica fondamentale nella storia letteraria italiana. Chi non avesse mai veduto foco no crederia che cocere potesse 1, anti 2 li sembraria solazzo e gioco 4 lo so isprendore 3, quando lo vedesse. Ma s ello lo tocasse in alcun loco, belli sembrara che forte cocesse 4 : quello d Amore m à tocato un poco, 8 molto me coce - Deo, che s aprendesse 5! Che s aprendesse in voi, madonna mia, che mi mostrate dar solazzo amando, 11 e voi mi date pur pen e tormento 6. Certo l Amore fa gran vilania 7, che no distringe te che vai gabando 8, 14 a me che servo non dà isbaldimento no crederia potesse: non crederebbe che può scottare. Crederia è condizionale siciliano, come sembraria (sembrerebbe) al verso anti: anzi. 3. lo so isprendore: il suo splendore. 4. belli cocesse: ben gli sembrerebbe che scotta molto. 5. Deo, che s apprendesse!: Dio, magari si appiccasse! 6. che mi mostrate tormento: che dimostrate di dar piacere amando, mentre a me imponete solo sofferenza. 7. vilania: ingiustizia. 8. vai gabando: ti prendi gioco (dell amore). 9. a me isbaldimento: a me che sono suo servo non concede gioia. Ogni analisi del testo, per essere completa ed esauriente, va sempre condotta lungo la triplice linea della comprensione del testo, dell analisi tematica e formale e della contestualizzazione. Il modello adottato negli esami di Stato si articola, infatti, proprio secondo la seguente tripartizione: 1. Comprensione del testo 2. Analisi del testo 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Procediamo allora secondo questo schema. 1. Comprensione del testo Leggi attentamente i versi, cercando di comprenderne il significato letterale; aiutati con le note e ricorda che è opportuno ricorrere alla consultazione di un dizionario se non conosci il significato di uno o più termini. Per questa prima decodifica del testo, procedi allora con una parafrasi: ricostruisci innanzitutto il lineare ordine sintattico dei periodi e delle proposizioni, sostituisci le parole difficili con parole di uso comune e integra il testo con gli elementi sottintesi. Per esempio, nella ricostruzione della prima quartina è molto importante capire che il soggetto di sembraria al verso 3 è isprendore. Un eventuale parafrasi della prima quartina sarebbe dunque: «Chi non abbia mai visto il 2

3 fuoco, non crederebbe che può scottare, anzi, qualora lo vedesse, il suo splendore gli sembrerebbe gradevole, divertente (divertimento e gioco)». Dopo quest operazione il significato complessivo del sonetto sarà ormai evidente. Sarà chiaro che tutto il componimento è giocato su una metafora, tra l altro molto usuale ancora oggi. Quale? E apparirà altrettanto chiara una differenza tematica tra le quartine e le due terzine. 2. Analisi del testo Per l analisi contenutistica e stilistica bisogna fare molta attenzione questa è una regola sempre valida nell analisi di un testo poetico alle parole ricorrenti, che possono assumere la valenza di vere e proprie parole-chiave, o alle parole che rimandano a un campo semantico specifico; poi alle parole poste in rilievo, a inizio verso, a fine verso, in rima. Nel caso del nostro sonetto da notare la centralità di «cocere» nelle prime quartine, quindi del bruciare d amore, mentre nelle terzine le parole in rima amando gabando, tormento isbaldimento sottolineano il contrasto tra il poeta che soffre per amore e la donna che si prende gioco sia dell amore che del poeta. Nell ultimo verso figura poi un termine che possiamo considerare vera e propria parola-chiave della lirica provenzale, a cui la poesia della scuola siciliana è come sappiamo profondamente legata: servo, servo d Amore, che introduce un tema centrale, quello appunto del servizio d amore : in che cosa consiste? Quale rapporto tra l uomo e la donna si configura? E in questo componimento specifico? 3

4 La potenza dell amore, di cui il poeta è servo, è espressa attraverso una figura retorica molto usuale anche nella lirica successiva: quale? Sul piano stilistico sono poi da notare le dittologie: che cos è una dittologia? Quali dittologie sono presenti nel sonetto? Poi ancora, da notare la ripetizione in apertura del verso 9 di che s apprendesse con cui si conclude il verso 8: di che figura retorica si tratta? Quale funzione svolge nel sonetto? Noti infine altri espedienti retorici? Cerca sempre di coglierne e descriverne l effetto che producono. Potresti poi brevemente anche aggiungere qualche notazione più specificamente linguistica (per esempio il condizionale di tipo siciliano). 4

5 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Per l interpretazione complessiva del componimento si può riprendere e approfondire il rapporto del poeta nei confronti dell amore e della donna, e su questa linea giungere a una contestualizzazione istituendo paralleli con la lirica provenzale, facendo riferimento specifico ad alcuni componimenti di trovatori che si ricordano, come ad esempio i versi di Arnaut Daniel e Jaufré Rudel. Poi soffermare l attenzione sui rapporti tra scuola siciliana e lirica provenzale, sottolineando analogie e differenze, sul contesto storico in cui nasce tale scuola, sul valore e il ruolo svolto nella tradizione lirica italiana. 5

6 Dalle Rime di Guido Guinizelli Lo vostro bel saluto e l gentil sguardo Lontano dai contenuti dottrinari e filosofici della canzone-manifesto Al cor gentile rempaira sempre Amore, in questo sonetto Guinizelli esprime piuttosto l angoscia e il tormento che l Amore è capace di provocare in un cuore innamorato. Lo vostro bel saluto e l gentil sguardo che fate, quando v encontro, m ancide 1 ; Amor m assale e già non ha riguardo s elli face peccato, o ver mercede 2 ; ché per mezzo lo cor me lanciò un dardo ched oltre in parti lo taglia e divide; parlar non posso, ché in gran pene io ardo sì come quello che soa morte vide 3. Per li occhi passa, come fa lo trono 4, che fèr 5 per la finestra de la torre e ciò che dentro trova spezza e fende. Remagno 6 come statüa d ottono, ove vita né spirto non ricorre, se non che la figura d omo rende m ancide: mi uccidono (da notare, tuttavia, che il verbo è al singolare). 2. non ha riguardo mercede: non si preoccupa se mi rende un torto oppure una grazia. 3. ché in gran pene vide: dal momento che io ardo in una gran pena come colui che vide la sua morte. 4. lo trono: il fulmine. 5. fèr : penetra (vale propriamente «ferisce»). 6. Remagno: rimango (resto immobile). 7. se non che rende: ma che dell uomo rende solo le fattezze. Ogni analisi del testo, per essere completa ed esauriente, va sempre condotta lungo la triplice linea della comprensione del testo, dell analisi tematica e formale e della contestualizzazione. Il modello adottato negli esami di Stato si articola, infatti, proprio secondo la seguente tripartizione: 1. Comprensione del testo 2. Analisi del testo 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Procediamo allora secondo questo schema. 1. Comprensione del testo Leggi attentamente i versi, cercando di comprenderne il significato letterale; aiutati con le note e ricorda che è opportuno ricorrere alla consultazione di un dizionario se non conosci il significato di uno o più termini. Per questa prima decodifica del testo, procedi allora con una parafrasi: ricostruisci innanzitutto il lineare ordine sintattico dei periodi e delle proposizioni, sostituisci le parole difficili con parole di uso comune e integra il testo con gli elementi sottintesi. 6

7 Per orientarsi in questo testo bisogna far attenzione in particolare al fatto che nei primi due versi a due soggetti grammaticali (Lo vostro bel saluto e l gentil sguardo) corrisponde un verbo al singolare (m ancide), quasi come essi costituissero una coppia sinonimica; e che, inoltre, Amor è soggetto anche della prima terzina. La parafrasi potrebbe iniziare così: «Il vostro bel saluto e lo sguardo gentile che mi rivolgete, quando vi incontro, mi uccidono; Amore mi assale, e non si preoccupa se mi rende un torto oppure grazia». Apparirà chiaro, quindi, che i primi due versi anticipano immediatamente il nucleo tematico dell intero sonetto: il tormento provocato da Amore. 2. Analisi del testo Come in ogni testo poetico, per l analisi contenutistica e stilistica, bisogna fare molta attenzione alle parole ricorrenti, che possono assumere la valenza di vere e proprie parole-chiave, o alle parole che rimandano a un campo semantico specifico; poi alle parole poste in rilievo, a inizio verso, a fine verso, in rima. Innanzitutto, nel componimento che stiamo analizzando fondamentale è l incipit che propone un momento che sarà topico della lirica stilnovistica (basti pensare al sonetto Chi è questa che vèn, ch ogn om la mira di Guido Cavalcanti o a molti componimenti della Vita Nuova di Dante), ovvero quello dell incontro con la donna, del suo saluto e del suo sguardo (Lo vostro bel saluto e l gentil sguardo). Qui, tuttavia, l effetto non è benefico, non ispira perfezione spirituale, ma ancide, cioè uccide, parola messa in rilievo dalla posizione finale nel verso. Parola, questa, che è inoltre la prima dei termini che lungo il testo rinviano a un campo semantico specifico: qual è? Quali sono i termini ascrivibili a tale campo semantico? Perché il poeta insiste su di esso? A esso si lega poi una metafora: quale? 7

8 Accanto a questo si configura un altro campo semantico, quello della lacerazione, la cui potenza espressiva è affidata in particolare a due dittologie: quali? Protagonista indiscusso di tutto questo è Amore, qui personificato come in tanti altri testi della lirica d amore delle origini. Che valore ha tale personificazione? Ricordi altri componimenti in cui essa compare? A che cosa è paragonato Amore nella prima terzina? Nella seconda terzina, a conclusione del sonetto, il poeta descrive la condizione in cui lo getta Amore: a quale figura retorica il poeta ricorre? Che cosa intende esprimere? 8

9 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Proprio questi effetti distruttivi e dirompenti di Amore possono costituire la chiave interpretativa di tutto il componimento. Rappresentano inoltre un tema che sarà poi sviluppato nello stilnovo e in particolare da Guido Cavalcanti. Su questa linea, quindi, si potrà poi costruire la parte della contestualizzazione del nostro elaborato: la figura di Guinizelli come padre dello stilnovo, le caratteristiche e gli sviluppi di questa lirica, facendo riferimento ad altri componimenti che si conoscono, lo scarto che lo stilnovo rappresenta rispetto alle precedenti esperienze liriche, un bilancio sul valore e sul ruolo nel quadro della letteratura delle origini. C è, tuttavia, un altra ipotesi di approfondimento, ovvero sviluppare il topos dell amore come sofferenza, tormento e quindi fare riferimento anche a testi letterari moderni e contemporanei, a espressioni in campo figurativo ecc. 9

10 Dalla Vita Nuova di Dante Alighieri Un sogno profetico Il brano è tratto dalla Vita Nuova di Dante [cap. III], opera che, composta tra il 1292 e il 1294, ripercorre la storia d amore di Dante per Beatrice ed è il primo esempio in volgare del genere del prosimetro, cioè componimento misto di prosa e poesia. Poi che fuoro passati tanti die 1, che appunto erano compiuti li nove anni appresso 1 apparimento soprascritto di questa gentilissima, ne l ultimo di questi die avvenne che questa mirabile donna apparve a me vestita di colore bianchissimo, in mezzo a due gentili donne, le quali erano di più lunga etade 2 ; e passando per una via, volse li occhi verso quella parte ov io era molto pauroso 3, e per la sua ineffabile cortesia, la quale è oggi meritata nel grande secolo 4, mi salutoe molto virtuosamente, tanto che me parve allora di vedere tutti li termin de la beatitudine. L ora che lo suo dolcissimo salutare mi giunse, era fermamente nona di quello giorno 5 ; e però che quella fu la prima volta che le sue parole si mossero per venire a li miei orecchi, presi tanta dolcezza, che come inebriato mi partio da le genti, e ricorsi a lo solingo 6 luogo d una mia camera, e puosimi a pensare di questa cortesissima. E pensando di lei, mi sopraggiunse uno soave sonno, ne lo quale m apparve una meravigliosa visione: che me parea vedere ne la mia camera una nebula 7 di colore di fuoco, dentro a la quale io discernea una figura d uno segnore 8 di pauroso aspetto a chi la guardasse; e pareami con tanta letizia, quanto a sé, che mirabile cosa era; e ne le sue parole dicea molte cose, le quali io non intendea se non poche; tra le quali intendea queste: Ego dominus tuus 9. Ne le sue braccia mi parea vedere una persona dormire nuda, salvo che involta mi parea in uno drappo sanguigno leggeramente; la quale io riguardando molto intensivamente, conobbi ch era la donna de la salute, la quale m avea lo giorno dinanzi degnato di salutare. E ne l una de le mani mi parea che questi tenesse una cosa la quale ardesse tutta, e pareami che mi dicesse queste parole: Vide cor tuum 10. E quando elli era stato alquanto, pareami che disvegliasse questa che dormia; e tanto si sforzava per suo ingegno, che le facea mangiare questa cosa che in mano li ardea, la quale ella mangiava dubitosamente. Appresso ciò poco dimorava che la sua letizia si convertia in amarissimo pianto; e così piangendo, si ricogliea questa donna ne le sue braccia, e con essa mi parea che si ne gisse verso lo cielo; onde io sostenea sì grande angoscia, che lo mio deboletto sonno non poteo sostenere 11, anzi si ruppe e fui disvegliato die: giorni. 2. di più lunga etade: più grandi di età, di età maggiore. 3. pauroso: turbato. 4. la quale è secolo: che (si riferisce a cortesia) adesso è ricompensata nell Aldilà. Quando Dante scrive, Beatrice è già morta. 5. L ora che lo suo dolcissimo giorno: l ora in cui il suo dolcissimo saluto mi giunse era sicuramente (fermamente) la nona del giorno. Ai tempi di Dante il giorno era suddiviso, secondo la tradizione degli antichi Romani, in dodici ore a partire dalle sei antimeridiane: si tratta dunque delle tre pomeridiane. 6. solingo: solitario. 7. nebula: nuvola. 8. segnore: si tratta di Amore. 9. Ego dominus tuus: Io sono il tuo signore. 10. Vide cor tuum: Ecco il tuo cuore. 11. che lo mio deboletto sostenere: di fronte all angoscia provata, il sonno già leggero (deboletto) di Dante non resiste oltre. 10

11 Ogni analisi del testo, per essere completa ed esauriente, va sempre condotta lungo la triplice linea della comprensione del testo, dell analisi tematica e formale e della contestualizzazione. Il modello adottato negli esami di Stato si articola, infatti, proprio secondo la seguente tripartizione: 1. Comprensione del testo 2. Analisi del testo 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Procediamo allora secondo questo schema. 1. Comprensione del testo Nell analizzare un testo narrativo, la prima operazione che conviene svolgere è leggere attentamente il testo cercando di individuare delle macro-sequenze; ciò infatti consente di cogliere immediatamente la vicenda narrata e il suo sviluppo, facilitando la sintesi del contenuto che generalmente viene richiesta. Nel nostro caso, il testo è divisibile in due macro-sequenze: la prima corrispondente all incontro di Dante con Beatrice, la seconda al sogno profetico. Quale potrebbe essere la sintesi del brano in 4-5 righe? 2. Analisi del testo Anche in questa parte dell elaborato conviene prendere le mosse dalla divisione in sequenze (eventualmente individuare ulteriori sequenze all interno delle macro-sequenze) e capire se c è una prevalenza di sequenze narrative, descrittive, dialogiche ecc. per rilevare subito le caratteristiche del testo che ci troviamo di fronte. Che tipo di sequenza prevale qui? Un altra operazione fondamentale è individuare la voce narrante: chi è il narratore? A quale tipo appartiene? Ed è opportuno a questo punto fare brevemente riferimento alla struttura e alle specificità dell opera da cui è tratto il testo. 11

12 Come in un testo poetico, anche in un testo narrativo è molto importante fare attenzione a parole ed espressioni ricorrenti, o che rinviano a uno stesso campo semantico, o che ancora sono messe in rilievo attraverso per esempio un anafora, un allitterazione ecc. In questo brano, nel descrivere Beatrice e il saluto beatificante che ella gli concede, Dante insiste su aggettivi e termini come gentile, dolce, cortesia ecc. Dopo averli individuati, spiega quale siano secondo te le ragioni di tale insistenza. Dante, poi, per spiegare l effetto del saluto di Beatrice afferma: me parve allora di vedere tutti li termini de la beatitudine. Quale significato hanno queste parole? Esse introducono un tema centrale dello stilnovo e della Vita Nuova: quale? È importante rilevare che nel nostro testo ritroviamo un altro topos, particolarmente presente nella lirica delle origini: la rappresentazione di Amore come signore, cui Dante si deve sottomettere. Ricordi qualche altro testo in cui si ritrovano la personificazione di Amore e il tema del servizio d amore? Un altro aspetto molto evidente nel testo, che si può cogliere proprio prestando attenzione alla ricorrenza di certe parole, è il carattere simbolico e allegorico: fai attenzione ai numeri e ai colori su cui Dante insiste. Quali sono? Che significato assumono? 12

13 Si potrebbe chiudere questa parte dell elaborato con qualche notazione linguistica e stilistica (ad esempio rilevare le caratteristiche della sintassi), non dimenticando che la Vita Nuova di Dante costituisce, anche dal punto di vista della scrittura in prosa, un momento decisivo nella storia linguistica e letteraria italiana. 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Per un interpretazione complessiva del brano si potrebbe riprendere e approfondire l aspetto simbolico e allegorico del testo. E in questa chiave fornire anche una contestualizzazione, rilevando come tali caratteristiche ci permettono di ascrivere il testo e l opera nel suo complesso alla cultura medievale, ampliando poi il discorso su come Dante si inserisca in tale contesto storico-culturale. 13

14 Dal Decameron di Giovanni Boccaccio Cisti fornaio La novella, raccontata da Pampinea, appartiene alla VI giornata, in cui si narra «di chi con alcuno leggiadro motto, tentato, si riscosse, o con pronta risposta o avvedimento fuggì perdita o pericolo o scorno». Si tratta dunque di novelle in cui protagoniste assolute sono l arguzia e l intelligenza dell uomo, capace di risolvere situazioni difficili con una risposta pronta o una parola spiritosa. [ ] Dico adunque che, avendo Bonifazio papa 1, appo il quale messer Geri Spina 2 fu in grandissimo stato 3, mandati in Firenze certi suoi nobili ambasciadori per certe sue gran bisogne, essendo essi in casa di messer Geri smontati 4, e egli con loro insieme i fatti del Papa trattando, avvenne che, che se ne fosse cagione, messer Geri con questi ambasciadori del Papa tutti a piè quasi ogni mattina davanti a Santa Maria Ughi passavano, dove Cisti fornaio il suo forno aveva e personalmente la sua arte eserceva 5. Al quale quantunque la fortuna arte assai umile data avesse, tanto in quella gli era stata benigna, che egli n era ricchissimo divenuto 6, e senza volerla mai per alcuna altra abbandonare splendidissimamente vivea, avendo tra l altre sue buone cose sempre i migliori vini bianchi e vermigli che in Firenze si trovassero o nel contado. Il quale, veggendo ogni mattina davanti all uscio suo passar messer Geri e gli ambasciadori del Papa, e essendo il caldo grande, s avisò che gran cortesia sarebbe il dar lor bere del suo buon vin bianco; ma avendo riguardo alla sua condizione 7 e a quella di messer Geri, non gli pareva onesta cosa il presummere d invitarlo ma pensossi di tener modo il quale inducesse messer Geri medesimo a invitarsi. E avendo un farsetto bianchissimo indosso e un grembiule di bucato innanzi sempre, li quali più tosto mugnaio che fornaio il dimostravano, ogni mattina in su l ora che egli avvisava che messer Geri con gli ambasciadori dover passare si faceva davanti all uscio suo recare una secchia nuova e stagnata d acqua fresca e un picciolo orcioletto bolognese 8 nuovo del suo buon vin bianco e due bicchieri che parevano d ariento 9, sì eran chiari: e a seder postosi, come essi passavano, e egli, poi che una volta o due spurgato s era, cominciava a ber sì saporitamente questo suo vino, che egli n avrebbe fatta venir voglia a morti. La qual cosa avendo messer Geri una e due mattine veduta, disse la terza: Chente è, Cisti? è buono? Cisti, levato prestamente in piè, rispose: Messer sì, ma quanto non vi potre io dare a intendere, se voi non assaggiaste. Messer Geri, al quale o la qualità o affanno più che l usato avuto o forse il saporito bere, che a Cisti vedeva fare, sete avea generata, volto agli ambasciadori sorridendo disse: Signori, egli è buono che noi assaggiamo del vino di questo valente uomo: forse che è egli tale, che noi non ce ne penteremo 10 ; e con loro insieme se n andò verso Cisti. Il quale, fatta di presente una bella panca venire di fuori dal forno, gli pregò che sedessero; e alli lor famigliari, che già per lavare i bicchieri si facevano innanzi, disse: Compagni, tiratevi indietro e lasciate questo servigio fare a me, ché io so non meno ben mescere che io sappia infornare; e non aspettaste voi d assaggiarne gocciola 11! Bonifazio papa: Bonifacio VIII ( ). 2. Geri Spina: personaggio realmente esistito: guelfo nero, era una personalità eminente a Firenze. 3. in granidssimo stato: in grandissima considerazione. 4. smontati: alloggiati. 5. eserceva: esercitava. 6. Al quale divenuto: la fortuna, sebbene avesse dato a Cisti un occupazione molto umile, era stata comunque benigna nei suoi confronti, perché egli, grazie a quell attività, era divenuto ricchissimo. 7. ma avendo condizione: ma considerando la sua condizione. 8. orcioletto bolognese: vaso o boccale di terracotta di fabbricazione bolognese. 9. ariento: argento. 10. forse egli è tale penteremo: probabilmente è di così buona qualità che non ce ne pentiremo. 11. non aspettaste gocciola!: non crediate di assaggiarne una goccia! 14

15 E così detto, esso stesso, lavati quatro bicchieri belli e nuovi e fatto venire un piccolo orcioletto del suo buon vino diligentemente diede bere a messer Geri e a compagni, alli quali il vino parve il migliore che essi avessero gran tempo davanti bevuto; per che, commendatol molto, mentre gli ambasciador vi stettero, quasi ogni mattina con loro insieme n andò a ber messer Geri. A quali, essendo espediti e partir dovendosi, messer Geri fece un magnifico convito 12 al quale invitò una parte de più orrevoli 13 cittadini, e fecevi invitare Cisti, il quale per niuna condizione 14 andar vi volle. Impose adunque messer Geri a uno de suoi famigliari che per un fiasco andasse del vin di Cisti e di quello un mezzo bicchier per uomo desse alle prime mense. Il famigliare, forse sdegnato perché niuna volta bere aveva potuto del vino, tolse 15 un gran fiasco. Il quale come Cisti vide, disse: Figliuolo, messer Geri non ti manda a me. Il che raffermando più volte il famigliare né potendo altra risposta avere, tornò a messer Geri e sì gliele disse 16 ; a cui messer Geri disse: Tornavi e digli che sì fo: e se egli più così ti risponde, domandalo a cui io ti mando. Il famigliare tornato disse: Cisti, per certo messer Geri mi manda pure a te. Al quale Cisti rispose: Per certo, figliuol, non fa. Adunque, disse il famigliare a cui mi manda? Rispose Cisti: Ad Arno 17. Il che rapportando il famigliare a messer Geri, subito gli occhi gli s apersero dello ntelletto e disse al famigliare: Lasciami vedere che fiasco tu vi porti ; e vedutol disse: Cisti dice vero ; e dettagli villania gli fece torre un fiasco convenevole. Il quale Cisti vedendo disse: Ora so io bene che egli ti manda a me, e lietamente glielo empiè. E poi quel medesimo dì fatto il botticello riempiere d un simil vino e fattolo soavemente portare a casa di messer Geri, andò appresso 18, e trovatolo gli disse: Messere, io non vorrei che voi credeste che il gran fiasco stamane m avesse spaventato; ma, parendomi che vi fosse uscito di mente ciò che io a questi dì co miei piccoli orcioletti v ho dimostrato, cioè questo non sia vin da famiglia 19, vel volli staman raccordare. Ora, per ciò che io non intendo d esservene più guardiano 20 tutto ve l ho fatto venire: fatene per innanzi come vi piace. Messer Geri ebbe il dono di Cisti carissimo e quelle grazie gli rendè che a ciò credette si convenissero, e sempre poi per da molto l ebbero e per amico magnifico convito: sontuoso banchetto. 13. orrevoli: onorevoli, prestigiosi. 14. per niuna condizione: per nessun motivo. 15. tolse: prese. 16. Il che raffermando più volte disse: (Cisti) ribadì più volte la stessa cosa, tanto che il servo non riuscendo a ottenere altra risposta, tornò da Geri e gli riferì le parole di Cisti. 17. Ad Arno!: con questa risposta Cisti intende sottolineare che il fiasco è troppo grande: potrebbe essere riempito con acqua attinta all Arno non certo del suo vino pregiato. 18. andò appresso: andò subito dopo a casa di Geri. 19. vin da famiglia: vino da darsi ai servi. 20. guardiano: custode. 15

16 Ogni analisi del testo, per essere completa ed esauriente, va sempre condotta lungo la triplice linea della comprensione del testo, dell analisi tematica e formale e della contestualizzazione. Il modello adottato negli esami di Stato si articola, infatti, proprio secondo la seguente tripartizione: 1. Comprensione del testo 2. Analisi del testo 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Procediamo allora secondo questo schema. 1. Comprensione del testo Nell analizzare un testo narrativo, la prima operazione che conviene svolgere è leggere attentamente il testo cercando di individuare delle macro-sequenze; ciò infatti consente di cogliere immediatamente la vicenda narrata e il suo sviluppo, facilitando la sintesi del contenuto che generalmente viene richiesta. In quante e quali macro-sequenze divideresti il testo? Sintetizza il contenuto del brano in 4-5 righe. 2. Analisi del testo Anche in questa parte dell elaborato conviene prendere le mosse dalla divisione in sequenze (eventualmente individuare ulteriori sequenze all interno delle macro-sequenze) e capire se c è una prevalenza di sequenze narrative, descrittive, dialogiche ecc. per rilevare subito le caratteristiche del testo che ci troviamo di fronte. Che tipo di sequenza prevale qui? Un altra operazione fondamentale è individuare la voce narrante: chi è il narratore? A quale tipo appartiene? Ed è opportuno a questo punto fare riferimento brevemente alla struttura del Decameron, alle figure dei narratori, alla loro funzione ecc. 16

17 Un altro passo fondamentale nell analisi di un testo narrativo è individuare il tipo di focalizzazione, ricordando che può essere di tre tipi e che può variare all interno dello stesso testo. Qui com è la focalizzazione? Da quali elementi lo deduci? Soffermiamo ora l attenzione sui personaggi: come vengono presentati dal narratore? Quali aspetti (fisionomici, caratteriali, sociali ecc.) sono messi in rilievo? In questa novella, come in ogni testo narrativo, è infatti molto importante cogliere il tipo di caratterizzazione che ci viene fornita. Proprio nella dialettica tra i due personaggi, da cui uscirà vincitrice la figura di Cisti fornaio, è da individuare il nodo tematico-concettuale della novella: qual è dunque il significato profondo del testo? Si potrebbe chiudere questa parte dell elaborato con qualche notazione linguistica e stilistica (per esempio, il periodare complesso prevalentemente ipotattico delle parti narrative; il carattere mimetico e più immediato dei dialoghi ecc. ), non dimenticando che Boccaccio con il suo Decameron fonda sostanzialmente la prosa narrativa italiana. 17

18 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Per l interpretazione complessiva del brano e la contestualizzazione si potrebbe approfondire la figura di Cisti fornaio, inserendola in un più ampio discorso sulla visione laica boccacciana e sull atteggiamento dello scrittore nei confronti della classe mercantile, facendo riferimento ad altre novelle conosciute (per esempio Landolfo Rufolo, Andreuccio da Perugia). Ed è possibile poi approfondire ulteriormente il discorso su un piano storico-culturale, sottolineando come in quel periodo che è stato definito l autunno del Medioevo si assista a profonde trasformazioni di mentalità e di pensiero, che segnano la crisi del Medioevo e l inizio di una civiltà nuova, di cui sono espressione, oltre a Boccaccio, autori come Dino Compagni, Giovanni Villani, Marco Polo. 18

19 Da La Venexiana Incontri segreti La Venexiana è una commedia anonima degli inizi del Cinquecento, divisa in cinque atti e scritta in dialetto veneziano. Coinvolgente e vivace (ancora oggi rappresentata), è incentrata su intrighi e schermaglie d amore, che ruotano intorno al giovane Julius, avvenente forestiero giunto a Venezia, che fa breccia in vari cuori. Nella scena seguente (atto II, scena 5) Julius incontra Bernardus, un astuto facchino che ha l incarico di combinare un incontro tra il giovane e la vedova Angela, altra vittima del bel rubacuori. Julius e Bernardus [ ] O felice casa, che mia Signora tene chiusa! Ben potrò laudarte, cun questa inclita terra, quando da alguna zentildonna serò cognosciuto per vero amante. E l quest alò? Ve : i cavèi atrezzolì e quel ari da fomnela. Chigasang! a l è quel. Già è tempo de visitar la Piaza. Non sciò che ora mo sii. Dime, compagno, che ora è mo? Patrò, disif que ora è? A l po esser vintadò, o lì apress. Gran mercè a te. No la cad, ch a m regraziè; perché a so quilò per faf a de mej, cha inse gnàf li ori. Che hai detto tu? A digh, ch a so quilò per faf un aplaxì. Volesse Dio, che fosse bono per me. No guardé seben porti ol zac; ch a so perzò om da podìf dà un beneficii, sì. Non volio esser de chiesa, ma soldato io. A dis un beneficii da zentilom e compagnò da bon temp. Lo melior beneficio sarebbe che me insegnassi qualche bon loco, ove potessi adoperar mia gioventù e pigliar piacere; ché a questo sum venuto. A parli de quel propi che circa fino gi osei. Viene un poco da parte. Che cosa voj dir tu? Vedì, se m volì dà la fed da om da bé e fà com dico mì, af menarò sta not in gloria in exselcjs. Ah, ah! che voce de angelo! Se non voj altro, eccome a tuo commando [ ] O felice casa, che la mia Signora tiene chiusa! Potrò ben lodare te ed insieme questa nobile terra di Venezia, quando sarò riconosciuto come vero amante da qualche gentildonna! È quello lì? Vediamo: (ha) i capelli a treccioline e quell aria da femminella. Accidenti. È lui. Già è tempo di visitare la Piazza. Non so che ora sia adesso. Dimmi, amico, che ora è adesso? Padrone, chiedete che ora è? Possono essere le ventidue o giù di lì. Grazie a te. Non è necessario che mi ringraziate; perché io sono qui per fare di meglio che informarvi sulle ore. Che cosa hai detto tu? Dico che sono qui per farvi un piacere. Volesse Dio che fosse vantaggioso per me. Non guardate; sebbene porto il sacco, sono però un uomo da potervi dare un beneficio. Certamente. Ma io non voglio un beneficio ecclesiastico; io sono un soldato. Intendo dire un beneficio da gentiluomo e compagnone che sa passare bene il tempo. Il miglior beneficio sarebbe che tu mi indicassi qualche buon luogo, dove io potessi mettere a frutto le doti della mia gioventù e prender piacere; perché è per questo che io son venuto qua. Ma io sto parlando proprio di quello che perfino gli uccelli cercano. Fatti un poco da parte. Che cosa vuoi dire? Vedete; se mi volete dar credito da uomo dabbene e fare come dico io, io vi condurrò stanotte in gloria excelsis. Ah, ah! Che voce di angelo! Se non vuoi altro, eccomi al tuo comando [a cura di P. Trovato] 19

20 Ogni analisi del testo, per essere completa ed esauriente, va sempre condotta lungo la triplice linea della comprensione del testo, dell analisi tematica e formale e della contestualizzazione. Il modello adottato negli esami di Stato si articola, infatti, proprio secondo la seguente tripartizione: 1. Comprensione del testo 2. Analisi del testo 3. Interpretazione complessiva e approfondimenti Procediamo allora secondo questo schema. 1. Comprensione del testo Per analizzare un testo teatrale è necessario individuare immediatamente se si tratta di un monologo o di un dialogo e i personaggi che sono in scena, tenendo sempre presente che, a differenza di quanto accade in un testo narrativo, tutti gli elementi, dall intreccio all ambientazione, alla caratterizzazione dei personaggi, devono essere desunti dalle battute e da eventuali didascalie (assenti nel nostro brano). Quale potrebbe essere la sintesi in 4-5 righe della scena? 2. Analisi del testo Leggere attentamente le singole battute ci consente, innanzitutto, di ricostruire la caratterizzazione dei due personaggi in scena. È interessante notare che Julius sembra presentarsi immediatamente come un giovane che punta tutto sul suo fascino e le sue arti amatorie (quando sarò riconosciuto come vero amante da qualche gentildonna); a ciò fa da divertente contrasto la descrizione del ragazzo da parte di Bernardus: ha i capelli a treccioline e quell aria da femminella. Come descriveresti la figura di Julius? Dall altra parte, Bernardus appare subito furbo e un po ruffiano, e sembra ricordare il tipo del servo astuto proprio del genere della commedia: da quali battute si possono desumere queste caratteristiche? Ricordi qualche altro personaggio che può rientrare in questa categoria? 20

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Il Dolce stilnovo, di Elisa Bianco

Il Dolce stilnovo, di Elisa Bianco Il Dolce stilnovo, di Elisa Bianco Tra la fine del 200 e i primi del 300 fiorisce, prima a Bologna e poi a Firenze, una nuova scuola poetica, il Dolce stilnovo, che riprende e porta a maturazione le tematiche

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA. CORSO Ragionieri

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA. CORSO Ragionieri ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA CORSO Ragionieri PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE 3^ SEZIONE T Professore: Curletto Valeria Ore settimanali: 4 Finalità: Lo studio

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO

LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO via dei Donoratico, Cagliari (CA) Anno scolastico: 2013/2014 Programma di ITALIANO - Classe: 3 a F (Ind. Scientifico) Docente: prof.ssa Manuela Nonnis (sostituta

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Dante nella selva oscura

Dante nella selva oscura Dante nella selva oscura Da La Divina Commedia Inferno, Canto 1 I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) classi 4 A-4 E a.s. 2012/2013 Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, 3 ché

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

I gruppi di ascolto DATA E ORA LUOGO ANIMATORI

I gruppi di ascolto DATA E ORA LUOGO ANIMATORI I gruppi di ascolto DATA E ORA LUOGO ANIMATORI MERCOLEDÌ ore 14,30 Via M. Grappa 51 (Moscolari) Marisa M./ Loredana P MERCOLEDÌ ore 14,30 salone card Testa... Ornella R./Raffaella GIOVEDÌ ore 20,30 oratorio...

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Classe IIIA. Obiettivi specifici

Classe IIIA. Obiettivi specifici Liceo scientifico A. Gramsci - Ivrea Anno scolastico 2013-2014 Classe IIIA Materia: Lingua e letteratura italiana Docente: Francesca Abiuso Finalità educative e formative generali Sviluppo delle diverse

Dettagli

Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia

Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia Mondadori Education Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia C era a Perugia un giovane il cui nome era Andreuccio; egli vendeva e comperava cavalli e, avendo una volta sentito che Napoli era un luogo

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Pregate il Padrone della messe

Pregate il Padrone della messe PASTORALE VOCAZIONALE Pregate il Padrone della messe Dalla Trinità all Eucaristia: chiamati alla comunione Suor Carmela Pedrini L icona della Trinità di Andrei Rublev (1360-1430) si ispira all apparizione

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?...

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Dialoghi. 1. Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Francesco: Eh Oh... pian pian pian quante domande mariassignòre... Comisiemo

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Analisi della poesia Il testo e la parafrasi La prima strofa verso 1 Oltre la sfera che gira più larga Dante concepisce la Terra immobile al centro dell'universo.

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1

DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1 NOME FILE: ITA_B1_Mia-nonna-Sonia_testo CODICE DOCUMENTO: S ITA B B1 S2 27 DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1 La prova è indirizzata

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Suppliche e ringraziamenti

Suppliche e ringraziamenti Domenica, 09 ottobre 2011 Suppliche e ringraziamenti Filippesi 4:6-7- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti.

Dettagli

La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand era ancora

La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand era ancora Scuola di preghiera Venerdì 19 marzo 2010 intervento di don Bruno Daniel La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino,

Dettagli

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C)

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia è un poema scritto da Dante Alighieri e narra di un viaggio immaginario, compiuto dal poeta in nome dell intera umanità, avvenuto durante

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data Scheda Prima Capitolo primo 1. A caccia di indizi. Le Epigrafi - Francis Scott Fitzgerald Aimee Mann Il mimetismo secondo Walter Bates 2. Il Prologo. Con quale procedimento narrativo ha inizio il romanzo?

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli