Non gioco più, me ne vado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non gioco più, me ne vado"

Transcript

1 Gianni Mura Non gioco più, me ne vado Gregari e campioni, coppe e bidoni A cura di Andrea Gentile e Aurelio Pino

2 Gli articoli di Non gioco più, me ne vado sono stati pubblicati sulla Gazzetta dello Sport, su Epoca e sulla Repubblica. Sito & estore Twitter twitter.com/ilsaggiatoreed Facebook il Saggiatore S.p.A., Milano 2013

3 Non gioco più, me ne vado

4

5 Sommario Nota editoriale 13 Il gol non è tutto, ma quasi Mundial a Siviglia 19 Samba e torcida 21 Quel sogno dell Il silenzio dello stadio 25 Li manda Maradona 27 Inter al Bernabéu 30 Dalla parte dei respinti 33 La Francia oltre Platini 36 Come un sasso nello stagno 39 I giorni della sfiducia 41 Van Basten, alla fine 43 La Scala a San Siro 46 Massima follia Inter 49 Cenone con Gullit 52 Milano, un derby 54

6 La Nazionale più brutta del Il cuore ha sempre ragione 58 L Arrigo baciato dalla fortuna 60 Presagi prima della finale 63 A testa alta 65 Il naufragio 67 I rigori, giudizio di Dio 69 Il ritorno dei numeri Il tunnel di Ronaldo 73 Formiche guerriere 75 Maledetto l ultimo secondo 78 Mondiale 2006: colori & profumi 80 Benedetti undici metri 84 Vincere senza essere i più forti 87 Ciclismo, un quadro d epoca Kübler e il ciclismo che esalta 93 Sedrina tra favola e storia 95 Il «miracolo» italiano 99 Non hanno visto il mare 103 Zandegù sottovoce 105 Garofani bianchi per Motta 107 Italia d attacco nelle Ardenne 109 Anquetil, il duro dal cuore d oro 113 Motta e l odio 116 La gente lo sapeva 119 La Tre valli di Motta 122 Un giorno in Toscana con Cuorematto Bitossi 125 Merckx e l arte del capitano 132 I lamenti di Durante 135

7 Il facchino Gimondi 138 Gimondi alla Vuelta 141 Motta se gira la gamba 144 Polidori giura guerra 147 Come in una quadriglia 149 Patron Molteni al Tour 152 Piccole storie Dancelli, dongiovanni smitizzato 157 Pepp Fezzardi, ds in corsa 160 Occhiobello Chiarini e il bon sens di Rousseau 163 Sgarbozza il ciociaro 166 La rivincita dei dimenticati 169 Della Torre, troppo buono per vincere 172 Il radicchio di Bartolozzi 175 Benfatto, il ciclista coi baffi 178 Il paese indifferente 181 Marino Basso, ex vagabondo 184 Ora e ciò che è stato Viaggio nello stile Juve 189 Alfredo Binda, the Greatest 192 Luciano Pezzi: eravamo felici, o forse solo umili 196 Il mito della Sanremo/1 200 Il mito della Sanremo/2 203 Lontano da Coppi 206 Quando Piola filava 210 Gli anni d oro del Casale 214 I campioni dell acqua perduta 219 Quelle sfide con Coppi 223

8 Puskás, pancia da fuoriclasse 226 Da Angelillo a Ibra i 100 anni dell Inter 229 La squadra della felicità 232 Il secolo in contropiede 235 Mariolino, il re della foglia morta 239 Da quella curva spunterà Bartali, salvatore della patria 245 Francesco Moser, il galletto in bicicletta 250 Bull Chiappucci 254 Bugno, l eroe freddo 257 Rominger, il roditore 260 Povero Casartelli 263 Cip, il grande seduttore 267 Il valzer degli addii 270 Come quelli di una volta 273 Il posto di Pantani 276 I mondiali del Pirata 279 M illumino di Pantani 281 Con le ali aperte 284 Paesaggi, passaggi Poulidor, eroe incerottato 289 Il ciclismo che mangia i suoi figli 292 Strade per uomini forti 294 Una Sicilia inattesa 296 I colori di Monet 298 Ci chiamavano les Gimondì 301 Le curve cupe dei Pirenei 304 La montagna maledetta 307

9 Pantani risorge sul Ventoux 310 La strada del vino 313 Ciclisti in mare 316 Sassi, polvere e fango 319 Di fronte e di profilo Rocco in esilio 325 Il bimbo che guarda le stelle 329 I maestri del Trap 333 La lunga avventura di Ondina 336 Zeno Colò, che trovò l oro sotto la neve 340 Conti, dal baseball al mundial 344 San Pablito 347 L Osvaldo in riva al mare 351 Una panchina sul fiume 354 L irresistibile ascesa di Arrigo S. 357 La zona furba di Galeone 360 Serena, figlio del boom 363 Ti sia lieve la terra, Giovanni 366 Mazzone, quanno ce vo ce vo 370 La resurrezione di san Diego 373 Normalità Spalletti 375 La corsa felice di Martini 379 Ciotti, la voce dello sport 382 Le ali chiuse 385 Gigi Riva, 60 anni duri e puri 388 Pesaola, il nottambulo 392 A casa di Bearzot 396 Best, il quinto Beatle 400 Mazzola, una vita con i baffi 402

10 A bordo campo Brera-Rivera, l eterna polemica 409 Il ragazzino del Vicenza 414 C eravamo tanto amati 416 L assassino viaggiava sul Falcão Express 421 Le nuove danze del pallone 424 I presidenti diseguali 427 Calciomercato a Milanofuori 429 Lasciate che Rush venga al pub 432 Alle radici dell Arrigo , i nuovi Ridolini 438 Fidel tifa Napoli, Gramsci tifava Juve 441 I pericoli dell ombrello 443 Le sciocchezze del Duemila 446 Zoff, un uomo di trincea 449 Caro amico ti scrivo Mr. Platini, l italien 455 Le scelte di Cabrini 458 Lettera di uno che ha visto tutto 460 Gli occhi di Schillaci 463 Tanti auguri a voi 465 Vialli, scappa in Provenza 468 Cara Fbi, confesso tutto 470 In morte di un tifoso 472 Come quando pedalavi 475 Nostalgia di te, Gioann 478 Indice dei nomi 483

11 Nota editoriale Il giorno prima, l attesa lieve, agitatissima: cosa accadrà? E poi è il giorno. Lo stadio è una muraglia di colori, di cori, di rumori. Ai lati del percorso gli appassionati di ciclismo si accalcano, attendono, scalpitano sui sandali. Sfilano i campioni in campo. I panchinari. Gli arbitri. Il quarto uomo. Sfilano i campioni sulla strada. I gregari. I fotografi. I suiveurs e i giornalisti. Il durante e il dopo. L attesa, la tensione, la rassegnazione, la gioia. L euforia. La poesia. In «Rinascono la valentia e la grazia», Vittorio Sereni invoca la corsa di un ragazzo che gioca all ala: «O tu così leggera e rapida sui prati / ombra che si dilunga / nel tramonto tenace». Si dilungano ombre nei tramonti tenaci, per decenni, in questo libro. Un libro di sport, di calcio e di ciclismo. Un libro su di noi, che ci riconosciamo in quelle sfide, in quei momenti. Come eravamo, dove eravamo, quando Tardelli urlava sotto il cielo di Madrid, e dove quando, nel 2006, il cielo di Berlino si tingeva d azzurro e noi ridevamo, piangevamo, urlavamo. Come e dove quando Pantani volava sul colle del Galibier, e come e dove e quando e perché Pantani chiuse le ali in quell alba grigissima, in quella grigia stanza d albergo. Ci sono quei giorni che è impossibile dimenticare e poi c è tutto il resto, che passa e che è tutto un costruire, un crescere, sbagliare, e pensare e fare un passetto in avanti, e poi tornare indietro, sbagliare strada, fare una salita, e una discesa, una salita, e una discesa. C è tutto questo, c è il giorno memorabile e il giorno comune, il giorno euforico e il giorno disperato, in questo libro. E il giorno come un altro.

12 14 Non gioco più, me ne vado È proprio così, è tutto un correre, uno stare, un aspettare, è tutto così, come nella vita. Non ancora compiuti vent anni, Gianni Mura inizia la sua carriera alla Gazzetta dello Sport. Assiste alle partite di provincia, ma subito dopo si trova a raccontare, nel 1965, quello che succede sulle salite estreme, strette, affollate, e sulle discese ventose, armoniose, spericolate, «a tomba aperta», del Giro. Rileggerli, selezionarli, montarli, i pezzi di Gianni Mura, da quel 1965 a oggi, fa uno strano effetto. È che i pezzi che sono usciti nel corso degli anni sui quotidiani la Repubblica, dopo la Gazzetta, quei pezzi destinati il giorno dopo a svolazzare agli angoli delle strade, ebbene, quei pezzi vivono. E non solo. Pulsano di vita e non soltanto di passato e di nostalgia, odorano di erba, dell asfalto dopo la pioggia. Ci sono giorni, ci sono anni, che sono ormai troppo lontani, i giorni di ciclisti in bianco e nero, che qui Gianni Mura disegna, come in diretta, come in una macchina del tempo, e sono veri e propri quadri d epoca. Ci sono giorni in cui è come se una nuvola avvelenata ammorbi l aria. Sono quelli in cui si scopre che il calcio non è più sport, che il ciclismo non è più sport; quando si perde e non si è sicuri di aver perso davvero, perché sono i giorni, gli anni, del calcio truccato dalle scommesse, del doping rabbioso e compulsivo. Ci sono giorni, poi, in cui i calciatori sono come colori Buffon è fucsia, perché non passa inosservato, Pirlo è bianco come un ermellino, Totti giallo come un girasole e sono, quei giorni, quelli della vittoria mitica del Non è una galleria, non è un polittico: è una sinfonia. E allora ci ritroviamo qui, attraverso lo sguardo del cronista-colorista, a ripercorrere tutto, come se fosse la prima volta; ad attraversare vicoli che non abbiamo mai attraversato; a guardare scorci di cielo che no, non avevamo mai notato. Colli, pianure e distese e le note di Jean Ferrat e George Brassens, borghi illividiti dalle furie del tempo. I colori e i profumi della Provenza e di Sanremo. Passeggiate nei cimiteri marini e nel Père Lachaise, tra Jim Morrison, circondato da margherite sciolte, Balzac, Proust e il poeta Apollinaire, colonna spezzata di granito, una poesia e un calligramme incisi sulla lapide. Odore di limone. Di strada. Di vino forte, come il Pineau des Charentes, o di un distillato fortificante come il Bas-Armagnac. Ci ritroviamo lì, ai Mondiali del Grazie a loro, siamo andati in giro a cantare, a gridare, a baciarci, a tamponarci. Era come aver avuto la patente d esser vivi. E, ora, lo riviviamo. Siamo nel 1985: c è un uomo, al comando della nave dei sogni: la sua maglia è azzurra, il suo sinistro non perdona. Il suo nome è Diego Armando Maradona.

13 Nota editoriale 15 Con gli occhi di Gianni Mura, si può entrare nelle stanze d albergo dei corridori del Giro, dove i campioni si riposano e giacciono come albatri baudelariani. Si può sostare davanti alla tomba di Girardengo o di Coppi, veder giocare in allenamento Peppin Meazza con un promettente pulcino dell Inter, il futuro campione Sandro Mazzola, o entrare al pub con Ian Rush, scrivere, leggere, una lettera a Marco Pantani: «In morte sei stato generoso come in vita». E poi, in Francia, percorrere i sentieri e i paesaggi del Tour, transitare tra le valli, e le spiagge e il mare di Le Havre, o accanto alla Cattedrale di Rouen dipinta da Monet. E poi l Italia che cade e l Italia che vola. Vola il pallone calciato da Roberto Baggio nella finale dei mondiali del 1994, ma vola troppo in alto e va su, sopra la traversa, a due passi dal cielo. Ha vinto il Brasile, ai rigori. Quanti rigori battuti e quanti brindisi subito dopo e quanti silenzi, quando invece si capisce che la festa è finita. I rigori sono come la ghigliottina in piazza. Sono uno psicodramma in cui non si saprà mai chi ha ragione. Quanti momenti. Quei sei minuti. Quelli di Mazzola e Rivera, brevissimi, eterni, tanto da giungere fino a oggi. Quelli di Ronaldo, che torna a calcare i campi di gioco dopo tanto, e che in sei minuti cade di nuovo nel tunnel del crac, passa dal paradiso del ritorno in campo all inferno del dolore e della sventura, e si copre la faccia e piange, disteso su una barella. E poi le pedalate. Gimondi che attacca, bello e duro come il diamante, Bitossi che corre, corre e poi si ferma, Bitossi Cuorematto. E le corse di Anquetil, duro dal cuore d oro, Michele Dancelli, abile finisseur, Merckx che appena giunto in Italia va a comprare un 33 giri di Gianni Morandi e che per un lapsus ciclistico chiede un disco di Gianni Motta. Le corse di Sgarbozza il ciociaro, di Bartolozzi. Di Alfredo Binda, che se fosse in America certo lo chiamerebbero the Greatest. Quelle di Bartali e Coppi, Bugno e Chiappucci e Cipollini. E quelle di Marco Pantani, che corre e che va, e che soffre e che poi vive, e quelle rose che lo attendono, ma piene di spine e di dolore. E i mondiali, e gli europei, e i pianti e le gioie. Ora e ciò che è stato. Il mito della Sanremo, quando Coppi vince con 14 su Teisseire e getta le basi per il mito dell uomo solo al comando. Gli anni mitici del Casale e della Pro Vercelli, il fascino delle storie di ieri. La pancia da fuoriclasse di Puskás e la traiettoria a foglia morta di Mariolino Corso. I volti: era italiano e triste Gino Bartali, la sera del 14 luglio È alto, biondo e ha i capelli da paggetto, Giancarlo Antognoni, 22 anni, capitano della Fiorentina. È un divo, anche se non recita. È il Mentre arriva la grande crisi, tutti si abbracciano a lui: è San Pablito. Da Fusignano, è arrivato un profeta: si chiama Arrigo Sacchi. E poi il ds partigiano Alfredo Martini, la «voce» di Sandro Ciotti, e gli allenatori-filosofi e

14 16 Non gioco più, me ne vado gli urlatori, e Bruno Conti, e il calcio che non c è più e quello che c è, e il fuori campo, e l eterna polemica tra calciatori, come Rivera, e giornalisti, come Brera. «Nostalgia di te, Gioann» scrive Gianni Mura a Gianni Brera. Dicono che la nebbia sia il vestito migliore, nella Lombardia di pianura. Ma in questo libro, la nebbia appare e poi scompare, spolvera la cosmetica del ricordo, e quello che rimane sono le corse e le lotte e i pianti e le risate e, insomma, la vita. A.G. A.P.

15 Il gol non è tutto, ma quasi

16

17 Mundial a Siviglia Tornarci e trovarla diversa, questa città, meno aperta. Illudersi una volta passi, ma due fa male. Per la prima illusione, la colpa è ovviamente della Nazionale spagnola e del tecnico Santamaria: il termine più gentile che si sente, riferito a lui, è «caprone». Tutto era previsto, tutto era sicuro: qui dovevano giocare le furie rosse, in una città orgogliosa e un po dimenticata, talmente bella da rischiare di essere una città-museo. La gente, una volta viste sbiadire sempre di più sul teleschermo le furie rosse, aveva adottato il Brasile. Scelta logica, oltre che sentimentale. La squadra di Santana aveva giocato tre partite qui, i suoi quindicimila tifosi avevano animato i giorni e le notti con la loro allegria, le orchestre, un colore mai invadente e sempre di basso tenore alcolico. Innamorarsi del Brasile era andare sul sicuro, e invece no, vedi, che scherzo fa l Italia. Due volte colpita al cuore, Siviglia si riavvoltola intorno ai ritmi usuali. Solo nei bar delle zone povere si sente ancora parlare di mundial, con recriminazioni tipo: «Se il caprone chiamava Cardenosa, al centrocampo avremmo avuto un cervellone e le cose potevano andare diversamente». I grandi affari, i vagoni di pesetas rimangono un sogno. I guadagni migliori li hanno realizzati gli alberghi, facendosi pagare in anticipo a prezzi tripli (come altrove) e poi chi c è c è e chi non c è affari suoi. Ma i ristoranti sono semideserti, più di metà del personale è stato rispedito a casa, i tassisti si incolonnano risentiti nelle zone d ombra, senza nessuno da trasportare. Per il periodo del mundial hanno avuto diritto a un sovrapprezzo di venti pesetas, meno di trecento lire. Sul quotidiano locale l aumento dello zucchero a 80 pesetas al chilo (12,67 per cento in più) è stato annunciato con maggiore evidenza di Germania-Francia. Desta invece un certo interesse la notizia che Siviglia è in ballottaggio con Chicago per l allestimento di Expo 92, fiera iberoamericana coincidente col quinto

18 20 Non gioco più, me ne vado centenario della scoperta dell America. Da Chicago dicono di lasciar fare a loro, che hanno più mezzi. Qui ribattono che Siviglia, da Giulio Cesare in poi, è una culla di storia, che era la capitale dei regni di Castiglia e León, e anche la capitale del Nuovo Mondo, e in quest altalena fra il peso della storia e quello dei dollari vedremo chi vincerà. La scelta definitiva sarà fatta a Parigi l 8 dicembre. Dieci anni sono tanti e sembrano troppi a una popolazione delusa e in una certa misura sconfitta. Perché tutti i pezzi grossi dei partiti e dello stato, tutta la Spagna che conta doveva venire qui, illuminando la città del suo potere, e invece grazie all incapacità del «caprone» tutti rimangono dove sono, e tutto qui rimane com era, con in più la sensazione di aver subìto un torto dalla Nazionale, dall Italia, da Dio, dalla fortuna, da Mundiespaña. In questo quadro di naufragio progressivo, Francia e Germania sono state chiamate «convivados de pietra», ci sono ma è come se non ci fossero. Oggi l aeroporto di San Pedro ha accolto un infinità di voli charter, Francia e Germania sono abbastanza vicine, si riparte subito dopo per un altra città, Alicante o Madrid. Siviglia offre birra e panini, non c è tempo per altro, torna a essere una quinta teatrale ospitando di contraggenio una sfida franco-tedesca cui si sente profondamente estranea, quasi come i giornalisti italiani che si addormentano a metà di un tablao flamenco. Nel barrio di Santa Cruz, già ghetto ebreo, le voci dei venditori ambulanti rompono il silenzio, si può campare comunque anche solo vendendo terra da invasare, o peperoncini, o torroni. Il mundial era qui. Il mundial è passato. (1982)

19 Samba e torcida C è già spettacolo un ora e mezza prima della partita. Cinquemila tifosi brasiliani dimostrano cosa è la vera «torcida», il calcio in tribuna cantato, suonato, ballato, sofferto, mimato. La curva alla sinistra della tribuna d onore è solo un grande samba. Tutti e cinquemila, uomini e donne, vecchi e giovani, hanno la maglia gialla con i bordi verdi, i più organizzati hanno tromba, tamburi, bidoni di latta, birimbaos, cuícas, formano vere orchestre. Sulle maglie predomina il numero 10, il re è Zico. Lo stadio Pizjuan è bello per il calcio. Invece al Maracanà dai posti alti non si vede quasi nulla e si registra la situazione, che altrove sarebbe assurda, demenziale, di gente che balla con la radiolina all orecchio per sapere cosa succede nel campo, troppo lontano. E così credo che alla torcida non importi molto di sapere se gioca o no Paulo Isidoro. La festa sono loro, il calcio è un pretesto per il solito rito di allegria. Agitarsi così, col caldo che fa, è una sfida di sopravvivenza. Il Brasile esporta questa immagine di felicità bonaria, senza aggressività né fanatismi, regalando musica e danze. La realtà di tutti i giorni in Brasile sarà un altra, lo sappiamo, ma qui è lontana, sembra più lontana del Maracanà. I tamburi rullano due volte più forte, prima era solo un intrattenimento, adesso è la fede. È subito Zico a mettersi in luce con un tiro che costringe il portiere Dasaev a volare all incrocio dei pali per deviare la palla. Sul successivo calcio d angolo il colpo di testa di Sócrates ha poca fortuna. Risponde l Urss con un assist di Blochin per la testa di Oganesian. È un botta e risposta fatto di azioni veloci e piacevoli. Al 4 Junior si fa ammirare per una conclusione rabbiosa, di destro, che esce di poco. Giocano con semplici geometrie gli uomini di Beskov, trattenendo poco il pallone, Shengelia si trova solo davanti al portiere, e a Serginho non resta che trattenerlo vistosamente per la maglia. Reclama il rigore l attaccante sovie-

20 22 Non gioco più, me ne vado tico, ma l arbitro non è dello stesso avviso. Subito dopo lo stesso Serginho raccoglie di testa un lancio dello specialista Eder inviandolo poco sopra la traversa. Per niente intimorita l Unione Sovietica ritesse le sue trame senza affanno e con molta nitidezza; quasi tutte le azioni si dipanano da Blochin, capace di lungimiranti lanci che trovano quasi sempre un compagno smarcato sulle fasce laterali. Non delude certo le aspettative questa partita presentata come confronto-scontro fra due scuole: l allegria e la fantasia dei brasiliani contro l atletismo spinto dei sovietici. E al 37, da una delle tante azioni tipo dell Urss, Bal da fuori area riceve un passaggio che lo trova libero e pronto col destro al tiro fulminante: si piega sulle gambe Peres, il trentunenne portiere brasiliano, ma forse è ingannato dallo stesso effetto della palla che gli sguscia via. È l 1-0 per l Urss. Tre minuti dopo su un fallo di mano in area sovietica Falcão grida al rigore, ma ottiene solo un calcio di punizione a due che Eder spreca. Spreca anche Bessonov un gol quasi fatto a portiere ormai fuori gioco. La palla finisce sul palo e va fuori. Nella ripresa il Brasile si presenta con Paulo Isidoro al posto di Dirceu. Su un contropiede russo e successivo scambio Blochin-Gavrilov condensato con un gran tiro di quest ultimo, il portiere brasiliano Peres si impappina e blocca in due tempi. Si innervosisce la manovra brasiliana perdendo smalto e lucidità e quando Falcão smista su Serginho in posizione ideale, questi s incanta in inutili e infruttuosi dribbling a due passi dal portiere avversario. Eder che tanto si è prodigato a lanciare i compagni in meta questa volta ci prova da solo: gran sinistro, ma la mano di Dasaev è lì pronta ad alzare sulla traversa. Beskov al 28 sostituisce Gavrilov con Susloparov. Un attimo dopo Sócrates si destreggia fra un nugolo di avversari, finta, e da fuori area improvvisa un tiro ciclopico che s insacca nonostante il volo di Dasaev. Finale incandescente con un Brasile rinvigorito: Zico sbaglia incredibilmente a un soffio dalla linea di porta. Raggela buona parte dello stadio Shengelja, quando agli sgoccioli della partita insacca solo davanti a Peres, ma l arbitro spagnolo Castillo annulla per fuorigioco. Si continua sul filo delle emozioni ma in un altra area: finta di Falcão, Eder al volo col suo sinistro, piede rinomato, scova l angolo alto e regala al Brasile la vittoria. Potrebbe essere anche un 3-1 se Zico in scivolata non mancasse un assist pulito di Serginho. Il risultato resta lo stesso: Brasile-Urss 2-1. (1982)

21 Quel sogno dell 82 italia, regalaci un sogno. Ce n erano tanti, di cartelli così, la sera dell 11 luglio 82. E a tutti i milioni di persone appesi al risultato l Italia regalava una realtà. Una regia incredibile, dai balbettii di Vigo, alla voce alta di Barcellona, al trionfo di Madrid, tutto in un crescendo che ingigantiva le emozioni e che, lo si sarebbe visto dopo, avrebbe molto contribuito alla calcistizzazione del paese. Oggi c è a Zurigo una partita fra Italia e Germania che è molto diversa da quella di Madrid e da quella, fino a Madrid sul piedistallo, dell Azteca. Non è una rivincita, non è granché, forse è solo un pretesto per voltarsi indietro. Dagli uomini di Palazzo agli uomini della strada, un gran bagno di festa, mai viste tante bandiere (stoffa aumentata del 350 per cento, l ultima settimana), né tanto orgoglio nazionale né tanta solidarietà. Madrid e l Italia, un ingorgo tricolore, e tutto per una squadra di calcio. Che, ricordiamo anche questo, aveva tutti contro, il tragitto polvere-altare scandito da forze occulte, non individuabili nel solito stellone. Da indegni brocchi a supermen i giocatori, da mentecatto a Garibaldi l allenatore. Grazie a loro, i più forti, tutti si sono sentiti i più forti, sono andati in giro a cantarlo a gridarlo a baciarsi a tamponarsi, il clacson come un incubo, ma si sa che il disordine è la gioia della fantasia, deve averlo detto Paul Claudel. Era come aver avuto la patente d esser vivi e, anche più, di contare qualcosa e, infine, di essere i primi nel mondo, traguardo difficilmente raggiungibile nel campo della giustizia fiscale, dell assistenza sanitaria, nella riconsegna dei bagagli all aeroporto, nella tutela del verde o in un sacco d altre cose. Le mobilitazioni popolari legate alle imprese sportive, tramontati i tempi di Bartali e Coppi (e poi il ciclista vince sempre da solo) sono ormai esclusivamente a sfondo calcistico. Con l eccezione dei paesi di nascita, nessuno andrebbe in

22 24 Non gioco più, me ne vado piazza per una vittoria della Vaccaroni, di Mennea, di Oliva. È l idea della squadra (che si chiama Italia) a fare dell Italia una squadra: a patto che si sia vinto, conta partecipare, mettere le mani e il cuore sulla torta, sentirsi così bene da star quasi male. Abbracciando i suoi eroi d una sera, dal Nord al Sud l Italia abbracciava se stessa, scoprendosi unita, per una volta, e dal giorno dell Unità non è che siano poi state tante. A Madrid c era la tribù del calcio, i più giovani con la faccia dipinta, indiani metropolitani esaltati e miti. C era l Italia dei comuni («Grumo Nevano è con voi», «Forza Azzurri! Botteghelle Casalnuovo», «Da Torino l urlo del bar Nino») e c era naturalmente Pertini. C era anche la Germania, ci voleva la Germania per rendere più grossa la festa. Una finalissima Italia-Francia avrebbe avuto altro significato e sapore (e magari l avrebbe vinta la Francia). L hombre del partido, naturalmente, Paolo Rossi, così italiano che di più non si può, reduce da un viaggio altare-polvere-altare-polvere-altare che non sembra finito, lui il Davide buono per stendere ogni Golia. Tante cose son cambiate da quei giorni di questa follia collettiva. Regalata una realtà, l Italia del pallone s è incagliata in risultati opachi e mortificanti ed è giusto riconoscere a tutti, anche agli eroi, il diritto d invecchiare da uomini, di essere all altezza di se medesimi e non dei desideri e degli appetiti inesauribili di una nazione. Tutte le stelle vengono a giocare qui, la Juve vince una Coppa, la Roma aspetta di vincerne un altra, nel 1990 si organizzeranno i mondiali. Tutto è cominciato quell 11 luglio e il ricordo non placa la fame, ma come si fa a dimenticare? (1984)

23 Il silenzio dello stadio Lo stadio vuoto è l amara conseguenza di uno stadio riempito troppo e male a Bruxelles. Ma questo stadio non è del tutto vuoto. Un centinaio di persone in tribuna d onore, si scomoda perfino l Avvocato, ma se ne va dopo il primo tempo, esattamente come Platini. E poi 72 giornalisti, 32 fotografi, 14 addetti alla manutenzione del campo, 12 raccattapalle, 14 baristi, 6 barellieri e altri spiccioli di gente a vario titolo autorizzata a esserci. Poter dire «io c ero» non sembra un gran privilegio, ma è interessante esserci, e resistere alla tentazione di definire surreale un atmosfera che è reale. Non c è da arrivare molto in anticipo, manca il traffico che precede le altre partite. All unico cancello aperto, un gruppetto di fedelissimi grida di non far passare nessuno. Trecento poliziotti guardano tutte le entrate, un tentativo di invasione (quindici ragazzi, nemmeno tanto convinti) è subito contrato. I tifosi si raggrumano davanti ai cancelli chiusi, anche per loro è una situazione strana, vissuta con curiosità, senza rabbia. E poi hanno organizzato una specie di staffetta, sono informati periodicamente di quello che succede. Niente radio, ovviamente, né tv in diretta. Non è la Jeunesse una squadra da brividi, ci sarà pathos la prossima volta, sempre a porte chiuse, contro avversari più forti. Il figlio di Boniperti, Paolo, arriva con nove amici. Provano a stendere uno striscione bianconero (Vinci per noi) ma prevale il buongusto (degli altri). L altoparlante dà le formazioni e conclude con un «A tutti buon divertimento» degno di segnalazione. Squadre allineate a centrocampo, braccia alzate, tanta è l abitudine che Favero si gira a salutare anche dall altra parte, dove non c è assolutamente nessuno. Il cielo è grigio, gli applausi di cortesia, l impegno una pura formalità. Platini trotta come se gliel avesse ordinato il medico, Mauro è molle come un budino di fichi, Scirea e Laudrup rifiatano in panchina. La separazione chirurgica fra Juve e ti-

24 26 Non gioco più, me ne vado fosi appare netta e indolore. Tira aria da allenamento, non c è cattiveria né grande agonismo, c è solo da tirare fino in fondo i novanta minuti. Qualcuno azzarda un paragone con Blow up ma non vale: lì non c era la pallina, qui il pallone c è. Manca il sonoro, la partita sarebbe un perfetto film muto se non ci fossero le urla dei giocatori che chiamano palla, il rumore sordo dei tackle, quello più morbido del pallone calciato, i garbati battimani dei «privilegiati» in tribuna d onore, né è il caso di mettersi a urlare per un gol di Platini da tre metri, per uno di Pin da diciotto, per i due di Serena, uno di testa e uno su rigore, se mai un po più di convinzione negli applausi al gol del piccolo Guillot. M immaginavo la purezza del gesto atletico isolato, all aperto ma come sotto vetro. Errore. Per dare un idea, dirò che occorre invece immaginarsi il Palio di Siena senza gente attorno, o un concerto senza spettatori, qualcosa come un fuoco acceso senza nessuno che si scaldi. Il calcio ha bisogno di spettatori quasi come gli spettatori hanno bisogno di calcio. Lo stadio chiuso sarà una punizione dura, ma è anche un invito a riflettere come il calcio può ammalarsi o morire, così come di calcio si può morire. È difficile dire adesso quanto sia stato raccolto questo invito, e quanto sarà utile questo pomeriggio strano e deserto. Il silenzio, l assenza di rumore, è una conquista preziosa e difficile (una spiaggia, un letto, un bosco). Il silenzio attorno a una partita di calcio è una condanna: per chi non può entrare, per chi è entrato, per chi gioca e per chi fa finta di giocare. È finita 4-1, poteva finire 10-0 o 7-7 che era la stessa cosa, una faccenda da dimenticare in fretta o da ricordare per sempre, a scelta. (1985)

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli