Appoggi per l edilizia Kilcher

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appoggi per l edilizia Kilcher"

Transcript

1 Appoggi per l edilizia Kilcher Deforma Limitgliss Teflon Con l installazione degli appoggi Kilcher è possibile evitare la formazione di crepe nelle costruzioni dovute a deformazioni e torsioni angolari delle solette in calcestruzzo. I carichi verticali sono convogliati centralmente nel nucleo portante elastomerico e trasmessi alla muratura. Gli appoggi sono disponibili in rotoli e sono pertanto facili da posare.

2 KilcherAPPOGGI Situazione iniziale Durante la loro realizzazione e nel loro successivo utilizzo i vari elementi di una costruzione subiscono variazioni di forma e dimensioni: si allungano, si accorciano o si incurvano. A livello dei raccordi, questi movimenti possono provocare sollecitazioni eccessive e quindi lesioni. Negli edifici, i giunti tra un muro portante e la soletta in calcestruzzo rappresentano punti critici. Per via delle deformazioni a cui è soggetta una soletta in calcestruzzo soprattutto nella fase della costruzione nuda, anche nei muri delle nuove costruzioni possono verificarsi crepe. La deformazione elastica della soletta sotto l effetto del proprio peso e del carico utile, nonché le inflessioni che ne risultano, determinano carichi eccentrici negli elementi in muratura portanti. La messa in opera di un Kilcher permette di assorbire queste deformazioni, di centrare l applicazione della forza e quindi di evitare la formazione di crepe. Angolo di rotazione Compressione Torsione Ritiro Carico eccentrico Dilatazione Deformazione orizzontale Crepa Struttura La speciale struttura degli appoggi Kilcher, con un nucleo portante elastico e zone marginali morbide, consente la torsione della soletta in seguito a inflessione e determina un applicazione centrale della forza, consentendo di costruire la struttura in muratura in modo ottimale in funzione del carico massimo. In base all entità della deformazione orizzontale prevista si potrà scegliere il tipo di più adeguato. Per evitare confusioni in cantiere e rendere più semplici i controlli, gli appoggi Kilcher presentano una diversa colorazione e sono contrassegnati in modo chiaramente visibile. Accorciamento / Allungamento Accorciamento l / l in ; tenendo in considerazione anche il ritiro Temperatura del getto in calcestruzzo in C Temperatura minima stimata dell elemento in C ,55-0,45-0,35-0,25-0, ,65-0,55-0,45-0,35-0, ,75-0,65-0,55-0,45-0, ,85-0,75-0,65-0,55-0,45 Allungamento l / l in ; senza ritiro Temperatura del getto in calcestruzzo in C Temperatura minima stimata dell elemento in C ,05 +0,05 +0,15 +0,25 +0, ,15-0,05 +0,05 +0,15 +0, ,25-0,15-0,05 +0,05 +0, ,35-0,25-0,15-0,05 +0,05 > Si consiglia di effettuare sempre un calcolo preciso. 2

3 Definizione degli appoggi Sulla base delle deformazioni massime previste, il tipo di può essere definito nel modo seguente: 1. Determinare il punto di origine della deformazione (centro della tromba delle scale, vano ascensore) 2. Tracciare un cerchio attorno al punto di origine per definire le zone 3. Munire i muri portanti della denominazione del tipo di 4. Raggruppare i tipi di appoggi e le rispettive lunghezze totali Importante! Se il punto di origine della deformazione è già definito da un giunto fisso, l intera soletta può essere munita di Kilcher Deforma. In caso di edifici non isolati termicamente come parcheggi multipiano, magazzini, ecc. devono essere utilizzati gli appoggi a scorrimento permanente Kilcher Teflon. 1 Ritiro e accorciamento massimo alla temperatura più bassa nella costruzione nuda 2 Deformazione residua nella muratura finita r = 5-10 m Punto di origine della deformazione A r = 10 m und mehr A Kilcher Deforma (appoggi deformabili) B Kilcher Limitgliss (appoggi a deformazione e scorrimento temporanei) o Kilcher Teflon (appoggi a scorrimento permanente) Tempo Tempo B 1 Andamento della temperatura Inverno Estate Lato esposto alle intemperie, copertura del tetto Differenza ~20 C Isolamento termico Soletta in calcestruzzo Lato verso il vano interno Lo schizzo illustra l andamento della temperatura in una soletta di calcestruzzo d estate e d inverno. I valori indicati sono stati determinati con misurazioni effettuate su costruzioni di tipo diverso. Questi valori vengono normalmente superati. α A α d B L H 3

4 KilcherAPPOGGI Scelta dell Kilcher ottimale Base Solette in calcestruzzo su muri portanti in muratura o in calcestruzzo gettato in opera. Tutti gli appoggi Kilcher garantiscono la centratura del carico. Deformazioni allo stadio di costruzione nuda o finita parallelamente o perpendicolarmente al muro portante 2? NO SÌ Deformazioni allo stadio di costruzione nuda o finita parallelamente o perpendicolarmente al muro portante 4? Kilcher Deforma Spessore = 5 (N5 x...) NO SÌ Kilcher Deforma Spessore = 10 (N10 x...) Deformazione allo stadio di costruzione nuda 10 e allo stadio di costruzione finita 3 Kilcher Limitgliss Spessore = 7 (LG...) NO SÌ Deformazione allo stadio di costruzione nuda e allo stadio di costruzione finita comunque 10 (parallelamente o perpendicolarmente al muro portante)? Kilcher Teflon Spessore = 7.5 (3T...x...) NO SÌ Kilcher Teflon Esecuzione speciale con spessore = 7.5 (3T...x..., +/- deformazione desiderata) Dopo aver definito il tipo di, scegliere le dimensioni dell sulla base del carico lineare calcolato. 4

5 Kilcher Deforma Appoggio deformabile Struttura dell Dati tecnici 1 Nastro adesivo trasparente, con denominazione del tipo 2 Materiale espanso blu a pori chiusi 3 Nucleo portante, spessore 5 o 10 Caratteristiche del nucleo portante Unità Kilcher Deforma Osservazioni Materiale EPDM Durezza Shore A 70 (+/- 5) Spessore 5 e 10 Allungamento a rottura % > 200 Comportamento all incendio B 2 DIN 4102 / Parte 1 Campo di impiego Celsius da -30 a +80 Scelta del tipo Tipo di 5 Kilcher Deforma (appoggi deformabili) Spessore Carico a. kn/m 1 (al livello di utilizzo) Deformazione a. Larghezza nucleo portante (b) Torsione angolare a. superiore a b N5 x / N5 x / N5 x / N5 x / N5 x / N5 x / Tipo di 10 Kilcher Deforma (appoggi deformabili) Spessore Carico a. kn/m 1 (al livello di utilizzo) Deformazione a. Larghezza nucleo portante (b) Torsione angolare a. superiore a b N10 x / N10 x / N10 x / N10 x / N10 x /

6 KilcherDEFORMA Optimale Belastung Optimale Belastung Proprietà Cedimento sotto carico Cedimento 1,0 B C A D 0,5 E A N5 x 25 B N5 x 33 C N5 x 50 D N5 x 67 E N5 x 100 Resistenza alla deformazione Resistenza alla deformazione kn/m Tipo di E N5 x 100 D N5 x 67 C N5 x 50 B N5 x 33 A N5 x 25 Carico kn/m Carico verticale kn/m 1 Deformazione Aspetti statici Statica Carico verticale Supporto elastico Lunghezza libera d inflessione del muro portante = ca. 1,0 x altezza del vano Campo di impiego Deformazione aissibile: +/- 2 con spessore 5 Deformazione aissibile +/- 4 con spessore 10 Deformazione in direzione longitudinale e trasversale La speciale struttura con un nucleo portante elastico e il materiale espanso blu determina un applicazione centrale della forza e consente una torsione della soletta munita di tale come da tabella. La colorazione e la chiara identificazione del prodotto impediscono confusioni nel momento della posa e consentono un più sicuro controllo. Formati disponibili Tipi N5 in rotoli di 25 m max Tipi N10 in rotoli di 15 m max > Colore distintivo: blu Nota Il nucleo portante dell può anche essere disposto in modo eccentrico, così come sono possibili appoggi speciali con doppio nucleo, esecuzioni rotonde o altri prodotti speciali. Contattateci per un offerta. 6

7 Kilcher Limitgliss Appoggi a deformazione e scorrimento temporanei Struttura dell Dati tecnici 1 Nastro adesivo trasparente, con denominazione del tipo 2 Materiale espanso rosso a pori chiusi 3 Profilo Limitgliss, 7 spessore 4 Strato di scorrimento con grasso siliconico Caratteristiche del nucleo portante Unità Kilcher Limitgliss Osservazioni Materiale EPDM Durezza Shore A 70 (+/- 5) Spessore 7 Allungamento a rottura % > 200 Comportamento all incendio B 2 DIN 4102 / Parte 1 Campo di impiego Celsius da -30 a +80 Scelta del tipo Tipo di 7 Kilcher Limitgliss (appoggi a deformazione e scorrimento permanenti) Spessore Carico a. kn/m 1 (al livello di utilizzo) Spostamento a. nella costruzione nuda in Deformazione a. nella costruzione finita in Larghezza nucleo portante (Profilo) (b) Torsione angolare a. superiore a b LG /- 10 +/ (42) 60 LG /- 10 +/ (47) 51 LG /- 10 +/ (52) 43 LG /- 10 +/ (56) 38 LG /- 10 +/ (61) 33 LG /- 10 +/ (71) 27 LG /- 10 +/ (81) 22 7

8 KilcherLIMITGLISS Optimale Belastung Optimale Belastung Proprietà Cedimento sotto carico Resistenza allo scorrimento e alla deformazione Cedimento 1,2 1 B 0,8 A C D 0,6 0,4 0, A LG 80 B LG 100 C LG 150 D LG 400 Resistenza in % del carico massimo Resistenza alla deformazione a secco longitudinalmente Resistenza allo scorrimento e alla deformazione trasversalmente Carico verticale kn/m 1 Scorrimento e deformazione in Aspetti statici Statica Carico verticale Supporto elastico Lunghezza libera d inflessione del muro portante = ca. 1,5 x altezza del vano nella costruzione nuda ca. 1,0 x altezza del vano nella costruzione finita Campo di impiego Deformazione aissibile: +/- 10 nella costruzione nuda Deformazione aissibile: +/- 3 nella costruzione finita Deformazioni in direzione longitudinale e trasversale La speciale struttura con un nucleo portante elastico e il materiale espanso rosso determina un applicazione centrale della forza e consente una torsione della soletta munita di tale come da tabella. Grazie alla loro particolarità costruttiva, gli appoggi Kilcher Limitgliss sono in grado di assorbire le prime deformazioni importanti subite dalla costruzione nuda fino a +/- 10. Con il ridursi dell entità delle prime deformazioni e con un tempo di carico più lungo, essi consentono l assorbimento di ulteriori deformazioni nella costruzione finita fino a +/- 3. La colorazione e la chiara identificazione del prodotto impediscono confusioni nel momento della posa e consentono un più sicuro controllo. Formati disponibili In rotoli di 15 m max > Colore distintivo: rosso Nota Il nucleo portante dell può anche essere disposto in modo eccentrico, così come sono possibili appoggi speciali con doppio nucleo ed esecuzioni rotonde. Su richiesta gli appoggi possono essere muniti di un nastro tagliafuoco in ceramica per le solette intermedie di gallerie. Contattateci per un offerta. 8

9 1 Nastro adesivo trasparente, con denominazione del tipo 2 Materiale espanso bianco a pori chiusi 3 Neoprene rivestito di teflon e con armatura in tessuto (5 ) 4 Grasso siliconico 5 Neoprene rivestito di teflon e con armatura in tessuto (2 ) Kilcher Teflon Appoggi a scorrimento permanente Struttura dell Dati tecnici 1 Nastro adesivo trasparente, con denominazione del tipo 2 Inossidabile piastra d acciaio (1.5 ) di come slittare 3 Grasso siliconico 4 Neoprene rivestito di teflon e con armatura in tessuto (6 ) 5 Materiale espanso bianco a pori chiusi Caratteristiche del nucleo portante Unità Kilcher Teflon Osservazioni Materiale CR rivestito in PTFE Durezza Shore A 65 (+/- 5) Spessore 7.5 (6 e 1.5) Allungamento a rottura % > 400 Comportamento all incendio B 2 DIN 4102 / Parte 1 Campo di impiego Celsius da -30 a +80 Scelta del tipo 7.5 Kilcher Teflon (appoggi a scorrimento permanente) Tipo di Spessore Carico a. kn/m 1 (al livello di utilizzo) Deformazione a. Nucleo portante punti per m 2 / b x t Torsione angolare a. superiore a b 3 T 50 x / Punti 50 x T 50 x / Punti 50 x T 50 x / Punti 50 x T 50 x / Punti 50 x T 75 x / Punti 75 x T 75 x / Punti 75 x T 100 x / Punti 100 x T 100 x / Punti 100 x T 100 x / Punti 100 x > Il coefficiente di attrito è pari all 1 % ca. del carico. 9

10 KilcherTEFLON Aspetti statici Statica Carico verticale Lunghezza libera d inflessione del muro portante = ca. 2,0 x altezza del vano Esecuzioni speciali Gli appoggi a scorrimento permanente in teflon sono spesso utilizzati come appoggi singoli di forma speciale (per es. appoggi per ponti, costruzioni industriali, appoggi per pilastri). Esecuzioni speciali sono possibili in qualsiasi momento. Esempio (vista in pianta): Campo di impiego Deformazione aissibile: +/- 10 Deformazioni maggiori sono possibili su richiesta. Deformazioni in direzione longitudinale e trasversale In questo tipo di il teflon scorre sul teflon, assicurando anche col passare del tempo una sufficiente capacità di scorrimento. Il coefficiente di attrito è quindi pari a solo l 1 % ca. del carico. I tre nuclei di per metro lineare consentono un applicazione regolare della forza e il materiale espanso bianco periferico permette di ottenere anche la centratura della forza, garantendo in tal modo la torsione della soletta munita di tali appoggi. La colorazione e la chiara identificazione del prodotto impediscono confusioni nel momento della posa e consentono un più sicuro controllo. Formati disponibili In rotoli di 10 m max > Colore distintivo: bianco Nota Ci riserviamo di apportare modifiche in funzione delle evoluzioni tecniche. 10

11 Esempi di applicazioni > Giunto di dilatazione dell edificio > Muratura doppia > Muro divisorio portante > Muro con intercapedine con soletta continua > Isolamento facciata / tetto spiovente > Appoggio per mensola 11

12 KilcherAPPOGGI Istruzioni per la posa degli appoggi Kilcher > Kilcher Deforma > Kilcher Limitgliss > Kilcher Teflon Applicare uno strato di rivestimento di malta di almeno 10, liscio e pulito. Posare l Kilcher con la scritta verso l alto sulla malta indurita del coronamento del muro portante (lo spigolo superiore dell a filo dello spigolo superiore della cassaforma della soletta). Coprire completamente tutto il coronamento del muro. Incollare i giunti di ripresa con nastro adesivo. Applicare un imbottitura sui passaggi di tubazioni e cavi nella zona di contatto /soletta in calcestruzzo. Evitare assolutamente di danneggiare gli appoggi delle solette. Prima del getto di calcestruzzo il corretto posizionamento degli appoggi deve essere verificato dall ingegnere edile. Dopo aver disarmato, gli eventuali resti di calcestruzzo devono essere eliminati dai bordi longitudinali dell per garantirne la funzionalità. Realizzare un taglio di separazione nell intonaco tra il muro e la soletta. Appoggio Kilcher Cassaforma Malta min 10 Muro portante > L è posato con il bordo superiore a filo della cassaforma Intonaco da soletta spessore 5 Taglio di separazione larghezza 2 Soletta in calcestruzzo Appoggio Kilcher Malta min 10 Profilo tondo a pori aperti / zona di deformazione Profilo terminale / distanziatore Intonaco da soletta / intonaco bianco muro Intonaco di fondo Muro portante > Taglio di separazione Taglio di separazione conforme a SMGV (Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori ASIPG) > Le istruzioni di posa possono essere scaricate dal sito Testo per i capitolati Appoggio Kilcher: Appoggio deformabile con sottostrato in malta Appoggio deformabile: deformazione a. +/- 2 Kilcher Deforma N5 x Carico a. kn/m 1 Larghezza di posa m Pronouvo AG, 9205 Waldkirch Tel Fax Appoggio deformabile: deformazione a. +/- 4 Kilcher Deforma N10 x Carico a. kn/m 1 Larghezza di posa m Pronouvo AG, 9205 Waldkirch Tel Fax Appoggio a scorrimento e deformazione temporanea: deformazione a: Costruzione nuda: +/- 10 Costruzione finita: +/- 3 Kilcher Limitgliss LG Carico a. kn/m 1 Larghezza di posa m Pronouvo AG, 9205 Waldkirch Tel Fax Appoggio a scorrimento permanente: deformazione a. +/- 10 Kilcher Teflon 3T x Carico a. kn/m 1 Larghezza di posa m Pronouvo AG, 9205 Waldkirch Tel Fax

pronouvo1073 Appoggi per pareti e solette per pareti portanti con la verifica di ammortamento di rumore per l empa

pronouvo1073 Appoggi per pareti e solette per pareti portanti con la verifica di ammortamento di rumore per l empa Appoggi per pareti e solette per pareti portanti pronouvo1073 con la verifica di ammortamento di rumore per l empa Gli appoggi Pronouvo 1073 sono utilizzati ovunque sia richiesto un maggiore isolamento

Dettagli

Schöck Tronsole tipo B

Schöck Tronsole tipo B Schöck Tronsole tipo Separazione acustica dal rumore da calpestio tra rampa della scala e solaio Schöck Tronsole tipo 100 x 3 Rampa della scala: Prefabbricata o in calcestruzzo gettato in opera Impiego

Dettagli

Schöck Isokorb tipo ABXT

Schöck Isokorb tipo ABXT Schöck Isokorb tipo Schöck Isokorb tipo Schöck Isokorb tipo Adatto per attici e parapetti. Trasferisce momenti, forze di taglio e forze normali. 145 Schöck Isokorb tipo Disposizione degli elementi Sezioni

Dettagli

Schöck Isokorb Tipo ABXT

Schöck Isokorb Tipo ABXT Schöck Isokorb Tipo Schöck Isokorb Tipo Schöck Isokorb Tipo Schöck Isokorb Tipo Adatto a cornicioni e parapetti. Trasferisce forze di taglio, momenti e forze normali. 145 Schöck Isokorb Tipo Disposizione

Dettagli

Schöck Tronsole tipo QW

Schöck Tronsole tipo QW Separazione tecnica acustica tra rampe di scale a chiocciola prefabbricate e parete di giroscala Schöck Tronsole tipo Rampa di scala a chiocciola: Prefabbricata Parete giroscala: Opera in muratura o calcestruzzo

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità!

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! 1 Elemento Monoblocco>> > Préfaest garantisce! Calcestruzzo con alte prestazioni per una eccellente resistenza. Fabbricato con un calcestruzzo armato ad alte

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips Sistema di controsoffitto autoportante senza requisiti antincendio Il sistema di controsoffitti autoportanti offre all esecutore un alternativa particolarmente interessante ai sistemi di controsoffitti

Dettagli

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 5.A. Fase preliminare 5.B. Fase di installazione 5.C. Fase di finitura 6. Disegni 7. Voce di capitolato 1/5

Dettagli

Casa Montarina: Costruzioni alte in legno anche in Ticino!

Casa Montarina: Costruzioni alte in legno anche in Ticino! Casa Montarina: Costruzioni alte in legno anche in Ticino! Autori Cristina Zanini Barzaghi, ing. civile dipl. ETH SIA OTIA Martin Hügli, ing. del legno dipl. FH Borlini & Zanini SA Laube SA, Biasca Aspetti

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

Documenti per la pianificazione Muratura facciavista e in clinker

Documenti per la pianificazione Muratura facciavista e in clinker Documenti per la pianificazione Muratura facciavista e in clinker Indice Pianificazione Formato dei mattoni Orditura delle murature Formazione dello zoccolo sulla soletta in calcestruzzo e cordolo di calcestruzzo

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

Costruzione. 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti. Realizzazione ALTRI IMPIEGHI 04/2012

Costruzione. 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti. Realizzazione ALTRI IMPIEGHI 04/2012 D_Altri impieghi 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti fissaggio dell elemento parete contro il risucchio (come da requisiti statici) rivestimento esterno pannello per parete

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

HBT-ISOL AG Postfach 5620 Bremgarten 2

HBT-ISOL AG Postfach 5620 Bremgarten 2 Moulo i orinazione ISOTREPP, pagina 33 Manufatto: Inirizzo i consegna: Ingegnere: Architetto: Costruttore: Cellulare capomastro: Data i consegna: Fax: 0 48 4 8 Compilato a: Elenco materiali n.: Progetto

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

ISOLAMENTO A CAPPOTTO

ISOLAMENTO A CAPPOTTO ISOLAMENTO A CAPPOTTO 13 aprile 2011 Via IV Novembre GRANDATE COMO tel. 031/564656 fax 031/564666 www.isolmec.com mail info@isolmec.com resp. ufficio tecnico Roberto Filippetto 339/8935863 areatecnica@isolmec.com

Dettagli

Il materiale BASE FOAMGLAS PERISAVE e FOAMGLAS FLOOR BOARD

Il materiale BASE FOAMGLAS PERISAVE e FOAMGLAS FLOOR BOARD Il materiale BASE FOAMGLAS PERISAVE e FOAMGLAS FLOOR BOARD L elemento combinabile per l isolamento termico e casseratura nei basamenti isolati FOAMGLAS Il risparmio: ELIMINA la cassaforma www.foamglas.it

Dettagli

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 Che cosa vuol dire IPERISOLAMENTO DISPERSIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO minime unbeheizt unbeheizt WSVO

Dettagli

Schöck Isokorb Tipo QP, QP-VV

Schöck Isokorb Tipo QP, QP-VV Schöck Isokorb Tipo Schöck Isokorb Tipo, -VV Schöck Isokorb Tipo (sollecitazione di taglio) Per carichi puntuali. Adatto a balconi appoggiati. Trasferisce forze di taglio positive Schöck Isokorb Tipo -VV

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO A CAPPOTTO. Ing. Federico Tedeschi

ISOLAMENTO TERMICO A CAPPOTTO. Ing. Federico Tedeschi Il Sistema Cappotto? muro esterno? struttura c.a.? incollaggio? isolante termico?? intonaco con rete? finitura Caratteristiche e vantaggi dell isolamento esterno Miglioramento del comfort abitativo in

Dettagli

L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione.

L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione. L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione. Progetto di demolizione con ripristino tipologico in ampliamento di fabbricato abitativo

Dettagli

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati Sistemi Anticaduta UNI EN 795 Linea Vita per Tetti Aggraffati KIT SA-SIANK FALZ LINE C Distanza tra gli ancoraggi terminali massimo 60 metri Distanza tra ancoraggi terminali o intermedie (campata) massimo

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

Blanke TRIMAT. Blanke TRIMAT diminuisce notevolmente i rimbombi prodotti dal calpestio: è perciò ideale per le ristrutturazioni.

Blanke TRIMAT. Blanke TRIMAT diminuisce notevolmente i rimbombi prodotti dal calpestio: è perciò ideale per le ristrutturazioni. DATI TECNICI Blanke TRIMAT Fonoassorbente e separatore Uso e funzione Blanke TRIMAT, materassino fonoassorbente che neutralizza le tensioni, è usato per la posa di piastrelle, pietra naturale, graniglia

Dettagli

Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni

Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni 1 2 Potete contare su di noi > Pronouvo1073 Appoggi per muri e solette >

Dettagli

ISOPRO taglio termico per solette a sbalzo. ISOPRO risolve il problema dei ponti termici in modo semplice, efficiente ed economico.

ISOPRO taglio termico per solette a sbalzo. ISOPRO risolve il problema dei ponti termici in modo semplice, efficiente ed economico. ISOPRO taglio termico per solette a sbalzo. ISOPRO risolve il problema dei ponti termici in modo semplice, efficiente ed economico. Siamo un azienda che si occupa a tutto tondo di edilizia. Nei nostri

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 Adriano Castagnone Domenico Leone Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 2 Adriano Castagnone Ingegnere libero professionista dal 1978, si occupa di calcolo strutturale

Dettagli

Indice. Organizzazione dei lavori. Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento. Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento

Indice. Organizzazione dei lavori. Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento. Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento Indice Organizzazione dei lavori Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento Realizzazione delle rampe esterne di accesso al Centro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OGGETTO: PROGETTO: 1057. timbro e firma

RELAZIONE TECNICA OGGETTO: PROGETTO: 1057. timbro e firma RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Ristrutturazione edilizia maggiore del 25% della superficie disperdente dell edificio scolastico, scuole medie, sito in Via Donizetti 9, 24020, Torre Boldone (BG). PROGETTO:

Dettagli

Agosto 2010 ASP Dagmersellen. Memoriale. Desolidarizzazioni. di pavimenti in piastrelle e materiale lapideo all'interno di stabili.

Agosto 2010 ASP Dagmersellen. Memoriale. Desolidarizzazioni. di pavimenti in piastrelle e materiale lapideo all'interno di stabili. Agosto 2010 ASP Dagmersellen Memoriale Desolidarizzazioni di pavimenti in piastrelle e materiale lapideo all'interno di stabili Pagina 1 Gli autori di questo memoriale sono: Arpagaus Reto Graber Daniel

Dettagli

Scheda tecnica Sto GK800 A+

Scheda tecnica Sto GK800 A+ Lastre isolanti preformate in polistirene espanso sinterizzato secondo EN 13163:2013 contenenti particelle di grafite. Prodotto a marchio CE. Identificazione tecnica X31 KTR. Caratteristiche Funzione è

Dettagli

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA In un mercato dell edilizia che in generale pone sempre più l accento su soluzioni che siano ecocompatibili e performanti

Dettagli

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine)

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine) Chiusure verticali (Chiusure con intercapedine) generalità tamponamenti perimetrali infissi esterni attrezzature di completamento Sistemi in grado di regolare il rapporto tra le situazioni ambientali,

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti FERMACELL L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti EDIZIONE 00 0 buone ragioni scegliere l alta qualità FERMACELL! Le lastre in gessofibra FERMACELL hanno le carte in regola per soddisfare

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

Scarichi ad alta prestazione per tetti piani per il drenaggio delle acque meteoriche

Scarichi ad alta prestazione per tetti piani per il drenaggio delle acque meteoriche Scarichi Scarichi ad alta prestazione per tetti piani per il drenaggio delle acque meteoriche Per scaricare le acque piovane da tetti piani, parcheggi e terrazzi, offre un sistema di costruzione componibile

Dettagli

Colla di montaggio Pro

Colla di montaggio Pro Scheda prodotto Prodotto COLLA DI MONTAGGIO PRO è una colla e un mastice per fughe dalla qualità pregiata, a presa rapida e capace di mantenere l elasticità, a base di polimero MS ad elevata adesione iniziale.

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione.

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione. PREMESSA: Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

misure di protezione antincendio per edifici

misure di protezione antincendio per edifici Nuove norme di prote zione antincendio per edifici Testo Walter Schläpfer* Illustrazioni: Associazione professionale EPS Svizzera Immagini Gebr. Accoto GmbH Dal 1 gennaio sono in vigore in Svizzera nuove

Dettagli

TIPOLOGIE PRINCIPALI 10

TIPOLOGIE PRINCIPALI 10 QUADERNO II Chiusure in muratura e calcestruzzo MURI ESTERNI IN ELEVAZIONE Scheda N : TIPOLOGIE PRINCIPALI 10 Esistono diversi tipi di muri,che si differenziano gli uni dagli altri per la loro resistenza

Dettagli

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP Descrizione I giunti di dilatazione stradale della serie TEC VP assolvono alla funzione di coprigiunto filopavimento e sono progettati per rispondere alle

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL

Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL Schede tecniche FERMACELL Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL Sollecitazione dell umidità Campi di utilizzo Secondo la sollecitazione di umidità cui è sottoposto un elemento costruttivo,

Dettagli

Sistema per pavimenti

Sistema per pavimenti Schlüter -BEKOTEC Sistema per pavimenti 9.1 struttura in basso spessore a ridotta deformazione concava e convessa Scheda tecnica Applicazione e funzione Schlüter -BEKOTEC è un sistema sicuro che permette

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE Le canne fumarie della serie DP rappresentano la soluzione piu avanzata per l evacuazione dei fumi di generatori di calore alimentati con qualsiasi tipo di combustibile.

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

Pareti e rivestimenti ERACLIT

Pareti e rivestimenti ERACLIT 32 Le pareti ed i rivestimenti antirumore ed antincendio ERACLIT rappresentano uno dei sistemi più interessanti e completi presenti sul mercato, in quanto: non hanno limitazioni di altezza e sono di grande

Dettagli

chi scale Chi scende, Impresa & Cantiere mediante ringhiera oppure tramite un elemento pieno, per esempio in calcestruzzo armato.

chi scale Chi scende, Impresa & Cantiere mediante ringhiera oppure tramite un elemento pieno, per esempio in calcestruzzo armato. STRUTTURE SCALE ESTERNE FONDAZIONI PAVIMENTAZIONI E SOLAI PARETI INTERNE Chiusure verticali Balconi e logge COPERTURE PIANE COPERTURE A FALDA 3 strutture di contenimento Scale Chi scende, chi scale Matteo

Dettagli

Schede tecniche e linee guida per l installazione

Schede tecniche e linee guida per l installazione Schede tecniche e linee guida per l installazione 43 Intumex RS10 - Collare tagliafuoco Generalità Intumex RS10 è un tagliafuoco per tubazioni in plastica realizzato in acciaio inossidabile vericiato a

Dettagli

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione Caso applicativo 1: edificio di nuova realizzazione Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile Primo caso applicativo - edificio di nuova realizzazione I sistemi di rivestimento

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Collettori Solari Helio Plan 2.2

Collettori Solari Helio Plan 2.2 Collettori Solari Helio Plan 2.2 Istruzioni d installazione, uso e manutenzione Figura 1 Helio Plan 2.2 IT 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 Destinatari 3 Avvertenze generali 3 Caratteristiche generali 3 INFORMAZIONI

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture DESCRIZIONE L uso dei rinforzi FRP SYTEM per il consolidamento di strutture in c.a., murature, legno e acciaio

Dettagli

del davanzale e della terrazza!

del davanzale e della terrazza! MADE IN GERMANY Progettare il raccordo ideale per l isolamento termoacustico del davanzale e della terrazza! PER NUOVE COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI Elementi di raccordo universali e termoisolanti al

Dettagli

a = altezza travetto b = spessore soletta superiore c = spessore totale (a+b+4+2) Rete in filo d acciaio galvanizzato Caratteristiche acciaio:

a = altezza travetto b = spessore soletta superiore c = spessore totale (a+b+4+2) Rete in filo d acciaio galvanizzato Caratteristiche acciaio: SOLAIIO CON PANNELLO SOLAIIO EMMEDUE PSSG2E Largh. travetto= 100 mm Interasse travetti= 560 mm Spessore Var. 120-320 mm SCHEDA 3..1 Gli orizzontamenti eseguiti con il pannello solaio EMMEDUE PSSG2E, realizzano

Dettagli

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE Monza, 22 gennaio 2014 Progettazione di una facciata ventilata Nella

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Le fessurazioni vengono spesso considerate un problema estetico, poco ricorrente e di facile risoluzione, in realtà ne sono colpite

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

Istruzioni di posa per la. guaina liquida. Prodotti e servizi del gruppo swisspor

Istruzioni di posa per la. guaina liquida. Prodotti e servizi del gruppo swisspor Istruzioni di posa per la guaina liquida Prodotti e servizi del gruppo swisspor Indice dei contenuti Componenti BIKUCOAT-PUR 3 Esecuzione del raccordo ad angolo 4 Esecuzione del raccordo finale del risvolto

Dettagli

9.4. Applicazione e funzione. Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico

9.4. Applicazione e funzione. Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico Schlüter -BEKOTEC-EN 18 FTS Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico 9.4 Struttura per massetto di basso spessore privo di tensioni, a ridotta deformazione. Particolarmente indicato per

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE

TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE Descrizione dei prodotti Le cortine taglia fuoco e taglia fumo FANANI FIRE sono state progettate per contenere l espansione di fiamme e fumi

Dettagli

RICOSTRUZIONE L AQUILA PROGETTO C.A.S.E. E OPERE FONDAZIONE

RICOSTRUZIONE L AQUILA PROGETTO C.A.S.E. E OPERE FONDAZIONE RICOSTRUZIONE L AQUILA PROGETTO C.A.S.E. E OPERE FONDAZIONE 1 Data di inizio dei lavori: 11 luglio 2009 Entità dell appalto affidato al Gruppo Orceana Wolf Haus ETS: costruzione di 21 edifici a struttura

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto

DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto Flessibile Semplice da posare Resistente Delta Servizi S.a.s. Sistema termoisolante a cappotto DomoKap Delta Servizi S.a.S Settore Edilizia presenta un sistema

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Protezione dal Fuoco Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Indice 1.0 Informazioni Generali sul Prodotto pag. 3 2.0 Sistemi

Dettagli

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 Murali Condensing Sommario Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 1 Sistemi di scarico in PP Introduzione Sistema per intubamento in PP per caldaie a condensazione

Dettagli

Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto

Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto Isolamento termico esterno: CAPPOTTO Il Sistema Cappotto ➀ muro esterno ➁ struttura ➂ incollaggio ➃ isolante termico ➄➅

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME HOME ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE INDICE 1. Note per le istruzioni di montaggio 2. Sicurezza

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO. Il giunto cappotto-serramento : Controtelaio Clima Profili portaintonaco

VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO. Il giunto cappotto-serramento : Controtelaio Clima Profili portaintonaco Il giunto cappotto-serramento : Controtelaio Clima Profili portaintonaco Marcatura CE Le normative europee 1) Resistenza meccanica e stabilità 2) Sicurezza in caso di incendio 3) Igiene, salute e ambiente

Dettagli