Rischio Cancerogeno in Fonderia. RESPONSABILITA per i PRODUTTORI e per gli UTILIZZATORI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischio Cancerogeno in Fonderia. RESPONSABILITA per i PRODUTTORI e per gli UTILIZZATORI"

Transcript

1 Rischio Cancerogeno in Fonderia RESPONSABILITA per i PRODUTTORI e per gli UTILIZZATORI

2 Con questo libretto informativo, la JODOVIT SRL vuole fornire assistenza ai propri clienti nel chiarire le Responsabilità dei Produttori e degli Utilizzatori di preformati isolanti ed esotermici (ad es. i manicotti, utilizzati nelle fonderie e le materozze, utilizzate nelle acciaierie), a causa della presenza in alcuni di essi di Fibre Ceramiche Refrattarie (F.C.R.) classificate come cancerogene. Questo chiarimento risulta tanto più necessario e doveroso a seguito degli importanti aggiornamenti della Normativa Europea e Italiana relativi all utilizzo di agenti chimici pericolosi e di prodotti contenenti agenti chimici pericolosi.

3 Proprio alla luce della loro pericolosità verranno descritte le modalità per riconoscere la presenza di F.C.R. nei preformati isolanti ed esotermici utilizzati in fonderia e nelle acciaierie. Verranno inoltre evidenziate le condizioni necessarie perché un etichetta ed una scheda di sicurezza riportino informazioni chiare e rispondano ai criteri di legge, in accordo a quanto sancito dai nuovi Regolamenti Europei REACH e CLP. Bisogna infatti ricordare che l utilizzo di prodotti che contengono agenti cancerogeni determina precisi obblighi e responsabilità sia nei termini di comunicazione del pericolo (etichette e schede di sicurezza) che in termini di salvaguardia della salute e della sicurezza dei lavoratori come prescritto dal D.Lgs. 81/08.

4 INDICE 1. Fibre Ceramiche Refrattarie e preformati materozze isolanti ed esotermici 2. Nuovi obblighi per i Produttori, i Distributori e gli Utilizzatori relativi ai Regolamenti Europei REACH e CLP 3. Obblighi in termine di sicurezza dei Lavoratori (D.Lgs. 81/08) 4. I Prodotti Jodovit

5 FIBRE CERAMICHE REFRATTARIE (F.C.R.) e PREFORMATI MATEROZZE ISOLANTI ED ESOTERMICI

6 FIBRE CERAMICHE REFRATTARIE (F.C.R.) In alcune tipologie di preformati isolanti ed esotermici vi può essere la presenza di Fibre Ceramiche Refrattarie (F.C.R.), sostanze classificate come cancerogene (di categoria 2 secondo la classificazione DSP e categoria 1 B secondo la classificazione CLP) Le Fibre Ceramiche Refrattarie (F.C.R.) sono un particolare tipo di fibre vetrose, prodotte a partire da una miscela di Allumina, Silice ed altri ossidi o caolini, utilizzate da molti anni come materiale termico isolante. Le applicazioni principali delle F.C.R. sono legate alle alte temperature e quindi agli usi per l'isolamento termico nei settori siderurgico e petrolifero.

7 EFFETTI SULLA SALUTE DELLE F.C.R. Le dimensioni delle fibre, la loro composizione chimica e la capacità di persistere nei tessuti polmonari, ne determinano la tossicità. Nell'organismo umano, le fibre con diametro inferiore a 3 micron, cioè tutte le fibre ceramiche refrattarie in commercio, possono, se inalate, penetrare negli alveoli senza la possibilità che l'organismo umano possa smaltirle.

8 F.C.R. E RISCHIO CANCEROGENO Come per l AMIANTO le principali patologie provocate dalle F.C.R. sono a carico dell'apparato respiratorio con alterazioni della sua funzionalità. L'effetto più grave collegato all'inalazione e' risultato essere un rischio di tumore al polmone. Per questo le F.C.R. sono state classificate come cancerogene di categoria 1B, cioè vi sono presunti effetti cancerogeni sull uomo prevalentemente sulla base di studi su animali

9 F.C.R. E RISCHIO CANCEROGENO Con la Direttiva Europea 97/69 CE del 5 Dicembre 1997, il 23 aggiornamento ella Direttiva 67/548 CEE del 1967 (Direttiva Sostanze Pericolose, D.S.P.) le fibre artificiali vetrose vengono divise in 2 gruppi a seconda della composizione chimica, le F.C.R. e le lane minerali. Le F.C.R. vengono definite quelle fibre artificiali vetrose (silicati) che presentano un tenore di ossidi alcalini e alcalino-terrosi (Na2O+K20+CaO+MgO+BaO) pari o inferiore al 18% in peso Le F.C.R. aventi diametro medio uguale o inferiore a 6 micron, vengono classificate come sostanze cancerogene di categoria 2 cioè sostanze che cancerogene per l uomo.

10 F.C.R. E RISCHIO CANCEROGENO Fibre artificiali vetrose F.C.R. Composizione: Composizione: Na2O+K20+CaO+MgO+BaO Na2O+K20+CaO+MgO+BaO = o < 18% in peso > 18% in peso Classificazione Carc. Cat. 2; R49 Xi; R38 Classificazione Carc. Cat. 3; R40 Xi; R38 Etichettatura T; R: Etichettatura Xn; R: 40-38

11 F.C.R. E RISCHIO CANCEROGENO Si ricorda che: R49=Provoca il cancro per inalazione R40=Possibilità di effetti cancerogeni: Prove insufficienti T= Tossico Xn= Nocivo I Produttori ed i fornitori di tali materiali devono comunicare il rischio connesso al loro utilizzo attraverso l etichettatura e la scheda di sicurezza aggiornate.

12 MATERIALI/PREPARATI CONTENENTI FCR Secondo la Direttiva 1999/45/CE (D.P.P., Direttiva Preparati Pericolosi), i preparati contenenti F.C.R. classificati come cancerogeni di categoria 2, si classificano essi stessi come cancerogeni di categoria 2, se contengono quantitativi pari o superiori allo 0,1% p/p di quel tipo di fibre. I manicotti rientrano nella classificazione di preparati poiché rilasciano parti dello stesso durante la movimentazione, in occasione di tagli ma soprattutto dopo la colata quando si decompongono negli elementi di base durante la sformatura del getto o lo strippaggio del lingotto

13 MATERIALI/PREPARATI CONTENENTI FCR Tali prodotti DEVONO riportare in etichetta e nella scheda di sicurezza le indicazioni sopra riportate, in modo chiaro e comprensibile. Devono inoltre essere aggiornate.

14 MODIFICHE DI ETICHETTATURA E SDS Tuttavia l entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo CLP ha introdotto importanti modifiche relative alla classificazione delle sostanze e dei preparati/miscele pericolose ed alla relativa comunicazione del rischio, portando pesanti cambiamenti nella compilazione dell etichetta e nella redazione della Scheda di Sicurezza. In Italia il Regolamento CLP è stato recepito dal D.Lgs. 186/2011 che prevede pesanti sanzioni nel caso delle violazioni delle disposizioni in materia di classificazione delle sostanze e dei preparati pericolosi, etichettatura e imballaggio.

15 Nuovi obblighi di classificazione, etichettatura e imballaggio: Regolamento CE 1272/ CLP

16 COS E IL REGOLAMENTO CLP? E un Regolamento che si occupa della Classificazione, Etichettatura e Imballaggio delle sostanze e delle miscele,entrato in vigore il 20 Gennaio 2009 Sostituirà definitivamente dopo il 1 Giugno 2015 le DSP e DPP le Direttive, riguardanti la vecchia comunicazione del rischio: - DSP 67/548/CEE (Direttiva Sostanze Pericolose) - DPP 1999/45/CE (Direttiva Preparati Pericolosi)

17 QUANDO DIVENTA OBBLIGATORIO? Il Regolamento 1272/2008 CE (CLP) entrato in vigore nel 2009, richiede l obbligo della redazione delle nuove etichette e della stesura delle schede di sicurezza con una diversa tempistica a seconda che si tratti di sostanze o di miscele/preparati. Nel caso delle sostanze e quindi anche delle F.C.R. le indicazioni sono diventate obbligatorie dal 1 Dicembre In particolare l etichetta deve riportare le nuove indicazioni, mentre la scheda di sicurezza al punto 2 deve riportare sia la classificazione secondo la Direttiva D.S.P. che secondo il Regolamento CLP. Questa fase di transizione permane fino al 1 Giugno Dopo questa data anche la scheda di sicurezza dovrà riportare solo le indicazioni CLP.

18 TRANSIZIONE AL REGOLAMENTO CLP SOSTANZE Classificate, etichettate e imballate secondo DSP Classificazione conforme a DSP riportata nella SDS Classificate secondo DSP e CLP Classificate CLP Etichettate e imballate secondo CLP Classificazione conforme a DSP e CLP riportata nella SDS Classificazione conforme a CLP riportata nella SDS

19 MODIFICHE PER LE F.C.R. Per le sostanze cancerogene cambiano: la suddivisione in classi, i simboli e le frasi di rischio che da frasi R diventano frasi H. CLASSIFICAZIONE DI PERICOLO Cat 1 Cat 3 Cat 1A; Cat 2 Cat 2 Cat 1B;

20 MODIFICHE PER LE F.C.R. SIMBOLI: GHS08 -Tossicità per l organo bersaglio (polmoni) GHS07 Nocivo FRASI DI RISCHIO R49 H350i=può provocare il cancro se inalato R40 H351=sospettato di provocare il cancro

21 COME DEVE ESSERE LA NUOVA ETICHETTA PER I MANICOTTI CONTENENTI FCR? Nell etichetta devono essere riportate le nuove istruzioni CLP Pericoloso (Dgr) H350i

22 COME DEVE ESSERE LA NUOVA SDS PER I MANICOTTI CONTENENTI FCR? Nella Scheda di Sicurezza (SDS) deve essere riportata al punto 2 sia la vecchia classificazione DSP che la nuova classificazione CLP, ad esempio: 2.1. Classificazione della sostanza Classificazione 67/548/ECC & 1999/45/EC: Classificazione Frasi di Rischio Simbolo Carc. Cat. 2 R49 T=Tossico Classificazione secondo il Regolamento 1272/2008 CE: Classificazione Frasi di Rischio Carc. Cat. 1B H350i Avvertenza: Pericoloso (Dgr) GHS08

23 SANZIONI AL REGOLAMENTO CLP Il Regolamento CLP è stato recepito in Italia dal D.Lgs 186/2011 che prevede sanzioni pecuniarie severe fino a euro per mancata errata o difforme classificazione, etichettatura e imballaggio da parte dei soggetti responsabili. Si ricorda in particolare:

24 SANZIONI AL REGOLAMENTO CLP

25 LE FCR ED IL REGOLAMENTO REACH Dal 1 Giugno del 2007 le precedenti regolamentazioni sulle FCR sono state sostituite e integrate dalla Regolamento CE 1907/2006 meglio noto come REACH (Registration, Evaluation Assessment and Regulation of Chemicals). Secondo le norme REACH le FCR sono considerate Substances of Very High Concern (SVHC) cioè SOSTANZE AD ALTO LIVELLO DI ATTENZIONE perché particolarmente pericolose per la salute dell'uomo.

26 FCR INSERITE NELL ANNEX 15 Inoltre, nel Gennaio del 2010 le FCR sono state aggiunte alla lista ANNEX 15 cioè la lista che include quelle sostanze particolarmente pericolose per le quali sarà richiesta una AUTORIZZAZIONE per L'UTILIZZO. Ciò darà origine a nuove più severe misure restrittive sull'utilizzo delle F.C.R. e dei prodotti contenenti F.C.R. nei prossimi anni. Questo complesso quadro Normativo comporta specifiche responsabilità sia per i Produttori che per gli Utilizzatori nelle vesti di Datori di Lavoro nell ambito della tutela della Salute e Sicurezza dei Lavoratori.

27 ULTERIORI OBBLIGHI Nel comunicato stampa dell ECHA è stata evidenziata l aggiunta delle FCR all elenco delle sostanze candidate all autorizzazione (allegato XIV del Regolamento REACH).

28 ULTERIORI OBBLIGHI Tale inclusione determina specifici obblighi che permangono anche nel caso in cui la sostanza candidata, nel nostro caso le FCR, sia presente in articoli. In particolare, dalla data dell inclusione nella suddetta lista, i Produttori dovranno fornire informazioni esaustive sul loro prodotto per garantirne l uso sicuro da parte degli Utilizzatori. Tale obbligo permane anche nel caso di articoli in cui la presenza della sostanza candidata all autorizzazione sia superiore al 1% in peso.

29 ULTERIORI OBBLIGHI Inoltre, dal 2011, i Produttori e/o gli Importatori di tali articoli devono notificare all ECHA la presenza negli stessi di sostanze candidate all autorizzazione. Questo obbligo si applica per quantità superiori a 1 tonn/anno e nel caso di articoli in cui la sostanza in esame è presente in concentrazioni superiori allo 0,1% in peso.

30 Obblighi in termine di Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/08)

31 SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Il problema legato all utilizzo degli agenti cancerogeni e mutageni rientra nell ambito della Salute e Sicurezza sul Lavoro nelle modalità descritte dal Titolo IX Capo II del D.Lgs. 81/08 noto anche come Testo Unico. Le norme del presente titolo si applicano a tutte le attività nelle quali i lavoratori sono o possono essere esposti ad agenti cancerogeni o mutageni a causa della loro attività lavorativa (Art. 233).

32 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO E DEI DIRIGENTI Nel Testo Unico vengono definiti precisi obblighi e sanzioni per tutti gli attori della Salute e Sicurezza sul Lavoro, con particolare attenzione alle responsabilità a carico del Datore di Lavoro (DdL) e dei Dirigenti. La violazione degli specifici articoli di legge prevede l attuazione di severe sanzioni civili e penali

33 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO E DEI DIRIGENTI Il D.d.L. ed i Dirigenti in base a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 hanno diversi obblighi fra cui: Sostituire o Ridurre l utilizzo degli agenti cancerogeni e mutageni, Valutare il Rischio derivante dall esposizione dei lavoratori Adottare tutte le misure preventive e protettive necessarie per ridurre il rischio, Adottare Misure tecniche, organizzative e procedurali per limitare i quantitativi di agenti cancerogeni utilizzati e ridurre il numero dei lavoratori esposti

34 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO E DEI DIRIGENTI Deve misurare la concentrazione nell aria dell agente cancerogeno, Fornire ai lavoratori Informazione, Formazione e addestramento sugli agenti cancerogeni utilizzati, Provveder affinché gli impianti, contenitori e gli imballaggi contenenti agenti cancerogeni siano etichettati in maniera chiaramente leggibile e comprensibile, Adottare azioni specifiche in caso di esposizione non prevedibile derivante da eventi o incidenti, istituire e aggiornare un registro, il Registro degli Esposti, dove vengono riportati i lavoratori esposti ad agenti cancerogeni. Tale registro deve essere istituito anche per i lavoratori con contratto di "somministrazione di lavoro" (in precedenza denominati lavoratori interinali) interinali

35 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO E DEI DIRIGENTI La violazione di questi ed altri articoli di legge prevede l applicazione di pesanti sanzioni sia civili che penali. SANZIONI : Prevedono, a seconda dei casi specifici, l arresto fino a 6 mesi o l ammenda fino a a 6,400 euro per il Datore di Lavoro e per i Dirigenti

36 I Prodotti JODOVIT: prodotti non cancerogeni, PRODOTTI SICURI

37 I PRODOTTO JODOVIT: PRODOTTI SICURI JODOVIT, per salvaguardare la salute dei propri lavoratori e quella dei suoi Clienti, da Giugno 2008 produce e fornisce l'intera gamma di MANICOTTI per FONDERIE (VOLUMIX FX, AX, H, AC e B) e MATEROZZE MONOLITICHE e IN SETTORI per acciaierie (VOLUMIX ISO E e FXA) con impasti di tipo isolante e isolanti/esotermiche esenti da Fibre Ceramiche Refrattarie classificate in categoria 1B (Regolamento CLP).

38 I PRODOTTO JODOVIT: PRODOTTI SICURI Nell'analisi del prodotto JODOVIT VOLUMIX FX ECO composto da fibra ecologica (bio-solubile) si nota la presenza di ossidi di Calcio e Magnesio in quantità superiore al 18%, che combinandosi con l'ossigeno presente nell'organismo umano rendono la fibra biodegradabile (nei termini richiesti dalla nota Q dell'euro direttiva).

39 I PRODOTTO JODOVIT: PRODOTTI SICURI Infatti, la somma degli ossidi alcalini e alcalino terrosi, in un campione rappresentativo di un manicotto JODOVIT FX è = %, abbondantemente sopra al 18%. Questa condizione è necessaria per poter definire una fibra NON CANCEROGENA Composizione di un manicotto JODOVIT FX

40 I PRODOTTO JODOVIT: PRODOTTI SICURI Tutta la gamma di maniche e materozze Jodovit, grazie alla loro formulazione, sono Articoli classificabili con l'indicazione usare indumenti protettivi e guanti adatti poiché la pericolosità dei suoi componenti può essere ricondotta solamente ad un effetto irritativo di tipo meccanico (consultare Schede di Sicurezza aggiornate).

41 E GLI ALTRI PRODOTTI SUL MERCATO? Sulla base di analisi e ricerche da noi effettuate, apprendiamo che le maniche e le materozze di alcuni produttori italiani contengono F.C.R. in quantitativi superiori allo 0,1% p/p; ciò nonostante questi prodotti vengono proposti e venduti sul mercato italiano e europeo con etichette e schede di sicurezza NON CONFORMI ALLE NORMATIVE VIGENTI. Dal momento che durante il loro utilizzo in fonderia o acciaieria le maniche e le materozze possono rilasciare, durante la manipolazione, polvere contenente F.C.R. e, dopo l'utilizzo, silice libera cristallina, si ritiene che questi prodotti debbano classificarsi sicuramente come cancerogeni di categoria 2 (D.S.P.) o 1B (Regolamento CLP).

42 E GLI ALTRI PRODOTTI SUL MERCATO? Vediamo ora la differenza con un manicotto esotermico dove NON vengono rispettate le condizioni necessarie per definire una fibra come non cancerogena. L'analisi del prodotto evidenzia la sola presenza di Allumina e Silicio, che provocano la formazione di un silicato alluminoso che l'organismo non riesce a smaltire perché assolutamente NON biodegradabile. Non sono infatti presenti ossidi alcalini e alcalino terrosi. L etichetta e la scheda di sicurezza devono riportare i seguenti simboli, secondo le indicazioni del Regolamento CLP.:

43 E GLI ALTRI PRODOTTI SUL MERCATO? Questa fibra è CANCEROGENA Composizione Composizione Immagine SEM di un manicotto EXO di un produttore italiano

44 E GLI ALTRI PRODOTTI SUL MERCATO? E' evidente che le fibre impiegate nei manicotti esotermici TIPO P e F, non contenendo ossidi alcalini né alcalino terrosi, sono classificate come FIBRE CERAMICHE REFRATTARIE (cancerogene di II categoria). Pertanto i manicotti esotermici P e F sono da considerarsi dal punto di vista chimico come: CANCEROGENI DI CATEGORIA 1 B secondo il CLP!

45 I PRODOTTO JODOVIT: PRODOTTI SICURI Questo materiale è SICURO Immagine SEM di un manicotto JODOVIT FX Questa fibra è CANCEROGENA Immagine SEM di un manicotto tipo P e F

46 VALE LA PENA RISCHIARE? NO!

47 USA PRODOTTI SICURI! USA PRODOTTI JODOVIT!

48 Il personale della JODOVIT SRL è a completa disposizione per fornire qualsiasi ulteriore chiarimento tecnico in merito e per collaborare alla risoluzione di problemi riguardanti la tossicità dei prodotti di consumo per fonderie e acciaierie. Non esitate pertanto a contattarci. JODOVIT ringrazia per la cortese attenzione.

49 Via Lombardia, Lonate Pozzolo (VARESE) Italia Tel: Fax: Web: Realizzazione a cura di ALMATA Consulenze Ambientali. La struttura ed il contenuto del presente volume non possono essere riprodotti, neppure parzialmente, salvo espressa autorizzazione

Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno

Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno XXXI Congresso Fonderia, Vicenza 26-27 Ottobre 2012 Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno RESPONSABILITA per i PRODUTTORI e per gli UTILIZZATORI di preformati isolanti e esotermici per

Dettagli

Gli Articoli secondo il Regolamento REACH: applicazione ai Dispositivi di Protezione Individuale

Gli Articoli secondo il Regolamento REACH: applicazione ai Dispositivi di Protezione Individuale Con il patrocinio di Convegno di studio e approfondimento Gli Articoli secondo il Regolamento REACH: applicazione ai Dispositivi di Protezione Individuale Relatori: Alessandro Fregni & Sandra Lazzari MILANO,

Dettagli

Le buone pratiche nell uso e trattamento delle fibre vetrose artificiali. Aspetti formativi e informativi.

Le buone pratiche nell uso e trattamento delle fibre vetrose artificiali. Aspetti formativi e informativi. Le buone pratiche nell uso e trattamento delle fibre vetrose artificiali. Aspetti formativi e informativi. Stefano Massera Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione Lana di vetro Isolante in

Dettagli

VOLUMIX PRODOTTI PERFORMANTI E SICURI PER FONDERIA E ACCIAIERIA

VOLUMIX PRODOTTI PERFORMANTI E SICURI PER FONDERIA E ACCIAIERIA VOLUMIX PRODOTTI PERFORMANTI E SICURI PER FONDERIA E ACCIAIERIA XXXII Congresso Assofond Brescia, 21-22 novembre 2014 Jodovit SRL, Lonate Pozzolo (VA) Italy Stabilimento Il Sito produttivo e gli uffici

Dettagli

I REGOLAMENTI REACH / CLP e le RICADUTE sulla LEGISLAZIONE CORRELATA

I REGOLAMENTI REACH / CLP e le RICADUTE sulla LEGISLAZIONE CORRELATA I REGOLAMENTI REACH / CLP e le RICADUTE sulla LEGISLAZIONE CORRELATA impatti sul Decreto Sicurezza D.Lgs n. 81/2008 normativa in tema di salute e sicurezza sul lavoro ricaduta su: Titolo IXdel D.Lgs.n.

Dettagli

FOCUS PRODOTTI CHIMICI

FOCUS PRODOTTI CHIMICI FOCUS PRODOTTI CHIMICI SDS S.Croce sull Arno, 5 marzo 2013 SDS - RUOLO ED UTILIZZO Le schede di sicurezza sono la principale FONTE DI INFORMAZIONE per il controllo e la gestione dei pericoli, compresi

Dettagli

I nuovi modelli di valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro alla luce dei Regolamenti (CE) REACH, (CE) CLP e (UE) SDS

I nuovi modelli di valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro alla luce dei Regolamenti (CE) REACH, (CE) CLP e (UE) SDS I nuovi modelli di valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro alla luce dei Regolamenti (CE) REACH, (CE) CLP e (UE) SDS Celsino Govoni Coordinatore Interregionale Agenti chimici e cancerogeni

Dettagli

Nuove Schede Dati di Sicurezza. Milva Carnevali AUSL Bologna

Nuove Schede Dati di Sicurezza. Milva Carnevali AUSL Bologna Nuove Schede Dati di Sicurezza Milva Carnevali AUSL Bologna TITOLO IV del Regolamento 1907/2006 - REACH Articolo 35 Reg. REACH Accesso dei lavoratori alle informazioni I datori di lavoro consentono ai

Dettagli

AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI. A cura di: Danilo Monarca

AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI. A cura di: Danilo Monarca CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI A cura di: Danilo Monarca DEFINIZIONI

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ANTICALCARE

SCHEDA DI SICUREZZA ANTICALCARE Pagina: 1/6 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI SOSTANZE PERICOLOSE (REACH, CLP e Titolo IX Capi I e II D.Lgs.81/08) Relatore: Dr. Celsino Govoni Azienda USL di Modena

NOVITA IN MATERIA DI SOSTANZE PERICOLOSE (REACH, CLP e Titolo IX Capi I e II D.Lgs.81/08) Relatore: Dr. Celsino Govoni Azienda USL di Modena NOVITA IN MATERIA DI SOSTANZE PERICOLOSE (REACH, CLP e Titolo IX Capi I e II D.Lgs.81/08) Relatore: Dr. Celsino Govoni Azienda USL di Modena (c.govoni@ausl.mo.it) (cegovoni@regione.emilia-romagna.it) REACH,

Dettagli

Paola DI PROSPERO FANGHELLA Ludovica MALAGUTI ALIBERTI

Paola DI PROSPERO FANGHELLA Ludovica MALAGUTI ALIBERTI L'APPLICAZIONE DEI REGOLAMENTI REACH E CLP NEI LUOGHI DI LAVORO Bologna, 16 ottobre 2015 La classificazione e l etichettatura delle miscele nei luoghi di lavoro dopo il 1 giugno 2015: nuovi obblighi, ultimi

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche Linea guida relativa alla regolarità/irregolarità di etichettatura per sigaretta elettronica ai sensi della normativa CLP 10 febbraio 2014

Dettagli

Materiale didattico validato da: Rischio Chimico. Rev. 2 ott Rischio Chimico slide 1 di 24

Materiale didattico validato da: Rischio Chimico. Rev. 2 ott Rischio Chimico slide 1 di 24 Rischio Chimico Rev. 2 ott. 2009 Rischio Chimico slide 1 di 24 Cos è il rischio chimico Il rischio chimico in ambiente di lavoro è riconducibile all insieme dei rischi per la Sicurezza e per la Salute,

Dettagli

Rischio chimico specifico per disinfettanti ed antisettici nella pratica quotidiana. Ing. Cristina Prandi Responsabile SPP ASL3

Rischio chimico specifico per disinfettanti ed antisettici nella pratica quotidiana. Ing. Cristina Prandi Responsabile SPP ASL3 Rischio chimico specifico per disinfettanti ed antisettici nella pratica quotidiana Ing. Cristina Prandi Responsabile SPP ASL3 Rischio Chimico D.Lgs 626/94 Titolo VII-bis Protezione da agenti chimici (inserito

Dettagli

RISCHIO CHIMICO E CLP

RISCHIO CHIMICO E CLP RISCHIO CHIMICO E CLP Unità didattica 3 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI RISCHIO CHIMICO: NORMATIVA D.Lgs. 81/08 Titolo IX Sostanze pericolose Capo I Protezione da agenti chimici CONCETTI BASE

Dettagli

Gestione delle sostanze chimiche: dal REACH al CLP

Gestione delle sostanze chimiche: dal REACH al CLP Gestione delle sostanze chimiche: dal REACH al CLP Dott.ssa Marta Simion - Centro REACH Veneto Padova, 10 maggio 2013 Indice dell intervento Registrazione: casi particolari; Il REACH e la gestione degli

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLAP MARMI

SCHEDA DI SICUREZZA CLAP MARMI Pagina: 1/6 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE INDIRIZZO E-mail: DEPLO CHIMICA S.R.L. Zona Industriale Loc. Contrada Santa Avella (AV) info@clapitalia.it CENTRI ANTIVELENO: Roma

Dettagli

Le FAV: tipologie di utilizzo e settori di impiego [Stefano Cera Segretario generale FIVRA]

Le FAV: tipologie di utilizzo e settori di impiego [Stefano Cera Segretario generale FIVRA] Le Fibre Artificiali Vetrose Linee Guida della Conferenza Stato/Regioni sui rischi e le misure di prevenzione per la tutela della salute Le FAV: tipologie di utilizzo e settori di impiego [Stefano Cera

Dettagli

Scheda Volontaria Informativa di Prodotto

Scheda Volontaria Informativa di Prodotto Scheda Volontaria Informativa di Prodotto basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza Gentile Cliente, negli ultimi anni TAF ABRASIVI SPA ha volontariamente fornito informazioni sui suoi prodotti abrasivi

Dettagli

Valutazione dei rischi secondo le norme del Regolamento CLP

Valutazione dei rischi secondo le norme del Regolamento CLP Valutazione dei rischi secondo le norme del Regolamento CLP Seminario Napoli, 25 Novembre 2016 Pasquale Lama p.lama@erisconsultant.it Contesto normativo Europeo Regolamento REACH (CE) n. 1907/2006 Gestione

Dettagli

Fibre artificiali vetrose: aspetti generali, classificazione ed etichettatura, normativa correlata

Fibre artificiali vetrose: aspetti generali, classificazione ed etichettatura, normativa correlata Fibre artificiali vetrose: aspetti generali, classificazione ed etichettatura, normativa correlata Patrizia Ferdenzi SPSAL Azienda USL di Reggio Emilia Paola di Prospero Istituto Superiore di Sanità Dipartimento

Dettagli

LA GESTIONE DELLE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE Le esperienze di Arpa Piemonte. Direttore Generale Arpa Piemonte ing. Angelo Robotto

LA GESTIONE DELLE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE Le esperienze di Arpa Piemonte. Direttore Generale Arpa Piemonte ing. Angelo Robotto LA GESTIONE DELLE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE Le esperienze di Arpa Piemonte Direttore Generale Arpa Piemonte ing. Angelo Robotto La normativa di riferimento La Direttiva 67/548 CE regolamenta l emissione

Dettagli

Rinnovo del patentino Modulo salute e sicurezza

Rinnovo del patentino Modulo salute e sicurezza informa.fito. Aggiornamento di strumenti di supporto per la diffusione delle informazioni sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (LR 28/98 Det. n 16819 del 31/12/2008) Rinnovo del patentino Modulo

Dettagli

Il rischio chimico, cancerogeno e mutageno

Il rischio chimico, cancerogeno e mutageno Il rischio chimico, cancerogeno e mutageno Secondo il Titolo IX del D.Lgs. 81/08 e l Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Modulo 1 disposizioni generali SPP EPC Titolo IX del D.Lgs. 81/08 2 Titolo IX del

Dettagli

Le schede dati di sicurezza secondo il REACH

Le schede dati di sicurezza secondo il REACH L applicazione del Regolamento REACH: il caso dell Acetone Schede di sicurezza e scenari di esposizione Le schede dati di sicurezza secondo il REACH Roma, 10 giugno 2010 Federica Ceccarelli Esperta REACH

Dettagli

Il Regolamento CE 1272/2008 ha introdotto in tutta l Unione Europea un sistema per la classificazione e l etichettatura delle sostanze chimiche

Il Regolamento CE 1272/2008 ha introdotto in tutta l Unione Europea un sistema per la classificazione e l etichettatura delle sostanze chimiche Il Regolamento CE 1272/2008 ha introdotto in tutta l Unione Europea un sistema per la classificazione e l etichettatura delle sostanze chimiche basato sul Sistema Mondiale Armonizzato delle Nazioni Unite

Dettagli

Servizio Prevenzione e Protezione. Viale dell Innovazione, 10-Edificio U Milano tel fax

Servizio Prevenzione e Protezione. Viale dell Innovazione, 10-Edificio U Milano tel fax PROCEDURA DI GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO IN LABORATORI DIDATTICI E DI RICERCA 1.SCOPO Lo scopo della presente Procedura è la gestione della prevenzione/protezione dai rischi derivanti da agenti chimici

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHI CANCEROGENI

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHI CANCEROGENI LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHI CANCEROGENI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi flessibili basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza

Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi flessibili basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza pag. 1 di 6 Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi flessibili basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza 1. Identificazione del prodotto e della società/impresa 1.1 Nome del prodotto

Dettagli

Dott. Chim. Patrizia Verduchi Roma, 7 Giugno Delta A.P.S. Service Srl

Dott. Chim. Patrizia Verduchi Roma, 7 Giugno Delta A.P.S. Service Srl Dott. Chim. Patrizia Verduchi Roma, 7 Giugno 2016 Delta A.P.S. Service Srl Dopo la messa al bando dell amianto dagli ambienti di vita e di lavoro, le fibre artificiali vetrose (MMVF) costituiscono spesso

Dettagli

Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi rigidi a legante organico basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza

Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi rigidi a legante organico basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza pag. 1 di 6 Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi rigidi a legante organico basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza 1. Identificazione del prodotto e della società/impresa 1.1 Nome

Dettagli

Si applica. Non si applica

Si applica. Non si applica NORMATIVE ABROGATE NORMATIVA ATTUALE 13 articoli in tutto dal 222 al 232 art. 233: campo applicazione art. 234: definizioni art. 235: sostituzione e riduzione art. 236: valutazione del rischio art. 237:

Dettagli

Gli articoli in ambito REACH

Gli articoli in ambito REACH Corso di Formazione I DIPARTIMENTI DI SANITA PUBBLICA E L APPLICAZIONE DEI REGOLAMENTI REACH E CLP: CONTROLLO DELLE SOSTANZE, MISCELE E ARTICOLI Gli articoli in ambito REACH Cesena, 23 novembre 2010 Paolo

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO CON I MEDICI COMPETENTI SPISAL

INCONTRO INFORMATIVO CON I MEDICI COMPETENTI SPISAL INCONTRO INFORMATIVO CON I MEDICI COMPETENTI SPISAL provincia Belluno Belluno 16 febbraio 2017 Qualche novità sull approccio ai cancerogeni professionali - formaldeide Nuove Check list regionali per Rischio

Dettagli

CLP in breve. (Classification, labelling and packaging)

CLP in breve. (Classification, labelling and packaging) in breve (Classification, labelling and packaging) Regolamento Regolamento europero 1272/2008 entrato in vigore il 20 Gennaio 2009. Si applica in tutti i paesi della CE Riguarda la classificazione, etichettatura

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte 2 Ed

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte 2 Ed VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte 2 Ed L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 1 Febbraio 2014 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

Classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose: leggere, interpretare e gestire le schede dati sicurezza (SDS)

Classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose: leggere, interpretare e gestire le schede dati sicurezza (SDS) Area Salute e Sicurezza sul Lavoro Classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose: leggere, interpretare e gestire le schede dati sicurezza (SDS) Presentazione: Roberto Monguzzi Milano 4 maggio

Dettagli

Compound Esotermico Eco JODOVIT Compound Esotermico con FCR CONCORRENTI. Test & Comparazione

Compound Esotermico Eco JODOVIT Compound Esotermico con FCR CONCORRENTI. Test & Comparazione Compound Esotermico Eco JODOVIT Compound Esotermico con FCR CONCORRENTI Test & Comparazione Introduction: JODOVIT SRL da inizio anni 2000 ha implementato nei propri processi produttivi e maniche per fonderia

Dettagli

HOME PURITY. Caratteristiche di biocompatibilità e di compatibilità ambientale dei prodotti in co-branding DANHERA L OCA NERA

HOME PURITY. Caratteristiche di biocompatibilità e di compatibilità ambientale dei prodotti in co-branding DANHERA L OCA NERA HOME PURITY Caratteristiche di biocompatibilità e di compatibilità ambientale dei prodotti in co-branding DANHERA L OCA NERA Nessuna materia prima impiegata nei nostri prodotti è classificata tossica secondo

Dettagli

informa.fito. MODULO 2. Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo dei prodotti fitosanitari

informa.fito. MODULO 2. Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo dei prodotti fitosanitari informa.fito. Aggiornamento di strumenti di supporto per la diffusione delle informazioni sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (LR 28/98 Det. n 16819 del 31/12/2008) IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI

Dettagli

Corso di aggiornamento per Addetti al Servizio di prevenzione e protezione

Corso di aggiornamento per Addetti al Servizio di prevenzione e protezione AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 4 - Personal Amt 4.0.1 Dienststelle für Arbeitsschutz PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 4 - Personale Ufficio 4.0.1 Servizio di prevenzione

Dettagli

I liquidi contenuti all interno delle sigarette elettroniche: Principali obblighi di classificazione, imballaggio, etichettatura

I liquidi contenuti all interno delle sigarette elettroniche: Principali obblighi di classificazione, imballaggio, etichettatura I liquidi contenuti all interno delle sigarette elettroniche: Principali obblighi di classificazione, imballaggio, etichettatura alla luce delle novità dei Regolamenti REACH e CLP Servizio Tecnico API

Dettagli

Il Regolamento 453/2010: principali cambiamenti nella compilazione delle SDS. Caterina Cintoi Direzione Centrale Tecnico-Scientifica Federchimica

Il Regolamento 453/2010: principali cambiamenti nella compilazione delle SDS. Caterina Cintoi Direzione Centrale Tecnico-Scientifica Federchimica Il Regolamento 453/2010: principali cambiamenti nella compilazione delle SDS Caterina Cintoi Direzione Centrale Tecnico-Scientifica Federchimica 15 maggio 2015 Cosa prevede il REACH in materia di SDS Titolo

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Regolamento CE 1272/2008. Bari, 10 dicembre Forum Medicina Vegetale

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Regolamento CE 1272/2008. Bari, 10 dicembre Forum Medicina Vegetale La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Regolamento CE 1272/2008 Bari, 10 dicembre 2014 26 Forum Medicina Vegetale Il Regolamento CLP Il Regolamento 1272/2008 (CLP - Classification,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sabbia Po Classica

SCHEDA DI SICUREZZA. Sabbia Po Classica SCHEDA DI SICUREZZA Sabbia Po Classica 1 Identificazione del prodotto e fornitore 1.1 Denominazione commerciale: Sabbia Po Classica 1.2 Identificazione del prodotto: Materiale lapideo naturale ricavato

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 5 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1 Nome commerciale: POLISMUR 685 Componente B 1.2 Uso: Usi sconsigliati: Impermeabilizzante, idrorepellente ed incolore per i trattamenti di cortine in muratura

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81)

ART. 1 (Modifiche al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) ART. 1 (Modifiche al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) 1. Al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, sono apportate le seguenti a) agli articoli 20, 36, 37, 50, 222 e agli allegati XV, XXIV,

Dettagli

NORMA NAZIONALE VIGENTE. Allegato XXVI del decreto legislativo n. 81/2008

NORMA NAZIONALE VIGENTE. Allegato XXVI del decreto legislativo n. 81/2008 Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2014/27/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 febbraio 2014 che modifica le direttiva 92/58/CEE, 92/85/CEE, 94/33/CE, 98/24/CE

Dettagli

IMPATTO DEL REACH SUI PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI PER IL RITARDO DI FIAMMA!

IMPATTO DEL REACH SUI PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI PER IL RITARDO DI FIAMMA! IMPATTO DEL REACH SUI PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI PER IL RITARDO DI FIAMMA! Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti Milano, 18 Maggio 2012! IL REGOLAMENTO REACH SOSTANZE MISCELE Regolamento 1907/2006/CE

Dettagli

LANA DI ROCCIA E LANA DI VETRO

LANA DI ROCCIA E LANA DI VETRO LANA DI ROCCIA E LANA DI VETRO COPERTINA LOGO FIVRA CORRETTA CLASSIFICAZIONE E SMALTIMENTO Costituita nel 2003 e socia di EURIMA (European Insulation Manufactures Association), FIVRA vanta tra i propri

Dettagli

composizione dimensione bio-persistenza respirabilità

composizione dimensione bio-persistenza respirabilità Le Fibre Artificiali Vetrose (FAV) hanno differenti proprietà fisiche e chimiche; ai fini della tutela della salute, le più importanti sono la composizione e la dimensione delle fibre. La prima determina

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLAP LAVAPAVIMENTI AL CLORO ATTIVO

SCHEDA DI SICUREZZA CLAP LAVAPAVIMENTI AL CLORO ATTIVO Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE INDIRIZZO DEPLO CHIMICA S.R.L. Zona Industriale Loc. Contrada Santa Avella (AV) E-mail: info@clapitalia.it CENTRI ANTIVELENO: Roma

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CANDEGGINA GEL

SCHEDA DI SICUREZZA CANDEGGINA GEL Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi flessibili basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza CK917C

Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi flessibili basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza CK917C pag. 1 di 6 Scheda Volontaria Informativa di Prodotto per abrasivi flessibili basata sul formato di una Scheda Di Sicurezza 1. Identificazione del prodotto e della società/impresa 1.1 Nome del prodotto

Dettagli

Sanzioni CLP e REACH

Sanzioni CLP e REACH Sanzioni CLP e REACH Pubblichiamo 2 tabelle predisposte dal Dott. Marzio Marziani, che ringraziamo vivamente, riassuntive delle sanzioni e relative a: Sanzioni Regolamento CLP, previste dal D.Lgs. 186

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA NICHEL OSSIDO NERO M-0692 Pag. 1/5

SCHEDA DI SICUREZZA NICHEL OSSIDO NERO M-0692 Pag. 1/5 NICHEL OSSIDO NERO M-0692 Pag. 1/5 Nome e/o marchio Azienda produttrice data compilazione :24.06.1996 SOSTANZA Data di revisione : Utilizzazione: NICHEL! mat.prima! solvente OSSIDO! prod.intermedio! catalizzatore!

Dettagli

Presentazione per gli. Versione del 28/12/2015 1

Presentazione per gli. Versione del 28/12/2015 1 REACH & CLP Presentazione per gli utilizzatori a valle Versione del 28/12/2015 1 Scopo della presentazione Questa presentazione (e le sue note) è stata realizzata dall ECHA, l Agenzia Europea per le sostanze

Dettagli

BAGNOSCHIUMA NOTTI D ORIENTE

BAGNOSCHIUMA NOTTI D ORIENTE Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO: Roma Tel. 06/3054343

Dettagli

La classificazione delle miscele

La classificazione delle miscele La classificazione delle miscele Anita Zambonelli Ispettore nucleo REACH CLP Azienda USL di Bologna Casalecchio, 12/12/2014 CLP (Regolamento CE n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura

Dettagli

L IMPATTO DEI REGOLAMENTI REACH, CLP E SDS SULL APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO.

L IMPATTO DEI REGOLAMENTI REACH, CLP E SDS SULL APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. L IMPATTO DEI REGOLAMENTI REACH, CLP E SDS SULL APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. Paola Castellano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione

Dettagli

PRINCIPALI ADEMPIMENTI A NORMA DEL REGOLAMENTO CLP

PRINCIPALI ADEMPIMENTI A NORMA DEL REGOLAMENTO CLP PRINCIPALI ADEMPIMENTI A NORMA DEL REGOLAMENTO CLP Premessa Gli obblighi di classificazione, etichettatura ed imballaggio previsti dal Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP Classification, Labelling, Packaging)

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLAP SAPONE LIQUIDO LATTE

SCHEDA DI SICUREZZA CLAP SAPONE LIQUIDO LATTE Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE INDIRIZZO E-mail: DEPLO CHIMICA S.R.L. Zona Industriale Loc. Contrada Santa Avella (AV) info@clapitalia.it CENTRI ANTIVELENO: Roma

Dettagli

FIBRE ARTIFICIALI VETROSE (FAV) LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA INERENTE AI

FIBRE ARTIFICIALI VETROSE (FAV) LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA INERENTE AI trovi le precedenti News di Sicurezza sul lavoro qui: http://www.labanalysis.it/analisi_ambientale_consulenza.php Laboratorio: Via Europa, 5-27041 CASANOVA LONATI (Pavia) - Sede Legale: Via Rota Candiani,

Dettagli

Le novità per il settore degli agrofarmaci

Le novità per il settore degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Le novità per il settore degli agrofarmaci - Agrofarma - Il Regolamento

Dettagli

Regolamento REACH chi fa cosa Udine, 30 novembre Alessandra Tonelli Area Ambiente, Sicurezza ed Energia

Regolamento REACH chi fa cosa Udine, 30 novembre Alessandra Tonelli Area Ambiente, Sicurezza ed Energia Regolamento REACH chi fa cosa Udine, 30 novembre 2012 CONFINDUSTRIA UDINE Alessandra Tonelli Area Ambiente, Sicurezza ed Energia Cos è il REACH? Regolamento europeo 1907/2006/CE (in vigore da giugno 2007).

Dettagli

AGENTI CANCEROGENI-MUTAGENI

AGENTI CANCEROGENI-MUTAGENI Riferimenti Normativi Decreto Legislativo 81/2008 come modificato da D. Lgs. 106/09 TITOLO IX SOSTANZE PERICOLOSE Capo II Protezione da agenti cancerogeni e mutageni Art. 234 Definizioni Agente Cancerogeno:

Dettagli

Agenti chimici: il regolamento CLP

Agenti chimici: il regolamento CLP Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del RSPP e dell Unità Organizzativa a Supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

DELIZIA LAVATRICE MARSIGLIA

DELIZIA LAVATRICE MARSIGLIA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

Come sicuramente a conoscenza di coloro. Agenti chimici. recepita la norma comunitaria per l allineamento alle regole di REACH e CLP

Come sicuramente a conoscenza di coloro. Agenti chimici. recepita la norma comunitaria per l allineamento alle regole di REACH e CLP recepita la norma comunitaria per l allineamento alle regole di REACH e CLP Come sicuramente a conoscenza di coloro che seguono da vicino l evoluzione della norma comunitaria e nazionale in materia di

Dettagli

Il Regolamento CLP. Classification, Labelling and Packaging. (Reg. n. 1272/2008 in vigore dal 20 gennaio 2009)

Il Regolamento CLP. Classification, Labelling and Packaging. (Reg. n. 1272/2008 in vigore dal 20 gennaio 2009) Il Regolamento CLP (Reg. n. 1272/2008 in vigore dal 20 gennaio 2009) Classification, Labelling and Packaging Antonello Poles ASS n. 3 Alto Friuli - Dipartimento di Prevenzione Udine, 2 dicembre 2011 Le

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SUI CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI

SCHEDA INFORMATIVA SUI CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI SCHEDA INFORMATIVA SUI CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI Scheda informativa in materia di sicurezza sui calcestruzzi preconfezionati Il Calcestruzzo non rientra tra le sostanze pericolose ricomprese nel D.M.

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA BONIFICA DI MANUFATTI IN POSA CONTENENTI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI

LINEA GUIDA PER LA BONIFICA DI MANUFATTI IN POSA CONTENENTI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI LINEA GUIDA PER LA BONIFICA DI MANUFATTI IN POSA CONTENENTI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI CORSO DI AGGIORNAMENTO COORDINATORI AMIANTO GENNAIO 2012 REGONESI ANTONELLA OBBIETTIVO DELLE LINEE GUIDA Riduzione

Dettagli

IL RISCHIO IL RISCHIO CHIMICO CHIMICO

IL RISCHIO IL RISCHIO CHIMICO CHIMICO IL RISCHIO CHIMICO Titolo IX Sostanze pericolose Capo I Protezione da agenti chimici CAA - IL RISCHIO CHIMICO 1 I preparati chimici possono provocare: 1. Un infortunio offendendo in modo traumatico il

Dettagli

Il TU 81/2008 con le modifiche del D.lgs 39/2016

Il TU 81/2008 con le modifiche del D.lgs 39/2016 Il TU 81/2008 con le modifiche del D.lgs 39/2016 Titolo IX Il D.lgs 39/2016 entrato in vigore il 29 marzo 2016, modifica così il Testo Unico Sicurezza Riferimento TU Testo ante modifiche Testo modificato

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Aggiornamento tecnico del rischio chimico

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Aggiornamento tecnico del rischio chimico Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Aggiornamento tecnico del rischio chimico In questa unità didattica verrà analizzato cosa debba intendersi per rischio chimico negli ambienti di lavoro

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA EMULSIONI BITUMINOSE

SCHEDA INFORMATIVA EMULSIONI BITUMINOSE SCHEDA INFORMATIVA NOME PRODOTTO: EMULSIONI BITUMINOSE DATA SCHEDA: 0 - PREMESSA "Ai sensi del DM 28 gennaio 1992, articolo 10, recante classificazione e disciplina dell'imballaggio e della etichettatura

Dettagli

Dal 18 Dicembre 2008 e' vietata l'immissione sul mercato di tutte le pile o accumulatori, anche incorporati in apparecchi, che :

Dal 18 Dicembre 2008 e' vietata l'immissione sul mercato di tutte le pile o accumulatori, anche incorporati in apparecchi, che : GUIDA INTRODUTTIVA AL DECRETO LEGISLATIVO DEL 20 NOVEMBRE 2008 N. 188 RECANTE IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE RIGUARDANTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI. Campo di applicazione Il Decreto

Dettagli

Formaldeide, Fenolo ed Alcool Furfurilico: come progettare una resina furanica ecologica?

Formaldeide, Fenolo ed Alcool Furfurilico: come progettare una resina furanica ecologica? Formaldeide, Fenolo ed Alcool Furfurilico: come progettare una resina furanica ecologica? Resine furaniche RESINE NO BAKE A CATALISI ACIDA VANTAGGI: Sistema flessibile: Adatto a tutti i tipi di metallo

Dettagli

HELPDESK CLP. Paolo Izzo Centro Nazionale Sostanze Chimiche Roma, 13 maggio 2010

HELPDESK CLP. Paolo Izzo Centro Nazionale Sostanze Chimiche Roma, 13 maggio 2010 HELPDESK CLP Paolo Izzo Centro Nazionale Sostanze Chimiche Roma, 13 maggio 2010 HELPDESK CLP Art. 44 del Regolamento N. 1272/2008: Gli Stati membri istituiscono servizi nazionali di assistenza tecnica

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo le direttive CEE 1907/2006 (CEE 93/112; CEE 2001/58)

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo le direttive CEE 1907/2006 (CEE 93/112; CEE 2001/58) 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ 1.1 identificazione della sostanza o preparato Corindone ARTIFICIALE nome commerciale del prodotto Corindone ROSSO BRUNO 1.2 società produttrice/distributrice

Dettagli

REACH E CLP: il ruolo del distributore nella filiera chimica

REACH E CLP: il ruolo del distributore nella filiera chimica RAMSPEC 2016 REACH E CLP: il ruolo del distributore nella filiera chimica Dott. Gabriele Scibilia Milano, 12 Ottobre 2016 REACH e CLP: il distributore I Regolamenti REACH & CLP conferiscono un ruolo attivo

Dettagli

Aggiornamenti nella valutazione e nella gestione del rischio chimico negli ambienti di lavoro

Aggiornamenti nella valutazione e nella gestione del rischio chimico negli ambienti di lavoro EUGENIO MELANI Aggiornamenti nella valutazione e nella gestione del rischio chimico negli ambienti di lavoro 26/02/13 1 ORDINE DEI CHIMICI DI BRESCIA - 26 FEBBRAIO 2013 D. Lgs. n. 52/1997 (dir.67/548/cee)

Dettagli

AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

AGENTI CHIMICI PERICOLOSI RISCHIO CHIMICO Il RISCHIO CHIMICO in ambiente di lavoro è riconducibile all insieme dei rischi per la Sicurezza e per la Salute, connessi con la presenza, nell ambito dello svolgimento delle lavorazioni,

Dettagli

Scheda di sicurezza CEE Data di compilazione / Referenza

Scheda di sicurezza CEE Data di compilazione / Referenza Data di stampa 20.06.2003 Scheda no. 02/02 Pagina 1 di 5 Azienda CANDULOR AG, Pünten 4, CH-8602 Wangen ZH Swizzera 1 Nome commerciale e fornitore 1.1 Nome commerciale / Contrassegno merce 1.2 Applicazione

Dettagli

FIBRE ARTIFICIALI VETROSE NOVITA E MODIFICHE

FIBRE ARTIFICIALI VETROSE NOVITA E MODIFICHE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE NOVITA E MODIFICHE Rosanna Farioli Tecnico della Prevenzione ASL Milano FIBRE ARTIFICIALI VETROSE Il 22 dicembre 2010 la Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia, con

Dettagli

Decreto legislativo , n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265)

Decreto legislativo , n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265) Decreto legislativo 19.09.1994, n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265) Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE,

Dettagli

I LIVELLO REGOLAMENTO (CE) N.1272/2008 (CLP)

I LIVELLO REGOLAMENTO (CE) N.1272/2008 (CLP) GERARCHIA NORME COMUNITARIE I LIVELLO REGOLAMENTO (CE) N.1272/2008 (CLP) del PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1.Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1.Identificatore del prodotto DEI ALGIN 1.2.Pertinenti usi identificati della sostanza o miscela Alginato per impronte odontoiatriche

Dettagli

Il regolamento REACH è in vigore dal 1 giugno 2007: superata la prima scadenza di registrazione, ci avviamo alla seconda deadline

Il regolamento REACH è in vigore dal 1 giugno 2007: superata la prima scadenza di registrazione, ci avviamo alla seconda deadline dr Mauro Sabetta _ Unione Industriale Torino - Servizio Energia e Ambiente - 011/5718452 Piena operatività di REACH Siamo ad un importante snodo nella applicazione di REACH Il regolamento REACH è in vigore

Dettagli

Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 65 (Frazione respirabile <5µm) tracce

Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 65 (Frazione respirabile <5µm) tracce WCOLPROMRMO pag. 1 di 5 1 - Identificazione del prodotto (preparato) Codice del prodotto : 23501 Nome commerciale : WEBER.COL PRO MARMO Natura del prodotto : Collante rapido bianco a leganti misti per

Dettagli

Da DPD a CLP. Cosa è cambiato nella regolamentazione degli agrofarmaci

Da DPD a CLP. Cosa è cambiato nella regolamentazione degli agrofarmaci Da DPD a CLP Cosa è cambiato nella regolamentazione degli agrofarmaci Che cos è il Regolamento CLP? Regolamento (CE) 1272/2008 - CLP Classification, Labelling and Packaging of substances and mixtures Classificazione,

Dettagli

La gestione dei rifiuti in azienda, le principali problematiche e la nuova classificazione rifiuti

La gestione dei rifiuti in azienda, le principali problematiche e la nuova classificazione rifiuti La gestione dei rifiuti in azienda, le principali problematiche e la nuova classificazione rifiuti Nuovi criteri di classificazione (Reg.1357/14 e Decisione 955/14) Il ruolo del laboratorio di analisi

Dettagli

Metodologie semplificate di valutazione dei rischi (Allegato II, Linee direttrici pratiche non obbligatorie Direttiva agenti chimici 98/24/CE)

Metodologie semplificate di valutazione dei rischi (Allegato II, Linee direttrici pratiche non obbligatorie Direttiva agenti chimici 98/24/CE) Metodologie semplificate di valutazione dei rischi (Allegato II, Linee direttrici pratiche non obbligatorie Direttiva agenti chimici 98/24/CE) Titolo IX, Capo I Protezione da agenti chimici Misure e principi

Dettagli

Strategie di Valutazione e Prevenzione del Rischio d Esposizione a FAV: esperienze in ambito industriale

Strategie di Valutazione e Prevenzione del Rischio d Esposizione a FAV: esperienze in ambito industriale LE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE: aspetti ambientali e sanitari Monfalcone - 20 aprile 2017 Strategie di Valutazione e Prevenzione del Rischio d Esposizione a FAV: esperienze in ambito industriale Danilo Cottica

Dettagli

Rischio Chimico. Definizioni

Rischio Chimico. Definizioni Rischio Chimico Definizioni a) agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato naturale o ottenuti, utilizzati o smaltiti, compreso lo smaltimento come

Dettagli

Il rischio chimico ing. PASTA NICOLA

Il rischio chimico ing. PASTA NICOLA Il rischio chimico Università degli Studi di Bergamo, Facoltà di Ingegneria Corso Sicurezza nei Cantieri a.a. 2013 2014 Il rischio chimico Premessa Tutte le sostanze sono tossiche, solo la dose fa il veleno

Dettagli

Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP

Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP Il Regolamento C.L.P. (Classification, Labelling and Packaging) è entrato in

Dettagli

L aggiornamento della valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi per la sicurezza. Quali i ruoli del RSPP e del medico competente?

L aggiornamento della valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi per la sicurezza. Quali i ruoli del RSPP e del medico competente? L aggiornamento della valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi per la sicurezza. Quali i ruoli del RSPP e del medico competente? Maurizio PAOLI (Regione Toscana Coordinamento Tecnico delle

Dettagli