REGOLAMENTO. Comune di Follonica. di igiene urbana, sanità pubblica e veterinaria e per la tutela del territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO. Comune di Follonica. di igiene urbana, sanità pubblica e veterinaria e per la tutela del territorio"

Transcript

1 Comune di Follonica di igiene urbana, sanità pubblica e veterinaria e per la tutela del territorio Delibera Consiglio Comunale n. 76 del 26 ottobre 2006 REGOLAMENTO

2 INDICE

3 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Ambito di applicazione 1 Articolo 2 Ruolo del Comune 1 Articolo 3 Ruolo dei cittadini 1 TITOLO II - INCONVENIENTI IGIENICI E DELL AMBIENTE Articolo 4 Ambito tematico 2 Articolo 5 Competenze del Comune 2 Articolo 6 Disinfezione - Disinfestazione - Derattizzazione 2 Articolo 7 Insetti molesti 3 Articolo 8 Roditori 3 Articolo 9 Competenze del Sindaco in materia di Igiene Urbana 4 Articolo 10 Avvelenamenti 4 Articolo 11 Aree Pubbliche 4 Articolo 12 Piccioni ed altri volatili nei centri abitati 5 TITOLO III - IGIENE NELLA CONVIVENZA UOMO - ANIMALE Articolo 13 Misure di tutela igienico - sanitaria 7 Articolo 14 Detenzione di cani 8 Articolo 15 Raccolta delle deiezioni solide dei cani 8 Articolo 16 Museruole e guinzagli 8 Articolo 17 Aree riservate per lo sgambamento dei cani 9 Articolo 18 Accesso dei cani negli esercizi pubblici 9 Articolo 19 Tutela dall aggressività esaltata dei cani 9 Articolo 20 Gatti liberi 10 Articolo 21 Compiti dei/lle gattai/ie 10 TITOLO IV SCARICHI Articolo 22 Oggetto e disciplina di riferimento 11 Articolo 23 Definizioni 11 Articolo 24 Ambito di applicazione 12 Articolo 25 Competenze 13 Articolo 26 Pratica edilizia 13 Articolo 27 Modalità per la presentazione della domanda di autorizzazione allo scarico dei reflui domestici 14 Articolo 28 Modalità per la presentazione della domanda di autorizzazione allo scarico di reflui assimilati ai domestici 14 Articolo 29 Autorizzazioni provvisorie 15 Articolo 30 Autorizzazioni definitive 15 Articolo 31 Trattamenti appropriati 15 Articolo 32 Procedimento per il rinnovo dell autorizzazione allo scarico 16 Articolo 33 Voltura dell autorizzazione allo scarico 16 Articolo 34 Impianti di refrigerazione, congelamento e di condizionamento 16 Articolo 35 Controlli 16 Articolo 36 Sanzioni 17 Articolo 37 Competenze e definizioni 17 Articolo 38 Generalità 18 Articolo 39 Modalità di allacciamento alla fognatura bianca 18 Articolo 40 Divieti 18 Articolo 41 Adeguamenti 19 I

4 Articolo 42 Responsabilità 19 Articolo 43 Precauzioni contro l'inquinamento delle acque meteoriche 19 TITOLO V - DISCILINA PER IL CONSUMO DI ACQUA POTABILE Articolo 44 Uso acqua potabile 20 TITOLO VI - TUTELA DELL AMBIENTE CONTRO EVENTI CALAMITOSI Articolo 45 Obblighi di prevenzione per la salvaguardia dell ambiente 21 TITOLO VII - DISPOSIZIONI PER LA SICUREZZA ED IL RIPRISTINO AMBIENTALE DEI SITI INQUINATI Articolo 46 Definizioni 22 Articolo 47 Obbligo di bonifica e ripristino ambientale 23 Articolo 48 Ordinanze contingibili ed urgenti e poteri sostitutivi 23 Articolo 49 Coperture ed altri manufatti in cemento - amianto 24 Articolo 50 Modalità di smaltimento 24 TITOLO VIII - DIRITTO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE E ALLA PARTECIPAZIONE IN MATERIA AMBIENTALE Articolo 51 Strumenti relativi al diritto all informazione in materia ambientale 25 Articolo 52 Strumenti relativi al diritto alla partecipazione in materia ambientale 25 TITOLO VIII - DIRITTO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE E ALLA PARTECIPAZIONE IN MATERIA AMBIENTALE Articolo 53 Sanzioni 26 II

5 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina le norme di comportamento in materia di igiene urbana allo scopo di tutelare la salute e la qualità dell ambiente, in riferimento ai compiti attribuiti, conferiti o delegati all Amministrazione comunale. 2. Il presente Regolamento si configura come strumento attuativo della normativa vigente in materia di igiene urbana e salute pubblica, e si integra ad altre materie (urbanistica, edilizia, attività produttive, ecc.), che sono inserite in altri piani e regolamenti. 3. Restano comunque ferme le attribuzioni riferite al Sindaco previste dalla normativa speciale in materia di tutela della salute pubblica in qualità di Ufficiale Sanitario. Articolo 2 Ruolo del Comune 1. Il Comune, nell ambito delle proprie funzioni, interviene per la salvaguardia dell ambiente ovvero per migliorare, mantenere o ripristinare condizioni ambientali conformi agli interessi di salute della collettività. 2. Il Comune esercita i propri compiti e funzioni nel rispetto delle normative di riferimento, con criteri di efficienza ed efficacia, avvalendosi delle strutture tecniche di supporto interne all Ente e attuando forme di cooperazione con altri soggetti pubblici istituzionalmente preposti ai diversi livelli di controllo. 3. Il Comune vigila sul territorio per ciò che concerne l igiene urbana, l ambiente e la salute pubblica per quanto di propria competenza, avvalendosi di strutture interne all Ente e in collaborazione con istituzioni pubbliche esterne. 4. Il Comune informa la cittadinanza sullo stato dell ambiente e sui potenziali rischi che minacciano la salute pubblica. Articolo 3 Ruolo dei cittadini 1. Ogni cittadino ha il dovere di: contribuire nelle forme possibili alla tutela dell ambiente e della salute pubblica rispettando le norme di comportamento indicate nel presente Regolamento e nelle altre discipline speciali; adottare comportamenti individuali e collettivi che non creino rischio per l ambiente e la salute pubblica; osservare il presente Regolamento. 1

6 TITOLO II - INCONVENIENTI IGIENICI E DELL AMBIENTE Articolo 4 Ambito tematico 1. Si definiscono inconvenienti igienici tutte quelle situazioni in cui fattori pericolosi di natura biologica, chimica e fisica determinano stati di disagio o rischio per la salute pubblica e l ambiente. 2. Costituiscono elementi di priorità, ai fini della valutazione quale inconvenienti igienico e dei conseguenti provvedimenti, l esposizione di utenza sensibile (bambini, anziani, malati, disabili) e il numero di persone interessate dall inconveniente. Articolo 5 Competenze del Comune 1. E compito dell Amministrazione Comunale, al momento della segnalazione di un inconveniente igienico da parte di chiunque, attivarsi mediante: Avvio dei procedimenti di verifica avvalendosi di uffici comunali o della Polizia Municipale, quale organo di vigilanza sul territorio; adottando i provvedimenti amministrativi che rientrano nelle proprie competenze, quali ordinanze o diffide per il ripristino; esercitando la vigilanza sull osservanza dei provvedimenti adottati; informando i soggetti autori della segnalazione sull esito degli accertamenti e sugli eventuali provvedimenti adottati nell ambito delle proprie competenze e sul loro risultato. 2. Per l esercizio delle proprie competenze, il Comune si può avvalere dell Azienda U.S.L. e dell A.R.P.A.T. attivando i necessari accordi e/o protocolli previsti dalla Legislazione vigente. Sezione I INTERVENTI DI IGIENE URBANA Articolo 6 Disinfezione Disinfestazione Derattizzazione 1. L Amministrazione Comunale provvede, attraverso Aziende Pubbliche e/o Imprese Private all esecuzione di interventi per il controllo di agenti infestanti presenti sul territorio comunale. A tale scopo l Amministrazione in collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione della Azienda U.S.L. n 9 promuove le campagne di prevenzione volte ad impedire lo sviluppo degli insetti molesti. 2. E fatto divieto ai singoli cittadini l utilizzo, in aree esterne e/o confinate di loro proprietà, di biocidi (disinfettanti, disinfestanti, derattizzanti), ad eccezione di quelli di natura biologica. In presenza di agenti infestanti, le sostanze biocidi potranno essere utilizzate, da apposite imprese specializzate, così come disposto dalla Legge 25 gennaio 1994, n. 82 e dal decreto 7 luglio 1997, n. 274 e successive modificazioni e variazioni. 3. Qualora i cittadini, per la bonifica (disinfezione, disinfestazione, derattizzazione) di ambienti esterni e/o confinati, si avvalgono di Aziende di servizio pubbliche o private, queste prima dell inizio delle operazioni di bonifica ambientale ed igienico - sanitaria, dovranno presentare all Amministrazione Comunale, un piano generale contenente le modalità di esecuzione degli interventi in questione. 4. Il piano generale organizzativo/operativo, prodotto dalle imprese chiamate ad operare deve essere presentato all Amministrazione Comunale, in carta semplice, sottoscritto in ogni pagina dal legale rappresentante e deve documentare le modalità d espletamento del servizio, in particolare: 2

7 a) redazione di procedure/istruzioni tecniche operative generali da seguire durante le attività di bonifica (disinfezione, disinfestazione, derattizzazione), compresi i materiali e le attrezzature che verranno impiegate, organizzazione del servizio, esecuzione dei controlli e degli interventi di bonifica, piano di rischio delle prestazioni, ecc. b) qualifica del personale tecnico impiegato nelle operazioni di bonifica; c) documentazione sulle formulazioni biocide (disinfettanti, disinfestanti, derattizzanti) da utilizzare, con particolare riguardo alla tossicità (uomo, animali, piante ed ambiente in generale), con l indicazione degli estremi di registrazione presso il Ministero della Sanità; d) schede tecniche di sicurezza (aggiornate), relative ai formulati biocidi ed ai principi attivi da impiegare; e) piano di rischio per le persone nonché della incolumità pubblica e della salubrità ambientale; f) i tempi e le modalità di esecuzione, le specifiche di impiego di ogni formulato e l eventuale articolazione degli interventi in base alle condizioni ambientali e stagionali; Articolo 7 Insetti molesti 1. Tutti i cittadini sono tenuti, mediante l adozione di comportamenti idonei, a prevenire la formazione di habitat idonei per lo sviluppo degli insetti molesti, in particolare: Non mantenere allo scoperto contenitori di qualsiasi forma, dimensione e natura (es. fusti, bidoni, vasche, annaffiatoi ecc.); Non accumulare scarti vegetali, sfalci e potature in giardini, singoli o condominiali, in orti, parchi e comunque in ogni area, con l obbligo di provvedere al più presto al conferimento dei rifiuti presso i siti appositamente attrezzati per lo smaltimento; Non accatastare o comunque conservare rottami e pneumatici all aperto, e nel caso non sia possibile, con l obbligo temporaneo di coprirli con teloni in plastica ben tesi per evitare il formarsi di ristagni d acqua. 2. Ad ogni proprietario o possessore a qualunque titolo di aree e spazi privati o pubblici è fatto obbligo di: Tenere pulito da erbacce, da rifiuti ed inerti, ed evitare l accumulo di qualsiasi materiale nelle aree non edificate, adottando tutti i necessari sistemi di protezione anche dalle intrusioni esterne per lo scarico abusivo; Provvedere alla manutenzione dei fossi e canali di scolo, al fine di favorire il deflusso delle acque; Predisporre, costruire e gestire qualsiasi superficie che sia esposta alle acque meteoriche, quali tetti e coperture in modo tale da permettere la raccolta, il convogliamento e l allontanamento delle acque stesse; Procedere periodicamente alla pulizia di grondaie e caditoie, onde facilitare il drenaggio delle acque ; Evitare il formarsi di piccole raccolte d acqua a seguito dell utilizzo di teloni in plastica a copertura di mezzi, di apparecchiature e materiale vario. Articolo 8 Roditori 1. Ad ogni proprietario o possessore a qualunque titolo di aree esterne e confinate, è fatto obbligo il rispetto di quanto previsto dalla L.R. n. 39 del 16 agosto 2001, che vieta l utilizzo, l abbandono, la preparazione e la detenzione di esche avvelenate. 3

8 2. Le Aziende di servizio pubbliche o private cui vengono demandate le operazioni di derattizzazione dovranno pertanto essere preventivamente autorizzate dall Amministrazione Comunale allo svolgimento delle operazioni previste, ai sensi dell art. 2 c. 3 della L.R. n. 39 del 16 agosto Allo scopo di evitare possibili contaminazioni, le operazioni di derattizzazione, devono essere eseguite con modalità tali da non interessare e nuocere in alcun modo altre specie animali. 4. E fatto assoluto divieto a chiunque di: Danneggiare o sottrarre le postazioni di distribuzione del prodotto utilizzato; Toccare, manomettere od asportare il prodotto utilizzato; Introdurre animali domestici non tenuti al guinzaglio e sprovvisti di museruola all interno delle aree segnalate dall intervento; Abbandonare qualsiasi rifiuto lungo il perimetro delle strade all interno delle aree pubbliche o private interessate dall intervento; Toccare o spostare le carogne dei roditori. Articolo 9 Competenze del Sindaco in materia di Igiene Urbana 1. Qualora sul territorio comunale si evidenzino problematiche igienico-sanitarie causate dalla presenza di insetti molesti o agenti nocivi per la salute dell uomo e degli animali, su parere degli Enti Istituzionali competenti, il Sindaco con provvedimento contingibile ed urgente ordina al privato cittadino, a proprie spese, i necessari interventi di bonifica primaria (manutentiva) e secondaria ( disinfezione, disinfestazione, derattizzazione). 2. Nel caso di mancato adempimento all ordine come sopra intimato, si provvederà previa diffida, alla esecuzione d Ufficio dei necessari interventi con remissione delle spese a carico del soggetto inadempiente salva l applicazione delle ulteriori sanzioni penali ed amministrative previste dalla Legge. Articolo 10 Avvelenamenti 1. E severamente vietato a chiunque spargere, abbandonare e/o depositare in qualsiasi modo e sotto qualsiasi forma su tutto il territorio comunale, alimenti contaminati da sostanze velenose o qualsiasi altro preparato che presenti caratteristiche di pericolosità per l incolumità pubblica, sia umana che degli animali. 2. I medici veterinari sono obbligati a segnalare all autorità competente tutti i casi di sospetto di avvelenamento di animali di cui vengono a conoscenza evidenziando il tipo di veleno usato e la zona in cui gli avvelenamenti si sono verificati. 3. L Amministrazione comunale provvederà ad adottare le necessarie misure di indagine e di repressione del fenomeno oltre che avviare le opportune operazioni per la bonifica delle aree interessate per prevenire altri avvelenamenti. Sezione II QUALITÀ DEL VIVERE COMUNE Articolo 11 Aree Pubbliche 1. A garanzia dell igiene collettiva ed a tutela del decoro delle aree pubbliche, è vietato: spolverare o battere indumenti personali, tappeti od altri oggetti d uso domestico da balconi aggettanti direttamente su aree pubbliche o aperte all uso pubblico; 4

9 esporre ad asciugare biancheria, panni ed indumenti, quando ciò possa arrecare danno e disturbo al transito delle persone sottostanti; annaffiare vasi in modo che possa cadere acqua sul suolo pubblico; scolare sul suolo pubblico acqua di lavaggio di aree private; utilizzare balconi, terrazzi ed anche luoghi condominiali collettivi visibili dagli spazi pubblici come luogo di deposito di rottami o altri simili materiali; manomettere, imbrattare o in qualsiasi modo danneggiare il suolo pubblico o di uso pubblico e le attrezzature e gli impianti su di esso installati; spostare, manomettere, danneggiare o insudiciare i contenitori dei rifiuti; appoggiare sacchi o rifiuti di qualsiasi genere all esterno dei contenitori di rifiuti, anche se gli stessi fossero colmi; cogliere fiori e recare danno in qualsiasi modo alle piante, recinti, steccati e quant altro sia stato posto per l ornamento e per utilità pubblica. 2. E fatto altresì divieto di ammassare ai lati delle case o in qualsiasi spazio pubblico, materiali di qualunque genere e tipologia, salvo i casi di situazioni eccezionali debitamente comprovate da autorizzare in modo espresso. 3. Sono esonerate dal divieto sopra indicato il deposito conseguente agli accordi con il gestore del servizio RSU per il ritiro di materiali ingombranti. 4. In ogni caso l ammasso conseguente alle situazioni eccezionali e comportante occupazione di suolo pubblico è subordinato ad autorizzazione previo pagamento del canone di occupazione come previsto dalla normativa vigente. Articolo 12 Piccioni ed altri volatili nei centri abitati 1.Al fine di evitare problemi igienico - sanitari conseguenti alla eccessiva proliferazione e diffusione di piccioni od altri volatili all interno del centro urbano, è vietato somministrare nonché disperdere o abbandonare nelle strade, piazze o altri luoghi pubblici del centro abitato, cibo ed alimenti. 2. Al fine di salvaguardare il vicinato, la somministrazione di cibo ed alimenti in corti o spazi privati è vietato, salvo esplicita autorizzazione del condominio o dei vicini immediatamente adiacenti e previa adozione di tutti i necessari accorgimenti e sistemi di prevenzione dello spargimento di guano e della conseguente pulizia dell area. 3. Allo scopo di impedire che i componenti chimici del guano dei piccioni o altri volatili, nonché l azione meccanica del becco deteriorino le strutture architettoniche, ed al fine di prevenire possibili trasmissioni di patologie all uomo, i proprietari di fabbricati devono provvedere alla chiusura delle aperture che possono rappresentare un habitat ideale per la nidificazione dei volatili, nonché alla tempestiva pulizia del materiale fecale e piume. 4. L Amministrazione comunale ha il compito di controllare i siti di nidificazione dei piccioni o altri volatili, adottando sistemi di dissuasori chimici o meccanici reperibili sul mercato, nonché attivarsi tempestivamente per la pulizia di tutte quelle aree pubbliche, dove si registra la forte presenza di materiale fecali, terreno di coltura di microrganismi patogeni. 5. Sono altresì vietate catture di detti animali, salvo quando queste siano proposte dalla U.S.L., per interventi istituzionalmente previsti dal loro ordinamento. 6. Qualora l aumento della popolazione dei volatili non sia ritenuto accettabile dal punto di vista ambientale, per l insorgere di problemi riguardanti il deterioramento delle strutture architettoniche o dal punto di vista igienico - sanitario, il Settore Ambiente, su parere del 5

10 degli Enti istituzionalmente preposti, può autorizzare e disporre interventi ad ampio raggio di contenimento delle popolazioni dei volatili da effettuarsi, sotto il controllo di detti Enti. 6

11 TITOLO III IGIENE NELLA CONVIVENZA UOMO ANIMALE Articolo 13 Misure di tutela igienico sanitaria 1. Con il presente Regolamento il Comune intende tutelare la convivenza tra l uomo e gli animali da affezione e prevenire gli inconvenienti derivanti dal non corretto comportamento degli accompagnatori dei suddetti animali nelle aree pubbliche, di uso pubblico e/o aperte al pubblico, in merito all igiene, alla pulizia, al decoro, alla sicurezza e all incolumità di chi le frequenta. 2. Nel centro urbano è consentito solo il possesso di animali da affezione a scopo puramente affettivo, purchè l ubicazione e le condizioni igieniche in cui gli stessi sono allevati siano tali da non arrecare disagio e rischio per la salute pubblica e del vicinato, così come previsto dal Regolamento Comunale sulla Tutela degli Animali, approvato con Delibera di C.C. n. 22 del Ai fini del presente Regolamento si intende per animale di affezione, l animale capace, per caratteristiche etologiche, di instaurare un rapporto affettivo con gli umani, in quanto è in grado di scambiare sensazioni di tipo affettivo con uno o più padroni custodi ed in particolare: a) uccelli di piccola taglia (canarini, cocorite, diamanti mandarini o uccellini similari chiusi in gabbia in numero non superiore a 10 (dieci) coppie e relative nidiate fino alla completa autonomia dei piccoli; b) uccelli di media taglia (pappagalli piccioni tortore uccelli similari come dimensioni ) chiusi in gabbia in numero non superiore a 4 (quattro) coppie e relative nidiate fino alla completa autonomia dei piccoli; c) animali da affezione diversi da cani e gatti, purchè di piccola taglia comunque limitatamente ad una coppia ed eventuali piccoli fino alla loro autonomia; 4. In ogni caso i proprietari o detentori di animali di qualsiasi specie, sono tenuti ad adottare tutte le misure di profilassi atte ad impedire l insorgenza e la diffusione delle zoonosi e di altre malattie. 5. Nel centro urbano è fatto divieto di allevare ossia detenere con la finalità dell esercizio di allevamento, animali di qualsiasi specie, ad eccezione degli animali di cui all art. 10 comma 2 del Regolamento Comunale sulla Tutela degli Animali, approvato con deliberazione di C.C. n. 22 del Sul territorio comunale ed esclusivamente al di fuori del centro urbano è ammesso l allevamento di piccoli animali da parte di singoli soggetti per uso alimentare in numero limitato al solo consumo diretto del nucleo familiare, con esclusione della loro commercializzazione, alle seguenti condizioni: a) si provveda alla pulizia giornaliera dei ricoveri degli animali; b) sia evitato il proliferare di mosche anche attraverso idonei trattamenti disinfestanti ove necessario; c) siano evitati impaludamenti e ristagni d acqua nell area circostante i ricoveri; d) siano evitati qualsiasi accumulo di deiezioni ed altri rifiuti organici. 7

12 Sezione I DISCIPLINA PER I CANI Articolo 14 - Detenzione di cani 1. Chiunque detenga un cane o accetti di occuparsene è responsabile dei danni cagionati dall animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito. 2. Chiunque detenga un cane o accetti di occuparsene è responsabile della sua salute, della sua riproduzione e del benessere della sua eventuale cucciolata oltre che dell assolvimento degli obblighi previsti dalla L.R.T. 08/04/1995 n.43 e s.m.i. per quanto attiene all anagrafe canina. 3. Si definisce accompagnatore, la persona fisica che ha in custodia anche temporanea uno o più cani anche se non regolarmente registrati ai sensi della normativa vigente, durante la loro permanenza nei luoghi pubblici e/o d uso pubblico, quali: le strade, le piazze, le banchine stradali, i marciapiedi, le aree destinate a parcheggio, i portici, le aree verdi destinate a giardino e/o parco pubblico, i percorsi pedonali e/o ciclabili, la viabilità rurale di pubblico passaggio, le aree di pertinenza degli edifici pubblici e ogni altra area su cui hanno libero e indiscriminato accesso i cittadini. 4. L accompagnatore ha l obbligo di evitare che sia compromessa in qualunque modo l integrità, il valore e il decoro di qualsiasi area, struttura, infrastruttura o manufatto, mobile o immobile, di proprietà pubblica e/o privata, evitando le deiezioni o effettuando la loro raccolta ed il loro smaltimento ai termini del presente Regolamento. 5. L accompagnatore ha l obbligo di adottare tutti i necessari apprestamenti per garantire la salute fisica e psicologica dell animale, in modo di evitare che abbai, ululi, guaisca o latri in modo insistente e inequivocabile, disturbando il vicinato. 6. Nel caso di insistente persistenza del disturbo del vicinato, viene fatto capo all art. 9 del Regolamento sulla Tutela degli animali, e il Sindaco, sentita la Commissione Consultiva di Vigilanza, di cui all art. 45 del sopraccitato Regolamento, può ordinare di trasportare il cane in appositi luoghi di ricovero imputando le spese di mantenimento al proprietario e/o detentore. 7. Allo scopo di assicurare il benessere del cane è fatto divieto di: trasportare o fare stazionare animali segregati nei bauli chiusi delle auto o farli stazionare all interno dell abitacolo dei veicoli a motore esposti al sole; condurre animali al guinzaglio con l accompagnatore che guida un veicolo a motore. Articolo 15 Raccolta delle deiezioni solide dei cani 1. Sulle aree pubbliche e/o d uso pubblico gli accompagnatori sono obbligati alla rimozione delle deiezioni solide del proprio cane con raccoglitori idonei. 2. Gli accompagnatori hanno l obbligo di smaltire le deiezioni solide raccolte nei contenitori della raccolta dei rifiuti urbani. 3. Restano esclusi dagli obblighi enunciati nel presente articolo i cani che accompagnano soggetti non vedenti. Articolo 16 Museruole e guinzagli 1. Sulle aree pubbliche e/o d uso pubblico i cani, anche se di piccola taglia, devono essere tenuti al guinzaglio o muniti di idonea museruola. 2. Nei locali pubblici o nei mezzi di trasporto i cani, anche di piccola taglia, devono essere tenuti al guinzaglio e muniti di idonea museruola. 8

13 3. Il guinzaglio, se usato in modo disgiunto dalla museruola, non può avere una lunghezza superiore a metri 4 (quattro), ovvero essere tenuto ad una lunghezza superiore a metri 4 (quattro) per quelli retrattili, qualora siano presenti in loco persone o altri animali. 4. Anche se muniti di museruola e/o guinzaglio, i cani devono essere sempre accompagnati da una persona commisurata alla mole dell animale. 5. Nel caso in cui siano previste norme e misure più restrittive da parte delle Autorità sanitarie nel caso di animali qualificati come pericolosi ( esempio Rotweiller, Pittbull ed altri) si applica tale la disciplina in deroga al presente Regolamento. 6. Sono esclusi dagli obblighi del presente articolo i cani in dotazione alle forze armate e alle forze di polizia, quando sono utilizzati durante il servizio. Articolo 17 Aree riservate per lo sgambamento dei cani 1. L Amministrazione comunale può individuare nel proprio territorio aree di sgambamento dei cani, così come previsto dal regolamento per la Tutela degli animali, dove non sussiste l obbligo di tenere i cani al guinzaglio, purché il cane sia sempre sotto il controllo visivo dell accompagnatore, ed a condizione che non costituisca pericolo per persone o altri animali già presenti o crei danno a cose. 2. Le aree di sgambamento dei cani sono recintate e segnalate con apposita cartellonistica, dotate di cestini per la raccolta dei rifiuti, di zone di sosta per i proprietari/accompagnatori di cani. 3. Nelle aree di sgambamento dei cani gli accompagnatori sono soggetti agli obblighi di cui agli articoli 14 e 15. Articolo 18 Accesso dei cani negli esercizi pubblici 1. I gestori o proprietari di esercizi pubblici, quali negozi di generi alimentari, bar, ristoranti, possono impedire l accesso ai cani, anche al guinzaglio e con la museruola. 2. Allo scopo di garantire l igiene e la salute pubblica è fatto divieto di introdurre cani, anche al guinzaglio e con la museruola negli esercizi pubblici dove vengono prodotti o preparati alimenti e nei depositi all ingrosso di prodotti alimentari. 3. I gestori o proprietari di negozi di generi alimentari, bar, ristoranti e nei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, che ritengono opportuno di non dover introdurre cani nei propri locali, devono segnalare all ingresso del locale tale divieto, oppure indicare le apposite sale e/o locali dove è possibile ospitare con sicurezza l animale. 4. L Amministrazione comunale può vietare anche il solo transito agli animali in predeterminate aree, segnalate con idonea cartellonistica o con altra forma di pubblicizzazione, in modo permanente, ovvero temporaneo. Articolo 19 Tutela dall aggressività esaltata dei cani 1. Con apposita ordinanza di emanazione da parte dell autorità competente e per la durata della sua validità, sono definite le limitazioni all uso ed alle attività per predeterminate razze canine o incroci con queste. 2. Nei casi previsti del comma 1, il Sindaco dispone la sanzione accessoria dell allontanamento coatto del cane con trasferimento dello stesso presso apposito canile autorizzato, imputando le spese di mantenimento dell animale in capo al proprietario/possessore/detentore del medesimo fino a quando questi non presenti la necessaria idonea polizza assicurativa e dimostri la possibilità di un ricovero sicuro; 3. In caso di violazioni commesse da cani inseriti negli elenchi predisposti dall Autorità competente Ministero della Salute la misura minima delle sanzioni amministrative previste per 9

14 le violazioni previste agli articoli 16 e 18 del presente Regolamento è stabilita in 258,00 salvo diversa previsione legislativa. Sezione II DISCIPLINA PER I GATTI Articolo 20 Gatti liberi 1. Ai fini del presente articolo si intende per: gatto libero, il gatto che vive in libertà, di solito insieme ad altri gatti; colonia felina, un gruppo di gatti che vivono in libertà e frequentano abitualmente lo stesso luogo; gattaie/i, le persone che si occupano volontariamente della cura e del sostentamento delle colonie feline. 2. I gatti liberi che vivono nel territorio comunale appartengono al patrimonio indisponibile dello Stato. Articolo 21 Compiti dei/lle gattai/ie 1. I gattai/ie si adoperano per la cura ed il sostentamento delle colonie dei gatti liberi. 2. L Amministrazione comunale riconosce l attività dei gattaie/i quale funzione rilevante di tutela sociale dell animale oltre che per attività connesse al controllo della loro proliferazione. 3. Al gattaio/e al fine della cura e dell alimentazione dei gatti liberi è riconosciuto il libero accesso alle aree pubbliche, salvo l obbligo di rispettare le norme previste dal presente Regolamento. 5. L accesso delle gattaie/i nelle proprietà private deve essere subordinato al consenso del proprietario. 6. I/le gattai/e, al fine di non arrecare disturbo ai cittadini, sono obbligati a rispettare le norme per l igiene del suolo pubblico evitando la dispersione di alimenti e provvedendo, dopo ogni pasto, alla pulizia accurata e completa della zona dove i gatti sono alimentati. 7. Nel caso di mancata pulizia delle aree pubbliche e/o private in cui si svolge l attività dei gattai/e, le stesse soggiacciono alle sanzioni previste dal presente Regolamento. 10

15 TITOLO IV SCARICHI Sezione I PRINCIPI GENERALI Articolo 22 Oggetto e disciplina di riferimento 1. Il seguente titolo ha lo scopo di recepire la normativa vigente sugli scarichi che non recapitano in pubblica fognatura, al fine di mantenere e migliorare le caratteristiche qualitative delle acque superficiali e sotterranee. 2. Il presente regolamento fa riferimento alle disposizioni normative in vigore per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico di acque reflue domestiche o assimilate non in pubblica fognatura, in particolare: - Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 Norme in materia ambientale ; - Legge Regionale 31 maggio 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall inquinamento ; - Regolamento Regionale n. 28/R del 23 maggio, fino ad emanazione del Regolamento Regionale attuativo della L. R. 20/2006; - Decreto Legislativo n. 36 del Articolo 23 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende per: a) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi e derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attività domestiche, così come previsto dall art. 74, comma 1 lettera g) del D.Lgs. 152/2006 e dall art. 2 della Legge Regionale n. 20 del ; b) Acque reflue assimilate alle domestiche: salvo quanto previsto dall articolo 112 del D. Lgs. 152/2006 le acque: - provenienti da imprese dedite esclusivamente alla coltivazione del terreno e/o alla silvicoltura; - provenienti da imprese dedite ad allevamento di bestiame che, per quanto riguarda gli effluenti di allevamento, praticano l utilizzazione agronomica in conformità alla disciplina regionale stabilita sulla base dei criteri e delle norme tecniche generali di cui all art. 112, comma 2, e che dispongano di almeno un ettaro di terreno agricolo per ognuna delle quantità indicate nella Tabella 6 dell Allegato 5 alla parte terza del D. Lgs. 152/2006; - provenienti da imprese dedite alle attività di cui alle lettere a) e b) che esercitano anche attività di trasformazione o di valorizzazione della produzione agricola, inserita con carattere di normalità e complementarietà funzionale nel ciclo produttivo aziendale e con materia prima lavorata proveniente in misura prevalente dall attività di coltivazione dei terreni di cui si abbia a qualunque titolo la disponibilità; - provenienti da impianti di acquicoltura e di piscicoltura che diano luogo a scarico e che si caratterizzino per una densità di allevamento pari o inferiore a 1 kg per metro quadrato di specchio d acqua o in cui venga utilizzata una portata d acqua pari o inferiore a 50 litri al minuto secondo; - aventi caratteristiche qualitative equivalenti a quelle domestiche e indicate dalla normativa regionale; - provenienti da attività termali, fatte salve le discipline regionali di settore. - tutte le acque reflue scaricate, che rispettano le condizioni di cui all allegato 1, Tabella 1 del R.R. N. 28/R del

16 c) acque reflue industriali: qualsiasi tipo di acque reflue provenienti da edifici od installazioni in cui si svolgono attività commerciali o di produzione di beni, differenti qualitativamente dalle acque reflue domestiche e da quelle meteoriche di dilavamento, intendendosi per tali anche quelle venute in contatto con sostanze o materiali, anche inquinanti non connessi con le attività esercitate nello stabilimento; d) abitante equivalente (AE): il carico organico biodegradabile avente una richiesta biochimica di ossigeno a 5 giorni (BOD5) pari a 60 grammi di ossigeno al giorno. E da considerare equiparabile una richiesta chimica di ossigeno di 130 grammi di ossigeno al giorno. Solo nel caso in cui non sia disponibile il dato analitico di carico organico si fa riferimento al volume di scarico di 200 litri per abitante per giorno; e) scarico: qualsiasi immissione di acque reflue in acque superficiali, sul suolo, nel sottosuolo e in rete fognaria, indipendentemente dalla loro natura inquinante, anche sottoposte a preventivo trattamento di depurazione. f) acque di scarico: tutte le acque reflue provenienti da uno scarico. g) acque meteoriche di prima pioggia AMPP = acque corrispondenti, per ogni evento meteorico ad una precipitazione di 5 mm uniformemente distribuita sull intera superficie scolante servita dalla rete di drenaggio; ai fini del calcolo delle portate si stabilisce che tale valore si verifichi in 15 minuti. I coefficienti di deflusso si assumono pari ad 1 per le superfici coperte, lastricate od impermeabilizzate ed a 0.3 per quelle permeabili di qualsiasi tipo, escludendo dal computo le superfici coltivate. Si considerano eventi meteorici distinti quelli che si succedono a distanza di quarantotto ore; h) acque meteoriche dilavanti non contaminate (AMDNC) = acque meteoriche dilavanti derivantida superfici impermeabili non adibite allo svolgimento di attività produttive, ossia: le strade pubbliche e private, i piazzali di sosta e di movimentazione automezzi, parcheggi e similari, anche di aree industriali, dove non vengono svolte attività che possono oggettivamente comportere il rischio di trascinamento di sostanze pericolose o di sostanze in grado di determinare effettivi pregiudizi ambientali. i) deposito temporaneo = il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui gli stessi sono prodotti, secondo le prescrizioni dettate dall art. 183 comma 1 lettera m) del D. Lgs. 152/2006. l) rifiuti liquidi = qualsiasi rifiuto sotto forma liquida, comprese le acque reflue non convogliate in reti fognarie ed esclusi i fanghi, così come previsto dall art. 184 comma 3 lettera g) del D.Lgs 152/2006. Articolo 24 Ambito di applicazione 1. Sono soggetti al presente disciplinare: a) tutti gli scarichi di acque reflue domestiche, che, per impossibilità tecnica oggettiva, non recapitano in pubblica fognatura, ma scaricano direttamente su suolo o in acque superficiali (corsi d acqua o altri corpi idrici non significativi); b) tutti gli scarichi di acque reflue assimilate alle domestiche, di cui all allegato 1 Tab. 1 del R. R. 28/R, che rispettino le condizioni vincolanti della colonna D; 2. Per i nuovi insediamenti in aree territoriali servite da pubblica fognatura vi è l obbligo di allaccio e, in caso di non adempimento, il Comune, sentito il parere del gestore del servizio idrico integrato, emana apposita ordinanza, affinché venga realizzato dal proprietario/i. 3. Nei casi di scarichi di insediamenti produttivi che non rispettino le condizioni vincolanti di cui alla Tab. 1 colonna D dell allegato 1 del R.R. 28/R, l assimilazione delle acque reflue alle 12

17 domestiche non è consentita, quindi trattasi di scarichi reflui industriali e l autorità competente al rilascio dell autorizzazione è la Provincia, sentito il parere dell A.R.P.A.T. 4. Nei casi di insediamenti produttivi, che non rientrano nelle condizioni di assimilabilità (Tab. 1 del R.R. 28/R), per i quali vi sia il rischio che le acque meteoriche di prima pioggia in relazione alle attività svolte portino al dilavamento di sostanze pericolose, sono da considerarsi scarichi industriali e l autorità competente al rilascio dell autorizzazione è la Provincia, sentito il parere dell A.R.P.A.T. 5. Ai sensi della Legge Regionale 31 maggio 2006, n. 20, il Comune autorizza lo scarico nella fognatura bianca, previo parere dell A.R.P.A.T., delle acque meteoriche di prima pioggia (AMPP) opportunamente trattate, derivanti da quegli insediamenti o stabilimenti che svolgono attività che comportino oggettivo rischio di trascinamento nelle acque meteoriche, di sostanze pericolose o di sostanze in grado di determinare effettivi pregiudizi ambientali; 6. Ai sensi della Legge Regionale 31 maggio 2006, n. 20, le acque meteoriche di prima pioggia (AMPP) sono assimilabili alle acque meteoriche dilavanti non contaminate (AMDNC) quando derivano da tetti o tettoie di edifici, o di altre strutture permanenti o temporanee, di insediamenti o stabilimenti o da altre superfici impermeabili che comunque non svolgano attività pregiudizievoli per l ambiente. Articolo 25 Competenze 1. Il Comune rilascia le autorizzazioni allo scarico di acque reflue domestiche e di acque reflue ad esse assimilate, non allacciate alla pubblica fognatura, come disciplinato dall art. 4 comma 2 della Legge Regionale 31 maggio 2006, n. 20. Sezione II MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE Articolo 26 Pratica edilizia 1. Nel caso in cui un soggetto privato inoltri domanda di concessione edilizia o denuncia di inizio attività (D.I.A.) al Settore Urbanistica Edilizia (S.U.E.) per la ristrutturazione di edifici esistenti o per la costruzione di nuovi edifici in zone non servite da pubblica fognatura, deve presentare al S.U.E. in allegato alla documentazione richiesta, anche il progetto dell impianto di smaltimento degli scarichi in duplice copia, che deve essere conforme alla normativa vigente. Il progetto dell impianto di smaltimento degli scarichi deve essere corredato dei seguenti allegati: relazione geologico-idrogeologica, firmata da un tecnico abilitato; relazione tecnica descrittiva dell impianto di smaltimento dei liquami, firmata da un tecnico abilitato; planimetria in scala, firmata da un tecnico abilitato; estratto della mappa catastale, in cui si evidenzi la zona interessata dallo smaltimento dei reflui; Per utenze con potenzialità inferiore a 100 AE: - dichiarazione del tecnico abilitato sopracitato, che attesti la conformità dell impianto di smaltimento alla normativa vigente; Per utenze con potenzialità superiore a 100 AE: - parere di conformità dell A.R.P.A.T. 13

18 2. Il progetto dell impianto di smaltimento degli scarichi, corredato degli allegati di cui al comma precedente deve pervenire al S.U.E. tramite ufficio Protocollo per l accertamento della data di ricevimento del materiale richiesto. 3. Il S.U.E., una volta ricevuta tutta la documentazione, informa: il titolare dello scarico della obbligatorietà di inoltrare richiesta di autorizzazione all Ufficio Ambiente, secondo apposita modulistica reperibile presso U.R.P., sito del Comune di Follonica e Ufficio Ambiente, l Ufficio Ambiente (entro 30 giorni dalla data assunta all Ufficio Protocollo) del il titolare del progetto dell impianto di smaltimento degli scarichi. Articolo 27 Modalità per la presentazione della domanda di autorizzazione allo scarico dei reflui domestici 1. La domanda di autorizzazione allo scarico, in duplice copia di cui 1 in bollo, deve essere presentata dal titolare al Settore Ambiente mediante gli appositi moduli già predisposti e reperibili presso l U.R.P., Ufficio Ambiente o presso il sito web del Comune di Follonica 2. Alla domanda di autorizzazione deve essere allegata la necessaria documentazione come indicata nella modulistica a pena di improcedibilità del procedimento. 3. Le spese del procedimento così come previsto dall art. 124 comma 10 del D. Lgs 152/2006 sono a carico del richiedente. 4. Nella domanda deve essere indicato in quale dei seguenti corpi recettori avviene lo scarico se direttamente sul suolo o nell acqua superficiale. 5. Nel caso in cui lo scarico recapiti in corso d acqua, nella domanda deve essere indicata la denominazione del corso d acqua e la tipologia della portata (continua, discontinua, occasionale e il periodo di portata nullo), al fine di evidenziare la capacità di diluizione del corpo idrico e di autodepurazione. 3. La rinuncia alla domanda di autorizzazione prima della conclusione del procedimento non dà diritto al rimborso delle somme versate a titolo di procedibilità. 4. Per gli insediamenti, edifici o installazioni, la cui attività sia trasferita in altro luogo o che siano soggetti ad una diversa destinazione o ad ampliamento o ristrutturazione da cui derivi uno scarico avente caratteristiche qualitative o quantitative diverse da quelle dello scarico preesistente, deve essere richiesta una nuova autorizzazione allo scarico. Articolo 28 Modalità per la presentazione della domanda di autorizzazione allo scarico di reflui assimilati ai domestici 1. Rientrano nella condizione di assimilazione alle acque reflue domestiche tutte le acque reflue di attività previste dall art. 23 comma 1 lettera b) del presente Regolamento, nonché tutte le acque reflue delle attività elencate nella Tabella 1 dell allegato 1 del R.R. 28/ Il titolare degli scarichi che rientrano nella condizione di assimilabilità deve produrre le seguenti indicazioni: - tipologia dell attività svolta; - composizione qualitativa e quantitativa degli scarichi con indicazione degli AE. 3. Nel caso di autorizzazione per reflui assimilati ai domestici, la domanda in triplice copia deve essere presentata all Ufficio Protocollo del Comune di Follonica personalmente o a mezzo servizio postale e indirizzata allo Sportello Unico delle Imprese del Comune di Follonica (S.U.A.P.), mediante gli appositi moduli già predisposti e reperibili presso l amministrazione comunale. 14

19 4. Il S.U.A.P. provvederà alla trasmissione di una copia della richiesta di autorizzazione all A.R.P.A.T, per il necessario parere preventivo e l altra al Settore Ambiente. Sezione III AUTORIZZAZIONI Articolo 29 Autorizzazioni provvisorie 1. Nelle more della conclusione del procedimento è possibile ottenere un autorizzazione provvisoria valevole per 6 mesi periodo entro il quale lo scarico potrà essere attivato per verificarne la funzionalità. 2. Nella istanza dovrà essere espressamente indicata tale richiesta per la cui procedibilità dovrà essere prodotta una apposita dichiarazione di assunzione di responsabilità da parte del soggetto richiedente alla presentazione di tutta la documentazione nei modi e nei termini che saranno richiesti dall Amministrazione comunale oltre che l impegno alla immediata sospensione della attività nel caso in cui siano rilevati parametri non conformi prima del rilascio del titolo definitivo. 3. In ogni caso, terminato il periodo di proroga concesso, l autorizzazione provvisoria deve essere trasformata in autorizzazione definitiva ed in mancanza si provvederà ad impedire, previa diffida alla sospensione dell immissione, lo scarico non conforme alla normativa vigente. Articolo 30 Autorizzazioni definitive 1. Per l ottenimento dell autorizzazione definitiva allo scarico il richiedente dovrà trasmettere apposita dichiarazione redatta da laboratorio di analisi autorizzato, che attesti il rispetto dei limiti in ingresso e in uscita dall impianto di smaltimento, come previsti da apposita determinazione del Dirigente del Settore Ambiente. 2. L Ufficio Ambiente ha 60 giorni di tempo dalla data di trasmissione della dichiarazione redatta da laboratorio di analisi per il rilascio dell autorizzazione definitiva al titolare dell attività da cui origina lo scarico. 3. L autorizzazione definitiva ha una validità di quattro anni, con possibilità di rinnovo con le modalità indicate dall articolo 30 del presente Regolamento. 4. L autorizzazione definitiva viene trasmessa al soggetto privato richiedente e al S.U.E. o al S.U.A.P. (nel caso di reflui assimilati) per la conclusione del procedimento di competenza. 5. L Ufficio Ambiente si riserva di richiedere l accertamento di parametri di tipo microbiologico solo nel caso in cui lo scarico recapiti in un corpo idrico recettore il cui uso è concomitante con altra attività preventivamente al rilascio dell autorizzazione. Articolo 31 Trattamenti appropriati 1. Per il conseguimento dei limiti di accettabilità di cui alla Tabella indicata all articolo precedente, è consentito l utilizzo di impianti di smaltimento liquami, quali vasche settiche, fosse Imhoff e tutti i sistemi di smaltimento previsti dall allegato 2 Tabella 1 del Regolamento R.T.28/R del L utilizzo dei pozzi/vasche a tenuta stagna è consentito solo per i rifiuti liquidi, di cui all art. 2 comma 1 lettera r) del D. Lgs. 36 del , a condizione che non vi sia la possibilità tecnica di allaccio alla pubblica fognatura. 3. Il pozzo a tenuta stagna, non essendoci una immissione di acque reflue in acque superficiali, sul suolo, nel sottosuolo o in reti fognarie, non si configura come scarico, pertanto segue le prescrizioni dettate dall art. 183 comma 1, lettera m) del D. Lgs. 152/2006 configurandosi come deposito temporaneo. Per il detentore del deposito temporaneo vi è l obbligo di dichiarare al Comune con apposito modulo prestampato: 15

20 l ubicazione del deposito, da dove originano i rifiuti, l impossibilità tecnica di allaccio alla rete fognaria, modalità di smaltimento dei rifiuti liquidi. Articolo 32 Procedimento per il rinnovo dell autorizzazione allo scarico 1. Le autorizzazioni sono tacitamente rinnovate, ai sensi dell art. 124 comma 8 del D.Lgs 152/2006, qualora le caratteristiche qualitative e quantitative non risultino modificate rispetto a quelle precedentemente autorizzate. 2. Nel caso in cui si abbiano variazioni che modificano le caratteristiche qualitative e quantitative dello scarico, l autorizzazione precedentemente rilasciata decade automaticamente. 3. Il soggetto istante dovrà procedere ad inoltrare una nuova richiesta per il rilascio di una autorizzazione collegata alla diversa modalità di utilizzazione dell impianto. Articolo 33 Voltura dell autorizzazione allo scarico 1. Nel caso in cui ci sia un cambiamento di titolarità dello scarico il nuovo titolare entro 30 giorni deve presentare apposita istanza di voltura in duplice copia all Ufficio Ambiente, mediante la modulistica appositamente predisposta. 2. In mancanza della voltura nei termini indicati dal comma precedente, le autorizzazioni precedentemente rilasciate decadono automaticamente. Articolo 34 Impianti di refrigerazione, congelamento e di condizionamento 1. Gli scarichi delle acque di condensa degli impianti di refrigerazione, congelamento o simili di attività produttive quali, supermercati, rivenditori di prodotti alimentari e simili, devono essere opportunamente convogliati alla rete fognaria delle acque nere subordinate ad apposita autorizzazione da parte dell autorità competente, al momento A.A.T.O. n 6 Ombrone. 2. Gli scarichi delle acque di condensa degli impianti di condizionamento degli insediamenti civili e delle attività produttive, non possono essere dispersi nell ambiente esterno ma devono essere convogliati secondo le seguenti modalità: tramite collegamento alle grondaie di scolo delle acque meteoriche; tramite collegamento allo scarico W.C dei servizi igienici, finalizzato al recupero della risorsa idrica. Sezione IV - VIGILANZA Articolo 35 Controlli 1. In caso di rinnovo tacito, il Comune provvede al controllo per la verifica del rispetto delle prescrizioni di legge con le modalità previste dall art. 128 del D. Lgs. 152/2006, assicurando un sistema periodico, diffuso ed effettivo ed imparzialità nella scelta dei soggetti titolari dello scarico. In particolare: - con controlli effettuati con cadenza annuale; - su di un campione pari almeno al 10% del totale; - l anno successivo alle verifiche, sempre su un campione estratto e pari al 10%, ma con l esclusione dei nominativi già estratti precedentemente. 2. Per le analisi di controllo il Comune stipula apposita convenzione con un laboratorio di analisi autorizzato. 3. Le ispezioni in loco vengono eseguite da: 16

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 92 del 20/12/2008 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento e principi generali. ARTICOLO 2 Ambito d applicazione e definizioni. ARTICOLO 3 Raccolta deiezioni solide

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento e principi generali. ARTICOLO 2 Ambito d applicazione e definizioni. ARTICOLO 3 Raccolta deiezioni solide REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE SULLA LORO DETENZIONE ALL INTERNO DI CORTILI E/O GIARDINI PRIVATI ARTICOLO 1

Dettagli

COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE

COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE Approvato con D.C.C. n.71 del 22.10.2004 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art.

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. - Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 05/06/06 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI Approvato con deliberazione di C.C. n. 41 del 30/11/2004 1 Finalità 1. Il presente regolamento detta norme

Dettagli

COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI

COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. 21 DEL 31 MAGGIO 2005 1 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano COMUNE DI GHILARZA Provincia di Oristano Regolamento Comunale per la tutela del benessere della popolazione canina domestica e la disciplina della convivenza tra l uomo e l animale Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

ALLEGATO A ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 DEL 30.11.2007

ALLEGATO A ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 DEL 30.11.2007 ALLEGATO A ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 DEL 30.11.2007 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007 COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL CANE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il regolamento è finalizzato

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA - Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 30/01/2006 - esecutivo dal 20 febbraio 2006

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta)

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) 1. Il regolamento è finalizzato a tutelare il benessere della popolazione canina domestica presente nel territorio del comune e a disciplinare la convivenza

Dettagli

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI Approvato con C.C. n. 4 in data 26/03/2007 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto le procedure, i criteri e le modalità relative al rilascio delle autorizzazioni allo scarico di acque reflue domestiche, di scarichi

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento ha per oggetto le procedure di autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche COMUNE DI PODENZANA Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche In aree non servite da pubblica fognatura Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI IN AREE URBANE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA LORO DETENZIONE ALL INTERNO DI CORTILI

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche ed assimilate alle domestiche In aree non servite da pubblica fognatura (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 31/03/2004)

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Marca da bollo in valore legale DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Al Responsabile Ufficio Tecnico CAPALBIO (GR) Il sottoscritto Cognome

Dettagli

COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI

COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI Allegato A) alla delibera C.C. n. 7 del 29.04.2010 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese OSSERVATORIO REGIONALE SUI RAPPORTI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IMPRESE DELLA REGIONE SCHEDE TECNICHE 5.9 AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI IDRICI 1 1. Ambito di applicazione Il D.Lgs. 152/99, modificato e integrato

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi SEMINARIO TECNICO INFORMATIVO La disciplina degli scarichi delle acque reflue Autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali e acque meteoriche contaminate in fognatura Ing. Angela Bani AATO n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI U NIONE DEI COMUNI L O M B ARDA DELLA VALLETTA P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione dell Assemblea n. 14 del 29/07/2014 INDICE

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 28 marzo 2012 Modificato con deliberazione del

Dettagli

INDICE DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni e normativa di riferimento Autorizzazione allo scarico Presentazione della domanda Durata del procedimento

INDICE DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni e normativa di riferimento Autorizzazione allo scarico Presentazione della domanda Durata del procedimento Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche in aree non servite da pubblica fognatura (Approvato con deliberazione n.140/cc del 29.11.2004) INDICE CAPO I Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche e assimilate in recapito diverso dalla pubblica fognatura

Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche e assimilate in recapito diverso dalla pubblica fognatura COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA Provincia di Pisa Settore Pianificazione e Servizi Tecnici Settore Tecnico - Urbanistica ed Edilizia Privata v. Roma, 1 56040 tel. 0588/31611- Telefax 0588/31.615 e-mail

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA COMUNE DI POMEZIA (Provincia di ROMA) SEZIONE TUTELA DELL AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 94

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente Città di Benevento Ufficio Ambiente REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente INDICE ARTICOLO 1 Campo di applicazione ARTICOLO 2 Finalità ARTICOLO 3 informazioni e comunicazioni all utente ARTICOLO

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 15 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 6-5-2013 3253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Regolamento Regionale 3 maggio 2013, n. 2 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) AREA TECNICA U.O. Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ED ASSIMILABILI IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa Settore V - Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.20 DEL 04/05/2009

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE Art. 1 - Oggetto del Regolamento: 1. Il presente regolamento disciplina le procedure da seguire per

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA PER EDIFICI OD INSTALLAZIONI IN CUI SI SVOLGANO ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Spett.le

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA REGOLAMENTO CANI PERICOLOSI

PROVINCIA DI BIELLA REGOLAMENTO CANI PERICOLOSI COMUNE DI PONDERANO PROVINCIA DI BIELLA REGOLAMENTO CANI PERICOLOSI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il regolamento è finalizzato a tutelare il benessere della popolazione canina domestica presente nel

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale:

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale: Y 32 [BUR2006023] [5.1.3] Regolamento regionale 24 marzo 2006 - n. 4 Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, in attuazione dell articolo 52, comma 1,

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15 Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque Bari 30.01.15 Le acque nel Testo Unico Ambientale. Le definizioni (art. 74). ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI IN CUI SI SVOLGANO ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE D.LGS. 152/2006

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA INDICE CAPO I Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana COMUNE di TRIUGGIO Regolamento Comunale di Polizia Urbana Approvato con Delibera di C.C. n 41 del 29/11/2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO V CUSTODIA E CIRCOLAZIONE DEGLI ANIMALI Art. 36 Diritti

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA Il Sindaco MENEGAZZI Paolo Silvio L Ass.re all Ecologia/Ambiente SAVOIA Andrea S O M M A R I O Art. 1 Finalità...1

Dettagli

UFFICIO D'AMBITO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

UFFICIO D'AMBITO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ISTRUZIONI PER L INOLTRO DELLA DOMANDA DI ASSIMILABILITA La comunicazione/richiesta di assimilazione alle acque reflue domestiche deve essere: 1. compilata utilizzando l apposito modello disponibile sul

Dettagli

San Pietro in Guarano

San Pietro in Guarano COMUNE di San Pietro in Guarano (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA PARTE PRIMA - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizione di fognatura Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine Piazza Rinaldo Olivotto n. 1 33050 MARANO LAGUNARE www.comune.maranolagunare.ud.it P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE

Dettagli

Consorzio Autorità d Ambito provincia di Brescia Pagina 1 di 6

Consorzio Autorità d Ambito provincia di Brescia Pagina 1 di 6 Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche in pubblica fognatura e/o allacciamento alla rete fognaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

(Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 L.R. 31 maggio 2006 n. 20 D.P.G.R. del 8 settembre 2008 n. 46/R)

(Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 L.R. 31 maggio 2006 n. 20 D.P.G.R. del 8 settembre 2008 n. 46/R) REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O AD ESSE ASSIMILATE CHE RECAPITANO AL DI FUORI DELLA PUBBLICA FOGNATURA (Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152

Dettagli

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI NULLAOSTA ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE ALLEGATO INFORMATIVO Area territoriale Saccisica ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI 1 RIFERIMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI

REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR Tel. 0373/450012 20 Fax. 0373/450495 E-mail: segreteria@comunecapralba.it REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI Approvato

Dettagli

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 dd. 24.05.1996

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE Art. 1 Finalità Fatta salva la legislazione vigente in materia, il presente regolamento ha come scopo di disciplinare,

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO

PROVINCIA DI ORISTANO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE O SUL SUOLO DI ACQUE REFLUE URBANE, INDUSTRIALI E DOMESTICHE AI SENSI DEL D. LGS 3 APRILE

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO V MANTENIMENTO, PROTEZIONE E TUTELA DEGLI ANIMALI Regolamento di Polizia Urbana 1 Art. 54 Tutela degli animali domestici 1. In ogni luogo e circostanza

Dettagli

24/09/2013. (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000).

24/09/2013. (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000). Marca da bollo da 16,00 (ai sensi del D.P.R. 642/1972) (Spazio riservato al Protocollo dell Autorità di Ambito) Prot. n del (Spazio riservato al Protocollo del Comune o Gestore) Prot. n del Mod. 01/Ass.

Dettagli

(approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI. Articolo 1 Definizioni

(approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI. Articolo 1 Definizioni Delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005 (approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Definizioni Animale da compagnia:

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione

Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione Art. 11 - Allacciamento alla pubblica fognatura di insediamenti produttivi e produttivi assimilabili a civili Gli scarichi provenienti da insediamenti

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.6 - OMBRONE REGOLAMENTO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA 14/05/09 SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI 3 Art. 1 Oggetto del Regolamento di

Dettagli

COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA AREA FUNZIONE TECNICA U.O.A. : AMBIENTE REGOLAMENTO DI AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA 1 INDICE

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE Allegato alla deliberazione consigliare n.29 del 10.05.2001 PARTE PRIMA - NORME GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Comune di Nereto, nell ambito dei principi e indirizzi fissati dalle Leggi

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA Regolamento approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 29.09.2008 1 S O M M A R I O PARTE 1^: NORME GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE.

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Spett. le Amia spa 54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Il sottoscritto nato il / / a Prov.

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SANNITA Provincia di Benevento REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE

COMUNE DI SAN MARTINO SANNITA Provincia di Benevento REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE COMUNE DI SAN MARTINO SANNITA Provincia di Benevento REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA Approvato con delibera di C.C. n. 56 del

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE ALLEGATI. Comune di Follonica

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE ALLEGATI. Comune di Follonica REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 44 dell 8 maggio 2000 ALLEGATI Comune di Follonica Al Sig. Sindaco del Comune di

Dettagli

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI.

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. OGGETTO: D. Lgs. n 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, L.R. n 5/2006. Istanza di autorizzazione allo scarico di (barrare la casella di interesse): ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. 7 - lettera a)

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO

REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO COMUNE DI CASTENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 38 del 30.10.2012 1 TITOLO I NORMATIVA GENERALE

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA FOGNATURA DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA FOGNATURA DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ARCOLA UFFICIO AMBIENTE 1 sito internet: www.comune.arcola.sp.it e.mail: sportelloscarichi@comune.arcola.sp.it GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA

Dettagli

Allegato 4 Procedura autorizzazione per lo scarico di acque reflue industriali ed industriali assimilabili alle domestiche

Allegato 4 Procedura autorizzazione per lo scarico di acque reflue industriali ed industriali assimilabili alle domestiche REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PARTE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 4 Procedura autorizzazione per lo scarico di acque reflue industriali ed industriali assimilabili alle domestiche

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

Taviano Città dei Fiori

Taviano Città dei Fiori Taviano Città dei Fiori REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO Articolo 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare

Dettagli

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA 1 COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA INDICE CAPO I Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo

Dettagli

Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici

Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici Servizio per le attività veterinarie Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici Presentazione e riferimenti normativi: Per

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione e il controllo della infestazione da ditteri culicidi nel territorio comunale.

Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione e il controllo della infestazione da ditteri culicidi nel territorio comunale. Provincia di Milano Via Viquarterio, n. 1 20090 Pieve Emanuele - Cod. Fisc. 80104290152 P. IVA 04239310156 Ufficio Ecologia - Tel.: 0290788357; Fax: 0290788355; sito: www.comune.pieveemanuele.m.it; e -mail:

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA

REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA (Testo approvato dal C.C. del 29 ottobre 2001) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Principi generali e finalità 1. Il Comune di...,

Dettagli

COMUNE DI COLLE SANNITA

COMUNE DI COLLE SANNITA COMUNE DI COLLE SANNITA PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO O APERTE AL PUBBLICO, NONCHÉ LA LORO DETENZIONE ALL INTERNO

Dettagli