Muoversi all interno di un Vector. Vector e Enumeration. Enumeration. Collezioni di oggetti: Vector. La classe Object. Aggiungere oggetti a un Vector

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Muoversi all interno di un Vector. Vector e Enumeration. Enumeration. Collezioni di oggetti: Vector. La classe Object. Aggiungere oggetti a un Vector"

Transcript

1 Muoversi all interno di un Vector 4 Vector e Enumeration Attraversare la collezione di oggetti e visitare (elaborare) ciascun elemento E un processo ripetitivo e quindi viene usata una struttura di ciclo while(ci sono ancora elementi da visitare) visitare l elemento successivo Per poter visitare tutti gli elementi di un Vector è necessario: Raggiungere in qualche modo gli elementi Ottenere l elemento successivo Verificare se ci sono altri elementi da visitare La classe Vector non fornisce questi metodi 2 5 Collezioni di oggetti: Vector Operazioni caratteristiche Creare una nuova collezione (costruttore) Aggiungere un oggetto ad una collezione Elaborare gli oggetti della collezione Java fornisce diverse classi collezione Contenute nel package java.util La più semplice classe collezione è la classe Vector Creazione: Vector v = new Vector(); Enumeration Java offre una classe Enumeration che modella l attraversamento In realtà non si tratta proprio di una classe Ogni classe collezione fornisce un metodo che crea e restituisce un riferimento a un oggetto della classe Enumeration L oggetto Enumeration fornisce i metodi per ottrenere l elemento successivo e verificare se ci sono altri elementi La classe Vector contiene un metodo, elements, che restituisce un riferimento ad un oggetto Enumeration Enumeration elements() { // Restituisce un Enumeration per Vector Enumeration fornisce i seguenti metodi boolean hasmoreelements() // Restituisce true se ci sono altri elementi da // visitare; restituisce false altrimenti Object nextelement() //Rrestituisce un riferimento all elemento successivo 3 6 v Aggiungere oggetti a un Vector Leggiamo alcuni oggetti String e aggiungiamoli al Vector v String s; s = br.readline(); // Legge la prima stringa while (s!= null) { v.addelement(s); // Elaborazione: aggiunge s a v s = br.readline(); // Legge la stringa successiva v v La classe Object nextelement restituisce un riferimento ad un oggetto di classe Object La classe predefinita Object modella un qualsiasi oggetto I riferimenti a Name, Employee, String, ecc. sono anche riferimenti a Object In questo modo nextelement può restituire riferimenti a oggetti di qualsiasi classe C è un prezzo da pagare per questa flessibilità Vector v = new Vector(); v.addelement(s); Più applicazioni di addelement

2 7 10 Lavoro supplementare Il prezzo da pagare per tale flessibilità: Effettuare un operazione di cast davanti ad ogni invocazione di nextelement Name n = new Name( Gerald, Weiss ); Vector v = new Vector(); v.addelement(n); Enumeration e = v.elements(); // trasforma un Vector in una Enumeration Name n2 = (Name) e.nextelement(); // nextelement restituisce un riferimento // ad Object che viene trasformato in un cast // riferimento a Name mediante cast Assicurarsi che in ogni oggetto Vector si aggiungono riferimenti ad un solo tipo di oggetto Il Costruttore public SongLibrary(String songfilename) throws Exception { songcoll = new Vector(); BufferedReader br = new BufferedReader( new InputStreamReader( new FileInputStream (songfilename))); Song song = Song.read(br); while(song!= null) { songcoll.addelement(song); song = Song.read(br); 8 11 Il ciclo di attraversamento Il ciclo di attraversamento di una collezione Enumeration enum = ottenere un riferimento Enumeration dalla collezione while(enum.hasmoreelements()) { ClassName x = (ClassName) enum.nextelement(); // Estrae gli elementi elaborare x Un esempio: stampiamo le String di un Vector Enumeration enum = v.elements(); while(enum.hasmoreelements()) { String s = (String) enum.nextelement(); System.out.print(s); Il metodo lookup public void lookup(string artist) { Enumeration enum = songcoll.elements(); while(enum.hasmoreelements()) { Song song = (Song) enum.nextelement(); if (artist.equals(song.getartist())) System.out.println(song.getTitle()); Rivisitiamo la classe SongLibrary Miglioriamo l implementazione lasciando inalterata l interfaccia. Il contenuto del file viene caricato in un Vector dal costruttore Il metodo lookup attraverserà la collezione import java.io.*; import java.util.*; // perché stavolta usiamo un Vector class SongLibrary { public SongLibrary(String songfilename) throws Exception {... void lookup(string artist) {... // Variabili di istanza private Vector songcoll; 9 12 Inserire dati di tipi primitivi in una collezione In un Vector è possibile inserire oggetti (Object) int, float, ecc. non sono oggetti, ma tipi primitivi Per risolvere questo problema si può ricorrere alle classi involucro (Integer, Boolean, Float, ) Ad esempio, per gli interi: Vector vi = new Vector(); int i; i = 1; vi.addelement(new Integer(i)); // altri inserimenti di interi nel Vector vi // Include il valore int // all interno di un oggetto Integer

3 Visitare dati di tipi primitivi di una collezione Per la visita invece: Enumeration e = vi.elements(); while(e.hasmoreelements()) { Integer integer = (Integer) e.nextelement(); // estrae l oggetto System.out.println(integer.intValue()); // stampa il valore intero Da notare che il costruttore della classe Integer accetta come argomento un int Lo stesso vale per i costruttori delle altre classi involucro (Boolean, Float, Double) 13 Determinazione del comportamento Ovviamente abbiamo un costruttore StudentRoster E un metodo che percorre il registro e valuta gli studenti (ci dice se stanno sopra o sotto la media) evaluate Non è stato ancora detto quando di intende calcolare la media, né se si userà una collezione Questi aspetti riguardano l implementazione dei metodi e la definizione delle variabili d istanza 16 Determinare i risultati di uno studente 14 Definizione dell interfaccia 17 Si supponga di avere un file del registro degli studenti di un corso universitario. Per ogni studente il file contiene la coppia di linee: nome media Vogliamo stabilire quali studenti siano sopra e quali sotto la media della classe Utilizzo dei metodi StudentRoster roster = new StudentRoster( CS1.f98 ); roster.evaluate(); L interfaccia class StudentRoster { StudentRoster(String rosterfilename) { void evaluate() { Determinazione dell oggetto primario Candidati: file del registro, studente, nome e media Nome e media sono subordinati a studente che a sua volta è subordinato a file del registro Introduciamo la classe StudentRoster, associata al file d ingresso Notare l analogia con la classe SongLibrary In entrambi i casi gli oggetti subordinati sono letti dal file associato all oggetto primario Definizione delle variabili d istanza (1) Occorre valutare la media della classe Può essere fatto dal costruttore e l informazione può essere mantenuta in una variabile d istanza (in tal modo può essere usata dal metodo evaluate) Le informazioni relative agli studenti sono richieste due volte: Per calcolare la media (nel costruttore) Per valutare gli studenti (nel metodo evaluate) Conviene usare una variabile di istanza (una collezione)

4 19 22 Definizione delle variabili d istanza (2) class StudentRoster { public StudentRoster(String rosterfilename) { pblic void evaluate() { private Vector studentcoll; private int classaverage; Uso della classe class Evaluator { public static main(string[] args) throws Esception { StudentRoster roster1 = new StudentRoster( CS1.f98 ); roster1.evaluate(); StudentRoster roster2 = new StudentRoster( CS2.f98 ); roster2.evaluate(); Considerazioni conclusive Occorre costruire la classe Student (farlo come esercizio ) Possibili diverse implementazioni (ad esempio, scorrere più volte il file invece di mantenere la collezione in memoria) in pratica un file non è altro che una collezione residente su disco public StudentRoster(String rosterfilename) throws Exception { studentcoll = new Vector(); BufferedReader br = new BufferedReader( new InputStreamReader( new FileInputStream(rosterFileName))); int total = 0; // somma le medie int count = 0; // conta gli studenti Student student = Student.read(br); // introduzione della classe Student while (student!= null) { // struttura di ciclo lettura/elaborazione total += student.getaverage(); count++; studentcoll.addelement(student); student = Student.read(br); classaverage = total / count; 20 Implementazione del costruttore Una classe insieme Una classe collezione che chiameremo Set Determinazione del comportamento Set Costruttore contains test di appartenenza isempty verifica dell insieme vuoto null addelement aggiunge un elemento a un Set copy fa una copia di un Set size restituisce il numero di elementi di un Set elements restituisce una Enumeration per l attraversamento union genera l unione di due Set intersection genera l intersezione di due Set print stampa l insieme 23 Implementazione di evaluate public void evaluate() { Enumeration enum = studentcoll.elements(); while (enum.hasmoreelements()) { // struttura di ciclo enumerare Student student = (Student)enum.nextElement(); System.out.print(student.getName()); System.out.print(" is performing "); if (student.getaverage() >= classaverage) System.out.println("above average"); else System.out.println("below average"); 21 Set s1, s2; s1 = new Set(); s2 = s1; s1 Il metodo copy Oggetto Set Notare che con l assegnamento le due variabili s1 e s2 fanno riferimento allo stesso oggetto i cambiamenti apportati ad s1 si ripercuotono su s2 e viceversa Noi vogliamo che il metodo copy crei un nuovo oggetto Set e copi gli elementi del vecchio insieme nel nuovo s1 s2 Oggetto Set s2 Oggetto Set 24

5 Class UseSet { public static main(string[] args) { Set s1 = new Set(); s1.addelement( A ); s1.addelement( B ); s1.addelement( C ); s1.addelement( A ); System.out.println(s1.toString()); Set s2 = new Set(); s2.addelement( B ); s2.addelement( C ); s2.addelement( D ); s2.addelement( D ); s2.print(system.out); s1.union(s2).print(system.out); s1.intersection(s2).print(system.out); Definizione dell interfaccia: Esempio di codice d uso // il metodo tostring trasforma un oggetto in String 25 Implementazione dei metodi (1) public Set() { vector = new Vector(); public boolean isempty() { return vector.isempty(); public int size() { return vector.size(); public Enumeration elements() { return vector.elements(); Definizione dell interfaccia Implementazione dei metodi (2) Class Set { public Set () { public boolean contains(object o) { public boolean isempty() { public void addelement(object o) { public Set copy() { public int size() { public Enumeration elements() { public Set union(set s) { public Set intersection(set s) { public void print(printstream ps) { // notare il parametro Object usato per garantire la genericità // rispetto agli oggetti contenuti in un Set public Set copy() { Set destset = new Set(); while (enum.hasmoreelements()) destset.addelement(enum.nextelement()); return destset; public void addelement(object o) { if (!contains(o)) // si aggiunge solo se non è già presente vector.addelement(o); Definizione delle variabili di istanza Un set contiene un numero arbitrario di elementi, per cui è richiesta una collezione Per la collezione scegliamo la classe Vector (è l unica che conosciamo) Class Set { // Metodi private Vector vector; Implementazione dei metodi (3) Per l unione il Set restituito si costruisce copiando prima gli elementi del Set argomento e poi aggiungendo gli elementi del Set ricevente public Set union(set s) { Set unionset = s.copy(); while (enum.hasmoreelements()) unionset.addelement(enum.nextelement()); return unionset;

6 Implementazione dei metodi (4) Per l intersezione il Set restituito si costruisce aggiungendo gli elementi del Set ricevente che sono anche contenuti nel Set argomento public Set intersection(set s) { Set interset = new Set(); Enumeration enum = this.vector.elements(); while (enum.hasmoreelements()) { Object elem = enum.nextelement(); if (s.contains(elem)) interset.addelement(elem); return interset; 31 Il metodo tostring funziona bene se l oggetto è di una classe predefinita, come ad esempio Integer Il numero 275 contenuto in un oggetto di classe Integer viene trasformato nella stringa 275 : Integer i = new Integer(275); System.out.print(i.toString()); Il metodo tostring della classe Object (1) Per una classe definita dall utente invece, poiché il metodo tostring non sa nulla sulla classe effettiva, viene prodotta una stringa con poche informazioni. 34 Implementazione dei metodi (5) public boolean contains(object o) { while (enum.hasmoreelements()) { Object elem = enum.nextelement(); if (elem.equals(o)) return true; return false; Il metodo equals della classe Object non funziona in modo soddisfacente (vedremo dopo una soluzione al problema) 32 Il metodo tostring della classe Object (2) Ad esempio per la classe class Test { public Test () { // la classe non ha né comportamento, né stato Applichiamo tostring ad un oggetto Test Test t = new Test(); System.out.print(t.toString()); Viene invocato il metodo tostring della classe Object Il risultato in uscita è una stringa della forma 35 Implementazione dei metodi (6) public void print(printstream ps) { while (enum.hasmoreelements()) { ps.print(enum.nextelement().tostring()); ps.print(" "); Il metodo tostring produce una stringa a partire da un oggetto, consentendo quindi la stampa dell oggetto (come vedremo anche questo metodo non è proprio soddisfacente) 33 Il metodo tostring della classe Object (3) Se vogliamo un comportamento diverso dobbiamo personalizzare il metodo tostring scrivendone uno che ha lo stesso prototipo di quello della classe Object public String tostring() { Questo approccio è noto con il termine overriding Sovrascriviamo il metodo pre-esistente con uno nuovo 36

7 37 Esempi di metodi tostring Un metodo tostring per la classe Test class Test { public Test () { public String tostring() { return I am a Test object ; Un metodo tostring per la classe Name class Name { public String tostring() { String result = this.title + + this.firstname + + this.lastname; return result; Un metodo tostring per la classe Set public String tostring() { String result = { ; Enumeration e = elements(); while(e.hasmoreelements()) { // struttura ciclo enumerare result += e.nextelement().tostring(); result += ; result += ; return result; In alternativa si può usare il metodo tostring della classe Vector public String tostring() { return vector.tostring(); // vector è la variabile di istanza 38

Processare più oggetti (1) Lavorare con più oggetti. Cicli. Processare più oggetti (2) L istruzione while. Il calcolo degli stipendi

Processare più oggetti (1) Lavorare con più oggetti. Cicli. Processare più oggetti (2) L istruzione while. Il calcolo degli stipendi 2 Processare più oggetti (1) Lavorare con più oggetti Iterazioni. Ciclo while Collezioni ed enumerazioni. La classe Vector Supponiamo di voler leggere e calcolare lo stipendio di più di un impiegato Al

Dettagli

Gestione di Basi di Dati mediante l approccio File Processing

Gestione di Basi di Dati mediante l approccio File Processing Gestione di Basi di Dati mediante l approccio File Processing Prof. Giuseppe Polese Corso di Basi di Dati Anno Accademico 2005/06 File e classi predefinite 2 File su disco: un insieme di dati sul disco

Dettagli

Lavorare con più oggetti

Lavorare con più oggetti Lavorare con più oggetti Lavorare con piu oggetti Iterazioni. Ciclo while 2 Processare più oggetti (1) Supponiamo di voler leggere e calcolare lo stipendio di più di un impiegato Al momento sappiamo come

Dettagli

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 18 - Vettori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

se invoco un metodo di Object che è ridefinito in Point, viene invocato il metodo definito in Point

se invoco un metodo di Object che è ridefinito in Point, viene invocato il metodo definito in Point Gli HashSet Tipo predefinito che rappresenta insiemi di Object Cosa succede se... Posso mettere un riferimento a un Point in una variabile Object Object o=new Point(12,3); è quasi tutto come se l oggetto

Dettagli

STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY LISTE

STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY LISTE STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY le strutture dati progettate per ospitare una collezione di elementi, sono variazioni di array Ma l'array ha dimensione fissa anche in Java determinata a priori, in linguaggi

Dettagli

TIPI PRIMITIVI E CLASSI WRAPPER

TIPI PRIMITIVI E CLASSI WRAPPER I tipi primitivi come oggetti Package java.lang In varie situazioni, può essere comodo poter trattare i tipi primitivi come oggetti per passarli per riferimento a una funzione quando una funzione pretende

Dettagli

Alberi. Strutture dati: Alberi. Alberi: Alcuni concetti. Alberi: definizione ricorsiva. Alberi: Una prima realizzazione. Alberi: prima Realizzazione

Alberi. Strutture dati: Alberi. Alberi: Alcuni concetti. Alberi: definizione ricorsiva. Alberi: Una prima realizzazione. Alberi: prima Realizzazione Alberi Strutture dati: Alberi Strutture gerarchiche di dati Esempi Il file system di un sistema operativo L organigramma di un azienda Alberi generali, alberi n-ari, alberi binari, Ogni nodo ha un unico

Dettagli

Uguaglianza e copia di oggetti

Uguaglianza e copia di oggetti Uguaglianza e copia di oggetti Sommario 1. Classi Object e Class 2. Uguaglianza superficiale e uguaglianza profonda 3. Copia superficiale e copia profonda 4. Uguaglianza e copia in classi derivate 1 La

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Fondamenti di Informatica L-B 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList! Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Classi e array. Viene ora affrontato un problema di definizione di una classe in cui una variabile d istanza è di tipo array

Classi e array. Viene ora affrontato un problema di definizione di una classe in cui una variabile d istanza è di tipo array Classi e array Viene ora affrontato un problema di definizione di una classe in cui una variabile d istanza è di tipo array Si vuole definire una classe Polinomio per la rappresentazione di polinomi a

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

3. un metodo che restituisce l elenco delle matricole di tutti gli studenti del corso;

3. un metodo che restituisce l elenco delle matricole di tutti gli studenti del corso; Un esempio di definizione di classe con array di oggetti Sia data la classe StudUniv per gli studenti universitari (definita in una lezione precedente). Scrivere una nuova classe Corso, dove ciascun corso

Dettagli

Fondamenti di Informatica I

Fondamenti di Informatica I Sapienza Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di Fondamenti di Informatica I Canale 1 (A-K) Anno Accademico 2009-2010 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Docente: Camil Demetrescu Esercitatore:

Dettagli

STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe

STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe String Una stringa Java rappresenta uno specifico valore e come

Dettagli

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio)

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio) Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro A.A. 2005/06 Tutor: Loris Cancellieri loris.cancellieri@studio.unibo.it Riferimenti ad oggetti: Cosa si può fare con i riferimenti?

Dettagli

Iterazioni. L istruzione while. while (condition) istruzione

Iterazioni. L istruzione while. while (condition) istruzione Iterazioni L istruzione while while (condition) istruzione Ripete l esecuzione di istruzione fino a che la condizione resta vera while (balance < targetbalance) year++; double interest = balance * rate

Dettagli

SOLUZIONE. Requisiti. Requisiti (cont.) Requisiti (cont.) Sapienza - Università di Roma Facoltà di Ingegneria

SOLUZIONE. Requisiti. Requisiti (cont.) Requisiti (cont.) Sapienza - Università di Roma Facoltà di Ingegneria Sapienza - Università di Roma Facoltà di Ingegneria Requisiti Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE I (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica) Prof. Giuseppe De Giacomo Canali A-L & M-Z A.A. 2006-07 Compito

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Astrazioni sui dati : Specifica di Tipi di Dato Astratti in Java

Astrazioni sui dati : Specifica di Tipi di Dato Astratti in Java Astrazioni sui dati : Specifica di Tipi di Dato Astratti in Java 1 Specifica ed Implementazione di Tipi di Dato Astratti in Java cos è un tipo di dato astratto specifica di tipi di dati astratti un tipo

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Ereditarietà (ultima)

Ereditarietà (ultima) Ereditarietà (ultima) Classi astratte Un ibrido tra classi e interfacce Hanno alcuni metodi implementati normalmente, altri astratti Un metodo astratto non ha implementazione abstract class AccountTransaction...

Dettagli

Strutture dati. Il che cosa e il come. F. Damiani - Alg. & Lab. 04/05

Strutture dati. Il che cosa e il come. F. Damiani - Alg. & Lab. 04/05 Strutture dati Il che cosa e il come Il che cosa ed il come Struttura dati: descrive come sono organizzati i dati e come sono realizzate le operazioni su di essi (cioe come si accede ai dati) Specifica

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni

Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni Esercizio 1 Dire quale è la complessità temporale del seguente metodo, espressa con notazione asintotica O(.) (con la migliore

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo Università di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Prof. Giuseppe De Giacomo & Monica Scannapieco Anno Accademico 2003/04 LA FASE DI PROGETTO E

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

Uso di metodi statici. Walter Didimo

Uso di metodi statici. Walter Didimo Uso di metodi statici Walter Didimo Metodi di istanza Fino ad ora abbiamo imparato a creare oggetti e ad invocare metodi su tali oggetti i metodi venivano eseguiti dagli oggetti un metodo invocato su un

Dettagli

A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas

A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas Classi e oggetti A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas Oggetti La programmazione orientata agli oggetti, OOP (Object-Oriented Programming),

Dettagli

Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un

Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un giocatore, ogni giocatore una scheda Ci vengono già fornite le classi necessarie

Dettagli

Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM

Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM ERRATA CORRIGE dei programmi della prima stampa (Aprile 2004) aggiornato al 20/05/2017 Nota: il codice corretto è ottenibile da quella errato

Dettagli

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap > Struttura di una classe > Costruttore > Riferimento

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Esempio 2: Subtyping

Esempio 2: Subtyping Esempio 2: Subtyping 22 Subclassing e subtyping Fino ad ora abbiamo trattato l ereditarietà come strumento che consente il riuso flessibile di classi già esistenti mediante l aggiunta o la ridefinizione

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa E04 Esercizi sui problemi di ordinamento C. Limongelli Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ Algoritmi di Ordinamento

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Prova Intermedia Marzo 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ Prova Intermedia 1 Modalità della Prova Intermedia La Prova Intermedia

Dettagli

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 9 - Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Il TDA Dictionary. Definizione informale. I metodi del TDA Dictionary 1. Applicazioni. I metodi del TDA Dictionary 2. I metodi del TDA Dictionary 3

Il TDA Dictionary. Definizione informale. I metodi del TDA Dictionary 1. Applicazioni. I metodi del TDA Dictionary 2. I metodi del TDA Dictionary 3 Il TDA Dictionary Definizione informale Il TDA Dictionary (dizionario) modella una collezione di voci su cui è possibile effettuare delle ricerche Una voce è una coppia (chiave, elemento) Le principali

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Prova d Esame del 02/02/2010

Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Prova d Esame del 02/02/2010 Esercizio 1. Si deve modellare con una classe Java il contenuto di un portamonete, con delle opportune semplificazioni. Le monete da considerare sono di soli 4 tagli: 10, 20, 50 e 100 centesimi (cioè 1

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java

Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java Fondamenti di Informatica Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Variabili di classe: Static Una variabile di classe

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica Corso

Dettagli

Esercitazione n 2. Obiettivi

Esercitazione n 2. Obiettivi Esercitazione n 2 Obiettivi Progettazione di una applicazione Java Utilizzo di classi come schemi Utilizzo di costruttori Utilizzo di stringhe Uguaglianza tra oggetti Utilizzo di classi come componenti

Dettagli

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false;

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false; Metodi iterativi con array monodimensionali 1. Scrivere un metodo che, dato un array di interi a, restituisce il valore minimo in a. public static int minimo (int[] a) { int min = a[0]; for (int i=1; i

Dettagli

La classe java.lang.object

La classe java.lang.object La classe java.lang.object In Java: Gerarchia di ereditarietà semplice Ogni classe ha una sola super-classe Se non viene definita esplicitamente una super-classe, il compilatore usa la classe predefinita

Dettagli

SOLUZIONE. Requisiti. Requisiti (cont.) Requisiti (cont.)

SOLUZIONE. Requisiti. Requisiti (cont.) Requisiti (cont.) SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Informazione Requisiti Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE Prof. Domenico Lembo A.A. 2008-09

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

Introduzione Generics Iteratori. Collezioni in Java. Dr. Giulio Pellitta. 13 aprile 2011

Introduzione Generics Iteratori. Collezioni in Java. Dr. Giulio Pellitta. 13 aprile 2011 13 aprile 2011 Cos è una collezione? Gerarchia delle collezioni Introduzione Una collezione è semplicemente un oggetto che raggruppa più oggetti (detti elementi della collezione) in una singola unità.

Dettagli

ESERCIZIO 1 (FILE DI TESTO)

ESERCIZIO 1 (FILE DI TESTO) ESERCIZIO 1 (FILE DI TESTO) Scrivere su un file di testo righe inserite da console, fino a quando non viene inserita la linea vuota. Passare il nome del file come parametro al programma. Bisogna incapsulare

Dettagli

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione Java mette a disposizione degli sviluppatori diverse classi per lavorare con i file di testo, analizziamo le principali: java.io.file

Dettagli

Input. Il tipo char Alcune modalità di acquisizione di input. Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei

Input. Il tipo char Alcune modalità di acquisizione di input. Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei Input Il tipo char Alcune modalità di acquisizione di input 1 Lettura di dati in input Vediamo due modi per acquisire dei dati di input dall utente: 1. Tramite una finestra grafica di dialogo 2. Tramite

Dettagli

Programmazione II Compitino (Vers. B)

Programmazione II Compitino (Vers. B) Programmazione II Compitino (Vers. B) 15 gennaio 2015 Cognome Jackson Nome Michael Matricola 696969 Anno di corso 1 Nei seguenti quesiti, quando vi è richiesto di scrivere un programma, potete limitarvi

Dettagli

Eccezioni Precisazioni e approfondimenti

Eccezioni Precisazioni e approfondimenti Eccezioni Precisazioni e approfondimenti Costruttore: il parametro String definisce il messaggio di errore associato all eccezione Metodi particolarmente significativi getmessage(): ritorna l istanza di

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie 16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie 16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo

Dettagli

Alberi Binario in Java

Alberi Binario in Java Alberi Binario in Java Realizzare un albero binario di ricerca. L albero binario è di ricerca se esiste una relazione di ordinamento tra i valori dei nodi (valori comparabili). In particolare, dato un

Dettagli

Programmazione II Compitino (Vers. B)

Programmazione II Compitino (Vers. B) Programmazione II Compitino (Vers. B) 17 dicembre 2015 Cognome Jackson Nome Michael Matricola 696969 Anno di corso 1 Nei seguenti quesiti, quando vi è richiesto di scrivere un programma, potete limitarvi

Dettagli

Il linguaggio Java. La superclasse universale Object

Il linguaggio Java. La superclasse universale Object Il linguaggio Java La superclasse universale Object La classe Object La classe Object è la superclasse, diretta o indiretta, di ogni classe La classe Object definisce lo stato ed il comportamento base

Dettagli

Argomenti della lezione. Tipo di dato astratto. Array. Tipo di dato Lista. Liste Implementazione di liste in Java Stack Code

Argomenti della lezione. Tipo di dato astratto. Array. Tipo di dato Lista. Liste Implementazione di liste in Java Stack Code Argomenti della lezione! Tipi di dato astratti! Strutture dati elementari Liste Implementazione di liste in Java Stack Code! Esempi di applicazione Tipo di dato astratto! Tipo di dato astratto o ADT (Abstract

Dettagli

La classe Object. L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1

La classe Object. L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1 La classe Object L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1 JAVA è dotata di una classe speciale, una classe cosmica, denominata Object Qualsiasi altra classe deriva da Object Object Una variabile di tipo

Dettagli

Lezione 6 programmazione in Java

Lezione 6 programmazione in Java Lezione 6 programmazione in Java Nicola Drago drago@sci.univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Le costanti I vettori Cos è un vettore Come si usa I vari tipi di vettori Esempi

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

Java: Definire Classi e Creare Oggetti

Java: Definire Classi e Creare Oggetti Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 21 marzo 2014 Introduzione Programmare con gli Oggetti Un programma Java è costituito

Dettagli

Ricerca e ordinamento su array di oggetti. Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5

Ricerca e ordinamento su array di oggetti. Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5 Ricerca e ordinamento su array di oggetti Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5 Sommario Ricercare in array di oggetti Interfaccia comparable Ordinare array di oggetti Problema Come ordinare, ricercare

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA2 2.1- Funzioni 1 Prerequisiti Programmazione elementare in Java Tecnica top-down Concetto matematico di funzione Compilazione e link di programmi Esecuzione di funzioni

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Metodi. Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere:

Metodi. Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere: Metodi Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere: invocazione: esecuzione di un metodo assegnamento: cambia lo stato di un campo ripetizione:

Dettagli

Definizione di classi. Walter Didimo

Definizione di classi. Walter Didimo Definizione di classi Walter Didimo Definizione di classi Fino ad ora abbiamo imparato a: creare oggetti da classi già pronte usare gli oggetti creati, invocando metodi la creazione e l uso di oggetti

Dettagli

IL CONCETTO DI CLASSE

IL CONCETTO DI CLASSE IL CONCETTO DI CLASSE Una CLASSE riunisce le proprietà di: componente software: può essere dotata di suoi propri dati / operazioni moduli: riunisce dati e relative operazioni, fornendo idonei meccanismi

Dettagli

TIPI PRIMITIVI: LIMITI

TIPI PRIMITIVI: LIMITI TIPI PRIMITIVI: LIMITI I tipi primitivi sono i "mattoni elementari" del linguaggio In varie situazioni può però essere necessario trattare i tipi primitivi come oggetti quando una funzione pretende come

Dettagli

Albero Binario GT 7.3. interfacce di Positio<E>, Tree<E>, e BinaryTree<E>; il file TestLinkedBinaryTree.java

Albero Binario GT 7.3. interfacce di Positio<E>, Tree<E>, e BinaryTree<E>; il file TestLinkedBinaryTree.java Laboratorio Java Albero Binario GT 7.3 Esercitazione Sono dati : interfacce di Positio, Tree, e BinaryTree; il file TestLinkedBinaryTree.java e i file.class che implementano le interfacce www.dei.unipd.it/corsi/fi2ae

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà

Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà L ereditarietà è il meccanismo attraverso cui viene implementata la relazione di specializzazione (is-a). L ereditarietà è il meccanismo attraverso cui una classe (derivata) eredita da un altra classe

Dettagli

Uso di classi e oggetti. Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Uso di classi e oggetti. Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Uso di classi e oggetti Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Tipi di dati Tipi primitivi: interi Java fornisce otto tipi primitivi indipendenti dall implementazione

Dettagli

Richiami di Fondamenti di Informatica - 1

Richiami di Fondamenti di Informatica - 1 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 2 Richiami di Fondamenti di Informatica - 1 A. Miola Febbraio 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Richiami di FdI-1

Dettagli

Introduzione Programmazione Java

Introduzione Programmazione Java Introduzione Programmazione Java Paolo Tomeo paolo.tomeo@poliba.it Regole basilari Java è case sensitive quindi prestare attenzione alle maiuscole Il commento si inserisce con // all'inizio della linea

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi.. 2010/2011 Sommario Conversione di tipo:casting Tipo enumerativo lgebra Booleana Esercizi Conversione di tipo:casting Il casting o conversione di tipo avviene

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzioni di controllo Iterative Condizionali Algoritmi e Diagrammi di flusso Esercizi 28/03/2011 2 Istruzioni iterative while do

Dettagli

Classe Vettore (i) Creare una classe che consenta di gestire un vettore di N elementi reali (double), che preveda i seguenti metodi:

Classe Vettore (i) Creare una classe che consenta di gestire un vettore di N elementi reali (double), che preveda i seguenti metodi: Classe Vettore (i) Creare una classe che consenta di gestire un vettore di N elementi reali (double), che preveda i seguenti metodi: Vettore(int n): crea un oggetto Vettore contente n elementi, inizializzati

Dettagli

La definizione di un metodo. Definizione di classi. La definizione di una classe. La definizione di un costruttore. Utilizzare la classe Laugher1

La definizione di un metodo. Definizione di classi. La definizione di una classe. La definizione di un costruttore. Utilizzare la classe Laugher1 2 Definizione di classi Struttura della definizione di una classe. Definizione di metodi e costruttori. Dichiarazione, visibilità ed uso dei parametri. Variabili locali e variabili di istanza. Istruzione

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Oggetti e Classi Metodi Parametri Variabili di istanza Costruttori Esercizi Paradigma Object-Oriented Il paradigma OO

Dettagli

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Esercizio Definire il tipo di dato Stack con operazioni Push( element ) Pop() Non forzare una specifica implementazione Non forzare un tipo specifico

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a luglio 2011

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a luglio 2011 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 8 luglio 2011 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

Capitolo 9. Tipi enumerativi, tipi generici e interfacce. c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 9-1 / 73

Capitolo 9. Tipi enumerativi, tipi generici e interfacce. c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 9-1 / 73 Capitolo 9 Tipi enumerativi, tipi generici e interfacce c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 9-1 / 73 Sommario: Tipi enumerativi, tipi generici e interfacce 1 Definizione di tipi enumerativi La classe

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario La classe String Lettura da input di dati numerici (tipo int) Stampa di dati numerici Uno sguardo al codice Esercizi 21/03/2011 2

Dettagli

Il linguaggio Java: aggiunte in Java 1.5

Il linguaggio Java: aggiunte in Java 1.5 .. Il linguaggio Java: aggiunte in Java 1.5 Una breve presentazione GENERICI Java 1.5 introduce i generici: classi che hanno un parametro di tipo. Nelle versioni precedenti a Java 1.5 si può definire:

Dettagli

I numeri razionali. Specifica: la sintassi. Specifica: la semantica

I numeri razionali. Specifica: la sintassi. Specifica: la semantica Tipi di dato e strutture dati Specifica e realizzazione di strutture informative come classi Che cos è un tipo di dato? Tutti i linguaggi di programmazione tipati forniscono tipi ed operatori predefiniti

Dettagli

Progettazione del Software

Progettazione del Software Progettazione del Software Simulazione di esame Domenico Fabio Savo Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Anno Accademico 2015/2016

Dettagli

Programmazione 1 A.A. 2015/2016

Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Cognome e Nome Matricola Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Appello del 16 Dicembre 2015 Compito n 1 Prima parte Esercizio 1 (10 punti) Cosa stampa il seguente frammento di codice Java? int[] A = {3, 8, 91,

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 5 Java: Interfaccia Comparable, Array

Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 5 Java: Interfaccia Comparable, Array Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 5 Java: Interfaccia Comparable, Array A.A. 2007/08 Tutor: Barbara Pettazzoni barbara.pettazzoni@studio.unibo.it Interfaccia Comparable L altra volta abbiamo

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2016/ Giugno 2017

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2016/ Giugno 2017 Cognome Matricola Nome Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2016/2017 12 Giugno 2017 Testo Il database del sistema di gestione delle prenotazioni dei voli

Dettagli