La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L."

Transcript

1 Contributi - Fondo volo - Carattere sostitutivo dell'assicurazione generale obbligatoria INPS - Diritto alla iscrizione per i piloti dipendenti di enti locali - Insussistenza. Corte di Appello di Trento - 9/ , n. 9 - Pres. Cordella - Rel. Santaniello - INPS (Avv.ti Montanari, Maritato) - Caselli, Abbagnale (Avv. Romano). I piloti dipendenti di enti locali non hanno diritto all'iscrizione al Fondo speciale volo gestito dall'inps. FATTO. - Con distinti ricorsi depositati il 3/12/1999 Caselli Pierpaolo ed Abbagnale Marco avevano chiesto il riconoscimento del diritto ad essere iscritti al Fondo speciale volo, disconosciuto dall'inps, e quindi dell'obbligo della Provincia Autonoma di Trento, di cui erano dipendenti con le mansioni di pilota di elicottero, a versare i relativi contributi al predetto Fondo. A sostegno della domanda avanzata, avevano precisato che la Provincia era del tutto assimilabile, in ragione del lavoro aereo svolto in virtù della licenza rilasciatele dal Ministero per i Trasporti, alle aziende esercenti servizi aerei non di linea ai sensi dell'art. 788 e seguenti del codice della navigazione; avevano aggiunto inoltre che la clausola n. 6 del disciplinare tra il Ministero dei Trasporti e la P.A.T. prevedeva espressamente l'obbligo per quest'ultima di provvedere alla contribuzione per i dipendenti adibiti alla navigazione aerea. Si era costituito in giudizio il solo INPS per chiedere il rigetto delle domande avversarie, sostenendo che ai sensi degli artt. 38 e 39 R.D.L. 4/10/1935 n il regime previdenziale per i dipendenti degli enti locali era applicabile in via esclusiva rispetto a quello generale ed a quelli speciali, come il Fondo per il personale di volo dipendente da aziende di navigazione aerea; aveva aggiunto che tale interpretazione trovava ulteriore conferma nel disposto dell'art. 4 L. 8/4/1991 n. 274, che aveva esteso il regime esclusivo, del predetto Fondo anche ai dipendenti adibiti a servizi di carattere eccezionale o straordinario; aveva infine rilevato che la P.A.T. non poteva in alcun modo essere qualificata o equiparata ad un'azienda di navigazione esercente servizi aerei non di linea. Il Tribunale aveva accolto le domande attoree, condannando la P.A.T. al versamento dei contributi e l'inps ad operarne l'accredito, in favore dei ricorrenti, previa iscrizione degli stessi al Fondo speciale volo. 1

2 La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L. 31/10/1988 n. 480, è quella di predisporre una particolare forma di tutela previdenziale, nei confronti di lavoratori esposti a maggiori rischi per la peculiarità dell'attività svolta; b) conseguentemente era del tutto irrilevante il fatto che il datore di lavoro fosse un'azienda con fini di lucro o un ente Pubblico territoriale: c) la P A T peraltro in virtù della licenza rilasciata dal Ministero dei Trasporti, esercitava servizi aerei non di linea nei limiti di cui agli artt. 789, 790 e 791 del codice della navigazione e del relativo regolamento di attuazione; d) ricorrevano giusti motivi, stante l'opinabilità della questione non ancora passata al vaglio della Cassazione, per compensare integralmente le spese di lite. Avverso detta sentenza proponeva appello l'inps con ricorso depositato in termini, al fine di conseguire la riforma della decisione della pretesa azionata dalle controparti. Ribadiva che i ricorrenti, in qualità di dipendenti provinciali erano assoggettati al regime previdenziale INPDAP ed esclusi dall'assicurazione generale obbligatoria (art. 38 RDL 1827/35) e che il regime del Fondo speciale volo (art. 12 L. 859/65) aveva carattere sostitutivo dell'assicurazione generale obbligatoria, per cui nessun rapporto di specialità poteva sussistere tra il regime previsto per i dipendenti di enti pubblici ed i regimi speciali rispetto a quello generale gestito dall'inps. Ribadiva inoltre che la propria tesi trovava conforto nel disposto dell'art. 4 della L. 274/91, che, per i dipendenti degli enti locali, aveva espressamente esteso l'iscrizione alla Cassa pensione degli istituti di previdenza anche ai dipendenti a qualsiasi titolo assunti anche se adibiti a servizi di carattere eccezionale e straordinario: era pertanto chiaro l'intento del legislatore di evitare commistioni tra il regime previdenziale INPDAP (ex CDPEL) e quello generale ordinario. Ribadiva infine che il riferimento normativo alle aziende di navigazione aerea o esercenti servizi aerei non di linea non consentiva alcuna interpretazione analogica, al fine di ricomprendere in esse anche l'ente provinciale, a nulla rilevando il rilascio della licenza da parte del competente Ministero, avente tutt'altra finalità. Si costituivano nella presente fase soltanto i due lavoratori insistendo per il rigetto dell'impugnazione e la conferma della sentenza di primo grado. Rilevavano che: 1) il richiamo dell'appellante all'art. 4 della L. 274/91 era del tutto fuorviante, 2

3 trattandosi di disposizione normativa tesa ad eliminare le differenze di trattamento tra personale di ruolo e non di ruolo degli enti locali; 2) ai fini dell'iscrizione al Fondo speciale volo la P.A.T. poteva essere equiparata ad un'azienda esercente servizi aerei non di linea, presentando tutti i requisiti previsti dalla normativa speciale e dal codice della navigazione. All'odierna udienza in esito alla discussione con la precisazione delle conclusioni trascritte in epigrafe, la Corte emanava il dispositivo di sentenza in atti di cui dava pubblica lettura. DIRITTO. - Questa Corte ritiene che l'appello proposto sia fondato e meritevole di integrale accoglimento non potendosi condividere, alla luce di un complessivo esame delle norme richiamate dalle parti e comunque operanti nel caso specifico, la tesi sostenuta dai ricorrenti appellati e fatta propria dal giudice di primo grado. Va innanzi tutto considerato che costituisce dato pacifico il fatto che i dipendenti degli enti locali e quindi della P.A.T. godono del trattamento previdenziale INPDAP (ex CPDEL) essendo espressamente escluso per essi l'operatività dell'assicurazione obbligatoria generale (art. 38 RDL 1827/35): risulta pertanto pertinente il richiamo operato dall'istituto appellante all'art. 4 secondo comma, della L. 274/91, nei limiti in cui è diretto a corroborare la convinzione che il legislatore abbia inteso estendere la divisione tra regime previdenziale ordinario e regime INPDAP anche con riferimento al personale assunto dagli enti locali per esigenze di carattere eccezionale o straordinario. È altrettanto pacifico che il Fondo speciale volo istituito con la L. 859/65, costituisce, per espresso dettato normativo una gestione autonoma in seno all'inps (art. 1) ed è sostitutiva della stessa (art. 12). Va inoltre aggiunto che l'obbligo di iscrizione al Fondo speciale volo è sancito ai sensi del primo comma dell'art. 4 della L. 859/65, come sostituito dall'art. 1 della L. 480/88, per i soggetti appartenenti alle categorie del personale di volo previste dall'art. 732 del codice della navigazione, (dipendenti di aziende di navigazione aerea o di costruzioni aeronautiche) ed al secondo comma per i soggetti, aventi medesimi requisiti soggettivi, dipendenti da aziende esercenti i servizi aerei non di linea ai sensi degli artt. 788 e seguenti del codice della navigazione. Il richiamato art. 788, come sostituito dall'art. 2 della L. 862/80 (Disciplina dei servizi aerei non di linea ed interpretazioni del codice della navigazione), prevede che "I servizi di trasporto aereo non di linea, di lavoro aereo e le scuole di pilotaggio non 3

4 possono essere esercitati senza la preventiva licenza del Ministro dei Trasporti, rilasciata alle condizioni e nei limiti stabiliti dagli artt. 789, 790, 791 e dal regolamento di attuazione del presente capo, emanato con decreto del Ministro dei Trasporti...". Il Ministro competente ha provveduto quindi ad emanare il Decreto 18/6/1981, successivamente modificato con Decreto 30/7/1984, in cui enunciate all'art. 1 le attività soggette a licenza (servizi di trasporto aereo non di linea, lavoro aereo scuole di pilotaggio), risultano specificati gli ambiti operativi di ciascuna di esse: in particolare, l'art. 2 sancisce che "Il servizio di trasporto aereo non di linea comprende tutte le attività di trasporto di passeggeri e merce in campo nazionale ed internazionale effettuate contro remunerazione, diversi dai servizi di linea disciplinati dagli artt. 776/787 del codice della navigazione". Tutto ciò premesso e passando ad esaminare il caso concreto, si osserva che dai documenti prodotti emerge, da un lato, che la licenza rilasciata in favore della Provincia autonoma di Trento non riguarda servizi di trasporto aereo non di linea, ma servizi di lavoro aereo svolto nell'ambito dei compiti istituzionali dell'ente, dall'altro che sia il Caselli che l'abbagnale svolgono mansioni di pilota di elicottero presso il Servizio antincendi e protezione civile della Provincia. Si osserva inoltre che dal disciplinare n. 1553, sottoscritto in data dal Ministro dei Trasporti e dalla P.A.T., non emerge affatto un obbligo indefettibile di iscrizione del personale provinciale impegnato nel servizio di lavoro aereo al Fondo speciale volo, dato che all'art. 6 è semplicemente sancito l'obbligo dell'ente destinatario della licenza di "osservanza della legislazione vigente in materia di versamenti contributivi dovuti all'assicurazione generale obbligatoria per il personale dipendente ed al versamento della contribuzione dovuta al fondo di previdenza per il personale di volo per i dipendenti iscrivibili a detto fondo": risulta evidente dal tenore letterale dell'artico che si tratta di una clausola di stile diretta a conseguire l'assunzione di responsabilità del soggetto destinatario della licenza per il rispetto del della normativa previdenziale, senza che la stessa sia idonea ad introdurre eccezioni convenzionali alle inderogabili previsioni di legge vigenti in detta materia, in quanto è discutibile che per i dipendenti provinciali vige il regime INPDAP e non l'ago e che la contribuzione al Fondo speciale volo non può essere prevista ed imposta solo per quei dipendenti per i quali è consentita l'iscrizione allo stesso. Pertanto, facendo riferimento ai dati normativi in precedenza richiamati, si ritiene che entrambe le contestazioni mosse dall'istituto appellante siano pertinenti. 4

5 Infatti, assume innanzitutto rilievo il fatto che l'istituzione del Fondo speciale volo è avvenuta nell'ambito dell'assicurazione generale obbligatoria, di cui costituisce uno specifico settore, senza che, ai fini della ritenuta deroga al regime INPDAP, possa assumere rilievo quella "ratio legis" (tutela del rischio volo), desunta dalla massima della Cassazione n. 4960/84, peraltro confermata dalla sentenza n /99, dal momento che tali decisioni della Suprema Corte attengono a situazioni di fatto per le quali la questione dell'iscrizione al Fondo speciale volo riguardava comunque lavoratori assoggettati all'assicurazione generale obbligatoria e rientranti nella categoria del personale di volo di cui all'art. 732 del codice della navigazione (ipotesi contemplata dal primo comma dell'art. 4 L. 859/65, come modificata dall'art. 1 L. 480/88, e non dal secondo comma invocato per il caso in esame). D'altra parte, assume rilievo anche il fatto che il lavoro aereo svolto dai ricorrenti appellati, per il quale la P.A.T. ha ottenuto la prescritta licenza dal competente Ministero, non coincide con i servizi aerei non di linea, cui fa esclusivo riferimento il secondo comma dell'art. 4 L. 859/65 come sostituito dall'art. 1 L. 480/88, e che risultano chiaramente delineati nel regolamento di attuazione della L. 862/80 (DM 18/6/1981): tali servizi presuppongono un'attività di trasporto di persone e cose svolta in favore di terzi a fronte di un corrispettivo. Ne consegue che ogni disquisizione in ordine al significato da attribuire alle parole "aziende esercenti servizi aerei non di linea", contenute nel secondo comma del citato art. 4 L. 859/65, risulta superflua e fuorviante, in quanto le stesse non possono che riferirsi in senso tecnicamente corretto che ad aziende aventi carattere imprenditoriale. Va poi aggiunto che il fatto che destinatari delle licenze ministeriali possano essere anche enti locali (art. 1 DM 18/6/1981 con riferimento all'art. 751 del codice della navigazione) non può automaticamente significare che per il personale impiegato nelle attività oggetto della licenza si possa e si debba assicurare il versamento dei contributi al Fondo speciale volo, atteso che, come evidenziato in precedenza, non vi è coincidenza assoluta tra tale personale e quello per il quale è prevista l'iscrizione a detto Fondo. Per mera completezza ed a prescindere da specifici rilievi delle parti, si ritiene che la conclusione cui è pervenuta questa Corte non crei alcuna disparità di trattamento suscettibile di rilevanza in sede di legittimità costituzionale, ritenuto che rientri nella scelta del legislatore prevedere differenti regimi previdenziali per categorie diverse di lavoratori e che il regime INPDAP soddisfi sicuramente le esigenze tutelate dall'art. 38 5

6 della Costituzione. (Omissis) 6

dall'inps; - di aver conseguentemente cessato di corrispondere all'inps il contributo previdenziale finalizzato all'erogazione dell'indennità

dall'inps; - di aver conseguentemente cessato di corrispondere all'inps il contributo previdenziale finalizzato all'erogazione dell'indennità Prestazioni - Indennità di malattia - Datore di lavoro obbligato, per contratto, all'erogazione dell'indennità - Permanenza della obbligazione contributiva. Tribunale di Genova - 11.5/7.8.2000, n. 2838/00

Dettagli

23.2.2004. 3569 - - - P.M. - - INPS

23.2.2004. 3569 - - - P.M. - - INPS Pensioni - Cumulabilità - Diritto alla pensione supplementare previsto dall'art. 5 legge 1338 del 1962 - Conseguibilità solo in capo ai pensionati da lavoro dipendente - Lavoratori autonomi - Utilizzabilità

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

Corte di Appello di Roma 04.11.2009, n. 830 Pres. Blasutto Rel. Selmi A.T. S.p.A. (Avv.ti Maresca, Grassi) INPS (Avv. Ingala).

Corte di Appello di Roma 04.11.2009, n. 830 Pres. Blasutto Rel. Selmi A.T. S.p.A. (Avv.ti Maresca, Grassi) INPS (Avv. Ingala). Contributi Aliquote contributi di maternità Settore trasporti Personale che ha mantenuto l iscrizione all Inpdap - Riduzione ex art. 78, comma 1, D.Lgs. n. 151/2000 Non spetta. Corte di Appello di Roma

Dettagli

- 10.12.2008 28997 - - - P. M. - INPS.

- 10.12.2008 28997 - - - P. M. - INPS. Previdenza (Assicurazioni Sociali) - Contributi Assicurativi Soggetti Obbligati - In Genere - Società cooperative - Obbligo contributivo a carico della società - Soci lavoratori - Equiparazione ai lavoratori

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso

Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso specifico aziendale - Criteri di calcolo - Fondamento

Dettagli

A seguito di appello dell'inps, la Corte d'appello di Brescia, in riforma della sentenza impugnata, rigettava la domanda.

A seguito di appello dell'inps, la Corte d'appello di Brescia, in riforma della sentenza impugnata, rigettava la domanda. Pensioni - Pensioni in regime internazionale - Convenzione fra l'italia e la Svizzera del 1962 sulla sicurezza sociale - Accordo aggiuntivo del 1969 - Trasferimento all'istituto assicuratore italiano dei

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Tribunale di Milano Sezione controversie di lavoro Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

Tribunale di Milano - 8.11.2011 n. 5333 - D.ssa CUOMO - E.F. (Avv. Stucchi) INPS-SCCI S.p.a. (Avv. Guerra)

Tribunale di Milano - 8.11.2011 n. 5333 - D.ssa CUOMO - E.F. (Avv. Stucchi) INPS-SCCI S.p.a. (Avv. Guerra) Contributi - Socio s.r.l. - Obbligo doppia contribuzione - Procura generale institoria - Non eludibilità obblighi contributivi - Non esclusione della iscrizione nella gestione speciale commercianti. Tribunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

Tale disposizione aveva natura interpretativa ed era applicabile anche ai giudizi pendenti; peraltro, 1

Tale disposizione aveva natura interpretativa ed era applicabile anche ai giudizi pendenti; peraltro, 1 Contributi - Facoltà per i comandanti e i direttori di macchina della navigazione marittima di optare per l'iscrizione all'inpdai - Esercizio - Condizioni - Preventivo conseguimento di una posizione assicurativa

Dettagli

Richiesta trasformazione TFS in TFR per fondo pensione

Richiesta trasformazione TFS in TFR per fondo pensione Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 335 7262435-335 7262863 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it T.A.R. PER LA REGIONE LAZIO SEZIONE TERZA Sentenza

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA R. G. n. 2206/2011 REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE LAVORO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE il Giudice del lavoro dr. Leonardo Pucci, pronunciando nella

Dettagli

Mobilità lunga: sui requisiti per la concessione del beneficio

Mobilità lunga: sui requisiti per la concessione del beneficio Mobilità lunga: sui requisiti per la concessione del beneficio Ai fini della concessione del diritto alla c.d. mobilità lunga di cui alla L. n. 223 del 1991, art. 7, comma 7, il requisito dei 28 anni di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.2532/2007 Reg.Dec. N. 263 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Dies a quo della conversione di pensione di invalidità in quella di vecchiaia (Cass. n. 21737/2012) commento e testo

Dies a quo della conversione di pensione di invalidità in quella di vecchiaia (Cass. n. 21737/2012) commento e testo Dies a quo della conversione di pensione di invalidità in quella di vecchiaia (Cass. n. 21737/2012) commento e testo Staiano Rocchina Diritto.it Massima La conversione della pensione di invalidità in pensione

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione per le professioni legali equivale ad un anno di pratica presso uno studio legale - TAR LAZIO, Sezione III, Sentenza n. 3312 del 04/05/2005 Il praticante

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Tribunale di Foggia - 8.11/29.12.2000, n. 2559/00 - Dott. Rossi - Valentino ed altri (Avv.ti Capacchione, Carpagnano) - INPS (Avv. Di Lecce).

Tribunale di Foggia - 8.11/29.12.2000, n. 2559/00 - Dott. Rossi - Valentino ed altri (Avv.ti Capacchione, Carpagnano) - INPS (Avv. Di Lecce). Prestazioni - Assicurazioni contro la disoccupazione - Indennità di mobilità - Computo delle giornate indennizzabili - Rinvio alla disciplina sulla assicurazione generale obbligatoria contro la disoccupazione

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

- 05.05.2009 245 - - - A.L. - INPS - F.

- 05.05.2009 245 - - - A.L. - INPS - F. Contributi - Prescrizione - Azione di condanna del datore di lavoro alla costituzione della rendita vitalizia - Prescrizione - Termine di dieci anni decorrente dalla data di prescrizione del credito contributivo

Dettagli

In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI

In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI Sent.637/2013 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio in sede monocratica Il Giudice Unico delle pensioni dott. Marcovalerio POZZATO

Dettagli

Già con sentenza n. 2242 (1) del 3 marzo 1988 questa Corte ha affermato che "la norma dell'art. 2, terzo comma, del R.D. 28 agosto 1924, n.

Già con sentenza n. 2242 (1) del 3 marzo 1988 questa Corte ha affermato che la norma dell'art. 2, terzo comma, del R.D. 28 agosto 1924, n. Contributi - Soggetti obbligati - In genere - Società cooperative artigiane - Obbligo contributivo a carico della società per i soci lavoratori all'interno dell'impresa - Sussistenza - Attività individuale

Dettagli

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Cassazione civile, sezione lavoro, 2 luglio 2014, n. 15070. Presidente Lamorgese. Relatore Tria. Notificazioni e comunicazioni - Comunicazione

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

CORTE DI APPELLO. Sezioni Civili

CORTE DI APPELLO. Sezioni Civili CORTE DI APPELLO Sezioni Civili Pensioni - Convenzione italo-svizzera - Trasferimento contributi svizzeri - Calcolo pensionistico - Riferimento a retribuzioni effettive - Infondatezza. Pensioni - Convenzione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1).

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1). D.Lgs. 30-6-1994 n. 509 Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma 32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori di forme

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 11 dicembre 2013, n. 27651 Integrale Lavoro ed occupazione - licenziamento - individuale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno (09/01/2012) Cass. Sez. II Civ. - Sent. del 23/12/2011, n. 28679 Svolgimento

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

Risoluzione Agenzia Entrate n. 301 del 15.07.2008

Risoluzione Agenzia Entrate n. 301 del 15.07.2008 Risoluzione Agenzia Entrate n. 301 del 15.07.2008 Oggetto: Istanza di Interpello n. 954-787/2007 - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000- INPS - D.lgs. 21 aprile 1993, n. 124 - Previdenza complementare

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Il giudice adito accolse le domande dei ricorrenti che avevano maturato il requisito prima dell'8 agosto 1995.

Il giudice adito accolse le domande dei ricorrenti che avevano maturato il requisito prima dell'8 agosto 1995. Pensioni - Pensione di anzianità - Decorrenza della pensione di anzianità in base alla regola delle "finestre" - Momento di perfezionamento del diritto a pensione - Coincidenza con la maturazione della

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette 92 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette La disciplina fiscale delle Società di mutuo Soccorso deve essere esaminata alla luce della approvazione del D. Lgs. 4

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza Data 22/05/2013 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE LAVORO Numero 12583 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO ha pronunciato la seguente:

Dettagli

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail. Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.com TRIBUNALE DI MILANO Magistratura del Lavoro - Ricorso ex artt. 414-442

Dettagli

Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico

Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico GIURISPRUDENZA Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico Corte d Appello Milano, Sez. Lav., sentenza 6 maggio 2014, n. 1410* Il presupposto

Dettagli

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6.

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. ABROGAZIONI 1 1. SINTESI Con la re-istituzione dell imposta sulle successioni

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 301/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 301/E QUESITO RISOLUZIONE N. 301/E Roma, 15 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di Interpello n. 954-787/2007 - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 INPS D.lgs. 21 aprile 1993,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Corte dei Conti, Sez. Giurisdizionale Appello, Sentenza 21 settembre 2004 n. 311

Corte dei Conti, Sez. Giurisdizionale Appello, Sentenza 21 settembre 2004 n. 311 Corte dei Conti, Sez. Giurisdizionale Appello, Sentenza 21 settembre 2004 n. 311 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE SECONDA GIURISDIZIONALE CENTRALE DI APPELLO composta

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19150 Anno 2015 Presidente: COLETTI DE CESARE GABRIELLA Relatore: BALESTRIERI FEDERICO Data pubblicazione: 28/09/2015 SENTENZA sul ricorso 23633-2009 proposto da: - I.N.P.S. -

Dettagli

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR La Consulta dichiara non fondata la questione di illegittimità costituzionale in merito alla disparità di trattamento tra dipendenti pubblici e privati in TFR e tra assunti post e ante 2001. La recente

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI ROMA Sezione Lavoro. G.I. Dott.ssa Casari - R.G.217747/03 - Ud. 12/04/2005 NOTE. (Avv. Serafina Denise Amendola) - ricorrenti -

TRIBUNALE CIVILE DI ROMA Sezione Lavoro. G.I. Dott.ssa Casari - R.G.217747/03 - Ud. 12/04/2005 NOTE. (Avv. Serafina Denise Amendola) - ricorrenti - TRIBUNALE CIVILE DI ROMA Sezione Lavoro G.I. Dott.ssa Casari - R.G.217747/03 - Ud. 12/04/2005 NOTE PER: (Omissis) (Avv. Serafina Denise Amendola) - ricorrenti - CONTRO: Ministero dell Istruzione e della

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori magistrati: dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI Presidente dott.

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1909/2007 Reg.Dec. N. 4884 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Contributi - Indennità di trasferta - Rimborso a piè di lista" - Distinzione Criteri. Corte di Appello di Ancona, Sez. Lavoro - 23.02/15.05.2007, n.

Contributi - Indennità di trasferta - Rimborso a piè di lista - Distinzione Criteri. Corte di Appello di Ancona, Sez. Lavoro - 23.02/15.05.2007, n. Contributi - Indennità di trasferta - Rimborso a piè di lista" - Distinzione Criteri. Corte di Appello di Ancona, Sez. Lavoro - 23.02/15.05.2007, n. 122 - Pres. Taglienti - Rel. Miconi - P. Informatica

Dettagli

Ne risultano, infatti, discipline speciali diverse della totalizzazione, che - pur avendo in comune il criterio del pro rata, che indubbiamente

Ne risultano, infatti, discipline speciali diverse della totalizzazione, che - pur avendo in comune il criterio del pro rata, che indubbiamente Pensioni - Conseguimento dei requisiti assicurativi e contributivi da parte del lavoratore italiano per effetto della totalizzazione dei periodi assicurativi presso diversi Stati - Ammissibilità in base

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 44 del 24 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro N. 00510/2011REG.PROV.COLL. N. 06055/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88 /E

RISOLUZIONE N. 88 /E RISOLUZIONE N. 88 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 ottobre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Fatturazione e regime fiscale dei compensi da versare ai medici, dipendenti

Dettagli

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo Colaci.it Si richiama la sentenza della Corte di Cassazione sotto

Dettagli

ft..,. 't" - ..,.ffi;*.,,, T pronunziato la t}g*it?é(t 4s..", ', ' t,

ft..,. 't - ..,.ffi;*.,,, T pronunziato la t}g*it?é(t 4s.., ', ' t, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIAIIO TRIBUNALE DI NOVARA La Di.ssa Alessandra Danieli, in funzione di Giudice del Lavoro. ha guente SENTENZA ft..,. 't" - 4s..",..,.ffi;*.,,, T se-p,t"f ', '

Dettagli

Sentenza n. 435/2015 pubbl. il 02/04/2015 RG n. 2304/2014

Sentenza n. 435/2015 pubbl. il 02/04/2015 RG n. 2304/2014 N. R.G 2304/2014 Sentenza n. 435/2015 pubbl. il 02/04/2015 RG n. 2304/2014 TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione lavoro VERBALE Tra [omissis] con gli avv. IACOVIELLO MICHELE e SANTILLI SILVIA RICORRENTI

Dettagli

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 18/03/2008 DIREZIONE CENTRALE ENTRATE E POSIZIONE ASSICURATIVA UFF. I NORMATIVA E CONTENZIOSO istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Ai Direttori delle Sedi

Dettagli

DIRITTO. 1. Con l'unico motivo di impugnazione l'istituto previdenziale deduce la violazione e falsa

DIRITTO. 1. Con l'unico motivo di impugnazione l'istituto previdenziale deduce la violazione e falsa Pensioni - Fondo integrativo ex INAM - Retribuzione pensionabile - Indennità di posizione - Qualifica di dirigente generale - Acquisizione in virtù di benefici per ex combattenti - Spettanza - Esclusione.

Dettagli

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale di Fabio Petracci, Piergiuseppe Parisi Da Guida al Lavoro del 21.2.2014 - n. 8 Nel caso vagliato e deciso dal giudice pordenonese,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA IL GIUDICE UNICO PER LE PENSIONI

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA IL GIUDICE UNICO PER LE PENSIONI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA IL GIUDICE UNICO PER LE PENSIONI Consigliere Giuseppa Maneggio ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo,

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA N. R.G. 2015/435 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 Il Giudice del Lavoro dott. Mariarosa Pipponzi, a scioglimento

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1

Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1 Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1 Le retribuzioni convenzionali di cui all art. 4, c. 1, del decreto-legge 31 luglio 1987, n. 317, costituiscono base imponibile

Dettagli

Sentenza. Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M.

Sentenza. Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M. Sentenza Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M. Cass. civ., sez. Lavoro, 02-11-2001, n. 13558 - Pres. Mileo V - Rel. Mercurio E - P.M. Abbritti P (conf.) - RAI SpA c.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2011

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2011 Direzione Centrale Entrate Roma, 28/09/2011 Circolare n. 122 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Prestazioni - Assicurazione contro la tubercolosi - In genere - Campo di applicazione - Legge n. 552 del 1955 - Estensione ad ogni istituzione

Prestazioni - Assicurazione contro la tubercolosi - In genere - Campo di applicazione - Legge n. 552 del 1955 - Estensione ad ogni istituzione Prestazioni - Assicurazione contro la tubercolosi - In genere - Campo di applicazione - Legge n. 552 del 1955 - Estensione ad ogni istituzione pubblica sanitaria - Portata - Istituzioni di beneficenza

Dettagli

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro:

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO SEZIONE STACCATA DI BRESCIA SESSANTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Fondrieschi Fausto

Dettagli

AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335,

AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335, AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335, tramite INPS sede provinciale di BARI, Via N. Sauro n, 41 RICORSO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

Tribunale di Milano - 07.01.2009 n. 23 - Dott. Lualdi - L. srl (Avv. Rocco di Torrepadula) - INPS-SCCI (Avv. Cama) - ESATRI spa

Tribunale di Milano - 07.01.2009 n. 23 - Dott. Lualdi - L. srl (Avv. Rocco di Torrepadula) - INPS-SCCI (Avv. Cama) - ESATRI spa Contributi - Opposizione a cartella di pagamento - Minimale contributivo in edilizia - Ipotesi di esenzione - Art. 29 D. L. n. 244/1995 conv. in L. n. 341/1995 - Sospensione convenzionale attività - Limiti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI PALMA Salvatore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

~&Zon,.ZZ BSO LA CORTE SUPKEMA DI CASSAZIONE SENTENZA SEZTONE TRIBUTARIA. Composta dai sigg.ri Magistrati: Dott. Consigliere

~&Zon,.ZZ BSO LA CORTE SUPKEMA DI CASSAZIONE SENTENZA SEZTONE TRIBUTARIA. Composta dai sigg.ri Magistrati: Dott. Consigliere Composta dai sigg.ri Magistrati: Dott. Ugo Riggio Dott. LA CORTE SUPKEMA DI CASSAZIONE Amari Eugenio SEZTONE TRIBUTARIA Presidente Consigliere rel. Dott. Antonio Merone Consigliere Dott. Vittorio Kagonesi

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

1. PREMESSA...3 2. GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE.4 3. GESTIONE DEL CONTENZIOSO PENDENTE

1. PREMESSA...3 2. GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE.4 3. GESTIONE DEL CONTENZIOSO PENDENTE CIRCOLARE N. 55/E Roma, 22 novembre 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Agevolazioni ai fini dell imposta di registro e ipotecaria per l acquisto di fondi rustici da parte di cooperative

Dettagli

CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 22 DICEMBRE 2011, N. 214.

CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 22 DICEMBRE 2011, N. 214. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO PER L'ARMONIZZAZIONE ALL'ASSICURAZIONE GENERALE OBBLIGATORIA DEI REQUISITI MINIMI DI ACCESSO AL PENSIONAMENTO DI CATEGORIE DI PERSONALE ISCRITTO

Dettagli

RISOLUZIONE N.1/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,02 gennaio 2003

RISOLUZIONE N.1/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,02 gennaio 2003 RISOLUZIONE N.1/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,02 gennaio 2003 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. INPDAP- IVA-Trattamento fiscale applicabile ai mutui

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli